21 September 2021

L’Ungheria di EnjoyDestinations ricomincia a fine estate

[ 0 ]

Quale migliore occasione di un Gran Premio imminente per incontrare addetti ai lavori e partner del rivenditore esclusivi per l’Italia dei pacchetti Formula 1 Experiences? E’ quello a cui deve aver pensato Kkm Group, che ha organizzato un evento ad hoc alle porte di Milano in collaborazione con Visit Hungary, con l’idea di presentare la programmazione e i prossimi progetti sulla destinazione del proprio to di casa EnjoyDestinations.

“Guardiamo con fiducia al futuro e abbiamo già impostato una serie di programmi tra fine estate e autunno per visitare il Paese in totale sicurezza – spiega la responsabile programmazione dell’operatore, Manuela Altinier –. Purtroppo quest’anno non abbiamo potuto programmare il Gp di Ungheria come avremmo voluto. Normalmente proponiamo diverse formule, rivolte agli appassionati di sport e motori, ma anche agli accompagnatori meno interessati, che possono optare per eclettiche escursioni alla scoperta del territorio”

Ma l’Ungheria è una meta versatile, con le carte in regola per stupire i viaggiatori più esperti, aggiunge il presidente di Kkm Group, Andrea Cani: “È adatta inoltre a un target trasversale e offre un ottimo rapporto qualità prezzo anche in ottica mice. Siamo partiti da Budapest e dai dintorni, ma è nostra intenzione allargare progressivamente il raggio d’azione a tutto il Paese. Ci auguriamo solo di poter contare sulla stabilità necessaria per programmarlo con continuità”.

Tra le prime proposte in cantiere rientrano quindi i classici pacchetti sulla capitale, abbinati ad alcuni degli eventi di maggior interesse della città. In linea con lo stile che orienta tutta la programmazione del tour operator, ogni proposta di viaggio è costruita su misura per il cliente, allo scopo di offrirgli l’opportunità di entrare direttamente in contatto con la cultura e le tradizioni locali. Per visitare la città, EnjoyDestinations propone city tour tematici a piedi, in bici o in auto. La scelta poggia su tutti gli asset della destinazione: dalla tradizione enogastronomica all’offerta termale, fino alla dimensione folcloristica.

Le buone forchette possono poi optare per gli itinerari degustazione nelle pasticcerie, nelle birrerie e nelle enoteche più famose, ma possono anche scegliere il tour guidato del mercato Centrale per fare la spesa e imparare a cucinare i piatti della tradizione, sotto la guida di esperti chef. Anche sul fronte del benessere si spazia dagli ingressi alle terme più famose, come le Gellert e i bagni Széchenyi, fino alle full immersion di due giorni al centro geotermico di Heviz, vicino al lago Balaton, con l’acqua a temperatura sempre tra i 26 e i 38 gradi, anche durante l’inverno. Non mancano neppure le proposte in occasione degli eventi, come la trentesima edizione del Budapest Wine Festival che dal 23 al 26 settembre accoglierà al castello di Buda il meglio della produzione locale, ormai famosa in tutto il mondo.

Il primo weekend di ottobre, invece, sarà la volta del National Gallop: manifestazione ippica che si svolge nella maestosa cornice della piazza degli Eroi e rielabora in chiave contemporanea una delle più antiche tradizioni locali; per due giorni l’area si trasforma in un enorme ippodromo, con 6.200 metri quadrati di sabbia, scuderie e tribune, tra cortei in costume, rievocazioni di battaglie storiche e la corsa delle bighe. Un’opportunità per scoprire altre tradizioni secolari: fabbri che battono ferri di cavallo, donne in costume che ricamano motivi floreali e tessitori che creano cesti di paglia o tappeti di lana.

Seguono dal 28 novembre i mercatini di Natale, con suggestivi allestimenti nelle principali piazze e tante luccicanti decorazioni che rendono la città ancora più magica. E con il nuovo anno, imperdibile a febbraio il Buso Carnival di Mohács, nel sud dell’Ungheria, lungo il Danubio: sei giorni di festeggiamenti per celebrare la fine dell’inverno. L’evento prende il nome dai Busos, persone in costume dall’aspetto spaventoso, con maschere di legno e grandi mantelli di lana. Tra gli appuntamenti clou, l’arrivo di più di 500 Busos in barca a remi sul Danubio e il falò nella piazza centrale.

Sul fronte luxury, quindi, da non perdere è il sorvolo del lago Balaton fino alla penisola di Tihany, per ammirare la regione dei parchi e delle riserve nazionali. In alternativa, un tour di una giornata alla scoperta dei vigneti dove si produce il Tokaji Aszú, considerato uno dei vini più importanti dell’intera Europa Orientale: deve la sua particolarità a una muffa che si sviluppa grazie al microclima locale e ancora oggi è prodotto secondo un antico e laborioso procedimento, da cui dipende la sua peculiare dolcezza. E ancora, navigazione in barca a vela sul lago Balaton e la visita della regione dell’ansa del Danubio con Esztergom, l’ex capitale sede della chiesa cattolica ungherese con la terza basilica più grande d’Europa, Visegrad, con la fortezza medievale, e Szentendre, affascinante villaggio degli artisti, con bellissimi musei e gallerie d’arte. Il tutto con trasferimenti e guida su base privata.

Nella migliore tradizione EnjoyDestinations, c’è spazio infine anche per la vita notturna, compatibilmente con i regolamenti locali: dalla taverna dove bere un bicchiere insieme alla gente del posto a inaspettati rooftop con dj set per un aperitivo glamour al tramonto. Un esempio su tutti, l’insolita gemma nascosta tra i tetti di Budapest, The Duchess: una liquoreria segreta ispirata dall’arciduchessa Maria Klotild, che commissionò il palazzo Matild, il quale includeva una sezione clandestina sul tetto che fungeva da luogo di ritrovo per il movimento della Decadenza. Il bar uber-chic è accessibile attraverso un’entrata nascosta e ascensori privati che portano gli ospiti in un altro mondo.

“Abbiamo scelto Kkm Group per questa iniziativa perché ci permette di valorizzare la destinazione sotto più punti di vista – sottolinea l’head of business development Italy di Visit Hungary, Máté Terjék -. A cominciare da un evento glamour e ricco di attrattiva a livello internazionale come il Gran Premio. Parallelamente, la filosofia di EnjoyDestinations ci aiuta a promuovere le tradizioni locali e la conoscenza dell’intero Paese”.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti