4 December 2022

Excelsior Dolomites Life Resort, avventure open air a San Vigilio di Marebbe

[ 0 ]

A fine estate le temperature si fanno miti e ideali per dedicarsi alle escursioni, i sentieri sono poco battuti e consentono di concentrarsi sui panorami meravigliosi di boschi, prati a perdita d’occhio e vette maestose. San Vigilio di Marebbe (BZ), in Val Badia, è il punto di partenza perfetto per avventure open air.

L’Excelsior Dolomites Life Resort, che sorge nel verdissimo cuore del parco naturale Fanes-Senes-Braies, offre 6 giorni su 7, escursioni a piedi e in mountain bike – che partono direttamente davanti alla porta del resort – insieme ai padroni di casa e alle guide alpine. Il resort celebra le vette in ogni dettaglio, dai materiali naturali della nuova facciata, al design alpino delle suite dell’Excelsior Dolomites Lodge e delle eleganti camere completamente rinnovate nel 2021 del Residence e del Castello Excelsior. A tavola si privilegiano prodotti di alta qualità di provenienza locale e regionale. Boschi e montagne fanno da musa anche al benessere nei 2500 metri quadrati di aree relax, tra cui spicca la Dolomites Sky Spa (esclusiva per gli adulti) – con la scenografica infinity pool sul rooftop (33°) con vista mozzafiato sulle Dolomiti, sauna panoramica, forest sauna a raggi infrarossi e raffinate aree per il riposo; la Family Spa, dove divertirsi tra piscina panoramica interna riscaldata , idromassaggio esterno e interno, il regno delle saune e i trattamenti wellness deluxe del Castello di Dolasilla, da godersi da soli o in coppia nella private spa suite. Il resort è anche il primo (e unico della regione) professionista del benessere della schiena, con l’ideazione del programma di trattamenti ed esercizi mirati “Schiena in perfetta forma®”. Per i bambini e i ragazzi a disposizione i nuovi Kids e Junior Club con tante attività indoor per giocare. I piccoli e grandi amanti dell’avventura possono anche cimentarsi con la nuova parete di arrampicata sulla facciata del Dolomites Lodge.

L’offerta Late Summer valida dal 3 settembre al 23 ottobre 2022, comprende 7 pernottamenti con pensione gourmet ¾ PLUS, libero utilizzo dei 2.500 m² di zone wellness con Sky Spa esclusivamente per adulti e area separata per famiglie; fitness ed esercizi con il programma Schiena in perfetta forma®; programma di escursioni guidate in piccoli gruppi 6 giorni a settimana, partenza a piedi direttamente davanti al resort e pranzo al sacco; tour guidati in mountain bike e noleggio di nuove mountain bike e E-bike (tour con la Bike School San Vigilio a pagamento); nuova avventura di arrampicata sulla parete esterna del resort. Prezzo a partire da 994 euro per persona in camera doppia Fanes.

 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435329 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435331" align="alignleft" width="300"] Francesco di Cesare[/caption] Segnali di ripresa per lo shopping tourism in Italia che, nel 2023, potrebbe superare la quota dei 2 milioni di turisti che viaggiano con motivazione prevalente shopping stimata prima della pandemia. Dopo il focus sul mercato internazionale nella tappa di Venezia, seguito dall'approfondimento sulla Penisola dell'evento di Ancona, arrivano ora le anticipazioni sul prossimo futuro, rivelate in occasione dell'appuntamento conclusivo, a Bologna, con il tour 2022 organizzato sul tema dello shopping tourism da Risposte Turismo, in collaborazione con il sistema Confcommercio. «Superare la soglia dei 2 milioni di shopping tourist sarebbe un risultato che ribadisce l’esistenza di una porzione significativa di domanda turistica che ha nello shopping la motivazione prevalente della propria vacanza e su cui sarebbe opportuno attivare un programma di impegno per aumentare il posizionamento dell’intera Italia come destinazione per gli shopping tourist» ha dichiarato Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo. Nella cornice di palazzo Segni Massetti, sede di Confcommercio Ascom Bologna, di Cesare ha inoltre presentato i risultati della mappatura sui luoghi dello shopping in Italia contenuta all’interno di Shopping Tourism Italian Monitor, il rapporto di ricerca di riferimento sul fenomeno. La fotografia scattata mostra la presenza nel nostro Paese di un’offerta variegata per i turisti desiderosi di trascorrere una vacanza all’insegna dello shopping e per tutti coloro che, nelle loro vacanze, non rinunciano agli acquisti. Secondo la ricognizione effettuata da Risposte Turismo, considerando solamente dieci tra le principali città turistiche del Paese (Bologna, Ferrara, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Padova, Parma, Roma e Verona), sono oltre 1.300 le botteghe storiche presenti, a sottolineare un consistente patrimonio dell’offerta nazionale da valorizzare ancor meglio in chiave turistica e di sistema Paese. Dall’indagine emergono, inoltre, oltre 80 vie dello shopping presenti sul territorio nazionale: da via Montenapoleone (Milano) a via dei Condotti (Roma), da calle Larga XXII Marzo (Venezia) a via Tornabuoni (Firenze) e via dei Mille (Napoli), solo per citarne alcune. La nuova edizione dello Shopping Tourism Italian Monitor contiene anche i numeri aggiornati degli outlet e dei department store. Per quanto riguarda gli outlet, in Italia sono presenti 26 strutture (nonostante le complessità di questo triennio, un numero stabile rispetto alla precedente ricognizione effettuata nel 2019), per un totale di 725 mila metri quadrati di aree commerciali, con una stima di crescita di due unità nel biennio 2023-2024 grazie all’apertura del Roma Outlet Village e del Designer Outlet Sardegna e progetti di ampliamento in altre cinque strutture. Significativo evidenziare come a livello europeo l’Italia sia al secondo posto dietro al Regno Unito per numero di strutture outlet (13% sul totale). L’analisi di Risposte Turismo evidenzia inoltre la presenza in Italia di più di 60 department store (oltre 270 mila metri quadrati di superfice complessiva, + 3.8% sull’analisi 2019) e la realizzazione di una serie di interventi nei luoghi del travel retail, come presso gli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate, nonché nelle stazioni di Roma Termini e Napoli Centrale. Con l'evento bolognese si è quindi concluso il tour itinerante 2022 di Shopping tourism – il forum italiano. Le tre tappe hanno visto la partecipazione di oltre 250 operatori del mondo del turismo e del retail. Sul palco 40 relatori e dieci momenti di confronto e discussione sul presente e futuro di un segmento turistico dalle forti potenzialità per il nostro Paese. «Chiudiamo oggi a Bologna il nostro tour nel quale abbiamo articolato il forum quest’anno - conclude Francesco di Cesare -. Il bilancio non può che essere di grande soddisfazione, in particolare per la ricchezza dei contenuti emersi grazie al contributo dei relatori coinvolti, punti di vista eterogenei, racconti di esperienze diverse riconducibili alla dimensione turistica o a quella commerciale delle destinazioni, ma comunque sempre riferiti all’incrocio tra di esse, che poi rappresenta l’essenza stessa della capacità di rivolgersi alla domanda di shopping tourism. Grazie dunque a tutti coloro che hanno animato i dibattiti, a chi ha scelto di partecipare e ad assistere ad essi, nonché agli sponsor e a coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questi tre appuntamenti, a cominciare dal sistema Confcommercio». [post_title] => Risposte Turismo: il futuro dello shopping tourism è roseo. A Bologna l'ultima tappa del tour sul tema [post_date] => 2022-12-02T11:34:59+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669980899000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435231 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435232" align="alignleft" width="300"] René-Marc Chikli[/caption] Allarme dalla Ue. La Commissione europea ha proposto ai 27 Stati membri di limitare o addirittura eliminare del tutto il deposito cauzionale che viene versato come acconto di prenotazione di un viaggio tutto compreso, secondo quanto denuncia René-Marc Chikli, presidente di Ceto, il sindacato dei tour operator francesi. Questi depositi, che in molti paesi rappresentano circa il 30% del costo totale del viaggio, sono essenziali per finanziare l'attività b2bb di agenzie, grossisti e fornitori di trasporti. Il cliente, normalmente, paga alla data del viaggio quando quasi tutto è già stato contrattato. La proposta Ue nasce da paesi che fino ad ora non hanno una garanzia finanziaria per i depositi consegnati all'intermediario (in diversi paesi, come la Francia o la Gran Bretagna, l'assicurazione copre questo denaro). In Germania la garanzia copre appena 150 milioni, ma quelli scoperti dal fallimento di Thomas Cook hanno superato i 700 milioni, che sono caduti sulle spalle dello Stato. Modello di business in crisi Chikli ha spiegato al meeting Ceto, in corso in questi giorni, che l'Europa "mette in discussione la nozione di deposito, sebbene il suo principio non abbia sollevato alcun problema in Francia" negli anni in cui è stato applicato. Se questi depositi sono limitati o scompaiono, l'attuale modello di business del tour operator dovrebbe essere riconsiderato. "Rappresenta un grande rischio per il modello b2b", avvertono in Francia. Lo squilibrio sarebbe ancora maggiore per la distribuzione, con il rischio di fallimenti. Il flusso di cassa delle agenzie di viaggio si basa in quasi tutti i paesi sui depositi. I tour operator hanno annunciato che faranno pressione su Bruxelles per cambiare l'orientamento della modifica della direttiva. [post_title] => L'Ue vuole abolire il deposito di cauzione da versare alle agenzie di viaggio [post_date] => 2022-12-01T12:44:21+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669898661000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435163 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => ­ Natale e Capodanno sono la specialità del Lido Palace di Riva del Garda (TN), resort 5 stelle dell’esclusivo circuito Leading Hotels of the World, dove lo straordinario è un dono quotidiano. Le luci che illuminano il lago, il calore e i colori delle Feste, l’eleganza di ambienti da sogno, le cene di charme con menu gourmet al ristorante: per regalarsi l’eccellenza, il Lido Palace propone diverse formule di soggiorno, pranzo, cena o brunch molto festivi. Anche per eventi aziendali. Per un Natale intimo e magico in un’atmosfera d’indimenticabile fascino, con vista sul Lago di Garda e l’incanto del Lido Palace, la Christmas Special (valida dal 21 al 27 dicembre 2022) è la proposta che include colazione gourmet e Cena della Vigilia oppure Pranzo di Natale. Chi prenota 2 notti, mette da parte un hotel credit di 100 euro a persona, con 3 notti di 150 euro a persona, con 4 di 200 euro e 5 notti di 250 euro a persona (prezzo a partire da 480 euro a persona) Una notte con dresscode ispirato all’agente segreto britannico icona d’eleganza: il Gran Gala di San Silvestro & NYE-Party 007 Casino Royale al Lido Palace, promette di essere il luogo giusto dove festeggiare l’arrivo del 2023. Anche per le portate del Cenone, con una carta molto esclusiva studiata dallo chef Cattoi. Per abbinare il Cenone e il Brunch al soggiorno, dal 25 dicembre 2022 al 5 gennaio 2023, l’offerta è Lido Palace NYE: Cenone, Party di San Silvestro e Brunch di Capodanno (minimo 3 notti, con hotel credit di 100 euro a persona. Prenotando 4 notti, hotel credit di 150 euro, con 5 notti hotel credit di 250 euro a persona). Per chi invece voglia regalarsi un soggiorno al Lido ricalcando le nobili orme dell’aristocrazia mitteleuropea, è possibile prolungare un po’ l’esperienza approfittando delle formule a pacchetto e alle notti omaggio, per estendere senza spendere di più il piacere di una scelta esclusiva. L’atmosfera natalizia e i paesaggi del Lago rendono indimenticabile il periodo prima delle Feste. Per lo Speciale Immacolata e Sant’Ambrogio, approfittando del pacchetto valido dal 3 al 12 dicembre 2022, prenotare 3 notti fa mettere da parte 100 euro di hotel credit a persona, che diventano 200 euro con 4 notti e 350 per una prenotazione da 5 notti.   ­ [post_title] => Lido Palace Riva del Garda, inverno e Feste all'insegna di un'esperienza luxury [post_date] => 2022-12-01T10:21:37+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669890097000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435138 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Val d’Ega (BZ) è da circa due anni parte del programma di sostenibilità del turismo in Alto Adige, immaginato come strumento in grado di mostrare in che modo il territorio dovrebbe muoversi nel rispetto di criteri riconosciuti a livello mondiale ma ampliati e adattati alle esigenze locali. Ora, per il suo impegno in questo campo, la Val d’Ega nelle Dolomiti – Patrimonio Mondiale UNESCO ha ufficialmente ricevuto un riconoscimento internazionale dal Global Sustainable Tourism Council (GSTC), organizzazione che detta gli standard per lo sviluppo sostenibile nel settore del turismo.  Un revisore esterno e il Comitato di Certificazione di Green Destinations si sono quindi occupati di esaminare un programma che ha consentito alla Val d’Ega di diventare nel 2022 una delle 5 regioni italiane a ottenere la certificazione.  Il programma e la strategia "Val d’Ega 2030" ha immaginato un futuro che sia sempre più amico dell’ambiente, un domani che sappia preservare la natura incontaminata delle montagne per le persone e gli animali che la vivono, per chi qui è di casa e per chi qui ama trascorrere la sua vacanza.     Primo comprensorio sciistico a gestione privata aderente al Patto per la Neutralità Climatica 2025, con rilevamento annuo di un’impronta di CO2 che deve essere ridotta o compensata, Carezza ottimizza costantemente le misure per il risparmio energetico nell’ambito dell’innevamento e della preparazione delle piste, adotta un approccio green all’organizzazione degli eventi, promuove la raccolta differenziata e combatte gli sprechi alimentari. Infine con misurazioni del manto nevoso e tracciamento Gps, si è riusciti a ridurre di un’ora il tempo di preparazione serale delle piste, da parte dei gatti delle nevi e una riduzione dei consumi di carburante di quasi 25%. L’innevamento artificiale delle piste avviene solo quando le notti sono particolarmente fredde, in modo da garantire il minor uso di acqua ed energia possibile. Dal canto suo, Obereggen vanta da ormai 16 anni un sistema di gestione ambientale certificato ISO 14001 - lo standard internazionale più riconosciuto, risparmia annualmente 500.000 litri di gasolio grazie al teleriscaldamento e percorre la strada della geotermia in luoghi simbolo come il Rifugio Oberholz. E proprio la geotermia e l’architettura di questa struttura all’avanguardia  verranno spiegati durante l’appuntamento settimanale Design meets Eco,  il titolo di una visita guidata con ristoro che prevede un tuffo nell’universo dell’integrazione tra stile, cucina panoramica e rispetto per la natura, una full immersion in un complesso riscaldato con energia geotermica che accoglie chi arriva con una facciata esterna interamente realizzata in tavole di larice e un interno pervaso dal profumo del legno di abete. Da non perdere, a Carezza, “Sciare sostenibile, come funziona?”, un info tour con il pioniere della neve artificiale, Georg Eisath, che 40 anni fa ha costruito i primi cannoni da neve dell’Alto Adige. Oggi Georg Eisath ci fa scoprire l'interno del comprensorio sciistico climatico Carezza con una visita guidata sugli sci.     [post_title] => Val d'Ega, il Global Sustainable Tourism Council sancisce la sostenibilità della regione [post_date] => 2022-11-30T12:32:33+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669811553000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435091 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La riduzione delle emissioni di carbone, la minimizzazione dello spreco di acqua ed energia e il sostegno alle comunità locali sono solo alcuni degli elementi che hanno permesso al Khaolak Merlin Resort di ottenere il Travellife gold certificate for accommodation sustainability come Responsible Thailand Award Best Hotel 2020. Ed è proprio questa struttura thailandese uno dei nuovi prodotti green che KiboTours propone in collaborazione con alcuni operatori locali. Ci troviamo nel sud estremo del Paese, ai confini con la Malesia, territorio naturalisticamente privilegiato, dove oltre al classico paradiso balneare c’è un mondo fatto di giungla, fauna selvaggia, cascate e specchi d’acqua. I parchi naturali di Khao Lak/ Lam Ru, Khao Sok e Phang-nga regalano giornate a strettissimo contatto con la flora e la fauna locale. Le diverse sistemazioni proposte, che vanno dalla camera superior alla luxury villa con due stanze da letto, sono realizzate in armonia con l’ambiente circostante e Khaolak Merlin mette a punto ogni accorgimento per garantire il minimo impatto inquinante. Nel dettaglio vengono utilizzati uno speciale sistema di trattamento dell’acqua con filtri naturali, che consente di riutilizzarla per irrigare i giardini e un sistema di compostaggio dei rifiuti solidi che permette di ridurre il consumo di energia e l’inquinamento. Alla plastica vengono preferiti materiali biodegradabili, come le cannucce di carta, o riutilizzabili, come borse in stoffa. Si è inoltre consolidata nel tempo una collaborazione con diverse organizzazioni ambientaliste per la conservazione della fauna e degli alberi sulla proprietà. Questo natural resort offre, oltre a una spiaggia e ad ampi spazi verdi, quattro piscine e una spa per rilassarsi, insieme a una ampia selezione di attività ed esperienze in chiave green. Tra queste il trekking e il rafting nel parco naturale di Lam Ru, il bagno con gli elefanti ed escursioni notturne alla scoperta degli animali (come lemuri, pappagalli, gufi e lucertole) che vivono nella foresta pluviale. Il boutique resort Khaolak Merlin è adatto anche a una vacanza in famiglia e offre avventure ed escursioni pensate per i più piccoli.   [post_title] => La Thailandia in chiave green di KiboTours si chiama Khaolak Merlin [post_date] => 2022-11-30T11:05:42+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669806342000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435087 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Incontro fra il ministro Daniela Santanchè e il presidente Fto Franco Gattinoni. Se fosse un pezzo di cronaca lo inizieremmo così: alla richiesta di Gattinoni dei famosi 39 milioni per ad e to promessi da Garavaglia e mai arrivati, il ministro Santanchè ha risposto: «Ci siamo battuti al ministero per recuperare questa cifra che ad un centro punto era scomparsa. Per cui posso affermare che i soldi ci sono e arriveranno a gennaio 2023». Se fosse un pezzo di costume invece questo sarebbe l'incipit: il ministro Santanchè toglie e inforca gli occhiali con una certa classe dirigendo lo sguardo verso l'uditorio e verso il presidente Gattinoni che ricambia lo sguardo con mezzi sorrisi, ma rimanendo tendenzialmente molto serio. Se fosse un pezzo di moda: outfit pressoché identico. Giacca per lei, giacca per lui, pantalone per lei e pantalone per lui. Stessa eleganza, ma colori di versi. Un crema delicato per il ministro Santanché, un grigio istituzionale per Gattinoni. Ho fatto questi tre incipit (ne potrei fare molti altri: sport, politica, ecc ecc) per far comprendere da quanti punti di vista si può leggere il rapporto fra una parte sociale del turismo e l'istituzione. Un rapporto di fiducia e non fiducia, di ascolto e di retropensieri, d'incanto e disincanto. Un rapporto che, visti i precedenti naviga da sempre in acque molto complesse e agitate. Richieste e risposte Comunque, a dire il vero alle richieste di Gattinoni (oltre i 39 milioni) il ministro ha risposto abbastanza puntualmente. Diciamo che ha imparato la lezione studiando il suo precedente e cercando di fare il contrario. Non ha promesso niente, ha fatto capire di conoscere i punti deboli della categoria: abusivismo e scarsa considerazione da parte della politica, e ha fatto capire che questi punti ce li ha ben presenti (non so se per esercizio retorico o realmente). Gattinoni ha delineato la sua strategia in quattro punti: la politica deve riconoscere il turismo organizzato. I 2,4 miliardi del Pnrr per il turismo sono troppo pochi. Accesso al credito, che francamente è una di quelle storture tutte italiane che non si riesce a sanare. E infine i contributi mai arrivati. Il ministro ha risposto a tono. Il ministero sta lavorando per la creazione di un Credito per il turismo sulla falsa riga del Credito per lo sport che ha funzionato. Ma la sua battaglia (quella del ministro) più ardua sarà quella contro i giganti tecnologici che secondo lei «hanno troppo vantaggi fiscali e fanno una concorrenza sleale». Per i 2,4 miliardi del Pnrr la Santanchè si è già pronunciata affermando che sono troppo pochi. vedremo cosa riuscirà ad ottenere.  Poi la solita giaculatoria sul reddito di cittadinanza e poi via a prendere il treno. Comunque è stato un incontro interessante. In qualche modo l'elegante schermaglia fra Gattinoni e Santanchè non mi è dispiaciuta. Fatene altre. Giuseppe Aloe   [post_title] => Santanchè: «I 39 milioni per adv e to arriveranno a gennaio» [post_date] => 2022-11-30T10:49:06+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669805346000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434958 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Giappone riproporrà anche nel 2023 il programma di sconti dedicato ad incentivare il turismo domestico. Secondo quanto dichiarato dal ministro del Turismo, Tetsuo Saito, verrà presto annunciata la data di rilancio dell'iniziativa che, varata lo scorso ottobre, avrebbe dovuto concludersi il prossimo 28 dicembre. I nuovi sconti saranno ridotti, con una percentuale che scenderà al 20% rispetto all'attuale 40%. Anche l'importo massimo dello sconto disponibile per i viaggiatori nei pacchetti turistici, compresi i servizi di trasporto pubblico, diminuirà da 58 dollari (8.000 yen) a 36 dollari (5.000 yen). Saito ha precisato che la domanda turistica, pur essendo in ripresa, non è ancora tornata ai livelli precedenti la pandemia; di conseguenza il governo assisterà pienamente il settore, che si prevede sarà un pilastro dell'economia giapponese dei prossimi anni. La campagna è fondamentale anche per rilanciare le economie locali. [post_title] => Il Giappone estende anche al 2023 la campagna di sconti per il turismo domestico [post_date] => 2022-11-28T13:31:21+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669642281000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434783 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => No alle cassandre, sì alle buone notizie. E non per partito preso, ma sulla base di dati concreti, quelli emersi dall'ultima analisi firmata dall'European House Ambrosetti e illustrati ieri dal managing partner e ad Valerio De Molli, in occasione dell'edizione 2022 del BizTravel Forum.   Nel 2023 la crescita del Pil dell’Italia, secondo diversi istituti di riferimento, dovrebbe attestarsi attorno allo 0,3-0,4%, mentre per il Fondo Monetario Internazionale (Imf) si passerà al -0,2%; sempre secondo quest'ultimo l'anno prossimo un terzo dell'economia globale sarà in recessione, e la produzione globale potrebbe essere inferiore ai 2.800 miliardi di dollari. Ma si tratterebbe comunque di una crescita, che per ritrovare il giusto impulso non potrà prescindere da una ritrovata "spinta sui consumi, che incidono per ben il 60% circa sul Pil italiano”. Va poi letto in positivo il dato del secondo trimestre 2022 "quando l'Italia è stata tra i Paesi europei a maggiore crescita rispetto ai primi tre mesi (+1,1%), e dal primo trimestre 2021 ha mostrato una dinamica migliore di Germania e Francia”. Anche i valori occupazionali sono in ripresa, ormai vicini ai livelli pre-pandemia anche grazie al contributo del settore turistico”.   Il conflitto in Ucraina, l'inflazione galoppante e rincaro dei beni energetici hanno costretto l’Imf a rivedere al ribasso il Pil italiano nel 2022, con una crescita stimata del 3,2%. Risultato comunque migliore rispetto a quelli previsti per Francia (2,5%) e Germania (1,5%)".   “Nel secondo trimestre del 2022 l’Italia è stata tra i Paesi europei a maggiore crescita rispetto al primo trimestre (+1,1%), e dal primo trimestre 2021 ha mostrato una dinamica migliore di Germania e Francia”. Inoltre, anche i valori occupazionali sono in ripresa, ormai vicini ai livelli pre-pandemia e ciò anche grazie all’apporto del comparto turistico”. L'Italia ha recuperato attrattività sui mercati internazionali, in termini di investimenti dall'estero e sempre nel 2021 ha assistito "ad una forte ripresa degli scambi turistici, post pandemia: gli arrivi totali dell'anno sono pari al 78,7% del 2019, dato che sale al 90,3% considerando il mese di agosto". Quest'anno, nel trimestre giugno-agosto "gli arrivi sono pari al 90% di quelli registrati nello stesso periodo 2019. Risultati straordinari nonostante manchino i flussi da aree quali la Cina o la Russia a testimonianza della voglia di italianità, della passione che il mondo ha per il nostro paese".   Nessun "allarme rosso" quindi, "preoccupazione, certo". Ma secondo lo studio Ambrosetti, il sentiment è positivo, "con metà degli imprenditori che starebbe valutando di riportare in Italia alcune fasi della filiera produttiva e anche il debito pubblico sarebbe destinato a calare nei prossimi anni, tornando ai livelli pre crisi nell'arco di sette anni, chiaramente in assenza di shock esogeni imprevedibili".   [post_title] => Ambrosetti sul 2023: spazio alla positività, malgrado persistano le criticità [post_date] => 2022-11-25T10:23:58+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669371838000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434802 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un nuova struttura funzionale a tutte le otto business unit che compongono la società, che oggi, dopo l'ingresso in azienda di ulteriori figure professionali, conta su un totale di 41 collaboratori. Dal 21 novembre il quartier generale del gruppo Oltremare ha cambiato indirizzo, spostandosi in una location strategica, con una logistica degli uffici studiata per ottimizzare le sinergie tra le diverse aree di lavoro e migliorare l’efficienza dei processi. La nuova sede di Napoli è collocata all’interno del complesso Altamira, grande e moderna struttura composta da due edifici che ospitano più di 50 aziende. Nel dettaglio, gli uffici della compagnia sono sviluppati su due piani, con una configurazione strutturata in un open space, a cui si aggiungono quattro locali dedicati allo staff delle business unit operative, nonché il secondo piano, riservato alla direzione. La condivisone degli spazi e la proposta di arredi è in linea con la filosofia aziendale di ricercare un’atmosfera di benessere e di accoglienza, speculare a quella ottenuta nella vecchia sede, finalizzata a creare un clima gradevole e familiare, e quindi a contribuire a migliorare servizi e performance. «Il trasferimento nella nuova sede segna una tappa importante nella storia della nostra azienda - spiega il coo del gruppo Oltremare, Stefano Uva -. Abbiamo investito molto nella nuova struttura, nel rispetto e nell’attenzione anche verso i nostri collaboratori, preservando la facilità di collegamenti rispetto alla sede di lavoro, che ci ha ospitato in tutti questi anni. Per lo sviluppo aziendale e per la nostra tipologia di business era fondamentale individuare uno spazio funzionale, all’avanguardia sia per l’attività quotidiana, sia perché siamo convinti che l’ambiente di lavoro influisce sulle dinamiche lavorative, così come sulle relazioni e sulla produttività». [post_title] => Nuova casa per il gruppo Oltremare: inaugurata la sede nel complesso Altamira di Napoli [post_date] => 2022-11-25T09:54:43+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669370083000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "excelsior dolomites life resort avventure open air san vigilio marebbe" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":49,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1087,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435329","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435331\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Francesco di Cesare[/caption]\r\n\r\nSegnali di ripresa per lo shopping tourism in Italia che, nel 2023, potrebbe superare la quota dei 2 milioni di turisti che viaggiano con motivazione prevalente shopping stimata prima della pandemia. Dopo il focus sul mercato internazionale nella tappa di Venezia, seguito dall'approfondimento sulla Penisola dell'evento di Ancona, arrivano ora le anticipazioni sul prossimo futuro, rivelate in occasione dell'appuntamento conclusivo, a Bologna, con il tour 2022 organizzato sul tema dello shopping tourism da Risposte Turismo, in collaborazione con il sistema Confcommercio.\r\n\r\n«Superare la soglia dei 2 milioni di shopping tourist sarebbe un risultato che ribadisce l’esistenza di una porzione significativa di domanda turistica che ha nello shopping la motivazione prevalente della propria vacanza e su cui sarebbe opportuno attivare un programma di impegno per aumentare il posizionamento dell’intera Italia come destinazione per gli shopping tourist» ha dichiarato Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo.\r\n\r\nNella cornice di palazzo Segni Massetti, sede di Confcommercio Ascom Bologna, di Cesare ha inoltre presentato i risultati della mappatura sui luoghi dello shopping in Italia contenuta all’interno di Shopping Tourism Italian Monitor, il rapporto di ricerca di riferimento sul fenomeno. La fotografia scattata mostra la presenza nel nostro Paese di un’offerta variegata per i turisti desiderosi di trascorrere una vacanza all’insegna dello shopping e per tutti coloro che, nelle loro vacanze, non rinunciano agli acquisti. Secondo la ricognizione effettuata da Risposte Turismo, considerando solamente dieci tra le principali città turistiche del Paese (Bologna, Ferrara, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Padova, Parma, Roma e Verona), sono oltre 1.300 le botteghe storiche presenti, a sottolineare un consistente patrimonio dell’offerta nazionale da valorizzare ancor meglio in chiave turistica e di sistema Paese.\r\n\r\nDall’indagine emergono, inoltre, oltre 80 vie dello shopping presenti sul territorio nazionale: da via Montenapoleone (Milano) a via dei Condotti (Roma), da calle Larga XXII Marzo (Venezia) a via Tornabuoni (Firenze) e via dei Mille (Napoli), solo per citarne alcune. La nuova edizione dello Shopping Tourism Italian Monitor contiene anche i numeri aggiornati degli outlet e dei department store. Per quanto riguarda gli outlet, in Italia sono presenti 26 strutture (nonostante le complessità di questo triennio, un numero stabile rispetto alla precedente ricognizione effettuata nel 2019), per un totale di 725 mila metri quadrati di aree commerciali, con una stima di crescita di due unità nel biennio 2023-2024 grazie all’apertura del Roma Outlet Village e del Designer Outlet Sardegna e progetti di ampliamento in altre cinque strutture.\r\n\r\nSignificativo evidenziare come a livello europeo l’Italia sia al secondo posto dietro al Regno Unito per numero di strutture outlet (13% sul totale). L’analisi di Risposte Turismo evidenzia inoltre la presenza in Italia di più di 60 department store (oltre 270 mila metri quadrati di superfice complessiva, + 3.8% sull’analisi 2019) e la realizzazione di una serie di interventi nei luoghi del travel retail, come presso gli aeroporti di Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Linate, nonché nelle stazioni di Roma Termini e Napoli Centrale.\r\n\r\nCon l'evento bolognese si è quindi concluso il tour itinerante 2022 di Shopping tourism – il forum italiano. Le tre tappe hanno visto la partecipazione di oltre 250 operatori del mondo del turismo e del retail. Sul palco 40 relatori e dieci momenti di confronto e discussione sul presente e futuro di un segmento turistico dalle forti potenzialità per il nostro Paese. «Chiudiamo oggi a Bologna il nostro tour nel quale abbiamo articolato il forum quest’anno - conclude Francesco di Cesare -. Il bilancio non può che essere di grande soddisfazione, in particolare per la ricchezza dei contenuti emersi grazie al contributo dei relatori coinvolti, punti di vista eterogenei, racconti di esperienze diverse riconducibili alla dimensione turistica o a quella commerciale delle destinazioni, ma comunque sempre riferiti all’incrocio tra di esse, che poi rappresenta l’essenza stessa della capacità di rivolgersi alla domanda di shopping tourism. Grazie dunque a tutti coloro che hanno animato i dibattiti, a chi ha scelto di partecipare e ad assistere ad essi, nonché agli sponsor e a coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questi tre appuntamenti, a cominciare dal sistema Confcommercio».","post_title":"Risposte Turismo: il futuro dello shopping tourism è roseo. A Bologna l'ultima tappa del tour sul tema","post_date":"2022-12-02T11:34:59+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669980899000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435231","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435232\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] René-Marc Chikli[/caption]\r\n\r\nAllarme dalla Ue. La Commissione europea ha proposto ai 27 Stati membri di limitare o addirittura eliminare del tutto il deposito cauzionale che viene versato come acconto di prenotazione di un viaggio tutto compreso, secondo quanto denuncia René-Marc Chikli, presidente di Ceto, il sindacato dei tour operator francesi. Questi depositi, che in molti paesi rappresentano circa il 30% del costo totale del viaggio, sono essenziali per finanziare l'attività b2bb di agenzie, grossisti e fornitori di trasporti. Il cliente, normalmente, paga alla data del viaggio quando quasi tutto è già stato contrattato.\r\n\r\nLa proposta Ue nasce da paesi che fino ad ora non hanno una garanzia finanziaria per i depositi consegnati all'intermediario (in diversi paesi, come la Francia o la Gran Bretagna, l'assicurazione copre questo denaro). In Germania la garanzia copre appena 150 milioni, ma quelli scoperti dal fallimento di Thomas Cook hanno superato i 700 milioni, che sono caduti sulle spalle dello Stato.\r\nModello di business in crisi\r\nChikli ha spiegato al meeting Ceto, in corso in questi giorni, che l'Europa \"mette in discussione la nozione di deposito, sebbene il suo principio non abbia sollevato alcun problema in Francia\" negli anni in cui è stato applicato.\r\n\r\nSe questi depositi sono limitati o scompaiono, l'attuale modello di business del tour operator dovrebbe essere riconsiderato. \"Rappresenta un grande rischio per il modello b2b\", avvertono in Francia. Lo squilibrio sarebbe ancora maggiore per la distribuzione, con il rischio di fallimenti. Il flusso di cassa delle agenzie di viaggio si basa in quasi tutti i paesi sui depositi.\r\n\r\nI tour operator hanno annunciato che faranno pressione su Bruxelles per cambiare l'orientamento della modifica della direttiva.","post_title":"L'Ue vuole abolire il deposito di cauzione da versare alle agenzie di viaggio","post_date":"2022-12-01T12:44:21+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669898661000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435163","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"­ Natale e Capodanno sono la specialità del Lido Palace di Riva del Garda (TN), resort 5 stelle dell’esclusivo circuito Leading Hotels of the World, dove lo straordinario è un dono quotidiano. Le luci che illuminano il lago, il calore e i colori delle Feste, l’eleganza di ambienti da sogno, le cene di charme con menu gourmet al ristorante: per regalarsi l’eccellenza, il Lido Palace propone diverse formule di soggiorno, pranzo, cena o brunch molto festivi. Anche per eventi aziendali.\r\n\r\nPer un Natale intimo e magico in un’atmosfera d’indimenticabile fascino, con vista sul Lago di Garda e l’incanto del Lido Palace, la Christmas Special (valida dal 21 al 27 dicembre 2022) è la proposta che include colazione gourmet e Cena della Vigilia oppure Pranzo di Natale. Chi prenota 2 notti, mette da parte un hotel credit di 100 euro a persona, con 3 notti di 150 euro a persona, con 4 di 200 euro e 5 notti di 250 euro a persona (prezzo a partire da 480 euro a persona)\r\n\r\nUna notte con dresscode ispirato all’agente segreto britannico icona d’eleganza: il Gran Gala di San Silvestro & NYE-Party 007 Casino Royale al Lido Palace, promette di essere il luogo giusto dove festeggiare l’arrivo del 2023. Anche per le portate del Cenone, con una carta molto esclusiva studiata dallo chef Cattoi.\r\n\r\nPer abbinare il Cenone e il Brunch al soggiorno, dal 25 dicembre 2022 al 5 gennaio 2023, l’offerta è Lido Palace NYE: Cenone, Party di San Silvestro e Brunch di Capodanno (minimo 3 notti, con hotel credit di 100 euro a persona. Prenotando 4 notti, hotel credit di 150 euro, con 5 notti hotel credit di 250 euro a persona).\r\n\r\nPer chi invece voglia regalarsi un soggiorno al Lido ricalcando le nobili orme dell’aristocrazia mitteleuropea, è possibile prolungare un po’ l’esperienza approfittando delle formule a pacchetto e alle notti omaggio, per estendere senza spendere di più il piacere di una scelta esclusiva.\r\n\r\nL’atmosfera natalizia e i paesaggi del Lago rendono indimenticabile il periodo prima delle Feste. Per lo Speciale Immacolata e Sant’Ambrogio, approfittando del pacchetto valido dal 3 al 12 dicembre 2022, prenotare 3 notti fa mettere da parte 100 euro di hotel credit a persona, che diventano 200 euro con 4 notti e 350 per una prenotazione da 5 notti.\r\n\r\n \r\n\r\n­","post_title":"Lido Palace Riva del Garda, inverno e Feste all'insegna di un'esperienza luxury","post_date":"2022-12-01T10:21:37+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1669890097000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435138","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Val d’Ega (BZ) è da circa due anni parte del programma di sostenibilità del turismo in Alto Adige, immaginato come strumento in grado di mostrare in che modo il territorio dovrebbe muoversi nel rispetto di criteri riconosciuti a livello mondiale ma ampliati e adattati alle esigenze locali.\r\n\r\nOra, per il suo impegno in questo campo, la Val d’Ega nelle Dolomiti – Patrimonio Mondiale UNESCO ha ufficialmente ricevuto un riconoscimento internazionale dal Global Sustainable Tourism Council (GSTC), organizzazione che detta gli standard per lo sviluppo sostenibile nel settore del turismo. \r\n\r\nUn revisore esterno e il Comitato di Certificazione di Green Destinations si sono quindi occupati di esaminare un programma che ha consentito alla Val d’Ega di diventare nel 2022 una delle 5 regioni italiane a ottenere la certificazione. \r\n\r\nIl programma e la strategia \"Val d’Ega 2030\" ha immaginato un futuro che sia sempre più amico dell’ambiente, un domani che sappia preservare la natura incontaminata delle montagne per le persone e gli animali che la vivono, per chi qui è di casa e per chi qui ama trascorrere la sua vacanza.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\nPrimo comprensorio sciistico a gestione privata aderente al Patto per la Neutralità Climatica 2025, con rilevamento annuo di un’impronta di CO2 che deve essere ridotta o compensata, Carezza ottimizza costantemente le misure per il risparmio energetico nell’ambito dell’innevamento e della preparazione delle piste, adotta un approccio green all’organizzazione degli eventi, promuove la raccolta differenziata e combatte gli sprechi alimentari. Infine con misurazioni del manto nevoso e tracciamento Gps, si è riusciti a ridurre di un’ora il tempo di preparazione serale delle piste, da parte dei gatti delle nevi e una riduzione dei consumi di carburante di quasi 25%. L’innevamento artificiale delle piste avviene solo quando le notti sono particolarmente fredde, in modo da garantire il minor uso di acqua ed energia possibile.\r\n\r\nDal canto suo, Obereggen vanta da ormai 16 anni un sistema di gestione ambientale certificato ISO 14001 - lo standard internazionale più riconosciuto, risparmia annualmente 500.000 litri di gasolio grazie al teleriscaldamento e percorre la strada della geotermia in luoghi simbolo come il Rifugio Oberholz.\r\n\r\nE proprio la geotermia e l’architettura di questa struttura all’avanguardia  verranno spiegati durante l’appuntamento settimanale Design meets Eco,  il titolo di una visita guidata con ristoro che prevede un tuffo nell’universo dell’integrazione tra stile, cucina panoramica e rispetto per la natura, una full immersion in un complesso riscaldato con energia geotermica che accoglie chi arriva con una facciata esterna interamente realizzata in tavole di larice e un interno pervaso dal profumo del legno di abete.\r\n\r\nDa non perdere, a Carezza, “Sciare sostenibile, come funziona?”, un info tour con il pioniere della neve artificiale, Georg Eisath, che 40 anni fa ha costruito i primi cannoni da neve dell’Alto Adige. Oggi Georg Eisath ci fa scoprire l'interno del comprensorio sciistico climatico Carezza con una visita guidata sugli sci.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Val d'Ega, il Global Sustainable Tourism Council sancisce la sostenibilità della regione","post_date":"2022-11-30T12:32:33+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669811553000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435091","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La riduzione delle emissioni di carbone, la minimizzazione dello spreco di acqua ed energia e il sostegno alle comunità locali sono solo alcuni degli elementi che hanno permesso al Khaolak Merlin Resort di ottenere il Travellife gold certificate for accommodation sustainability come Responsible Thailand Award Best Hotel 2020. Ed è proprio questa struttura thailandese uno dei nuovi prodotti green che KiboTours propone in collaborazione con alcuni operatori locali. Ci troviamo nel sud estremo del Paese, ai confini con la Malesia, territorio naturalisticamente privilegiato, dove oltre al classico paradiso balneare c’è un mondo fatto di giungla, fauna selvaggia, cascate e specchi d’acqua. I parchi naturali di Khao Lak/ Lam Ru, Khao Sok e Phang-nga regalano giornate a strettissimo contatto con la flora e la fauna locale. Le diverse sistemazioni proposte, che vanno dalla camera superior alla luxury villa con due stanze da letto, sono realizzate in armonia con l’ambiente circostante e Khaolak Merlin mette a punto ogni accorgimento per garantire il minimo impatto inquinante.\r\n\r\nNel dettaglio vengono utilizzati uno speciale sistema di trattamento dell’acqua con filtri naturali, che consente di riutilizzarla per irrigare i giardini e un sistema di compostaggio dei rifiuti solidi che permette di ridurre il consumo di energia e l’inquinamento. Alla plastica vengono preferiti materiali biodegradabili, come le cannucce di carta, o riutilizzabili, come borse in stoffa. Si è inoltre consolidata nel tempo una collaborazione con diverse organizzazioni ambientaliste per la conservazione della fauna e degli alberi sulla proprietà.\r\n\r\nQuesto natural resort offre, oltre a una spiaggia e ad ampi spazi verdi, quattro piscine e una spa per rilassarsi, insieme a una ampia selezione di attività ed esperienze in chiave green. Tra queste il trekking e il rafting nel parco naturale di Lam Ru, il bagno con gli elefanti ed escursioni notturne alla scoperta degli animali (come lemuri, pappagalli, gufi e lucertole) che vivono nella foresta pluviale. Il boutique resort Khaolak Merlin è adatto anche a una vacanza in famiglia e offre avventure ed escursioni pensate per i più piccoli.\r\n\r\n ","post_title":"La Thailandia in chiave green di KiboTours si chiama Khaolak Merlin","post_date":"2022-11-30T11:05:42+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669806342000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435087","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Incontro fra il ministro Daniela Santanchè e il presidente Fto Franco Gattinoni.\r\n\r\nSe fosse un pezzo di cronaca lo inizieremmo così: alla richiesta di Gattinoni dei famosi 39 milioni per ad e to promessi da Garavaglia e mai arrivati, il ministro Santanchè ha risposto: «Ci siamo battuti al ministero per recuperare questa cifra che ad un centro punto era scomparsa. Per cui posso affermare che i soldi ci sono e arriveranno a gennaio 2023».\r\n\r\nSe fosse un pezzo di costume invece questo sarebbe l'incipit: il ministro Santanchè toglie e inforca gli occhiali con una certa classe dirigendo lo sguardo verso l'uditorio e verso il presidente Gattinoni che ricambia lo sguardo con mezzi sorrisi, ma rimanendo tendenzialmente molto serio.\r\n\r\nSe fosse un pezzo di moda: outfit pressoché identico. Giacca per lei, giacca per lui, pantalone per lei e pantalone per lui. Stessa eleganza, ma colori di versi. Un crema delicato per il ministro Santanché, un grigio istituzionale per Gattinoni.\r\n\r\nHo fatto questi tre incipit (ne potrei fare molti altri: sport, politica, ecc ecc) per far comprendere da quanti punti di vista si può leggere il rapporto fra una parte sociale del turismo e l'istituzione. Un rapporto di fiducia e non fiducia, di ascolto e di retropensieri, d'incanto e disincanto. Un rapporto che, visti i precedenti naviga da sempre in acque molto complesse e agitate.\r\nRichieste e risposte\r\nComunque, a dire il vero alle richieste di Gattinoni (oltre i 39 milioni) il ministro ha risposto abbastanza puntualmente. Diciamo che ha imparato la lezione studiando il suo precedente e cercando di fare il contrario. Non ha promesso niente, ha fatto capire di conoscere i punti deboli della categoria: abusivismo e scarsa considerazione da parte della politica, e ha fatto capire che questi punti ce li ha ben presenti (non so se per esercizio retorico o realmente).\r\n\r\nGattinoni ha delineato la sua strategia in quattro punti: la politica deve riconoscere il turismo organizzato. I 2,4 miliardi del Pnrr per il turismo sono troppo pochi. Accesso al credito, che francamente è una di quelle storture tutte italiane che non si riesce a sanare. E infine i contributi mai arrivati.\r\n\r\nIl ministro ha risposto a tono. Il ministero sta lavorando per la creazione di un Credito per il turismo sulla falsa riga del Credito per lo sport che ha funzionato.\r\n\r\nMa la sua battaglia (quella del ministro) più ardua sarà quella contro i giganti tecnologici che secondo lei «hanno troppo vantaggi fiscali e fanno una concorrenza sleale».\r\n\r\nPer i 2,4 miliardi del Pnrr la Santanchè si è già pronunciata affermando che sono troppo pochi. vedremo cosa riuscirà ad ottenere. \r\n\r\nPoi la solita giaculatoria sul reddito di cittadinanza e poi via a prendere il treno.\r\n\r\nComunque è stato un incontro interessante. In qualche modo l'elegante schermaglia fra Gattinoni e Santanchè non mi è dispiaciuta. Fatene altre.\r\n\r\nGiuseppe Aloe\r\n\r\n ","post_title":"Santanchè: «I 39 milioni per adv e to arriveranno a gennaio»","post_date":"2022-11-30T10:49:06+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669805346000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434958","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Giappone riproporrà anche nel 2023 il programma di sconti dedicato ad incentivare il turismo domestico. Secondo quanto dichiarato dal ministro del Turismo, Tetsuo Saito, verrà presto annunciata la data di rilancio dell'iniziativa che, varata lo scorso ottobre, avrebbe dovuto concludersi il prossimo 28 dicembre.\r\n\r\nI nuovi sconti saranno ridotti, con una percentuale che scenderà al 20% rispetto all'attuale 40%. Anche l'importo massimo dello sconto disponibile per i viaggiatori nei pacchetti turistici, compresi i servizi di trasporto pubblico, diminuirà da 58 dollari (8.000 yen) a 36 dollari (5.000 yen).\r\n\r\nSaito ha precisato che la domanda turistica, pur essendo in ripresa, non è ancora tornata ai livelli precedenti la pandemia; di conseguenza il governo assisterà pienamente il settore, che si prevede sarà un pilastro dell'economia giapponese dei prossimi anni. La campagna è fondamentale anche per rilanciare le economie locali.","post_title":"Il Giappone estende anche al 2023 la campagna di sconti per il turismo domestico","post_date":"2022-11-28T13:31:21+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1669642281000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434783","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"No alle cassandre, sì alle buone notizie. E non per partito preso, ma sulla base di dati concreti, quelli emersi dall'ultima analisi firmata dall'European House Ambrosetti e illustrati ieri dal managing partner e ad Valerio De Molli, in occasione dell'edizione 2022 del BizTravel Forum.\r\n \r\nNel 2023 la crescita del Pil dell’Italia, secondo diversi istituti di riferimento, dovrebbe attestarsi attorno allo 0,3-0,4%, mentre per il Fondo Monetario Internazionale (Imf) si passerà al -0,2%; sempre secondo quest'ultimo l'anno prossimo un terzo dell'economia globale sarà in recessione, e la produzione globale potrebbe essere inferiore ai 2.800 miliardi di dollari.\r\nMa si tratterebbe comunque di una crescita, che per ritrovare il giusto impulso non potrà prescindere da una ritrovata \"spinta sui consumi, che incidono per ben il 60% circa sul Pil italiano”. Va poi letto in positivo il dato del secondo trimestre 2022 \"quando l'Italia è stata tra i Paesi europei a maggiore crescita rispetto ai primi tre mesi (+1,1%), e dal primo trimestre 2021 ha mostrato una dinamica migliore di Germania e Francia”. Anche i valori occupazionali sono in ripresa, ormai vicini ai livelli pre-pandemia anche grazie al contributo del settore turistico”.\r\n \r\nIl conflitto in Ucraina, l'inflazione galoppante e rincaro dei beni energetici hanno costretto l’Imf a rivedere al ribasso il Pil italiano nel 2022, con una crescita stimata del 3,2%. Risultato comunque migliore rispetto a quelli previsti per Francia (2,5%) e Germania (1,5%)\".\r\n \r\n“Nel secondo trimestre del 2022 l’Italia è stata tra i Paesi europei a maggiore crescita rispetto al primo trimestre (+1,1%), e dal primo trimestre 2021 ha mostrato una dinamica migliore di Germania e Francia”. Inoltre, anche i valori occupazionali sono in ripresa, ormai vicini ai livelli pre-pandemia e ciò anche grazie all’apporto del comparto turistico”.\r\nL'Italia ha recuperato attrattività sui mercati internazionali, in termini di investimenti dall'estero e sempre nel 2021 ha assistito \"ad una forte ripresa degli scambi turistici, post pandemia: gli arrivi totali dell'anno sono pari al 78,7% del 2019, dato che sale al 90,3% considerando il mese di agosto\". Quest'anno, nel trimestre giugno-agosto \"gli arrivi sono pari al 90% di quelli registrati nello stesso periodo 2019. Risultati straordinari nonostante manchino i flussi da aree quali la Cina o la Russia a testimonianza della voglia di italianità, della passione che il mondo ha per il nostro paese\".\r\n \r\nNessun \"allarme rosso\" quindi, \"preoccupazione, certo\". Ma secondo lo studio Ambrosetti, il sentiment è positivo, \"con metà degli imprenditori che starebbe valutando di riportare in Italia alcune fasi della filiera produttiva e anche il debito pubblico sarebbe destinato a calare nei prossimi anni, tornando ai livelli pre crisi nell'arco di sette anni, chiaramente in assenza di shock esogeni imprevedibili\".\r\n ","post_title":"Ambrosetti sul 2023: spazio alla positività, malgrado persistano le criticità","post_date":"2022-11-25T10:23:58+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669371838000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434802","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un nuova struttura funzionale a tutte le otto business unit che compongono la società, che oggi, dopo l'ingresso in azienda di ulteriori figure professionali, conta su un totale di 41 collaboratori. Dal 21 novembre il quartier generale del gruppo Oltremare ha cambiato indirizzo, spostandosi in una location strategica, con una logistica degli uffici studiata per ottimizzare le sinergie tra le diverse aree di lavoro e migliorare l’efficienza dei processi. La nuova sede di Napoli è collocata all’interno del complesso Altamira, grande e moderna struttura composta da due edifici che ospitano più di 50 aziende. Nel dettaglio, gli uffici della compagnia sono sviluppati su due piani, con una configurazione strutturata in un open space, a cui si aggiungono quattro locali dedicati allo staff delle business unit operative, nonché il secondo piano, riservato alla direzione.\r\n\r\nLa condivisone degli spazi e la proposta di arredi è in linea con la filosofia aziendale di ricercare un’atmosfera di benessere e di accoglienza, speculare a quella ottenuta nella vecchia sede, finalizzata a creare un clima gradevole e familiare, e quindi a contribuire a migliorare servizi e performance. «Il trasferimento nella nuova sede segna una tappa importante nella storia della nostra azienda - spiega il coo del gruppo Oltremare, Stefano Uva -. Abbiamo investito molto nella nuova struttura, nel rispetto e nell’attenzione anche verso i nostri collaboratori, preservando la facilità di collegamenti rispetto alla sede di lavoro, che ci ha ospitato in tutti questi anni. Per lo sviluppo aziendale e per la nostra tipologia di business era fondamentale individuare uno spazio funzionale, all’avanguardia sia per l’attività quotidiana, sia perché siamo convinti che l’ambiente di lavoro influisce sulle dinamiche lavorative, così come sulle relazioni e sulla produttività».","post_title":"Nuova casa per il gruppo Oltremare: inaugurata la sede nel complesso Altamira di Napoli","post_date":"2022-11-25T09:54:43+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669370083000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti