22 February 2024

L’avanzata di Iberia sull’inverno: oltre 300 voli a settimana tra Europa e America Latina, +14% sul 2019

[ 0 ]

Iberia ha definito i contorni dell’operativo invernale che prenderà il via il 28 ottobre per arrivare fino al 30 marzo 2024 e che la vedrà offrire oltre 300 voli settimanali tra Europa e America Latina, per una crescita di circa il 14% rispetto al 2019. 

Durante questi cinque mesi, la compagnia aerea si concentrerà ancora di più sulla sua rete a lungo raggio, con un aumento del 17% dei voli in questo mercato, soprattutto in America Latina, per rafforzare la sua leadership e consolidare la posizione dell’aeroporto di Madrid come ponte tra i due continenti.

«Stiamo sviluppando un piano ambizioso in America Latina e nei Caraibi che potenzierà la connettività con questa regione e, soprattutto, permetterà all’aeroporto di Madrid di rafforzare il suo ruolo di ponte tra Europa e America Latina. A questo aumento record delle frequenze, si affianca l’utilizzo di una flotta più sostenibile e miglioramenti nell’esperienza di bordo, in modo che Iberia rappresenti la migliore opzione per volare tra entrambe le sponde dell’Atlantico», afferma Maria Jesús López Solás, responsabile commerciale e sviluppo del network e delle alleanze Iberia.

Durante l’inverno la compagnia aerea spagnola offrirà oltre 2 milioni di posti tra Europa e America Latina, altro numero record che conferma l’investimento sulla regione. In Europa, Iberia lancerà la rotta per Rovaniemi a dicembre mentre su destinazioni come Parigi, Milano e Roma dispiegherà una capacità record. Città del Messico, con 21 frequenze settimanali, è la destinazione in America Latina con la maggiore capacità, una cifra che la compagnia aerea eguaglierà con tre voli giornalieri a Bogotà durante la stagione invernale.

L’anno scorso Iberia ha varato un significativo investimento sugli Stati Uniti, con il lancio di due nuove rotte: Washington DC – che rimane stagionale – e Dallas – che opera tutto l’anno. Nella prossima winter il vettore manterrà questo slancio con una crescita del 24% rispetto al 2019 del numero di frequenze e oltre 90 voli settimanali tra le due regioni.

In Europa

Nel Vecchio Continente il Gruppo Iberia aumenterà le frequenze del 5% rispetto al 2019 e raggiungerà più di 800 voli settimanali. Tra le rotte principali spicca Parigi, con 50 frequenze settimanali all’aeroporto di Orly, con oltre il 57% di posti in più rispetto al 2019.

Anche Roma vedrà la sua capacità incrementata a livelli record, con 39 frequenze settimanali e una crescita del 35%; Milano avrà 21 frequenze sull’aeroporto di Linate e 18 con quello di Malpensa, il 33% in più rispetto al 2019.

Altre città europee vedranno un aumento delle frequenze rispetto all’inverno pre-pandemia. È il caso, ad esempio, di Venezia, con un aumento di quattro voli settimanali con Madrid, arrivando a un totale di 22.

Sul mercato domestico, il Gruppo Iberia ha programmato il 6% di frequenze in più rispetto alla scorsa stagione, con quasi 700 voli settimanali. La crescita più significativa si registrerà ad Almería, Granada e Pamplona.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461982 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461983" align="alignleft" width="300"] Il direttore commerciale, Ada Miraglia[/caption] L'apertura del Baia Taormina e il riposizionamento del Pietrablu come hotel 4 stelle superior. Sono le principali novità 2024 del gruppo CdsHotels, che si presenta al doppio appuntamento con le fiere del Sud, il Btm di Bari dal 27 al 29 febbraio, e la Bmt di Napoli, dal 14 al 16 marzo, forte di un 2023 chiuso con un fatturato di 56 milioni di euro, in crescita del 16% rispetto al 2022. Con gli investimenti previsti dal piano strategico, CdsHotels nel 2024 conterà quindi in portfolio cinque villaggi tra Puglia e Sicilia (Porto Giardino, Riva Marina Resort, relais Masseria le Cesine, Costa del Salento Village e CdsHotels Terrasini in Sicilia, tutti 4 stelle), nonché sette Hotel Collection (il 5 stelle Marenea Suite Hotel, i 4 stelle superior Pietrablu, Basiliani, Grand Hotel Riviera, Marelive e Baia Taormina, il 4 stelle Corte di Nettuno). Al Btm di Bari, la partecipazione di CdsHotels prevede anche l’organizzazione di un panel dal titolo Green deal, digitalizzazione e hospitality. Prospettive al 2030, che si terrà il 28 febbraio (ore 10:45), in Arena, e che vede come relatori Gabriele Totisco, responsabile ricerca e sviluppo della compagnia, e Daniele Totisco, responsabile budget e controllo. [post_title] => CdsHotels alle fiere del Sud con la novità Baia Taormina e il riposizionamento del Pietrablu [post_date] => 2024-02-21T10:54:38+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708512878000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461967 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Miami sarà teatro di sette partite della Coppa del Mondo Fifa 26, in programma dal 15 giugno al 18 luglio 2026, tra cui uno dei quarti di finale e la partita per il terzo posto.  Fifa World Cup 26 segna il ritorno del torneo negli Stati Uniti dall’edizione del 1994. Sarà la più grande Coppa del Mondo mai organizzata in Canada, Messico e Stati Uniti, con un record di 48 squadre e 104 partite in tutto il Nord America. Sette di queste partite si giocheranno all'Hard Rock Stadium di Miami Gardens, che ha ospitato alcune delle partite di calcio di più alto profilo della storia recente. «I residenti di Miami Gardens sanno già cosa significa essere riconosciuti come una comunità che ha un pedigree da campionato e indossare il titolo di mecca dello sport tutto l'anno - ha dichiarato il sindaco di Miami Gardens Rodney Harris -. Possiamo unire una comunità attraverso lo sport e trovare modi per offrire opportunità economiche ai nostri cittadini grazie all'Hard Rock Stadium, che con orgoglio chiama Miami Gardens casa». «Abbiamo un'opportunità unica per mostrare la diversità della contea di Miami-Dade e dello stato della Florida e siamo entusiasti di metterci al lavoro» ha aggiunto Rodney Barreto, co-presidente del Comitato ospitante della Coppa del Mondo. [post_title] => Miami si prepara ad ospitare sette partite della Coppa del Mondo Fifa 2026 [post_date] => 2024-02-21T10:26:28+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708511188000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461903 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Enac ha rilasciato il primo certificato Uas leggero (Light Uas Operator Certificate - Luc) a un operatore italiano, la società FlyingBasket Srl, start-up che è anche il primo operatore Uas nazionale ad aver svolto operazioni cross-border in Europa. “L’emissione di questo primo certificato Luc a un operatore nazionale - ha dichiarato il direttore generale Enac Alessio Quaranta (nella foto) - conferma l’importanza dei servizi introdotti dalla mobilità aerea innovativa. L’Enac ha sempre riservato un’attenzione particolare ai velivoli senza equipaggio a bordo, cooperando con l’Icao e con l’Easa per lo sviluppo del framework di regolazione per gli Uas, al fine di favorire la crescita del settore e la loro integrazione sicura nello spazio aereo». Le operazioni effettuate con aeromobili “Unmanned Aircraft Systems” Uas, costituiscono un settore in costante espansione, con un continuo aumento delle possibili applicazioni anche grazie al supporto delle nuove tecnologie oggi a disposizione.   L’Enac ha seguito fin da subito l’evoluzione delle attività svolte con Uas, tramite l’emissione di uno fra i primi regolamenti in Europa per gli aeromobili a pilotaggio remoto, seguito da un forte impegno di diffusione delle pratiche e delle competenze nazionali nei contesti internazionali e dalla pubblicazione del Piano Strategico Nazionale sulla Mobilità Aerea Avanzata finalizzato a mettere in atto una strategia aperta all’innovazione tecnologica volta a creare un ecosistema in grado di integrare nuove tipologie di servizi per i territori e per i cittadini.  [post_title] => Droni: l'Enac ha certificato il primo operatore italiano, la FlyingBasket Srl [post_date] => 2024-02-20T11:10:02+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708427402000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461800 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gian Marco Caprotti è il nuovo responsabile della divisione tour operator di Kuda Tour. Dopo una lunga militanza in Quality Group come sales e product manager, Caprotti apporta un contributo rilevante di esperienza maturata nel corso degli anni nell'operatore capitolino. Africa e America Latina nel cuore, passione per la natura e per il viaggio, Gian Marco ha dedicato la propria vita professionale alla ricerca di soluzioni che arricchissero di valore le esperienze di viaggio. E "la scelta di Kuda - si legge in una nota - si è basata proprio su questi aspetti, che condivide nella pianificazione dei propri viaggi. Ma anche sulla la grande professionalità di Gian Marco e sulla sua voglia di raccogliere una sfida stimolante in un’azienda ambiziosa, che vuole garantire alla distribuzione segnali di consistenza, professionalità e affidabilità in totale sincronia con i bisogni del cliente e del trade". [post_title] => Gian Marco Caprotti nuovo responsabile della divisione tour operator di Kuda [post_date] => 2024-02-19T12:14:12+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708344852000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461784 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’obiettivo per tutto il settore crocieristico e della navigazione è di arrivare al 2050 a utilizzare navi ad emissioni zero. Nel frattempo le compagnie, Costa Crociere in primis, sono impegnate a 360 gradi con grandi investimenti green stanziati e da stanziare, e importanti iniziative. Nel dettaglio, sostenibilità a bordo per la compagnia del gruppo Carnival in primis significa: raccolta differenziata (il 100% dei rifiuti raccolti sulla nave viene separato e differenziato); sempre meno plastica; attenzione al consumo d'acqua (due terzi di quella utilizzata a bordo proviene dal mare: viene desalinizzata e purificata per l’utilizzo a bordo); navi tecnologicamente avanzate (per la Smeralda e la Toscana è stato scelto il sistema a propulsione più innovativo del settore crocieristico, il gas naturale liquefatto: la tecnologia più avanzata attualmente disponibile per garantire le migliori performance ambientali riducendone le emissioni) «Ma rispetto dell’ambiente non significa solo raccolta differenziata, meno plastica e ricircolo a bordo  – specifica Luigi Stefanelli, Southern Europe Region associate vice president Costa Crociere –. Da tempo abbiamo anche avviato un processo che ci consente un risparmio sul cibo, favorendo la stagionalità nei menù e sensibilizzando ospiti ed equipaggio al consumo responsabile. Insieme a Banco Alimentare siamo inoltre presenti in ben 18 porti nel mondo e doniamo i pasti a chi ne ha bisogno». Scendere a terra per Costa Crociere non significa poi semplicemente fare un escursione, ma scoprire i luoghi e le persone che li abitano, in maniere attenta e rispettosa, grazie a guide esperte e professionali. La compagnia promuove un Manifesto per un turismo di valore, ecosostenibile e inclusivo,  che raccoglie i principi che la guidano verso comportamenti virtuosi per l’ambiente delle destinazioni visitate. «Anche quando collaboriamo con gli enti locali – aggiunge Stefanelli – puntiamo a proteggere e valorizzare l’ambiente. La destinazione è un ecosistema. Puntiamo a lasciare un’impronta che va al di là della presenza Costa in quel luogo, quel giorno. Nello specifico, stiamo aiutando alcuni artigiani a trovare eventuali successori e tramite un supporto formativo a fare in modo che quella professione abbia un futuro e non scompaia». E per finire Costa Crociere Foundation: i progetti fatti e in programma integrano il processo di sostenibilità. A cominciare dal Guardiani della Costa, con il quale la compagnia si impegna a formare migliaia di giovani rendendoli consapevoli della fragile bellezza del patrimonio naturalistico delle coste italiane: vengono coinvolti in attività di pulizia dei litorali e nella raccolta dati scientifici. «Collaboriamo infine con uno chef spagnolo, la cui cucina è focalizzata sul mare – conclude Stefanelli –. L’obiettivo, insieme a Costa Foundation, è supportare la coltivazione di un’alga marina che se portata su una scala più estesa potrebbe sopperire a diversi bisogni». [post_title] => Costa Crociere sempre più green: focus su ambiente, persone e territorio [post_date] => 2024-02-19T11:30:28+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708342228000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461791 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Venezia dà il benvenuto all'utilizzo dell'intelligenza artificiale che viene utilizzata in ambito di climatizzazione degli spazi. Lo scalo ha infatti adottato Sybil, creato dal provider di servizi energetici altoatesino Alperia, come sistema di controllo per impianti di climatizzazione (Hvac - Heating, Ventilation and Air Conditioning) di grandi edifici, in grado di garantire la loro gestione attraverso sofisticate tecniche di automazione. Il Sistema Sybil utilizza algoritmi brevettati di machine learning e controllo predittivo per migliorare il confort e la qualità dell'aria all'interno dell'aeroporto che, con i suoi 60.000 metri quadri di superficie e 1milione di metri cubi di aria trattata ogni ora, rappresenta uno degli ambienti più complessi da gestire in termini di climatizzazione. L’intelligenza e l’innovazione del sistema Alperia Sybil Hvac stanno nella sua capacità di analizzare in continuo non solo i principali dati ambientali come le condizioni climatiche esterne, la temperatura ambiente, i livelli di concentrazione di CO2 interni, ma anche, ed è questo il valore aggiunto innovativo, il grado di affollamento di ogni area dell'aerostazione, sia in tempo reale che in proiezione futura. Il grado di apprendimento del sistema si basa infatti sull’elaborazione di tutte le suddette informazioni e dei risultati ottenuti con il continuo perfezionamento degli algoritmi di calcolo. In pratica, nei momenti di picco, quando il flusso dei passeggeri aumenta, Sybil anticipa il raffrescamento e/o il riscaldamento riducendoli, sempre in autonomia, quando il flusso diminuisce. Un’ operazione che riduce gli sprechi di energia, garantendo in ogni momento le condizioni di confort ambientale Questo avanzato sistema è il risultato di una stretta collaborazione con la direzione tecnica del Gruppo Save che ha contribuito a fornire i dati essenziali per l’elaborazione e il funzionamento dell’algoritmo. «Questo risparmio non solo è indice di un’operatività ottimizzata, ma riflette anche l’impegno dell’aeroporto di Venezia nel ridurre l’impronta carbonica delle sue operazioni, con un risparmio economico e un raggiungimento degli obiettivi Esg - ha dichiarato Giovanni Lamenza, direttore tecnico del Gruppo Save -. Con la tecnologia Sybil, il Marco Polo non solo è riuscito a migliorare la qualità dell’ambiente interno per passeggeri e personale, ma ha anche stabilito un nuovo benchmark in termini di efficienza energetica nel settore aeroportuale. L’iniziativa è una chiara dimostrazione di come le tecnologie intelligenti possano essere implementate con successo in grandi infrastrutture per raggiungere obiettivi di sostenibilità e risparmio economico».   [post_title] => Aeroporto Venezia: l'intelligenza artificiale controlla il sistema di climatizzazione dello scalo [post_date] => 2024-02-19T11:24:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708341877000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461766 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovelair ha fatto il suo debutto nel Bsp Italia. La compagnia aerea tunisina, rappresentata nel nostro Paese da Discover The World, ha debuttato sulle rotte italiane nel luglio 2023 con l'apertura di un primo collegamento da Tunisi verso Milano Malpensa, cui hanno fatto seguito quelli per Bologna e Nizza. Tutti i voli diretti sono operati da Airbus A320. Nouvelair vola su Milano tre volte a settimana, fino al 28 marzo quando le frequenze saliranno a sei settimanali (tutti i giorni, tranne il mercoledì); sul Marconi di Bologna vengono invece operati due voli alla settimana, fino al 30 marzo, che saliranno poi a tre, fino al 23 ottobre 2024 (lunedì, mercoledì e domenica). [post_title] => Nouvelair è entrata nel Bsp Italia: confermati i voli su Milano e Bologna [post_date] => 2024-02-19T10:04:25+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708337065000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461711 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Soggiorni relax a bordo piscina, sport lungo la baia di Doha, avventure nel deserto, esperienze di lusso, vita culturale e artistica: l’offerta turistica del Qatar è in grado di soddisfare le esigenze di qualunque viaggiatore. Con il recente lancio della Terza strategia di sviluppo nazionale (NDS3) per il 2024-2030, abbinata agli oltre 4 milioni di visitatori nel 2023, Qatar Tourism procede molto velocemente verso la realizzazione dei suoi obiettivi. Architetture futuristiche dei grattacieli di Doha come l'Aspire Tower e il Burj Doha e la Katara towers di Lusail che si affacciano sull’antico souk, offrendo un'esperienza ricca di contrasti. Il deserto e le lunghe spiagge di sabbia sul Golfo Persico, la vivace e ricca offerta culturale del Museo Nazionale del Qatar, del Museo dell’Arte islamica e l’Al Riwaq Gallery: queste e molte altre attività rendono il piccolo stato della penisola araba un territorio con un'offerta turistica davvero molto interessante. [caption id="attachment_461441" align="alignright" width="300"] Ing. Badr Mohammed Al-Meer GCEO di Qatar Airways e S.E. Saad Bin Ali Al Kharji, Presidente di Qatar Tourism[/caption] «Il Qatar sta rapidamente emergendo come una delle destinazioni mondiali di viaggio più entusiasmanti, caratterizzata da un’abbondanza di esperienze da scoprire - ha dichiarato Saad Bin Ali Al Kharji, presidente di Qatar Tourism - Nel gennaio 2024, abbiamo accolto 702.800 visitatori, il numero più alto di visitatori internazionali che il Qatar abbia mai ricevuto in un mese. L'obiettivo generale di Visit Qatar è dunque quello di accogliere più di sei milioni di visitatori internazionali all'anno entro il 2030, rendendola la destinazione in più rapida crescita nel Medio Oriente». Il territorio è in grande espansione, con numerosi cantieri per la costruzione di nuovi hotel e attrazioni; recentemente sull'isola di Qetaifan è stato inaugurato il nuovo parco acquatico Meryal con scivoli d'acqua da record mondiale, e l'isola di Al Maha ospita invece il Lusail Winter Wonderland. L'esperienza di viaggio è caratterizzata da un servizio di alto livello, offerte diversificate e attività coinvolgenti, adatte a qualunque tipo di viaggiatore e per qualsiasi budget. Oltre a sicurezza, strutture all'avanguardia, una compagnia aerea nazionale e un aeroporto pluripremiati, reti di trasporto pubblico ininterrotte, politiche aperte sui visti turistici, una posizione centrale strategica e un clima caldo e soleggiato tutto l’anno. Il Qatar rappresenta appieno l'essenza dell'intero Medio Oriente in un'unica destinazione accessibile e sicura, grazie al giusto mix di tradizione e patrimonio arabo, che ormai da decenni ospita turisti provenienti da tutto il mondo. [gallery ids="461717,461718,461719,461720,461722,461723"] [post_title] => Visit Qatar: l'essenza del Medio Oriente in un'unica destinazione [post_date] => 2024-02-19T09:15:12+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => discover-qatar [1] => qatar [2] => visit-qatar ) [post_tag_name] => Array ( [0] => discover qatar [1] => Qatar [2] => visit qatar ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708334112000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461677 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461680" align="alignleft" width="300"] Un'immagine dell'edizione 2023[/caption] Dalla capacità tutta italiana di unire il bello, lo stile, l'enogastronomia e l'arte dell'accoglienza con il rispetto di persone, culture ed ecosistemi, torna l’evento che celebra e alimenta il dibattito sulle tematiche legate all’alta gamma e a un concetto di turismo sostenibile, nel quale la componente lusso si fa esperienza autentica delle culture locali e veicolo di sviluppo responsabile per comunità e territori. Sono aperte le iscrizioni per la settima edizione della Ecoluxury Fair, in programma a Roma tra il 6 e l'8 novembre nella nuova cornice di palazzo Brancaccio. L'evento si sta affermando sempre più come il punto sullo stato dell’arte in relazione al futuro sostenibile dell’industria turistica del lusso, con circa 200 buyer ed espositori e un numero di interazioni fra partecipanti in crescita del 20% annuo, grazie alle molteplici attività e appuntamenti in calendario. La settima edizione si aprirà in particolare con il consueto forum nel pomeriggio del 6 novembre, a cui parteciperanno istituzioni, imprenditori, studiosi e ambasciatori di un’ospitalità virtuosa. I lavori del workshop b2b interesseranno invece le giornate del 7 e 8 novembre, nel corso delle quali rappresentanti di tutti i settori dell’industria potranno proporsi ai buyer invitati, agenti di viaggio e professionisti del turismo, italiani e  internazionali. A margine delle attività produttive e del forum si svolgeranno inoltre educational sui percorsi meno noti di Roma, Lazio e regioni limitrofe, visite dedicate all’ospitalità romana e serate di networking. “Il nostro un progetto in continua evoluzione. – dichiara Enrico Ducrot, ceo di Viaggi dell’Elefante e ideatore del concept Ecoluxury –: un macro-contenitore, che coinvolge ospitalità, attività, travel, territori, istituzioni. La nostra visione è quella di alimentare un dibattito sull’idea di lusso contemporaneo, durante il quale quale persone, culture e pianeta diventano gli elementi imprescindibili. L’Ecoluxury Fair non è il punto d’arrivo ma una pausa per verificare lo stato di un percorso che si alimenta nel tempo, sviluppando ulteriori contenuti e occasioni di contatto e condivisione tra chi ne fa parte. La nostra ambizione è quella di rendere l'Italia il centro propulsore della cultura Ecoluxury da e per altri mercati: un palco per le eccellenze tricolori in materia di ospitalità di nicchia che affiancano la propria attività ricettiva al concetto di restituire al territorio il valore del flusso turistico.”   [post_title] => Torna a Roma l'Ecoluxury Fair: l'edizione 2024 in programma a novembre a palazzo Brancaccio [post_date] => 2024-02-16T11:27:12+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708082832000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "lavanzata di iberia sullinverno oltre 300 voli a settimana tra europa e america latina 14 sul 2019" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":71,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1247,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461982","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461983\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il direttore commerciale, Ada Miraglia[/caption]\r\n\r\nL'apertura del Baia Taormina e il riposizionamento del Pietrablu come hotel 4 stelle superior. Sono le principali novità 2024 del gruppo CdsHotels, che si presenta al doppio appuntamento con le fiere del Sud, il Btm di Bari dal 27 al 29 febbraio, e la Bmt di Napoli, dal 14 al 16 marzo, forte di un 2023 chiuso con un fatturato di 56 milioni di euro, in crescita del 16% rispetto al 2022.\r\n\r\nCon gli investimenti previsti dal piano strategico, CdsHotels nel 2024 conterà quindi in portfolio cinque villaggi tra Puglia e Sicilia (Porto Giardino, Riva Marina Resort, relais Masseria le Cesine, Costa del Salento Village e CdsHotels Terrasini in Sicilia, tutti 4 stelle), nonché sette Hotel Collection (il 5 stelle Marenea Suite Hotel, i 4 stelle superior Pietrablu, Basiliani, Grand Hotel Riviera, Marelive e Baia Taormina, il 4 stelle Corte di Nettuno).\r\n\r\nAl Btm di Bari, la partecipazione di CdsHotels prevede anche l’organizzazione di un panel dal titolo Green deal, digitalizzazione e hospitality. Prospettive al 2030, che si terrà il 28 febbraio (ore 10:45), in Arena, e che vede come relatori Gabriele Totisco, responsabile ricerca e sviluppo della compagnia, e Daniele Totisco, responsabile budget e controllo.","post_title":"CdsHotels alle fiere del Sud con la novità Baia Taormina e il riposizionamento del Pietrablu","post_date":"2024-02-21T10:54:38+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708512878000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461967","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Miami sarà teatro di sette partite della Coppa del Mondo Fifa 26, in programma dal 15 giugno al 18 luglio 2026, tra cui uno dei quarti di finale e la partita per il terzo posto. \r\n\r\nFifa World Cup 26 segna il ritorno del torneo negli Stati Uniti dall’edizione del 1994. Sarà la più grande Coppa del Mondo mai organizzata in Canada, Messico e Stati Uniti, con un record di 48 squadre e 104 partite in tutto il Nord America. Sette di queste partite si giocheranno all'Hard Rock Stadium di Miami Gardens, che ha ospitato alcune delle partite di calcio di più alto profilo della storia recente.\r\n\r\n«I residenti di Miami Gardens sanno già cosa significa essere riconosciuti come una comunità che ha un pedigree da campionato e indossare il titolo di mecca dello sport tutto l'anno - ha dichiarato il sindaco di Miami Gardens Rodney Harris -. Possiamo unire una comunità attraverso lo sport e trovare modi per offrire opportunità economiche ai nostri cittadini grazie all'Hard Rock Stadium, che con orgoglio chiama Miami Gardens casa».\r\n\r\n«Abbiamo un'opportunità unica per mostrare la diversità della contea di Miami-Dade e dello stato della Florida e siamo entusiasti di metterci al lavoro» ha aggiunto Rodney Barreto, co-presidente del Comitato ospitante della Coppa del Mondo.","post_title":"Miami si prepara ad ospitare sette partite della Coppa del Mondo Fifa 2026","post_date":"2024-02-21T10:26:28+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708511188000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461903","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Enac ha rilasciato il primo certificato Uas leggero (Light Uas Operator Certificate - Luc) a un operatore italiano, la società FlyingBasket Srl, start-up che è anche il primo operatore Uas nazionale ad aver svolto operazioni cross-border in Europa.\r\n\r\n“L’emissione di questo primo certificato Luc a un operatore nazionale - ha dichiarato il direttore generale Enac Alessio Quaranta (nella foto) - conferma l’importanza dei servizi introdotti dalla mobilità aerea innovativa. L’Enac ha sempre riservato un’attenzione particolare ai velivoli senza equipaggio a bordo, cooperando con l’Icao e con l’Easa per lo sviluppo del framework di regolazione per gli Uas, al fine di favorire la crescita del settore e la loro integrazione sicura nello spazio aereo».\r\n\r\nLe operazioni effettuate con aeromobili “Unmanned Aircraft Systems” Uas, costituiscono un settore in costante espansione, con un continuo aumento delle possibili applicazioni anche grazie al supporto delle nuove tecnologie oggi a disposizione.\r\n\r\n \r\n\r\nL’Enac ha seguito fin da subito l’evoluzione delle attività svolte con Uas, tramite l’emissione di uno fra i primi regolamenti in Europa per gli aeromobili a pilotaggio remoto, seguito da un forte impegno di diffusione delle pratiche e delle competenze nazionali nei contesti internazionali e dalla pubblicazione del Piano Strategico Nazionale sulla Mobilità Aerea Avanzata finalizzato a mettere in atto una strategia aperta all’innovazione tecnologica volta a creare un ecosistema in grado di integrare nuove tipologie di servizi per i territori e per i cittadini. ","post_title":"Droni: l'Enac ha certificato il primo operatore italiano, la FlyingBasket Srl","post_date":"2024-02-20T11:10:02+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708427402000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461800","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gian Marco Caprotti è il nuovo responsabile della divisione tour operator di Kuda Tour. Dopo una lunga militanza in Quality Group come sales e product manager, Caprotti apporta un contributo rilevante di esperienza maturata nel corso degli anni nell'operatore capitolino.\r\n\r\nAfrica e America Latina nel cuore, passione per la natura e per il viaggio, Gian Marco ha dedicato la propria vita professionale alla ricerca di soluzioni che arricchissero di valore le esperienze di viaggio. E \"la scelta di Kuda - si legge in una nota - si è basata proprio su questi aspetti, che condivide nella pianificazione dei propri viaggi. Ma anche sulla la grande professionalità di Gian Marco e sulla sua voglia di raccogliere una sfida stimolante in un’azienda ambiziosa, che vuole garantire alla distribuzione segnali di consistenza, professionalità e affidabilità in totale sincronia con i bisogni del cliente e del trade\".","post_title":"Gian Marco Caprotti nuovo responsabile della divisione tour operator di Kuda","post_date":"2024-02-19T12:14:12+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708344852000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461784","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’obiettivo per tutto il settore crocieristico e della navigazione è di arrivare al 2050 a utilizzare navi ad emissioni zero. Nel frattempo le compagnie, Costa Crociere in primis, sono impegnate a 360 gradi con grandi investimenti green stanziati e da stanziare, e importanti iniziative.\r\n\r\nNel dettaglio, sostenibilità a bordo per la compagnia del gruppo Carnival in primis significa: raccolta differenziata (il 100% dei rifiuti raccolti sulla nave viene separato e differenziato); sempre meno plastica; attenzione al consumo d'acqua (due terzi di quella utilizzata a bordo proviene dal mare: viene desalinizzata e purificata per l’utilizzo a bordo); navi tecnologicamente avanzate (per la Smeralda e la Toscana è stato scelto il sistema a propulsione più innovativo del settore crocieristico, il gas naturale liquefatto: la tecnologia più avanzata attualmente disponibile per garantire le migliori performance ambientali riducendone le emissioni)\r\n\r\n«Ma rispetto dell’ambiente non significa solo raccolta differenziata, meno plastica e ricircolo a bordo  – specifica Luigi Stefanelli, Southern Europe Region associate vice president Costa Crociere –. Da tempo abbiamo anche avviato un processo che ci consente un risparmio sul cibo, favorendo la stagionalità nei menù e sensibilizzando ospiti ed equipaggio al consumo responsabile. Insieme a Banco Alimentare siamo inoltre presenti in ben 18 porti nel mondo e doniamo i pasti a chi ne ha bisogno».\r\n\r\nScendere a terra per Costa Crociere non significa poi semplicemente fare un escursione, ma scoprire i luoghi e le persone che li abitano, in maniere attenta e rispettosa, grazie a guide esperte e professionali. La compagnia promuove un Manifesto per un turismo di valore, ecosostenibile e inclusivo,  che raccoglie i principi che la guidano verso comportamenti virtuosi per l’ambiente delle destinazioni visitate. «Anche quando collaboriamo con gli enti locali – aggiunge Stefanelli – puntiamo a proteggere e valorizzare l’ambiente. La destinazione è un ecosistema. Puntiamo a lasciare un’impronta che va al di là della presenza Costa in quel luogo, quel giorno. Nello specifico, stiamo aiutando alcuni artigiani a trovare eventuali successori e tramite un supporto formativo a fare in modo che quella professione abbia un futuro e non scompaia».\r\n\r\nE per finire Costa Crociere Foundation: i progetti fatti e in programma integrano il processo di sostenibilità. A cominciare dal Guardiani della Costa, con il quale la compagnia si impegna a formare migliaia di giovani rendendoli consapevoli della fragile bellezza del patrimonio naturalistico delle coste italiane: vengono coinvolti in attività di pulizia dei litorali e nella raccolta dati scientifici. «Collaboriamo infine con uno chef spagnolo, la cui cucina è focalizzata sul mare – conclude Stefanelli –. L’obiettivo, insieme a Costa Foundation, è supportare la coltivazione di un’alga marina che se portata su una scala più estesa potrebbe sopperire a diversi bisogni».","post_title":"Costa Crociere sempre più green: focus su ambiente, persone e territorio","post_date":"2024-02-19T11:30:28+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708342228000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461791","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Venezia dà il benvenuto all'utilizzo dell'intelligenza artificiale che viene utilizzata in ambito di climatizzazione degli spazi. Lo scalo ha infatti adottato Sybil, creato dal provider di servizi energetici altoatesino Alperia, come sistema di controllo per impianti di climatizzazione (Hvac - Heating, Ventilation and Air Conditioning) di grandi edifici, in grado di garantire la loro gestione attraverso sofisticate tecniche di automazione.\r\n\r\nIl Sistema Sybil utilizza algoritmi brevettati di machine learning e controllo predittivo per migliorare il confort e la qualità dell'aria all'interno dell'aeroporto che, con i suoi 60.000 metri quadri di superficie e 1milione di metri cubi di aria trattata ogni ora, rappresenta uno degli ambienti più complessi da gestire in termini di climatizzazione.\r\n\r\nL’intelligenza e l’innovazione del sistema Alperia Sybil Hvac stanno nella sua capacità di analizzare in continuo non solo i principali dati ambientali come le condizioni climatiche esterne, la temperatura ambiente, i livelli di concentrazione di CO2 interni, ma anche, ed è questo il valore aggiunto innovativo, il grado di affollamento di ogni area dell'aerostazione, sia in tempo reale che in proiezione futura. Il grado di apprendimento del sistema si basa infatti sull’elaborazione di tutte le suddette informazioni e dei risultati ottenuti con il continuo perfezionamento degli algoritmi di calcolo.\r\n\r\nIn pratica, nei momenti di picco, quando il flusso dei passeggeri aumenta, Sybil anticipa il raffrescamento e/o il riscaldamento riducendoli, sempre in autonomia, quando il flusso diminuisce. Un’ operazione che riduce gli sprechi di energia, garantendo in ogni momento le condizioni di confort ambientale\r\n\r\nQuesto avanzato sistema è il risultato di una stretta collaborazione con la direzione tecnica del Gruppo Save che ha contribuito a fornire i dati essenziali per l’elaborazione e il funzionamento dell’algoritmo.\r\n\r\n«Questo risparmio non solo è indice di un’operatività ottimizzata, ma riflette anche l’impegno dell’aeroporto di Venezia nel ridurre l’impronta carbonica delle sue operazioni, con un risparmio economico e un raggiungimento degli obiettivi Esg - ha dichiarato Giovanni Lamenza, direttore tecnico del Gruppo Save -. Con la tecnologia Sybil, il Marco Polo non solo è riuscito a migliorare la qualità dell’ambiente interno per passeggeri e personale, ma ha anche stabilito un nuovo benchmark in termini di efficienza energetica nel settore aeroportuale. L’iniziativa è una chiara dimostrazione di come le tecnologie intelligenti possano essere implementate con successo in grandi infrastrutture per raggiungere obiettivi di sostenibilità e risparmio economico».\r\n\r\n ","post_title":"Aeroporto Venezia: l'intelligenza artificiale controlla il sistema di climatizzazione dello scalo","post_date":"2024-02-19T11:24:37+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708341877000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461766","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovelair ha fatto il suo debutto nel Bsp Italia. La compagnia aerea tunisina, rappresentata nel nostro Paese da Discover The World, ha debuttato sulle rotte italiane nel luglio 2023 con l'apertura di un primo collegamento da Tunisi verso Milano Malpensa, cui hanno fatto seguito quelli per Bologna e Nizza.\r\n\r\nTutti i voli diretti sono operati da Airbus A320. Nouvelair vola su Milano tre volte a settimana, fino al 28 marzo quando le frequenze saliranno a sei settimanali (tutti i giorni, tranne il mercoledì); sul Marconi di Bologna vengono invece operati due voli alla settimana, fino al 30 marzo, che saliranno poi a tre, fino al 23 ottobre 2024 (lunedì, mercoledì e domenica).","post_title":"Nouvelair è entrata nel Bsp Italia: confermati i voli su Milano e Bologna","post_date":"2024-02-19T10:04:25+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708337065000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461711","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Soggiorni relax a bordo piscina, sport lungo la baia di Doha, avventure nel deserto, esperienze di lusso, vita culturale e artistica: l’offerta turistica del Qatar è in grado di soddisfare le esigenze di qualunque viaggiatore. Con il recente lancio della Terza strategia di sviluppo nazionale (NDS3) per il 2024-2030, abbinata agli oltre 4 milioni di visitatori nel 2023, Qatar Tourism procede molto velocemente verso la realizzazione dei suoi obiettivi.\r\nArchitetture futuristiche dei grattacieli di Doha come l'Aspire Tower e il Burj Doha e la Katara towers di Lusail che si affacciano sull’antico souk, offrendo un'esperienza ricca di contrasti.\r\nIl deserto e le lunghe spiagge di sabbia sul Golfo Persico, la vivace e ricca offerta culturale del Museo Nazionale del Qatar, del Museo dell’Arte islamica e l’Al Riwaq Gallery: queste e molte altre attività rendono il piccolo stato della penisola araba un territorio con un'offerta turistica davvero molto interessante.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_461441\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Ing. Badr Mohammed Al-Meer GCEO di Qatar Airways e S.E. Saad Bin Ali Al Kharji, Presidente di Qatar Tourism[/caption]\r\n\r\n«Il Qatar sta rapidamente emergendo come una delle destinazioni mondiali di viaggio più entusiasmanti, caratterizzata da un’abbondanza di esperienze da scoprire - ha dichiarato Saad Bin Ali Al Kharji, presidente di Qatar Tourism - Nel gennaio 2024, abbiamo accolto 702.800 visitatori, il numero più alto di visitatori internazionali che il Qatar abbia mai ricevuto in un mese. L'obiettivo generale di Visit Qatar è dunque quello di accogliere più di sei milioni di visitatori internazionali all'anno entro il 2030, rendendola la destinazione in più rapida crescita nel Medio Oriente».\r\n\r\nIl territorio è in grande espansione, con numerosi cantieri per la costruzione di nuovi hotel e attrazioni; recentemente sull'isola di Qetaifan è stato inaugurato il nuovo parco acquatico Meryal con scivoli d'acqua da record mondiale, e l'isola di Al Maha ospita invece il Lusail Winter Wonderland.\r\n\r\nL'esperienza di viaggio è caratterizzata da un servizio di alto livello, offerte diversificate e attività coinvolgenti, adatte a qualunque tipo di viaggiatore e per qualsiasi budget. Oltre a sicurezza, strutture all'avanguardia, una compagnia aerea nazionale e un aeroporto pluripremiati, reti di trasporto pubblico ininterrotte, politiche aperte sui visti turistici, una posizione centrale strategica e un clima caldo e soleggiato tutto l’anno. Il Qatar rappresenta appieno l'essenza dell'intero Medio Oriente in un'unica destinazione accessibile e sicura, grazie al giusto mix di tradizione e patrimonio arabo, che ormai da decenni ospita turisti provenienti da tutto il mondo.\r\n\r\n[gallery ids=\"461717,461718,461719,461720,461722,461723\"]","post_title":"Visit Qatar: l'essenza del Medio Oriente in un'unica destinazione","post_date":"2024-02-19T09:15:12+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["discover-qatar","qatar","visit-qatar"],"post_tag_name":["discover qatar","Qatar","visit qatar"]},"sort":[1708334112000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461677","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461680\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un'immagine dell'edizione 2023[/caption]\r\n\r\nDalla capacità tutta italiana di unire il bello, lo stile, l'enogastronomia e l'arte dell'accoglienza con il rispetto di persone, culture ed ecosistemi, torna l’evento che celebra e alimenta il dibattito sulle tematiche legate all’alta gamma e a un concetto di turismo sostenibile, nel quale la componente lusso si fa esperienza autentica delle culture locali e veicolo di sviluppo responsabile per comunità e territori. Sono aperte le iscrizioni per la settima edizione della Ecoluxury Fair, in programma a Roma tra il 6 e l'8 novembre nella nuova cornice di palazzo Brancaccio.\r\n\r\nL'evento si sta affermando sempre più come il punto sullo stato dell’arte in relazione al futuro sostenibile dell’industria turistica del lusso, con circa 200 buyer ed espositori e un numero di interazioni fra partecipanti in crescita del 20% annuo, grazie alle molteplici attività e appuntamenti in calendario. La settima edizione si aprirà in particolare con il consueto forum nel pomeriggio del 6 novembre, a cui parteciperanno istituzioni, imprenditori, studiosi e ambasciatori di un’ospitalità virtuosa. I lavori del workshop b2b interesseranno invece le giornate del 7 e 8 novembre, nel corso delle quali rappresentanti di tutti i settori dell’industria potranno proporsi ai buyer invitati, agenti di viaggio e professionisti del turismo, italiani e  internazionali. A margine delle attività produttive e del forum si svolgeranno inoltre educational sui percorsi meno noti di Roma, Lazio e regioni limitrofe, visite dedicate all’ospitalità romana e serate di networking.\r\n“Il nostro un progetto in continua evoluzione. – dichiara Enrico Ducrot, ceo di Viaggi dell’Elefante e ideatore del concept Ecoluxury –: un macro-contenitore, che coinvolge ospitalità, attività, travel, territori, istituzioni. La nostra visione è quella di alimentare un dibattito sull’idea di lusso contemporaneo, durante il quale quale persone, culture e pianeta diventano gli elementi imprescindibili. L’Ecoluxury Fair non è il punto d’arrivo ma una pausa per verificare lo stato di un percorso che si alimenta nel tempo, sviluppando ulteriori contenuti e occasioni di contatto e condivisione tra chi ne fa parte. La nostra ambizione è quella di rendere l'Italia il centro propulsore della cultura Ecoluxury da e per altri mercati: un palco per le eccellenze tricolori in materia di ospitalità di nicchia che affiancano la propria attività ricettiva al concetto di restituire al territorio il valore del flusso turistico.”\r\n\r\n ","post_title":"Torna a Roma l'Ecoluxury Fair: l'edizione 2024 in programma a novembre a palazzo Brancaccio","post_date":"2024-02-16T11:27:12+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708082832000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti