26 November 2022

Burgio, Alpitour: ebitda del gruppo oltre i 30 milioni di euro

[ 0 ]

Torna il segno più nei conti del gruppo Alpitour che chiude il bilancio a fine ottobre con margini operativi lordi superiori ai 30 milioni di euro (ebitda), grazie a un fatturato che raggiunge gli 1,6 miliardi, come Gabriele Burgio ci aveva già anticipato in occasione della fiera di Rimini. A contribuire sensibilmente alle performance della compagnia, racconta al Corriere della Sera lo stesso amministratore delegato e presidente del gruppo, gli importanti investimenti effettuati in tecnologia: 50 milioni in tre anni, a cui si aggiunge l’assunzione di 40 nuove risorse per un team It che nel 2023 andrà oltre le 130 unità. In estate la compagnia ha quindi registrato 150 mila transazioni tra attività di tour operating, hotel, incoming e voli Neos

Risultati ovviamente accolti con grande soddisfazione da Burgio, che sottolinea come siano stati raggiunti nonostante un inverno ancora condizionato dalla mole notevole di mete chiuse. Ecco quindi che per il prossimo anno l’a.d. conferma l’obiettivo di raggiungere e superare quota 2 miliardi di euro di fatturato. Nel medio periodo non si esclude infine la quotazione in Borsa. Per farlo è però necessario possedere asset, sottolinea Burgio. Ecco allora il piano di investimenti in strutture alberghiere con il brand lusso VRetreats della divisione Voihotels: al momento gli indirizzi sono cinque, ma in pipeline con arrivo a breve, come ci ha raccontato qualche settimana fa il director of sales & marketing di Voihotels, Angelo La Riccia, ci sono già almeno altri tre hotel, tra cui una proprietà a Firenze.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434831 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un viaggio inaugurale di 15 notti attraverso i fiordi e oltre il Circolo polare artico, salpando in direzione del Nord Europa e attraccando in 12 destinazioni di quattro Paesi. Explora Journeys ha svelato oggi i dettagli del viaggio inaugurale di Explora I, la prima delle sue navi, che partirà il 17 luglio 2023 da Southampton nel Regno Unito. “Fin dal primo giorno, abbiamo avuto una visione chiara con l'obiettivo di creare una nuova esperienza di viaggio sul mare - spiega il ceo del brand lusso di casa Msc, Michael Ungerer -. Siamo molto felici che, nel corso del suo viaggio inaugurale, la nostra prima nave da crociera Explora I, di una categoria a sé stante, consentirà agli ospiti di conoscere alcune delle destinazioni più belle del Nord Europa, offrendo loro un'ospitalità impeccabile sul mare”. Salpando da Southampton, Explora I toccherà quindi Zeebrugge in Belgio e Geiranger, Trondheim, Molde, Leknes, Brønnøysund, Flåm, Bergen e Stavanger in Norvegia, prima di proseguire per la Danimarca, dove visiterà Skagen e la capitale del paese, Copenaghen.   [post_title] => Regno Unito, Belgio, Norvegia e Danimarca tra le tappe del viaggio inaugurale di Explora I [post_date] => 2022-11-25T12:06:52+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669378012000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434785 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Chiude a 830 milioni di euro l'anno del comparto tour operating di Alpitour World: la metà del fatturato complessivo di 1,6 miliardi del gruppo. «Non siamo ancora ai livelli del 2019 - racconta il general manager tour operating della compagnia, Pier Ezhaya, a margine della presentazione del nuovo logo -. Ma già dall'anno prossimo prevediamo di tornare sugli 1,35 miliardi di tre anni fa!. Molto bene stanno andando soprattutto le Maldive, l'Egitto e la Repubblica Dominicana. «Quest'ultima destinazione - prosegue Ezhaya - pare aver preso un po' il posto di Messico e Cuba come star dell'area caraibica. Buone poi le performance dell'Africa Orientale, soprattutto di Kenya e Zanzibar». «Per il 2023 ci aspettiamo quindi una ripresa del Messico e soprattutto una crescita su Mauritius, dove per la prima volta nella nostra storia posizioneremo un volo Neos, a partire dal prossimo 20 dicembre. Ci aspettiamo inoltre un Egitto ancora tonico e una Tunisia in recupero. La meta maghrebina potrebbe in particolare guadagnare quote di mercato a scapito di altre destinazioni mediterranee tradizionalmente più care come la Spagna e la Grecia, che potrebbero risentire della crescita dell'inflazione e della conseguente perdita di potere d'acquisto dei viaggiatori. Sul lungo raggio, infine, continuano a esercitare un grande appeal gli Stati Uniti, nonostante il cambio euro-dollaro sfavorevole. Ci attendiamo poi la ripartenza forte di Giappone e Thailandia e una sostanziale conferma dell'Indonesia". Reset della domanda A faticare un po' sono invece le mete nuove. Quelle destinazioni lanciate nel 2019, appena prima dello scoppio della pandemia, che all'epoca sembravano godere di ottime prospettive e che ora invece stentano a trovare spazio tra i desiderata degli italiani. "E' un po' come se il Covid avesse generato una sorta di reset nella domanda. Poca Naxos in Grecia, quindi per intenderci, ma si torna invece volentieri e Mykonos, Creta e Rodi. Anche l'Oman, che prometteva benissimo, oggi soffre un po'. «Noi però non ci fermiamo e oltre a trovare nuove strategie per queste mete, continuiamo a pensare anche ad altre destinazioni. Al momento stiamo per esempio studiando la Guinea Equatoriale, che ha molto da offrire soprattutto dal punto di vista naturalistico, e abbiamo introdotto una nuova declinazione di Doha. Il tutto, senza naturalmente dimenticare la novità Arabia Saudita: direi inevitabile visti gli investimenti che il Paese sta effettuando per valorizzare la propria proposta turistica». [post_title] => Ezhaya, Alpitour: il to chiude a 830 mln. Nel 2023 ai livelli pre-Covid [post_date] => 2022-11-25T09:15:26+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza [1] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza [1] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669367726000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434787 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_434788" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Christian Catiello, Gabriele Burgio e Tommaso Bertini. Sopra il nuovo logo Alpitour World[/caption] Il gabbiano che rappresenta i 75 anni di storia della compagnia, armonicamente inserito nelle pieghe del simbolo dell'infinito. "Infinito come le infinite emozioni di una vacanza; infinito come il nostro infinito amore per il mondo; e infinito come l'infinito impegno dei nostri team".  Così Tommaso Bertini descrive la nuova immagine di Alpitour World recentemente presentata a Milano insieme al neonato sito corporate, che intende raccogliere tutte le molteplici anime della compagnia. "In fondo - prosegue l'head of corporate & tour operating marketing della compagnia - l'unica costante in natura è proprio il cambiamento. Solo così un'azienda come la nostra può continuare a prosperare e ad avere successo". Un'evoluzione che oggi si basa su tre pilastri fondamentali, quasi specchio della Trevolution lanciata poco più di un anno fa per riorganizzare i brand del tour operating della compagnia: "In primis abbiamo la tecnologia - racconta il managing director organization Alpitour, Christian Catiello -: con il progetto inNova abbiamo investito 50 milioni di euro in tre anni e dall'anno prossimo il nostro team It sarà composto da 135 risorse, per una crescita di circa il 50% rispetto a oggi. Poi c'è il tema della sostenibilità, su cui ci impegniamo da tempo e che recentemente ha tra l'altro per esempio visto l'introduzione dei saponi solidi all'interno delle nostre strutture ricettive, mentre la flotta Neos è la più giovane d'Europa, garantendoci così sensibili risparmi sui consumi di carburante. Infine, ma non per ultime, ci sono le persone. Proprio in questi giorni la rivista Forbes ci ha posizionato all'ottavo posto in Italia tra le aziende migliori in cui lavorare e siamo stati inclusi nella top 300 del Vecchio continente: un risultato che ci riempie d'orgoglio e che credo sia il frutto della nostra attenzione verso la formazione, la crescita e le esigenze personali". "Le difficoltà di questi anni ci hanno portato a riflettere a lungo e profondamente - conclude il presidente e ceo di Alpitour World, Gabriele Burgio -. Abbiamo quindi semplificato la nostra proposta di prodotto con la Trevolution; siamo riusciti a rifinanziare un'azienda che durante la pandemia perdeva il 75% del proprio fatturato; abbiamo puntato sull'innovazione e abbiamo continuato lungo percorsi che avevamo intrapreso già prima della pandemia. Ora abbiamo una macchina più snella, in grado di gestire migliaia di transazioni al giorno con una velocità prima impensabili. Un'efficienza che tra le altre cose dà alle nostre risorse umane la possibilità di impegnarsi in attività a maggiore valore aggiunto. L'azienda insomma è cambiata molto. Abbiamo quindi ritenuto naturale mutarne anche l'identità visiva. Ma tutto ciò ovviamente non può e non deve essere un punto d'arrivo, bensì l'inizio e il continuo di un percorso verso una sempre maggiore flessibilità".   [post_title] => Alpitour World cambia immagine e affianca l'infinito allo storico gabbiano della compagnia [post_date] => 2022-11-25T09:05:41+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669367141000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434468 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Torna il segno più nei conti del gruppo Alpitour che chiude il bilancio a fine ottobre con margini operativi lordi superiori ai 30 milioni di euro (ebitda), grazie a un fatturato che raggiunge gli 1,6 miliardi, come Gabriele Burgio ci aveva già anticipato in occasione della fiera di Rimini. A contribuire sensibilmente alle performance della compagnia, racconta al Corriere della Sera lo stesso amministratore delegato e presidente del gruppo, gli importanti investimenti effettuati in tecnologia: 50 milioni in tre anni, a cui si aggiunge l'assunzione di 40 nuove risorse per un team It che nel 2023 andrà oltre le 130 unità. In estate la compagnia ha quindi registrato 150 mila transazioni tra attività di tour operating, hotel, incoming e voli Neos Risultati ovviamente accolti con grande soddisfazione da Burgio, che sottolinea come siano stati raggiunti nonostante un inverno ancora condizionato dalla mole notevole di mete chiuse. Ecco quindi che per il prossimo anno l'a.d. conferma l'obiettivo di raggiungere e superare quota 2 miliardi di euro di fatturato. Nel medio periodo non si esclude infine la quotazione in Borsa. Per farlo è però necessario possedere asset, sottolinea Burgio. Ecco allora il piano di investimenti in strutture alberghiere con il brand lusso VRetreats della divisione Voihotels: al momento gli indirizzi sono cinque, ma in pipeline con arrivo a breve, come ci ha raccontato qualche settimana fa il director of sales & marketing di Voihotels, Angelo La Riccia, ci sono già almeno altri tre hotel, tra cui una proprietà a Firenze. [post_title] => Burgio, Alpitour: ebitda del gruppo oltre i 30 milioni di euro [post_date] => 2022-11-21T11:48:14+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669031294000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434440 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Neos è tornata a collegare l'Italia alla Giamaica: ieri, 20 novembre, la compagnia aerea del gruppo Alpitour è decollata da Milano Malpensa alla volta di Montego Bay, rotta che durante l'inverno 2022-23 sarà servita ogni domenica, con partenza alle ore 9.00 e arrivo alle ore 16.30 locali; a questa, dal 23 dicembre, si aggiungerà un altro collegamento da Verona, operato ogni venerdì alle ore 9 e che atterrerà in Giamaica alle ore 16.45 locali. Il collegamento contribuirà ad aumentare i flussi turistici dall’Italia. L’inaugurazione del volo, inoltre, coincide con una settimana positiva e ricca di soddisfazioni per la destinazione: mercoledì scorso Lonely Planet ha annunciato, infatti, di averla inserita tra le destinazioni imperdibili per il 2023, per la categoria “Unwind”.   [post_title] => Neos di nuovo operativa sulle rotte Italia-Giamaica con i voli da Milano e Verona [post_date] => 2022-11-21T09:28:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669022932000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434395 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si parte dal restyling del sito che diventerà sempre più uno strumento di vendita per le adv, nonché di consultazione e ispirazione per i viaggiatori. Sempre online debutteranno poi nuovi format emozionali sui social per invitare i clienti in adv. "A livello di contenuti proporremo prodotti inediti dal taglio esperienziale, sviluppando tra l'altro ulteriormente la linea King Plus che offre un valore aggiunto sui servizi sia individuali sia gruppi". Ha le idee chiare sul futuro di King Holidays il nuovo direttore commerciale, Roberto Minardi, approdato recentemente nell'operatore capitolino dopo un'ultra-trentennale carriera in realtà come Sprintours, Alpitour, i Viaggi del Ventaglio, Settemari, Futura Vacanze e Gruppo Oltremare Caleidoscopio. L'obiettivo, racconta lo stesso Minardi, è quello di riposizionare King Holidays sul mercato outgoing, dopo che negli ultimi due anni l'operatore si era, per forza di cose, spostato maggiormente verso l'incoming e il mercato domestico: "E' entusiasmante entrare a far parte di un tour operator consolidato come questo, con 30 anni di storia alle spalle, che ha ancora voglia di investire e di crescere". Il tutto naturalmente puntando sulle agenzie: "Abbiamo già in cantiera un vasto programma formativo - aggiunge il neodirettore commerciale -. A cominciare da una serie di fam trip che prenderanno il via già il prossimo 24 novembre con un combinato Portogallo - Marocco, a cui seguiranno Malta, Azzorre e Turchia. In calendario ci sono anche gli eventi a tema organizzati con gli enti. Prevediamo uno o due appuntamenti a bimestre, a cui si aggiungeranno naturalmente i tradizionali workshop". A livello commerciale, il piano è quello di dare più sostanza possibile alle agenzie Royal King, "che generano da sole circa il 40% del nostro fatturato complessivo e sono quelle che ci hanno sostenuto anche durante la pandemia. Naturalmente però non trascureremo neppure il resto del mercato, anzi continueremo sviluppare nuove collaborazioni con quanti più punti vendita possibile". Grande attenzione sarà data in particolare all'advance booking, con il nuovo contratto commerciale che tenderà a premiare le agenzie in grado di vendere gli individuali a 30 o a 60 giorni dalla partenza (King Prime 30 e King Prime 60). Non mancheranno neppure le King Flash Sales, dedicate sia al last minute, sia alle prenotazioni anticipate. [post_title] => Minardi, King Holidays: adv cuore del rilancio dell'outgoing [post_date] => 2022-11-18T13:33:42+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668778422000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434299 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le Isole Canarie attraggono un sempre maggior numero di remote workers: dal 2020, quando l’Ente per il turismo ha deciso di scommettere su questo segmento di viaggiatori, gli arrivi nell'arcipelago sono aumentati in modo esponenziale. Una scommessa, quella sugli smart workers, che viene rilanciata oggi con una nuova campagna che punta a sottolineare i costi bassi e l’aumento del risparmio. Tale campagna si snoderà tra novembre e dicembre nei seguenti mercati: Regno Unito, Germania, Spagna, Francia, Belgio, Paesi Bassi, Svezia, Svizzera, Finlandia, Irlanda, Repubblica Ceca e Italia.  Nel 2022 le Canarie hanno già accolto 45.800 remote workers (secondo i dati di Nomad List  aggiornati ad ottobre 2022). Solo nel 2021 sono arrivati quasi 47.000 telelavoratori, superando l'obiettivo dei 30.000 che l’Ente per il turismo delle Canarie si era prefissato in cinque anni. La maggior parte degli arrivi proviene da Germania (27%), Regno Unito (12%), Paesi Bassi (10%), Repubblica Ceca (8%), Stati Uniti (6,6%), Spagna (6,6%) e Irlanda (5%). "Durante gli ultimi mesi del 2020 e per tutto il 2021 abbiamo lavorato per posizionare le Canarie tra le scelte di chi cerca un posto per lavorare a distanza - spiega Yaiza Castilla, Ministro del Turismo, dell'Industria e del Commercio del Governo delle Isole Canarie - Per questo motivo, in questa campagna abbiamo voluto porre l’accento su argomenti come la presenza di banda larga, i collegamenti aerei internazionali, e il concetto di #Aftertelework. Vogliamo dire alle persone cosa possono fare sulle isole una volta terminata la giornata lavorativa, quali sono le infinite possibilità per il tempo libero, quali le micro-destinazioni turistiche e le attività all'aria aperta in uno dei migliori ambienti naturali di tutta Europa". Sempre secondo i dati di Nomad List, l’arcipelago spagnolo è in media il luogo dove sperimentare il maggiore aumento della capacità di risparmio a seconda del reddito generato nel paese di origine dei remote workers. Lavorare a Tenerife, Lanzarote, Gran Canaria e Fuerteventura, per esempio, offre una capacità di risparmio del 61% per un reddito di 50.000 dollari rispetto a Madeira, al secondo posto della classifica. [post_title] => Canarie sempre più al top per i lavoratori a distanza. Nuova campagna di promozione [post_date] => 2022-11-17T12:03:47+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668686627000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433955 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Alpitour World stringe un patto di collaborazione con la Saudi Tourism Authority nell'ottica di incentiva nuovi flussi di viaggiatori verso la destinazione nel prossimo futuro. Il memorandum di intesa è stato siglato durante il Wtm di Londra: “Alpitour World è da sempre pioniere nella promozione di mete dall’elevato potenziale, per questo già da questa stagione presenteremo viaggi high level attraverso il Brand Turisanda1924. Un primo tassello che speriamo di ampliare nel prossimo futuro con una maggiore e diversificata programmazione che andrà a rafforzare lo sviluppo del turismo in questo territorio” ha affermato Gabriele Burgio, presidente e amministratore delegato di Alpitour World. Fahd Hamidaddin, ceo e membro del Board del Saudi Tourism Authority, ha aggiunto: "L'offerta turistica saudita è incomparabile per ampiezza e varietà: una natura incontaminata, paesaggi disparati, un’affascinante cultura e un tessuto di eventi e iniziative in rapida crescita, oltre a un’autentica ospitalità. Siamo nel pieno di una grande trasformazione, a piena velocità e su vasta scala e stiamo cercando i partner giusti per coinvolgerli e renderli partecipi di questo viaggio. Questa partnership con Alpitour World sarà fondamentale per aiutarci a costruire la nuova immagine della destinazione per il viaggiatore italiano e per permetterci di accedere a una vasta rete di distribuzione con visibilità sia sul trade, sia verso il consumatore”. Per la stagione 2022-23, Alpitour World ha realizzato itinerari proposti da Turisanda1924 e Made by Turisanda, i due marchi high level del gruppo che permetteranno di entrare in contatto con la storia millenaria del Paese, i suoi tesori archeologici e la bellezza dei suoi paesaggi. Il marchio Turisanda1924 inserisce in programmazione due tour Voyager:  “Voyager Saudi”, da Jeddah a AlUla passando per Medina, della durata di sei giorni, e “Voyager Saudi Arabia & Riyadh”, da Jeddah a Riyadh passando per Medina e AlUla, di otto giorni. Ai due precedenti, si unisce poi l’itinerario “Principi del Deserto” di Made by Turisanda. [post_title] => Alpitour World stringe un patto con l'Arabia: primi itinerari con il brand Turisanda1924 [post_date] => 2022-11-11T10:42:03+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668163323000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433909 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Pianificazione e sostenibilità. Con la ripresa post-Covid, nel mondo del turismo tornano le sfide di sempre, che oggi però richiedono risposte nuove, adeguate ai tempi nuovi e soprattutto alle esigenze di territori e mercati. “Non è possibile che a livello istituzionale in Italia si parli solo e sempre con un orizzonte di massimo cinque - sei anni. E’ stato così con il piano strategico lanciato nel 2016 ed è quanto sta accadendo ancora oggi”, ha esordito Giorgio Palmucci durante il suo intervento in occasione dell’ottava edizione di Travel Hashtag: l’evento ideato da Nicola Romanelli, in corso in questi giorni a Borgo Egnazia, in Puglia. “Per far capire cosa i nostri competitor intendano per pianificazione di lungo periodo - ha quindi proseguito l’ex consigliere del ministero del Turismo - mi basti ricordare quello che mi ha raccontato recentemente al Wtm di Londra l’attuale amministratore delegato e presidente del gruppo Alpitour, Gabriele Burgio: all’epoca in cui era alla guida di Nh, all’inizio del nuovo millennio, fu convocato dalle istituzioni spagnole, insieme ad altri stakeholder del comparto, per ragionare sul futuro dell’industria dei viaggi. Ebbene, il loro orizzonte già guardava al 2030!”. Quasi il 50% di chi lavora nel turismo non è considerato parte integrante del comparto Ma non è solo questione di visione di lungo periodo, ha rimarcato il presidente di Federterziario Turismo, Enzo Carella: “Occorre far sì che chi si occupa di governance comprenda fino in fondo l’intera complessa articolazione della filiera del turismo: un sistema fatto da moltissime pmi e operatori, che quotidianamente lavorano per valorizzare l’industria dei viaggi. A oggi però una serie di professionalità, spesso di matrice consulenziale, non viene mappata. Si arriva quasi al 50% delle imprese e dei profili della filiera che non sono considerate parte del comparto. Mi viene per esempio in mente chi fa revenue management per l’hotellerie, ma anche il tanto vituperato comparto dell’extralberghiero che, se inquadrato con regole d’ingaggio condivise, può e deve essere incluso tra gli attori importanti del settore”. Un’industria tanto articolata e complessa non può quindi prescindere da un’adeguata segmentazione del mercato: “Si parla sempre di turismo, quando invece bisognerebbe discutere di turismi - ha sottolineato il group director operations di Rocco Forte Hotels, Antonello De Medici -. Chi investe nel lusso come noi è obbligato a prendere in considerazione l’intero ecosistema di servizi del territorio in cui si va a inserire. Il tutto in una visione che deve obbligatoriamente avere una prospettiva per lo meno decennale”. L’alta gamma può creare destinazioni alternative. A patto di essere socialmente sostenibile D’altro canto, il prodotto di alta gamma è potenzialmente in grado di creare destinazioni alternative, risolvendo tra l’altro le criticità legate al cosiddetto overtourism. Una questione aperta che fino almeno a tutto il 2019 toccava non poche destinazioni italiane: “Il cliente altospendente chiede esperienze, esperienze, esperienze - ha osservato il chief operating officer di Marzocco Group, Max Zanardi -. La dimensione della televisione in camera conta decisamente meno di prima. Ecco allora che potrebbe essere immaginabile persino trasformare i castelli della bassa cremonese in una nuova Loira (proprio a Cremona si terrà tra le altre cose il prossimo appuntamento italiano di Travel Hashtag, ndr)”. Tutto ciò, però, ha concluso Emanuele Manfroi, general manager del gruppo San Domenico Hotels (a cui appartiene anche Borgo Egnazia), esclusivamente a patto che “il prodotto di alta gamma sia realmente sostenibile per la comunità del territorio in cui è inserito”. Solo in questo modo, infatti, l’investimento di lusso diventa in grado di attivare un circolo virtuoso capace di far crescere tutto quello che c’è intorno.   [post_title] => Travel Hashtag: le sfide del turismo necessitano di risposte nuove [post_date] => 2022-11-11T09:22:13+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668158533000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "burgio alpitour ebitda del gruppo oltre i 30 milioni di euro" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":77,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":386,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434831","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un viaggio inaugurale di 15 notti attraverso i fiordi e oltre il Circolo polare artico, salpando in direzione del Nord Europa e attraccando in 12 destinazioni di quattro Paesi. Explora Journeys ha svelato oggi i dettagli del viaggio inaugurale di Explora I, la prima delle sue navi, che partirà il 17 luglio 2023 da Southampton nel Regno Unito.\r\n\r\n“Fin dal primo giorno, abbiamo avuto una visione chiara con l'obiettivo di creare una nuova esperienza di viaggio sul mare - spiega il ceo del brand lusso di casa Msc, Michael Ungerer -. Siamo molto felici che, nel corso del suo viaggio inaugurale, la nostra prima nave da crociera Explora I, di una categoria a sé stante, consentirà agli ospiti di conoscere alcune delle destinazioni più belle del Nord Europa, offrendo loro un'ospitalità impeccabile sul mare”. Salpando da Southampton, Explora I toccherà quindi Zeebrugge in Belgio e Geiranger, Trondheim, Molde, Leknes, Brønnøysund, Flåm, Bergen e Stavanger in Norvegia, prima di proseguire per la Danimarca, dove visiterà Skagen e la capitale del paese, Copenaghen.\r\n\r\n ","post_title":"Regno Unito, Belgio, Norvegia e Danimarca tra le tappe del viaggio inaugurale di Explora I","post_date":"2022-11-25T12:06:52+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669378012000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434785","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Chiude a 830 milioni di euro l'anno del comparto tour operating di Alpitour World: la metà del fatturato complessivo di 1,6 miliardi del gruppo. «Non siamo ancora ai livelli del 2019 - racconta il general manager tour operating della compagnia, Pier Ezhaya, a margine della presentazione del nuovo logo -. Ma già dall'anno prossimo prevediamo di tornare sugli 1,35 miliardi di tre anni fa!. Molto bene stanno andando soprattutto le Maldive, l'Egitto e la Repubblica Dominicana. «Quest'ultima destinazione - prosegue Ezhaya - pare aver preso un po' il posto di Messico e Cuba come star dell'area caraibica. Buone poi le performance dell'Africa Orientale, soprattutto di Kenya e Zanzibar».\r\n\r\n«Per il 2023 ci aspettiamo quindi una ripresa del Messico e soprattutto una crescita su Mauritius, dove per la prima volta nella nostra storia posizioneremo un volo Neos, a partire dal prossimo 20 dicembre. Ci aspettiamo inoltre un Egitto ancora tonico e una Tunisia in recupero. La meta maghrebina potrebbe in particolare guadagnare quote di mercato a scapito di altre destinazioni mediterranee tradizionalmente più care come la Spagna e la Grecia, che potrebbero risentire della crescita dell'inflazione e della conseguente perdita di potere d'acquisto dei viaggiatori. Sul lungo raggio, infine, continuano a esercitare un grande appeal gli Stati Uniti, nonostante il cambio euro-dollaro sfavorevole. Ci attendiamo poi la ripartenza forte di Giappone e Thailandia e una sostanziale conferma dell'Indonesia\".\r\nReset della domanda\r\nA faticare un po' sono invece le mete nuove. Quelle destinazioni lanciate nel 2019, appena prima dello scoppio della pandemia, che all'epoca sembravano godere di ottime prospettive e che ora invece stentano a trovare spazio tra i desiderata degli italiani. \"E' un po' come se il Covid avesse generato una sorta di reset nella domanda. Poca Naxos in Grecia, quindi per intenderci, ma si torna invece volentieri e Mykonos, Creta e Rodi. Anche l'Oman, che prometteva benissimo, oggi soffre un po'.\r\n\r\n«Noi però non ci fermiamo e oltre a trovare nuove strategie per queste mete, continuiamo a pensare anche ad altre destinazioni. Al momento stiamo per esempio studiando la Guinea Equatoriale, che ha molto da offrire soprattutto dal punto di vista naturalistico, e abbiamo introdotto una nuova declinazione di Doha. Il tutto, senza naturalmente dimenticare la novità Arabia Saudita: direi inevitabile visti gli investimenti che il Paese sta effettuando per valorizzare la propria proposta turistica».","post_title":"Ezhaya, Alpitour: il to chiude a 830 mln. Nel 2023 ai livelli pre-Covid","post_date":"2022-11-25T09:15:26+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza","topnews"],"post_tag_name":["In evidenza","Top News"]},"sort":[1669367726000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434787","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_434788\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Christian Catiello, Gabriele Burgio e Tommaso Bertini. Sopra il nuovo logo Alpitour World[/caption]\r\n\r\nIl gabbiano che rappresenta i 75 anni di storia della compagnia, armonicamente inserito nelle pieghe del simbolo dell'infinito. \"Infinito come le infinite emozioni di una vacanza; infinito come il nostro infinito amore per il mondo; e infinito come l'infinito impegno dei nostri team\".  Così Tommaso Bertini descrive la nuova immagine di Alpitour World recentemente presentata a Milano insieme al neonato sito corporate, che intende raccogliere tutte le molteplici anime della compagnia. \"In fondo - prosegue l'head of corporate & tour operating marketing della compagnia - l'unica costante in natura è proprio il cambiamento. Solo così un'azienda come la nostra può continuare a prosperare e ad avere successo\".\r\n\r\nUn'evoluzione che oggi si basa su tre pilastri fondamentali, quasi specchio della Trevolution lanciata poco più di un anno fa per riorganizzare i brand del tour operating della compagnia: \"In primis abbiamo la tecnologia - racconta il managing director organization Alpitour, Christian Catiello -: con il progetto inNova abbiamo investito 50 milioni di euro in tre anni e dall'anno prossimo il nostro team It sarà composto da 135 risorse, per una crescita di circa il 50% rispetto a oggi. Poi c'è il tema della sostenibilità, su cui ci impegniamo da tempo e che recentemente ha tra l'altro per esempio visto l'introduzione dei saponi solidi all'interno delle nostre strutture ricettive, mentre la flotta Neos è la più giovane d'Europa, garantendoci così sensibili risparmi sui consumi di carburante. Infine, ma non per ultime, ci sono le persone. Proprio in questi giorni la rivista Forbes ci ha posizionato all'ottavo posto in Italia tra le aziende migliori in cui lavorare e siamo stati inclusi nella top 300 del Vecchio continente: un risultato che ci riempie d'orgoglio e che credo sia il frutto della nostra attenzione verso la formazione, la crescita e le esigenze personali\".\r\n\r\n\"Le difficoltà di questi anni ci hanno portato a riflettere a lungo e profondamente - conclude il presidente e ceo di Alpitour World, Gabriele Burgio -. Abbiamo quindi semplificato la nostra proposta di prodotto con la Trevolution; siamo riusciti a rifinanziare un'azienda che durante la pandemia perdeva il 75% del proprio fatturato; abbiamo puntato sull'innovazione e abbiamo continuato lungo percorsi che avevamo intrapreso già prima della pandemia. Ora abbiamo una macchina più snella, in grado di gestire migliaia di transazioni al giorno con una velocità prima impensabili. Un'efficienza che tra le altre cose dà alle nostre risorse umane la possibilità di impegnarsi in attività a maggiore valore aggiunto. L'azienda insomma è cambiata molto. Abbiamo quindi ritenuto naturale mutarne anche l'identità visiva. Ma tutto ciò ovviamente non può e non deve essere un punto d'arrivo, bensì l'inizio e il continuo di un percorso verso una sempre maggiore flessibilità\".\r\n\r\n ","post_title":"Alpitour World cambia immagine e affianca l'infinito allo storico gabbiano della compagnia","post_date":"2022-11-25T09:05:41+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669367141000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434468","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Torna il segno più nei conti del gruppo Alpitour che chiude il bilancio a fine ottobre con margini operativi lordi superiori ai 30 milioni di euro (ebitda), grazie a un fatturato che raggiunge gli 1,6 miliardi, come Gabriele Burgio ci aveva già anticipato in occasione della fiera di Rimini. A contribuire sensibilmente alle performance della compagnia, racconta al Corriere della Sera lo stesso amministratore delegato e presidente del gruppo, gli importanti investimenti effettuati in tecnologia: 50 milioni in tre anni, a cui si aggiunge l'assunzione di 40 nuove risorse per un team It che nel 2023 andrà oltre le 130 unità. In estate la compagnia ha quindi registrato 150 mila transazioni tra attività di tour operating, hotel, incoming e voli Neos\r\n\r\nRisultati ovviamente accolti con grande soddisfazione da Burgio, che sottolinea come siano stati raggiunti nonostante un inverno ancora condizionato dalla mole notevole di mete chiuse. Ecco quindi che per il prossimo anno l'a.d. conferma l'obiettivo di raggiungere e superare quota 2 miliardi di euro di fatturato. Nel medio periodo non si esclude infine la quotazione in Borsa. Per farlo è però necessario possedere asset, sottolinea Burgio. Ecco allora il piano di investimenti in strutture alberghiere con il brand lusso VRetreats della divisione Voihotels: al momento gli indirizzi sono cinque, ma in pipeline con arrivo a breve, come ci ha raccontato qualche settimana fa il director of sales & marketing di Voihotels, Angelo La Riccia, ci sono già almeno altri tre hotel, tra cui una proprietà a Firenze.","post_title":"Burgio, Alpitour: ebitda del gruppo oltre i 30 milioni di euro","post_date":"2022-11-21T11:48:14+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669031294000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434440","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Neos è tornata a collegare l'Italia alla Giamaica: ieri, 20 novembre, la compagnia aerea del gruppo Alpitour è decollata da Milano Malpensa alla volta di Montego Bay, rotta che durante l'inverno 2022-23 sarà servita ogni domenica, con partenza alle ore 9.00 e arrivo alle ore 16.30 locali; a questa, dal 23 dicembre, si aggiungerà un altro collegamento da Verona, operato ogni venerdì alle ore 9 e che atterrerà in Giamaica alle ore 16.45 locali.\r\nIl collegamento contribuirà ad aumentare i flussi turistici dall’Italia. L’inaugurazione del volo, inoltre, coincide con una settimana positiva e ricca di soddisfazioni per la destinazione: mercoledì scorso Lonely Planet ha annunciato, infatti, di averla inserita tra le destinazioni imperdibili per il 2023, per la categoria “Unwind”.\r\n ","post_title":"Neos di nuovo operativa sulle rotte Italia-Giamaica con i voli da Milano e Verona","post_date":"2022-11-21T09:28:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669022932000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434395","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si parte dal restyling del sito che diventerà sempre più uno strumento di vendita per le adv, nonché di consultazione e ispirazione per i viaggiatori. Sempre online debutteranno poi nuovi format emozionali sui social per invitare i clienti in adv. \"A livello di contenuti proporremo prodotti inediti dal taglio esperienziale, sviluppando tra l'altro ulteriormente la linea King Plus che offre un valore aggiunto sui servizi sia individuali sia gruppi\". Ha le idee chiare sul futuro di King Holidays il nuovo direttore commerciale, Roberto Minardi, approdato recentemente nell'operatore capitolino dopo un'ultra-trentennale carriera in realtà come Sprintours, Alpitour, i Viaggi del Ventaglio, Settemari, Futura Vacanze e Gruppo Oltremare Caleidoscopio.\r\n\r\nL'obiettivo, racconta lo stesso Minardi, è quello di riposizionare King Holidays sul mercato outgoing, dopo che negli ultimi due anni l'operatore si era, per forza di cose, spostato maggiormente verso l'incoming e il mercato domestico: \"E' entusiasmante entrare a far parte di un tour operator consolidato come questo, con 30 anni di storia alle spalle, che ha ancora voglia di investire e di crescere\". Il tutto naturalmente puntando sulle agenzie: \"Abbiamo già in cantiera un vasto programma formativo - aggiunge il neodirettore commerciale -. A cominciare da una serie di fam trip che prenderanno il via già il prossimo 24 novembre con un combinato Portogallo - Marocco, a cui seguiranno Malta, Azzorre e Turchia. In calendario ci sono anche gli eventi a tema organizzati con gli enti. Prevediamo uno o due appuntamenti a bimestre, a cui si aggiungeranno naturalmente i tradizionali workshop\".\r\n\r\nA livello commerciale, il piano è quello di dare più sostanza possibile alle agenzie Royal King, \"che generano da sole circa il 40% del nostro fatturato complessivo e sono quelle che ci hanno sostenuto anche durante la pandemia. Naturalmente però non trascureremo neppure il resto del mercato, anzi continueremo sviluppare nuove collaborazioni con quanti più punti vendita possibile\". Grande attenzione sarà data in particolare all'advance booking, con il nuovo contratto commerciale che tenderà a premiare le agenzie in grado di vendere gli individuali a 30 o a 60 giorni dalla partenza (King Prime 30 e King Prime 60). Non mancheranno neppure le King Flash Sales, dedicate sia al last minute, sia alle prenotazioni anticipate.","post_title":"Minardi, King Holidays: adv cuore del rilancio dell'outgoing","post_date":"2022-11-18T13:33:42+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1668778422000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434299","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Le Isole Canarie attraggono un sempre maggior numero di remote workers: dal 2020, quando l’Ente per il turismo ha deciso di scommettere su questo segmento di viaggiatori, gli arrivi nell'arcipelago sono aumentati in modo esponenziale. Una scommessa, quella sugli smart workers, che viene rilanciata oggi con una nuova campagna che punta a sottolineare i costi bassi e l’aumento del risparmio. Tale campagna si snoderà tra novembre e dicembre nei seguenti mercati: Regno Unito, Germania, Spagna, Francia, Belgio, Paesi Bassi, Svezia, Svizzera, Finlandia, Irlanda, Repubblica Ceca e Italia. \r\n\r\nNel 2022 le Canarie hanno già accolto 45.800 remote workers (secondo i dati di Nomad List  aggiornati ad ottobre 2022). Solo nel 2021 sono arrivati quasi 47.000 telelavoratori, superando l'obiettivo dei 30.000 che l’Ente per il turismo delle Canarie si era prefissato in cinque anni. La maggior parte degli arrivi proviene da Germania (27%), Regno Unito (12%), Paesi Bassi (10%), Repubblica Ceca (8%), Stati Uniti (6,6%), Spagna (6,6%) e Irlanda (5%).\r\n\r\n\"Durante gli ultimi mesi del 2020 e per tutto il 2021 abbiamo lavorato per posizionare le Canarie tra le scelte di chi cerca un posto per lavorare a distanza - spiega Yaiza Castilla, Ministro del Turismo, dell'Industria e del Commercio del Governo delle Isole Canarie - Per questo motivo, in questa campagna abbiamo voluto porre l’accento su argomenti come la presenza di banda larga, i collegamenti aerei internazionali, e il concetto di #Aftertelework. Vogliamo dire alle persone cosa possono fare sulle isole una volta terminata la giornata lavorativa, quali sono le infinite possibilità per il tempo libero, quali le micro-destinazioni turistiche e le attività all'aria aperta in uno dei migliori ambienti naturali di tutta Europa\".\r\n\r\nSempre secondo i dati di Nomad List, l’arcipelago spagnolo è in media il luogo dove sperimentare il maggiore aumento della capacità di risparmio a seconda del reddito generato nel paese di origine dei remote workers. Lavorare a Tenerife, Lanzarote, Gran Canaria e Fuerteventura, per esempio, offre una capacità di risparmio del 61% per un reddito di 50.000 dollari rispetto a Madeira, al secondo posto della classifica.","post_title":"Canarie sempre più al top per i lavoratori a distanza. Nuova campagna di promozione","post_date":"2022-11-17T12:03:47+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1668686627000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433955","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Alpitour World stringe un patto di collaborazione con la Saudi Tourism Authority nell'ottica di incentiva nuovi flussi di viaggiatori verso la destinazione nel prossimo futuro.\r\nIl memorandum di intesa è stato siglato durante il Wtm di Londra: “Alpitour World è da sempre pioniere nella promozione di mete dall’elevato potenziale, per questo già da questa stagione presenteremo viaggi high level attraverso il Brand Turisanda1924. Un primo tassello che speriamo di ampliare nel prossimo futuro con una maggiore e diversificata programmazione che andrà a rafforzare lo sviluppo del turismo in questo territorio” ha affermato Gabriele Burgio, presidente e amministratore delegato di Alpitour World.\r\nFahd Hamidaddin, ceo e membro del Board del Saudi Tourism Authority, ha aggiunto: \"L'offerta turistica saudita è incomparabile per ampiezza e varietà: una natura incontaminata, paesaggi disparati, un’affascinante cultura e un tessuto di eventi e iniziative in rapida crescita, oltre a un’autentica ospitalità. Siamo nel pieno di una grande trasformazione, a piena velocità e su vasta scala e stiamo cercando i partner giusti per coinvolgerli e renderli partecipi di questo viaggio. Questa partnership con Alpitour World sarà fondamentale per aiutarci a costruire la nuova immagine della destinazione per il viaggiatore italiano e per permetterci di accedere a una vasta rete di distribuzione con visibilità sia sul trade, sia verso il consumatore”.\r\nPer la stagione 2022-23, Alpitour World ha realizzato itinerari proposti da Turisanda1924 e Made by Turisanda, i due marchi high level del gruppo che permetteranno di entrare in contatto con la storia millenaria del Paese, i suoi tesori archeologici e la bellezza dei suoi paesaggi.\r\nIl marchio Turisanda1924 inserisce in programmazione due tour Voyager:  “Voyager Saudi”, da Jeddah a AlUla passando per Medina, della durata di sei giorni, e “Voyager Saudi Arabia & Riyadh”, da Jeddah a Riyadh passando per Medina e AlUla, di otto giorni. Ai due precedenti, si unisce poi l’itinerario “Principi del Deserto” di Made by Turisanda.","post_title":"Alpitour World stringe un patto con l'Arabia: primi itinerari con il brand Turisanda1924","post_date":"2022-11-11T10:42:03+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1668163323000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433909","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Pianificazione e sostenibilità. Con la ripresa post-Covid, nel mondo del turismo tornano le sfide di sempre, che oggi però richiedono risposte nuove, adeguate ai tempi nuovi e soprattutto alle esigenze di territori e mercati. “Non è possibile che a livello istituzionale in Italia si parli solo e sempre con un orizzonte di massimo cinque - sei anni. E’ stato così con il piano strategico lanciato nel 2016 ed è quanto sta accadendo ancora oggi”, ha esordito Giorgio Palmucci durante il suo intervento in occasione dell’ottava edizione di Travel Hashtag: l’evento ideato da Nicola Romanelli, in corso in questi giorni a Borgo Egnazia, in Puglia.\r\n\r\n“Per far capire cosa i nostri competitor intendano per pianificazione di lungo periodo - ha quindi proseguito l’ex consigliere del ministero del Turismo - mi basti ricordare quello che mi ha raccontato recentemente al Wtm di Londra l’attuale amministratore delegato e presidente del gruppo Alpitour, Gabriele Burgio: all’epoca in cui era alla guida di Nh, all’inizio del nuovo millennio, fu convocato dalle istituzioni spagnole, insieme ad altri stakeholder del comparto, per ragionare sul futuro dell’industria dei viaggi. Ebbene, il loro orizzonte già guardava al 2030!”.\r\n\r\nQuasi il 50% di chi lavora nel turismo non è considerato parte integrante del comparto\r\n\r\nMa non è solo questione di visione di lungo periodo, ha rimarcato il presidente di Federterziario Turismo, Enzo Carella: “Occorre far sì che chi si occupa di governance comprenda fino in fondo l’intera complessa articolazione della filiera del turismo: un sistema fatto da moltissime pmi e operatori, che quotidianamente lavorano per valorizzare l’industria dei viaggi. A oggi però una serie di professionalità, spesso di matrice consulenziale, non viene mappata. Si arriva quasi al 50% delle imprese e dei profili della filiera che non sono considerate parte del comparto. Mi viene per esempio in mente chi fa revenue management per l’hotellerie, ma anche il tanto vituperato comparto dell’extralberghiero che, se inquadrato con regole d’ingaggio condivise, può e deve essere incluso tra gli attori importanti del settore”.\r\n\r\nUn’industria tanto articolata e complessa non può quindi prescindere da un’adeguata segmentazione del mercato: “Si parla sempre di turismo, quando invece bisognerebbe discutere di turismi - ha sottolineato il group director operations di Rocco Forte Hotels, Antonello De Medici -. Chi investe nel lusso come noi è obbligato a prendere in considerazione l’intero ecosistema di servizi del territorio in cui si va a inserire. Il tutto in una visione che deve obbligatoriamente avere una prospettiva per lo meno decennale”.\r\n\r\nL’alta gamma può creare destinazioni alternative. A patto di essere socialmente sostenibile\r\n\r\nD’altro canto, il prodotto di alta gamma è potenzialmente in grado di creare destinazioni alternative, risolvendo tra l’altro le criticità legate al cosiddetto overtourism. Una questione aperta che fino almeno a tutto il 2019 toccava non poche destinazioni italiane: “Il cliente altospendente chiede esperienze, esperienze, esperienze - ha osservato il chief operating officer di Marzocco Group, Max Zanardi -. La dimensione della televisione in camera conta decisamente meno di prima. Ecco allora che potrebbe essere immaginabile persino trasformare i castelli della bassa cremonese in una nuova Loira (proprio a Cremona si terrà tra le altre cose il prossimo appuntamento italiano di Travel Hashtag, ndr)”.\r\n\r\nTutto ciò, però, ha concluso Emanuele Manfroi, general manager del gruppo San Domenico Hotels (a cui appartiene anche Borgo Egnazia), esclusivamente a patto che “il prodotto di alta gamma sia realmente sostenibile per la comunità del territorio in cui è inserito”. Solo in questo modo, infatti, l’investimento di lusso diventa in grado di attivare un circolo virtuoso capace di far crescere tutto quello che c’è intorno.\r\n\r\n ","post_title":"Travel Hashtag: le sfide del turismo necessitano di risposte nuove","post_date":"2022-11-11T09:22:13+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1668158533000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti