2 March 2024

Riccardo Santagostino nuovo direttore vendite di Travel World Escape

[ 0 ]

Novità nel team di Travel World Escape, che dà il benvenuto a Riccardo Santagostino nel ruolo di direttore sales, con la responsabilità diretta su Lombardia, Piemonte, Liguria ed Emilia Romagna, nonché a Bruno Normanno in qualità di consulente commerciale. “Portare nelle agenzie di viaggio i nostri itinerari, significa proiettarle verso il futuro, rispondendo alle nuove esigenze di un mercato sempre più attento alle tematiche ambientali e sociali”, commenta lo stesso Santagostino.

Con l’ingresso di queste figure di spessore e competenti, già conosciute in ambito agenziale, il to comincia a dare forma alla sua rete commerciale dedicata alla comunicazione e alla conoscenza del prodotto dei Viaggi rigenerativi. “Questo è un passo importante per l’azienda: si tratta di una vera e propria sinergia per trasmettere quelli che sono i profondi valori del brand verso la sostenibilità – sottolinea il ceo, Cristina Laganà -. Quest’ultima, intesa come inclusione socio-ambientale ed economica, dev’essere una priorità per tutti gli stakeholders coinvolti, con l’obiettivo comune di consolidare il futuro del turismo e delle generazioni future. Siamo sempre più determinati a investire sulle figure commerciali, per raggiungere capillarmente il territorio e accelerare il processo di sensibilizzazione della platea, per far comprendere a tutti le opportunità offerte dal Turismo rigenerativo”.

Sono già inoltre in corso le selezioni a livello territoriale delle agenzie di viaggio Ambassador che, in partnership con Travel World Escape, saranno protagoniste di un percorso condiviso perseguendo la mission di un reale e misurabile cambiamento nel turismo e nel modo di viaggiare.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462599 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Parma possiede un patrimonio storico e architettonico che regala sempre nuove scoperte ed emozioni: città medievale, rinascimentale, ducale e della musica. Ma anche del Liberty (o Art Nouveau) che si affermò in Italia agli inizi del Novecento, ispirato al mondo floreale, utilizzato nelle decorazioni di palazzi, di ville, di balconi, di mobili e anche in preziosi affreschi per gli interni.  Pasqua e i ponti del 25 aprile e del 1° maggio offrono la possibilità di prendersi una vacanza di qualche giorno e dedicarsi a un “long week end” di relax.  Il viaggio nel Liberty parmigiano non può che iniziare dal centro storico. Alle spalle del Duomo e del Battistero, fra Piazzale Salvo d’Acquisto e Via del Prato, all’ombra del monumentale Complesso di San Francesco si affaccia il Residence Liberty, già Mobilificio Guastalla, progettato da Giorgio Alessi Canosio nel 1907: incanta per i suoi elementi decorativi in ferro battuto e i motivi geometrici e fitomorfi che si intrecciano in un armonico disegno. Pochi passi e sempre a firma dello stesso progettista, un altro palazzo Liberty tutto da ammirare. Attraversata Piazza Duomo e proseguendo verso Via Cavour, si incontra il Palazzo della Riserva dove nell’ingresso principale l’arte floreale è inconfondibile nelle decorazioni di Riccardo Del Prato. Ed è una sorpresa il vicino Palazzo delle Poste Centrali.  Nel vicino Borgo del Parmigianino, al civico 6, si affaccia Palazzo Raboni, dove l’arte floreale ritorna nei decori dei balconi e delle finestre. Mentre in Via Repubblica 43, Palazzo Lusignani è stato (ri)disegnato da Fortunato Morestori nel 1916, e gli interni sono magnificamente arredati secondo i dettami dell’Art Nouveau. Attraversando Piazzale della Pace dove domina il grande Complesso Monumentale della Pilotta, lo sguardo si sofferma sull’Ara del monumento dedicato a Giuseppe Verdi, realizzato nei primi del Novecento, opera di Ettore Ximenes e che faceva parte di un più ampio complesso, danneggiato durate la Seconda Guerra Mondiale. Attraversando Ponte Verdi ci si immerge nel fascino del Parco Ducale e del maestoso ed elegante Palazzo Ducale, per poi passeggiare sul Lungo Parma dove il fascino del Liberty conquista nelle facciate di Case Bormioli, realizzate nel 1905 su progetto dell’architetto Alfredo Provinciali. Proseguendo, all’altezza di Ponte Italia, in Viale Rustici uno degli esempi più importanti di Art Nouveau a Parma: il Villino Bonazzi. Poco lontano, in Via Frugoni, il Liberty parmigiano ritorna nelle facciate delle Case della Cooperativa La Casa, realizzate nel 1915 dall’architetto Massimo Maffei e in Palazzo Malpelli, in Piazzale Corte d’Appello.  Anche l’Oltretorrente ha il suo capolavoro di arte floreale: tutta da ammirare in Via D’Azeglio 6, Casa Valesi, progettata nel 1911 dall’architetto Moderanno Chiavelli (lo stesso “autore” del Palazzo delle Poste), con l’elegante torretta, la facciata impreziosita dalle decorazioni floreali e dei ferri battuti fitomorfi dei balconi.  Appena fuori Parma, a Mamiano di Traversetolo, la Fondazione Magnani Rocca, con l’elegante Villa al cui interno si può ammirare un'importante collezione d'arte e il parco secolare. E per concludere l’affascinante viaggio alla scoperta del Liberty parmense, trasferta a Salsomaggiore, a 35 km da Parma, per ammirare l’imponente facciata delle Terme Berzieri (in attesa della riapertura dei magnifici interni, in via di ristrutturazione), uno dei massimi capolavori Art Déco in Europa. Per tradurre in una bellissima esperienza questo itinerario, si può fare riferimento ai tour guidati in bicicletta, come quello proposto da Pedalart: “Fiori di ferro e di cemento” per andare alla scoperta dei tanti esempi di Art Nouveau sia a Parma sia in provincia, ammirando la sorprendente collezione d’arte raccolta nella villa Magnani Rocca a Mamiano e proseguendo l’itinerario tra Salsomaggiore Terme e Tabiano. Restando in sella, a disposizione anche i tour ideati dal Club di Prodotto Parma by Bike come quello proposto dalla guida Elisabetta Ivaldi: un percorso di un paio d’ore, pedalando tra i viali della città, alla ricerca delle ville e dei villini Liberty, voluti dalle famiglie benestanti per primeggiare sulle altre. Chi invece preferisse scoprire il Liberty a piedi, può richiedere un tour personalizzato.       [post_title] => Welcome Parma, trekking urbano in Stile Liberty nei ponti primaverili [post_date] => 2024-03-01T11:33:08+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709292788000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462589 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riapre il prossimo 21 marzo con nove delle undici ville private completamente rinnovate il toscano Rosewood Castiglion del Bosco. Situata nel cuore del parco naturale della val D'Orcia, sito protetto dall'Unesco,  l'omonima tenuta si sviluppa per più di 2 mila ettari, le cui origini risalgono a circa 900 anni fa. Questa racchiude le antiche rovine del castello del 1100 d.C., una chiesa medievale del quattordicesimo secolo e il borgo, lo storico villaggio che oggi costituisce il cuore pulsante del resort gestito da Rosewood Hotels & Resorts, nel quale sorgono le 42 suite, abbracciate dalla campagna senese e in mezzo alla quale si trovano le 11 ville della proprietà. Queste ultime, vere residenze private, hanno tutte una forte identità; ognuna è diversa, offrono piscine a sfioro riscaldate, cucine realizzate del designer fiorentino Riccardo Barthel, terrazze e giardini con vista sul paesaggio circostante. Novità per la stagione 2024, ogni villa è dotata di un Land Rover Defender (sette posti) o fuoristrada 4x4, che gli ospiti possono guidare per tutta la durata del loro soggiorno, per esplorare la regione o semplicemente scoprire la tenuta. Nata come destinazione per gli amanti del vino e della gastronomia, la proprietà ospita due ristoranti, l'Osteria la Canonica e il ristorante Campo del Drago, 1 stella Michelin, guidato dallo chef Matteo Temperini. La tenuta comprende pure una spa dai toni della terra e della sfumature naturali, nonché un campo da golf a 18 buche progettato da Tom Weiskopf: unico golf club privato d'Italia prevede un accesso privilegiato per gli ospiti del Rosewood Castiglion del Bosco. A loro disposizione c'è pure la cantina storica della proprietà, dove si produce Brunello di Montalcino. Il resort sarà aperto fino al 7 gennaio 2025, con una programmazione per il periodo festivo ricca d'iniziative. [post_title] => Il Rosewood Castiglion del Bosco riapre il 21 marzo con nove ville ristrutturate [post_date] => 2024-03-01T10:56:30+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709290590000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462491 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Malta Tourism Authority apre ufficialmente le porte alla stagione estiva con la partecipazione alla Bmt di Napoli, nuova occasione per riconfermare il solido rapporto con il comparto turistico del Centro e Sud Italia. Tra i progetti di grande visibilità su cui l’ente sta lavorando per spingere la stagione, quello realizzato in collaborazione con lo chef Bruno Barbieri che ha avviato una rubrica di viaggi gastronomici sul suo canale Youtube, decidendo di iniziare con una serie di 12 episodi girati proprio a Malta e dedicati sia alla cultura che alla gastronomia dell’arcipelago. La scelta di un testimonial come Bruno Barbieri è in linea anche con le strategie promozionali in corso, a supporto del segmento luxury: recentemente è uscita la prima guida curata da Mta e dedicata a questo target. L’ente, inoltre, sta realizzando precise attività in collaborazione con operatori specializzati sul lusso come lo speciale fam trip dello scorso gennaio. Azioni che ottengono il loro risultato, in considerazione della nomina di Malta quale Preferred Destinations Partner da parte di Serandipians (il network di realtà legate al mondo del luxury travel), dei numerosi riconoscimenti ottenuti dagli hotel maltesi inseriti nella prestigiosa Forbes Travel Guide e dall’aumento del numero di ristoranti di fine dining inclusi nella Guida Michelin. Pronto l’ampio piano voli, con 5 compagnie attive - la nuova compagnia di bandiera KM Malta Airlines, Ryanair, Ita Airways, easyJet, Hellofly - che collegheranno con voli diretti 19 città italiane a Malta. «Arriviamo da un anno eccezionale per i flussi di turisti dall’Italia verso l’arcipelago e non mancheranno le occasioni per Malta Tourism Authority di incontrare il trade e il consumatore finale per mantenere vivo l’interesse verso la destinazione - dichiara Ester Tamasi, direttore Malta Tourism Authority Italia -. Una meta che grazie ai collegamenti costanti, al ricco programma di eventi durante tutto l’anno,  alla proposta culturale e naturalmente al clima è una meta da scoprire e riscoprire in qualsiasi stagione». Ester Tamasi sarà inoltre tra le protagoniste del panel dal titolo "Il Luxury world nella logica esperienziale: turismo e produzioni di eccellenza" che si terrà in Sala Adriatico giovedì 14 marzo alle ore 14.   [post_title] => L'estate di Malta va in scena alla Bmt: voli diretti da 19 città italiane [post_date] => 2024-03-01T10:20:34+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709288434000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462500 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => 'Forever Revitalising': questo il claim della prima campagna globale di AlUla, che racchiude l'essenza della destinazione in una prospettiva fresca e autentica, pensata per affascinare i viaggiatori di tutto il mondo. Il progetto data-driven debutta in nove mercati strategici a livello globale, in sei lingue, e sarà integrata su più canali. Eventi di prestigio in cinque grandi città - Dubai, Londra, New York, Parigi, Shanghai e Mumbai – rivolti agli operatori turistici e ai media, daranno il via alla campagna e racconteranno una storia accattivante. «In pochi anni, AlUla si è affermata come una destinazione ambita dai viaggiatori di tutto il mondo - sottolinea Phillip Jones, chief tourism officer della Royal Commission for AlUla -. Tuttavia, Forever Revitalising rappresenta il prossimo capitolo di questo viaggio in continua evoluzione. Grazie a questa campagna, possiamo ampliare ulteriormente il dialogo su un palcoscenico globale e comunicare l’essenza di AlUla, con il suo fascino, i suoi obiettivi e le sue ambizioni". Mettendo in risalto il rinnovamento e la trasformazione, Forever Revitalising si allinea alla visione di AlUla volta a diventare non solo una destinazione ricca di storia, ma anche di futuro. La destinazione presenta una promessa culturale rivitalizzata, invitando i viaggiatori e gli operatori turistici più esigenti a prendere parte alla sua storia unica e in evoluzione. Il video Forever Revitalising, una produzione avvincente del direttore francese della fotografia Bruno Aveillan, assume la forma di un “hero film” di due minuti e trenta secondi. In seguito all'eccezionale lavoro svolto per il video della campagna locale della destinazione nel 2021, Bruno torna in città con una nuova prospettiva: fornire agli spettatori un capolavoro emotivo che metta meticolosamente in evidenza l'essenza di AlUla e la sua promessa attraverso i pilastri della destinazione: storia e patrimonio, arte e cultura, natura, avventura e benessere. La campagna comprende anche una collezione video più brevi, focalizzati sui brand pillar, che mostrano il variegato arazzo di esperienze che la meta ha da offrire. Questi filmati, disponibili in 12 versioni, ciascuno della durata di sei secondi, presentati in varie lingue, accendono i riflettori su siti iconici di AlUla come Hegra, Jabal Ikmah, l'Oasi di AlUla, la Old Town di AlUla, la Riserva Naturale di Sharaan e l’Elephant Rock, e su una varietà di attrazioni, tra cui i voli in mongolfiera, l'ospitalità di lusso, l'arte e l'artigianato locale e la vivace scena gastronomica. Forever Revitalising segna anche i primi passi verso un approccio e un'esperienza digitale omnicanale, integrata e connessa, per una migliore customer journey. La trasformazione digitale di AlUla prevede un sito e-commerce all’avanguardia, un’app mobile e una social media strategy. [gallery ids="462510,462511,462512"] [post_title] => AlUla lancia oggi la sua prima campagna globale 'Forever Revitalising', in 9 mercati [post_date] => 2024-02-29T14:00:15+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709215215000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462520 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La crescita del fenomeno affitti brevi (e medi) fa aumentare in Europa la popolarità dell'asset class multifamily tra gli investitori istituzionali o privati, che si dimostrano sempre più interessati alle proprietà costituite da più appartamenti destinati totalmente alla locazione di vario tipo. In Europa questi rappresentano ormai il 17% del totale. In Italia si stima che la percentuale sia di poco oltre il 10%, ma con un trend di crescita sostenuto. Destinatari di tale offerta sono soprattutto società di relocation, giovani professionisti o lavoratori in trasferta, digital nomads, viaggiatori per periodi lunghi, ma anche famiglie per breve tempo. Ad affermarlo è uno studio della società di property management Halldis, per cui la gestione di asset multifamily rappresenta oltre il 30% del proprio fatturato. Nel dettaglio, nel nostro Paese sono circa 465 mila gli immobili residenziali immessi negli affitti brevi con licenze private, mentre 120 mila sono gestiti in maniera professionale da property manager (fonte: Scenari Immobiliari, 2023). Il giro d’affari degli affitti brevi complessivo è di 1,5 miliardi di euro. Le seconde case sono invece 14,6 milioni, di cui 8,1 milioni affittate o non disponibili e 6,5 milioni disponibili sul mercato (elaborazione dati Istat, 2021). A queste ultime, in particolare se ubicate in contesti di rigenerazione urbana dove la domanda di studenti e lavoratori fuori sede è elevata, guardano dunque gli investitori istituzionali o i fondi privati, per realizzare operazioni immobiliari e affidare spesso l’asset a società specializzate. Ben consolidata negli Stati Uniti, l'asset multifamily sta dunque crescendo anche in Europa, dove dovrebbe raggiungere un volume di investimenti vicino agli 80 miliardi di euro entro il 2025, con un aumento del 20% in cinque anni (fonte: “European multifamily housing report 2023” di Cbre), così come in Italia, dove la crescita prevista è appunto anche qui del 20% al 2025 (fonte: Halldis). In particolare, il mercato tedesco dell’asset multifamily tocca i 48 miliardi di euro, il danese i 7 miliardi e lo svedese gli 11 miliardi. “Il profilo di reddito del settore multifamily per il vacation rental e per la corporate hospitality – afferma Riccardo Di Carlo, product manager di Halldis – attrae un'ampia gamma di investitori, in quanto caratterizzato da pochi momenti di bassa redditività, grazie alla diversificazione del prodotto e alla complementarità delle offerte. Nella gestione di tali strutture, il property manager gioca un ruolo cardine agendo da collettore di diverse figure: dal building manager addetto al coordinamento di tutti i servizi facility all’asset manager, che verifica rendimenti e costi, fino al community manager. Tramite partnership aziendali nei palazzi che gestiamo a Roma, Bologna, Mestre, Ostuni e Gressoney-Saint-Jean, il rendimento delle prenotazioni è aumentato del 20%, e il costo operativo vede un importante ribasso essendo le attività tutte concentrate”. [post_title] => Halldis: cresce l'interesse di fondi e investitori istituzionali per l'asset class multifamily [post_date] => 2024-02-29T12:59:09+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709211549000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462405 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462406" align="alignleft" width="300"] Davide Rosi[/caption] Rivoluzione in casa Mister Holiday, che diventa Mrh Group accrescendo al contempo il proprio portfolio di nuove business unit. La novità è stata annunciata durante la convention del network, svoltasi a bordo della Costa Smeralda, durante il festival di Sanremo, alla quale ha partecipato il 90% delle agenzie affiliate, a tutt’oggi oltre 80 punti vendita. Mrh Group, che fa capo al gruppo Volonline, nasce dunque da una completa riorganizzazione della rete, che ha visto anche l’ingresso, in qualità di amministratore di Davide Rosi, che affiancherà Laura Sandrini e Fabio Bignotti. “La dimensione di Mister Holiday necessitava di un’ulteriore spinta alla crescita e di una presenza capillare in tutti i canali di distribuzione possibili al fine di raggiungere il consumatore finale - commenta lo stesso Rosi -. Il progetto è stato strutturato secondo alcune linee di business che vedono in primo piano una crescita della rete di agenzie fisiche in franchising e dei consulenti di viaggi, lo sviluppo di partnership commerciali, il presidio di canali e-commerce e social attraverso una divisione focalizzata sugli strumenti di nuova generazione e la formazione continua e puntuale”. Mrh Group è ora l’ombrello sotto il quale si trovano le business unit multicanale: Mister Holiday, rete di agenzie di viaggi con la formula di affiliazione in franchising e centrale di acquisto; Yodi, Your Destination Identity, rete di consulenti di viaggi senza agenzia fisica; Travel Life, business unit flessibile per presidiare il mondo digital e per adattarsi a nuovi modelli tecnologici e distributivi, Puoy e Uniqueborn, per lo sviluppo di viaggi di gruppo con esperti accompagnatori e viaggi per social traveller. “Tutte le business unit hanno importanti obiettivi di crescita da qui ai prossimi cinque anni - prosegue Rosi -. Nel breve-medio periodo contiamo di raggiungere le 200 agenzie di viaggi fisiche e di aumentare considerevolmente il numero dei consulenti di viaggi. Stiamo implementando diversi strumenti di marketing territoriale e tecnologici per sostenere sempre di più i punti vendita e i consulenti, rendendoli sempre più competitivi e preparati di fronte a un mercato e un cliente in continuo cambiamento”. Prevista pure l’istituzione di una Academy con corsi di formazione continua e una rete di promotori sul territorio, che lavoreranno a stretto contatto con le agenzie incentivando anche nuovi ingressi [post_title] => Volonline riorganizza la rete Mister Holiday che diventa Mrh Group [post_date] => 2024-02-28T12:09:46+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709122186000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462387 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462391" align="alignleft" width="300"] Uno scorcio di Cuneo[/caption] E' a Cuneo la new entry di Phi Hotels, compagnia alberghiera del gruppo Xenia Hôtellerie Solution, società da pochi mesi quotata sull'Euronext Growth della Borsa di Milano. L'operazione ha comportato l'acquisizione dell’azienda alberghiera Hotel Principe di Piemonte e riguarda la struttura omonima che dal prossimo 1° aprile sarà ribrandizzato Phi Hotel Principe di Piemonte, portando così a sette il numero di indirizzi gestiti dal gruppo alberghiero di Xenia. Il nuovo 4 stelle è la proprietà di riferimento della città di Cuneo, posizionata nella centralissima piazza Galimberti, con 50 camere e una clientela consolidata italiana e internazionale. “La presenza in Piemonte. in particolare nel cuneese. era nelle previsioni del nostro piano aziendale - spiega l'amministratore delegato di Xenia, Ercolino Ranieri -. Aver acquisito un’azienda eccellente come il Principe di Piemonte, ottimamente condotto dalla famiglia Maccario, permette al brand Phi Hotels di accrescere la nostra offerta anche nel territorio piemontese”. “La nuova acquisizione ci consentirà di rappresentare il nostro modello di ospitalità in un contesto a vocazione sia leisure sia corporate - aggiunge il Phi Hotels development manager, Donato Sambuco -. La presenza storica in città e le persone presenti in albergo saranno un punto di partenza importante per noi”. L’operazione è stata definita con la struttura interna di due diligence della società, i suoi consulenti e con il supporto dei professionisti di Tls Associazione professionale di avvocati e commercialisti, nonché PricewaterhouseCoopers Business Services. La famiglia Maccario è stata assistita da Marco Caviglioli e dall'avvocato Enrico Narciso. [post_title] => Phi Hotels aumenta l'offerta con il Principe di Piemonte di Cuneo [post_date] => 2024-02-28T11:16:08+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709118968000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462376 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Punta sul turismo esperienziale, tra degustazioni di prodotti locali, visita di aziende agricole e cantine vinicole, nonché cooking-class il nuovo catalogo Guiness Travel dedicato alla programmazione Italia: 36 itinerari esclusivi di Arte, enogastronomia ed esperienze alla scoperta delle meraviglie del Bel Paese, disponibili online e scaricabili sul portale www.guinesstravel.com. Assoluta novità è il Gran Tour Italia, della durata di 30 giorni: un viaggio che attraversa le principali attrazioni del paese tra città d’arte, borghi, natura e mare. Confermato anche il format 5 Sensi, caratterizzato da un ventaglio di attività mirate a riconnettere il viaggiatore con la ricchezza autentica del territorio, svelando i segreti di molte regioni italiane. Sugli scudi la Sicilia, prima meta per numero di itinerari: sono infatti nove i tour che si dispiegano tra territorio continentale e le isole più celebri, tra cui Eolie, Egadi e Pantelleria. “Siamo lieti di aver lanciato il prodotto Italia, a cui siamo molto legati in quanto consapevoli della bellezza unica del nostro paese", spiega la responsabile marketing del to, Elvira D’Aversa. Il catalogo monografico sulla Penisola segue i precedenti 14 dedicati all’Europa e al Mondo, in attesa del lancio imminente degli ultimi cinque: in totale 20 folder suddivisi per destinazioni e macroaree geografiche e il catalogo generale riepilogativo. “Nel frattempo, stiamo proseguendo a ritmo sostenuto con le nostre attività commerciali e di comunicazione: la pubblicazione e la distribuzione capillare dei folder, il proseguimento del roadshow Ci vediamo da te con tappe da sold-out in tutta Italia, il programma di formazione b2b Guiness Lounge in previsione fino a giugno. E proprio il 6 marzo, giorno del prossimo webinar, lanceremo una novità assoluta della nostra programmazione 2024”, conclude  Elvira D’Aversa con un tocco di mistero. [post_title] => Disponibile il nuovo catalogo Italia di Guiness Travel [post_date] => 2024-02-28T10:30:59+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709116259000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462225 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Croatia Airlines è pronta ad ampliare il network grazie all'imminente arrivo di nuovi aeromobili Airbus A220, pur mantenendo fermo l'impegno a dare priorità alle rotte all'interno dell'Europa e della regione mediterranea. "I nostri analisti del network monitorano meticolosamente l'evoluzione delle preferenze e delle richieste dei nostri passeggeri, oltre alle tendenze del settore dell'aviazione - ha dichiarato Jasmin Bajić, ceo di Croatia Airlines, ripreso da EX-YU Aviation -. Mentre alcune rotte operano tutto l'anno da Zagabria, altre sono stagionali e partono dalla nostra pittoresca costa adriatica. L'attenzione per tutte le nuove potenziali destinazioni rimane prevalentemente in Europa e nel Mediterraneo". Evidenziando i vantaggi legati all'ingresso in flotta dei nuovi ì A220, Bajić ha sottolineato la "capacità di soddisfare le esigenze specifiche dei passeggeri, favorendo al contempo un modello commerciale più snello, che consentirà di ottimizzare l'efficienza operativa. Questo, a sua volta, aprirà ulteriori prospettive commerciali, facilitando la graduale espansione della nostra rete". Bajić ha ricordato che il primo dei 15 Airbus A220 dovrebbe arrivare a Zagabria entro giugno 2024, mentre un altro velivolo dovrebbe essere consegnato entro la fine dell'anno. "Il primo aeromobile sarà integrato nella flotta di Croatia Airlines il prossimo giugno, seguito a ruota dalla seconda unità verso la fine di quest'anno. Successivamente, prevediamo la consegna di altri sei aerei nel 2025, seguiti da altri quattro nel 2026 e dai restanti tre nel 2027". [post_title] => Croatia Airlines: nuovo impulso al network con l'ingresso in flotta degli A220 [post_date] => 2024-02-26T10:59:50+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708945190000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "riccardo santagostino bruno normanno nuovi direttore vendite consulenti commerciali travel world escape" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":92,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":778,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462599","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Parma possiede un patrimonio storico e architettonico che regala sempre nuove scoperte ed emozioni: città medievale, rinascimentale, ducale e della musica. Ma anche del Liberty (o Art Nouveau) che si affermò in Italia agli inizi del Novecento, ispirato al mondo floreale, utilizzato nelle decorazioni di palazzi, di ville, di balconi, di mobili e anche in preziosi affreschi per gli interni.\r\n\r\n Pasqua e i ponti del 25 aprile e del 1° maggio offrono la possibilità di prendersi una vacanza di qualche giorno e dedicarsi a un “long week end” di relax. \r\n\r\n Il viaggio nel Liberty parmigiano non può che iniziare dal centro storico. Alle spalle del Duomo e del Battistero, fra Piazzale Salvo d’Acquisto e Via del Prato, all’ombra del monumentale Complesso di San Francesco si affaccia il Residence Liberty, già Mobilificio Guastalla, progettato da Giorgio Alessi Canosio nel 1907: incanta per i suoi elementi decorativi in ferro battuto e i motivi geometrici e fitomorfi che si intrecciano in un armonico disegno.\r\n\r\nPochi passi e sempre a firma dello stesso progettista, un altro palazzo Liberty tutto da ammirare. Attraversata Piazza Duomo e proseguendo verso Via Cavour, si incontra il Palazzo della Riserva dove nell’ingresso principale l’arte floreale è inconfondibile nelle decorazioni di Riccardo Del Prato. Ed è una sorpresa il vicino Palazzo delle Poste Centrali.  Nel vicino Borgo del Parmigianino, al civico 6, si affaccia Palazzo Raboni, dove l’arte floreale ritorna nei decori dei balconi e delle finestre. Mentre in Via Repubblica 43, Palazzo Lusignani è stato (ri)disegnato da Fortunato Morestori nel 1916, e gli interni sono magnificamente arredati secondo i dettami dell’Art Nouveau. Attraversando Piazzale della Pace dove domina il grande Complesso Monumentale della Pilotta, lo sguardo si sofferma sull’Ara del monumento dedicato a Giuseppe Verdi, realizzato nei primi del Novecento, opera di Ettore Ximenes e che faceva parte di un più ampio complesso, danneggiato durate la Seconda Guerra Mondiale. Attraversando Ponte Verdi ci si immerge nel fascino del Parco Ducale e del maestoso ed elegante Palazzo Ducale, per poi passeggiare sul Lungo Parma dove il fascino del Liberty conquista nelle facciate di Case Bormioli, realizzate nel 1905 su progetto dell’architetto Alfredo Provinciali. Proseguendo, all’altezza di Ponte Italia, in Viale Rustici uno degli esempi più importanti di Art Nouveau a Parma: il Villino Bonazzi. Poco lontano, in Via Frugoni, il Liberty parmigiano ritorna nelle facciate delle Case della Cooperativa La Casa, realizzate nel 1915 dall’architetto Massimo Maffei e in Palazzo Malpelli, in Piazzale Corte d’Appello. \r\n\r\n Anche l’Oltretorrente ha il suo capolavoro di arte floreale: tutta da ammirare in Via D’Azeglio 6, Casa Valesi, progettata nel 1911 dall’architetto Moderanno Chiavelli (lo stesso “autore” del Palazzo delle Poste), con l’elegante torretta, la facciata impreziosita dalle decorazioni floreali e dei ferri battuti fitomorfi dei balconi. \r\n\r\n Appena fuori Parma, a Mamiano di Traversetolo, la Fondazione Magnani Rocca, con l’elegante Villa al cui interno si può ammirare un'importante collezione d'arte e il parco secolare. E per concludere l’affascinante viaggio alla scoperta del Liberty parmense, trasferta a Salsomaggiore, a 35 km da Parma, per ammirare l’imponente facciata delle Terme Berzieri (in attesa della riapertura dei magnifici interni, in via di ristrutturazione), uno dei massimi capolavori Art Déco in Europa.\r\n\r\nPer tradurre in una bellissima esperienza questo itinerario, si può fare riferimento ai tour guidati in bicicletta, come quello proposto da Pedalart: “Fiori di ferro e di cemento” per andare alla scoperta dei tanti esempi di Art Nouveau sia a Parma sia in provincia, ammirando la sorprendente collezione d’arte raccolta nella villa Magnani Rocca a Mamiano e proseguendo l’itinerario tra Salsomaggiore Terme e Tabiano. Restando in sella, a disposizione anche i tour ideati dal Club di Prodotto Parma by Bike come quello proposto dalla guida Elisabetta Ivaldi: un percorso di un paio d’ore, pedalando tra i viali della città, alla ricerca delle ville e dei villini Liberty, voluti dalle famiglie benestanti per primeggiare sulle altre. Chi invece preferisse scoprire il Liberty a piedi, può richiedere un tour personalizzato.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Welcome Parma, trekking urbano in Stile Liberty nei ponti primaverili","post_date":"2024-03-01T11:33:08+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1709292788000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462589","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riapre il prossimo 21 marzo con nove delle undici ville private completamente rinnovate il toscano Rosewood Castiglion del Bosco. Situata nel cuore del parco naturale della val D'Orcia, sito protetto dall'Unesco,  l'omonima tenuta si sviluppa per più di 2 mila ettari, le cui origini risalgono a circa 900 anni fa. Questa racchiude le antiche rovine del castello del 1100 d.C., una chiesa medievale del quattordicesimo secolo e il borgo, lo storico villaggio che oggi costituisce il cuore pulsante del resort gestito da Rosewood Hotels & Resorts, nel quale sorgono le 42 suite, abbracciate dalla campagna senese e in mezzo alla quale si trovano le 11 ville della proprietà.\r\n\r\nQueste ultime, vere residenze private, hanno tutte una forte identità; ognuna è diversa, offrono piscine a sfioro riscaldate, cucine realizzate del designer fiorentino Riccardo Barthel, terrazze e giardini con vista sul paesaggio circostante. Novità per la stagione 2024, ogni villa è dotata di un Land Rover Defender (sette posti) o fuoristrada 4x4, che gli ospiti possono guidare per tutta la durata del loro soggiorno, per esplorare la regione o semplicemente scoprire la tenuta.\r\n\r\nNata come destinazione per gli amanti del vino e della gastronomia, la proprietà ospita due ristoranti, l'Osteria la Canonica e il ristorante Campo del Drago, 1 stella Michelin, guidato dallo chef Matteo Temperini. La tenuta comprende pure una spa dai toni della terra e della sfumature naturali, nonché un campo da golf a 18 buche progettato da Tom Weiskopf: unico golf club privato d'Italia prevede un accesso privilegiato per gli ospiti del Rosewood Castiglion del Bosco. A loro disposizione c'è pure la cantina storica della proprietà, dove si produce Brunello di Montalcino. Il resort sarà aperto fino al 7 gennaio 2025, con una programmazione per il periodo festivo ricca d'iniziative.","post_title":"Il Rosewood Castiglion del Bosco riapre il 21 marzo con nove ville ristrutturate","post_date":"2024-03-01T10:56:30+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709290590000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462491","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Malta Tourism Authority apre ufficialmente le porte alla stagione estiva con la partecipazione alla Bmt di Napoli, nuova occasione per riconfermare il solido rapporto con il comparto turistico del Centro e Sud Italia.\r\nTra i progetti di grande visibilità su cui l’ente sta lavorando per spingere la stagione, quello realizzato in collaborazione con lo chef Bruno Barbieri che ha avviato una rubrica di viaggi gastronomici sul suo canale Youtube, decidendo di iniziare con una serie di 12 episodi girati proprio a Malta e dedicati sia alla cultura che alla gastronomia dell’arcipelago.\r\nLa scelta di un testimonial come Bruno Barbieri è in linea anche con le strategie promozionali in corso, a supporto del segmento luxury: recentemente è uscita la prima guida curata da Mta e dedicata a questo target. L’ente, inoltre, sta realizzando precise attività in collaborazione con operatori specializzati sul lusso come lo speciale fam trip dello scorso gennaio. Azioni che ottengono il loro risultato, in considerazione della nomina di Malta quale Preferred Destinations Partner da parte di Serandipians (il network di realtà legate al mondo del luxury travel), dei numerosi riconoscimenti ottenuti dagli hotel maltesi inseriti nella prestigiosa Forbes Travel Guide e dall’aumento del numero di ristoranti di fine dining inclusi nella Guida Michelin.\r\nPronto l’ampio piano voli, con 5 compagnie attive - la nuova compagnia di bandiera KM Malta Airlines, Ryanair, Ita Airways, easyJet, Hellofly - che collegheranno con voli diretti 19 città italiane a Malta.\r\n«Arriviamo da un anno eccezionale per i flussi di turisti dall’Italia verso l’arcipelago e non mancheranno le occasioni per Malta Tourism Authority di incontrare il trade e il consumatore finale per mantenere vivo l’interesse verso la destinazione - dichiara Ester Tamasi, direttore Malta Tourism Authority Italia -. Una meta che grazie ai collegamenti costanti, al ricco programma di eventi durante tutto l’anno,  alla proposta culturale e naturalmente al clima è una meta da scoprire e riscoprire in qualsiasi stagione».\r\nEster Tamasi sarà inoltre tra le protagoniste del panel dal titolo \"Il Luxury world nella logica esperienziale: turismo e produzioni di eccellenza\" che si terrà in Sala Adriatico giovedì 14 marzo alle ore 14.\r\n ","post_title":"L'estate di Malta va in scena alla Bmt: voli diretti da 19 città italiane","post_date":"2024-03-01T10:20:34+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709288434000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462500","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"'Forever Revitalising': questo il claim della prima campagna globale di AlUla, che racchiude l'essenza della destinazione in una prospettiva fresca e autentica, pensata per affascinare i viaggiatori di tutto il mondo. Il progetto data-driven debutta in nove mercati strategici a livello globale, in sei lingue, e sarà integrata su più canali.\r\n\r\nEventi di prestigio in cinque grandi città - Dubai, Londra, New York, Parigi, Shanghai e Mumbai – rivolti agli operatori turistici e ai media, daranno il via alla campagna e racconteranno una storia accattivante.\r\n\r\n«In pochi anni, AlUla si è affermata come una destinazione ambita dai viaggiatori di tutto il mondo - sottolinea Phillip Jones, chief tourism officer della Royal Commission for AlUla -. Tuttavia, Forever Revitalising rappresenta il prossimo capitolo di questo viaggio in continua evoluzione. Grazie a questa campagna, possiamo ampliare ulteriormente il dialogo su un palcoscenico globale e comunicare l’essenza di AlUla, con il suo fascino, i suoi obiettivi e le sue ambizioni\".\r\n\r\nMettendo in risalto il rinnovamento e la trasformazione, Forever Revitalising si allinea alla visione di AlUla volta a diventare non solo una destinazione ricca di storia, ma anche di futuro. La destinazione presenta una promessa culturale rivitalizzata, invitando i viaggiatori e gli operatori turistici più esigenti a prendere parte alla sua storia unica e in evoluzione.\r\n\r\nIl video Forever Revitalising, una produzione avvincente del direttore francese della fotografia Bruno Aveillan, assume la forma di un “hero film” di due minuti e trenta secondi. In seguito all'eccezionale lavoro svolto per il video della campagna locale della destinazione nel 2021, Bruno torna in città con una nuova prospettiva: fornire agli spettatori un capolavoro emotivo che metta meticolosamente in evidenza l'essenza di AlUla e la sua promessa attraverso i pilastri della destinazione: storia e patrimonio, arte e cultura, natura, avventura e benessere.\r\n\r\nLa campagna comprende anche una collezione video più brevi, focalizzati sui brand pillar, che mostrano il variegato arazzo di esperienze che la meta ha da offrire. Questi filmati, disponibili in 12 versioni, ciascuno della durata di sei secondi, presentati in varie lingue, accendono i riflettori su siti iconici di AlUla come Hegra, Jabal Ikmah, l'Oasi di AlUla, la Old Town di AlUla, la Riserva Naturale di Sharaan e l’Elephant Rock, e su una varietà di attrazioni, tra cui i voli in mongolfiera, l'ospitalità di lusso, l'arte e l'artigianato locale e la vivace scena gastronomica.\r\n\r\nForever Revitalising segna anche i primi passi verso un approccio e un'esperienza digitale omnicanale, integrata e connessa, per una migliore customer journey. La trasformazione digitale di AlUla prevede un sito e-commerce all’avanguardia, un’app mobile e una social media strategy.\r\n\r\n[gallery ids=\"462510,462511,462512\"]","post_title":"AlUla lancia oggi la sua prima campagna globale 'Forever Revitalising', in 9 mercati","post_date":"2024-02-29T14:00:15+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709215215000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462520","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La crescita del fenomeno affitti brevi (e medi) fa aumentare in Europa la popolarità dell'asset class multifamily tra gli investitori istituzionali o privati, che si dimostrano sempre più interessati alle proprietà costituite da più appartamenti destinati totalmente alla locazione di vario tipo. In Europa questi rappresentano ormai il 17% del totale. In Italia si stima che la percentuale sia di poco oltre il 10%, ma con un trend di crescita sostenuto. Destinatari di tale offerta sono soprattutto società di relocation, giovani professionisti o lavoratori in trasferta, digital nomads, viaggiatori per periodi lunghi, ma anche famiglie per breve tempo. Ad affermarlo è uno studio della società di property management Halldis, per cui la gestione di asset multifamily rappresenta oltre il 30% del proprio fatturato.\r\n\r\nNel dettaglio, nel nostro Paese sono circa 465 mila gli immobili residenziali immessi negli affitti brevi con licenze private, mentre 120 mila sono gestiti in maniera professionale da property manager (fonte: Scenari Immobiliari, 2023). Il giro d’affari degli affitti brevi complessivo è di 1,5 miliardi di euro. Le seconde case sono invece 14,6 milioni, di cui 8,1 milioni affittate o non disponibili e 6,5 milioni disponibili sul mercato (elaborazione dati Istat, 2021). A queste ultime, in particolare se ubicate in contesti di rigenerazione urbana dove la domanda di studenti e lavoratori fuori sede è elevata, guardano dunque gli investitori istituzionali o i fondi privati, per realizzare operazioni immobiliari e affidare spesso l’asset a società specializzate.\r\n\r\nBen consolidata negli Stati Uniti, l'asset multifamily sta dunque crescendo anche in Europa, dove dovrebbe raggiungere un volume di investimenti vicino agli 80 miliardi di euro entro il 2025, con un aumento del 20% in cinque anni (fonte: “European multifamily housing report 2023” di Cbre), così come in Italia, dove la crescita prevista è appunto anche qui del 20% al 2025 (fonte: Halldis). In particolare, il mercato tedesco dell’asset multifamily tocca i 48 miliardi di euro, il danese i 7 miliardi e lo svedese gli 11 miliardi. “Il profilo di reddito del settore multifamily per il vacation rental e per la corporate hospitality – afferma Riccardo Di Carlo, product manager di Halldis – attrae un'ampia gamma di investitori, in quanto caratterizzato da pochi momenti di bassa redditività, grazie alla diversificazione del prodotto e alla complementarità delle offerte. Nella gestione di tali strutture, il property manager gioca un ruolo cardine agendo da collettore di diverse figure: dal building manager addetto al coordinamento di tutti i servizi facility all’asset manager, che verifica rendimenti e costi, fino al community manager. Tramite partnership aziendali nei palazzi che gestiamo a Roma, Bologna, Mestre, Ostuni e Gressoney-Saint-Jean, il rendimento delle prenotazioni è aumentato del 20%, e il costo operativo vede un importante ribasso essendo le attività tutte concentrate”.","post_title":"Halldis: cresce l'interesse di fondi e investitori istituzionali per l'asset class multifamily","post_date":"2024-02-29T12:59:09+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709211549000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462405","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462406\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Davide Rosi[/caption]\r\n\r\nRivoluzione in casa Mister Holiday, che diventa Mrh Group accrescendo al contempo il proprio portfolio di nuove business unit. La novità è stata annunciata durante la convention del network, svoltasi a bordo della Costa Smeralda, durante il festival di Sanremo, alla quale ha partecipato il 90% delle agenzie affiliate, a tutt’oggi oltre 80 punti vendita. Mrh Group, che fa capo al gruppo Volonline, nasce dunque da una completa riorganizzazione della rete, che ha visto anche l’ingresso, in qualità di amministratore di Davide Rosi, che affiancherà Laura Sandrini e Fabio Bignotti.\r\n“La dimensione di Mister Holiday necessitava di un’ulteriore spinta alla crescita e di una presenza capillare in tutti i canali di distribuzione possibili al fine di raggiungere il consumatore finale - commenta lo stesso Rosi -. Il progetto è stato strutturato secondo alcune linee di business che vedono in primo piano una crescita della rete di agenzie fisiche in franchising e dei consulenti di viaggi, lo sviluppo di partnership commerciali, il presidio di canali e-commerce e social attraverso una divisione focalizzata sugli strumenti di nuova generazione e la formazione continua e puntuale”.\r\n\r\nMrh Group è ora l’ombrello sotto il quale si trovano le business unit multicanale: Mister Holiday, rete di agenzie di viaggi con la formula di affiliazione in franchising e centrale di acquisto; Yodi, Your Destination Identity, rete di consulenti di viaggi senza agenzia fisica; Travel Life, business unit flessibile per presidiare il mondo digital e per adattarsi a nuovi modelli tecnologici e distributivi, Puoy e Uniqueborn, per lo sviluppo di viaggi di gruppo con esperti accompagnatori e viaggi per social traveller.\r\n\r\n“Tutte le business unit hanno importanti obiettivi di crescita da qui ai prossimi cinque anni - prosegue Rosi -. Nel breve-medio periodo contiamo di raggiungere le 200 agenzie di viaggi fisiche e di aumentare considerevolmente il numero dei consulenti di viaggi. Stiamo implementando diversi strumenti di marketing territoriale e tecnologici per sostenere sempre di più i punti vendita e i consulenti, rendendoli sempre più competitivi e preparati di fronte a un mercato e un cliente in continuo cambiamento”. Prevista pure l’istituzione di una Academy con corsi di formazione continua e una rete di promotori sul territorio, che lavoreranno a stretto contatto con le agenzie incentivando anche nuovi ingressi","post_title":"Volonline riorganizza la rete Mister Holiday che diventa Mrh Group","post_date":"2024-02-28T12:09:46+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1709122186000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462387","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462391\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Uno scorcio di Cuneo[/caption]\r\n\r\nE' a Cuneo la new entry di Phi Hotels, compagnia alberghiera del gruppo Xenia Hôtellerie Solution, società da pochi mesi quotata sull'Euronext Growth della Borsa di Milano. L'operazione ha comportato l'acquisizione dell’azienda alberghiera Hotel Principe di Piemonte e riguarda la struttura omonima che dal prossimo 1° aprile sarà ribrandizzato Phi Hotel Principe di Piemonte, portando così a sette il numero di indirizzi gestiti dal gruppo alberghiero di Xenia.\r\n\r\nIl nuovo 4 stelle è la proprietà di riferimento della città di Cuneo, posizionata nella centralissima piazza Galimberti, con 50 camere e una clientela consolidata italiana e internazionale. “La presenza in Piemonte. in particolare nel cuneese. era nelle previsioni del nostro piano aziendale - spiega l'amministratore delegato di Xenia, Ercolino Ranieri -. Aver acquisito un’azienda eccellente come il Principe di Piemonte, ottimamente condotto dalla famiglia Maccario, permette al brand Phi Hotels di accrescere la nostra offerta anche nel territorio piemontese”.\r\n\r\n“La nuova acquisizione ci consentirà di rappresentare il nostro modello di ospitalità in un contesto a vocazione sia leisure sia corporate - aggiunge il Phi Hotels development manager, Donato Sambuco -. La presenza storica in città e le persone presenti in albergo saranno un punto di partenza importante per noi”. L’operazione è stata definita con la struttura interna di due diligence della società, i suoi consulenti e con il supporto dei professionisti di Tls Associazione professionale di avvocati e commercialisti, nonché PricewaterhouseCoopers Business Services. La famiglia Maccario è stata assistita da Marco Caviglioli e dall'avvocato Enrico Narciso.","post_title":"Phi Hotels aumenta l'offerta con il Principe di Piemonte di Cuneo","post_date":"2024-02-28T11:16:08+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709118968000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462376","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Punta sul turismo esperienziale, tra degustazioni di prodotti locali, visita di aziende agricole e cantine vinicole, nonché cooking-class il nuovo catalogo Guiness Travel dedicato alla programmazione Italia: 36 itinerari esclusivi di Arte, enogastronomia ed esperienze alla scoperta delle meraviglie del Bel Paese, disponibili online e scaricabili sul portale www.guinesstravel.com.\r\n\r\nAssoluta novità è il Gran Tour Italia, della durata di 30 giorni: un viaggio che attraversa le principali attrazioni del paese tra città d’arte, borghi, natura e mare. Confermato anche il format 5 Sensi, caratterizzato da un ventaglio di attività mirate a riconnettere il viaggiatore con la ricchezza autentica del territorio, svelando i segreti di molte regioni italiane. Sugli scudi la Sicilia, prima meta per numero di itinerari: sono infatti nove i tour che si dispiegano tra territorio continentale e le isole più celebri, tra cui Eolie, Egadi e Pantelleria. “Siamo lieti di aver lanciato il prodotto Italia, a cui siamo molto legati in quanto consapevoli della bellezza unica del nostro paese\", spiega la responsabile marketing del to, Elvira D’Aversa.\r\n\r\nIl catalogo monografico sulla Penisola segue i precedenti 14 dedicati all’Europa e al Mondo, in attesa del lancio imminente degli ultimi cinque: in totale 20 folder suddivisi per destinazioni e macroaree geografiche e il catalogo generale riepilogativo. “Nel frattempo, stiamo proseguendo a ritmo sostenuto con le nostre attività commerciali e di comunicazione: la pubblicazione e la distribuzione capillare dei folder, il proseguimento del roadshow Ci vediamo da te con tappe da sold-out in tutta Italia, il programma di formazione b2b Guiness Lounge in previsione fino a giugno. E proprio il 6 marzo, giorno del prossimo webinar, lanceremo una novità assoluta della nostra programmazione 2024”, conclude  Elvira D’Aversa con un tocco di mistero.","post_title":"Disponibile il nuovo catalogo Italia di Guiness Travel","post_date":"2024-02-28T10:30:59+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1709116259000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462225","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Croatia Airlines è pronta ad ampliare il network grazie all'imminente arrivo di nuovi aeromobili Airbus A220, pur mantenendo fermo l'impegno a dare priorità alle rotte all'interno dell'Europa e della regione mediterranea.\r\n\r\n\"I nostri analisti del network monitorano meticolosamente l'evoluzione delle preferenze e delle richieste dei nostri passeggeri, oltre alle tendenze del settore dell'aviazione - ha dichiarato Jasmin Bajić, ceo di Croatia Airlines, ripreso da EX-YU Aviation -. Mentre alcune rotte operano tutto l'anno da Zagabria, altre sono stagionali e partono dalla nostra pittoresca costa adriatica. L'attenzione per tutte le nuove potenziali destinazioni rimane prevalentemente in Europa e nel Mediterraneo\".\r\n\r\nEvidenziando i vantaggi legati all'ingresso in flotta dei nuovi ì A220, Bajić ha sottolineato la \"capacità di soddisfare le esigenze specifiche dei passeggeri, favorendo al contempo un modello commerciale più snello, che consentirà di ottimizzare l'efficienza operativa. Questo, a sua volta, aprirà ulteriori prospettive commerciali, facilitando la graduale espansione della nostra rete\".\r\n\r\nBajić ha ricordato che il primo dei 15 Airbus A220 dovrebbe arrivare a Zagabria entro giugno 2024, mentre un altro velivolo dovrebbe essere consegnato entro la fine dell'anno. \"Il primo aeromobile sarà integrato nella flotta di Croatia Airlines il prossimo giugno, seguito a ruota dalla seconda unità verso la fine di quest'anno. Successivamente, prevediamo la consegna di altri sei aerei nel 2025, seguiti da altri quattro nel 2026 e dai restanti tre nel 2027\".","post_title":"Croatia Airlines: nuovo impulso al network con l'ingresso in flotta degli A220","post_date":"2024-02-26T10:59:50+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708945190000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti