24 May 2022

Garavaglia promette ancora cig e indennizzi ma pare un disco inceppato

[ 1 ]

Ecco, ci risiamo. Potremmo forse pensare a una rubrica. Perché siamo ancora qui a parlare del ministro Massimo Garavaglia e delle sue promesse (quasi mai mantenute). A volte si ha quasi l’impressione di ascoltare un disco rotto. Uno di quei vinili di un tempo, oggi peraltro tornati di moda, che si incantavano sulla medesima traccia fino a quando qualcuno non si decideva a spostare la puntina…

Questa volta il ministro, piuttosto presenzialista per la verità negli ultimi tempi, si è fatto intervistare da Repubblica, tramite le cui colonne ha voluto “tranquillizzare la categoria: abbiamo mandato tutte le norme (del decreto Sostegni, ndr) al Mef. La legge arriverà giovedì prossimo”. Ma il termine non sarebbe già dovuto essere quello di oggi? Pazienza si dirà, l’importante è che ci siano le risorse. “Servirebbe un miliardo e mezzo solo per il turismo, in aggiunta ai 700 milioni per la proroga Cig Covid che sono già stati stanziati dalla legge di Bilancio”, aggiunge infatti sempre Garavaglia. Tutto bene, allora? In realtà l’uso del condizionale è preoccupante, e infatti, prosegue il ministro, “se non sarà un miliardo e mezzo può essere qualcosina di meno, ma comunque parliamo di cifre importanti”… Insomma, poche idee ma piuttosto confuse. C’è tutt’altro che da stare tranquilli.

Anche perché Massimo Garavaglia di promesse, come si diceva, non è mai stato avaro: già lo scorso 16 dicembre in un programma televisivo aveva garantito l’estensione della cig per chi lavora nel turismo, così come lo stanziamento di 100 milioni di euro per gli indennizzi, a cui si sarebbero dovuti aggiungere altri fondi recuperabili nelle pieghe di Bilancio. Poi però la cassa integrazione è scaduta il 31 dello stesso mese, mentre le pieghe del lenzuolo Bilancio non solo si sono dimostrate poco generose con il settore ma hanno anche inghiottito, evidentemente per distrazione, i miseri 100 milioni già ampiamente assicurati.

Niente paura, però: un paio di settimane dopo il nostro ministro torna alla carica e chiede nuovamente la proroga della cassa integrazione. Ma come? Non era garantita? E poi, chiedere a chi? Allo stesso governo di cui lui è parte integrante? Degli indennizzi, nel frattempo, si è persa definitivamente traccia. Sarà che hanno mandato in lavanderia il lenzuolo Bilancio…

Ma Garavaglia ha comunque trovato il colpevole di tutta questa situazione. L’importante, in fondo, è scaricare il barile. A zavorrare il settore, ha dichiarato sempre il ministro il 28 dicembre, non è tanto la pandemia, e l’incapacità del suo governo di supportare adeguatamente il comparto, ma i media e il loro eccessivo allarmismo. Bene, siamo sulla strada giusta per evitare di parlare troppo di pianificazione seria e di supporti economici, di cui invece purtroppo non si vede traccia.

Passato Capodanno, Garavaglia è quindi tornato alla carica. E all’inizio di questa settimana dal padiglione Italia di Expo Dubai ha ancora una volta assicurato:  il governo va verso la proroga della cassa Covid per i settori più colpiti dalla pandemia e prepara nuovi ristori.

Fino a un po’ di tempo fa riscuoteva notevoli consensi un politico che amava rassicurare tutti con un laconico “State sereni“. Sappiamo tutti poi com’è finita. Speriamo che la storia non si ripeta un’altra volta. E che la puntina del giradischi si sposti finalmente sulla traccia successiva.

Massimiliano Sarti




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( )

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti