5 February 2023

1668

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Direttore tecnico con esperienza ventennale nel settore offre la propria consulenza ad agenzie e aziende Torino e Piemonte.
Se la vostra è un’ agenzia di nuova apertura, ha appena cambiato gestione, se fate parte di un network ma ritenete che la consulenza fornitevi non sia sufficiente o completa, se siete nuovi del settore e riscontrate difficoltà nella gestione giornaliera del lavoro non esitate a contattarmi, possiamo vederci per un incontro conoscitivo e poi valutare insieme le vostre necessità e le vostre esigenze.
COMPENSO ADEGUATO AGLI INTERVENTI RICHIESTI.
CONTATTARE SIG RUSCELLI 333 4016189.
Claudio.ruscelli@spiaggebianche.com


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438195 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volano alti gli utili di Ryanair nel terzo trimestre dell'esercizio 2022-23: nei tre mesi chiusi lo scorso 31 dicembre la low cost ha riportato un utile di 211 milioni di euro rispetto al dato pre-Covid dello stesso periodo di 88 milioni di euro. Ryanair ha sottolineato in una nota che la forte domanda di viaggi repressa durante le festività natalizie e di ottobre (senza alcun impatto negativo da Covid o dalla guerra in Ucraina) ha stimolato traffico e tariffe elevate in tutti i mercati.  "Ryanair si è assicurata forti guadagni di quote di mercato nei principali mercati dell'Unione europea poiché abbiamo gestito il 112% della nostra capacità pre-Covid durante i primi 9 mesi dell'anno fiscale - ha affermato il ceo del gruppo, Michael O'Leary - Le crescite più significative di market share sono state in Italia (dal 26% al 40%), Polonia (dal 27% al 38%), Irlanda (dal 49% al 58%) e Spagna (dal 21% al 23%)". "Con i turisti asiatici che stanno tornando e un forte dollaro Usa che incoraggia gli americani a viaggiare in Europa, stiamo assistendo a una forte domanda di voli per la Pasqua e l'estate 2023", ha aggiunto. Ryanair si aspetta ancora di trasportare 168 milioni di passeggeri nell'anno fiscale fino al 31 marzo, ben al di sopra del precedente record annuale di 149 milioni raggiunto prima della pandemia. Allo stesso modo la low cost ha confermato le stime al rialzo per i profitti dell'intero esercizio, che saranno compresi tra 1,325-1,425 miliardi di euro (precedentemente 1,00-1,20 miliardi). [post_title] => Ryanair da record nel terzo trimestre. Domanda robusta per Pasqua ed estate [post_date] => 2023-01-30T08:41:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675068068000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438089 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea amplia il network da Cagliari da dove,  dal 7 aprile, decollerà il volo per Barcellona, mentre dal 27 maggio verranno attivati 2 nuovi collegamenti in esclusiva per Atene e Brindisi. La rotta per Barcellona (con 3 frequenze a settimana nei periodi di più intenso traffico) prevede un’offerta complessiva di oltre 30.200 posti, pari a 168 voli. Le altre 2 tratte avranno entrambe frequenza bisettimanale, con un’offerta di oltre 14.000 posti e circa 80 voli ciascuna. Infine, sempre dal 27 maggio, verrà ripristinato il collegamento dallo scalo cagliaritano alla volta di Ancona, mentre dal 7 aprile sarà riattivata la tratta Cagliari-Torino. Queste novità si affiancheranno ai classici collegamenti Volotea in partenza dal Mameli, per un totale di 16 destinazioni collegate, 7 all’estero e 9 in Italia. Volotea si attesta così come seconda compagnia per numero di collegamenti disponibili a Cagliari e presso lo scalo scende in pista con un totale di 325 mila posti in vendita. “L’apporto di Volotea, che nel 2023 continuerà ad investire su Cagliari, sarà fondamentale per continuare ad ampliare il nostro network, con un importante focus sul segmento internazionale in particolare su Francia, Spagna e Grecia ma anche con le importanti conferme e novità sul segmento domestico” ha commentato David Crognaletti, Chief Commecial Officer di Sogaer, società di gestione dell'aeroporto sardo. [post_title] => Volotea investe su Cagliari con tre novità: Barcellona, Atene e Brindisi [post_date] => 2023-01-27T12:52:22+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674823942000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437752 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nel 2019, Ryanair ha battuto il record di vendite del fine settimana con 1.600.000 biglietti. Erano tempi fantastici che si sono riprodotti di nuovo: lo scorso fine settimana, il 14 gennaio, la compagnia aerea irlandese ha superato i due milioni, il 25% in più rispetto al precedente record.  La settimana, compresi i giorni feriali, ha sfiorato appena i cinque milioni di viaggi venduti, con una particolare concentrazione nel periodo pasquale. Ma più importante per Ryanair: il prezzo medio continua a salire. Si è passati dai quasi 40 euro di prima della pandemia ai 50 dell'anno scorso. E ora si trova a 54 euro. O'Leary ha confermato che la domanda continua ad essere forte. E il manager la scalda dicendo che quest'estate i prezzi saliranno di più, soprattutto se continueranno a esserci i saldi come finora, che sembrano insensibili ai rincari. L'amministratore delegato del gruppo ha spiegato ai media che questo inverno, che è ancora in corso, le cose erano andate abbastanza bene, al punto che praticamente non è dovuto andare alle offerte a 9,99, così comuni nella compagnia irlandese. Le buone notizie si stanno moltiplicando al quartier generale di Dublino, perché O'Leary ha indicato di avere l'impressione che la Boeing possa essere in grado di consegnare i cinquanta aerei che aveva promesso. Con più aerei e con i piloti addestrati, con i biglietti venduti, non resta che mettere i soldi nella cassetta. Secondo i media, Ryanair trasporterà 185 milioni di passeggeri in questo anno fiscale (che inizia ad aprile), anche più dei 168 milioni dell'anno appena concluso. [post_title] => Ryanair: il 14 gennaio il vettore ha superato i 2 milioni di biglietti venduti [post_date] => 2023-01-23T10:52:10+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674471130000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437664 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà il primo urban hotel della compagnia spagnola in Italia e nascerà dalla ristrutturazione e ribranding di un 5 stelle esistente, provvisto di 168 camere e vari spazi f&b, tra cui una terrazza panoramica. Il gruppo Palladium ha annunciato in occasione della Fitur di Madrid il proprio approdo a Venezia, grazie alla firma di un contratto di leasing per un albergo che aprirà nel 2025. Tra le altre novità, l'inaugurazione di un altro Only You a Siviglia prevista per il primo trimestre dell'anno prossimo: la struttura è attualmente in fase di ristrutturazione completa, al termine dei cui lavori nascerà un 5 stelle da 226 camere, dotato di un'ampia gamma di ristoranti e spazi per eventi, tra cui una vasta area esterna con piscina. Entrambi i progetti di interior design, a Siviglia e a Venezia, sono a cura dello studio internazionale di Lázaro Rosa-Violán. Nel corso del 2023, l'Hard Rock Hotel Marbella aprirà invece l’area Oasis, aggiungendo 174 camere, tra cui due nuove categorie, le Rock suite e le Rock Star suite. La struttura inaugurerà anche la Rock spa e oltre 900 metri quadrati di spazi per meeting. Inoltre, a partire da questa primavera, l'Hard Rock di Marbella sarà aperto tutto l'anno. Infine, la compagnia spagnola ha pure annunciato investimenti significativi da parte dei proprietari degli asset esistenti, per la ristrutturazione e il rinnovamento di una serie di hotel in Europa e in America. Il budget ammonta a 160 milioni di euro per progetti da realizzare nel biennio 2023-2024. Dopo l'ampio restyling effettuato l'anno scorso del Grand Palladium Jamaica Resort & Spa, sarà questa la volta di intervenire sul Grand Palladium Kantenah Resort & Spa, in Riviera Maya, nonché sul Grand Palladium Palace Ibiza Resort & Spa, mentre nel 2024 è prevista la ristrutturazione degli hotel in Messico e a Punta Cana. [post_title] => Il gruppo Palladium approda a Venezia con il brand Only You Hotels [post_date] => 2023-01-20T11:09:27+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674212967000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437310 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Toscana Aeroporti, società di gestione degli scali di Firenze e Pisa, traccia un bilancio positivo del 2022 che si è concluso con 6.722.846 passeggeri, in crescita del 137% sul 2021. Nonostante la diffusione della variante Omicron ad inizio anno, i risultati dei mesi successivi hanno consentito al Sistema Aeroportuale Toscano di chiudere il 2022 con l’81,4% dei volumi del 2019, anno record per i due scali. Un recupero addirittura superiore si è osservato per i movimenti aerei, 68.893, che hanno raggiunto l’87,3% dei livelli pre-pandemia.  In particolare, nel 2022 i passeggeri sui voli domestici hanno raggiunto l’87,9% dei passeggeri domestici del 2019 mentre quelli internazionali, storicamente prevalenti nel Sistema e maggiormente penalizzati dalle limitazioni agli spostamenti, il 79,4% del numero dei passeggeri pre-pandemia. In forte aumento anche il load factor dei voli di linea (+11,7 punti percentuali), passato dal 68,4% del 2021 all’80,1% del 2022 e in deciso avvicinamento al dato (83,9%) del 2019. Significativo anche il risultato del cargo che, con 14.907 tonnellate di merce trasportata nel 2022, si è attestato ad un +13,1% rispetto ai volumi del 2019. Nel dettaglio, il Galilei di Pisa ha totalizzato 4.493.847, il +124,8% rispetto al 2021 e un recupero dell’83,4% sull’anno pre-covid del 2019; il Vespucci di Firenze ha registrato 2.228.999 passeggeri, pari a una crescita del 166% rispetto al 2021 e un recupero del 77,6% dei volumi di traffico del 2019.  [post_title] => Toscana Aeroporti: Firenze e Pisa si avvicinano al traffico 2019 con oltre 7,2 milioni di passeggeri [post_date] => 2023-01-16T08:53:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673859180000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436224 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le Filippine hanno accolto 2 milioni di visitatori da quando, a febbraio, sono state allentate le restrizioni di ingresso nel Paese. Secondo il Dipartimento del Turismo gli arrivi sono stati 2.025.421, di cui il 73,43%, cioè più di 1,48 milioni, provenienti dall'estero mentre oltre 538.000 (26,57%) sono filippini d'oltremare. Fra i turisti stranieri, il 19,01% proviene dagli Stati Uniti; a seguire la Corea del Sud con il 14,10% e l'Australia con il 4,75%. Canada, Regno Unito, Giappone, India, Singapore, Malesia e Vietnam completano la top 10 dei Paesi con il maggior numero di arrivi turistici nelle Filippine. Gli arrivi di visitatori da febbraio a settembre hanno portato oltre 100,7 miliardi di euro di entrate al settore turistico, con un'impennata del 1.938,14% rispetto ai 4,94 miliardi di euro registrati nello stesso periodo del 2021. Christina Garcia-Frasco, segretario al turismo del paese, ha sottolineato come i due milioni di arrivi abbiano superato le previsioni del Ministero del Turismo: "Dobbiamo quindi far fronte a questa situazione con l'implementazione continua di meccanismi di abilitazione che trasmettano non solo l'apertura del Paese ad accogliere un maggior numero di turisti, ma anche la capacità di favorire le attività turistiche e le opportunità di sostentamento per i nostri connazionali". "Ora, la nostra sfida più grande non è solo quella di far tornare il settore ai livelli precedenti alla pandemia, quando il turismo rappresentava più del 12% del Pil del Paese, ma anche quella di superare la nostra posizione precedente e di assumere un ruolo di primo piano nel turismo dell'Asean (Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico) e a livello globale". [post_title] => Le Filippine puntano a un ruolo turistico di primo piano all'interno dell'Asean [post_date] => 2022-12-19T13:25:42+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671456342000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436208 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_289372" align="alignleft" width="300"] Il presidente della regione Liguria, Giovanni Toti[/caption] Liguria sugli scudi per le festività. «Infatti nella regione, per gli ultimi giorni dell'anno, sono già state prenotate il 70% delle camere messe a disposizione dalle piattaforme di prenotazione e la percentuale nelle prossime ore è destinata ad aumentare ancora. «I numeri da record che il nostro territorio ha fatto registrare nel 2022 si confermano anche per il mese di dicembre, grazie anche alle campagne di destagionalizzazione promosse da Regione Liguria". Così il presidente della regione Giovanni Toti e l'assessore al Turismo Augusto Sartori in merito ai dati sulle prenotazioni degli alberghi liguri per Capodanno.   «Nel periodo natalizio la Liguria ha in serbo una lunga lista di eventi e iniziative non solo per i suoi cittadini, ma anche per i turisti che verranno a visitarla - aggiungono il presidente Toti e l'assessore Sartori -. Le proiezioni parlano di un nuovo record di presenze dopo le migliaia di liguri che si sono riversati in piazza De Ferrari l'8 dicembre per l'accensione dell'albero di Natale e per lo spettacolo di luci sulla facciata del palazzo della Regione. Ora ci attendiamo un altro grande afflusso per il veglione di San Silvestro organizzato da Mediaset, sempre in piazza De Ferrari, che sarà trasmesso in diretta su Canale 5».   I numeri, afferma in una nota la rtegione, «confermano che anche novembre è stato un mese più che positivo". "Nel mese di novembre sono state 388.994 le presenze, contro le 386.373 del 2019: si tratta di un aumento dello 0,68%. A crescere sono soprattutto i turisti stranieri, 12.713 in più rispetto al 2019, pari ad un più 8,43%. Dati che confermano la sempre maggiore attrattività della Liguria, risultato dell'intenso lavoro fatto per promuovere le bellezze del territorio dodici mesi all'anno». [post_title] => Toti (Liguria): «Numeri da record per il nostro territorio» [post_date] => 2022-12-19T11:32:16+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671449536000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435738 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La compagnia fondata da Pascal Lota lancia un ‘Corsicadeau’ sotto l’albero!  È il regalo originale proposto dalle Navi Gialle, per il prossimo Natale. Si tratta di un Buono Viaggio per raggiungere le più affascinanti isole del Mediterraneo: Sardegna, Corsica, Elba e Baleari. Corsica Sardinia Ferries permette di fare un regalo originale, a partire da 25€.  Con pochi e semplici passaggi, è possibile creare e personalizzare il Buono Viaggio.  Il Corsicadeau potrà essere stampato oppure inviato via e-mail e il beneficiario deciderà  quando e su quale linea utilizzarlo, per viaggiare verso la sua isola preferita. Per informazioni: www.corsica-ferries.it/promozioni/corsicadeau Dal 1968 Corsica Sardinia Ferries  serve tutto l’anno Corsica e Sardegna.  La Corsica è collegata da Tolone, Nizza, Savona e Livorno e, in estate, da Piombino; la Sardegna è collegata da Livorno, Nizza e Tolone e, in estate, da Savona e Piombino. L’isola d’Elba è collegata da Piombino e da Bastia (Corsica) nella stagione estiva. Corsica e Sardegna sono unite da collegamenti annuali. La linea Tolone/Baleari è attiva dalla primavera all’autunno. [post_title] => Corsica Sardinia Ferries, sotto l'albero un Buono Viaggio per le isole del Mediterraneo [post_date] => 2022-12-13T12:06:23+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670933183000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435397 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha aperto il 6 ottobre a Palazzo Ducale (Genova) la mostra che racconta la grandezza di Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città. La mostra è organizzata dal Comune di Genova con Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura ed Electa, e nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). Partner dell’evento Visit Flanders, l’Agenzia per il Turismo del Governo delle Fiandre. La curatela è di Nils Büttner, docente della Staatliche Akademie der Bildenden Künste Stuttgart nonché Chairman del Centrum Rubenianum di Anversa, e di Anna Orlando, independent scholar genovese, co-curatrice della mostra L’Età di Rubens tenutasi a Palazzo Ducale nel 2004. La mostra che vede Genova e Anversa, le due città simbolo del grande maestro, unite in un percorso storico ed artistico, è l’occasione per genovesi e visitatori per riscoprire lo stretto legame tra il maestro fiammingo ed il capoluogo ligure e tra questo ed Anversa, città natale di Rubens dove egli si stabilì nel 1608,  al termine del suo viaggio in Italia. All’interno della mostra spiccano oltre venti dipinti di Rubens, provenienti da musei e collezioni europee e italiane che, sommati a quelli già presenti in città, raggiungono un numero come non vi era a Genova dalla fine del Settecento; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo. A partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola, Bernardo Castello e Aurelio Lomi, presente in mostra con un dipinto della Collezione Doria Pamphilj), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders). Tra le opere che tornano a Genova, create da Rubens su commissione dei più agiati e potenti tra i genovesi di allora, si possono menzionare: il Ritratto di Violante Maria Spinola Serra del Faringdon Collection Trust, una dama finora senza nome, che grazie agli studi in preparazione della mostra è ora riconoscibile. Il San Sebastiano, proveniente da una collezione privata europea e mai esposto in Italia, che, grazie a un importante ritrovamento documentario, può ora riferirsi alla committenza del celebre condottiero Ambrogio Spinola. È esposto per la prima volta in Italia anche il giovanile Autoritratto, con un Rubens all’incirca ventisettenne, che un collezionista privato ha offerto come prestito a lungo termine alla Rubenshuis di Anversa e che eccezionalmente torna nel Paese dove fu eseguito, intorno al 1604. Oggi l’opera di Rubens è il filo conduttore di una visita culturale ad Anversa: camminando per le strette vie del centro storico, dai nomi che rimandano a un passato di scambi con l’Italia, si toccano luoghi storici che ci raccontano di un artista poliedrico che ha contribuito a disegnare la principale “città barocca di Paesi Bassi”. La Mostra resterà aperta fino al 23 gennaio 2023. [post_title] => Rubens, da Anversa a Genova alla scoperta del maestro fiammingo tra storia ed arte [post_date] => 2022-12-05T10:30:32+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670236232000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1668" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":56,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438195","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volano alti gli utili di Ryanair nel terzo trimestre dell'esercizio 2022-23: nei tre mesi chiusi lo scorso 31 dicembre la low cost ha riportato un utile di 211 milioni di euro rispetto al dato pre-Covid dello stesso periodo di 88 milioni di euro. Ryanair ha sottolineato in una nota che la forte domanda di viaggi repressa durante le festività natalizie e di ottobre (senza alcun impatto negativo da Covid o dalla guerra in Ucraina) ha stimolato traffico e tariffe elevate in tutti i mercati. \r\n\r\n\"Ryanair si è assicurata forti guadagni di quote di mercato nei principali mercati dell'Unione europea poiché abbiamo gestito il 112% della nostra capacità pre-Covid durante i primi 9 mesi dell'anno fiscale - ha affermato il ceo del gruppo, Michael O'Leary - Le crescite più significative di market share sono state in Italia (dal 26% al 40%), Polonia (dal 27% al 38%), Irlanda (dal 49% al 58%) e Spagna (dal 21% al 23%)\".\r\n\r\n\"Con i turisti asiatici che stanno tornando e un forte dollaro Usa che incoraggia gli americani a viaggiare in Europa, stiamo assistendo a una forte domanda di voli per la Pasqua e l'estate 2023\", ha aggiunto.\r\n\r\nRyanair si aspetta ancora di trasportare 168 milioni di passeggeri nell'anno fiscale fino al 31 marzo, ben al di sopra del precedente record annuale di 149 milioni raggiunto prima della pandemia. Allo stesso modo la low cost ha confermato le stime al rialzo per i profitti dell'intero esercizio, che saranno compresi tra 1,325-1,425 miliardi di euro (precedentemente 1,00-1,20 miliardi).","post_title":"Ryanair da record nel terzo trimestre. Domanda robusta per Pasqua ed estate","post_date":"2023-01-30T08:41:08+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675068068000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438089","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volotea amplia il network da Cagliari da dove,  dal 7 aprile, decollerà il volo per Barcellona, mentre dal 27 maggio verranno attivati 2 nuovi collegamenti in esclusiva per Atene e Brindisi. La rotta per Barcellona (con 3 frequenze a settimana nei periodi di più intenso traffico) prevede un’offerta complessiva di oltre 30.200 posti, pari a 168 voli. Le altre 2 tratte avranno entrambe frequenza bisettimanale, con un’offerta di oltre 14.000 posti e circa 80 voli ciascuna. Infine, sempre dal 27 maggio, verrà ripristinato il collegamento dallo scalo cagliaritano alla volta di Ancona, mentre dal 7 aprile sarà riattivata la tratta Cagliari-Torino. Queste novità si affiancheranno ai classici collegamenti Volotea in partenza dal Mameli, per un totale di 16 destinazioni collegate, 7 all’estero e 9 in Italia. Volotea si attesta così come seconda compagnia per numero di collegamenti disponibili a Cagliari e presso lo scalo scende in pista con un totale di 325 mila posti in vendita.\r\n“L’apporto di Volotea, che nel 2023 continuerà ad investire su Cagliari, sarà fondamentale per continuare ad ampliare il nostro network, con un importante focus sul segmento internazionale in particolare su Francia, Spagna e Grecia ma anche con le importanti conferme e novità sul segmento domestico” ha commentato David Crognaletti, Chief Commecial Officer di Sogaer, società di gestione dell'aeroporto sardo.","post_title":"Volotea investe su Cagliari con tre novità: Barcellona, Atene e Brindisi","post_date":"2023-01-27T12:52:22+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674823942000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437752","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nel 2019, Ryanair ha battuto il record di vendite del fine settimana con 1.600.000 biglietti. Erano tempi fantastici che si sono riprodotti di nuovo: lo scorso fine settimana, il 14 gennaio, la compagnia aerea irlandese ha superato i due milioni, il 25% in più rispetto al precedente record. \r\n\r\nLa settimana, compresi i giorni feriali, ha sfiorato appena i cinque milioni di viaggi venduti, con una particolare concentrazione nel periodo pasquale.\r\n\r\nMa più importante per Ryanair: il prezzo medio continua a salire. Si è passati dai quasi 40 euro di prima della pandemia ai 50 dell'anno scorso. E ora si trova a 54 euro.\r\n\r\nO'Leary ha confermato che la domanda continua ad essere forte. E il manager la scalda dicendo che quest'estate i prezzi saliranno di più, soprattutto se continueranno a esserci i saldi come finora, che sembrano insensibili ai rincari.\r\n\r\nL'amministratore delegato del gruppo ha spiegato ai media che questo inverno, che è ancora in corso, le cose erano andate abbastanza bene, al punto che praticamente non è dovuto andare alle offerte a 9,99, così comuni nella compagnia irlandese.\r\n\r\nLe buone notizie si stanno moltiplicando al quartier generale di Dublino, perché O'Leary ha indicato di avere l'impressione che la Boeing possa essere in grado di consegnare i cinquanta aerei che aveva promesso. Con più aerei e con i piloti addestrati, con i biglietti venduti, non resta che mettere i soldi nella cassetta.\r\n\r\nSecondo i media, Ryanair trasporterà 185 milioni di passeggeri in questo anno fiscale (che inizia ad aprile), anche più dei 168 milioni dell'anno appena concluso.","post_title":"Ryanair: il 14 gennaio il vettore ha superato i 2 milioni di biglietti venduti","post_date":"2023-01-23T10:52:10+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674471130000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437664","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà il primo urban hotel della compagnia spagnola in Italia e nascerà dalla ristrutturazione e ribranding di un 5 stelle esistente, provvisto di 168 camere e vari spazi f&b, tra cui una terrazza panoramica. Il gruppo Palladium ha annunciato in occasione della Fitur di Madrid il proprio approdo a Venezia, grazie alla firma di un contratto di leasing per un albergo che aprirà nel 2025.\r\n\r\nTra le altre novità, l'inaugurazione di un altro Only You a Siviglia prevista per il primo trimestre dell'anno prossimo: la struttura è attualmente in fase di ristrutturazione completa, al termine dei cui lavori nascerà un 5 stelle da 226 camere, dotato di un'ampia gamma di ristoranti e spazi per eventi, tra cui una vasta area esterna con piscina. Entrambi i progetti di interior design, a Siviglia e a Venezia, sono a cura dello studio internazionale di Lázaro Rosa-Violán.\r\n\r\nNel corso del 2023, l'Hard Rock Hotel Marbella aprirà invece l’area Oasis, aggiungendo 174 camere, tra cui due nuove categorie, le Rock suite e le Rock Star suite. La struttura inaugurerà anche la Rock spa e oltre 900 metri quadrati di spazi per meeting. Inoltre, a partire da questa primavera, l'Hard Rock di Marbella sarà aperto tutto l'anno.\r\n\r\nInfine, la compagnia spagnola ha pure annunciato investimenti significativi da parte dei proprietari degli asset esistenti, per la ristrutturazione e il rinnovamento di una serie di hotel in Europa e in America. Il budget ammonta a 160 milioni di euro per progetti da realizzare nel biennio 2023-2024. Dopo l'ampio restyling effettuato l'anno scorso del Grand Palladium Jamaica Resort & Spa, sarà questa la volta di intervenire sul Grand Palladium Kantenah Resort & Spa, in Riviera Maya, nonché sul Grand Palladium Palace Ibiza Resort & Spa, mentre nel 2024 è prevista la ristrutturazione degli hotel in Messico e a Punta Cana.","post_title":"Il gruppo Palladium approda a Venezia con il brand Only You Hotels","post_date":"2023-01-20T11:09:27+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674212967000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437310","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Toscana Aeroporti, società di gestione degli scali di Firenze e Pisa, traccia un bilancio positivo del 2022 che si è concluso con 6.722.846 passeggeri, in crescita del 137% sul 2021. Nonostante la diffusione della variante Omicron ad inizio anno, i risultati dei mesi successivi hanno consentito al Sistema Aeroportuale Toscano di chiudere il 2022 con l’81,4% dei volumi del 2019, anno record per i due scali. Un recupero addirittura superiore si è osservato per i movimenti aerei, 68.893, che hanno raggiunto l’87,3% dei livelli pre-pandemia. \r\n\r\nIn particolare, nel 2022 i passeggeri sui voli domestici hanno raggiunto l’87,9% dei passeggeri domestici del 2019 mentre quelli internazionali, storicamente prevalenti nel Sistema e maggiormente penalizzati dalle limitazioni agli spostamenti, il 79,4% del numero dei passeggeri pre-pandemia.\r\n\r\nIn forte aumento anche il load factor dei voli di linea (+11,7 punti percentuali), passato dal 68,4% del 2021 all’80,1% del 2022 e in deciso avvicinamento al dato (83,9%) del 2019. Significativo anche il risultato del cargo che, con 14.907 tonnellate di merce trasportata nel 2022, si è attestato ad un +13,1% rispetto ai volumi del 2019.\r\n\r\nNel dettaglio, il Galilei di Pisa ha totalizzato 4.493.847, il +124,8% rispetto al 2021 e un recupero dell’83,4% sull’anno pre-covid del 2019; il Vespucci di Firenze ha registrato 2.228.999 passeggeri, pari a una crescita del 166% rispetto al 2021 e un recupero del 77,6% dei volumi di traffico del 2019. ","post_title":"Toscana Aeroporti: Firenze e Pisa si avvicinano al traffico 2019 con oltre 7,2 milioni di passeggeri","post_date":"2023-01-16T08:53:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1673859180000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436224","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le Filippine hanno accolto 2 milioni di visitatori da quando, a febbraio, sono state allentate le restrizioni di ingresso nel Paese. Secondo il Dipartimento del Turismo gli arrivi sono stati 2.025.421, di cui il 73,43%, cioè più di 1,48 milioni, provenienti dall'estero mentre oltre 538.000 (26,57%) sono filippini d'oltremare.\r\n\r\nFra i turisti stranieri, il 19,01% proviene dagli Stati Uniti; a seguire la Corea del Sud con il 14,10% e l'Australia con il 4,75%. Canada, Regno Unito, Giappone, India, Singapore, Malesia e Vietnam completano la top 10 dei Paesi con il maggior numero di arrivi turistici nelle Filippine.\r\nGli arrivi di visitatori da febbraio a settembre hanno portato oltre 100,7 miliardi di euro di entrate al settore turistico, con un'impennata del 1.938,14% rispetto ai 4,94 miliardi di euro registrati nello stesso periodo del 2021.\r\n\r\nChristina Garcia-Frasco, segretario al turismo del paese, ha sottolineato come i due milioni di arrivi abbiano superato le previsioni del Ministero del Turismo: \"Dobbiamo quindi far fronte a questa situazione con l'implementazione continua di meccanismi di abilitazione che trasmettano non solo l'apertura del Paese ad accogliere un maggior numero di turisti, ma anche la capacità di favorire le attività turistiche e le opportunità di sostentamento per i nostri connazionali\".\r\n\r\n\"Ora, la nostra sfida più grande non è solo quella di far tornare il settore ai livelli precedenti alla pandemia, quando il turismo rappresentava più del 12% del Pil del Paese, ma anche quella di superare la nostra posizione precedente e di assumere un ruolo di primo piano nel turismo dell'Asean (Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico) e a livello globale\".","post_title":"Le Filippine puntano a un ruolo turistico di primo piano all'interno dell'Asean","post_date":"2022-12-19T13:25:42+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1671456342000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436208","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_289372\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il presidente della regione Liguria, Giovanni Toti[/caption]\r\n\r\nLiguria sugli scudi per le festività. «Infatti nella regione, per gli ultimi giorni dell'anno, sono già state prenotate il 70% delle camere messe a disposizione dalle piattaforme di prenotazione e la percentuale nelle prossime ore è destinata ad aumentare ancora.\r\n«I numeri da record che il nostro territorio ha fatto registrare nel 2022 si confermano anche per il mese di dicembre, grazie anche alle campagne di destagionalizzazione promosse da Regione Liguria\". Così il presidente della regione Giovanni Toti e l'assessore al Turismo Augusto Sartori in merito ai dati sulle prenotazioni degli alberghi liguri per Capodanno.\r\n \r\n«Nel periodo natalizio la Liguria ha in serbo una lunga lista di eventi e iniziative non solo per i suoi cittadini, ma anche per i turisti che verranno a visitarla - aggiungono il presidente Toti e l'assessore Sartori -. Le proiezioni parlano di un nuovo record di presenze dopo le migliaia di liguri che si sono riversati in piazza De Ferrari l'8 dicembre per l'accensione dell'albero di Natale e per lo spettacolo di luci sulla facciata del palazzo della Regione. Ora ci attendiamo un altro grande afflusso per il veglione di San Silvestro organizzato da Mediaset, sempre in piazza De Ferrari, che sarà trasmesso in diretta su Canale 5».\r\n \r\nI numeri, afferma in una nota la rtegione, «confermano che anche novembre è stato un mese più che positivo\". \"Nel mese di novembre sono state 388.994 le presenze, contro le 386.373 del 2019: si tratta di un aumento dello 0,68%. A crescere sono soprattutto i turisti stranieri, 12.713 in più rispetto al 2019, pari ad un più 8,43%. Dati che confermano la sempre maggiore attrattività della Liguria, risultato dell'intenso lavoro fatto per promuovere le bellezze del territorio dodici mesi all'anno».","post_title":"Toti (Liguria): «Numeri da record per il nostro territorio»","post_date":"2022-12-19T11:32:16+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1671449536000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435738","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La compagnia fondata da Pascal Lota lancia un ‘Corsicadeau’ sotto l’albero!  È il regalo originale proposto dalle Navi Gialle, per il prossimo Natale. Si tratta di un Buono Viaggio per raggiungere le più affascinanti isole del Mediterraneo: Sardegna, Corsica, Elba e Baleari.\r\n\r\nCorsica Sardinia Ferries permette di fare un regalo originale, a partire da 25€.  Con pochi e semplici passaggi, è possibile creare e personalizzare il Buono Viaggio.  Il Corsicadeau potrà essere stampato oppure inviato via e-mail e il beneficiario deciderà  quando e su quale linea utilizzarlo, per viaggiare verso la sua isola preferita. Per informazioni: www.corsica-ferries.it/promozioni/corsicadeau\r\n\r\nDal 1968 Corsica Sardinia Ferries  serve tutto l’anno Corsica e Sardegna.  La Corsica è collegata da Tolone, Nizza, Savona e Livorno e, in estate, da Piombino; la Sardegna è collegata da Livorno, Nizza e Tolone e, in estate, da Savona e Piombino. L’isola d’Elba è collegata da Piombino e da Bastia (Corsica) nella stagione estiva. Corsica e Sardegna sono unite da collegamenti annuali. La linea Tolone/Baleari\r\nè attiva dalla primavera all’autunno.","post_title":"Corsica Sardinia Ferries, sotto l'albero un Buono Viaggio per le isole del Mediterraneo","post_date":"2022-12-13T12:06:23+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670933183000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435397","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ha aperto il 6 ottobre a Palazzo Ducale (Genova) la mostra che racconta la grandezza di Peter Paul Rubens e il suo rapporto con la città.\r\n\r\nLa mostra è organizzata dal Comune di Genova con Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura ed Electa, e nasce in occasione del quarto centenario della pubblicazione ad Anversa del celebre volume di Pietro Paolo Rubens, Palazzi di Genova (1622). Partner dell’evento Visit Flanders, l’Agenzia per il Turismo del Governo delle Fiandre.\r\n\r\nLa curatela è di Nils Büttner, docente della Staatliche Akademie der Bildenden Künste Stuttgart nonché Chairman del Centrum Rubenianum di Anversa, e di Anna Orlando, independent scholar genovese, co-curatrice della mostra L’Età di Rubens tenutasi a Palazzo Ducale nel 2004.\r\n\r\nLa mostra che vede Genova e Anversa, le due città simbolo del grande maestro, unite in un percorso storico ed artistico, è l’occasione per genovesi e visitatori per riscoprire lo stretto legame tra il maestro fiammingo ed il capoluogo ligure e tra questo ed Anversa, città natale di Rubens dove egli si stabilì nel 1608,  al termine del suo viaggio in Italia.\r\n\r\nAll’interno della mostra spiccano oltre venti dipinti di Rubens, provenienti da musei e collezioni europee e italiane che, sommati a quelli già presenti in città, raggiungono un numero come non vi era a Genova dalla fine del Settecento; da quando, cioè, la crisi dell’aristocrazia con i contraccolpi della Rivoluzione Francese diede avvio a un’inesorabile diaspora di capolavori verso le collezioni del mondo.\r\n\r\nA partire dal nucleo rubensiano, il racconto del contesto culturale e artistico della città nell’epoca del suo maggiore splendore viene completato da dipinti degli autori che Rubens per certo vide e studiò (Tintoretto e Luca Cambiaso); che incontrò in Italia e in particolare a Genova durante il suo soggiorno (Frans Pourbus il Giovane, Sofonisba Anguissola, Bernardo Castello e Aurelio Lomi, presente in mostra con un dipinto della Collezione Doria Pamphilj), o con cui collaborò (Jan Wildens e Frans Snyders).\r\n\r\nTra le opere che tornano a Genova, create da Rubens su commissione dei più agiati e potenti tra i genovesi di allora, si possono menzionare: il Ritratto di Violante Maria Spinola Serra del Faringdon Collection Trust, una dama finora senza nome, che grazie agli studi in preparazione della mostra è ora riconoscibile. Il San Sebastiano, proveniente da una collezione privata europea e mai esposto in Italia, che, grazie a un importante ritrovamento documentario, può ora riferirsi alla committenza del celebre condottiero Ambrogio Spinola. È esposto per la prima volta in Italia anche il giovanile Autoritratto, con un Rubens all’incirca ventisettenne, che un collezionista privato ha offerto come prestito a lungo termine alla Rubenshuis di Anversa e che eccezionalmente torna nel Paese dove fu eseguito, intorno al 1604.\r\n\r\nOggi l’opera di Rubens è il filo conduttore di una visita culturale ad Anversa: camminando per le strette vie del centro storico, dai nomi che rimandano a un passato di scambi con l’Italia, si toccano luoghi storici che ci raccontano di un artista poliedrico che ha contribuito a disegnare la principale “città barocca di Paesi Bassi”.\r\n\r\nLa Mostra resterà aperta fino al 23 gennaio 2023.","post_title":"Rubens, da Anversa a Genova alla scoperta del maestro fiammingo tra storia ed arte","post_date":"2022-12-05T10:30:32+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670236232000]}]}}

Lascia un commento