9 December 2022

1722

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Cerco impiego come BANCONISTA a ROMA.
Gruppi Incoming – Turismo scolastico. Biglietteria aerea con crs Worldspan con conseguimento nel 2005 dell’attestato Worldspan “Corso Conversion”.
Biglietteria Low Cost. Biglietteria ferroviaria con sistema “Trenitalia Web”. Nel 2002 conseguimento attestato Sipax completo: tecnica ferroviaria, utilizzo sistema di prenotazioni e biglietteria. Biglietteria Navale: Tirrenia, Moby, Snav, Corsica & Sardinia Ferries,…
Biglietteria Eurolines/Ibus. Biglietteria Open Tour – Carrani. Vendita pacchetti viaggio – Realizzazione viaggi su misura – Prenotazioni Hotel – Noleggio auto.
Contabilità Sistema Ollysoft – Prima Nota. Utilizzo sistemi informatici.
Contatti: Fabiola, 347 4869427 – nfabiola_83@yahoo.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435397 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha aperto il 6 ottobre a Palazzo Ducale (Genova) la mostra che racconta la grandezza di Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città. La mostra è organizzata dal Comune di Genova con Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura ed Electa, e nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). Partner dell’evento Visit Flanders, l’Agenzia per il Turismo del Governo delle Fiandre. La curatela è di Nils Büttner, docente della Staatliche Akademie der Bildenden Künste Stuttgart nonché Chairman del Centrum Rubenianum di Anversa, e di Anna Orlando, independent scholar genovese, co-curatrice della mostra L’Età di Rubens tenutasi a Palazzo Ducale nel 2004. La mostra che vede Genova e Anversa, le due città simbolo del grande maestro, unite in un percorso storico ed artistico, è l’occasione per genovesi e visitatori per riscoprire lo stretto legame tra il maestro fiammingo ed il capoluogo ligure e tra questo ed Anversa, città natale di Rubens dove egli si stabilì nel 1608,  al termine del suo viaggio in Italia. All’interno della mostra spiccano oltre venti dipinti di Rubens, provenienti da musei e collezioni europee e italiane che, sommati a quelli già presenti in città, raggiungono un numero come non vi era a Genova dalla fine del Settecento; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo. A partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola, Bernardo Castello e Aurelio Lomi, presente in mostra con un dipinto della Collezione Doria Pamphilj), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders). Tra le opere che tornano a Genova, create da Rubens su commissione dei più agiati e potenti tra i genovesi di allora, si possono menzionare: il Ritratto di Violante Maria Spinola Serra del Faringdon Collection Trust, una dama finora senza nome, che grazie agli studi in preparazione della mostra è ora riconoscibile. Il San Sebastiano, proveniente da una collezione privata europea e mai esposto in Italia, che, grazie a un importante ritrovamento documentario, può ora riferirsi alla committenza del celebre condottiero Ambrogio Spinola. È esposto per la prima volta in Italia anche il giovanile Autoritratto, con un Rubens all’incirca ventisettenne, che un collezionista privato ha offerto come prestito a lungo termine alla Rubenshuis di Anversa e che eccezionalmente torna nel Paese dove fu eseguito, intorno al 1604. Oggi l’opera di Rubens è il filo conduttore di una visita culturale ad Anversa: camminando per le strette vie del centro storico, dai nomi che rimandano a un passato di scambi con l’Italia, si toccano luoghi storici che ci raccontano di un artista poliedrico che ha contribuito a disegnare la principale “città barocca di Paesi Bassi”. La Mostra resterà aperta fino al 23 gennaio 2023. [post_title] => Rubens, da Anversa a Genova alla scoperta del maestro fiammingo tra storia ed arte [post_date] => 2022-12-05T10:30:32+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670236232000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434302 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Passa di mano la proprietà del W Rome, primo indirizzo italiano del brand lifestyle-lusso di casa Marriott. La joint venture tra il fondo pensioni Canada Pension Plan Investment Board (Cpp Investments) e la società britannica di hotel management Hamilton - Pyramid Europe lo ha infatti acquisito dai precedenti titolari (King Street Capital Management e Omnam Investment Group) per una cifra complessiva attorno ai 172 milioni di euro. La struttura, riaperta lo scorso aprile dopo un completo restyling, comprende 162 camere, oltre a un bar rooftop, un ristorante, una lounge, vari altri locali f&b, una palestra e spazi meeting. "Roma è da sempre una destinazione top a livello leisure e business - spiega il managing director, head of real estate Europa di Cpp Investments, Andrea Orlandi -. L'acquisizione del W Rome pone perciò la nostra joint venture con Hamilton - Pyramid Europe nelle migliori condizioni per sfruttare tutto l'appeal della città Eterna come destinazione turistica globale". Creata all'inizio di quest'anno la joint venture britannico-canadese è focalizzata nell'acquisizione di strutture ricettive operative nelle più importanti città europee e in selezionate destinazioni resort. Lo scorso agosto, Cpp Investments aveva annunciato un impegno per 475 milioni di euro nella stessa joint venture. L'investimento per W Rome fa parte di tale dotazione. [post_title] => Il W Rome passa nella mani di un fondo pensioni canadese e dei britannici di Hamilton - Pyramid Europe [post_date] => 2022-11-17T12:25:18+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668687918000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434213 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_418671" align="alignright" width="300"] Uno scorcio di Dubai[/caption] Gli Emirati Arabi hanno varato il nuovo piano strategico per il turismo al 2031, con l'obiettivo di incrementare il contributo del comparto al Pil nazionale fino a 122 miliardi di dollari all'anno. Il piano, come illustrato da Mohammed bin Rashid Al Maktoum, vicepresidente degli Emirati Arabi Uniti e sovrano di Dubai, prevede un incremento annuo di 7,4 miliardi di dollari e punta a catalizzare nuovi investimenti per 27,2 miliardi di dollari nel settore turistico del Paese, nonché ad attrarre 40 milioni di ospiti in hotel nel 2031. La nuova strategia comprende 25 iniziative e linee guida per sostenere lo sviluppo del settore turistico nel Paese. Nella prima metà del 2022, con il ritorno dei flussi turistici, le entrate turistiche degli Emirati Arabi Uniti hanno superato i 5 miliardi di dollari. "Il turismo è fondamentale per diversificare la nostra economia e aumentare la competitività globale degli Emirati - ha dichiarato Al Maktoum -. Nel primo trimestre del 2022, i nostri aeroporti hanno accolto 22 milioni di passeggeri. Il nostro obiettivo è che il contributo del settore turistico al Pil raggiunga i 122 miliardi di dollari nel 2031". Le varie autorità turistiche federali e locali, le compagnie aeree nazionali, le istituzioni e le aziende internazionali lavoreranno insieme per rafforzare l'identità turistica unificata e sostenere l'ecosistema turistico integrato e consolidato del Paese, al fine di offrire un'esperienza di eccellenza ai turisti di tutto il mondo.   [post_title] => Gli Emirati Arabi puntano ai 122 miliardi di dollari all'anno dal turismo entro il 2031 [post_date] => 2022-11-16T11:01:48+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668596508000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433644 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Italia resta stabile ai primi posti del rating per presenze internazionali. E’ uno dei dati che emerge dalle ricerche Enit su dati Istat, Unwto e Banca d’Italia che saranno al centro di dibattito nei panel dell’Agenzia nazionale del turismo al Wtm di Londra. L’evento è considerato un must per il settore turistico e l’Enit si promuoverà con uno stand di oltre 1700 mq in partnership con le regioni italiane. Durante il World Travel Market stakeholder italiani e mondiali si confronteranno con nuovi trend e destinazioni. Un’opportunità per l’industria del turismo di incontrarsi e confrontarsi sulle proprie esperienze. Grande attenzione al mercato Uk che ogni anno muove oltre 100 milioni di investimenti soprattutto per la vacanza culturale in città d’arte e al mare. Cinque le regioni in testa alle preferenze dei britannici: Lombardia, Lazio, Toscana, Veneto e Campania. Dati positivi per l’Italia che sta registrando crescite da ogni Paese con entrate per 21,3 miliardi di euro (+22,7% sul 2020; -52,0% sul 2019), con una quota di mercato che è passata al 4,2% dal 3,6% del 2020, portandola al quarto posto della scala globale per entrate da turismo internazionale. Nell’anno sono salite anche le quote di Spagna (da 3,4% a 5,6%), mentre sono diminuite quelle degli Usa (da 13,3% a 11,4%) e della Germania (da 4,1% a 3,6%). Dai dati Unwto gli arrivi dei primi sette mesi dell’anno hanno raggiunto il 57% dei livelli pre-pandemia. Rispetto invece allo stesso periodo del 2021, nel periodo gennaio-luglio 2022 gli arrivi di turisti internazionali sono quasi triplicati (+172%). «I viaggiatori dal Regno Unito figurano, infatti, ai primi posti della classifica dei turisti stranieri venuti in Italia per trascorrere una vacanza. prediligono l’accoglienza in hotel (10 milioni di presenze pari al 73,5% del totale) ma non disdegnano i villaggi turistici. A spingere gli inglesi a venire in Italia sono, in primis, le attrazioni culturali, seguite dalle spiagge e dalla possibilità di praticare sport in vacanza» ha detto l’ad Enit Roberta Garibaldi. «La forte presenza dell’Italia ad un’iniziativa internazionale di grande rilievo rientra nella strategia del governo e del mio mandato di promuovere il Made in Italy in modo sinergico. Il turismo, in ogni sua declinazione, è la chiave principale per raggiungere questo obiettivo. Il Wtm inoltre è un evento che ci dà l’occasione di rivolgerci ad un mercato per noi strategico e che testimonia l’impegno del ministero e di Enit a fare squadra con operatori ed imprese nella promozione dell’offerta turistica italiana», dichiara il ministro del turismo Daniela Santanchè.   [post_title] => L'Enit al Wtm di Londra per rafforzare la promozione dell'Italia [post_date] => 2022-11-07T15:15:18+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1667834118000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433317 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Pietro Paolo Rubens è il protagonista dell’inverno genovese, con l’affascinante storia dei suoi rapporti con la città, grazie alla grande mostra di Palazzo Ducale “Rubens a Genova” che celebra i 400 anni dalla pubblicazione del libro “Palazzi di Genova”, che il grande pittore pubblicò nel 1622. Attorno alla mostra, è stato costruito il Rubens Network, un ricco itinerario rubensiano che attraversa tutto il centro storico, i suoi palazzi, i musei, le chiese, fra mostre tematiche di grande interesse e luoghi segnati dalla presenza del fiammingo. Torna la Rolli Experience, il pacchetto di soggiorno e servizi per chi vuole vivere un long weekend immerso nella storia e nell’arte della città, con un programma di emozioni e esperienze nel nome di Rubens. Un weekend tra divulgazione culturale e occasioni uniche: un percorso guidato ai luoghi di Rubens, una visita e una cena esclusiva negli spettacolari Palazzi dei Rolli, l’ingresso alla mostra “Rubens a Genova”, il pernottamento in dimore storiche o strutture selezionate. La Rolli Experience – Rubens Edition si svolge un weekend al mese: 25-27 novembre 2022; 16-18 dicembre 2022; 20-22 gennaio 2023 Per chi invece preferisce muoversi in città senza vincoli a un programma preciso, Genova offre una straordinaria promozione, sempre collegata a Rubens: a coloro che soggiorneranno a Genova per almeno 3 notti in una struttura aderente all’offerta, verrà consegnato gratuitamente un’edizione speciale del City Pass “Rubens 72ore”, la card turistica che ti aiuta a scoprire Genova e ti dà accesso ad alcuni dei luoghi simbolo della città. La card comprende 72 ore di gratuità per i mezzi pubblici, la mostra di Palazzo Ducale, alcune delle mostre del Rubens Network ed altri siti ed esperienze di grande fascino immersi nell’arte e nell’architettura genovese. Tutte le info sulle strutture aderenti e sulle modalità per usufruire della promozione sono su www.visitgenoa.it/promo-hotel. L’offerta promozionale è valida fino ad esaurimento dei posti disponibili e fruibile fino al 22 gennaio 2023. Per chi vuole tuffarsi nel mondo della Genova di Rubens ma non ha molto tempo a disposizione, la soluzione migliore è questo percorso di visita guidata inedito, che segue un itinerario destinato a raccontare la Superba e il suo straordinario legame con Rubens. Attraverso l’artista, le sue opere e la sua sincera ammirazione per i nobili palazzi genovesi, è possibile raccontare la storia della Repubblica di Genova all’apice della sua potenza. Chi sceglie questa visita avrà a disposizione anche un ingresso alla mostra, da visitare in autonomia. Per verificare il calendario delle visite guidate e acquistare il proprio tour: https://www.visitgenoa.it/genova-rubens-e-i-palazzi-dei-rolli-visita-guidata [post_title] => Rolli Experience Rubens Edition, 3 week end per scoprire i fasti della Genova barocca [post_date] => 2022-11-02T10:34:21+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1667385261000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433163 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_419744" align="alignright" width="300"] Ben Smith ad Air France-Klm[/caption] Air France-Klm guarda con ottimismo alla domanda invernale dopo aver riportato un utile operativo di 1,02 miliardi di euro nel terzo trimestre del 2022. In particolare, il risultato operativo e i ricavi del gruppo, pari a 8,1 miliardi di euro nel periodo luglio-settembre, sono stati superiori ai livelli del 2019, nonostante le sfide operative che hanno coinvolto l'aeroporto di Amsterdam Schiphol. "Grazie a una solida preparazione e al nostro approccio agile alla capacità, Air France-Klm è stata in grado di sfruttare al meglio la forte domanda di viaggi di questo trimestre - ha dichiarato Ben Smith, ceo del gruppo -. Anche se la situazione rimane insoddisfacente in alcuni aeroporti chiave... abbiamo registrato miglioramenti significativi dopo le sfide operative che erano scoppiate all'inizio dell'anno". "Il gruppo ha registrato un forte risultato operativo nonostante l'aumento del costo del carburante e dell'inflazione, e rimane fiducioso nella sua capacità di aumentare ulteriormente la capacità durante la stagione invernale". Nel dettaglio, Air France ha contribuito all'utile operativo del gruppo per 570 milioni di euro, Klm per 443 milioni di euro, Transavia per 123 milioni di euro e le operazioni di manutenzione per 46 milioni di euro. Il gruppo Air France-Klm ha registrato un utile netto di 460 milioni di euro per il periodo, che l'ha vista operare l'89% della capacità del 2019 con un fattore di carico dell'88% - quest'ultimo dato è di due punti percentuali inferiore al livello pre-crisi. Le previsioni per l'intero anno puntano ad un utile operativo di oltre 900 milioni di euro, e yields al di sopra dei livelli del 2019 per la stagione invernale, operando poi il 90% circa della capacità pre-Covid nel 2023. [post_title] => Air France-Klm: utile operativo da oltre 1 miliardo di euro nel terzo trimestre [post_date] => 2022-10-28T10:12:27+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1666951947000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 432471 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Comincerà a navigare da maggio del prossimo anno la Coquelicot, la nuova imbarcazione fluviale firmata Belmond. Accompagnerà i suoi ospiti in un viaggio fiabesco nella regione della Champagne, dove attraverserà scenografici canali che regalano panorami e punti di osservazione unici. Sarà dotata di tre lussuose cabine con servizi ensuite, di un salone interno con un champagne bar, frutto della partnership con Maison Ruinart, e di un ampio ponte all'aperto per momenti di relax, per consumare una squisita cena e fare due chiacchiere. Grazie proprio alla collaborazione con la più antica casa di champagne al mondo, fondata a Reims nel 1729, gli ospiti potranno tra le altre cose assaporare a bordo un pranzo di degustazione privato preparato dalla chef della Maison Ruinart, Valérie Radou, insieme al capo chef della Coquelicot. Nel quadro di questa partnership, gli ospiti della nave parteciperanno inoltre a visite guidate private dello storico vigneto Taissy, dove scopriranno anche le ultime iniziative di sostenibilità del marchio. Progettata dal rinomato duo francese Humbert & Poyet, la Coquelicot vanta anche due salotti, una cucina a vista e una zona pranzo ombreggiata. Con l'aiuto di un guest experience executive personale, gli ospiti della Coquelicot creeranno quindi il loro itinerario selezionando attività uniche da una serie di esperienze suggerite appositamente per loro dal team di esperti Belmond. La Coquelicot, A Belmond Boat, Champagne fa parte di Les Bateaux Belmond, flotta di barche del marchio in Francia. Questa include anche l'Alouette, Canal Du Midi; la Pivoine, Camargue; la Napoléon, Provence; l'Amaryllis, Burgundy; la Fleur De Lys, Burgundy e la Lilas, Burgundy. I prezzi per la Coquelicot partono da 82 mila euro. Sono disponibili trasferimenti in elicottero da Parigi su richiesta. [post_title] => Gruppo Belmond: la nuova Coquelicot navigherà da maggio tra i canali della Champagne [post_date] => 2022-10-19T09:05:06+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1666170306000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 432258 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_432299" align="alignleft" width="300"] Alberto Gutiérrez Pascual[/caption] Civitatis ha rivelato che nei mesi di luglio, agosto e settembre di quest'anno, più di 2.200.000 persone hanno usufruito di alcune delle sue attività, sparse in tutto il mondo. Si tratta del 65,58% in più rispetto agli stessi mesi del 2019. Oltre al confronto con la vita pre-pandemica, colpisce anche il confronto con l'anno in corso. Civitatis ha iniziato bene l'anno, nonostante il boom della variante omicron, e ha vissuto un secondo trimestre caratterizzato dai buoni numeri della Pasqua e dei weekend lunghi, oltre che dall'allentamento di ogni tipo di restrizione ai viaggi. Tuttavia, è nel terzo trimestre che i risultati si sono finalmente concretizzati, con un aumento del 221,54% del numero di persone che hanno prenotato il loro viaggio con Civitatis nei primi tre mesi dell'anno e un aumento del 60,39% nel secondo trimestre. Infatti, i dati dei primi sei mesi sono quasi identici a quelli dei soli mesi di luglio, agosto e settembre. Se le cifre sono scioccanti, le destinazioni preferite e le attività più prenotate lo sono meno: il convenzionale ha trionfato. I luoghi più visitati nell'ultimo trimestre, secondo le statistiche della piattaforma spagnola, sono Roma (6,12% delle prenotazioni), Parigi (5,68%), Porto (3,61%), Lisbona (3,52%) e New York (2,96%). I tour più richiesti sono stati la visita guidata ai Musei Vaticani e alla Cappella Sistina (1,62%), il tour gratuito di Parigi (1,58%), il tour dei contrasti di New York (1,43%), la gita in battello sulla Senna (1,25%) e la visita guidata al Colosseo, ai Fori e al Palatino (1,24%). «Abbiamo chiuso un trimestre con cifre davvero buone, non solo in termini di vendite, ma anche in termini di crescita dell'azienda nel suo complesso. Non mi stupisco, perché ho sempre avuto piena fiducia in quello che offriamo e perché sono un ottimista per natura». Tuttavia, Alberto Gutiérrez non si accontenta e afferma che «vogliamo di più, molto di più, come dice la canzone della nostra pubblicità, che risuona in TV in Spagna e nei Paesi dell'America Latina come Argentina e Messico. Il nostro obiettivo è chiudere l'anno con oltre 6.500.000 clienti, quasi il doppio rispetto al 2019». [post_title] => Civitatis: miglior trimestre di sempre. Gutiérrez: «Vogliamo di più» [post_date] => 2022-10-14T10:41:21+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665744081000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431446 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dal 14 al 16 ottobre, a Genova si terrà l’edizione autunnale dei Rolli Days, l’evento che da oltre dieci anni valorizza e racconta il sito Unesco Le Strade Nuova e il Sistema dei Palazzi dei Rolli. Dal 6 ottobre al 23 gennaio 2023, inoltre, Genova ospiterà la grande mostra “Rubens a Genova” che vedrà protagoniste alcune delle principali opere del grande maestro fiammingo a 400 anni dalla stesura del testo “Palazzi di Genova”, voluto dall’artista per raccontare al mondo l’eccezionalità dei palazzi genovesi, attraverso una serie di dettagliate illustrazioni delle facciate, delle piante, della struttura delle più importanti residenze. La concomitanza di questi due eventi di portata internazionale sarà l’occasione per vivere un’esperienza unica: calcare le orme del diplomatico e pittore fiammingo e visitare quei luoghi che ne suggestionarono la mente e il pennello. I Rolli Days, come già avvenuto a primavera per le celebrazioni della Genova Barocca, si articoleranno in sinergia con la mostra, riportando in vita attraverso le parole dei Divulgatori Scientifici i luoghi rubensiani di Genova: racconti che scivoleranno sulle architetture, evocheranno i dipinti, le sculture, gli arazzi, gli argenti di quelle dimore uniche al mondo e daranno corpo alle storie – spesso straordinarie – dei loro proprietari. L’esperienza di visita ai Palazzi dei Rolli rappresenterà l’opportunità di incamminarsi su un itinerario che avrà come sfondo il contesto storico della Genova e dell’Europa del primo Seicento. Per permettere una ancora maggiore immedesimazione, i siti selezionati per l’apertura saranno in gran parte quelli contenuti all’interno dell’edizione del 1652 del volume rubensiano (stampato per la prima volta nel 1622) dove trovano posto 35 tra palazzi, ville suburbane e chiese cittadine. In un viaggio che esplora i palazzi del tardo Cinquecento e del Seicento, saranno aperti al pubblico i monumentali edifici di Via Balbi, dalla Galleria di Palazzo Reale ai palazzi dell’Università; le vie del centro storico con le clamorose opere d’arte conservate nella Galleria Nazionale della Liguria di Palazzo Spinola; le straordinarie ville suburbane d’Albaro e Sampierdarena accompagnate dalla superba Villa Pallavicino delle Peschiere. Non saranno, però, solo i luoghi “di Rubens” a fare da protagonisti: la prossima edizione dei Rolli Days, infatti, ritroverà un rinnovato e riallestito Palazzo Rosso, con la possibilità di visitare il settecentesco Appartamento di Anton Giulio II Brignole Sale, aperto al pubblico per la prima volta da poche settimane. Importante novità dell’edizione di ottobre sarà poi la possibilità di visitare il Conservatorio dei Fieschi. A condurre le visite nella maggior parte dei palazzi e dei siti aperti saranno come sempre i giovani Divulgatori Scientifici, professionisti del settore delle humanities pronti a coinvolgere i visitatori con il loro entusiasmo e la loro competenza. Oltre alle tradizionali visite guidate la manifestazione sarà affiancata da eventi collaterali che accompagneranno il pubblico mostrando a tutti una Genova sempre più vivace dal punto di vista culturale.   [post_title] => Genova, dal 14 al 16 ottobre 2022 l'edizione autunnale dei Rolli Days [post_date] => 2022-09-30T12:00:04+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664539204000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1722" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":54,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435397","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ha aperto il 6 ottobre a Palazzo Ducale (Genova) la mostra che racconta la grandezza di Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città.\r\n\r\nLa mostra è organizzata dal Comune di Genova con Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura ed Electa, e nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). Partner dell’evento Visit Flanders, l’Agenzia per il Turismo del Governo delle Fiandre.\r\n\r\nLa curatela è di Nils Büttner, docente della Staatliche Akademie der Bildenden Künste Stuttgart nonché Chairman del Centrum Rubenianum di Anversa, e di Anna Orlando, independent scholar genovese, co-curatrice della mostra L’Età di Rubens tenutasi a Palazzo Ducale nel 2004.\r\n\r\nLa mostra che vede Genova e Anversa, le due città simbolo del grande maestro, unite in un percorso storico ed artistico, è l’occasione per genovesi e visitatori per riscoprire lo stretto legame tra il maestro fiammingo ed il capoluogo ligure e tra questo ed Anversa, città natale di Rubens dove egli si stabilì nel 1608,  al termine del suo viaggio in Italia.\r\n\r\nAll’interno della mostra spiccano oltre venti dipinti di Rubens, provenienti da musei e collezioni europee e italiane che, sommati a quelli già presenti in città, raggiungono un numero come non vi era a Genova dalla fine del Settecento; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo.\r\n\r\nA partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola, Bernardo Castello e Aurelio Lomi, presente in mostra con un dipinto della Collezione Doria Pamphilj), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders).\r\n\r\nTra le opere che tornano a Genova, create da Rubens su commissione dei più agiati e potenti tra i genovesi di allora, si possono menzionare: il Ritratto di Violante Maria Spinola Serra del Faringdon Collection Trust, una dama finora senza nome, che grazie agli studi in preparazione della mostra è ora riconoscibile. Il San Sebastiano, proveniente da una collezione privata europea e mai esposto in Italia, che, grazie a un importante ritrovamento documentario, può ora riferirsi alla committenza del celebre condottiero Ambrogio Spinola. È esposto per la prima volta in Italia anche il giovanile Autoritratto, con un Rubens all’incirca ventisettenne, che un collezionista privato ha offerto come prestito a lungo termine alla Rubenshuis di Anversa e che eccezionalmente torna nel Paese dove fu eseguito, intorno al 1604.\r\n\r\nOggi l’opera di Rubens è il filo conduttore di una visita culturale ad Anversa: camminando per le strette vie del centro storico, dai nomi che rimandano a un passato di scambi con l’Italia, si toccano luoghi storici che ci raccontano di un artista poliedrico che ha contribuito a disegnare la principale “città barocca di Paesi Bassi”.\r\n\r\nLa Mostra resterà aperta fino al 23 gennaio 2023.","post_title":"Rubens, da Anversa a Genova alla scoperta del maestro fiammingo tra storia ed arte","post_date":"2022-12-05T10:30:32+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670236232000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434302","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Passa di mano la proprietà del W Rome, primo indirizzo italiano del brand lifestyle-lusso di casa Marriott. La joint venture tra il fondo pensioni Canada Pension Plan Investment Board (Cpp Investments) e la società britannica di hotel management Hamilton - Pyramid Europe lo ha infatti acquisito dai precedenti titolari (King Street Capital Management e Omnam Investment Group) per una cifra complessiva attorno ai 172 milioni di euro. La struttura, riaperta lo scorso aprile dopo un completo restyling, comprende 162 camere, oltre a un bar rooftop, un ristorante, una lounge, vari altri locali f&b, una palestra e spazi meeting.\r\n\r\n\"Roma è da sempre una destinazione top a livello leisure e business - spiega il managing director, head of real estate Europa di Cpp Investments, Andrea Orlandi -. L'acquisizione del W Rome pone perciò la nostra joint venture con Hamilton - Pyramid Europe nelle migliori condizioni per sfruttare tutto l'appeal della città Eterna come destinazione turistica globale\".\r\n\r\nCreata all'inizio di quest'anno la joint venture britannico-canadese è focalizzata nell'acquisizione di strutture ricettive operative nelle più importanti città europee e in selezionate destinazioni resort. Lo scorso agosto, Cpp Investments aveva annunciato un impegno per 475 milioni di euro nella stessa joint venture. L'investimento per W Rome fa parte di tale dotazione.","post_title":"Il W Rome passa nella mani di un fondo pensioni canadese e dei britannici di Hamilton - Pyramid Europe","post_date":"2022-11-17T12:25:18+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1668687918000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434213","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_418671\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Uno scorcio di Dubai[/caption]\r\n\r\nGli Emirati Arabi hanno varato il nuovo piano strategico per il turismo al 2031, con l'obiettivo di incrementare il contributo del comparto al Pil nazionale fino a 122 miliardi di dollari all'anno.\r\n\r\nIl piano, come illustrato da Mohammed bin Rashid Al Maktoum, vicepresidente degli Emirati Arabi Uniti e sovrano di Dubai, prevede un incremento annuo di 7,4 miliardi di dollari e punta a catalizzare nuovi investimenti per 27,2 miliardi di dollari nel settore turistico del Paese, nonché ad attrarre 40 milioni di ospiti in hotel nel 2031.\r\n\r\nLa nuova strategia comprende 25 iniziative e linee guida per sostenere lo sviluppo del settore turistico nel Paese. Nella prima metà del 2022, con il ritorno dei flussi turistici, le entrate turistiche degli Emirati Arabi Uniti hanno superato i 5 miliardi di dollari.\r\n\r\n\"Il turismo è fondamentale per diversificare la nostra economia e aumentare la competitività globale degli Emirati - ha dichiarato Al Maktoum -. Nel primo trimestre del 2022, i nostri aeroporti hanno accolto 22 milioni di passeggeri. Il nostro obiettivo è che il contributo del settore turistico al Pil raggiunga i 122 miliardi di dollari nel 2031\".\r\n\r\nLe varie autorità turistiche federali e locali, le compagnie aeree nazionali, le istituzioni e le aziende internazionali lavoreranno insieme per rafforzare l'identità turistica unificata e sostenere l'ecosistema turistico integrato e consolidato del Paese, al fine di offrire un'esperienza di eccellenza ai turisti di tutto il mondo.\r\n\r\n ","post_title":"Gli Emirati Arabi puntano ai 122 miliardi di dollari all'anno dal turismo entro il 2031","post_date":"2022-11-16T11:01:48+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1668596508000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433644","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Italia resta stabile ai primi posti del rating per presenze internazionali. E’ uno dei dati che emerge dalle ricerche Enit su dati Istat, Unwto e Banca d’Italia che saranno al centro di dibattito nei panel dell’Agenzia nazionale del turismo al Wtm di Londra. L’evento è considerato un must per il settore turistico e l’Enit si promuoverà con uno stand di oltre 1700 mq in partnership con le regioni italiane.\r\nDurante il World Travel Market stakeholder italiani e mondiali si confronteranno con nuovi trend e destinazioni. Un’opportunità per l’industria del turismo di incontrarsi e confrontarsi sulle proprie esperienze. Grande attenzione al mercato Uk che ogni anno muove oltre 100 milioni di investimenti soprattutto per la vacanza culturale in città d’arte e al mare. Cinque le regioni in testa alle preferenze dei britannici: Lombardia, Lazio, Toscana, Veneto e Campania.\r\nDati positivi per l’Italia che sta registrando crescite da ogni Paese con entrate per 21,3 miliardi di euro (+22,7% sul 2020; -52,0% sul 2019), con una quota di mercato che è passata al 4,2% dal 3,6% del 2020, portandola al quarto posto della scala globale per entrate da turismo internazionale. Nell’anno sono salite anche le quote di Spagna (da 3,4% a 5,6%), mentre sono diminuite quelle degli Usa (da 13,3% a 11,4%) e della Germania (da 4,1% a 3,6%).\r\nDai dati Unwto gli arrivi dei primi sette mesi dell’anno hanno raggiunto il 57% dei livelli pre-pandemia. Rispetto invece allo stesso periodo del 2021, nel periodo gennaio-luglio 2022 gli arrivi di turisti internazionali sono quasi triplicati (+172%).\r\n«I viaggiatori dal Regno Unito figurano, infatti, ai primi posti della classifica dei turisti stranieri venuti in Italia per trascorrere una vacanza. prediligono l’accoglienza in hotel (10 milioni di presenze pari al 73,5% del totale) ma non disdegnano i villaggi turistici. A spingere gli inglesi a venire in Italia sono, in primis, le attrazioni culturali, seguite dalle spiagge e dalla possibilità di praticare sport in vacanza» ha detto l’ad Enit Roberta Garibaldi.\r\n«La forte presenza dell’Italia ad un’iniziativa internazionale di grande rilievo rientra nella strategia del governo e del mio mandato di promuovere il Made in Italy in modo sinergico. Il turismo, in ogni sua declinazione, è la chiave principale per raggiungere questo obiettivo. Il Wtm inoltre è un evento che ci dà l’occasione di rivolgerci ad un mercato per noi strategico e che testimonia l’impegno del ministero e di Enit a fare squadra con operatori ed imprese nella promozione dell’offerta turistica italiana», dichiara il ministro del turismo Daniela Santanchè.\r\n ","post_title":"L'Enit al Wtm di Londra per rafforzare la promozione dell'Italia","post_date":"2022-11-07T15:15:18+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1667834118000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433317","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Pietro Paolo Rubens è il protagonista dell’inverno genovese, con l’affascinante storia dei suoi rapporti con la città, grazie alla grande mostra di Palazzo Ducale “Rubens a Genova” che celebra i 400 anni dalla pubblicazione del libro “Palazzi di Genova”, che il grande pittore pubblicò nel 1622.\r\nAttorno alla mostra, è stato costruito il Rubens Network, un ricco itinerario rubensiano che attraversa tutto il centro storico, i suoi palazzi, i musei, le chiese, fra mostre tematiche di grande interesse e luoghi segnati dalla presenza del fiammingo.\r\n\r\nTorna la Rolli Experience, il pacchetto di soggiorno e servizi per chi vuole vivere un long weekend immerso nella storia e nell’arte della città, con un programma di emozioni e esperienze nel nome di Rubens. Un weekend tra divulgazione culturale e occasioni uniche: un percorso guidato ai luoghi di Rubens, una visita e una cena esclusiva negli spettacolari Palazzi dei Rolli, l’ingresso alla mostra “Rubens a Genova”, il pernottamento in dimore storiche o strutture selezionate.\r\n\r\nLa Rolli Experience – Rubens Edition si svolge un weekend al mese: 25-27 novembre 2022; 16-18 dicembre 2022; 20-22 gennaio 2023\r\n\r\nPer chi invece preferisce muoversi in città senza vincoli a un programma preciso, Genova offre una straordinaria promozione, sempre collegata a Rubens: a coloro che soggiorneranno a Genova per almeno 3 notti in una struttura aderente all’offerta, verrà consegnato gratuitamente un’edizione speciale del City Pass “Rubens 72ore”, la card turistica che ti aiuta a scoprire Genova e ti dà accesso ad alcuni dei luoghi simbolo della città. La card comprende 72 ore di gratuità per i mezzi pubblici, la mostra di Palazzo Ducale, alcune delle mostre del Rubens Network ed altri siti ed esperienze di grande fascino immersi nell’arte e nell’architettura genovese.\r\n\r\nTutte le info sulle strutture aderenti e sulle modalità per usufruire della promozione sono su www.visitgenoa.it/promo-hotel. L’offerta promozionale è valida fino ad esaurimento dei posti disponibili e fruibile fino al 22 gennaio 2023.\r\n\r\nPer chi vuole tuffarsi nel mondo della Genova di Rubens ma non ha molto tempo a disposizione, la soluzione migliore è questo percorso di visita guidata inedito, che segue un itinerario destinato a raccontare la Superba e il suo straordinario legame con Rubens. Attraverso l’artista, le sue opere e la sua sincera ammirazione per i nobili palazzi genovesi, è possibile raccontare la storia della Repubblica di Genova all’apice della sua potenza. Chi sceglie questa visita avrà a disposizione anche un ingresso alla mostra, da visitare in autonomia. Per verificare il calendario delle visite guidate e acquistare il proprio tour: https://www.visitgenoa.it/genova-rubens-e-i-palazzi-dei-rolli-visita-guidata","post_title":"Rolli Experience Rubens Edition, 3 week end per scoprire i fasti della Genova barocca","post_date":"2022-11-02T10:34:21+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1667385261000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433163","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_419744\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Ben Smith ad Air France-Klm[/caption]\r\n\r\nAir France-Klm guarda con ottimismo alla domanda invernale dopo aver riportato un utile operativo di 1,02 miliardi di euro nel terzo trimestre del 2022. In particolare, il risultato operativo e i ricavi del gruppo, pari a 8,1 miliardi di euro nel periodo luglio-settembre, sono stati superiori ai livelli del 2019, nonostante le sfide operative che hanno coinvolto l'aeroporto di Amsterdam Schiphol.\r\n\r\n\"Grazie a una solida preparazione e al nostro approccio agile alla capacità, Air France-Klm è stata in grado di sfruttare al meglio la forte domanda di viaggi di questo trimestre - ha dichiarato Ben Smith, ceo del gruppo -. Anche se la situazione rimane insoddisfacente in alcuni aeroporti chiave... abbiamo registrato miglioramenti significativi dopo le sfide operative che erano scoppiate all'inizio dell'anno\".\r\n\r\n\"Il gruppo ha registrato un forte risultato operativo nonostante l'aumento del costo del carburante e dell'inflazione, e rimane fiducioso nella sua capacità di aumentare ulteriormente la capacità durante la stagione invernale\".\r\n\r\nNel dettaglio, Air France ha contribuito all'utile operativo del gruppo per 570 milioni di euro, Klm per 443 milioni di euro, Transavia per 123 milioni di euro e le operazioni di manutenzione per 46 milioni di euro.\r\n\r\nIl gruppo Air France-Klm ha registrato un utile netto di 460 milioni di euro per il periodo, che l'ha vista operare l'89% della capacità del 2019 con un fattore di carico dell'88% - quest'ultimo dato è di due punti percentuali inferiore al livello pre-crisi.\r\n\r\nLe previsioni per l'intero anno puntano ad un utile operativo di oltre 900 milioni di euro, e yields al di sopra dei livelli del 2019 per la stagione invernale, operando poi il 90% circa della capacità pre-Covid nel 2023.","post_title":"Air France-Klm: utile operativo da oltre 1 miliardo di euro nel terzo trimestre","post_date":"2022-10-28T10:12:27+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1666951947000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"432471","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Comincerà a navigare da maggio del prossimo anno la Coquelicot, la nuova imbarcazione fluviale firmata Belmond. Accompagnerà i suoi ospiti in un viaggio fiabesco nella regione della Champagne, dove attraverserà scenografici canali che regalano panorami e punti di osservazione unici. Sarà dotata di tre lussuose cabine con servizi ensuite, di un salone interno con un champagne bar, frutto della partnership con Maison Ruinart, e di un ampio ponte all'aperto per momenti di relax, per consumare una squisita cena e fare due chiacchiere.\r\n\r\nGrazie proprio alla collaborazione con la più antica casa di champagne al mondo, fondata a Reims nel 1729, gli ospiti potranno tra le altre cose assaporare a bordo un pranzo di degustazione privato preparato dalla chef della Maison Ruinart, Valérie Radou, insieme al capo chef della Coquelicot. Nel quadro di questa partnership, gli ospiti della nave parteciperanno inoltre a visite guidate private dello storico vigneto Taissy, dove scopriranno anche le ultime iniziative di sostenibilità del marchio.\r\n\r\nProgettata dal rinomato duo francese Humbert & Poyet, la Coquelicot vanta anche due salotti, una cucina a vista e una zona pranzo ombreggiata. Con l'aiuto di un guest experience executive personale, gli ospiti della Coquelicot creeranno quindi il loro itinerario selezionando attività uniche da una serie di esperienze suggerite appositamente per loro dal team di esperti Belmond.\r\n\r\nLa Coquelicot, A Belmond Boat, Champagne fa parte di Les Bateaux Belmond, flotta di barche del marchio in Francia. Questa include anche l'Alouette, Canal Du Midi; la Pivoine, Camargue; la Napoléon, Provence; l'Amaryllis, Burgundy; la Fleur De Lys, Burgundy e la Lilas, Burgundy. I prezzi per la Coquelicot partono da 82 mila euro. Sono disponibili trasferimenti in elicottero da Parigi su richiesta.","post_title":"Gruppo Belmond: la nuova Coquelicot navigherà da maggio tra i canali della Champagne","post_date":"2022-10-19T09:05:06+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1666170306000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"432258","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_432299\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Alberto Gutiérrez Pascual[/caption]\r\n\r\nCivitatis ha rivelato che nei mesi di luglio, agosto e settembre di quest'anno, più di 2.200.000 persone hanno usufruito di alcune delle sue attività, sparse in tutto il mondo. Si tratta del 65,58% in più rispetto agli stessi mesi del 2019.\r\n\r\nOltre al confronto con la vita pre-pandemica, colpisce anche il confronto con l'anno in corso. Civitatis ha iniziato bene l'anno, nonostante il boom della variante omicron, e ha vissuto un secondo trimestre caratterizzato dai buoni numeri della Pasqua e dei weekend lunghi, oltre che dall'allentamento di ogni tipo di restrizione ai viaggi.\r\n\r\nTuttavia, è nel terzo trimestre che i risultati si sono finalmente concretizzati, con un aumento del 221,54% del numero di persone che hanno prenotato il loro viaggio con Civitatis nei primi tre mesi dell'anno e un aumento del 60,39% nel secondo trimestre. Infatti, i dati dei primi sei mesi sono quasi identici a quelli dei soli mesi di luglio, agosto e settembre.\r\n\r\nSe le cifre sono scioccanti, le destinazioni preferite e le attività più prenotate lo sono meno: il convenzionale ha trionfato. I luoghi più visitati nell'ultimo trimestre, secondo le statistiche della piattaforma spagnola, sono Roma (6,12% delle prenotazioni), Parigi (5,68%), Porto (3,61%), Lisbona (3,52%) e New York (2,96%). I tour più richiesti sono stati la visita guidata ai Musei Vaticani e alla Cappella Sistina (1,62%), il tour gratuito di Parigi (1,58%), il tour dei contrasti di New York (1,43%), la gita in battello sulla Senna (1,25%) e la visita guidata al Colosseo, ai Fori e al Palatino (1,24%).\r\n\r\n«Abbiamo chiuso un trimestre con cifre davvero buone, non solo in termini di vendite, ma anche in termini di crescita dell'azienda nel suo complesso. Non mi stupisco, perché ho sempre avuto piena fiducia in quello che offriamo e perché sono un ottimista per natura». Tuttavia, Alberto Gutiérrez non si accontenta e afferma che «vogliamo di più, molto di più, come dice la canzone della nostra pubblicità, che risuona in TV in Spagna e nei Paesi dell'America Latina come Argentina e Messico. Il nostro obiettivo è chiudere l'anno con oltre 6.500.000 clienti, quasi il doppio rispetto al 2019».","post_title":"Civitatis: miglior trimestre di sempre. Gutiérrez: «Vogliamo di più»","post_date":"2022-10-14T10:41:21+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1665744081000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431446","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dal 14 al 16 ottobre, a Genova si terrà l’edizione autunnale dei Rolli Days, l’evento che da oltre dieci anni valorizza e racconta il sito Unesco Le Strade Nuova e il Sistema dei Palazzi dei Rolli. Dal 6 ottobre al 23 gennaio 2023, inoltre, Genova ospiterà la grande mostra “Rubens a Genova” che vedrà protagoniste alcune delle principali opere del grande maestro fiammingo a 400 anni dalla stesura del testo “Palazzi di Genova”, voluto dall’artista per raccontare al mondo l’eccezionalità dei palazzi genovesi, attraverso una serie di dettagliate illustrazioni delle facciate, delle piante, della struttura delle più importanti residenze. La concomitanza di questi due eventi di portata internazionale sarà l’occasione per vivere un’esperienza unica: calcare le orme del diplomatico e pittore fiammingo e visitare quei luoghi che ne suggestionarono la mente e il pennello.\r\n\r\nI Rolli Days, come già avvenuto a primavera per le celebrazioni della Genova Barocca, si articoleranno in sinergia con la mostra, riportando in vita attraverso le parole dei Divulgatori Scientifici i luoghi rubensiani di Genova: racconti che scivoleranno sulle architetture, evocheranno i dipinti, le sculture, gli arazzi, gli argenti di quelle dimore uniche al mondo e daranno corpo alle storie – spesso straordinarie – dei loro proprietari. L’esperienza di visita ai Palazzi dei Rolli rappresenterà l’opportunità di incamminarsi su un itinerario che avrà come sfondo il contesto storico della Genova e dell’Europa del primo Seicento.\r\n\r\nPer permettere una ancora maggiore immedesimazione, i siti selezionati per l’apertura saranno in gran parte quelli contenuti all’interno dell’edizione del 1652 del volume rubensiano (stampato per la prima volta nel 1622) dove trovano posto 35 tra palazzi, ville suburbane e chiese cittadine. In un viaggio che esplora i palazzi del tardo Cinquecento e del Seicento, saranno aperti al pubblico i monumentali edifici di Via Balbi, dalla Galleria di Palazzo Reale ai palazzi dell’Università; le vie del centro storico con le clamorose opere d’arte conservate nella Galleria Nazionale della Liguria di Palazzo Spinola; le straordinarie ville suburbane d’Albaro e Sampierdarena accompagnate dalla superba Villa Pallavicino delle Peschiere.\r\n\r\nNon saranno, però, solo i luoghi “di Rubens” a fare da protagonisti: la prossima edizione dei Rolli Days, infatti, ritroverà un rinnovato e riallestito Palazzo Rosso, con la possibilità di visitare il settecentesco Appartamento di Anton Giulio II Brignole Sale, aperto al pubblico per la prima volta da poche settimane.\r\n\r\nImportante novità dell’edizione di ottobre sarà poi la possibilità di visitare il Conservatorio dei Fieschi.\r\n\r\nA condurre le visite nella maggior parte dei palazzi e dei siti aperti saranno come sempre i giovani Divulgatori Scientifici, professionisti del settore delle humanities pronti a coinvolgere i visitatori con il loro entusiasmo e la loro competenza.\r\n\r\nOltre alle tradizionali visite guidate la manifestazione sarà affiancata da eventi collaterali che accompagneranno il pubblico mostrando a tutti una Genova sempre più vivace dal punto di vista culturale.\r\n\r\n ","post_title":"Genova, dal 14 al 16 ottobre 2022 l'edizione autunnale dei Rolli Days","post_date":"2022-09-30T12:00:04+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1664539204000]}]}}

Lascia un commento