6 February 2023

La Cina allenta le restrizioni anti-Covid per chi arriva dall’estero

[ 0 ]

La Cina allenta le misure di prevenzione contro il Covid per i viaggiatori provenienti dall’estero: è prevista la riduzione della quarantena all’arrivo nel Paese (da dieci ad otto giorni) e viene abolito l’obbligo di identificazione e isolamento per i “contatti secondari“. 

Il paese asiatico è l’ultima grande economia al mondo, a mantenere la cosiddetta politica ‘Covid-zero’ con confini che rimangono chiusi alla maggior parte dei cittadini stranieri.

Secondo quanto riferito da Bloomberg, i viaggiatori in Cina dovranno trascorrere cinque giorni – rispetto agli attuali dieci – in un hotel o in una struttura di quarantena governativa, seguiti da tre giorni confinati a casa, così in una dichiarazione della Commissione sanitaria nazionale

La stessa durata ridotta verrà ora applicata anche ai contatti stretti delle persone infette (i cosiddetti “contatti secondari”), riducendo al minimo la pratica del tracciamento dei contatti. I contatti stretti ora non saranno più identificati. 




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438736 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => All Nippon Airways ha registrato un utile netto di circa 445 milioni di euro nei primi nove mesi dell'esercizio 2022-23: grazie alla ripresa della domanda dei passeggeri, all'alleggerimento delle restrizioni di viaggio sui voli domestici e alla riduzione delle restrizioni di ingresso in vari Paesi per i voli internazionali la compagnia ha raggiunto un fatturato di 8,9 miliardi di euro. Il gruppo ha rivisto le previsioni per l'intero anno fiscale che si concluderà a fine marzo e prevede ora un fatturato di 1.710 miliardi di yen (circa 12.1 miliardi di euro) e un utile un operativo di 95 miliardi di yen (circa 675 milioni di euro). "Con l'allentamento delle restrizioni ai viaggi nell'ultimo trimestre, siamo stati in grado di offrire il nostro servizio di alta qualità a un maggior numero di passeggeri e di collegare altre destinazioni, come dimostra la nostra performance finanziaria positiva", ha dichiarato Kimihiko Nakahori, executive vice president e group chief financial officer di Ana HD -. Il raggiungimento di questo obiettivo è una vittoria dei nostri dipendenti che hanno perseverato negli ultimi anni e hanno collaborato per posizionare il Gruppo Ana il futuro". Il numero di passeggeri internazionali è quintuplicato rispetto all'anno precedente e i ricavi sono aumentati di sei volte, grazie alla forte domanda di collegamenti tra il Nord America e l'Asia e alla domanda commerciale proveniente dal Giappone, dovuta all'allentamento delle restrizioni all'ingresso in vari Paesi. La domanda di passeggeri è cresciuta costantemente sulle rotte domestiche: da ottobre, la domanda leisure è stata stimolata dal programma governativo di sostegno ai viaggi, e sia il volume dei passeggeri che i ricavi sono stati 1,9 volte superiori rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.  sue previsioni per l’anno finanziario che si concluderà a marzo 2023, alla luce dei risultati e utile raggiunto nei primi nove mesi dell’anno finanziario in corso, e prevede un fatturato di 1.710 miliardi di yen (circa 12.1 miliardi di €) e un utile un operativo di 95 miliardi di yen (circa 675 milioni di €). [post_title] => Ana archivia con un utile netto di 445 milioni di euro i primi nove mesi dell'anno fiscale [post_date] => 2023-02-06T10:44:22+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675680262000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438532 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Hong Kong ha lanciato una nuova campagna di promozione globale - 'Hello, Hong Kong' - che prevede la distribuzione gratuita di 500.000 biglietti aerei nell'intento di attrarre un maggior numero di visitatori. Il leader della città John Lee ha dichiarato che si tratta "probabilmente del più grande benvenuto del mondo".  La maggior parte dei biglietti - per un valore di 2 miliardi di dollari di Hong Kong (210 milioni di sterline) - verrà offerta gratuitamente da tre compagnie aeree (Cathay Pacific Airways, la divisione low cost HK Express e Hong Kong Airlines International Holdings) attraverso varie attività promozionali, ha sottolineato Fred Lam, amministratore delegato dell'Autorità aeroportuale della città. L'offerta prenderà il via all'inizio di marzo e durerà sei mesi durante i quali ci saranno diversi modi per vincere i biglietti, come dalla lotteria agli acquisti due per uno. "Crediamo che l'iniziativa possa contribuire a portare a Hong Kong oltre 1,5 milioni di visitatori" ha dichiarato Lam. Le compagnie aeree distribuiranno i biglietti in fasi successive, con i mercati del Sud-est asiatico che ne beneficeranno per primi. Altri 80.000 biglietti aerei saranno regalati ai residenti di Hong Kong durante l'estate. Il governo sta cercando di rilanciare l'economia e di ricostruire l'immagine globale di Hong Kong, penalizzata dagli eventi del 2019, dall'imposizione di severe leggi sulla sicurezza nel 2020 e dai tre anni di isolamento autoimposto durante la pandemia. Il prodotto interno lordo si è ridotto del 3,5% lo scorso anno, la terza contrazione in quattro anni. Secondo l'ente del turismo, nel 2022 Hong Kong ha accolto circa 605.000 visitatori grazie alla progressiva riduzione delle restrizioni Covid, rispetto ai 91.000 del 2021. Il dato si confronta con i quasi 56 milioni del 2019, prima dell'arrivo della pandemia. [post_title] => 'Hello, Hong Kong': 500.000 biglietti aerei gratuiti per attrarre visitatori nella città [post_date] => 2023-02-02T12:49:57+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675342197000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438502 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Turchia ha totalizzato entrate turistiche per 46,28 miliardi di dollari nel 2022, registrando un aumento del 53,4% rispetto all'anno precedente, secondo i dati diffusi dall'Istituto di statistica turco. Non solo: la cifra ha superato anche il precedente picco di 34,5 miliardi di dollari di entrare del 2019, prima dell'arrivo della pandemia. I turisti stranieri sono stati quasi 44,56 milioni, con un aumento dell'80,3% rispetto all'anno precedente, come precisato dal Ministero della Cultura e del Turismo turco. In questo caso il dato degli arrivi sfiora quello del 2019, quando il totale aveva raggiunto quota 45,1 milioni. Il dato riflette in parte il fatto che, cadute le restrizioni Covid, i turisti russi, secondi solo ai tedeschi nella classifica degli arrivi stranieri, sono tornati in massa, in parte a causa delle restrizioni di volo imposte dai Paesi occidentali per l'invasione dell'Ucraina da parte di Mosca. Istanbul, la città più grande della Turchia per numero di abitanti, è stata la prima scelta per i visitatori stranieri, accogliendo più di 16 milioni di turisti nel 2022. Il ministro del Turismo, Mehmet Ersoy, ha previsto che nel 2023 ci saranno entrate turistiche per 56 miliardi di dollari.   [post_title] => Turchia: le entrate turistiche 2022 superano i livelli pre-pandemia [post_date] => 2023-02-02T10:27:27+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675333647000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438292 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli aeroporti italiani hanno centrato una ripresa importante nel 2022, con 164,6 milioni di passeggeri, pari all'85% del dato 2019 e più del doppio rispetto al 2021, anno ancora segnato della pandemia e dalle restrizioni alla circolazione. A trainare la ripresa del traffico aereo, come si evince dall'analisi di Assaeroporti, sono stati gli aeroporti medi e piccoli, molti dei quali hanno messo a segno performance eccellenti, superando i livelli del 2019. Tra questi spiccano gli scali di Milano Linate, Bari, Palermo e Napoli per la fascia tra i 5 e i 15 milioni di passeggeri; gli aeroporti di Brindisi, Alghero, Olbia e Torino per la categoria tra 1 e 5 milioni di passeggeri; gli scali di Foggia, Bolzano, Trapani, Grosseto, Cuneo, Perugia, Parma, Taranto, Lampedusa, Comiso, Pescara e Crotone per la classe con meno di 1 milione di passeggeri annui. Proprio il dettaglio dei piccoli scali, con meno di un milione di passeggeri, mostra un vero e proprio boom di traffico: +1.721% per Foggia; + 513,9% per Bolzano; + 116,7 per Trapani; +81,6% per Grosseto e +73,4% per Cuneo. A livello geografico, il 2022 ha premiato gli aeroporti del Sud Italia: oltre a Milano Linate, infatti, Palermo, Bari e Napoli sono gli unici tra i dieci aeroporti di maggiori dimensioni in Italia ad aver registrato un incremento rispetto al 2019. Bari ha segnato una crescita dell'11,9%, con 6,205 milioni di passeggeri; Palermo ha registrato un aumento dell'1,4%, a quota 7,117 milioni. Milano Linate ha avuto un'impennata del 17,5%, a quota 7,719 milioni. La top ten 2022 è dunque la seguente: Roma Fiumicino con 29.360.613, Milano Malpensa con 21.347.652, Milano Bergamo con 13.155.806, Napoli con 10.918.234, Catania con 10.099.441, Venezia con 9.319.156, Bologna con 8.496.000, Milano Linate con 7.719.977, Palermo con 7.117.822 e Bari con 6.205.461. Gli aeroporti con un traffico superiore ai 15 milioni di passeggeri sono caratterizzati da tassi di incremento meno marcati, penalizzati dal recupero più tardivo del lungo raggio: "Il divario sul 2019 - spiega la nota di Assaeroporti - è attribuibile principalmente al segmento intercontinentale che, dopo due anni di pandemia, ha ricominciato a crescere in maniera strutturale solo a partire dai mesi estivi del 2022”. Il recupero del traffico durante il 2022, rispetto ai 193 milioni di passeggeri pre-Covid, è stato progressivo: il gap si è ridotto passando dal -39% del primo trimestre al -12% del secondo, fino al record dei mesi estivi, -7%, seguito dal -9% degli ultimi tre mesi dell'anno. [post_title] => Aeroporti italiani: traffico raddoppiato nel 2022. Exploit dei piccoli scali [post_date] => 2023-01-31T09:48:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675158480000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438246 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una conferenza stampa al di fuori del normale: itinerante. Così è stata presentata la Bit 2023, a bordo di un tram nel centro di Milano; presentata e aperta da Simona Greco direttrice manifestazioni FieraMilano. A prendere la parola per primo è stato Luca Palermo amministratore delegato di FieraMilano. Ha annunciato i temi più importanti tra cui: il metaverso, il turismo naturalistico, di Made in Italy, senza spostare l'attenzione dalla grande internazionalizzazione al quale il settore va sempre più in corso. La tanto temuta quanto amata tecnologia, che si pensava potesse rubare lavoro, si è dimostrata invece estremamente utile e efficiente, spingendo verso un utilizzo intelligente di piattaforme e mezzi tecnologici. [caption id="attachment_438254" align="alignleft" width="300"] Luca Palermo[/caption] 500 top buyer «Quest'anno ci si aspetta che le affluenze tornino allo standard pre-pandemia, avremo una grande rappresentanza delle regioni italiane e 45 paesi esteri, in più si presenteranno 500 top buyer dall'estero», afferma l'ad oltre alla grande notizia che la Cina ha recentemente aperto le frontiere. Ha proseguito il discorso Franco Gattinoni presidente Fto:«le agenzie puntano a una maggiore digitalizzazione nel campo delle prenotazioni e dell'assistenza, servono però investimenti importanti , così da poter creare un'assistenza al cliente per emergenze e imprevisti in tempo reale e immediata, ovunque esso sia».  [caption id="attachment_438255" align="alignleft" width="207"] Franco Gattinoni[/caption] Ha aggiunto Gattinoni:« questo è un momento per riallacciare i rapporti e per stravolgere lo standard che la pandemia ha imposto». Il ministro Santanchè inaugurerà la Bit e sarà presente nei giorni della fiera.       [post_title] => Bit 2023: si prevedono affluenze allo standard pre-pandemia [post_date] => 2023-01-30T14:32:29+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675089149000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438235 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo un'ampia ristrutturazione durata due anni, riapre lungo la Promenade des Anglais un indirizzo storico della Cosa Azzurra, famoso per essere stato il primo hotel di lusso della città, inaugurato nel 1848. Oggi si chiama Anantara Plaza Nice Hotel ed è l'albergo di debutto del marchio del gruppo Nh - Minor Hotels in Francia. La struttura dispone di 151 camere, tra cui 38 suite, molte delle quali con terrazze e balconi con affaccio sul mare. L'hotel offre inoltre una nuova Anantara Spa, uno spazio congressi con sei sale riunioni e una ballroom, nonché un elegante ristorante e bar sulla terrazza con vista panoramica a 360 gradi sulla Baie des Anges e sulla vecchia Nizza. Importanti studi di architettura, tra cui il pluripremiato David Collins, il locale Jean-Paul Gomis e il Tbc Studio, hanno realizzato gli interni. Il progetto rispetta lo stile neoclassico della struttura originale, il primo hotel di lusso di Nizza,   [post_title] => Il brand Anantara arriva in Francia. Nuova apertura a Nizza sulla Promenade des Anglais [post_date] => 2023-01-30T13:24:13+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675085053000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438206 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' un nuovo percorso a ostacoli quello che affronta l'aeroporto di Alghero per l'assegnazione delle rotte in continuità territoriale. La recente apertura della Regione Sardegna a una procedura negoziata - in accordo con l'Enac e il ministero dei Trasporti - si scontra con il parere contrario dell'Unione europea, che chiede di rifare una nuova gara. Un no che arriva alla scadenza del termine per l'iscrizione delle compagnie sulla piattaforma telematica SardegnaCat, mentre le offerte dovranno essere presentate entro il 31 gennaio. Nuova gara "La direzione generale trasporti dell'Europa invoca una nuova gara con nuovi termini, altri importi a compensazione e con tutte le procedure connesse che, di fatto, decreterebbero la fine della continuità territoriale per mezza Sardegna - ha dichiarato l'assessore regionale ai trasporti Antonio Moro, ripreso dall'Ansa -. Tempi troppo lunghi che non consentirebbero ad Alghero di avere i voli in continuità prima della prossima estate e posizione irricevibile da parte della Regione che non si fermerà e proseguirà con la procedura". Moro ha ribadito che la procedura negoziata "è prevista dalla normativa italiana e risponde ai principi comunitari che sovrintendono agli affidamenti pubblici dei servizi, si pone quale naturale prosecuzione amministrativa, conseguente e rispondente ai principi di pubblicità, trasparenza, libera concorrenza e non discriminazione". Posizione peraltro condivisa con il ministero dei Trasporti e con Enac.     [post_title] => Alghero: Ue contraria alla procedura negoziata per le rotte in ct [post_date] => 2023-01-30T10:04:14+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675073054000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438081 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_438082" align="alignleft" width="300"] Carlos Muñoz[/caption] Notizie positive sul fronte del ricettivo. Hotelbeds e NH Hotel Group celebrano il positivo primo anno della loro alleanza. L'associazione ha trainato una crescita delle vendite nel 2022 fino al 69% rispetto a quelle pre-pandemia, con punte del +76% nell'ultimo quadrimestre. Il direttore commerciale del gruppo alberghiero, Carlos Muñoz, evidenzia che "nonostante alcuni venti contrari nel settore nel 2022, il primo anno della nostra associazione con NH è stato un clamoroso successo, con gli ultimi quattro mesi dell'anno particolarmente incoraggianti.”. Un esempio di globalizzazione Da parte sua, il direttore commerciale di NH, Fernando Vives, si è complimentato : "Hotelbeds che ha sostenuto la crescita di NH Group in tutto il mondo, ma soprattutto nelle regioni Asia-Pacifico e Medio Oriente, Africa e India, aiutandoci ad accedere a mercati e segmenti difficili da raggiungere”. L'accordo fornisce ai clienti di Hotelbeds l'accesso alle 355 proprietà di NH Hotel Group in 31 paesi in tutto il mondo come parte del loro status di partnership privilegiata. Ha inoltre fornito al gruppo alberghiero spagnolo l'accesso a 60.000 acquirenti di viaggi con sede in oltre 140 mercati di origine in tutto il mondo, inclusi canali di alto valore come agenzie di viaggio, tour operator, compagnie aeree e programmi di riscatto punti. [post_title] => Hotelbeds e NH Hotel Group: positivo il primo anno [post_date] => 2023-01-27T11:32:36+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674819156000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438056 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Rotta sulla Cina per Air France che, progressivamente, aumenta i collegamenti operativi da Parigi-Charles de Gaulle, in seguito alla decisione della Cina di rimuovere le restrizioni ai viaggi. Attualmente la compagnia aerea francese vola a Pechino (aeroporto di Pechino-Capitale), una volta alla settimana; a Shanghai (aeroporto di Shanghai Pudong), due volte a settimana, che saliranno a tre dal prossimo 3 febbraio; a Hong Kong, voli ripresi il 9 gennaio, tre volte a settimana. Dal prossimo 1° luglio, invece, ogni destinazione sarà servita da Parigi con collegamenti quotidiani.   I voli per Shanghai saranno effettuati con un Boeing 777-300er equipaggiato con le più recenti cabine di lungo raggio di Air France e dotato di 369 posti (48 in Business, 48 in Premium Economy, 273 in Economy); i collegamenti per Pechino e Hong Kong saranno effettuati con un Boeing 787-9 dotato di 279 posti (30 in Business, 21 in Premium Economy, 228 in Economy). Air France opera in Cina dal 1966, volando da e per il Paese fino a 32 volte a settimana prima della pandemia.   La compagnia invita i propri passeggeri a verificare i requisiti di ingresso e di documentazione in vigore nel luogo di destinazione. Ai voli da/per la Cina si applicano misure speciali, tra cui l'obbligo di indossare la mascherina per tutti i passeggeri dai 6 anni in su e un test Pcr negativo prima della partenza. [post_title] => Air France accelera sulla Cina: dal 1° luglio voli giornalieri su Pechino, Shanghai e Hong Kong [post_date] => 2023-01-27T09:42:57+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674812577000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "la cina allenta le restrizioni anti covid per chi arriva dallestero" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":51,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1441,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438736","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"All Nippon Airways ha registrato un utile netto di circa 445 milioni di euro nei primi nove mesi dell'esercizio 2022-23: grazie alla ripresa della domanda dei passeggeri, all'alleggerimento delle restrizioni di viaggio sui voli domestici e alla riduzione delle restrizioni di ingresso in vari Paesi per i voli internazionali la compagnia ha raggiunto un fatturato di 8,9 miliardi di euro. Il gruppo ha rivisto le previsioni per l'intero anno fiscale che si concluderà a fine marzo e prevede ora un fatturato di 1.710 miliardi di yen (circa 12.1 miliardi di euro) e un utile un operativo di 95 miliardi di yen (circa 675 milioni di euro).\r\n\r\n\"Con l'allentamento delle restrizioni ai viaggi nell'ultimo trimestre, siamo stati in grado di offrire il nostro servizio di alta qualità a un maggior numero di passeggeri e di collegare altre destinazioni, come dimostra la nostra performance finanziaria positiva\", ha dichiarato Kimihiko Nakahori, executive vice president e group chief financial officer di Ana HD -. Il raggiungimento di questo obiettivo è una vittoria dei nostri dipendenti che hanno perseverato negli ultimi anni e hanno collaborato per posizionare il Gruppo Ana il futuro\".\r\n\r\nIl numero di passeggeri internazionali è quintuplicato rispetto all'anno precedente e i ricavi sono aumentati di sei volte, grazie alla forte domanda di collegamenti tra il Nord America e l'Asia e alla domanda commerciale proveniente dal Giappone, dovuta all'allentamento delle restrizioni all'ingresso in vari Paesi.\r\n\r\nLa domanda di passeggeri è cresciuta costantemente sulle rotte domestiche: da ottobre, la domanda leisure è stata stimolata dal programma governativo di sostegno ai viaggi, e sia il volume dei passeggeri che i ricavi sono stati 1,9 volte superiori rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.\r\n\r\n sue previsioni per l’anno finanziario che si concluderà a marzo 2023, alla luce dei risultati e utile raggiunto nei primi nove mesi dell’anno finanziario in corso, e prevede un fatturato di 1.710 miliardi di yen (circa 12.1 miliardi di €) e un utile un operativo di 95 miliardi di yen (circa 675 milioni di €).","post_title":"Ana archivia con un utile netto di 445 milioni di euro i primi nove mesi dell'anno fiscale","post_date":"2023-02-06T10:44:22+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675680262000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438532","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Hong Kong ha lanciato una nuova campagna di promozione globale - 'Hello, Hong Kong' - che prevede la distribuzione gratuita di 500.000 biglietti aerei nell'intento di attrarre un maggior numero di visitatori. Il leader della città John Lee ha dichiarato che si tratta \"probabilmente del più grande benvenuto del mondo\". \r\n\r\nLa maggior parte dei biglietti - per un valore di 2 miliardi di dollari di Hong Kong (210 milioni di sterline) - verrà offerta gratuitamente da tre compagnie aeree (Cathay Pacific Airways, la divisione low cost HK Express e Hong Kong Airlines International Holdings) attraverso varie attività promozionali, ha sottolineato Fred Lam, amministratore delegato dell'Autorità aeroportuale della città. L'offerta prenderà il via all'inizio di marzo e durerà sei mesi durante i quali ci saranno diversi modi per vincere i biglietti, come dalla lotteria agli acquisti due per uno.\r\n\r\n\"Crediamo che l'iniziativa possa contribuire a portare a Hong Kong oltre 1,5 milioni di visitatori\" ha dichiarato Lam. Le compagnie aeree distribuiranno i biglietti in fasi successive, con i mercati del Sud-est asiatico che ne beneficeranno per primi. Altri 80.000 biglietti aerei saranno regalati ai residenti di Hong Kong durante l'estate.\r\n\r\nIl governo sta cercando di rilanciare l'economia e di ricostruire l'immagine globale di Hong Kong, penalizzata dagli eventi del 2019, dall'imposizione di severe leggi sulla sicurezza nel 2020 e dai tre anni di isolamento autoimposto durante la pandemia. Il prodotto interno lordo si è ridotto del 3,5% lo scorso anno, la terza contrazione in quattro anni.\r\n\r\nSecondo l'ente del turismo, nel 2022 Hong Kong ha accolto circa 605.000 visitatori grazie alla progressiva riduzione delle restrizioni Covid, rispetto ai 91.000 del 2021. Il dato si confronta con i quasi 56 milioni del 2019, prima dell'arrivo della pandemia.","post_title":"'Hello, Hong Kong': 500.000 biglietti aerei gratuiti per attrarre visitatori nella città","post_date":"2023-02-02T12:49:57+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1675342197000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438502","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Turchia ha totalizzato entrate turistiche per 46,28 miliardi di dollari nel 2022, registrando un aumento del 53,4% rispetto all'anno precedente, secondo i dati diffusi dall'Istituto di statistica turco. Non solo: la cifra ha superato anche il precedente picco di 34,5 miliardi di dollari di entrare del 2019, prima dell'arrivo della pandemia.\r\n\r\nI turisti stranieri sono stati quasi 44,56 milioni, con un aumento dell'80,3% rispetto all'anno precedente, come precisato dal Ministero della Cultura e del Turismo turco. In questo caso il dato degli arrivi sfiora quello del 2019, quando il totale aveva raggiunto quota 45,1 milioni.\r\n\r\nIl dato riflette in parte il fatto che, cadute le restrizioni Covid, i turisti russi, secondi solo ai tedeschi nella classifica degli arrivi stranieri, sono tornati in massa, in parte a causa delle restrizioni di volo imposte dai Paesi occidentali per l'invasione dell'Ucraina da parte di Mosca.\r\n\r\nIstanbul, la città più grande della Turchia per numero di abitanti, è stata la prima scelta per i visitatori stranieri, accogliendo più di 16 milioni di turisti nel 2022.\r\n\r\nIl ministro del Turismo, Mehmet Ersoy, ha previsto che nel 2023 ci saranno entrate turistiche per 56 miliardi di dollari.\r\n\r\n ","post_title":"Turchia: le entrate turistiche 2022 superano i livelli pre-pandemia","post_date":"2023-02-02T10:27:27+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1675333647000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438292","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli aeroporti italiani hanno centrato una ripresa importante nel 2022, con 164,6 milioni di passeggeri, pari all'85% del dato 2019 e più del doppio rispetto al 2021, anno ancora segnato della pandemia e dalle restrizioni alla circolazione.\r\n\r\nA trainare la ripresa del traffico aereo, come si evince dall'analisi di Assaeroporti, sono stati gli aeroporti medi e piccoli, molti dei quali hanno messo a segno performance eccellenti, superando i livelli del 2019. Tra questi spiccano gli scali di Milano Linate, Bari, Palermo e Napoli per la fascia tra i 5 e i 15 milioni di passeggeri; gli aeroporti di Brindisi, Alghero, Olbia e Torino per la categoria tra 1 e 5 milioni di passeggeri; gli scali di Foggia, Bolzano, Trapani, Grosseto, Cuneo, Perugia, Parma, Taranto, Lampedusa, Comiso, Pescara e Crotone per la classe con meno di 1 milione di passeggeri annui.\r\n\r\nProprio il dettaglio dei piccoli scali, con meno di un milione di passeggeri, mostra un vero e proprio boom di traffico: +1.721% per Foggia; + 513,9% per Bolzano; + 116,7 per Trapani; +81,6% per Grosseto e +73,4% per Cuneo.\r\n\r\nA livello geografico, il 2022 ha premiato gli aeroporti del Sud Italia: oltre a Milano Linate, infatti, Palermo, Bari e Napoli sono gli unici tra i dieci aeroporti di maggiori dimensioni in Italia ad aver registrato un incremento rispetto al 2019. Bari ha segnato una crescita dell'11,9%, con 6,205 milioni di passeggeri; Palermo ha registrato un aumento dell'1,4%, a quota 7,117 milioni. Milano Linate ha avuto un'impennata del 17,5%, a quota 7,719 milioni.\r\n\r\nLa top ten 2022 è dunque la seguente: Roma Fiumicino con 29.360.613, Milano Malpensa con 21.347.652, Milano Bergamo con 13.155.806, Napoli con 10.918.234, Catania con 10.099.441, Venezia con 9.319.156, Bologna con 8.496.000, Milano Linate con 7.719.977, Palermo con 7.117.822 e Bari con 6.205.461.\r\n\r\nGli aeroporti con un traffico superiore ai 15 milioni di passeggeri sono caratterizzati da tassi di incremento meno marcati, penalizzati dal recupero più tardivo del lungo raggio: \"Il divario sul 2019 - spiega la nota di Assaeroporti - è attribuibile principalmente al segmento intercontinentale che, dopo due anni di pandemia, ha ricominciato a crescere in maniera strutturale solo a partire dai mesi estivi del 2022”.\r\n\r\nIl recupero del traffico durante il 2022, rispetto ai 193 milioni di passeggeri pre-Covid, è stato progressivo: il gap si è ridotto passando dal -39% del primo trimestre al -12% del secondo, fino al record dei mesi estivi, -7%, seguito dal -9% degli ultimi tre mesi dell'anno.","post_title":"Aeroporti italiani: traffico raddoppiato nel 2022. Exploit dei piccoli scali","post_date":"2023-01-31T09:48:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675158480000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438246","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una conferenza stampa al di fuori del normale: itinerante. Così è stata presentata la Bit 2023, a bordo di un tram nel centro di Milano; presentata e aperta da Simona Greco direttrice manifestazioni FieraMilano.\r\n\r\nA prendere la parola per primo è stato Luca Palermo amministratore delegato di FieraMilano. Ha annunciato i temi più importanti tra cui: il metaverso, il turismo naturalistico, di Made in Italy, senza spostare l'attenzione dalla grande internazionalizzazione al quale il settore va sempre più in corso.\r\n\r\nLa tanto temuta quanto amata tecnologia, che si pensava potesse rubare lavoro, si è dimostrata invece estremamente utile e efficiente, spingendo verso un utilizzo intelligente di piattaforme e mezzi tecnologici.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_438254\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Luca Palermo[/caption]\r\n500 top buyer\r\n«Quest'anno ci si aspetta che le affluenze tornino allo standard pre-pandemia, avremo una grande rappresentanza delle regioni italiane e 45 paesi esteri, in più si presenteranno 500 top buyer dall'estero», afferma l'ad oltre alla grande notizia che la Cina ha recentemente aperto le frontiere.\r\n\r\nHa proseguito il discorso Franco Gattinoni presidente Fto:«le agenzie puntano a una maggiore digitalizzazione nel campo delle prenotazioni e dell'assistenza, servono però investimenti importanti , così da poter creare un'assistenza al cliente per emergenze e imprevisti in tempo reale e immediata, ovunque esso sia». \r\n\r\n[caption id=\"attachment_438255\" align=\"alignleft\" width=\"207\"] Franco Gattinoni[/caption]\r\n\r\nHa aggiunto Gattinoni:« questo è un momento per riallacciare i rapporti e per stravolgere lo standard che la pandemia ha imposto».\r\n\r\nIl ministro Santanchè inaugurerà la Bit e sarà presente nei giorni della fiera.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Bit 2023: si prevedono affluenze allo standard pre-pandemia","post_date":"2023-01-30T14:32:29+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1675089149000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438235","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo un'ampia ristrutturazione durata due anni, riapre lungo la Promenade des Anglais un indirizzo storico della Cosa Azzurra, famoso per essere stato il primo hotel di lusso della città, inaugurato nel 1848. Oggi si chiama Anantara Plaza Nice Hotel ed è l'albergo di debutto del marchio del gruppo Nh - Minor Hotels in Francia. La struttura dispone di 151 camere, tra cui 38 suite, molte delle quali con terrazze e balconi con affaccio sul mare.\r\n\r\nL'hotel offre inoltre una nuova Anantara Spa, uno spazio congressi con sei sale riunioni e una ballroom, nonché un elegante ristorante e bar sulla terrazza con vista panoramica a 360 gradi sulla Baie des Anges e sulla vecchia Nizza. Importanti studi di architettura, tra cui il pluripremiato David Collins, il locale Jean-Paul Gomis e il Tbc Studio, hanno realizzato gli interni. Il progetto rispetta lo stile neoclassico della struttura originale, il primo hotel di lusso di Nizza,\r\n\r\n ","post_title":"Il brand Anantara arriva in Francia. Nuova apertura a Nizza sulla Promenade des Anglais","post_date":"2023-01-30T13:24:13+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1675085053000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438206","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' un nuovo percorso a ostacoli quello che affronta l'aeroporto di Alghero per l'assegnazione delle rotte in continuità territoriale. La recente apertura della Regione Sardegna a una procedura negoziata - in accordo con l'Enac e il ministero dei Trasporti - si scontra con il parere contrario dell'Unione europea, che chiede di rifare una nuova gara. Un no che arriva alla scadenza del termine per l'iscrizione delle compagnie sulla piattaforma telematica SardegnaCat, mentre le offerte dovranno essere presentate entro il 31 gennaio.\r\nNuova gara\r\n\"La direzione generale trasporti dell'Europa invoca una nuova gara con nuovi termini, altri importi a compensazione e con tutte le procedure connesse che, di fatto, decreterebbero la fine della continuità territoriale per mezza Sardegna - ha dichiarato l'assessore regionale ai trasporti Antonio Moro, ripreso dall'Ansa -. Tempi troppo lunghi che non consentirebbero ad Alghero di avere i voli in continuità prima della prossima estate e posizione irricevibile da parte della Regione che non si fermerà e proseguirà con la procedura\".\r\n\r\nMoro ha ribadito che la procedura negoziata \"è prevista dalla normativa italiana e risponde ai principi comunitari che sovrintendono agli affidamenti pubblici dei servizi, si pone quale naturale prosecuzione amministrativa, conseguente e rispondente ai principi di pubblicità, trasparenza, libera concorrenza e non discriminazione\". Posizione peraltro condivisa con il ministero dei Trasporti e con Enac.\r\n\r\n \r\n ","post_title":"Alghero: Ue contraria alla procedura negoziata per le rotte in ct","post_date":"2023-01-30T10:04:14+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1675073054000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438081","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_438082\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Carlos Muñoz[/caption]\r\n\r\nNotizie positive sul fronte del ricettivo. Hotelbeds e NH Hotel Group celebrano il positivo primo anno della loro alleanza. L'associazione ha trainato una crescita delle vendite nel 2022 fino al 69% rispetto a quelle pre-pandemia, con punte del +76% nell'ultimo quadrimestre.\r\n\r\nIl direttore commerciale del gruppo alberghiero, Carlos Muñoz, evidenzia che \"nonostante alcuni venti contrari nel settore nel 2022, il primo anno della nostra associazione con NH è stato un clamoroso successo, con gli ultimi quattro mesi dell'anno particolarmente incoraggianti.”.\r\nUn esempio di globalizzazione\r\nDa parte sua, il direttore commerciale di NH, Fernando Vives, si è complimentato : \"Hotelbeds che ha sostenuto la crescita di NH Group in tutto il mondo, ma soprattutto nelle regioni Asia-Pacifico e Medio Oriente, Africa e India, aiutandoci ad accedere a mercati e segmenti difficili da raggiungere”.\r\n\r\nL'accordo fornisce ai clienti di Hotelbeds l'accesso alle 355 proprietà di NH Hotel Group in 31 paesi in tutto il mondo come parte del loro status di partnership privilegiata.\r\n\r\nHa inoltre fornito al gruppo alberghiero spagnolo l'accesso a 60.000 acquirenti di viaggi con sede in oltre 140 mercati di origine in tutto il mondo, inclusi canali di alto valore come agenzie di viaggio, tour operator, compagnie aeree e programmi di riscatto punti.","post_title":"Hotelbeds e NH Hotel Group: positivo il primo anno","post_date":"2023-01-27T11:32:36+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674819156000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438056","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Rotta sulla Cina per Air France che, progressivamente, aumenta i collegamenti operativi da Parigi-Charles de Gaulle, in seguito alla decisione della Cina di rimuovere le restrizioni ai viaggi. Attualmente la compagnia aerea francese vola a Pechino (aeroporto di Pechino-Capitale), una volta alla settimana; a Shanghai (aeroporto di Shanghai Pudong), due volte a settimana, che saliranno a tre dal prossimo 3 febbraio; a Hong Kong, voli ripresi il 9 gennaio, tre volte a settimana.\r\nDal prossimo 1° luglio, invece, ogni destinazione sarà servita da Parigi con collegamenti quotidiani.\r\n \r\nI voli per Shanghai saranno effettuati con un Boeing 777-300er equipaggiato con le più recenti cabine di lungo raggio di Air France e dotato di 369 posti (48 in Business, 48 in Premium Economy, 273 in Economy); i collegamenti per Pechino e Hong Kong saranno effettuati con un Boeing 787-9 dotato di 279 posti (30 in Business, 21 in Premium Economy, 228 in Economy).\r\nAir France opera in Cina dal 1966, volando da e per il Paese fino a 32 volte a settimana prima della pandemia.\r\n \r\nLa compagnia invita i propri passeggeri a verificare i requisiti di ingresso e di documentazione in vigore nel luogo di destinazione. Ai voli da/per la Cina si applicano misure speciali, tra cui l'obbligo di indossare la mascherina per tutti i passeggeri dai 6 anni in su e un test Pcr negativo prima della partenza.","post_title":"Air France accelera sulla Cina: dal 1° luglio voli giornalieri su Pechino, Shanghai e Hong Kong","post_date":"2023-01-27T09:42:57+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674812577000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti