13 May 2021

Garavaglia reclama i ristori per la montagna. Ma è lui che deve assegnarli

[ 1 ]

Il ministro del turismo Massimo Garavaglia durante la conferenza stampa in regione Lombardia

Avevamo chiesto a gran voce che Dario Franceschini non si occupasse più del turismo. Naturalmente non era una questione personale, si trattava di una semplice constatazione: a Franceschini del turismo organizzato (che è il turismo) importa poco o niente. Ora il governo Draghi nasce con un ministero del turismo tutto nuovo e per di più con il portafoglio. Cioè con autonomia di spesa. Il ministro, già lo sapete, è Massimo Garavaglia. Ora qualcuno dovrebbe dire a Garavaglia che è diventato ministro, perché mi sembra che ancora non lo sappia.

Non certo perché ha attaccato il ministro Speranza che ha chiuso gli impianti di sci  il giorno prima della riapertura, e senza avvertire nessuno. Su questo punto ci troviamo d’accordo con Garavaglia, ma perché, ancora ieri durante la conferenza stampa il regione Lombardia, ha continuato a reclamare al governo i benedetti (maledetti) ristori. Ecco, signor ministro le vorrei ricordare che i ristori li deve predisporre e assegnare lei. Lei è il ministro del turismo con portafoglio, non c’è altro interlocutore che lei. Quindi si rassegni, ogni volta che chiede soldi per il turismo lo faccia in consiglio dei ministri e non in una conferenza stampa. Non si può essere sempre partito di lotta e di governo. Non in questi tempi, non ora.

Giuseppe Aloe




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353852 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' stato firmato il nuovo patto per il lavoro nel turismo tra Regione, organizzazioni sindacali (Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil) ed enti datoriali (Confindustria, Confcommercio, Confesercenti). L'intesa dà continuità al patto siglato il 2 febbraio 2018, varato per favorire la destagionalizzazione del turismo e una maggiore stabilità dei molti lavoratori stagionali impiegati nel settore in Liguria. A seguito della firma del 2018 era stato emanato un bando, in chiusura in questi giorni, che ha avuto un ottimo riscontro e ha esaurito tutte le risorse disponibili (3 milioni di euro da fondi FSE) che sono servite a erogare bonus assunzionali per oltre mille contratti (ad oggi 1086) della durata minima di otto mesi. «Abbiamo raggiunto un accordo con le parti sociali - ha detto l'assessore al lavoro e al turismo Gianni Berrino - e abbiamo introdotto qualche novità per rendere ancora più efficace una misura che è arrivata alla sua scadenza con ottimi risultati. Il rinnovo del patto, e il nuovo bando che seguirà, si rendono necessari per le molte domande arrivate che soddisfano i requisiti ma che sono rimaste pendenti per l'esaurimento dei fondi». Altra importante novità è l'estensione dell'opportunità anche ad altre tipologie di imprese. Se il patto dell'anno scorso era rivolto alla ricettività turistica e agli stabilimenti balneari, il patto 2019 si rivolge anche ai gestori di ristoranti e bar che faranno contratti di almeno otto mesi e che prolungheranno di conseguenza il loro periodo di apertura annuale: si viene incontro in questo modo, in particolare ma non solo, ai molti esercizi sui lungomare delle più importanti località balneari della regione che spesso non fanno attività oltre i sei mesi della primavera e dell'estate.   [post_title] => Liguria, firmato nuovo patto per il lavoro nel turismo [post_date] => 2019-05-31T09:59:03+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559296743000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353665 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’albergo diffuso Borgotufi (Castel del Giudice), che riapre il 15 giugno 2019, con le sue casette in pietra - nate dal recupero di case abbandonate - arrampicate sulla collina ed aperte ad un paesaggio verdissimo è il luogo in cui ritrovare il contatto con più autentico con la natura, non solo passeggiando tra le sue viuzze e sentieri che si inoltrano tra gli alberi, ma anche immergendosi nella piscina interna panoramica con pareti in pietra del centro benessere, che si affaccia sulle montagne e i boschi, nella sauna, il bagno turco, le docce emozionali con cromo e aromaterapia, l’idromassaggio e la sala massaggi. Nella struttura principale di Borgotufi, oltre al centro wellness e alla reception, c’è anche il ristorante Ocrà Favola Molisana. Castel del Giudice e il suo albergo diffuso sono fulcro di attività esperienziali, tra passeggiate, percorsi in mountain bike, il rafting che si può praticare in estate sul fiume Sangro, pic nic al fiume Molinaro con la sua piccola cascata, visite guidate al vicino meleto biologico Melise e al Giardino delle Mele Antiche, laboratori creativi, escursioni nelle riserve naturali, come le Cascate del Verde di Borrello o i percorsi della Riserva Mab UNESCO di Collemeluccio e Montedimezzo. Il soggiorno a Borgotufi per una pausa di totale relax. La proposta comprende una notte in una delle casette matrimoniali, colazione a buffet, ingresso nel centro benessere, massaggio rilassante di 30 minuti, cena con speciale menu di 4 portate al ristorante. Prezzo di 250 euro per 2 persone. [post_title] => Borgotufi, riapre il 15 giugno l’albergo diffuso fuori dalle solite rotte [post_date] => 2019-05-30T10:00:53+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1559210453000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353278 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «C'è un importante ritorno in agenzia: vi racconto come sfruttare questa occasione con il nostro aiuto». In chiusura del roadshow di 15 tappe dal nord al sud dell'Italia e a pochi giorni dall'apertura di tutti i villaggi italiani Nicolaus e Valtur, Roberto Pagliara alza il velo sui prossimi step del piano di sviluppo del gruppo e racconta, per la prima volta, gli investimenti nel digital e nell'innovazione che l'azienda ha messo in campo per portare il cliente in agenzia. «Siamo vicini al traguardo dei primi 10 milioni di fatturato per il brand Valtur» dichiara con un sorriso. Un obiettivo che sarà raggiunto prima del previsto, grazie alle ottime performance di alcuni prodotti, come Bodrum e Djerba. Buone notizie anche per il Mar Rosso, su cui Nicolaus è riuscito a mantenere un buon margine. «Abbiamo avuto tante richieste - spiega Pagliara - e portato circa 2 mila clienti durante i ponti di primavera». L'obiettivo di fatturato per il 2019, a livello di gruppo, è di 100 milioni di euro, «e siamo già al 40 per cento», precisa il presidente. Attenzione, però, a fare il passo più lungo della gamba. «Non ci interessano i volumi senza margine - avverte Pagliara -. Vogliamo una crescita graduale e sostenibile, anche per Valtur». Solidità, lungimiranza, vicinanza al mercato. Sembrano essere queste le direttrici su cui i Pagliara vogliono muoversi. «Stiamo valutando l'inserimento di nuove strutture per il prossimo inverno - anticipa il presidente -, ma senza forzature». L'obiettivo è di arrivare a 10 villaggi Valtur nel 2020.«Da Natale probabilmente avremo un villaggio neve e poi lavoreremo sul lungo raggio, con una struttura nell'Oceano Indiano e una alle Maldive». Le vendite del gruppo sono veicolate al 95 per cento dalla distribuzione ed è anche per questo motivo che i fratelli Pagliara vogliono rafforzare ulteriormente l’alleanza con le adv. «Quello che proponiamo alla distribuzione è una ‘partnership for leadership’ - sottolinea il presidente -. Aiuteremo le agenzie a dotarsi degli strumenti più innovativi per intercettare il cliente finale, grazie anche ad un modulo di intelligenza artificiale e ad un algoritmo che permetterà di prevedere la domanda di mercato e di fare revenue». L'investimento messo in campo è di 1 milione di euro in tre anni. «È così  che si può vincere la concorrenza di grandi portali come Booking ed Expedia - conclude Pagliara -. Questo è il momento giusto, perché c’è un ritorno importante in agenzia». [post_title] => Roberto Pagliara: «I primi 10 mln di Valtur e il ritorno in agenzia» [post_date] => 2019-05-27T13:51:19+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => agenzia-di-viaggi [1] => animazione [2] => in-evidenza [3] => mar-rosso [4] => mare-italia [5] => montagna [6] => nicolaus [7] => offerte-estate [8] => pacchetti [9] => roberto-pagliara [10] => valtur [11] => villaggi [12] => villaggi-valtur ) [post_tag_name] => Array ( [0] => agenzia di viaggi [1] => animazione [2] => In evidenza [3] => Mar Rosso [4] => Mare Italia [5] => montagna [6] => Nicolaus [7] => offerte estate [8] => pacchetti [9] => Roberto Pagliara [10] => Valtur [11] => villaggi [12] => villaggi Valtur ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558965079000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 353198 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => PromoTurismoFVG lo fa con i video. Come se non bastassero i prodotti di eccellenza del territorio per raccontare il turismo degli itinerari della Strada del vino e dei Sapori del Friuli Venezia Giulia, l'agenzia di promozione turistica della regione presenta al grande pubblico alcuni video che hanno per protagonista  i sei ambiti territoriali della Strada: “da noi in Carso”, “da noi in Pianura”, “da noi sul Fiume”, “da noi in Riviera”, “da noi in Montagna”, “da noi sui Colli”. I video sono stati presentati al cinema Centrale di Udine in una serata condotta da Fede&Tinto, autori e conduttori del programma Decanter di Rai Radio 2, in cui si racconta il territorio, seguendo le sfaccettature delle quattro stagioni di vigneti, cantine, ristoranti, siti culturali e ambienti naturalistici, per riuscire a carpire l’attenzione di chi li guarda e li ascolta, anche attraverso una voce narrante che, quasi timidamente, accompagna alla scoperta dell’anima del territorio chi sa ascoltare. Gli obiettivi strategici del progetto della Strada del Vino e dei Sapori, che oggi conta già circa 300 aderenti fra produttori di vino, aziende agroalimentari, ristoranti e artigiani, sono molteplici: attrarre la nicchia di mercato che vuole vivere un’esperienza di vacanza profonda e immersa nell’enogastronomia del Friuli Venezia Giulia, creare prodotti e servizi integrati e su misura per l’enoturista che si muove sia individualmente sia in gruppi organizzati, valorizzare le attività legate al vino e agli altri prodotti del territorio, attuare azioni promozionali atte a posizionare l’offerta nel mercato di riferimento, comunicare e promuovere un contenitore unico che racchiuda le proposte del territorio e degli attori coinvolti e, infine, integrare i contenuti della Strada con la strategia promo-commerciale di PromoTurismoFVG e con le strategie di tutti gli stakeholder del territorio.     [post_title] => PromoTurismoFVG, sei video sulla Strada del vino [post_date] => 2019-05-24T12:49:42+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558702182000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352873 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ogni giorno attraverso la piattaforma Booking.com vengono prenotate oltre 1,5 milioni di stanze in 228 paesi e regioni del mondo. Grazie alla nuova collaborazione tra Amadeus e Booking.com, le agenzie di viaggi avranno accesso ai vasti e ricchi contenuti indicizzati offerti dall’azienda. Questi comprendono qualunque soluzione a partire dagli hotel ai resort, dalle case agli appartamenti, e molti altri luoghi unici per soggiornare, e che saranno messi a disposizione da Booking.com attraverso Amadeus Selling Platform Connect. Grazie a questa partnership, le agenzie di viaggi potranno beneficiare direttamente di un aumento del 30% delle opzioni di ospitalità messe a disposizione da Amadeus. L’ampia gamma di offerta di Booking.com verrà visualizzata insieme agli altri contenuti di viaggio, per consentire alle agenzie di prenotare in modo più agevole l’intero viaggio del cliente, che potrà scegliere tra una varietà di possibilità e tariffe e disporre comodamente di un unico itinerario che copre il viaggio dall’inizio alla fine. Gabriele Rispoli, direttore Ccmmerciale smadeus ha dichiarato: “«iamo orgogliosi di realizzare questo progresso commerciale con un fornitore di soluzioni ricettive noto in tutto il mondo per il suo successo. Siamo certi che la collaborazione tra Amadeus e Booking.com porterà diversi benefici alle nostre agenzie di viaggi. La ricettività è una priorità per Amadeus, per questo stiamo investendo attivamente per arricchire ulteriormente il nostro portafoglio. La tecnologia di Amadeus, combinata con i contenuti di Booking.com, permetterà agli agenti di ricercare, prenotare e integrare in modo trasparente i contenuti di Booking.com, assicurando una procedura di prenotazione semplice, oltre che un’agevole personalizzazione delle soluzioni di viaggio per i clienti. Tutto questo rientra nella nostra mission tesa a realizzare un Live Travel Space”» [post_title] => Partnership Amadeus e Booking.com. Per gli adv più offerta alberghiera [post_date] => 2019-05-22T12:40:34+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558528834000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352855 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La maggior parte dei fiumi del Canton Ticino, che rappresentano una suggestiva attrazione turistica per il loro ambiente naturale e paesaggistico, sono pure un luogo ideale per lo svago e la pratica di numerosi sport tra cui il canyoning. Il canyoning, o torrentismo, è una disciplina sportiva che prevede la discesa a piedi di tratti di corsi d'acqua montani, gli ostacoli del percorso sono scivoli naturali, pozze, cascate che vengono superati con l'ausilio di corde o effettuando tuffi, scivolate o passaggi di arrampicata in discesa. In Ticino è possibile praticare il torrentismo in vari siti sparsi in tutta la regione. I canali, che spesso sono stati scavati e levigati dall’azione erosiva dell’acqua, sono le forre, chiamate anche gole o fossi, e la loro discesa, che può presentare diversi livelli di difficoltà, viene effettuata con un misto di trekking e tecniche alpinistiche e con un equipaggiamento che potremmo definire scherzosamente mare e monti (mute da sub e attrezzatura per l’arrampicata in montagna). Con tanto di caschetto, muta e imbracatura, ci si lancia giù per rocce, canali, cascate e gole profonde. Si tratta di una attività molto divertente, soprattutto se praticata a livelli di difficoltà bassi o medi. Livelli più impegnativi portano a ridurre l’approccio giocoso, ma in compenso ripagano con un grado di soddisfazione particolarmente elevato. Tra tutte le attività acquatiche outdoor, è forse quella con il maggior coinvolgimento fisico e paesaggistico. Si può andare alla scoperta di bellezze altrimenti non visibili, se non con il canyoning. Il canyoning non è uno sport individuale ma di gruppo e per praticarlo è necessaria una buona attrezzatura che forniscono i Club sportivi organizzati. Le guide alpine che accompagnano, grazie alla loro preparazione tecnica e alla conoscenza dei percorsi, garantiscono la massima sicurezza.   [post_title] => Canton Ticino, un paradiso per gli appassionati di canyoning [post_date] => 2019-05-22T11:29:42+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558524582000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352825 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Finito l’inverno, inizia il periodo migliore dell'anno per esplorare le montagne del Principato di Andorra e scoprire i tesori naturali che esse nascondono. Questa perla dei Pirenei vanta circa 70 laghi e più di 80 vette alte oltre 2.000 metri, distribuite su tutto il territorio. La primavera e l'estate sono le stagioni migliori dell'anno per scoprire i numerosi percorsi che è possible fare sul territorio: tra questi, il suggesivo Coronallacs, un percorso escursionistico circolare che collega i quattro rifugi presenti ad Andorra. Con i suoi 92 km di paesaggi montani e panorami spettacolari suddivisi in cinque lunghe tappe, questo percorso escursionistico è stato pensato per trascorrere la notte in ognuno dei rifugi, per cui suggeriamo di non partire troppo carichi. Sant Antoni de la Grella, la Piràmide o Agulles d´Engolasters sono alcune delle aree ove poter praticare la scalata e godere di una vista mozzafiato. Inoltre, Andorra offre sei rocciodromi all’aria aperta sparsi su tutto il territorio per chi vuole esercitarsi seguendo il proprio ritmo. L’arrampicata del Roc del Quer è una delle più scoscese e suggestive poiché culmina nell'omonimo punto panoramico, da cui si possono ammirare le montagne della Vall d´Orient. Adatta sia ai bambini che agli adulti che iniziano a praticare questa disciplina, è invece l’arrampicata di Clots de l’Aspra, che raggiunge i 2.200 metri di altitudine. Scoprire il Paese in bicicletta è un'alternativa più che consigliata. Nel Principato sono presenti 21 passi di montagna segnalati, di diversi livelli di difficoltà. Alcuni di essi sono noti per essere stati tappa finale di competizioni sportive come il Tour de France o la Vuelta a España. I percorsi ciclabili della destinazione permettono di scoprire alcuni degli itinerari più rappresentativi di Andorra, in cui è presente lungo il percorso una segnaletica con informazioni dettagliate sui chilometri rimanenti per raggiungere il passo e la distanza, la difficoltà, l'altitudine attuale e finale e i dislivelli.   [post_title] => Estate ad Andorra, turismo attivo tra percorsi adrenalinici e cicloturismo [post_date] => 2019-05-22T10:05:23+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558519523000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352320 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riparte tra giugno e settembre "Sentinelle del Mare", curato dall'Università di Bologna e realizzato in collaborazione con Confcommercio e Confturismo, un progetto di osservazione e rilevazione della biodiversità nei mari di otto regioni italiane (tra cui la Liguria). Il progetto coniuga turismo, ambiente e ricerca: dalle stazioni di rilevamento dislocate lungo le coste vengono organizzate spedizioni in aree marine di particolare interesse. I turisti che partecipano, guidati da biologi esperti, sono invitati a individuare gli esemplari di flora e fauna in attività di osservazione sia a bordo sia in mare. I dati così raccolti vengono assemblati e analizzati dal dipartimento di Scienze biologiche, Geologiche ed Ambientali dell'Università di Bologna per comporre una mappa dello stato della biodiversità marina, che viene poi mandata alle agenzie governative, ai gestori delle aree protette e diffusa al grande pubblico. «Sentinelle del mare coniuga turismo, educazione ambientale e conoscenza scientifica attraverso una formula innovativa e intelligente - ha detto l'assessore al turismo della Regione Liguria Gianni Berrino - e aggiunge un'opportunità interessante all'offerta rivolta ai turisti che scelgono le nostre coste. La risposta degli operatori nell'organizzazione dei punti di rilevamento e delle escursioni in battello è un chiaro segnale della sintonia che il progetto ha trovato nel territorio e mi auguro che l'esperienza possa ripetersi e crescere con soddisfazione di tutti nei prossimi mesi». Saranno almeno 50 le stazioni di rilevamento Confturismo ‐ Confcommercio in tutta Italia. In Liguria saranno istituite a Ventimiglia, Santo Stefano al Mare, Riva Ligure, Imperia, Sanremo, Diano Marina, Bordighera, Genova, in diverse località del Golfo Paradiso e del Golfo del Tigullio, Monterosso al Mare, Vernazza, Manarola, Riomaggiore, Lerici. Le attività svolte nel 2018 in Liguria da giugno a settembre hanno permesso di rilevare un buon grado di biodiversità in tutto il mar ligure, con punte di eccellenza nel Tigullio e assenza di situazioni critiche. In tutta Italia le "Sentinelle del mare" hanno operato da 23 stazioni di rilevamento istituite da Confcommercio e Confturismo; alla compilazione delle 7000 schede hanno collaborato anche le aree marine protette e i centri diving. [post_title] => Liguria: tornano da giugno a settembre le "Sentinelle del mare" [post_date] => 2019-05-17T09:12:33+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558084353000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 352257 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “Tribhum: The Mystical Three Worlds” è la nuova attrazione turistica di Phuket, un parco tematico di avventura 3D in cui i visitatori vengono trasportati in un regno mistico di leggende e fantasie siamesi. Situato di fronte alla Floresta Zone di Central Phuket, nella città di Phuket, “Tribhum: The Mystical Three Worlds” combina leggenda e fantasia con narrazione creativa e superba tecnologia interattiva. Nella “The Magic Forest World”, i visitatori possono incontrare i Makaleetrees e farsi trascinare dalla loro danza incantata, aprirsi una strada attraverso l’area di “Vanekampoo Monkey” abitata da strane creature animali, o discutere con un albero parlante. Emozione e brividi attendono i visitatori nel mondo della montagna argentata che, grazie a un ultramoderno aliante meccanico  denominato “Silver Glider”, potranno godere di un percorso nella natura alla velocità di oltre 45 chilometri orari. Nel “Garuda Dome” i visitatori si troveranno nel bel mezzo di una battaglia virtuale per l’elisir dell'immortalità e nel “Demon Maze”, in fuga da demoni assetati. Nell’attrazione “The Underwater World” i visitatori possono navigare lungo un passaggio segreto per incontrare i mitici assistenti del Naga King, ammirare la visione affascinante di migliaia di lucciole e provare l’emozione di volare in uno scenario di animazione 4D. "Tribhum: The Mystical Three Worlds" è aperto tutti i giorni (tranne il mercoledì) dalle 11.00 alle 20.00 e offre una ampia scelta di ristoranti, un negozio di souvenir e un servizio concierge. [post_title] => A Phuket apre il nuovo parco Tribhum, tra fantasia e tecnologia [post_date] => 2019-05-16T15:08:30+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1558019310000 ) ) )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti