23 May 2024

Crisi di Governo: cambiate Franceschini e ridateci il ministero

[ 2 ]

Nel linguaggio occidentale, che tende a nascondere la realtà, si dice: trasformare la crisi in opportunità. Va bene. Allora ci proviamo. Cerchiamo di trasformare la crisi di Governo in opportunità.

La prima cosa che balza in mente è questa: non fateci più trovare Dario Franceschini ministro del turismo. Cambiate assetto del governo? Bene. Cambiate anche il titolare del ministero dei beni culturali e del turismo. Fatelo per una semplice ragione che è sotto gli occhi di tutti. Quante persone lavorano fra diretti e indiretti nel turismo italiano? Secondo le ultime stime sono 4 milioni 200 mila. Ebbene Franceschini è riuscito a scontentare tutti i 4 milioni 200 mila individui che lavorano al turismo in Italia. Perché? per il semplice motivo che a lui del turismo non interessa nulla.

Ora, nella prossima compagine mettiamo su quella sedia qualcuno a cui il turismo in generale, e quello organizzato in particolare, stia a cuore. Non ci vuole molto. Ci sarà qualcuno che ha interesse affinché questo settore non faccia una brutta fine. Ecco trovatelo e mettetelo a gestire le cose in modo razionale e competente.

Inoltre, non sarebbe male se finalmente si separassero i beni culturali dal turismo. Due ministeri, due competenze diverse, due sistemi organizzativi e politici diversi. Siamo convinti che 4 milioni 200 mila persone abbiano anche il diritto di avere un referente che pensa e lavora per il loro bene.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467901 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Parte molto bene il 2024 di Glamour Tour Operator, che nel primo trimestre registra una crescita dei volumi del 35% rispetto allo stesso periodo del 2023. "L'inizio dell'anno ci sta regalando grandi soddisfazioni, specialmente per le destinazioni del Nord America e delle Maldive, dove siamo molto conosciuti - spiega il direttore generale, Nicola Bonacchi -. Abbiamo inoltre investito molto nello sviluppo delle nostre programmazioni per Giappone, Sud Africa, Vietnam e l'oceano Indiano, ottenendo ottimi riscontri e un incremento delle vendite. E poi abbiamo rafforzato la nostra rete vendita in regioni chiave come Lazio, Lombardia, Campania e Sicilia, contribuendo in questo modo significativamente alla nostra crescita". Glamour Tour Operator è sempre attento alle tendenze emergenti nel turismo: "Gli eventi degli ultimi mesi hanno cambiato le preferenze di viaggio degli italiani. Stiamo ampliando la nostra offerta con nuove destinazioni e idee di viaggio innovative che presenteremo alle agenzie durante la nostra convention annuale a settembre in Emilia Romagna". Con un nuovo piano industriale triennale, Glamour punta su destinazioni, territorio, tecnologia e servizi post-vendita: "Stiamo investendo in una rivoluzione tecnologica per migliorare i servizi offerti, garantendo sicurezza e innovazione. Oggi la nostra offerta si è allargata a livello di tour operator con nuove destinazioni e con un lavoro di grande ricerca di esperienze di viaggio innovative e trendy sia su base individuale sia di gruppo con partenze Glamour garantite. Il nostro obiettivo è diventare un partner tecnologico a 360 gradi per le agenzie di viaggio, mantenendo la nostra identità tailor made". A tal riguardo già nel 2023, l'operatore viareggino ha lanciato Viaggia Glamour: "Un nuovo strumento di booking che offre agli adv un sistema di prenotazione aggiornato e completo, che include esperienze e pacchetti speciali - conclude Bonacchi -. All’interno si possono infatti visualizzare, preventivare e confermare anche esperienze (come escursioni, attività e molto altro), nonché pacchetti speciali creati dal nostro team, che segue attentamente i trend delle destinazioni". Anche la piattaforma Volaglamour, dedicata alla biglietteria aerea, è stata ulteriormente migliorata per rispondere alle nuove esigenze delle agenzie e del mercato. [post_title] => Parte bene il 2024 di Glamour, che vede i volumi crescere del 35% [post_date] => 2024-05-23T10:50:12+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716461412000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467813 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Guarda al 2040 il progetto della Tunisia sul trasporto aereo che punta a consolidare gli assi relativi alla sostenibilità e all’integrazione degli aeroporti e dell’aviazione nelle reti di mobilità e infrastrutturali. A illustrare la vision è stata la ministra delle Infrastrutture e dei Lavori pubblici, Sarah Zaafrani Zenzri, responsabile del ministero dei Trasporti, durante il terzo Forum sul futuro dell’aviazione (Faf 2024), in corso a Riad, in Arabia Saudita. La ministra ha parlato delle riforme introdotte dalla Tunisia per raggiungere uno sviluppo sostenibile, in particolare la riorganizzazione dei servizi dell’aviazione civile e l’aumento della capacità degli aeroporti tunisini da 19,5 a 33 milioni di passeggeri entro il 2030 per arrivare a 35 milioni di passeggeri entro il 2035. Un comunicato del ministero dei Trasporti di Tunisi evidenzia il rafforzamento del numero dei collegamenti aerei interni ed esterni alla Tunisia, da 60 a 90 destinazioni, nonché dello sviluppo di un piano nazionale per ridurre le emissioni di Co2, che sarà presentato all’Icao entro giugno. Tunisi ha anche varato diversi progetti per modernizzare le infrastrutture degli aeroporti e a migliorare la qualità dei servizi offerti, nonché a collegare i grandi aeroporti alle reti di trasporto pubblico e alle aree logistiche. La ministra Zaafrani ha infine ribadito la necessità di sviluppare il traffico aereo interno in modo da facilitare i viaggi nelle regioni interne del paese e stimolarne lo sviluppo, a tal proposito sono state adottate diverse misure per incoraggiare le compagnie aeree ad operare voli commerciali nazionali, compresa l’esenzione dal pagamento delle tasse aeroportuali e dei servizi di navigazione aerea.   [post_title] => Tunisia: la capacità degli aeroporti salirà a 35 milioni di passeggeri entro il 2035 [post_date] => 2024-05-22T10:19:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716373193000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467654 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Parliamo con Caterina Claudi consulente e super esperta fiscalista di Fiavet, ma anche di altre realtà nel mondo del turismo e con Luana De Angelis, vicepresidente di Fiavet nazionale. E partiamo da una questione semplice e complessa: come fa un agente di viaggio ad essere sempre informato di questioni fiscali e legali? «Guardi io non mi stanco di dire che l'unico rimedio è la formazione. Molto spesso il mio consiglio non è ascoltato, ma il rimedio è sempre quello: formazione. Se infatti non sei aggiornato sul campo fiscale sei penalizzato. Invece il settore degli agenti di viaggio è abbastanza restio. Considera che in molti casi considera questo tempo dedicato alla formazione un tempo perduto. E questo non va a loro vantaggio, anche perché se poi vai a vedere in ogni corso che facciamo i quesiti sono sempre gli stessi». Formazione in associazione «Intanto c'è tutta l'area della formazione finanziata, per cui tutte le agenzie che hanno dipendenti posso accedere. La Fiavet li fa costantemente. Adesso dovrebbe ripartire. Anche perché far parte di un'associazione significa usarla, significa frequentarla e sentirsi parte di una comunità. e quindi scambiare aiuti, servizi e prendere quello che l'associazione ti dà. «In più l'ultimo corso che ho fatto in aprile per l'Ente bilaterale del Lazio ed era dedicato ai banconisti e ho toccato con mano la scarsa preparazione sulla direttiva pacchetti. Una conoscenza minima della privacy, una conoscenza minima del denaro contante. Quindi tutte le norme sull'antiricilaggio. Insomma bisogna sapere tutto della legislazione, perché il rischio è fare una piccola stupidaggine e pagarne le conseguenze». Questo può essere un incentivo a far parte di associazioni che difendono le posizioni dei propri associati? «Guardi, io in ogni occasione consiglio le agenzie di far parte di un'associazione, perché non resti fuori dalla quotidianità. A me arrivano quesiti fiscali da tutta Italia. Insomma se hai un dubbio con l'associazione non sei solo ad affrontare quel momento critico» Le pillole «Ora vi voglio parlare di una novità. Poiché molto spesso i quesiti sono uguali abbiamo deciso con Luana De Angelis vicepresidente Fiavet e con l'avallo del presidente Giuseppe Ciminnisi, di programmare una serie di video da mandare nei social, nei quali raccontare il quesiti ricorrente. Chiamiamole pillole di formazione che possono scaturire in un approfondimento con un corso». Queste pillole non saranno solo fiscali, ma anche legali e di marketing.  «Io credo che la formazione - aggiunge Luana de Angelis, vicepresidente di Fiavet nazionale - sia la chiave di volta per rimanere in questo settore, a fare bene il lavoro. Solo tramite l'aggiornamento continuo si può riuscire a fare il lavoro di agente di viaggio nel migliore dei modi».  Entrare nelle associazioni significa essere più forti, capire insieme ad altri agenti come si deve affrontare una situazione. E' un punto naturale di approdo per coloro  che vogliono fare un lavoro migliore. Lavoro Secondo Luana de Angelis non c'è stata una vera interruzione del lavoro. «Se penso anche ai miei colleghi vedo che c'è stata una costanza lavorativa per tutto il periodo del post-Covid. Ecco questo non accadeva prima del Covid. Ricordo per esempio che a novembre il lavoro iniziava a scendere per poi riprendere verso marzo. ora questo stacco lavorativo non esiste più. «Nei primi mesi dell'anno c'è una riduzione specialmente per me che lavoro nell'incoming, ma è molto meno netta che nel passato. Un ultima cosa che fa ben sperare. Dai nostri dati vi posso confermare che le richieste di associazione con Fiavet Lazio sono in aumento. Questo non può che essere un buon segnale per tutto il settore»       [post_title] => Claudi e de Angelis: pillole Fiavet sui social per il fisco, legale e marketing [post_date] => 2024-05-21T09:46:15+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716284775000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467647 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo nome per il VRetretas hotel Roma di Siracusa. D'ora in avanti si chiamerà infatti Palazzo Artemide, per sottolineare l'opera di rinnovamento della struttura condotta dal brand di Voihotels di casa Alpitour. Il gruppo ha infatti deciso di intervenire intervenire con l’obiettivo di rivisitare l'albergo in chiave contemporanea, pur operando nel rispetto della sua identità nativa. Nello specifico, la ristrutturazione ha interessato il piano terra con la nuova sistemazione degli ambienti interni comuni legati all’accoglienza, resi più spaziosi e armoniosi, rideterminati in base al rapporto con le diverse aperture dell’edificio su piazza Minerva. Particolare attenzione è stata rivolta al nuovo sistema di illuminazione, che valorizza le colonne preesistenti, le arcate e le volte interne, disposte su tutta l’area d’ingresso e alla conservazione dell’intera pavimentazione in marmo color ocra. Inoltre, sono stati rinnovati i vani destinati alle camere, aperti su due lati con ampie balconate e riorganizzati nei loro effetti decorativi con lavorazioni di cornici e campiture in gesso, tipiche della tradizione locale. A questa fase si è unito, contestualmente, l’intervento sull’edificio esterno che si affaccia su via Roma e su piazza Minerva, oltre che sullo spazio destinato al dehors. Fondato nel 18800, grazie alla sua posizione privilegiata sull'isola di Ortigia, incastonato per due lati tra la cattedrale e l’arcivescovado, Palazzo Artemide dispone di 40 camere, tra cui tre suite e sei Junior suite, nonché di un ristorante e di un bar che hanno a loro volta cambiato nome e sono ora conosciuti come Amunì, simbolo di una tradizione rinnovata che si ritrova anche nei piatti proposti. [post_title] => VRetreats: l'hotel Roma di Siracusa cambia nome e diventa Palazzo Artemide [post_date] => 2024-05-20T10:40:17+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716201617000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467633 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In occasione della Giornata internazionale dello yoga, quattro yogi di fama internazionale saranno presenti in altrettanti resort del gruppo Sun Siyam alle Maldive per una serie di incontri riservati agli ospiti in vacanza. Tommy Meneses, originario dell’Ecuador, celebre istruttore di Ashtanga Yoga, sarà al Sun Siyam Vilu Reef dal 21 al 23 giugno: da non perdere le sue lezioni speciali di Power Vinyasa e Ashtanga Yoga durante le sessioni previste all’alba e al tramonto sulle spiagge del resort. Meneses ha fatto un personale viaggio nello yoga attraverso Malesia, India, Nepal e Indonesia, sviluppando uno stile unico basato sull’insegnamento dinamico. In questi paesi svolge anche volontariato, fornendo alle comunità locali le competenze e gli strumenti necessari per un proprio sviluppo personale e professionale. La maestra yogi indiana Preeti Kalia sarà invece al Sun Siyam Iru Fushi proprio il 21 giugno con sessioni di yoga rigeneranti, pratiche di meditazione, laboratori sul benessere e altro ancora: una giornata di benessere, relax e ringiovanimento nella natura maldiviana. Preeti è specializzata in Hatha/Ashtanga e Yoga pre e postnatale ed è molto nota sul web grazie al suo canale Yogbela su YouTube, seguito da migliaia di persone in tutto il mondo, soprattutto giovani e studenti, grazie alle sue sessioni online e offline, con oltre 250 mila follower di tutte le età e 25 milioni di visualizzazioni. Il Sun Siyam Iru Veli dal 21 al 23 giugno ospiterà la yogi coreana Yujin, che curerà sessioni di yoga all’alba e al tramonto. Il personale approccio con questa disciplina da parte di Yujin è iniziato quando, all’età di vent’anni, è stata coinvolta in un incidente in moto che le ha cambiato la vita: è stata infatti proprio la pratica dello yoga ad aiutarla nel recupero. Ha studiato in molti paesi del mondo, Grecia, Messico, Stati Uniti e, naturalmente, Corea, dove ha aperto un centro yoga sull’isola di Jeju e, di recente, anche uno in India. Yujin offre una varietà di stili di yoga, tra cui sessioni di Hatha Yoga, Ashtanga Yoga, Hatha Flow Yoga, Yin Yoga, meditazione e campane tibetane. Il Sun Siyam Olhuveli ospiterà infine il 21 giugno Robin Martin, per una giornata aperta a tutti coloro che desiderano apprendere o perfezionare tecnica e movimento. Robin Martin ha base a Seattle ed è certificata da YogaMedicine come esperta di Vinyasa Yoga. Eclettica, eccelle anche in discipline uniche come lo stand up paddleboard yoga e yoga acrobatico in coppia. E' diventata una figura di spicco nella comunità internazionale dello yoga grazie alla sua incrollabile dedizione alla pratica. Negli ultimi dieci anni ha studiato e insegnato, concentrandosi su movimento consapevole, respiro, forza e flessibilità. Lo yoga è di casa nei Sun Siyam Resorts e durante tutto l’anno è possibile praticarlo grazie ai maestri residenti. Alla spa del Sun Siyam Iru Fushi, per esempio, ogni settimana si svolge una giornata dedicata a yoga e all’ayurveda, che prevede anche un piano dietetico, massaggi e bagni di vapore per depurarsi, mentre al Siyam World, accanto alla spa Veyo, immersa nel verde, c’è lo Yoga Pavillon, e si svolgono anche sessioni sulla spiaggia in riva al mare e corsi di meditazione al tramonto, al suono delle onde e accompagnati dai colori del cielo che variano a ogni minuto. Ci sono corsi di yoga e di mindfulness studiati da esperti anche per i più piccoli, perché questa pratica aiuta ad avere la consapevolezza del proprio corpo, a comprendere l’importanza della respirazione e ad essere sicuri in sé stessi, forti e bilanciati. [post_title] => I resort Sun Siyam celebrano la Giornata dello yoga, ospitando una serie di esperti da tutto il mondo [post_date] => 2024-05-20T10:04:39+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716199479000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467616 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una nuotata nel lago nel silenzio del mattino. Il profumo di un giardino dopo il temporale. Un giro in città animate da arte e musica. Un bicchiere di vino sotto le stelle. È questo il “Lebensgefühl”, la “capacità di capovolgere le prospettive” che è al centro della campagna di comunicazione globale dell’Austria per il 2024. Lebensgefühl è una parola che identifica lo stile di vita austriaco, capace di apprezzare il momento, godersi i piaceri della vita e sentirsi connessi con ciò che ci circonda. Su queste note positive e mentre Vienna ospita la prima Biennale del Clima - un momento interdisciplinare e interattivo sui temi dell’arte e all’ecologia, volto a trovare risposte comuni alla crisi climatica e a lanciare nuove idee per il futuro - l’Austria si propone come destinazione privilegiata per la stagione estiva. Herwig Kolzer, direttore di Austria Turismo in Italia, presenta i dati dell’andamento turistico e delle connessioni tra i due paesi: «I numeri del turismo stanno crescendo molto bene. Nel 2023 abbiamo avuto una crescita del 20% nei pernottamenti di ospiti italiani e anche gli ultimi mesi sono andati molto bene. Speriamo che il trend prosegua positivo. Abbiamo ottime connessioni ferroviarie in particolare tra Verona e Innsbruck. La Öbb ha nuovi Nightjet (servizi di treni passeggeri notturni) molto moderni e innovativi. È il nostro nuovo standard qualitativo. In settembre sarà disponibile un ulteriore collegamento. Al momento sono attivi quelli tra Genova e Vienna e tra Roma e Vienna, a cui verranno aggiunti nuovi vagoni per aumentare la disponibilità di posti. La connessione dovrebbe diventare operativa anche da Milano nel 2026». E poi uno sguardo alla ricca offerta della destinazione. «Quest’anno la capitale della cultura è Bad Ischl, che si trova in un’area rurale. È la prima volta che accade. La regione del Salzkammergut è molto nota in Austria, ma dev’essere ancora scoperta dai turisti italiani; abbiamo l’opportunità di rendere questa zona più popolare. Per diversificare la nostra proposta offriamo ai nostri ospiti affascinanti festival musicali - come quello noto di Salisburgo - eventi come la Designweek di Vienna e anche il festival Ars Electronica di Linz, che ci aiuta nell’intento di promuovere destinazioni meno popolari ma molto interessanti, le cosiddette “second cities” come, appunto, Linz, Graz e Innsbruck. Un tema molto importante per l’Austria è la sostenibilità. «La nostra visione è quella di diventare la destinazione più sostenibile al mondo e tutto il nostro sforzo è rivolto a rendere il turismo un settore che guardi alla sostenibilità e in cui tutti possano impegnarsi, dagli austriaci ai turisti». Quest’anno, all’approssimarsi della stagione estiva l’Austria promuove, in particolare, la Carinzia e l’area di Salisburgo. La Carinzia è una destinazione dove immergersi nella natura. Ideale per famiglie e per chi ama il turismo attivo. Da vivere su due ruote lungo il Gran Tour dei Laghi lungo ben 420km, oppure godendo di quel turismo “slow”, anche gastronomico, che ha fatto della Carinzia la prima Slow Food Travel Destination al mondo. La città di Salisburgo è invece un gioiello del barocco e patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Racconta una ricca offerta culturale e architettonica, oltre ai numerosi festival musicali, teatrali ed interpretati dalle note marionette. In queste settimane, al sopraggiungere della bella stagione, il centro cittadino ha ripreso vita con l’apertura dei giardini della birra - di cui Salisburgo è la capitale in Austria - e si celebra proprio il Lebensgefül. [post_title] => Austria: andamento positivo e impegno per l’ambiente. Focus Carinzia e Salisburgo [post_date] => 2024-05-20T09:32:06+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716197526000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467519 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La notizia era nell'aria già dallo scorso ottobre, quando sui media italiana si parlava di un'acquisizione di Villa San Giorgio, conosciuta anche come Castello di Portofino, da parte del gruppo Cascade che controlla Four Seasons. L'operazione venne tuttavia presto smentita dalla stessa compagnia di Bill Gates. Ora però il Corriere della Sera rivela come a fine aprile l'immobile sarebbe stato venduto per 66,4 milioni di euro dalla precedente proprietà, la famiglia di assicuratori genovesi Garrè, a Fort Partners: società portoricana facente capo all'imprenditore Nadim Ashi, che da anni collabora con la stessa Four Seasons. Un buon affare per la famiglia ligure, visto che, secondo il quotidiano milanese, una perizia di stima di quattro anni fa valutava la proprietà ligure 37,33 milioni. Villa San Giorgio si sviluppa su oltre 1.200 metri quadrati, è divisa in 12 mini appartamenti, dispone di un ascensore privato che porta a una spiaggetta sottostante ed è dotata di un parco privato. Il piano regolatore del comune identifica l’edificio come a uso residenziale, come già spiegato lo scorso ottobre dal sindaco di Portofino, Matteo Viacava, a commento dei rumours che già circolavano sull'affare in corso. Per trasformare il complesso in albergo occorrerebbe quindi cambiarne la destinazione d’uso. Due analoghe operazioni condotte da Fort Partners a Roma, con l’acquisizione di palazzo Marini in centro e di palazzo della Rovere in via della Conciliazione, sono tuttavia già state effettuate con l'obiettivo di aprire altrettanti hotel Four Seasons nella capitale. [post_title] => Il Castello di Portofino cambia proprietà. In arrivo un Four Seasons? [post_date] => 2024-05-16T12:50:15+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715863815000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467331 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'estate 2024 di Svizzera Turismo si apre all'insegna del rebranding del logo che per la prima volta, dopo quasi 30 anni, abbandona il fiore dorato per lasciare spazio, semplicemente, alla parola 'Switzerland'. Il nome, quindi, che identifica la destinazione così come la bandiera - nota a livello mondiale -: una croce bianca che spunta a rappresentare la lettera 'T' (intesa anche come simbolo + a identificare tutti i plus della meta) e il colore rosso, declinato in cinque sfumature diverse. Un marchio nuovo, digitale e moderno, che rappresenta la promessa turistica della Svizzera: natura, ospitalità, affidabilità.  L'ente ha presentato ieri a Milano - insieme ad alcuni dei partner storici sul mercato Italia: Zurich Tourism, Interlaken, Bls - Trenino Verde delle Alpi, Ferrovia retica e Travel Switzerland (ex Swiss Travel Sistem, che ha anch'esso cambiato brand) - la ricca offerta per la stagione estiva. E le attese sono positive: «Il solo mese di marzo - ha sottolineato Christina Glaeser, direttrice di Svizzera Turismo nel nostro Paese - ha registrato una crescita record del +5,4% in termini di pernottamenti rispetto al marzo 2023. Un ottimo risultato considerato il periodo, raggiunto sicuramente anche grazie ai costanti investimenti con campagne promozionali mirate. In questo momento è attiva quella 2x1 Eurocity in collaborazione con Trenitalia, per incentivare i viaggi in treno e che funziona davvero bene, con ottimi risultati di vendita». Positivi anche i dati del primo trimestre 2024, con un incremento degli arrivi italiani del 5,6% rispetto all'analogo periodo del 2023. L'Italia si conferma un bacino strategico per la destinazione, «come testimoniato dal grande interesse dei nostri partner per spingere il prodotto Svizzera in Italia. Vogliamo portare avanti il lavoro sulla sostenibilità che ha contraddistinto gli ultimi due anni, e che ora comincia a produrre risultati concreti». Nel mirino c'è principalmente il target «giovani, molto sensibili proprio al tema green». In quest'ottica si muovono le iniziative del Winter Village, che coinvolge «direttamente le famiglia con bimbi che sono i nostri clienti del futuro. E devo dire che la Svizzera è percepita sempre più come meta 'family friendly', con tantissime opportunità da vivere con i bambini e ragazzi, spesso proprio nella natura». Allungando lo sguardo al prossimo anno, «anticipo l'appuntamento con la Uefa Women's Euro 2025 che si svolgerà proprio in Svizzera (dal 2 al 27 luglio, ndr), che ci vedrà impegnati con un grande progetto di promozione».   [post_title] => Svizzera Turismo: l'estate si apre con il rebranding del logo, in 5 tonalità di rosso [post_date] => 2024-05-15T10:00:38+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715767238000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467368 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] =>  Inizio d'anno positivo per Tap Air Portugal che chiude il primo trimestre con un miglioramento delle prestazioni operative, rispetto allo stesso periodo 2023: i passeggeri trasportati sono cresciuti dello 0,6% e capacità del 3,8%; il load factor è cresciuto di 0,3 punti percentuali, confermando l'attenzione della compagnia al miglioramento continuo delle proprie operazioni. I ricavi operativi, pari a 862 milioni, registrano un aumento del 3,1% rispetto al primo trimestre del 2023, mentre l'ebitda ricorrente è pari a 83,7 milioni (-30,3%) e l'ebit ricorrente è negativo per 43,3 milioni contro un valore negativo di 10,2 milioni nel pari periodo del 2023, anche se i due parametri di redditività risultano significativamente superiori ai livelli pre-crisi del 2019 (rispettivamente  5,5 milioni e -99,3 milioni di euro). L'utile netto è stato negativo per 71,9 milioni di euro, registrando una riduzione di 14,5 milioni rispetto al primo trimestre 2023. Tuttavia, rispetto al Q119, è migliorato di 34,7 milioni.    Dal punto di vista operativo, alla fine del primo trimestre, per la stagione estiva, sono state riaperte due destinazioni da Lisbona: Napoli e Porto Santo. Al 31 marzo 2024 la flotta era costituita da 99 aeromobili, vale a dire un aeromobile in più rispetto al 31 dicembre 2023 e con il 68% della flotta operativa di medio e lungo raggio costituita da aeromobili Airbus della Famiglia Neo.   “Nel primo trimestre del 2024 abbiamo proseguito la trasformazione strutturale necessaria per Tap - ha commentato il ceo, Luís Rodrigues -. L'investimento nel nostro personale, compresa la cessazione dei tagli salariali, gli adeguamenti inflazionistici e i nuovi contratti collettivi di lavoro, ha avuto un impatto immediato sui risultati finali, e continuerà a dare i suoi frutti. Siamo stati in grado di aumentare la capacità, trasportare più passeggeri e migliorare il load factor rispetto al primo trimestre del 2023, il che si è tradotto in un aumento dei ricavi, in interruzioni di servizio significativamente ridotte, in un miglioramento della puntualità e della regolarità su un'infrastruttura fortemente congestionata". [post_title] => Tap Air Portugal riduce il rosso del trimestre, trend positivo dei ricavi [post_date] => 2024-05-15T09:50:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715766620000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "crisi di governo cambiate franceschini e ridateci il ministero" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":72,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":773,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467901","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Parte molto bene il 2024 di Glamour Tour Operator, che nel primo trimestre registra una crescita dei volumi del 35% rispetto allo stesso periodo del 2023. \"L'inizio dell'anno ci sta regalando grandi soddisfazioni, specialmente per le destinazioni del Nord America e delle Maldive, dove siamo molto conosciuti - spiega il direttore generale, Nicola Bonacchi -. Abbiamo inoltre investito molto nello sviluppo delle nostre programmazioni per Giappone, Sud Africa, Vietnam e l'oceano Indiano, ottenendo ottimi riscontri e un incremento delle vendite. E poi abbiamo rafforzato la nostra rete vendita in regioni chiave come Lazio, Lombardia, Campania e Sicilia, contribuendo in questo modo significativamente alla nostra crescita\".\r\n\r\nGlamour Tour Operator è sempre attento alle tendenze emergenti nel turismo: \"Gli eventi degli ultimi mesi hanno cambiato le preferenze di viaggio degli italiani. Stiamo ampliando la nostra offerta con nuove destinazioni e idee di viaggio innovative che presenteremo alle agenzie durante la nostra convention annuale a settembre in Emilia Romagna\".\r\n\r\nCon un nuovo piano industriale triennale, Glamour punta su destinazioni, territorio, tecnologia e servizi post-vendita: \"Stiamo investendo in una rivoluzione tecnologica per migliorare i servizi offerti, garantendo sicurezza e innovazione. Oggi la nostra offerta si è allargata a livello di tour operator con nuove destinazioni e con un lavoro di grande ricerca di esperienze di viaggio innovative e trendy sia su base individuale sia di gruppo con partenze Glamour garantite. Il nostro obiettivo è diventare un partner tecnologico a 360 gradi per le agenzie di viaggio, mantenendo la nostra identità tailor made\".\r\n\r\nA tal riguardo già nel 2023, l'operatore viareggino ha lanciato Viaggia Glamour: \"Un nuovo strumento di booking che offre agli adv un sistema di prenotazione aggiornato e completo, che include esperienze e pacchetti speciali - conclude Bonacchi -. All’interno si possono infatti visualizzare, preventivare e confermare anche esperienze (come escursioni, attività e molto altro), nonché pacchetti speciali creati dal nostro team, che segue attentamente i trend delle destinazioni\". Anche la piattaforma Volaglamour, dedicata alla biglietteria aerea, è stata ulteriormente migliorata per rispondere alle nuove esigenze delle agenzie e del mercato.","post_title":"Parte bene il 2024 di Glamour, che vede i volumi crescere del 35%","post_date":"2024-05-23T10:50:12+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1716461412000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467813","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Guarda al 2040 il progetto della Tunisia sul trasporto aereo che punta a consolidare gli assi relativi alla sostenibilità e all’integrazione degli aeroporti e dell’aviazione nelle reti di mobilità e infrastrutturali. A illustrare la vision è stata la ministra delle Infrastrutture e dei Lavori pubblici, Sarah Zaafrani Zenzri, responsabile del ministero dei Trasporti, durante il terzo Forum sul futuro dell’aviazione (Faf 2024), in corso a Riad, in Arabia Saudita.\r\n\r\nLa ministra ha parlato delle riforme introdotte dalla Tunisia per raggiungere uno sviluppo sostenibile, in particolare la riorganizzazione dei servizi dell’aviazione civile e l’aumento della capacità degli aeroporti tunisini da 19,5 a 33 milioni di passeggeri entro il 2030 per arrivare a 35 milioni di passeggeri entro il 2035.\r\n\r\nUn comunicato del ministero dei Trasporti di Tunisi evidenzia il rafforzamento del numero dei collegamenti aerei interni ed esterni alla Tunisia, da 60 a 90 destinazioni, nonché dello sviluppo di un piano nazionale per ridurre le emissioni di Co2, che sarà presentato all’Icao entro giugno.\r\n\r\nTunisi ha anche varato diversi progetti per modernizzare le infrastrutture degli aeroporti e a migliorare la qualità dei servizi offerti, nonché a collegare i grandi aeroporti alle reti di trasporto pubblico e alle aree logistiche. La ministra Zaafrani ha infine ribadito la necessità di sviluppare il traffico aereo interno in modo da facilitare i viaggi nelle regioni interne del paese e stimolarne lo sviluppo, a tal proposito sono state adottate diverse misure per incoraggiare le compagnie aeree ad operare voli commerciali nazionali, compresa l’esenzione dal pagamento delle tasse aeroportuali e dei servizi di navigazione aerea.\r\n\r\n ","post_title":"Tunisia: la capacità degli aeroporti salirà a 35 milioni di passeggeri entro il 2035","post_date":"2024-05-22T10:19:53+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716373193000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467654","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Parliamo con Caterina Claudi consulente e super esperta fiscalista di Fiavet, ma anche di altre realtà nel mondo del turismo e con Luana De Angelis, vicepresidente di Fiavet nazionale. E partiamo da una questione semplice e complessa: come fa un agente di viaggio ad essere sempre informato di questioni fiscali e legali?\r\n\r\n«Guardi io non mi stanco di dire che l'unico rimedio è la formazione. Molto spesso il mio consiglio non è ascoltato, ma il rimedio è sempre quello: formazione. Se infatti non sei aggiornato sul campo fiscale sei penalizzato. Invece il settore degli agenti di viaggio è abbastanza restio. Considera che in molti casi considera questo tempo dedicato alla formazione un tempo perduto. E questo non va a loro vantaggio, anche perché se poi vai a vedere in ogni corso che facciamo i quesiti sono sempre gli stessi».\r\nFormazione in associazione\r\n«Intanto c'è tutta l'area della formazione finanziata, per cui tutte le agenzie che hanno dipendenti posso accedere. La Fiavet li fa costantemente. Adesso dovrebbe ripartire. Anche perché far parte di un'associazione significa usarla, significa frequentarla e sentirsi parte di una comunità. e quindi scambiare aiuti, servizi e prendere quello che l'associazione ti dà.\r\n\r\n«In più l'ultimo corso che ho fatto in aprile per l'Ente bilaterale del Lazio ed era dedicato ai banconisti e ho toccato con mano la scarsa preparazione sulla direttiva pacchetti. Una conoscenza minima della privacy, una conoscenza minima del denaro contante. Quindi tutte le norme sull'antiricilaggio. Insomma bisogna sapere tutto della legislazione, perché il rischio è fare una piccola stupidaggine e pagarne le conseguenze».\r\n\r\nQuesto può essere un incentivo a far parte di associazioni che difendono le posizioni dei propri associati?\r\n\r\n«Guardi, io in ogni occasione consiglio le agenzie di far parte di un'associazione, perché non resti fuori dalla quotidianità. A me arrivano quesiti fiscali da tutta Italia. Insomma se hai un dubbio con l'associazione non sei solo ad affrontare quel momento critico»\r\nLe pillole\r\n«Ora vi voglio parlare di una novità. Poiché molto spesso i quesiti sono uguali abbiamo deciso con Luana De Angelis vicepresidente Fiavet e con l'avallo del presidente Giuseppe Ciminnisi, di programmare una serie di video da mandare nei social, nei quali raccontare il quesiti ricorrente. Chiamiamole pillole di formazione che possono scaturire in un approfondimento con un corso».\r\n\r\nQueste pillole non saranno solo fiscali, ma anche legali e di marketing. \r\n\r\n«Io credo che la formazione - aggiunge Luana de Angelis, vicepresidente di Fiavet nazionale - sia la chiave di volta per rimanere in questo settore, a fare bene il lavoro. Solo tramite l'aggiornamento continuo si può riuscire a fare il lavoro di agente di viaggio nel migliore dei modi». \r\n\r\nEntrare nelle associazioni significa essere più forti, capire insieme ad altri agenti come si deve affrontare una situazione. E' un punto naturale di approdo per coloro  che vogliono fare un lavoro migliore.\r\nLavoro\r\nSecondo Luana de Angelis non c'è stata una vera interruzione del lavoro. «Se penso anche ai miei colleghi vedo che c'è stata una costanza lavorativa per tutto il periodo del post-Covid. Ecco questo non accadeva prima del Covid. Ricordo per esempio che a novembre il lavoro iniziava a scendere per poi riprendere verso marzo. ora questo stacco lavorativo non esiste più.\r\n\r\n«Nei primi mesi dell'anno c'è una riduzione specialmente per me che lavoro nell'incoming, ma è molto meno netta che nel passato. Un ultima cosa che fa ben sperare. Dai nostri dati vi posso confermare che le richieste di associazione con Fiavet Lazio sono in aumento. Questo non può che essere un buon segnale per tutto il settore»\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Claudi e de Angelis: pillole Fiavet sui social per il fisco, legale e marketing","post_date":"2024-05-21T09:46:15+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1716284775000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467647","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo nome per il VRetretas hotel Roma di Siracusa. D'ora in avanti si chiamerà infatti Palazzo Artemide, per sottolineare l'opera di rinnovamento della struttura condotta dal brand di Voihotels di casa Alpitour. Il gruppo ha infatti deciso di intervenire intervenire con l’obiettivo di rivisitare l'albergo in chiave contemporanea, pur operando nel rispetto della sua identità nativa.\r\n\r\nNello specifico, la ristrutturazione ha interessato il piano terra con la nuova sistemazione degli ambienti interni comuni legati all’accoglienza, resi più spaziosi e armoniosi, rideterminati in base al rapporto con le diverse aperture dell’edificio su piazza Minerva. Particolare attenzione è stata rivolta al nuovo sistema di illuminazione, che valorizza le colonne preesistenti, le arcate e le volte interne, disposte su tutta l’area d’ingresso e alla conservazione dell’intera pavimentazione in marmo color ocra. Inoltre, sono stati rinnovati i vani destinati alle camere, aperti su due lati con ampie balconate e riorganizzati nei loro effetti decorativi con lavorazioni di cornici e campiture in gesso, tipiche della tradizione locale. A questa fase si è unito, contestualmente, l’intervento sull’edificio esterno che si affaccia su via Roma e su piazza Minerva, oltre che sullo spazio destinato al dehors.\r\n\r\nFondato nel 18800, grazie alla sua posizione privilegiata sull'isola di Ortigia, incastonato per due lati tra la cattedrale e l’arcivescovado, Palazzo Artemide dispone di 40 camere, tra cui tre suite e sei Junior suite, nonché di un ristorante e di un bar che hanno a loro volta cambiato nome e sono ora conosciuti come Amunì, simbolo di una tradizione rinnovata che si ritrova anche nei piatti proposti.","post_title":"VRetreats: l'hotel Roma di Siracusa cambia nome e diventa Palazzo Artemide","post_date":"2024-05-20T10:40:17+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1716201617000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467633","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"In occasione della Giornata internazionale dello yoga, quattro yogi di fama internazionale saranno presenti in altrettanti resort del gruppo Sun Siyam alle Maldive per una serie di incontri riservati agli ospiti in vacanza. Tommy Meneses, originario dell’Ecuador, celebre istruttore di Ashtanga Yoga, sarà al Sun Siyam Vilu Reef dal 21 al 23 giugno: da non perdere le sue lezioni speciali di Power Vinyasa e Ashtanga Yoga durante le sessioni previste all’alba e al tramonto sulle spiagge del resort. Meneses ha fatto un personale viaggio nello yoga attraverso Malesia, India, Nepal e Indonesia, sviluppando uno stile unico basato sull’insegnamento dinamico. In questi paesi svolge anche volontariato, fornendo alle comunità locali le competenze e gli strumenti necessari per un proprio sviluppo personale e professionale.\r\n\r\nLa maestra yogi indiana Preeti Kalia sarà invece al Sun Siyam Iru Fushi proprio il 21 giugno con sessioni di yoga rigeneranti, pratiche di meditazione, laboratori sul benessere e altro ancora: una giornata di benessere, relax e ringiovanimento nella natura maldiviana. Preeti è specializzata in Hatha/Ashtanga e Yoga pre e postnatale ed è molto nota sul web grazie al suo canale Yogbela su YouTube, seguito da migliaia di persone in tutto il mondo, soprattutto giovani e studenti, grazie alle sue sessioni online e offline, con oltre 250 mila follower di tutte le età e 25 milioni di visualizzazioni.\r\n\r\nIl Sun Siyam Iru Veli dal 21 al 23 giugno ospiterà la yogi coreana Yujin, che curerà sessioni di yoga all’alba e al tramonto. Il personale approccio con questa disciplina da parte di Yujin è iniziato quando, all’età di vent’anni, è stata coinvolta in un incidente in moto che le ha cambiato la vita: è stata infatti proprio la pratica dello yoga ad aiutarla nel recupero. Ha studiato in molti paesi del mondo, Grecia, Messico, Stati Uniti e, naturalmente, Corea, dove ha aperto un centro yoga sull’isola di Jeju e, di recente, anche uno in India. Yujin offre una varietà di stili di yoga, tra cui sessioni di Hatha Yoga, Ashtanga Yoga, Hatha Flow Yoga, Yin Yoga, meditazione e campane tibetane.\r\n\r\nIl Sun Siyam Olhuveli ospiterà infine il 21 giugno Robin Martin, per una giornata aperta a tutti coloro che desiderano apprendere o perfezionare tecnica e movimento. Robin Martin ha base a Seattle ed è certificata da YogaMedicine come esperta di Vinyasa Yoga. Eclettica, eccelle anche in discipline uniche come lo stand up paddleboard yoga e yoga acrobatico in coppia. E' diventata una figura di spicco nella comunità internazionale dello yoga grazie alla sua incrollabile dedizione alla pratica. Negli ultimi dieci anni ha studiato e insegnato, concentrandosi su movimento consapevole, respiro, forza e flessibilità.\r\n\r\nLo yoga è di casa nei Sun Siyam Resorts e durante tutto l’anno è possibile praticarlo grazie ai maestri residenti. Alla spa del Sun Siyam Iru Fushi, per esempio, ogni settimana si svolge una giornata dedicata a yoga e all’ayurveda, che prevede anche un piano dietetico, massaggi e bagni di vapore per depurarsi, mentre al Siyam World, accanto alla spa Veyo, immersa nel verde, c’è lo Yoga Pavillon, e si svolgono anche sessioni sulla spiaggia in riva al mare e corsi di meditazione al tramonto, al suono delle onde e accompagnati dai colori del cielo che variano a ogni minuto. Ci sono corsi di yoga e di mindfulness studiati da esperti anche per i più piccoli, perché questa pratica aiuta ad avere la consapevolezza del proprio corpo, a comprendere l’importanza della respirazione e ad essere sicuri in sé stessi, forti e bilanciati.","post_title":"I resort Sun Siyam celebrano la Giornata dello yoga, ospitando una serie di esperti da tutto il mondo","post_date":"2024-05-20T10:04:39+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1716199479000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467616","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una nuotata nel lago nel silenzio del mattino. Il profumo di un giardino dopo il temporale. Un giro in città animate da arte e musica. Un bicchiere di vino sotto le stelle. È questo il “Lebensgefühl”, la “capacità di capovolgere le prospettive” che è al centro della campagna di comunicazione globale dell’Austria per il 2024.\r\n\r\nLebensgefühl è una parola che identifica lo stile di vita austriaco, capace di apprezzare il momento, godersi i piaceri della vita e sentirsi connessi con ciò che ci circonda. Su queste note positive e mentre Vienna ospita la prima Biennale del Clima - un momento interdisciplinare e interattivo sui temi dell’arte e all’ecologia, volto a trovare risposte comuni alla crisi climatica e a lanciare nuove idee per il futuro - l’Austria si propone come destinazione privilegiata per la stagione estiva.\r\n\r\nHerwig Kolzer, direttore di Austria Turismo in Italia, presenta i dati dell’andamento turistico e delle connessioni tra i due paesi: «I numeri del turismo stanno crescendo molto bene. Nel 2023 abbiamo avuto una crescita del 20% nei pernottamenti di ospiti italiani e anche gli ultimi mesi sono andati molto bene. Speriamo che il trend prosegua positivo. Abbiamo ottime connessioni ferroviarie in particolare tra Verona e Innsbruck. La Öbb ha nuovi Nightjet (servizi di treni passeggeri notturni) molto moderni e innovativi. È il nostro nuovo standard qualitativo. In settembre sarà disponibile un ulteriore collegamento. Al momento sono attivi quelli tra Genova e Vienna e tra Roma e Vienna, a cui verranno aggiunti nuovi vagoni per aumentare la disponibilità di posti. La connessione dovrebbe diventare operativa anche da Milano nel 2026».\r\n\r\nE poi uno sguardo alla ricca offerta della destinazione. «Quest’anno la capitale della cultura è Bad Ischl, che si trova in un’area rurale. È la prima volta che accade. La regione del Salzkammergut è molto nota in Austria, ma dev’essere ancora scoperta dai turisti italiani; abbiamo l’opportunità di rendere questa zona più popolare. Per diversificare la nostra proposta offriamo ai nostri ospiti affascinanti festival musicali - come quello noto di Salisburgo - eventi come la Designweek di Vienna e anche il festival Ars Electronica di Linz, che ci aiuta nell’intento di promuovere destinazioni meno popolari ma molto interessanti, le cosiddette “second cities” come, appunto, Linz, Graz e Innsbruck.\r\n\r\nUn tema molto importante per l’Austria è la sostenibilità. «La nostra visione è quella di diventare la destinazione più sostenibile al mondo e tutto il nostro sforzo è rivolto a rendere il turismo un settore che guardi alla sostenibilità e in cui tutti possano impegnarsi, dagli austriaci ai turisti». \r\n\r\nQuest’anno, all’approssimarsi della stagione estiva l’Austria promuove, in particolare, la Carinzia e l’area di Salisburgo. La Carinzia è una destinazione dove immergersi nella natura. Ideale per famiglie e per chi ama il turismo attivo. Da vivere su due ruote lungo il Gran Tour dei Laghi lungo ben 420km, oppure godendo di quel turismo “slow”, anche gastronomico, che ha fatto della Carinzia la prima Slow Food Travel Destination al mondo.\r\n\r\nLa città di Salisburgo è invece un gioiello del barocco e patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Racconta una ricca offerta culturale e architettonica, oltre ai numerosi festival musicali, teatrali ed interpretati dalle note marionette. In queste settimane, al sopraggiungere della bella stagione, il centro cittadino ha ripreso vita con l’apertura dei giardini della birra - di cui Salisburgo è la capitale in Austria - e si celebra proprio il Lebensgefül.","post_title":"Austria: andamento positivo e impegno per l’ambiente. Focus Carinzia e Salisburgo","post_date":"2024-05-20T09:32:06+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1716197526000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467519","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La notizia era nell'aria già dallo scorso ottobre, quando sui media italiana si parlava di un'acquisizione di Villa San Giorgio, conosciuta anche come Castello di Portofino, da parte del gruppo Cascade che controlla Four Seasons. L'operazione venne tuttavia presto smentita dalla stessa compagnia di Bill Gates. Ora però il Corriere della Sera rivela come a fine aprile l'immobile sarebbe stato venduto per 66,4 milioni di euro dalla precedente proprietà, la famiglia di assicuratori genovesi Garrè, a Fort Partners: società portoricana facente capo all'imprenditore Nadim Ashi, che da anni collabora con la stessa Four Seasons. Un buon affare per la famiglia ligure, visto che, secondo il quotidiano milanese, una perizia di stima di quattro anni fa valutava la proprietà ligure 37,33 milioni.\r\n\r\nVilla San Giorgio si sviluppa su oltre 1.200 metri quadrati, è divisa in 12 mini appartamenti, dispone di un ascensore privato che porta a una spiaggetta sottostante ed è dotata di un parco privato. Il piano regolatore del comune identifica l’edificio come a uso residenziale, come già spiegato lo scorso ottobre dal sindaco di Portofino, Matteo Viacava, a commento dei rumours che già circolavano sull'affare in corso. Per trasformare il complesso in albergo occorrerebbe quindi cambiarne la destinazione d’uso. Due analoghe operazioni condotte da Fort Partners a Roma, con l’acquisizione di palazzo Marini in centro e di palazzo della Rovere in via della Conciliazione, sono tuttavia già state effettuate con l'obiettivo di aprire altrettanti hotel Four Seasons nella capitale.","post_title":"Il Castello di Portofino cambia proprietà. In arrivo un Four Seasons?","post_date":"2024-05-16T12:50:15+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1715863815000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467331","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'estate 2024 di Svizzera Turismo si apre all'insegna del rebranding del logo che per la prima volta, dopo quasi 30 anni, abbandona il fiore dorato per lasciare spazio, semplicemente, alla parola 'Switzerland'.\r\n\r\nIl nome, quindi, che identifica la destinazione così come la bandiera - nota a livello mondiale -: una croce bianca che spunta a rappresentare la lettera 'T' (intesa anche come simbolo + a identificare tutti i plus della meta) e il colore rosso, declinato in cinque sfumature diverse. Un marchio nuovo, digitale e moderno, che rappresenta la promessa turistica della Svizzera: natura, ospitalità, affidabilità. \r\n\r\nL'ente ha presentato ieri a Milano - insieme ad alcuni dei partner storici sul mercato Italia: Zurich Tourism, Interlaken, Bls - Trenino Verde delle Alpi, Ferrovia retica e Travel Switzerland (ex Swiss Travel Sistem, che ha anch'esso cambiato brand) - la ricca offerta per la stagione estiva. E le attese sono positive: «Il solo mese di marzo - ha sottolineato Christina Glaeser, direttrice di Svizzera Turismo nel nostro Paese - ha registrato una crescita record del +5,4% in termini di pernottamenti rispetto al marzo 2023. Un ottimo risultato considerato il periodo, raggiunto sicuramente anche grazie ai costanti investimenti con campagne promozionali mirate. In questo momento è attiva quella 2x1 Eurocity in collaborazione con Trenitalia, per incentivare i viaggi in treno e che funziona davvero bene, con ottimi risultati di vendita».\r\n\r\nPositivi anche i dati del primo trimestre 2024, con un incremento degli arrivi italiani del 5,6% rispetto all'analogo periodo del 2023.\r\n\r\nL'Italia si conferma un bacino strategico per la destinazione, «come testimoniato dal grande interesse dei nostri partner per spingere il prodotto Svizzera in Italia. Vogliamo portare avanti il lavoro sulla sostenibilità che ha contraddistinto gli ultimi due anni, e che ora comincia a produrre risultati concreti». Nel mirino c'è principalmente il target «giovani, molto sensibili proprio al tema green». In quest'ottica si muovono le iniziative del Winter Village, che coinvolge «direttamente le famiglia con bimbi che sono i nostri clienti del futuro. E devo dire che la Svizzera è percepita sempre più come meta 'family friendly', con tantissime opportunità da vivere con i bambini e ragazzi, spesso proprio nella natura».\r\n\r\nAllungando lo sguardo al prossimo anno, «anticipo l'appuntamento con la Uefa Women's Euro 2025 che si svolgerà proprio in Svizzera (dal 2 al 27 luglio, ndr), che ci vedrà impegnati con un grande progetto di promozione».\r\n\r\n\r\n\r\n ","post_title":"Svizzera Turismo: l'estate si apre con il rebranding del logo, in 5 tonalità di rosso","post_date":"2024-05-15T10:00:38+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1715767238000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467368","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Inizio d'anno positivo per Tap Air Portugal che chiude il primo trimestre con un miglioramento delle prestazioni operative, rispetto allo stesso periodo 2023: i passeggeri trasportati sono cresciuti dello 0,6% e capacità del 3,8%; il load factor è cresciuto di 0,3 punti percentuali, confermando l'attenzione della compagnia al miglioramento continuo delle proprie operazioni.\r\n\r\n\r\nI ricavi operativi, pari a 862 milioni, registrano un aumento del 3,1% rispetto al primo trimestre del 2023, mentre l'ebitda ricorrente è pari a 83,7 milioni (-30,3%) e l'ebit ricorrente è negativo per 43,3 milioni contro un valore negativo di 10,2 milioni nel pari periodo del 2023, anche se i due parametri di redditività risultano significativamente superiori ai livelli pre-crisi del 2019 (rispettivamente  5,5 milioni e -99,3 milioni di euro).\r\n\r\n\r\n\r\nL'utile netto è stato negativo per 71,9 milioni di euro, registrando una riduzione di 14,5 milioni rispetto al primo trimestre 2023. Tuttavia, rispetto al Q119, è migliorato di 34,7 milioni. \r\n \r\nDal punto di vista operativo, alla fine del primo trimestre, per la stagione estiva, sono state riaperte due destinazioni da Lisbona: Napoli e Porto Santo. Al 31 marzo 2024 la flotta era costituita da 99 aeromobili, vale a dire un aeromobile in più rispetto al 31 dicembre 2023 e con il 68% della flotta operativa di medio e lungo raggio costituita da aeromobili Airbus della Famiglia Neo.\r\n \r\n“Nel primo trimestre del 2024 abbiamo proseguito la trasformazione strutturale necessaria per Tap - ha commentato il ceo, Luís Rodrigues -. L'investimento nel nostro personale, compresa la cessazione dei tagli salariali, gli adeguamenti inflazionistici e i nuovi contratti collettivi di lavoro, ha avuto un impatto immediato sui risultati finali, e continuerà a dare i suoi frutti. Siamo stati in grado di aumentare la capacità, trasportare più passeggeri e migliorare il load factor rispetto al primo trimestre del 2023, il che si è tradotto in un aumento dei ricavi, in interruzioni di servizio significativamente ridotte, in un miglioramento della puntualità e della regolarità su un'infrastruttura fortemente congestionata\".\r\n","post_title":"Tap Air Portugal riduce il rosso del trimestre, trend positivo dei ricavi","post_date":"2024-05-15T09:50:20+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1715766620000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti