29 February 2024

Escalation di assunzioni. Il turismo guida con 70 mila posti di lavoro

[ 0 ]

Boom di assunzioni, 352 mila, a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata superiore a 30 giorni, programmate dalle imprese per il mese di dicembre e salgono a quasi 1,3 milioni quelle previste per l’intero trimestre dicembre-febbraio. Rispetto a un anno fa si registra un incremento del +7,0% (+23mila assunzioni) nel mese e del +6,9% (+84mila assunzioni) nel trimestre. È quanto emerge dal Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere in collaborazione con Anpal.

A tenere alta la domanda di lavoro sono le imprese del turismo e del commercio che programmano rispettivamente 70 mila e 56 mila entrate nel mese, con l’approssimarsi delle festività natalizie (+6,7% e +13,1% rispetto allo stesso periodo del 2022). Permane elevata la difficoltà di reperimento che riguarda 171 mila profili ricercati pari al 48,5% del totale delle assunzioni, un valore superiore di 3,3 punti percentuali rispetto ad un anno fa.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462329 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Dolomiti avanza sicura verso un 2024 nel segno della crescita, dopo un 2023 che ha visto per la prima volta la compagnia italiana del Gruppo Lufthansa raggiungere i 3 milioni di passeggeri trasportati. Cresce innanzitutto la flotta che ora conta 21 aeromobili: 17 Embraer 195 da 122 posti e 4 Embraer 190 da 108 posti. Un programma di ampliamento che prevede nuovi inserimenti durante tutto l’anno, nei mesi di aprile, maggio e luglio per raggiungere a novembre la quota di 25 macchine. E aumentano di pari passo le nuove assunzioni: attualmente i dipendenti sono 1.000, tra personale di terra e personale navigante. Le campagne di recruiting per le operazioni in volo, per gli uffici della sede di Verona e per le basi di Venezia e Firenze, operative dalla scorsa estate, sono ancora in corso e continueranno ad accompagnare il percorso di sviluppo di Air Dolomiti. Prosegue in parallelo anche lo sviluppo qualitativo della compagnia che, pur mantenendo il proprio ruolo di vettore feeder del traffico italiano sugli hub tedeschi di Monaco di Baviera e Francoforte, negli ultimi anni ha ricevuto fiducia dal Gruppo Lufthansa anche su diverse tratte europee. Numerose sono le tratte europee operate da Air Dolomiti dagli hub tedeschi come i voli su London City e Ginevra dall’aeroporto di Francoforte inaugurati nei giorni scorsi. «Abbiamo chiuso il 2023 registrando 3 milioni di passeggeri: un record assoluto per la nostra compagnia, commenta il ceo, Steffen Harbarth -. Stiamo aumentando la flotta, assumendo nuovi colleghi e ci sentiamo pronti ad accogliere con entusiasmo il nostro nuovo ruolo e le sfide che seguiranno proseguendo lo sviluppo sulle tratte europee. La mission è crescere e posizionarci in modo sicuro sul mercato senza dimenticare i nostri valori, ma cogliendo al contempo tutte le innovazioni che la crescita presenta; un settore complesso e affascinante come quello del trasporto aereo richiede solide basi ma anche prontezza e fantasia per reagire rapidamente ai cambiamenti. Questo è stato sempre il punto di forza di Air Dolomiti: coerenza di percorso e progettualità con l’obiettivo di essere sempre più affidabili e attrattivi, tanto per i nostri passeggeri quanto per chi viene selezionato per lavorare con noi». [post_title] => L'allungo di Air Dolomiti: 3 milioni di passeggeri trasportati, mentre la flotta salirà a 25 velivoli [post_date] => 2024-02-27T14:01:30+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709042490000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461875 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono oltre 600 le posizioni aperte nei village e camping in town Human Company distribuiti tra Toscana, Veneto, Lazio e Lussemburgo, nella tenuta Palagina alle porte del Chianti e nel Plus Hostel di Firenze. Dopo un 2023 conclusosi con ottimi risultati, in particolare quelli legati alle presenze che sono cresciute del 9% rispetto al 2022, il gruppo toscano si prepara alla riapertura delle sue strutture con un importante piano di assunzioni. Diversi i settori di riferimento per le nuove figure professionali da inserire in organico: nell’ambito ricettivo si cercano addetti front office, per l’accoglienza degli ospiti e la gestione delle prenotazioni, responsabili front office per il coordinamento del personale della reception, e addetti agli info point, incaricati di fornire informazioni sulla struttura, gli eventi e le esperienze pensate per conoscere al meglio il territorio circostante. Camerieri, aiuto camerieri, pizzaioli e aiuto pizzaioli sono tra le professioni ricercate per il settore food & beverage insieme a baristi e economi f&b per la ricezione e la gestione dei materiali in arrivo in struttura. Non mancano le opportunità per il settore della sicurezza, delle pulizie e delle manutenzioni mentre per il retail sono aperte le seguenti figure professionali: addetti al market e allo shop e responsabili dell’esercizio. Per la Toscana, in particolare, le posizioni aperte sono oltre 340 e interessano non solo i villaggi della costa toscana come lo hu Park Albatros village e lo hu Montescudaio village, ma anche lo hu Norcenni Girasole village e la tenuta Palagina alle porte del Chianti, il Plus Hostel e lo hu Firenze camping in town. In Veneto si cercano circa 130 figure per lo hu Altomincio village e per lo hu Venezia camping in town, nel Lazio sono disponibili oltre 65 posizioni tra lo hu I pini village, il Fabulous village e lo hu Roma camping in town mentre sono circa 60 le figure professionali ricercate in Lussemburgo per lo hu Birkelt village.   [post_title] => Human Company alla ricerca di oltre 600 figure per la stagione 2024 [post_date] => 2024-02-20T10:08:45+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708423725000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460341 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' in programma il prossimo 20 febbraio, presso l'hotel Acquaviva del Garda, il recruiting day dei percorsi dedicati alla ristorazione (sala e bar) nonché alla parte tecnica (igiene e manutenzione delle piscine) della nuova Terme di Sirmione Academy: "Negli ultimi anni, nel settore turistico, abbiamo assistito alla crisi del modello lavorativo tradizionale e a una mutata percezione del lavoro e dei valori a esso associati. In particolare nel nostro settore rileviamo una diminuzione della qualità della preparazione in ingresso al mondo del lavoro - spiega il direttore generale di Terme di Sirmione, Margherita De Angeli -. È proprio per questo che abbiamo deciso di investire in modo permanente nella realizzazione di un’academy che rappresenta un’opportunità per chi desidera intraprendere un nuovo percorso professionale in un’azienda solida, in continua crescita e che offre un contesto di lavoro stabile e duraturo”. I destinatari dei due percorsi f&b e tecnico sono persone che, pur non avendo una preparazione specifica, desiderano investire nel proprio futuro per acquisire le conoscenze teorico-pratiche necessarie a intraprendere una carriera professionale in ambito di servizio di sala e bar nel settore hotellerie o in ambito tecnico termale. I candidati saranno appunto selezionati durante un recruiting day, martedì 20 febbraio, dalle 9 alle 14, presso l'hotel Acquaviva del Garda. Chi supererà la selezione sarà assunto dal mese di marzo con un regolare contratto di due mesi presso le sedi di Terme di Sirmione, che includono strutture pluripremiate, hotel a 3, 4, 5 stelle, spa e centri curativi. Nel corso dei due mesi verrà svolto il percorso di formazione pratico e teorico di 100 ore, guidato da esperti interni: professionisti di Terme di Sirmione (maitre e direttori d’hotel, tecnici) di lunga esperienza e con conoscenze specifiche riguardanti i processi e le pratiche aziendali. Inoltre, colleghi più esperti e dirigenti agiranno come guide offrendo supporto e condividendo le loro conoscenze. Al termine del percorso di formazione e dei due mesi di contratto, verrà effettuata una valutazione finale di tutti i partecipanti e alla selezione dei migliori sarà proposto un contratto di assunzione per l’intera stagione.  Un altro percorso sarà infine dedicato al benessere: per i dipendenti interni che intendono entrare e crescere in Terme di Sirmione, l’academy prevede infatti la possibilità di accedere a percorsi di formazione come operatori di yoga e mindfulness e come augfussmeister presso scuole specializzate e certificate. Inoltre, l’azienda offre percorsi di formazione e specializzazione a estetiste e beauty specialist nei protocolli a metodo Terme di Sirmione. [post_title] => Nasce la Terme di Sirmione Academy: selezioni il 20 febbraio all'hotel Acquaviva del Garda [post_date] => 2024-01-30T10:49:56+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706611796000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459105 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' una vera e propria escalation positiva quella che ha visto protagonista nel 2023 l'aeroporto internazionale dell'Umbria - Perugia "San Francesco d'Assisi". Con i 22.003 passeggeri registrati a dicembre (+43% sul 2019 e +27% sul 2022), il dato complessivo per i 12 mesi ha raggiunto infatti i 532.474 transiti, pari ad una crescita del +143% sul 2019 e del +44% rispetto al 2022 (quando furono 369.222). «Un risultato atteso, visti i numerosi record registrati nel corso di tutto l'anno, ma assolutamente impensabile fino a pochi anni fa, quando il traffico medio si attestava sui 220 mila passeggeri annui - sottolinea in una nota la Sase, società di gestione dello scalo -. Grazie ad una programmazione che ha visto operative 16 rotte, con fino ad oltre 100 voli di linea settimanali, l'aeroporto dell'Umbria ha confermato il suo trend di crescita registrando incrementi di traffico in ogni mese dell'anno e stabilendo i nuovi record mensili ininterrottamente da gennaio a dicembre». La chiusura annuale ad oltre 530 mila passeggeri consente al "San Francesco d'Assisi" di scalare nuovamente posizioni nella classifica dei 42 aeroporti italiani, raggiungendo la 20/a posizione grazie al sorpasso su Ancona. Nel dettaglio, il 66% dei passeggeri è stato registrato su voli internazionali, il 33% su voli nazionali e l'1% su voli di aviazione generale e charter. L'aeroporto ha sottolineato, inoltre, come nel biennio 2022-2023 lo scalo - grazie agli oltre 900.000 passeggeri transitati - abbia generato un traffico pari a quello registrato nei cinque anni precedenti (periodo 2017-2021). Per quanto riguarda la puntualità dei voli, nel periodo gennaio - dicembre lo scalo ha assistito oltre 1.700 voli partenti, con un “on-time performance” da parte delle compagnie del 54% entro i 15 minuti e del 73% sopra ai 15 minuti. Sase ha ottenuto invece un indice di puntualità del 98,6%. S «Siamo estremamente orgogliosi di annunciare questi straordinari risultati per il 2023, che ha visto il nostro aeroporto eccellere sia per quanto riguarda l’incremento del traffico sia per ciò che concerne la qualità del servizio erogato a compagnie e passeggeri - ha commentato Umberto Solimeno, direttore generale dell’aeroporto dell’Umbria -. Guardiamo con entusiasmo al futuro, impegnandoci a continuare a fornire servizi di alta qualità e a sostenere lo sviluppo economico del territorio». [post_title] => L'accelerata dell'Aeroporto dell'Umbria: traffico passeggeri a +143% sul 2019 [post_date] => 2024-01-10T10:05:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704881153000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458568 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Fine anno, tempo di bilanci anche per la Grecia, dove - secondo i dati dell'Istituto dell'Associazione delle imprese turistiche greche (Insete) e della Banca di Grecia - quest'anno il turismo ha contribuito all'11,5% del Pil nazionale, stabilendo così un nuovo record. Secondo il rapporto annuale dell'Insete, il contributo diretto del turismo al Pil greco nel 2023 è stimato in 24 miliardi di euro, con cinque regioni che rappresentano quasi il 90% delle entrate del Paese, tre delle quali sono aree prettamente turistiche. Per quest'anno, in base alle stime della Banca Centrale, si prevede che le cifre del turismo greco superino i già elevati livelli del 2019 grazie alla crescita del comparto crocieristico. «Tuttavia, le prospettive per il 2024 potrebbero non essere così favorevoli, poiché permangono alcuni fattori di rischio, come il rallentamento dell'economia globale e la possibile escalation della guerra in Medio Oriente» ha precisato la Banca di Grecia. Finora, per il 2023, sulla base dei dati ufficiali e nonostante l'incertezza di inizio anno dovuta all'impatto delle pressioni inflazionistiche in corso sul reddito reale delle famiglie europee, la performance del settore può essere definita particolarmente positiva. Nel periodo gennaio-settembre 2023 gli incassi dei viaggi sono stati pari a 17,9 miliardi di euro, superando di 2,4 miliardi di euro i corrispondenti incassi del 2022 e di 1,8 miliardi di euro la performance del 2019, anno record per il turismo greco. Nel periodo gennaio-ottobre 2023, gli arrivi di visitatori stranieri in tutti gli aeroporti del Paese hanno superato del 13,1% i livelli del 2019. Inoltre, gli arrivi internazionali negli aeroporti regionali del Paese sono stati il 6,3% in più rispetto all'anno scorso e il 14,4% in più rispetto a quelli corrispondenti del 2019. In parallelo, il potenziale alberghiero del Paese appare rafforzato, con i posti letto totali e quelli degli hotel di lusso che superano quelli del 2022 e del 2019.  [post_title] => Grecia, ottima performance per il turismo: nel 2023 l'incidenza sul Pil sale all'11,5% [post_date] => 2023-12-22T09:35:15+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1703237715000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 457677 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Boom di assunzioni, 352 mila, a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata superiore a 30 giorni, programmate dalle imprese per il mese di dicembre e salgono a quasi 1,3 milioni quelle previste per l’intero trimestre dicembre-febbraio. Rispetto a un anno fa si registra un incremento del +7,0% (+23mila assunzioni) nel mese e del +6,9% (+84mila assunzioni) nel trimestre. È quanto emerge dal Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere in collaborazione con Anpal. A tenere alta la domanda di lavoro sono le imprese del turismo e del commercio che programmano rispettivamente 70 mila e 56 mila entrate nel mese, con l’approssimarsi delle festività natalizie (+6,7% e +13,1% rispetto allo stesso periodo del 2022). Permane elevata la difficoltà di reperimento che riguarda 171 mila profili ricercati pari al 48,5% del totale delle assunzioni, un valore superiore di 3,3 punti percentuali rispetto ad un anno fa. [post_title] => Escalation di assunzioni. Il turismo guida con 70 mila posti di lavoro [post_date] => 2023-12-07T11:54:06+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1701950046000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 457265 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Vola oltre i 9 milioni il traffico passeggeri degli Aeroporti di Puglia: un traguardo storico che viene raggiunto con un mese di anticipo rispetto alla fine del 2023. Nel dettaglio sono stati 9.074.367 i passeggeri transitati negli scali di Bari, Brindisi e Foggia da gennaio a novembre 2023: al raggiungimento di questo traguardo ha contribuito in maniera decisiva la crescita del traffico di linea internazionale che con 3.812.672 passeggeri su Bari e Brindisi ha fatto registrare un +19% rispetto al periodo gennaio – novembre del 2022. Nel dettaglio Bari si è attestata a 6.037.884 passeggeri (+4,7%), Brindisi a 2.991347 passeggeri (+3,8%) e Foggia a 45.136 passeggeri.  “Questo risultato straordinario è in linea con quelli che erano i nostri obiettivi; un risultato centrato nonostante i fattori esterni che stanno condizionando in maniera decisa il nostro settore - ha commentato il presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile -. Aver raggiunto e superato con largo anticipo questo traguardo, governando con intelligenza e serenità le tante difficoltà, senza mai mettere a rischio il mantenimento dei livelli occupazionali, anzi continuando con decisione da un lato sul programma di assunzioni e formazione e a procedere in maniera equilibrata il piano degli investimenti e degli interventi di ammodernamento e qualificazione di tutti i nostri aeroporti, è segno di grande efficienza e capacità di tutta la struttura di Adp. Sentiamo forte il peso della responsabilità che abbiamo per lo sviluppo del nostro tessuto economico e sociale; con la stessa intensità condividiamo e  crediamo nella visione strategica del nostro azionista Regione Puglia, degli assessorati ai trasporti, al turismo e allo sviluppo economico, così come dell’intero sistema Puglia.” [post_title] => Gli Aeroporti di Puglia superano i 9 milioni di passeggeri. Traffico internazionale a +19% [post_date] => 2023-12-01T11:46:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1701431172000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 456513 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è svolta a Milano la prima edizione dell’Hilton Sustainability Forum: un evento di analisi e approfondimento sulle sfide e le opportunità della sostenibilità aziendale, nel corso del quale imprenditori, manager e opinion leader si sono confrontati davanti a una platea di studenti. Il forum, fortemente voluto dal general manager dell'Hilton Milan, Daniele Fabbri, leader italiano per i progetti esg (environmental, social and governance) del gruppo Usa, ha coinvolto alcune università milanesi, a cui è stato chiesto di realizzare un progetto applicabile al settore del turismo con focus sull'hotellerie o sulle destinazioni. Tra i lavori è stato premiato quello dal titolo Hilton for the Ocean Clean Up, ma tutte le indagini sulle aree dell’energia, il cibo e i materiali di consumo hanno offerto spunti importanti che verranno applicati nel gruppo. "Questa forma di dialogo e di scambio testimonia l’impegno e la passione che ognuno di noi condivide per un futuro più sostenibile - ha detto Fabbri rivolgendosi agli studenti -. Il vostro impegno ed entusiasmo sono la linfa vitale di questo forum: siete i leader di domani. Il vostro ruolo è fondamentale nel dare forma al mondo che verrà". Fabbri ha poi ringraziato i relatori presenti, perché "la vostra visione è fondamentale per ispirare questo forum verso orizzonti innovativi e soluzioni concrete. Oggi condividiamo non solo idee e progetti, ma anche l'obbligo morale di agire per interesse del nostro pianeta e delle generazioni future". Tra i relatori era presente Giuseppe Milici, partner Deloitte & Touche e senior manager in sustainability services. Milici ha parlato della sostenibilità sottolineando come la gestione dei temi esg stia portando le aziende a identificare le pratiche virtuose come parte integrante dei propri sistemi di business. Sul fronte dell’environmental si devono in particolare ridurre le emissioni entro il 2030 e raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. Alla voce social bisogna ricordare che, se in Italia i diritti sono tutelati, in molti paesi milioni di persone sono sfruttate e nuove leggi sono state emanate per obbligare le imprese al rispetto dei diritti umani. Infine la governance aziendale dovrà essere riprogettata per favorire la transizione verso modelli di business sostenibili. Milici ha anche ricordato come la sostenibilità sia vantaggiosa per le imprese perché crea valori, riduce i costi e porta all’innovazione, offre vantaggi competitivi, migliora la reputazione del brand, attrae e fidelizza i capitali e i talent, e favorisce l’impiego. Perché i giovani si sentono protetti e tranquilli lavorando in aziende virtuose. "Per comprendere le preoccupazioni dei giovani in Italia e nel mondo, Deloitte realizza ogni anno l’indagine Global GenZ and Millennial Survey. La ricerca si chiede come stiamo andando. A livello mondiale i giovani ci dicono che i datori di lavoro dopo la pandemia stanno facendo progressi, ma il livello di sostenibilità del business è ancora lontano dalla loro aspettativa. Il costo della vita nelle città principali, come Milano, è molto alto e questo è un problema per queste generazioni, che si sentono enormemente stressate perché non vedono un futuro chiaro, sia familiare sia lavorativo. A questo si aggiungono i problemi di diversity e di inclusion, il linguaggio utilizzato e anche casi di molestie. In Italia sono state intervistate 800 persone di cui 500 della generazione Z e 300 Millennial. Equamente divisi tra uomini e donne, per lo più non sposati. Sono emersi quelli che sono i top concern italiani, non diversi da quelli dei giovani all’estero. Al primo posto il costo della vita, tema cruciale per la gestione dell’indipendenza e dei desideri come la possibilità di viaggiare e andare in vacanza; quindi il climate change e la disoccupazione. In Italia il 60% della genZ e il 71% dei Millennials pensano che non riusciranno a farsi una famiglia tradizionale, perché non sono sicuri del proprio futuro lavorativo. La stessa percentuale teme che non riuscirà mai ad acquistare una casa. Quasi tutti devono integrare la prima fonte di reddito con un secondo lavoro o con l'aiuto dei genitori. L’attenzione al cambiamento climatico diventa uno stile di vita consapevole, con un’alimentazione sana e spesso vegana. Per questo è importante il tema della sostenibilità sul posto di lavoro. Infatti, per quanto si tema la disoccupazione, i driver per cercare lavoro sono sempre più relativi al work life balance. Lo smart working è diventato un must-have, una pre-condizione richiesta sin dai colloqui di assunzione, così come l’attenzione alla salute mentale, con la richiesta di un supporto psicologico. Una necessità emersa in particolare nel post-pandemia. Anche Deloitte sta seguendo il cambiamento - conclude Milici - rivedendo il proprio modello di business".   [post_title] => Hilton Sustainability Forum: lo sguardo di Deloitte sui top concern dei giovani italiani [post_date] => 2023-11-21T14:01:13+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1700575273000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 456504 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un futuro all'insegna della crescita per Trieste Airport, che sin da questo mese di novembre va a caccia di nuovo personale: da addetti all'assistenza aeromobili e passeggeri, fino a manutentori, personale in amministrazione e security (Gpg - Guardia Particolare Giurata), che saranno selezionati dal Polo Permanent dell’agenzia per il lavoro Adhr Group del Friuli Venezia Giulia in collaborazione con la filiale di Monfalcone.   «Stiamo portando avanti in stretta sinergia con Regione e l’agenzia del turismo un piano di sviluppo cruciale per lo sviluppo economico-turistico e sociale del territorio regionale - ha affermato l’amministratore delegato di Trieste Airport Marco Consalvo -. Un progetto che ci consente di attuare programmazioni condivise e di impiegare le risorse in modo mirato. L’obiettivo è di andare anche oltre il bacino di utenza regionale per aumentare il turismo da mercati non di prossimità».  Il 2023 si chiuderà con un +35% di traffico passeggeri rispetto al 2022 e +20% rispetto al 2019 superando quindi il dato di traffico pre pandemia, il 2023 sarà il migliore di sempre dal punto di vista della movimentazione aerea e del traffico passeggeri.  «La stagione estiva 2023 ha rappresentato il periodo di svolta per la crescita e lo sviluppo di Trieste Airport con l’aumento di offerta delle destinazioni, delle frequenze settimanali e l’incremento del 25% della capacità di posti offerti rispetto al 2019: i nuovi collegamenti introdotti nello scorso periodo estivo sono stati in gran parte confermati anche per l’attuale stagione invernale, l’azienda è ora al lavoro per finalizzare l’estate 2024 (a partire da fine marzo 2024) che prevede un significativo aumento del numero dei voli in partenza da Trieste Airport. L’aeroporto regionale sta per completare inoltre un’importante trasformazione green, grazie a un impianto fotovoltaico da 3,5 MW di potenza installata con storage di energia che coprirà più del 50% del proprio fabbisogno energetico, ed ha attivato nuovi servizi di interesse ad una sempre più ampia tipologia di utenti del polo intermodale dello scalo regionale collegato in modo diretto alla fermata ferroviaria Trieste Airport sulla linea Trieste - Venezia/Trieste - Udine.   [post_title] => Trieste Airport cresce e punta ai flussi internazionali. Al via nuove assunzioni [post_date] => 2023-11-21T11:56:25+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1700567785000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "escalation assunzioni" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":16,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":95,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462329","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air Dolomiti avanza sicura verso un 2024 nel segno della crescita, dopo un 2023 che ha visto per la prima volta la compagnia italiana del Gruppo Lufthansa raggiungere i 3 milioni di passeggeri trasportati.\r\nCresce innanzitutto la flotta che ora conta 21 aeromobili: 17 Embraer 195 da 122 posti e 4 Embraer 190 da 108 posti. Un programma di ampliamento che prevede nuovi inserimenti durante tutto l’anno, nei mesi di aprile, maggio e luglio per raggiungere a novembre la quota di 25 macchine.\r\nE aumentano di pari passo le nuove assunzioni: attualmente i dipendenti sono 1.000, tra personale di terra e personale navigante. Le campagne di recruiting per le operazioni in volo, per gli uffici della sede di Verona e per le basi di Venezia e Firenze, operative dalla scorsa estate, sono ancora in corso e continueranno ad accompagnare il percorso di sviluppo di Air Dolomiti.\r\nProsegue in parallelo anche lo sviluppo qualitativo della compagnia che, pur mantenendo il proprio ruolo di vettore feeder del traffico italiano sugli hub tedeschi di Monaco di Baviera e Francoforte, negli ultimi anni ha ricevuto fiducia dal Gruppo Lufthansa anche su diverse tratte europee. Numerose sono le tratte europee operate da Air Dolomiti dagli hub tedeschi come i voli su London City e Ginevra dall’aeroporto di Francoforte inaugurati nei giorni scorsi.\r\n«Abbiamo chiuso il 2023 registrando 3 milioni di passeggeri: un record assoluto per la nostra compagnia, commenta il ceo, Steffen Harbarth -. Stiamo aumentando la flotta, assumendo nuovi colleghi e ci sentiamo pronti ad accogliere con entusiasmo il nostro nuovo ruolo e le sfide che seguiranno proseguendo lo sviluppo sulle tratte europee. La mission è crescere e posizionarci in modo sicuro sul mercato senza dimenticare i nostri valori, ma cogliendo al contempo tutte le innovazioni che la crescita presenta; un settore complesso e affascinante come quello del trasporto aereo richiede solide basi ma anche prontezza e fantasia per reagire rapidamente ai cambiamenti. Questo è stato sempre il punto di forza di Air Dolomiti: coerenza di percorso e progettualità con l’obiettivo di essere sempre più affidabili e attrattivi, tanto per i nostri passeggeri quanto per chi viene selezionato per lavorare con noi».","post_title":"L'allungo di Air Dolomiti: 3 milioni di passeggeri trasportati, mentre la flotta salirà a 25 velivoli","post_date":"2024-02-27T14:01:30+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709042490000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461875","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono oltre 600 le posizioni aperte nei village e camping in town Human Company distribuiti tra Toscana, Veneto, Lazio e Lussemburgo, nella tenuta Palagina alle porte del Chianti e nel Plus Hostel di Firenze. Dopo un 2023 conclusosi con ottimi risultati, in particolare quelli legati alle presenze che sono cresciute del 9% rispetto al 2022, il gruppo toscano si prepara alla riapertura delle sue strutture con un importante piano di assunzioni.\r\n\r\nDiversi i settori di riferimento per le nuove figure professionali da inserire in organico: nell’ambito ricettivo si cercano addetti front office, per l’accoglienza degli ospiti e la gestione delle prenotazioni, responsabili front office per il coordinamento del personale della reception, e addetti agli info point, incaricati di fornire informazioni sulla struttura, gli eventi e le esperienze pensate per conoscere al meglio il territorio circostante. Camerieri, aiuto camerieri, pizzaioli e aiuto pizzaioli sono tra le professioni ricercate per il settore food & beverage insieme a baristi e economi f&b per la ricezione e la gestione dei materiali in arrivo in struttura. Non mancano le opportunità per il settore della sicurezza, delle pulizie e delle manutenzioni mentre per il retail sono aperte le seguenti figure professionali: addetti al market e allo shop e responsabili dell’esercizio.\r\n\r\nPer la Toscana, in particolare, le posizioni aperte sono oltre 340 e interessano non solo i villaggi della costa toscana come lo hu Park Albatros village e lo hu Montescudaio village, ma anche lo hu Norcenni Girasole village e la tenuta Palagina alle porte del Chianti, il Plus Hostel e lo hu Firenze camping in town. In Veneto si cercano circa 130 figure per lo hu Altomincio village e per lo hu Venezia camping in town, nel Lazio sono disponibili oltre 65 posizioni tra lo hu I pini village, il Fabulous village e lo hu Roma camping in town mentre sono circa 60 le figure professionali ricercate in Lussemburgo per lo hu Birkelt village.\r\n\r\n ","post_title":"Human Company alla ricerca di oltre 600 figure per la stagione 2024","post_date":"2024-02-20T10:08:45+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708423725000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460341","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' in programma il prossimo 20 febbraio, presso l'hotel Acquaviva del Garda, il recruiting day dei percorsi dedicati alla ristorazione (sala e bar) nonché alla parte tecnica (igiene e manutenzione delle piscine) della nuova Terme di Sirmione Academy: \"Negli ultimi anni, nel settore turistico, abbiamo assistito alla crisi del modello lavorativo tradizionale e a una mutata percezione del lavoro e dei valori a esso associati. In particolare nel nostro settore rileviamo una diminuzione della qualità della preparazione in ingresso al mondo del lavoro - spiega il direttore generale di Terme di Sirmione, Margherita De Angeli -. È proprio per questo che abbiamo deciso di investire in modo permanente nella realizzazione di un’academy che rappresenta un’opportunità per chi desidera intraprendere un nuovo percorso professionale in un’azienda solida, in continua crescita e che offre un contesto di lavoro stabile e duraturo”.\r\n\r\nI destinatari dei due percorsi f&b e tecnico sono persone che, pur non avendo una preparazione specifica, desiderano investire nel proprio futuro per acquisire le conoscenze teorico-pratiche necessarie a intraprendere una carriera professionale in ambito di servizio di sala e bar nel settore hotellerie o in ambito tecnico termale. I candidati saranno appunto selezionati durante un recruiting day, martedì 20 febbraio, dalle 9 alle 14, presso l'hotel Acquaviva del Garda. Chi supererà la selezione sarà assunto dal mese di marzo con un regolare contratto di due mesi presso le sedi di Terme di Sirmione, che includono strutture pluripremiate, hotel a 3, 4, 5 stelle, spa e centri curativi. Nel corso dei due mesi verrà svolto il percorso di formazione pratico e teorico di 100 ore, guidato da esperti interni: professionisti di Terme di Sirmione (maitre e direttori d’hotel, tecnici) di lunga esperienza e con conoscenze specifiche riguardanti i processi e le pratiche aziendali. Inoltre, colleghi più esperti e dirigenti agiranno come guide offrendo supporto e condividendo le loro conoscenze. Al termine del percorso di formazione e dei due mesi di contratto, verrà effettuata una valutazione finale di tutti i partecipanti e alla selezione dei migliori sarà proposto un contratto di assunzione per l’intera stagione. \r\n\r\nUn altro percorso sarà infine dedicato al benessere: per i dipendenti interni che intendono entrare e crescere in Terme di Sirmione, l’academy prevede infatti la possibilità di accedere a percorsi di formazione come operatori di yoga e mindfulness e come augfussmeister presso scuole specializzate e certificate. Inoltre, l’azienda offre percorsi di formazione e specializzazione a estetiste e beauty specialist nei protocolli a metodo Terme di Sirmione.","post_title":"Nasce la Terme di Sirmione Academy: selezioni il 20 febbraio all'hotel Acquaviva del Garda","post_date":"2024-01-30T10:49:56+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706611796000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459105","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' una vera e propria escalation positiva quella che ha visto protagonista nel 2023 l'aeroporto internazionale dell'Umbria - Perugia \"San Francesco d'Assisi\". Con i 22.003 passeggeri registrati a dicembre (+43% sul 2019 e +27% sul 2022), il dato complessivo per i 12 mesi ha raggiunto infatti i 532.474 transiti, pari ad una crescita del +143% sul 2019 e del +44% rispetto al 2022 (quando furono 369.222).\r\n\r\n«Un risultato atteso, visti i numerosi record registrati nel corso di tutto l'anno, ma assolutamente impensabile fino a pochi anni fa, quando il traffico medio si attestava sui 220 mila passeggeri annui - sottolinea in una nota la Sase, società di gestione dello scalo -. Grazie ad una programmazione che ha visto operative 16 rotte, con fino ad oltre 100 voli di linea settimanali, l'aeroporto dell'Umbria ha confermato il suo trend di crescita registrando incrementi di traffico in ogni mese dell'anno e stabilendo i nuovi record mensili ininterrottamente da gennaio a dicembre».\r\n\r\nLa chiusura annuale ad oltre 530 mila passeggeri consente al \"San Francesco d'Assisi\" di scalare nuovamente posizioni nella classifica dei 42 aeroporti italiani, raggiungendo la 20/a posizione grazie al sorpasso su Ancona.\r\n\r\nNel dettaglio, il 66% dei passeggeri è stato registrato su voli internazionali, il 33% su voli nazionali e l'1% su voli di aviazione generale e charter. L'aeroporto ha sottolineato, inoltre, come nel biennio 2022-2023 lo scalo - grazie agli oltre 900.000 passeggeri transitati - abbia generato un traffico pari a quello registrato nei cinque anni precedenti (periodo 2017-2021).\r\n\r\nPer quanto riguarda la puntualità dei voli, nel periodo gennaio - dicembre lo scalo ha assistito oltre 1.700 voli partenti, con un “on-time performance” da parte delle compagnie del 54% entro i 15 minuti e del 73% sopra ai 15 minuti. Sase ha ottenuto invece un indice di puntualità del 98,6%. S\r\n\r\n«Siamo estremamente orgogliosi di annunciare questi straordinari risultati per il 2023, che ha visto il nostro aeroporto eccellere sia per quanto riguarda l’incremento del traffico sia per ciò che concerne la qualità del servizio erogato a compagnie e passeggeri - ha commentato Umberto Solimeno, direttore generale dell’aeroporto dell’Umbria -. Guardiamo con entusiasmo al futuro, impegnandoci a continuare a fornire servizi di alta qualità e a sostenere lo sviluppo economico del territorio».","post_title":"L'accelerata dell'Aeroporto dell'Umbria: traffico passeggeri a +143% sul 2019","post_date":"2024-01-10T10:05:53+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1704881153000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458568","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Fine anno, tempo di bilanci anche per la Grecia, dove - secondo i dati dell'Istituto dell'Associazione delle imprese turistiche greche (Insete) e della Banca di Grecia - quest'anno il turismo ha contribuito all'11,5% del Pil nazionale, stabilendo così un nuovo record.\r\n\r\nSecondo il rapporto annuale dell'Insete, il contributo diretto del turismo al Pil greco nel 2023 è stimato in 24 miliardi di euro, con cinque regioni che rappresentano quasi il 90% delle entrate del Paese, tre delle quali sono aree prettamente turistiche.\r\n\r\nPer quest'anno, in base alle stime della Banca Centrale, si prevede che le cifre del turismo greco superino i già elevati livelli del 2019 grazie alla crescita del comparto crocieristico. «Tuttavia, le prospettive per il 2024 potrebbero non essere così favorevoli, poiché permangono alcuni fattori di rischio, come il rallentamento dell'economia globale e la possibile escalation della guerra in Medio Oriente» ha precisato la Banca di Grecia.\r\n\r\nFinora, per il 2023, sulla base dei dati ufficiali e nonostante l'incertezza di inizio anno dovuta all'impatto delle pressioni inflazionistiche in corso sul reddito reale delle famiglie europee, la performance del settore può essere definita particolarmente positiva. Nel periodo gennaio-settembre 2023 gli incassi dei viaggi sono stati pari a 17,9 miliardi di euro, superando di 2,4 miliardi di euro i corrispondenti incassi del 2022 e di 1,8 miliardi di euro la performance del 2019, anno record per il turismo greco.\r\n\r\nNel periodo gennaio-ottobre 2023, gli arrivi di visitatori stranieri in tutti gli aeroporti del Paese hanno superato del 13,1% i livelli del 2019. Inoltre, gli arrivi internazionali negli aeroporti regionali del Paese sono stati il 6,3% in più rispetto all'anno scorso e il 14,4% in più rispetto a quelli corrispondenti del 2019.\r\n\r\nIn parallelo, il potenziale alberghiero del Paese appare rafforzato, con i posti letto totali e quelli degli hotel di lusso che superano quelli del 2022 e del 2019. ","post_title":"Grecia, ottima performance per il turismo: nel 2023 l'incidenza sul Pil sale all'11,5%","post_date":"2023-12-22T09:35:15+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1703237715000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"457677","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Boom di assunzioni, 352 mila, a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata superiore a 30 giorni, programmate dalle imprese per il mese di dicembre e salgono a quasi 1,3 milioni quelle previste per l’intero trimestre dicembre-febbraio. Rispetto a un anno fa si registra un incremento del +7,0% (+23mila assunzioni) nel mese e del +6,9% (+84mila assunzioni) nel trimestre. È quanto emerge dal Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere in collaborazione con Anpal.\r\n\r\nA tenere alta la domanda di lavoro sono le imprese del turismo e del commercio che programmano rispettivamente 70 mila e 56 mila entrate nel mese, con l’approssimarsi delle festività natalizie (+6,7% e +13,1% rispetto allo stesso periodo del 2022). Permane elevata la difficoltà di reperimento che riguarda 171 mila profili ricercati pari al 48,5% del totale delle assunzioni, un valore superiore di 3,3 punti percentuali rispetto ad un anno fa.","post_title":"Escalation di assunzioni. Il turismo guida con 70 mila posti di lavoro","post_date":"2023-12-07T11:54:06+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1701950046000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"457265","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Vola oltre i 9 milioni il traffico passeggeri degli Aeroporti di Puglia: un traguardo storico che viene raggiunto con un mese di anticipo rispetto alla fine del 2023.\r\n\r\nNel dettaglio sono stati 9.074.367 i passeggeri transitati negli scali di Bari, Brindisi e Foggia da gennaio a novembre 2023: al raggiungimento di questo traguardo ha contribuito in maniera decisiva la crescita del traffico di linea internazionale che con 3.812.672 passeggeri su Bari e Brindisi ha fatto registrare un +19% rispetto al periodo gennaio – novembre del 2022. Nel dettaglio Bari si è attestata a 6.037.884 passeggeri (+4,7%), Brindisi a 2.991347 passeggeri (+3,8%) e Foggia a 45.136 passeggeri. \r\n\r\n“Questo risultato straordinario è in linea con quelli che erano i nostri obiettivi; un risultato centrato nonostante i fattori esterni che stanno condizionando in maniera decisa il nostro settore - ha commentato il presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile -. Aver raggiunto e superato con largo anticipo questo traguardo, governando con intelligenza e serenità le tante difficoltà, senza mai mettere a rischio il mantenimento dei livelli occupazionali, anzi continuando con decisione da un lato sul programma di assunzioni e formazione e a procedere in maniera equilibrata il piano degli investimenti e degli interventi di ammodernamento e qualificazione di tutti i nostri aeroporti, è segno di grande efficienza e capacità di tutta la struttura di Adp. Sentiamo forte il peso della responsabilità che abbiamo per lo sviluppo del nostro tessuto economico e sociale; con la stessa intensità condividiamo e  crediamo nella visione strategica del nostro azionista Regione Puglia, degli assessorati ai trasporti, al turismo e allo sviluppo economico, così come dell’intero sistema Puglia.”","post_title":"Gli Aeroporti di Puglia superano i 9 milioni di passeggeri. Traffico internazionale a +19%","post_date":"2023-12-01T11:46:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1701431172000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"456513","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si è svolta a Milano la prima edizione dell’Hilton Sustainability Forum: un evento di analisi e approfondimento sulle sfide e le opportunità della sostenibilità aziendale, nel corso del quale imprenditori, manager e opinion leader si sono confrontati davanti a una platea di studenti. Il forum, fortemente voluto dal general manager dell'Hilton Milan, Daniele Fabbri, leader italiano per i progetti esg (environmental, social and governance) del gruppo Usa, ha coinvolto alcune università milanesi, a cui è stato chiesto di realizzare un progetto applicabile al settore del turismo con focus sull'hotellerie o sulle destinazioni.\r\n\r\nTra i lavori è stato premiato quello dal titolo Hilton for the Ocean Clean Up, ma tutte le indagini sulle aree dell’energia, il cibo e i materiali di consumo hanno offerto spunti importanti che verranno applicati nel gruppo. \"Questa forma di dialogo e di scambio testimonia l’impegno e la passione che ognuno di noi condivide per un futuro più sostenibile - ha detto Fabbri rivolgendosi agli studenti -. Il vostro impegno ed entusiasmo sono la linfa vitale di questo forum: siete i leader di domani. Il vostro ruolo è fondamentale nel dare forma al mondo che verrà\". \r\n\r\nFabbri ha poi ringraziato i relatori presenti, perché \"la vostra visione è fondamentale per ispirare questo forum verso orizzonti innovativi e soluzioni concrete. Oggi condividiamo non solo idee e progetti, ma anche l'obbligo morale di agire per interesse del nostro pianeta e delle generazioni future\".\r\n\r\nTra i relatori era presente Giuseppe Milici, partner Deloitte & Touche e senior manager in sustainability services. Milici ha parlato della sostenibilità sottolineando come la gestione dei temi esg stia portando le aziende a identificare le pratiche virtuose come parte integrante dei propri sistemi di business. Sul fronte dell’environmental si devono in particolare ridurre le emissioni entro il 2030 e raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. Alla voce social bisogna ricordare che, se in Italia i diritti sono tutelati, in molti paesi milioni di persone sono sfruttate e nuove leggi sono state emanate per obbligare le imprese al rispetto dei diritti umani. Infine la governance aziendale dovrà essere riprogettata per favorire la transizione verso modelli di business sostenibili.\r\n\r\nMilici ha anche ricordato come la sostenibilità sia vantaggiosa per le imprese perché crea valori, riduce i costi e porta all’innovazione, offre vantaggi competitivi, migliora la reputazione del brand, attrae e fidelizza i capitali e i talent, e favorisce l’impiego. Perché i giovani si sentono protetti e tranquilli lavorando in aziende virtuose. \"Per comprendere le preoccupazioni dei giovani in Italia e nel mondo, Deloitte realizza ogni anno l’indagine Global GenZ and Millennial Survey. La ricerca si chiede come stiamo andando. A livello mondiale i giovani ci dicono che i datori di lavoro dopo la pandemia stanno facendo progressi, ma il livello di sostenibilità del business è ancora lontano dalla loro aspettativa. Il costo della vita nelle città principali, come Milano, è molto alto e questo è un problema per queste generazioni, che si sentono enormemente stressate perché non vedono un futuro chiaro, sia familiare sia lavorativo. A questo si aggiungono i problemi di diversity e di inclusion, il linguaggio utilizzato e anche casi di molestie. In Italia sono state intervistate 800 persone di cui 500 della generazione Z e 300 Millennial. Equamente divisi tra uomini e donne, per lo più non sposati.\r\n\r\nSono emersi quelli che sono i top concern italiani, non diversi da quelli dei giovani all’estero. Al primo posto il costo della vita, tema cruciale per la gestione dell’indipendenza e dei desideri come la possibilità di viaggiare e andare in vacanza; quindi il climate change e la disoccupazione. In Italia il 60% della genZ e il 71% dei Millennials pensano che non riusciranno a farsi una famiglia tradizionale, perché non sono sicuri del proprio futuro lavorativo. La stessa percentuale teme che non riuscirà mai ad acquistare una casa. Quasi tutti devono integrare la prima fonte di reddito con un secondo lavoro o con l'aiuto dei genitori. L’attenzione al cambiamento climatico diventa uno stile di vita consapevole, con un’alimentazione sana e spesso vegana. Per questo è importante il tema della sostenibilità sul posto di lavoro. Infatti, per quanto si tema la disoccupazione, i driver per cercare lavoro sono sempre più relativi al work life balance. Lo smart working è diventato un must-have, una pre-condizione richiesta sin dai colloqui di assunzione, così come l’attenzione alla salute mentale, con la richiesta di un supporto psicologico. Una necessità emersa in particolare nel post-pandemia. Anche Deloitte sta seguendo il cambiamento - conclude Milici - rivedendo il proprio modello di business\".\r\n\r\n ","post_title":"Hilton Sustainability Forum: lo sguardo di Deloitte sui top concern dei giovani italiani","post_date":"2023-11-21T14:01:13+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1700575273000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"456504","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un futuro all'insegna della crescita per Trieste Airport, che sin da questo mese di novembre va a caccia di nuovo personale: da addetti all'assistenza aeromobili e passeggeri, fino a manutentori, personale in amministrazione e security (Gpg - Guardia Particolare Giurata), che saranno selezionati dal Polo Permanent dell’agenzia per il lavoro Adhr Group del Friuli Venezia Giulia in collaborazione con la filiale di Monfalcone.  \r\n«Stiamo portando avanti in stretta sinergia con Regione e l’agenzia del turismo un piano di sviluppo cruciale per lo sviluppo economico-turistico e sociale del territorio regionale - ha affermato l’amministratore delegato di Trieste Airport Marco Consalvo -. Un progetto che ci consente di attuare programmazioni condivise e di impiegare le risorse in modo mirato. L’obiettivo è di andare anche oltre il bacino di utenza regionale per aumentare il turismo da mercati non di prossimità». \r\nIl 2023 si chiuderà con un +35% di traffico passeggeri rispetto al 2022 e +20% rispetto al 2019 superando quindi il dato di traffico pre pandemia, il 2023 sarà il migliore di sempre dal punto di vista della movimentazione aerea e del traffico passeggeri. \r\n«La stagione estiva 2023 ha rappresentato il periodo di svolta per la crescita e lo sviluppo di Trieste Airport con l’aumento di offerta delle destinazioni, delle frequenze settimanali e l’incremento del 25% della capacità di posti offerti rispetto al 2019: i nuovi collegamenti introdotti nello scorso periodo estivo sono stati in gran parte confermati anche per l’attuale stagione invernale, l’azienda è ora al lavoro per finalizzare l’estate 2024 (a partire da fine marzo 2024) che prevede un significativo aumento del numero dei voli in partenza da Trieste Airport.\r\nL’aeroporto regionale sta per completare inoltre un’importante trasformazione green, grazie a un impianto fotovoltaico da 3,5 MW di potenza installata con storage di energia che coprirà più del 50% del proprio fabbisogno energetico, ed ha attivato nuovi servizi di interesse ad una sempre più ampia tipologia di utenti del polo intermodale dello scalo regionale collegato in modo diretto alla fermata ferroviaria Trieste Airport sulla linea Trieste - Venezia/Trieste - Udine.\r\n\r\n ","post_title":"Trieste Airport cresce e punta ai flussi internazionali. Al via nuove assunzioni","post_date":"2023-11-21T11:56:25+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1700567785000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti