1 March 2024

892

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Tour operator e agenzia di viaggio, ricerca personale con minima esperienza, per ufficio booking mare Italia.
Si richiede disponibilità immediata, zona Roma quartiere Appio latino.
Alessandro: 346 9923914 Mail: booking@emisferovacanze.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460185 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => American Airlines chiude un 2023 dal fatturato record di 53 miliardi di dollari, con un utile netto annuale che è balzato a 822 milioni di dollari, rispetto ai 127 milioni dell'anno precedente.  La compagnia ha operato quasi due milioni di voli nel corso dell'anno con un load factor dell'83,5%. "Questi risultati sono stati trainati dalla continua forte domanda di prodotti American, dall'attività record dei programmi frequent flyer, da solide performance operative e da un efficace controllo dei costi" spiega una nota del vettore. La compagnia è a oltre il 75% del percorso verso l’obiettivo di ridurre il debito totale di 15 miliardi di dollari entro la fine del 2025. Intanto, per il primo trimestre del 2024, American stima un aumento della capacità compreso tra il 6,5% e l'8,5% e circa un +5% per l'intero anno 2024. "Il 2023 è stato un anno eccezionale per noi. Un altro anno di recupero dalla pandemia - ha commentato Robert Isom, amministratore delegato dell'azienda -. Abbiamo ripristinato la redditività dell'azienda, generando un free cash flow record l'anno scorso. Abbiamo un altro anno per assicurarci di continuare a fare progressi". Secondo il ceo la domanda dovrebbe continuare ad essere "molto forte", con la primavera e l'estate "eccezionali per noi in termini di domanda e prodotti". [post_title] => American Airlines prevede una "domanda eccezionale" per l'estate 2024 [post_date] => 2024-01-26T11:15:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706267753000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459023 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le Filippine archiviano il 2023 in positivo, totalizzando oltre 5,45 milioni di arrivi internazionali: di questi, l'8,2% sono filippini emigrati all'estero mentre il restante 91,8% sono turisti stranieri. «Questi dati illustrano perfettamente la performance dell'industria del turismo sotto l'amministrazione Marcos - ha dichiarato il Segretario del Dipartimento del Turismo, Christina Garcia Frasco -. Da quando siamo entrati in carica, abbiamo fissato i nostri obiettivi per il settore non solo in termini di arrivi di visitatori internazionali, ma soprattutto per il numero di filippini, comprese le loro famiglie, che beneficeranno delle opportunità generate dai nostri sforzi costanti e continui affinché il settore cresca più di quanto ci siamo prefissati. Continueremo a concretizzare la volontà di questa amministrazione di fare del turismo un catalizzatore per la crescita economica e la rinascita». Secondo Christina Garcia Frasco l'industria turistica locale del Paese si sta riprendendo più velocemente del previsto: le entrate del turismo internazionale sono aumentate del 124,87% al 2022, superando i 480 miliardi di Pho (circa 8 miliardi di euro). Entro il 2024, il Dipartimento del turismo intende raggiungere quota 7,7 milioni di arrivi di visitatori internazionali. Per quanto riguarda infine gli arrivi dall’Italia, tra gennaio e dicembre 2023, i visitatori sono stati 22.496, superando di circa 10.000 turisti il totale registrato nel 2022. [post_title] => Filippine: segno più per visitatori internazionali ed entrate turistiche nel 2023 [post_date] => 2024-01-09T09:15:29+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704791729000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458038 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_458040" align="alignleft" width="300"] Il Barceló Palmeraie Oasis Resort di Marrakech[/caption] Sale a otto strutture il portfolio marocchino del gruppo Barceló, che annuncia un investimento di oltre 80 milioni di euro per l'acquisizione e la successiva ristrutturazione di due 5 stelle a Casablanca e a Rabat. Le strutture, precedentemente gestite con il marchio Farah e rispettivamente dotate di 279 e 192 camere, verranno quindi ribrandizzate Royal Hideaway e Barceló. Proprio l'hotel di Rabat sarà il primo della società nella capitale del Marocco, principale centro amministrativo e politico del Paese. A Casablanca si tratterà invece del terzo indirizzo, ma del debutto del brand Royal Hideaway. Nella città la compagnia spagnola gestisce già infatti il 5 stelle Barceló Anfa Casablanca e il 4 stelle Barceló Casablanca. I due nuovi progetti confermano l'impegno della catena nello sviluppo turistico ed economico del Marocco da parte del gruppo Barceló. Dal 2006, l'azienda, insieme ai suoi partner locali, ha infatti investito oltre 150 milioni di euro nel Paese per l'acquisizione, la ristrutturazione e il riposizionamento di diversi hotel. Attualmente, Barceló è la compagnia alberghiera spagnola con la maggiore presenza nella destinazione, grazie alla gestione di otto alberghi a Rabat, Casablanca, Marrakech, Tangeri, Fez e Agadir. Una presenza capace di generare un impatto significativo sullo sviluppo economico e sociale di queste città, con la creazione di oltre 1.200 posti di lavoro diretti e molti altri indiretti. "Il Marocco è un paese importante per l’espansione strategica della nostra azienda - spiega il ceo Emea della compagnia, Raúl González -. Siamo molto soddisfatti di questa operazione che porta all’acquisizione di questi due nuovi hotel, permettendoci di essere presenti a Rabat, la capitale del Paese, e di rafforzare la nostra leadership a Casablanca. Il nostro obiettivo è quello di continuare a crescere in Marocco e di aggiungere nuovi hotel, soprattutto a 4 e 5 stelle, sia nel segmento turistico sia in quello urbano, nelle località in cui siamo già presenti a anche in nuove destinazioni". [post_title] => Cresce la presenza del gruppo Barceló in Marocco: due le new entry a Rabat e Casablanca [post_date] => 2023-12-14T10:44:47+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1702550687000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 457574 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Profitti e Iata. La Iata rivede al rialzo le aspettative di profitto delle compagnie aeree per il 2023. E stima un piccolo aumento anche per il 2024. L'associazione delle compgnie aeree prevede che il settore registrerà un utile netto collettivo di 23,3 miliardi di dollari per il 2023, più che raddoppiando le sue aspettative per l'anno in corso rispetto a sei mesi fa. A giugno la Iata aveva infatti previsto un profitto di poco inferiore ai 10 miliardi di dollari per l'anno in corso. Per il 2024 viene poi stimato un ulteriore, lieve aumento dei profitti del settore a 25,7 miliardi di dollari.  Si tratta di un ritorno al profitto per il settore nel suo complesso, dopo tre anni consecutivi di perdite durante la pandemia. Il negativo del 2022 era stato di 3,8 miliardi di dollari. «La velocità della ripresa è stata straordinaria, ma sembra anche che la pandemia sia costata all'aviazione circa quattro anni di crescita. A partire dal 2024 le prospettive indicano che possiamo aspettarci modelli di crescita normali sia per i passeggeri che per le merci» ha commentato il direttore generale, Willie Walsh. 100 miliardi di dollari Il miglioramento delle proiezioni di profitto deriva dall'aggiornamento di quasi 100 miliardi di dollari nelle aspettative di fatturato: nelle previsioni di giugno, veniva citato un fatturato del settore di poco superiore agli 800 miliardi di dollari, ma ora si punta ad un fatturato complessivo delle compagnie aeree di 896 miliardi di dollari. In particolare, viene prevista una performance particolarmente positiva per l'Asia-Pacifico: le compagnie aeree di questa regione raggiungano quasi il pareggio quest'anno e un piccolo profitto - 1,1 miliardi di dollari - per l'anno prossimo. Resteranno invece complessivamente in rosso nel 2024 le compagnie aeree africane e latinoamericane. Le compagnie aeree nordamericane continuano a trainare i profitti del settore, con stime di utile per il 2023 di 14,3 miliardi di dollari - 3 miliardi in più rispetto alle previsioni di giugno - e un profitto simile anche nel 2024. In Europa si prevedono infine utili per 7,7 miliardi di dollari, mentre per la regione del Medio Oriente il profitto collettivo si attesterà quest'anno sui 2,6 miliardi di dollari. [post_title] => Profitti al rialzo per le compagnie aeree, quest'anno e nel 2024 [post_date] => 2023-12-06T11:40:16+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1701862816000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 456690 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sembra pronto a staccarsi dai blocchi di partenza dove è incollato ormai da quasi sei mesi il dossier Ita Airways-Lufthansa: «Siamo pronti la settimana prossima a inviare la notifica alla Commissione europea» ha affermato la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, durante la conferenza stampa con il cancelliere tedesco Olaf Scholz, a seguito del vertice intergovernativo Italia-Germania e della sigla del Piano d’azione per la cooperazione strategica tra i due Paesi.  La dichiarazione arriva dopo che la stessa Meloni lo scorso settembre, aveva sollecitato l'Ue a non «perdere altro tempo» sulla decisione del via libera all'operazione che prevede la cessione del 41% di Ita Airways ai tedeschi, per 325 milioni di euro, cifra che corrisponde a una valutazione di 792 milioni per l’intero capitale. «Abbiamo fatto un ottimo lavoro assieme», ha proseguito la presidente del Consiglio. La «cooperazione tra Lufthansa e Ita è buona e ci auguriamo un procedimento veloce, un trattamento giusto ed equo da parte della Commissione Ue» ha rimarcato Scholz. [post_title] => Lufthansa-Ita Airways, Meloni: «Invieremo la notifica all'Ue la prossima settimana» [post_date] => 2023-11-23T11:47:22+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1700740042000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 455691 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_455695" align="alignleft" width="292"] Francesco Tapinassi direttore Toscana Promozione Turistica[/caption] Al Wtm di Londra con Francesco Tapinassi direttore Toscana Promozione Turistica. Quali sono le strategie per l’anno che sta per arrivare? «Noi per il 2024 puntiamo a un forte rafforzamento della promozione internazionale di medio e lungo raggio, quindi americani in primis ma anche cinesi, giapponesi, puntando anche al Sud America, Brasile e Argentina. In sostanza riapriamo i riflettori sulla Toscana su mercati che negli ultimi anni erano un po’ sospesi. Naturalmente rivolgiamo attenzione anche sul mercato interno in relazione a ciò che è successo nel 2023 al turismo balneare che ha risentito della crisi economica del Paese e dell’aumento dei costi, generando così una lieve flessione anche da noi. I due grandi elementi sono questi . Il Paese obiettivo del 2024 per la Toscana è la Spagna su cui non avevamo mai attivato un’azione diretta. E poi tutta una serie di verticali iniziando dal turismo per le famiglie sul quale iniziamo a lavorare in questi giorni, ma anche a coloro che viaggiano con animali da compagnia che sono un target molto interessante per la nostra regione. A questo aggiungiamo tutto quello che abbiamo già fatto: il turismo di camper, per esempio, o quello balneare, visto che siamo la terza regione per numero di posti barca. E poi gli altre promozioni che presentiamo anche al Wtm come Benvenuti in Toscana, il progetto dedicato alle donne che viaggiano. Mentre il 2023 come possiamo riassumerlo? «Il 2023 già ad agosto era positivo su tutti i dati penso che con settembre e ottobre avremo un ulteriore incremento, trainato dagli arrivi stranieri e soprattutto dalle città d’arte. Quindi la crisi è sicuramente superata. Infine promuoveremo la Toscana che stiamo cercando di raccontare votata al benessere mentale, all’enogastronomia, al paesaggio. Insomma tutti quei temi trainanti per un pubblico attento e che ama la sostenibilità». [post_title] => Tapinassi (Toscana): «Il Paese obiettivo del 2024 è la Spagna» [post_date] => 2023-11-08T12:23:40+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1699446220000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 453894 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_453895" align="alignleft" width="328"] taglio del nastro al TTG Travel Experience[/caption] L’Italia come meta esclusiva: è uno dei punti che emerge dallo studio di Enit condotto da Unioncamere con il supporto tecnico di Isnart. Oltre il 20% dei turisti stranieri sceglie le nostre destinazioni espressamente attratti dallo stile di vita italiano, associando al nostro Paese una “allure” di esclusività.   L’indagine diretta alle strutture ricettive italiane, realizzata da Isnart per Enit e Unioncamere a metà settembre 2023, conferma le previsioni di fine luglio, con una crescita delle vendite rispetto al 2019, l’ultimo anno pre-pandemia. Gli operatori segnalano in chiusura d’estate un tasso di occupazione medio delle camere del 75,3% a luglio e dell’85% ad agosto, circa 1 camera in più ogni 10 rispetto al 2019.   Il tasso medio di occupazione camere più elevato si è registrato nelle strutture delle località balneari (89,4%), ma più che positivo è anche il bilancio delle città d’arte (83,3%) e delle strutture in montagna (82,7%). Dai primi dati di settembre emerge un 60,2% di camere occupate/prenotate già a metà mese, complice il clima ancora caldo che favorisce gli ultimi bagni di sole e mare, oltre alle tradizionali visite di fine estate nelle città d’arte (62,8%).   Le vendite più consistenti nel comparto extralberghiero sono state in luglio (75,9%) e agosto (86,7%), trainate dai campeggi (82,3% luglio, 94,1% agosto), strutture che appaiono continuare a privilegiare le forme di turismo outdoor, più a contatto con la natura. A settembre, invece, va meglio l’hôtellerie (61,9%) dove sono gli hotel di medio-alta categoria a registrare il tasso di occupazione più elevato del periodo (67,1% nei 4-5 stelle). A fronte di una lieve in flessione del turismo di prossimità, l’andamento appare più che compensato dalla crescita dei turisti stranieri rispetto all’estate 2022, segnalata da oltre il 30% degli esercenti, in particolare dei turisti provenienti da Germania, Francia, Belgio e Paesi Bassi.   Quanto alle previsioni per la stagione autunnale, risultano prenotate il 44,8% delle camere offerte per i soggiorni di ottobre, dato già oggi al di sopra del venduto 2019. Per quanto concerne il dato relativo alle prenotazioni per novembre (42,8%) e dicembre (28,7%), complice anche il favorevole calendario dei ponti festivi, esse risultano già superiori a quanto registrato nello stesso periodo del 2022.   In continuità con le strategie di pricing adottate durante la stagione estiva, le tariffe applicate per questo autunno sono più alte di quelle del 2022 per 4 strutture su 10. Una scelta che, unitamente ai buoni risultati ottenuti in termini di vendita già da inizio anno, porta il 45% delle imprese a prevedere di riuscire a conseguire un utile di bilancio a fine anno (dato più del doppio del settembre 2022, quando questa previsione era stata formulata solo dal 20% degli operatori). [caption id="attachment_453896" align="aligncenter" width="542"] ministro del Turismo Daniela Santanchè[/caption] “Le tendenze che emergono dallo studio sono un’ulteriore conferma che l’Italia sta intercettando la ripresa del turismo, con un aumento della domanda da parte dei turisti stranieri, i quali vedono nell’Italia – e a ragione – la destinazione ideale per vivere esperienze esclusive all’insegna dello stile di vita italiano che, al pari del ‘Made in Italy’, rappresenta un vero marchio di eccellenza e qualità. Parliamo perlopiù di turisti con redditi di fascia medio-alta e un’importante propensione alla spesa, il che dà vita a quel turismo di alta gamma, che è essenziale per il benessere economico dell’Italia – e lo conferma la proiezione di bilanci in utile per un’azienda turistica su due – in quanto è un segmento che genera entrate significative, crea posti di lavoro, aumenta la visibilità e l’immagine del brand nazionale, stimola altri settori dell’economia e contribuisce, in sintesi, a essere un traino per il turismo tutto, compreso quello a basso costo” commenta il ministro del Turismo Daniela Santanchè.   “L'Italia è benedetta da una bellezza naturale straordinaria, dai paesaggi mozzafiato alla magnificenza del patrimonio artistico, un'opportunità per il turismo dal sempre maggiore potenziale, grazie alla sua straordinaria combinazione di cultura, cucina, bellezze naturali e accessibilità. È un onore complimentarsi con il nostro Paese per il suo impegno nel mantenere e migliorare il suo status di destinazione turistica di prima classe. Con il giusto sostegno e promozione, l'Italia continuerà ad attrarre sempre più turisti” dichiara Ivana Jelinic, Presidente e Ceo ENIT.   Dall’indagine diretta ai turisti in vacanza in Italia, svolta da ISNART per l’Osservatorio sull’Economia del Turismo di Unioncamere e delle Camere di commercio nel corso dell’estate 2023, emerge come il caro prezzi abbia influenzato il profilo di spesa dei molti turisti in questa estate.   Se consideriamo la spesa media giornaliera del turista nell’estate 2023, 71 euro al giorno pro-capite vanno per l’alloggio (tra strutture ricettive e mercato parallelo degli affitti brevi), con un aumento di 15 euro per ogni giorno di vacanza rispetto all’estate 2022 (+27%).   Questo ha portato molti turisti a cercare di risparmiare su altre voci, in particolare sui pasti consumati fuori casa, i divertimenti, lo shopping ma anche la cultura. Non sorprende, quindi, che la spesa media per beni e servizi acquistati sul luogo di vacanza, risultato di 60 euro al giorno a persona, appare ridotta sia rispetto alla scorsa estate (-13%) che a quella del 2019 (-5%). Quando invece si va a considerare la fascia più alto spendente, questa riguarda prevalentemente il turista straniero per il quale la spesa media per l’alloggio sale a 184 euro al giorno a persona (110 euro in più del turista medio straniero in Italia) e per gli acquisti di beni e servizi sul territorio a 209 euro (ovvero quasi il triplo della spesa media). In particolare, il 68% dei turisti stranieri spende in vacanza per l’acquisto di moda ed abbigliamento (contro la media Italia del 30%) ed in acquisti dell’artigianato tipico (25% contro una media Italia del 19%).“Il turismo del lusso inizia a configurarsi come un segmento di mercato in espansione anche per il nostro Paese. La ricerca di “esperienze esclusive” che vedono intrecciarsi il viaggio di lusso, l’alta qualità del “Made in Italy” nelle sue diverse declinazioni ed una forte sensibilità per la sostenibilità dell’offerta, attira crescenti flussi di clientela alto spendente, in particolare internazionale”, sottolinea Loretta Credaro, Presidente di Isnart.   Infine, per quanto concerne la valutazione complessiva della vacanza in Italia, si conferma un forte gradimento espresso dai turisti che visitano il nostro Paese, tanto italiani (voto medio 8,2) che stranieri (voto medio 8,4). A soddisfare pienamente, in particolare, è la ristorazione ed i prodotti dell’enogastronomia locale ed il nostro risultare accoglienti. Giudizi positivi che i turisti condividono sempre più sul web, lasciando recensioni on line, abitudine che riguardava il 39% degli intervistati nell’estate 2022 e che è salita al 47% dei rispondenti di quest’anno. I social più utilizzati sono Instagram (39,7% dei turisti che postano recensioni), Facebook (35,7%) e TripAdvisor (28,8%), seguiti da Google, Booking e Twitter. Il l web ed i social media sono oramai il primo e più importante veicolo di comunicazione delle eccellenze del Paese, influenzando il 48% dei turisti nella loro scelta della  destinazione. [post_title] => Enit: Italia meta di lusso esclusiva [post_date] => 2023-10-12T10:31:33+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => daniela-santanche [1] => enit [2] => in-evidenza [3] => stranieri-in-italia [4] => turismo-di-lusso-in-italia [5] => turismo-in-italia ) [post_tag_name] => Array ( [0] => daniela santanchè [1] => Enit [2] => In evidenza [3] => stranieri in italia [4] => turismo di lusso in italia [5] => turismo in italia ) ) [sort] => Array ( [0] => 1697106693000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 453813 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_453814" align="alignleft" width="284"] Aljoša Ota, direttore dell’Ente Sloveno per il Turismo[/caption] L’Italia si riconferma ancora una volta mercato cardine delle strategie dell’Ente Sloveno per il Turismo: lo dimostrano, oltre alla rinnovata partecipazione al TTG Travel Experience di Rimini, dove la Slovenia sarà protagonista con uno stand di ben 192 mq, i dati diffusi da Lubiana sull’afflusso turistico nel paese nel corso dei primi otto mesi dell’anno. Nel 2023 un turista straniero su 10 in Slovenia è italiano: tra gennaio e agosto 2023, gli arrivi dallo Stivale ammontano a 360.826, pari al 10,4% dei 3.474.167 degli arrivi complessivi internazionali. Meglio di noi, soltanto i tedeschi: dalla Germania, infatti, gli arrivi nel 2023 sono stati il 15,53% del totale. Seguono l’Austria (7,81%) e la Cechia (5,62%). Lieve calo in agosto su arrivi e pernottamenti globali, ma nel complesso la tendenza è di segno nettamente positivo Rispetto al 2022, si riscontra una leggera flessione, nel mese di agosto, sia per quanto riguarda gli arrivi (-4,95%) che i pernottamenti (-5,65%) totali. Positivo, invece, l’andamento complessivo nei primi otto mesi del 2023, che hanno visto un incremento del 4% degli arrivi e del 2,6% dei pernottamenti, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Bene l’Italia, cresciuta complessivamente tra gennaio ed agosto 2023, di un ottimo 27% sia per arrivi che pernottamenti. Aljoša Ota, direttore dell’Ente Sloveno per il Turismo, commenta con evidente soddisfazione i dati diramati da Lubiana: “nei primi 8 mesi del 2023 sono stati registrati 360.826 arrivi dall’Italia, dato che rappresenta il 10,4% del totale estero per 780.337 pernottamenti: in tal modo il mercato italiano si è posizionato saldamente al secondo posto, alle spalle della sola Germania. Il trend emerso dalle statistiche appena rilasciate da Lubiana rispetto al passato agosto e, complessivamente, a questa prima parte dell’anno – sottolinea Ota – è quello di una reale destagionalizzazione dell’offerta turistica slovena, in particolare in riferimento agli arrivi dall’Italia: al netto della lieve flessione registrata nel mese di agosto, tradizionalmente determinante nelle abitudini di viaggio degli italiani, che preferiscono le mete marine mediterranee, abbiamo assistito in tutti gli altri mesi, in particolare in primavera, ad una crescita sostanziale che non può che renderci soddisfatti e orgogliosi del lavoro svolto finora. Ci aspettiamo, in quest’ottica, grandi risultati anche dal prossimo autunno-inverno”. Una capitale accessibile: Visit Ljubljiana al centro dello stand sloveno al TTG Travel Experience La maggior parte dei pernottamenti degli italiani in Slovenia, anche nel 2023, si è concentrata all’interno del comune di Lubiana, che costituirà il cuore pulsante dello stand sloveno nel corso della 60° edizione del TTG Travel Experience. Tra le novità presentate alla fiera di Rimini, sicuramente spicca l’iniziativa di Visit Ljubljana, portale dell’Ente del Turismo della capitale slovena, che ha implementato negli ultimi mesi un sistema di categorizzazione basato sull’accessibilità di attrazioni turistiche, ristoranti, hotel, istituzioni culturali, impianti sportivi e altre strutture. Visitando il portale, infatti, le persone interessate potranno ottenere importanti informazioni su quali realtà siano meglio attrezzate nell’accoglienza di persone con bisogni speciali, in modo da migliorare al massimo la loro esperienza nella capitale slovena. Nell’ambito del progetto, nato nel 2022 in collaborazione con il Zavod Brez Ovrir (Istituto Senza Barriere), è stato svolto un importante lavoro di censimento su oltre 200 realtà di Lubiana, che ha contribuito a migliorare l’accessibilità ove necessario. Inoltre, le varie strutture sono state catalogate sul portale in base a quale tipo di accessibilità siano in grado di garantire: sul sito è possibile scegliere tra realtà accessibili alle persone non udenti o ipoudenti, con disabilità motorie, oppure non vedenti o ipovedenti. Al TTG Travel Experience, un assaggio della magia del Natale a Lubiana La scelta di puntare su Lubiana quale elemento cruciale, tra 24 espositori dello stand di 192 mq definito dallo stesso Aljoša Ota “un’oasi di verde all’interno della fiera di Rimini”, è giustificata anche dall’approssimarsi del Natale, quando le strade del centro della capitale verranno animate da scintillanti luci d’artista, curate ogni anno dall’architetto e designer Urban Modic. “L’idea è che lo stand sloveno possa regalare un assaggio dell’atmosfera natalizia a Lubiana - spiega Ota – meta ideale per gli amanti dei mercatini e degli spettacoli di luce. Anche quest’anno ci aspettiamo molto dalla stagione invernale, che vedrà le strade della capitale riempirsi di vita, tra un tour in battello sulla Ljubljanica e un desiderio espresso sotto l’albero di Piazza Prešeren”. Oltre che capitale dell’accessibilità, Lubiana si prepara, quindi, a diventare anche uno dei centri europei più ricercati per i turisti che amano i mercatini di Natale. [post_title] => Slovenia al TTG, l'Italia al secondo posto con un +27% sugli arrivi [post_date] => 2023-10-11T12:00:53+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => aljosa-ota [1] => arrivi-italiani-in-slovenia [2] => direttore-dellente-sloveno-per-il-turismo [3] => ente-sloveno-per-il-turismo [4] => lubiana [5] => slovenia [6] => slovenia-ttg-travel-experience [7] => vacanze-in-slovenia ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Aljoša Ota [1] => arrivi italiani in slovenia [2] => direttore dell’Ente Sloveno per il Turismo [3] => Ente Sloveno per il Turismo [4] => Lubiana [5] => slovenia [6] => slovenia ttg travel experience [7] => vacanze in slovenia ) ) [sort] => Array ( [0] => 1697025653000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 452452 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Slovenia fa degli incontri con il trade uno dei capisaldi della stagione autunnale alle porte. Si comincia dalla fiera di Rimini in ottobre, dove l'Ente sloveno per il turismo parteciperà con uno stand da 192 mq insieme a 24 tra aziende e operatori, albergatori, istituti termali, enti di promozione territoriale e singole attrazioni turistiche. In vetrina, dunque, la ricca proposta della destinazione che spazia dal turismo balneare a quello termale, dall'offerta per il turismo outdoor a quello esperienziale, con un approccio sempre green e sostenibile. Focus, in particolare, sulla città di Lubiana, che già traguarda il mese di dicembre, quando le strade del centro si animeranno con le luci di Natale, curate ogni anno dall’architetto e designer Urban Modic. «L’idea è che lo stand sloveno possa regala  un assaggio dell’atmosfera natalizia a Lubiana - spiega Aljoša Ota, direttore dell’Ente Sloveno per il Turismo in Italia - meta ideale per gli amanti dei mercatini e degli spettacoli di luce. Anche quest’anno ci aspettiamo molto dalla stagione invernale, che vedrà le strade della capitale riempirsi di vita, tra un tour in battello sulla Ljubljanica e un desiderio espresso sotto l’albero di Piazza Prešeren».  Quest'anno la destinazione beneficia anche di un nuovo collegamento aereo tra Milano e Trieste - che opera Ita Airways dall'inizio di settembre - «non solo per i turisti provenienti dal nord-ovest ma anche, se non soprattutto, per quanti arrivano dal resto d’Italia e d’Europa, che avranno in Milano uno scalo strategico per raggiungere Trieste e, da qui, la vicina Slovenia». Appuntamento invece a Torino, nei mesi finali dell'anno, dove la Slovenia ospiterà un workshop b2b per creare nuove opportunità d’incontro e di business tra gli operatori incoming sloveni e quelli del territorio del capoluogo piemontese e dintorni.  [post_title] => L'autunno della Slovenia rinsalda il legame con agenzie e tour operator [post_date] => 2023-09-20T13:27:01+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1695216421000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "892" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":21,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":41,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460185","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"American Airlines chiude un 2023 dal fatturato record di 53 miliardi di dollari, con un utile netto annuale che è balzato a 822 milioni di dollari, rispetto ai 127 milioni dell'anno precedente. \r\n\r\nLa compagnia ha operato quasi due milioni di voli nel corso dell'anno con un load factor dell'83,5%.\r\n\r\n\"Questi risultati sono stati trainati dalla continua forte domanda di prodotti American, dall'attività record dei programmi frequent flyer, da solide performance operative e da un efficace controllo dei costi\" spiega una nota del vettore.\r\n\r\nLa compagnia è a oltre il 75% del percorso verso l’obiettivo di ridurre il debito totale di 15 miliardi di dollari entro la fine del 2025. Intanto, per il primo trimestre del 2024, American stima un aumento della capacità compreso tra il 6,5% e l'8,5% e circa un +5% per l'intero anno 2024.\r\n\r\n\"Il 2023 è stato un anno eccezionale per noi. Un altro anno di recupero dalla pandemia - ha commentato Robert Isom, amministratore delegato dell'azienda -. Abbiamo ripristinato la redditività dell'azienda, generando un free cash flow record l'anno scorso. Abbiamo un altro anno per assicurarci di continuare a fare progressi\". Secondo il ceo la domanda dovrebbe continuare ad essere \"molto forte\", con la primavera e l'estate \"eccezionali per noi in termini di domanda e prodotti\".","post_title":"American Airlines prevede una \"domanda eccezionale\" per l'estate 2024","post_date":"2024-01-26T11:15:53+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706267753000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459023","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le Filippine archiviano il 2023 in positivo, totalizzando oltre 5,45 milioni di arrivi internazionali: di questi, l'8,2% sono filippini emigrati all'estero mentre il restante 91,8% sono turisti stranieri.\r\n«Questi dati illustrano perfettamente la performance dell'industria del turismo sotto l'amministrazione Marcos - ha dichiarato il Segretario del Dipartimento del Turismo, Christina Garcia Frasco -. Da quando siamo entrati in carica, abbiamo fissato i nostri obiettivi per il settore non solo in termini di arrivi di visitatori internazionali, ma soprattutto per il numero di filippini, comprese le loro famiglie, che beneficeranno delle opportunità generate dai nostri sforzi costanti e continui affinché il settore cresca più di quanto ci siamo prefissati. Continueremo a concretizzare la volontà di questa amministrazione di fare del turismo un catalizzatore per la crescita economica e la rinascita».\r\nSecondo Christina Garcia Frasco l'industria turistica locale del Paese si sta riprendendo più velocemente del previsto: le entrate del turismo internazionale sono aumentate del 124,87% al 2022, superando i 480 miliardi di Pho (circa 8 miliardi di euro). Entro il 2024, il Dipartimento del turismo intende raggiungere quota 7,7 milioni di arrivi di visitatori internazionali.\r\nPer quanto riguarda infine gli arrivi dall’Italia, tra gennaio e dicembre 2023, i visitatori sono stati 22.496, superando di circa 10.000 turisti il totale registrato nel 2022.","post_title":"Filippine: segno più per visitatori internazionali ed entrate turistiche nel 2023","post_date":"2024-01-09T09:15:29+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1704791729000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458038","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_458040\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il Barceló Palmeraie Oasis Resort di Marrakech[/caption]\r\n\r\nSale a otto strutture il portfolio marocchino del gruppo Barceló, che annuncia un investimento di oltre 80 milioni di euro per l'acquisizione e la successiva ristrutturazione di due 5 stelle a Casablanca e a Rabat. Le strutture, precedentemente gestite con il marchio Farah e rispettivamente dotate di 279 e 192 camere, verranno quindi ribrandizzate Royal Hideaway e Barceló.\r\n\r\nProprio l'hotel di Rabat sarà il primo della società nella capitale del Marocco, principale centro amministrativo e politico del Paese. A Casablanca si tratterà invece del terzo indirizzo, ma del debutto del brand Royal Hideaway. Nella città la compagnia spagnola gestisce già infatti il 5 stelle Barceló Anfa Casablanca e il 4 stelle Barceló Casablanca.\r\n\r\nI due nuovi progetti confermano l'impegno della catena nello sviluppo turistico ed economico del Marocco da parte del gruppo Barceló. Dal 2006, l'azienda, insieme ai suoi partner locali, ha infatti investito oltre 150 milioni di euro nel Paese per l'acquisizione, la ristrutturazione e il riposizionamento di diversi hotel. Attualmente, Barceló è la compagnia alberghiera spagnola con la maggiore presenza nella destinazione, grazie alla gestione di otto alberghi a Rabat, Casablanca, Marrakech, Tangeri, Fez e Agadir. Una presenza capace di generare un impatto significativo sullo sviluppo economico e sociale di queste città, con la creazione di oltre 1.200 posti di lavoro diretti e molti altri indiretti.\r\n\r\n\"Il Marocco è un paese importante per l’espansione strategica della nostra azienda - spiega il ceo Emea della compagnia, Raúl González -. Siamo molto soddisfatti di questa operazione che porta all’acquisizione di questi due nuovi hotel, permettendoci di essere presenti a Rabat, la capitale del Paese, e di rafforzare la nostra leadership a Casablanca. Il nostro obiettivo è quello di continuare a crescere in Marocco e di aggiungere nuovi hotel, soprattutto a 4 e 5 stelle, sia nel segmento turistico sia in quello urbano, nelle località in cui siamo già presenti a anche in nuove destinazioni\".","post_title":"Cresce la presenza del gruppo Barceló in Marocco: due le new entry a Rabat e Casablanca","post_date":"2023-12-14T10:44:47+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1702550687000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"457574","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Profitti e Iata. La Iata rivede al rialzo le aspettative di profitto delle compagnie aeree per il 2023. E stima un piccolo aumento anche per il 2024.\r\n\r\nL'associazione delle compgnie aeree prevede che il settore registrerà un utile netto collettivo di 23,3 miliardi di dollari per il 2023, più che raddoppiando le sue aspettative per l'anno in corso rispetto a sei mesi fa. A giugno la Iata aveva infatti previsto un profitto di poco inferiore ai 10 miliardi di dollari per l'anno in corso. Per il 2024 viene poi stimato un ulteriore, lieve aumento dei profitti del settore a 25,7 miliardi di dollari. \r\n\r\nSi tratta di un ritorno al profitto per il settore nel suo complesso, dopo tre anni consecutivi di perdite durante la pandemia. Il negativo del 2022 era stato di 3,8 miliardi di dollari.\r\n\r\n«La velocità della ripresa è stata straordinaria, ma sembra anche che la pandemia sia costata all'aviazione circa quattro anni di crescita. A partire dal 2024 le prospettive indicano che possiamo aspettarci modelli di crescita normali sia per i passeggeri che per le merci» ha commentato il direttore generale, Willie Walsh.\r\n100 miliardi di dollari\r\nIl miglioramento delle proiezioni di profitto deriva dall'aggiornamento di quasi 100 miliardi di dollari nelle aspettative di fatturato: nelle previsioni di giugno, veniva citato un fatturato del settore di poco superiore agli 800 miliardi di dollari, ma ora si punta ad un fatturato complessivo delle compagnie aeree di 896 miliardi di dollari.\r\n\r\nIn particolare, viene prevista una performance particolarmente positiva per l'Asia-Pacifico: le compagnie aeree di questa regione raggiungano quasi il pareggio quest'anno e un piccolo profitto - 1,1 miliardi di dollari - per l'anno prossimo. Resteranno invece complessivamente in rosso nel 2024 le compagnie aeree africane e latinoamericane.\r\n\r\nLe compagnie aeree nordamericane continuano a trainare i profitti del settore, con stime di utile per il 2023 di 14,3 miliardi di dollari - 3 miliardi in più rispetto alle previsioni di giugno - e un profitto simile anche nel 2024.\r\n\r\nIn Europa si prevedono infine utili per 7,7 miliardi di dollari, mentre per la regione del Medio Oriente il profitto collettivo si attesterà quest'anno sui 2,6 miliardi di dollari.","post_title":"Profitti al rialzo per le compagnie aeree, quest'anno e nel 2024","post_date":"2023-12-06T11:40:16+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1701862816000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"456690","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sembra pronto a staccarsi dai blocchi di partenza dove è incollato ormai da quasi sei mesi il dossier Ita Airways-Lufthansa: «Siamo pronti la settimana prossima a inviare la notifica alla Commissione europea» ha affermato la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, durante la conferenza stampa con il cancelliere tedesco Olaf Scholz, a seguito del vertice intergovernativo Italia-Germania e della sigla del Piano d’azione per la cooperazione strategica tra i due Paesi. \r\n\r\nLa dichiarazione arriva dopo che la stessa Meloni lo scorso settembre, aveva sollecitato l'Ue a non «perdere altro tempo» sulla decisione del via libera all'operazione che prevede la cessione del 41% di Ita Airways ai tedeschi, per 325 milioni di euro, cifra che corrisponde a una valutazione di 792 milioni per l’intero capitale.\r\n\r\n«Abbiamo fatto un ottimo lavoro assieme», ha proseguito la presidente del Consiglio. La «cooperazione tra Lufthansa e Ita è buona e ci auguriamo un procedimento veloce, un trattamento giusto ed equo da parte della Commissione Ue» ha rimarcato Scholz.","post_title":"Lufthansa-Ita Airways, Meloni: «Invieremo la notifica all'Ue la prossima settimana»","post_date":"2023-11-23T11:47:22+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1700740042000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"455691","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_455695\" align=\"alignleft\" width=\"292\"] Francesco Tapinassi direttore Toscana Promozione Turistica[/caption]\r\n\r\nAl Wtm di Londra con Francesco Tapinassi direttore Toscana Promozione Turistica.\r\n\r\nQuali sono le strategie per l’anno che sta per arrivare?\r\n\r\n«Noi per il 2024 puntiamo a un forte rafforzamento della promozione internazionale di medio e lungo raggio, quindi americani in primis ma anche cinesi, giapponesi, puntando anche al Sud America, Brasile e Argentina. In sostanza riapriamo i riflettori sulla Toscana su mercati che negli ultimi anni erano un po’ sospesi.\r\n\r\nNaturalmente rivolgiamo attenzione anche sul mercato interno in relazione a ciò che è successo nel 2023 al turismo balneare che ha risentito della crisi economica del Paese e dell’aumento dei costi, generando così una lieve flessione anche da noi.\r\n\r\nI due grandi elementi sono questi . Il Paese obiettivo del 2024 per la Toscana è la Spagna su cui non avevamo mai attivato un’azione diretta. E poi tutta una serie di verticali iniziando dal turismo per le famiglie sul quale iniziamo a lavorare in questi giorni, ma anche a coloro che viaggiano con animali da compagnia che sono un target molto interessante per la nostra regione. A questo aggiungiamo tutto quello che abbiamo già fatto: il turismo di camper, per esempio, o quello balneare, visto che siamo la terza regione per numero di posti barca.\r\n\r\nE poi gli altre promozioni che presentiamo anche al Wtm come Benvenuti in Toscana, il progetto dedicato alle donne che viaggiano.\r\n\r\nMentre il 2023 come possiamo riassumerlo?\r\n\r\n«Il 2023 già ad agosto era positivo su tutti i dati penso che con settembre e ottobre avremo un ulteriore incremento, trainato dagli arrivi stranieri e soprattutto dalle città d’arte. Quindi la crisi è sicuramente superata.\r\n\r\nInfine promuoveremo la Toscana che stiamo cercando di raccontare votata al benessere mentale, all’enogastronomia, al paesaggio. Insomma tutti quei temi trainanti per un pubblico attento e che ama la sostenibilità».","post_title":"Tapinassi (Toscana): «Il Paese obiettivo del 2024 è la Spagna»","post_date":"2023-11-08T12:23:40+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1699446220000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"453894","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_453895\" align=\"alignleft\" width=\"328\"] taglio del nastro al TTG Travel Experience[/caption]\r\n\r\nL’Italia come meta esclusiva: è uno dei punti che emerge dallo studio di Enit condotto da Unioncamere con il supporto tecnico di Isnart. Oltre il 20% dei turisti stranieri sceglie le nostre destinazioni espressamente attratti dallo stile di vita italiano, associando al nostro Paese una “allure” di esclusività.\r\n \r\nL’indagine diretta alle strutture ricettive italiane, realizzata da Isnart per Enit e Unioncamere a metà settembre 2023, conferma le previsioni di fine luglio, con una crescita delle vendite rispetto al 2019, l’ultimo anno pre-pandemia. Gli operatori segnalano in chiusura d’estate un tasso di occupazione medio delle camere del 75,3% a luglio e dell’85% ad agosto, circa 1 camera in più ogni 10 rispetto al 2019.\r\n \r\nIl tasso medio di occupazione camere più elevato si è registrato nelle strutture delle località balneari (89,4%), ma più che positivo è anche il bilancio delle città d’arte (83,3%) e delle strutture in montagna (82,7%).\r\nDai primi dati di settembre emerge un 60,2% di camere occupate/prenotate già a metà mese, complice il clima ancora caldo che favorisce gli ultimi bagni di sole e mare, oltre alle tradizionali visite di fine estate nelle città d’arte (62,8%).\r\n \r\nLe vendite più consistenti nel comparto extralberghiero sono state in luglio (75,9%) e agosto (86,7%), trainate dai campeggi (82,3% luglio, 94,1% agosto), strutture che appaiono continuare a privilegiare le forme di turismo outdoor, più a contatto con la natura. A settembre, invece, va meglio l’hôtellerie (61,9%) dove sono gli hotel di medio-alta categoria a registrare il tasso di occupazione più elevato del periodo (67,1% nei 4-5 stelle). A fronte di una lieve in flessione del turismo di prossimità, l’andamento appare più che compensato dalla crescita dei turisti stranieri rispetto all’estate 2022, segnalata da oltre il 30% degli esercenti, in particolare dei turisti provenienti da Germania, Francia, Belgio e Paesi Bassi.\r\n \r\nQuanto alle previsioni per la stagione autunnale, risultano prenotate il 44,8% delle camere offerte per i soggiorni di ottobre, dato già oggi al di sopra del venduto 2019. Per quanto concerne il dato relativo alle prenotazioni per novembre (42,8%) e dicembre (28,7%), complice anche il favorevole calendario dei ponti festivi, esse risultano già superiori a quanto registrato nello stesso periodo del 2022.\r\n \r\nIn continuità con le strategie di pricing adottate durante la stagione estiva, le tariffe applicate per questo autunno sono più alte di quelle del 2022 per 4 strutture su 10. Una scelta che, unitamente ai buoni risultati ottenuti in termini di vendita già da inizio anno, porta il 45% delle imprese a prevedere di riuscire a conseguire un utile di bilancio a fine anno (dato più del doppio del settembre 2022, quando questa previsione era stata formulata solo dal 20% degli operatori).\r\n\r\n[caption id=\"attachment_453896\" align=\"aligncenter\" width=\"542\"] ministro del Turismo Daniela Santanchè[/caption]\r\n\r\n“Le tendenze che emergono dallo studio sono un’ulteriore conferma che l’Italia sta intercettando la ripresa del turismo, con un aumento della domanda da parte dei turisti stranieri, i quali vedono nell’Italia – e a ragione – la destinazione ideale per vivere esperienze esclusive all’insegna dello stile di vita italiano che, al pari del ‘Made in Italy’, rappresenta un vero marchio di eccellenza e qualità. Parliamo perlopiù di turisti con redditi di fascia medio-alta e un’importante propensione alla spesa, il che dà vita a quel turismo di alta gamma, che è essenziale per il benessere economico dell’Italia – e lo conferma la proiezione di bilanci in utile per un’azienda turistica su due – in quanto è un segmento che genera entrate significative, crea posti di lavoro, aumenta la visibilità e l’immagine del brand nazionale, stimola altri settori dell’economia e contribuisce, in sintesi, a essere un traino per il turismo tutto, compreso quello a basso costo” commenta il ministro del Turismo Daniela Santanchè.\r\n \r\n“L'Italia è benedetta da una bellezza naturale straordinaria, dai paesaggi mozzafiato alla magnificenza del patrimonio artistico, un'opportunità per il turismo dal sempre maggiore potenziale, grazie alla sua straordinaria combinazione di cultura, cucina, bellezze naturali e accessibilità. È un onore complimentarsi con il nostro Paese per il suo impegno nel mantenere e migliorare il suo status di destinazione turistica di prima classe. Con il giusto sostegno e promozione, l'Italia continuerà ad attrarre sempre più turisti” dichiara Ivana Jelinic, Presidente e Ceo ENIT.\r\n \r\nDall’indagine diretta ai turisti in vacanza in Italia, svolta da ISNART per l’Osservatorio sull’Economia del Turismo di Unioncamere e delle Camere di commercio nel corso dell’estate 2023, emerge come il caro prezzi abbia influenzato il profilo di spesa dei molti turisti in questa estate.\r\n \r\nSe consideriamo la spesa media giornaliera del turista nell’estate 2023, 71 euro al giorno pro-capite vanno per l’alloggio (tra strutture ricettive e mercato parallelo degli affitti brevi), con un aumento di 15 euro per ogni giorno di vacanza rispetto all’estate 2022 (+27%).\r\n \r\nQuesto ha portato molti turisti a cercare di risparmiare su altre voci, in particolare sui pasti consumati fuori casa, i divertimenti, lo shopping ma anche la cultura. Non sorprende, quindi, che la spesa media per beni e servizi acquistati sul luogo di vacanza, risultato di 60 euro al giorno a persona, appare ridotta sia rispetto alla scorsa estate (-13%) che a quella del 2019 (-5%). Quando invece si va a considerare la fascia più alto spendente, questa riguarda prevalentemente il turista straniero per il quale la spesa media per l’alloggio sale a 184 euro al giorno a persona (110 euro in più del turista medio straniero in Italia) e per gli acquisti di beni e servizi sul territorio a 209 euro (ovvero quasi il triplo della spesa media). In particolare, il 68% dei turisti stranieri spende in vacanza per l’acquisto di moda ed abbigliamento (contro la media Italia del 30%) ed in acquisti dell’artigianato tipico (25% contro una media Italia del 19%).“Il turismo del lusso inizia a configurarsi come un segmento di mercato in espansione anche per il nostro Paese. La ricerca di “esperienze esclusive” che vedono intrecciarsi il viaggio di lusso, l’alta qualità del “Made in Italy” nelle sue diverse declinazioni ed una forte sensibilità per la sostenibilità dell’offerta, attira crescenti flussi di clientela alto spendente, in particolare internazionale”, sottolinea Loretta Credaro, Presidente di Isnart.\r\n \r\nInfine, per quanto concerne la valutazione complessiva della vacanza in Italia, si conferma un forte gradimento espresso dai turisti che visitano il nostro Paese, tanto italiani (voto medio 8,2) che stranieri (voto medio 8,4). A soddisfare pienamente, in particolare, è la ristorazione ed i prodotti dell’enogastronomia locale ed il nostro risultare accoglienti. Giudizi positivi che i turisti condividono sempre più sul web, lasciando recensioni on line, abitudine che riguardava il 39% degli intervistati nell’estate 2022 e che è salita al 47% dei rispondenti di quest’anno. I social più utilizzati sono Instagram (39,7% dei turisti che postano recensioni), Facebook (35,7%) e TripAdvisor (28,8%), seguiti da Google, Booking e Twitter.\r\nIl l web ed i social media sono oramai il primo e più importante veicolo di comunicazione delle eccellenze del Paese, influenzando il 48% dei turisti nella loro scelta della  destinazione.","post_title":"Enit: Italia meta di lusso esclusiva","post_date":"2023-10-12T10:31:33+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["daniela-santanche","enit","in-evidenza","stranieri-in-italia","turismo-di-lusso-in-italia","turismo-in-italia"],"post_tag_name":["daniela santanchè","Enit","In evidenza","stranieri in italia","turismo di lusso in italia","turismo in italia"]},"sort":[1697106693000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"453813","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_453814\" align=\"alignleft\" width=\"284\"] Aljoša Ota, direttore dell’Ente Sloveno per il Turismo[/caption]\r\n\r\nL’Italia si riconferma ancora una volta mercato cardine delle strategie dell’Ente Sloveno per il Turismo: lo dimostrano, oltre alla rinnovata partecipazione al TTG Travel Experience di Rimini, dove la Slovenia sarà protagonista con uno stand di ben 192 mq, i dati diffusi da Lubiana sull’afflusso turistico nel paese nel corso dei primi otto mesi dell’anno.\r\n\r\nNel 2023 un turista straniero su 10 in Slovenia è italiano: tra gennaio e agosto 2023, gli arrivi dallo Stivale ammontano a 360.826, pari al 10,4% dei 3.474.167 degli arrivi complessivi internazionali.\r\n\r\nMeglio di noi, soltanto i tedeschi: dalla Germania, infatti, gli arrivi nel 2023 sono stati il 15,53% del totale. Seguono l’Austria (7,81%) e la Cechia (5,62%).\r\n\r\nLieve calo in agosto su arrivi e pernottamenti globali, ma nel complesso la tendenza è di segno nettamente positivo\r\n\r\nRispetto al 2022, si riscontra una leggera flessione, nel mese di agosto, sia per quanto riguarda gli arrivi (-4,95%) che i pernottamenti (-5,65%) totali.\r\n\r\nPositivo, invece, l’andamento complessivo nei primi otto mesi del 2023, che hanno visto un incremento del 4% degli arrivi e del 2,6% dei pernottamenti, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Bene l’Italia, cresciuta complessivamente tra gennaio ed agosto 2023, di un ottimo 27% sia per arrivi che pernottamenti. \r\n\r\nAljoša Ota, direttore dell’Ente Sloveno per il Turismo, commenta con evidente soddisfazione i dati diramati da Lubiana: “nei primi 8 mesi del 2023 sono stati registrati 360.826 arrivi dall’Italia, dato che rappresenta il 10,4% del totale estero per 780.337 pernottamenti: in tal modo il mercato italiano si è posizionato saldamente al secondo posto, alle spalle della sola Germania. Il trend emerso dalle statistiche appena rilasciate da Lubiana rispetto al passato agosto e, complessivamente, a questa prima parte dell’anno – sottolinea Ota – è quello di una reale destagionalizzazione dell’offerta turistica slovena, in particolare in riferimento agli arrivi dall’Italia: al netto della lieve flessione registrata nel mese di agosto, tradizionalmente determinante nelle abitudini di viaggio degli italiani, che preferiscono le mete marine mediterranee, abbiamo assistito in tutti gli altri mesi, in particolare in primavera, ad una crescita sostanziale che non può che renderci soddisfatti e orgogliosi del lavoro svolto finora. Ci aspettiamo, in quest’ottica, grandi risultati anche dal prossimo autunno-inverno”.\r\n\r\nUna capitale accessibile: Visit Ljubljiana al centro dello stand sloveno al TTG Travel Experience\r\n\r\nLa maggior parte dei pernottamenti degli italiani in Slovenia, anche nel 2023, si è concentrata all’interno del comune di Lubiana, che costituirà il cuore pulsante dello stand sloveno nel corso della 60° edizione del TTG Travel Experience. Tra le novità presentate alla fiera di Rimini, sicuramente spicca l’iniziativa di Visit Ljubljana, portale dell’Ente del Turismo della capitale slovena, che ha implementato negli ultimi mesi un sistema di categorizzazione basato sull’accessibilità di attrazioni turistiche, ristoranti, hotel, istituzioni culturali, impianti sportivi e altre strutture. Visitando il portale, infatti, le persone interessate potranno ottenere importanti informazioni su quali realtà siano meglio attrezzate nell’accoglienza di persone con bisogni speciali, in modo da migliorare al massimo la loro esperienza nella capitale slovena.\r\n\r\nNell’ambito del progetto, nato nel 2022 in collaborazione con il Zavod Brez Ovrir (Istituto Senza Barriere), è stato svolto un importante lavoro di censimento su oltre 200 realtà di Lubiana, che ha contribuito a migliorare l’accessibilità ove necessario. Inoltre, le varie strutture sono state catalogate sul portale in base a quale tipo di accessibilità siano in grado di garantire: sul sito è possibile scegliere tra realtà accessibili alle persone non udenti o ipoudenti, con disabilità motorie, oppure non vedenti o ipovedenti.\r\n\r\nAl TTG Travel Experience, un assaggio della magia del Natale a Lubiana\r\n\r\nLa scelta di puntare su Lubiana quale elemento cruciale, tra 24 espositori dello stand di 192 mq definito dallo stesso Aljoša Ota “un’oasi di verde all’interno della fiera di Rimini”, è giustificata anche dall’approssimarsi del Natale, quando le strade del centro della capitale verranno animate da scintillanti luci d’artista, curate ogni anno dall’architetto e designer Urban Modic.\r\n\r\n“L’idea è che lo stand sloveno possa regalare un assaggio dell’atmosfera natalizia a Lubiana - spiega Ota – meta ideale per gli amanti dei mercatini e degli spettacoli di luce. Anche quest’anno ci aspettiamo molto dalla stagione invernale, che vedrà le strade della capitale riempirsi di vita, tra un tour in battello sulla Ljubljanica e un desiderio espresso sotto l’albero di Piazza Prešeren”.\r\n\r\nOltre che capitale dell’accessibilità, Lubiana si prepara, quindi, a diventare anche uno dei centri europei più ricercati per i turisti che amano i mercatini di Natale.","post_title":"Slovenia al TTG, l'Italia al secondo posto con un +27% sugli arrivi","post_date":"2023-10-11T12:00:53+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["aljosa-ota","arrivi-italiani-in-slovenia","direttore-dellente-sloveno-per-il-turismo","ente-sloveno-per-il-turismo","lubiana","slovenia","slovenia-ttg-travel-experience","vacanze-in-slovenia"],"post_tag_name":["Aljoša Ota","arrivi italiani in slovenia","direttore dell’Ente Sloveno per il Turismo","Ente Sloveno per il Turismo","Lubiana","slovenia","slovenia ttg travel experience","vacanze in slovenia"]},"sort":[1697025653000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"452452","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Slovenia fa degli incontri con il trade uno dei capisaldi della stagione autunnale alle porte. Si comincia dalla fiera di Rimini in ottobre, dove l'Ente sloveno per il turismo parteciperà con uno stand da 192 mq insieme a 24 tra aziende e operatori, albergatori, istituti termali, enti di promozione territoriale e singole attrazioni turistiche. In vetrina, dunque, la ricca proposta della destinazione che spazia dal turismo balneare a quello termale, dall'offerta per il turismo outdoor a quello esperienziale, con un approccio sempre green e sostenibile.\r\n\r\nFocus, in particolare, sulla città di Lubiana, che già traguarda il mese di dicembre, quando le strade del centro si animeranno con le luci di Natale, curate ogni anno dall’architetto e designer Urban Modic. «L’idea è che lo stand sloveno possa regala  un assaggio dell’atmosfera natalizia a Lubiana - spiega Aljoša Ota, direttore dell’Ente Sloveno per il Turismo in Italia - meta ideale per gli amanti dei mercatini e degli spettacoli di luce. Anche quest’anno ci aspettiamo molto dalla stagione invernale, che vedrà le strade della capitale riempirsi di vita, tra un tour in battello sulla Ljubljanica e un desiderio espresso sotto l’albero di Piazza Prešeren». \r\n\r\nQuest'anno la destinazione beneficia anche di un nuovo collegamento aereo tra Milano e Trieste - che opera Ita Airways dall'inizio di settembre - «non solo per i turisti provenienti dal nord-ovest ma anche, se non soprattutto, per quanti arrivano dal resto d’Italia e d’Europa, che avranno in Milano uno scalo strategico per raggiungere Trieste e, da qui, la vicina Slovenia».\r\n\r\nAppuntamento invece a Torino, nei mesi finali dell'anno, dove la Slovenia ospiterà un workshop b2b per creare nuove opportunità d’incontro e di business tra gli operatori incoming sloveni e quelli del territorio del capoluogo piemontese e dintorni. ","post_title":"L'autunno della Slovenia rinsalda il legame con agenzie e tour operator","post_date":"2023-09-20T13:27:01+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1695216421000]}]}}

Lascia un commento