4 December 2022

Swissport ha acquisito da Alitalia l’assistenza a terra dell’aeroporto di Linate

[ 0 ]

Swissport ha rilevato le attività di assistenza a terra dell’aeroporto di Milano-Linate da Alitalia – Società Aerea Italiana in amministrazione straordinaria – e dal 1° ottobre 2022 fornirà i servizi di Ground handling dell’aeroporto, tra cui check-in, operazioni di imbarco, ospitalità nelle lounge aeroportuali e servizi lost & found. 

A Milano, Swissport supporterà Ita Airways con servizi di alta qualità ed efficienza. “Siamo onorati di servire ITA Airways anche all’aeroporto di Milano”, afferma Marina Bottelli, Direttore Generale Italia di Swissport. “Questo è un ulteriore passo avanti nella nostra strategia di espansione in Italia e siamo molto contenti di dare il benvenuto a 104 ex dipendenti Alitalia. Poter contare sulla loro professionalità sarà fondamentale per il successo delle nostre operazioni a Milano Linate”.

Il 14 luglio scorso, Swissport ha iniziato a fornire servizi di assistenza a terra presso il più grande hub italiano, Roma-Fiumicino, e alla fine di agosto aveva già assistito oltre 900.000 passeggeri e gestito 7.225 voli per 42 compagnie aeree. Swissport ha esordito con successo in Italia, dimostrando da subito la propria capacità di avviare le operazioni in qualsiasi aeroporto in modo rapido e affidabile o di saper rilevare la gestione di servizi aeroportuali senza interruzioni delle attività, anche in presenza di un elevato volume di passeggeri durante la stagione estiva.

Continuare a espandersi in altri aeroporti italiani rientra nei piani di crescita di Swissport che in poco più di 25 anni ha visto l’azienda trasformarsi da piccolo operatore locale in Svizzera a leader mondiale dei servizi di trasporto aereo. Con Linate, Swissport è ora presente in 288 aeroporti di 45 Paesi in sei continenti.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431437 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Swissport ha rilevato le attività di assistenza a terra dell'aeroporto di Milano-Linate da Alitalia - Società Aerea Italiana in amministrazione straordinaria - e dal 1° ottobre 2022 fornirà i servizi di Ground handling dell'aeroporto, tra cui check-in, operazioni di imbarco, ospitalità nelle lounge aeroportuali e servizi lost & found.  A Milano, Swissport supporterà Ita Airways con servizi di alta qualità ed efficienza. "Siamo onorati di servire ITA Airways anche all’aeroporto di Milano", afferma Marina Bottelli, Direttore Generale Italia di Swissport. "Questo è un ulteriore passo avanti nella nostra strategia di espansione in Italia e siamo molto contenti di dare il benvenuto a 104 ex dipendenti Alitalia. Poter contare sulla loro professionalità sarà fondamentale per il successo delle nostre operazioni a Milano Linate". Il 14 luglio scorso, Swissport ha iniziato a fornire servizi di assistenza a terra presso il più grande hub italiano, Roma-Fiumicino, e alla fine di agosto aveva già assistito oltre 900.000 passeggeri e gestito 7.225 voli per 42 compagnie aeree. Swissport ha esordito con successo in Italia, dimostrando da subito la propria capacità di avviare le operazioni in qualsiasi aeroporto in modo rapido e affidabile o di saper rilevare la gestione di servizi aeroportuali senza interruzioni delle attività, anche in presenza di un elevato volume di passeggeri durante la stagione estiva. Continuare a espandersi in altri aeroporti italiani rientra nei piani di crescita di Swissport che in poco più di 25 anni ha visto l'azienda trasformarsi da piccolo operatore locale in Svizzera a leader mondiale dei servizi di trasporto aereo. Con Linate, Swissport è ora presente in 288 aeroporti di 45 Paesi in sei continenti. [post_title] => Swissport ha acquisito da Alitalia l'assistenza a terra dell'aeroporto di Linate [post_date] => 2022-09-30T10:58:50+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664535530000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428557 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Swissport traccia un primo bilancio nettamente positivo del debutto su Roma Fiumicino. La società leader di mercato dei servizi aeroportuali a terra, basata a Zurigo, nei primi cinque giorni dall'inizio delle attività, giovedì 14 luglio, ha già assistito 67.474 passeggeri e gestito circa 501 voli per diversi vettori presso lo scalo romano. Dopo essersi aggiudicata le attività di assistenza a terra di Alitalia - in amministrazione straordinaria – presso l'aeroporto di Fiumicino nel maggio 2022, lo scorso 4 luglio Swissport ha concluso positivamente le consultazioni con le rappresentanze sindacali. A Roma, Swissport assisterà Ita Airways e altre compagnie aeree con servizi all’avanguardia, sicuri ed efficienti. “Il nostro ingresso nel mercato italiano ha per noi una valenza strategica in Europa e rappresenta un ulteriore tassello del nostro ambizioso piano di crescita e di acquisizione a livello globale -afferma Warwick Brady, presidente e ceo di Swissport International -. Assistere Ita Airways a Fiumicino ci pone in una posizione di leadership del mercato locale e consolida la posizione di Swissport quale partner di riferimento per le operazioni complesse di hub e grandi basi, a livello globale. In Italia, prevediamo di espanderci a Linate e ad altri aeroporti in tutto il paese”. Attualmente la società assiste circa 850 compagnie aeree in sei continenti, con un assortimento completo di servizi aeroportuali e di gestione del trasporto aereo cargo.   [post_title] => Swissport: debutto positivo a Roma Fiumicino. Le ambizioni su altri scali italiani [post_date] => 2022-07-19T13:27:56+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1658237276000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 422550 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A quanto pare sembra sia pronto il piano per il pensionamento o la ricollocazione di 7.800 ex dipendenti di Alitalia.  Per circa 3.800 ex dipendenti appartenenti ai rami manutenzione ed handling, attualmente sotto procedura di vendita, è previsto il riassorbimento durante il processo di cessione. L’handling probabilmente a Swissport e la manutenzione ad Atitech. Si stima poi che 800 siano pensionabili in seguito all'utilizzo degli attuali ammortizzatori sociali, cioè la Cigs e la Naspi. Per gli assistenti di volo si prevede l'applicazione degli strumenti di politiche attive del lavoro. Che potrebbero essere applicate anche al personale di terra, mentre per i piloti non sono previsti esuberi. Il personale verrà riassorbito progressivamente in Ita con l'aumento dell'operatività. Coinvolgimento delle regioni Vi sono poi l’esonero contributivo totale (massimo di 36 mesi e 6mila euro annui) per l’assunzione di lavoratori di aziende che siedono al tavolo per la gestione delle crisi aziendali del Mise. Oppure l'utilizzo del Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione che prevede il reinserimento dei lavoratori in esubero in caso di ristrutturazioni e copre l’85% dei costi dell’intervento. E' previsto anche il coinvolgimento delle regioni Lazio e Lombardia in una cabina di monitoraggio. Che preveda la partecipazione delle parti sociali, delle Agenzie del lavoro e di società di consulenza e selezione del personale. In effetti siamo contenti che le persone che lavorano o che hanno lavorato abbiano una loro collocazione. Non si riesce a capire per quale motivo queste stesse procedure non siano stat5e messe in pratica anche per i 1322 lavoratori di Air Italy. [post_title] => C'è il piano per ricollocazione e pensionamento del personale Alitalia [post_date] => 2022-04-06T09:54:34+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1649238874000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 399443 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una vera icona della Strip di Las Vegas passa di mano: lo storico Venetian Resort è infatti destinato a essere ceduto insieme al Sands Expo and Convention Center. La Las Vegas Sands Corporation, che molte delle sue fortune deve proprio al Venetian, ha infatti siglato un accordo per la vendita delle proprietà e delle società operative che gestiscono i due complessi rispettivamente a Vici Properties, spin-off real esatte di Caesars Entertainment, e ad Apollo Global Management. Il tutto per una cifra complessiva di 6,25 miliardi di dollari, di cui 4 miliardi per la parte immobiliare e 2,25 miliardi per la parte operativa. Il Venetian Resort è un complesso che include tre torri-hotel, dotate di oltre 7 mila suite, di più di 130 mila metri quadrati di spazi per il gioco e retail, nonché di oltre 185 mila metri quadrati di spazi meeting. Il Sands Expo Center, invece, include 23 sale conferenze per oltre 185 mila metri quadrati di aree congressuali. L'accordo dovrebbe perfezionarsi nel quarto trimestre dell'anno, lasciando la Sands Corporation ancora con cinque proprietà a Macao e una a Singapore. L'attenzione della compagnia si sposterà quindi decisamente verso Est, anche se il management non ha escluso la possibilità di valutare eventuali nuove opportunità di investimento che dovessero emergere negli Stati Uniti. "Il Venetian ha cambiato il volto dell'industria dei casinò, facendo diventare Sheldon Adelson (il fondatore di Sands, venuto a mancare lo scorso 11 gennaio all'età di 87 anni, ndr) una delle persone più influenti nella storia del gioco d'azzardo e dell'ospitalità - ha dichiarato l'attuale presidente e ceo di Las Vegas Sands, Robert Goldstein -. Con l'annuncio della vendita del Venetian Resort noi rendiamo omaggio all'eredità di Adelson, allo stesso tempo iniziando un nuovo capitolo nella storia della compagnia". L'accordo prevede anche che, al perfezionamento della transazione, Vici Properties dia in in locazione entrambe le proprietà alla Apollo Global Management per un affitto pari a 250 milioni di dollari all'anno, indicizzato ai tassi di inflazione e della durata di 30 anni con due ulteriori opzioni di rinnovo ogni dieci anni. Sands ha inoltre accettato (e qui si avvertono decisamente gli effetti della crisi innescata dalla pandemia) di garantire in prima persona il pagamento delle fee di locazione fino al 2023, oppure fino al raggiungimento di determinati obiettivi di revenue. Gli investimenti della Apollo Global Management spaziano in molti settori, inclusa l'industria dei viaggi e dell'ospitalità. L'anno scorso la società è tra l'altro per esempio entrata nel capitale di Expedia, Swissport e Aeromexico. Più indietro nel tempo ha inoltre investito in compagni quali  Sun Country Airlines, Norwegian Cruise Lines e Vail Resorts.   [post_title] => La crisi rivoluziona la Strip di Las Vegas: Sands vende il Venetian Resort [post_date] => 2021-03-04T15:01:21+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1614870081000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 397424 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Hna Group - casa madre di Hainan Airlines, tramite cui è co-proprietario della Grand China Air e di altre compagnie - è in bancarotta e potrebbe essere costretto a vendere tutte le sue attività non aviation. Alcuni creditori hanno infatti presentato una richiesta al tribunale per il fallimento e la riorganizzazione, dopo che il gruppo non è riuscito a rimborsare i propri debiti.   Hna Group è stata protagonista negli anni di numerose acquisizioni e partecipazioni nei principali marchi del turismo e del trasporto aereo, tra cui Swissport e Hilton: nel suo portafoglio, oltre a Hainan Airlines, figurano proprietà di lusso e hotel in Cina e all'estero, come il grattacielo a 245 Park Avenue, a New York, e parte di un'isola artificiale ad Hainan chiamata Pearl Island. Oggi il gruppo è schiacciato da miliardi di dollari di debito e - secondo quanto anticipato da Bloomberg - sarà costretto a cedere i suoi asset non aviation attraverso un trust.   [post_title] => Hna Group (proprietario di Hainan Airlines) è in bancarotta [post_date] => 2021-02-01T10:09:24+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1612174164000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "swissport" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":7,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":5,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431437","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Swissport ha rilevato le attività di assistenza a terra dell'aeroporto di Milano-Linate da Alitalia - Società Aerea Italiana in amministrazione straordinaria - e dal 1° ottobre 2022 fornirà i servizi di Ground handling dell'aeroporto, tra cui check-in, operazioni di imbarco, ospitalità nelle lounge aeroportuali e servizi lost & found. \r\n\r\nA Milano, Swissport supporterà Ita Airways con servizi di alta qualità ed efficienza. \"Siamo onorati di servire ITA Airways anche all’aeroporto di Milano\", afferma Marina Bottelli, Direttore Generale Italia di Swissport. \"Questo è un ulteriore passo avanti nella nostra strategia di espansione in Italia e siamo molto contenti di dare il benvenuto a 104 ex dipendenti Alitalia. Poter contare sulla loro professionalità sarà fondamentale per il successo delle nostre operazioni a Milano Linate\".\r\n\r\nIl 14 luglio scorso, Swissport ha iniziato a fornire servizi di assistenza a terra presso il più grande hub italiano, Roma-Fiumicino, e alla fine di agosto aveva già assistito oltre 900.000 passeggeri e gestito 7.225 voli per 42 compagnie aeree. Swissport ha esordito con successo in Italia, dimostrando da subito la propria capacità di avviare le operazioni in qualsiasi aeroporto in modo rapido e affidabile o di saper rilevare la gestione di servizi aeroportuali senza interruzioni delle attività, anche in presenza di un elevato volume di passeggeri durante la stagione estiva.\r\n\r\nContinuare a espandersi in altri aeroporti italiani rientra nei piani di crescita di Swissport che in poco più di 25 anni ha visto l'azienda trasformarsi da piccolo operatore locale in Svizzera a leader mondiale dei servizi di trasporto aereo. Con Linate, Swissport è ora presente in 288 aeroporti di 45 Paesi in sei continenti.","post_title":"Swissport ha acquisito da Alitalia l'assistenza a terra dell'aeroporto di Linate","post_date":"2022-09-30T10:58:50+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664535530000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428557","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Swissport traccia un primo bilancio nettamente positivo del debutto su Roma Fiumicino. La società leader di mercato dei servizi aeroportuali a terra, basata a Zurigo, nei primi cinque giorni dall'inizio delle attività, giovedì 14 luglio, ha già assistito 67.474 passeggeri e gestito circa 501 voli per diversi vettori presso lo scalo romano.\r\n\r\nDopo essersi aggiudicata le attività di assistenza a terra di Alitalia - in amministrazione straordinaria – presso l'aeroporto di Fiumicino nel maggio 2022, lo scorso 4 luglio Swissport ha concluso positivamente le consultazioni con le rappresentanze sindacali. A Roma, Swissport assisterà Ita Airways e altre compagnie aeree con servizi all’avanguardia, sicuri ed efficienti.\r\n\r\n“Il nostro ingresso nel mercato italiano ha per noi una valenza strategica in Europa e rappresenta un ulteriore tassello del nostro ambizioso piano di crescita e di acquisizione a livello globale -afferma Warwick Brady, presidente e ceo di Swissport International -. Assistere Ita Airways a Fiumicino ci pone in una posizione di leadership del mercato locale e consolida la posizione di Swissport quale partner di riferimento per le operazioni complesse di hub e grandi basi, a livello globale. In Italia, prevediamo di espanderci a Linate e ad altri aeroporti in tutto il paese”.\r\n\r\nAttualmente la società assiste circa 850 compagnie aeree in sei continenti, con un assortimento completo di servizi aeroportuali e di gestione del trasporto aereo cargo.\r\n ","post_title":"Swissport: debutto positivo a Roma Fiumicino. Le ambizioni su altri scali italiani","post_date":"2022-07-19T13:27:56+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1658237276000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"422550","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A quanto pare sembra sia pronto il piano per il pensionamento o la ricollocazione di 7.800 ex dipendenti di Alitalia. \r\n\r\nPer circa 3.800 ex dipendenti appartenenti ai rami manutenzione ed handling, attualmente sotto procedura di vendita, è previsto il riassorbimento durante il processo di cessione. L’handling probabilmente a Swissport e la manutenzione ad Atitech. Si stima poi che 800 siano pensionabili in seguito all'utilizzo degli attuali ammortizzatori sociali, cioè la Cigs e la Naspi.\r\n\r\nPer gli assistenti di volo si prevede l'applicazione degli strumenti di politiche attive del lavoro. Che potrebbero essere applicate anche al personale di terra, mentre per i piloti non sono previsti esuberi. Il personale verrà riassorbito progressivamente in Ita con l'aumento dell'operatività.\r\nCoinvolgimento delle regioni\r\nVi sono poi l’esonero contributivo totale (massimo di 36 mesi e 6mila euro annui) per l’assunzione di lavoratori di aziende che siedono al tavolo per la gestione delle crisi aziendali del Mise. Oppure l'utilizzo del Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione che prevede il reinserimento dei lavoratori in esubero in caso di ristrutturazioni e copre l’85% dei costi dell’intervento.\r\n\r\nE' previsto anche il coinvolgimento delle regioni Lazio e Lombardia in una cabina di monitoraggio. Che preveda la partecipazione delle parti sociali, delle Agenzie del lavoro e di società di consulenza e selezione del personale.\r\n\r\nIn effetti siamo contenti che le persone che lavorano o che hanno lavorato abbiano una loro collocazione. Non si riesce a capire per quale motivo queste stesse procedure non siano stat5e messe in pratica anche per i 1322 lavoratori di Air Italy.","post_title":"C'è il piano per ricollocazione e pensionamento del personale Alitalia","post_date":"2022-04-06T09:54:34+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1649238874000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"399443","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una vera icona della Strip di Las Vegas passa di mano: lo storico Venetian Resort è infatti destinato a essere ceduto insieme al Sands Expo and Convention Center. La Las Vegas Sands Corporation, che molte delle sue fortune deve proprio al Venetian, ha infatti siglato un accordo per la vendita delle proprietà e delle società operative che gestiscono i due complessi rispettivamente a Vici Properties, spin-off real esatte di Caesars Entertainment, e ad Apollo Global Management. Il tutto per una cifra complessiva di 6,25 miliardi di dollari, di cui 4 miliardi per la parte immobiliare e 2,25 miliardi per la parte operativa.\r\n\r\nIl Venetian Resort è un complesso che include tre torri-hotel, dotate di oltre 7 mila suite, di più di 130 mila metri quadrati di spazi per il gioco e retail, nonché di oltre 185 mila metri quadrati di spazi meeting. Il Sands Expo Center, invece, include 23 sale conferenze per oltre 185 mila metri quadrati di aree congressuali. L'accordo dovrebbe perfezionarsi nel quarto trimestre dell'anno, lasciando la Sands Corporation ancora con cinque proprietà a Macao e una a Singapore. L'attenzione della compagnia si sposterà quindi decisamente verso Est, anche se il management non ha escluso la possibilità di valutare eventuali nuove opportunità di investimento che dovessero emergere negli Stati Uniti.\r\n\r\n\"Il Venetian ha cambiato il volto dell'industria dei casinò, facendo diventare Sheldon Adelson (il fondatore di Sands, venuto a mancare lo scorso 11 gennaio all'età di 87 anni, ndr) una delle persone più influenti nella storia del gioco d'azzardo e dell'ospitalità - ha dichiarato l'attuale presidente e ceo di Las Vegas Sands, Robert Goldstein -. Con l'annuncio della vendita del Venetian Resort noi rendiamo omaggio all'eredità di Adelson, allo stesso tempo iniziando un nuovo capitolo nella storia della compagnia\".\r\n\r\nL'accordo prevede anche che, al perfezionamento della transazione, Vici Properties dia in in locazione entrambe le proprietà alla Apollo Global Management per un affitto pari a 250 milioni di dollari all'anno, indicizzato ai tassi di inflazione e della durata di 30 anni con due ulteriori opzioni di rinnovo ogni dieci anni. Sands ha inoltre accettato (e qui si avvertono decisamente gli effetti della crisi innescata dalla pandemia) di garantire in prima persona il pagamento delle fee di locazione fino al 2023, oppure fino al raggiungimento di determinati obiettivi di revenue.\r\n\r\nGli investimenti della Apollo Global Management spaziano in molti settori, inclusa l'industria dei viaggi e dell'ospitalità. L'anno scorso la società è tra l'altro per esempio entrata nel capitale di Expedia, Swissport e Aeromexico. Più indietro nel tempo ha inoltre investito in compagni quali  Sun Country Airlines, Norwegian Cruise Lines e Vail Resorts.\r\n\r\n ","post_title":"La crisi rivoluziona la Strip di Las Vegas: Sands vende il Venetian Resort","post_date":"2021-03-04T15:01:21+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1614870081000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"397424","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Hna Group - casa madre di Hainan Airlines, tramite cui è co-proprietario della Grand China Air e di altre compagnie - è in bancarotta e potrebbe essere costretto a vendere tutte le sue attività non aviation. Alcuni creditori hanno infatti presentato una richiesta al tribunale per il fallimento e la riorganizzazione, dopo che il gruppo non è riuscito a rimborsare i propri debiti.\r\n\r\n \r\n\r\nHna Group è stata protagonista negli anni di numerose acquisizioni e partecipazioni nei principali marchi del turismo e del trasporto aereo, tra cui Swissport e Hilton: nel suo portafoglio, oltre a Hainan Airlines, figurano proprietà di lusso e hotel in Cina e all'estero, come il grattacielo a 245 Park Avenue, a New York, e parte di un'isola artificiale ad Hainan chiamata Pearl Island.\r\n\r\nOggi il gruppo è schiacciato da miliardi di dollari di debito e - secondo quanto anticipato da Bloomberg - sarà costretto a cedere i suoi asset non aviation attraverso un trust.\r\n\r\n ","post_title":"Hna Group (proprietario di Hainan Airlines) è in bancarotta","post_date":"2021-02-01T10:09:24+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1612174164000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti