22 April 2024

Demoskopika: sull’inverno pesa l’inflazione. Ricavi turismo giù di 1,3 mld

[ 0 ]

iI presidente di Demoskopica, Raffaele Rio

L’inflazione pesa sulla stagione invernale che rischia di assistere a una contrazione della spesa turistica complessiva. Se i numeri dei tour operator tricolori sono decisamente positivi, come rivelano le ultime stime Astoi, non altrettanto si può invece dire del turismo italiano considerato nella sua totalità. Secondo i dati più recenti elaborati dall’istituto di ricerca Demoskopika, i prossimi mesi dovrebbero infatti registrare una riduzione dei flussi nel Paese: poco più di 23,2 milioni di arrivi e quasi 72 milioni di presenze, con una flessione rispettivamente pari al 6,1% e allo 0,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, segnato da quasi 25 milioni di arrivi e poco meno di 72,2 milioni di pernottamenti. Inevitabili ripercussioni anche sulla spesa turistica, che sarebbe destinata a registrare una sforbiciata di oltre 1,3 miliardi di euro.

L’incoming però regge

Tra i motivi condizionanti, c’è in particolare l’andamento dei prezzi, con l’inflazione turistica che si stima possa mostrare una crescita tendenziale dell’1,8%, per un differenziale inflazionistico pari a un punto percentuale in più rispetto alla variazione dell’indice generale calcolato dall’Istat allo 0,8%. In tale contesto, tiene però l’incoming, sostanzialmente stabile rispetto alla passata stagione: +0,5% per gli arrivi e -0,6% per i pernottamenti. Anche se, a oggi, oltre il 60% di turisti provenienti dall’estero è mediamente concentrato prevalentemente in alcune realtà regionali, con in vetta Veneto e Lazio.

Serve una distribuzione dei flussi più equilibrata

“Tra i numerosi interventi da mettere in campo per evitare l’effetto gambero – suggerisce allora il presidente di Demoskopika, Raffaele Rio – risulta quanto mai necessaria, in primo luogo, una distribuzione dei flussi più equilibrata e strategica sull’intero territorio nazionale, con il conseguenziale beneficio di un incremento complessivo del livello di internazionalizzazione e di una riduzione del fenomeno dell’overtourism”.

In Veneto, Lazio e Trentino la maggior parte degli arrivi internazionali

Se è vero che, a livello complessivo, l’Italia presenta infatti un equilibrio tra quota italiana (51,4) e quota estera (48,6%) degli arrivi, risulta altrettanto vero che la maggior parte dei turisti provenienti dall’estero in media si dirige prevalentemente in sole sei realtà regionali su 20: Veneto (64,3%), Lazio (62,1%), Trentino Alto Adige (55,7%), Toscana (54,2%), Lombardia (54%) e Friuli Venezia Giulia (52,5%).

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465406 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'esempio per tutte le associazioni che hanno conservato nel proprio dna un briciolo di vigore sindacale è il caso Lufthansa. Vediamo di cosa si tratta.  Lufthansa e l'equipaggio di cabina hanno messo fine a mesi di conflitto siglando un accordo per il nuovo contratto collettivo, che sarà in vigore fino a dicembre del prossimo anno 2026. Per quest'anno e per i prossimi due è stato concordato un aumento salariale del 16,5%. Si dividerà in +8% da maggio 2024, +5% a marzo 2025 e +3,5% nello stesso mese del 2026. Dal sindacato tedesco Ufo festeggiano che «per noi era particolarmente importante non concordare tre aumenti dello stesso importo, ma piuttosto lasciare che il primo aumento abbia l'effetto più notevole e poi attenuare leggermente i due passaggi successivi». Inflazione Oltre a questo aumento, per il personale di volo è stato concordato un premio di compensazione dell'inflazione fino a 3.000 euro; un miglioramento dei supplementi ferie fino a 1.250 euro; e un aumento del compenso per le lingue straniere a 65 euro. Tutte queste nuove condizioni lasciano fuori i lavoratori di Cityline e Discover, filiali di Lufthansa. Il sindacato sostiene però di essere al lavoro per raggiungere nuovi accordi, con trattative piuttosto avanzate. Il fatto è che in Italia una volta i sindacati avevano potere, ora molte parte dei sindacati si confondono con la controparte. Naturalmente non tutti. Ma molti. facendo gli interessi più del capitale che del lavoro. Prendete esempio [post_title] => Lufthansa cede, i sindacati vincono. Aumenti salariali già da quest'anno [post_date] => 2024-04-12T10:48:35+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712918915000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464837 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono il Tenuta Primero Resort in Friuli Venezia-Giulia, le Mimose nelle Marche e l'Adriatico in Emilia-Romagna, le tre novità del 2024 di Club del Sole. Immediatamente dopo la notizia del prossimo aumento di capitale, il gruppo open-air forlivese annuncia una serie di new entry, parte di una politica di sviluppo ambiziosa che mira a raddoppiare i ricavi consolidati in quattro anni. “Siamo fiduciosi sulla strategia di crescita che abbiamo pianificato e che ci auguriamo ci permetterà di raggiungere importanti obiettivi nel prossimo quadriennio – dichiara Francesco Giondi, amministratore delegato di Club del Sole -. Il 2023 si è chiuso con ricavi consolidati pari a 100 milioni di euro, mentre la nostra stima per il 2024 parla di una crescita attesa superiore al 10%. Numeri che vanno di pari passo con un significativo aumento di presenze. Vogliamo contribuire a corroborare il tessuto economico del Paese anche attraverso la creazione di nuovi posti di lavoro: nel 2028 puntiamo infatti ad avere in organico 2 mila risorse (1.300 nel 2023). Il nostro piano di sviluppo vedrà nei prossimi mesi ulteriori traguardi: l’acquisizione di nuove strutture in Trentino Alto-Adige ci consentirà di presidiare un territorio inedito per noi, rendendo, nel contempo, la nostra offerta valida per tutto l’anno. È in previsione, inoltre, il consolidamento della nostra presenza in Abruzzo”. In Friuli-Venezia Giulia, per quest'anno si aggiunge quindi al già noto Marina Julia Family Camping Village di Monfalcone (Gorizia) il Tenuta Primero Resort incastonato nella laguna di Grado, con le sue opzioni di alloggio che spaziano dai bungalow fino ad arrivare ai lodge di design recentemente installati, distribuiti su una superficie di ben 120 ettari. Oltre a uno yatch club, il villaggio vanta anche un golf club con percorso a 18 buche. Nelle Marche, precisamente a Porto Sant’Elpidio, dove il gruppo è già presente con la Risacca Family Camping Village, è stato poi acquisito il villaggio le Mimose. Affacciato direttamente sul mare, la struttura dispone di diverse amenities: oltre a vantare una piscina semi-olimpionica e una vasca dedicata ai piccoli ospiti, ci sono ben 140 lodge, di cui dieci recentemente rinnovati, e una sala convegni. La proprietà dà il benvenuto anche agli amici a quattro zampe, con servizi e attività dedicate. I nuovi ingressi non potevano non includere l’Emilia-Romagna, regione in cui il gruppo conta già ben 12 proprietà. Qui, a pochi passi dal centro e dalle saline di Cervia, si aggiunge al portfolio l’Adriatico, che propone un’offerta dedicata soprattutto alle famiglie. Una piscina semi-olimpionica e una con scivoli sono gli elementi che connotano la proprietà, sviluppata su un’area di 35 mila mq e dotata di 40 alloggi e 250 piazzole. Grazie a queste acquisizioni, il portfolio di Club del Sole raggiunge una maggior eterogeneità a livello di prodotto e tocca quota 23 strutture per un totale di più di 9 mila soluzioni abitative. Ma le novità 2024 non si fermano qua e comprendono anche un ampio progetto di rinnovamento: fra gli interventi in corso si annoverano infatti  il completo restyling del Pineta Beach Village a Milano Marittima, nonché l’installazione di nuovi lodge di design e parchi gioco in varie strutture del gruppo. Novità in termini di spazi gastronomici interesseranno inoltre il Rimini Family Village, il cui stabilimento balneare farà da cornice all’inaugurazione di un nuovo ristorante, e l’Orbetello Family Camping Village, che vedrà un nuovo spazio ristorativo nell’area a bordo piscina.     [post_title] => Club del Sole: tre nuovi villaggi per il 2024. Obiettivo raddoppiare i ricavi in quattro anni [post_date] => 2024-04-04T10:06:16+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712225176000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464734 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Arabia Saudita ha centrato un nuovo e significativo traguardo nella propria corsa allo sviluppo turistico: nel 2023, secondi dati preliminari della Banca Centrale Saudita, i visitatori stranieri hanno stabilito un nuovo record di spesa, raggiungendo i 36 miliardi di dollari (135 miliardi di Sar). La cifra rappresenta la spesa più alta dei visitatori stranieri nella storia del Regno, con una crescita del 42,8% rispetto al 2022. Questa storica impennata della spesa è emblematica degli sforzi sostenuti dall'Arabia Saudita per rafforzare l'industria turistica: lo scorso anno il paese è emerso come leader sulla scena del turismo globale. Ha guidato la classifica del turismo delle Nazioni Unite per il tasso di crescita dei turisti internazionali rispetto al 2019, con un incremento del 56%. Secondo il Tourism Barometer dell'Unwto di gennaio 2024, sempre lo scorso anno, gli arrivi turistici del Regno nel 2023 sono aumentati del 156% rispetto al 2019. [post_title] => Arabia Saudita: la spesa dei turisti stranieri raggiunge per la prima volta i 36 mld di dollari [post_date] => 2024-04-02T15:18:48+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712071128000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464669 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => I Ricci Hotels, Family Resort e Bike Hotel vicino alle spiagge, prpongono vacanze da vivere in coppia o in famiglia, con esperienze uniche tra mare e natura. Cesenatico, perla della Riviera Romagnola, diversa dalle altre città del litorale, è la meta ideale per una vacanza nei ponti di primavera del 25 aprile e del 1° maggio 2024, quando la temperatura è mite, si può godere in tranquillità del mare dalle grandi spiagge con acqua bassa e pulita (Bandiera Blu da oltre 10 anni), e delle passeggiate a piedi o in bicicletta negli ampi parchi e spazi verdi, che ne fanno la località più “green” di tutta la Riviera. Una vacanza rigenerante per le coppie, ma anche a misura di famiglia, dove vivere tante attività tra musei originali, borghi affascinanti da scoprire sulle colline, enogastronomia d’autore e un approccio slow al turismo. Essendo specializzati in cicloturismo, i Ricci Hotels mettono a disposizione city bike o cargo bike gratuite per immergersi fra i profumi del mare e ammirare il fascino del centro storico con il suo Porto Canale disegnato da Leonardo da Vinci, le tipiche casette colorate, i suggestivi capanni sul mare, che al tramonto accolgono le barche di ritorno dalla pesca. Il Museo della Marineria, con la sua sezione galleggiante, è un’esperienza particolare da vivere con i bambini, così come visitare lo Spazio Pantani dedicato alla vita del “pirata” Marco Pantani, che da Cesenatico è partito per le sue imprese su due ruote.  Nei campi in fiore di Sant’Arcangelo di Romagna, il Podere La Fattoria di Canonica dei Ricci Hotels è il cascinale per una vacanza nella natura non lontano dal mare. Qui si vive il vero soggiorno di campagna, tra picnic all'aria aperta, degustazioni di olio e miele (gli ulivi circondano il podere e le api sono allevate a poca distanza) e feste sull’aia dedicate ai più piccoli con tanti animali.  Le giornate in esplorazione trovano il tempo per rilassarsi nelle piscine extra large dei Ricci Hotels, con spazi per i bambini, e acquabike, solarium e idromassaggio. E per assaporare le delizie dei ristoranti, dove trovare la cucina romagnola autentica nei menù à la carte, ispirati anche all’arte di Pellegrino Artusi, in cui non mancano attenzioni speciali per gli ingredienti di stagione e del territorio, cotture a bassa temperatura e piatti ideati per i bambini. Prezzi a partire da 65 euro in b&b e 79 euro in mezza pensione.       ­ ­ ­ [post_title] => Ricci Hotels, vacanze green tra mare e natura [post_date] => 2024-04-02T10:45:15+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712054715000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464505 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il gruppo Carnival ha chiuso a fine febbraio un primo trimestre fiscale sopra le aspettative e si prepara  a vedere finalmente il proprio bilancio tornare in territorio positivo, dopo le difficoltà finanziarie sperimentate durante il Covid e nella fase di ripartenza. "E' stato un fantastico inizio d'anno - sottolinea il ceo, Josh Weinstein -. I risultati del primo trimestre hanno superato le nostre previsioni in ogni voce contabile, con una wave saeson che ha garantito prenotazioni record a tariffe su livelli considerevolmente superiori a quelli passati. Tutto ciò ci porta a modificare le nostre stime per il 2023-2034, alzando le aspettative di miglioramento dei nostri rendimenti attesi di un punto percentuale, fino ad arrivare quasi alla doppia cifra". Nel dettaglio, il fatturato totale Carnival tra dicembre e febbraio ha raggiunto i 5,4 miliardi di dollari (4,4 mld nello stesso periodo dell'anno precedente), con profitti operativi per 276 milioni (vs -172 mln). Bene anche i margini operativi lordi rettificati (adjusted ebitda), a quota 871 milioni: una cifra di oltre 70 mln sopra le stime dello scorso dicembre (erano 382 mln 12 mesi prima). Ancora in negativo invece la bottom line con gli utili netti rettificati in rosso per 214 milioni. Un risultato comunque migliore di quanto stimato a inizio anno fiscale, nonché nettamente superiore ai -693 mln registrati tra dicembre 2022 e febbraio 2023. Il dato è comunque destinato a migliorare nei prossimi mesi, visto che tradizionalmente il primo trimestre è il periodo meno profittevole per l'industria crocieristica. [post_title] => Prosegue il percorso del gruppo Carnival verso il nero in bottom line [post_date] => 2024-03-28T11:04:09+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711623849000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464412 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dal ritorno ai livelli di traffico pre-pandemia al record storico in termini di Ebitda: sono due dei dati salienti del progetto di bilancio 2023 approvato dal cda di Sea. La società di gestione degli aeroporti di Milano segnala un numero di passeggeri pari a 35,3 milioni, +22% sull'anno precedente e nello specifico 25,9 milioni per Malpensa e 9,4 milioni per Linate.  L'ultimo esercizio ha riportato un Ebitda consolidato pari a 335,3 milioni di euro, che include 41,4 milioni di euro di poste non ricorrenti, al netto di tali valori è pari a 293,9 milioni di euro e risulta il più alto mai conseguito nella storia di Sea ed è superiore di 23 milioni rispetto a quello registrato nel 2019. Le migliori performance sono il risultato delle azioni intraprese dall’azienda con particolare riferimento allo sviluppo dei ricavi non aeronautici e all’efficientamento della base costi. La merce trasportata è stata pari a 667 mila tonnellate, in flessione del 7% rispetto al 2022 (+21% rispetto al 2019). Milano Malpensa, da sola, ha movimentato il 65% delle merci a livello nazionale. Dalla Cargo City di Malpensa è transitato l’11,6% in valore di tutte le esportazioni nazionali dirette al di fuori dell’Ue.   Sempre nel 2023, l’azienda ha registrato delle performance particolarmente positive in termini di qualità del servizio: l’indice Asq (Airport Service Quality) Overall Satisfaction di Aci Europe ha raggiunto a Linate il punteggio 4,16 (4,08 nel 2022) e 4,01 a Malpensa (3,93 nel 2022); entrambi gli aeroporti sono risultati nel ranking dei migliori aeroporti in Europa per Aci World, conseguendo l’Airport Service Quality Award 2023. Nel 2023 l’impronta carbonica diretta del sistema aeroportuale milanese si è ridotta del 37,4% rispetto all’anno precedente, beneficiando dell’approvvigionamento di quote di energia da fonti green.   [post_title] => Sea Aeroporti archivia il 2023 con il ritorno del traffico ai livelli pre-Covid e un Ebitda record [post_date] => 2024-03-27T11:53:47+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711540427000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464347 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'approvazione del bilancio 2023 di Sacbo, società di gestione dell'aeroporto di Milano Bergamo, porta con sè il dato record del valore della produzione di gruppo, che per la prima volta ha superato la soglia dei 200 milioni di euro attestandosi a 216,99 milioni di euro in crescita del 24,3% rispetto al 2022. Per quanto riguarda la capogruppo, si legge in una nota, l'utile è stato di 11,4 milioni, il 50% dei quali sarà destinato a dividendo e la restante parte a riserva. L'esercizio 2023 ha rappresentato anche l'anno del definitivo superamento della crisi pandemica e del consolidamento del posizionamento competitivo dell'aeroporto di Milano Bergamo a livello nazionale ed europeo, confermandosi stabilmente al terzo posto dopo Fiumicino e Malpensa in Italia e al 35° posto in Europa. I risultati economici, si legge nella nota, hanno permesso di assorbire gli impatti negativi causati dalla serie di eventi verificatisi tra il 2020 ed il 2023, tra cui il Covid e la guerra in Ucraina. «Ancora una volta – ha commentato Giovanni Sanga, presidente di Sacbo - il Gruppo ha evidenziato la propria capacità di adattamento alle mutevoli esigenze del mercato, ottimizzando ed efficientando le attività operative e compiendo un ulteriore sforzo di programmazione di medio lungo periodo, che ha portato all’approvazione del Piano di sviluppo aeroportuale 2030 avvenuta formalmente nel mese di dicembre 2023 e alla definizione di un nuovo piano industriale che ha consentito di accedere a nuovi finanziamenti bancari che garantiranno la copertura del Piano investimenti concordato con Enac. La visione di medio lungo periodo consentirà di continuare a perseguire sulla strada della sostenibilità del complesso di attività che si svolgono nell’ambito aeroportuale e quelle strettamente connesse in chiave logistica e di multimodalità». [post_title] => Milano Bergamo vola per la prima volta oltre i 200 milioni di euro di ricavi [post_date] => 2024-03-27T09:15:54+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711530954000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464176 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Neos cavalca una parabola in crescita archiviando il 2023 con un utile netto di 42 milioni di euro (+260%), su ricavi per 778 milioni (+33% sul 2022) e un ebitda positivo per 68 milioni. In quello che è stato il primo, vero anno di normalità post pandemia, il vettore del gruppo Alpitour ha trasportato 2,3 milioni di passeggeri con un load factor dell'85%. Il tutto, a fronte di un contesto geo politico internazionale complesso, con conseguenti ripercussioni su mercati strategici come quello dell'Egitto (-30%). «Il charter vero e proprio - legato alla crocieristica, agli eventi sportivi e musicali - rappresenta ormai il 10% delle nostre operazioni - spiega in un'intervista a Il Corriere della Sera, l'ad della compagnia, Carlo Stradiotti -. Il 90% è costituito dai voli di linea, cosa che per noi ha voluto dire anche cambiare modello di business, da società con un unico cliente a tanti». Alle spalle un inverno dai risultati positivi sulle rotte verso Caraibi, Maldive, Africa orientale ma anche per l'India, «grazie alla direttrice Toronto-Amritsar via Malpensa», l'estate porta con sè l'attesa novità della Palermo-New York, che decollerà a giugno e sarà attiva fino a settembre, «ma stiamo valutando se estenderlo fino a metà ottobre». Sul fronte Cina, «stiamo provando a tenere il punto nel Paese, ma non è facile», ammette Stradiotti, mentre il calo del mar Rosso - per il conflitto tra israeliani e Hamas - «è stato compensato dalle prestazioni degli altri mercati». [caption id="attachment_285372" align="alignright" width="300"] Carlo Stradiotti, amministratore delegato di Neos[/caption] Quanto alla crescita nel breve-medio termine, nel mirino ci sono l'India e «pensiamo di aggiungere qualcosa ancora in Africa e nei Caraibi. Vorremmo anche ampliare la presenza su Roma Fiumicino, oltre che a Milano Malpensa e Verona».  Restano sul tavolo due grandi sfide: i ritardi nelle consegne da parte di Boeing, «che sposteranno la consegna di tre 737 Max dalla prima metà di quest’anno a inizio 2025» e le normative europee sulle emissioni, come ReFuelEu, «che richiedono progressivamente un maggior impiego del Saf: il problema non è solo che il Saf costa molto di più, ma anche che non c’è e gli aeroporti non sono ancora pronti a livello infrastrutturale. E gli effetti inizieranno già dal 2025». Attualmente Neos - a tutti gli effetti la compagnia aerea italiana che totalizza maggiori profitti - conta 1.200 dipendenti (di cui 334 assunti nel 2023) e opera con una flotta di 16 aeromobili (5 Boeing 737-800, 5 Boeing 737 Max, 6 Boeing 787) che saliranno a 19 entro il 2025. [post_title] => La parabola ascendente di Neos: utile netto a quota 42 milioni di euro [post_date] => 2024-03-25T10:40:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711363207000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464178 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In prossimità delle vacanze di Pasqua e dei ponti festivi della primavera 2024 l’Osservatorio Astoi Confindustria - l’Associazione del tour operating italiano - è già in grado di confermare una crescita dei ricavi del comparto. I fatturati relativi alle partenze del periodo che va da Pasqua al 1°maggio realizzano una crescita dell’8% rispetto al pari periodo del 2023. La tipologia di viaggio preferita verte da un lato sulla formula villaggio all inclusive, ideale per il segmento famiglie, dall’altro su tour itineranti a medio o lungo raggio, comprensivi di guide ed esperienze. Balzo in avanti del cosiddetto advance booking - la prenotazione anticipata - mai così preponderante negli ultimi quattro anni: per il periodo di Pasqua il 35% delle pratiche è stato prenotato con oltre 90 giorni di anticipo. Una Pasqua anticipata rispetto allo scorso anno spinge i connazionali a prediligere in generale mete estere; tuttavia, si riscontra ancora un’importante richiesta per la montagna in Italia. Europa, lungo raggio e crociere In Europa, l’Islanda è una riconferma, cui si aggiungono Irlanda, Paesi scandinavi e Portogallo. Nel medio raggio, il conflitto in Medio Oriente continua ad impattare sulle destinazioni colpite e sulle zone limitrofe, tra cui l’Egitto, anche se l’appeal di questa destinazione resta molto rilevante; in riduzione le crociere sul Nilo mentre si registrano prenotazioni consistenti (seppur in calo rispetto allo scorso anno) per i soggiorni balneari nel Mar Rosso, nei resort a Sharm el Sheikh e Marsa Alam. Nelle festività primaverili del 2024 non mancano le mete evergreen, Canarie e Capo Verde in primis, che salgono nel ranking sfruttando a proprio favore il calo del Mar Rosso. Il lungo raggio si muove sempre su un doppio binario: da un lato i soggiorni nei mari caldi, come Repubblica Dominicana, Maldive ed East Africa, dall’altro i viaggi di scoperta, gli itinerari, sia nella versione classica che in quella tailor made. Stati Uniti e Giappone sono sempre nel cuore degli italiani, ma suscitano molto interesse anche Thailandia, Sudafrica e tutto il Sudamerica. Iniziano nuovamente le prenotazioni sulla Cina dopo un lungo periodo di blackout. Nel settore crocieristico la primavera conferma l’andamento in crescita delle prenotazioni che sta caratterizzando il 2024. Secondo CLIA, l’Associazione che riunisce le principali Compagnie di crociera, quest’anno in Italia si supererà la quota di 14 milioni di passeggeri movimentati contro i 13,8 del 2023, il che conferma il Belpaese come principale meta europea. Tra le destinazioni preferite della primavera molto apprezzati sono il Mediterraneo Occidentale e Orientale, fino alle crociere più lunghe (sino a due settimane) in Portogallo, Marocco, Turchia, Grecia, isole Canarie e Azzorre. Ezhaya «Le prenotazioni per il periodo di Pasqua e ponti primaverili registrano una crescita dei ricavi dell’8% sul 2023 e la quasi totalità delle destinazioni coinvolte evidenzia un trend positivo. Il turismo organizzato registra crescite percentualmente più alte del turismo in generale, segno che è finalmente scelto dai consumatori per gli insostituibili valori che lo caratterizzano. «Infatti, è percepito dalle persone come fonte di garanzie, ma anche come canale dove riuscire a prenotare esperienze più personalizzate e difficilmente reperibili individualmente - commenta Pier Ezhaya, presidente Astoi Confindustria Viaggi - considerando la forte incidenza della prenotazione anticipata rilevata per le vacanze di Pasqua e visto l’incremento dei ricavi registrato per questo periodo, possiamo guardare con fiducia anche all’imminente estate: stimiamo infatti una crescita dei ricavi pari al 10% per il periodo estivo che contribuirà a consolidare la già buona stagione estiva del 2023 e a rafforzare l’intero comparto”» L’Osservatorio Astoi rileva che la durata media del viaggio durante i ponti festivi della primavera 2024 è di circa 8 giorni. I costi medi per persona vanno da 1.150 euro per il prodotto generalista, a 1.600 euro per una vacanza in villaggio, salendo a 3.500 euro quando si tratta di viaggi su misura. Rincari Il rincaro dei servizi, rispetto al 2023, è stato più contenuto, pari a circa +5% sull’anno scorso e ha riguardato essenzialmente la componente voli. Va detto che chi si affida al Turismo Organizzato oggi è meno sensibile agli incrementi. Questa tipologia di clientela non ha come primo o unico parametro la convenienza; piuttosto si affida ad agenzie di viaggio e tour operator perché ricerca una vacanza distintiva; nel caso del format villaggio, chiede forme di intrattenimento sempre al passo con i nuovi trend e con le diverse modalità di divertimento, mentre per quanto riguarda i viaggi su misura desidera esperienze difficilmente prenotabili individualmente, soluzioni che gli operatori sono in grado di proporre grazie alla radicata conoscenza dei territori e all’impiego di  personale locale. Il cliente che viaggia con i tour operator richiede garanzie, tutele, assistenza e la certezza di vivere esperienze distintive.         [post_title] => Astoi: per Pasqua aumento di ricavi. Il turista sceglie l'organizzazione [post_date] => 2024-03-25T10:24:54+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711362294000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "demoskopika sullinverno pesa linflazione ricavi turismo giu di 13 mld" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":49,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":420,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465406","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'esempio per tutte le associazioni che hanno conservato nel proprio dna un briciolo di vigore sindacale è il caso Lufthansa. Vediamo di cosa si tratta. \r\n\r\nLufthansa e l'equipaggio di cabina hanno messo fine a mesi di conflitto siglando un accordo per il nuovo contratto collettivo, che sarà in vigore fino a dicembre del prossimo anno 2026.\r\n\r\nPer quest'anno e per i prossimi due è stato concordato un aumento salariale del 16,5%. Si dividerà in +8% da maggio 2024, +5% a marzo 2025 e +3,5% nello stesso mese del 2026.\r\n\r\nDal sindacato tedesco Ufo festeggiano che «per noi era particolarmente importante non concordare tre aumenti dello stesso importo, ma piuttosto lasciare che il primo aumento abbia l'effetto più notevole e poi attenuare leggermente i due passaggi successivi».\r\nInflazione\r\nOltre a questo aumento, per il personale di volo è stato concordato un premio di compensazione dell'inflazione fino a 3.000 euro; un miglioramento dei supplementi ferie fino a 1.250 euro; e un aumento del compenso per le lingue straniere a 65 euro.\r\n\r\nTutte queste nuove condizioni lasciano fuori i lavoratori di Cityline e Discover, filiali di Lufthansa. Il sindacato sostiene però di essere al lavoro per raggiungere nuovi accordi, con trattative piuttosto avanzate.\r\n\r\nIl fatto è che in Italia una volta i sindacati avevano potere, ora molte parte dei sindacati si confondono con la controparte. Naturalmente non tutti. Ma molti. facendo gli interessi più del capitale che del lavoro. Prendete esempio","post_title":"Lufthansa cede, i sindacati vincono. Aumenti salariali già da quest'anno","post_date":"2024-04-12T10:48:35+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712918915000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464837","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono il Tenuta Primero Resort in Friuli Venezia-Giulia, le Mimose nelle Marche e l'Adriatico in Emilia-Romagna, le tre novità del 2024 di Club del Sole. Immediatamente dopo la notizia del prossimo aumento di capitale, il gruppo open-air forlivese annuncia una serie di new entry, parte di una politica di sviluppo ambiziosa che mira a raddoppiare i ricavi consolidati in quattro anni.\r\n\r\n“Siamo fiduciosi sulla strategia di crescita che abbiamo pianificato e che ci auguriamo ci permetterà di raggiungere importanti obiettivi nel prossimo quadriennio – dichiara Francesco Giondi, amministratore delegato di Club del Sole -. Il 2023 si è chiuso con ricavi consolidati pari a 100 milioni di euro, mentre la nostra stima per il 2024 parla di una crescita attesa superiore al 10%. Numeri che vanno di pari passo con un significativo aumento di presenze. Vogliamo contribuire a corroborare il tessuto economico del Paese anche attraverso la creazione di nuovi posti di lavoro: nel 2028 puntiamo infatti ad avere in organico 2 mila risorse (1.300 nel 2023). Il nostro piano di sviluppo vedrà nei prossimi mesi ulteriori traguardi: l’acquisizione di nuove strutture in Trentino Alto-Adige ci consentirà di presidiare un territorio inedito per noi, rendendo, nel contempo, la nostra offerta valida per tutto l’anno. È in previsione, inoltre, il consolidamento della nostra presenza in Abruzzo”.\r\n\r\nIn Friuli-Venezia Giulia, per quest'anno si aggiunge quindi al già noto Marina Julia Family Camping Village di Monfalcone (Gorizia) il Tenuta Primero Resort incastonato nella laguna di Grado, con le sue opzioni di alloggio che spaziano dai bungalow fino ad arrivare ai lodge di design recentemente installati, distribuiti su una superficie di ben 120 ettari. Oltre a uno yatch club, il villaggio vanta anche un golf club con percorso a 18 buche.\r\n\r\nNelle Marche, precisamente a Porto Sant’Elpidio, dove il gruppo è già presente con la Risacca Family Camping Village, è stato poi acquisito il villaggio le Mimose. Affacciato direttamente sul mare, la struttura dispone di diverse amenities: oltre a vantare una piscina semi-olimpionica e una vasca dedicata ai piccoli ospiti, ci sono ben 140 lodge, di cui dieci recentemente rinnovati, e una sala convegni. La proprietà dà il benvenuto anche agli amici a quattro zampe, con servizi e attività dedicate.\r\n\r\nI nuovi ingressi non potevano non includere l’Emilia-Romagna, regione in cui il gruppo conta già ben 12 proprietà. Qui, a pochi passi dal centro e dalle saline di Cervia, si aggiunge al portfolio l’Adriatico, che propone un’offerta dedicata soprattutto alle famiglie. Una piscina semi-olimpionica e una con scivoli sono gli elementi che connotano la proprietà, sviluppata su un’area di 35 mila mq e dotata di 40 alloggi e 250 piazzole.\r\n\r\nGrazie a queste acquisizioni, il portfolio di Club del Sole raggiunge una maggior eterogeneità a livello di prodotto e tocca quota 23 strutture per un totale di più di 9 mila soluzioni abitative. Ma le novità 2024 non si fermano qua e comprendono anche un ampio progetto di rinnovamento: fra gli interventi in corso si annoverano infatti  il completo restyling del Pineta Beach Village a Milano Marittima, nonché l’installazione di nuovi lodge di design e parchi gioco in varie strutture del gruppo. Novità in termini di spazi gastronomici interesseranno inoltre il Rimini Family Village, il cui stabilimento balneare farà da cornice all’inaugurazione di un nuovo ristorante, e l’Orbetello Family Camping Village, che vedrà un nuovo spazio ristorativo nell’area a bordo piscina.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Club del Sole: tre nuovi villaggi per il 2024. Obiettivo raddoppiare i ricavi in quattro anni","post_date":"2024-04-04T10:06:16+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1712225176000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464734","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Arabia Saudita ha centrato un nuovo e significativo traguardo nella propria corsa allo sviluppo turistico: nel 2023, secondi dati preliminari della Banca Centrale Saudita, i visitatori stranieri hanno stabilito un nuovo record di spesa, raggiungendo i 36 miliardi di dollari (135 miliardi di Sar). La cifra rappresenta la spesa più alta dei visitatori stranieri nella storia del Regno, con una crescita del 42,8% rispetto al 2022.\r\n\r\nQuesta storica impennata della spesa è emblematica degli sforzi sostenuti dall'Arabia Saudita per rafforzare l'industria turistica: lo scorso anno il paese è emerso come leader sulla scena del turismo globale. Ha guidato la classifica del turismo delle Nazioni Unite per il tasso di crescita dei turisti internazionali rispetto al 2019, con un incremento del 56%.\r\n\r\nSecondo il Tourism Barometer dell'Unwto di gennaio 2024, sempre lo scorso anno, gli arrivi turistici del Regno nel 2023 sono aumentati del 156% rispetto al 2019.","post_title":"Arabia Saudita: la spesa dei turisti stranieri raggiunge per la prima volta i 36 mld di dollari","post_date":"2024-04-02T15:18:48+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1712071128000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464669","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"I Ricci Hotels, Family Resort e Bike Hotel vicino alle spiagge, prpongono vacanze da vivere in coppia o in famiglia, con esperienze uniche tra mare e natura.\r\n\r\nCesenatico, perla della Riviera Romagnola, diversa dalle altre città del litorale, è la meta ideale per una vacanza nei ponti di primavera del 25 aprile e del 1° maggio 2024, quando la temperatura è mite, si può godere in tranquillità del mare dalle grandi spiagge con acqua bassa e pulita (Bandiera Blu da oltre 10 anni), e delle passeggiate a piedi o in bicicletta negli ampi parchi e spazi verdi, che ne fanno la località più “green” di tutta la Riviera. Una vacanza rigenerante per le coppie, ma anche a misura di famiglia, dove vivere tante attività tra musei originali, borghi affascinanti da scoprire sulle colline, enogastronomia d’autore e un approccio slow al turismo.\r\n\r\nEssendo specializzati in cicloturismo, i Ricci Hotels mettono a disposizione city bike o cargo bike gratuite per immergersi fra i profumi del mare e ammirare il fascino del centro storico con il suo Porto Canale disegnato da Leonardo da Vinci, le tipiche casette colorate, i suggestivi capanni sul mare, che al tramonto accolgono le barche di ritorno dalla pesca. Il Museo della Marineria, con la sua sezione galleggiante, è un’esperienza particolare da vivere con i bambini, così come visitare lo Spazio Pantani dedicato alla vita del “pirata” Marco Pantani, che da Cesenatico è partito per le sue imprese su due ruote. \r\n\r\n Nei campi in fiore di Sant’Arcangelo di Romagna, il Podere La Fattoria di Canonica dei Ricci Hotels è il cascinale per una vacanza nella natura non lontano dal mare. Qui si vive il vero soggiorno di campagna, tra picnic all'aria aperta, degustazioni di olio e miele (gli ulivi circondano il podere e le api sono allevate a poca distanza) e feste sull’aia dedicate ai più piccoli con tanti animali. \r\n\r\nLe giornate in esplorazione trovano il tempo per rilassarsi nelle piscine extra large dei Ricci Hotels, con spazi per i bambini, e acquabike, solarium e idromassaggio. E per assaporare le delizie dei ristoranti, dove trovare la cucina romagnola autentica nei menù à la carte, ispirati anche all’arte di Pellegrino Artusi, in cui non mancano attenzioni speciali per gli ingredienti di stagione e del territorio, cotture a bassa temperatura e piatti ideati per i bambini. Prezzi a partire da 65 euro in b&b e 79 euro in mezza pensione.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n­\r\n\r\n­\r\n\r\n­","post_title":"Ricci Hotels, vacanze green tra mare e natura","post_date":"2024-04-02T10:45:15+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1712054715000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464505","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il gruppo Carnival ha chiuso a fine febbraio un primo trimestre fiscale sopra le aspettative e si prepara  a vedere finalmente il proprio bilancio tornare in territorio positivo, dopo le difficoltà finanziarie sperimentate durante il Covid e nella fase di ripartenza. \"E' stato un fantastico inizio d'anno - sottolinea il ceo, Josh Weinstein -. I risultati del primo trimestre hanno superato le nostre previsioni in ogni voce contabile, con una wave saeson che ha garantito prenotazioni record a tariffe su livelli considerevolmente superiori a quelli passati. Tutto ciò ci porta a modificare le nostre stime per il 2023-2034, alzando le aspettative di miglioramento dei nostri rendimenti attesi di un punto percentuale, fino ad arrivare quasi alla doppia cifra\".\r\n\r\nNel dettaglio, il fatturato totale Carnival tra dicembre e febbraio ha raggiunto i 5,4 miliardi di dollari (4,4 mld nello stesso periodo dell'anno precedente), con profitti operativi per 276 milioni (vs -172 mln). Bene anche i margini operativi lordi rettificati (adjusted ebitda), a quota 871 milioni: una cifra di oltre 70 mln sopra le stime dello scorso dicembre (erano 382 mln 12 mesi prima). Ancora in negativo invece la bottom line con gli utili netti rettificati in rosso per 214 milioni. Un risultato comunque migliore di quanto stimato a inizio anno fiscale, nonché nettamente superiore ai -693 mln registrati tra dicembre 2022 e febbraio 2023. Il dato è comunque destinato a migliorare nei prossimi mesi, visto che tradizionalmente il primo trimestre è il periodo meno profittevole per l'industria crocieristica.","post_title":"Prosegue il percorso del gruppo Carnival verso il nero in bottom line","post_date":"2024-03-28T11:04:09+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1711623849000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464412","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dal ritorno ai livelli di traffico pre-pandemia al record storico in termini di Ebitda: sono due dei dati salienti del progetto di bilancio 2023 approvato dal cda di Sea. La società di gestione degli aeroporti di Milano segnala un numero di passeggeri pari a 35,3 milioni, +22% sull'anno precedente e nello specifico 25,9 milioni per Malpensa e 9,4 milioni per Linate. \r\nL'ultimo esercizio ha riportato un Ebitda consolidato pari a 335,3 milioni di euro, che include 41,4 milioni di euro di poste non ricorrenti, al netto di tali valori è pari a 293,9 milioni di euro e risulta il più alto mai conseguito nella storia di Sea ed è superiore di 23 milioni rispetto a quello registrato nel 2019. Le migliori performance sono il risultato delle azioni intraprese dall’azienda con particolare riferimento allo sviluppo dei ricavi non aeronautici e all’efficientamento della base costi.\r\nLa merce trasportata è stata pari a 667 mila tonnellate, in flessione del 7% rispetto al 2022 (+21% rispetto al 2019). Milano Malpensa, da sola, ha movimentato il 65% delle merci a livello nazionale. Dalla Cargo City di Malpensa è transitato l’11,6% in valore di tutte le esportazioni nazionali dirette al di fuori dell’Ue.\r\n \r\nSempre nel 2023, l’azienda ha registrato delle performance particolarmente positive in termini di qualità del servizio: l’indice Asq (Airport Service Quality) Overall Satisfaction di Aci Europe ha raggiunto a Linate il punteggio 4,16 (4,08 nel 2022) e 4,01 a Malpensa (3,93 nel 2022); entrambi gli aeroporti sono risultati nel ranking dei migliori aeroporti in Europa per Aci World, conseguendo l’Airport Service Quality Award 2023.\r\nNel 2023 l’impronta carbonica diretta del sistema aeroportuale milanese si è ridotta del 37,4% rispetto all’anno precedente, beneficiando dell’approvvigionamento di quote di energia da fonti green.\r\n ","post_title":"Sea Aeroporti archivia il 2023 con il ritorno del traffico ai livelli pre-Covid e un Ebitda record","post_date":"2024-03-27T11:53:47+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1711540427000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464347","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'approvazione del bilancio 2023 di Sacbo, società di gestione dell'aeroporto di Milano Bergamo, porta con sè il dato record del valore della produzione di gruppo, che per la prima volta ha superato la soglia dei 200 milioni di euro attestandosi a 216,99 milioni di euro in crescita del 24,3% rispetto al 2022.\r\n\r\nPer quanto riguarda la capogruppo, si legge in una nota, l'utile è stato di 11,4 milioni, il 50% dei quali sarà destinato a dividendo e la restante parte a riserva. L'esercizio 2023 ha rappresentato anche l'anno del definitivo superamento della crisi pandemica e del consolidamento del posizionamento competitivo dell'aeroporto di Milano Bergamo a livello nazionale ed europeo, confermandosi stabilmente al terzo posto dopo Fiumicino e Malpensa in Italia e al 35° posto in Europa.\r\n\r\nI risultati economici, si legge nella nota, hanno permesso di assorbire gli impatti negativi causati dalla serie di eventi verificatisi tra il 2020 ed il 2023, tra cui il Covid e la guerra in Ucraina.\r\n\r\n«Ancora una volta – ha commentato Giovanni Sanga, presidente di Sacbo - il Gruppo ha evidenziato la propria capacità di adattamento alle mutevoli esigenze del mercato, ottimizzando ed efficientando le attività operative e compiendo un ulteriore sforzo di programmazione di medio lungo periodo, che ha portato all’approvazione del Piano di sviluppo aeroportuale 2030 avvenuta formalmente nel mese di dicembre 2023 e alla definizione di un nuovo piano industriale che ha consentito di accedere a nuovi finanziamenti bancari che garantiranno la copertura del Piano investimenti concordato con Enac. La visione di medio lungo periodo consentirà di continuare a perseguire sulla strada della sostenibilità del complesso di attività che si svolgono nell’ambito aeroportuale e quelle strettamente connesse in chiave logistica e di multimodalità».","post_title":"Milano Bergamo vola per la prima volta oltre i 200 milioni di euro di ricavi","post_date":"2024-03-27T09:15:54+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1711530954000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464176","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\nNeos cavalca una parabola in crescita archiviando il 2023 con un utile netto di 42 milioni di euro (+260%), su ricavi per 778 milioni (+33% sul 2022) e un ebitda positivo per 68 milioni.\r\nIn quello che è stato il primo, vero anno di normalità post pandemia, il vettore del gruppo Alpitour ha trasportato 2,3 milioni di passeggeri con un load factor dell'85%. Il tutto, a fronte di un contesto geo politico internazionale complesso, con conseguenti ripercussioni su mercati strategici come quello dell'Egitto (-30%).\r\n«Il charter vero e proprio - legato alla crocieristica, agli eventi sportivi e musicali - rappresenta ormai il 10% delle nostre operazioni - spiega in un'intervista a Il Corriere della Sera, l'ad della compagnia, Carlo Stradiotti -. Il 90% è costituito dai voli di linea, cosa che per noi ha voluto dire anche cambiare modello di business, da società con un unico cliente a tanti».\r\n\r\nAlle spalle un inverno dai risultati positivi sulle rotte verso Caraibi, Maldive, Africa orientale ma anche per l'India, «grazie alla direttrice Toronto-Amritsar via Malpensa», l'estate porta con sè l'attesa novità della Palermo-New York, che decollerà a giugno e sarà attiva fino a settembre, «ma stiamo valutando se estenderlo fino a metà ottobre».\r\n\r\nSul fronte Cina, «stiamo provando a tenere il punto nel Paese, ma non è facile», ammette Stradiotti, mentre il calo del mar Rosso - per il conflitto tra israeliani e Hamas - «è stato compensato dalle prestazioni degli altri mercati».\r\n\r\n[caption id=\"attachment_285372\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Carlo Stradiotti, amministratore delegato di Neos[/caption]\r\nQuanto alla crescita nel breve-medio termine, nel mirino ci sono l'India e «pensiamo di aggiungere qualcosa ancora in Africa e nei Caraibi. Vorremmo anche ampliare la presenza su Roma Fiumicino, oltre che a Milano Malpensa e Verona». \r\nRestano sul tavolo due grandi sfide: i ritardi nelle consegne da parte di Boeing, «che sposteranno la consegna di tre 737 Max dalla prima metà di quest’anno a inizio 2025» e le normative europee sulle emissioni, come ReFuelEu, «che richiedono progressivamente un maggior impiego del Saf: il problema non è solo che il Saf costa molto di più, ma anche che non c’è e gli aeroporti non sono ancora pronti a livello infrastrutturale. E gli effetti inizieranno già dal 2025».\r\n\r\n\r\n\r\nAttualmente Neos - a tutti gli effetti la compagnia aerea italiana che totalizza maggiori profitti - conta 1.200 dipendenti (di cui 334 assunti nel 2023) e opera con una flotta di 16 aeromobili (5 Boeing 737-800, 5 Boeing 737 Max, 6 Boeing 787) che saliranno a 19 entro il 2025.\r\n\r\n","post_title":"La parabola ascendente di Neos: utile netto a quota 42 milioni di euro","post_date":"2024-03-25T10:40:07+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1711363207000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464178","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"In prossimità delle vacanze di Pasqua e dei ponti festivi della primavera 2024 l’Osservatorio Astoi Confindustria - l’Associazione del tour operating italiano - è già in grado di confermare una crescita dei ricavi del comparto. I fatturati relativi alle partenze del periodo che va da Pasqua al 1°maggio realizzano una crescita dell’8% rispetto al pari periodo del 2023.\r\nLa tipologia di viaggio preferita verte da un lato sulla formula villaggio all inclusive, ideale per il segmento famiglie, dall’altro su tour itineranti a medio o lungo raggio, comprensivi di guide ed esperienze.\r\nBalzo in avanti del cosiddetto advance booking - la prenotazione anticipata - mai così preponderante negli ultimi quattro anni: per il periodo di Pasqua il 35% delle pratiche è stato prenotato con oltre 90 giorni di anticipo.\r\nUna Pasqua anticipata rispetto allo scorso anno spinge i connazionali a prediligere in generale mete estere; tuttavia, si riscontra ancora un’importante richiesta per la montagna in Italia.\r\n\r\nEuropa, lungo raggio e crociere\r\nIn Europa, l’Islanda è una riconferma, cui si aggiungono Irlanda, Paesi scandinavi e Portogallo. Nel medio raggio, il conflitto in Medio Oriente continua ad impattare sulle destinazioni colpite e sulle zone limitrofe, tra cui l’Egitto, anche se l’appeal di questa destinazione resta molto rilevante; in riduzione le crociere sul Nilo mentre si registrano prenotazioni consistenti (seppur in calo rispetto allo scorso anno) per i soggiorni balneari nel Mar Rosso, nei resort a Sharm el Sheikh e Marsa Alam.\r\nNelle festività primaverili del 2024 non mancano le mete evergreen, Canarie e Capo Verde in primis, che salgono nel ranking sfruttando a proprio favore il calo del Mar Rosso.\r\nIl lungo raggio si muove sempre su un doppio binario: da un lato i soggiorni nei mari caldi, come Repubblica Dominicana, Maldive ed East Africa, dall’altro i viaggi di scoperta, gli itinerari, sia nella versione classica che in quella tailor made. Stati Uniti e Giappone sono sempre nel cuore degli italiani, ma suscitano molto interesse anche Thailandia, Sudafrica e tutto il Sudamerica. Iniziano nuovamente le prenotazioni sulla Cina dopo un lungo periodo di blackout.\r\nNel settore crocieristico la primavera conferma l’andamento in crescita delle prenotazioni che sta caratterizzando il 2024. Secondo CLIA, l’Associazione che riunisce le principali Compagnie di crociera, quest’anno in Italia si supererà la quota di 14 milioni di passeggeri movimentati contro i 13,8 del 2023, il che conferma il Belpaese come principale meta europea.\r\nTra le destinazioni preferite della primavera molto apprezzati sono il Mediterraneo Occidentale e Orientale, fino alle crociere più lunghe (sino a due settimane) in Portogallo, Marocco, Turchia, Grecia, isole Canarie e Azzorre.\r\n\r\nEzhaya\r\n«Le prenotazioni per il periodo di Pasqua e ponti primaverili registrano una crescita dei ricavi dell’8% sul 2023 e la quasi totalità delle destinazioni coinvolte evidenzia un trend positivo. Il turismo organizzato registra crescite percentualmente più alte del turismo in generale, segno che è finalmente scelto dai consumatori per gli insostituibili valori che lo caratterizzano.\r\n\r\n«Infatti, è percepito dalle persone come fonte di garanzie, ma anche come canale dove riuscire a prenotare esperienze più personalizzate e difficilmente reperibili individualmente - commenta Pier Ezhaya, presidente Astoi Confindustria Viaggi - considerando la forte incidenza della prenotazione anticipata rilevata per le vacanze di Pasqua e visto l’incremento dei ricavi registrato per questo periodo, possiamo guardare con fiducia anche all’imminente estate: stimiamo infatti una crescita dei ricavi pari al 10% per il periodo estivo che contribuirà a consolidare la già buona stagione estiva del 2023 e a rafforzare l’intero comparto”»\r\nL’Osservatorio Astoi rileva che la durata media del viaggio durante i ponti festivi della primavera 2024 è di circa 8 giorni. I costi medi per persona vanno da 1.150 euro per il prodotto generalista, a 1.600 euro per una vacanza in villaggio, salendo a 3.500 euro quando si tratta di viaggi su misura.\r\n\r\nRincari\r\nIl rincaro dei servizi, rispetto al 2023, è stato più contenuto, pari a circa +5% sull’anno scorso e ha riguardato essenzialmente la componente voli.\r\nVa detto che chi si affida al Turismo Organizzato oggi è meno sensibile agli incrementi. Questa tipologia di clientela non ha come primo o unico parametro la convenienza; piuttosto si affida ad agenzie di viaggio e tour operator perché ricerca una vacanza distintiva; nel caso del format villaggio, chiede forme di intrattenimento sempre al passo con i nuovi trend e con le diverse modalità di divertimento, mentre per quanto riguarda i viaggi su misura desidera esperienze difficilmente prenotabili individualmente, soluzioni che gli operatori sono in grado di proporre grazie alla radicata conoscenza dei territori e all’impiego di  personale locale. Il cliente che viaggia con i tour operator richiede garanzie, tutele, assistenza e la certezza di vivere esperienze distintive.\r\n \r\n \r\n \r\n ","post_title":"Astoi: per Pasqua aumento di ricavi. Il turista sceglie l'organizzazione","post_date":"2024-03-25T10:24:54+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1711362294000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti