1 March 2024

1749

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Ti piacerebbe lavorare in un team creativo e dinamico?
Ti piacerebbe contribuire a far crescere una nuova realtà aziendale?
Ti piacerebbe essere finalmente l’artefice della tua fortuna?
Se la risposta a queste domande è positiva allora probabilmente ti interesserà il resto:
Giovane azienda che opera nel settore dei servizi relativi al turismo e all‘ e-commerce cerca personale efficiente per ricoprire differenti ruoli operativi.
Requisiti fondamentali:
• ottima conoscenza della lingua italiana,
• ottima conoscenza dell’uso del computer,
• ottima dialettica e capacità relazionali,
• disponibilità immediata.
Luogo di lavoro, a seconda del ruolo, sia in sede che nel proprio domicilio.
Per informazioni contattare: info@mobytheway.com


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459102 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_459112" align="alignleft" width="300"] Un'immagine della serata di Trani[/caption] Proseguono le serate Azemar, che a fine anno hanno visto protagoniste due località della Puglia in collaborazione con Lux* Resorts & Hotels: giovedì 21 dicembre 2023, l'evento si è tenuto a Trani, nella cornice delle Lampare al Fortino, mentre venerdì 22 è stata la volta del ristorante la Battigia di Bari. Alle due serate hanno partecipato, per Azemar, Maila Lattanzio, in qualità di area sales Puglia e Basilicata, per Lux* la responsabile Italia, Spagna e Portogallo, Denise Cattaneo. [caption id="attachment_459113" align="alignright" width="300"] L'evento di Bari[/caption] Lux* è una collezione di resort e hotel a 5 stelle e 5 stelle lusso nell’oceano Indiano, tra Mauritius, Reunion e Maldive. Lo scorso 1° ottobre la compagnia ha visto l'attesissima riapertura del Lux* Belle Mare, 5 stelle da 174 suite e 12 ville situato sulla selvaggia costa orientale di Mauritius, immerso in lussureggianti giardini tropicali vicino al caratteristico villaggio omonimo. Dopo oltre un anno di lavori di ristrutturazione, il complesso, con la sua architettura progettata dall'architetto mauriziano Jean-Francois Adam, si presenta con un nuovo design, pur mantenendo il suo dna family-oriented. I nuovi interni dalle tonalità rilassanti, dove il minimalismo incontra lo stile tropicale, sono stati in particolare concepiti da Jean-Marc Tang, designer mauriziano di fama internazionale. Della collezione The Lux Collective, fanno parte anche i brand Tamassa e Salt, con i rispettivi Tamassa Bel Ombre e Salt of Palmar, sempre a Mauritius. Tra gli agenti di viaggio che hanno partecipato alla serata di Trani, Valeria della Gattinoni Point, Luigi, Giordano, Gianni e Anna Giulia della a Proposito di Viaggi, Gianluca e Valeria della Ormas Viaggi, Carmela della Cumira Viaggi, Nicola e Sebastiano della Vassallucci Viaggi, Simona e Antonio della My Mondo, Francesca e Antonio della Marviraise, Antonio della Matera Viaggi,  Gianluca della Bv Viaggi, Antonio della Astro Tour, Claudio della C&C, Leonardo della Tuttiviaggi, Loredana della Luci sul Mondo e Maddalena della Maddalena Colamussi. A Bari invece erano presenti sempre Valeria della Gattinoni Point e poi  Vito della Squadro Viaggi,  Simone della Safira Viaggi, Spillo e Roberta della i Viaggi di Spiro, Oronzo e Sabbino della Eurocomex, Manuel e Domenico della Aprile Viaggi, Domenica e Mariella della Vierre Viaggi, nonché Vito della Spazio Sole. [post_title] => Si sono svolte in Puglia le serate natalizie di Azemar in collaborazione con Lux* [post_date] => 2024-01-10T10:23:14+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704882194000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458568 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Fine anno, tempo di bilanci anche per la Grecia, dove - secondo i dati dell'Istituto dell'Associazione delle imprese turistiche greche (Insete) e della Banca di Grecia - quest'anno il turismo ha contribuito all'11,5% del Pil nazionale, stabilendo così un nuovo record. Secondo il rapporto annuale dell'Insete, il contributo diretto del turismo al Pil greco nel 2023 è stimato in 24 miliardi di euro, con cinque regioni che rappresentano quasi il 90% delle entrate del Paese, tre delle quali sono aree prettamente turistiche. Per quest'anno, in base alle stime della Banca Centrale, si prevede che le cifre del turismo greco superino i già elevati livelli del 2019 grazie alla crescita del comparto crocieristico. «Tuttavia, le prospettive per il 2024 potrebbero non essere così favorevoli, poiché permangono alcuni fattori di rischio, come il rallentamento dell'economia globale e la possibile escalation della guerra in Medio Oriente» ha precisato la Banca di Grecia. Finora, per il 2023, sulla base dei dati ufficiali e nonostante l'incertezza di inizio anno dovuta all'impatto delle pressioni inflazionistiche in corso sul reddito reale delle famiglie europee, la performance del settore può essere definita particolarmente positiva. Nel periodo gennaio-settembre 2023 gli incassi dei viaggi sono stati pari a 17,9 miliardi di euro, superando di 2,4 miliardi di euro i corrispondenti incassi del 2022 e di 1,8 miliardi di euro la performance del 2019, anno record per il turismo greco. Nel periodo gennaio-ottobre 2023, gli arrivi di visitatori stranieri in tutti gli aeroporti del Paese hanno superato del 13,1% i livelli del 2019. Inoltre, gli arrivi internazionali negli aeroporti regionali del Paese sono stati il 6,3% in più rispetto all'anno scorso e il 14,4% in più rispetto a quelli corrispondenti del 2019. In parallelo, il potenziale alberghiero del Paese appare rafforzato, con i posti letto totali e quelli degli hotel di lusso che superano quelli del 2022 e del 2019.  [post_title] => Grecia, ottima performance per il turismo: nel 2023 l'incidenza sul Pil sale all'11,5% [post_date] => 2023-12-22T09:35:15+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1703237715000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458556 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Numeri tutti in positivo per la Sac, società che gestisce gli aeroporti di Catania e Comiso, per il periodo natalizio e nel bilancio di chiusura dell’anno 2023. Le proiezioni per fine anno indicano una crescita del +6,3% per i viaggiatori che raggiungeranno quota 10.735.700 rispetto ai 10.099.441 del 2022. E per il periodo delle festività natalizie e di fine anno, dal 22 dicembre al 7 gennaio, la stima è quella di 3.320 movimenti (rispetto ai 2.896 del 2022), di cui 2.210 nazionali e 1.110 internazionali, questi ultimi con un incremento del 42,67%.  Sono invece 505.000 i viaggiatori previsti che transiteranno nello scalo catanese, registrando un aumento del +13,8%. Di questi, 333.000 nazionali e 172.000 internazionali (+38% rispetto al 2022). Per lo scalo catanese, tra le destinazioni nazionali preferite si confermano, come nel precedente ponte, Roma Fiumicino, Milano Linate e Milano Malpensa. Malta, Tirana e Bucarest Otopeni, invece, sono le mete estere più scelte dai passeggeri con volato su Malta incrementato di circa il 30%, mentre per le altre 2 realtà, più che raddoppiato. Anche l’aeroporto di Comiso chiude l’anno con il segno positivo. Nonostante il numero dei passeggeri abbia subito una flessione rispetto al 2022 (-16,8%) ed è previsto in calo anche a dicembre, il 2023 è stato un anno in crescita in termini di spostamenti che, infatti, hanno registrato un + 4,19% con 3459 movimenti rispetto ai 3320 del 2022.  Solo nel mese di dicembre, inoltre, sono previsti 179 movimenti contro i 157 effettivi dello scorso anno, segnando un +14%. Per il periodo delle feste di Natale, si stima che saranno 94 i movimenti contro gli 82 del 2022 con un incremento del 14,63%. Di questi, 80 sono nazionali (+15,94%) e 14 internazionali (+7,69%). Il numero dei passeggeri previsti per il ponte è di 10740 contro i 11797 effettivi dello scorso anno (-8,96%), di cui 9480 di tipo nazionale (-11,47%) e 1260 internazionali (+15,7%). Secondo il nuovo rapporto dell’Aci - Airports Council International Europe, l’aeroporto di Catania si piazza al quarto posto in Europa per crescita del traffico passeggeri, rispetto al periodo pre-pandemico. Secondo i dati, lo scalo siciliano ha registrato un incremento del +17% rispetto all'ottobre 2019, tra gli aeroporti europei con un volume tra 10 e 25 milioni di passeggeri annui. «Dopo una fase complessa per il settore aeroportuale, dovuta all’impatto della pandemia sulla mobilità e sul turismo, questo risultato conferma la traiettoria di crescita del nostro aeroporto ed è frutto di una collaborazione positiva tra il nostro team, i partner del comparto e le autorità locali e nazionali - ha dichiarato Nico Torrisi, ad di Sac -. La Sicilia è più che una destinazione: è un luogo riconosciuto in tutto il mondo per la sua bellezza, cultura e autenticità. Il notevole incremento delle attività aeroportuali dimostra l’interesse dei viaggiatori e la fiducia riposta nella qualità e nella sicurezza dei servizi offerti ai passeggeri. Guardiamo al futuro con determinazione e continueremo a impegnarci per elevare gli standard e consolidare la nostra posizione come hub di riferimento».   [post_title] => Aeroporto di Catania sugli scudi: previsti 505.000 viaggiatori per le festività [post_date] => 2023-12-22T09:15:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1703236545000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 457190 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Indicatori positivi da Trainline in vista del ponte dell'Immacolata: i dati evidenziano una volta di più la propensione degli italiani a scegliere il treno come mezzo di trasporto per spostarsi verso destinazioni domestiche ed estere durante le prossime festività. Secondo i numeri raccolti, il flusso di passeggeri che viaggeranno durante il fine settimana lungo è aumentato del 113% rispetto alla settimana precedente. In cima alla classifica delle destinazioni con il maggior incremento di passeggeri c’è la città tedesca di Monaco: la capitale della Baviera con i suoi mercatini di Natale ha visto infatti un aumento del 184% rispetto alla settimana precedente al ponte. A seguire Napoli (+179%) e Arezzo (+161%). Altre due destinazioni popolari durante questo periodo, grazie anche alla presenza dei mercatini di Natale, sono Innsbruck e Zurigo. Infine, sempre secondo i dati Trainline, il giorno e l’orario preferito dai viaggiatori in questo Ponte dell’Immacolata saranno le 7 di venerdì 8 dicembre. [post_title] => Trainline: prenotazioni a +113% per il ponte dell'Immacolata rispetto al week end precedente [post_date] => 2023-12-01T09:13:01+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1701421981000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 456412 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => New York è una delle indiscusse capitali culturali degli Stati Uniti. Percepita come emblematica del Nuovo Mondo, sarà perché l’abbiamo amata e ammirata in così tante pellicole cinematografiche e serie televisive, o perché il piano urbanistico di Manhattan, così caratteristico, a griglia, non permette di perdersi nemmeno a un bambino, ma la sensazione è quella di trovarsi a casa. Kibo propone per la prima volta New York tra le sue destinazioni e invita a soggiornarvi durante un periodo incredibilmente speciale: il Capodanno. Se ogni stagione in questa metropoli ha la sua peculiarità, il periodo della holiday season la ammanta di un fascino romantico senza uguali. Le luci, che già sono le protagoniste delle notti newyorchesi, si moltiplicano, le vetrine e le strade risplendono di addobbi a tema e l’atmosfera di festa si riverbera negli animi multiculturali della città. Imperdibili la pista di pattinaggio sul ghiaccio al Rockfeller Center, sotto al grande albero di Natale, o la più green Wollman Rink di Central Park, aperta nel lontano 1949, una serata in uno dei teatri di Broadway, che in questo periodo propongono spesso classici e musical, nonché una passeggiata tra i negozi più chic. Su tutto l’atmosfera di attesa che accompagna sempre la fine dell’anno vecchio e l’arrivo di quello nuovo, con lo sguardo rivolto al futuro e ai propri sogni da concretizzare. E chi vuole partecipare a un vero rito newyorchese non può perdere il tradizionale countdown di mezzanotte a Times Square. Kibo propone partenze con volo diretto da Milano, e cinque notti in hotel 4 stelle situati in pieno centro a Manhattan. La partenza del 29 dicembre 2023 prevede il soggiorno a Homewood Suites Times Square South, con le prime colazioni incluse, a partire da 2.086 euro a persona in camera doppia. La partenza del 30 dicembre 2023 prevede invece il soggiorno in solo pernottamento al rinnovato ed elegante Nh Collection Madison Avenue, a partire da 2.098 euro a persona in camera doppia. [post_title] => La prima volta di Kibo a New York: le proposte per Capodanno [post_date] => 2023-11-20T10:30:22+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1700476222000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 456220 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un notevole contributo. Definisce così l'apporto di Alpitour ai propri risultati consolidati al 30 settembre la Tamburi Investment Partners. Un giudizio estremamente positivo per il più grande operatore torinese, che nella relazione Tip viene tra l'altro citato nella primissima parte del comunicato. Frutto senz'altro del più che positivo andamento di una realtà "in forte crescita, che nel periodo ha consuntivato, per la prima volta nella sua storia, un primo semestre positivo a livello di ebitda e ha proseguito nel terzo trimestre (chiusosi a luglio) con ottime performance". Ma anche, viene da pensare, di uno sforzo comunicativo volto a presentare al meglio un asset che dallo scorso inizio ottobre è stato messo sul mercato. Le parole lusinghiere sulla più importante realtà del turismo organizzato italiano non finiscono peraltro qui: "I risultati economici raggiunti sino a luglio da Alpitour e gli ottimi dati preconsuntivi, inclusivi del periodo estivo, del quarto trimestre (chiuso al 30 ottobre e quindi non incluso nei risultati al 30 settembre di Tip) sono tali da consentire sia la previsione di un risultato estremamente positivo per l’esercizio in corso, sia una conferma della modifica strutturale, in positivo, grazie anche agli ingenti investimenti effettuati nel triennio precedente, oltre che al trend mondiale del turismo, sui suoi conti economici". In generale, sottolinea quindi il documento, "il gruppo Tip chiude i primi nove mesi del 2023 con un utile consolidato pro forma di 73,6 milioni di euro e con un patrimonio netto che raggiunge gli 1,29 miliardi, dopo distribuzioni di dividendi per 21,7 milioni e ulteriori acquisti di azioni proprie nel periodo per 15,6 milioni". Per quanto riguarda il prossimo futuro, infine, "noi, a meno di un allargamento dei conflitti bellici in essere o di altri eventi catastrofici, continuiamo a non vedere una forte recessione, neanche nella prima metà del 2024. Vediamo piuttosto un effetto rilevante del livello dei tassi di interesse, con banche centrali intenzionate a mantenerli elevati, con paesi costretti a emettere titoli in teoria a qualsiasi costo visto l’indebitamento accumulato e le difficoltà di rifinanziarlo e, non ultimo, con molte aziende nelle condizioni di non poter effettuare rimborsi a causa dell’espansione del circolante, dell’effetto economico dei tassi stessi e di una domanda meno dinamica. Con i tassi di interesse che permarranno più o meno ai livelli attuali per un po’ di tempo è perciò difficile che, in generale, i mercati finanziari crescano molto. Ci sarà però, assai probabilmente, una forte selezione perché chi potrà beneficiare della situazione lo farà. E pertanto le società poco indebitate riprenderanno ad accelerare la crescita, anche a livello di finanza straordinaria, sia per un più agevole accesso al credito, sia per una minore concorrenza da parte di chi faceva della leva finanziaria la principale chiave di sviluppo".   [post_title] => Tip: "Notevole il contributo" di Alpitour ai risultati dei primi tre trimestri [post_date] => 2023-11-16T13:13:45+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1700140425000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 456054 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Profitti al rialzo nei primi nove mesi 2023 dell'aeroporto di Bologna e passeggeri movimentati oltre i livelli pre-pandemia. «Le performance economico finanziarie ed i volumi di traffico registrati nel periodo in esame ci restituiscono l’istantanea di uno scalo che ha superato anche le più ottimistiche previsioni di inizio anno - ha commentato Nazareno Ventola, ad e direttore generale di Aeroporto Guglielmo Marconi -. Un risultato del quale siamo molto contenti e che è ancora più sorprendente e rilevante se pensiamo al contesto decisamente complicato nel quale è maturato. In tale scenario, lo scoppio del conflitto in Medio Oriente è sicuramente un nuovo fattore da monitorare, che va ad aggiungersi al protrarsi della guerra in Ucraina, alla congiuntura inflattiva e all’aumento del costo delle materie prime. Elementi, questi ultimi, che hanno condizionato le nostre marginalità». I primi nove mesi del 2023 hanno visto transitare complessivamente 7.716.841 passeggeri, con un +18,7% rispetto stesso periodo del 2022, ma anche un +7,5% sul 2019, ultimo anno pre-pandemia. Il riempimento medio degli aeromobili è stato dell’83,3% nel 2023, rispetto al 78,8% del 2022 e l’81,9% del 2019. Il risultato netto del periodo, interamente di competenza del Gruppo, si attesta a un utile di 14,7 milioni di euro, in forte recupero rispetto agli esercizi condizionati dalla pandemia ma ancora in difetto rispetto all’utile netto di 17,9 milioni di euro del 2019 (-18,1%).   [post_title] => Aeroporto Bologna: utile da 14,7 mln di euro nei primi nove mesi del 2023 [post_date] => 2023-11-15T09:48:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1700041688000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 455074 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Korean Air rilancia il rinnovo della flotta con un ordine per altri 20 Airbus A321neo. L'aeromobile a corridoio singolo è configurato con 182 posti - otto in classe Prestige e 174 in classe economica.  Il vettore coreano ha preso in consegna otto dei 30 esemplari inizialmente ordinati e la prima consegna è avvenuta nel dicembre 2022. La flotta di nuova generazione verrà impiegata su rotte di breve e medio raggio per servire il network della compagnia aerea nel Sud-est asiatico, in Cina e in Giappone. "L'A321neo è in linea con l'impegno di Korean Air di ridurre l'impronta di carbonio, fornendo al contempo servizi eccezionali. Il suo design contemporaneo, la tecnologia avanzata e gli interni spaziosi ridefiniscono l'esperienza di viaggio", ha dichiarato Jong Seok Yoo, executive vice president e chief safety & operating officer del vettore. Korean Air è impegnata nella modernizzazione della flotta per garantire la sicurezza operativa, la sostenibilità e una migliore esperienza dei passeggeri. Nei prossimi anni prenderà in consegna 110 nuovi aeromobili di nuova generazione, tra cui altri 20 A321neo; 10 Boeing 787-9; 20 Boeing 787-10 e 30 Boeing 737-8. Inoltre, la compagnia aerea ha già programmato il progressivo phase-out degli A330-300 e i Boeing 777-200Er. [post_title] => Korean Air rinnova la flotta con un ordine per altri 20 Airbus A321neo [post_date] => 2023-10-30T10:49:05+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1698662945000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 454806 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' il centro storico di Venezia, con un'indice di esposizione turistica pari a 0,76, l'area a maggior rischio di overtourim della regione Veneto. Il dato potrebbe sembrare scontato, ma non è così. Provando ad andare oltre a opinioni, percezioni soggettive e correnti di pensiero, Federalberghi Veneto e Sociometrica, in collaborazione con Teamwork e Cherry Bank, hanno provato a studiare il fenomeno in maniera sistematica tramite un approccio analitico e dati oggettivi. Il rapporto è quindi partito da una serie di indicatori fondati su dati disponibili e costanti nel tempo, che chiunque potesse verificare e che avessero un valore oggettivo. Quello più efficace è apparso così la Tourism Exposure (Esposizione al turismo), costituita a sua volta da due  indicatori fondamentali: l’intensità e l’estensione. Il comune di Lazise primo per intensità dell'overtourism L’intensità dell’overtourism valuta in particolare la concentrazione di turisti in una specifica area o destinazione durante un determinato periodo, rispetto alla popolazione locale. In altre parole quantifica la presenza turistica rispetto alla popolazione residente. In Veneto, ben il 65,5% dei comuni (su un totale di 563) è interessato al fenomeno turistico. Dai dati emerge come il comune di Lazise, in provincia di Verona, abbia il più elevato rapporto tra presenze turistiche e popolazione residente (1,5), vale a dire che i turisti in un giorno medio rappresentano il 150% della popolazione residente. Al secondo posto si colloca il comune di Cavallino-Treporti (1,4), seguito da San Michele al Tagliamento (1,3). Venezia, che non compare nella graduatoria dei primi 20 comuni del Veneto, merita un discorso a parte, in quanto l’indicatore cambia di molto se rapportato alla popolazione del centro storico (meno di 50 mila abitanti), dove notoriamente si svolge la vacanza, o se rapportato all’intera popolazione del comune (256.083 abitanti, dati Istat). Considerando i soli abitanti del centro storico, l’indicatore di intensità di turismo diventa 0,6, piazzando Venezia al nono posto della classifica.  L'estensione dell'overtourism è l'indice più critico per il centro storico di Venezia L’estensione dell’overtourism valuta invece la diffusione geografica dei turisti su un’area o regione più ampia, ossia guarda l’ampiezza della presenza turistica su un territorio. In questo caso, Venezia è l’unica realtà in cui lo studio considera distintamente l’area di maggiore attrazione turistica (ovviamente il centro storico e le sue isole) rispetto al resto del comune (Mestre e terraferma). La città balza quindi al primo posto della graduatoria registrando un’altissima densità: 3.845 turisti/kmq, anziché 94,7 considerando l’intero territorio comunale. Seguono, staccati di molto, il comune di Cavallino-Treporti con 410 turisti/kmq e una superficie di 44,7 kmq e Peschiera del Garda con 333 turisti/kmq e una superficie di 18,3 kmq. Il report sottolinea, da una parte, le difficoltà nel definire le zone da considerare a maggiore attrazione turistica pur all’interno dello stesso comune (si pensi per esempio ai differenti sestieri di Venezia) e, dall’altra, si reputa necessario considerare diversi elementi quali la natura del territorio, la distribuzione dei flussi al suo interno, l’organizzazione della logistica... Il report considera poi le presenze extra alberghiere e quelle derivanti dalle locazioni turistiche brevi. La classifica non cambia molto sul fronte delle posizioni, ma moltissimo nei valori assoluti: l’isola di Venezia sfiora quota 5.050 turisti/kmq (5.048,5 per l’esattezza), mentre per Cavallino-Treporti la differenza è lievissima (da 410 a 416 turisti/kmq) e così dicasi per Peschiera del Garda (da 333 a 366 turisti/kmq). Si può parlare di overtourism quando la Tourism Exposure è sopra quota 0,75 Una volta calcolati questi due indicatori (intensità ed estensione), lo studio si occupa quindi di normalizzarli, vale a dire di considerarli su una scala comune comparabile, e poi di combinarli insieme, per creare l’indicatore fondamentale sintetico della Tourism Exposure. È calcolato a zero a uno: dove le destinazioni raggiungono il valore zero significa che in quelle località sia l’intensità sia l’estensione del fenomeno turistico è minimo, o del tutto inesistente. Nel caso in cui il valore è invece uno significa che si è in presenza della massima esposizione del comune al fenomeno turistico. Ecco allora, come si segnalava all'inizio, che in sintesi, unendo i due indici, Venezia centro storico risulta al primo posto, raggiungendo il valore di 0,76. Ciò significa che, rispetto a una teorica saturazione totale della popolazione e del territorio dell’isola di Venezia rispetto al turismo, saremmo a quota 76% con un massimo teorico del 100%. Se invece, considerassimo Venezia in quanto comune, perciò considerando sia il totale della popolazione, sia il totale dell’estensione del comune, allora il comune nella sua interezza sarebbe al ventottesimo posto. Al secondo posto si colloca Lazise, con l’indice combinato dello 0,52, seguito da San Michele al Tagliamento a pari merito con cavallino Treporti (0,49). Anche nel caso di questo indicatore sintetico e generale, risulta però difficile definire un valore oltre il quale vi sia un totale e complessivo overtourism, se non quando si raggiunga il valore massimo di uno o ci si collochi nelle sue vicinanze. Tuttavia, sottolinea l’analisi redatta da Sociometrica, è possibile predisporre indicativamente il paletto dello 0,75: valore di saturazione oltre cui la presenza turistica diventa difficilmente sostenibile e si innescano meccanismi negativi sia dal lato della domanda, perché i turisti non visiterebbero due volte una località troppo affollata, sia dal lato della residenzialità, perché la qualità della vita degli abitanti risulterebbe compromessa.   [post_title] => Fenomeno overtourism: un'indagine veneta ne prova a dare una definizione scientifica [post_date] => 2023-10-25T12:30:40+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1698237040000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1749" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":67,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459102","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_459112\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un'immagine della serata di Trani[/caption]\r\n\r\nProseguono le serate Azemar, che a fine anno hanno visto protagoniste due località della Puglia in collaborazione con Lux* Resorts & Hotels: giovedì 21 dicembre 2023, l'evento si è tenuto a Trani, nella cornice delle Lampare al Fortino, mentre venerdì 22 è stata la volta del ristorante la Battigia di Bari. Alle due serate hanno partecipato, per Azemar, Maila Lattanzio, in qualità di area sales Puglia e Basilicata, per Lux* la responsabile Italia, Spagna e Portogallo, Denise Cattaneo.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_459113\" align=\"alignright\" width=\"300\"] L'evento di Bari[/caption]\r\n\r\nLux* è una collezione di resort e hotel a 5 stelle e 5 stelle lusso nell’oceano Indiano, tra Mauritius, Reunion e Maldive. Lo scorso 1° ottobre la compagnia ha visto l'attesissima riapertura del Lux* Belle Mare, 5 stelle da 174 suite e 12 ville situato sulla selvaggia costa orientale di Mauritius, immerso in lussureggianti giardini tropicali vicino al caratteristico villaggio omonimo. Dopo oltre un anno di lavori di ristrutturazione, il complesso, con la sua architettura progettata dall'architetto mauriziano Jean-Francois Adam, si presenta con un nuovo design, pur mantenendo il suo dna family-oriented. I nuovi interni dalle tonalità rilassanti, dove il minimalismo incontra lo stile tropicale, sono stati in particolare concepiti da Jean-Marc Tang, designer mauriziano di fama internazionale. Della collezione The Lux Collective, fanno parte anche i brand Tamassa e Salt, con i rispettivi Tamassa Bel Ombre e Salt of Palmar, sempre a Mauritius.\r\n\r\nTra gli agenti di viaggio che hanno partecipato alla serata di Trani, Valeria della Gattinoni Point, Luigi, Giordano, Gianni e Anna Giulia della a Proposito di Viaggi, Gianluca e Valeria della Ormas Viaggi, Carmela della Cumira Viaggi, Nicola e Sebastiano della Vassallucci Viaggi, Simona e Antonio della My Mondo, Francesca e Antonio della Marviraise, Antonio della Matera Viaggi,  Gianluca della Bv Viaggi, Antonio della Astro Tour, Claudio della C&C, Leonardo della Tuttiviaggi, Loredana della Luci sul Mondo e Maddalena della Maddalena Colamussi.\r\n\r\nA Bari invece erano presenti sempre Valeria della Gattinoni Point e poi  Vito della Squadro Viaggi,  Simone della Safira Viaggi, Spillo e Roberta della i Viaggi di Spiro, Oronzo e Sabbino della Eurocomex, Manuel e Domenico della Aprile Viaggi, Domenica e Mariella della Vierre Viaggi, nonché Vito della Spazio Sole.","post_title":"Si sono svolte in Puglia le serate natalizie di Azemar in collaborazione con Lux*","post_date":"2024-01-10T10:23:14+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1704882194000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458568","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Fine anno, tempo di bilanci anche per la Grecia, dove - secondo i dati dell'Istituto dell'Associazione delle imprese turistiche greche (Insete) e della Banca di Grecia - quest'anno il turismo ha contribuito all'11,5% del Pil nazionale, stabilendo così un nuovo record.\r\n\r\nSecondo il rapporto annuale dell'Insete, il contributo diretto del turismo al Pil greco nel 2023 è stimato in 24 miliardi di euro, con cinque regioni che rappresentano quasi il 90% delle entrate del Paese, tre delle quali sono aree prettamente turistiche.\r\n\r\nPer quest'anno, in base alle stime della Banca Centrale, si prevede che le cifre del turismo greco superino i già elevati livelli del 2019 grazie alla crescita del comparto crocieristico. «Tuttavia, le prospettive per il 2024 potrebbero non essere così favorevoli, poiché permangono alcuni fattori di rischio, come il rallentamento dell'economia globale e la possibile escalation della guerra in Medio Oriente» ha precisato la Banca di Grecia.\r\n\r\nFinora, per il 2023, sulla base dei dati ufficiali e nonostante l'incertezza di inizio anno dovuta all'impatto delle pressioni inflazionistiche in corso sul reddito reale delle famiglie europee, la performance del settore può essere definita particolarmente positiva. Nel periodo gennaio-settembre 2023 gli incassi dei viaggi sono stati pari a 17,9 miliardi di euro, superando di 2,4 miliardi di euro i corrispondenti incassi del 2022 e di 1,8 miliardi di euro la performance del 2019, anno record per il turismo greco.\r\n\r\nNel periodo gennaio-ottobre 2023, gli arrivi di visitatori stranieri in tutti gli aeroporti del Paese hanno superato del 13,1% i livelli del 2019. Inoltre, gli arrivi internazionali negli aeroporti regionali del Paese sono stati il 6,3% in più rispetto all'anno scorso e il 14,4% in più rispetto a quelli corrispondenti del 2019.\r\n\r\nIn parallelo, il potenziale alberghiero del Paese appare rafforzato, con i posti letto totali e quelli degli hotel di lusso che superano quelli del 2022 e del 2019. ","post_title":"Grecia, ottima performance per il turismo: nel 2023 l'incidenza sul Pil sale all'11,5%","post_date":"2023-12-22T09:35:15+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1703237715000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458556","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Numeri tutti in positivo per la Sac, società che gestisce gli aeroporti di Catania e Comiso, per il periodo natalizio e nel bilancio di chiusura dell’anno 2023. Le proiezioni per fine anno indicano una crescita del +6,3% per i viaggiatori che raggiungeranno quota 10.735.700 rispetto ai 10.099.441 del 2022.\r\n\r\nE per il periodo delle festività natalizie e di fine anno, dal 22 dicembre al 7 gennaio, la stima è quella di 3.320 movimenti (rispetto ai 2.896 del 2022), di cui 2.210 nazionali e 1.110 internazionali, questi ultimi con un incremento del 42,67%.  Sono invece 505.000 i viaggiatori previsti che transiteranno nello scalo catanese, registrando un aumento del +13,8%. Di questi, 333.000 nazionali e 172.000 internazionali (+38% rispetto al 2022).\r\n\r\nPer lo scalo catanese, tra le destinazioni nazionali preferite si confermano, come nel precedente ponte, Roma Fiumicino, Milano Linate e Milano Malpensa. Malta, Tirana e Bucarest Otopeni, invece, sono le mete estere più scelte dai passeggeri con volato su Malta incrementato di circa il 30%, mentre per le altre 2 realtà, più che raddoppiato.\r\n\r\nAnche l’aeroporto di Comiso chiude l’anno con il segno positivo. Nonostante il numero dei passeggeri abbia subito una flessione rispetto al 2022 (-16,8%) ed è previsto in calo anche a dicembre, il 2023 è stato un anno in crescita in termini di spostamenti che, infatti, hanno registrato un + 4,19% con 3459 movimenti rispetto ai 3320 del 2022.  Solo nel mese di dicembre, inoltre, sono previsti 179 movimenti contro i 157 effettivi dello scorso anno, segnando un +14%.\r\n\r\nPer il periodo delle feste di Natale, si stima che saranno 94 i movimenti contro gli 82 del 2022 con un incremento del 14,63%. Di questi, 80 sono nazionali (+15,94%) e 14 internazionali (+7,69%). Il numero dei passeggeri previsti per il ponte è di 10740 contro i 11797 effettivi dello scorso anno (-8,96%), di cui 9480 di tipo nazionale (-11,47%) e 1260 internazionali (+15,7%).\r\n\r\nSecondo il nuovo rapporto dell’Aci - Airports Council International Europe, l’aeroporto di Catania si piazza al quarto posto in Europa per crescita del traffico passeggeri, rispetto al periodo pre-pandemico. Secondo i dati, lo scalo siciliano ha registrato un incremento del +17% rispetto all'ottobre 2019, tra gli aeroporti europei con un volume tra 10 e 25 milioni di passeggeri annui.\r\n«Dopo una fase complessa per il settore aeroportuale, dovuta all’impatto della pandemia sulla mobilità e sul turismo, questo risultato conferma la traiettoria di crescita del nostro aeroporto ed è frutto di una collaborazione positiva tra il nostro team, i partner del comparto e le autorità locali e nazionali - ha dichiarato Nico Torrisi, ad di Sac -. La Sicilia è più che una destinazione: è un luogo riconosciuto in tutto il mondo per la sua bellezza, cultura e autenticità. Il notevole incremento delle attività aeroportuali dimostra l’interesse dei viaggiatori e la fiducia riposta nella qualità e nella sicurezza dei servizi offerti ai passeggeri. Guardiamo al futuro con determinazione e continueremo a impegnarci per elevare gli standard e consolidare la nostra posizione come hub di riferimento».\r\n ","post_title":"Aeroporto di Catania sugli scudi: previsti 505.000 viaggiatori per le festività","post_date":"2023-12-22T09:15:45+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1703236545000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"457190","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Indicatori positivi da Trainline in vista del ponte dell'Immacolata: i dati evidenziano una volta di più la propensione degli italiani a scegliere il treno come mezzo di trasporto per spostarsi verso destinazioni domestiche ed estere durante le prossime festività.\r\n\r\nSecondo i numeri raccolti, il flusso di passeggeri che viaggeranno durante il fine settimana lungo è aumentato del 113% rispetto alla settimana precedente. In cima alla classifica delle destinazioni con il maggior incremento di passeggeri c’è la città tedesca di Monaco: la capitale della Baviera con i suoi mercatini di Natale ha visto infatti un aumento del 184% rispetto alla settimana precedente al ponte. A seguire Napoli (+179%) e Arezzo (+161%).\r\n\r\nAltre due destinazioni popolari durante questo periodo, grazie anche alla presenza dei mercatini di Natale, sono Innsbruck e Zurigo.\r\n\r\nInfine, sempre secondo i dati Trainline, il giorno e l’orario preferito dai viaggiatori in questo Ponte dell’Immacolata saranno le 7 di venerdì 8 dicembre.","post_title":"Trainline: prenotazioni a +113% per il ponte dell'Immacolata rispetto al week end precedente","post_date":"2023-12-01T09:13:01+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1701421981000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"456412","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"New York è una delle indiscusse capitali culturali degli Stati Uniti. Percepita come emblematica del Nuovo Mondo, sarà perché l’abbiamo amata e ammirata in così tante pellicole cinematografiche e serie televisive, o perché il piano urbanistico di Manhattan, così caratteristico, a griglia, non permette di perdersi nemmeno a un bambino, ma la sensazione è quella di trovarsi a casa. Kibo propone per la prima volta New York tra le sue destinazioni e invita a soggiornarvi durante un periodo incredibilmente speciale: il Capodanno. \r\n\r\nSe ogni stagione in questa metropoli ha la sua peculiarità, il periodo della holiday season la ammanta di un fascino romantico senza uguali. Le luci, che già sono le protagoniste delle notti newyorchesi, si moltiplicano, le vetrine e le strade risplendono di addobbi a tema e l’atmosfera di festa si riverbera negli animi multiculturali della città. Imperdibili la pista di pattinaggio sul ghiaccio al Rockfeller Center, sotto al grande albero di Natale, o la più green Wollman Rink di Central Park, aperta nel lontano 1949, una serata in uno dei teatri di Broadway, che in questo periodo propongono spesso classici e musical, nonché una passeggiata tra i negozi più chic. Su tutto l’atmosfera di attesa che accompagna sempre la fine dell’anno vecchio e l’arrivo di quello nuovo, con lo sguardo rivolto al futuro e ai propri sogni da concretizzare. E chi vuole partecipare a un vero rito newyorchese non può perdere il tradizionale countdown di mezzanotte a Times Square.\r\n\r\nKibo propone partenze con volo diretto da Milano, e cinque notti in hotel 4 stelle situati in pieno centro a Manhattan. La partenza del 29 dicembre 2023 prevede il soggiorno a Homewood Suites Times Square South, con le prime colazioni incluse, a partire da 2.086 euro a persona in camera doppia. La partenza del 30 dicembre 2023 prevede invece il soggiorno in solo pernottamento al rinnovato ed elegante Nh Collection Madison Avenue, a partire da 2.098 euro a persona in camera doppia.","post_title":"La prima volta di Kibo a New York: le proposte per Capodanno","post_date":"2023-11-20T10:30:22+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1700476222000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"456220","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un notevole contributo. Definisce così l'apporto di Alpitour ai propri risultati consolidati al 30 settembre la Tamburi Investment Partners. Un giudizio estremamente positivo per il più grande operatore torinese, che nella relazione Tip viene tra l'altro citato nella primissima parte del comunicato. Frutto senz'altro del più che positivo andamento di una realtà \"in forte crescita, che nel periodo ha consuntivato, per la prima volta nella sua storia, un primo semestre positivo a livello di ebitda e ha proseguito nel terzo trimestre (chiusosi a luglio) con ottime performance\". Ma anche, viene da pensare, di uno sforzo comunicativo volto a presentare al meglio un asset che dallo scorso inizio ottobre è stato messo sul mercato.\r\n\r\nLe parole lusinghiere sulla più importante realtà del turismo organizzato italiano non finiscono peraltro qui: \"I risultati economici raggiunti sino a luglio da Alpitour e gli ottimi dati preconsuntivi, inclusivi del periodo estivo, del quarto trimestre (chiuso al 30 ottobre e quindi non incluso nei risultati al 30 settembre di Tip) sono tali da consentire sia la previsione di un risultato estremamente positivo per l’esercizio in corso, sia una conferma della modifica strutturale, in positivo, grazie anche agli ingenti investimenti effettuati nel triennio precedente, oltre che al trend mondiale del turismo, sui suoi conti economici\".\r\n\r\nIn generale, sottolinea quindi il documento, \"il gruppo Tip chiude i primi nove mesi del 2023 con un utile consolidato pro forma di 73,6 milioni di euro e con un patrimonio netto che raggiunge gli 1,29 miliardi, dopo distribuzioni di dividendi per 21,7 milioni e ulteriori acquisti di azioni proprie nel periodo per 15,6 milioni\".\r\n\r\nPer quanto riguarda il prossimo futuro, infine, \"noi, a meno di un allargamento dei conflitti bellici in essere o di altri eventi catastrofici, continuiamo a non vedere una forte recessione, neanche nella prima metà del 2024. Vediamo piuttosto un effetto rilevante del livello dei tassi di interesse, con banche centrali intenzionate a mantenerli elevati, con paesi costretti a emettere titoli in teoria a qualsiasi costo visto l’indebitamento accumulato e le difficoltà di rifinanziarlo e, non ultimo, con molte aziende nelle condizioni di non poter effettuare rimborsi a causa dell’espansione del circolante, dell’effetto economico dei tassi stessi e di una domanda meno dinamica. Con i tassi di interesse che permarranno più o meno ai livelli attuali per un po’ di tempo è perciò difficile che, in generale, i mercati finanziari crescano molto. Ci sarà però, assai probabilmente, una forte selezione perché chi potrà beneficiare della situazione lo farà. E pertanto le società poco indebitate riprenderanno ad accelerare la crescita, anche a livello di finanza straordinaria, sia per un più agevole accesso al credito, sia per una minore concorrenza da parte di chi faceva della leva finanziaria la principale chiave di sviluppo\".\r\n\r\n ","post_title":"Tip: \"Notevole il contributo\" di Alpitour ai risultati dei primi tre trimestri","post_date":"2023-11-16T13:13:45+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1700140425000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"456054","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Profitti al rialzo nei primi nove mesi 2023 dell'aeroporto di Bologna e passeggeri movimentati oltre i livelli pre-pandemia. «Le performance economico finanziarie ed i volumi di traffico registrati nel periodo in esame ci restituiscono l’istantanea di uno scalo che ha superato anche le più ottimistiche previsioni di inizio anno - ha commentato Nazareno Ventola, ad e direttore generale di Aeroporto Guglielmo Marconi -. Un risultato del quale siamo molto contenti e che è ancora più sorprendente e rilevante se pensiamo al contesto decisamente complicato nel quale è maturato. In tale scenario, lo scoppio del conflitto in Medio Oriente è sicuramente un nuovo fattore da monitorare, che va ad aggiungersi al protrarsi della guerra in Ucraina, alla congiuntura inflattiva e all’aumento del costo delle materie prime. Elementi, questi ultimi, che hanno condizionato le nostre marginalità».\r\nI primi nove mesi del 2023 hanno visto transitare complessivamente 7.716.841 passeggeri, con un +18,7% rispetto stesso periodo del 2022, ma anche un +7,5% sul 2019, ultimo anno pre-pandemia. Il riempimento medio degli aeromobili è stato dell’83,3% nel 2023, rispetto al 78,8% del 2022 e l’81,9% del 2019.\r\n\r\nIl risultato netto del periodo, interamente di competenza del Gruppo, si attesta a un utile di 14,7 milioni di euro, in forte recupero rispetto agli esercizi condizionati dalla pandemia ma ancora in difetto rispetto all’utile netto di 17,9 milioni di euro del 2019 (-18,1%).\r\n ","post_title":"Aeroporto Bologna: utile da 14,7 mln di euro nei primi nove mesi del 2023","post_date":"2023-11-15T09:48:08+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1700041688000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"455074","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Korean Air rilancia il rinnovo della flotta con un ordine per altri 20 Airbus A321neo. L'aeromobile a corridoio singolo è configurato con 182 posti - otto in classe Prestige e 174 in classe economica. \r\n\r\nIl vettore coreano ha preso in consegna otto dei 30 esemplari inizialmente ordinati e la prima consegna è avvenuta nel dicembre 2022. La flotta di nuova generazione verrà impiegata su rotte di breve e medio raggio per servire il network della compagnia aerea nel Sud-est asiatico, in Cina e in Giappone.\r\n\r\n\"L'A321neo è in linea con l'impegno di Korean Air di ridurre l'impronta di carbonio, fornendo al contempo servizi eccezionali. Il suo design contemporaneo, la tecnologia avanzata e gli interni spaziosi ridefiniscono l'esperienza di viaggio\", ha dichiarato Jong Seok Yoo, executive vice president e chief safety & operating officer del vettore.\r\n\r\nKorean Air è impegnata nella modernizzazione della flotta per garantire la sicurezza operativa, la sostenibilità e una migliore esperienza dei passeggeri. Nei prossimi anni prenderà in consegna 110 nuovi aeromobili di nuova generazione, tra cui altri 20 A321neo; 10 Boeing 787-9; 20 Boeing 787-10 e 30 Boeing 737-8. Inoltre, la compagnia aerea ha già programmato il progressivo phase-out degli A330-300 e i Boeing 777-200Er.","post_title":"Korean Air rinnova la flotta con un ordine per altri 20 Airbus A321neo","post_date":"2023-10-30T10:49:05+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1698662945000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"454806","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' il centro storico di Venezia, con un'indice di esposizione turistica pari a 0,76, l'area a maggior rischio di overtourim della regione Veneto. Il dato potrebbe sembrare scontato, ma non è così. Provando ad andare oltre a opinioni, percezioni soggettive e correnti di pensiero, Federalberghi Veneto e Sociometrica, in collaborazione con Teamwork e Cherry Bank, hanno provato a studiare il fenomeno in maniera sistematica tramite un approccio analitico e dati oggettivi. Il rapporto è quindi partito da una serie di indicatori fondati su dati disponibili e costanti nel tempo, che chiunque potesse verificare e che avessero un valore oggettivo. Quello più efficace è apparso così la Tourism Exposure (Esposizione al turismo), costituita a sua volta da due  indicatori fondamentali: l’intensità e l’estensione.\r\n\r\nIl comune di Lazise primo per intensità dell'overtourism\r\n\r\nL’intensità dell’overtourism valuta in particolare la concentrazione di turisti in una specifica area o destinazione durante un determinato periodo, rispetto alla popolazione locale. In altre parole quantifica la presenza turistica rispetto alla popolazione residente. In Veneto, ben il 65,5% dei comuni (su un totale di 563) è interessato al fenomeno turistico. Dai dati emerge come il comune di Lazise, in provincia di Verona, abbia il più elevato rapporto tra presenze turistiche e popolazione residente (1,5), vale a dire che i turisti in un giorno medio rappresentano il 150% della popolazione residente. Al secondo posto si colloca il comune di Cavallino-Treporti (1,4), seguito da San Michele al Tagliamento (1,3). Venezia, che non compare nella graduatoria dei primi 20 comuni del Veneto, merita un discorso a parte, in quanto l’indicatore cambia di molto se rapportato alla popolazione del centro storico (meno di 50 mila abitanti), dove notoriamente si svolge la vacanza, o se rapportato all’intera popolazione del comune (256.083 abitanti, dati Istat). Considerando i soli abitanti del centro storico, l’indicatore di intensità di turismo diventa 0,6, piazzando Venezia al nono posto della classifica. \r\n\r\nL'estensione dell'overtourism è l'indice più critico per il centro storico di Venezia\r\n\r\nL’estensione dell’overtourism valuta invece la diffusione geografica dei turisti su un’area o regione più ampia, ossia guarda l’ampiezza della presenza turistica su un territorio. In questo caso, Venezia è l’unica realtà in cui lo studio considera distintamente l’area di maggiore attrazione turistica (ovviamente il centro storico e le sue isole) rispetto al resto del comune (Mestre e terraferma). La città balza quindi al primo posto della graduatoria registrando un’altissima densità: 3.845 turisti/kmq, anziché 94,7 considerando l’intero territorio comunale. Seguono, staccati di molto, il comune di Cavallino-Treporti con 410 turisti/kmq e una superficie di 44,7 kmq e Peschiera del Garda con 333 turisti/kmq e una superficie di 18,3 kmq. Il report sottolinea, da una parte, le difficoltà nel definire le zone da considerare a maggiore attrazione turistica pur all’interno dello stesso comune (si pensi per esempio ai differenti sestieri di Venezia) e, dall’altra, si reputa necessario considerare diversi elementi quali la natura del territorio, la distribuzione dei flussi al suo interno, l’organizzazione della logistica... Il report considera poi le presenze extra alberghiere e quelle derivanti dalle locazioni turistiche brevi. La classifica non cambia molto sul fronte delle posizioni, ma moltissimo nei valori assoluti: l’isola di Venezia sfiora quota 5.050 turisti/kmq (5.048,5 per l’esattezza), mentre per Cavallino-Treporti la differenza è lievissima (da 410 a 416 turisti/kmq) e così dicasi per Peschiera del Garda (da 333 a 366 turisti/kmq).\r\n\r\nSi può parlare di overtourism quando la Tourism Exposure è sopra quota 0,75\r\n\r\nUna volta calcolati questi due indicatori (intensità ed estensione), lo studio si occupa quindi di normalizzarli, vale a dire di considerarli su una scala comune comparabile, e poi di combinarli insieme, per creare l’indicatore fondamentale sintetico della Tourism Exposure. È calcolato a zero a uno: dove le destinazioni raggiungono il valore zero significa che in quelle località sia l’intensità sia l’estensione del fenomeno turistico è minimo, o del tutto inesistente. Nel caso in cui il valore è invece uno significa che si è in presenza della massima esposizione del comune al fenomeno turistico. Ecco allora, come si segnalava all'inizio, che in sintesi, unendo i due indici, Venezia centro storico risulta al primo posto, raggiungendo il valore di 0,76. Ciò significa che, rispetto a una teorica saturazione totale della popolazione e del territorio dell’isola di Venezia rispetto al turismo, saremmo a quota 76% con un massimo teorico del 100%. Se invece, considerassimo Venezia in quanto comune, perciò considerando sia il totale della popolazione, sia il totale dell’estensione del comune, allora il comune nella sua interezza sarebbe al ventottesimo posto. Al secondo posto si colloca Lazise, con l’indice combinato dello 0,52, seguito da San Michele al Tagliamento a pari merito con cavallino Treporti (0,49).\r\n\r\nAnche nel caso di questo indicatore sintetico e generale, risulta però difficile definire un valore oltre il quale vi sia un totale e complessivo overtourism, se non quando si raggiunga il valore massimo di uno o ci si collochi nelle sue vicinanze. Tuttavia, sottolinea l’analisi redatta da Sociometrica, è possibile predisporre indicativamente il paletto dello 0,75: valore di saturazione oltre cui la presenza turistica diventa difficilmente sostenibile e si innescano meccanismi negativi sia dal lato della domanda, perché i turisti non visiterebbero due volte una località troppo affollata, sia dal lato della residenzialità, perché la qualità della vita degli abitanti risulterebbe compromessa.\r\n\r\n ","post_title":"Fenomeno overtourism: un'indagine veneta ne prova a dare una definizione scientifica","post_date":"2023-10-25T12:30:40+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1698237040000]}]}}

Lascia un commento