16 April 2024

1835

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Storica agenzia viaggi in Gallarate ricerca urgentemente banconista esperto/a. Offresi contratto a chiamata (necessaria età inferiore a 25 o maggiore di 55 anni). Preferibile conoscenza Amadeus. Inviare cv a: info.gallarate@omnibusviaggi.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464934 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il turismo continua nella sua inarrestabile crescita. Infatti secondo il World Travel & Tourism Council il 2024 sarà un anno da record per i viaggi e il turismo. Il settore infatti sembra destinato a raggiungere il suo massimo storico con ricavi per 11,1 trilioni di dollari. Secondo le stime dell’ultimo Economic Impact Research pubblicato dall’ente globale del turismo, il settore travel & tourism crescerà di ulteriori 770 miliardi di dollari rispetto al record precedente: in pratica su 10 dollari generati in tutto il mondo, uno riguarderà proprio il settore turistico. Inoltre il Wttc prevede che 142 paesi su 185 analizzati supereranno i precedenti record nazionali. Secondo il rapporto sono 348 milioni i posti di lavoro a livello globale, più di 13,6 milioni di posti di lavoro in più rispetto al suo punto più alto nel 2019. Si stima che la spesa dei visitatori internazionali arriverà a sfiorare il picco raggiunto 2019 con 1,89 trilioni di dollari, mentre i turisti nazionali spenderanno più che in qualsiasi altro anno registrato (5,4 trilioni di dollari). Usa e Cina “In un contesto di incertezza, il settore dei viaggi e del turismo rimane una potenza economica globale. Non si tratta solo di battere record, non parliamo più di ripresa: questa è la storia del settore che torna al suo meglio dopo alcuni anni difficili, fornendo una significativa spinta economica ai paesi di tutto il mondo e sostenendo milioni di persone di posti di lavoro – ha dichiarato Julia Simpson, presidente e ceo del Wttc –: .Tuttavia esiste il rischio: abbiamo bisogno che i governi statunitense e cinese sostengano i loro settori nazionali di viaggi e turismo. Gli Stati Uniti e la Cina continueranno a soffrire, mentre altri paesi vedranno il ritorno dei visitatori internazionali molto più velocemente”. Guardando al futuro, il Wttc prevede un promettente decennio, caratterizzato da una crescita robusta e opportunità di carriera senza precedenti. Entro il 2034, il settore potenzierà l’economia globale con l’incredibile cifra di 16 trilioni di dollari, pari all’11,4% dell’intero panorama economico. [post_title] => Wttc molto fiducioso: crescita di 770 miliardi di dollari nel 2024 [post_date] => 2024-04-05T11:01:28+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712314888000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464840 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Inizia l'anno col giusto passo Aegean che ha chiuso il primo trimestre 2024 con numeri significativamente positivi nel traffico passeggeri: una crescita dell'11% sia nel network domestico che in quello internazionale. Nel trimestre tradizionalmente più debole dell'anno, la compagnia aerea greca ha trasportato circa 2,9 milioni di passeggeri, 278 mila in più rispetto al 2023, a fronte di una capacità offerta di 3,5 milioni di posti. La crescita è stata altrettanto equilibrata rispetto al 2023, sia per le operazioni del network internazionale di Atene (+10%) che per quelle di Salonicco (+10%), a conferma dell'impegno del vettore a sviluppare ulteriormente il potenziale di crescita di entrambi i principali aeroporti greci con un significativo traffico internazionale durante l'inverno. La rete invernale di Aegean comprende 85 collegamenti diretti con destinazioni internazionali, 10 dei quali operati per la prima volta durante l'inverno, tra cui Bilbao, Bratislava, Tallinn e Barcellona da Salonicco, oltre alla nuova rotta per Dubai. Da sottolineare come l'aumento del traffico passeggeri internazionale abbia superato il 27% per Atene e il 32% per Salonicco rispetto al corrispondente periodo del 2019, registrando i primi risultati significativamente positivi per la compagnia e per il turismo greco, derivanti dal continuo investimento di Aegean nel mantenimento della rete, dell'interconnettività e delle frequenze del Paese durante il periodo invernale. L'anno scorso il vettore ha offerto più di 18,5 milioni di posti, con 11,1 milioni di posti internazionali, 2 milioni in più rispetto al 2022 e 800.000 in più rispetto al 2019. La rete della compagnia ha coperto un totale di 180 destinazioni in 49 Paesi con 307 rotte operate con 76 aeromobili, a seguito anche di 9 nuove consegne di aeromobili Airbus 320/321 neo. [post_title] => Aegean: passeggeri a +11% nel primo trimestre. Forte crescita del traffico internazionale [post_date] => 2024-04-04T10:07:18+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712225238000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464734 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Arabia Saudita ha centrato un nuovo e significativo traguardo nella propria corsa allo sviluppo turistico: nel 2023, secondi dati preliminari della Banca Centrale Saudita, i visitatori stranieri hanno stabilito un nuovo record di spesa, raggiungendo i 36 miliardi di dollari (135 miliardi di Sar). La cifra rappresenta la spesa più alta dei visitatori stranieri nella storia del Regno, con una crescita del 42,8% rispetto al 2022. Questa storica impennata della spesa è emblematica degli sforzi sostenuti dall'Arabia Saudita per rafforzare l'industria turistica: lo scorso anno il paese è emerso come leader sulla scena del turismo globale. Ha guidato la classifica del turismo delle Nazioni Unite per il tasso di crescita dei turisti internazionali rispetto al 2019, con un incremento del 56%. Secondo il Tourism Barometer dell'Unwto di gennaio 2024, sempre lo scorso anno, gli arrivi turistici del Regno nel 2023 sono aumentati del 156% rispetto al 2019. [post_title] => Arabia Saudita: la spesa dei turisti stranieri raggiunge per la prima volta i 36 mld di dollari [post_date] => 2024-04-02T15:18:48+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712071128000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464138 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Parkhotel Laurin di Bolzano è al centro di una città mitteleuropea con caratteristiche geologiche e storiche uniche. L'hotel organizza experience guidate che rivelano un luogo dalle sfaccettature inattese: climatiche, storiche e architettoniche. Porta delle Dolomiti, nelle Alpi italiane, Bolzano si trova al centro di una conca vulcanica di 70 chilometri di diametro (l’attività vulcanica ha interessato la zona 280 milioni di anni fa) ed è la seconda città più calda d’Italia. Le Alpi bloccano i fronti di maltempo e le garantiscono 300 giorni di sole all’anno. Nella conca si incontrano tre fiumi: l’Isarco, il Talvera e l’Adige. Nell’anno 1000 i vescovi di Trento compresero il potenziale di sviluppo del territorio e favorirono la nascita di un centro di commercio capace di collegare Venezia alle terre del Nord. Bolzano divenne sempre più ricca: nel 1273 i conti di Tirolo-Gorizia la conquistarono e la dominarono fino al 1363, quando venne donata agli Asburgo. La storia racconta di rivolte, anche religiose, e di passaggi di potere, fino al 1635, quando l’arciduchessa del Tirolo Claudia de’Medici, vedova di Leopoldo V d’Austria, decise l’istituzione di un magistrato mercantile che, in lingua italiana e tedesca, regolava i contenziosi sorti tra i commercianti provenienti da mezza Europa. La città fiorì e vennero costruiti i bellissimi portici che si possono percorrere ancora oggi: proteggevano il centro dal sole e dal vento proveniente dalle montagne e creavano un microclima ideale per il commercio. Il territorio era ideale anche per la crescita del vitigno autoctono, che produce il rosso e gustoso Lagrein. Le leggende dicono che Bolzano fosse posata sul vino! Ancora oggi le abitazioni hanno cantine di uno o due piani dove, a 15 gradi, viene conservato il prezioso vino locale. All’inizio del 1800 Bolzano venne annessa al Regno d’Italia, visse l’occupazione napoleonica, quindi tornò a far parte dell’Impero austro-ungarico fino al 1918. Dopo la Prima guerra mondiale fu nuovamente annessa all’Italia e, con l’avvento del fascismo, nel 1922-23, il territorio della città venne fortemente italianizzato con un nuovo piano urbanistico. Nel 1936 Mussolini fece costruire il monumento alla Vittoria e volle replicare il centro cittadino sulla riva opposta del fiume Talvera, affidandone la costruzione all’architetto Marcello Piacentini. Dagli anni ‘60 in poi Bolzano è un’importante meta turistica. La storia della città è anche caratterizzata dal trilinguismo: la popolazione parla italiano, tedesco e ladino. Per frequentare l’università è richiesta la conoscenza di tutte queste lingue. Bolzano offre tanto al turista che, oltre ad apprezzarne la natura, i paesaggi e la tradizione, potrà incontrare al museo Archeologico il corpo di Ötzi, l’uomo venuto dal ghiaccio scoperto da due alpinisti nel 1991 sul ghiacciaio della val Senales. Oppure visiterà il Duomo di Santa Maria Assunta, iniziato nel IV secolo contiene la cappella di San Giovanni, i cui affreschi furono commissionati dalla famiglia di banchieri fiorentini de Rossi-Botsch a pittori provenienti da Padova, dove avevano lavorato con Giotto alla cappella degli Scrovegni. E poi ci sono importanti raccolte d’arte moderna. Tra le tante eccellenze non bisogna dimenticare la gastronomia, con i piatti e i salumi tipici da gustare sulle terrazze delle case antiche. Ammirando le Dolomiti che, al tramonto, si accendono del ricordo del giardino di rose del re dei nani Laurin, celebrato dal Parkhotel Laurin. [gallery ids="464145,464144,464143"] [post_title] => Il Parkhotel Laurin accompagna i suoi ospiti alla scoperta di Bolzano [post_date] => 2024-03-27T09:37:26+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711532246000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463944 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama Sanasaryan Han la struttura di debutto del soft brand di casa Marriott, The Luxury Collection. Situato nel cuore della città l'hotel dispone di 63 camere, di cui sei suite, con ampi bagni ispirati agli antichi hammam turchi, nonché di un ristorante e di un bar. L'albergo include anche una Book meeting room, in grado di ospitare sia riunioni di lavoro, sia eventi sociali per un massimo di 80 persone. Costruito originariamente nel 1895, l'edificio neoclassico in cui è ospitato l'hotel coniuga l'opulenta grandezza della Città vecchia con il patrimonio culturale di Istanbul. Progettato dall'architetto Ottomano Hovsep Aznavur e commissionato dal filantropo Migirdiç Sanasaryan, l'hotel è situato a pochi passi da luoghi d'interesse come lo Spice e il Grand Bazaar, la moschea Blu, Hagia Sophia e il quartiere di Karaköy. La struttura ha subito un restauro meticoloso, che celebra il suo passato con una collezione di manufatti e oggetti d'antiquariato. Uno spazio riservato, che ospita una biblioteca di libri e cimeli, trae ispirazione dalla storia della proprietà, che ha sostenuto le fondazioni per l'istruzione. Fiori rari, libri antichi, pergamene di ceramica fatte a mano e dipinti sono esposti in teche di vetro insieme a installazioni d'arte contemporanea. L'hotel ospita anche una collezione di fotografie monocromatiche di Harun Doğan. [post_title] => La Luxury Collection di casa Marriott debutta a Istanbul con il Sanasaryan Han [post_date] => 2024-03-20T11:37:36+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710934656000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463468 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’ADSP del Mar Ligure Orientale è presente all’ European Cruise Summit CLIA a Genova, nel padiglione Jean Nouvel, assieme a Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova e AdSP del Mar Ligure Occidentale.   Forte del primato nazionale che si è conquistata negli anni e che registra nel 2023 tre milioni e centomila passeggeri sul totale di 13 milioni e ottocentomila totali che hanno scelto di visitare il nostro Paese a bordo di navi da crociere, la Liguria ha deciso di fare sistema per presentarsi ai partecipanti al Summit biennale provenienti da tutto il mondo. Del resto La Spezia, che nel 2023 ha raggiunto i 185 scali con 710.000 passeggeri (Marina di Carrara 20 scali e 15.000 passeggeri) contribuisce in modo importante all’andamento record del settore cruise della nostra Regione.   «Il porto della Spezia ha raggiunto il record storico di attracchi di navi passeggeri, superando abbondantemente i livelli di traffico prepandemici – spiega Federica Montaresi, Segretario Generale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale - E molto ci aspettiamo dal prossimo futuro, che prevede la realizzazione entro il 2026 del nuovo molo crociere su Calata Paita, in grado di offrire nuovi accosti per navi da crociere in aggiunta al Molo Garibaldi, e la nuova Stazione Marittima, che verrà realizzata sul nuovo molo e in parte su Calata Paita, area oggi parte del porto commerciale che sarà interessata dal waterfront cittadino. Abbiamo investito non solo in infrastrutture, ma anche molto in sostenibilità. Fermo restando che anche nel contesto di questo summit sono stati mostrati i più innovativi sistemi per rendere sempre più ecologiche le navi passeggeri, l’AdSP sta avanzando con i lavori per l’elettrificazione di tutte le banchine che consentiranno lo spegnimento dei motori delle navi in sosta. Collaboriamo attivamente con la Capitaneria e l’amministrazione comunale per tenere monitorato il livello delle emissioni. Un futuro di nuove energie, non solo quelle legate all’efficientamento energetico e alla diversificazione delle fonti, ma anche quelle che verranno sprigionate con i nuovi investimenti e le importanti trasformazioni che interesseranno il nuovo waterfront per un migliore rapporto tra il porto e la città».     [post_title] => L’Adsp del Mar Ligure Orientale all’European Cruise Summit Clia, “importante fare sistema” [post_date] => 2024-03-15T09:46:51+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710496011000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463352 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ethiopian Airlines introdurrà nuovo volo trisettimanale tra Addis Abeba, in Etiopia, e Maun dal prossimo 10 giugno: Maun sarà la seconda destinazione del vettorein Botswana dopo Gaborone, che viene servita dal 2016. La nuova rotta offrirà ai viaggiatori dall'Etiopia e di altre parti dell'Africa, un collegamento comodo e senza interruzioni con la destinazione turistica di Maun, che è la porta di accesso al Delta dell'Okavango, sito del patrimonio mondiale dell'Unesco e uno dei più grandi delta interni del mondo. «L'aggiunta di Maun alla nostra connettività africana consente ai viaggiatori da Maun di godere di una connettività agevolata con la vasta rete globale di Ethiopian Airlines che supera le 135 destinazioni - ha dichiarato il ceo del gruppo Ethiopian Airlines, Mesfin Tasew -. Maun è un'aggiunta strategica al nostro network in quanto ci permette di offrire ai passeggeri un'opportunità unica per esplorare la bellezza naturale e la ricca biodiversità del Botswana. Il nostro nuovo volo non solo rafforza il turismo, il commercio e i legami socio-economici complessivi tra il Botswana e le destinazioni globali di Ethiopian, ma ci consente anche di rafforzare il nostro contributo nella realizzazione dello sviluppo del trasporto aereo nel continente africano». [post_title] => Ethiopian Airlines raddoppia sul Botswana con la nuova rotta per Maun, dal 10 giugno [post_date] => 2024-03-13T10:20:23+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710325223000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463032 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair ha pubblicato il suo sondaggio sulle ota di marzo, che ha indicato eDreams come il portale che fa pagare ai clienti un 135% (23,50 euro) per un posto riservato che costa solo 10 euro su Ryanair.com. Ryanair continua a fare campagna affinché tutti i consumatori siano protetti dai superprezzi delle ota, dai sovrapprezzi e dalle tariffe inventate, e invita nuovamente i governi di Regno Unito e Spagna e le agenzie dei consumatori dell’Ue ad agire per fermare questa gestione delle ota e per evitare che i consumatori debbano pagare sempre di più del dovuto. "È inaccettabile che, nonostante questi atteggiamenti di alcune ota, i governi del Regno Unito e della Spagna e le agenzie dei consumatori dell’Ue non abbiano ancora intrapreso alcuna azione per proteggere i consumatori da queste azioni - ha affermato Dara Brady di Ryanair -. Ryanair continuerà a condurre una campagna contro alcune ota, e continuerà a chiedere che siano messi fuori legge e che le loro azioni anti-consumatore abbiano una fine”. [post_title] => Ryanair continua la battaglia contro le ota. Scontro diretto con eDreams [post_date] => 2024-03-07T12:17:13+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709813833000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462272 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non c'è tregua per Boeing sul fronte dei ritardi delle consegne dei 737 Max, nello specifico a Ryanair, che è pronta a chiedere risarcimenti mentre prevede un aumento delle tariffe attorno al 10% e si trova anche costretta a rivedere al ribasso il proprio target di passeggeri per l'esercizio in corso, che si chiuderà il prossimo 31 marzo. Come riportato dal Financial Times, Michael O'Leary, ceo del gruppo Ryanair, ha manifestato tutti i suoi dubbi su quanti 737 Max Boeing sarà in grado di consegnare in tempo utile per il picco estivo di traffico, sottolineando che la casa costruttrice statunitense è piombata in un "pasticcio" produttivo dopo l'incidente che lo scoro gennaio ha coinvolto un volo di Alaska Airlines. «È in corso un dibattito con Boeing per stabilire se abbiamo diritto a un risarcimento per questi ritardi nelle consegne» ha dichiarato O'Leary; la low cost attendeva infatti la consegna di 57 Boeing 737 Max 8200 durante il mese di marzo, ma ora si stima che solo 40-45 possano arrivare in tempo per la stagione estiva. Piccoli tagli Considerando che l'operativo estivo 2024 si basa sull'arrivo di almeno 50 aeromobili da parte di Boeing, O'Leary ha dichiarato saranno effettuati "piccoli tagli alla programmazione" qualora arrivino solo 40 velivoli entro la fine di marzo. In particolare, saranno tagliate frequenze dalle rotte con più servizi giornalieri, per evitare disagi ai passeggeri.  La low cost irlandese prevede quindi di trasportare 183,5 milioni di passeggeri nell'esercizio finanziario che terminerà a marzo, in calo rispetto ai 185 milioni previsti originariamente. Tuttavia, O'Leary ha dichiarato che il problema del Boeing avrà ripercussioni sul numero di passeggeri anche nell'esercizio successivo, con una stima di "200 milioni" di passeggeri invece dei 205 milioni iniziali. [post_title] => Ryanair: risarcimenti da Boeing per i ritardi nelle consegne. Tariffe + 10% [post_date] => 2024-02-27T09:00:39+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709024439000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1835" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":100,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464934","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il turismo continua nella sua inarrestabile crescita. Infatti secondo il World Travel & Tourism Council il 2024 sarà un anno da record per i viaggi e il turismo. Il settore infatti sembra destinato a raggiungere il suo massimo storico con ricavi per 11,1 trilioni di dollari. Secondo le stime dell’ultimo Economic Impact Research pubblicato dall’ente globale del turismo, il settore travel & tourism crescerà di ulteriori 770 miliardi di dollari rispetto al record precedente: in pratica su 10 dollari generati in tutto il mondo, uno riguarderà proprio il settore turistico. Inoltre il Wttc prevede che 142 paesi su 185 analizzati supereranno i precedenti record nazionali.\r\n\r\nSecondo il rapporto sono 348 milioni i posti di lavoro a livello globale, più di 13,6 milioni di posti di lavoro in più rispetto al suo punto più alto nel 2019. Si stima che la spesa dei visitatori internazionali arriverà a sfiorare il picco raggiunto 2019 con 1,89 trilioni di dollari, mentre i turisti nazionali spenderanno più che in qualsiasi altro anno registrato (5,4 trilioni di dollari).\r\n\r\nUsa e Cina\r\n\r\n“In un contesto di incertezza, il settore dei viaggi e del turismo rimane una potenza economica globale. Non si tratta solo di battere record, non parliamo più di ripresa: questa è la storia del settore che torna al suo meglio dopo alcuni anni difficili, fornendo una significativa spinta economica ai paesi di tutto il mondo e sostenendo milioni di persone di posti di lavoro – ha dichiarato Julia Simpson, presidente e ceo del Wttc –: .Tuttavia esiste il rischio: abbiamo bisogno che i governi statunitense e cinese sostengano i loro settori nazionali di viaggi e turismo. Gli Stati Uniti e la Cina continueranno a soffrire, mentre altri paesi vedranno il ritorno dei visitatori internazionali molto più velocemente”.\r\n\r\nGuardando al futuro, il Wttc prevede un promettente decennio, caratterizzato da una crescita robusta e opportunità di carriera senza precedenti. Entro il 2034, il settore potenzierà l’economia globale con l’incredibile cifra di 16 trilioni di dollari, pari all’11,4% dell’intero panorama economico.","post_title":"Wttc molto fiducioso: crescita di 770 miliardi di dollari nel 2024","post_date":"2024-04-05T11:01:28+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1712314888000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464840","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Inizia l'anno col giusto passo Aegean che ha chiuso il primo trimestre 2024 con numeri significativamente positivi nel traffico passeggeri: una crescita dell'11% sia nel network domestico che in quello internazionale. Nel trimestre tradizionalmente più debole dell'anno, la compagnia aerea greca ha trasportato circa 2,9 milioni di passeggeri, 278 mila in più rispetto al 2023, a fronte di una capacità offerta di 3,5 milioni di posti.\r\n\r\nLa crescita è stata altrettanto equilibrata rispetto al 2023, sia per le operazioni del network internazionale di Atene (+10%) che per quelle di Salonicco (+10%), a conferma dell'impegno del vettore a sviluppare ulteriormente il potenziale di crescita di entrambi i principali aeroporti greci con un significativo traffico internazionale durante l'inverno. La rete invernale di Aegean comprende 85 collegamenti diretti con destinazioni internazionali, 10 dei quali operati per la prima volta durante l'inverno, tra cui Bilbao, Bratislava, Tallinn e Barcellona da Salonicco, oltre alla nuova rotta per Dubai.\r\n\r\nDa sottolineare come l'aumento del traffico passeggeri internazionale abbia superato il 27% per Atene e il 32% per Salonicco rispetto al corrispondente periodo del 2019, registrando i primi risultati significativamente positivi per la compagnia e per il turismo greco, derivanti dal continuo investimento di Aegean nel mantenimento della rete, dell'interconnettività e delle frequenze del Paese durante il periodo invernale.\r\n\r\nL'anno scorso il vettore ha offerto più di 18,5 milioni di posti, con 11,1 milioni di posti internazionali, 2 milioni in più rispetto al 2022 e 800.000 in più rispetto al 2019. La rete della compagnia ha coperto un totale di 180 destinazioni in 49 Paesi con 307 rotte operate con 76 aeromobili, a seguito anche di 9 nuove consegne di aeromobili Airbus 320/321 neo.","post_title":"Aegean: passeggeri a +11% nel primo trimestre. Forte crescita del traffico internazionale","post_date":"2024-04-04T10:07:18+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712225238000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464734","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Arabia Saudita ha centrato un nuovo e significativo traguardo nella propria corsa allo sviluppo turistico: nel 2023, secondi dati preliminari della Banca Centrale Saudita, i visitatori stranieri hanno stabilito un nuovo record di spesa, raggiungendo i 36 miliardi di dollari (135 miliardi di Sar). La cifra rappresenta la spesa più alta dei visitatori stranieri nella storia del Regno, con una crescita del 42,8% rispetto al 2022.\r\n\r\nQuesta storica impennata della spesa è emblematica degli sforzi sostenuti dall'Arabia Saudita per rafforzare l'industria turistica: lo scorso anno il paese è emerso come leader sulla scena del turismo globale. Ha guidato la classifica del turismo delle Nazioni Unite per il tasso di crescita dei turisti internazionali rispetto al 2019, con un incremento del 56%.\r\n\r\nSecondo il Tourism Barometer dell'Unwto di gennaio 2024, sempre lo scorso anno, gli arrivi turistici del Regno nel 2023 sono aumentati del 156% rispetto al 2019.","post_title":"Arabia Saudita: la spesa dei turisti stranieri raggiunge per la prima volta i 36 mld di dollari","post_date":"2024-04-02T15:18:48+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1712071128000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464138","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Parkhotel Laurin di Bolzano è al centro di una città mitteleuropea con caratteristiche geologiche e storiche uniche. L'hotel organizza experience guidate che rivelano un luogo dalle sfaccettature inattese: climatiche, storiche e architettoniche. Porta delle Dolomiti, nelle Alpi italiane, Bolzano si trova al centro di una conca vulcanica di 70 chilometri di diametro (l’attività vulcanica ha interessato la zona 280 milioni di anni fa) ed è la seconda città più calda d’Italia. Le Alpi bloccano i fronti di maltempo e le garantiscono 300 giorni di sole all’anno. Nella conca si incontrano tre fiumi: l’Isarco, il Talvera e l’Adige. \r\nNell’anno 1000 i vescovi di Trento compresero il potenziale di sviluppo del territorio e favorirono la nascita di un centro di commercio capace di collegare Venezia alle terre del Nord. Bolzano divenne sempre più ricca: nel 1273 i conti di Tirolo-Gorizia la conquistarono e la dominarono fino al 1363, quando venne donata agli Asburgo. La storia racconta di rivolte, anche religiose, e di passaggi di potere, fino al 1635, quando l’arciduchessa del Tirolo Claudia de’Medici, vedova di Leopoldo V d’Austria, decise l’istituzione di un magistrato mercantile che, in lingua italiana e tedesca, regolava i contenziosi sorti tra i commercianti provenienti da mezza Europa. La città fiorì e vennero costruiti i bellissimi portici che si possono percorrere ancora oggi: proteggevano il centro dal sole e dal vento proveniente dalle montagne e creavano un microclima ideale per il commercio. \r\nIl territorio era ideale anche per la crescita del vitigno autoctono, che produce il rosso e gustoso Lagrein. Le leggende dicono che Bolzano fosse posata sul vino! Ancora oggi le abitazioni hanno cantine di uno o due piani dove, a 15 gradi, viene conservato il prezioso vino locale. All’inizio del 1800 Bolzano venne annessa al Regno d’Italia, visse l’occupazione napoleonica, quindi tornò a far parte dell’Impero austro-ungarico fino al 1918. Dopo la Prima guerra mondiale fu nuovamente annessa all’Italia e, con l’avvento del fascismo, nel 1922-23, il territorio della città venne fortemente italianizzato con un nuovo piano urbanistico. Nel 1936 Mussolini fece costruire il monumento alla Vittoria e volle replicare il centro cittadino sulla riva opposta del fiume Talvera, affidandone la costruzione all’architetto Marcello Piacentini. \r\nDagli anni ‘60 in poi Bolzano è un’importante meta turistica. La storia della città è anche caratterizzata dal trilinguismo: la popolazione parla italiano, tedesco e ladino. Per frequentare l’università è richiesta la conoscenza di tutte queste lingue. Bolzano offre tanto al turista che, oltre ad apprezzarne la natura, i paesaggi e la tradizione, potrà incontrare al museo Archeologico il corpo di Ötzi, l’uomo venuto dal ghiaccio scoperto da due alpinisti nel 1991 sul ghiacciaio della val Senales. Oppure visiterà il Duomo di Santa Maria Assunta, iniziato nel IV secolo contiene la cappella di San Giovanni, i cui affreschi furono commissionati dalla famiglia di banchieri fiorentini de Rossi-Botsch a pittori provenienti da Padova, dove avevano lavorato con Giotto alla cappella degli Scrovegni. E poi ci sono importanti raccolte d’arte moderna. Tra le tante eccellenze non bisogna dimenticare la gastronomia, con i piatti e i salumi tipici da gustare sulle terrazze delle case antiche. Ammirando le Dolomiti che, al tramonto, si accendono del ricordo del giardino di rose del re dei nani Laurin, celebrato dal Parkhotel Laurin.\r\n[gallery ids=\"464145,464144,464143\"]","post_title":"Il Parkhotel Laurin accompagna i suoi ospiti alla scoperta di Bolzano","post_date":"2024-03-27T09:37:26+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1711532246000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463944","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama Sanasaryan Han la struttura di debutto del soft brand di casa Marriott, The Luxury Collection. Situato nel cuore della città l'hotel dispone di 63 camere, di cui sei suite, con ampi bagni ispirati agli antichi hammam turchi, nonché di un ristorante e di un bar. L'albergo include anche una Book meeting room, in grado di ospitare sia riunioni di lavoro, sia eventi sociali per un massimo di 80 persone.\r\n\r\nCostruito originariamente nel 1895, l'edificio neoclassico in cui è ospitato l'hotel coniuga l'opulenta grandezza della Città vecchia con il patrimonio culturale di Istanbul. Progettato dall'architetto Ottomano Hovsep Aznavur e commissionato dal filantropo Migirdiç Sanasaryan, l'hotel è situato a pochi passi da luoghi d'interesse come lo Spice e il Grand Bazaar, la moschea Blu, Hagia Sophia e il quartiere di Karaköy.\r\n\r\nLa struttura ha subito un restauro meticoloso, che celebra il suo passato con una collezione di manufatti e oggetti d'antiquariato. Uno spazio riservato, che ospita una biblioteca di libri e cimeli, trae ispirazione dalla storia della proprietà, che ha sostenuto le fondazioni per l'istruzione. Fiori rari, libri antichi, pergamene di ceramica fatte a mano e dipinti sono esposti in teche di vetro insieme a installazioni d'arte contemporanea. L'hotel ospita anche una collezione di fotografie monocromatiche di Harun Doğan.","post_title":"La Luxury Collection di casa Marriott debutta a Istanbul con il Sanasaryan Han","post_date":"2024-03-20T11:37:36+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1710934656000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463468","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’ADSP del Mar Ligure Orientale è presente all’ European Cruise Summit CLIA a Genova, nel padiglione Jean Nouvel, assieme a Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova e AdSP del Mar Ligure Occidentale.\r\n \r\nForte del primato nazionale che si è conquistata negli anni e che registra nel 2023 tre milioni e centomila passeggeri sul totale di 13 milioni e ottocentomila totali che hanno scelto di visitare il nostro Paese a bordo di navi da crociere, la Liguria ha deciso di fare sistema per presentarsi ai partecipanti al Summit biennale provenienti da tutto il mondo. Del resto La Spezia, che nel 2023 ha raggiunto i 185 scali con 710.000 passeggeri (Marina di Carrara 20 scali e 15.000 passeggeri) contribuisce in modo importante all’andamento record del settore cruise della nostra Regione.\r\n \r\n«Il porto della Spezia ha raggiunto il record storico di attracchi di navi passeggeri, superando abbondantemente i livelli di traffico prepandemici – spiega Federica Montaresi, Segretario Generale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale - E molto ci aspettiamo dal prossimo futuro, che prevede la realizzazione entro il 2026 del nuovo molo crociere su Calata Paita, in grado di offrire nuovi accosti per navi da crociere in aggiunta al Molo Garibaldi, e la nuova Stazione Marittima, che verrà realizzata sul nuovo molo e in parte su Calata Paita, area oggi parte del porto commerciale che sarà interessata dal waterfront cittadino. Abbiamo investito non solo in infrastrutture, ma anche molto in sostenibilità. Fermo restando che anche nel contesto di questo summit sono stati mostrati i più innovativi sistemi per rendere sempre più ecologiche le navi passeggeri, l’AdSP sta avanzando con i lavori per l’elettrificazione di tutte le banchine che consentiranno lo spegnimento dei motori delle navi in sosta. Collaboriamo attivamente con la Capitaneria e l’amministrazione comunale per tenere monitorato il livello delle emissioni. Un futuro di nuove energie, non solo quelle legate all’efficientamento energetico e alla diversificazione delle fonti, ma anche quelle che verranno sprigionate con i nuovi investimenti e le importanti trasformazioni che interesseranno il nuovo waterfront per un migliore rapporto tra il porto e la città».\r\n \r\n ","post_title":"L’Adsp del Mar Ligure Orientale all’European Cruise Summit Clia, “importante fare sistema”","post_date":"2024-03-15T09:46:51+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1710496011000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463352","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ethiopian Airlines introdurrà nuovo volo trisettimanale tra Addis Abeba, in Etiopia, e Maun dal prossimo 10 giugno: Maun sarà la seconda destinazione del vettorein Botswana dopo Gaborone, che viene servita dal 2016.\r\n\r\nLa nuova rotta offrirà ai viaggiatori dall'Etiopia e di altre parti dell'Africa, un collegamento comodo e senza interruzioni con la destinazione turistica di Maun, che è la porta di accesso al Delta dell'Okavango, sito del patrimonio mondiale dell'Unesco e uno dei più grandi delta interni del mondo.\r\n\r\n«L'aggiunta di Maun alla nostra connettività africana consente ai viaggiatori da Maun di godere di una connettività agevolata con la vasta rete globale di Ethiopian Airlines che supera le 135 destinazioni - ha dichiarato il ceo del gruppo Ethiopian Airlines, Mesfin Tasew -. Maun è un'aggiunta strategica al nostro network in quanto ci permette di offrire ai passeggeri un'opportunità unica per esplorare la bellezza naturale e la ricca biodiversità del Botswana. Il nostro nuovo volo non solo rafforza il turismo, il commercio e i legami socio-economici complessivi tra il Botswana e le destinazioni globali di Ethiopian, ma ci consente anche di rafforzare il nostro contributo nella realizzazione dello sviluppo del trasporto aereo nel continente africano».","post_title":"Ethiopian Airlines raddoppia sul Botswana con la nuova rotta per Maun, dal 10 giugno","post_date":"2024-03-13T10:20:23+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1710325223000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463032","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair ha pubblicato il suo sondaggio sulle ota di marzo, che ha indicato eDreams come il portale che fa pagare ai clienti un 135% (23,50 euro) per un posto riservato che costa solo 10 euro su Ryanair.com.\r\n\r\nRyanair continua a fare campagna affinché tutti i consumatori siano protetti dai superprezzi delle ota, dai sovrapprezzi e dalle tariffe inventate, e invita nuovamente i governi di Regno Unito e Spagna e le agenzie dei consumatori dell’Ue ad agire per fermare questa gestione delle ota e per evitare che i consumatori debbano pagare sempre di più del dovuto.\r\n\r\n\"È inaccettabile che, nonostante questi atteggiamenti di alcune ota, i governi del Regno Unito e della Spagna e le agenzie dei consumatori dell’Ue non abbiano ancora intrapreso alcuna azione per proteggere i consumatori da queste azioni - ha affermato Dara Brady di Ryanair -. Ryanair continuerà a condurre una campagna contro alcune ota, e continuerà a chiedere che siano messi fuori legge e che le loro azioni anti-consumatore abbiano una fine”.","post_title":"Ryanair continua la battaglia contro le ota. Scontro diretto con eDreams","post_date":"2024-03-07T12:17:13+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1709813833000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462272","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non c'è tregua per Boeing sul fronte dei ritardi delle consegne dei 737 Max, nello specifico a Ryanair, che è pronta a chiedere risarcimenti mentre prevede un aumento delle tariffe attorno al 10% e si trova anche costretta a rivedere al ribasso il proprio target di passeggeri per l'esercizio in corso, che si chiuderà il prossimo 31 marzo.\r\n\r\nCome riportato dal Financial Times, Michael O'Leary, ceo del gruppo Ryanair, ha manifestato tutti i suoi dubbi su quanti 737 Max Boeing sarà in grado di consegnare in tempo utile per il picco estivo di traffico, sottolineando che la casa costruttrice statunitense è piombata in un \"pasticcio\" produttivo dopo l'incidente che lo scoro gennaio ha coinvolto un volo di Alaska Airlines.\r\n\r\n«È in corso un dibattito con Boeing per stabilire se abbiamo diritto a un risarcimento per questi ritardi nelle consegne» ha dichiarato O'Leary; la low cost attendeva infatti la consegna di 57 Boeing 737 Max 8200 durante il mese di marzo, ma ora si stima che solo 40-45 possano arrivare in tempo per la stagione estiva.\r\nPiccoli tagli\r\nConsiderando che l'operativo estivo 2024 si basa sull'arrivo di almeno 50 aeromobili da parte di Boeing, O'Leary ha dichiarato saranno effettuati \"piccoli tagli alla programmazione\" qualora arrivino solo 40 velivoli entro la fine di marzo. In particolare, saranno tagliate frequenze dalle rotte con più servizi giornalieri, per evitare disagi ai passeggeri. \r\n\r\nLa low cost irlandese prevede quindi di trasportare 183,5 milioni di passeggeri nell'esercizio finanziario che terminerà a marzo, in calo rispetto ai 185 milioni previsti originariamente. Tuttavia, O'Leary ha dichiarato che il problema del Boeing avrà ripercussioni sul numero di passeggeri anche nell'esercizio successivo, con una stima di \"200 milioni\" di passeggeri invece dei 205 milioni iniziali.","post_title":"Ryanair: risarcimenti da Boeing per i ritardi nelle consegne. Tariffe + 10%","post_date":"2024-02-27T09:00:39+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709024439000]}]}}

Lascia un commento