5 February 2023

L’Arabia Saudita rilancia sul turismo. Vuole costruire l’aeroporto più grande del mondo

[ 0 ]
Riad , capitale dell'Arabia Saudita

Una foto di Riad

L’Arabia Saudita si sta lanciando in una serie di macro progetti per incrementare la sua crescita turistica nei prossimi dieci anni. 

Pertanto, intende costruire il più grande aeroporto del mondo, che potrebbe avere fino a quattro piste. Inoltre, investirà nel settore alberghiero con la costruzione di quasi mezzo milione di camere, oltre a un centro di sostenibilità globale dove verrà misurata l’impronta di carbonio.

Con questo, cerca di raggiungere 100 milioni di turisti nel 2030 per garantire che il turismo rappresenti circa il 10% del Prodotto interno lordo (Pil) nazionale. Generalmente prevede anche quasi un milione di nuovi posti di lavoro.

Il primo ministro e presidente del Consiglio per gli affari economici e di sviluppo dell’Arabia Saudita, Mohamed bin Salman bin Abdulaziz, ha sottolineato che questo «è il primo passo del nostro viaggio verso un futuro migliore e più luminoso per il nostro Paese e le nostre città. Abbiamo una visione completa e ambiziosa per l’Arabia Saudita fino al 2030».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438387 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_438388" align="alignleft" width="300"] Photo credits: Visit Saudi[/caption] Si chiama Stopover Visa il nuovo visto disponibile per tutti e creato dal governo dell'Arabia Saudita per rendere la destinazione ancora più accessibile. Il visto -  gratuito e disponibile per un numero di Paesi più ampio rispetto al classico eVisa - consentirà ai passeggeri di trattenersi nel Paese fino a 96 ore (4 giorni). Un altro significativo passo avanti per il Paese, dal lancio del primo visto turistico nel settembre 2019, in linea con l'obiettivo di raggiungere i 100 milioni di turisti all'anno entro il 2030. I possessori dello Stopover Visa avranno diritto a un pernottamento gratuito in hotel durante lo scalo e potranno richiedere questo servizio prenotando attraverso Saudia. Per ispirare i viaggiatori sono stati creati degli itinerari da 24, 48, 72 e 96 ore che invitano a scoprire ad esempio il quartiere di Al-Balad a Jeddah, o magari il sito di Al-Turaif a Diriyah, uno dei sei siti Patrimonio Unesco dell’Arabia Saudita. Il visto può essere utilizzato anche per spezzare i voli di lungo raggio o prenotare un viaggio bonus per vivere in prima persona il ricco calendario di eventi stagionali, o ancora per prolungare il proprio viaggio d’affari prima di raggiungere la destinazione finale. Il modulo per lo Stopover Visa sarà disponibile automaticamente attraverso la piattaforma di prenotazione della compagnia aerea per tutti i passeggeri che viaggiano verso la propria destinazione finale a bordo dei voli Saudia o flynas. Lo scalo può essere effettuato in qualunque aeroporto saudita. Per completare tutto il processo servono meno di tre minuti ed è possibile compilare la richiesta fino a 90 giorni prima del viaggio. [post_title] => L'Arabia Saudita lancia lo Stopover Visa, gratuito e disponibile per tutti i viaggiatori [post_date] => 2023-02-01T09:14:05+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675242845000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438251 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Trend positivo per i flussi italiani verso l'Oman, "con una crescita del +949% rispetto al 2021. Siamo molto soddisfatti di questo traguardo raggiunto dopo un lungo percorso: dall’attivazione dei corridoi turistici a inizio anno alla ripartenza dei viaggi dei nostri connazionali, resa possibile solo da marzo 2022, fino all’avvio della stagione turistica invernale con la ripresa dell’operazione su Salalah” afferma Massimo Tocchetti, rappresentante per l’Italia dell’Ufficio del Turismo del Sultanato dell’Oman. Performance particolarmente positiva per gli ultimi mesi dell’anno, "con 3.400 arrivi a ottobre, 4.362 a novembre e 7.311 a dicembre. I risultati raggiunti nell'ultimo trimestre dell'anno, che si sono attestati sugli stessi livelli del 2019, quando la media dei passeggeri italiani era di circa 6.000 al mese, ha rappresentato un’impennata che ci ha fatto raggiungere quota 25.099 visitatori italiani nel 2022. Ad oggi l’Italia è il terzo mercato europeo per l’Oman, dopo Francia e Germania, quarto se consideriamo anche il Regno Unito. Questo trend positivo sembra proseguire anche in questi primi mesi dell'anno, in base alle prenotazioni già registrate e dal sentiment positivo degli operatori ”. Dall'Italia, la destinazione è ancora più facilmente raggiungibile grazie ai voli diretti di Oman Air che portano a 6 le frequenze settimanali verso il Sultanato, nonché ai nuovi voli Air Arabia da Milano Bergamo per Sharjah, 4 volte a settimana (martedì, mercoledì, venerdì, domenica) che il martedì e venerdì proseguono su Muscat o su Salalah. Infine, Neos opera voli diretti dall’Italia a Salalah: attualmente la domenica e lunedì, con partenza da Milano Malpensa (scalo a Roma Fiumicino), da Roma Fiumicino e da Verona. [post_title] => Oman: l'Italia è il terzo mercato europeo con oltre 25.000 arrivi nel 2022 [post_date] => 2023-01-30T14:58:33+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675090713000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437822 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Numeri importanti e davvero incoraggianti per Kel 12 che ha chiuso il bilancio 2021-22 allo scorso 30 settembre con un giro d'affari complessivo praticamente sui livelli del 2019: quasi a quota 13 milioni di euro, contro i 13,7 milioni registrati nell'anno pre-Covid. Ma quello che è forse più importante è il dato sui margini, che hanno raggiunto livelli persino superiori, grazie a tassi di riempimento davvero elevati. "L'ultimo bilancio è andato meglio di quanto ci aspettassimo dalla ripresa del mercato - racconta il presidente Kel 12, Massimo Grossi -. Abbiamo infatti chiuso con un ebit oltre i 500 mila euro (profitti ante-imposte e interessi, ndr), mentre gli utili netti si sono attestati sopra i 250 mila euro. Numeri apparentemente non enormi, ma chi conosce le marginalità medie del nostro settore sa quanto siano in realtà significativi". E il 2022/23 sta andando ancora meglio: "A oggi abbiamo già raggiunto i risultati del 2022 - rivela infatti l'amministratore delegato del to, Gianluca Rubino -. A parità di periodo siamo al 30% in più per entrambi i brand (Kel 12 e i Viaggi di Maurizio Levi acquisito in piena pandemia, ndr). Per la chiusura dell'anno finanziario prevediamo di toccare quota 22 milioni di euro di fatturato, contro i 19 milioni che i due marchi distinti hanno messo a segno in totale nel 2019". L'obiettivo è quindi di salire ulteriormente a 25 milioni nel giro di tre anni. "A prima vista potrebbe sembrare un traguardo poco sfidante, dati i trend di crescita attuali - aggiunge Rubino -. Ma occorre tener conto della nostra tipologia di prodotto, che non permette uno sviluppo esponenziale dell'offerta. Basti pensare al fatto che la nostra linea più importante (quella dei viaggi con esperti rappresenta l'80% del nostro business complessivo) nel periodo di Capodanno ha registrato un record di 51 partenze. Ed è davvero difficile anche solo pensare di aumentare ulteriormente il numero di archeologi, antropologi, biologi... coinvolti come esperti nei nostri viaggi". Per il prossimo futuro, l'operatore milanese pensa quindi a incrementare ulteriormente l'integrazione verticale del prodotto, tramite joint venture ad hoc con i partner locali, come per esempio è già avvenuto per le due dahabeye egiziane. "Si tratta di operazioni che ci consentono di aumentare ulteriormente la qualità dei nostri prodotti - sottolinea Rubino -. Prossimamente pensiamo ad altre iniziative simili in Algeria, Arabia Saudita, Namibia, e India". Per quanto riguarda i clienti finali, i piani sono di incrementare ulteriormente il già elevato livello di engagement dei viaggiatori. "Pochi mesi fa abbiamo lanciato un nostro programma fedeltà, il Travel Klab, in collaborazione con Europ Assistance, mentre per l'estate sarà pronta una app proprietaria, pensata per facilitare la fruizione dei nostri servizi in viaggio". Infine, lato distribuzione, il focus rimane decisamente sulla formazione. "Data la peculiarità del nostro prodotto, storicamente lavoriamo con un panel di agenzie selezionate che oggi sono circa 300-400 - conclude Rubino -. Con un centinaio di loro conduciamo anche operazioni di co-marketing, per esempio per l'organizzazione di eventi e incontri con i nostri esperti, soprattutto nelle località più lontane dalle nostre sedi, che fatichiamo a raggiungere da soli". [post_title] => Kel 12: fatturato a livelli pre-Covid; i margini persino meglio [post_date] => 2023-01-24T12:46:34+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674564394000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437448 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Saudi Arabian Airlines investe sul futuro green con una serie di progetti sostenibili e nuove iniziative ecologiche: obiettivo diventare una compagnia aerea leader nel settore che riconosce la propria responsabilità nei confronti dell’ambiente e della società, e che considera il tema della sostenibilità come parte integrante della sua strategia aziendale.  Si parte dal Green Points Program: Saudia è stata la prima ad implementare i Green Points, un programma che premia i passeggeri che si impegnano a proteggere l’ambiente. Il programma è stato implementato su un volo in partenza da Jeddah e diretto a Madrid il 12 maggio durante il Sustainable Flight Challenge presentato da SkyTeam Alliance. Voluntary Carbon Market Initiative vede Saudia quale prima compagnia partner dell’area Mena partecipare all’iniziativa avviata un anno fa. A proposito dell’obiettivo dell'Arabia Saudita di raggiungere le emissioni nette zero entro il 2060 e di ridurre il suo impatto sul cambiamento climatico, il Fondo pubblico per gli investimenti (PIF) ha istituito il mercato volontario del carbonio. Il progetto riflette l’interesse delle compagnie aeree che cercano di ridurre a piccoli passi l’utilizzo di carbonio attraverso iniziative e innovazioni come l'espansione delle energie rinnovabili o la promozione dell'idrogeno verde.  Sustainability Flight Challenge: un’altra iniziativa sostenibile che ha lo scopo di ridurre la produzione di emissioni, è il coinvolgimento attivo dei clienti attraverso un loro feedback. Sul volo SV590 da Jeddah a Dubai dell'8 ottobre 2022, agli ospiti a bordo sono state chieste idee per un viaggio aereo più ecologico, che coprisse i momenti precedenti alla partenza in aeroporto e l'arrivo a destinazione. I passeggeri e i membri del team Saudia hanno raccolto in totale 150 idee interessanti.  eVTOL: in collaborazione con la start-up Lilium di Monaco di Baviera, l'Arabia Saudita sta investendo nel trasporto aereo ad emissioni zero per promuovere l'indipendenza dal petrolio come parte della sua Vision 2030. A tal fine, la compagnia di bandiera saudita ha in programma l'acquisto di 100 taxi aerei a propulsione elettrica Lilium-Jet per servire i collegamenti da punto a punto e con gli hub senza soluzione di continuità per i clienti della classe Business all'interno dell'Arabia Saudita. La Formula E: in qualità di partner ufficiale della prima serie di corse automobilistiche elettriche e partner principale dell'inaugurale Saudia Ad Diriyah E-Prix, il vettore quest’anno ha lanciato una nuova campagna per mettere in contatto i fan della Formula E di tutto il mondo e promuovere uno sport sostenibile. A questo scopo Saudia e i suoi partner SkyTeam voleranno in tutte le città che ospiteranno la gara il prossimo anno. Le città di Roma, Berlino, New York, Londra e Seul saranno presenti nel programma di volo. [post_title] => Saudia rilancia gli investimenti sulla sostenibilità ambientale: ecco i progetti green [post_date] => 2023-01-17T13:12:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673961132000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437375 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Arabia ha varato una nuova promozione dedicata agli agenti di viaggio che consente di scoprire la nuova rotta operativa da Milano Bergamo a Sharjah. Il collegamento - attivo con quattro frequenze alla settimana - viene offerto ad una tariffa di 199 euro, andata e ritorno, tasse incluse, prenotando entro il 31 gennaio 2023 per viaggiare fino al 28 febbraio prossimo (data ultima di rientro). Le prenotazioni devono essere effettuate via mail con lettera di appartenenza, da inviare al sales di riferimento dell'agenzia all'indirizzo macsalessupport-italy@airarabia.com [post_title] => Air Arabia: tariffa speciale per gli agenti di viaggio sulla Milano Bergamo-Sharjah [post_date] => 2023-01-16T14:36:36+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673879796000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437362 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Competere con le principali destinazioni del turismo balneare di livello globale, come Maldive, Seychelles e Mauritius. Il tutto con l'idea di andare però oltre al prodotto mare, potendo anche offrire esperienze nel deserto, sulle montagne e soprattutto organicamente inserite nella cultura e nella tradizione locali. E' l'obiettivo principale di The Red Sea, il mega progetto turistico che la società per azioni omonima controllata al 100% dal fondo Pubblico di Investimento saudita (Pif), sta sviluppando su una superfice di ben 28 mila quadrati lungo la costa occidentale del Paese, in un’area situata a 500 chilometri a nord di Gedda. "In tale contesto, l’Italia è stata individuata tra i mercati di riferimento principali - spiega quindi la senior travel trade director di Red Sea Global, Loredana Pettinati, rivelando i primi dettagli sulle linee guida commerciali dell'operazione -. Il nostro target di riferimento è infatti un viaggiatore esperto, abituato alle residenze di lusso, alla ricerca di nuove destinazioni in grado di offrire attività uniche. E l’Italia è un mercato maturo, con una conoscenza profonda dell’ospitalità di qualità. Risponde perciò perfettamente alle caratteristiche da noi ricercate, tanto che abbiamo già riscontrato grande interesse sia da parte di network e agenzie, sia dai tour operator con cui ci siamo confrontati. Con alcuni di loro, soprattutto con chi è attivo nel segmento alto di gamma e già gestisce resort nel Mediterraneo, stiamo persino valutando eventuali aperture future di strutture upscale nel nostro complesso durante la seconda fase del progetto (la prima parte si concluderà alla fine del prossimo anno, con l'apertura dei primi 16 hotel, ndr)". Importante a tal fine è che la proposta sia coerente con la vocazione sostenibile dell’intero progetto: nelle intenzioni degli investitori, The Red Sea diventerà infatti la più grande destinazione turistica del mondo alimentata al 100% da energie rinnovabili, mentre lo sviluppo riguarderà solamente l'1% del territorio su cui sorgerà il complesso. Non solo: delle 92 isole incluse nel suo territorio appena 22 saranno edificate e ben nove diventeranno vere e proprie riserve naturali. Al suo interno non sarà consentito l’uso di plastica e per la mobilità si utilizzeranno esclusivamente veicoli elettrici. Una volta completato il progetto, infine, l’accesso alla destinazione sarà limitato a 1 milione di visitatori all’anno. E tutto ciò per un complesso turistico che al termine della fase due, entro il 2030, conterà fino a 50 resort per un totale di 8 mila camere d’hotel, a cui si aggiungeranno oltre mille residenze private. Il prodotto sarà peraltro supportato da una dmc proprietaria che sarà costituita a breve e gestirà le prenotazioni in arrivo da ogni parte del mondo. "Una scelta dettata dal fatto che l’Arabia Saudita è ancora una meta giovane per il turismo internazionale – conclude Loredana Pettinati -. Per garantire adeguati livelli di servizio ai viaggiatori di gamma più elevata non possiamo quindi che affidarci a risorse interne. Almeno fino a quando nel Paese non sarà sviluppato un know-how adeguato. Processo al quale stiamo contribuendo anche noi tramite una serie di partnership formative con numerose università del comparto. Le risorse umane sono e saranno infatti un tassello fondamentale del nostro piano di sviluppo, tanto che stiamo già realizzando un villaggio ad hoc capace di ospitare fino a 22 mila dipendenti". [post_title] => The Red Sea: nei piani della fase due si valutano anche resort a gestione italiana [post_date] => 2023-01-16T13:55:05+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673877305000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436994 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama Diriyah, come l'omonima città, il nuovo progetto turistico varato dal Saudi Public Investment Fund. L'iniziativa che punta a incrementare i flussi turistici nella regione, spiega una nota, mira in particolare a creare partnership con il settore privato locale, alla realizzazione di nuovi hotel e strutture di intrattenimento, nonché alla creazione di nuovi posti di lavoro e al miglioramento della qualità della vita nella regione. Diriyah, situata alle porte di Riyadh, comprende il distretto di Turaif, patrimonio dell'umanità dell'Unesco; quest'area, nota per le sue strutture in mattoni di fango, è stata la prima capitale della Casa di Saud nel XVIII secolo. I piani di sviluppo ruotano quindi attorno al turismo culturale. Il nuovo piano è il quinto progetto "giga" del Saudi Public Investment Fund, insieme alla megalopoli futuristica di Neom, al progetto Red Sea, all'area sportiva e di intrattenimento Qiddiya e allo sviluppatore immobiliare Roshn. Gli investimenti del Saudi Public Investment Fund sono indirizzati allo sviluppo del turismo in Arabia Saudita, come previsto dalla Vision 2030.  [post_title] => Arabia Saudita: nuovo progetto di sviluppo turistico per l'area di Diriyah [post_date] => 2023-01-10T12:05:15+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673352315000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436894 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Conterà almeno oltre una ventina di strutture alberghiere, molte griffate con brand internazionali, il nuovo complesso turistico The Red Sea, in fase di costruzione in un'area a 500 chilometri a nord di Gedda, in Arabia Saudita. La sua inaugurazione in soft opening è prevista per la primavera 2023. I primi resort operativi saranno quindi il Six Senses Southern Dunes, The Red Sea e il St. Regis Red Sea Resort con spa, area shopping e altre offerte per il tempo libero e l'intrattenimento. Sempre su Ummahat Islands sorgerà anche il terzo hotel subito disponibile per i viaggiatori nella prima fase di apertura: il Nujuma, a Ritz-Carlton Reserve sarà la prima struttura di questo brand del gruppo Marriott in Medio Oriente. Queste e altre proprietà in pipeline vedranno la partecipazione in fase di progettazione di importanti studi internazionali di architettura come il celebre Foster + Partners. The Red Sea sarà la più grande destinazione turistica del mondo alimentata al 100% da energie rinnovabili. Sorgerà su uno spazio di ben 28 mila chilometri quadrati, un’area che comprende un arcipelago di 92 isole, 50 vulcani spenti, catene montuose e imponenti dune di sabbia nel deserto; uno spazio vasto che però, al compimento dell’intero piano di sviluppo, verrà occupato solo per l’1%. L’aspetto green è un tema affrontato con la massima serietà e responsabilità da Red Sea Global, la società per azioni interamente controllata dal fondo Pubblico di Investimento (Pif) dell'Arabia Saudita, che gestisce l’intero piano di sviluppo e che amministrerà l’area nella sua totalità. Hub principale di The Red Sea sarà Shura Island, isola a forma di delfino distante solo 30 minuti dall’aeroporto. Questa ospiterà ben 16 hotel, un centro subacqueo, la marina, il campo da golf, beach club, campi sportivi e numerose attività di intrattenimento tra cui negozi, bar e ristoranti. Oltre a questa zona saranno interessate dalla presenza un minor numero di strutture altre isole ma sempre con l’idea di essere quanto meno impattanti sull’ambiente circostante. Nel deserto saranno poi due le soluzioni di alloggio, per chi desidererà lasciarsi avvolgere dai colori della terra ferma. Ammirare i paesaggi, rilassarsi sotto il sole saudita saranno momenti da alternare alle attività proposte in destinazione: immersioni, snorkeling, gite in barca, kayak lungo la costa, sport acquatici, ma anche trekking nel deserto o esplorazioni dei vulcani, pic nic su spiagge deserte, bird watching, azioni rivolte alla tutela e conservazione dell’ambiente, escursioni nei luoghi iconici del territorio saudita, stargazing, per citarne alcune. La fase 1 si concluderà alla fine del prossimo anno, data entro la quale, oltre alla piena operatività dell’aeroporto, saranno aperti 16 hotel in totale (con ben 3 mila camere a disposizione degli ospiti), la marina, un campo da golf regolamentare da 18 buche e un’ampia serie di servizi e spazi di intrattenimento. Tra le altre nuove strutture in arrivo ci saranno anche i Grand Hyatt The Red Sea, Fairmont The Red Sea, The Red Sea Edition, Rosewood Red Sea, Intercontinental The Red Sea Resort, Jumeirah The Red Sea, Miraval The Red Sea, Sls The Red Sea e Raffles The Red Sea. [post_title] => In arrivo The Red Sea: mega complesso turistico da 28 mila kmq sulle coste saudite [post_date] => 2023-01-09T11:05:38+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673262338000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436793 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Partirà domani da Trieste il Giro del mondo 2023 firmato Costa Crociere. Con il nuovo anno torna infatti anche una delle esperienze più amate dagli appassionati dei grandi viaggi. Il programma 2023 coinvolge in particolare la Costa Deliziosa e prevede anche un imbarco a Savona l'11 gennaio, per un itinerario di oltre quattro mesi, pari a 128 giorni complessivi: dal Mediterraneo alla penisola Arabica, navigando verso est sino all’India e alle Maldive, per poi fare rotta a sud, in Madagascar e Sud Africa, e attraversare l’oceano Atlantico sino al Brasile. Quindi, di nuovo diretti a sud, verso Ushuaia, in Argentina, la punta estrema del continente, navigando nel canale di Beagle e risalendo lungo il versante Pacifico, dal Cile sino a Panama, visitando il Centro America e New York, per poi rientrare in Europa. In totale, 52 destinazioni da scoprire in quattro continenti, attraversando tre oceani. Sono circa 2 mila gli ospiti che hanno prenotato una cabina sul Giro del mondo 2023. Provengono da 40 Paesi diversi, con una prevalenza di francesi (circa 500), italiani e tedeschi (rispettivamente circa 360 e circa 340), svizzeri (circa 160), spagnoli (circa 140) e austriaci (poco meno di 100). Il viaggiatore più longevo, francese, ha 94 anni, mentre il più giovane è austriaco, di sei anni. Per coloro che avessero perso l’opportunità quest’anno, Costa Deliziosa proporrà il Giro del mondo anche nel 2024, con partenza prevista il 6 gennaio 2024. Non solo: nelle prossime settimane sarà disponibile per la prenotazione anche il Giro del mondo 2025, che circumnavigherà il globo prevalentemente nell’emisfero australe, visitando Terra del Fuoco, Polinesia, Nuova Zelanda, Australia e Sud Africa. Per la prima volta la partenza sarà a inizio dicembre (2024) da Savona, per godersi le feste natalizie in crociera. La notte di Capodanno sarà a Rio de Janeiro, con lo spettacolo dei fuochi d'artificio dalla spiaggia di Copacabana. [post_title] => Torna il Giro del mondo firmato Costa. Partenza domani da Trieste per un itinerario di 128 giorni [post_date] => 2023-01-05T09:32:34+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1672911154000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "larabia saudita" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":66,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":182,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438387","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_438388\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Photo credits: Visit Saudi[/caption]\r\n\r\nSi chiama Stopover Visa il nuovo visto disponibile per tutti e creato dal governo dell'Arabia Saudita per rendere la destinazione ancora più accessibile. Il visto -  gratuito e disponibile per un numero di Paesi più ampio rispetto al classico eVisa - consentirà ai passeggeri di trattenersi nel Paese fino a 96 ore (4 giorni). Un altro significativo passo avanti per il Paese, dal lancio del primo visto turistico nel settembre 2019, in linea con l'obiettivo di raggiungere i 100 milioni di turisti all'anno entro il 2030.\r\n\r\nI possessori dello Stopover Visa avranno diritto a un pernottamento gratuito in hotel durante lo scalo e potranno richiedere questo servizio prenotando attraverso Saudia. Per ispirare i viaggiatori sono stati creati degli itinerari da 24, 48, 72 e 96 ore che invitano a scoprire ad esempio il quartiere di Al-Balad a Jeddah, o magari il sito di Al-Turaif a Diriyah, uno dei sei siti Patrimonio Unesco dell’Arabia Saudita.\r\n\r\nIl visto può essere utilizzato anche per spezzare i voli di lungo raggio o prenotare un viaggio bonus per vivere in prima persona il ricco calendario di eventi stagionali, o ancora per prolungare il proprio viaggio d’affari prima di raggiungere la destinazione finale.\r\n\r\nIl modulo per lo Stopover Visa sarà disponibile automaticamente attraverso la piattaforma di prenotazione della compagnia aerea per tutti i passeggeri che viaggiano verso la propria destinazione finale a bordo dei voli Saudia o flynas. Lo scalo può essere effettuato in qualunque aeroporto saudita. Per completare tutto il processo servono meno di tre minuti ed è possibile compilare la richiesta fino a 90 giorni prima del viaggio.","post_title":"L'Arabia Saudita lancia lo Stopover Visa, gratuito e disponibile per tutti i viaggiatori","post_date":"2023-02-01T09:14:05+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1675242845000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438251","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Trend positivo per i flussi italiani verso l'Oman, \"con una crescita del +949% rispetto al 2021. Siamo molto soddisfatti di questo traguardo raggiunto dopo un lungo percorso: dall’attivazione dei corridoi turistici a inizio anno alla ripartenza dei viaggi dei nostri connazionali, resa possibile solo da marzo 2022, fino all’avvio della stagione turistica invernale con la ripresa dell’operazione su Salalah” afferma Massimo Tocchetti, rappresentante per l’Italia dell’Ufficio del Turismo del Sultanato dell’Oman.\r\n\r\nPerformance particolarmente positiva per gli ultimi mesi dell’anno, \"con 3.400 arrivi a ottobre, 4.362 a novembre e 7.311 a dicembre. I risultati raggiunti nell'ultimo trimestre dell'anno, che si sono attestati sugli stessi livelli del 2019, quando la media dei passeggeri italiani era di circa 6.000 al mese, ha rappresentato un’impennata che ci ha fatto raggiungere quota 25.099 visitatori italiani nel 2022. Ad oggi l’Italia è il terzo mercato europeo per l’Oman, dopo Francia e Germania, quarto se consideriamo anche il Regno Unito. Questo trend positivo sembra proseguire anche in questi primi mesi dell'anno, in base alle prenotazioni già registrate e dal sentiment positivo degli operatori ”.\r\n\r\nDall'Italia, la destinazione è ancora più facilmente raggiungibile grazie ai voli diretti di Oman Air che portano a 6 le frequenze settimanali verso il Sultanato, nonché ai nuovi voli Air Arabia da Milano Bergamo per Sharjah, 4 volte a settimana (martedì, mercoledì, venerdì, domenica) che il martedì e venerdì proseguono su Muscat o su Salalah.\r\nInfine, Neos opera voli diretti dall’Italia a Salalah: attualmente la domenica e lunedì, con partenza da Milano Malpensa (scalo a Roma Fiumicino), da Roma Fiumicino e da Verona.","post_title":"Oman: l'Italia è il terzo mercato europeo con oltre 25.000 arrivi nel 2022","post_date":"2023-01-30T14:58:33+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1675090713000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437822","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Numeri importanti e davvero incoraggianti per Kel 12 che ha chiuso il bilancio 2021-22 allo scorso 30 settembre con un giro d'affari complessivo praticamente sui livelli del 2019: quasi a quota 13 milioni di euro, contro i 13,7 milioni registrati nell'anno pre-Covid. Ma quello che è forse più importante è il dato sui margini, che hanno raggiunto livelli persino superiori, grazie a tassi di riempimento davvero elevati. \"L'ultimo bilancio è andato meglio di quanto ci aspettassimo dalla ripresa del mercato - racconta il presidente Kel 12, Massimo Grossi -. Abbiamo infatti chiuso con un ebit oltre i 500 mila euro (profitti ante-imposte e interessi, ndr), mentre gli utili netti si sono attestati sopra i 250 mila euro. Numeri apparentemente non enormi, ma chi conosce le marginalità medie del nostro settore sa quanto siano in realtà significativi\".\r\n\r\nE il 2022/23 sta andando ancora meglio: \"A oggi abbiamo già raggiunto i risultati del 2022 - rivela infatti l'amministratore delegato del to, Gianluca Rubino -. A parità di periodo siamo al 30% in più per entrambi i brand (Kel 12 e i Viaggi di Maurizio Levi acquisito in piena pandemia, ndr). Per la chiusura dell'anno finanziario prevediamo di toccare quota 22 milioni di euro di fatturato, contro i 19 milioni che i due marchi distinti hanno messo a segno in totale nel 2019\". L'obiettivo è quindi di salire ulteriormente a 25 milioni nel giro di tre anni. \"A prima vista potrebbe sembrare un traguardo poco sfidante, dati i trend di crescita attuali - aggiunge Rubino -. Ma occorre tener conto della nostra tipologia di prodotto, che non permette uno sviluppo esponenziale dell'offerta. Basti pensare al fatto che la nostra linea più importante (quella dei viaggi con esperti rappresenta l'80% del nostro business complessivo) nel periodo di Capodanno ha registrato un record di 51 partenze. Ed è davvero difficile anche solo pensare di aumentare ulteriormente il numero di archeologi, antropologi, biologi... coinvolti come esperti nei nostri viaggi\".\r\n\r\nPer il prossimo futuro, l'operatore milanese pensa quindi a incrementare ulteriormente l'integrazione verticale del prodotto, tramite joint venture ad hoc con i partner locali, come per esempio è già avvenuto per le due dahabeye egiziane. \"Si tratta di operazioni che ci consentono di aumentare ulteriormente la qualità dei nostri prodotti - sottolinea Rubino -. Prossimamente pensiamo ad altre iniziative simili in Algeria, Arabia Saudita, Namibia, e India\".\r\n\r\nPer quanto riguarda i clienti finali, i piani sono di incrementare ulteriormente il già elevato livello di engagement dei viaggiatori. \"Pochi mesi fa abbiamo lanciato un nostro programma fedeltà, il Travel Klab, in collaborazione con Europ Assistance, mentre per l'estate sarà pronta una app proprietaria, pensata per facilitare la fruizione dei nostri servizi in viaggio\". Infine, lato distribuzione, il focus rimane decisamente sulla formazione. \"Data la peculiarità del nostro prodotto, storicamente lavoriamo con un panel di agenzie selezionate che oggi sono circa 300-400 - conclude Rubino -. Con un centinaio di loro conduciamo anche operazioni di co-marketing, per esempio per l'organizzazione di eventi e incontri con i nostri esperti, soprattutto nelle località più lontane dalle nostre sedi, che fatichiamo a raggiungere da soli\".","post_title":"Kel 12: fatturato a livelli pre-Covid; i margini persino meglio","post_date":"2023-01-24T12:46:34+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674564394000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437448","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Saudi Arabian Airlines investe sul futuro green con una serie di progetti sostenibili e nuove iniziative ecologiche: obiettivo diventare una compagnia aerea leader nel settore che riconosce la propria responsabilità nei confronti dell’ambiente e della società, e che considera il tema della sostenibilità come parte integrante della sua strategia aziendale.  Si parte dal Green Points Program: Saudia è stata la prima ad implementare i Green Points, un programma che premia i passeggeri che si impegnano a proteggere l’ambiente. Il programma è stato implementato su un volo in partenza da Jeddah e diretto a Madrid il 12 maggio durante il Sustainable Flight Challenge presentato da SkyTeam Alliance.\r\n\r\nVoluntary Carbon Market Initiative vede Saudia quale prima compagnia partner dell’area Mena partecipare all’iniziativa avviata un anno fa. A proposito dell’obiettivo dell'Arabia Saudita di raggiungere le emissioni nette zero entro il 2060 e di ridurre il suo impatto sul cambiamento climatico, il Fondo pubblico per gli investimenti (PIF) ha istituito il mercato volontario del carbonio. Il progetto riflette l’interesse delle compagnie aeree che cercano di ridurre a piccoli passi l’utilizzo di carbonio attraverso iniziative e innovazioni come l'espansione delle energie rinnovabili o la promozione dell'idrogeno verde. \r\n\r\nSustainability Flight Challenge: un’altra iniziativa sostenibile che ha lo scopo di ridurre la produzione di emissioni, è il coinvolgimento attivo dei clienti attraverso un loro feedback. Sul volo SV590 da Jeddah a Dubai dell'8 ottobre 2022, agli ospiti a bordo sono state chieste idee per un viaggio aereo più ecologico, che coprisse i momenti precedenti alla partenza in aeroporto e l'arrivo a destinazione. I passeggeri e i membri del team Saudia hanno raccolto in totale 150 idee interessanti. \r\n\r\neVTOL: in collaborazione con la start-up Lilium di Monaco di Baviera, l'Arabia Saudita sta investendo nel trasporto aereo ad emissioni zero per promuovere l'indipendenza dal petrolio come parte della sua Vision 2030. A tal fine, la compagnia di bandiera saudita ha in programma l'acquisto di 100 taxi aerei a propulsione elettrica Lilium-Jet per servire i collegamenti da punto a punto e con gli hub senza soluzione di continuità per i clienti della classe Business all'interno dell'Arabia Saudita.\r\n\r\nLa Formula E: in qualità di partner ufficiale della prima serie di corse automobilistiche elettriche e partner principale dell'inaugurale Saudia Ad Diriyah E-Prix, il vettore quest’anno ha lanciato una nuova campagna per mettere in contatto i fan della Formula E di tutto il mondo e promuovere uno sport sostenibile. A questo scopo Saudia e i suoi partner SkyTeam voleranno in tutte le città che ospiteranno la gara il prossimo anno. Le città di Roma, Berlino, New York, Londra e Seul saranno presenti nel programma di volo.","post_title":"Saudia rilancia gli investimenti sulla sostenibilità ambientale: ecco i progetti green","post_date":"2023-01-17T13:12:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1673961132000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437375","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air Arabia ha varato una nuova promozione dedicata agli agenti di viaggio che consente di scoprire la nuova rotta operativa da Milano Bergamo a Sharjah. Il collegamento - attivo con quattro frequenze alla settimana - viene offerto ad una tariffa di 199 euro, andata e ritorno, tasse incluse, prenotando entro il 31 gennaio 2023 per viaggiare fino al 28 febbraio prossimo (data ultima di rientro).\r\n\r\nLe prenotazioni devono essere effettuate via mail con lettera di appartenenza, da inviare al sales di riferimento dell'agenzia all'indirizzo macsalessupport-italy@airarabia.com","post_title":"Air Arabia: tariffa speciale per gli agenti di viaggio sulla Milano Bergamo-Sharjah","post_date":"2023-01-16T14:36:36+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1673879796000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437362","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Competere con le principali destinazioni del turismo balneare di livello globale, come Maldive, Seychelles e Mauritius. Il tutto con l'idea di andare però oltre al prodotto mare, potendo anche offrire esperienze nel deserto, sulle montagne e soprattutto organicamente inserite nella cultura e nella tradizione locali. E' l'obiettivo principale di The Red Sea, il mega progetto turistico che la società per azioni omonima controllata al 100% dal fondo Pubblico di Investimento saudita (Pif), sta sviluppando su una superfice di ben 28 mila quadrati lungo la costa occidentale del Paese, in un’area situata a 500 chilometri a nord di Gedda.\r\n\r\n\"In tale contesto, l’Italia è stata individuata tra i mercati di riferimento principali - spiega quindi la senior travel trade director di Red Sea Global, Loredana Pettinati, rivelando i primi dettagli sulle linee guida commerciali dell'operazione -. Il nostro target di riferimento è infatti un viaggiatore esperto, abituato alle residenze di lusso, alla ricerca di nuove destinazioni in grado di offrire attività uniche. E l’Italia è un mercato maturo, con una conoscenza profonda dell’ospitalità di qualità. Risponde perciò perfettamente alle caratteristiche da noi ricercate, tanto che abbiamo già riscontrato grande interesse sia da parte di network e agenzie, sia dai tour operator con cui ci siamo confrontati. Con alcuni di loro, soprattutto con chi è attivo nel segmento alto di gamma e già gestisce resort nel Mediterraneo, stiamo persino valutando eventuali aperture future di strutture upscale nel nostro complesso durante la seconda fase del progetto (la prima parte si concluderà alla fine del prossimo anno, con l'apertura dei primi 16 hotel, ndr)\".\r\n\r\nImportante a tal fine è che la proposta sia coerente con la vocazione sostenibile dell’intero progetto: nelle intenzioni degli investitori, The Red Sea diventerà infatti la più grande destinazione turistica del mondo alimentata al 100% da energie rinnovabili, mentre lo sviluppo riguarderà solamente l'1% del territorio su cui sorgerà il complesso. Non solo: delle 92 isole incluse nel suo territorio appena 22 saranno edificate e ben nove diventeranno vere e proprie riserve naturali. Al suo interno non sarà consentito l’uso di plastica e per la mobilità si utilizzeranno esclusivamente veicoli elettrici. Una volta completato il progetto, infine, l’accesso alla destinazione sarà limitato a 1 milione di visitatori all’anno. E tutto ciò per un complesso turistico che al termine della fase due, entro il 2030, conterà fino a 50 resort per un totale di 8 mila camere d’hotel, a cui si aggiungeranno oltre mille residenze private.\r\n\r\nIl prodotto sarà peraltro supportato da una dmc proprietaria che sarà costituita a breve e gestirà le prenotazioni in arrivo da ogni parte del mondo. \"Una scelta dettata dal fatto che l’Arabia Saudita è ancora una meta giovane per il turismo internazionale – conclude Loredana Pettinati -. Per garantire adeguati livelli di servizio ai viaggiatori di gamma più elevata non possiamo quindi che affidarci a risorse interne. Almeno fino a quando nel Paese non sarà sviluppato un know-how adeguato. Processo al quale stiamo contribuendo anche noi tramite una serie di partnership formative con numerose università del comparto. Le risorse umane sono e saranno infatti un tassello fondamentale del nostro piano di sviluppo, tanto che stiamo già realizzando un villaggio ad hoc capace di ospitare fino a 22 mila dipendenti\".","post_title":"The Red Sea: nei piani della fase due si valutano anche resort a gestione italiana","post_date":"2023-01-16T13:55:05+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1673877305000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436994","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama Diriyah, come l'omonima città, il nuovo progetto turistico varato dal Saudi Public Investment Fund. L'iniziativa che punta a incrementare i flussi turistici nella regione, spiega una nota, mira in particolare a creare partnership con il settore privato locale, alla realizzazione di nuovi hotel e strutture di intrattenimento, nonché alla creazione di nuovi posti di lavoro e al miglioramento della qualità della vita nella regione.\r\n\r\nDiriyah, situata alle porte di Riyadh, comprende il distretto di Turaif, patrimonio dell'umanità dell'Unesco; quest'area, nota per le sue strutture in mattoni di fango, è stata la prima capitale della Casa di Saud nel XVIII secolo. I piani di sviluppo ruotano quindi attorno al turismo culturale.\r\n\r\nIl nuovo piano è il quinto progetto \"giga\" del Saudi Public Investment Fund, insieme alla megalopoli futuristica di Neom, al progetto Red Sea, all'area sportiva e di intrattenimento Qiddiya e allo sviluppatore immobiliare Roshn.\r\n\r\nGli investimenti del Saudi Public Investment Fund sono indirizzati allo sviluppo del turismo in Arabia Saudita, come previsto dalla Vision 2030. ","post_title":"Arabia Saudita: nuovo progetto di sviluppo turistico per l'area di Diriyah","post_date":"2023-01-10T12:05:15+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1673352315000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436894","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Conterà almeno oltre una ventina di strutture alberghiere, molte griffate con brand internazionali, il nuovo complesso turistico The Red Sea, in fase di costruzione in un'area a 500 chilometri a nord di Gedda, in Arabia Saudita. La sua inaugurazione in soft opening è prevista per la primavera 2023. I primi resort operativi saranno quindi il Six Senses Southern Dunes, The Red Sea e il St. Regis Red Sea Resort con spa, area shopping e altre offerte per il tempo libero e l'intrattenimento. Sempre su Ummahat Islands sorgerà anche il terzo hotel subito disponibile per i viaggiatori nella prima fase di apertura: il Nujuma, a Ritz-Carlton Reserve sarà la prima struttura di questo brand del gruppo Marriott in Medio Oriente. Queste e altre proprietà in pipeline vedranno la partecipazione in fase di progettazione di importanti studi internazionali di architettura come il celebre Foster + Partners.\r\n\r\nThe Red Sea sarà la più grande destinazione turistica del mondo alimentata al 100% da energie rinnovabili. Sorgerà su uno spazio di ben 28 mila chilometri quadrati, un’area che comprende un arcipelago di 92 isole, 50 vulcani spenti, catene montuose e imponenti dune di sabbia nel deserto; uno spazio vasto che però, al compimento dell’intero piano di sviluppo, verrà occupato solo per l’1%. L’aspetto green è un tema affrontato con la massima serietà e responsabilità da Red Sea Global, la società per azioni interamente controllata dal fondo Pubblico di Investimento (Pif) dell'Arabia Saudita, che gestisce l’intero piano di sviluppo e che amministrerà l’area nella sua totalità.\r\n\r\nHub principale di The Red Sea sarà Shura Island, isola a forma di delfino distante solo 30 minuti dall’aeroporto. Questa ospiterà ben 16 hotel, un centro subacqueo, la marina, il campo da golf, beach club, campi sportivi e numerose attività di intrattenimento tra cui negozi, bar e ristoranti. Oltre a questa zona saranno interessate dalla presenza un minor numero di strutture altre isole ma sempre con l’idea di essere quanto meno impattanti sull’ambiente circostante. Nel deserto saranno poi due le soluzioni di alloggio, per chi desidererà lasciarsi avvolgere dai colori della terra ferma. Ammirare i paesaggi, rilassarsi sotto il sole saudita saranno momenti da alternare alle attività proposte in destinazione: immersioni, snorkeling, gite in barca, kayak lungo la costa, sport acquatici, ma anche trekking nel deserto o esplorazioni dei vulcani, pic nic su spiagge deserte, bird watching, azioni rivolte alla tutela e conservazione dell’ambiente, escursioni nei luoghi iconici del territorio saudita, stargazing, per citarne alcune. La fase 1 si concluderà alla fine del prossimo anno, data entro la quale, oltre alla piena operatività dell’aeroporto, saranno aperti 16 hotel in totale (con ben 3 mila camere a disposizione degli ospiti), la marina, un campo da golf regolamentare da 18 buche e un’ampia serie di servizi e spazi di intrattenimento. Tra le altre nuove strutture in arrivo ci saranno anche i Grand Hyatt The Red Sea, Fairmont The Red Sea, The Red Sea Edition, Rosewood Red Sea, Intercontinental The Red Sea Resort, Jumeirah The Red Sea, Miraval The Red Sea, Sls The Red Sea e Raffles The Red Sea.","post_title":"In arrivo The Red Sea: mega complesso turistico da 28 mila kmq sulle coste saudite","post_date":"2023-01-09T11:05:38+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1673262338000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436793","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Partirà domani da Trieste il Giro del mondo 2023 firmato Costa Crociere. Con il nuovo anno torna infatti anche una delle esperienze più amate dagli appassionati dei grandi viaggi. Il programma 2023 coinvolge in particolare la Costa Deliziosa e prevede anche un imbarco a Savona l'11 gennaio, per un itinerario di oltre quattro mesi, pari a 128 giorni complessivi: dal Mediterraneo alla penisola Arabica, navigando verso est sino all’India e alle Maldive, per poi fare rotta a sud, in Madagascar e Sud Africa, e attraversare l’oceano Atlantico sino al Brasile. Quindi, di nuovo diretti a sud, verso Ushuaia, in Argentina, la punta estrema del continente, navigando nel canale di Beagle e risalendo lungo il versante Pacifico, dal Cile sino a Panama, visitando il Centro America e New York, per poi rientrare in Europa. In totale, 52 destinazioni da scoprire in quattro continenti, attraversando tre oceani.\r\n\r\nSono circa 2 mila gli ospiti che hanno prenotato una cabina sul Giro del mondo 2023. Provengono da 40 Paesi diversi, con una prevalenza di francesi (circa 500), italiani e tedeschi (rispettivamente circa 360 e circa 340), svizzeri (circa 160), spagnoli (circa 140) e austriaci (poco meno di 100). Il viaggiatore più longevo, francese, ha 94 anni, mentre il più giovane è austriaco, di sei anni.\r\n\r\nPer coloro che avessero perso l’opportunità quest’anno, Costa Deliziosa proporrà il Giro del mondo anche nel 2024, con partenza prevista il 6 gennaio 2024. Non solo: nelle prossime settimane sarà disponibile per la prenotazione anche il Giro del mondo 2025, che circumnavigherà il globo prevalentemente nell’emisfero australe, visitando Terra del Fuoco, Polinesia, Nuova Zelanda, Australia e Sud Africa. Per la prima volta la partenza sarà a inizio dicembre (2024) da Savona, per godersi le feste natalizie in crociera. La notte di Capodanno sarà a Rio de Janeiro, con lo spettacolo dei fuochi d'artificio dalla spiaggia di Copacabana.","post_title":"Torna il Giro del mondo firmato Costa. Partenza domani da Trieste per un itinerario di 128 giorni","post_date":"2023-01-05T09:32:34+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1672911154000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti