24 April 2024

Il turismo organizzato chiede ascolto e aiuti. Ma a chi?

[ 1 ]

Ritorniamo ai sistemi etimologici che mi sembrano sempre validi qualsiasi sia il contesto nei quali vengono inseriti. E partiamo da una locuzione latina: Vox clamantis in deserto (letteralmente ‘la voce di colui che grida nel deserto’). Quindi se grida nel deserto è chiaro che grida al vento e alla sabbia. Nessuno lo ascolta, nessuno sente il bisogno di sedersi da qualche parte a sentire questa voce che grida nel deserto. Questa, secondo me, è la metafora del grido del turismo verso le istituzioni. Sono mesi, anzi sono anni che tutte le associazioni del turismo organizzato, che le singole realtà, che i player più importanti e anche quelli di media grandezza non stanno facendo altro che gridare al deserto. Perché al deserto? Perché nessuno li ascolta sul serio. Il Governo, il ministero danno il contentino: qualche corridoio, ristori (insufficienti, vista la mole delle perdite), aiuti che non riescono neanche ad arrivare a tutti le componenti del settore.

Per quanto ci riguarda mi sembra che adesso, si è superato il limite. Tutte le organizzazioni europee e mondiali sono concordi nel dire che il turismo è il settore più colpito dalla crisi pandemica, e le nostre istituzioni cosa fanno in concreto? La carità, ecco cosa fanno. Centellinano i loro aiuti, mancano di coraggio strutturale, non riescono a capire il problema gigantesco in cui si trova il settore.

Tutti stanno dicendo: non c’è più tempo. Bisogna fare presto. Ma qusti appelli, almeno fino ad ora non sono stati ascoltati con la dovuta attenzione. E la cosa sembra sul serio incomprensibile. Mi fa specie che appena Confindustria alza la voce il Governo introduca norme a vantaggio delle imprese industriali, mentre le imprese di servizi, soprattutto quelle del turismo, rimangono al palo. Vivacchiano. Cercano di andare avanti. Sarebbe necessario che i presidenti di Confindustria e Confcommercio inizino a chiedere soluzioni anche per il turismo, pretendendo provvedimenti concreti. Altrimenti cosa ci stanno a afre al loro posto? Il loro compito è salvare tutti. Lo dimostrino.

Giuseppe Aloe

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466220 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono iniziati i lavori per il Royal Beach Club Paradise Island: un'esperienza su sette ettari di spiaggia a Paradise Island, a Nassau, alle Bahamas. Il primo di una collezione di club griffati Rcl  prenderà forma nei prossimi mesi in vista dell'apertura prevista per il 2025. Dalla posizione, una delle spiagge più idilliache dell'isola, al cibo, alla cultura e al personale locale, nonché grazie all'esclusiva partnership pubblico-privata in cui i bahamiani possiederanno fino al 49% di azioni, il nuovissimo beach club combinerà la bellezza e lo spirito delle Bahamas con i tocchi tipici di Royal Caribbean in tutte le attività, il servizio e lo stile. "Con la firma di questo heads of agreement per lo sviluppo del Royal Beach Club Paradise Island, intraprendiamo un progetto che migliorerà ulteriormente la vitalità del nostro prodotto turistico - sottolinea il primo ministro delle Bahamas, Philip Davis -. E cosa ancora più importante facciamo una mossa davvero significativa per un maggior empowerment dei bahamiani nell'ambito dell’industria del turismo". Al Royal Beach Club Paradise Island gli ospiti saranno accolti per una giornata in spiaggia. Unitamente a ulteriori attrattive che verranno rivelate nei prossimi mesi, il complesso offrirà tre piscine con bar e cabanas private, quattro punti di ristoro in stile isolano con piatti e spuntini legati ai sapori bahamiani, nonché esperienze con artigiani locali e musica dal vivo. "Oltre a segnare l'inizio del processo di costruzione, l’evento di oggi è emblematico di una partnership, di un passo in avanti e del rafforzamento dello sviluppo economico di molti imprenditori delle Bahamas e per l'intera comunità", aggiunge il presidente e ceo di Royal Caribbean Group, Jason Liberty. I piani di costruzione includono anche il ripristino dell'habitat nativo da parte della compagnia di crociere, che contribuirà a proteggere la fauna selvatica durante la costruzione e per molti anni a venire. Una volta completato, il Royal Beach Club Paradise Island arriverà ospitare una media di 2 mila persone. I vacanzieri accederanno al beach club tramite un trasferimento in traghetto dal porto di Nassau e torneranno attraverso il centro storico della città, vicino al famoso mercato della paglia. [post_title] => Rcl: avviati i lavori per il primo Royal Beach Club Paradise Island, alle Bahamas [post_date] => 2024-04-24T12:03:39+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713960219000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466217 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Continuano gli scioperi del trasporto aereo in Francia. Infatti sarà un giovedì nero domani 25 aprile per chi ha previsto un viaggio in aereo in Francia. Saranno infatti cancellati - secondo quanto riferiscono i media francesi - il 75% dei voli all'aeroporto di Parigi Orly e 65% a Parigi Roissy Charles de Gaulle a causa dello sciopero dei controllori di volo. A Marsiglia si prevede il 65% dei voli cancellati, il 60% a Tolosa e il 70% a Nizza. La Sncta, il principale sindacato dei controllori di volo, riferisce il canale all news francese 'Bfm', ha minacciato anche di fare sciopero i 9, 10 e 11 maggio. Non si sa cosa accadrà ai sorvoli, ma i controllori francesi di solito li paralizzano, anche se in misura minore. Fallimento dei negoziati I sindacati invocano lo sciopero dopo il fallimento dei negoziati sulle misure di accompagnamento alla revisione del controllo del traffico aereo. La principale sigla sindacale del settore, l'Sncta, chiede aumenti salariali: un'argomentazione denunciata da Pascal de Izaguirre, presidente della Federazione nazionale dell'aviazione e delle sue professioni (Fnam), in quanto il bilancio dell'Autorità dell'aviazione civile francese (Dgac) è finanziato dalle tariffe pagate dalle compagnie aeree e non dal biglietto o dalle tasse dei contribuenti francesi. Questo costo aggiuntivo "verrebbe in ultima analisi trasferito ai passeggeri", ha spiegato il dirigente, che è anche Ceo di Corsair. A destare maggiore preoccupazione per la Fnam, è il deteriorarsi della competitività della Francia, le cui compagnie aeree perdono ogni anno quote di mercato a favore dei vettori turchi e del Golfo. Il costo ulteriore sarà sostenuto principalmente dalle compagnie aeree francesi, pesando negativamente sulla loro competitività.    [post_title] => Francia: sciopero controllori aeroporti per domani 25 aprile [post_date] => 2024-04-24T10:42:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713955372000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466119 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Al grattacielo Piemonte il presidente della regione Alberto Cirio ha incontrato Maurizio Donadeo, responsabile regionale di Maavi, il Movimento autonomo delle agenzie di viaggio italiane, e Rosanna Stirone, responsabile nazionale del suo pool antiabusivismo. Un confronto sulla necessità di rinnovare e aggiornare la normativa regionale sul turismo, organizzato anche alla luce dell’attuale legislazione nazionale che recepisce le disposizioni europee. In particolare, si lavorerà congiuntamente con i rappresentanti del comparto per la cancellazione e la riformulazione degli articoli 13 e 14 della legge regionale 15 del 1988, che regolamentano le attività di organizzazione di viaggi in forma non professionale, con l’obiettivo comune di consentirne l’attività nel rispetto della normativa europea, ma allo stesso tempo contrastare in modo efficace forme di abusivismo, anche prevedendo sanzioni consistenti, per tutelare il lavoro e la professionalità degli operatori del settore e i diritti stessi dei viaggiatori. In una Regione che ha scelto di puntare sul turismo come risorsa economica e culturale d’eccellenza e che può contare su un grande patrimonio di professionalità questa è una priorità su cui il Piemonte si impegna da oggi a lavorare. [post_title] => Regione Piemonte: il presidente Cirio incontra Maavi per contrastare l'abusivismo [post_date] => 2024-04-23T11:04:28+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713870268000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466019 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Continuano incessantemente le richieste da parte delle associazioni di turismo per un vero contrasto all'abusivismo per i viaggi istruzione. Naturalmente è un problema annoso, ma noi dai paladini dell'ordine e della schiena dritta (come quelli che dicono di essere i componenti di questo governo) ci aspettiamo che si faccia qualcosa. Anche il minimo. E invece siamo alle solite. Per cui le associazione scrivono al ministro Valditara per cercare did ottenrte qualche risultato. vediamo cosa hanno scirtto. «Il ministro Valditara dovrebbe intervenire con urgenza per contrastare i fenomeni di abusivismo che, incoraggiati platealmente da taluni docenti e dirigenti scolastici, ormai proliferano nel settore dei viaggi di istruzione. Inoltre bisogna mettere fine a una sorta di criminalizzazione di tour operator e agenzie di viaggi che invece operano in un contesto normato e organizzano questi viaggi assicurando importanti diritti e tutele per gli utenti, in particolare per i minori coinvolti». Lo denunciano le associazioni maggiormente rappresentative del turismo organizzato. Fto - Federazione Turismo Organizzato e Fiavet di Confcommercio, Aidit Federturismo Confindustria, Astoi Confindustria Viaggi, Assoviaggi Confesercenti e Maavi Conflavoro che hanno inviato una lettera congiunta al titolare dell'istruzione, Giuseppe Valditara. Personale scolastico In particolare, le sigle sono rammaricate per le dichiarazioni del personale scolastico «che possono incoraggiare comportamenti non conformi alle normative vigenti e mettere a rischio la sicurezza degli studenti durante i viaggi di istruzione». Le associazioni evidenziano: «da molto tempo chiediamo una semplificazione e revisione dei processi di aggiudicazione dei viaggi di istruzione stessi. Tale revisione non solo comporterebbe una riduzione dei prezzi dei servizi acquistati, ma anche una minor burocrazia per scuole e imprese, consentendo la realizzazione di un numero maggiore di viaggi a cui oggi istituti e famiglie devono spesso rinunciare a causa della complessità del processo e delle tempistiche necessarie». Le rappresentanze del turismo organizzato ribadiscono infine la loro disponibilità «a collaborare con il ministero per affrontare le sfide attuali legate ai costi dei viaggi di istruzione e per garantire che tali iniziative rimangano un'opportunità preziosa per la formazione dei giovani». Come mchiosa vorrei dire: ma siuete proprio si curi che il ministro Valditara sia disponibile a collaborare su un buco enorme che si chiama abusivismo. [post_title] => “Valditara intervenga con urgenza contro l'abusivismo nei viaggi istruzione” [post_date] => 2024-04-22T10:46:36+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713782796000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466013 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dura presa di posizione dei cittadini delle isole Canarie contro l'overtourism: lo scorso sabato migliaia di persone hanno affollato le vie di Tenerife per protestare contro la recente decisione del parlamento spagnolo di avallare la costruzione di un hotel e di un eco-resort, Cuna del Alma. Secondo i manifestanti, il resort di 400 ville danneggerebbe una delicata area ambientale lungo la costa meridionale della più grande delle isole dell'arcipelago. La protesta di sabato è andata oltre, con precise richieste al governo di limitare il turismo in modo più concreto, ad esempio sospendendo l'approvazione di tutti i nuovi affitti a breve termine e prendendo in considerazione una tassa sul turismo. Nel 2023, circa un terzo del Pil delle Isole Canarie è stato generato dal turismo. E se da un lato ciò rappresenta una linfa vitale per l'economia, dall'altro - secondo i manifestanti - il turismo fa lievitare i costi degli alloggi e mette a dura prova le infrastrutture. Sempre l'anno scorso le Isole Canarie, con una popolazione di 2,2 milioni di abitanti, hanno accolto quasi 14 milioni di turisti stranieri, con un aumento del 13% rispetto all'anno precedente. Le autorità dell'arcipelago sono preoccupate per l'impatto sull'ambiente e si prevede che quest'anno approveranno un progetto di legge che inasprisce le regole sugli affitti a breve termine, in risposta alle lamentele dei residenti esclusi dal mercato immobiliare. [post_title] => Canarie contro l'overtourism: la protesta degli abitanti che chiedono l'intervento del governo [post_date] => 2024-04-22T10:36:52+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713782212000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466011 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => British Airways ha riattivato i collegamenti verso Abu Dhabi con il lancio di una nuova rotta giornaliera da Londra Heathrow allo Zayed International Airport. Dopo una pausa di quattro anni, i passeggeri e l'equipaggio sono stati accolti calorosamente all'arrivo. Sulla rotta, che torna dopo una pausa di quattro anni, vengono impiegati i Boeing 787-9 con partenza da Londra Heathrow alle 22:25 e in arrivo ad Abu Dhabi alle 08:30 del giorno successivo; il rientro da Abu Dhabi è previsto alle 10:10 con atterraggio a Londra Heathrow alle 15:20. Elena Sorlini, amministratore delegato e direttore generale di Abu Dhabi Airports, ha espresso entusiasmo per la partnership, sottolineando il potenziale di arricchimento della connettività e del turismo. Calum Laming, chief customer officer di British Airways, ha sottolineato l'importanza della nuova rotta per ampliare la portata globale e ha ribadito l'impegno della compagnia aerea a fornire un servizio di qualità. [post_title] => Brtitish Airways torna operativa, dopo 4 anni di stop, sulla Londra Heathrow-Abu Dhabi [post_date] => 2024-04-22T10:12:42+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713780762000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465956 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Croazia rafforza il legame con l'Italia nel workshop organizzato dal Gruppo Travel. L'evento, che è stato ospitato ieri all'InterContinental Rome Ambasciatori Palace di Via Veneto, ha visto la partecipazione di numerosi player del settore turistico croato e circa 80 agenzie di viaggio italiane accorse per scoprire le novità di prodotto. L'Italia è uno dei mercati chiave, con un flusso in costante incremento di turisti e un interesse crescente da parte dei più giovani, attratti dalla bellezza delle isole e delle coste nei mesi estivi, ma anche dalle opportunità del turismo attivo e dal cartellone di eventi e festival organizzati dal Paese. Durante il workshop, Viviana Vukelic, direttrice dell’ente nazionale croato per il turismo in Italia, ha delineato gli obiettivi futuri del turismo nel paese: "Puntiamo a posizionarci come una destinazione sostenibile che offre esperienze diversificate, cultura, mice, turismo attivo, benessere, ma anche lusso - spiega ricordando l'importanza dell'entrata della Croazia nell'area Schengen dal 1° gennaio 2023, che ha semplificato significativamente i viaggi per i cittadini europei. [gallery ids="465960,465961,465962,465963,465964,465965"] L'evento ha anche messo in luce l'impegno della Croazia nel migliorare la connettività con l'Italia. La stagione estiva del 2024 vedrà l'introduzione di sette nuovi voli, che si aggiungono ai numerosi collegamenti marittimi e terrestri già esistenti, rendendo il paese ancora più accessibile. All'evento hanno partecipato Igor Surdich, primo segretario della ambasciata croata in Italia, e Stefano Corbari, presidente Fiavet Lazio, che ha ricordato l'importanza dei rapporti con le destinazioni come la Croazia e la rilevanza del segmento outgoing per il settore, spesso ingiustamente penalizzato rispetto all'incoming. [post_title] => La Croazia incontra le agenzie nel workshop organizzato dal Gruppo Travel [post_date] => 2024-04-19T15:33:56+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713540836000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465897 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il procedimento cautelare chiesto dal turismo organizzato potrebbe avere effetti dirompenti su scala internazionale per il futuro del vettore. Si è svolta oggi nella sede dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato l’audizione del procedimento cautelare contro Ryanair, aperto nell’ambito dell’istruttoria avviata nel 2023 sulla base delle segnalazioni di Aiav, seguita da Fiavet – Confcommercio e da altre Associazioni di categoria, per inibire le condotte vessatorie messe in atto dal vettore nei confronti delle agenzie di viaggio e degli altri player del mercato. Procedure che Aaiv aveva evidenziato a maggio dello scorso anno in un corposo dossier, condiviso da Fiavet Confcommercio e da altre Associazioni di categoria, dimostrando l’adozione di sofisticati meccanismi tecnici da parte del vettore per disincentivare la vendita dei propri voli da parte delle agenzie di viaggio: visualizzazione selettiva delle tariffe senza accesso alle più convenienti, prezzi maggiorati per gli extra (come il trasporto del bagaglio o la scelta del posto a sedere) e complesse procedure di riconoscimento facciale per i passeggeri. Anche le ota Oltre alle agenzie tradizionali, all’audizione sono intervenute le ota, portali di prenotazione di servizi turistici online, e i rappresentanti dei principali sistemi di distribuzione dei servizi turistici, che hanno evidenziato i ripetuti tentativi messi in atto dalla compagnia per inibire l’accesso alla propria offerta, salvo la definizione di specifici accordi commerciali. Accordi che, come hanno denunciato i rappresentanti degli operatori che li hanno stipulati, si sono rivelati poco trasparenti e sempre basati sull’accesso selettivo alle tariffe, non comprensivo delle più convenienti.   Fulvio Avataneo, presidente Aiav, ha dichiarato: “Ringrazio il contributo fondamentale degli Avv. Veronica Scaletta per conto di Aiav e Federico Lucarelli, per conto di Fiavet: l’adozione del provvedimento cautelare contro Ryanair rappresenterebbe un enorme passo avanti per le agenzie, che potrebbero così avere la libertà di prenotare i voli sul sito di Ryanair direttamente per conto dei propri clienti, evitando tutti gli ostacoli che la compagnia ha posto sino ad oggi al loro lavoro. E sarebbe anche un monito contro le ripetute dichiarazioni scorrette nei confronti della nostra categoria, lesive della dignità professionale e umana dei lavoratori che ne fanno parte”. Cessare i comportanti Nel corso dell'audizione, Aiav, tramite il proprio legale Veronica Scaletta, ha sostenuto la richiesta delle ota e ha ribadito la propria richiesta di far cessare questi comportamenti, anche nei confronti delle agenzie di viaggio tradizionali, chiedendo in particolare l'apertura di codici di accesso riservati alle agenzie tradizionali, la cessazione delle procedure di riconoscimento facciale per i clienti e dell'invio di comunicazioni denigratorie ai danni delle agenzie. Fiavet-Confcommercio, promotrice della parallela causa per concorrenza sleale contro Ryanair presso il Tribunale di Milano ed intervenuta nel procedimento Antitrust già ad ottobre scorso, tramite il proprio legale avv. Federico Lucarelli ha sottolineato il perdurare dei comportamenti di Ryanair in danno delle agenzie di viaggi. Entrambe le Associazioni, Fiavet ed Aiav, hanno evidenziato la necessità e l’urgenza della adozione da parte dell’Autorità di un provvedimento cautelare per far cessare immediatamente il blocco effettuato dal vettore delle prenotazioni intermediate dagli agenti di viaggio.   Pronunzia A breve l'Autorità garante si dovrà pronunciare sull'adozione o meno di un provvedimento cautelare urgente. La forte opposizione di Ryanair, legale e mediatica, dimostra una grande preoccupazione. Il provvedimento potrebbe avere un effetto dirompente sul modello di business e sul futuro del vettore, mettendo in discussione per la prima volta, su scala internazionale, la scelta unilaterale di utilizzare sofisticate procedure tecniche che, in modo subdolo e opaco, disincentivano l’accesso, la distribuzione e la vendita dei propri servizi a soggetti titolati per legge a farlo. “Abbiamo partecipato all’udienza odierna perché volevamo rimarcare all’Autorità la necessità indifferibile di un provvedimento cautelare per garantire da subito il ripristino del diritto delle agenzie di viaggio a intermediare la vendita della biglietteria di Ryanair, essendo le agenzie di viaggi impossibilitate ad acquistare biglietteria della compagnia per i propri clienti, con conseguenze gravi sull’andamento della prossima stagione turistica estiva. Era una presenza necessaria e doverosa. Confidiamo che l’Autorità possa decidere adottando gli opportuni provvedimenti del tutto fondati” dichiara il presidente di Fiavet-Confcommercio Giuseppe Ciminnisi.   [post_title] => Autorità della Concorrenza: oggi l'audizione contro le condotte di Ryanair [post_date] => 2024-04-19T10:14:57+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713521697000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465745 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] =>  Oltre sei milioni le notti trascorse tra le vigne nel 2023 dagli enoturisti italiani e stranieri che hanno preso d'assalto strutture agrituristiche, bed&breakfast e case vacanza con l'obiettivo di vivere esperienze nel mondo del vino.  E' quanto emerge da una analisi di Coldiretti su dati Terranostra Campagna Amica e Airbnb diffusa in occasione dell'apertura del Vinitaly, con le esperienze del turismo in cantina mostrate dal vivo nello stand della più grande organizzazione agricola d'Italia e d'Europa. L'identikit delle preferenze degli enoturisti è tracciato dall'indagine Coldiretti/Ixe' sul fenomeno, con 15 milioni di italiani che hanno avuto esperienze di turismo in cantina.    Otto cittadini su 10 si dichiarano poi intenzionati a farlo. Accanto alle tradizionali degustazioni di abbinamento di vino e ai corsi di cucina, non mancano le attività innovative che catturano l'interesse degli appassionati. Un 24% dichiara di essere interessato a pratiche sportive e salutistiche nelle vigne, tanto che ci sono strutture che propongono yoga e pilates in mezzo ai filari o percorsi in bicicletta, secondo l'indagine Coldiretti/Ixe'. Ma c'è anche un 26% che punta alla vinoterapia e ad attività di benessere con prodotti ricavati dalla vite e dal vino, trainati dalla crescita dell'agriwellness, mentre un 31% chiede concerti e spettacoli organizzati in mezzo ai vigneti.       [post_title] => Turismo del vino: oltre sei milioni di notti nel 2023 [post_date] => 2024-04-17T12:28:48+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713356928000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "il turismo organizzato chiede ascolto" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":32,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1249,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466220","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono iniziati i lavori per il Royal Beach Club Paradise Island: un'esperienza su sette ettari di spiaggia a Paradise Island, a Nassau, alle Bahamas. Il primo di una collezione di club griffati Rcl  prenderà forma nei prossimi mesi in vista dell'apertura prevista per il 2025. Dalla posizione, una delle spiagge più idilliache dell'isola, al cibo, alla cultura e al personale locale, nonché grazie all'esclusiva partnership pubblico-privata in cui i bahamiani possiederanno fino al 49% di azioni, il nuovissimo beach club combinerà la bellezza e lo spirito delle Bahamas con i tocchi tipici di Royal Caribbean in tutte le attività, il servizio e lo stile.\r\n\r\n\"Con la firma di questo heads of agreement per lo sviluppo del Royal Beach Club Paradise Island, intraprendiamo un progetto che migliorerà ulteriormente la vitalità del nostro prodotto turistico - sottolinea il primo ministro delle Bahamas, Philip Davis -. E cosa ancora più importante facciamo una mossa davvero significativa per un maggior empowerment dei bahamiani nell'ambito dell’industria del turismo\".\r\n\r\nAl Royal Beach Club Paradise Island gli ospiti saranno accolti per una giornata in spiaggia. Unitamente a ulteriori attrattive che verranno rivelate nei prossimi mesi, il complesso offrirà tre piscine con bar e cabanas private, quattro punti di ristoro in stile isolano con piatti e spuntini legati ai sapori bahamiani, nonché esperienze con artigiani locali e musica dal vivo. \"Oltre a segnare l'inizio del processo di costruzione, l’evento di oggi è emblematico di una partnership, di un passo in avanti e del rafforzamento dello sviluppo economico di molti imprenditori delle Bahamas e per l'intera comunità\", aggiunge il presidente e ceo di Royal Caribbean Group, Jason Liberty.\r\n\r\nI piani di costruzione includono anche il ripristino dell'habitat nativo da parte della compagnia di crociere, che contribuirà a proteggere la fauna selvatica durante la costruzione e per molti anni a venire. Una volta completato, il Royal Beach Club Paradise Island arriverà ospitare una media di 2 mila persone. I vacanzieri accederanno al beach club tramite un trasferimento in traghetto dal porto di Nassau e torneranno attraverso il centro storico della città, vicino al famoso mercato della paglia.","post_title":"Rcl: avviati i lavori per il primo Royal Beach Club Paradise Island, alle Bahamas","post_date":"2024-04-24T12:03:39+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1713960219000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466217","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Continuano gli scioperi del trasporto aereo in Francia. Infatti sarà un giovedì nero domani 25 aprile per chi ha previsto un viaggio in aereo in Francia. Saranno infatti cancellati - secondo quanto riferiscono i media francesi - il 75% dei voli all'aeroporto di Parigi Orly e 65% a Parigi Roissy Charles de Gaulle a causa dello sciopero dei controllori di volo.\r\nA Marsiglia si prevede il 65% dei voli cancellati, il 60% a Tolosa e il 70% a Nizza. La Sncta, il principale sindacato dei controllori di volo, riferisce il canale all news francese 'Bfm', ha minacciato anche di fare sciopero i 9, 10 e 11 maggio.\r\nNon si sa cosa accadrà ai sorvoli, ma i controllori francesi di solito li paralizzano, anche se in misura minore.\r\nFallimento dei negoziati\r\nI sindacati invocano lo sciopero dopo il fallimento dei negoziati sulle misure di accompagnamento alla revisione del controllo del traffico aereo. La principale sigla sindacale del settore, l'Sncta, chiede aumenti salariali: un'argomentazione denunciata da Pascal de Izaguirre, presidente della Federazione nazionale dell'aviazione e delle sue professioni (Fnam), in quanto il bilancio dell'Autorità dell'aviazione civile francese (Dgac) è finanziato dalle tariffe pagate dalle compagnie aeree e non dal biglietto o dalle tasse dei contribuenti francesi.\r\n\r\nQuesto costo aggiuntivo \"verrebbe in ultima analisi trasferito ai passeggeri\", ha spiegato il dirigente, che è anche Ceo di Corsair. A destare maggiore preoccupazione per la Fnam, è il deteriorarsi della competitività della Francia, le cui compagnie aeree perdono ogni anno quote di mercato a favore dei vettori turchi e del Golfo. Il costo ulteriore sarà sostenuto principalmente dalle compagnie aeree francesi, pesando negativamente sulla loro competitività. \r\n ","post_title":"Francia: sciopero controllori aeroporti per domani 25 aprile","post_date":"2024-04-24T10:42:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1713955372000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466119","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Al grattacielo Piemonte il presidente della regione Alberto Cirio ha incontrato Maurizio Donadeo, responsabile regionale di Maavi, il Movimento autonomo delle agenzie di viaggio italiane, e Rosanna Stirone, responsabile nazionale del suo pool antiabusivismo.\r\n\r\nUn confronto sulla necessità di rinnovare e aggiornare la normativa regionale sul turismo, organizzato anche alla luce dell’attuale legislazione nazionale che recepisce le disposizioni europee.\r\n\r\nIn particolare, si lavorerà congiuntamente con i rappresentanti del comparto per la cancellazione e la riformulazione degli articoli 13 e 14 della legge regionale 15 del 1988, che regolamentano le attività di organizzazione di viaggi in forma non professionale, con l’obiettivo comune di consentirne l’attività nel rispetto della normativa europea, ma allo stesso tempo contrastare in modo efficace forme di abusivismo, anche prevedendo sanzioni consistenti, per tutelare il lavoro e la professionalità degli operatori del settore e i diritti stessi dei viaggiatori.\r\n\r\nIn una Regione che ha scelto di puntare sul turismo come risorsa economica e culturale d’eccellenza e che può contare su un grande patrimonio di professionalità questa è una priorità su cui il Piemonte si impegna da oggi a lavorare.","post_title":"Regione Piemonte: il presidente Cirio incontra Maavi per contrastare l'abusivismo","post_date":"2024-04-23T11:04:28+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1713870268000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466019","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Continuano incessantemente le richieste da parte delle associazioni di turismo per un vero contrasto all'abusivismo per i viaggi istruzione. Naturalmente è un problema annoso, ma noi dai paladini dell'ordine e della schiena dritta (come quelli che dicono di essere i componenti di questo governo) ci aspettiamo che si faccia qualcosa. Anche il minimo. E invece siamo alle solite. Per cui le associazione scrivono al ministro Valditara per cercare did ottenrte qualche risultato. vediamo cosa hanno scirtto.\r\n\r\n«Il ministro Valditara dovrebbe intervenire con urgenza per contrastare i fenomeni di abusivismo che, incoraggiati platealmente da taluni docenti e dirigenti scolastici, ormai proliferano nel settore dei viaggi di istruzione. Inoltre bisogna mettere fine a una sorta di criminalizzazione di tour operator e agenzie di viaggi che invece operano in un contesto normato e organizzano questi viaggi assicurando importanti diritti e tutele per gli utenti, in particolare per i minori coinvolti».\r\n\r\nLo denunciano le associazioni maggiormente rappresentative del turismo organizzato. Fto - Federazione Turismo Organizzato e Fiavet di Confcommercio, Aidit Federturismo Confindustria, Astoi Confindustria Viaggi, Assoviaggi Confesercenti e Maavi Conflavoro che hanno inviato una lettera congiunta al titolare dell'istruzione, Giuseppe Valditara.\r\nPersonale scolastico\r\nIn particolare, le sigle sono rammaricate per le dichiarazioni del personale scolastico «che possono incoraggiare comportamenti non conformi alle normative vigenti e mettere a rischio la sicurezza degli studenti durante i viaggi di istruzione».\r\n\r\nLe associazioni evidenziano: «da molto tempo chiediamo una semplificazione e revisione dei processi di aggiudicazione dei viaggi di istruzione stessi. Tale revisione non solo comporterebbe una riduzione dei prezzi dei servizi acquistati, ma anche una minor burocrazia per scuole e imprese, consentendo la realizzazione di un numero maggiore di viaggi a cui oggi istituti e famiglie devono spesso rinunciare a causa della complessità del processo e delle tempistiche necessarie».\r\n\r\nLe rappresentanze del turismo organizzato ribadiscono infine la loro disponibilità «a collaborare con il ministero per affrontare le sfide attuali legate ai costi dei viaggi di istruzione e per garantire che tali iniziative rimangano un'opportunità preziosa per la formazione dei giovani». Come mchiosa vorrei dire: ma siuete proprio si curi che il ministro Valditara sia disponibile a collaborare su un buco enorme che si chiama abusivismo.","post_title":"“Valditara intervenga con urgenza contro l'abusivismo nei viaggi istruzione”","post_date":"2024-04-22T10:46:36+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1713782796000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466013","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dura presa di posizione dei cittadini delle isole Canarie contro l'overtourism: lo scorso sabato migliaia di persone hanno affollato le vie di Tenerife per protestare contro la recente decisione del parlamento spagnolo di avallare la costruzione di un hotel e di un eco-resort, Cuna del Alma. Secondo i manifestanti, il resort di 400 ville danneggerebbe una delicata area ambientale lungo la costa meridionale della più grande delle isole dell'arcipelago.\r\n\r\nLa protesta di sabato è andata oltre, con precise richieste al governo di limitare il turismo in modo più concreto, ad esempio sospendendo l'approvazione di tutti i nuovi affitti a breve termine e prendendo in considerazione una tassa sul turismo.\r\n\r\nNel 2023, circa un terzo del Pil delle Isole Canarie è stato generato dal turismo. E se da un lato ciò rappresenta una linfa vitale per l'economia, dall'altro - secondo i manifestanti - il turismo fa lievitare i costi degli alloggi e mette a dura prova le infrastrutture.\r\n\r\nSempre l'anno scorso le Isole Canarie, con una popolazione di 2,2 milioni di abitanti, hanno accolto quasi 14 milioni di turisti stranieri, con un aumento del 13% rispetto all'anno precedente. Le autorità dell'arcipelago sono preoccupate per l'impatto sull'ambiente e si prevede che quest'anno approveranno un progetto di legge che inasprisce le regole sugli affitti a breve termine, in risposta alle lamentele dei residenti esclusi dal mercato immobiliare.","post_title":"Canarie contro l'overtourism: la protesta degli abitanti che chiedono l'intervento del governo","post_date":"2024-04-22T10:36:52+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1713782212000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466011","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"British Airways ha riattivato i collegamenti verso Abu Dhabi con il lancio di una nuova rotta giornaliera da Londra Heathrow allo Zayed International Airport. Dopo una pausa di quattro anni, i passeggeri e l'equipaggio sono stati accolti calorosamente all'arrivo.\r\n\r\nSulla rotta, che torna dopo una pausa di quattro anni, vengono impiegati i Boeing 787-9 con partenza da Londra Heathrow alle 22:25 e in arrivo ad Abu Dhabi alle 08:30 del giorno successivo; il rientro da Abu Dhabi è previsto alle 10:10 con atterraggio a Londra Heathrow alle 15:20.\r\n\r\nElena Sorlini, amministratore delegato e direttore generale di Abu Dhabi Airports, ha espresso entusiasmo per la partnership, sottolineando il potenziale di arricchimento della connettività e del turismo. Calum Laming, chief customer officer di British Airways, ha sottolineato l'importanza della nuova rotta per ampliare la portata globale e ha ribadito l'impegno della compagnia aerea a fornire un servizio di qualità.","post_title":"Brtitish Airways torna operativa, dopo 4 anni di stop, sulla Londra Heathrow-Abu Dhabi","post_date":"2024-04-22T10:12:42+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713780762000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465956","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Croazia rafforza il legame con l'Italia nel workshop organizzato dal Gruppo Travel.\r\n\r\nL'evento, che è stato ospitato ieri all'InterContinental Rome Ambasciatori Palace di Via Veneto, ha visto la partecipazione di numerosi player del settore turistico croato e circa 80 agenzie di viaggio italiane accorse per scoprire le novità di prodotto.\r\n\r\nL'Italia è uno dei mercati chiave, con un flusso in costante incremento di turisti e un interesse crescente da parte dei più giovani, attratti dalla bellezza delle isole e delle coste nei mesi estivi, ma anche dalle opportunità del turismo attivo e dal cartellone di eventi e festival organizzati dal Paese.\r\n\r\nDurante il workshop, Viviana Vukelic, direttrice dell’ente nazionale croato per il turismo in Italia, ha delineato gli obiettivi futuri del turismo nel paese: \"Puntiamo a posizionarci come una destinazione sostenibile che offre esperienze diversificate, cultura, mice, turismo attivo, benessere, ma anche lusso - spiega ricordando l'importanza dell'entrata della Croazia nell'area Schengen dal 1° gennaio 2023, che ha semplificato significativamente i viaggi per i cittadini europei.\r\n\r\n[gallery ids=\"465960,465961,465962,465963,465964,465965\"]\r\n\r\nL'evento ha anche messo in luce l'impegno della Croazia nel migliorare la connettività con l'Italia. La stagione estiva del 2024 vedrà l'introduzione di sette nuovi voli, che si aggiungono ai numerosi collegamenti marittimi e terrestri già esistenti, rendendo il paese ancora più accessibile.\r\n\r\nAll'evento hanno partecipato Igor Surdich, primo segretario della ambasciata croata in Italia, e Stefano Corbari, presidente Fiavet Lazio, che ha ricordato l'importanza dei rapporti con le destinazioni come la Croazia e la rilevanza del segmento outgoing per il settore, spesso ingiustamente penalizzato rispetto all'incoming.","post_title":"La Croazia incontra le agenzie nel workshop organizzato dal Gruppo Travel","post_date":"2024-04-19T15:33:56+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1713540836000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465897","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il procedimento cautelare chiesto dal turismo organizzato potrebbe avere effetti dirompenti su scala internazionale per il futuro del vettore.\r\nSi è svolta oggi nella sede dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato l’audizione del procedimento cautelare contro Ryanair, aperto nell’ambito dell’istruttoria avviata nel 2023 sulla base delle segnalazioni di Aiav, seguita da Fiavet – Confcommercio e da altre Associazioni di categoria, per inibire le condotte vessatorie messe in atto dal vettore nei confronti delle agenzie di viaggio e degli altri player del mercato.\r\nProcedure che Aaiv aveva evidenziato a maggio dello scorso anno in un corposo dossier, condiviso da Fiavet Confcommercio e da altre Associazioni di categoria, dimostrando l’adozione di sofisticati meccanismi tecnici da parte del vettore per disincentivare la vendita dei propri voli da parte delle agenzie di viaggio: visualizzazione selettiva delle tariffe senza accesso alle più convenienti, prezzi maggiorati per gli extra (come il trasporto del bagaglio o la scelta del posto a sedere) e complesse procedure di riconoscimento facciale per i passeggeri.\r\nAnche le ota\r\nOltre alle agenzie tradizionali, all’audizione sono intervenute le ota, portali di prenotazione di servizi turistici online, e i rappresentanti dei principali sistemi di distribuzione dei servizi turistici, che hanno evidenziato i ripetuti tentativi messi in atto dalla compagnia per inibire l’accesso alla propria offerta, salvo la definizione di specifici accordi commerciali. Accordi che, come hanno denunciato i rappresentanti degli operatori che li hanno stipulati, si sono rivelati poco trasparenti e sempre basati sull’accesso selettivo alle tariffe, non comprensivo delle più convenienti.  \r\nFulvio Avataneo, presidente Aiav, ha dichiarato: “Ringrazio il contributo fondamentale degli Avv. Veronica Scaletta per conto di Aiav e Federico Lucarelli, per conto di Fiavet: l’adozione del provvedimento cautelare contro Ryanair rappresenterebbe un enorme passo avanti per le agenzie, che potrebbero così avere la libertà di prenotare i voli sul sito di Ryanair direttamente per conto dei propri clienti, evitando tutti gli ostacoli che la compagnia ha posto sino ad oggi al loro lavoro. E sarebbe anche un monito contro le ripetute dichiarazioni scorrette nei confronti della nostra categoria, lesive della dignità professionale e umana dei lavoratori che ne fanno parte”.\r\nCessare i comportanti\r\nNel corso dell'audizione, Aiav, tramite il proprio legale Veronica Scaletta, ha sostenuto la richiesta delle ota e ha ribadito la propria richiesta di far cessare questi comportamenti, anche nei confronti delle agenzie di viaggio tradizionali, chiedendo in particolare l'apertura di codici di accesso riservati alle agenzie tradizionali, la cessazione delle procedure di riconoscimento facciale per i clienti e dell'invio di comunicazioni denigratorie ai danni delle agenzie.\r\nFiavet-Confcommercio, promotrice della parallela causa per concorrenza sleale contro Ryanair presso il Tribunale di Milano ed intervenuta nel procedimento Antitrust già ad ottobre scorso, tramite il proprio legale avv. Federico Lucarelli ha sottolineato il perdurare dei comportamenti di Ryanair in danno delle agenzie di viaggi.\r\nEntrambe le Associazioni, Fiavet ed Aiav, hanno evidenziato la necessità e l’urgenza della adozione da parte dell’Autorità di un provvedimento cautelare per far cessare immediatamente il blocco effettuato dal vettore delle prenotazioni intermediate dagli agenti di viaggio.  \r\n\r\nPronunzia\r\nA breve l'Autorità garante si dovrà pronunciare sull'adozione o meno di un provvedimento cautelare urgente. La forte opposizione di Ryanair, legale e mediatica, dimostra una grande preoccupazione. Il provvedimento potrebbe avere un effetto dirompente sul modello di business e sul futuro del vettore, mettendo in discussione per la prima volta, su scala internazionale, la scelta unilaterale di utilizzare sofisticate procedure tecniche che, in modo subdolo e opaco, disincentivano l’accesso, la distribuzione e la vendita dei propri servizi a soggetti titolati per legge a farlo.\r\n“Abbiamo partecipato all’udienza odierna perché volevamo rimarcare all’Autorità la necessità indifferibile di un provvedimento cautelare per garantire da subito il ripristino del diritto delle agenzie di viaggio a intermediare la vendita della biglietteria di Ryanair, essendo le agenzie di viaggi impossibilitate ad acquistare biglietteria della compagnia per i propri clienti, con conseguenze gravi sull’andamento della prossima stagione turistica estiva. Era una presenza necessaria e doverosa. Confidiamo che l’Autorità possa decidere adottando gli opportuni provvedimenti del tutto fondati” dichiara il presidente di Fiavet-Confcommercio Giuseppe Ciminnisi.\r\n ","post_title":"Autorità della Concorrenza: oggi l'audizione contro le condotte di Ryanair","post_date":"2024-04-19T10:14:57+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1713521697000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465745","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Oltre sei milioni le notti trascorse tra le vigne nel 2023 dagli enoturisti italiani e stranieri che hanno preso d'assalto strutture agrituristiche, bed&breakfast e case vacanza con l'obiettivo di vivere esperienze nel mondo del vino.\r\n E' quanto emerge da una analisi di Coldiretti su dati Terranostra Campagna Amica e Airbnb diffusa in occasione dell'apertura del Vinitaly, con le esperienze del turismo in cantina mostrate dal vivo nello stand della più grande organizzazione agricola d'Italia e d'Europa. L'identikit delle preferenze degli enoturisti è tracciato dall'indagine Coldiretti/Ixe' sul fenomeno, con 15 milioni di italiani che hanno avuto esperienze di turismo in cantina.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n \r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n Otto cittadini su 10 si dichiarano poi intenzionati a farlo. Accanto alle tradizionali degustazioni di abbinamento di vino e ai corsi di cucina, non mancano le attività innovative che catturano l'interesse degli appassionati. Un 24% dichiara di essere interessato a pratiche sportive e salutistiche nelle vigne, tanto che ci sono strutture che propongono yoga e pilates in mezzo ai filari o percorsi in bicicletta, secondo l'indagine Coldiretti/Ixe'. Ma c'è anche un 26% che punta alla vinoterapia e ad attività di benessere con prodotti ricavati dalla vite e dal vino, trainati dalla crescita dell'agriwellness, mentre un 31% chiede concerti e spettacoli organizzati in mezzo ai vigneti.\r\n \r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n   \r\n\r\n\r\n\r\n\r\n","post_title":"Turismo del vino: oltre sei milioni di notti nel 2023","post_date":"2024-04-17T12:28:48+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1713356928000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti