1 March 2024

1575

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Esperienza decennale come agente di viaggio
Banconista – biglietteria aerea Galileo – biglietteria low cost – biglitteria ferroviaria con Sipax Plus- biglietteria navale – biglietteria autobus – vendita pacchetti – prenotazione hotel – noleggio auto – organizzatrice di programmi di viaggio per eventi fieristici e viaggi su misura e itineranti soprattutto per gli sposi. Lingue parlate: francese, inglese, ottimo livello. Tedesco scolastico.
Disponibilità immediata in CAMPANIA. e mail: traboneca@yahoo.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462292 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Catalogna conferma il proprio ruolo strategico per il turismo spagnolo, contribuendo per il 21,2% al numero di arrivi stranieri nel Paese: in altre parole, la regione nel 2023 ha accolto 25,7 milioni di visitatori, per una crescita del 15,5% sul 2022. Con 1.283.254 viaggiatori, l’Italia occupa il 5° posto, l'equivalente del 7,1% del totale degli arrivi internazionali, con una spesa media a persona di 688,3 euro (per un volume totale di 883,3 milioni di euro). Fa eccezione il mese di dicembre 2023, quando il turismo italiano in Catalogna è balzato al 2° posto, dietro soltanto alla Francia, con 91.414 turisti (il 9% del totale). Nella classifica statale della spesa turistica estera totale, infine, la Catalogna è terza dopo la capitale spagnola Madrid e le Isole Canarie. Forte del successo ottenuto nel 2023, la regione punta a migliorare ulteriormente la propria performance con strategie di appeal turistico che si basano sulla destagionalizzazione e diversificazione dell'offerta, grazie alla partecipazione alle principali fiere, eventi, workshop e manifestazioni di settore e Mice, e al rafforzamento dei punti d'attrattiva chiave della destinazione: cultura, enogastronomia, eventi, sport, attività all'aria aperta e gli itinerari del Grand Tour della Catalogna. Le attività outdoor, dal cicloturismo all'escursionismo e il turismo nautico, saranno protagoniste con un'ospitalità dedicata (camping, glamping e bike hotel) e il link agli eventi iconici in programma nel 2024 come l'America’s Cup, la 103ª Volta Ciclista a Catalunya, il Monster Energy MotoGP Grand Prix Barcelona e la Formula 1 AWS GP Catalunya Barcelona. Quest'anno anche la cultura sarà in pole position, con le celebrazioni per il centenario dalla nascita di Antoni Tàpies, il grande artista catalano omaggiato con una serie di appuntamenti, mostre ed esposizioni che avranno come fulcro la Fondazione Antoni Tàpies a Barcellona, e l'avvicinarsi degli eventi per il millenario di Montserrat, che cadrà nel 2025 per ricordare i mille anni dalla fondazione dell'importante Monastero benedettino di Santa Maria. Infine, in attesa della nomina della Catalogna a Regione Mondiale della Gastronomia nel 2025, non potrà mancare il focus sull'enogastronomia.    [post_title] => Catalogna: arrivi record nel 2023. E quest'anno si punta su outdoor e cultura [post_date] => 2024-02-27T10:45:05+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709030705000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462279 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Quasi sette punti percentuali guadagnati in dieci anni. Complice anche la diminuzione dell'offerta complessiva registrata a seguito dell'epidemia, ma merito soprattutto del dinamismo di mercato dimostrato dall'ospitalità italiana, cresce il tasso di penetrazione dei brand di catena nella nostra Penisola. Lo rivela il time-lapse realizzato da Thrends, che da ormai due lustri pubblica semestralmente il proprio Chains Monitor Italy. Nell'ultima decade il comparto ha insomma intrapreso una decisa evoluzione nei modelli di sviluppo e crescita, più decisa di quanto direttamente visibile a livello immobiliare, con un consolidamento sempre più marcato e vicino a dinamiche europee e dei mercati anglosassoni. In massima sintesi, dal 2013 al 2023 gli hotel di catena sono passati da poco oltre 1.300 a 2.200 (+65%), mentre le camere da 146 mila a oltre 216 mila (+48%). Il tasso di penetrazione delle catene alberghiere (in termini di stanze) è quindi passato dal 13,4% del 2013, valore molto modesto a confronto con le dinamiche di altri player mondiali del turismo, al 20,1% di oggi. Un'evoluzione che dimostra anche come le catene abbiano iniziato ad accettare strutture di portata più ridotta, caratteristica peculiare del panorama immobiliare italiano: la dimensione media degli hotel brandizzati è infatti passata dalle 110 camere del 2013 alle 99 di oggi; un notevole abbassamento della soglia minima, dovuto al proliferare dei brand lifestyle, meno rigidi in termini dimensionali e quindi più adatti al tessuto immobiliare e ricettivo nazionale. Tra tre anni arriveremo al 22% delle camere “Il tasso di penetrazione delle catene in Italia è ancora tra i più bassi in Europa - spiega la senior analyst di Thrends, Irina Hernández -. Tuttavia, da un lato l’interesse degli investitori internazionali verso il nostro paese, soprattutto nel segmento luxury, e dall’altro la diminuzione delle camere di hotel in Italia, porterà molto probabilmente la presenza delle catene alberghiere nel Paese dall'attuale 20,1% a oltre il 22% tra tre anni, con una conseguente accelerazione del processo di consolidamento del mercato”. D'altra parte, i brand (soprattutto quelli internazionali) continuano a dare priorità alle prime quattro città italiane, essendo infatti Roma, Milano, Venezia e Firenze le destinazioni con il maggior numero di alberghi di catena (il 39% del totale). La pressione dei player globali sull’Italia non è mai stata così evidente: alla chiusura del censimento si contano 155 marchi internazionali presenti in Italia, contro i 75 di appena dieci anni fa, per una crescita del 100%. I gruppi con il maggior numero di hotel sono in particolare Bwh, Accor, Marriott International, B&B Hotels e Minor Hotels, che detengono il 19% degli alberghi brandizzati nel nostro paese. Le prime tre catene domestiche (per numero di hotel) sono invece Gruppo Una, Apogia Hotels e Iti Hotels. Cresce l'interesse degli investitori internazionali per i gruppi domestici Nel dettaglio, le compagnie alberghiere presenti sul suolo italiano sono passate da 138 a 270 (per gruppo, Thrends intende da sempre qualsiasi operatore che gestisca almeno cinque strutture con uno o più marchi differenti, ndr). Di questi, oggi, il 73% sono realtà domestiche, verso le quali negli ultimi anni, anche grazie al ricambio generazionale, è crescente l’interesse da parte degli investitori esteri. Sono infatti diverse le operazioni di vendita o joint venture tra fondi di investimento o altre catene internazionali e i gruppi italiani. Tra le ultime, ricordiamo l’acquisizione del 75% di Mira Hotels & Resorts da parte di Dsr Hotel Holding; l’acquisizione del 100% di Baglioni Hotels da parte della catena messicana Palace Resorts; la joint venture tra il gruppo Pellicano e la società di asset management paneuropea Aermont Capital. Nei prossimi anni (2024-2027) è inoltre in programma lo sviluppo e/o affiliazione di 232 hotel, di cui il 68% appartenenti a gruppi internazionali. Di questi, cinque riguardano strutture del segmento economy, 35 del midscale, 83 dell'upscale e 93 del luxury. Di 16 nuovi sviluppi non si conosce invece ancora il futuro posizionamento. Il 32% delle nuove aperture è rappresentato da hotel che entreranno a far parte di una catena domestica, mentre il restante 68% apparterrà a catene internazionali: il 32% americane, il 16% francesi, l’8% spagnole. Focus sulle Big 4 ma spunta anche per Napoli Le regioni che vedranno il maggior numero di nuove aperture sono la Lombardia (21%), il Lazio (20%), il Veneto (12%) e la Toscana (9%). Le prime cinque destinazioni per numero di hotel in pipeline sono invece Roma (18%), Milano (10%), Venezia (6%), Firenze (6%) e Napoli (3%). Per quanto riguarda la tipologia di destinazione, il 39% degli hotel sarà localizzato in città d’arte, il 22% in destinazioni leisure, il 15% in mete sun & beach e l’11% in location business. Il 21% degli hotel in pipeline, infine, sarà marchiato da Marriott International, Accor e Radisson Hotel Group.   [post_title] => Thrends: le camere di catena in Italia sfondano la soglia del 20% [post_date] => 2024-02-27T09:32:20+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709026340000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462034 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'estate 2024 di Klm decolla attraverso un network di 155 destinazioni, di cui 92 in Europa e 63 intercontinentali. La compagnia aerea aumenterà la capacità dei posti disponibili di circa il 7% rispetto all’estate del 2023, quasi eguagliando i livelli pre-Covid con l'operativo che entrerà in vigore il prossimo 31 marzo 2024 per poi concludersi il successivo 26 ottobre 2024. Sulla rete di lungo raggio saranno aumentati i collegamenti per Giakarta, in combinazione con Kuala Lumpur, e per Denpasar in combinazione con Singapore. Klm, che ha già ripreso i voli diretti per Osaka, riprenderà anche il servizio giornaliero per Tokyo Narita. La frequenza dei voli verrà aumentata anche verso Taipei, Hong Kong, Montreal, Toronto e Los Angeles. Complessivamente la capacità offerta verso le destinazioni del Nord America è oggi superiore ai livelli del 2019. Questo aumento di frequenze fa parte di un processo continuo messo in atto dalla compagnia, al fine di adattare la propria rete in base alle condizioni del mercato e a differenti esigenze operative. Il vettore olandese riprenderà il servizio giornaliero per Tel Aviv da lunedì 1° aprile: il collegamento sarà operato con scalo a Larnaca fino al 19 maggio, mentre la compagnia continuerà a monitorare la situazione in Israele. Crescita anche su diverse rotte in Europa: in Scandinavia, ci sarà un volo giornaliero per Billund (Danimarca) e Stavanger (Norvegia). In Gran Bretagna la frequenza dei voli sarà aumentata verso Edimburgo, Newcastle, Glasgow e Southampton. Come avvenuto quest'inverno, Klm continuerà a servire Marsiglia in estate e opererà un servizio giornaliero per Nizza. In Polonia, la frequenza sarà aumentata a Cracovia, Danzica e Wroclaw. In aumento anche le frequenze dei voli per Praga. In Italia, Klm aumenterà la frequenza o capacità su diverse città tra cui Bologna, Firenze, Genova - dove verrà introdotto un secondo volo giornaliero.   [post_title] => Klm: capacità a +7% per l'estate 2024. Più voli anche su Bologna, Firenze e Genova [post_date] => 2024-02-22T09:34:36+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708594476000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461526 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un 2023 da incorniciare per Finnair che ha archiviato l'ultimo esercizio con i migliori risultati da un decennio a questa parte e un utile operativo di 191,4 milioni di euro. Questo risultato si confronta con la perdita operativa di 200 milioni di euro che la compagnia aveva registrano l'anno precedente, quando era stata duramente colpita dalle conseguenze del conflitto tra Russia e Ucraina con la chiusura delle rotte siberiane, strategiche per gestire efficacemente il prezioso network asiatico. Tuttavia, Finnair continua a operare al di sotto della sua capacità del 2019. Sebbene i posti-chilometro disponibili siano aumentati del 15,5%, la capacità offerta è attualmente ancora al 77% del livello pre-pandemia. Questa cifra salirebbe all'81% se si includessero gli aeromobili in wet lease, che dovrebbero tornare a Finnair nella primavera del 2024. Il load factor è aumentato al 76,4% rispetto al 67,6% del 2023. Nonostante la guerra in corso in Ucraina e la continua chiusura dello spazio aereo russo alle compagnie aeree europee, il vettore finlandese ha comunque registrato una ripresa dei ricavi derivanti dall'Asia, poiché la regione continua ad aprirsi e i viaggi sono di nuovo in aumento. Il Medio Oriente è un'altra area di crescita dei ricavi per la compagnia, che sta consolidando la sua partnership con Qatar Airways. "Abbiamo iniziato la nostra collaborazione con il nostro partner oneworld Qantas con il wet-leasing di due aeromobili A330 per le operazioni tra l'Australia e il Sud-Est asiatico. Questo è un altro passo importante verso l'utilizzo efficiente ed economico della nostra flotta mentre lo spazio aereo russo rimane chiuso", afferma la compagnia aerea finlandese. [post_title] => Finnair centra i migliori risultati dell'ultimo decennio, malgrado la chiusura delle rotte siberiane [post_date] => 2024-02-15T09:47:46+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707990466000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460809 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Liguria presenta  le campagne di promozione e comunicazione per la prima parte del 2024 che arriveranno fino a fine luglio, con la prevista riapertura della Via dell’Amore. Il sentiero patrimonio Unesco simbolo delle Cinque Terre e della Liguria nel mondo tornerà fruibile dopo anni di chiusura e importanti lavori di recupero e messa in sicurezza. «C’è voglia di Italia e c’è grande voglia di Liguria - spiega il presidente della regione Liguria Giovanni Toti -, una regione i cui indicatori stanno tutti crescendo. Nel 2023 è fortemente aumentato il turismo straniero, mentre gli italiani sono ben presenti ormai da qualche stagione. Quest’anno sarà straordinario, con la riapertura della storica Via dell’Amore, dopo tanti anni di chiusura e un lavoro complesso anche da un punto di vista ingegneristico. Quest’estate quindi riapriremo al turismo uno dei simboli della Liguria a cui è dedicata anche la nostra cartolina istituzionale al Festival di Sanremo. In questi anni è cresciuto un turismo sempre più destagionalizzato, che fa della Liguria una meta ambita non solo per il suo mare, il più bello d’Italia, ma anche per la sua arte, per i suoi parchi, per il suo outdoor, per cui siamo tra i leader del Paese, senza dimenticare il traino fondamentale del nostro agroalimentare con un boom di vendite dei nostri prodotti, dal pesto al vino. Tutto si incrocia con quella nautica da diporto per cui la Liguria è diventata, con il suo Salone Nautico, i suoi porti e i suoi cantieri, la capitale mondiale. La Liguria è un modello di sviluppo integrato che ci sta dando tante soddisfazioni e le sta dando ai liguri visto che l’occupazione è ai massimi di tutti i tempi». «Dopo essere stati ad Utrecht e a Madrid a gennaio, proseguiamo le campagne promozionali del 2024 con la nostra presenza ad un'altra importantissima fiera internazionale come la Bit di Milano – dice Augusto Sartori, assessore regionale al Turismo -. Il nostro obiettivo è confermare e, perché no, migliorare l'ottimo risultato conseguito dalla Liguria nel corso del 2023. Per la prima volta in assoluto abbiamo avuto in un anno oltre 16 milioni di presenze turistiche con una crescita del 3,5% rispetto al 2022, di questi è stata notevole la presenza di turisti stranieri pari a 7,2 milioni, +9,4% sull'anno precedente. Confermato che i lombardi (3,2 milioni) e i piemontesi (2,7 milioni) sono stati i turisti più numerosi e che ai primi posti tra gli stranieri abbiamo avuto sempre i tedeschi (1,5 milioni, +5,5%) e francesi (1 milione, +4%), sono da segnalare delle interessanti novità. Notevole, ad esempio, è stata la crescita dei turisti statunitensi (+25%) che hanno raggiunto quota 540 mila, dei canadesi (+40%, pari a 110 mila) e degli australiani cresciuti addirittura del 157% con 150 mila presenze nel 2023. Segnalo anche il ritorno, dopo anni di calo post Brexit, dei turisti britannici che sono stati 265 mila per un incremento del 13%. Abbiamo infine registrato anche presenze in forte crescita percentuale di turisti provenienti dalla Cina (+101%), dal Giappone (+64%), dalla Corea del Sud (+73,5%) e dall'India (+35,8%). Questi ultimi sono mercati 'nuovi' per la Liguria nei quali abbiamo messo in preventivo di andare a promuovere il brand Liguria».   [post_title] => La Liguria presenta le campagne di promozione e comunicazione [post_date] => 2024-02-13T11:11:02+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707822662000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461318 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Abbiamo passato tre anni in difesa. Ora è giunto il momento di tornare all'attacco". E' il solito, vulcanico Massimo Diana a presentare i risultati 2023 e piani 2024 di Ota Viaggi. Il to capitolino ha chiuso gli ultimi 12 mesi con un fatturato complessivo poco sopra gli 81 milioni di euro, per un decremento dell'1,75% rispetto al 2022. "Ma nel 2023 avevamo un'offerta a scaffale di circa il 10% inferiore a quella dell'anno precedente - racconta il direttore commerciale -. Non possiamo inoltre dimenticare che lo scorso è stato il primo anno di completa apertura delle frontiere. Dopo tanto tempo il mare Italia si è trovato a competere con un mercato molto più vasto. Infine, dobbiamo pure ricordare l'incendio che ha colpito la nostra sede agli inizi di giugno. Evento a cui abbiamo fatto fronte immediatamente, ma che ovviamente ha condizionato temporaneamente la nostra attività". Ora però è venuto appunto il tempo di passare alla controffensiva. Il nuovo catalogo Ota Viaggi, attualmente in distribuzione tra le agenzie, comprende infatti 95 strutture, 21 in più rispetto all'anno scorso. "E un'ulteriore decina è in fase di trattativa, per contratti che dovremo chiudere a breve". Nel dettaglio, Sicilia e Sardegna rimangono chiaramente il core business del to, ma a crescere quest'anno è soprattutto il prodotto Puglia, Calabria e Basilicata, "come ci chiedevano da tempo le agenzie di viaggio". La strategia di Ota rimane inoltre quella di lavorare a fondo sul lato pricing, in modo da far pesare il meno possibile i costi dell'inflazione sul consumatore finale: un approccio che l'anno scorso ha permesso all'operatore romano di mantenere il prezzo medio per pratica praticamente sugli stessi livelli del 2022 (2.400 euro contro 2.390). Il tutto in un contesto che al contrario ha registrato un aumento generalizzato delle tariffe, come hanno dimostrato bene le polemiche sorte questa estate in merito alla competitività di destinazioni alternative al mare Italia, quali l'Albania e Creta. A livello commerciale, il to pensa quindi a una policy di advance booking più articolata rispetto al passato. La classica campagna di prenotazioni anticipate, con la garanzia assoluta di una tariffa che non scenderà mai sotto il suo livello, sarà infatti seguita dopo il 31 marzo da incentivazioni a scalare valide sino al mese di giugno. "Abbiamo inoltre lavorato ulteriormente con i network, affinando una strategia che punterà a veicolare le richieste dalle loro agenzie verso determinate strutture. In accordo con le loro direzioni commerciali, questo nuovo approccio dovrebbe garantirci un incremento del 5%-7%".   [post_title] => Diana, Ota Viaggi: "Torniamo all'attacco". Il 2023 un anno di consolidamento [post_date] => 2024-02-12T14:53:46+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707749626000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461097 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prosegue l'attrazione fatale tra il mondo della moda e l'hotellerie. E' questa la volta della famiglia di Nunzio e Anna Colella, cui fanno capo i brand Gutteridge e Alcott, che ha deciso di affidare la gestione del napoletano palazzo Caravita di Sirignano al gruppo Rocco Forte Hotels. Prima magione a sorgere lungo la riviera di Chiaia con la posa della prima pietra nel 1535, l'immobile fu abitato nei secoli da nobili dinastie come i Borbone e, appunto, i principi di Sirignano. Ristrutturato dall’architetto Michele Bönan, il palazzo riaprirà ora come hotel nel 2027 e sarà dotato di 46 suite di ampie dimensioni, un rooftop con piscina panoramica, due ristoranti, giardini privati, bar e una grande spa. [post_title] => Rocco Forte approda a Napoli con l'all-suite Palazzo di Sirignano [post_date] => 2024-02-08T10:43:49+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707389029000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460519 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il mese di febbraio celebra il Capodanno cinese: il vero inizio del nuovo anno per i cinesi nonché della primavera! Le giornate sono più calde, i fiori sbocciano e si comincia a uscire e viaggiare. Dove? Magari in una ricca e tranquilla cittadina nel Sud-est della Cina che ben rappresenta il turismo rurale cinese di alta qualità. Il suo nome è Gaoyou e si trova alla provincia dello Jiangsu, vicino a Shanghai. Qui la primavera è luminosa e colorata, attraversata anche dal profumo intenso dei fuochi d'artificio cinesi. Ecco due itinerari di viaggio di qualità che ci sentiamo di consigliarvi!    TOUR CULTURALE DELLA CITTA' ANTICA: "FIREWORKS TOWN" Yuchengyi→ Strada tematica della via Nanmen→ Tempio Zhenguo→ Terrazza Wenyou→ Banco dei pegni di Tongxing Questo percorso consente ai turisti di sperimentare il romanticismo unico di Gaoyou, visitare edifici storici e assaggiare cibi locali. È il percorso culturale ed enogastronomico più profondo, artistico ed elegante. Yuchengyi: la postazione Yucheng fu costruita nell'ottavo anno di Hongwu, durante la dinastia Ming (1375) ed è la stazione di posta antica più grande e meglio conservata della Cina. La Sala Huanghua e la Sala Zhujie sono gli edifici principali della stazione Yucheng. Nel 2003, il Museo dell'Ufficio Postale è stato riconosciuto dall'Amministrazione Statale dei Beni Culturali della Cina come uno dei 100 musei più caratteristici del paese. La strada tematica di Nanmen Street: situata fuori dalla porta sud della città di Gaoyou, fu il centro di canali più prospero della Cina dal XVI al XVIII secolo. Ora è anche un'area di ritrovo per la vita culturale notturna, dove i turisti possono vivere esperienze gastronomiche autentiche e apprezzare il patrimonio culturale locale. [caption id="attachment_460523" align="aligncenter" width="300"] Il tempio Zhenguo fu costruito nell'874. È conosciuto come la " città buddista sul canale " ed è un luogo prezioso per la preghiera[/caption] Wenyou: la terrazza Wenyou fu costruita tra il X e il XII secolo e per centinaia di anni poeti famosi di diverse dinastie cinesi amavano riunirsi su questo palco: molte poesie famose sono state scritte qui e tramandate fino ai giorni nostri. Banco dei pegni di Tongxing: il banco fu aperto a metà del XVIII secolo e all'epoca era uno tra i principali del paese.   TOUR DELLA CITTA' SELVAGGIA "SHUIYUN GAOYOU"  Villaggio musulmano di Lingtang → Zhuhu Xiaozhen → Yuchengyi → Qingshuitan → Linze Resort Questo percorso accompagna i turisti nel sole del mattino lungo il lago Gaoyou, tra i riflessi della neve e il volteggiare di migliaia di uccelli. Lungo il percorso, si attraversa la città fra scorci antichi e moderni, mentre flotte di chiatte scivolano lungo le acque del Canal Grande. Un paesaggio da vivere e scoprire nel segno dell'acqua, senza tralasciare il cibo delizioso. Zhuhu Xiaozhen è situato sulla riva del lago Gaoyou ed è un grande parco paludoso in Cina che integra diverse zone umide e b&b. [gallery ids="460528,460527,460529"] Piscina di acqua limpida: il resort di Qingshuitan è inserito in un contesto paesaggistico naturale di zone umide, habitat prescelto dalle anatre selvatiche che ogni anno attraggono qui numerosi turisti cinesi e stranieri. Qui è possibile trascorrere un soggiorno all'insegna del relax, effettuare sport acquatici e apprezzare anche il cibo locale. Pur essendo piccola, la città di Gaoyou propone una vasta gamma di soluzioni alberghiere in grado di soddisfare le esigenze di differenti tipologie di turisti. L'offerta spazia dal Bosideng International Hotel, che conta 850 lussuose camere di diverse tipologie; sono inoltre presenti diversi express hotel e b&b. Ma, a prescindere dall'opzione scelta, lo scenario naturale del lago Gaoyou è garanzia di una vacanza di totale comfort e libertà.  La primavera, con la sua brezza gentile, vi aspetta a Gaoyun per raccontarvi le sue storie più belle in questo nuovo anno! Charm of Jiangsu ti dà il benvenuto!         [post_title] => Gaoyou, provincia di Jiangsu: due tour lungo il Canal Grande della Cina [post_date] => 2024-02-05T09:30:41+00:00 [category] => Array ( [0] => estero [1] => informazione-pr ) [category_name] => Array ( [0] => Estero [1] => Informazione PR ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707125441000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460347 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nicola Bonacchi è il nuovo direttore generale di Glamour Tour Operator. Classe 1975, con un intenso background in posizioni di spicco come business unit director presso Fiera Milano, è stato vice president sales presso Alitalia, dove ha diretto le attività di vendita in Italia e successivamente quella sui mercati internazionali, nonché più tardi presso Italo Treno. Laureato in business and administration presso l'università Bocconi di Milano e con esperienza imprenditoriale, oltre al suo impegno nelle mansioni aziendali, Bonacchi è stato membro del consiglio esecutivo di Ipack-Ima, una joint venture tra Fiera Milano e Ucima, con l'obiettivo di promuovere l'eccellenza italiana nell'ambito del packaging, nonché amministratore delegato presso Made Expo, joint venture tra Fiera Milano e Fla Eventi. "Sono onorato ed entusiasta di assumere il ruolo di direttore generale di Glamour to - dichiara lo stesso Bonacchi -. Questa nomina rappresenta una nuova fase emozionante della mia carriera e sono determinato a portare l'azienda verso nuovi livelli di successo. Sono grato per questa opportunità e non vedo l'ora di collaborare con tutto il team per raggiungere nuovi traguardi straordinari". [post_title] => Nicola Bonacchi nuovo direttore generale di Glamour Tour Operator [post_date] => 2024-01-30T11:04:12+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706612652000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1575" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":90,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462292","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Catalogna conferma il proprio ruolo strategico per il turismo spagnolo, contribuendo per il 21,2% al numero di arrivi stranieri nel Paese: in altre parole, la regione nel 2023 ha accolto 25,7 milioni di visitatori, per una crescita del 15,5% sul 2022.\r\n\r\nCon 1.283.254 viaggiatori, l’Italia occupa il 5° posto, l'equivalente del 7,1% del totale degli arrivi internazionali, con una spesa media a persona di 688,3 euro (per un volume totale di 883,3 milioni di euro). Fa eccezione il mese di dicembre 2023, quando il turismo italiano in Catalogna è balzato al 2° posto, dietro soltanto alla Francia, con 91.414 turisti (il 9% del totale). Nella classifica statale della spesa turistica estera totale, infine, la Catalogna è terza dopo la capitale spagnola Madrid e le Isole Canarie.\r\n\r\nForte del successo ottenuto nel 2023, la regione punta a migliorare ulteriormente la propria performance con strategie di appeal turistico che si basano sulla destagionalizzazione e diversificazione dell'offerta, grazie alla partecipazione alle principali fiere, eventi, workshop e manifestazioni di settore e Mice, e al rafforzamento dei punti d'attrattiva chiave della destinazione: cultura, enogastronomia, eventi, sport, attività all'aria aperta e gli itinerari del Grand Tour della Catalogna.\r\n\r\nLe attività outdoor, dal cicloturismo all'escursionismo e il turismo nautico, saranno protagoniste con un'ospitalità dedicata (camping, glamping e bike hotel) e il link agli eventi iconici in programma nel 2024 come l'America’s Cup, la 103ª Volta Ciclista a Catalunya, il Monster Energy MotoGP Grand Prix Barcelona e la Formula 1 AWS GP Catalunya Barcelona.\r\n\r\nQuest'anno anche la cultura sarà in pole position, con le celebrazioni per il centenario dalla nascita di Antoni Tàpies, il grande artista catalano omaggiato con una serie di appuntamenti, mostre ed esposizioni che avranno come fulcro la Fondazione Antoni Tàpies a Barcellona, e l'avvicinarsi degli eventi per il millenario di Montserrat, che cadrà nel 2025 per ricordare i mille anni dalla fondazione dell'importante Monastero benedettino di Santa Maria.\r\n\r\nInfine, in attesa della nomina della Catalogna a Regione Mondiale della Gastronomia nel 2025, non potrà mancare il focus sull'enogastronomia. \r\n\r\n ","post_title":"Catalogna: arrivi record nel 2023. E quest'anno si punta su outdoor e cultura","post_date":"2024-02-27T10:45:05+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709030705000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462279","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Quasi sette punti percentuali guadagnati in dieci anni. Complice anche la diminuzione dell'offerta complessiva registrata a seguito dell'epidemia, ma merito soprattutto del dinamismo di mercato dimostrato dall'ospitalità italiana, cresce il tasso di penetrazione dei brand di catena nella nostra Penisola. Lo rivela il time-lapse realizzato da Thrends, che da ormai due lustri pubblica semestralmente il proprio Chains Monitor Italy.\r\n\r\nNell'ultima decade il comparto ha insomma intrapreso una decisa evoluzione nei modelli di sviluppo e crescita, più decisa di quanto direttamente visibile a livello immobiliare, con un consolidamento sempre più marcato e vicino a dinamiche europee e dei mercati anglosassoni. In massima sintesi, dal 2013 al 2023 gli hotel di catena sono passati da poco oltre 1.300 a 2.200 (+65%), mentre le camere da 146 mila a oltre 216 mila (+48%). Il tasso di penetrazione delle catene alberghiere (in termini di stanze) è quindi passato dal 13,4% del 2013, valore molto modesto a confronto con le dinamiche di altri player mondiali del turismo, al 20,1% di oggi. Un'evoluzione che dimostra anche come le catene abbiano iniziato ad accettare strutture di portata più ridotta, caratteristica peculiare del panorama immobiliare italiano: la dimensione media degli hotel brandizzati è infatti passata dalle 110 camere del 2013 alle 99 di oggi; un notevole abbassamento della soglia minima, dovuto al proliferare dei brand lifestyle, meno rigidi in termini dimensionali e quindi più adatti al tessuto immobiliare e ricettivo nazionale.\r\n\r\nTra tre anni arriveremo al 22% delle camere\r\n\r\n“Il tasso di penetrazione delle catene in Italia è ancora tra i più bassi in Europa - spiega la senior analyst di Thrends, Irina Hernández -. Tuttavia, da un lato l’interesse degli investitori internazionali verso il nostro paese, soprattutto nel segmento luxury, e dall’altro la diminuzione delle camere di hotel in Italia, porterà molto probabilmente la presenza delle catene alberghiere nel Paese dall'attuale 20,1% a oltre il 22% tra tre anni, con una conseguente accelerazione del processo di consolidamento del mercato”.\r\n\r\nD'altra parte, i brand (soprattutto quelli internazionali) continuano a dare priorità alle prime quattro città italiane, essendo infatti Roma, Milano, Venezia e Firenze le destinazioni con il maggior numero di alberghi di catena (il 39% del totale). La pressione dei player globali sull’Italia non è mai stata così evidente: alla chiusura del censimento si contano 155 marchi internazionali presenti in Italia, contro i 75 di appena dieci anni fa, per una crescita del 100%. I gruppi con il maggior numero di hotel sono in particolare Bwh, Accor, Marriott International, B&B Hotels e Minor Hotels, che detengono il 19% degli alberghi brandizzati nel nostro paese. Le prime tre catene domestiche (per numero di hotel) sono invece Gruppo Una, Apogia Hotels e Iti Hotels.\r\n\r\nCresce l'interesse degli investitori internazionali per i gruppi domestici\r\n\r\nNel dettaglio, le compagnie alberghiere presenti sul suolo italiano sono passate da 138 a 270 (per gruppo, Thrends intende da sempre qualsiasi operatore che gestisca almeno cinque strutture con uno o più marchi differenti, ndr). Di questi, oggi, il 73% sono realtà domestiche, verso le quali negli ultimi anni, anche grazie al ricambio generazionale, è crescente l’interesse da parte degli investitori esteri. Sono infatti diverse le operazioni di vendita o joint venture tra fondi di investimento o altre catene internazionali e i gruppi italiani. Tra le ultime, ricordiamo l’acquisizione del 75% di Mira Hotels & Resorts da parte di Dsr Hotel Holding; l’acquisizione del 100% di Baglioni Hotels da parte della catena messicana Palace Resorts; la joint venture tra il gruppo Pellicano e la società di asset management paneuropea Aermont Capital.\r\n\r\nNei prossimi anni (2024-2027) è inoltre in programma lo sviluppo e/o affiliazione di 232 hotel, di cui il 68% appartenenti a gruppi internazionali. Di questi, cinque riguardano strutture del segmento economy, 35 del midscale, 83 dell'upscale e 93 del luxury. Di 16 nuovi sviluppi non si conosce invece ancora il futuro posizionamento. Il 32% delle nuove aperture è rappresentato da hotel che entreranno a far parte di una catena domestica, mentre il restante 68% apparterrà a catene internazionali: il 32% americane, il 16% francesi, l’8% spagnole.\r\n\r\nFocus sulle Big 4 ma spunta anche per Napoli\r\n\r\nLe regioni che vedranno il maggior numero di nuove aperture sono la Lombardia (21%), il Lazio (20%), il Veneto (12%) e la Toscana (9%).\r\nLe prime cinque destinazioni per numero di hotel in pipeline sono invece Roma (18%), Milano (10%), Venezia (6%), Firenze (6%) e Napoli (3%). Per quanto riguarda la tipologia di destinazione, il 39% degli hotel sarà localizzato in città d’arte, il 22% in destinazioni leisure, il 15% in mete sun & beach e l’11% in location business. Il 21% degli hotel in pipeline, infine, sarà marchiato da Marriott International, Accor e Radisson Hotel Group.\r\n\r\n ","post_title":"Thrends: le camere di catena in Italia sfondano la soglia del 20%","post_date":"2024-02-27T09:32:20+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709026340000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462034","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'estate 2024 di Klm decolla attraverso un network di 155 destinazioni, di cui 92 in Europa e 63 intercontinentali. La compagnia aerea aumenterà la capacità dei posti disponibili di circa il 7% rispetto all’estate del 2023, quasi eguagliando i livelli pre-Covid con l'operativo che entrerà in vigore il prossimo 31 marzo 2024 per poi concludersi il successivo 26 ottobre 2024.\r\n\r\nSulla rete di lungo raggio saranno aumentati i collegamenti per Giakarta, in combinazione con Kuala Lumpur, e per Denpasar in combinazione con Singapore. Klm, che ha già ripreso i voli diretti per Osaka, riprenderà anche il servizio giornaliero per Tokyo Narita. La frequenza dei voli verrà aumentata anche verso Taipei, Hong Kong, Montreal, Toronto e Los Angeles.\r\n\r\nComplessivamente la capacità offerta verso le destinazioni del Nord America è oggi superiore ai livelli del 2019. Questo aumento di frequenze fa parte di un processo continuo messo in atto dalla compagnia, al fine di adattare la propria rete in base alle condizioni del mercato e a differenti esigenze operative.\r\n\r\nIl vettore olandese riprenderà il servizio giornaliero per Tel Aviv da lunedì 1° aprile: il collegamento sarà operato con scalo a Larnaca fino al 19 maggio, mentre la compagnia continuerà a monitorare la situazione in Israele.\r\n\r\nCrescita anche su diverse rotte in Europa: in Scandinavia, ci sarà un volo giornaliero per Billund (Danimarca) e Stavanger (Norvegia). In Gran Bretagna la frequenza dei voli sarà aumentata verso Edimburgo, Newcastle, Glasgow e Southampton. Come avvenuto quest'inverno, Klm continuerà a servire Marsiglia in estate e opererà un servizio giornaliero per Nizza. In Polonia, la frequenza sarà aumentata a Cracovia, Danzica e Wroclaw. In aumento anche le frequenze dei voli per Praga.\r\n\r\nIn Italia, Klm aumenterà la frequenza o capacità su diverse città tra cui Bologna, Firenze, Genova - dove verrà introdotto un secondo volo giornaliero.\r\n\r\n ","post_title":"Klm: capacità a +7% per l'estate 2024. Più voli anche su Bologna, Firenze e Genova","post_date":"2024-02-22T09:34:36+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708594476000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461526","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un 2023 da incorniciare per Finnair che ha archiviato l'ultimo esercizio con i migliori risultati da un decennio a questa parte e un utile operativo di 191,4 milioni di euro.\r\n\r\nQuesto risultato si confronta con la perdita operativa di 200 milioni di euro che la compagnia aveva registrano l'anno precedente, quando era stata duramente colpita dalle conseguenze del conflitto tra Russia e Ucraina con la chiusura delle rotte siberiane, strategiche per gestire efficacemente il prezioso network asiatico. Tuttavia, Finnair continua a operare al di sotto della sua capacità del 2019. Sebbene i posti-chilometro disponibili siano aumentati del 15,5%, la capacità offerta è attualmente ancora al 77% del livello pre-pandemia. Questa cifra salirebbe all'81% se si includessero gli aeromobili in wet lease, che dovrebbero tornare a Finnair nella primavera del 2024. Il load factor è aumentato al 76,4% rispetto al 67,6% del 2023.\r\n\r\nNonostante la guerra in corso in Ucraina e la continua chiusura dello spazio aereo russo alle compagnie aeree europee, il vettore finlandese ha comunque registrato una ripresa dei ricavi derivanti dall'Asia, poiché la regione continua ad aprirsi e i viaggi sono di nuovo in aumento. Il Medio Oriente è un'altra area di crescita dei ricavi per la compagnia, che sta consolidando la sua partnership con Qatar Airways. \"Abbiamo iniziato la nostra collaborazione con il nostro partner oneworld Qantas con il wet-leasing di due aeromobili A330 per le operazioni tra l'Australia e il Sud-Est asiatico. Questo è un altro passo importante verso l'utilizzo efficiente ed economico della nostra flotta mentre lo spazio aereo russo rimane chiuso\", afferma la compagnia aerea finlandese.","post_title":"Finnair centra i migliori risultati dell'ultimo decennio, malgrado la chiusura delle rotte siberiane","post_date":"2024-02-15T09:47:46+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707990466000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460809","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" La Liguria presenta  le campagne di promozione e comunicazione per la prima parte del 2024 che arriveranno fino a fine luglio, con la prevista riapertura della Via dell’Amore. Il sentiero patrimonio Unesco simbolo delle Cinque Terre e della Liguria nel mondo tornerà fruibile dopo anni di chiusura e importanti lavori di recupero e messa in sicurezza.\r\n\r\n«C’è voglia di Italia e c’è grande voglia di Liguria - spiega il presidente della regione Liguria Giovanni Toti -, una regione i cui indicatori stanno tutti crescendo. Nel 2023 è fortemente aumentato il turismo straniero, mentre gli italiani sono ben presenti ormai da qualche stagione. Quest’anno sarà straordinario, con la riapertura della storica Via dell’Amore, dopo tanti anni di chiusura e un lavoro complesso anche da un punto di vista ingegneristico. Quest’estate quindi riapriremo al turismo uno dei simboli della Liguria a cui è dedicata anche la nostra cartolina istituzionale al Festival di Sanremo. In questi anni è cresciuto un turismo sempre più destagionalizzato, che fa della Liguria una meta ambita non solo per il suo mare, il più bello d’Italia, ma anche per la sua arte, per i suoi parchi, per il suo outdoor, per cui siamo tra i leader del Paese, senza dimenticare il traino fondamentale del nostro agroalimentare con un boom di vendite dei nostri prodotti, dal pesto al vino. Tutto si incrocia con quella nautica da diporto per cui la Liguria è diventata, con il suo Salone Nautico, i suoi porti e i suoi cantieri, la capitale mondiale. La Liguria è un modello di sviluppo integrato che ci sta dando tante soddisfazioni e le sta dando ai liguri visto che l’occupazione è ai massimi di tutti i tempi».\r\n\r\n«Dopo essere stati ad Utrecht e a Madrid a gennaio, proseguiamo le campagne promozionali del 2024 con la nostra presenza ad un'altra importantissima fiera internazionale come la Bit di Milano – dice Augusto Sartori, assessore regionale al Turismo -. Il nostro obiettivo è confermare e, perché no, migliorare l'ottimo risultato conseguito dalla Liguria nel corso del 2023. Per la prima volta in assoluto abbiamo avuto in un anno oltre 16 milioni di presenze turistiche con una crescita del 3,5% rispetto al 2022, di questi è stata notevole la presenza di turisti stranieri pari a 7,2 milioni, +9,4% sull'anno precedente. Confermato che i lombardi (3,2 milioni) e i piemontesi (2,7 milioni) sono stati i turisti più numerosi e che ai primi posti tra gli stranieri abbiamo avuto sempre i tedeschi (1,5 milioni, +5,5%) e francesi (1 milione, +4%), sono da segnalare delle interessanti novità. Notevole, ad esempio, è stata la crescita dei turisti statunitensi (+25%) che hanno raggiunto quota 540 mila, dei canadesi (+40%, pari a 110 mila) e degli australiani cresciuti addirittura del 157% con 150 mila presenze nel 2023. Segnalo anche il ritorno, dopo anni di calo post Brexit, dei turisti britannici che sono stati 265 mila per un incremento del 13%. Abbiamo infine registrato anche presenze in forte crescita percentuale di turisti provenienti dalla Cina (+101%), dal Giappone (+64%), dalla Corea del Sud (+73,5%) e dall'India (+35,8%). Questi ultimi sono mercati 'nuovi' per la Liguria nei quali abbiamo messo in preventivo di andare a promuovere il brand Liguria».\r\n\r\n ","post_title":"La Liguria presenta le campagne di promozione e comunicazione","post_date":"2024-02-13T11:11:02+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1707822662000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461318","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Abbiamo passato tre anni in difesa. Ora è giunto il momento di tornare all'attacco\". E' il solito, vulcanico Massimo Diana a presentare i risultati 2023 e piani 2024 di Ota Viaggi. Il to capitolino ha chiuso gli ultimi 12 mesi con un fatturato complessivo poco sopra gli 81 milioni di euro, per un decremento dell'1,75% rispetto al 2022. \"Ma nel 2023 avevamo un'offerta a scaffale di circa il 10% inferiore a quella dell'anno precedente - racconta il direttore commerciale -. Non possiamo inoltre dimenticare che lo scorso è stato il primo anno di completa apertura delle frontiere. Dopo tanto tempo il mare Italia si è trovato a competere con un mercato molto più vasto. Infine, dobbiamo pure ricordare l'incendio che ha colpito la nostra sede agli inizi di giugno. Evento a cui abbiamo fatto fronte immediatamente, ma che ovviamente ha condizionato temporaneamente la nostra attività\".\r\n\r\nOra però è venuto appunto il tempo di passare alla controffensiva. Il nuovo catalogo Ota Viaggi, attualmente in distribuzione tra le agenzie, comprende infatti 95 strutture, 21 in più rispetto all'anno scorso. \"E un'ulteriore decina è in fase di trattativa, per contratti che dovremo chiudere a breve\". Nel dettaglio, Sicilia e Sardegna rimangono chiaramente il core business del to, ma a crescere quest'anno è soprattutto il prodotto Puglia, Calabria e Basilicata, \"come ci chiedevano da tempo le agenzie di viaggio\".\r\n\r\nLa strategia di Ota rimane inoltre quella di lavorare a fondo sul lato pricing, in modo da far pesare il meno possibile i costi dell'inflazione sul consumatore finale: un approccio che l'anno scorso ha permesso all'operatore romano di mantenere il prezzo medio per pratica praticamente sugli stessi livelli del 2022 (2.400 euro contro 2.390). Il tutto in un contesto che al contrario ha registrato un aumento generalizzato delle tariffe, come hanno dimostrato bene le polemiche sorte questa estate in merito alla competitività di destinazioni alternative al mare Italia, quali l'Albania e Creta.\r\n\r\nA livello commerciale, il to pensa quindi a una policy di advance booking più articolata rispetto al passato. La classica campagna di prenotazioni anticipate, con la garanzia assoluta di una tariffa che non scenderà mai sotto il suo livello, sarà infatti seguita dopo il 31 marzo da incentivazioni a scalare valide sino al mese di giugno. \"Abbiamo inoltre lavorato ulteriormente con i network, affinando una strategia che punterà a veicolare le richieste dalle loro agenzie verso determinate strutture. In accordo con le loro direzioni commerciali, questo nuovo approccio dovrebbe garantirci un incremento del 5%-7%\".\r\n\r\n ","post_title":"Diana, Ota Viaggi: \"Torniamo all'attacco\". Il 2023 un anno di consolidamento","post_date":"2024-02-12T14:53:46+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707749626000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461097","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prosegue l'attrazione fatale tra il mondo della moda e l'hotellerie. E' questa la volta della famiglia di Nunzio e Anna Colella, cui fanno capo i brand Gutteridge e Alcott, che ha deciso di affidare la gestione del napoletano palazzo Caravita di Sirignano al gruppo Rocco Forte Hotels. Prima magione a sorgere lungo la riviera di Chiaia con la posa della prima pietra nel 1535, l'immobile fu abitato nei secoli da nobili dinastie come i Borbone e, appunto, i principi di Sirignano.\r\n\r\nRistrutturato dall’architetto Michele Bönan, il palazzo riaprirà ora come hotel nel 2027 e sarà dotato di 46 suite di ampie dimensioni, un rooftop con piscina panoramica, due ristoranti, giardini privati, bar e una grande spa.","post_title":"Rocco Forte approda a Napoli con l'all-suite Palazzo di Sirignano","post_date":"2024-02-08T10:43:49+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1707389029000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460519","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il mese di febbraio celebra il Capodanno cinese: il vero inizio del nuovo anno per i cinesi nonché della primavera! Le giornate sono più calde, i fiori sbocciano e si comincia a uscire e viaggiare. Dove? Magari in una ricca e tranquilla cittadina nel Sud-est della Cina che ben rappresenta il turismo rurale cinese di alta qualità. Il suo nome è Gaoyou e si trova alla provincia dello Jiangsu, vicino a Shanghai.\r\n\r\nQui la primavera è luminosa e colorata, attraversata anche dal profumo intenso dei fuochi d'artificio cinesi. Ecco due itinerari di viaggio di qualità che ci sentiamo di consigliarvi!\r\n\r\n \r\n\r\n \t TOUR CULTURALE DELLA CITTA' ANTICA: \"FIREWORKS TOWN\"\r\n\r\nYuchengyi→ Strada tematica della via Nanmen→ Tempio Zhenguo→ Terrazza Wenyou→ Banco dei pegni di Tongxing\r\n\r\nQuesto percorso consente ai turisti di sperimentare il romanticismo unico di Gaoyou, visitare edifici storici e assaggiare cibi locali. È il percorso culturale ed enogastronomico più profondo, artistico ed elegante.\r\n\r\n\r\n\r\nYuchengyi: la postazione Yucheng fu costruita nell'ottavo anno di Hongwu, durante la dinastia Ming (1375) ed è la stazione di posta antica più grande e meglio conservata della Cina. La Sala Huanghua e la Sala Zhujie sono gli edifici principali della stazione Yucheng. Nel 2003, il Museo dell'Ufficio Postale è stato riconosciuto dall'Amministrazione Statale dei Beni Culturali della Cina come uno dei 100 musei più caratteristici del paese.\r\n\r\n\r\n\r\nLa strada tematica di Nanmen Street: situata fuori dalla porta sud della città di Gaoyou, fu il centro di canali più prospero della Cina dal XVI al XVIII secolo. Ora è anche un'area di ritrovo per la vita culturale notturna, dove i turisti possono vivere esperienze gastronomiche autentiche e apprezzare il patrimonio culturale locale.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_460523\" align=\"aligncenter\" width=\"300\"] Il tempio Zhenguo fu costruito nell'874. È conosciuto come la \" città buddista sul canale \" ed è un luogo prezioso per la preghiera[/caption]\r\n\r\n\r\n\r\nWenyou: la terrazza Wenyou fu costruita tra il X e il XII secolo e per centinaia di anni poeti famosi di diverse dinastie cinesi amavano riunirsi su questo palco: molte poesie famose sono state scritte qui e tramandate fino ai giorni nostri.\r\n\r\n\r\n\r\nBanco dei pegni di Tongxing: il banco fu aperto a metà del XVIII secolo e all'epoca era uno tra i principali del paese.\r\n\r\n \r\n\r\n \tTOUR DELLA CITTA' SELVAGGIA \"SHUIYUN GAOYOU\" \r\n\r\nVillaggio musulmano di Lingtang → Zhuhu Xiaozhen → Yuchengyi → Qingshuitan → Linze Resort\r\n\r\nQuesto percorso accompagna i turisti nel sole del mattino lungo il lago Gaoyou, tra i riflessi della neve e il volteggiare di migliaia di uccelli. Lungo il percorso, si attraversa la città fra scorci antichi e moderni, mentre flotte di chiatte scivolano lungo le acque del Canal Grande. Un paesaggio da vivere e scoprire nel segno dell'acqua, senza tralasciare il cibo delizioso.\r\n\r\n\r\n\r\nZhuhu Xiaozhen è situato sulla riva del lago Gaoyou ed è un grande parco paludoso in Cina che integra diverse zone umide e b&b.\r\n\r\n[gallery ids=\"460528,460527,460529\"]\r\n\r\nPiscina di acqua limpida: il resort di Qingshuitan è inserito in un contesto paesaggistico naturale di zone umide, habitat prescelto dalle anatre selvatiche che ogni anno attraggono qui numerosi turisti cinesi e stranieri. Qui è possibile trascorrere un soggiorno all'insegna del relax, effettuare sport acquatici e apprezzare anche il cibo locale.\r\n\r\nPur essendo piccola, la città di Gaoyou propone una vasta gamma di soluzioni alberghiere in grado di soddisfare le esigenze di differenti tipologie di turisti. L'offerta spazia dal Bosideng International Hotel, che conta 850 lussuose camere di diverse tipologie; sono inoltre presenti diversi express hotel e b&b. Ma, a prescindere dall'opzione scelta, lo scenario naturale del lago Gaoyou è garanzia di una vacanza di totale comfort e libertà. \r\n\r\nLa primavera, con la sua brezza gentile, vi aspetta a Gaoyun per raccontarvi le sue storie più belle in questo nuovo anno!\r\nCharm of Jiangsu ti dà il benvenuto!\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Gaoyou, provincia di Jiangsu: due tour lungo il Canal Grande della Cina","post_date":"2024-02-05T09:30:41+00:00","category":["estero","informazione-pr"],"category_name":["Estero","Informazione PR"],"post_tag":[]},"sort":[1707125441000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460347","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nicola Bonacchi è il nuovo direttore generale di Glamour Tour Operator. Classe 1975, con un intenso background in posizioni di spicco come business unit director presso Fiera Milano, è stato vice president sales presso Alitalia, dove ha diretto le attività di vendita in Italia e successivamente quella sui mercati internazionali, nonché più tardi presso Italo Treno. Laureato in business and administration presso l'università Bocconi di Milano e con esperienza imprenditoriale, oltre al suo impegno nelle mansioni aziendali, Bonacchi è stato membro del consiglio esecutivo di Ipack-Ima, una joint venture tra Fiera Milano e Ucima, con l'obiettivo di promuovere l'eccellenza italiana nell'ambito del packaging, nonché amministratore delegato presso Made Expo, joint venture tra Fiera Milano e Fla Eventi.\r\n\r\n\"Sono onorato ed entusiasta di assumere il ruolo di direttore generale di Glamour to - dichiara lo stesso Bonacchi -. Questa nomina rappresenta una nuova fase emozionante della mia carriera e sono determinato a portare l'azienda verso nuovi livelli di successo. Sono grato per questa opportunità e non vedo l'ora di collaborare con tutto il team per raggiungere nuovi traguardi straordinari\".","post_title":"Nicola Bonacchi nuovo direttore generale di Glamour Tour Operator","post_date":"2024-01-30T11:04:12+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1706612652000]}]}}

Lascia un commento