9 December 2022

La Btc trasloca a Roma

[ 0 ]

Sarà la nuova Fiera di Roma la sede della prossima edizione della Borsa del turismo congressuale. Ad annunciarlo ufficialmente Lorenzo Cagnoni, presidente di Rimini Fiera: «Non è stato facile decidere di spostare la Btc a Roma – spiega Cagnoni – anche per tutti gli elementi di natura politica che entrano in causa quando si analizza un simile cambiamento. La decisione è stata comunque presa solo in base alla pura logica di mercato, per cui la Capitale è stata ritenuta la migliore nell’ottica dello sviluppo e della competizione internazionale con le manifestazioni di Francoforte e Barcellona».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435167 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo la chiusura della 14ma edizione, BTO- Be Travel Online annuncia le prossime date: sempre a Firenze, alla Stazione Leopolda, il 22 e 23 novembre 2023. Ancora da scoprire i focus del programma del prossimo anno, che arriverà sulla scia del successo della edizione 2022, che ha visto complessivamente oltre 13mila accessi e ha raggiunto sui social 500mila persone con i contenuti creati sui panel degli oltre 320 relatori intervenuti.  Il metaturismo non è mai in competizione con il viaggio Il metaverso, vero protagonista dell'edizione 2022 di BTO è "un'evoluzione, più che una rivoluzione. Ed è un'opportunità, più che una problematica da affrontare", ha chiarito in apertura Francesco Tapinassi, direttore scientifico della manifestazione. Si tratta di una realtà coinvolgerà non solo il mondo del turismo ma anche quello del lavoro, della formazione, dell'entertainment. Secondo Tapinassi,  "il metaturismo modificherà i modelli di fruizione delle informazioni e delle esperienze digitali di ognuno, anche dei turisti, mettendo in chiaro cosa siamo davvero in grado di offrire". Non un nemico del turismo, quindi, bensì una leva, una nuova opportunità per aumentare la competitività della destinazione e dell'offerta turistica. "Il metaturismo non sarà mai una realtà capace di sostituire l'esperienza reale e umana: non esiste una virtualizzazione delle sensazioni capace di proporsi come alternativa all'esperienza vissuta - chiarisce Tapinassi -. La partita si giocherà in una nuova interfaccia uomo-macchina che renderà possibile per un viaggiatore avere molte più informazioni di prima, sperimentare prima di viaggiare alcune esperienze, accedere a percorsi di scelta più trasparenti ma senza creare competizione con il viaggio vero e proprio".   [gallery ids="435565,435564,435563"] Gli altri focus dell'edizione 2022 Una delle tendenza su cui BTO ha acceso i riflettori è sicuramente il nomadismo digitale: un mercato in forte crescita che sta cambiando l'approccio dei player del settore. Le stime arrivano dall’Associazione Italiana Nomadi Digitali – ETS, presieduta da Alberto Mattei, e parlano di 35 milioni di nomadi digitali e un reddito pro capite medio di 1800 dollari al mese: se fosse uno Stato quello dei nomadi digitali sarebbe il 41/esimo al mondo e il 38/esimo più ricco. I driver che guidano la scelta della meta oggi sono la sostenibilità, l’esperienza enogastronomica e il posizionamento sul web. Il 52% degli italiani infatti dichiara di prenotare le proprie vacanze online, e la scelta della meta turistica avviene in maniera prevalente sui siti istituzionali (36%), sui blog e sui forum di viaggi (33%) e sui social (13%). Secondo una ricerca presentata in esclusiva alla 14/esima edizione di BTO da Ipsos, l’enogastronomia cresce tra le motivazioni che guidano la scelta della meta (25%) ed è una prerogativa soprattutto per chi opta per una vacanza in Italia. Il nostro Paese mantiene la quarta posizione a livello mondiale come brand, risultato di un mix tra bellezza naturale, qualità della vita, ma anche affidabilità. Anche l’export si conferma come elemento che genera attrazione turistica.   Il fenomeno Great Resignation Un altro fenomeno che è stato analizzato è quello del Great Resignation, ossia il progressivo aumento del numero di dimissioni dei lavoratori dal proprio impiego, che sta segnando anche il comparto del turismo. Come emerso dalla presentazione di Monica Lasaponara, Escape Coach, nel corso del panel “Il tempo contro-verso”, l'85% delle persone nel mondo non è soddisfatto del proprio lavoro. La percentuale italiana è del 94%: nel nostro Paese per tre lavoratori su quattro il lavoro significa ansia e stress. Tra i settori più colpiti c’è proprio quello del turismo: si cerca un miglior equilibrio tra vita privata e professionale. Lo studio di Intesa Sanpaolo conferma il dato: il turismo è il settore in cui si fa più fatica a trovare professionisti.   [post_title] => BTO: i focus della 14ma edizione e le nuove date del 2023 [post_date] => 2022-12-06T14:59:05+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie [1] => senza-categoria ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie [1] => Senza categoria ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670338745000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435026 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La 14esima edizione di BTO - Be Travel Onlife è partita oggi a Firenze, nella location della Stazione Leopolda. Tra i temi caldi in programma, le opportunità offerte alle imprese del settore turismo dal metaverso, le declinazioni del nomadismo digitale, la nuova centralità della sostenibilità e del benessere mentale, le nuove forme del turismo e la valorizzazione delle destinazioni e del prodotto turistico attraverso l'enogastronomia. L'evento di Regione Toscana e Camera di Commercio di Firenze, è stato organizzato a cura di Toscana Promozione Turistica, PromoFirenze e Fondazione Sistema Toscana.  Quest'anno è stata prevista l'opportunità di partecipare alla manifestazione sotto forma di avatar, accedendo in modalità cross-device da Pc, Smartphone e Visori VR attraverso un Qrcode/link che viene fornito dopo le presentazioni. "Oggi cerchiamo di capire perché il metaturismo è un'evoluzione, più che una rivoluzione, e perché è un'opportunità, non un pericolo", ha esordito Francesco Tapinassi, direttore scientifico, durante il panel di apertura della manifestazione. Denso il programma di previsti: 100 eventi tra approfondimenti, workshop e speech futuristici per conoscere le nuove tendenze su tecnologia applicata al travel, destinazioni, professioni, modi di viaggiare. La Stazione Leopolda, in pieno clima futuristico, ospita in questi due giorni una serie di spettacolari installazioni grazie alla creatività di La Jetée. Un colonnato “parlante” introduce i visitatori anticipando le aree tematiche della manifestazione grazie alla tecnologia della realtà aumentata, mentre all’interno è possibile fare “conoscenza virtuale” di alcuni tra i principali speaker semplicemente inquadrando il badge identificativo o le rispettive copie “fotografiche” riportate a grandezza naturale su un wall, accedendo così alla presentazione del panel attraverso la loro viva voce. Interessante anche Meta-BTO realizzata da Carraro Lab, che crea un'integrazione tra eventi fisici e virtuali attraverso la creazione di un duplicato virtuale della Leopolda, con avatar e ambienti 3D che interagiscono con relatori e partecipanti presenti. "Istituzioni, imprese, operatori sono in questi due giorni a Firenze per confrontarsi e discutere e portare le loro esperienze - spiega l'assessore al Turismo della Regione Toscana, Leonardo Marras - Siamo ospiti e beneficiari di questo momento globale  di riflessione da cui trarre il massimo profitto in termini di conoscenza, esperienza, ispirazioni e coerenza nelle scelte a cui siamo chiamati nei prossimi mesi". L'area tematica hospitality è coordinata da Nicola Zoppi,  mentre quella dedicata al Food&Wine da Roberta Milano. Nell'area destination, i contenuti sono curati da Emma Taveri, mentre quelli della Digital Strategy&Innovation sono stati selezionati e coordinati da Giulia Eremita e Rodolfo Baggio. [post_title] => Al via BTO: due giorni dedicati al futuro del turismo [post_date] => 2022-11-29T12:18:11+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669724291000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434995 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono stati circa 250 , e se non fosse stato per il maltempo sarebbero stati anche di più, gli agenti di viaggio che hanno partecipato lo scorso venerdì alla serata organizzata da Volonline, Teorema Vacanze e Volonclick a Napoli. Dal titolo “Incontrarsi è la magia, non perdersi è la vera favola”, l'evento si è svolto presso la Gold Tower con la presenza di vari partner, tra i quali Msc Crociere, Tap Air Portugal, l'ente del Turismo delle Seychelles e Clikki, la polizza ricaricabile di Spencer & Carter. L'incontro è stato anche l’occasione di annunciare ufficialmente il trasloco dell’ufficio di Pozzuoli del gruppo Volonline nella nuova filiale operativa di Napoli, nel moderno quartiere del centro direzionale Isola. “Il mercato del Sud Italia è molto importante per noi e anche quest’anno ha confermato di essere particolarmente vivace, rappresentando attualmente il 24% del fatturato del gruppo - commenta Luigi Deli, founder & ceo Volonline -. La nostra forza è che siamo considerati alla stregua di un operatore locale, grazie alla nostra struttura e organizzazione e al nostro personale in loco. La scelta di trasferire la filiale da Pozzuoli a Napoli conferma il nostro interesse e la nostra volontà di offrire un servizio ancora più accurato e capillare. Per questo evento abbiamo voluto al nostro fianco alcune delle realtà che credono come noi in questo mercato”. Ma quello di Napoli non è stato l'unico appuntamento realizzato da Volonline per gli agenti. Numerosi sono stati infatti gli eventi organizzati dal gruppo tra ottobre e novembre. A conferma che la compagnia considera fondamentale l’incontro e il confronto con gli adv. Nelle ultime settimane l'operatore è stato infatti protagonista di diversi eventi, come la presentazione a Malpensa Center T1 in collaborazione con Ethiopian Airlines con visita dell’aeromobile della compagnia. Il 10 e 11 novembre ha poi organizzato alcune colazioni vista mare dedicate alle Maldive presso due locali romani, mentre un’altra destinazione importante per il gruppo, Mauritius è stata protagonista della serata organizzata al Vima’s Food di Milano, della chef mauriziana Vima Narrainen.   [post_title] => Volonline: metti una sera a Napoli... A presentare la nuova sede partenopea [post_date] => 2022-11-29T09:48:06+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669715286000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434910 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_412939" align="alignleft" width="300"] Dina Giulia Ravera, presidente e ceo di Destination Italia.[/caption] Destination Italia e Portale Sardegna, entrambe quotate su Euronext Growth Milan, hanno sottoscritto un accordo vincolante finalizzato alla fusione per incorporazione di Portale Sardegna in Destination Italia. L'operazione ha l’obiettivo di creare un gruppo leader nel settore incoming Italia, capace di competere nei mercati internazionali B2B e B2C in diversi segmenti, tra i quali il luxury di alta qualità, attraverso la creazione di economie di scala e la valorizzazione degli asset societari e del know-how tecnologico presenti nelle due realtà. Destination Italia e Portale Sardegna condividono la medesima visione: aggregare due realtà aziendali importanti per l’Italia, ed avviare il percorso di fusione che porterà il Gruppo a diventare un market maker internazionale, in grado di competere sul palcoscenico globale del Travel Tech con i big player in termini discala, tecnologia, portfolio clienti B2B e B2C e focus sul segmento del Luxury Travel, con un bouquet di esperienze turistiche unico in Italia. In termini di mercato, la complementarità tra le due aziende si concretizza nelle grandi opportunità di cross- selling: Destination Italia conta su oltre 1.000 clienti (Tour Operatori internazionali), viaggiatori da oltre 100 paesi ed un network di 10.000 fornitori di servizi turistici locali; Portale Sardegna porta in dote oltre 2,98 milioni di utenti unici annuali ed il network dei Local Expert. La forza del nuovo gruppo consisterà nella capacità di intercettare flussi maggiori di turisti stranieri, aumentare la frequenza di acquisto del “prodotto turistico Italia”, destagionalizzare la domanda, valorizzare tutto il territorio italiano e non solo le destinazioni top e, soprattutto, innalzare il valore medio dei viaggi con la proposizione di esperienze esclusive, tailor- made. Dina Ravera, azionista di riferimento di Destination Italia: “Il Turismo in Italia rappresenta il 13% del PIL (oltre 200 miliardi di euro nel 2019, dato pre-pandemia,) ed ha un potenziale inespresso di circa 100 miliardi di euro annui, in particolare nel segmento luxury che vale circa 2.000 miliardi di euro a livello mondiale, di cui l’Italia intercetta circa l’1,5%. Dati che fanno comprendere quanto sia grande il potenziale del nostro Paese anche alla luce del fatto che, nell’immaginario collettivo, l’Italia è la meta preferita per i turisti di gamma alta e gode di un primato indiscusso per la bellezza dei paesaggi, la storia e l’arte, l’enogastronomia, il design e tutto il Made in Italy. Occorre però valorizzare tutti i territori del nostro Paese, soprattutto quelli ancora poco conosciuti dal turismo luxury: basti pensare, ad esempio, alle splendide Terre Borromee, un mosaico elegante ed esclusivo di isole e laghi, o agli scenari selvaggi tra montagna e mare negli angoli più suggestivi del cuore della Sardegna. [caption id="attachment_378624" align="alignleft" width="300"] Massimiliano Cossu amministratore delegato di Portale Sardegna[/caption] Per far crescere l’export turistico dell’Italia nel mondo, tuttavia, occorre far crescere la competitività delle imprese che gestiscono l’inbound: oggi spicca l’assenza di player in grado di incidere sui flussi turistici globali. Destination Italia, con questa operazione straordinaria, procede lungo il percorso di creazione di un player mondiale nel segmento luxury, radicato in Italia, a vantaggio dell’economia territoriale italiana e a supporto delle PMI. Tutto questo si sposa con la missione di valorizzazione dell’economia del territorio di Intesa San Paolo, che ha dato origine a Destination Italia stessa”. Anche il portfolio tecnologico delle due società è fortemente sinergico. Da parte di Destination Italia, la capacità di automazione delle prenotazioni (machine learning), il canale distributivo machine-to-machine (xml) e le forti competenze in business intelligence consentono di intermediare e gestire prenotazionimassive da parte dei Tour Operator internazionali, insieme alle decine di migliaia di servizi turistici sul territorio italiano; da parte di Portale Sardegna, le tecnologie e competenze prima menzionate vanno a complementare il patrimonio tecnologico del gruppo.«Ritengo che l’operazione di fusione in Destination Italia sia una grande opportunità per la nostra società: per raggiungere grandi obiettivi occorre una massa critica sempre più importante e Top Manager capaci e lungimiranti in grado di puntare ad ambiziosi traguardi - ha commentato Massimiliano Cossu amministratore delegato di Portale Sardegna -. Il matrimonio tra Destination Italia e Portale Sardegna è un passo quasi naturale per due società vocate all’incoming che si completano a vicenda in un modo sorprendente, per gli asset in dotazione a ciascuna delle due realtà. Siamo pronti ad affrontare questa sfida con entusiasmo e determinazione: un altro passo importante della nostra storia ventennale che ci premia per quanto fatto finora e, soprattutto, ci consente di realizzare le nostre ambizioni mettendo a reddito gli importanti investimenti fatti negli anni passati. I risultati raggiunti in termini di ampliamento dell’offerta di nuovi segmenti di prodotto e scalabilità anche in ambito internazionale potranno essere valorizzati dalla forza della nuova realtà che stiamo realizzando». Le parti sono assistite nell’operazione dall’advisor Terzi & Partners, dagli studi legali Alma Società tra Avvocati S.r.l., lo Studio legale Grimaldi e da Integrae SIM in qualità di Euronext Growth Advisor di entrambe le società. [post_title] => Destination Italia incorpora per fusione Portale Sardegna [post_date] => 2022-11-28T10:39:21+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669631961000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434721 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La 14ª edizione del Bto (Be Travel Onlife) torna in presenza con la grande novità del Metaverso. La manifestazione, che si terrà a Firenze il 29 e 30 novembre, sarà un programma ricco di approfondimenti, workshop e speech sul futuro delle nuove tendenze tecnologiche applicate al turismo, ai viaggi, alle destinazioni, alle professioni, ai modi di viaggiare. “Il Bto è un luogo di pensiero, un grande think tank, un momento di riflessione sul dove siamo e dove potremmo andare. Un’edizione molto futuribile dedicata al digitale turistico. – spiega Francesco Tapinassi direttore scientifico di Bto. – Partendo sempre dall’idea che la tecnologia è amica dell’uomo, le esperienze che ci arriveranno da tutto il mondo in queste due giornate serviranno a chiarire quali potenzialità questi strumenti potrebbero mettere in campo”. Sul travel trade, compreso il ricettivo, si aprirebbe una nuova opportunità di promozione, sempre più efficace e più immersiva che rendebbe possibile una scelta più consapevole se optare per un’esperienza virtuale o reale. “Al momento della scelta reale si tornerebbe ai fondamentali del viaggio, – e aggiunge Tapinassi – e cioè del perché si viaggia, perché viaggiando si vuole scoprire, perché il viaggio è un arricchimento interiore. Il Metaverso può essere una tecnologia che accompagna alla scelta del viaggio reale e non a quello virtuale”. Dunque un Bto 2022 in realtà aumentata, consapevolezza, sostenibilità. Secondo le stima di Gartner, entro il 2026 un quarto delle persone trascorrerà almeno un ora al giorno nel Metaverso. E il Bto si presenterà con installazioni spettacolari: un colonnato “parlante” introdurrà i visitatori anticipando le varie tematiche con una realtà aumentata. All’interno sarà possibile fare conoscenza virtuale di alcuni speaker riportati a grandezza naturale su un wall e ascoltare la presentazione dalla loro viva voce. Sarà possibile sperimentare anche un’inedita sinergia tra eventi fisici e virtuali con il Meta–Bto (case history emblematica delle applicazioni del metaverso al turismo Mice). L’intervento inaugurale sul palco della manifestazione comparirà in duplicato virtuale nel grande schermo con avatar e ambienti 3D che interagiscono con i relatori e i partecipanti reali. Altra novità permetterà di visitare personalmente, sottoforma di avatar la rassegna del Metaverso accedendovi in modalità cross–device. La manifestazione prevede inoltre con il Bto On Tour il coinvolgimento degli operatori attivi nei territori attraverso una declinazione di temi dedicati alla hospitality, destiantion, food and wine e innovazione. [post_title] => Bto 2022: nuove forme di turismo tra Metaverso e viaggi insoliti [post_date] => 2022-11-23T15:03:16+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669215796000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434608 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Btm Puglia diventa Btm Italia e si sposta alla fiera del Levante di Bari. Si terrà dall’1 al 3 marzo 2023 la nona edizione di Business tourism management: la manifestazione b2b, dopo anni di crescita interrotta solo dalla pandemia, ha ottenuto il riconoscimento di fiera internazionale da regione Puglia e ha deciso di fare un ulteriore salto di qualità, diventando Btm Italia. Anche la nuova sede rivela maggiori ambizioni: la fiera del Levante di Bari garantisce infatti spazi più ampi e attrezzati rispetto alle precedenti edizioni di Taranto 2022 e Lecce 2020, in un padiglione che permette fino a 4 mila metri quadrati di superficie espositiva. Tre giorni di meeting, think tank, workshop, formazione ed eventi culturali, con l’obiettivo di sviluppare sinergie e networking di valore tra gli operatori principali del settore, imprese e fruitori finali. La lunga lista di appuntamenti tra speech, b2b e panel formativi renderà accessibile ai visitatori la conoscenza di un business costantemente in crescita e la possibilità di sviluppo per brand e piccole e grandi realtà del territorio. Nel programma sono confermate le aree che hanno caratterizzato la fiera nelle scorse edizioni: Btm Gusto, dedicata al turismo enogastronomico, Btm wedding tourism, per gli operatori dei viaggi di nozze, Btm tra le righe, con le presentazioni dei migliori libri sul turismo e Btm4Job, dedicata al mondo del lavoro nel turismo. “Btm ha raggiunto già da alcuni anni una dimensione internazionale - spiega l’ideatore Nevio D’Arpa - in termini di qualità di contenuti, espositori, buyer e visitatori, come testimoniato anche dalla visibilità mediatica che ha assunto negli anni. Il riconoscimento di fiera internazionale è la ciliegina sulla torta del lavoro fatto finora e per questo è giunto il momento di incanalare le potenzialità espresse in un percorso che ne valorizzi il ruolo anche come principale luogo di incontro del turismo b2b del Sud Italia, senza snaturarne le radici. Dopo le edizioni di Lecce e Taranto far approdare Btm a Bari, capoluogo di regione che vanta il quartiere fieristico della fiera del Levante, dal 1930 fulcro degli scambi commerciali del Mediterraneo, ci è parso il modo naturale per incrementare i numeri dell'evento e mantenere solido il legame con la Puglia”. [post_title] => Btm Puglia diventa Btm Italia e sbarca alla fiera del Levante di Bari [post_date] => 2022-11-23T10:15:43+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669198543000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434523 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ottimismo all'interno di Ifema in vista della celebrazione della prossima edizione di Fitur dal 18 al 22 gennaio. Stima una crescita fino al 15% «in tutti i suoi parametri, che sale al 30% nel caso dell'area internazionale». A ciò va aggiunto il supporto di tutti gli attori pubblici e privati ​​della catena del valore del settore.  Il quartiere fieristico assicura che le cifre di partecipazione saranno molto vicine al suo «record storico», e «dimostrerà la sua leadership sia nel calendario internazionale che nella sua posizione di hub con l'America Latina». Va notato che è l'unica grande fiera internazionale del turismo che si è svolta senza interruzioni, anche con la pandemia. Sostenibilità, specializzazione, innovazione e avanguardia saranno gli assi su cui ruoteranno i contenuti della fiera, insieme al lavoro per consolidare la ripresa post-covid. Come sempre, i primi tre giorni (18,19 e 20) saranno dedicati al B2B, mentre il fine settimana sarà incentrato sul cliente (B2C). Proporrà un percorso di dieci grandi sezioni, che permetteranno al professionista di avvicinarsi alla conoscenza e scoprire le opportunità di business offerte dai diversi segmenti della comunicazione con il turismo, rafforzando la proposta di valore della fiera. [post_title] => Fitur: previsioni che indicano una crescita del 15% [post_date] => 2022-11-22T09:56:46+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669111006000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434290 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Metaturismo: è questa la parola chiave della prossima edizione di BTO - Be Travel Online, l'evento di punta dell'innovazione e del turismo in Italia che si terrà a Firenze martedì 29 e mercoledì 30. Il programma risulta ricco di approfondimenti, seminari, workshop e speech futuristici per conoscere le nuove tendenze su tecnologia applicata al travel, destinazioni, professioni e modi di viaggiare. Tra i protagonisti attesi ci sono Alberto Yates, regional director di Booking.com, Roberta Garibaldi, a.d. di Enit, Valentina Quattro, industry relations director Italia & Spagna TheFork, Giacomo Trovato, country manager Italia di Airbnb. "Proponiamo un programma che avrà quattro elementi chiave: hospitality, food&wine, destination, digital strategy&innovation - spiega Francesco Tapinassi, direttore scientifico BTO, durante la conferenza stampa di lancio che si è tenuta a Roma ieri -. Gli interventi sono stati pensati per offrire una risposta al mondo delle imprese e alla domanda su cosa succederà tra due, cinque anni. Affronteremo dibattiti e discussioni importanti per scoprire quale sarà il futuro del turismo". Un futuro in cui il metaverso giocherà un ruolo da protagonista, una rivoluzione destinata a cambiare il concetto di ospitalità, le modalità di pagamento, di ricerca informazioni ma anche quelle di scelta di una destinazione turistica e la fruizione stessa dei luoghi. "Il turismo contribuisce al 13 per cento del PIL - ricorda Giuseppe Tripodi, segretario generale di Unioncamere - ed è una parte fondamentale dell'economia italiana, creando un indotto importante". E non si può parlare oggi di turismo senza affrontare anche temi fortemente correlati, "come la sostenibilità, il digitale, il valore umano - sottolinea Tripodi -. BTO aiuterà a fare il punto sulle opportunità offerte da questo settore, che si sta trasformando fortemente e che si rivolge a tanti target diversi, ognuno con le sue preferenze". [gallery columns="2" ids="434412,434413"] Ogni target risponde a esigenze, desideri, linguaggi, preferenza di canali diversi. "Dopo la pandemia il digitale è diventato fondamentale - spiega Francesco Palumbo, direttore di Fondazione Toscana - e può cambiare l'esperienza anche fisica dei turisti che visitano il nostro Paese". Il ricorso ai big data e ad un'analisi strutturata dei dati raccolti da istituzioni, piattaforme e operatori possono diventare alleati preziosi per uno sviluppo responsabile e pianificato del turismo. "Gli ospiti che visitano il nostro paese - conclude Palumbo - lasciano delle tracce che, attraverso il digitale, possono essere raccolte, interpretate e utilizzate per approntare le strategie future". [post_title] => Manca poco all'edizione 2022 di BTO: i temi in programma e i nomi attesi [post_date] => 2022-11-18T15:09:31+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668784171000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434138 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un recupero al 75% dei livelli 2019 entro fine anno: questa la previsione dell'European Travel Commission (Etc) sul turismo in Europa. Secondo l'analisi, anche le compagnie aeree dell'Unione hanno registrato performance positive durante l'estate, con un volume di voli ad agosto inferiore di appena l'11% ai livelli del 2019.  Una ripresa che proseguirà anche per questo finale di 2022. "Tuttavia, l'inverno non sarà privo di minacce, poiché l'incombente recessione e l'aumento dell'inflazione in tutta Europa peseranno sulla spesa dei consumatori e sulla domanda turistica, ritardando ma non facendo deragliare la ripresa. Il prolungarsi della guerra in Ucraina e le ulteriori restrizioni di viaggio per i turisti russi in tutta Europa ritarderanno inoltre la ripresa nell'Europa orientale", spiega il rapporto ripreso da Schengen Visa. Luís Araújo, presidente dell'Etc, ha poi sottolineato che i viaggi a corto raggio saranno una salvezza per il turismo nei prossimi mesi, poiché un numero maggiore di viaggiatori sceglierà viaggi più brevi e ravvicinati. Per le famiglie con un reddito disponibile più basso sarà più facile viaggiare all'interno dell'Ue, poiché i viaggi nazionali tendono a essere più economici rispetto alle alternative a lunga raggio. I viaggi a corto raggio rappresentano attualmente circa il 72% delle visite totali in Europa.  Per quanto riguarda i viaggi long haul verso l'Ue, la ripresa è ancora è parziale, a causa delle restrizioni ancora in vigore nella regione Asia-Pacifico. Forte e costante, invece, la spinta sulle rotte transatlantiche trainata dai turisti ramericani che beneficiano della forza del dollaro Usa. Tra le destinazioni che hanno superato la domanda di viaggi per il 2019 c'è la Turchia con (+61%), che ha visto il ritorno più consistente, seguita da Portogallo (+17%), Lituania (+7%), Montenegro (+6%) e Polonia (+6%). [post_title] => Europa: i flussi turistici raggiungeranno il 75% dei livelli 2019 entro fine anno [post_date] => 2022-11-15T11:07:09+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668510429000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "la btc trasloca a roma" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":25,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":125,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435167","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo la chiusura della 14ma edizione, BTO- Be Travel Online annuncia le prossime date: sempre a Firenze, alla Stazione Leopolda, il 22 e 23 novembre 2023.\r\nAncora da scoprire i focus del programma del prossimo anno, che arriverà sulla scia del successo della edizione 2022, che ha visto complessivamente oltre 13mila accessi e ha raggiunto sui social 500mila persone con i contenuti creati sui panel degli oltre 320 relatori intervenuti. \r\n\r\nIl metaturismo non è mai in competizione con il viaggio\r\n\r\nIl metaverso, vero protagonista dell'edizione 2022 di BTO è \"un'evoluzione, più che una rivoluzione. Ed è un'opportunità, più che una problematica da affrontare\", ha chiarito in apertura Francesco Tapinassi, direttore scientifico della manifestazione.\r\n\r\nSi tratta di una realtà coinvolgerà non solo il mondo del turismo ma anche quello del lavoro, della formazione, dell'entertainment. Secondo Tapinassi,  \"il metaturismo modificherà i modelli di fruizione delle informazioni e delle esperienze digitali di ognuno, anche dei turisti, mettendo in chiaro cosa siamo davvero in grado di offrire\".\r\n\r\nNon un nemico del turismo, quindi, bensì una leva, una nuova opportunità per aumentare la competitività della destinazione e dell'offerta turistica.\r\n\"Il metaturismo non sarà mai una realtà capace di sostituire l'esperienza reale e umana: non esiste una virtualizzazione delle sensazioni capace di proporsi come alternativa all'esperienza vissuta - chiarisce Tapinassi -. La partita si giocherà in una nuova interfaccia uomo-macchina che renderà possibile per un viaggiatore avere molte più informazioni di prima, sperimentare prima di viaggiare alcune esperienze, accedere a percorsi di scelta più trasparenti ma senza creare competizione con il viaggio vero e proprio\".\r\n\r\n \r\n\r\n[gallery ids=\"435565,435564,435563\"]\r\n\r\nGli altri focus dell'edizione 2022\r\n\r\nUna delle tendenza su cui BTO ha acceso i riflettori è sicuramente il nomadismo digitale: un mercato in forte crescita che sta cambiando l'approccio dei player del settore.\r\n\r\nLe stime arrivano dall’Associazione Italiana Nomadi Digitali – ETS, presieduta da Alberto Mattei, e parlano di 35 milioni di nomadi digitali e un reddito pro capite medio di 1800 dollari al mese: se fosse uno Stato quello dei nomadi digitali sarebbe il 41/esimo al mondo e il 38/esimo più ricco.\r\n\r\nI driver che guidano la scelta della meta oggi sono la sostenibilità, l’esperienza enogastronomica e il posizionamento sul web. Il 52% degli italiani infatti dichiara di prenotare le proprie vacanze online, e la scelta della meta turistica avviene in maniera prevalente sui siti istituzionali (36%), sui blog e sui forum di viaggi (33%) e sui social (13%).\r\n\r\nSecondo una ricerca presentata in esclusiva alla 14/esima edizione di BTO da Ipsos, l’enogastronomia cresce tra le motivazioni che guidano la scelta della meta (25%) ed è una prerogativa soprattutto per chi opta per una vacanza in Italia. Il nostro Paese mantiene la quarta posizione a livello mondiale come brand, risultato di un mix tra bellezza naturale, qualità della vita, ma anche affidabilità. Anche l’export si conferma come elemento che genera attrazione turistica.\r\n\r\n \r\n\r\nIl fenomeno Great Resignation\r\n\r\nUn altro fenomeno che è stato analizzato è quello del Great Resignation, ossia il progressivo aumento del numero di dimissioni dei lavoratori dal proprio impiego, che sta segnando anche il comparto del turismo. Come emerso dalla presentazione di Monica Lasaponara, Escape Coach, nel corso del panel “Il tempo contro-verso”, l'85% delle persone nel mondo non è soddisfatto del proprio lavoro. La percentuale italiana è del 94%: nel nostro Paese per tre lavoratori su quattro il lavoro significa ansia e stress. Tra i settori più colpiti c’è proprio quello del turismo: si cerca un miglior equilibrio tra vita privata e professionale. Lo studio di Intesa Sanpaolo conferma il dato: il turismo è il settore in cui si fa più fatica a trovare professionisti.\r\n\r\n ","post_title":"BTO: i focus della 14ma edizione e le nuove date del 2023","post_date":"2022-12-06T14:59:05+00:00","category":["mercato_e_tecnologie","senza-categoria"],"category_name":["Mercato e tecnologie","Senza categoria"],"post_tag":[]},"sort":[1670338745000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435026","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La 14esima edizione di BTO - Be Travel Onlife è partita oggi a Firenze, nella location della Stazione Leopolda.\r\nTra i temi caldi in programma, le opportunità offerte alle imprese del settore turismo dal metaverso, le declinazioni del nomadismo digitale, la nuova centralità della sostenibilità e del benessere mentale, le nuove forme del turismo e la valorizzazione delle destinazioni e del prodotto turistico attraverso l'enogastronomia.\r\nL'evento di Regione Toscana e Camera di Commercio di Firenze, è stato organizzato a cura di Toscana Promozione Turistica, PromoFirenze e Fondazione Sistema Toscana.  Quest'anno è stata prevista l'opportunità di partecipare alla manifestazione sotto forma di avatar, accedendo in modalità cross-device da Pc, Smartphone e Visori VR attraverso un Qrcode/link che viene fornito dopo le presentazioni.\r\n\"Oggi cerchiamo di capire perché il metaturismo è un'evoluzione, più che una rivoluzione, e perché è un'opportunità, non un pericolo\", ha esordito Francesco Tapinassi, direttore scientifico, durante il panel di apertura della manifestazione.\r\nDenso il programma di previsti: 100 eventi tra approfondimenti, workshop e speech futuristici per conoscere le nuove tendenze su tecnologia applicata al travel, destinazioni, professioni, modi di viaggiare.\r\nLa Stazione Leopolda, in pieno clima futuristico, ospita in questi due giorni una serie di spettacolari installazioni grazie alla creatività di La Jetée. Un colonnato “parlante” introduce i visitatori anticipando le aree tematiche della manifestazione grazie alla tecnologia della realtà aumentata, mentre all’interno è possibile fare “conoscenza virtuale” di alcuni tra i principali speaker semplicemente inquadrando il badge identificativo o le rispettive copie “fotografiche” riportate a grandezza naturale su un wall, accedendo così alla presentazione del panel attraverso la loro viva voce.\r\nInteressante anche Meta-BTO realizzata da Carraro Lab, che crea un'integrazione tra eventi fisici e virtuali attraverso la creazione di un duplicato virtuale della Leopolda, con avatar e ambienti 3D che interagiscono con relatori e partecipanti presenti.\r\n\r\n\"Istituzioni, imprese, operatori sono in questi due giorni a Firenze per confrontarsi e discutere e portare le loro esperienze - spiega l'assessore al Turismo della Regione Toscana, Leonardo Marras - Siamo ospiti e beneficiari di questo momento globale  di riflessione da cui trarre il massimo profitto in termini di conoscenza, esperienza, ispirazioni e coerenza nelle scelte a cui siamo chiamati nei prossimi mesi\".\r\nL'area tematica hospitality è coordinata da Nicola Zoppi,  mentre quella dedicata al Food&Wine da Roberta Milano. Nell'area destination, i contenuti sono curati da Emma Taveri, mentre quelli della Digital Strategy&Innovation sono stati selezionati e coordinati da Giulia Eremita e Rodolfo Baggio.","post_title":"Al via BTO: due giorni dedicati al futuro del turismo","post_date":"2022-11-29T12:18:11+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669724291000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434995","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono stati circa 250 , e se non fosse stato per il maltempo sarebbero stati anche di più, gli agenti di viaggio che hanno partecipato lo scorso venerdì alla serata organizzata da Volonline, Teorema Vacanze e Volonclick a Napoli. Dal titolo “Incontrarsi è la magia, non perdersi è la vera favola”, l'evento si è svolto presso la Gold Tower con la presenza di vari partner, tra i quali Msc Crociere, Tap Air Portugal, l'ente del Turismo delle Seychelles e Clikki, la polizza ricaricabile di Spencer & Carter.\r\n\r\nL'incontro è stato anche l’occasione di annunciare ufficialmente il trasloco dell’ufficio di Pozzuoli del gruppo Volonline nella nuova filiale operativa di Napoli, nel moderno quartiere del centro direzionale Isola. “Il mercato del Sud Italia è molto importante per noi e anche quest’anno ha confermato di essere particolarmente vivace, rappresentando attualmente il 24% del fatturato del gruppo - commenta Luigi Deli, founder & ceo Volonline -. La nostra forza è che siamo considerati alla stregua di un operatore locale, grazie alla nostra struttura e organizzazione e al nostro personale in loco. La scelta di trasferire la filiale da Pozzuoli a Napoli conferma il nostro interesse e la nostra volontà di offrire un servizio ancora più accurato e capillare. Per questo evento abbiamo voluto al nostro fianco alcune delle realtà che credono come noi in questo mercato”.\r\n\r\nMa quello di Napoli non è stato l'unico appuntamento realizzato da Volonline per gli agenti. Numerosi sono stati infatti gli eventi organizzati dal gruppo tra ottobre e novembre. A conferma che la compagnia considera fondamentale l’incontro e il confronto con gli adv. Nelle ultime settimane l'operatore è stato infatti protagonista di diversi eventi, come la presentazione a Malpensa Center T1 in collaborazione con Ethiopian Airlines con visita dell’aeromobile della compagnia. Il 10 e 11 novembre ha poi organizzato alcune colazioni vista mare dedicate alle Maldive presso due locali romani, mentre un’altra destinazione importante per il gruppo, Mauritius è stata protagonista della serata organizzata al Vima’s Food di Milano, della chef mauriziana Vima Narrainen.\r\n\r\n ","post_title":"Volonline: metti una sera a Napoli... A presentare la nuova sede partenopea","post_date":"2022-11-29T09:48:06+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1669715286000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434910","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_412939\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Dina Giulia Ravera, presidente e ceo di Destination Italia.[/caption]\r\n\r\nDestination Italia e Portale Sardegna, entrambe quotate su Euronext Growth Milan, hanno sottoscritto un accordo vincolante finalizzato alla fusione per incorporazione di Portale Sardegna in Destination Italia.\r\n\r\nL'operazione ha l’obiettivo di creare un gruppo leader nel settore incoming Italia, capace di competere nei mercati internazionali B2B e B2C in diversi segmenti, tra i quali il luxury di alta qualità, attraverso la creazione di economie di scala e la valorizzazione degli asset societari e del know-how tecnologico presenti nelle due realtà.\r\n\r\nDestination Italia e Portale Sardegna condividono la medesima visione: aggregare due realtà aziendali importanti per l’Italia, ed avviare il percorso di fusione che porterà il Gruppo a diventare un market maker internazionale, in grado di competere sul palcoscenico globale del Travel Tech con i big player in termini discala, tecnologia, portfolio clienti B2B e B2C e focus sul segmento del Luxury Travel, con un bouquet di esperienze turistiche unico in Italia.\r\n\r\nIn termini di mercato, la complementarità tra le due aziende si concretizza nelle grandi opportunità di cross- selling: Destination Italia conta su oltre 1.000 clienti (Tour Operatori internazionali), viaggiatori da oltre 100 paesi ed un network di 10.000 fornitori di servizi turistici locali; Portale Sardegna porta in dote oltre 2,98 milioni di utenti unici annuali ed il network dei Local Expert. La forza del nuovo gruppo consisterà nella capacità di intercettare flussi maggiori di turisti stranieri, aumentare la frequenza di acquisto del “prodotto turistico Italia”, destagionalizzare la domanda, valorizzare tutto il territorio italiano e non solo le destinazioni top e, soprattutto, innalzare il valore medio dei viaggi con la proposizione di esperienze esclusive, tailor- made.\r\n\r\nDina Ravera, azionista di riferimento di Destination Italia: “Il Turismo in Italia rappresenta il 13% del PIL (oltre 200 miliardi di euro nel 2019, dato pre-pandemia,) ed ha un potenziale inespresso di circa 100 miliardi di euro annui, in particolare nel segmento luxury che vale circa 2.000 miliardi di euro a livello mondiale, di cui l’Italia intercetta circa l’1,5%. Dati che fanno comprendere quanto sia grande il potenziale del nostro Paese anche alla luce del fatto che, nell’immaginario collettivo, l’Italia è la meta preferita per i turisti di gamma alta e gode di un primato indiscusso per la bellezza dei paesaggi, la storia e l’arte, l’enogastronomia, il design e tutto il Made in Italy. Occorre però valorizzare tutti i territori del nostro Paese, soprattutto quelli ancora poco conosciuti dal turismo luxury: basti pensare, ad esempio, alle splendide Terre Borromee, un mosaico elegante ed esclusivo di isole e laghi, o agli scenari selvaggi tra montagna e mare negli angoli più suggestivi del cuore della Sardegna.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_378624\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Massimiliano Cossu amministratore delegato di Portale Sardegna[/caption]\r\n\r\nPer far crescere l’export turistico dell’Italia nel mondo, tuttavia, occorre far crescere la competitività delle imprese che gestiscono l’inbound: oggi spicca l’assenza di player in grado di incidere sui flussi turistici globali. Destination Italia, con questa operazione straordinaria, procede lungo il percorso di creazione di un player mondiale nel segmento luxury, radicato in Italia, a vantaggio dell’economia territoriale italiana e a supporto delle PMI. Tutto questo si sposa con la missione di valorizzazione dell’economia del territorio di Intesa San Paolo, che ha dato origine a Destination Italia stessa”.\r\n\r\nAnche il portfolio tecnologico delle due società è fortemente sinergico. Da parte di Destination Italia, la capacità di automazione delle prenotazioni (machine learning), il canale distributivo machine-to-machine (xml) e le forti competenze in business intelligence consentono di intermediare e gestire prenotazionimassive da parte dei Tour Operator internazionali, insieme alle decine di migliaia di servizi turistici sul territorio italiano; da parte di Portale Sardegna, le tecnologie e competenze prima menzionate vanno a complementare il patrimonio tecnologico del gruppo.«Ritengo che l’operazione di fusione in Destination Italia sia una grande opportunità per la nostra società: per raggiungere grandi obiettivi occorre una massa critica sempre più importante e Top Manager capaci e lungimiranti in grado di puntare ad ambiziosi traguardi - ha commentato Massimiliano Cossu amministratore delegato di Portale Sardegna -. Il matrimonio tra Destination Italia e Portale Sardegna è un passo quasi naturale per due società vocate all’incoming che si completano a vicenda in un modo sorprendente, per gli asset in dotazione a ciascuna delle due realtà. Siamo pronti ad affrontare questa sfida con entusiasmo e determinazione: un altro passo importante della nostra storia ventennale che ci premia per quanto fatto finora e, soprattutto, ci consente di realizzare le nostre ambizioni mettendo a reddito gli importanti investimenti fatti negli anni passati. I risultati raggiunti in termini di ampliamento dell’offerta di nuovi segmenti di prodotto e scalabilità anche in ambito internazionale potranno essere valorizzati dalla forza della nuova realtà che stiamo realizzando».\r\n\r\nLe parti sono assistite nell’operazione dall’advisor Terzi & Partners, dagli studi legali Alma Società tra Avvocati S.r.l., lo Studio legale Grimaldi e da Integrae SIM in qualità di Euronext Growth Advisor di entrambe le società.","post_title":"Destination Italia incorpora per fusione Portale Sardegna","post_date":"2022-11-28T10:39:21+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669631961000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434721","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La 14ª edizione del Bto (Be Travel Onlife) torna in presenza con la grande novità del Metaverso. La manifestazione, che si terrà a Firenze il 29 e 30 novembre, sarà un programma ricco di approfondimenti, workshop e speech sul futuro delle nuove tendenze tecnologiche applicate al turismo, ai viaggi, alle destinazioni, alle professioni, ai modi di viaggiare.\r\n“Il Bto è un luogo di pensiero, un grande think tank, un momento di riflessione sul dove siamo e dove potremmo andare. Un’edizione molto futuribile dedicata al digitale turistico. – spiega Francesco Tapinassi direttore scientifico di Bto. – Partendo sempre dall’idea che la tecnologia è amica dell’uomo, le esperienze che ci arriveranno da tutto il mondo in queste due giornate serviranno a chiarire quali potenzialità questi strumenti potrebbero mettere in campo”.\r\nSul travel trade, compreso il ricettivo, si aprirebbe una nuova opportunità di promozione, sempre più efficace e più immersiva che rendebbe possibile una scelta più consapevole se optare per un’esperienza virtuale o reale.\r\n“Al momento della scelta reale si tornerebbe ai fondamentali del viaggio, – e aggiunge Tapinassi – e cioè del perché si viaggia, perché viaggiando si vuole scoprire, perché il viaggio è un arricchimento interiore. Il Metaverso può essere una tecnologia che accompagna alla scelta del viaggio reale e non a quello virtuale”.\r\nDunque un Bto 2022 in realtà aumentata, consapevolezza, sostenibilità.\r\nSecondo le stima di Gartner, entro il 2026 un quarto delle persone trascorrerà almeno un ora al giorno nel Metaverso.\r\nE il Bto si presenterà con installazioni spettacolari: un colonnato “parlante” introdurrà i visitatori anticipando le varie tematiche con una realtà aumentata. All’interno sarà possibile fare conoscenza virtuale di alcuni speaker riportati a grandezza naturale su un wall e ascoltare la presentazione dalla loro viva voce.\r\nSarà possibile sperimentare anche un’inedita sinergia tra eventi fisici e virtuali con il Meta–Bto (case history emblematica delle applicazioni del metaverso al turismo Mice). L’intervento inaugurale sul palco della manifestazione comparirà in duplicato virtuale nel grande schermo con avatar e ambienti 3D che interagiscono con i relatori e i partecipanti reali. Altra novità permetterà di visitare personalmente, sottoforma di avatar la rassegna del Metaverso accedendovi in modalità cross–device.\r\nLa manifestazione prevede inoltre con il Bto On Tour il coinvolgimento degli operatori attivi nei territori attraverso una declinazione di temi dedicati alla hospitality, destiantion, food and wine e innovazione.","post_title":"Bto 2022: nuove forme di turismo tra Metaverso e viaggi insoliti","post_date":"2022-11-23T15:03:16+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1669215796000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434608","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Btm Puglia diventa Btm Italia e si sposta alla fiera del Levante di Bari. Si terrà dall’1 al 3 marzo 2023 la nona edizione di Business tourism management: la manifestazione b2b, dopo anni di crescita interrotta solo dalla pandemia, ha ottenuto il riconoscimento di fiera internazionale da regione Puglia e ha deciso di fare un ulteriore salto di qualità, diventando Btm Italia. Anche la nuova sede rivela maggiori ambizioni: la fiera del Levante di Bari garantisce infatti spazi più ampi e attrezzati rispetto alle precedenti edizioni di Taranto 2022 e Lecce 2020, in un padiglione che permette fino a 4 mila metri quadrati di superficie espositiva.\r\n\r\nTre giorni di meeting, think tank, workshop, formazione ed eventi culturali, con l’obiettivo di sviluppare sinergie e networking di valore tra gli operatori principali del settore, imprese e fruitori finali. La lunga lista di appuntamenti tra speech, b2b e panel formativi renderà accessibile ai visitatori la conoscenza di un business costantemente in crescita e la possibilità di sviluppo per brand e piccole e grandi realtà del territorio. Nel programma sono confermate le aree che hanno caratterizzato la fiera nelle scorse edizioni: Btm Gusto, dedicata al turismo enogastronomico, Btm wedding tourism, per gli operatori dei viaggi di nozze, Btm tra le righe, con le presentazioni dei migliori libri sul turismo e Btm4Job, dedicata al mondo del lavoro nel turismo.\r\n\r\n“Btm ha raggiunto già da alcuni anni una dimensione internazionale - spiega l’ideatore Nevio D’Arpa - in termini di qualità di contenuti, espositori, buyer e visitatori, come testimoniato anche dalla visibilità mediatica che ha assunto negli anni. Il riconoscimento di fiera internazionale è la ciliegina sulla torta del lavoro fatto finora e per questo è giunto il momento di incanalare le potenzialità espresse in un percorso che ne valorizzi il ruolo anche come principale luogo di incontro del turismo b2b del Sud Italia, senza snaturarne le radici. Dopo le edizioni di Lecce e Taranto far approdare Btm a Bari, capoluogo di regione che vanta il quartiere fieristico della fiera del Levante, dal 1930 fulcro degli scambi commerciali del Mediterraneo, ci è parso il modo naturale per incrementare i numeri dell'evento e mantenere solido il legame con la Puglia”.","post_title":"Btm Puglia diventa Btm Italia e sbarca alla fiera del Levante di Bari","post_date":"2022-11-23T10:15:43+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1669198543000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434523","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ottimismo all'interno di Ifema in vista della celebrazione della prossima edizione di Fitur dal 18 al 22 gennaio. Stima una crescita fino al 15% «in tutti i suoi parametri, che sale al 30% nel caso dell'area internazionale». A ciò va aggiunto il supporto di tutti gli attori pubblici e privati ​​della catena del valore del settore. \r\n\r\nIl quartiere fieristico assicura che le cifre di partecipazione saranno molto vicine al suo «record storico», e «dimostrerà la sua leadership sia nel calendario internazionale che nella sua posizione di hub con l'America Latina». Va notato che è l'unica grande fiera internazionale del turismo che si è svolta senza interruzioni, anche con la pandemia.\r\n\r\nSostenibilità, specializzazione, innovazione e avanguardia saranno gli assi su cui ruoteranno i contenuti della fiera, insieme al lavoro per consolidare la ripresa post-covid. Come sempre, i primi tre giorni (18,19 e 20) saranno dedicati al B2B, mentre il fine settimana sarà incentrato sul cliente (B2C).\r\n\r\nProporrà un percorso di dieci grandi sezioni, che permetteranno al professionista di avvicinarsi alla conoscenza e scoprire le opportunità di business offerte dai diversi segmenti della comunicazione con il turismo, rafforzando la proposta di valore della fiera.","post_title":"Fitur: previsioni che indicano una crescita del 15%","post_date":"2022-11-22T09:56:46+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1669111006000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434290","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Metaturismo: è questa la parola chiave della prossima edizione di BTO - Be Travel Online, l'evento di punta dell'innovazione e del turismo in Italia che si terrà a Firenze martedì 29 e mercoledì 30.\r\n\r\nIl programma risulta ricco di approfondimenti, seminari, workshop e speech futuristici per conoscere le nuove tendenze su tecnologia applicata al travel, destinazioni, professioni e modi di viaggiare. Tra i protagonisti attesi ci sono Alberto Yates, regional director di Booking.com, Roberta Garibaldi, a.d. di Enit, Valentina Quattro, industry relations director Italia & Spagna TheFork, Giacomo Trovato, country manager Italia di Airbnb.\r\n\r\n\"Proponiamo un programma che avrà quattro elementi chiave: hospitality, food&wine, destination, digital strategy&innovation - spiega Francesco Tapinassi, direttore scientifico BTO, durante la conferenza stampa di lancio che si è tenuta a Roma ieri -. Gli interventi sono stati pensati per offrire una risposta al mondo delle imprese e alla domanda su cosa succederà tra due, cinque anni. Affronteremo dibattiti e discussioni importanti per scoprire quale sarà il futuro del turismo\".\r\n\r\nUn futuro in cui il metaverso giocherà un ruolo da protagonista, una rivoluzione destinata a cambiare il concetto di ospitalità, le modalità di pagamento, di ricerca informazioni ma anche quelle di scelta di una destinazione turistica e la fruizione stessa dei luoghi.\r\n\r\n\"Il turismo contribuisce al 13 per cento del PIL - ricorda Giuseppe Tripodi, segretario generale di Unioncamere - ed è una parte fondamentale dell'economia italiana, creando un indotto importante\". E non si può parlare oggi di turismo senza affrontare anche temi fortemente correlati, \"come la sostenibilità, il digitale, il valore umano - sottolinea Tripodi -. BTO aiuterà a fare il punto sulle opportunità offerte da questo settore, che si sta trasformando fortemente e che si rivolge a tanti target diversi, ognuno con le sue preferenze\".\r\n\r\n[gallery columns=\"2\" ids=\"434412,434413\"]\r\n\r\nOgni target risponde a esigenze, desideri, linguaggi, preferenza di canali diversi. \"Dopo la pandemia il digitale è diventato fondamentale - spiega Francesco Palumbo, direttore di Fondazione Toscana - e può cambiare l'esperienza anche fisica dei turisti che visitano il nostro Paese\". Il ricorso ai big data e ad un'analisi strutturata dei dati raccolti da istituzioni, piattaforme e operatori possono diventare alleati preziosi per uno sviluppo responsabile e pianificato del turismo. \"Gli ospiti che visitano il nostro paese - conclude Palumbo - lasciano delle tracce che, attraverso il digitale, possono essere raccolte, interpretate e utilizzate per approntare le strategie future\".","post_title":"Manca poco all'edizione 2022 di BTO: i temi in programma e i nomi attesi","post_date":"2022-11-18T15:09:31+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1668784171000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434138","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un recupero al 75% dei livelli 2019 entro fine anno: questa la previsione dell'European Travel Commission (Etc) sul turismo in Europa. Secondo l'analisi, anche le compagnie aeree dell'Unione hanno registrato performance positive durante l'estate, con un volume di voli ad agosto inferiore di appena l'11% ai livelli del 2019. \r\n\r\nUna ripresa che proseguirà anche per questo finale di 2022. \"Tuttavia, l'inverno non sarà privo di minacce, poiché l'incombente recessione e l'aumento dell'inflazione in tutta Europa peseranno sulla spesa dei consumatori e sulla domanda turistica, ritardando ma non facendo deragliare la ripresa. Il prolungarsi della guerra in Ucraina e le ulteriori restrizioni di viaggio per i turisti russi in tutta Europa ritarderanno inoltre la ripresa nell'Europa orientale\", spiega il rapporto ripreso da Schengen Visa.\r\n\r\nLuís Araújo, presidente dell'Etc, ha poi sottolineato che i viaggi a corto raggio saranno una salvezza per il turismo nei prossimi mesi, poiché un numero maggiore di viaggiatori sceglierà viaggi più brevi e ravvicinati. Per le famiglie con un reddito disponibile più basso sarà più facile viaggiare all'interno dell'Ue, poiché i viaggi nazionali tendono a essere più economici rispetto alle alternative a lunga raggio. I viaggi a corto raggio rappresentano attualmente circa il 72% delle visite totali in Europa. \r\n\r\nPer quanto riguarda i viaggi long haul verso l'Ue, la ripresa è ancora è parziale, a causa delle restrizioni ancora in vigore nella regione Asia-Pacifico. Forte e costante, invece, la spinta sulle rotte transatlantiche trainata dai turisti ramericani che beneficiano della forza del dollaro Usa.\r\n\r\nTra le destinazioni che hanno superato la domanda di viaggi per il 2019 c'è la Turchia con (+61%), che ha visto il ritorno più consistente, seguita da Portogallo (+17%), Lituania (+7%), Montenegro (+6%) e Polonia (+6%).","post_title":"Europa: i flussi turistici raggiungeranno il 75% dei livelli 2019 entro fine anno","post_date":"2022-11-15T11:07:09+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1668510429000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti