3 October 2022

Gruppo Lufthansa: accordo Ndc con Cisalpina Tours

[ 0 ]
Lufthansa

Un accordo che è una prima assoluta per il Gruppo Lufthansa e Cisalpina Tours – Gruppo Bluvacanze. Cisalpina è infatti la prima Travel management company italiana ad aver sviluppato in house una propria Api che consente di accedere all’Ndc Smart Offer delle compagnie aeree del gruppo tedesco.

Nell’ambito dell’Ndc Partner Program, le business unit del Gruppo Bluvacanze (corporate e retail) avranno la possibilità di beneficiare della Smart Offer di Ndc, che comprende le tariffe più competitive di Austrian Airlines, Brussels Airlines, Lufthansa e Swiss, come ad esempio le promozioni tariffarie speciali e le tariffe ridotte pubblicate. Inoltre, i clienti di Cisalpina Tours hanno ora la possibilità di prenotare direttamente i prodotti accessori come il wi-fi e i voucher di accesso alle lounge, accelerando e semplificando il processo di prenotazione.

«Questo annuncio – afferma Steffen Weinstok, senior director sales Italy & Malta Lufthansa Group (nella foto) – rappresenta un ulteriore tassello nel mosaico della nostra proficua collaborazione e non solo ha un alto valore strategico per Cisalpina Tours, ma garantisce l’accesso all’Ndc Smart Offer delle compagnie aeree del Gruppo Lufthansa, le tariffe più competitive e gli esclusivi servizi accessori. Progressivamente, il mercato sta prendendo coscienza dell’importanza dell’NDC Partner Program e l’annuncio di oggi è un’ulteriore conferma della bontà del percorso intrapreso».

«Questa nuova partnership ci permette di essere la prima Travel management company italiana ad aver sviluppato una propria Api che ci consente di entrare a far parte dell’Ndc Partner Program delle compagnie aeree del Gruppo Lufthansa – aggiunge il ceo del Gruppo Bluvacanze, Domenico Pellegrino –. È un obiettivo che rientra nella nostra roadmap per il corporate travel, caratterizzata dalla costante innovazione e dallo sviluppo tecnologico. Ciò consentirà inoltre anche alle agenzie Vivere&Viaggiare, Bluvacanze e al polo distributivo Blunet, di essere sempre più competitive e all’avanguardia nell’offrire ai clienti le migliori opportunità presenti sul mercato».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431330 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_385945" align="alignleft" width="300"] Francesco Calia[/caption] Rimane forte l'interesse da parte degli investitori verso il comparto del real estate alberghiero italiano, grazie anche al progressivo recupero delle performance delle strutture rispetto ai risultati pre-pandemia. Nel primo semestre di quest’anno, i volumi di investimento nel settore dell'ospitalità italiana si sono infatti attestati sui 730 milioni di euro, superando i livelli dello stesso periodo del 2021, anno che poi ha chiuso con un totale transato pari a 2,1 miliardi di euro, miglior risultato di sempre dopo il record del 2019, quando è stata oltrepassata la soglia dei 3 miliardi. Negli ultimi 12 mesi, inoltre, l’incidenza degli investimenti del settore hotel sul totale dei volumi d’investimento del commercial real estate italiano (la categoria degli immobili a reddito con l'esclusione del residenziale, ndr) è stata del 16%, contro quella del 5% registrata a livello europeo. A conferma di come questo settore sia uno dei più sviluppati in Europa. Roma e Milano continuano quindi a dominare la scena. Lusso ed extra-lusso gli obiettivi nella Capitale; upper-upscale il focus nella città lombarda E’ la fotografia del mercato degli hotel in Italia presentata da Cbre, in occasione dell’evento Wanderlust 2022 – The Cbre Hotels Event svoltosi recentemente a Milano. Nel dettaglio, nell’ambito delle operazioni di tipo value-add, gli investitori mostrano particolare interesse verso il mercato romano, puntando al riposizionamento di strutture esistenti e alla conversione di immobili a uso ufficio nel centro storico della città, soprattutto nel segmento lusso ed extra-lusso. A Milano invece i flussi si sono diretti verso il segmento upper-upscale con operazioni di rebranding di hotel esistenti o acquisto di alberghi a reddito da parte di investitori core. Dal 2019 fino alla fine del primo semestre 2022, l’incidenza delle operazioni value-add nel mercato romano ha raggiunto quota 62%, mentre nel mercato milanese si è attestata al 47%. Tariffe medie in crescita a doppia cifra percentuale  A livello di performance, nei primi sette mesi del 2022 a Roma e Milano l’adr (average daily rate) è cresciuto a Roma e Milano rispettivamente del 21% e del 14%, conseguendo i migliori risultati tra le capitali europee, con Roma seconda solo a Parigi in termini di ritmo di crescita. I tassi di occupazione degli alberghi si collocano però ancora sotto i livelli del 2019, rispettivamente del -14% a Roma e dek -22% a Milano, ma in linea con quelli del mercato europeo. Il revpar (ricavo medio per camera disponibile), di conseguenza, a Roma è già al di sopra dei livelli raggiunti nel 2019 (+4%) mentre rimane ancora di poco in area negativa a Milano (-11%). Oltre alle grandi città bene anche il segmento resort “In sintesi possiamo dire che, dalla ripresa Covid e per i prossimi anni, il segmento dei resort e le città di Roma e Milano hanno trainato e traineranno il mercato degli investimenti alberghieri in Italia, assorbendo a oggi complessivamente circa il 70% dei capitali investiti in hotel nel Paese - commenta l'head of hotels di Cbre, Francesco Calia -. Le performance del mercato delle due città sono robuste, in rapidissima crescita e con valori/profitti superiori alle aspettative. E questo dovrebbe progressivamente tranquillizzare gli investitori sui loro ritorni, compensando in parte l’aumento del costo del capitale a prestito.” [post_title] => Cbre: Roma e Milano trainano le performance del real estate alberghiero italiano [post_date] => 2022-09-29T11:31:28+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664451088000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431321 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Anche dopo l’estate continua il trend delle richieste dei tour guidati in Italia, che nel periodo autunnale, oltre alle suggestioni cromatiche di alcuni itinerari come il Trentino, il Chianti e la Val d’Orcia, vede confermate sul sito, sempre aggiornato, numerose date anche per i tour in Puglia, Basilicata e Sicilia. Molte sono infatti le proposte nel calendario autunnale di Boscolo Tours, che per la stagione conferma le partenze dei suoi viaggi guidati nelle destinazioni più richieste nella nostra Penisola, ma anche in Europa e in Medio Oriente. Nel Vecchio continente i viaggi dei ponti comprendono in particolare percorsi guidati in Francia, Germania e Grecia, quest’ultima con ottime performance in una delle stagioni migliori per pensare di visitare il circuito classico. Per il ponte del primo novembre le richieste si indirizzano su classici come lo short break di quattro giorni a Vienna e le combinazioni della capitale austriaca con Praga e Budapest, o con Salisburgo e Monaco in tour guidati di sette giorni. Nel medio raggio il booking Boscolo registra ancora una forte richiesta per la destinazione Turchia, con numeri che nel corso della stagione hanno già superato quelli del 2019; il tutto, assieme alla Giordania, altra meta top dai grandi numeri. Le riaperture di Marocco e Egitto, infine, mostrano previsioni promettenti per le partenze dell’ultimo trimestre 2022, in cui il Gran Tour del Marocco e la Crociera sul Nilo sono già tra le prime scelte del periodo delle feste di fine anno. [post_title] => Boscolo conferma le partenze autunnali dei viaggi guidati per Italia, Europa e Medio Oriente [post_date] => 2022-09-29T10:19:48+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664446788000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431310 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => China Airlines ha ordinato 16 Boeing 787-9 e siglato opzioni per l'acquisto di altri otto, consolidando un accordo che la compagnia aerea aveva annunciato lo scorso agosto. Ieri, 28 settembre, Boeing ha confermato che China Airlines ha "finalizzato" l'ordine. Le consegne dei nuovi aeromobili potrebbero iniziare nel 2025. "Siamo entusiasti di introdurre il 787-9 Dreamliner nelle nostre operazioni, mentre continuiamo a rinnovare la nostra flotta con aerei più moderni e a basso consumo di carburante - ha dichiarato il presidente di China Airlines Hsieh Su-Chien -. L'aggiunta del modernissimo 787 ci aiuterà a ridurre le emissioni di carbonio, offrendo al contempo ai nostri passeggeri livelli di comfort ineguagliabili". China Airlines utilizzerà i Boeing 787 in arrivo per sostituire gli Airbus A330 che, come già previsto, verranno gradualmente ritirati dal servizio.   [post_title] => China Airlines finalizza l'accordo con Boeing per l'acquisto di 16 B787-9 [post_date] => 2022-09-29T09:23:14+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664443394000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431087 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ita Airways ha aperto la data room alla cordata Certares: il fondo statunitense e Delta Air Lines sono stati autorizzati ad accedere ai dati più sensibili della compagnia, come anticipato da Il Corriere della Sera, che cita fonti ministeriali. Air France-Klm, per ora, non sarebbe stato approvato "per questioni documentali relative all’accordo di non divulgazione dei numeri". La mossa di Ita arriva su richiesta di Equita, advisor del ministero dell'Economia e delle finanze (Mef), azionista unico dell'aviolinea. L'apertura della data room, a un mese circa di distanza dalla decisione del Tesoro a favore di Certares (a scapito della cordata Msc-Lufthansa) dovrebbe consentire alla cordata vincitrice di perfezionare i dettagli dell'offerta di acquisizione del 50% del vettore. È ipotizzabile che il 28 settembre, giorno dell’"expert session" tra Certares e Ita (con delegati di Delta e Air France - Klm), il fondo Usa chieda la proroga della trattativa: decisione che, nel caso, spetterebbe al nuovo governo.  [post_title] => Ita Airways: aperta la data room al fondo Certares (e Delta Air Lines) [post_date] => 2022-09-26T11:49:21+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664192961000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431076 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La sinergia fra Svizzera Turismo e Fiavet Piemonte, siglata con un accordo nel 2021, ha portato a un primo risultato concreto. «Negli ultimi 2 anni abbiamo dovuto ripensare alla nostra strategia verso tour operator e agenzie di viaggi – ha dichiarato Laura Zancolò, Key Account Manager per Svizzera Turismo in Italia - per questo abbiamo pensato di stringere accordi con le associazioni di categoria del settore con l’obiettivo di far conoscere il territorio e promuovere il turismo di prossimità». Grazie alla collaborazione con Gabriella Aires, presidente Fiavet Piemonte, sono stati realizzati dieci itinerari che esplorano altrettante aree di grande fascino del Paese. «Un primo, importante, passo concreto per promuovere questo bel territorio e offrire ai nostri associati una serie di itinerari – afferma Gabriella Aires - programmi per uno o più giorni fruibili per tutti gli associati alla Fiavet, a livello naziionale». Negli scorsi due anni Fiavet Piemonte e Svizzera Turismo hanno organizzato in stretta collaborazione una serie di tre eductour in Svizzera, nel più rigoroso rispetto delle norme sanitarie, utilizzando i periodi di sospensione del lockdown. Un manuale d’uso creato da agenzie e fornitori Spiega inoltre Aires: «Insieme ai colleghi che hanno partecipato ai tour, e ai fornitori che ci hanno accolti, abbiamo elaborato un vero e proprio manuale d’uso del Paese, con i servizi testati sui nostri percorsi, quotati per gruppi in treno e in bus, famiglie e individuali, su una decina di itinerari. La nostra segreteria ha fatto gran parte del lavoro di assemblaggio». Il manuale si intitola appunto ‘La Svizzera di Fiavet Piemonte: «C’è tutta la materia prima necessaria per rispondere a richieste di ogni gusto e per diverse fasce di spesa – chiarisce ancora Aires – tutto destinato all’uso libero, esclusivo e gratuito di tutte le agenzie Fiavet. Per rilanciare ora abbiamo tutti bisogno di prodotto di qualità che ci consenta di valorizzare la nostra professione, offrendo al cliente qualcosa di unico e speciale. Per questo Fiavet Piemonte si è fatta promotrice, grazie alla collaborazione fondamentale di Svizzera Turismo, di un’iniziativa interamente costruita dalle agenzie insieme ai fornitori. E non ci fermeremo qui». 10 itinerari a soggetto, pronti per le agenzie La Svizzera di Fiavet Piemonte presenta dieci itinerari base, per viaggi da una giornata a quattro giorni/tre notti. I pacchetti sono calibrati per partenze in treno o in bus dalle città del Nord, ma ogni agenzia può inserire le partenze da qualsiasi città in Italia, stazioni o aeroporti. Ecco cosa c’è nel manuale: - Zurigo tra arte e cultura (due giorni, in treno) - Berna, il Trenino Verde e il mondo di Kambly, il biscotto più amato (due giorni, in treno da Domodossola) - Zurigo per grandi e piccini (due giorni da Milano, per individuali) - La Lucerna di Guglielmo Tell e il Pilatus (tre giorni da Milano - Berna e la Festa della Cipolla: il 28 novembre, viaggio in giornata, in pullman da Torino. - Lugano, i borghi storici del lago e le funicolari (due giorni, in bus) - Lucerna e il Museo dei Trasporti, con navigazione sul Lago dei Quattro Cantoni (due giorni, in bus o treno) - Lugano e il Monte Generoso (gita di un giorno) - Lugano per gli eventi e le mostre d’arte (due giorni in treno da Milano, programma secondo il programma di eventi in corso) - Zurigo, Berna e Lucerna, le meravigliose città svizzere (quattro giorni, in treno da Milano) [post_title] => Accordo strategico fra Fiavet Piemonte e Svizzera Turismo [post_date] => 2022-09-26T10:57:37+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664189857000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431040 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A livello di cifre assolute l'anno resta al di sotto dei numeri del 2019. Ma per Alpitour l’ultima estate ha segnato finalmente il ritorno ai livelli pre-pandemia. «Anzi, se si parla di fondamentali – racconta il general manager tour operating, Pier Ezhaya – le performance sono state persino migliori. E questo grazie a un’occupazione voli stabilmente al 90%, a un’ottima capacità di indirizzare la domanda verso il prodotto core (steering, in termine tecnico, ndr). Ma anche alla buona abilità dimostrata nel trasferire al mercato gli aumenti tariffari dell’ultimo periodo. Tutto ciò ci ha quindi consentito di generare marginalità addirittura superiori al 2019, seppur parametrate a volumi non ancora paragonabili. Dopo due anni di crisi. E dopo la riorganizzazione aziendale segnata dall’operazione Trevolution, possiamo dire di avere una macchina in grado di darci molte soddisfazioni. Più tonica e più veloce che mai». E il lungo raggio? «Complessivamente è ripartito. Al contempo è indubbio che le destinazioni che hanno riaperto prima, quelle dei corridoi per intenderci, ne hanno beneficiato parecchio: Maldive, Dominicana e Mauritius, su tutte. Molto bene anche gli Stati Uniti, nonostante il cambio euro-dollaro in deterioramento. Un po’ sottotono invece Messico e Cuba, mentre l’Estremo Oriente sconta ancora l’apertura solamente parziale dei suoi confini e ha fatto segnare risultati a macchia di leopardo. Buoni soprattutto i numeri di Indonesia e Thailandia». Inverno prudente Quali le prospettive per l’inverno? «Il trend delle prenotazioni è onestamente un po’ più prudente rispetto all’estate. Il mercato rimane in attesa di capire l’andamento della pandemia ma soprattutto la questione prezzi, che rischia di erodere parte del potere di acquisto degli italiani» A che punto è infine il nuovo contratto con le agenzie? Ci sono novità in arrivo? «Lo stiamo ultimando proprio in queste settimane. Ma posso anticipare che non ci saranno grandi stravolgimenti, perché siamo molto contenti di come ha funzionato quello dell’anno scorso. Mi riferisco allo One, che ha unificato le condizioni di vendita sulle linee di prodotto e non più in base ai brand. Ci sarà solo del fine tuning, con la parte variabile che cercherà di spingere sui prodotti e sulle destinazioni che ne hanno più bisogno».   [post_title] => Ezhaya, Alpitour: «In estate tornata la normalità. La macchina è più tonica» [post_date] => 2022-09-26T09:30:26+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664184626000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431016 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Europa ha siglato un accordo di codeshare con Kuwait Airways, che entrerà in vigore nei prossimi mesi. Il vettore spagnolo aggiungerà così al proprio operativo tre voli settimanali diretti che Kuwait Airways opererà tra Madrid e il Kuwait, oltre ai collegamenti tra il Kuwait con Amsterdam, Roma e Milano. Da parte sua, Kuwait Airways rafforzerà la propria presenza nelle Americhe inserendo il suo codice sui voli transatlantici di Air Europa che collegano Madrid con Cancun, Miami, San Paolo e Bogotá oltre a quelli operati tra Madrid e Porto, Lisbona e Marrakech e su tutte le sue rotte nazionali spagnole. I passeggeri potranno beneficiare non solo di maggiori e migliori opzioni nella pianificazione dei loro voli, ma potranno anche acquistare un unico biglietto, effettuare un unico check-in e godere di collegamenti con tempi di attesa minimi. Kuwait Airways opera tre voli a settimana verso Madrid che saliranno a quattro a partire dal 9 gennaio 2023. La compagnia aerea commercializzerà 17 rotte operate da Air Europa. [post_title] => Air Europa sigla un accordo di codeshare con Kuwait Airways [post_date] => 2022-09-23T14:03:41+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663941821000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431029 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo i primi rumours che davano l'inaugurazione per il quarto trimestre di quest'anno, arriva ora la comunicazione ufficiale che situa in realtà a inizio 2023 il debutto del nuovissimo Six Senses Rome (le prenotazioni sono peraltro già aperte, ndr). L'urban resort capitolino sarà la prima struttura del brand in Italia: un'oasi verde nella frenesia di via del Corso ricavata dalla conversione di palazzo Salviati Cesi Mellini, un edificio del quindicesimo secolo. L'hotel disporrà di 96 camere e suite decorate con la tecnica del cocciopesto: uno speciale intonaco usato nell’antica Roma, con Travertino di origine locale e con elementi grafici che richiamano la natura. Gli spazi ventilati, le terrazze soleggiate, i soffitti alti e le ampie vetrate pongono poi l’accento sul benessere e sulla convivialità. I lavori di restauro dell’hotel hanno quindi portato agli antichi splendori la facciata originale del palazzo e la scala monumentale. Anche il fronte dell’adiacente chiesa di San Marcello al Corso, uno dei migliori esempi del Barocco italiano, è stata recentemente restaurata e rappresenta il primo progetto di sostenibilità di Six Senses Rome, in un’ottica di riqualificazione della zona. Gli interni hanno uno stile contemporaneo caratterizzato da elementi architettonici sostenibili e di design; il tutto arricchito da piante ornamentali e luce naturale in spazi aperti e ariosi. Il concept dell’hotel è frutto della visione di Patricia Urquiola. La strutture includerà pure, al piano terra, il Bivium Restaurant-Café-Bar con cucina a vista, grill Josper e il forno a legna. Curato dall’executive chef Nadia Frisina, il menu proporrà piatti tipici locali e ingredienti rigorosamente stagionali. All’ultimo piano, il Notos Rooftop consente di gustare assaggi e drink con vista a 360 gradi sulla città. La spa interna offrirà poi l'esperienza delle antiche terme romane con tanto di calidarium, tepidarium e frigidarium in un percorso di 60 minuti. Presenti pure un Hammam, aree biohacking e meditazione, sauna, terrazza per yoga all’aperto, fitness center e cinque sale per trattamenti, di cui una per coppie. Grazie all’Alchemy bar ci sarà pure la possibilità di conoscere il potere terapeutico di erbe e piante. Six Senses Rome sta infine preparando per i suoi ospiti delle esperienze esclusive behind-the-scene, alla scoperta di luoghi magici della città come Palazzo Colonna, Galleria Borghese e Doria Pamphilj. A disposizione persino una masterclass di pittura. “Sono onorata per l’opportunità e orgogliosa che il debutto di Six Senses in Italia avvenga proprio nella mia città - sottolinea Francesca Tozzi, general manager della struttura capitolina -. Il nostro obiettivo è quello di rappresentare una nuova concezione di lusso nella città, fatto di esperienze fuori dall'ordinario, nel rispetto e nella valorizzazione della comunità locale, con un approccio divertente e fuori dagli schemi”. [post_title] => Sarà a inizio 2023 il debutto italiano di Six Senses: 96 camere e suite nel centro di Roma [post_date] => 2022-09-23T13:28:26+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663939706000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431013 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "L'ultima estate sarà ricordata come la più last minute di sempre, anzi direi last second". Esordisce così  Leonardo Massa, nel commentare un'alta stagione che ha comunque dato ottimi segnali di ripresa, soprattutto in termini di volumi. "Paradossalmente la questione caos voli e l'incremento dell'inflazione ha in parte favorito la nostra offerta", racconta il country manager Italia di Msc Crociere. In che modo? "Mi spiego con un esempio: immagino il classico italiano che quest'anno ha cominciato a pensare alle vacanze a giugno; seduto davanti alla tv ha cominciato a sentire dei problemi ai bagagli e dei costi crescenti del carburante per i voli. Inutile negare che, per noi, aver potuto contare su un record di 15 porti d'imbarco facilmente accessibili lungo tutta la Penisola abbia rappresentato un notevole vantaggio competitivo. Certo, alcuni itinerari a medio - lungo raggio ne hanno risentito, ma se si considera che il 75% della nostra proposta è mediamente concentrata nel Mediterraneo il bilancio non può che essere positivo". Anche le marginalità sono peraltro tornate a registrare il segno più. "Da questo punto di vista, tuttavia, c'è ancora parecchio lavoro da fare prima di tornare ai livelli del 2019 - ammette Massa -. C'è bisogno soprattutto del contributo delle agenzie, che rimangono assolutamente il nostro canale distributivo principale. Il loro aiuto sarà fondamentale anche per riallungare le finestre di prenotazioni. I primi segnali stanno arrivando, sull'inverno e persino sull'estate 2023. Ma pure in questo caso il lavoro da fare è notevole".  Msc promette quindi fin da ora di mettere in campo tutte le risorse disponibili, strategiche e commerciali, per spingere sui margini e per allargare le booking windows, insieme alle adv: "Esistono tuttavia variabili esogene su cui non possiamo intervenire: in primis, la guerra e la pressione dell'inflazione sul potere d'acquisto degli italiani", commenta Massa, ben consapevole delle sfide che lo attendono. Infine una battuta sulla questione Ita e Italo: i tanti rumours che circolano non rischiano di distrarre un po' dal business crociere? "Onestamente c'è talmente tanto da fare e abbiamo talmente tante novità in arrivo (su tutte la nuova World Europa che sarà battezzata il prossimo 13 novembre a Doha, seguita subito dopo dalla Seascape, ndr) che non abbiamo neppure il tempo di pensarci", risponde prontamente Massa. [post_title] => L'estate last second di Msc. Ma crescono i volumi e tornano le marginalità [post_date] => 2022-09-23T11:57:00+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663934220000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "gruppo lufthansa accordo ndc con cisalpina tours" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":56,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1145,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431330","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_385945\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Francesco Calia[/caption]\r\n\r\nRimane forte l'interesse da parte degli investitori verso il comparto del real estate alberghiero italiano, grazie anche al progressivo recupero delle performance delle strutture rispetto ai risultati pre-pandemia. Nel primo semestre di quest’anno, i volumi di investimento nel settore dell'ospitalità italiana si sono infatti attestati sui 730 milioni di euro, superando i livelli dello stesso periodo del 2021, anno che poi ha chiuso con un totale transato pari a 2,1 miliardi di euro, miglior risultato di sempre dopo il record del 2019, quando è stata oltrepassata la soglia dei 3 miliardi. Negli ultimi 12 mesi, inoltre, l’incidenza degli investimenti del settore hotel sul totale dei volumi d’investimento del commercial real estate italiano (la categoria degli immobili a reddito con l'esclusione del residenziale, ndr) è stata del 16%, contro quella del 5% registrata a livello europeo. A conferma di come questo settore sia uno dei più sviluppati in Europa. Roma e Milano continuano quindi a dominare la scena.\r\n\r\nLusso ed extra-lusso gli obiettivi nella Capitale; upper-upscale il focus nella città lombarda\r\n\r\nE’ la fotografia del mercato degli hotel in Italia presentata da Cbre, in occasione dell’evento Wanderlust 2022 – The Cbre Hotels Event svoltosi recentemente a Milano. Nel dettaglio, nell’ambito delle operazioni di tipo value-add, gli investitori mostrano particolare interesse verso il mercato romano, puntando al riposizionamento di strutture esistenti e alla conversione di immobili a uso ufficio nel centro storico della città, soprattutto nel segmento lusso ed extra-lusso. A Milano invece i flussi si sono diretti verso il segmento upper-upscale con operazioni di rebranding di hotel esistenti o acquisto di alberghi a reddito da parte di investitori core. Dal 2019 fino alla fine del primo semestre 2022, l’incidenza delle operazioni value-add nel mercato romano ha raggiunto quota 62%, mentre nel mercato milanese si è attestata al 47%.\r\n\r\nTariffe medie in crescita a doppia cifra percentuale \r\n\r\nA livello di performance, nei primi sette mesi del 2022 a Roma e Milano l’adr (average daily rate) è cresciuto a Roma e Milano rispettivamente del 21% e del 14%, conseguendo i migliori risultati tra le capitali europee, con Roma seconda solo a Parigi in termini di ritmo di crescita. I tassi di occupazione degli alberghi si collocano però ancora sotto i livelli del 2019, rispettivamente del -14% a Roma e dek -22% a Milano, ma in linea con quelli del mercato europeo. Il revpar (ricavo medio per camera disponibile), di conseguenza, a Roma è già al di sopra dei livelli raggiunti nel 2019 (+4%) mentre rimane ancora di poco in area negativa a Milano (-11%).\r\n\r\nOltre alle grandi città bene anche il segmento resort\r\n\r\n“In sintesi possiamo dire che, dalla ripresa Covid e per i prossimi anni, il segmento dei resort e le città di Roma e Milano hanno trainato e traineranno il mercato degli investimenti alberghieri in Italia, assorbendo a oggi complessivamente circa il 70% dei capitali investiti in hotel nel Paese - commenta l'head of hotels di Cbre, Francesco Calia -. Le performance del mercato delle due città sono robuste, in rapidissima crescita e con valori/profitti superiori alle aspettative. E questo dovrebbe progressivamente tranquillizzare gli investitori sui loro ritorni, compensando in parte l’aumento del costo del capitale a prestito.”","post_title":"Cbre: Roma e Milano trainano le performance del real estate alberghiero italiano","post_date":"2022-09-29T11:31:28+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1664451088000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431321","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Anche dopo l’estate continua il trend delle richieste dei tour guidati in Italia, che nel periodo autunnale, oltre alle suggestioni cromatiche di alcuni itinerari come il Trentino, il Chianti e la Val d’Orcia, vede confermate sul sito, sempre aggiornato, numerose date anche per i tour in Puglia, Basilicata e Sicilia. Molte sono infatti le proposte nel calendario autunnale di Boscolo Tours, che per la stagione conferma le partenze dei suoi viaggi guidati nelle destinazioni più richieste nella nostra Penisola, ma anche in Europa e in Medio Oriente.\r\n\r\nNel Vecchio continente i viaggi dei ponti comprendono in particolare percorsi guidati in Francia, Germania e Grecia, quest’ultima con ottime performance in una delle stagioni migliori per pensare di visitare il circuito classico. Per il ponte del primo novembre le richieste si indirizzano su classici come lo short break di quattro giorni a Vienna e le combinazioni della capitale austriaca con Praga e Budapest, o con Salisburgo e Monaco in tour guidati di sette giorni.\r\n\r\nNel medio raggio il booking Boscolo registra ancora una forte richiesta per la destinazione Turchia, con numeri che nel corso della stagione hanno già superato quelli del 2019; il tutto, assieme alla Giordania, altra meta top dai grandi numeri. Le riaperture di Marocco e Egitto, infine, mostrano previsioni promettenti per le partenze dell’ultimo trimestre 2022, in cui il Gran Tour del Marocco e la Crociera sul Nilo sono già tra le prime scelte del periodo delle feste di fine anno.","post_title":"Boscolo conferma le partenze autunnali dei viaggi guidati per Italia, Europa e Medio Oriente","post_date":"2022-09-29T10:19:48+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1664446788000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431310","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"China Airlines ha ordinato 16 Boeing 787-9 e siglato opzioni per l'acquisto di altri otto, consolidando un accordo che la compagnia aerea aveva annunciato lo scorso agosto. Ieri, 28 settembre, Boeing ha confermato che China Airlines ha \"finalizzato\" l'ordine. Le consegne dei nuovi aeromobili potrebbero iniziare nel 2025.\r\n\r\n\"Siamo entusiasti di introdurre il 787-9 Dreamliner nelle nostre operazioni, mentre continuiamo a rinnovare la nostra flotta con aerei più moderni e a basso consumo di carburante - ha dichiarato il presidente di China Airlines Hsieh Su-Chien -. L'aggiunta del modernissimo 787 ci aiuterà a ridurre le emissioni di carbonio, offrendo al contempo ai nostri passeggeri livelli di comfort ineguagliabili\".\r\n\r\nChina Airlines utilizzerà i Boeing 787 in arrivo per sostituire gli Airbus A330 che, come già previsto, verranno gradualmente ritirati dal servizio.\r\n\r\n ","post_title":"China Airlines finalizza l'accordo con Boeing per l'acquisto di 16 B787-9","post_date":"2022-09-29T09:23:14+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1664443394000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431087","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ita Airways ha aperto la data room alla cordata Certares: il fondo statunitense e Delta Air Lines sono stati autorizzati ad accedere ai dati più sensibili della compagnia, come anticipato da Il Corriere della Sera, che cita fonti ministeriali. Air France-Klm, per ora, non sarebbe stato approvato \"per questioni documentali relative all’accordo di non divulgazione dei numeri\".\r\n\r\nLa mossa di Ita arriva su richiesta di Equita, advisor del ministero dell'Economia e delle finanze (Mef), azionista unico dell'aviolinea. L'apertura della data room, a un mese circa di distanza dalla decisione del Tesoro a favore di Certares (a scapito della cordata Msc-Lufthansa) dovrebbe consentire alla cordata vincitrice di perfezionare i dettagli dell'offerta di acquisizione del 50% del vettore.\r\n\r\nÈ ipotizzabile che il 28 settembre, giorno dell’\"expert session\" tra Certares e Ita (con delegati di Delta e Air France - Klm), il fondo Usa chieda la proroga della trattativa: decisione che, nel caso, spetterebbe al nuovo governo. ","post_title":"Ita Airways: aperta la data room al fondo Certares (e Delta Air Lines)","post_date":"2022-09-26T11:49:21+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1664192961000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431076","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La sinergia fra Svizzera Turismo e Fiavet Piemonte, siglata con un accordo nel 2021, ha portato a un primo risultato concreto.\r\n\r\n«Negli ultimi 2 anni abbiamo dovuto ripensare alla nostra strategia verso tour operator e agenzie di viaggi – ha dichiarato Laura Zancolò, Key Account Manager per Svizzera Turismo in Italia - per questo abbiamo pensato di stringere accordi con le associazioni di categoria del settore con l’obiettivo di far conoscere il territorio e promuovere il turismo di prossimità».\r\n\r\nGrazie alla collaborazione con Gabriella Aires, presidente Fiavet Piemonte, sono stati realizzati dieci itinerari che esplorano altrettante aree di grande fascino del Paese.\r\n\r\n«Un primo, importante, passo concreto per promuovere questo bel territorio e offrire ai nostri associati una serie di itinerari – afferma Gabriella Aires - programmi per uno o più giorni fruibili per tutti gli associati alla Fiavet, a livello naziionale».\r\n\r\nNegli scorsi due anni Fiavet Piemonte e Svizzera Turismo hanno organizzato in stretta collaborazione una serie di tre eductour in Svizzera, nel più rigoroso rispetto delle norme sanitarie, utilizzando i periodi di sospensione del lockdown.\r\n\r\nUn manuale d’uso creato da agenzie e fornitori\r\n\r\nSpiega inoltre Aires: «Insieme ai colleghi che hanno partecipato ai tour, e ai fornitori che ci hanno accolti, abbiamo elaborato un vero e proprio manuale d’uso del Paese, con i servizi testati sui nostri percorsi, quotati per gruppi in treno e in bus, famiglie e individuali, su una decina di itinerari. La nostra segreteria ha fatto gran parte del lavoro di assemblaggio».\r\n\r\nIl manuale si intitola appunto ‘La Svizzera di Fiavet Piemonte: «C’è tutta la materia prima necessaria per rispondere a richieste di ogni gusto e per diverse fasce di spesa – chiarisce ancora Aires – tutto destinato all’uso libero, esclusivo e gratuito di tutte le agenzie Fiavet. Per rilanciare ora abbiamo tutti bisogno di prodotto di qualità che ci consenta di valorizzare la nostra professione, offrendo al cliente qualcosa di unico e speciale. Per questo Fiavet Piemonte si è fatta promotrice, grazie alla collaborazione fondamentale di Svizzera Turismo, di un’iniziativa interamente costruita dalle agenzie insieme ai fornitori. E non ci fermeremo qui».\r\n\r\n10 itinerari a soggetto, pronti per le agenzie\r\n\r\nLa Svizzera di Fiavet Piemonte presenta dieci itinerari base, per viaggi da una giornata a quattro giorni/tre notti. I pacchetti sono calibrati per partenze in treno o in bus dalle città del Nord, ma ogni agenzia può inserire le partenze da qualsiasi città in Italia, stazioni o aeroporti.\r\n\r\nEcco cosa c’è nel manuale:\r\n\r\n- Zurigo tra arte e cultura (due giorni, in treno)\r\n\r\n- Berna, il Trenino Verde e il mondo di Kambly, il biscotto più amato (due giorni, in treno da Domodossola)\r\n\r\n- Zurigo per grandi e piccini (due giorni da Milano, per individuali)\r\n\r\n- La Lucerna di Guglielmo Tell e il Pilatus (tre giorni da Milano\r\n\r\n- Berna e la Festa della Cipolla: il 28 novembre, viaggio in giornata, in pullman da Torino.\r\n\r\n- Lugano, i borghi storici del lago e le funicolari (due giorni, in bus)\r\n\r\n- Lucerna e il Museo dei Trasporti, con navigazione sul Lago dei Quattro Cantoni (due giorni, in bus o treno)\r\n\r\n- Lugano e il Monte Generoso (gita di un giorno)\r\n\r\n- Lugano per gli eventi e le mostre d’arte (due giorni in treno da Milano, programma secondo il programma di eventi in corso)\r\n\r\n- Zurigo, Berna e Lucerna, le meravigliose città svizzere (quattro giorni, in treno da Milano)","post_title":"Accordo strategico fra Fiavet Piemonte e Svizzera Turismo","post_date":"2022-09-26T10:57:37+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1664189857000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431040","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A livello di cifre assolute l'anno resta al di sotto dei numeri del 2019. Ma per Alpitour l’ultima estate ha segnato finalmente il ritorno ai livelli pre-pandemia. «Anzi, se si parla di fondamentali – racconta il general manager tour operating, Pier Ezhaya – le performance sono state persino migliori. E questo grazie a un’occupazione voli stabilmente al 90%, a un’ottima capacità di indirizzare la domanda verso il prodotto core (steering, in termine tecnico, ndr). Ma anche alla buona abilità dimostrata nel trasferire al mercato gli aumenti tariffari dell’ultimo periodo. Tutto ciò ci ha quindi consentito di generare marginalità addirittura superiori al 2019, seppur parametrate a volumi non ancora paragonabili. Dopo due anni di crisi. E dopo la riorganizzazione aziendale segnata dall’operazione Trevolution, possiamo dire di avere una macchina in grado di darci molte soddisfazioni. Più tonica e più veloce che mai».\r\n\r\nE il lungo raggio?\r\n\r\n«Complessivamente è ripartito. Al contempo è indubbio che le destinazioni che hanno riaperto prima, quelle dei corridoi per intenderci, ne hanno beneficiato parecchio: Maldive, Dominicana e Mauritius, su tutte. Molto bene anche gli Stati Uniti, nonostante il cambio euro-dollaro in deterioramento. Un po’ sottotono invece Messico e Cuba, mentre l’Estremo Oriente sconta ancora l’apertura solamente parziale dei suoi confini e ha fatto segnare risultati a macchia di leopardo. Buoni soprattutto i numeri di Indonesia e Thailandia».\r\nInverno prudente\r\nQuali le prospettive per l’inverno?\r\n\r\n«Il trend delle prenotazioni è onestamente un po’ più prudente rispetto all’estate. Il mercato rimane in attesa di capire l’andamento della pandemia ma soprattutto la questione prezzi, che rischia di erodere parte del potere di acquisto degli italiani»\r\n\r\nA che punto è infine il nuovo contratto con le agenzie? Ci sono novità in arrivo?\r\n\r\n«Lo stiamo ultimando proprio in queste settimane. Ma posso anticipare che non ci saranno grandi stravolgimenti, perché siamo molto contenti di come ha funzionato quello dell’anno scorso. Mi riferisco allo One, che ha unificato le condizioni di vendita sulle linee di prodotto e non più in base ai brand. Ci sarà solo del fine tuning, con la parte variabile che cercherà di spingere sui prodotti e sulle destinazioni che ne hanno più bisogno».\r\n\r\n ","post_title":"Ezhaya, Alpitour: «In estate tornata la normalità. La macchina è più tonica»","post_date":"2022-09-26T09:30:26+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1664184626000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431016","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air Europa ha siglato un accordo di codeshare con Kuwait Airways, che entrerà in vigore nei prossimi mesi. Il vettore spagnolo aggiungerà così al proprio operativo tre voli settimanali diretti che Kuwait Airways opererà tra Madrid e il Kuwait, oltre ai collegamenti tra il Kuwait con\r\nAmsterdam, Roma e Milano.\r\n\r\nDa parte sua, Kuwait Airways rafforzerà la propria presenza nelle Americhe inserendo il suo codice sui voli transatlantici di Air Europa che collegano Madrid con Cancun, Miami, San Paolo e Bogotá oltre a quelli operati tra Madrid e Porto, Lisbona e Marrakech e su tutte le sue rotte nazionali spagnole. I passeggeri potranno beneficiare non solo di maggiori e migliori opzioni nella pianificazione dei loro voli, ma potranno anche acquistare un unico biglietto, effettuare un unico check-in e godere di collegamenti con tempi di attesa minimi.\r\n\r\nKuwait Airways opera tre voli a settimana verso Madrid che saliranno a quattro a partire\r\ndal 9 gennaio 2023. La compagnia aerea commercializzerà 17 rotte operate da Air Europa.","post_title":"Air Europa sigla un accordo di codeshare con Kuwait Airways","post_date":"2022-09-23T14:03:41+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663941821000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431029","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo i primi rumours che davano l'inaugurazione per il quarto trimestre di quest'anno, arriva ora la comunicazione ufficiale che situa in realtà a inizio 2023 il debutto del nuovissimo Six Senses Rome (le prenotazioni sono peraltro già aperte, ndr). L'urban resort capitolino sarà la prima struttura del brand in Italia: un'oasi verde nella frenesia di via del Corso ricavata dalla conversione di palazzo Salviati Cesi Mellini, un edificio del quindicesimo secolo.\r\n\r\nL'hotel disporrà di 96 camere e suite decorate con la tecnica del cocciopesto: uno speciale intonaco usato nell’antica Roma, con Travertino di origine locale e con elementi grafici che richiamano la natura. Gli spazi ventilati, le terrazze soleggiate, i soffitti alti e le ampie vetrate pongono poi l’accento sul benessere e sulla convivialità.\r\n\r\nI lavori di restauro dell’hotel hanno quindi portato agli antichi splendori la facciata originale del palazzo e la scala monumentale. Anche il fronte dell’adiacente chiesa di San Marcello al Corso, uno dei migliori esempi del Barocco italiano, è stata recentemente restaurata e rappresenta il primo progetto di sostenibilità di Six Senses Rome, in un’ottica di riqualificazione della zona. Gli interni hanno uno stile contemporaneo caratterizzato da elementi architettonici sostenibili e di design; il tutto arricchito da piante ornamentali e luce naturale in spazi aperti e ariosi. Il concept dell’hotel è frutto della visione di Patricia Urquiola.\r\n\r\nLa strutture includerà pure, al piano terra, il Bivium Restaurant-Café-Bar con cucina a vista, grill Josper e il forno a legna. Curato dall’executive chef Nadia Frisina, il menu proporrà piatti tipici locali e ingredienti rigorosamente stagionali. All’ultimo piano, il Notos Rooftop consente di gustare assaggi e drink con vista a 360 gradi sulla città. La spa interna offrirà poi l'esperienza delle antiche terme romane con tanto di calidarium, tepidarium e frigidarium in un percorso di 60 minuti. Presenti pure un Hammam, aree biohacking e meditazione, sauna, terrazza per yoga all’aperto, fitness center e cinque sale per trattamenti, di cui una per coppie. Grazie all’Alchemy bar ci sarà pure la possibilità di conoscere il potere terapeutico di erbe e piante. Six Senses Rome sta infine preparando per i suoi ospiti delle esperienze esclusive behind-the-scene, alla scoperta di luoghi magici della città come Palazzo Colonna, Galleria Borghese e Doria Pamphilj. A disposizione persino una masterclass di pittura.\r\n\r\n“Sono onorata per l’opportunità e orgogliosa che il debutto di Six Senses in Italia avvenga proprio nella mia città - sottolinea Francesca Tozzi, general manager della struttura capitolina -. Il nostro obiettivo è quello di rappresentare una nuova concezione di lusso nella città, fatto di esperienze fuori dall'ordinario, nel rispetto e nella valorizzazione della comunità locale, con un approccio divertente e fuori dagli schemi”.","post_title":"Sarà a inizio 2023 il debutto italiano di Six Senses: 96 camere e suite nel centro di Roma","post_date":"2022-09-23T13:28:26+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1663939706000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431013","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"L'ultima estate sarà ricordata come la più last minute di sempre, anzi direi last second\". Esordisce così  Leonardo Massa, nel commentare un'alta stagione che ha comunque dato ottimi segnali di ripresa, soprattutto in termini di volumi. \"Paradossalmente la questione caos voli e l'incremento dell'inflazione ha in parte favorito la nostra offerta\", racconta il country manager Italia di Msc Crociere. In che modo? \"Mi spiego con un esempio: immagino il classico italiano che quest'anno ha cominciato a pensare alle vacanze a giugno; seduto davanti alla tv ha cominciato a sentire dei problemi ai bagagli e dei costi crescenti del carburante per i voli. Inutile negare che, per noi, aver potuto contare su un record di 15 porti d'imbarco facilmente accessibili lungo tutta la Penisola abbia rappresentato un notevole vantaggio competitivo. Certo, alcuni itinerari a medio - lungo raggio ne hanno risentito, ma se si considera che il 75% della nostra proposta è mediamente concentrata nel Mediterraneo il bilancio non può che essere positivo\".\r\n\r\nAnche le marginalità sono peraltro tornate a registrare il segno più. \"Da questo punto di vista, tuttavia, c'è ancora parecchio lavoro da fare prima di tornare ai livelli del 2019 - ammette Massa -. C'è bisogno soprattutto del contributo delle agenzie, che rimangono assolutamente il nostro canale distributivo principale. Il loro aiuto sarà fondamentale anche per riallungare le finestre di prenotazioni. I primi segnali stanno arrivando, sull'inverno e persino sull'estate 2023. Ma pure in questo caso il lavoro da fare è notevole\".  Msc promette quindi fin da ora di mettere in campo tutte le risorse disponibili, strategiche e commerciali, per spingere sui margini e per allargare le booking windows, insieme alle adv: \"Esistono tuttavia variabili esogene su cui non possiamo intervenire: in primis, la guerra e la pressione dell'inflazione sul potere d'acquisto degli italiani\", commenta Massa, ben consapevole delle sfide che lo attendono.\r\n\r\nInfine una battuta sulla questione Ita e Italo: i tanti rumours che circolano non rischiano di distrarre un po' dal business crociere? \"Onestamente c'è talmente tanto da fare e abbiamo talmente tante novità in arrivo (su tutte la nuova World Europa che sarà battezzata il prossimo 13 novembre a Doha, seguita subito dopo dalla Seascape, ndr) che non abbiamo neppure il tempo di pensarci\", risponde prontamente Massa.","post_title":"L'estate last second di Msc. Ma crescono i volumi e tornano le marginalità","post_date":"2022-09-23T11:57:00+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1663934220000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti