5 February 2023

1834

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

VENDESI AGENZIA DI VIAGGIO OPERANTE IN PROVINCIA DI AVELLINO DA 15 ANNI. OTTIMA POSIZIONE ( DI FRONTE TERMINAL BUS ED UFFICI PUBBLICI TERRITORIALI), COMPLETA DI ARREDAMENTI NUOVI, SISTEMI OPERATIVI, DUE POSTAZIONI DI LAVORO, OTTIMO PORTAFOGLIO CLIENTI, AMBIENTE CLIMATIZZATO E SISTEMA DI TELECAMERE A CIRCUITO CHIUSO. PREZZO INTERESSANTE. CONTATTARE SOLO SE REALMENTE INTERESSATI.
INFO: 340 1484920.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438376 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il gruppo Space Hotels chiude il 2022 con numeri decisamente positivi, grazie a un fatturato in crescita del 110% rispetto all’anno precedente. Il segmento che ha fatto rilevare il maggior incremento è stato in particolare il mice con un +169%. Anche solo perché nel 2022 si è tornati finalmente, dopo un lungo periodo di fermo, a organizzare eventi e meeting in presenza. Le principali città italiane in cui si è registrato il maggior numero di prenotazioni sono state quindi Roma con un +134%, Torino con un +36% e Caserta con un +32%. Bene anche Napoli e Pisa. A livello internazionale, invece, sono tornati a visitare la Penisola soprattutto dagli Stati Uniti facendo registrare un +370% e, a seguire, dal Regno Unito (+328%), nonché a pari merito da Germania e Francia (+207%). Per il 2023 Space Hotels annuncia quindi la ripresa della collaborazione con Hubsolute, che li rappresenterà anche in alcune delle principali fiere estere, con l’obiettivo di rafforzare la promozione sul mercato internazionale e in particolare negli Stati Uniti. Conferma, inoltre, dopo la Bit la presenza alle maggiori fiere del turismo italiane. La compagnia parteciperà inoltre, come di consueto, anche al World Travel Market di Londra che si terrà il prossimo novembre. Dopo questa sensibile ripresa, in Space Hotels si guarda dunque con ottimismo al futuro e si pianificano con entusiasmo i prossimi obiettivi, appuntamenti e occasioni di confronto. La Bit di Milano sarà così un momento importante, per incontrare allo stand A83 nel padiglione 3 i maggiori rappresentanti del gruppo: il presidente Franco Coppini, il direttore generale, Lidia Rescigno, il direttore marketing, Daniela Passeri, il vice presidente, Luigi Neri, e alcune delle responsabili vendite. [post_title] => Space Hotels: nel 2022 fatturato in crescita del 110% [post_date] => 2023-02-01T09:40:48+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675244448000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437719 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà una nave di 183 metri per circa 23 mila tonnellate di stazza lorda e 50 suite la prima unità da crociera lusso che il gruppo alberghiero Aman sta realizzando in collaborazione con Cruise Saudi, tramite la joint venture Neptune. Arrivano i primi dettagli del progetto Sama, ennesima incursione dell'hotellerie di alta gamma nel mondo dei viaggi sul mare. La costruzione della nave a doppia alimentazione è stata affidata ai cantieri genovesi T. Marriotti. Il design e gli interni saranno progettati da Sinot, yacht designer di fama mondiale, mentre De Wave, altro gruppo genovese, sarà responsabile delle finiture interne e Ortec Santamaria realizzerà gli impianti elettrici.  Il lancio del progetto Sama è previsto per il 2026; il suo nome ufficiale sarà annunciato prossimamente. "È per noi un privilegio avere l'opportunità di lavorare con Aman, attore di punta dell'ospitalità di alto livello", sottolinea Marco Ghiglione, amministratore delegato di T. Mariotti. “Questa commessa porterà valore aggiunto e opportunità di lavoro al nostro gruppo e a tutte le maestranze del territorio – aggiunge Riccardo Pompili, a.d. di De Wave – Genova si conferma al vertice delle capitali europee della cantieristica. Le aziende del territorio hanno dimostrato grande capacità di fare squadra per portare a casa risultati importantissimi”. [post_title] => Sarà costruita a Genova la prima nave da crociera del gruppo Aman [post_date] => 2023-01-23T10:10:25+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674468625000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436867 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Israele prosegue la propria marcia verso il recupero dei flussi turistici pre pandemia: nel 2022 i turisti stranieri sono stati 2,67 milioni, numero che resta però ancora al di sotto dei livelli 2019, quando gli arrivi avevano raggiunto la cifra record di 4,6 milioni. Secondo i dati del ministero del turismo, l'ammontare delle entrate dall'estero per il 2022 si attesta a oltre 3,8 miliardi di dollari. Il Ministero del Turismo sostiene che il numero di arrivi relativamente basso sia da imputare all'apertura 'tardiva' dei cieli israeliani (nel marzo 2022 ma, senza alcuna restrizione, tre mesi dopo, a maggio) rispetto ad altre destinazioni della regione o dell'Europa. Di conseguenza, il tasso di recupero dalla crisi di Israele risulta leggermente inferiore alla media globale. L'ottimismo però non manca visto che i numeri risultano in costante crescita, di mese in mese. "Nel dicembre 2022 sono stati registrati 266.000 turisti (rispetto ai 205.000 del dicembre 2021 e ai 358.300 del dicembre 2019), con un calo limitato al 25% circa rispetto al dicembre 2019". Numeri già da record, invece, per i pernottamenti 2022, che hanno superato i 20 milioni: "Si tratta di un numero record, maggiore rispetto al dato 2019 di 18,4 milioni" spiega una nota del Ministero del Turismo che attribuisce la crescita al forte aumento del numero di pernottamenti da parte degli israeliani. "Di conseguenza sono aumentate anche le entrate del turismo interno, fino a 4,8 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del 2019". [post_title] => Israele totalizza 2,67 milioni di arrivi stranieri nel 2022. Exploit del turismo domestico [post_date] => 2023-01-09T10:12:49+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673259169000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435930 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_331279" align="alignleft" width="300"] Sebastian Ebel[/caption] Fatturato quasi quadruplicato rispetto ai 12 mesi precedenti per il gruppo Tui, che ha chiuso lo scorso 30 settembre il proprio anno finanziario 2021-22 a quota 16,55 miliardi di euro, contro i 4,73 miliardi dell'esercizio 2020-21, attestandosi quindi su livelli non troppo lontani dei 18,93 miliardi del 2018-19. Bene anche l'utile operativo sottostante ante oneri finanziari e imposte (underlying ebit) che ritorna in territorio positivo per 409 milioni di euro, contro il rosso da -2,08 miliardi dell'anno scorso. Bottom line invece ancora negativa (-277,3 milioni) ma nettamente in miglioramento rispetto ai 2,47 miliardi di perdite dei 12 mesi precedenti. A trainare le performance dell'operatore tedesco un'ottima estate: nel quarto trimestre dell'anno fiscale (da luglio a settembre), Tui ha infatti generato 7,61 miliardi di ricavi (contro i 3,37 miliardi dello stesso periodo dell'esercizio precedente), assicurandosi un underlying ebit di 1,04 miliardi. "Il turismo rimane un'industria attrattiva e di ampio respiro. Lo rivelano tutti i fondamentali economici e i mega-trend di lungo periodo, che restano intatti - commenta il ceo del gruppo Tui, Sebastian Ebel -. Ci aspettiamo quindi un solido anno finanziario 2022-23, sebbene siamo consapevoli dei fattori di mercato esogeni che potrebbero avere un impatto negativo sul settore. Il nostro focus strategico punta ora a creare un'offerta più ampia che ci consenta di attrarre nuovi clienti". Il prossimo inverno, rivela una nota del gruppo, sarà ancora caratterizzato dalle sfide della guerra in Ucraina, dall'incremento dell'inflazione e dei costi energetici, nonché dalla volatilità dei tassi cambio e dagli strascichi della pandemia. Allo scorso 30 settembre, Tui aveva già venduto il 52% dei propri prodotti invernali. Un dato che vale il 134% della stagione precedente e l'84% di quella 2018-19. Crescono al contempo le tariffe medie: del 28% rispetto ai livelli pre-pandemia e del 7% in confronto all'inverno 2021/22. [post_title] => Tui rivede i livelli del 2019 e minimizza le perdite. Fatturato a 16,55 mld [post_date] => 2022-12-14T12:55:56+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671022556000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435787 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha effettuato ieri, 12 dicembre, la sua prima corsa il Nightjet, nuovo treno notturno che collega Austria e Germania con Genova e la Liguria. Il collegamento effettuato dalla compagnia ferroviaria austriaca Öbb in collaborazione con Trenitalia, avvicina Vienna, Salisburgo e Monaco di Baviera con La Spezia, Rapallo, Levanto e Genova. Il servizio è quotidiano e offre ai passeggeri tutto il relax possibile: nei vagoni cuccette e letto riceveranno un drink di benvenuto e la colazione servita direttamente nello scompartimento la mattina prima dell'arrivo. Nei Nightjet è possibile viaggiare in posti singoli in carrozza con posti a sedere, cuccette o vagone. Possibilità di viaggio anche per coloro che prediligono la massima privacy, grazie agli scompartimenti separati.  La partenza da La Spezia è prevista alle 17.10, mentre le tappe successive sono Levanto (17.37), Rapallo (18.34) e Genova Principe (19.50), con l’arrivo a Salisburgo previsto per le 6.49, a Vienna alle 8.52 e a Monaco alle 9.20. Il ritorno parte da Vienna alle 19:23, da Monaco di Baviera alle 20:10 e a Salisburgo alle 22:02 per arrivare a Genova Piazza Principe alle 9:38 e poi proseguire per Rapallo (10:12), Levanto (10:44) e La Spezia (11:10). I biglietti saranno disponibili a partire da 28,80 euro per persona e tratta in carrozza con posti a sedere, da 48,10 euro in carrozza cuccette e da 67,30 euro in vagone letto. «È motivo di grande soddisfazione essere qui oggi per dare il benvenuto al primo Nightjet che collega la Liguria con l’Austria e la Germania – ha affermato l’amministratore delegato di Trenitalia Luigi Corradi  - ulteriore conferma di quanto l’Europa sia strategica per Trenitalia e per tutto il Gruppo FS. Questo collegamento rappresenta una nuova porta di accesso al nostro Paese e offre, a tutti coloro che vorranno scoprire la Liguria, la possibilità di farlo in treno, mezzo green per eccellenza». «Siamo molto lieti che la rete europea di treni notturni stia ora crescendo ulteriormente grazie alla collaborazione con i nostri partner - ha sottolineato Klaus Garstenauer, membro del consiglio di amministrazione di Öbb-Personenverkehr -. Da Genova e dalla regione Liguria offriamo nuovi interessanti collegamenti Nightjet, che possono essere offerti ogni giorno in modo confortevole e rispettoso del clima.  Ad accogliere il nuovo Nightjet a Genova anche Ivana Jelinic ceo Enit: «Enit è sempre attenta a sostenere i vettori italiani che rappresentano il primo motore dell’industria turistica. Le infrastrutture sono priorità per l’economia turistica. Con Trenitalia abbiamo avviato una partnership che consente di valorizzare il patrimonio artistico, culturale e iconografico italiano a bordo dei treni. La sostenibilità legata a questo mezzo di trasporto è in linea con il turismo promosso dai piani Enit». [post_title] => Öbb e Trenitalia: operativo il Nightjet, nuovo treno notturno da Vienna e Monaco a Genova [post_date] => 2022-12-13T10:15:05+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670926505000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435332 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Per questo ponte dell’Immacolata saranno 12 milioni e 183 mila i concittadini che si metteranno in movimento nella festività dell’8 dicembre secondo l’indagine di Federalberghi, realizzata con il supporto tecnico dell’Istituto ACS Marketing Solutions ed effettuata tra il 23 ed il 28 novembre 2022 su un campione rappresentativo di oltre 3mila individui. “Grazie a un calendario favorevole, con la festività dell’8 dicembre che cade nella giornata di giovedì, molti italiani potranno concedersi una meritata vacanza. Ma il ponte dell’Immacolata è importante per tutta la comunità, perché genera un contributo importante per lo sviluppo del PIL e dell’occupazione” ha dichiarato il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca a commento dei risultati della ricerca. “Non saremo altrettanto fortunati invece in occasione delle festività natalizie – ha aggiunto Bocca – Sia il 25 dicembre che il 1° gennaio 2023 infatti, coincidono con la domenica. Da questo punto di vista, seppure soddisfatti della performance di questo ponte lungo, siamo prudenti nel cantar vittoria, in attesa di verificare che cosa accadrà in occasione del Natale”. “Gli elementi di maggior effetto che io ritengo siano da sottolineare hanno a che fare con un nuovo atteggiamento dell’italiano che viaggia – afferma il presidente di Federalberghi – Alla tendenza già consolidata di restare nel proprio paese, si aggiunge la rinnovata curiosità di imparare a conoscere fino in fondo il proprio territorio. Dai parchi, ai borghi, alle tradizioni enogastronomiche, ogni cosa è importante per consolidare la propria conoscenza di luoghi che si sono avuti sempre a portata di mano ma che, con l’esperienza della pandemia, sembrano diventati più interessanti”. “Si evidenzia inoltre un ritorno all’antico: a giudicare dai dati, gli italiani hanno ricominciato a prenotare con un certo anticipo, strutturandosi in modo molto più solido prima di affrontare una vacanza e dimostrando maggiore determinazione nella realizzazione del viaggio”. “Certo – ha concluso Bocca – ancora una volta abbiamo dovuto guardare in faccia la realtà, e cioè che la stragrande maggioranza delle scelte sono state fortemente condizionate dal proseguire del conflitto in Ucraina e dai conseguenti e drammatici rincari energetici che stiamo tutti vivendo sulla nostra pelle. Si tratta di una criticità che grava enormemente sul sistema turistico ricettivo e richiede soluzioni tempestive per il bene di tutto il Paese”. [post_title] => Ponte dell'Immacolata: 12 milioni di italiani in viaggio [post_date] => 2022-12-02T11:33:58+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669980838000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431926 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’arcipelago delle isole Baleari ha intrapreso un percorso di tutela e potenziamento con la “Legge sulla circolarità e sostenibilità nel turismo”. Poiché il turismo è il principale motore economico dell’arcipelago, il governo promuove l’arrivo dei visitatori tutti i mesi dell’anno, non solo durante l’estate, e prosegue il cammino intrapreso nel 2016, quando nacque l’ITS, l’Imposta per il Turismo Sostenibile delle Isole Baleari, volta a realizzare progetti sostenibili. I 261 milioni di euro raccolti fino a oggi sono stati suddivisi in 170 progetti di sostenibilità, uno dei quali porta tra i pendii della Serra Tramuntana, la catena montuosa che sorge nella parte nordoccidentale di Mallorca e che, per la sua bellezza, è patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Qui, al km.90 della strada verso Banyalbufar, l’estesa “finca” o tenuta La Planícia - dove un tempo si produceva l’olio - diverrà un “rifugio di montagna” per gli escursionisti che percorrono la Gran Ruta 221. Il territorio è affascinante: le verdi distese di ulivi, pini, mandorli e dei carrubi, tanto importanti per l’economia locale, sono suddivise da muretti a secco in pietra calcarea. I pendii scoscesi si tuffano nelle acque limpide. Le temperature medie invernali si attestano sui 19 gradi. Lungo il percorso si potrà visitare il monastero di Valldemossa che, nel 1838, ospitò Frédéric Chopin con la sua compagna, la letterata George Sand. E sarà anche possibile godere dell’accoglienza di Mallorca nei suoi alberghi: familiari, realizzati in materiali sostenibili o ospitati in antiche manifatture ristrutturate. Importante, infine, l’esperienza gastronomica, con ricette semplici e saporite che richiamano la tradizione contadina.   [gallery ids="431929,431930,431927"] [post_title] => La ricchezza delle Baleari in primo piano grazie al turismo sostenibile [post_date] => 2022-10-10T10:33:10+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665397990000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431846 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Oltre 100 milioni di euro di investimenti sulle marine già avviati o in programma entro il 2024. E’ quanto emerge dal report di ricerca di Risposte Turismo che contiene anche un approfondimento sul turismo nautico nei sette paesi che si affacciano sull’Adriatico. Con riferimento alle nuove marine in arrivo e agli investimenti in programma, tra la seconda parte del 2022 e il 2024 in Adriatico vedrà nuovi ormeggi in nove strutture (sette nuove e due progetti di espansione) per un totale di oltre 3 mila nuovi posti barca, con investimenti superiori ai 100 milioni di euro, tra Italia, Croazia e Albania. Dall’analisi delle marine nel versante italiano, oltre al completamento del porto turistico di San Pietro a Termoli, che prevede di aggiungere circa 100 ormeggi, e del porto turistico di San Foca (Lecce), il cui obiettivo è triplicare i 183 ormeggi attualmente disponibili, è prevista la costruzione di un nuovo porto turistico per superyacht (fino a 100 metri) a Bari, a fronte di un investimento di 36 milioni di euro, nell'ambito del progetto di riqualificazione del molo San Cataldo. Sul fronte croato, i lavori di costruzione del nuovo Aci Marina a Novalja, che ospiterà circa 300 posti barca, dovrebbero completarsi entro la fine di quest’anno. Mentre, entro la metà del 2023, la società croata Aci-Gitone dovrebbe iniziare i lavori di realizzazione del nuovo porto turistico di Porto Baroš a Fiume, che ospiterà 230 ormeggi e dovrebbe diventare operativo nel 2024. In completamento entro i prossimi due anni anche i progetti di espansione di Marina Korkyra a Vela Luka, che dovrebbe ampliare la sua capacità da 132 a 177 ormeggi, e di Marina Polesana a Pula, che dovrebbe dotarsi di 1.150 posti barca aggiuntivi. In Albania, dovrebbero portarsi a compimento il complesso di lusso Porto Albania nella penisola di Kalaja e Turrës, dotato di un porto turistico con oltre 700 ormeggi, nonché il nuovo progetto “Durres, Yachts and Marina” nel porto turistico di Durazzo. Un progetto che verrà presentato oggi nel corso di Adriatic Sea Forum e che si estenderà su 44 ettari e che prevede riqualificazioni turistiche e waterfront per ulteriori 140 milioni di euro. Analizzando la distribuzione geografica di strutture e posti barca, tra i Paesi che si affacciano sull’area l’Italia mantiene saldamente la propria leadership con 189 marine (56,1% del totale) e 48.677 posti barca (61,5% del totale). Sul secondo gradino del podio la Croazia (126 marine – 37,4% del totale – e quasi 21.000 posti barca – 26,4% del totale) davanti al Montenegro (3.545 posti barca – 4,5% del totale – e 8 marine – 2,4% del totale). «Con il nostro lavoro di ricerca – commenta Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo - abbiamo rilevato informazioni che ci consentono di tratteggiare un 2023 in crescita rispetto al 2022 per tutto il maritime tourism in Adriatico. Cresce l’offerta, cresce la domanda, frutto di investimenti, di rapidità da parte degli operatori a riprendere gli assetti pre-pandemici, così come di desiderio da parte dei turisti di tornare a fare vacanza. Tuttavia, i volumi non torneranno quelli registrati nel 2019. Questo vale per la crocieristica, che in Adriatico sconta anche l’accesso limitato delle navi a Venezia, vale per il traffico traghetti e aliscafi che, se da un lato non mostrerà differenze rilevanti rispetto al 2019, continua a non accelerare sul fronte dei collegamenti disponibili, e vale per la nautica dal momento che il numero di strutture disponibili lungo le coste dell’Adriatico, nonché il potenziale attrattivo delle diverse mete dell’area, potrebbero generare un traffico ben più ampio dell’attuale”. [post_title] => Turismo nautico in Adriatico, 100 milioni di investimenti tra Italia, Croazia e Albania entro il 2024 [post_date] => 2022-10-07T15:25:40+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665156340000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431459 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Giro d'affari in crescita per Destination Italia che nei primi sei mesi dell'anno registra ricavi per 7,1 milioni di euro, pari a un incremento di ben il 692% rispetto allo stesso semestre del 2021 (0,9 milioni), fortemente penalizzato dall'emergenza pandemica. Il risultato è particolarmente significativo perché, pur non tenendo ancora in conto i rilevanti flussi dei turisti propri dell’alta stagione, è paragonabile a quello realizzato in tutto l’esercizio 2021. Ciononostante i margini operativi lordi della compagnia continuano a rimanere in territorio negativo, seppure in lieve miglioramento rispetto al 2021 (ebitda a -0,8 milioni contro i -0,86 mln dell'anno scorso). Il risultato ante imposte segna quindi un saldo negativo per 1,4 milioni di euro (-1,2 milioni al 30 giugno 2021), mentre il risultato netto è pari a -1,4 mln (vs. -1,3 mln). Il gruppo registra infine una posizione finanziaria netta cash positive pari a 0,86 milioni euro, in miglioramento (+155%) rispetto ai 0,34 milioni del 31 dicembre 2021. Secondo il nuovo presidente di Destination Italia, Giulio Valiante "le prospettive per fine anno sono più che confortanti, benché ancora lontane dai valori pre-Covid dato lo stato di emergenza perdurato fino al 31 marzo 2022. La società ha certamente beneficiato delle positive condizioni di mercato derivanti dalle progressive aperture, nel secondo semestre dell’anno, rese possibili dall’attenuarsi del Covid-19. Tuttavia un grosso merito del successo è da attribuire anche alle strategie aziendali messe in campo dal management per fronteggiare l’epidemia prima, e per bilanciare gli effetti del conflitto russo-ucraino dopo; strategie che hanno puntato sull’innovazione tecnologica, sulle partnership strategiche e sull’apertura di nuovi mercati, oltre al potenziamento di quelli già presidiati, con clienti che oggi provengono da oltre 100 Paesi”. A conferma della tendenza positiva di mercato, alla data odierna il portafoglio ordini del gruppo, al lordo Iva, ha superato i 25 milioni di euro complessivi, con un incremento del 331% rispetto ai 5,8 milioni dell’analogo periodo 2021 e con un aumento di 5 milioni rispetto al portafoglio al 31 luglio 2022. Dal punto di vista geografico, l’Europa è la prima regione con il 27% delle prenotazioni, seguita dal Nord America con il 24%. Tra i singoli Paesi di origine spiccano Stati Uniti, Brasile, Spagna, Canada, Australia, Regno Unito e penisola Araba. Anche le prenotazioni Italia su Italia hanno contribuito a bilanciare il portafoglio ordini. Con riferimento alle linee di business, prosegue infine la crescita di Sono Travel Club: il brand che si rivolge al segmento del turismo di lusso, che oggi contribuisce per oltre il 34% del valore delle prenotazioni, con il rimanente 66% generato dalle linee di business Xml (la piattaforma di prenotazione automatica machine-to-machine) e Destination Italia (la linea di business tradizionale del gruppo). [post_title] => Crescono i ricavi ma conti ancora in rosso per Destination Italia [post_date] => 2022-09-30T13:58:09+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664546289000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1834" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":50,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438376","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il gruppo Space Hotels chiude il 2022 con numeri decisamente positivi, grazie a un fatturato in crescita del 110% rispetto all’anno precedente. Il segmento che ha fatto rilevare il maggior incremento è stato in particolare il mice con un +169%. Anche solo perché nel 2022 si è tornati finalmente, dopo un lungo periodo di fermo, a organizzare eventi e meeting in presenza.\r\n\r\nLe principali città italiane in cui si è registrato il maggior numero di prenotazioni sono state quindi Roma con un +134%, Torino con un +36% e Caserta con un +32%. Bene anche Napoli e Pisa. A livello internazionale, invece, sono tornati a visitare la Penisola soprattutto dagli Stati Uniti facendo registrare un +370% e, a seguire, dal Regno Unito (+328%), nonché a pari merito da Germania e Francia (+207%).\r\n\r\nPer il 2023 Space Hotels annuncia quindi la ripresa della collaborazione con Hubsolute, che li rappresenterà anche in alcune delle principali fiere estere, con l’obiettivo di rafforzare la promozione sul mercato internazionale e in particolare negli Stati Uniti. Conferma, inoltre, dopo la Bit la presenza alle maggiori fiere del turismo italiane. La compagnia parteciperà inoltre, come di consueto, anche al World Travel Market di Londra che si terrà il prossimo novembre.\r\n\r\nDopo questa sensibile ripresa, in Space Hotels si guarda dunque con ottimismo al futuro e si pianificano con entusiasmo i prossimi obiettivi, appuntamenti e occasioni di confronto. La Bit di Milano sarà così un momento importante, per incontrare allo stand A83 nel padiglione 3 i maggiori rappresentanti del gruppo: il presidente Franco Coppini, il direttore generale, Lidia Rescigno, il direttore marketing, Daniela Passeri, il vice presidente, Luigi Neri, e alcune delle responsabili vendite.","post_title":"Space Hotels: nel 2022 fatturato in crescita del 110%","post_date":"2023-02-01T09:40:48+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1675244448000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437719","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà una nave di 183 metri per circa 23 mila tonnellate di stazza lorda e 50 suite la prima unità da crociera lusso che il gruppo alberghiero Aman sta realizzando in collaborazione con Cruise Saudi, tramite la joint venture Neptune. Arrivano i primi dettagli del progetto Sama, ennesima incursione dell'hotellerie di alta gamma nel mondo dei viaggi sul mare. La costruzione della nave a doppia alimentazione è stata affidata ai cantieri genovesi T. Marriotti.\r\n\r\nIl design e gli interni saranno progettati da Sinot, yacht designer di fama mondiale, mentre De Wave, altro gruppo genovese, sarà responsabile delle finiture interne e Ortec Santamaria realizzerà gli impianti elettrici.  Il lancio del progetto Sama è previsto per il 2026; il suo nome ufficiale sarà annunciato prossimamente.\r\n\r\n\"È per noi un privilegio avere l'opportunità di lavorare con Aman, attore di punta dell'ospitalità di alto livello\", sottolinea Marco Ghiglione, amministratore delegato di T. Mariotti. “Questa commessa porterà valore aggiunto e opportunità di lavoro al nostro gruppo e a tutte le maestranze del territorio – aggiunge Riccardo Pompili, a.d. di De Wave – Genova si conferma al vertice delle capitali europee della cantieristica. Le aziende del territorio hanno dimostrato grande capacità di fare squadra per portare a casa risultati importantissimi”.","post_title":"Sarà costruita a Genova la prima nave da crociera del gruppo Aman","post_date":"2023-01-23T10:10:25+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674468625000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436867","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Israele prosegue la propria marcia verso il recupero dei flussi turistici pre pandemia: nel 2022 i turisti stranieri sono stati 2,67 milioni, numero che resta però ancora al di sotto dei livelli 2019, quando gli arrivi avevano raggiunto la cifra record di 4,6 milioni. Secondo i dati del ministero del turismo, l'ammontare delle entrate dall'estero per il 2022 si attesta a oltre 3,8 miliardi di dollari.\r\n\r\nIl Ministero del Turismo sostiene che il numero di arrivi relativamente basso sia da imputare all'apertura 'tardiva' dei cieli israeliani (nel marzo 2022 ma, senza alcuna restrizione, tre mesi dopo, a maggio) rispetto ad altre destinazioni della regione o dell'Europa. Di conseguenza, il tasso di recupero dalla crisi di Israele risulta leggermente inferiore alla media globale.\r\n\r\nL'ottimismo però non manca visto che i numeri risultano in costante crescita, di mese in mese. \"Nel dicembre 2022 sono stati registrati 266.000 turisti (rispetto ai 205.000 del dicembre 2021 e ai 358.300 del dicembre 2019), con un calo limitato al 25% circa rispetto al dicembre 2019\".\r\n\r\nNumeri già da record, invece, per i pernottamenti 2022, che hanno superato i 20 milioni: \"Si tratta di un numero record, maggiore rispetto al dato 2019 di 18,4 milioni\" spiega una nota del Ministero del Turismo che attribuisce la crescita al forte aumento del numero di pernottamenti da parte degli israeliani. \"Di conseguenza sono aumentate anche le entrate del turismo interno, fino a 4,8 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del 2019\".","post_title":"Israele totalizza 2,67 milioni di arrivi stranieri nel 2022. Exploit del turismo domestico","post_date":"2023-01-09T10:12:49+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1673259169000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435930","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_331279\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Sebastian Ebel[/caption]\r\n\r\nFatturato quasi quadruplicato rispetto ai 12 mesi precedenti per il gruppo Tui, che ha chiuso lo scorso 30 settembre il proprio anno finanziario 2021-22 a quota 16,55 miliardi di euro, contro i 4,73 miliardi dell'esercizio 2020-21, attestandosi quindi su livelli non troppo lontani dei 18,93 miliardi del 2018-19. Bene anche l'utile operativo sottostante ante oneri finanziari e imposte (underlying ebit) che ritorna in territorio positivo per 409 milioni di euro, contro il rosso da -2,08 miliardi dell'anno scorso. Bottom line invece ancora negativa (-277,3 milioni) ma nettamente in miglioramento rispetto ai 2,47 miliardi di perdite dei 12 mesi precedenti.\r\n\r\nA trainare le performance dell'operatore tedesco un'ottima estate: nel quarto trimestre dell'anno fiscale (da luglio a settembre), Tui ha infatti generato 7,61 miliardi di ricavi (contro i 3,37 miliardi dello stesso periodo dell'esercizio precedente), assicurandosi un underlying ebit di 1,04 miliardi. \"Il turismo rimane un'industria attrattiva e di ampio respiro. Lo rivelano tutti i fondamentali economici e i mega-trend di lungo periodo, che restano intatti - commenta il ceo del gruppo Tui, Sebastian Ebel -. Ci aspettiamo quindi un solido anno finanziario 2022-23, sebbene siamo consapevoli dei fattori di mercato esogeni che potrebbero avere un impatto negativo sul settore. Il nostro focus strategico punta ora a creare un'offerta più ampia che ci consenta di attrarre nuovi clienti\".\r\n\r\nIl prossimo inverno, rivela una nota del gruppo, sarà ancora caratterizzato dalle sfide della guerra in Ucraina, dall'incremento dell'inflazione e dei costi energetici, nonché dalla volatilità dei tassi cambio e dagli strascichi della pandemia. Allo scorso 30 settembre, Tui aveva già venduto il 52% dei propri prodotti invernali. Un dato che vale il 134% della stagione precedente e l'84% di quella 2018-19. Crescono al contempo le tariffe medie: del 28% rispetto ai livelli pre-pandemia e del 7% in confronto all'inverno 2021/22.","post_title":"Tui rivede i livelli del 2019 e minimizza le perdite. Fatturato a 16,55 mld","post_date":"2022-12-14T12:55:56+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1671022556000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435787","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ha effettuato ieri, 12 dicembre, la sua prima corsa il Nightjet, nuovo treno notturno che collega Austria e Germania con Genova e la Liguria. Il collegamento effettuato dalla compagnia ferroviaria austriaca Öbb in collaborazione con Trenitalia, avvicina Vienna, Salisburgo e Monaco di Baviera con La Spezia, Rapallo, Levanto e Genova. Il servizio è quotidiano e offre ai passeggeri tutto il relax possibile: nei vagoni cuccette e letto riceveranno un drink di benvenuto e la colazione servita direttamente nello scompartimento la mattina prima dell'arrivo.\r\nNei Nightjet è possibile viaggiare in posti singoli in carrozza con posti a sedere, cuccette o vagone. Possibilità di viaggio anche per coloro che prediligono la massima privacy, grazie agli scompartimenti separati.  La partenza da La Spezia è prevista alle 17.10, mentre le tappe successive sono Levanto (17.37), Rapallo (18.34) e Genova Principe (19.50), con l’arrivo a Salisburgo previsto per le 6.49, a Vienna alle 8.52 e a Monaco alle 9.20. Il ritorno parte da Vienna alle 19:23, da Monaco di Baviera alle 20:10 e a Salisburgo alle 22:02 per arrivare a Genova Piazza Principe alle 9:38 e poi proseguire per Rapallo (10:12), Levanto (10:44) e La Spezia (11:10). I biglietti saranno disponibili a partire da 28,80 euro per persona e tratta in carrozza con posti a sedere, da 48,10 euro in carrozza cuccette e da 67,30 euro in vagone letto.\r\n«È motivo di grande soddisfazione essere qui oggi per dare il benvenuto al primo Nightjet che collega la Liguria con l’Austria e la Germania – ha affermato l’amministratore delegato di Trenitalia Luigi Corradi  - ulteriore conferma di quanto l’Europa sia strategica per Trenitalia e per tutto il Gruppo FS. Questo collegamento rappresenta una nuova porta di accesso al nostro Paese e offre, a tutti coloro che vorranno scoprire la Liguria, la possibilità di farlo in treno, mezzo green per eccellenza».\r\n«Siamo molto lieti che la rete europea di treni notturni stia ora crescendo ulteriormente grazie alla collaborazione con i nostri partner - ha sottolineato Klaus Garstenauer, membro del consiglio di amministrazione di Öbb-Personenverkehr -. Da Genova e dalla regione Liguria offriamo nuovi interessanti collegamenti Nightjet, che possono essere offerti ogni giorno in modo confortevole e rispettoso del clima. \r\nAd accogliere il nuovo Nightjet a Genova anche Ivana Jelinic ceo Enit: «Enit è sempre attenta a sostenere i vettori italiani che rappresentano il primo motore dell’industria turistica. Le infrastrutture sono priorità per l’economia turistica. Con Trenitalia abbiamo avviato una partnership che consente di valorizzare il patrimonio artistico, culturale e iconografico italiano a bordo dei treni. La sostenibilità legata a questo mezzo di trasporto è in linea con il turismo promosso dai piani Enit».","post_title":"Öbb e Trenitalia: operativo il Nightjet, nuovo treno notturno da Vienna e Monaco a Genova","post_date":"2022-12-13T10:15:05+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670926505000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435332","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Per questo ponte dell’Immacolata saranno 12 milioni e 183 mila i concittadini che si metteranno in movimento nella festività dell’8 dicembre secondo l’indagine di Federalberghi, realizzata con il supporto tecnico dell’Istituto ACS Marketing Solutions ed effettuata tra il 23 ed il 28 novembre 2022 su un campione rappresentativo di oltre 3mila individui.\r\n\r\n“Grazie a un calendario favorevole, con la festività dell’8 dicembre che cade nella giornata di giovedì, molti italiani potranno concedersi una meritata vacanza. Ma il ponte dell’Immacolata è importante per tutta la comunità, perché genera un contributo importante per lo sviluppo del PIL e dell’occupazione” ha dichiarato il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca a commento dei risultati della ricerca.\r\n\r\n“Non saremo altrettanto fortunati invece in occasione delle festività natalizie – ha aggiunto Bocca – Sia il 25 dicembre che il 1° gennaio 2023 infatti, coincidono con la domenica. Da questo punto di vista, seppure soddisfatti della performance di questo ponte lungo, siamo prudenti nel cantar vittoria, in attesa di verificare che cosa accadrà in occasione del Natale”.\r\n\r\n“Gli elementi di maggior effetto che io ritengo siano da sottolineare hanno a che fare con un nuovo atteggiamento dell’italiano che viaggia – afferma il presidente di Federalberghi – Alla tendenza già consolidata di restare nel proprio paese, si aggiunge la rinnovata curiosità di imparare a conoscere fino in fondo il proprio territorio. Dai parchi, ai borghi, alle tradizioni enogastronomiche, ogni cosa è importante per consolidare la propria conoscenza di luoghi che si sono avuti sempre a portata di mano ma che, con l’esperienza della pandemia, sembrano diventati più interessanti”.\r\n\r\n“Si evidenzia inoltre un ritorno all’antico: a giudicare dai dati, gli italiani hanno ricominciato a prenotare con un certo anticipo, strutturandosi in modo molto più solido prima di affrontare una vacanza e dimostrando maggiore determinazione nella realizzazione del viaggio”.\r\n\r\n“Certo – ha concluso Bocca – ancora una volta abbiamo dovuto guardare in faccia la realtà, e cioè che la stragrande maggioranza delle scelte sono state fortemente condizionate dal proseguire del conflitto in Ucraina e dai conseguenti e drammatici rincari energetici che stiamo tutti vivendo sulla nostra pelle. Si tratta di una criticità che grava enormemente sul sistema turistico ricettivo e richiede soluzioni tempestive per il bene di tutto il Paese”.","post_title":"Ponte dell'Immacolata: 12 milioni di italiani in viaggio","post_date":"2022-12-02T11:33:58+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669980838000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431926","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" L’arcipelago delle isole Baleari ha intrapreso un percorso di tutela e potenziamento con la “Legge sulla circolarità e sostenibilità nel turismo”. Poiché il turismo è il principale motore economico dell’arcipelago, il governo promuove l’arrivo dei visitatori tutti i mesi dell’anno, non solo durante l’estate, e prosegue il cammino intrapreso nel 2016, quando nacque l’ITS, l’Imposta per il Turismo Sostenibile delle Isole Baleari, volta a realizzare progetti sostenibili.\r\n\r\nI 261 milioni di euro raccolti fino a oggi sono stati suddivisi in 170 progetti di sostenibilità, uno dei quali porta tra i pendii della Serra Tramuntana, la catena montuosa che sorge nella parte nordoccidentale di Mallorca e che, per la sua bellezza, è patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Qui, al km.90 della strada verso Banyalbufar, l’estesa “finca” o tenuta La Planícia - dove un tempo si produceva l’olio - diverrà un “rifugio di montagna” per gli escursionisti che percorrono la Gran Ruta 221. Il territorio è affascinante: le verdi distese di ulivi, pini, mandorli e dei carrubi, tanto importanti per l’economia locale, sono suddivise da muretti a secco in pietra calcarea. I pendii scoscesi si tuffano nelle acque limpide.\r\n\r\nLe temperature medie invernali si attestano sui 19 gradi. Lungo il percorso si potrà visitare il monastero di Valldemossa che, nel 1838, ospitò Frédéric Chopin con la sua compagna, la letterata George Sand. E sarà anche possibile godere dell’accoglienza di Mallorca nei suoi alberghi: familiari, realizzati in materiali sostenibili o ospitati in antiche manifatture ristrutturate. Importante, infine, l’esperienza gastronomica, con ricette semplici e saporite che richiamano la tradizione contadina.\r\n\r\n \r\n\r\n[gallery ids=\"431929,431930,431927\"]","post_title":"La ricchezza delle Baleari in primo piano grazie al turismo sostenibile","post_date":"2022-10-10T10:33:10+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1665397990000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431846","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Oltre 100 milioni di euro di investimenti sulle marine già avviati o in programma entro il 2024. E’ quanto emerge dal report di ricerca di Risposte Turismo che contiene anche un approfondimento sul turismo nautico nei sette paesi che si affacciano sull’Adriatico.\r\n\r\nCon riferimento alle nuove marine in arrivo e agli investimenti in programma, tra la seconda parte del 2022 e il 2024 in Adriatico vedrà nuovi ormeggi in nove strutture (sette nuove e due progetti di espansione) per un totale di oltre 3 mila nuovi posti barca, con investimenti superiori ai 100 milioni di euro, tra Italia, Croazia e Albania.\r\n\r\nDall’analisi delle marine nel versante italiano, oltre al completamento del porto turistico di San Pietro a Termoli, che prevede di aggiungere circa 100 ormeggi, e del porto turistico di San Foca (Lecce), il cui obiettivo è triplicare i 183 ormeggi attualmente disponibili, è prevista la costruzione di un nuovo porto turistico per superyacht (fino a 100 metri) a Bari, a fronte di un investimento di 36 milioni di euro, nell'ambito del progetto di riqualificazione del molo San Cataldo.\r\n\r\nSul fronte croato, i lavori di costruzione del nuovo Aci Marina a Novalja, che ospiterà circa 300 posti barca, dovrebbero completarsi entro la fine di quest’anno. Mentre, entro la metà del 2023, la società croata Aci-Gitone dovrebbe iniziare i lavori di realizzazione del nuovo porto turistico di Porto Baroš a Fiume, che ospiterà 230 ormeggi e dovrebbe diventare operativo nel 2024. In completamento entro i prossimi due anni anche i progetti di espansione di Marina Korkyra a Vela Luka, che dovrebbe ampliare la sua capacità da 132 a 177 ormeggi, e di Marina Polesana a Pula, che dovrebbe dotarsi di 1.150 posti barca aggiuntivi.\r\n\r\nIn Albania, dovrebbero portarsi a compimento il complesso di lusso Porto Albania nella penisola di Kalaja e Turrës, dotato di un porto turistico con oltre 700 ormeggi, nonché il nuovo progetto “Durres, Yachts and Marina” nel porto turistico di Durazzo. Un progetto che verrà presentato oggi nel corso di Adriatic Sea Forum e che si estenderà su 44 ettari e che prevede riqualificazioni turistiche e waterfront per ulteriori 140 milioni di euro.\r\n\r\nAnalizzando la distribuzione geografica di strutture e posti barca, tra i Paesi che si affacciano sull’area l’Italia mantiene saldamente la propria leadership con 189 marine (56,1% del totale) e 48.677 posti barca (61,5% del totale). Sul secondo gradino del podio la Croazia (126 marine – 37,4% del totale – e quasi 21.000 posti barca – 26,4% del totale) davanti al Montenegro (3.545 posti barca – 4,5% del totale – e 8 marine – 2,4% del totale).\r\n\r\n«Con il nostro lavoro di ricerca – commenta Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo - abbiamo rilevato informazioni che ci consentono di tratteggiare un 2023 in crescita rispetto al 2022 per tutto il maritime tourism in Adriatico. Cresce l’offerta, cresce la domanda, frutto di investimenti, di rapidità da parte degli operatori a riprendere gli assetti pre-pandemici, così come di desiderio da parte dei turisti di tornare a fare vacanza. Tuttavia, i volumi non torneranno quelli registrati nel 2019. Questo vale per la crocieristica, che in Adriatico sconta anche l’accesso limitato delle navi a Venezia, vale per il traffico traghetti e aliscafi che, se da un lato non mostrerà differenze rilevanti rispetto al 2019, continua a non accelerare sul fronte dei collegamenti disponibili, e vale per la nautica dal momento che il numero di strutture disponibili lungo le coste dell’Adriatico, nonché il potenziale attrattivo delle diverse mete dell’area, potrebbero generare un traffico ben più ampio dell’attuale”.","post_title":"Turismo nautico in Adriatico, 100 milioni di investimenti tra Italia, Croazia e Albania entro il 2024","post_date":"2022-10-07T15:25:40+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1665156340000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431459","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Giro d'affari in crescita per Destination Italia che nei primi sei mesi dell'anno registra ricavi per 7,1 milioni di euro, pari a un incremento di ben il 692% rispetto allo stesso semestre del 2021 (0,9 milioni), fortemente penalizzato dall'emergenza pandemica. Il risultato è particolarmente significativo perché, pur non tenendo ancora in conto i rilevanti flussi dei turisti propri dell’alta stagione, è paragonabile a quello realizzato in tutto l’esercizio 2021. Ciononostante i margini operativi lordi della compagnia continuano a rimanere in territorio negativo, seppure in lieve miglioramento rispetto al 2021 (ebitda a -0,8 milioni contro i -0,86 mln dell'anno scorso). Il risultato ante imposte segna quindi un saldo negativo per 1,4 milioni di euro (-1,2 milioni al 30 giugno 2021), mentre il risultato netto è pari a -1,4 mln (vs. -1,3 mln). Il gruppo registra infine una posizione finanziaria netta cash positive pari a 0,86 milioni euro, in miglioramento (+155%) rispetto ai 0,34 milioni del 31 dicembre 2021.\r\n\r\nSecondo il nuovo presidente di Destination Italia, Giulio Valiante \"le prospettive per fine anno sono più che confortanti, benché ancora lontane dai valori pre-Covid dato lo stato di emergenza perdurato fino al 31 marzo 2022. La società ha certamente beneficiato delle positive condizioni di mercato derivanti dalle progressive aperture, nel secondo semestre dell’anno, rese possibili dall’attenuarsi del Covid-19. Tuttavia un grosso merito del successo è da attribuire anche alle strategie aziendali messe in campo dal management per fronteggiare l’epidemia prima, e per bilanciare gli effetti del conflitto russo-ucraino dopo; strategie che hanno puntato sull’innovazione tecnologica, sulle partnership strategiche e sull’apertura di nuovi mercati, oltre al potenziamento di quelli già presidiati, con clienti che oggi provengono da oltre 100 Paesi”.\r\n\r\nA conferma della tendenza positiva di mercato, alla data odierna il portafoglio ordini del gruppo, al lordo Iva, ha superato i 25 milioni di euro complessivi, con un incremento del 331% rispetto ai 5,8 milioni dell’analogo periodo 2021 e con un aumento di 5 milioni rispetto al portafoglio al 31 luglio 2022. Dal punto di vista geografico, l’Europa è la prima regione con il 27% delle prenotazioni, seguita dal Nord America con il 24%. Tra i singoli Paesi di origine spiccano Stati Uniti, Brasile, Spagna, Canada, Australia, Regno Unito e penisola Araba. Anche le prenotazioni Italia su Italia hanno contribuito a bilanciare il portafoglio ordini. Con riferimento alle linee di business, prosegue infine la crescita di Sono Travel Club: il brand che si rivolge al segmento del turismo di lusso, che oggi contribuisce per oltre il 34% del valore delle prenotazioni, con il rimanente 66% generato dalle linee di business Xml (la piattaforma di prenotazione automatica machine-to-machine) e Destination Italia (la linea di business tradizionale del gruppo).","post_title":"Crescono i ricavi ma conti ancora in rosso per Destination Italia","post_date":"2022-09-30T13:58:09+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1664546289000]}]}}

Lascia un commento