12 June 2024

Nasce Assidema, Associazione italiana dei destination manager

[ 0 ]

Claudio Dell’Accio, presidente di Assidema

Valorizzare e tutelare la professione emergente del Destination Manager. Questo è lo scopo principale di Assidema, l’Associazione italiana destination manager che si è costituita nei giorni scorsi dalla visione di un gruppo di 10 professionisti del turismo con la missione di definire, sviluppare e promuovere una figura professionale sempre più presente all’interno delle destinazioni, e che da alcuni mesi ha anche il sostegno ufficiale del Governo grazie alla pubblicazione in GU, lo scorso 15 gennaio, della legge 206/2023 che recepisce il Decreto Made in Italy.

Questa legge istituisce il Comitato nazionale del turismo che ha tra i suoi compiti quello di incentivare la creazione di sistemi  turistici di destinazione e di nuovi manager di destinazione. Un passo fondamentale per arrivare a una definizione univoca di questa professione, oggi presente in numerosi enti pubblici con compiti non sempre coincidenti.

L’Italia infatti attualmente si caratterizza per la presenza di ben 140 Destination Management Organization (DMO, di diritto pubblico) e almeno 151 Destination Management Company (DMC, di natura privata) distribuite su tutto il territorio nazionale, ma non tutte contemplano ancora questo ruolo. Grazie a questa legge è però certo che il loro numero sia destinato ad aumentare.

Per questo motivo, in attesa che il Mitur pubblichi i decreti attuativi della legge che andrà a definire con precisione i contorni della professione, Assidema lancia la sua attività per contribuire a formare i futuri destination manager, innovando questo ruolo e contaminandolo con le buone pratiche che arrivano sia dal settore pubblico che da quello privato.

In questo modo si vuole creare una nuova generazione di Destination Manager, più evoluta, competente, innovativa e interconnessa, in grado di operare efficacemente sia nell’ambito pubblico che privato, contribuendo in modo significativo allo sviluppo e alla promozione delle destinazioni turistiche italiane per la capacità di sapere coniugare tutte le esigenze-Assidema si impegna così a diventare un punto di riferimento per la valorizzazione della professione, dei territori e per promuovere uno sviluppo più competitivo delle destinazioni turistiche italiane.

I fondatori

I 10 soci fondatori si sono riuniti a Roma nei giorni scorsi e hanno nominato Claudio Dell’Accio come presidente, Flavia Maria Coccia come vicepresidente e Giuseppe Bonanni
come segretario e tesoriere. Gli altri co-fondatori sono: Massimo Caravita, Andrea Cerrato, Giancarlo Dell’Orco, Daniele Donnici, Antonio Prota, Elena Sisti ed Emiliano Viola. A questi è
affiancato un comitato scientifico, con il compito di promuovere la ricerca e la formazione sui temi oggetto dell’Associazione e contribuire agli scopi statutari, composto da alte
personalità del mondo turistico e presieduto, per il primo triennio, dalla Prof.ssa Luna Leoni.

“Durante la mia carriera – spiega il presidente e co-fondatore Claudio Dell’Accio – ho collaborato con numerose DMO e DMC, contribuendo a creare una rete di professionisti del turismo in Italia e ho osservato differenze significative nell’approccio dei Destination Manager tra il settore pubblico e quello privato. Con Assidema vogliamo diffondere la cultura del destination management e contribuire a definire e formare ciò che questi manager hanno come obiettivo comune: la valorizzazione dei territori in cui operano, non a discapito di altre destinazioni, ma creando valore aggiunto al Sistema Italia”.

L’Associazione mira in questo modo a diventare la voce dei Destination Manager italiani, facilitando la collaborazione tra attori pubblici e privati per creare un’offerta turistica
integrata e durevole. A tal fine, i Destination Manager dovranno possedere non solo competenze specifiche nel settore turistico, ma anche soft skills come la coerenza nelle
scelte, il coraggio decisionale e la capacità di integrare diversi settori, risorse e strategie di comunicazione, con particolare attenzione all’innovazione tecnologica.

Stop quindi alla conflittualità tra DMO e DMC con un approccio integrato e complementare tra i Destination Manager del pubblico e del privato: “Le esperienze passate
con i DUC e i GAL hanno dimostrato che la promozione turistica non può limitarsi all’esclusiva iniezione di denaro pubblico – ha concluso Claudio Dell’Accio -, ma deve essere
strategica e mirata a creare valore aggiunto e opportunità di sviluppo economico sostenibile nel lungo termine”.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469319 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una vera e propria trasformazione che ridefinisce volto e spazi del city airport milanese: nasce così il "Linate Airport District", il progetto di rigenerazione urbana da 130 milioni di euro che sarà pronto nel 2027 quando sarà completata l'area adiacente all'aeroporto e di fronte all'Idroscalo. L'innovativo piano è presentato da Sea mira alla realizzazione di un grande luogo pubblico affacciato sul “mare di Milano” che si potrà raggiungere anche senza usare l’auto perché è collegato al centro città dalla nuova M4 che arriva in poche fermate direttamente nel terminal aeroportuale. Elementi centrali del progetto la realizzazione di una piazza con con circa 14.000 metri quadrati di verde urbano, un hotel a quattro stelle da 220 camere, tre nuove palazzine adibite a uffici e servizi per circa 24.000 mq, moderni e sostenibili, caratterizzati dai più alti standard di qualità sostenibilità e confort per tutti gli utilizzatori. In una di queste palazzine troveranno sede i nuovi spazi del personale amministrativo di Sea, finalmente raggruppato in un'unica sede di lavoro, e i nuovi uffici Enac. Per la realizzazione dell’opera - l’avvio delle attività preliminari avverrà entro quest’anno - Sea ha identificato come partner attraverso un percorso competitivo Costim, importante gruppo nel settore dello sviluppo immobiliare e della rigenerazione urbana, che investirà oltre 130 milioni di euro nella realizzazione dell’intero progetto e lo gestirà sino al termine della concessione.  Il progetto sarà sviluppato dalla società veicolo Chorus Life Linate Spa partecipata al 100% da Costim e si ispirerà al concept "ChorusLife" di Bergamo, modello di “quartiere del futuro” che promuove la sostenibilità, la condivisione e la socializzazione, combinando servizi e offrendo vantaggi sia alle funzioni aeroportuali che ai frequentatori collegando l’aeroporto a un inedito e affascinante scenario "verde e blu" rappresentato dall'Idroscalo e dalle ampie aree verdi, ideale per offrire opportunità di svago e relax per tutti i milanesi e non solo. «Con questo progetto completiamo il restyling di Linate - spiega Armando Brunini, amministratore delegato di Sea Milan Airports -. Dopo il nuovo layout dell’aerostazione e le nuove tecnologie sulle quali abbiamo investito, l’ultima è il Face Boarding che rende le procedure d’imbarco sempre più comode e veloci, con il Linate Airport District completiamo i servizi offerti dall’aeroporto, miglioriamo gli spazi e le infrastrutture per i nostri dipendenti e per tutti gli altri operatori aeroportuali e li rendiamo facilmente accessibili anche a tutti i cittadini». [post_title] => Linate Airport District: investimento da 130 mln di euro per il quartiere green, pronto nel 2027 [post_date] => 2024-06-12T10:58:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718189917000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469306 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una settimana, giorno più, giorno meno: è il tempo che separa Ita Airways e Lufthansa dalla decisione dell'Antitrust Ue sull'attesa operazione di ingresso dei tedeschi nel capitale della compagnia aerea italiana. Come si legge da Il Corriere della Sera, offerte e contro offerte sarebbero terminate e sul tavolo di Bruxelles restano i rimedi proposti da Lufthansa e dal Tesoro: da una parte la questione Linate che vede la rinuncia a 34 voli di andata e ritorno giornalieri con l'ingresso di easyJet e Volotea su alcune rotte, in qualità di remedy taker sul city airport milanese e su Roma Fiumicino; dall'altra la spinosa questione dei voli transatlantici: Ita rimarrà esclusa dalla jv di Lufthansa con United Airlines ed Air Canada per due anni, non per sempre come auspicato dall'Ue. L'incontro con i sindacati Secondo Antonino Turicchi, presidente di Ita Airways, tutto ciò dovrebbe portare ad un parere favorevole da parte di Bruxelles: questa la rassicurazione che ieri è arrivata ai sindacata durante l'incontro con i vertici della compagnia aerea italiana. «L’incontro è stato abbastanza positivo, lo stato dell’azienda è buono, 36% in più di ricavi rispetto al 2023. Con questi dati si deve necessariamente ragionare su investimenti, apertura nuove rotte, aumento numero aerei di lungo raggio, nuove assunzioni e il rinnovo contratto nazionale», ha commentato il segretario nazionale Filt Cgil Fabrizio Cuscito. «Auspichiamo l’Ue dimostri finalmente buon senso, se così non fosse il governo italiano dovrà intervenire con forza per individuare altre soluzioni in fretta», commenta Ivan Viglietti, segretario nazionale Uilt. Nelle casse del vettore ci sono 420 milioni di euro - erano 450 milioni a fine 2023 - e altri 240 milioni arriveranno come finanziamento per acquistare gli aeromobili di proprietà. Nell’incontro i vertici di Ita hanno anche confermato di essere a lavoro per l’apertura della rotta Roma-Bangkok nonché e di essere alla ricerca di altri velivoli di lungo raggio per rafforzare i più redditizi collegamenti intercontinentali.   [post_title] => Ita Airways-Lufthansa: entro una settimana la decisione dell'Ue [post_date] => 2024-06-12T09:50:29+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718185829000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469230 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' Alpitour World a occuparsi del viaggio, dell’accoglienza e della permanenza dei ragazzi e delle famiglie di Pizzaut, che in questi giorni, insieme al fondatore della Onlus, Nico Acampora, sono impegnati a parlare di inclusione all'Onu. Il tutto è stato organizzato da Neos, compagnia aerea del gruppo, nonché dal brand Turisanda1924, con il supporto dei fornitori Teamamerica per il soggiorno e Volatour per tutti i servizi in destinazione. “Alpitour World ci ha consentito un’esperienza unica e per questa opportunità esprimiamo loro tutta la nostra gratitudine - esordisce lo stesso Nico Acampora -. L’unicità del loro contributo non sta solo nell’averci supportato nell’organizzazione di questa straordinaria esperienza, ma nella volontà di iniziare con PizzAut una reale collaborazione che ci vedrà lavorare insieme con attività concrete. Viaggiare con ragazzi e ragazze autistiche può non essere semplice, le situazioni più comuni possono generare sgomento in loro e occorre essere preparati a gestire varie situazioni. La sensibilità dimostrata da Alpitour World su questo tema ci convince ancora di più che lavorare per un mondo più inclusivo sia la strada giusta e che percorrerla anche con le aziende è possibile e utile”. Alpitour World si impegna da oltre 75 anni ad agire in modo responsabile insieme ai propri partner e ai propri clienti operando con cura nei confronti delle persone e delle comunità, nella convinzione che la bellezza del mondo debba essere per tutti. Per questo il gruppo, attraverso le sue divisioni e i suoi brand, si assicura ogni giorno di offrire sostegno alle comunità locali e dar vita ad attività concrete per rendere le esperienze di viaggio accessibili a un numero sempre più ampio di persone, ognuno con le proprie unicità. Tra questi, solo per citarne alcuni, il progetto Vacanze Accessibili – Senza Barriere, promosso dai brand Alpitour, Francorosso e Bravo con l’associazione Handy Superabile, per raccogliere le esigenze dei clienti con disabilità motoria e/o sensoriale e verificare la fruibilità dei servizi presenti nei singoli villaggi e quello con Aic, l’Associazione italiana celiachia, che nasce per permettere a tutti di vivere una vacanza serena grazie alla presenza di strutture che aderiscono al network Alimentazione fuori casa. “Abbiamo deciso di avviare questa collaborazione perché crediamo che essere in viaggio significhi dare a tutti la possibilità di scoprire il mondo, imparare a conoscerlo e viverlo, facendone pienamente parte", aggiunge Gabriele Burgio, presidente e amministratore delegato di Alpitour World. [post_title] => Alpitour avvia una collaborazione con Pizzaut all'insegna dell'inclusione [post_date] => 2024-06-11T10:42:16+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718102536000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469125 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà ubicato nel quartiere Navile, nell’area dell'ex mercato ortofrutticolo a nord del centro storico, a pochi minuti dalla stazione Centrale e a circa tre chilometri dall’area dell’università, il Cx Bologna Navile, nuova residenza per studenti a Bologna che sarà inaugurata a settembre 2026 da CampusX.  La nuova struttura si estenderà su una superficie lorda di 21.342 metri quadrati per un investimento totale di circa 70 milioni di euro. Il Cx Bologna Navile si inserisce in un importante intervento di riqualificazione urbana. Il progetto arricchirà l’offerta di servizi nel quartiere Navile con ampie aree verdi, edifici residenziali, scuole, poliambulatori e centri sportivi intorno a piazza Lucio Dalla, nata dalla riqualificazione della tettoia Nervi. Gli alloggi si divideranno in camere singole, camere doppie e camere singole prive di barriere architettoniche, tutte dotate di bagno privato e angolo cottura, per un’offerta complessiva di 633 posti letto organizzati nelle seguenti tipologie: 152 posti letto in 38 appartamenti in co-living, ognuna in grado di ospitare fino a quattro studenti; 313 camere Studio in stile monolocale con bagno e cucina; 30 camere Studio Large con bagno e cucina; 54 camere doppie per soggiorni brevi. Il piano terra offrirà inoltre pareti vetrate che metteranno in comunicazione l’ambiente privato interno con lo spazio pubblico esterno, ospitando spazi comuni e di aggregazione, quali sale studio, sale svago, palestra, aree ristoro e relax. Ai piani superiori si svilupperanno gli alloggi per studenti, di cui una piccola porzione nell’angolo sud-ovest sarà destinata alla ricettività a breve termine. Due grandi terrazze panoramiche completeranno il progetto, dando la possibilità di avere zone esterne per studio e sport agli ospiti. Il Cx Bologna Navile sarà composta da un edificio a forma di U, i cui elementi architettonici saranno composti da una struttura di quattro piani fuori terra sul prospetto sud ovest con accesso in via Zurlini, mentre sul lato est, lungo via Insolera, si ergerà di cinque piani fuori terra. In corrispondenza delle due estremità della particolare forma a “U” ed esattamente nell’angolo a sud-est, completeranno il progetto architettonico tre torri di dieci piani. L’intero impianto progettuale disporrà di un accesso interrato che ospiterà i parcheggi auto, bici e i locali tecnici. L’intero impianto progettuale rientra in pieno nella certificazione Breeam very good.   L’iniziativa nasce dalla collaborazione di CampusX con Techbau, che ricopre i ruoli di developer e di general contractor. Le due società hanno già collaborato per la recente realizzazione della struttura Cx Milan NoM, aperta nel primo semestre di quest'anno e dotata di 938 camere, un imponente sviluppo da 26.000 mq e 70 mln di investimento. “Siamo molto fieri di questa nuova tappa nel percorso di sviluppo della nostra società, che nel 2026 avrà in portafoglio 16 strutture e circa 10 mila posti letto", spiega il presidente di CampusX, Ernesto Albanese. “Abbiamo fortemente voluto che l’ingresso di Cx sulla piazza di Bologna avvenisse con un’operazione molto importante, sia per la posizione strategica sia per la dimensione della struttura - gli fa eco il ceo della compagnia, Samuele Annibali -. Abbiamo partecipato attivamente, anche investendo importanti risorse, a tutte le fasi preliminari di questo progetto, a conferma del fatto che la nostra società non è solo una piattaforma di gestione di hybrid hospitality, ma anche un promotore di operazioni immobiliari. Il 2024 è stato un altro anno importante per noi e si concluderà con l’apertura a Trieste della decima struttura Cx Campus & Hotel”.   [post_title] => CampusX sbarca a Bologna con una nuova residenza ibrida per studenti da 633 posti letto [post_date] => 2024-06-10T10:21:17+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1718014877000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 469057 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Rendere i territori, anche quelli detti con un'espressione poco fortunata  minori, turisticamente fruibili. Il tutto, dando vita a forme di economia circolare, basate su un'offerta capace di coniugare il soggiorno di breve o medio periodo con le esperienze più varie: digital detox, escursioni nella natura, visite ai musei, degustazioni enogastronomiche, turismo delle radici e molto altro ancora. E' questo l'obiettivo di un destination manager come Giancarlo Dell'Orco, tra i soci fondatori di Assidema, la nuova associazione dedicata a questa professione emergente:  "Personalmente, ho scelto di dedicarmi soprattutto alle aree minori, perché sono convinto che partendo dal piccolo, imparando a gestirlo e a valorizzarlo, si può poi successivamente passare anche al grande". L'obiettivo di Dell'Orco è quello di creare una governance del territorio, in grado di integrare al meglio pubblico e privato, domanda e offerta: "Da qui l'idea dell'impresa di comunità, quale forma alla base di consorzi, cooperative e società capaci sia di gestire i fondi istituzionali, come per esempio quelli legati al Pnrr, sia di rafforzare i piccoli imprenditori locali". L'attività di Dell'Orco, fondatore tra le altre cose della cooperativa grossetana Coopera e del #Progetto Borghi per la valorizzazione dei piccoli centri urbani, si è per esempio concretizzata in una serie di programmi prototipo nella Maremma Toscana: "Abbiamo messo insieme alcuni comuni del territorio per creare un'offerta in grado di aggiungersi a quella balneare più tradizionale, anche in risposta al fenomeno overtourism. L'attività ha incluso pure il recupero di alcuni immobili, riconvertiti per varie tipologie di esigenze ricettive, comprese quelle legate allo smart working o alla gestione di proprietà acquisite da stranieri". Ma il valore delle imprese di comunità, prosegue Dell'Orco, "sta anche nella loro capacità di generare metriche affidabili, in grado di misurare l'impatto economico delle varie attività e quindi di attirare nel medio periodo ulteriori investimenti. Come per esempio è già avvenuto con Wind in relazione al progetto smart working. L'idea di fondo è che se l'introduzione negli anni '80 del modello agrituristico ha salvaguardato un'importante quota di campagne di italiane, oggi occorre creare nuovi modelli capaci di evitare lo spopolamento di molti borghi delle aree interne. Magari anche creando connessioni virtuose con i principali centri metropolitani della Penisola, per incentivare un turismo di prossimità oggi sempre più popolare". In tale contesto Assidema potrà quindi giocare un ruolo importante: "Prima di tutto tutelando la figura del destination manager - conferma Dell'Orco -, nonché facendo crescere nuove generazioni di professionisti. Creando inoltre connessioni proficue tra dmc, tour operator, agenzie di viaggi e l'ingente mole di offerta frammentata già presente sui nostri territori. Tra gli obiettivi c'è infine l'idea di vedere il nostro ruolo riconosciuto con un codice Ateco ad hoc, necessario per avere le garanzie utili a stringere accordi anche finanziari, nonché magari persino con la creazione di un albo professionale dedicato". [post_title] => Dell'Orco, Assidema: partire dal piccolo per imparare a gestire il grande [post_date] => 2024-06-07T11:53:40+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717761220000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468967 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Gruppo Una presenta il rinnovato Maison Roma Piazza di Spagna Una Esperienze. Dopo un’attenta operazione di renaming e restyling il piccolo boutique hotel 4 stelle di design, già Hotel Art by the Spanish Steps, propone ai propri ospiti una nuova esperienza negli spazi ricavati da un collegio religioso, dove il sacro incontra il profano, l’antico il moderno. La direttrice Francesca Fiumanò ripercorre l’operazione: "Il nome rende giustizia all’hotel per tre motivi: maison è il temine internazionale per casa e parla di un’accoglienza familiare; nell’agio e nell’eleganza i nostri ospiti trovano un’attenzione personalizzata e dedicata. L’esperienza è parte del brand, perché ogni soggiorno è un’occasione unica e irripetibile. La location, Roma Piazza di Spagna, non ha infine bisogno di presentazioni. L’albergo si trova in una posizione eccezionale: a metà strada tra piazza del Popolo e piazza di Spagna, affacciato su via Margutta, la storica via degli artisti e degli artigiani. Sin dal momento dell’arrivo i nostri ospiti apprezzano la pace e la serenità della zona, anche se è vicinissima alle attrazioni principali della città". Fiumanò è stata scelta dal gruppo per guidare questa nuova avventura “per il suo human touch e per il suo gusto e capacità di interpretare il genius loci", sottolinea l’a.d. del Gruppo Una Giorgio Marchegiani. Il Maison Roma dispone di 46 camere di diverse categorie, adatte a soddisfare le esigenze degli ospiti che scelgono il nostro hotel per una vacanza da soli o con la famiglia, ma anche per un soggiorno di lavoro. La hall, un tempo la cappella dell’istituto, viene utilizzata per molteplici scopi: dai cocktail conviviali proposti dal bar Margutta agli interessanti workshop organizzati dall’associazione Botteghiamo per scoprire le arti antiche, come la pittura con l’oro. Ogni mattina Maison Roma si concentra sul momento della colazione, richiamando il concetto di casa. "Una delle caratteristiche della nostra compagnia è il sottolineare l’importanza dei prodotti autentici, come i dolci appena sfornati dalla nostra cuoca - aggiunge Francesca Fiumanò -. La struttura offre poi una bellissima corte che può ospitare colazioni, aperitivi ed eventi di ogni genere e anche uno spazio meeting non convenzionale adatto a piccole riunioni». "Con il Maison Roma sono diventati quattro gli hotel del nostro gruppo nella capitale - riprende Marchegiani -. Fino al 2021 avevamo solo il Decò, vicino alla stazione Termini, quindi sono stati inseriti l'Art (oggi appunto Maison Roma), l’Empire (dietro a Via Veneto) e nel 2022 è stato aperto l’hotel di Trastevere, con la sua splendida terrazza. Roma è una città molto importante per noi, così come per il turismo italiano. Grazie alla posizione dei nostri hotel vogliamo portare valori come il legame con il territorio accogliendo nei diversi rioni del centro storico i turisti italiani e quelli stranieri, che rappresentano circa la metà del flusso turistico. Roma è un pezzetto del Gruppo Una, oggi composto da 53 strutture esclusivamente in Italia: 34 gestite direttamente da noi e 19 in franchising, a cui presto se ne aggiungeranno altre due: una a Siracusa, vicino al castello Maniace, l’apertura è prevista tra qualche settimana, l’altra vicino a Matera. Con le nostre 5.800 camere siamo la più grande catena di hotellerie italiana per dimensione. Nel 2023 abbiamo registrato un fatturato di 208 milioni di euro, con un utile netto di 25 milioni". [gallery ids="468968,468976,468975,468973,468971,468970"] [post_title] => Una Esperienze: dal restyling dell'Art nasce il nuovo Maison Roma [post_date] => 2024-06-06T13:27:35+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717680455000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468931 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Liguria rafforza i collegamenti ferroviari per tutta la stagione estiva.  «Con il nuovo orario estivo aumentano i collegamenti da e per la Liguria – spiega Augusto Sartori, assessore regionale ai Trasporti e al Turismo -  con i nostri treni regionali che renderanno tutte le nostre località delle mete ancor più facilmente raggiungibili sia da chi vuole venire a soggiornare per una vacanza sia per chi decide di concedersi una gita anche di una sola giornata. La Liguria aspetta i suoi ospiti nel segno del mare pulito, delle escursioni a contatto con la natura incontaminata, dell'ottimo cibo e del sano divertimento». Il nuovo orario estivo di Trenitalia, a partire da domenica prossima, vedrà potenziati i servizi nelle fasce orarie serali e notturne nel fine settimana nelle tratte Sestri Levante - La Spezia, Recco - Sestri Levante, Savona-Ventimiglia (in entrambe le direzioni) in tutto il periodo estivo fino al 15/16 settembre. Oltre a questo, saranno implementate, anche in orario diurno, le corse da Genova Brignole per Sestri Levante nei fine settimana e nei giorni festivi e da Genova Piazza Principe a Savona il sabato e, infine, saranno prolungare le corse di nove collegamenti 5 Terre Express nella tratta da Levanto a Sestri Levante. [post_title] => Liguria, dal 9 giugno rafforzati collegamenti ferroviari per tutta l’estate [post_date] => 2024-06-06T11:09:55+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717672195000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468826 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Consiglio di Stato ha annullato l’addizionale comunale di 2,50 euro, che era stata introdotta dal Comune di Venezia per i passeggeri in partenza dall’aeroporto Marco Polo. La decisione finale è arrivata dopo l’appello della Save, società di gestione dell'aeroporto, e di diverse compagnie aeree. Soddisfatta della decisione è Ryanair che "accoglie con favore la decisione del Consiglio di Stato di eliminare l'eccessivo aumento del 38% imposto dal Comune di Venezia ai passeggeri in partenza dall'aeroporto Marco Polo di Venezia - ha dichiarato Jason McGuinness, cco della low cost irlandese -. Questa è un'ottima notizia per la città di Venezia, i suoi cittadini e i visitatori che beneficeranno dell'aumento della connettività nazionale e internazionale, del traffico, del turismo e delle tariffe basse di Ryanair nella stagione invernale, oltre a continuare a beneficiare dell'investimento di 400 milioni di dollari di Ryanair (4 aeromobili) a Venezia per l'estate ‘24, che altrimenti sarebbe andato perso a causa di questo eccessivo aumento delle tasse". Il cco ricorda che durante la scorsa stagione estiva la compagnia aerea ha rimosso 1 aeromobile e chiuso 6 rotte da e per l'aeroporto Marco Polo di Venezia a causa dell'eccessivo aumento delle tasse, con ulteriori tagli previsti per la prossima stagione invernale, tra cui una potenziale chiusura della base. "Ma, a seguito della decisione del Consiglio di Stato di eliminare questo eccessivo aumento delle tasse, Ryanair implementerà un operativo completo da/per l'aeroporto Marco Polo di Venezia questo inverno, proteggendo i posti di lavoro locali e la connettività a basso costo. Si tratta di una gradita inversione di tendenza rispetto a ciò che Venezia Marco Polo avrebbe potuto affrontare quest'inverno, compresa una potenziale chiusura della base invernale, se avessero continuato a imporre questo eccessivo aumento delle tasse. Ci auguriamo che il Comune di Venezia se ne accorga presto e segua l'esempio del vicino aeroporto di Trieste, che quest'inverno beneficerà del +50% di capacità di Ryanair, come conseguenza diretta della sensata decisione della Regione Friuli-Venezia Giulia di abolire l’addizionale municipale, in modo che Venezia Marco Polo possa beneficiare tutto l'anno di capacità, traffico, e crescita del turismo". [post_title] => Aeroporto Venezia: il Consiglio di Stato annulla gli aumenti delle tasse sui biglietti [post_date] => 2024-06-05T08:44:10+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717577050000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468765 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aprirà ufficialmente i propri battenti domani il nuovo Mercure Roma Cinecittà. Situato a 8 chilometri dall’aeroporto di Ciampino, la struttura occupa una posizione strategica, a breve distanza dagli storici studi cinematografici e dalla fermata della metropolitana. Offre 126 camere, parcheggio sotterraneo, tre sale riunioni con luce naturale, palestra e un’area dedicata allo smart working. Presente pure un all day dining ispirato agli storici locali romani frequentati e amati da attori e attrici. Come suggerito dal suo stesso nome, l'hotel si rifà infatti al mondo del cinema. Le camere sono state  per esempio progettato evocando l'atmosfera dei set. Lo studio di Interior Design Aelan ha introdotto elementi distintivi, tra cui una carta da parati disegnata su misura: un canvas nel quale gli sketch di luoghi e personaggi prendono vita, con una forte ispirazione Felliniana. Artworks commissionati per raccontare la storia del cinema italiano anche ai turisti internazionali, completano inoltre l’atmosfera. La narrativa a tema prosegue negli elementi introdotti negli spazi di circolazione dell’albergo ma con un’astrazione ulteriore: i corridoi si rivestono infatti di carte da parati che traducono le geometrie delle facciate degli studios di Cinecittà in opere grafiche, arricchite dalle iconiche righe del cinema, pattern chiave di tutto l’intervento di restyling. Il Mercure Cinecittà All Day Dining è infine pensato come un luogo frequentato da movie stars. La struttura nasce da un accordo di franchising tra Accor e Amapa, società partner di lunga data del gruppo transalpino, con cui sono già stati sviluppati altri nove alberghi nella Penisola. Nei prossimi anni, Accor e Amapa prevedono di aprire cinque ulteriori hotel nel Nord e nel Centro Italia.   [post_title] => Apre domani a Roma il nuovo Mercure Cinecittà [post_date] => 2024-06-04T12:17:47+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717503467000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "nasce assidema" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":39,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":542,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469319","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Una vera e propria trasformazione che ridefinisce volto e spazi del city airport milanese: nasce così il \"Linate Airport District\", il progetto di rigenerazione urbana da 130 milioni di euro che sarà pronto nel 2027 quando sarà completata l'area adiacente all'aeroporto e di fronte all'Idroscalo.\r\n\r\nL'innovativo piano è presentato da Sea mira alla realizzazione di un grande luogo pubblico affacciato sul “mare di Milano” che si potrà raggiungere anche senza usare l’auto perché è collegato al centro città dalla nuova M4 che arriva in poche fermate direttamente nel terminal aeroportuale. Elementi centrali del progetto la realizzazione di una piazza con con circa 14.000 metri quadrati di verde urbano, un hotel a quattro stelle da 220 camere, tre nuove palazzine adibite a uffici e servizi per circa 24.000 mq, moderni e sostenibili, caratterizzati dai più alti standard di qualità sostenibilità e confort per tutti gli utilizzatori. In una di queste palazzine troveranno sede i nuovi spazi del personale amministrativo di Sea, finalmente raggruppato in un'unica sede di lavoro, e i nuovi uffici Enac.\r\n\r\nPer la realizzazione dell’opera - l’avvio delle attività preliminari avverrà entro quest’anno - Sea ha identificato come partner attraverso un percorso competitivo Costim, importante gruppo nel settore dello sviluppo immobiliare e della rigenerazione urbana, che investirà oltre 130 milioni di euro nella realizzazione dell’intero progetto e lo gestirà sino al termine della concessione. \r\n\r\nIl progetto sarà sviluppato dalla società veicolo Chorus Life Linate Spa partecipata al 100% da Costim e si ispirerà al concept \"ChorusLife\" di Bergamo, modello di “quartiere del futuro” che promuove la sostenibilità, la condivisione e la socializzazione, combinando servizi e offrendo vantaggi sia alle funzioni aeroportuali che ai frequentatori collegando l’aeroporto a un inedito e affascinante scenario \"verde e blu\" rappresentato dall'Idroscalo e dalle ampie aree verdi, ideale per offrire opportunità di svago e relax per tutti i milanesi e non solo.\r\n\r\n«Con questo progetto completiamo il restyling di Linate - spiega Armando Brunini, amministratore delegato di Sea Milan Airports -. Dopo il nuovo layout dell’aerostazione e le nuove tecnologie sulle quali abbiamo investito, l’ultima è il Face Boarding che rende le procedure d’imbarco sempre più comode e veloci, con il Linate Airport District completiamo i servizi offerti dall’aeroporto, miglioriamo gli spazi e le infrastrutture per i nostri dipendenti e per tutti gli altri operatori aeroportuali e li rendiamo facilmente accessibili anche a tutti i cittadini».","post_title":"Linate Airport District: investimento da 130 mln di euro per il quartiere green, pronto nel 2027","post_date":"2024-06-12T10:58:37+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1718189917000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469306","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una settimana, giorno più, giorno meno: è il tempo che separa Ita Airways e Lufthansa dalla decisione dell'Antitrust Ue sull'attesa operazione di ingresso dei tedeschi nel capitale della compagnia aerea italiana.\r\n\r\nCome si legge da Il Corriere della Sera, offerte e contro offerte sarebbero terminate e sul tavolo di Bruxelles restano i rimedi proposti da Lufthansa e dal Tesoro: da una parte la questione Linate che vede la rinuncia a 34 voli di andata e ritorno giornalieri con l'ingresso di easyJet e Volotea su alcune rotte, in qualità di remedy taker sul city airport milanese e su Roma Fiumicino; dall'altra la spinosa questione dei voli transatlantici: Ita rimarrà esclusa dalla jv di Lufthansa con United Airlines ed Air Canada per due anni, non per sempre come auspicato dall'Ue.\r\nL'incontro con i sindacati\r\nSecondo Antonino Turicchi, presidente di Ita Airways, tutto ciò dovrebbe portare ad un parere favorevole da parte di Bruxelles: questa la rassicurazione che ieri è arrivata ai sindacata durante l'incontro con i vertici della compagnia aerea italiana.\r\n\r\n«L’incontro è stato abbastanza positivo, lo stato dell’azienda è buono, 36% in più di ricavi rispetto al 2023. Con questi dati si deve necessariamente ragionare su investimenti, apertura nuove rotte, aumento numero aerei di lungo raggio, nuove assunzioni e il rinnovo contratto nazionale», ha commentato il segretario nazionale Filt Cgil Fabrizio Cuscito.\r\n\r\n«Auspichiamo l’Ue dimostri finalmente buon senso, se così non fosse il governo italiano dovrà intervenire con forza per individuare altre soluzioni in fretta», commenta Ivan Viglietti, segretario nazionale Uilt.\r\n\r\nNelle casse del vettore ci sono 420 milioni di euro - erano 450 milioni a fine 2023 - e altri 240 milioni arriveranno come finanziamento per acquistare gli aeromobili di proprietà. Nell’incontro i vertici di Ita hanno anche confermato di essere a lavoro per l’apertura della rotta Roma-Bangkok nonché e di essere alla ricerca di altri velivoli di lungo raggio per rafforzare i più redditizi collegamenti intercontinentali.\r\n\r\n ","post_title":"Ita Airways-Lufthansa: entro una settimana la decisione dell'Ue","post_date":"2024-06-12T09:50:29+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1718185829000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469230","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' Alpitour World a occuparsi del viaggio, dell’accoglienza e della permanenza dei ragazzi e delle famiglie di Pizzaut, che in questi giorni, insieme al fondatore della Onlus, Nico Acampora, sono impegnati a parlare di inclusione all'Onu. Il tutto è stato organizzato da Neos, compagnia aerea del gruppo, nonché dal brand Turisanda1924, con il supporto dei fornitori Teamamerica per il soggiorno e Volatour per tutti i servizi in destinazione.\r\n\r\n“Alpitour World ci ha consentito un’esperienza unica e per questa opportunità esprimiamo loro tutta la nostra gratitudine - esordisce lo stesso Nico Acampora -. L’unicità del loro contributo non sta solo nell’averci supportato nell’organizzazione di questa straordinaria esperienza, ma nella volontà di iniziare con PizzAut una reale collaborazione che ci vedrà lavorare insieme con attività concrete. Viaggiare con ragazzi e ragazze autistiche può non essere semplice, le situazioni più comuni possono generare sgomento in loro e occorre essere preparati a gestire varie situazioni. La sensibilità dimostrata da Alpitour World su questo tema ci convince ancora di più che lavorare per un mondo più inclusivo sia la strada giusta e che percorrerla anche con le aziende è possibile e utile”.\r\n\r\nAlpitour World si impegna da oltre 75 anni ad agire in modo responsabile insieme ai propri partner e ai propri clienti operando con cura nei confronti delle persone e delle comunità, nella convinzione che la bellezza del mondo debba essere per tutti. Per questo il gruppo, attraverso le sue divisioni e i suoi brand, si assicura ogni giorno di offrire sostegno alle comunità locali e dar vita ad attività concrete per rendere le esperienze di viaggio accessibili a un numero sempre più ampio di persone, ognuno con le proprie unicità. Tra questi, solo per citarne alcuni, il progetto Vacanze Accessibili – Senza Barriere, promosso dai brand Alpitour, Francorosso e Bravo con l’associazione Handy Superabile, per raccogliere le esigenze dei clienti con disabilità motoria e/o sensoriale e verificare la fruibilità dei servizi presenti nei singoli villaggi e quello con Aic, l’Associazione italiana celiachia, che nasce per permettere a tutti di vivere una vacanza serena grazie alla presenza di strutture che aderiscono al network Alimentazione fuori casa. “Abbiamo deciso di avviare questa collaborazione perché crediamo che essere in viaggio significhi dare a tutti la possibilità di scoprire il mondo, imparare a conoscerlo e viverlo, facendone pienamente parte\", aggiunge Gabriele Burgio, presidente e amministratore delegato di Alpitour World.","post_title":"Alpitour avvia una collaborazione con Pizzaut all'insegna dell'inclusione","post_date":"2024-06-11T10:42:16+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1718102536000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469125","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà ubicato nel quartiere Navile, nell’area dell'ex mercato ortofrutticolo a nord del centro storico, a pochi minuti dalla stazione Centrale e a circa tre chilometri dall’area dell’università, il Cx Bologna Navile, nuova residenza per studenti a Bologna che sarà inaugurata a settembre 2026 da CampusX. \r\n\r\nLa nuova struttura si estenderà su una superficie lorda di 21.342 metri quadrati per un investimento totale di circa 70 milioni di euro. Il Cx Bologna Navile si inserisce in un importante intervento di riqualificazione urbana. Il progetto arricchirà l’offerta di servizi nel quartiere Navile con ampie aree verdi, edifici residenziali, scuole, poliambulatori e centri sportivi intorno a piazza Lucio Dalla, nata dalla riqualificazione della tettoia Nervi.\r\n\r\nGli alloggi si divideranno in camere singole, camere doppie e camere singole prive di barriere architettoniche, tutte dotate di bagno privato e angolo cottura, per un’offerta complessiva di 633 posti letto organizzati nelle seguenti tipologie: 152 posti letto in 38 appartamenti in co-living, ognuna in grado di ospitare fino a quattro studenti; 313 camere Studio in stile monolocale con bagno e cucina; 30 camere Studio Large con bagno e cucina; 54 camere doppie per soggiorni brevi. Il piano terra offrirà inoltre pareti vetrate che metteranno in comunicazione l’ambiente privato interno con lo spazio pubblico esterno, ospitando spazi comuni e di aggregazione, quali sale studio, sale svago, palestra, aree ristoro e relax. Ai piani superiori si svilupperanno gli alloggi per studenti, di cui una piccola porzione nell’angolo sud-ovest sarà destinata alla ricettività a breve termine. Due grandi terrazze panoramiche completeranno il progetto, dando la possibilità di avere zone esterne per studio e sport agli ospiti.\r\n\r\nIl Cx Bologna Navile sarà composta da un edificio a forma di U, i cui elementi architettonici saranno composti da una struttura di quattro piani fuori terra sul prospetto sud ovest con accesso in via Zurlini, mentre sul lato est, lungo via Insolera, si ergerà di cinque piani fuori terra. In corrispondenza delle due estremità della particolare forma a “U” ed esattamente nell’angolo a sud-est, completeranno il progetto architettonico tre torri di dieci piani. L’intero impianto progettuale disporrà di un accesso interrato che ospiterà i parcheggi auto, bici e i locali tecnici. L’intero impianto progettuale rientra in pieno nella certificazione Breeam very good.\r\n\r\n \r\n\r\nL’iniziativa nasce dalla collaborazione di CampusX con Techbau, che ricopre i ruoli di developer e di general contractor. Le due società hanno già collaborato per la recente realizzazione della struttura Cx Milan NoM, aperta nel primo semestre di quest'anno e dotata di 938 camere, un imponente sviluppo da 26.000 mq e 70 mln di investimento.\r\n\r\n“Siamo molto fieri di questa nuova tappa nel percorso di sviluppo della nostra società, che nel 2026 avrà in portafoglio 16 strutture e circa 10 mila posti letto\", spiega il presidente di CampusX, Ernesto Albanese. “Abbiamo fortemente voluto che l’ingresso di Cx sulla piazza di Bologna avvenisse con un’operazione molto importante, sia per la posizione strategica sia per la dimensione della struttura - gli fa eco il ceo della compagnia, Samuele Annibali -. Abbiamo partecipato attivamente, anche investendo importanti risorse, a tutte le fasi preliminari di questo progetto, a conferma del fatto che la nostra società non è solo una piattaforma di gestione di hybrid hospitality, ma anche un promotore di operazioni immobiliari. Il 2024 è stato un altro anno importante per noi e si concluderà con l’apertura a Trieste della decima struttura Cx Campus & Hotel”.\r\n\r\n ","post_title":"CampusX sbarca a Bologna con una nuova residenza ibrida per studenti da 633 posti letto","post_date":"2024-06-10T10:21:17+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1718014877000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"469057","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Rendere i territori, anche quelli detti con un'espressione poco fortunata  minori, turisticamente fruibili. Il tutto, dando vita a forme di economia circolare, basate su un'offerta capace di coniugare il soggiorno di breve o medio periodo con le esperienze più varie: digital detox, escursioni nella natura, visite ai musei, degustazioni enogastronomiche, turismo delle radici e molto altro ancora. E' questo l'obiettivo di un destination manager come Giancarlo Dell'Orco, tra i soci fondatori di Assidema, la nuova associazione dedicata a questa professione emergente:  \"Personalmente, ho scelto di dedicarmi soprattutto alle aree minori, perché sono convinto che partendo dal piccolo, imparando a gestirlo e a valorizzarlo, si può poi successivamente passare anche al grande\".\r\n\r\nL'obiettivo di Dell'Orco è quello di creare una governance del territorio, in grado di integrare al meglio pubblico e privato, domanda e offerta: \"Da qui l'idea dell'impresa di comunità, quale forma alla base di consorzi, cooperative e società capaci sia di gestire i fondi istituzionali, come per esempio quelli legati al Pnrr, sia di rafforzare i piccoli imprenditori locali\". L'attività di Dell'Orco, fondatore tra le altre cose della cooperativa grossetana Coopera e del #Progetto Borghi per la valorizzazione dei piccoli centri urbani, si è per esempio concretizzata in una serie di programmi prototipo nella Maremma Toscana: \"Abbiamo messo insieme alcuni comuni del territorio per creare un'offerta in grado di aggiungersi a quella balneare più tradizionale, anche in risposta al fenomeno overtourism. L'attività ha incluso pure il recupero di alcuni immobili, riconvertiti per varie tipologie di esigenze ricettive, comprese quelle legate allo smart working o alla gestione di proprietà acquisite da stranieri\".\r\n\r\nMa il valore delle imprese di comunità, prosegue Dell'Orco, \"sta anche nella loro capacità di generare metriche affidabili, in grado di misurare l'impatto economico delle varie attività e quindi di attirare nel medio periodo ulteriori investimenti. Come per esempio è già avvenuto con Wind in relazione al progetto smart working. L'idea di fondo è che se l'introduzione negli anni '80 del modello agrituristico ha salvaguardato un'importante quota di campagne di italiane, oggi occorre creare nuovi modelli capaci di evitare lo spopolamento di molti borghi delle aree interne. Magari anche creando connessioni virtuose con i principali centri metropolitani della Penisola, per incentivare un turismo di prossimità oggi sempre più popolare\".\r\n\r\nIn tale contesto Assidema potrà quindi giocare un ruolo importante: \"Prima di tutto tutelando la figura del destination manager - conferma Dell'Orco -, nonché facendo crescere nuove generazioni di professionisti. Creando inoltre connessioni proficue tra dmc, tour operator, agenzie di viaggi e l'ingente mole di offerta frammentata già presente sui nostri territori. Tra gli obiettivi c'è infine l'idea di vedere il nostro ruolo riconosciuto con un codice Ateco ad hoc, necessario per avere le garanzie utili a stringere accordi anche finanziari, nonché magari persino con la creazione di un albo professionale dedicato\".","post_title":"Dell'Orco, Assidema: partire dal piccolo per imparare a gestire il grande","post_date":"2024-06-07T11:53:40+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1717761220000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468967","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Gruppo Una presenta il rinnovato Maison Roma Piazza di Spagna Una Esperienze. Dopo un’attenta operazione di renaming e restyling il piccolo boutique hotel 4 stelle di design, già Hotel Art by the Spanish Steps, propone ai propri ospiti una nuova esperienza negli spazi ricavati da un collegio religioso, dove il sacro incontra il profano, l’antico il moderno.\r\n\r\nLa direttrice Francesca Fiumanò ripercorre l’operazione: \"Il nome rende giustizia all’hotel per tre motivi: maison è il temine internazionale per casa e parla di un’accoglienza familiare; nell’agio e nell’eleganza i nostri ospiti trovano un’attenzione personalizzata e dedicata. L’esperienza è parte del brand, perché ogni soggiorno è un’occasione unica e irripetibile. La location, Roma Piazza di Spagna, non ha infine bisogno di presentazioni. L’albergo si trova in una posizione eccezionale: a metà strada tra piazza del Popolo e piazza di Spagna, affacciato su via Margutta, la storica via degli artisti e degli artigiani. Sin dal momento dell’arrivo i nostri ospiti apprezzano la pace e la serenità della zona, anche se è vicinissima alle attrazioni principali della città\".\r\n\r\nFiumanò è stata scelta dal gruppo per guidare questa nuova avventura “per il suo human touch e per il suo gusto e capacità di interpretare il genius loci\", sottolinea l’a.d. del Gruppo Una Giorgio Marchegiani. Il Maison Roma dispone di 46 camere di diverse categorie, adatte a soddisfare le esigenze degli ospiti che scelgono il nostro hotel per una vacanza da soli o con la famiglia, ma anche per un soggiorno di lavoro. La hall, un tempo la cappella dell’istituto, viene utilizzata per molteplici scopi: dai cocktail conviviali proposti dal bar Margutta agli interessanti workshop organizzati dall’associazione Botteghiamo per scoprire le arti antiche, come la pittura con l’oro. Ogni mattina Maison Roma si concentra sul momento della colazione, richiamando il concetto di casa.\r\n\r\n\"Una delle caratteristiche della nostra compagnia è il sottolineare l’importanza dei prodotti autentici, come i dolci appena sfornati dalla nostra cuoca - aggiunge Francesca Fiumanò -. La struttura offre poi una bellissima corte che può ospitare colazioni, aperitivi ed eventi di ogni genere e anche uno spazio meeting non convenzionale adatto a piccole riunioni».\r\n\r\n\"Con il Maison Roma sono diventati quattro gli hotel del nostro gruppo nella capitale - riprende Marchegiani -. Fino al 2021 avevamo solo il Decò, vicino alla stazione Termini, quindi sono stati inseriti l'Art (oggi appunto Maison Roma), l’Empire (dietro a Via Veneto) e nel 2022 è stato aperto l’hotel di Trastevere, con la sua splendida terrazza. Roma è una città molto importante per noi, così come per il turismo italiano. Grazie alla posizione dei nostri hotel vogliamo portare valori come il legame con il territorio accogliendo nei diversi rioni del centro storico i turisti italiani e quelli stranieri, che rappresentano circa la metà del flusso turistico. Roma è un pezzetto del Gruppo Una, oggi composto da 53 strutture esclusivamente in Italia: 34 gestite direttamente da noi e 19 in franchising, a cui presto se ne aggiungeranno altre due: una a Siracusa, vicino al castello Maniace, l’apertura è prevista tra qualche settimana, l’altra vicino a Matera. Con le nostre 5.800 camere siamo la più grande catena di hotellerie italiana per dimensione. Nel 2023 abbiamo registrato un fatturato di 208 milioni di euro, con un utile netto di 25 milioni\".\r\n\r\n[gallery ids=\"468968,468976,468975,468973,468971,468970\"]","post_title":"Una Esperienze: dal restyling dell'Art nasce il nuovo Maison Roma","post_date":"2024-06-06T13:27:35+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1717680455000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468931","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Liguria rafforza i collegamenti ferroviari per tutta la stagione estiva.\r\n\r\n «Con il nuovo orario estivo aumentano i collegamenti da e per la Liguria – spiega Augusto Sartori, assessore regionale ai Trasporti e al Turismo -  con i nostri treni regionali che renderanno tutte le nostre località delle mete ancor più facilmente raggiungibili sia da chi vuole venire a soggiornare per una vacanza sia per chi decide di concedersi una gita anche di una sola giornata. La Liguria aspetta i suoi ospiti nel segno del mare pulito, delle escursioni a contatto con la natura incontaminata, dell'ottimo cibo e del sano divertimento».\r\n\r\nIl nuovo orario estivo di Trenitalia, a partire da domenica prossima, vedrà potenziati i servizi nelle fasce orarie serali e notturne nel fine settimana nelle tratte Sestri Levante - La Spezia, Recco - Sestri Levante, Savona-Ventimiglia (in entrambe le direzioni) in tutto il periodo estivo fino al 15/16 settembre. Oltre a questo, saranno implementate, anche in orario diurno, le corse da Genova Brignole per Sestri Levante nei fine settimana e nei giorni festivi e da Genova Piazza Principe a Savona il sabato e, infine, saranno prolungare le corse di nove collegamenti 5 Terre Express nella tratta da Levanto a Sestri Levante.","post_title":"Liguria, dal 9 giugno rafforzati collegamenti ferroviari per tutta l’estate","post_date":"2024-06-06T11:09:55+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1717672195000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468826","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Consiglio di Stato ha annullato l’addizionale comunale di 2,50 euro, che era stata introdotta dal Comune di Venezia per i passeggeri in partenza dall’aeroporto Marco Polo. La decisione finale è arrivata dopo l’appello della Save, società di gestione dell'aeroporto, e di diverse compagnie aeree.\r\n\r\nSoddisfatta della decisione è Ryanair che \"accoglie con favore la decisione del Consiglio di Stato di eliminare l'eccessivo aumento del 38% imposto dal Comune di Venezia ai passeggeri in partenza dall'aeroporto Marco Polo di Venezia - ha dichiarato Jason McGuinness, cco della low cost irlandese -. Questa è un'ottima notizia per la città di Venezia, i suoi cittadini e i visitatori che beneficeranno dell'aumento della connettività nazionale e internazionale, del traffico, del turismo e delle tariffe basse di Ryanair nella stagione invernale, oltre a continuare a beneficiare dell'investimento di 400 milioni di dollari di Ryanair (4 aeromobili) a Venezia per l'estate ‘24, che altrimenti sarebbe andato perso a causa di questo eccessivo aumento delle tasse\".\r\n\r\nIl cco ricorda che durante la scorsa stagione estiva la compagnia aerea ha rimosso 1 aeromobile e chiuso 6 rotte da e per l'aeroporto Marco Polo di Venezia a causa dell'eccessivo aumento delle tasse, con ulteriori tagli previsti per la prossima stagione invernale, tra cui una potenziale chiusura della base.\r\n\r\n\"Ma, a seguito della decisione del Consiglio di Stato di eliminare questo eccessivo aumento delle tasse, Ryanair implementerà un operativo completo da/per l'aeroporto Marco Polo di Venezia questo inverno, proteggendo i posti di lavoro locali e la connettività a basso costo. Si tratta di una gradita inversione di tendenza rispetto a ciò che Venezia Marco Polo avrebbe potuto affrontare quest'inverno, compresa una potenziale chiusura della base invernale, se avessero continuato a imporre questo eccessivo aumento delle tasse.\r\nCi auguriamo che il Comune di Venezia se ne accorga presto e segua l'esempio del vicino aeroporto di Trieste, che quest'inverno beneficerà del +50% di capacità di Ryanair, come conseguenza diretta della sensata decisione della Regione Friuli-Venezia Giulia di abolire l’addizionale municipale, in modo che Venezia Marco Polo possa beneficiare tutto l'anno di capacità, traffico, e crescita del turismo\".","post_title":"Aeroporto Venezia: il Consiglio di Stato annulla gli aumenti delle tasse sui biglietti","post_date":"2024-06-05T08:44:10+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1717577050000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468765","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aprirà ufficialmente i propri battenti domani il nuovo Mercure Roma Cinecittà. Situato a 8 chilometri dall’aeroporto di Ciampino, la struttura occupa una posizione strategica, a breve distanza dagli storici studi cinematografici e dalla fermata della metropolitana. Offre 126 camere, parcheggio sotterraneo, tre sale riunioni con luce naturale, palestra e un’area dedicata allo smart working. Presente pure un all day dining ispirato agli storici locali romani frequentati e amati da attori e attrici.\r\n\r\nCome suggerito dal suo stesso nome, l'hotel si rifà infatti al mondo del cinema. Le camere sono state  per esempio progettato evocando l'atmosfera dei set. Lo studio di Interior Design Aelan ha introdotto elementi distintivi, tra cui una carta da parati disegnata su misura: un canvas nel quale gli sketch di luoghi e personaggi prendono vita, con una forte ispirazione Felliniana. Artworks commissionati per raccontare la storia del cinema italiano anche ai turisti internazionali, completano inoltre l’atmosfera. La narrativa a tema prosegue negli elementi introdotti negli spazi di circolazione dell’albergo ma con un’astrazione ulteriore: i corridoi si rivestono infatti di carte da parati che traducono le geometrie delle facciate degli studios di Cinecittà in opere grafiche, arricchite dalle iconiche righe del cinema, pattern chiave di tutto l’intervento di restyling. Il Mercure Cinecittà All Day Dining è infine pensato come un luogo frequentato da movie stars.\r\n\r\nLa struttura nasce da un accordo di franchising tra Accor e Amapa, società partner di lunga data del gruppo transalpino, con cui sono già stati sviluppati altri nove alberghi nella Penisola. Nei prossimi anni, Accor e Amapa prevedono di aprire cinque ulteriori hotel nel Nord e nel Centro Italia.\r\n\r\n ","post_title":"Apre domani a Roma il nuovo Mercure Cinecittà","post_date":"2024-06-04T12:17:47+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1717503467000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti