22 April 2024

Tredicesima: a chi arriva e a chi forse no in tempo di cassa integrazione

[ 0 ]

Molti lavoratori del turismo sono stati o sono ancora in cassa integrazione. Allora alle soglie del Natale la domanda è: hanno diritto questi lavoratori alla tredicesima e come si matura.

La risposta semplice è: sì, hanno diritto ma con alcuni distinguo. Vediamo le specifiche. 

Per i periodi in cui ricorre un trattamento di integrazione salariale, il diritto alla maturazione della tredicesima mensilità varia a seconda delle ipotesi, riduzione oraria o cassa integrazione (Cig) a “zero ore”, ossia con sospensione totale dell’attività lavorativa.

La prima cosa da sapere è che l’integrazione salariale corrisposta dall’Inps è sempre comprensiva dei ratei di tredicesima (e di eventuale quattordicesima): nei mesi in cui l’attività lavorativa è stata completamente sospesa (“cassa integrazione a zero ore”), dunque, non matura la parte di tredicesima a carico del datore di lavoro in quanto la stessa è già stata pagata teoricamente dall’Inps.

Ciò significa che la tredicesima a carico del datore di lavoro – corrisposta ai lavoratori “in cassa integrazione a zero ore” a ridosso delle festività natalizie – si calcola scalando dall’importo totale i periodi di inattività e di conseguente ricorso alla cassa integrazione. In questo caso la tredicesima sarà molto ridotta o nulla.

Nei periodi di Cig a orario ridotto maturano due quote di mensilità aggiuntive: la prima corrisponde alle ore effettivamente svolte e a quelle di assenza tutelata (malattia, infortunio, ecc.); la seconda, riferita alle ore non lavorate per effetto della riduzione d’orario, beneficia della parziale integrazione salariale. In quest’altro caso la tredicesima sarà ridotta in proporzione all’orario.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465458 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Comincia oggi ad Amalfi e proseguirà fino a domenica 14 aprile l'edizione 2024 dell'evento che ogni anno Aci blueteam dedica ai propri top client. La scelta della location campana conferisce all’evento un’aura di eleganza senza tempo. Gli ospiti hanno raggiunto la destinazione grazie al supporto logistico del partner Ita Airways e di Balsamo per i servizi di mobility management a destinazione. Il soggiorno è all’Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel, struttura realizzata all’interno di un complesso del tredicesimo secolo, costruito a picco sulla scogliera. Il programma prevede per la prima sera una cena in terrazza con vista sul Duomo della città, per poi proseguire, il giorno dopo, con un tour lungo il litorale a bordo di storiche auto cabrio, accompagnati da guide locali, con sosta per il pranzo presso l'hotel San Pietro di Positano. Il percorso includerà fermate nei punti più panoramici della zona. La giornata culminerà con una cena di gala presso l’Anantara. Infine, l'ultimo giorno partendo da Ravello si sorvolerà la costiera amalfitana in elicottero, permettendo di godere di una vista davvero emozionante. “I momenti di incontro con i nostri clienti si sono rivelati, nel tempo, importanti occasioni di formazione, fondamentali per rinnovare e rafforzare le nostre partnership – commenta Alfredo Pezzani, cbo Aci blueteam –. La condivisione di risultati, in una delle location italiane più affascinanti, siamo certi non potrà che stimolare nuove visioni future sulle attività in sinergia e nuovi servizi da proporre, promettendo allo stesso tempo emozioni e prestigio senza eguali” [post_title] => Parte oggi ad Amalfi l'evento Aci blueteam riservato ai top client [post_date] => 2024-04-12T14:44:56+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712933096000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464642 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Mangia’s Pollina Resort sorge su un promontorio da cui si osserva Cefalù, la roccia “a forma di testa” immersa nel mare, da “Cefalòs” che in greco significa proprio testa. La città fu centro di commercio fin dal passato più remoto perché l'istmo raccoglieva al suo interno preziosa acqua dolce che poteva essere barattata con i naviganti venuti da lontano, acquisendo merci utili e rare. Sono le prime informazioni che si raccolgono in uno dei numerosi tour organizzati dallo staff della struttura che ha recentemente ospitato l’edizione 2024 della Mangia’s Academy, il Pollina Resort, per accompagnare gli ospiti alla scoperta del ricco territorio siciliano. I percorsi conducono anche all’Etna, all’antica Taormina, alle verdi Madonie, a Palermo, alla Valle dei templi di Agrigento, alla Sicilia sconosciuta dell'entroterra e delle tradizioni e alle isole Eolie, oltre a proporre momenti sportivi di ogni tipo: dal Discovery 4x4 al parapendio. Mario, un vero divulgatore, è la guida perfetta per accompagnare gli ospiti all’incontro con Cefalù, dove Ruggero fece voto di costruire una chiesa dopo essersi salvato da una tempesta. La cattedrale, i cui campanili erano un tempo delle torri difensive, è simbolo di tolleranza: Ruggero governava una terra dove convivevano arabi, bizantini e latini, quindi volle concedere a ciascuno spazio per il proprio credo. In accordo con papa Urbano II l’abside venne costruita rivolta alla Mecca, secondo la quibla araba; i bizantini ottennero la costruzione di una chiesa a pianta centrale, raggruppata attorno al quadrato per la preghiera che divenne il transetto; infine, per avere le tre navate della basilica latina, nacque l’innesto tra la chiesa latina, quella bizantina e il mirhab arabo. Il simbolismo interno alla cattedrale è davvero forte. Ma Cefalù è anche la porta delle Madonie: l’ingresso a un territorio protetto che ha tanto da raccontare. La destinazione ha un microclima ricco di biodiversità che porta a quattro fioriture annuali, come quella delle profumate zagare degli aranci. Qui si trova anche il noto albero della manna: una qualità di frassino la cui linfa, dopo aver nutrito le foglie, scende lungo il fusto e i rami formando dei dolci cannoli che già gli arabi utilizzavano anche a scopo curativo e oggi sono un ingrediente della pasticceria siciliana. Nell’anno Mille erano tanti gli arabi che abitavano infatti la Sicilia, formandone tradizioni culturali e gastronomiche, ma nel tredicesimo secolo l'imperatore Federico II portò a Corleone migliaia di Lombardi (italiano del Nord, ndr). Tra le antiche storie locali c’è quella secondo la quale i lombardi, ispirati alle tradizioni arabe, iniziarono a cucinare delle speciali brioches con la buccia d’arancia e la cannella, che sarebbero poi diventate il panettone lombardo. 0. Una delle produzioni più rinomate di panettoni e colombe è così quella di Fiasconaro, la cui arte dolciaria si è unita da tempo alla creatività di Dolce&Gabbana per realizzare prodotti unici. Fiasconaro si trova a Castelbuono, nel cuore delle Madonie: un luogo un tempo incantato e coperto di foreste ricche di vita. Sin dall’antichità gli abitanti scendevano sulla costa per pescare e, la sera, risalivano sulle alture per non ammalarsi nelle pericolose piane malariche. Per questo venne costruito un borgo intorno al castello dei Ventimiglia, detto Castello del buon aere, che è oggi Castelbuono. Al suo interno si trova la suggestiva cappella Palatina dove, vicino agli stucchi su fondo in oro zecchino di Giuseppe e Giacomo Serpotta, viene conservata una preziosa reliquia di S. Anna, patrona della città. Si dice che le Madonie siano state spogliate di parte delle foreste a opera degli spagnoli, per realizzare le caravelle di Cristoforo Colombo. L’abbattimento degli alberi ha però portato nel tempo alla scoperta delle sottostanti argille, oggi imprescindibili nella produzione delle colorate ceramiche siciliane. Come quelle realizzate da Lillo Brogato, nel suo affascinante negozio A Lumera. Le Madonie hanno ottenuto il riconoscimento dell’Unesco di Geopark europeo perché sono un polmone verde. La Sicilia è davvero un mondo da scoprire, senza dimenticare il miele saporito delle resistenti api nere e l’olio prodotto da olivi secolari come quelli della tenuta Bergi, dove imparare come riconoscere e conservare l’olio più buono. [gallery ids="464653,464645,464646,464647,464651,464648"] [post_title] => Partire dal Mangia’s Pollina Resort per scoprire la Sicilia [post_date] => 2024-04-08T11:53:53+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712577233000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464681 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Importante novità per l'Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel che entra nel network Virtuoso. Un'occasione per creare nuove opportunità di vendita e di marketing, spiega la general manager della struttura campana, Estelle Vassallo: "Il processo di valutazione di Virtuoso è incredibilmente selettivo. Diventarne partner è quindi  un vero onore. La reputazione per l'eccezionale dedizione ai clienti di cui godono le agenzie associate al network si sposa perfettamente con il nostro approccio al servizio su misura". Il network Virtuoso comprende oltre 2.300 strutture selezionate in 100 Paesi. Le agenzie del network registrano un fatturato medio di 28-32 miliardi di dollari americani all'anno in tutto il mondo. Antico monastero del tredicesimo secolo, l'Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel fonde il fascino storico con l'eleganza moderna. Con vista sul mar Tirreno e sulla sua costa frastagliata, offre una serie di esperienze culinarie e i trattamenti dell'Anantara Spa. [post_title] => L'Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel entra nel network Virtuoso [post_date] => 2024-04-02T11:02:55+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712055775000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463416 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_463420" align="alignleft" width="300"] Il Tapestry di Perugia[/caption] Cresce la presenza della collezione Tapestry in Italia. Il soft brand del segmento upscale di casa Hilton conterà infatti presto tre nuovi hotel a Roma, Napoli e Perugia, che si aggiungeranno alle 36 proprietà del gruppo Usa già presenti nella penisola, tra cui l’Ambasciatori Hotel Venice Mestre, Tapestry Collection, di recente apertura. “I nostri piani di sviluppo nel paese sono molto ambiziosi e siamo entusiasti di vedere un forte interesse da parte dei proprietari e una domanda solida da parte degli ospiti", sottolinea il senior vice president of development Emea Hilton, Patrick Fitzgibbon. Situato nel cuore di Roma, a pochi metri dai musei Vaticani, lo Spring House Hotel Rome Vatican, Tapestry Collection by Hilton, sarà il secondo hotel di questo brand nella capitale dopo l’apertura del Cosmopolita Hotel Rome nel 2022. La struttura disporrà di un ristorante e bar, un’area benessere, una terrazza all’aperto e 73 camere. I lavori dell’hotel, che dovrebbero essere completati all’inizio del 2025, fanno seguito a un accordo di franchising con Spring House, di proprietà di Stefano Gabbani e della sua famiglia, che gestisce la struttura dal 1969. Napoli accoglierà il suo primo hotel Tapestry grazie a un accordo di franchising con Ownco, che ha già visto l’apertura del Britannique Naples, Curio Collection by Hilton nel 2020. Palazzo Caracciolo Naples, Tapestry Collection, un antico palazzo del tredicesimo secolo, fu la prima dimora di Gioacchino Murat quando arrivò a Napoli prima di diventarne il re. Con il suo stile e il design rinascimentale ancora oggi visibile, l’hotel continuerà ad accogliere gli ospiti durante i lavori di ristrutturazione e sarà completamente ribattezzato Tapestry in primavera. La proprietà conta 145 camere, un ristorante, un bar, una palestra e un’area benessere, e si trova a pochi passi dalla costa. Situato nel cuore di Perugia, la Rosetta Hotel Tapestry Collection sarà il primo hotel Hilton ad aprire in questa zona. Con parti della struttura originariamente costruite nel quindicesimo secolo, la struttura, che dispone di 74 camere, vanta soffitti dipinti a mano, mobili in legno e opere d’arte sulle pareti. Il completamento dell’hotel è previsto per la seconda metà del 2025 e segue un accordo di franchising con una società di proprietà dei membri della famiglia di Simone Fittuccia e Rodolfa Mencarelli. [post_title] => Hilton spinge il brand Tapestry: tre new entry in Italia a Roma, Napoli e Perugia [post_date] => 2024-03-14T10:11:53+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710411113000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460674 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’ente del turismo del Kerala è tornato a Milano per il consueto incontro con le agenzie di viaggio. Un aggiornamento sull'offerta turistica in collaborazione con i principali partner dell'industria turistica locale in un worshop alla presenza della console in Italia T. Ajungla Jamir. Nel mentre, si strizza l’occhio al mercato italiano, che se pur posizionato al tredicesimo posto per arrivi internazionali, attrae per il suo potenziale di crescita. Nel 2023 gli italiani in Kerala sono stati 11 mila contro i 28 mila del 2019, ma in rapida ripresa grazie anche a una buona connessione di voli dall’Italia garantiti da Qatar Airways e Etihad Airways, partner della serata. Il New York Times ha definito il Kerala una delle destinazioni al mondo più visitata nel 2023. “Un mercato turistico destinato a crescere dopo la battuta di arresto dovuta alla pandemia. Il 2023 ha registrato 6 milioni di viaggiatori internazionali. L’obiettivo al momento è superare i 10 milioni. Il nostro prodotto turistico è ben conosciuto e apprezzato in Europa grazie a prodotti di valore: mare, entroterra, natura, cultura millenaria, cucina per un turismo balneare, sportivo, esperienziale e culturale unici, come unici sono l’ayurveda, le spezie, il tea. Il tutto facilitato da connessioni su 4 aeroporti principali, infrastrutture e ricettivo di ottimo livello che soddisfano tutte le esigenze, fino al luxury.”, ha spiegato Mr. P.B Nooh, direttore del Kerala Tourism. Perché viaggiare nel Kerala? Per una serie di unicità. “perché è un Paese unico, (God’s own country il claim della promozione turistica, il Paese di Dio) come unica è l’ayurveda, le spezie di alta qualità, le foreste tropicali, le Backwaters e le spiagge tropicali”. Vacanze all’insegna del benessere, molto richiesta in Europa grazie all’ayurveda con i suoi resort e centri medici specializzati. Una tradizione millenaria unica per il clima, il territorio e la biodiversità come unici sono gli effetti benefici della medicina olistica, l’ampia offerta di centri di benessere ayurveda, ottime infrastrutture e centri di rigorosa formazione scientifica. Le spezie sono parte integrante della storia. La cucina offre una varietà di piatti vegetariani, di pesce o carne in grado di soddisfare le preferenze di tutti i viaggiatori. Un Paese tropicale con 580 chilometri di costa per una vacanza balneare rilassante su spiagge come Kovalam e Varkala, contornate da palme di cocco e resort e la possibilità di praticare attività e sport acquatici. Un mondo affascinante, tutto da scoprire è quello delle Backwaters, la rete di canali, laghi, estuari e delta che si estendono per tutto il Kerala e che sfociano nel mar Arabico; flora e fauna unici da unire all’esperienza delle case galleggianti, le Kettuvallam. Per una vacanza full immersion nella natura una soluzione interessante è quella del caravan: Caravan Parks verranno sviluppati come parchi privati e resort ibridi. Tra le alture del Kerala ci sono numerosi patrimoni Unesco, spezie pregiate, piantagioni di tea, foreste spettacolari e 15 santuari di fauna selvatica, 2 riserve di tigri e 5 parchi nazionali. L’Eliturismo è tra i nuovi pacchetti escursionistici offerti per vivere un’esperienza in elicottero da un punto di vista diverso sulle bellezze della destinazione. [gallery columns="2" size="medium" ids="460684,460683"]    [post_title] => Il Kerala scommette sul potenziale ancora inespresso del mercato Italia [post_date] => 2024-02-06T11:13:07+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => ayurveda [1] => eliturismo [2] => ente-del-turismo [3] => kerala ) [post_tag_name] => Array ( [0] => ayurveda [1] => eliturismo [2] => Ente del Turismo [3] => Kerala ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707217987000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460691 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tredicesimo compleanno per Easyweeks, uno dei primi tour operator completamente online del panorama turistico italiano. «Il nostro percorso vede il consolidamento delle attività in essere, che vertono principalmente sulla nostra specializzazione Nord Europa - spiega la managing director, Gianna Forlastro –. Il prodotto che proponiamo è basato su un viaggio esperienziale, non solo di località ma di attività diversificate, che spaziano fra le outdoor fino all’incontro diretto con le culture locali attraverso la conoscenza di vere persone del Nord. Forse non è una proposta per tutti, ma ci piace diversificare, andando oltre al solito, avvolgente, incantevole, eccitante Rovaniemi, che purtroppo è però diventato ormai massivo, concentrandoci sulla rotta artica». Sono cinque in particolare gli itinerari Easyweek per le Rotte artiche: Narvik – Tromsø (Norvegia); Narvik la porta di accesso alle Lofoten e Tromso la Capitale Artica. Tromsø – Lyngen (Norvegia); la capitale artica e la spettacolare penisola di Lyngen e le sue Alpi Nordiche. Tromsø – Lyngen - Alta (Norvegia); un viaggio tra la capitale artica e Alta, la città delle aurore boreali. Tromsø – Rovaniemi (Norvegia e Finlandia); dalla capitale artica a Babbo Natale. Levi – Svolvær (Finlandia – Svezia – Norvegia); dall’Alta Lapponia finlandese fino alle Lofoten passando per la Lapponia Svedese con Kiruna, la città che si muove e la famosa Abisko con il suo parco nazionale e l’Aurora Sky Station. Gli itinerari si percorrono su bus di linea granturismo lusso. Le proposte di ogni singola Rotta artica possono essere combinate tra loro, fino ad arrivare a effettuare il giro completo dei tre paesi artici: Norvegia Artica, nonché Lapponia Finlandese e Svedese. La programmazione Nord Europa prosegue poi con la Norvegia, che presenta tante attività per soddisfare ogni gusto e aspettativa. Ma Easyweeks non si ferma qui. Ci sono infatti anche i Cammini, a partire da Santiago de Compostela, Cammino dei Fari e Rota Vicentina che, visto il grande riscontro degli scorsi anni, saranno riproposti con tante nuove idee a partire dal 1° aprile 2024. «Torniamo inoltre con il Centro Sud America, in primis Messico, Colombia, Brasile, sempre con lo stesso claim Vivi l'essenza del mondo Easyweeks - conclude Gianna Forlastro -. E ancora Seychelles e Mauritius, isole sulle quali l'offerta non è basata su villaggi o singole sistemazioni, ma offre tour a partire da otto giorni, spostandosi in diverse isole e/o località selezionate, con l'opportunità di cogliere l'essenza attraverso escursioni guidate». [post_title] => Easyweeks festeggia i 13 anni di attività con tante nuove proposte [post_date] => 2024-02-02T12:10:55+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706875855000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459802 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dal guanto bianco della formalità al guanto rosso della passione. E' il paradigma dell'evoluzione dell'ospitalità di lusso negli ultimi 20-30 anni. A raccontarlo, sul palco bolognese della tredicesima edizione di Travel Hashtag, è stato un professionista con una lunga carriera nell'hotellerie alto di gamma come Palmiro Noschese, oggi strategic advisor per il comparto. Ma il concetto è stato sostanzialmente condiviso da tutti i numerosi partecipanti all'evento itinerante ideato da Nicola Romanelli e ospitato questa volta dal resort dei colli bolognesi, Palazzo di Varignana. Il lusso, certo è ancora pur sempre eccellenza ripetuta con costanza e coerenza nel tempo, ha ricordato il direttore generale della Scuola Italiana di Ospitalità, Giulio Contini, "ma oggi non è più solo o tanto un hardware fatto di stucchi e marmi preziosi. Il nuovo lusso è piuttosto un'esperienza unica, personalizzata e sostenibile". D'altronde il cluster del top di gamma è cambiato. E profondamente, ha osservato il vice president salese Europa e Nord America del gruppo Accor, Martin Sapori: "Oggi il segmento dei viaggiatori alto - spendenti non è più composto esclusivamente da un pubblico senior. Anzi, gli ospiti di età compresa tra i 25 e i 44 anni rappresentano ormai il 64% della domanda complessiva. Occorre quindi adeguare le strategie di distribuzione a un target che è nato nell'era digitale e dei social. Bisogna personalizzare e segmentare i messaggi per ogni tipologia di clientela". E' la domanda del lusso in generale che si sta peraltro sempre più spostando dal possesso di oggetti preziosi agli asset più intangibili. Lo dimostra anche l'ultima ricerca realizzata dalla fondazione Altagamma, in collaborazione con la società di consulenza Bain: "Il giro d'affari totale del mercato alto-spendente globale oggi ammonta a circa 1.500 miliardi di euro - ha sottolineato il country manager Italia di Emirates, Flavio Ghiringhelli -. Una cifra enorme che vede ancora ai primi posti per voci di spesa le auto, seguite da orologi, gioielli e altri articoli costosi. Sul terzo gradino del podio si è però ormai consolidata l'ospitalità, che pesa per circa il 15% del totale. Una quota che per di più sta ulteriormente crescendo, con volumi stimati in aumento del 6% annuo da qui al 2o30". Eppure, nonostante prospettive tanto rosee, "la formazione nel turismo oggi incontra molte difficoltà - ha rivelato la docente dell'università Europea di Roma, Carmen Bizzarri -. Non che il settore abbia mai goduto di un grandissimo prestigio, ma la pandemia ha persino peggiorato la percezione che molte famiglie hanno dell'industria dei viaggi, aumentandone il senso di incertezza. Di conseguenza, negli ultimi anni, gli istituti formativi italiani dedicati al turismo stanno registrando un drastico calo di iscritti. E la stessa precarietà di molti posti di lavoro entry level, da sempre tallone d'Achille del settore, certo non aiuta".   [post_title] => A Travel Hashtag l'evoluzione dell'ospitalità lusso: dalla forma alla passione [post_date] => 2024-01-19T15:06:15+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705676775000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459405 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Conto alla rovescia verso la tredicesima edizione dell’evento internazionale itinerante Travel Hashtag in programma a Palazzo di Varignana il 17 e 18 gennaio. Quattro i momenti chiave in agenda: si partirà il 17 gennaio alle ore 11 con la conferenza di apertura dal titolo Turismo alto di gamma in Italia: prospettive, tendenze e opportunità, durante la quale prenderanno la parola Davide Cassani (presidente di Apt Servizi), Vittorio Morelli (general manager di Palazzo di Varignana), Alessandra Priante (direttore Europa di Unwto), Massimo Caputi (presidente di FederTerme), Flavio Ghiringhelli (country manager per l’Italia di Emirates), Marco De Angelis (direttore vendite di Italo Ntv), Palmiro Noschese (luxury hospitality strategic advisor), Gloria Armiri (group brand manager tourism & hospitality division di Italian Exhibition Group), Carmen Bizzarri (professore dell’università Europea di Roma), Giulio Contini (direttore generale della Scuola italiana di ospitalità), François Droulers (co-founder & ceo di Eidos Hotel Capital Partners), Massimiliano Zanardi (coo di Marzocco Group), Martin Sapori (vicepresidente sales Eu & Nord Africa di Accor), Andrea Babbi (Vicepresidente di Fiavet) e Daniele Rutigliano (tourism manager di McArthurGlen Group). Alle 15, dopo il saluto del sindaco di Castel S. Pietro Terme, Fausto Tinti, sarà la volta del primo dei talk in agenda, I nuovi codici dell’ospitalità, che vedrà protagonisti, oltre al già menzionato Palmiro Noschese, Alessandro Callari (manager Italia/Malta/Israele di Booking), Sara Magro (fondatore e direttore di The Travel News e The Italy Insider), Cinzia Nanni (villas expert & advisor di Oliver’s Travels, London), Patrizia Bortolin (spa concept creator) e Diego Renda (head of training di Lqa). Il giorno successivo, alle 11, si ripartirà dal talk Visione, progettualità, sviluppo e comunità: da luogo a destinazione, animato da Carlo Gherardi (founder di Palazzo di Varignana), Nazareno Ventola (amministratore delegato dell’aeroporto di Bologna), Carmen Bizzarri, Emma Taveri (founder di Destination Makers), Simona Tedesco (direttore di Dove e direttore editoriale progetti multimediali Rcs MediaGroup) e Giovanni Arata (head of data & communication di Bologna Welcome). A chiudere la prima edizione 2024 di Travel Hashtag, alle 15, il side talk Internazionalizzazione, asset per la valorizzazione delle eccellenze italiane all’estero, incentrato sulle opportunità per le imprese del territorio di familiarizzare con professionisti esperti nell’accompagnare business italiani, piccoli e grandi, alla scoperta di nuovi mercati in Medio Oriente e nel Sud-Est Asiatico. Tra gli speaker Evelina Farinacci e Angelo De Luca di Kelmer Group, Alessandro Bartolucci e Francesco Brusco di BeSafe Group, Nino Tomasino di Osm International Group, nonché Andrea Moretti di Skema. Ospiti d’eccezione Vincenzo Colla (assessore allo Sviluppo economico e green economy, lavoro, formazione e relazioni internazionali della regione Emilia-Romagna) e ancora Flavio Ghiringhelli. “Siamo particolarmente felici di portare il nostro format per la prima volta in Emilia-Romagna – spiega Nicola Romanelli, fondatore e presidente di Travel Hashtag – Palazzo di Varignana per due giorni si trasformerà in un laboratorio di idee, best practice e visioni, che coinvolgerà profili noti dell’industria del turismo e un’audience selezionata proveniente anche dall'estero“. [post_title] => Romanelli: Travel Hashtag trasformerà Palazzo di Varignana in un laboratorio di idee [post_date] => 2024-01-15T12:38:32+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705322312000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458456 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A meno di un mese dall'appuntamento con la tredicesima edizione dell’evento internazionale itinerante Travel Hashtag, ecco l’agenda della due giorni in programma a Palazzo di Varignana (Castel San Pietro Terme, Bologna) il 17 e 18 gennaio. A dare il via al meeting, che torna in Italia dopo dieci mesi (Cremona, marzo 2023), una conferenza di apertura che coinvolgerà una serie relatori che si alterneranno uno alla volta sul palco per fornire la propria visione rispetto al tema Turismo alto di gamma in Italia: prospettive, tendenze e opportunità. Interverrano, tra gli altri, Davide Cassani (presidente di Apt Servizi), Vittorio Morelli (general manager di Palazzo di Varignana), Giorgio Palmucci (vicepresidente di Confindustria Alberghi), Massimo Caputi (presidente di FederTerme), Flavio Ghiringhelli (country manager per l’Italia di Emirates), Marco De Angelis (direttore vendite di Italo Ntv), Palmiro Noschese (strategic advisor for the luxury hospitality industry, chairman Confassociazioni for tourism, hospitality, food & beverage), Carmen Bizzarri (professore dell’università Europea di Roma), Giulio Contini (direttore generale della Scuola italiana di ospitalità), Gloria Armiri (group brand manager tourism & hospitality division di Italian Exhibition Group),  François Droulers (co-founder & ceo di Eidos Hotel Capital Partners), Massimiliano Zanardi (coo di Marzocco Group con un background di rilievo nel gruppo Kerzner International). In collegamento video ci sarà anche Alessandra Priante (direttore Europa della Unwto). Nel pomeriggio del 17 gennaio, dopo i saluti del sindaco di Castel San Pietro Terme, Fausto Tinti, andrà quindi in scena il primo dei tre talk in agenda, I nuovi codici dell’Ospitalità, che vedrà protagonisti, oltre ai precedentemente menzionati Palmiro Noschese e Vittorio Morelli, Imelda Shllaku (general manager dell’hotel La Palma di Capri), Alessandro Callari (regional manager Italia/Malta/Israele di Booking.com), Sara Magro (fondatrice e direttore di The Travel News e The Italy Insider), Cinzia Nanni (villas expert & advisor di Oliver’s Travels, London). In collegamento video da Abu Dhabi, Patrizia Bortolin (spa concept creator pluripremiata in tutto il mondo). La mattina del 18 gennaio si aprirà poi con un talk dal titolo Visione, progettualità, sviluppo e comunità: da luogo a destinazione, che vedrà interagire, tra gli altri, Carlo Gherardi (founder di Palazzo di Varignana), Nazareno Ventola (amministratore delegato dell’aeroporto di Bologna), ancora Carmen Bizzarri, Emma Taveri (founder di Destination Makers), Simona Tedesco (direttore di Dove Magazine e direttore editoriale progetti multimediali Rcs MediaGroup). A chiudere la prima edizione 2024 di Travel Hashtag il side talk Internazionalizzazione, asset per la valorizzazione delle eccellenze italiane all’estero, rivolto alle imprese del territorio interessate a scoprire tutte le opportunità di sviluppo del business nei mercati di Medio Oriente e Sud-Est Asiatico. Tra gli speaker, Evelina Farinacci di Kelmer Group, Angelo De Luca di Kelmer Saudi Arabia, Alessandro Bartolucci e Francesco Brusco di BeSafe Group, Nino Tomasino di Osm International Group e Andrea Moretti di Skema. Ospiti d’eccezione Vincenzo Colla (assessore allo Sviluppo economico e green economy, lavoro, formazione e relazioni internazionali della regione Emilia-Romagna) e nuovamente Flavio Ghiringhelli. “Sarà interessante ascoltare il punto di vista autorevole di alcuni tra gli attori che animano con visione ed entusiasmo il settore del turismo operando in contesti e ambiti differenti – spiega Nicola Romanelli, fondatore e presidente di Travel Hashtag –. A Palazzo di Varignana parleremo delle aspettative dei viaggiatori alto spendenti di domani, ma anche di hospitality, formazione, risorse umane, destination branding, progettualità e comunicazione“. [post_title] => Tutti gli speech e i talk show del prossimo Travel Hashtag di Bologna [post_date] => 2023-12-20T11:59:16+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1703073556000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "tredicesima" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":9,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":29,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465458","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Comincia oggi ad Amalfi e proseguirà fino a domenica 14 aprile l'edizione 2024 dell'evento che ogni anno Aci blueteam dedica ai propri top client. La scelta della location campana conferisce all’evento un’aura di eleganza senza tempo. Gli ospiti hanno raggiunto la destinazione grazie al supporto logistico del partner Ita Airways e di Balsamo per i servizi di mobility management a destinazione. Il soggiorno è all’Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel, struttura realizzata all’interno di un complesso del tredicesimo secolo, costruito a picco sulla scogliera.\r\n\r\nIl programma prevede per la prima sera una cena in terrazza con vista sul Duomo della città, per poi proseguire, il giorno dopo, con un tour lungo il litorale a bordo di storiche auto cabrio, accompagnati da guide locali, con sosta per il pranzo presso l'hotel San Pietro di Positano. Il percorso includerà fermate nei punti più panoramici della zona. La giornata culminerà con una cena di gala presso l’Anantara. Infine, l'ultimo giorno partendo da Ravello si sorvolerà la costiera amalfitana in elicottero, permettendo di godere di una vista davvero emozionante.\r\n\r\n“I momenti di incontro con i nostri clienti si sono rivelati, nel tempo, importanti occasioni di formazione, fondamentali per rinnovare e rafforzare le nostre partnership – commenta Alfredo Pezzani, cbo Aci blueteam –. La condivisione di risultati, in una delle location italiane più affascinanti, siamo certi non potrà che stimolare nuove visioni future sulle attività in sinergia e nuovi servizi da proporre, promettendo allo stesso tempo emozioni e prestigio senza eguali”","post_title":"Parte oggi ad Amalfi l'evento Aci blueteam riservato ai top client","post_date":"2024-04-12T14:44:56+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1712933096000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464642","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Mangia’s Pollina Resort sorge su un promontorio da cui si osserva Cefalù, la roccia “a forma di testa” immersa nel mare, da “Cefalòs” che in greco significa proprio testa. La città fu centro di commercio fin dal passato più remoto perché l'istmo raccoglieva al suo interno preziosa acqua dolce che poteva essere barattata con i naviganti venuti da lontano, acquisendo merci utili e rare. Sono le prime informazioni che si raccolgono in uno dei numerosi tour organizzati dallo staff della struttura che ha recentemente ospitato l’edizione 2024 della Mangia’s Academy, il Pollina Resort, per accompagnare gli ospiti alla scoperta del ricco territorio siciliano. \r\nI percorsi conducono anche all’Etna, all’antica Taormina, alle verdi Madonie, a Palermo, alla Valle dei templi di Agrigento, alla Sicilia sconosciuta dell'entroterra e delle tradizioni e alle isole Eolie, oltre a proporre momenti sportivi di ogni tipo: dal Discovery 4x4 al parapendio. Mario, un vero divulgatore, è la guida perfetta per accompagnare gli ospiti all’incontro con Cefalù, dove Ruggero fece voto di costruire una chiesa dopo essersi salvato da una tempesta. La cattedrale, i cui campanili erano un tempo delle torri difensive, è simbolo di tolleranza: Ruggero governava una terra dove convivevano arabi, bizantini e latini, quindi volle concedere a ciascuno spazio per il proprio credo. In accordo con papa Urbano II l’abside venne costruita rivolta alla Mecca, secondo la quibla araba; i bizantini ottennero la costruzione di una chiesa a pianta centrale, raggruppata attorno al quadrato per la preghiera che divenne il transetto; infine, per avere le tre navate della basilica latina, nacque l’innesto tra la chiesa latina, quella bizantina e il mirhab arabo. Il simbolismo interno alla cattedrale è davvero forte. \r\nMa Cefalù è anche la porta delle Madonie: l’ingresso a un territorio protetto che ha tanto da raccontare. La destinazione ha un microclima ricco di biodiversità che porta a quattro fioriture annuali, come quella delle profumate zagare degli aranci. Qui si trova anche il noto albero della manna: una qualità di frassino la cui linfa, dopo aver nutrito le foglie, scende lungo il fusto e i rami formando dei dolci cannoli che già gli arabi utilizzavano anche a scopo curativo e oggi sono un ingrediente della pasticceria siciliana. \r\nNell’anno Mille erano tanti gli arabi che abitavano infatti la Sicilia, formandone tradizioni culturali e gastronomiche, ma nel tredicesimo secolo l'imperatore Federico II portò a Corleone migliaia di Lombardi (italiano del Nord, ndr). Tra le antiche storie locali c’è quella secondo la quale i lombardi, ispirati alle tradizioni arabe, iniziarono a cucinare delle speciali brioches con la buccia d’arancia e la cannella, che sarebbero poi diventate il panettone lombardo. 0.\r\nUna delle produzioni più rinomate di panettoni e colombe è così quella di Fiasconaro, la cui arte dolciaria si è unita da tempo alla creatività di Dolce&Gabbana per realizzare prodotti unici. Fiasconaro si trova a Castelbuono, nel cuore delle Madonie: un luogo un tempo incantato e coperto di foreste ricche di vita. Sin dall’antichità gli abitanti scendevano sulla costa per pescare e, la sera, risalivano sulle alture per non ammalarsi nelle pericolose piane malariche. Per questo venne costruito un borgo intorno al castello dei Ventimiglia, detto Castello del buon aere, che è oggi Castelbuono. Al suo interno si trova la suggestiva cappella Palatina dove, vicino agli stucchi su fondo in oro zecchino di Giuseppe e Giacomo Serpotta, viene conservata una preziosa reliquia di S. Anna, patrona della città. Si dice che le Madonie siano state spogliate di parte delle foreste a opera degli spagnoli, per realizzare le caravelle di Cristoforo Colombo. L’abbattimento degli alberi ha però portato nel tempo alla scoperta delle sottostanti argille, oggi imprescindibili nella produzione delle colorate ceramiche siciliane. Come quelle realizzate da Lillo Brogato, nel suo affascinante negozio A Lumera. Le Madonie hanno ottenuto il riconoscimento dell’Unesco di Geopark europeo perché sono un polmone verde. La Sicilia è davvero un mondo da scoprire, senza dimenticare il miele saporito delle resistenti api nere e l’olio prodotto da olivi secolari come quelli della tenuta Bergi, dove imparare come riconoscere e conservare l’olio più buono.\r\n[gallery ids=\"464653,464645,464646,464647,464651,464648\"]","post_title":"Partire dal Mangia’s Pollina Resort per scoprire la Sicilia","post_date":"2024-04-08T11:53:53+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1712577233000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464681","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Importante novità per l'Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel che entra nel network Virtuoso. Un'occasione per creare nuove opportunità di vendita e di marketing, spiega la general manager della struttura campana, Estelle Vassallo: \"Il processo di valutazione di Virtuoso è incredibilmente selettivo. Diventarne partner è quindi  un vero onore. La reputazione per l'eccezionale dedizione ai clienti di cui godono le agenzie associate al network si sposa perfettamente con il nostro approccio al servizio su misura\".\r\n\r\nIl network Virtuoso comprende oltre 2.300 strutture selezionate in 100 Paesi. Le agenzie del network registrano un fatturato medio di 28-32 miliardi di dollari americani all'anno in tutto il mondo. Antico monastero del tredicesimo secolo, l'Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel fonde il fascino storico con l'eleganza moderna. Con vista sul mar Tirreno e sulla sua costa frastagliata, offre una serie di esperienze culinarie e i trattamenti dell'Anantara Spa.","post_title":"L'Anantara Convento di Amalfi Grand Hotel entra nel network Virtuoso","post_date":"2024-04-02T11:02:55+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1712055775000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463416","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_463420\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il Tapestry di Perugia[/caption]\r\n\r\nCresce la presenza della collezione Tapestry in Italia. Il soft brand del segmento upscale di casa Hilton conterà infatti presto tre nuovi hotel a Roma, Napoli e Perugia, che si aggiungeranno alle 36 proprietà del gruppo Usa già presenti nella penisola, tra cui l’Ambasciatori Hotel Venice Mestre, Tapestry Collection, di recente apertura. “I nostri piani di sviluppo nel paese sono molto ambiziosi e siamo entusiasti di vedere un forte interesse da parte dei proprietari e una domanda solida da parte degli ospiti\", sottolinea il senior vice president of development Emea Hilton, Patrick Fitzgibbon.\r\nSituato nel cuore di Roma, a pochi metri dai musei Vaticani, lo Spring House Hotel Rome Vatican, Tapestry Collection by Hilton, sarà il secondo hotel di questo brand nella capitale dopo l’apertura del Cosmopolita Hotel Rome nel 2022. La struttura disporrà di un ristorante e bar, un’area benessere, una terrazza all’aperto e 73 camere. I lavori dell’hotel, che dovrebbero essere completati all’inizio del 2025, fanno seguito a un accordo di franchising con Spring House, di proprietà di Stefano Gabbani e della sua famiglia, che gestisce la struttura dal 1969.\r\n\r\nNapoli accoglierà il suo primo hotel Tapestry grazie a un accordo di franchising con Ownco, che ha già visto l’apertura del Britannique Naples, Curio Collection by Hilton nel 2020. Palazzo Caracciolo Naples, Tapestry Collection, un antico palazzo del tredicesimo secolo, fu la prima dimora di Gioacchino Murat quando arrivò a Napoli prima di diventarne il re. Con il suo stile e il design rinascimentale ancora oggi visibile, l’hotel continuerà ad accogliere gli ospiti durante i lavori di ristrutturazione e sarà completamente ribattezzato Tapestry in primavera. La proprietà conta 145 camere, un ristorante, un bar, una palestra e un’area benessere, e si trova a pochi passi dalla costa.\r\n\r\nSituato nel cuore di Perugia, la Rosetta Hotel Tapestry Collection sarà il primo hotel Hilton ad aprire in questa zona. Con parti della struttura originariamente costruite nel quindicesimo secolo, la struttura, che dispone di 74 camere, vanta soffitti dipinti a mano, mobili in legno e opere d’arte sulle pareti. Il completamento dell’hotel è previsto per la seconda metà del 2025 e segue un accordo di franchising con una società di proprietà dei membri della famiglia di Simone Fittuccia e Rodolfa Mencarelli.","post_title":"Hilton spinge il brand Tapestry: tre new entry in Italia a Roma, Napoli e Perugia","post_date":"2024-03-14T10:11:53+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1710411113000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460674","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’ente del turismo del Kerala è tornato a Milano per il consueto incontro con le agenzie di viaggio. Un aggiornamento sull'offerta turistica in collaborazione con i principali partner dell'industria turistica locale in un worshop alla presenza della console in Italia T. Ajungla Jamir.\r\n\r\n\r\nNel mentre, si strizza l’occhio al mercato italiano, che se pur posizionato al tredicesimo posto per arrivi internazionali, attrae per il suo potenziale di crescita. Nel 2023 gli italiani in Kerala sono stati 11 mila contro i 28 mila del 2019, ma in rapida ripresa grazie anche a una buona connessione di voli dall’Italia garantiti da Qatar Airways e Etihad Airways, partner della serata.\r\n\r\nIl New York Times ha definito il Kerala una delle destinazioni al mondo più visitata nel 2023. “Un mercato turistico destinato a crescere dopo la battuta di arresto dovuta alla pandemia. Il 2023 ha registrato 6 milioni di viaggiatori internazionali. L’obiettivo al momento è superare i 10 milioni. Il nostro prodotto turistico è ben conosciuto e apprezzato in Europa grazie a prodotti di valore: mare, entroterra, natura, cultura millenaria, cucina per un turismo balneare, sportivo, esperienziale e culturale unici, come unici sono l’ayurveda, le spezie, il tea. Il tutto facilitato da connessioni su 4 aeroporti principali, infrastrutture e ricettivo di ottimo livello che soddisfano tutte le esigenze, fino al luxury.”, ha spiegato Mr. P.B Nooh, direttore del Kerala Tourism.\r\n\r\nPerché viaggiare nel Kerala? Per una serie di unicità. “perché è un Paese unico, (God’s own country il claim della promozione turistica, il Paese di Dio) come unica è l’ayurveda, le spezie di alta qualità, le foreste tropicali, le Backwaters e le spiagge tropicali”.\r\n\r\nVacanze all’insegna del benessere, molto richiesta in Europa grazie all’ayurveda con i suoi resort e centri medici specializzati. Una tradizione millenaria unica per il clima, il territorio e la biodiversità come unici sono gli effetti benefici della medicina olistica, l’ampia offerta di centri di benessere ayurveda, ottime infrastrutture e centri di rigorosa formazione scientifica.\r\n\r\nLe spezie sono parte integrante della storia. La cucina offre una varietà di piatti vegetariani, di pesce o carne in grado di soddisfare le preferenze di tutti i viaggiatori. \r\n\r\nUn Paese tropicale con 580 chilometri di costa per una vacanza balneare rilassante su spiagge come Kovalam e Varkala, contornate da palme di cocco e resort e la possibilità di praticare attività e sport acquatici. \r\n\r\nUn mondo affascinante, tutto da scoprire è quello delle Backwaters, la rete di canali, laghi, estuari e delta che si estendono per tutto il Kerala e che sfociano nel mar Arabico; flora e fauna unici da unire all’esperienza delle case galleggianti, le Kettuvallam.\r\n\r\nPer una vacanza full immersion nella natura una soluzione interessante è quella del caravan: Caravan Parks verranno sviluppati come parchi privati e resort ibridi. \r\n\r\nTra le alture del Kerala ci sono numerosi patrimoni Unesco, spezie pregiate, piantagioni di tea, foreste spettacolari e 15 santuari di fauna selvatica, 2 riserve di tigri e 5 parchi nazionali.\r\n\r\nL’Eliturismo è tra i nuovi pacchetti escursionistici offerti per vivere un’esperienza in elicottero da un punto di vista diverso sulle bellezze della destinazione.\r\n\r\n[gallery columns=\"2\" size=\"medium\" ids=\"460684,460683\"]\r\n\r\n  ","post_title":"Il Kerala scommette sul potenziale ancora inespresso del mercato Italia","post_date":"2024-02-06T11:13:07+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["ayurveda","eliturismo","ente-del-turismo","kerala"],"post_tag_name":["ayurveda","eliturismo","Ente del Turismo","Kerala"]},"sort":[1707217987000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460691","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tredicesimo compleanno per Easyweeks, uno dei primi tour operator completamente online del panorama turistico italiano. «Il nostro percorso vede il consolidamento delle attività in essere, che vertono principalmente sulla nostra specializzazione Nord Europa - spiega la managing director, Gianna Forlastro –. Il prodotto che proponiamo è basato su un viaggio esperienziale, non solo di località ma di attività diversificate, che spaziano fra le outdoor fino all’incontro diretto con le culture locali attraverso la conoscenza di vere persone del Nord. Forse non è una proposta per tutti, ma ci piace diversificare, andando oltre al solito, avvolgente, incantevole, eccitante Rovaniemi, che purtroppo è però diventato ormai massivo, concentrandoci sulla rotta artica».\r\n\r\nSono cinque in particolare gli itinerari Easyweek per le Rotte artiche: Narvik – Tromsø (Norvegia); Narvik la porta di accesso alle Lofoten e Tromso la Capitale Artica. Tromsø – Lyngen (Norvegia); la capitale artica e la spettacolare penisola di Lyngen e le sue Alpi Nordiche. Tromsø – Lyngen - Alta (Norvegia); un viaggio tra la capitale artica e Alta, la città delle aurore boreali. Tromsø – Rovaniemi (Norvegia e Finlandia); dalla capitale artica a Babbo Natale. Levi – Svolvær (Finlandia – Svezia – Norvegia); dall’Alta Lapponia finlandese fino alle Lofoten passando per la Lapponia Svedese con Kiruna, la città che si muove e la famosa Abisko con il suo parco nazionale e l’Aurora Sky Station. Gli itinerari si percorrono su bus di linea granturismo lusso. Le proposte di ogni singola Rotta artica possono essere combinate tra loro, fino ad arrivare a effettuare il giro completo dei tre paesi artici: Norvegia Artica, nonché Lapponia Finlandese e Svedese.\r\n\r\nLa programmazione Nord Europa prosegue poi con la Norvegia, che presenta tante attività per soddisfare ogni gusto e aspettativa. Ma Easyweeks non si ferma qui. Ci sono infatti anche i Cammini, a partire da Santiago de Compostela, Cammino dei Fari e Rota Vicentina che, visto il grande riscontro degli scorsi anni, saranno riproposti con tante nuove idee a partire dal 1° aprile 2024. «Torniamo inoltre con il Centro Sud America, in primis Messico, Colombia, Brasile, sempre con lo stesso claim Vivi l'essenza del mondo Easyweeks - conclude Gianna Forlastro -. E ancora Seychelles e Mauritius, isole sulle quali l'offerta non è basata su villaggi o singole sistemazioni, ma offre tour a partire da otto giorni, spostandosi in diverse isole e/o località selezionate, con l'opportunità di cogliere l'essenza attraverso escursioni guidate».","post_title":"Easyweeks festeggia i 13 anni di attività con tante nuove proposte","post_date":"2024-02-02T12:10:55+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1706875855000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459802","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dal guanto bianco della formalità al guanto rosso della passione. E' il paradigma dell'evoluzione dell'ospitalità di lusso negli ultimi 20-30 anni. A raccontarlo, sul palco bolognese della tredicesima edizione di Travel Hashtag, è stato un professionista con una lunga carriera nell'hotellerie alto di gamma come Palmiro Noschese, oggi strategic advisor per il comparto. Ma il concetto è stato sostanzialmente condiviso da tutti i numerosi partecipanti all'evento itinerante ideato da Nicola Romanelli e ospitato questa volta dal resort dei colli bolognesi, Palazzo di Varignana. Il lusso, certo è ancora pur sempre eccellenza ripetuta con costanza e coerenza nel tempo, ha ricordato il direttore generale della Scuola Italiana di Ospitalità, Giulio Contini, \"ma oggi non è più solo o tanto un hardware fatto di stucchi e marmi preziosi. Il nuovo lusso è piuttosto un'esperienza unica, personalizzata e sostenibile\".\r\n\r\nD'altronde il cluster del top di gamma è cambiato. E profondamente, ha osservato il vice president salese Europa e Nord America del gruppo Accor, Martin Sapori: \"Oggi il segmento dei viaggiatori alto - spendenti non è più composto esclusivamente da un pubblico senior. Anzi, gli ospiti di età compresa tra i 25 e i 44 anni rappresentano ormai il 64% della domanda complessiva. Occorre quindi adeguare le strategie di distribuzione a un target che è nato nell'era digitale e dei social. Bisogna personalizzare e segmentare i messaggi per ogni tipologia di clientela\".\r\n\r\nE' la domanda del lusso in generale che si sta peraltro sempre più spostando dal possesso di oggetti preziosi agli asset più intangibili. Lo dimostra anche l'ultima ricerca realizzata dalla fondazione Altagamma, in collaborazione con la società di consulenza Bain: \"Il giro d'affari totale del mercato alto-spendente globale oggi ammonta a circa 1.500 miliardi di euro - ha sottolineato il country manager Italia di Emirates, Flavio Ghiringhelli -. Una cifra enorme che vede ancora ai primi posti per voci di spesa le auto, seguite da orologi, gioielli e altri articoli costosi. Sul terzo gradino del podio si è però ormai consolidata l'ospitalità, che pesa per circa il 15% del totale. Una quota che per di più sta ulteriormente crescendo, con volumi stimati in aumento del 6% annuo da qui al 2o30\".\r\n\r\nEppure, nonostante prospettive tanto rosee, \"la formazione nel turismo oggi incontra molte difficoltà - ha rivelato la docente dell'università Europea di Roma, Carmen Bizzarri -. Non che il settore abbia mai goduto di un grandissimo prestigio, ma la pandemia ha persino peggiorato la percezione che molte famiglie hanno dell'industria dei viaggi, aumentandone il senso di incertezza. Di conseguenza, negli ultimi anni, gli istituti formativi italiani dedicati al turismo stanno registrando un drastico calo di iscritti. E la stessa precarietà di molti posti di lavoro entry level, da sempre tallone d'Achille del settore, certo non aiuta\".\r\n\r\n ","post_title":"A Travel Hashtag l'evoluzione dell'ospitalità lusso: dalla forma alla passione","post_date":"2024-01-19T15:06:15+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1705676775000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459405","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Conto alla rovescia verso la tredicesima edizione dell’evento internazionale itinerante Travel Hashtag in programma a Palazzo di Varignana il 17 e 18 gennaio. Quattro i momenti chiave in agenda: si partirà il 17 gennaio alle ore 11 con la conferenza di apertura dal titolo Turismo alto di gamma in Italia: prospettive, tendenze e opportunità, durante la quale prenderanno la parola Davide Cassani (presidente di Apt Servizi), Vittorio Morelli (general manager di Palazzo di Varignana), Alessandra Priante (direttore Europa di Unwto), Massimo Caputi (presidente di FederTerme), Flavio Ghiringhelli (country manager per l’Italia di Emirates), Marco De Angelis (direttore vendite di Italo Ntv), Palmiro Noschese (luxury hospitality strategic advisor), Gloria Armiri (group brand manager tourism & hospitality division di Italian Exhibition Group), Carmen Bizzarri (professore dell’università Europea di Roma), Giulio Contini (direttore generale della Scuola italiana di ospitalità), François Droulers (co-founder & ceo di Eidos Hotel Capital Partners), Massimiliano Zanardi (coo di Marzocco Group), Martin Sapori (vicepresidente sales Eu & Nord Africa di Accor), Andrea Babbi (Vicepresidente di Fiavet) e Daniele Rutigliano (tourism manager di McArthurGlen Group).\r\n\r\nAlle 15, dopo il saluto del sindaco di Castel S. Pietro Terme, Fausto Tinti, sarà la volta del primo dei talk in agenda, I nuovi codici dell’ospitalità, che vedrà protagonisti, oltre al già menzionato Palmiro Noschese, Alessandro Callari (manager Italia/Malta/Israele di Booking), Sara Magro (fondatore e direttore di The Travel News e The Italy Insider), Cinzia Nanni (villas expert & advisor di Oliver’s Travels, London), Patrizia Bortolin (spa concept creator) e Diego Renda (head of training di Lqa).\r\n\r\nIl giorno successivo, alle 11, si ripartirà dal talk Visione, progettualità, sviluppo e comunità: da luogo a destinazione, animato da Carlo Gherardi (founder di Palazzo di Varignana), Nazareno Ventola (amministratore delegato dell’aeroporto di Bologna), Carmen Bizzarri, Emma Taveri (founder di Destination Makers), Simona Tedesco (direttore di Dove e direttore editoriale progetti multimediali Rcs MediaGroup) e Giovanni Arata (head of data & communication di Bologna Welcome).\r\n\r\nA chiudere la prima edizione 2024 di Travel Hashtag, alle 15, il side talk Internazionalizzazione, asset per la valorizzazione delle eccellenze italiane all’estero, incentrato sulle opportunità per le imprese del territorio di familiarizzare con professionisti esperti nell’accompagnare business italiani, piccoli e grandi, alla scoperta di nuovi mercati in Medio Oriente e nel Sud-Est Asiatico. Tra gli speaker Evelina Farinacci e Angelo De Luca di Kelmer Group, Alessandro Bartolucci e Francesco Brusco di BeSafe Group, Nino Tomasino di Osm International Group, nonché Andrea Moretti di Skema. Ospiti d’eccezione Vincenzo Colla (assessore allo Sviluppo economico e green economy, lavoro, formazione e relazioni internazionali della regione Emilia-Romagna) e ancora Flavio Ghiringhelli.\r\n\r\n“Siamo particolarmente felici di portare il nostro format per la prima volta in Emilia-Romagna – spiega Nicola Romanelli, fondatore e presidente di Travel Hashtag – Palazzo di Varignana per due giorni si trasformerà in un laboratorio di idee, best practice e visioni, che coinvolgerà profili noti dell’industria del turismo e un’audience selezionata proveniente anche dall'estero“.","post_title":"Romanelli: Travel Hashtag trasformerà Palazzo di Varignana in un laboratorio di idee","post_date":"2024-01-15T12:38:32+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1705322312000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458456","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A meno di un mese dall'appuntamento con la tredicesima edizione dell’evento internazionale itinerante Travel Hashtag, ecco l’agenda della due giorni in programma a Palazzo di Varignana (Castel San Pietro Terme, Bologna) il 17 e 18 gennaio. A dare il via al meeting, che torna in Italia dopo dieci mesi (Cremona, marzo 2023), una conferenza di apertura che coinvolgerà una serie relatori che si alterneranno uno alla volta sul palco per fornire la propria visione rispetto al tema Turismo alto di gamma in Italia: prospettive, tendenze e opportunità. Interverrano, tra gli altri, Davide Cassani (presidente di Apt Servizi), Vittorio Morelli (general manager di Palazzo di Varignana), Giorgio Palmucci (vicepresidente di Confindustria Alberghi), Massimo Caputi (presidente di FederTerme), Flavio Ghiringhelli (country manager per l’Italia di Emirates), Marco De Angelis (direttore vendite di Italo Ntv), Palmiro Noschese (strategic advisor for the luxury hospitality industry, chairman Confassociazioni for tourism, hospitality, food & beverage), Carmen Bizzarri (professore dell’università Europea di Roma), Giulio Contini (direttore generale della Scuola italiana di ospitalità), Gloria Armiri (group brand manager tourism & hospitality division di Italian Exhibition Group),  François Droulers (co-founder & ceo di Eidos Hotel Capital Partners), Massimiliano Zanardi (coo di Marzocco Group con un background di rilievo nel gruppo Kerzner International). In collegamento video ci sarà anche Alessandra Priante (direttore Europa della Unwto).\r\n\r\nNel pomeriggio del 17 gennaio, dopo i saluti del sindaco di Castel San Pietro Terme, Fausto Tinti, andrà quindi in scena il primo dei tre talk in agenda, I nuovi codici dell’Ospitalità, che vedrà protagonisti, oltre ai precedentemente menzionati Palmiro Noschese e Vittorio Morelli, Imelda Shllaku (general manager dell’hotel La Palma di Capri), Alessandro Callari (regional manager Italia/Malta/Israele di Booking.com), Sara Magro (fondatrice e direttore di The Travel News e The Italy Insider), Cinzia Nanni (villas expert & advisor di Oliver’s Travels, London). In collegamento video da Abu Dhabi, Patrizia Bortolin (spa concept creator pluripremiata in tutto il mondo).\r\nLa mattina del 18 gennaio si aprirà poi con un talk dal titolo Visione, progettualità, sviluppo e comunità: da luogo a destinazione, che vedrà interagire, tra gli altri, Carlo Gherardi (founder di Palazzo di Varignana), Nazareno Ventola (amministratore delegato dell’aeroporto di Bologna), ancora Carmen Bizzarri, Emma Taveri (founder di Destination Makers), Simona Tedesco (direttore di Dove Magazine e direttore editoriale progetti multimediali Rcs MediaGroup).\r\n\r\nA chiudere la prima edizione 2024 di Travel Hashtag il side talk Internazionalizzazione, asset per la valorizzazione delle eccellenze italiane all’estero, rivolto alle imprese del territorio interessate a scoprire tutte le opportunità di sviluppo del business nei mercati di Medio Oriente e Sud-Est Asiatico. Tra gli speaker, Evelina Farinacci di Kelmer Group, Angelo De Luca di Kelmer Saudi Arabia, Alessandro Bartolucci e Francesco Brusco di BeSafe Group, Nino Tomasino di Osm International Group e Andrea Moretti di Skema. Ospiti d’eccezione Vincenzo Colla (assessore allo Sviluppo economico e green economy, lavoro, formazione e relazioni internazionali della regione Emilia-Romagna) e nuovamente Flavio Ghiringhelli.\r\n\r\n“Sarà interessante ascoltare il punto di vista autorevole di alcuni tra gli attori che animano con visione ed entusiasmo il settore del turismo operando in contesti e ambiti differenti – spiega Nicola Romanelli, fondatore e presidente di Travel Hashtag –. A Palazzo di Varignana parleremo delle aspettative dei viaggiatori alto spendenti di domani, ma anche di hospitality, formazione, risorse umane, destination branding, progettualità e comunicazione“.","post_title":"Tutti gli speech e i talk show del prossimo Travel Hashtag di Bologna","post_date":"2023-12-20T11:59:16+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1703073556000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti