3 March 2024

La Fiera del tartufo di Acqualagna al Salone del Gusto di Torino

[ 0 ]

immagine-2016-fiera-nazionale-tartufo-bianco-51Al via da domani il roadshow sulle principali piazze nazionali per presentare la 51esima Fiera nazionale del tartufo bianco in programma il 30 e 31 ottobre, 1, 5, 6, 12, 13 novembre ad Acqualagna. Prima tappa (23 settembre) al Salone del Gusto di Torino, il più importante evento internazionale dedicato alla cultura del cibo firmato Slow Food. La cittadina illustrerà alla stampa internazionale la nuova edizione fieristica e, con l’associazione Città del Tartufo, ufficializzerà la richiesta per la candidatura Unesco della “Cultura del tartufo” (nella sede della Regione Piemonte). La nuova immagine (nella foto) che accompagnerà la comunicazione della 51esima Fiera è dedicata alla Grande Madre il cui mito rappresenta la fertilità e la generazione della vita, la terra e la sua capacità di generare i frutti di cui il tartufo è il più prezioso, profumato e conosciuto dai tempi più antichi. A Torino Acqualagna sarà presente anche con uno stand informativo per tutta la durata del Salone del Gusto. Le altre tappe nazionali per presentare la Fiera culmineranno a Roma in una grande serata evento.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462596 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un nuovo all-suite è andato ad arricchire la scorsa estate l'offerta ricettiva di Genova: di proprietà dei discendenti della famiglia che ne commissionò la costruzione più di quattrocento anni fa, palazzo Durazzo ha riaperto le porte dopo un restauro durato sette anni. Oggi l’hotel offre dodici suite, ognuna diversa dall’altra, una lounge con bar sviluppato su due piani e una sala affrescata per la colazione con vista sul porto. La costruzione del palazzo fu commissionata nel 1624 dalla famiglia Durazzo per accogliere gli ospiti più illustri in visita a Genova, poiché il suo sfarzo rappresentava il potere della Repubblica. Dopo anni in cui venne utilizzato come campus universitario, l’edificio è tornato quindi alle sue origini, a seguito del restauro curato dall’architetto Emanuela Brignone Cattaneo moglie del proprietario Giacomo Cattaneo Adorno e sotto la direzione artistica di Cesare Barro. L’idea alla base del progetto è sempre stata quella di rispettare quanto più possibile l’eredità storica del palazzo, mantenendo le sue caratteristiche architettoniche originali, tra cui la facciata decorata, i saloni eleganti, gli affreschi e il pavimento del terrazzo, apportando al contempo un tocco contemporaneo grazie all’esposizione di opere di artisti come Sam Falls, June Paik e Tomás Saraceno. “Il palazzo da sempre proprietà della famiglia di mio marito ha accolto le figure più prominenti in visita a Genova: da cardinali a principi, passando per governatori e uomini di stato - spiega la stessa Emanuela Brignone Cattaneo -. Ci sembrava naturale, quindi, restituirgli il prestigio di un tempo. Palazzo Durazzo, come appare oggi, è il frutto di sette anni di un attento restauro mirato a preservare la sua storia. Gli ospiti sono invitati a provare una nuova esperienza in questa città ricca di cultura, che viene molto spesso sottovalutata". [post_title] => Nuova vita per il genovese palazzo Durazzo: dalla scorsa estate è un all-suite nel cuore della città [post_date] => 2024-03-01T11:19:58+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709291998000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462501 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prendono il via il prossimo 10 maggio le visite guidate nella vita segreta del maniero della Bassa Bresciana, che trasportano i visitatori in uno spettacolo itinerante ed interattivo tra arte, storia, musica e teatro. ­ Cala la notte al Castello di Padernello (BS) e il silenzio lascia spazio alle ombre e ai misteri del fantasma della Dama Bianca. Eterea abitante del Castello svela ai curiosi visitatori le sue misteriose vicende. È il fantasma di Biancamaria Martinengo, la nobile bresciana appartenuta alla famiglia che per 5 secoli ha vissuto nel Castello, scomparsa a 13 anni sporgendosi oltre le mura del maniero per seguire le scie luminose delle lucciole, che vaga con il suo spirito nel Castello. Secondo la leggenda si mostra ogni 10 anni, presentandosi sullo scalone d’onore con in mano un libro d’oro contenente il suo segreto. La Dama Bianca è solo una delle protagoniste delle emozionanti visite guidate animate che, a partire da maggio 2024, rivelano “La vita segreta del Castello… in notturna”. Un evento consolidato nello storico maniero della Bassa Bresciana e nel suo borgo, che catapulta i visitatori in un percorso-spettacolo itinerante ed interattivo in cui le vicende del Castello si intrecciano ad avvincenti narrazioni interpretate da attori e musicisti. Un viaggio tra nobili stanze, l’affascinante biblioteca, i soffitti decorati, le atmosfere della cucina cinquecentesca, le opere d’arte del pittore Giacomo Ceruti, esposte in riproduzioni fotografiche ad altissima risoluzione. Una serata per scivolare nella storia e vivere le origini, i punti di svolta e la contemporaneità del Castello di Padernello. Le visite guidate in notturna si svolgeranno: venerdì 10 maggio e 28 giugno, e nei sabati del 3 agosto e del 5 ottobre 2024. È necessario arrivare al Castello alle ore: 20:45. Prima, c’è la possibilità di cenare in uno dei ristoranti del Borgo di Padernello; dopo, di pernottare all’Agriturismo Padernello.     [post_title] => Castello di Padernello, visite guidate tra i misteri del fantasma della Dama Bianca [post_date] => 2024-02-29T13:44:23+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709214263000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462514 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’isola d’Elba sempre più internazionale, grazie alla partecipazione a fiere di settore dedicate al turismo in mercati strategici come Germania, Austria e Repubblica Ceca. L’obiettivo è quello di incontrare un numero sempre più elevato di turisti del centro Europa, che ricercano la bellezza e il clima mite dell’isola anche nelle stagioni spalla, per destagionalizzare l’offerta turistica. In particolare, grazie alla sinergia tra Visit Elba, l’Associazione Albergatori Elbana e Confcommercio Elba, l’isola ha appena partecipato alla prestigiosa “F.re.e.”, l’annuale Fiera internazionale del Turismo a Monaco di Baviera in Germania dedicata ai viaggi con una grossa focalizzazione sul mondo outdoor. E ora si prepara a prendere parte alla “Ferien Messe” a Vienna dal 14 al 17 marzo e all’ “Holiday World & Region World” a Praga dal 15 al 17 marzo, dove continuerà a proporsi come destinazione year-round con particolare attenzione ai periodi marzo-giugno e settembre-novembre. «È essenziale per l’isola d’Elba rimanere impressa nella mente e nel cuore dei viaggiatori di mercati strategici come quelli del centro Europa grazie a queste fiere dedicate al turismo e all’outdoor – commenta Niccolò Censi, coordinatore della Gestione Associata per il Turismo dell’Isola d’Elba – I turisti di questi paesi, infatti, sono naturalmente attratti da una destinazione come la nostra, per le sue bellezze naturali, l'enogastronomia e per le numerose attività sportive che propone,  e, soprattutto, per il clima favorevole che permette di godere di vacanze rigeneranti per gran parte dell’anno».         [post_title] => Isola d'Elba tra Germania, Austria e Rep. Ceca per espandere la presenza internazionale [post_date] => 2024-02-29T12:54:33+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709211273000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462502 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Trenord porta alla ribalta le proposte di Gite in treno con 'Il Treno dei Sapori': un viaggio a bordo di un treno turistico della metà del ‘900 che viaggia lungo la sponda bresciana del lago d’Iseo, vivendo un saporito momento eno-gastronomico. Naturalmente a km.0. «È un progetto che vede la sinergia tra Trenord, proprietaria del treno, e ToBe Incentive, il tour operator che si occupa di ogni aspetto della gestione: dalle prenotazioni, ai rapporti con fornitori, enti e realtà locali, all’organizzazione dei percorsi di scoperta del territorio. Si interfaccia anche con le adv - spiega Leonardo Cesarini, direttore commerciale di Trenord -. In questi anni Il Treno dei Sapori ha goduto di una spinta incredibile: è sempre pieno e bisogna prenotare con largo anticipo, anche grazie all’attenzione dei viaggiatori che provengono dai paesi nordici. Abbiamo grandi progetti e stiamo facendo importanti investimenti. Quattro anni fa era possibile mangiare a bordo di questo treno e stiamo lavorando per ottenere le approvazioni che consentano nuovamente di cucinare mentre il treno viaggia. Al momento l’aperitivo viene servito in viaggio, mentre il pranzo a treno fermo, a Iseo o a Pisogne. Valorizziamo così i prodotti della Franciacorta e della Valcamonica in una forma originale: a bordo del treno». «Cresce la tendenza a utilizzare il mezzo pubblico per un turismo sostenibile di prossimità. - prosegue infatti Nadia Baroncelli di ToBe Incentive -. Lavoriamo per il 70% con il mercato italiano e per il restante 30% con il mercato tedesco (Germania, Austria e Svizzera). Il Treno dei Sapori parte al mattino e rientra a fine giornata alla stazione di Iseo. Abbiamo 5,6 tour che si alternano durante la stagione, che va da metà febbraio fino a metà dicembre. La particolarità di questo treno è che a bordo vengono servite degustazioni di prodotti tipici della zona: dall’aperitivo fino al caffè. Sono previste anche delle visite guidate: gli ospiti scendono dal treno e scoprono luoghi di interesse storico e naturalistico, a partire dai borghi di Iseo e Pisogne, affacciati sul lago. In ogni percorso è poi prevista una visita pomeridiana differente. Il “Lago con gusto” è uno degli itinerari più apprezzati: unisce il treno all’escursione in battello sul lago e alla visita di Monteisola. Seguono poi in alternativa gli itinerari con visita al castello di Bornato, al Borgo Antico San Vitale con la sua meravigliosa distilleria e al Monastero di San Pietro in Lamosa, che si affaccia direttamente sulla Riserva Naturalistica delle Torbiere del Sebino». «Le aziende di trasporto pubblico e collettivo sono anche vettori turistici - conclude Cesarini -. Lo dimostrano i numeri: nel 2023 10,6 milioni di viaggiatori hanno utilizzato il treno nel tempo libero, di questi 46.000 hanno acquistato i biglietti integrati treno+esperienza, per gite verso mete turistiche e attività di svago in Lombardia. C’è stato un incremento del 32% rispetto al 2022». [gallery ids="462504,462505,462506"] [post_title] => Trenord: ecco il 'Treno dei Sapori' alla scoperta dei borghi e dei sapori della Lombardia [post_date] => 2024-02-29T12:38:34+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709210314000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462462 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Regione Liguria finanzia con 3,7 milioni di euro "Sanremo Verde", la strategia territoriale della 'Città dei Fiori' per preservare la biodiversità urbana e mitigare gli effetti dovuti ai cambiamenti climatici.  «Undici gli interventi che produrranno importanti e positive ricadute su Sanremo - spiega l'assessore regionale allo Sviluppo economico Alessio Piana - In particolare, con gli interventi promossi intendiamo aumentare da un lato le superfici verdi e dall'altro diminuire le superfici impermeabili, sostituendo l'asfalto con pavimentazioni drenanti e a prato». Gli interventi sono distribuiti lungo la fascia litoranea che costeggia la pista ciclabile, con alcuni piccoli sconfinamenti sui versanti collinari.  Partendo dal ponente cittadino, dove è prevista la realizzazione di un nuovo percorso verde in via Grande Torino, nel quale poter anche svolgere attività fisica outdoor, e la trasformazione green, con de-impermeabilizzazione del suolo e nuove alberature per ombreggiare il vicino parcheggio esistente e la confinante pista ciclabile.  Passando per il centro, dove è prevista la trasformazione verde della piazza antistante il Mercato Annonario, ai piedi del nucleo antico della Pigna, con eliminazione delle superfici in asfalto e nuove alberature, il potenziamento e l’estensione del filare alberato in Corso Nino Bixio e Corso Orazio Raimondo, la riqualificazione degli adiacenti giardini Trento e Trieste e la realizzazione di un nuovo parco lineare lungo la Passeggiata Salvo D’Acquisto, in ampliamento dei giardini esistenti.  Arrivando al levante, dove è prevista la riqualificazione, con implementazione e diversificazione del verde, del Parco San Martino e dell’adiacente parcheggio di via Scoglio, entrambi con accessi diretti dalla pista ciclabile.  A questi interventi lungo la costa, si affiancano la sistemazione a verde con spazi di sosta e orti urbani di due piccole aree abbandonate a servizio dei quartieri collinari. [post_title] => Sanremo più green, 3,7 milioni dalla Regione per preservare la biodiversità urbana [post_date] => 2024-02-29T10:37:56+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709203076000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462465 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Performance 2023 decisamente positiva per la Repubblica Ceca che torna ad allinearsi ai numeri pre pandemia. L'anno scorso la destinazione ha accolto quasi 10 milioni di stranieri - pari al 43,3% del totale -: sommandoli ai 12,5 milioni di vacanzieri cechi, il Paese ha calcolato oltre 22 milioni di turisti (+13,5% rispetto al 2022) per un totale di oltre 56 milioni di pernottamenti, con una media di 3,5 notti per soggiorno.  Quanto all’analisi dei bacini esteri di provenienza, emergono solide conferme. Sul podio i mercati di prossimità, Germania, Slovacchia e Polonia, ma è interessante il consolidamento dell’Italia in sesta posizione, dopo Usa e Regno Unito. Dal nostro Paese sono arrivate in Cechia nel 2023 oltre 390 mila persone (+55%), per oltre un milione di presenze (+58%) con 3,67 notti in media. I periodi di maggiore picco sono coincisi con la primavera, grazie alla ripresa del turismo scolastico, l’estate che ha fatto toccare livelli addirittura superiori al 2019 e ha visto gli italiani spingersi sempre più oltre Praga (che mantiene comunque ancora l’80% delle preferenze) e dicembre con il Natale, che ha totalizzato il dato-record di 150 mila presenze italiane. “La Repubblica Ceca si riafferma come destinazione turistica di primo piano per il mercato italiano, con un aumento significativo degli arrivi e delle presenze nel 2023 – afferma Lubos Rosenberg, direttore di CzechTourism Italia-. Il che ci è di ulteriore stimolo a proporre al viaggiatore italiano, anche al più esigente, sempre nuovi spunti, a partire da Praga con i suoi vibranti quartieri emergenti fino a itinerari storico-culturali inediti, passando per le esperienze attive”. Collegamenti aerei potenziati per il 2024 Alla già ricca offerta su Praga operata da Ryanair (che collega alla capitale ben 11 città italiane), easyJet, Eurowings, Smartwings, Wizz Air, nel 2024 si aggiungono i collegamenti Volotea da Verona e Firenze e il nuovo volo da Brindisi di Smartwings. L’operativo estivo (con qualche intervento già da marzo) sarà poi ulteriormente potenziato con un aumento di rotte e di frequenze settimanali. Sospesi per l’inverno, stanno per tornare anche i collegamenti con Praga da Torino, Rimini e Pescara e il Milano Orio al Serio-Brno, la città capoluogo della Moravia Meridionale che ben si presta per un tour nei dintorni ricco di storia, natura e borghi pittoreschi. [post_title] => La Repubblica Ceca ritrova i numeri pre pandemia. Italia sesto mercato [post_date] => 2024-02-29T10:23:52+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709202232000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462450 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Vueling torna a collegare Milano Linate all'aeroporto di Barcellona El Prat, dal prossimo 31 marzo con due voli alla settimana (operativi il sabato e la domenica). La rotta, che era stata operativa fino al 2021, si aggiunge ai collegamenti operati dalla compagnia da Milano Malpensa, che saranno rafforzati arrivando fino a 6 voli giornalieri; con un totale di fino a 37 voli settimanali da Milano a Barcellona, Vueling rafforza la sua leadership sulla rotta Italia-Barcellona e consolida il suo secondo posto sul corridoio Italia-Spagna. L’Italia resta un mercato chiave per la compagnia aerea del gruppo Iag, con le due basi di Roma Fiumicino e Firenze, tra le 16 in Europa. Vueling ha iniziato le attività proprio nel nostro paese nel 2004, anno della sua fondazione, e arriverà ad operare in 14 aeroporti italiani per la stagione estiva: Roma Fiumicino, Firenze, Milano Malpensa, Milano Linate, Torino, Genova, Venezia, Bologna, Napoli, Bari, Palermo, Catania, Cagliari e Olbia.   [post_title] => Vueling ripristina il collegamento da Milano Linate a Barcellona, dal 31 marzo [post_date] => 2024-02-29T09:45:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709199938000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462448 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_415903" align="alignleft" width="300"] Salvatore Ombra[/caption] L'aeroporto di Trapani avanza verso la stagione estiva con un'aspettativa di circa 1,1 milioni di passeggeri con un totale di 9375 movimenti. Il network include oggi 25 rotte, 11 nazionali e 14 internazionali. Tra le domestiche ci sono Bergamo, Bologna, Milano Malpensa, Napoli, Pescara, Pisa, Roma Fiumicino, Torino, Treviso, Pantelleria, Forlì tra 11 le nazionali. Le estere partono da e per Charleroi in Belgio, Bod Bordeau in Francia, Billund in Danimarca, Bratislava, NRN Dusseldorf, FKB Karlsluhe Baden Baden in Germania, Malta, Manchester in Inghilterra, Porto, Riga, Siviglia, STN sempre in Gran Bretagna, Tolosa e KTW Katowice in Polonia. I voli sono operati tutti da Ryanair, tranne quello per l'isola di Pantelleria, coperto con la continuità territoriale da Dat, Danish Air Transport con il marchio VolidiSicilia. “Una previsione di un milione di passeggeri, rispetto ai numeri del recente passato – ha dichiarato il presidente di Airgest, Salvatore Ombra - potrebbe essere una buona notizia ma non ci basta. Per far crescere l’aeroporto di Trapani servono risorse e promozione da parte del territorio. Il Vincenzo Florio non è né Catania, né Palermo che autosostengono il traffico passeggeri e riescono a fare utili. In un mercato altamente competitivo siamo riusciti ad attirare il traffico aereo solo grazie all’investimento della Regione Siciliana, riuscendo però a far ricadere sul territorio entrate per 196 e 294 milioni di euro, nel 2022 e 2023, con migliaia di posti di nuovi lavoro creati”.  “Il nostro aeroporto - ha specificato il presidente di Airgest - genera un ritorno economico pari a 45 volte ogni euro investito. È importante quindi che tutti i rappresentanti del territorio facciano lobby per sostenere lo scalo. Solo con investimenti importanti si ottengono grandi numeri. Milioni sono stati investiti dalla Regione Calabria, dalla Puglia, il Friuli Venezia Giulia si è accollata l’addizionale comunale e Bergamo, per diventare l’hub che è oggi, ha investito parecchi milioni e negli anni era come Trapani e oggi è il terzo scalo italiano. Noi possiamo aspirare a 2 milioni di passeggeri all’anno ma è un traguardo che si raggiunge tutti insieme”. [post_title] => L'aeroporto di Trapani punta a oltre 1,1 milioni di passeggeri per la summer [post_date] => 2024-02-29T09:23:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709198628000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462382 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aria di rinnovamento all’interno dello storico hotel Metropole di Montecarlo con l’apertura del salon Méditerranée. Luogo opera del designer e architetto parigino Jacque Garcia, si tratta di uno spazio elegante e raffinato adatto per feste private, cene eleganti o meeting aziendali. L’area misura 120 mq ed è dotata di wifi, video proiettore, televisione, aria condizionata, line telefonica privata, bloc notes e penne per i convegni. La capienza, che varia anche in base alla disposizione degli arredi da definire in base all’evento, raggiunge le 60 persone. L’atmosfera del salone è resa calda e accogliente dalla luce solare che filtra dalle ampie finestre presenti lungo la parete interna, irradiando gli affreschi decorativi disegnati da Delphine Nény, definita Miglior artigiana di Francia. Queste opere adornano dei pannelli presenti nella stanza che possono essere aperti, permettendo agli ospiti di ammirare la brigata di cucina all’opera. Particolare attenzione ricade sui green events, ossia eventi organizzabili all’interno dell’albergo durante i quali, tramite misure ad hoc, viene ridotto al minimo il consumo di plastiche grazie all’utilizzo di materiali riciclabili: dalle bottiglie d’acqua alle capsule per il caffè. Il Metropole offre inoltre alcune brevi attività interamente sostenibili da svolgere nelle pause dei seminari di business. In particolare, sarà possibile frequentare alcuni corsi di pasticceria a opera del pastry chef Patrick Mesiano, utilizzando solo ingredienti di stagione, oppure svolgere una pedalata per Monaco grazie alle apposite biciclette elettriche. Il servizio catering durante questi eventi è guidato da Christophe Cussac, head chef in grado di incontrare tutte le richieste degli ospiti, dai vegetariani ai gluten-free. Come per le classi di pasticceria, anche nella cucina il rispetto della stagionalità è d’obbligo nella scelta degli ingredienti, preservati e serviti senza l’utilizzo di confezioni o box di plastica. Si affianca il servizio del barman, in particolare durante i cocktail party. Tramite l’acquisto di due cocktail pensati dal Metropole, è tra l'altro possibile raccogliere fondi da trasferire in piani di riforestazione per la tutela e crescita del cosiddetto Polmone verde. [post_title] => Al Metropole di Montecarlo apre il salon Méditerranée per feste ed eventi [post_date] => 2024-02-28T10:40:01+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709116801000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "la fiera del tartufo acqualagna al salone del gusto torino" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":43,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1092,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462596","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un nuovo all-suite è andato ad arricchire la scorsa estate l'offerta ricettiva di Genova: di proprietà dei discendenti della famiglia che ne commissionò la costruzione più di quattrocento anni fa, palazzo Durazzo ha riaperto le porte dopo un restauro durato sette anni. Oggi l’hotel offre dodici suite, ognuna diversa dall’altra, una lounge con bar sviluppato su due piani e una sala affrescata per la colazione con vista sul porto.\r\n\r\nLa costruzione del palazzo fu commissionata nel 1624 dalla famiglia Durazzo per accogliere gli ospiti più illustri in visita a Genova, poiché il suo sfarzo rappresentava il potere della Repubblica. Dopo anni in cui venne utilizzato come campus universitario, l’edificio è tornato quindi alle sue origini, a seguito del restauro curato dall’architetto Emanuela Brignone Cattaneo moglie del proprietario Giacomo Cattaneo Adorno e sotto la direzione artistica di Cesare Barro. L’idea alla base del progetto è sempre stata quella di rispettare quanto più possibile l’eredità storica del palazzo, mantenendo le sue caratteristiche architettoniche originali, tra cui la facciata decorata, i saloni eleganti, gli affreschi e il pavimento del terrazzo, apportando al contempo un tocco contemporaneo grazie all’esposizione di opere di artisti come Sam Falls, June Paik e Tomás Saraceno.\r\n\r\n“Il palazzo da sempre proprietà della famiglia di mio marito ha accolto le figure più prominenti in visita a Genova: da cardinali a principi, passando per governatori e uomini di stato - spiega la stessa Emanuela Brignone Cattaneo -. Ci sembrava naturale, quindi, restituirgli il prestigio di un tempo. Palazzo Durazzo, come appare oggi, è il frutto di sette anni di un attento restauro mirato a preservare la sua storia. Gli ospiti sono invitati a provare una nuova esperienza in questa città ricca di cultura, che viene molto spesso sottovalutata\".","post_title":"Nuova vita per il genovese palazzo Durazzo: dalla scorsa estate è un all-suite nel cuore della città","post_date":"2024-03-01T11:19:58+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709291998000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462501","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prendono il via il prossimo 10 maggio le visite guidate nella vita segreta del maniero della Bassa Bresciana, che trasportano i visitatori in uno spettacolo itinerante ed interattivo tra arte, storia, musica e teatro.\r\n­\r\nCala la notte al Castello di Padernello (BS) e il silenzio lascia spazio alle ombre e ai misteri del fantasma della Dama Bianca. Eterea abitante del Castello svela ai curiosi visitatori le sue misteriose vicende. È il fantasma di Biancamaria Martinengo, la nobile bresciana appartenuta alla famiglia che per 5 secoli ha vissuto nel Castello, scomparsa a 13 anni sporgendosi oltre le mura del maniero per seguire le scie luminose delle lucciole, che vaga con il suo spirito nel Castello. Secondo la leggenda si mostra ogni 10 anni, presentandosi sullo scalone d’onore con in mano un libro d’oro contenente il suo segreto.\r\n\r\nLa Dama Bianca è solo una delle protagoniste delle emozionanti visite guidate animate che, a partire da maggio 2024, rivelano “La vita segreta del Castello… in notturna”. Un evento consolidato nello storico maniero della Bassa Bresciana e nel suo borgo, che catapulta i visitatori in un percorso-spettacolo itinerante ed interattivo in cui le vicende del Castello si intrecciano ad avvincenti narrazioni interpretate da attori e musicisti. Un viaggio tra nobili stanze, l’affascinante biblioteca, i soffitti decorati, le atmosfere della cucina cinquecentesca, le opere d’arte del pittore Giacomo Ceruti, esposte in riproduzioni fotografiche ad altissima risoluzione. Una serata per scivolare nella storia e vivere le origini, i punti di svolta e la contemporaneità del Castello di Padernello.\r\n\r\nLe visite guidate in notturna si svolgeranno: venerdì 10 maggio e 28 giugno, e nei sabati del 3 agosto e del 5 ottobre 2024. È necessario arrivare al Castello alle ore: 20:45. Prima, c’è la possibilità di cenare in uno dei ristoranti del Borgo di Padernello; dopo, di pernottare all’Agriturismo Padernello.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Castello di Padernello, visite guidate tra i misteri del fantasma della Dama Bianca","post_date":"2024-02-29T13:44:23+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1709214263000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462514","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’isola d’Elba sempre più internazionale, grazie alla partecipazione a fiere di settore dedicate al turismo in mercati strategici come Germania, Austria e Repubblica Ceca. L’obiettivo è quello di incontrare un numero sempre più elevato di turisti del centro Europa, che ricercano la bellezza e il clima mite dell’isola anche nelle stagioni spalla, per destagionalizzare l’offerta turistica.\r\n\r\nIn particolare, grazie alla sinergia tra Visit Elba, l’Associazione Albergatori Elbana e Confcommercio Elba, l’isola ha appena partecipato alla prestigiosa “F.re.e.”, l’annuale Fiera internazionale del Turismo a Monaco di Baviera in Germania dedicata ai viaggi con una grossa focalizzazione sul mondo outdoor. E ora si prepara a prendere parte alla “Ferien Messe” a Vienna dal 14 al 17 marzo e all’ “Holiday World & Region World” a Praga dal 15 al 17 marzo, dove continuerà a proporsi come destinazione year-round con particolare attenzione ai periodi marzo-giugno e settembre-novembre.\r\n\r\n«È essenziale per l’isola d’Elba rimanere impressa nella mente e nel cuore dei viaggiatori di mercati strategici come quelli del centro Europa grazie a queste fiere dedicate al turismo e all’outdoor – commenta Niccolò Censi, coordinatore della Gestione Associata per il Turismo dell’Isola d’Elba – I turisti di questi paesi, infatti, sono naturalmente attratti da una destinazione come la nostra, per le sue bellezze naturali, l'enogastronomia e per le numerose attività sportive che propone,  e, soprattutto, per il clima favorevole che permette di godere di vacanze rigeneranti per gran parte dell’anno».\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Isola d'Elba tra Germania, Austria e Rep. Ceca per espandere la presenza internazionale","post_date":"2024-02-29T12:54:33+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1709211273000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462502","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\nTrenord porta alla ribalta le proposte di Gite in treno con 'Il Treno dei Sapori': un viaggio a bordo di un treno turistico della metà del ‘900 che viaggia lungo la sponda bresciana del lago d’Iseo, vivendo un saporito momento eno-gastronomico. Naturalmente a km.0.\r\n\r\n«È un progetto che vede la sinergia tra Trenord, proprietaria del treno, e ToBe Incentive, il tour operator che si occupa di ogni aspetto della gestione: dalle prenotazioni, ai rapporti con fornitori, enti e realtà locali, all’organizzazione dei percorsi di scoperta del territorio. Si interfaccia anche con le adv - spiega Leonardo Cesarini, direttore commerciale di Trenord -. In questi anni Il Treno dei Sapori ha goduto di una spinta incredibile: è sempre pieno e bisogna prenotare con largo anticipo, anche grazie all’attenzione dei viaggiatori che provengono dai paesi nordici. Abbiamo grandi progetti e stiamo facendo importanti investimenti. Quattro anni fa era possibile mangiare a bordo di questo treno e stiamo lavorando per ottenere le approvazioni che consentano nuovamente di cucinare mentre il treno viaggia. Al momento l’aperitivo viene servito in viaggio, mentre il pranzo a treno fermo, a Iseo o a Pisogne. Valorizziamo così i prodotti della Franciacorta e della Valcamonica in una forma originale: a bordo del treno».\r\n\r\n«Cresce la tendenza a utilizzare il mezzo pubblico per un turismo sostenibile di prossimità. - prosegue infatti Nadia Baroncelli di ToBe Incentive -. Lavoriamo per il 70% con il mercato italiano e per il restante 30% con il mercato tedesco (Germania, Austria e Svizzera). Il Treno dei Sapori parte al mattino e rientra a fine giornata alla stazione di Iseo. Abbiamo 5,6 tour che si alternano durante la stagione, che va da metà febbraio fino a metà dicembre. La particolarità di questo treno è che a bordo vengono servite degustazioni di prodotti tipici della zona: dall’aperitivo fino al caffè. Sono previste anche delle visite guidate: gli ospiti scendono dal treno e scoprono luoghi di interesse storico e naturalistico, a partire dai borghi di Iseo e Pisogne, affacciati sul lago. In ogni percorso è poi prevista una visita pomeridiana differente. Il “Lago con gusto” è uno degli itinerari più apprezzati: unisce il treno all’escursione in battello sul lago e alla visita di Monteisola. Seguono poi in alternativa gli itinerari con visita al castello di Bornato, al Borgo Antico San Vitale con la sua meravigliosa distilleria e al Monastero di San Pietro in Lamosa, che si affaccia direttamente sulla Riserva Naturalistica delle Torbiere del Sebino».\r\n\r\n«Le aziende di trasporto pubblico e collettivo sono anche vettori turistici - conclude Cesarini -. Lo dimostrano i numeri: nel 2023 10,6 milioni di viaggiatori hanno utilizzato il treno nel tempo libero, di questi 46.000 hanno acquistato i biglietti integrati treno+esperienza, per gite verso mete turistiche e attività di svago in Lombardia. C’è stato un incremento del 32% rispetto al 2022».\r\n\r\n[gallery ids=\"462504,462505,462506\"]","post_title":"Trenord: ecco il 'Treno dei Sapori' alla scoperta dei borghi e dei sapori della Lombardia","post_date":"2024-02-29T12:38:34+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709210314000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462462","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Regione Liguria finanzia con 3,7 milioni di euro \"Sanremo Verde\", la strategia territoriale della 'Città dei Fiori' per preservare la biodiversità urbana e mitigare gli effetti dovuti ai cambiamenti climatici. \r\n\r\n«Undici gli interventi che produrranno importanti e positive ricadute su Sanremo - spiega l'assessore regionale allo Sviluppo economico Alessio Piana - In particolare, con gli interventi promossi intendiamo aumentare da un lato le superfici verdi e dall'altro diminuire le superfici impermeabili, sostituendo l'asfalto con pavimentazioni drenanti e a prato».\r\n\r\nGli interventi sono distribuiti lungo la fascia litoranea che costeggia la pista ciclabile, con alcuni piccoli sconfinamenti sui versanti collinari. \r\n\r\nPartendo dal ponente cittadino, dove è prevista la realizzazione di un nuovo percorso verde in via Grande Torino, nel quale poter anche svolgere attività fisica outdoor, e la trasformazione green, con de-impermeabilizzazione del suolo e nuove alberature per ombreggiare il vicino parcheggio esistente e la confinante pista ciclabile. \r\n\r\nPassando per il centro, dove è prevista la trasformazione verde della piazza antistante il Mercato Annonario, ai piedi del nucleo antico della Pigna, con eliminazione delle superfici in asfalto e nuove alberature, il potenziamento e l’estensione del filare alberato in Corso Nino Bixio e Corso Orazio Raimondo, la riqualificazione degli adiacenti giardini Trento e Trieste e la realizzazione di un nuovo parco lineare lungo la Passeggiata Salvo D’Acquisto, in ampliamento dei giardini esistenti. \r\n\r\nArrivando al levante, dove è prevista la riqualificazione, con implementazione e diversificazione del verde, del Parco San Martino e dell’adiacente parcheggio di via Scoglio, entrambi con accessi diretti dalla pista ciclabile. \r\n\r\nA questi interventi lungo la costa, si affiancano la sistemazione a verde con spazi di sosta e orti urbani di due piccole aree abbandonate a servizio dei quartieri collinari.","post_title":"Sanremo più green, 3,7 milioni dalla Regione per preservare la biodiversità urbana","post_date":"2024-02-29T10:37:56+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1709203076000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462465","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Performance 2023 decisamente positiva per la Repubblica Ceca che torna ad allinearsi ai numeri pre pandemia.\r\n\r\nL'anno scorso la destinazione ha accolto quasi 10 milioni di stranieri - pari al 43,3% del totale -: sommandoli ai 12,5 milioni di vacanzieri cechi, il Paese ha calcolato oltre 22 milioni di turisti (+13,5% rispetto al 2022) per un totale di oltre 56 milioni di pernottamenti, con una media di 3,5 notti per soggiorno. \r\n\r\nQuanto all’analisi dei bacini esteri di provenienza, emergono solide conferme. Sul podio i mercati di prossimità, Germania, Slovacchia e Polonia, ma è interessante il consolidamento dell’Italia in sesta posizione, dopo Usa e Regno Unito.\r\n\r\nDal nostro Paese sono arrivate in Cechia nel 2023 oltre 390 mila persone (+55%), per oltre un milione di presenze (+58%) con 3,67 notti in media. I periodi di maggiore picco sono coincisi con la primavera, grazie alla ripresa del turismo scolastico, l’estate che ha fatto toccare livelli addirittura superiori al 2019 e ha visto gli italiani spingersi sempre più oltre Praga (che mantiene comunque ancora l’80% delle preferenze) e dicembre con il Natale, che ha totalizzato il dato-record di 150 mila presenze italiane.\r\n\r\n“La Repubblica Ceca si riafferma come destinazione turistica di primo piano per il mercato italiano, con un aumento significativo degli arrivi e delle presenze nel 2023 – afferma Lubos Rosenberg, direttore di CzechTourism Italia-. Il che ci è di ulteriore stimolo a proporre al viaggiatore italiano, anche al più esigente, sempre nuovi spunti, a partire da Praga con i suoi vibranti quartieri emergenti fino a itinerari storico-culturali inediti, passando per le esperienze attive”.\r\n\r\nCollegamenti aerei potenziati per il 2024\r\n\r\nAlla già ricca offerta su Praga operata da Ryanair (che collega alla capitale ben 11 città italiane), easyJet, Eurowings, Smartwings, Wizz Air, nel 2024 si aggiungono i collegamenti Volotea da Verona e Firenze e il nuovo volo da Brindisi di Smartwings.\r\n\r\nL’operativo estivo (con qualche intervento già da marzo) sarà poi ulteriormente potenziato con un aumento di rotte e di frequenze settimanali. Sospesi per l’inverno, stanno per tornare anche i collegamenti con Praga da Torino, Rimini e Pescara e il Milano Orio al Serio-Brno, la città capoluogo della Moravia Meridionale che ben si presta per un tour nei dintorni ricco di storia, natura e borghi pittoreschi.","post_title":"La Repubblica Ceca ritrova i numeri pre pandemia. Italia sesto mercato","post_date":"2024-02-29T10:23:52+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1709202232000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462450","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Vueling torna a collegare Milano Linate all'aeroporto di Barcellona El Prat, dal prossimo 31 marzo con due voli alla settimana (operativi il sabato e la domenica).\r\n\r\nLa rotta, che era stata operativa fino al 2021, si aggiunge ai collegamenti operati dalla compagnia da Milano Malpensa, che saranno rafforzati arrivando fino a 6 voli giornalieri; con un totale di fino a 37 voli settimanali da Milano a Barcellona, Vueling rafforza la sua leadership sulla rotta Italia-Barcellona e consolida il suo secondo posto sul corridoio Italia-Spagna.\r\n\r\nL’Italia resta un mercato chiave per la compagnia aerea del gruppo Iag, con le due basi di Roma Fiumicino e Firenze, tra le 16 in Europa. Vueling ha iniziato le attività proprio nel nostro paese nel 2004, anno della sua fondazione, e arriverà ad operare in 14 aeroporti italiani per la stagione estiva: Roma Fiumicino, Firenze, Milano Malpensa, Milano Linate, Torino, Genova, Venezia, Bologna, Napoli, Bari, Palermo, Catania, Cagliari e Olbia.\r\n\r\n ","post_title":"Vueling ripristina il collegamento da Milano Linate a Barcellona, dal 31 marzo","post_date":"2024-02-29T09:45:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709199938000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462448","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_415903\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Salvatore Ombra[/caption]\r\n\r\nL'aeroporto di Trapani avanza verso la stagione estiva con un'aspettativa di circa 1,1 milioni di passeggeri con un totale di 9375 movimenti. Il network include oggi 25 rotte, 11 nazionali e 14 internazionali.\r\n\r\nTra le domestiche ci sono Bergamo, Bologna, Milano Malpensa, Napoli, Pescara, Pisa, Roma Fiumicino, Torino, Treviso, Pantelleria, Forlì tra 11 le nazionali. Le estere partono da e per Charleroi in Belgio, Bod Bordeau in Francia, Billund in Danimarca, Bratislava, NRN Dusseldorf, FKB Karlsluhe Baden Baden in Germania, Malta, Manchester in Inghilterra, Porto, Riga, Siviglia, STN sempre in Gran Bretagna, Tolosa e KTW Katowice in Polonia. I voli sono operati tutti da Ryanair, tranne quello per l'isola di Pantelleria, coperto con la continuità territoriale da Dat, Danish Air Transport con il marchio VolidiSicilia.\r\n\r\n“Una previsione di un milione di passeggeri, rispetto ai numeri del recente passato – ha dichiarato il presidente di Airgest, Salvatore Ombra - potrebbe essere una buona notizia ma non ci basta. Per far crescere l’aeroporto di Trapani servono risorse e promozione da parte del territorio. Il Vincenzo Florio non è né Catania, né Palermo che autosostengono il traffico passeggeri e riescono a fare utili. In un mercato altamente competitivo siamo riusciti ad attirare il traffico aereo solo grazie all’investimento della Regione Siciliana, riuscendo però a far ricadere sul territorio entrate per 196 e 294 milioni di euro, nel 2022 e 2023, con migliaia di posti di nuovi lavoro creati”.\r\n\r\n “Il nostro aeroporto - ha specificato il presidente di Airgest - genera un ritorno economico pari a 45 volte ogni euro investito. È importante quindi che tutti i rappresentanti del territorio facciano lobby per sostenere lo scalo. Solo con investimenti importanti si ottengono grandi numeri. Milioni sono stati investiti dalla Regione Calabria, dalla Puglia, il Friuli Venezia Giulia si è accollata l’addizionale comunale e Bergamo, per diventare l’hub che è oggi, ha investito parecchi milioni e negli anni era come Trapani e oggi è il terzo scalo italiano. Noi possiamo aspirare a 2 milioni di passeggeri all’anno ma è un traguardo che si raggiunge tutti insieme”.","post_title":"L'aeroporto di Trapani punta a oltre 1,1 milioni di passeggeri per la summer","post_date":"2024-02-29T09:23:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709198628000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462382","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aria di rinnovamento all’interno dello storico hotel Metropole di Montecarlo con l’apertura del salon Méditerranée. Luogo opera del designer e architetto parigino Jacque Garcia, si tratta di uno spazio elegante e raffinato adatto per feste private, cene eleganti o meeting aziendali. L’area misura 120 mq ed è dotata di wifi, video proiettore, televisione, aria condizionata, line telefonica privata, bloc notes e penne per i convegni. La capienza, che varia anche in base alla disposizione degli arredi da definire in base all’evento, raggiunge le 60 persone.\r\n\r\nL’atmosfera del salone è resa calda e accogliente dalla luce solare che filtra dalle ampie finestre presenti lungo la parete interna, irradiando gli affreschi decorativi disegnati da Delphine Nény, definita Miglior artigiana di Francia. Queste opere adornano dei pannelli presenti nella stanza che possono essere aperti, permettendo agli ospiti di ammirare la brigata di cucina all’opera.\r\n\r\nParticolare attenzione ricade sui green events, ossia eventi organizzabili all’interno dell’albergo durante i quali, tramite misure ad hoc, viene ridotto al minimo il consumo di plastiche grazie all’utilizzo di materiali riciclabili: dalle bottiglie d’acqua alle capsule per il caffè. Il Metropole offre inoltre alcune brevi attività interamente sostenibili da svolgere nelle pause dei seminari di business. In particolare, sarà possibile frequentare alcuni corsi di pasticceria a opera del pastry chef Patrick Mesiano, utilizzando solo ingredienti di stagione, oppure svolgere una pedalata per Monaco grazie alle apposite biciclette elettriche.\r\n\r\nIl servizio catering durante questi eventi è guidato da Christophe Cussac, head chef in grado di incontrare tutte le richieste degli ospiti, dai vegetariani ai gluten-free. Come per le classi di pasticceria, anche nella cucina il rispetto della stagionalità è d’obbligo nella scelta degli ingredienti, preservati e serviti senza l’utilizzo di confezioni o box di plastica. Si affianca il servizio del barman, in particolare durante i cocktail party. Tramite l’acquisto di due cocktail pensati dal Metropole, è tra l'altro possibile raccogliere fondi da trasferire in piani di riforestazione per la tutela e crescita del cosiddetto Polmone verde.","post_title":"Al Metropole di Montecarlo apre il salon Méditerranée per feste ed eventi","post_date":"2024-02-28T10:40:01+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709116801000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti