9 December 2022

1718

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Agente di viaggio con esperienza trentennale esperto biglietteria aerea e gestione business travel, attualmente impiegato come addetto al servizio Clienti di una delle maggiori OLTA, offresi per copertura titolo DIRETTORE TECNICO Regione Lombardia, nonché come collaboratore per vendita viaggi e biglietteria, ottima conoscenza GALILEO, SABRE, WORLDSPAN e dei maggiori sistemi di teleprenotazioni alberghiere, disponibile anche come affiancamento e consulenza personale agenzie nuova apertura. CV visionabile su richiesta. Preferibilmente zona BERGAMO e provincia. GIUSEPPE cell. 3348962568 e-mail: lalla@campussrl.191.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435018 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_336927" align="alignright" width="300"] Johan Lundgren, ceo di easyJet[/caption] EasyJet chiude in rosso l'anno finanziario 2021-22, con una perdita ante-imposte di 178 milioni di sterline, in netto recupero però rispetto al negativo dell'esercizio precedente che ammontava a 1,1 miliardi, principalmente a causa delle restrizioni Covid ancora in vigore. Questo il dato puramente numerico: ma il trend delle prenotazioni per Natale, la stagione sciistica e altri periodi sono tornati ai livelli precedenti alla pandemia. Tanto che la compagnia aerea prevede di tornare ai livelli di capacità del 2019 entro la prossima estate. Johan Lundgren, ceo di easyJet, ha confermato che il vettore sta registrando una forte domanda nei periodi di punta, sottolineando un sondaggio secondo cui tre quarti delle persone vogliono viaggiare l'anno prossimo, nonostante la crisi economica e l'aumentato costo della vita. “L'estate ha visto easyJet raggiungere i suoi più alti guadagni di sempre in un singolo trimestre, con un Ebitdar di 674 milioni di sterline e un aumento dei servizi accessori del 59% rispetto al precedente anno fiscale - ha precisato Lundgren -. easyJet holidays, inoltre, si conferma essere sulla strada giusta per raggiungere il suo obiettivo di 100 milioni di sterline. In uno scenario fortemente condizionato dall’aumento dei costi, i vettori tradizionali faranno fatica. I consumatori cercheranno di tutelare le loro vacanze prediligendo chi offrirà loro un servizio di valore a prezzi vantaggiosi. Grazie al suo network che comprende i principali aeroporti e alle tariffe competitive, easyJet si rivelerà la scelta giusta per molti consumatori". "Uno degli obiettivi per il prossimo anno è quello di accrescere il nostro numero di clienti. Riteniamo inoltre che le condizioni siano ideali per incrementare i profitti e i margini, pur restando rigorosamente concentrati sui costi". Per quanto riguarda il mercato italiano, con quasi 14 milioni di passeggeri trasportati, easyJet si conferma seconda compagnia operante nel nostro Paese nel 2022, numero più che triplicato rispetto ai 4,2 milioni di passeggeri trasportati nel 2021. Negli ultimi 12 mesi sono state annunciate o avviate oltre 40 nuove rotte da e per gli aeroporti italiani, di cui alcune riattivate dopo un periodo di sospensione, per un totale di circa 220 rotte operate da e per 19 aeroporti italiani.   [post_title] => EasyJet riduce le perdite e conta sul traffico delle festività per tornare ai livelli 2019 [post_date] => 2022-11-29T11:33:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669721592000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434743 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Italo corre verso il 2023 investendo una volta di più sulle agenzie di viaggio, fornendo loro strumenti utili a massimizzare le vendite. Diverse le novità tra cui, una su tutte, è l'annunciato nuovo portale che da fine dicembre consentirà agli adv "di vendere i treni regionali di FS in connessione al network di Italo - afferma Fabrizio Bona, direttore commerciale -. Queste tratte, che di fatto sono un servizio pubblico e senza vincoli esclusivi, consentiranno a un gran numero di passeggeri di fruire in abbinata dei servizi di Alta Velocità. L'agente, da parte sua, sarà in grado di individuare e comparare velocemente la soluzione di viaggio più semplice e conveniente, concludendo con l'emissione di due o più biglietti separati ma con un'unica operazione di acquisto".    Uno strumento in più a disposizione degli adv: "Queste interconnessioni ci consentono di essere capillari come mai finora - aggiunge Marco De Angelis, direttore vendite -. Arriviamo da agenzie che prima non ci vendevano e avremo anche un nuovo presidio commerciale sulle regioni, ampliando la nostra presenza fisica sul territorio".   Territorio che dall'11 dicembre, con l'introduzione dell'orario invernale, vedrà anche un significativo miglioramento del network che conterà 118 servizi al giorno, tra cui spicca il lancio di "altri due servizi veloci Milano-Roma con partenza da Milano Centrale alle ore 07.45 e da Roma Termini alle ore 18.30 e fermate aggiuntive a Roma Tiburtina e Bologna. Orari studiati su misura per i viaggiatori d'affari e che al contempo stimolano le agenzie a lavorare sul segmento business, che è uno dei nostri focus di sviluppo per i prossimi mesi. E se nel passato il numero delle frequenze non ci ha particolarmente aiutato sul fronte bt, ora diventa impossibile dire che Italo ha gap di frequenze".Migliori collegamenti anche per Venezia con due nuovi servizi con partenza da Termini alle ore 15.55 e da Santa Lucia alle ore 12.05. Viene inoltre ottimizzato l’orario di partenza da Roma Termini per Venezia che passa dalle 05.55 alle 06.55. Spinta anche sul versante del multimodale con l'introduzione della fermata Trieste Airport sulla linea Napoli – Roma – Trieste.   Tornando alle agenzie: durante il roadshow invernale che ha preso il via ieri a Milano, per poi proseguire a Bologna, Napoli e Roma, Italo incontrerà circa 200 adv: "Le novità includono anche un cambio della strategia remunerazione di incentivazione con un programma di commissioni value-based che premierà  quelle più performanti. Crediamo fortemente in questo canale distributivi e nella professionalità di tanti, che ora come mai, devono essere propositori e non semplicemente ricettori delle richieste del potenziale cliente".  [post_title] => Italo sulle agenzie: nuovo portale per la vendita dei treni regionali in connessione e focus bt [post_date] => 2022-11-24T13:06:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669295208000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434699 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Alessandria celebra i 200 anni del noto pittore Neoclassico alessandrino Felice Giani, le cui opere sono presenti nei musei di tutto il mondo, al Louvre, agli Uffizi, all’Hermitage di San Pietroburgo, al Quirinale, a Palazzo di Spagna. La Biblioteca Civica di Alessandria ospiterà da giovedì 24 novembre 2022, il primo lancio di presentazione dedicato a Felice Giani, pittore piemontese nato a S. Sebastiano Curone nel 1758, ritenuto uno dei massimi esponenti del neoclassicismo. In concomitanza, l’Archivio ‘Pittor Giani’ intende celebrare l’anniversario dei duecento anni dalla morte del maestro (morto a Roma nel 1823) organizzando una serie di eventi che prenderanno avvio con la mostra “Felice Giani 200 Anteprima” che sarà inaugurata presso la sede dell’Archivio a San Sebastiano il 24 novembre 2022 e che proseguirà nel 2023 coinvolgendo la Città di Alessandria e province in rassegne di grande importanza per la conoscenza di Giani e delle sue opere e si concluderà nel 2024 con una mostra dedicata all’entourage del pittore ed una prestigiosa collaborazione con il Cooper Hewitt Design Museum di New York che conserva molte opere del maestro neoclassico. Il progetto, a cura dell’ l’Archivio “Pittor Giani”, è supportato da: Regione Piemonte, Comune di San Sebastiano Curone AL, Comune e Provincia di Alessandria, Comune e Diocesi di Tortona, Comuni di Forlì, Faenza, Brisighella, Marradi, Fondazione CRAL e CRT. Biblioteca Civica “Francesca Calvo”,  giovedi 24  dalle ore 16:00 per scoprire Felice Giani, la sua storia d’artista e i prestigiosi lavori realizzati, fra tele, schizzi e pitture murarie che adornano alcuni dei più prestigiosi palazzi nobiliari italiani a partire dal Quirinale a Palazzo di Spagna avrà come protagonista Marcella Vitali, storica dell’arte dell’Archivio Pittor Giani di San Sebastiano Curone, curatrice degli eventi del programma triennale e grande conoscitrice dell’opera dell’artista.   [post_title] => Alessandria, mostre ed eventi per i 200 anni del pittore neoclassico Felice Giani [post_date] => 2022-11-24T11:01:50+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669287710000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434328 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo sciopero oggi, 18 novembre, per il personale di cabina di Vueling: il vettore, per contenere i disagi, ha preventivamente cancellato 56 voli, garantendo ai passeggeri coinvolti dalle modiche dell'operativo le corrette alternative.  Di questi - secondo quanto riportato da El Preferente - il 93% è stato riprenotato su altri voli o ha richiesto un voucher o un rimborso. Il restante 7% è ancora in attesa di scegliere un'opzione. Nella giornata odierna la compagnia aerea del gruppo Iag opererà 499 voli, circa il 90% dei 555 voli programmati sull'intero network. A livello internazionale, gli effetti dello sciopero sono meno gravi, con il 94% delle operazioni ancora in corso (168 su 178). [post_title] => Vueling: altra giornata di sciopero in Spagna, cancellati 56 voli [post_date] => 2022-11-18T09:06:10+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668762370000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 432141 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il traffico passeggeri ad agosto era solo del 12% inferiore ai volumi della pandemia pre-Covid-19 in Europa, ma ACI Europe lo vede come un mercato "polarizzato dalle esternalità", con il traffico delle vacanze in rimbalzo. Nel mese di agosto 2022, Airports Council International (ACI Europe) ha rilevato che il traffico passeggeri sulla rete degli aeroporti del Vecchio Continente è aumentato del 51% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, un aumento «principalmente dovuto traffico internazionale» (+70%) per la revoca delle restrizioni ai viaggi transfrontalieri “sia all'interno dell'Europa che verso la maggior parte dei paesi al di fuori”. Il traffico passeggeri nazionale (+8%) è cresciuto a un ritmo molto più lento. Complessivamente, il traffico aereo europeo ha segnato -14,4% a luglio e -17,3% a giugno; agosto è stata la migliore performance mensile dall'inizio della pandemia. Il mercato EU+ (Unione Europea, EAA, Svizzera e Regno Unito), con -14% , ha continuato a trainare la ripresa, poiché il traffico passeggeri negli aeroporti è aumentato del +64% ad agosto rispetto allo stesso mese dell'anno scorso. I migliori risultati sono arrivati ​​dagli aeroporti di Regno Unito (+178%), Finlandia (+175%) e Irlanda (+147%). [post_title] => Aci Europe: Il traffico aereo in Europa traina la ripresa [post_date] => 2022-10-13T09:00:38+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665651638000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 432010 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_424433" align="alignleft" width="300"] Franco Gattinoni, presidente gruppo Gattinoni[/caption] Non esiste attività al mondo che non produca biossido di carbonio. Ma le emissioni di CO2 si possono – e si devono – compensare, così da svolgere il proprio business con un impatto neutro sul pianeta. Il Gruppo Gattinoni ha scelto di impegnarsi in questo percorso, insieme alla startup Up2You, azienda B Corp fra le uniche 3 in Italia autorizzate a ritirare e gestire Carbon Credit VCS (Verified Carbon Standard) attraverso progetti certificati internazionalmente e su Blockchain. L’avvio di questo percorso del Gruppo Gattinoni è in concomitanza della partecipazione alla manifestazione fieristica Ttg Travel Experience, con il primo e unico Neutral Stand. La startup greentech Up2You ha certificato le emissioni di CO2 dello stand e chi si recherà nel Padiglione C3/150-171, riceverà un braccialetto in carta biodegradabile, che potrà essere piantato e generare fiori, unitamente a un codice QR da utilizzare per aderire a uno dei progetti sostenibili certificati, selezionati dal Gruppo Gattinoni, che mirano a compensare le emissioni di CO2 dello stand. Tutti coloro che aderiranno riceveranno un certificato personalizzato con nome, logo dell’azienda e progetto supportato. «Noi guardiamo sempre al futuro, in ogni scelta che facciamo - ha commentato Franco Gattinoni, presidente Gruppo Gattinoni -. È arrivato il momento di iniziare anche il percorso di sostenibilità aziendale che riguarderà tutto il Gruppo, attraverso lo studio di soluzioni che vanno verso la riduzione dell’inquinamento. Un progetto che coinvolgerà più reparti dell’azienda: Risorse Umane, Logistica, Comunicazione, Prodotto, Business Travel, Mice; tutti i dipendenti dovranno sentirsi parte di un cambiamento culturale importante. Ci attiveremo nelle sedi e nelle agenzie di proprietà, augurandoci in un secondo momento di coinvolgere tutte le agenzie del network. La crescita del business e la tutela del patrimonio ambientale non devono essere percepiti come obiettivi in antitesi, specialmente nel nostro settore, dove far scoprire alle persone la bellezza del mondo è il cardine delle nostre attività”. Il progetto Carbon Neutral interesserà tutte le Business Unit del Gruppo e procederà per step. Sul fronte Mice, il gruppo Gattinoni propone ai propri clienti Neutral Events ovvero eventi in cui viene calcolato l’impatto ambientale e viene analizzata la strategia di coinvolgimento dei partecipanti per la neutralizzazione delle emissioni. Il primo evento Carbon Neutral è già stato realizzato per MetLife; è stato calcolato l’impatto ambientale dell’evento che si è svolto presso il ristorante di Carlo Cracco “Carlo al Naviglio”, e si sono neutralizzate le emissioni di CO2 attraverso l’adesione a un progetto green certificato internazionalmente, la conversione di un’area forestale, che ha visto come parte attiva i 70 business partner dell’azienda. In ambito Business Travel l’impegno è di certificare le emissioni delle trasferte aziendali e di proporre ai clienti opzioni di trasferte sostenibili e pacchetti di compensazione. In tema Viaggi saranno proposti viaggi certificati Zero Emissioni: il consumatore, attraverso l’acquisto di specifici tour Travel Experience, avrà la possibilità di compensare le emissioni prodotte dal viaggio e dalla permanenza nelle strutture e di scegliere a quali progetti aderire. Anche le persone del Gruppo Gattinoni non si sottrarranno alla sfida. A breve inizierà il percorso dedicato a tutti i dipendenti del Gruppo attraverso PlaNet, la piattaforma di green engagement aziendale che permette ai colleghi di sfidarsi con quiz e missioni green in un percorso mirato verso la sostenibilità ambientale. Commenta Isabella Maggi, direttore marketing & comunicazione gruppo Gattinoni: «Sul fronte della comunicazione l’impegno di Gattinoni sarà monitorabile attraverso una landing page dedicata su Up2You, attraverso il logo Carbon Neutral che sarà messo sui progetti (Up2You Certified), il widget di impatto e la Climate Map dove sono dislocati tutti i progetti sostenuti. La nostra natura si basa sulla concretezza; non ci interessa un greenwashing per darci lustro ma al contrario assumerci una maggiore responsabilità. Le nuove generazioni hanno il diritto di vivere in condizioni idonee alla loro crescita». [post_title] => Gruppo Gattinoni: avanti tutta per diventare impresa carbon neutral [post_date] => 2022-10-11T10:21:14+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665483674000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431952 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Intra Tours, Dmc con base ad Istanbul, presente sul mercato italiano dal 1980, ben 42 stagioni nelle quali ha proposto prodotti di grande interesse per tanti tour operator italiani. Anche a Ttg Travel Experience 2022 riproporrà il proprio modello, costantemente rinnovato nei contenuti. «La nostra tradizione parte da lontano, dal 1980, da quando abbiamo iniziato a lavorare con i maggiori tour operator italiani - spiega il ceo e fondatore, Arturo Karaoglu - e ci piace pensare di avere maturato una profonda conoscenza del mercato sia per quel che attiene i rapporti con le agenzie di viaggio e tour operator, sia per quello che riguarda i “desideri e le aspettative” dei loro clienti, divenute ancora più demandanti attualmente, per le condizioni instabili in cui tutti si trovano ad operare. Abbiamo maturato un’importante esperienza con i viaggiatori italiani, fondamentale, per sapere cosa serva loro e come trattarli quando visitano il nostro paese». Il bilancio consuntivo dell’estate di Intra Tours presenta uno scenario in continua evoluzione nel quale la pianificazione è stata bypassata dalla partenza delle prenotazioni, molto sotto data. «Abbiamo riscontrato una partenza della stagione molto lenta, il che di certo non rende il lavoro facile - spiega Mario Maggi direttore vendite & marketing - Grazie alla nostra organizzazione sul territorio, che ha subito importanti implementazioni e miglioramenti, ci siamo fatti trovare pronti sia dal punto di vista della risposta operativa che di prodotto, puntando sulla rapidità di risposta che sulla varietà di proposte. Poi i numeri sono saliti in maniera esponenziale portandoci a chiudere l’estate con un tutto esaurito sulle nostre destinazioni storiche e sulle proposte di inclusive tours e prodotti a la carte». «Siamo presenti a Ttg Travel Experience per la 29ma volta, sin da quando la fiera si svolgeva in altre sedi rispetto a Rimini (Riva del Garda e Stresa) - prosegue Arturo Karaoglu - dove torniamo dopo la pandemia per la prima volta con uno nostro esclusivo stand nel Padiglione C-1 stand 171 perché pensiamo che il contatto diretto e la presenza ad una manifestazione, che è indiscutibilmente la più importante del settore, sia necessaria vista la nostra costanza dei rapporti con l’Italia. Intra Tours è un partner importante per chi programma le nostre destinazioni, e ci sentiamo con l’organico rinnovato di recente, con l’ingresso di nuovi colleghi, uno dei quali Cemile Tosca sarà con noi allo stand.  Siamo cresciuti con il mercato Italiano, mercato che curiamo in maniera particolare, anche con le “missioni” alle fiere di settore perché il contatto con i nostri partner, dopo due anni davvero difficili, è la prima forma di riconnessione su cui dobbiamo puntare. «La nostra presenza alle manifestazioni di settore riprende, quindi, dopo la visita in BIT dello scorso anno ma a livello individuale, attraverso nostro stand - conclude   Karaoglu - e con un face to face che rende migliore il rapporto con i nostri clienti». [post_title] => Il Dmc turco Intra Tours presente al Ttg Travel Experience 2022 [post_date] => 2022-10-10T11:46:59+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665402419000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431667 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 2021 è stato il vero annus horribilis dell'industria dei viaggi organizzati. Anche peggio del 2020. Lo dicono i dati di una ricerca Pambianco (i cui risultati sono riproposti più sotto, ndr) e lo rimarcano due protagonisti del comparto come il presidente Astoi, Pier Ezhaya, e il direttore commerciale Quality Group, Marco Peci: “Il 2021, salvo qualche fiammata estiva prettamente per l’ Italia, è stato un anno terribile per i bilanci dei tour operator. Anche peggiore del 2020, quando almeno gennaio e febbraio si erano salvati - sottolinea infatti Ezhaya -. Fortunatamente dalla sua coda e cioè da novembre, si è iniziato a percorrere il protocollo corridoi turistici ed è iniziato qualche movimento anche verso l’estero. L’anno di ripartenza per il settore è stato questo, il 2022”. “Il 2021 è stato l’anno più difficile per i flussi turistici degli operatori che operano sul medio e lungo raggio - gli fa quindi eco Peci -. Nel 2020 infatti gli operatori hanno potuto beneficiare dei volumi generati dai flussi turistici dei primi mesi dell’anno, in quanto la pandemia non era ancora iniziata, le frontiere erano aperte e si stava vivendo un momento di grande crescita del settore. Il 2022 è l’anno in cui anche il turismo di medio e lungo raggio sta tornando a generare numeri interessanti”. Fatturati in picchiata anche nel 2021: -25%. Bene solo chi opera sul mercato domestico E a supportare le opinioni di Ezhaya e Peci ci sono, come si accennava, anche i numeri concreti: sebbene il 2021 non abbia fatto mancare qualche timido segnale positivo, nel complesso i fatturati dei dieci principali tour operator italiani sono infatti scesi ulteriormente del 25% rispetto all'anno precedente, che a sua volta aveva registrato un tracollo del 69% in confronto all'era pre-Covid (2019). A rivelarlo, un'analisi comparata condotta da Pambianco sul giro d'affari dei più grossi operatori italiani dell'industria dei viaggi organizzati. Guardando il bicchiere mezzo pieno, va comunque detto che l'anno scorso alcune società sono riuscite a performare meglio rispetto al 2020 e e a chiudere con valori positivi. Sono state in particolare premiate soprattutto le realtà che lavorano sul mercato domestico. Analizzando il ranking (dove non è stata riportata la divisione tour operating di Uvet, di cui fa parte Settemari, perché non risultano bilanci depositati negli ultimi due anni) si evidenzia infatti un andamento altalenante, che alterna brusche frenate ad accelerate, anche a tre cifre. È il caso, per esempio, di Boscolo Tours il cui fatturato è cresciuto del 118%, attestandosi a 20 milioni di euro, nonché di Futura Vacanze, che ha raddoppiato il proprio giro d’affari rispetto all’esercizio precedente passando da 23 milioni a 47 milioni. Brunetti, Futura Vacanze: "Il mercato aveva necessità di disponibilità in Italia" “Il 2020 è stato l’anno più difficile: il Covid è arrivato in maniera inaspettata e tutti ci siamo ritrovati a dover fronteggiare una situazione mai vissuta prima - spiega l'amministratore unico di Futura Vacanze, Stefano Brunetti -. Nel 2021 eravamo, nostro malgrado, più consapevoli. E con l’esperienza della stagione precedente si è potuto lavorare, seppur con tutte le difficoltà del caso, intervenendo al meglio a livello programmatico, organizzativo e commerciale. Importantissimo è stato tra l'altro il potenziamento del prodotto Sardegna, dove dal 2021 siamo presenti con quattro Futura Club. Ciò ha comportato importanti investimenti anche sul fronte trasporti con collegamenti e voli speciali a cadenza settimanale per l’intera stagione. Visto il perdurare della situazione sul fronte estero, il mercato aveva necessità di disponibilità in Italia e la domanda per la destinazione ha ampiamente soddisfatto le nostre aspettative. A questo possiamo aggiungere il nostro consolidamento in termini di brand e di fidelizzazione”. Polito, Imperatore Travel: decisivi gli investimenti in tecnologia Nel 2021 crescita inoltre, anche se “solo” a due cifre, per Nicolaus Tour (+44,6%) e per Imperatore Travel World (+58,7%). Pure in quest’ultimo caso gli investimenti sono stati premianti, come sottolinea Luigi Polito, ceo dell'operatore campano: “Abbiamo investito tantissimo in tecnologia, creando un sistema turistico integrato che non riguarda soltanto la vendita di hotel ma anche dei trasporti, con collegamenti diretti delle compagnie aeree, di navigazione e treni. Inoltre, la vendita è stata aperta anche ai mercati stranieri, che hanno reagito bene e molto velocemente, come nord Europa, America e Australia, in aggiunta al mercato domestico già molto desideroso di riprendere a viaggiare, Italia su Italia, da aprile. Il connubio sempre più stretto tra tecnologia e servizio è poi fondamentale per abbattere le distanze ma anche per facilitare e velocizzare in sicurezza il processo di scelta, prenotazione e consultazione”. Andando oltre la top ten e allargando lo sguardo al composito e atomizzato settore del tour operating italiano, sono pochi tuttavia gli operatori che si focalizzano sul mercato Italia, perché la maggior parte sono specializzati in outgoing e molti in lungo raggio. Quest’ultimo è stato il più penalizzato a causa dell’interdizione ai viaggi che vigeva l’anno scorso verso le destinazioni extra Schengen e che è stata solo parzialmente risolta dai corridoi turistici attivati solo verso fine 2021 e solo per pochi Paesi.     [post_title] => Ezhaya, Peci e Pambianco: il 2021 è stato il vero annus horribilis per i to [post_date] => 2022-10-05T11:45:32+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664970332000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430852 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air France spalanca le porte all'inverno 2022-2023 con un network di 171 destinazioni, di cui 86 a lungo raggio e 85 a corto e medio raggio. L'intera flotta della compagnia sarà in funzione e i livelli di capacità sfioreranno quelli dell'inverno 2019. La fine dell'anno vedrà inoltre il lancio delle nuove cabine di Air France per il lungo raggio. In linea con la strategia di posizionamento up-level del vettore, verrà installata una nuova poltrona Business che si trasforma in un vero e proprio letto lungo quasi 2 metri su 12 Boeing 777-300 ER. Una nuova porta scorrevole permette di privatizzare completamente l'area del sedile. Il primo volo avrà luogo nelle prossime settimane a New York Jfk. Tra le principali novità sulla rete lungo raggio, spicca un ulteriore rafforzamento delle connessioni verso gli Stati Uniti: Air France lancerà un volo giornaliero non-stop tra Parigi-Charles de Gaulle e New York-Newark il 12 dicembre 2022. Il collegamento, operato con Boeing 777-200 ER, segna il ritorno del vettore a Newark, storica destinazione della compagnia aerea servita direttamente fino al 2012. Si aggiungerà al servizio "Shuttle" disponibile tra Parigi Cdg e New York Jfk con 6 voli giornalieri operati da Air France e dal partner Skyteam, Delta Air Lines. Infine, la rotta estiva Parigi Charles de Gaulle - Dallas sarà estesa per la stagione invernale con 3 voli settimanali operati da 777-200 ER. Intanto, nell'ambito della graduale riapertura delle frontiere giapponesi, Air France ha ripreso i voli tra Parigi-Charles de Gaulle e Tokyo-Haneda con 5 voli settimanali operati con Boeing 787-9. Quest'inverno, la compagnia volerà da Parigi verso entrambi gli aeroporti di Tokyo, con un massimo di 5 voli settimanali verso Tokyo-Narita da Parigi Cgd. Sul corto e medio raggio, debuttano 4 nuove rotte stagionali da Parigi Charles de Gaulle verso Austria, Norvegia e Finlandia: Kittilä (Finlandia) e Tromsø (Norvegia) saranno entrambe servite una volta alla settimana rispettivamente da A320 e Airbus A319. Innsbruck e Salisburgo, con rispettivamente 2 e 1 volo settimanale operato con Embraer 190, saranno attive dal 10 dicembre. Dal 30 ottobre 2022, decollerà la Parigi-Orly e Casablanca, con un volo giornaliero operato con Airbus A320. Nella stessa data, la rotta Nizza-Londra Heathrow (Regno Unito), finora operata solo durante il picco estivo, diventerà un servizio annuale, con un volo giornaliero operato da Airbus A320. Lanciata nel 2021, la rotta stagionale Parigi-Charles de Gaulle-Rovaniemi (Finlandia) riprenderà quest'anno a partire dal 27 novembre con un volo giornaliero operato da Airbus A320 durante il periodo natalizio.   [post_title] => Air France investe sull'inverno con capacità che sfiora i livelli 2019. Nuovo focus sugli Stati Uniti [post_date] => 2022-09-21T11:14:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663758898000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1718" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":4,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":56,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435018","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_336927\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Johan Lundgren, ceo di easyJet[/caption]\r\nEasyJet chiude in rosso l'anno finanziario 2021-22, con una perdita ante-imposte di 178 milioni di sterline, in netto recupero però rispetto al negativo dell'esercizio precedente che ammontava a 1,1 miliardi, principalmente a causa delle restrizioni Covid ancora in vigore.\r\nQuesto il dato puramente numerico: ma il trend delle prenotazioni per Natale, la stagione sciistica e altri periodi sono tornati ai livelli precedenti alla pandemia. Tanto che la compagnia aerea prevede di tornare ai livelli di capacità del 2019 entro la prossima estate. Johan Lundgren, ceo di easyJet, ha confermato che il vettore sta registrando una forte domanda nei periodi di punta, sottolineando un sondaggio secondo cui tre quarti delle persone vogliono viaggiare l'anno prossimo, nonostante la crisi economica e l'aumentato costo della vita.\r\n“L'estate ha visto easyJet raggiungere i suoi più alti guadagni di sempre in un singolo trimestre, con un Ebitdar di 674 milioni di sterline e un aumento dei servizi accessori del 59% rispetto al precedente anno fiscale - ha precisato Lundgren -. easyJet holidays, inoltre, si conferma essere sulla strada giusta per raggiungere il suo obiettivo di 100 milioni di sterline. In uno scenario fortemente condizionato dall’aumento dei costi, i vettori tradizionali faranno fatica. I consumatori cercheranno di tutelare le loro vacanze prediligendo chi offrirà loro un servizio di valore a prezzi vantaggiosi. Grazie al suo network che comprende i principali aeroporti e alle tariffe competitive, easyJet si rivelerà la scelta giusta per molti consumatori\".\r\n\"Uno degli obiettivi per il prossimo anno è quello di accrescere il nostro numero di clienti. Riteniamo inoltre che le condizioni siano ideali per incrementare i profitti e i margini, pur restando rigorosamente concentrati sui costi\".\r\nPer quanto riguarda il mercato italiano, con quasi 14 milioni di passeggeri trasportati, easyJet si conferma seconda compagnia operante nel nostro Paese nel 2022, numero più che triplicato rispetto ai 4,2 milioni di passeggeri trasportati nel 2021. Negli ultimi 12 mesi sono state annunciate o avviate oltre 40 nuove rotte da e per gli aeroporti italiani, di cui alcune riattivate dopo un periodo di sospensione, per un totale di circa 220 rotte operate da e per 19 aeroporti italiani.\r\n ","post_title":"EasyJet riduce le perdite e conta sul traffico delle festività per tornare ai livelli 2019","post_date":"2022-11-29T11:33:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669721592000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434743","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Italo corre verso il 2023 investendo una volta di più sulle agenzie di viaggio, fornendo loro strumenti utili a massimizzare le vendite. Diverse le novità tra cui, una su tutte, è l'annunciato nuovo portale che da fine dicembre consentirà agli adv \"di vendere i treni regionali di FS in connessione al network di Italo - afferma Fabrizio Bona, direttore commerciale -. Queste tratte, che di fatto sono un servizio pubblico e senza vincoli esclusivi, consentiranno a un gran numero di passeggeri di fruire in abbinata dei servizi di Alta Velocità. L'agente, da parte sua, sarà in grado di individuare e comparare velocemente la soluzione di viaggio più semplice e conveniente, concludendo con l'emissione di due o più biglietti separati ma con un'unica operazione di acquisto\". \r\n \r\n\r\nUno strumento in più a disposizione degli adv: \"Queste interconnessioni ci consentono di essere capillari come mai finora - aggiunge Marco De Angelis, direttore vendite -. Arriviamo da agenzie che prima non ci vendevano e avremo anche un nuovo presidio commerciale sulle regioni, ampliando la nostra presenza fisica sul territorio\".\r\n \r\n\r\n\r\n\r\nTerritorio che dall'11 dicembre, con l'introduzione dell'orario invernale, vedrà anche un significativo miglioramento del network che conterà 118 servizi al giorno, tra cui spicca il lancio di \"altri due servizi veloci Milano-Roma con partenza da Milano Centrale alle ore 07.45 e da Roma Termini alle ore 18.30 e fermate aggiuntive a Roma Tiburtina e Bologna. Orari studiati su misura per i viaggiatori d'affari e che al contempo stimolano le agenzie a lavorare sul segmento business, che è uno dei nostri focus di sviluppo per i prossimi mesi. E se nel passato il numero delle frequenze non ci ha particolarmente aiutato sul fronte bt, ora diventa impossibile dire che Italo ha gap di frequenze\".Migliori collegamenti anche per Venezia con due nuovi servizi con partenza da Termini alle ore 15.55 e da Santa Lucia alle ore 12.05. Viene inoltre ottimizzato l’orario di partenza da Roma Termini per Venezia che passa dalle 05.55 alle 06.55. Spinta anche sul versante del multimodale con l'introduzione della fermata Trieste Airport sulla linea Napoli – Roma – Trieste.\r\n\r\n\r\n \r\nTornando alle agenzie: durante il roadshow invernale che ha preso il via ieri a Milano, per poi proseguire a Bologna, Napoli e Roma, Italo incontrerà circa 200 adv: \"Le novità includono anche un cambio della strategia remunerazione di incentivazione con un programma di commissioni value-based che premierà  quelle più performanti. Crediamo fortemente in questo canale distributivi e nella professionalità di tanti, che ora come mai, devono essere propositori e non semplicemente ricettori delle richieste del potenziale cliente\". ","post_title":"Italo sulle agenzie: nuovo portale per la vendita dei treni regionali in connessione e focus bt","post_date":"2022-11-24T13:06:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669295208000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434699","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Alessandria celebra i 200 anni del noto pittore Neoclassico alessandrino Felice Giani, le cui opere sono presenti nei musei di tutto il mondo, al Louvre, agli Uffizi, all’Hermitage di San Pietroburgo, al Quirinale, a Palazzo di Spagna.\r\n\r\nLa Biblioteca Civica di Alessandria ospiterà da giovedì 24 novembre 2022, il primo lancio di presentazione dedicato a Felice Giani, pittore piemontese nato a S. Sebastiano Curone nel 1758, ritenuto uno dei massimi esponenti del neoclassicismo.\r\n\r\nIn concomitanza, l’Archivio ‘Pittor Giani’ intende celebrare l’anniversario dei duecento anni dalla morte del maestro (morto a Roma nel 1823) organizzando una serie di eventi che prenderanno avvio con la mostra “Felice Giani 200 Anteprima” che sarà inaugurata presso la sede dell’Archivio a San Sebastiano il 24 novembre 2022 e che proseguirà nel 2023 coinvolgendo la Città di Alessandria e province in rassegne di grande importanza per la conoscenza di Giani e delle sue opere e si concluderà nel 2024 con una mostra dedicata all’entourage del pittore ed una prestigiosa collaborazione con il Cooper Hewitt Design Museum di New York che conserva molte opere del maestro neoclassico.\r\n\r\nIl progetto, a cura dell’ l’Archivio “Pittor Giani”, è supportato da: Regione Piemonte, Comune di San Sebastiano Curone AL, Comune e Provincia di Alessandria, Comune e Diocesi di Tortona, Comuni di Forlì, Faenza, Brisighella, Marradi, Fondazione CRAL e CRT.\r\n\r\nBiblioteca Civica “Francesca Calvo”,  giovedi 24  dalle ore 16:00 per scoprire Felice Giani, la sua storia d’artista e i prestigiosi lavori realizzati, fra tele, schizzi e pitture murarie che adornano alcuni dei più prestigiosi palazzi nobiliari italiani a partire dal Quirinale a Palazzo di Spagna avrà come protagonista Marcella Vitali, storica dell’arte dell’Archivio Pittor Giani di San Sebastiano Curone, curatrice degli eventi del programma triennale e grande conoscitrice dell’opera dell’artista.\r\n\r\n ","post_title":"Alessandria, mostre ed eventi per i 200 anni del pittore neoclassico Felice Giani","post_date":"2022-11-24T11:01:50+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669287710000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434328","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo sciopero oggi, 18 novembre, per il personale di cabina di Vueling: il vettore, per contenere i disagi, ha preventivamente cancellato 56 voli, garantendo ai passeggeri coinvolti dalle modiche dell'operativo le corrette alternative. \r\n\r\nDi questi - secondo quanto riportato da El Preferente - il 93% è stato riprenotato su altri voli o ha richiesto un voucher o un rimborso. Il restante 7% è ancora in attesa di scegliere un'opzione.\r\n\r\nNella giornata odierna la compagnia aerea del gruppo Iag opererà 499 voli, circa il 90% dei 555 voli programmati sull'intero network. A livello internazionale, gli effetti dello sciopero sono meno gravi, con il 94% delle operazioni ancora in corso (168 su 178).","post_title":"Vueling: altra giornata di sciopero in Spagna, cancellati 56 voli","post_date":"2022-11-18T09:06:10+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1668762370000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"432141","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il traffico passeggeri ad agosto era solo del 12% inferiore ai volumi della pandemia pre-Covid-19 in Europa, ma ACI Europe lo vede come un mercato \"polarizzato dalle esternalità\", con il traffico delle vacanze in rimbalzo.\r\n\r\nNel mese di agosto 2022, Airports Council International (ACI Europe) ha rilevato che il traffico passeggeri sulla rete degli aeroporti del Vecchio Continente è aumentato del 51% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, un aumento «principalmente dovuto traffico internazionale» (+70%) per la revoca delle restrizioni ai viaggi transfrontalieri “sia all'interno dell'Europa che verso la maggior parte dei paesi al di fuori”. Il traffico passeggeri nazionale (+8%) è cresciuto a un ritmo molto più lento. Complessivamente, il traffico aereo europeo ha segnato -14,4% a luglio e -17,3% a giugno; agosto è stata la migliore performance mensile dall'inizio della pandemia.\r\n\r\nIl mercato EU+ (Unione Europea, EAA, Svizzera e Regno Unito), con -14% , ha continuato a trainare la ripresa, poiché il traffico passeggeri negli aeroporti è aumentato del +64% ad agosto rispetto allo stesso mese dell'anno scorso. I migliori risultati sono arrivati ​​dagli aeroporti di Regno Unito (+178%), Finlandia (+175%) e Irlanda (+147%).","post_title":"Aci Europe: Il traffico aereo in Europa traina la ripresa","post_date":"2022-10-13T09:00:38+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1665651638000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"432010","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_424433\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Franco Gattinoni, presidente gruppo Gattinoni[/caption]\r\n\r\nNon esiste attività al mondo che non produca biossido di carbonio. Ma le emissioni di CO2 si possono – e si devono – compensare, così da svolgere il proprio business con un impatto neutro sul pianeta. Il Gruppo Gattinoni ha scelto di impegnarsi in questo percorso, insieme alla startup Up2You, azienda B Corp fra le uniche 3 in Italia autorizzate a ritirare e gestire Carbon Credit VCS (Verified Carbon Standard) attraverso progetti certificati internazionalmente e su Blockchain.\r\n\r\nL’avvio di questo percorso del Gruppo Gattinoni è in concomitanza della partecipazione alla manifestazione fieristica Ttg Travel Experience, con il primo e unico Neutral Stand. La startup greentech Up2You ha certificato le emissioni di CO2 dello stand e chi si recherà nel Padiglione C3/150-171, riceverà un braccialetto in carta biodegradabile, che potrà essere piantato e generare fiori, unitamente a un codice QR da utilizzare per aderire a uno dei progetti sostenibili certificati, selezionati dal Gruppo Gattinoni, che mirano a compensare le emissioni di CO2 dello stand. Tutti coloro che aderiranno riceveranno un certificato personalizzato con nome, logo dell’azienda e progetto supportato.\r\n\r\n«Noi guardiamo sempre al futuro, in ogni scelta che facciamo - ha commentato Franco Gattinoni, presidente Gruppo Gattinoni -. È arrivato il momento di iniziare anche il percorso di sostenibilità aziendale che riguarderà tutto il Gruppo, attraverso lo studio di soluzioni che vanno verso la riduzione dell’inquinamento. Un progetto che coinvolgerà più reparti dell’azienda: Risorse Umane, Logistica, Comunicazione, Prodotto, Business Travel, Mice; tutti i dipendenti dovranno sentirsi parte di un cambiamento culturale importante. Ci attiveremo nelle sedi e nelle agenzie di proprietà, augurandoci in un secondo momento di coinvolgere tutte le agenzie del network. La crescita del business e la tutela del patrimonio ambientale non devono essere percepiti come obiettivi in antitesi, specialmente nel nostro settore, dove far scoprire alle persone la bellezza del mondo è il cardine delle nostre attività”.\r\n\r\nIl progetto Carbon Neutral interesserà tutte le Business Unit del Gruppo e procederà per step.\r\n\r\nSul fronte Mice, il gruppo Gattinoni propone ai propri clienti Neutral Events ovvero eventi in cui viene calcolato l’impatto ambientale e viene analizzata la strategia di coinvolgimento dei partecipanti per la neutralizzazione delle emissioni. Il primo evento Carbon Neutral è già stato realizzato per MetLife; è stato calcolato l’impatto ambientale dell’evento che si è svolto presso il ristorante di Carlo Cracco “Carlo al Naviglio”, e si sono neutralizzate le emissioni di CO2 attraverso l’adesione a un progetto green certificato internazionalmente, la conversione di un’area forestale, che ha visto come parte attiva i 70 business partner dell’azienda.\r\n\r\nIn ambito Business Travel l’impegno è di certificare le emissioni delle trasferte aziendali e di proporre ai clienti opzioni di trasferte sostenibili e pacchetti di compensazione. In tema Viaggi saranno proposti viaggi certificati Zero Emissioni: il consumatore, attraverso l’acquisto di specifici tour Travel Experience, avrà la possibilità di compensare le emissioni prodotte dal viaggio e dalla permanenza nelle strutture e di scegliere a quali progetti aderire.\r\n\r\nAnche le persone del Gruppo Gattinoni non si sottrarranno alla sfida. A breve inizierà il percorso dedicato a tutti i dipendenti del Gruppo attraverso PlaNet, la piattaforma di green engagement aziendale che permette ai colleghi di sfidarsi con quiz e missioni green in un percorso mirato verso la sostenibilità ambientale.\r\n\r\nCommenta Isabella Maggi, direttore marketing & comunicazione gruppo Gattinoni: «Sul fronte della comunicazione l’impegno di Gattinoni sarà monitorabile attraverso una landing page dedicata su Up2You, attraverso il logo Carbon Neutral che sarà messo sui progetti (Up2You Certified), il widget di impatto e la Climate Map dove sono dislocati tutti i progetti sostenuti. La nostra natura si basa sulla concretezza; non ci interessa un greenwashing per darci lustro ma al contrario assumerci una maggiore responsabilità. Le nuove generazioni hanno il diritto di vivere in condizioni idonee alla loro crescita».","post_title":"Gruppo Gattinoni: avanti tutta per diventare impresa carbon neutral","post_date":"2022-10-11T10:21:14+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1665483674000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431952","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Intra Tours, Dmc con base ad Istanbul, presente sul mercato italiano dal 1980, ben 42 stagioni nelle quali ha proposto prodotti di grande interesse per tanti tour operator italiani. Anche a Ttg Travel Experience 2022 riproporrà il proprio modello, costantemente rinnovato nei contenuti.\r\n\r\n«La nostra tradizione parte da lontano, dal 1980, da quando abbiamo iniziato a lavorare con i maggiori tour operator italiani - spiega il ceo e fondatore, Arturo Karaoglu - e ci piace pensare di avere maturato una profonda conoscenza del mercato sia per quel che attiene i rapporti con le agenzie di viaggio e tour operator, sia per quello che riguarda i “desideri e le aspettative” dei loro clienti, divenute ancora più demandanti attualmente, per le condizioni instabili in cui tutti si trovano ad operare. Abbiamo maturato un’importante esperienza con i viaggiatori italiani, fondamentale, per sapere cosa serva loro e come trattarli quando visitano il nostro paese».\r\n\r\nIl bilancio consuntivo dell’estate di Intra Tours presenta uno scenario in continua evoluzione nel quale la pianificazione è stata bypassata dalla partenza delle prenotazioni, molto sotto data.\r\n\r\n«Abbiamo riscontrato una partenza della stagione molto lenta, il che di certo non rende il lavoro facile - spiega Mario Maggi direttore vendite & marketing - Grazie alla nostra organizzazione sul territorio, che ha subito importanti implementazioni e miglioramenti, ci siamo fatti trovare pronti sia dal punto di vista della risposta operativa che di prodotto, puntando sulla rapidità di risposta che sulla varietà di proposte.\r\nPoi i numeri sono saliti in maniera esponenziale portandoci a chiudere l’estate con un tutto esaurito sulle nostre destinazioni storiche e sulle proposte di inclusive tours e prodotti a la carte».\r\n\r\n«Siamo presenti a Ttg Travel Experience per la 29ma volta, sin da quando la fiera si svolgeva in altre sedi rispetto a Rimini (Riva del Garda e Stresa) - prosegue Arturo Karaoglu - dove torniamo dopo la pandemia per la prima volta con uno nostro esclusivo stand nel Padiglione C-1 stand 171 perché pensiamo che il contatto diretto e la presenza ad una manifestazione, che è indiscutibilmente la più importante del settore, sia necessaria vista la nostra costanza dei rapporti con l’Italia.\r\n\r\nIntra Tours è un partner importante per chi programma le nostre destinazioni, e ci sentiamo con l’organico rinnovato di recente, con l’ingresso di nuovi colleghi, uno dei quali Cemile Tosca sarà con noi allo stand. \r\nSiamo cresciuti con il mercato Italiano, mercato che curiamo in maniera particolare, anche con le “missioni” alle fiere di settore perché il contatto con i nostri partner, dopo due anni davvero difficili, è la prima forma di riconnessione su cui dobbiamo puntare.\r\n\r\n«La nostra presenza alle manifestazioni di settore riprende, quindi, dopo la visita in BIT dello scorso anno ma a livello individuale, attraverso nostro stand - conclude   Karaoglu - e con un face to face che rende migliore il rapporto con i nostri clienti».","post_title":"Il Dmc turco Intra Tours presente al Ttg Travel Experience 2022","post_date":"2022-10-10T11:46:59+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1665402419000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431667","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il 2021 è stato il vero annus horribilis dell'industria dei viaggi organizzati. Anche peggio del 2020. Lo dicono i dati di una ricerca Pambianco (i cui risultati sono riproposti più sotto, ndr) e lo rimarcano due protagonisti del comparto come il presidente Astoi, Pier Ezhaya, e il direttore commerciale Quality Group, Marco Peci: “Il 2021, salvo qualche fiammata estiva prettamente per l’ Italia, è stato un anno terribile per i bilanci dei tour operator. Anche peggiore del 2020, quando almeno gennaio e febbraio si erano salvati - sottolinea infatti Ezhaya -. Fortunatamente dalla sua coda e cioè da novembre, si è iniziato a percorrere il protocollo corridoi turistici ed è iniziato qualche movimento anche verso l’estero. L’anno di ripartenza per il settore è stato questo, il 2022”.\r\n\r\n“Il 2021 è stato l’anno più difficile per i flussi turistici degli operatori che operano sul medio e lungo raggio - gli fa quindi eco Peci -. Nel 2020 infatti gli operatori hanno potuto beneficiare dei volumi generati dai flussi turistici dei primi mesi dell’anno, in quanto la pandemia non era ancora iniziata, le frontiere erano aperte e si stava vivendo un momento di grande crescita del settore. Il 2022 è l’anno in cui anche il turismo di medio e lungo raggio sta tornando a generare numeri interessanti”.\r\nFatturati in picchiata anche nel 2021: -25%. Bene solo chi opera sul mercato domestico\r\nE a supportare le opinioni di Ezhaya e Peci ci sono, come si accennava, anche i numeri concreti: sebbene il 2021 non abbia fatto mancare qualche timido segnale positivo, nel complesso i fatturati dei dieci principali tour operator italiani sono infatti scesi ulteriormente del 25% rispetto all'anno precedente, che a sua volta aveva registrato un tracollo del 69% in confronto all'era pre-Covid (2019). A rivelarlo, un'analisi comparata condotta da Pambianco sul giro d'affari dei più grossi operatori italiani dell'industria dei viaggi organizzati.\r\n\r\nGuardando il bicchiere mezzo pieno, va comunque detto che l'anno scorso alcune società sono riuscite a performare meglio rispetto al 2020 e e a chiudere con valori positivi.\r\n\r\nSono state in particolare premiate soprattutto le realtà che lavorano sul mercato domestico. Analizzando il ranking (dove non è stata riportata la divisione tour operating di Uvet, di cui fa parte Settemari, perché non risultano bilanci depositati negli ultimi due anni) si evidenzia infatti un andamento altalenante, che alterna brusche frenate ad accelerate, anche a tre cifre. È il caso, per esempio, di Boscolo Tours il cui fatturato è cresciuto del 118%, attestandosi a 20 milioni di euro, nonché di Futura Vacanze, che ha raddoppiato il proprio giro d’affari rispetto all’esercizio precedente passando da 23 milioni a 47 milioni.\r\nBrunetti, Futura Vacanze: \"Il mercato aveva necessità di disponibilità in Italia\"\r\n“Il 2020 è stato l’anno più difficile: il Covid è arrivato in maniera inaspettata e tutti ci siamo ritrovati a dover fronteggiare una situazione mai vissuta prima - spiega l'amministratore unico di Futura Vacanze, Stefano Brunetti -. Nel 2021 eravamo, nostro malgrado, più consapevoli. E con l’esperienza della stagione precedente si è potuto lavorare, seppur con tutte le difficoltà del caso, intervenendo al meglio a livello programmatico, organizzativo e commerciale. Importantissimo è stato tra l'altro il potenziamento del prodotto Sardegna, dove dal 2021 siamo presenti con quattro Futura Club. Ciò ha comportato importanti investimenti anche sul fronte trasporti con collegamenti e voli speciali a cadenza settimanale per l’intera stagione. Visto il perdurare della situazione sul fronte estero, il mercato aveva necessità di disponibilità in Italia e la domanda per la destinazione ha ampiamente soddisfatto le nostre aspettative. A questo possiamo aggiungere il nostro consolidamento in termini di brand e di fidelizzazione”.\r\nPolito, Imperatore Travel: decisivi gli investimenti in tecnologia\r\nNel 2021 crescita inoltre, anche se “solo” a due cifre, per Nicolaus Tour (+44,6%) e per Imperatore Travel World (+58,7%). Pure in quest’ultimo caso gli investimenti sono stati premianti, come sottolinea Luigi Polito, ceo dell'operatore campano: “Abbiamo investito tantissimo in tecnologia, creando un sistema turistico integrato che non riguarda soltanto la vendita di hotel ma anche dei trasporti, con collegamenti diretti delle compagnie aeree, di navigazione e treni. Inoltre, la vendita è stata aperta anche ai mercati stranieri, che hanno reagito bene e molto velocemente, come nord Europa, America e Australia, in aggiunta al mercato domestico già molto desideroso di riprendere a viaggiare, Italia su Italia, da aprile. Il connubio sempre più stretto tra tecnologia e servizio è poi fondamentale per abbattere le distanze ma anche per facilitare e velocizzare in sicurezza il processo di scelta, prenotazione e consultazione”.\r\n\r\nAndando oltre la top ten e allargando lo sguardo al composito e atomizzato settore del tour operating italiano, sono pochi tuttavia gli operatori che si focalizzano sul mercato Italia, perché la maggior parte sono specializzati in outgoing e molti in lungo raggio. Quest’ultimo è stato il più penalizzato a causa dell’interdizione ai viaggi che vigeva l’anno scorso verso le destinazioni extra Schengen e che è stata solo parzialmente risolta dai corridoi turistici attivati solo verso fine 2021 e solo per pochi Paesi.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Ezhaya, Peci e Pambianco: il 2021 è stato il vero annus horribilis per i to","post_date":"2022-10-05T11:45:32+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1664970332000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430852","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air France spalanca le porte all'inverno 2022-2023 con un network di 171 destinazioni, di cui 86 a lungo raggio e 85 a corto e medio raggio. L'intera flotta della compagnia sarà in funzione e i livelli di capacità sfioreranno quelli dell'inverno 2019.\r\n\r\nLa fine dell'anno vedrà inoltre il lancio delle nuove cabine di Air France per il lungo raggio. In linea con la strategia di posizionamento up-level del vettore, verrà installata una nuova poltrona Business che si trasforma in un vero e proprio letto lungo quasi 2 metri su 12 Boeing 777-300 ER. Una nuova porta scorrevole permette di privatizzare completamente l'area del sedile. Il primo volo avrà luogo nelle prossime settimane a New York Jfk.\r\n\r\nTra le principali novità sulla rete lungo raggio, spicca un ulteriore rafforzamento delle connessioni verso gli Stati Uniti: Air France lancerà un volo giornaliero non-stop tra Parigi-Charles de Gaulle e New York-Newark il 12 dicembre 2022. Il collegamento, operato con Boeing 777-200 ER, segna il ritorno del vettore a Newark, storica destinazione della compagnia aerea servita direttamente fino al 2012. Si aggiungerà al servizio \"Shuttle\" disponibile tra Parigi Cdg e New York Jfk con 6 voli giornalieri operati da Air France e dal partner Skyteam, Delta Air Lines. Infine, la rotta estiva Parigi Charles de Gaulle - Dallas sarà estesa per la stagione invernale con 3 voli settimanali operati da 777-200 ER.\r\n\r\nIntanto, nell'ambito della graduale riapertura delle frontiere giapponesi, Air France ha ripreso i voli tra Parigi-Charles de Gaulle e Tokyo-Haneda con 5 voli settimanali operati con Boeing 787-9. Quest'inverno, la compagnia volerà da Parigi verso entrambi gli aeroporti di Tokyo, con un massimo di 5 voli settimanali verso Tokyo-Narita da Parigi Cgd.\r\n\r\nSul corto e medio raggio, debuttano 4 nuove rotte stagionali da Parigi Charles de Gaulle verso Austria, Norvegia e Finlandia: Kittilä (Finlandia) e Tromsø (Norvegia) saranno entrambe servite una volta alla settimana rispettivamente da A320 e Airbus A319. Innsbruck e Salisburgo, con rispettivamente 2 e 1 volo settimanale operato con Embraer 190, saranno attive dal 10 dicembre.\r\n\r\nDal 30 ottobre 2022, decollerà la Parigi-Orly e Casablanca, con un volo giornaliero operato con Airbus A320. Nella stessa data, la rotta Nizza-Londra Heathrow (Regno Unito), finora operata solo durante il picco estivo, diventerà un servizio annuale, con un volo giornaliero operato da Airbus A320. Lanciata nel 2021, la rotta stagionale Parigi-Charles de Gaulle-Rovaniemi (Finlandia) riprenderà quest'anno a partire dal 27 novembre con un volo giornaliero operato da Airbus A320 durante il periodo natalizio.\r\n\r\n ","post_title":"Air France investe sull'inverno con capacità che sfiora i livelli 2019. Nuovo focus sugli Stati Uniti","post_date":"2022-09-21T11:14:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663758898000]}]}}

Lascia un commento