15 April 2024

Animatori turistici

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email: info@nolimitsanimazione.com
Provincia: • 
Comune: • , , , , , , ,

Settore: • 
Mansione: • 


Testo dell'annuncio

Vuoi LAVORARE nei posti più belli del mondo DIVERTENDOTI? Molte offerte di lavoro nel mondo del turismo ti aspettano!
NOLIMITS ANIMAZIONE RICERCA TUTTO L’ANNO Animatori per ITALIA ed ESTERO da inserire negli STAFF d’ ANIMAZIONE delle più prestigiose strutture turistiche.
Si ricercano TUTTI I RUOLI CON o SENZA ESPERIENZA, la CONOSCENZA di una o più LINGUE straniere è PREFERIBILE ma NON INDISPENSABILE.
Animatori MINICLUB, FITNESS, SPORT, CONTATTO, DJ, HOSTESS Cerchiamo anche BAGNINI, PIANOBAR, BALLERINI e FOTOGRAFI.
Ricerchiamo inoltre RESPONSABILI ANIMAZIONE in grado di gestire team Nolimits all’interno delle nostre strutture più ricercate.
Manda il tuo CV comprensivo di foto ben visibile alla MAIL che trovi di seguito: risorseumane@nolimitsanimazione.com
Oppure compila il form sul sito:
www.nolimitsanimazione.com
Verrai ricontattato da un nostro responsabile per un eventuale colloquio.
NolimitsAnimazionePerPassione!!!


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465443 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 15 aprile, in occasione della prima Giornata Nazionale del Made in Italy, giorno della nascita di Leonardo Da Vinci, Terme di Chianciano partecipano al progetto indetto da Federterme Terme Aperte offrendo la possibilità di visitare il Parco Acqua Santa, scoprendone tutti i segreti e le proprietà della sorgente Acqua Santa conosciuta fin dai tempi degli etruschi e dei romani grazie alla guida della dott.ssa Silvia Barrucco. Il programma comprende alle  09.30 – 12.30 Visita guidata del Parco Acqua Santa; 09.30 – 12.30 Descrizione servizi termali con degustazione Acqua Santa insieme alla dott.ssa Silvia Barrucco; 16- 17 Visita Terme Sensoriali con spiegazione percorsi benessere. Attività gratuite e su prenotazione (prenotazione@termechianciano.it). Le Terme sono inserite in un contesto paesaggistico e in un territorio da scoprire grazie alla rinascita dei Centri Storici grazie anche alla valorizzazione del Borgo medievale di Chianciano Terme e delle bellezze naturalistiche che lo circondano. Le Terme sono e incarnano la storia del Territorio da tremila anni a questa parte e quindi rappresentano il “Genius loci”, e sono da oltre tre millenni elementi di "ben essere" e socializzazione: dai ritrovamenti di epoca protovillanoviana ed etrusca del frontone della sorgente Fucoli che si trova al Museo Archeologico di Chianciano, al Salus Per Aquam dei romani, alle terme come luogo di relax ed incontro, a Pirandello con Acqua Amara e Fellini con 8 e1/2.     [post_title] => Terme Chianciano, 15 aprile attività gratuite per la Giornata del Made in Italy [post_date] => 2024-04-12T12:42:46+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712925766000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465360 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => I Porti di La Spezia e Marina di Carrara hanno partecipato al Seatrade Cruise Global di Miami. E' stata l'occasione per focalizzare l'attenzione sui progetti di sviluppo in grado di aggiungere vantaggio competitivo ai due porti. «Nel corso degli incontri di questi giorni, abbiamo promosso le opportunità già oggi offerte dalla Spezia e Marina di Carrara - commenta il Segretario Generale dell’AdSP, Federica Montaresi - che  riscontrano sempre grande apprezzamento. Nel 2023 gli operatori ci avevano sollecitato perché i progetti in corso venissero velocizzati. E quest’anno abbiamo ottenuto positivi riscontri grazie all’accelerazione impressa allo sviluppo del settore crociere nei due scali: l’avvio del cantiere del nuovo molo è oggi una realtà, con la previsione di conclusione dei lavori nel giugno 2026, che permetterà agli armatori di programmare nuovi accosti a partire dalla stagione 2027; il cold ironing sul Molo Garibaldi sarà operativo nel 2025, e rappresenterà un vero vantaggio competitivo. A ciò si aggiungerà anche l’elettrificazione del nuovo molo su Calata Paita, insieme all’opportunità di potere accogliere sempre più navi alimentate a LNG. Inoltre, stanno progredendo i nuovi waterfront della Spezia e di Marina di Carrara, che permetteranno di valorizzare ulteriormente le due destinazioni». Particolare interesse è stato manifestato per lo scalo di Marina di Carrara, sul quale l'Autorità Portuale sta investendo, grazie ai lavori per l’allargamento del canale di accesso, l’allungamento della banchina Taliercio, l’apertura entro fine estate della passeggiata sul mare dell’ambito 4 del nuovo waterfront e le opportunità di sviluppo per il settore crociere attraverso il nuovo Piano Regolatore Portuale. «Il settore delle crociere, dunque - aggiunge Montaresi - si dimostra un altro importante volano di sviluppo per i due porti che, come ha dimostrato il risultato dello studio sull’impatto economico presentato recentemente, impatta positivamente sul territorio che ospita gli scali. Un risultato che potrà essere ulteriormente implementato grazie alla collaborazione tra AdSP, operatori e amministrazioni pubbliche, in primis Regioni e Comuni».         [post_title] => La Spezia e Marina di Carrara eccelerano i progetti di sviluppo per il settore crociere [post_date] => 2024-04-12T10:10:58+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712916658000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465372 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_465374" align="alignleft" width="300"] Frédéric Meyer, direttore Atout France Italia-Grecia – coordinatore regionale Europa del Sud[/caption] «L'apporto delle agenzie di viaggio si conferma strategico per valorizzare ancora di più l'offerta turistica francese»: Frédéric Meyer, direttore Atout France Italia-Grecia – coordinatore regionale Europa del Sud, ribadisce quanto sia importante il supporto del trade, a margine della tappa di Milano del roadshow Francia 2024.  L'appuntamento nel capoluogo lombardo è stato quello conclusivo, dopo i due di Bologna e Ancona: «Un bilancio certamente positivo quello dei tre eventi, che hanno portato i numerosi partner arrivati dalla Francia non soltanto in una località di riferimento come piò essere Milano ma anche in due città meno 'centrali' come appunto Ancona e Bologna. Circa 600 gli appuntamenti fissati, che hanno consentito di illustrare al meglio le peculiarità di ciascun partner: sono molto felice che questi ultimi siano arrivati un po' da ogni angolo del Paese, fornendo un'immagine composita della nostra ampia offerta». Una trentina di espositori che hanno incontrato il trade, al quale nella tappa milanese si sono aggiunti anche aziende e rappresentanti del segmento Mice. «Per gli agenti di viaggio è sempre attivo e in evoluzione il sito francexpert.it, con contenuti per essere sempre aggiornati su novità ed eventi». Attualmente sono un migliaio gli adv qualificati francexpert: il percorso di formazione consentirà a breve di raggiungere una nuova versione 'France Connaisseur' arricchita di nuovi contenuti, video e link. Una Francia «sempre più verde e sostenibile» e un prodotto da declinare in molteplici aspetti per riscoprire territorio, patrimonio, tradizioni, natura, cultura. E che quest'anno è legato a doppio filo «ai grandi eventi in calendario, le Olimpiadi naturalmente, ma anche gli anniversari, dallo Sbarco in Normandia ai 150 anni dell’Impressionismo. Ancora, la riapertura al pubblico della Cattedrale di Notre Dame, l’8 dicembre». Da segnalare anche l'appuntamento a Firenze il prossimo giugno per la partenza del Tour de France, «che per la prima volta avverrà dall'Italia». Il sentiment per l'alta stagione in arrivo è «positivo: i flussi dall'Italia, quarto mercato per numero di arrivi e settimo in termini di spesa (per un totale di circa 3,8 miliardi di euro) sono in crescita costante. Tanto che anche la capacità aerea tra i due Paesi quest'anno aumenta dell'8%». Focus Mice Al segmento Mice Atout France dedica il Pôle Tourisme d'Affaires, che riunisce gli attori chiave della filiera per rafforzare la competitività della Francia come destinazione Mice & Congressi a livello internazionale: in stretta collaborazione con i professionisti francesi, la filiera raggruppa esperti di settore per offrire un sostegno e un accompagnamento personalizzato agli organizzatori di eventi internazionali, con un focus preciso su innovazione, sostenibilità ed eventi. [gallery ids="465380,465383,465384,465381,465382,465460,465461,465386,465387,465389,465390,465462"]     [post_title] => Roadshow Francia, Meyer: «Agenzie strategiche per l'offerta turistica francese» [post_date] => 2024-04-12T10:01:16+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712916076000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465345 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => "Era venuto il momento di fare una scelta diversa, perché la vita è fatta anche di famiglia". Sergio Testi a luglio lascia la carica di direttore generale del gruppo Gattinoni. Lo fa con queste parole sincere, dopo dieci anni importanti e soprattutto dopo una vita nel mondo del travel. "Durante la mia carriera ho avuto uffici in tanti posti diversi. La mia famiglia vive a Cuneo. A volte è riuscita a seguirmi, altre no. Per me il lavoro è sempre stato al primo posto". Era tempo, insomma, di cambiare almeno in parte priorità. Almeno in parte, perché Testi non lascerà completamente il gruppo. Rimarrà come consigliere del cda prima di tutto, ma anche con una collaborazione in materia di sviluppo: "Avevo assicurato al presidente (Franco Gattinoni, ndr) che se avessi deciso di cambiare, glielo avrei comunicato con 12 mesi di anticipo. Così è stato. Ma abbiamo pensato di continuare a collaborare, seppure in una forma diversa. La mia preoccupazione era quella che i colleghi vivessero il futuro con serenità". Diversificare D'altronde per Testi il gruppo Gattinoni si basa sostanzialmente su due punti: "Uno è il presidente; l'altro è una squadra che ha sempre saputo integrarsi superando qualsiasi problema: un’azienda che ha saputo investire, sviluppare e innovare persino nei momenti difficili. Altrimenti non avremmo fatto questi numeri (il riferimento è al bilancio 2023, presentato nella stessa occasione, ndr). Oggi siamo un’azienda diversificata con tre business che sembrano simili ma in realtà sono molto differenti: un approccio al mercato lungimirante, che consente di non andare in crisi di fronte a rallentamenti parziali di uno dei settori". [post_title] => Rivoluzione Gattinoni 2: Sergio Testi lascia la direzione generale [post_date] => 2024-04-11T14:25:37+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712845537000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465343 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Iberia ha lanciato il servizio di imbarco con riconoscimento facciale sulla sua rotta più emblematica, il ponte aereo tra Madrid e Barcellona, che quest'anno celebra il suo 50° anniversario: i passeggeri che viaggiano tra le due città potranno quindi superare i controlli di sicurezza e il gate d'imbarco senza dover estrarre il cellulare e/o mostrare i documenti necessari. Il servizio è disponibile per tutti i viaggiatori in possesso di una carta Iberia Plus. Per registrarsi, devono accedere all'area riservata dell'app Iberia e completare i seguenti passaggi: inserire i propri dati personali, scattare una foto del documento d'identità, scansionare il chip del documento e scattare un selfie con il cellulare. Questo processo viene eseguito una sola volta e poi, per ogni viaggio che il cliente effettua, dovrà solo collegare la carta d'imbarco al suo profilo biometrico. È anche possibile completare il processo di registrazione presso i chioschi dell'aeroporto o sull'app Aena. Gli unici requisiti per registrarsi al servizio di riconoscimento facciale sono avere più di 18 anni e possedere un Dni spagnolo (Dni 3.0 con tecnologia Nfc per poter comunicare con i telefoni cellulari) o un passaporto elettronico dell'Ue. All'aeroporto Barajas di Madrid Iberia dispone di sei gate d'imbarco con servizi di riconoscimento facciale: J46, J50, J52, J54, J56 e J58; sono inoltre presenti 2 chioschi nell'area check-in (Air Bridge e Business) e quattro varchi biometrici nell'area di sicurezza (due nell'accesso principale, uno nell'Air Bridge e uno nel Fast Track). Presso lo scalo El Prat di Barcellona la compagnia conta invece un gate d'imbarco biometrico (A02), due gate nel filtro di sicurezza e un chiosco nell'area check-in. L'imbarco tramite riconoscimento facciale non influisce sui gruppi d'imbarco, che manterranno l'ordine abituale. Attualmente l'imbarco biometrico è disponibile per i telefoni cellulari con sistema operativo iOS e, in un prossimo futuro, sarà disponibile anche per i telefoni Android. I passeggeri devono tenere presente che, sebbene questo servizio senza contatto consenta loro di imbarcarsi sul volo senza dover mostrare alcun documento, devono comunque portarlo con sé nel caso in cui sia necessario in qualsiasi momento del viaggio.     [post_title] => Iberia: operativo il nuovo sistema di imbarco con riconoscimento facciale tra Madrid e Barcellona [post_date] => 2024-04-11T13:57:50+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712843870000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465341 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un giro d'affari di quasi 700 milioni di euro (precisamente 686,9 mln), per una crescita del 40% sull'anno precedente, con la sezione travel che ha contribuito con 295 mln (+40,1%), quella business travel con 254 mln (+3.,2%), gli eventi con 61 mln (+71,8%), più le società partecipate e controllate che hanno pesato per 76,9 mln (+51,6%). Il tutto corroborato da margini operativi lordi per 14,62 milioni, pari al 40% in più rispetto all'obiettivo di budget originario. Sono i numeri del 2023 di Gattinoni, a cui si devono inoltre aggiungere i 922 milioni del network (+33,4%). "Dopo l'acquisizione nel 2022 di Robintur e la coda lunga della pandemia, lo scorso è stato il primo anno in cui abbiamo potuto tracciare un bilancio completo - spiega il presidente e amministratore delegato, Franco Gattinoni - Si tratta di cifre importanti. E proprio per questo abbiamo deciso che fosse venuto il momento di mettere mano all'organizzazione: semplificandola per continuare a crescere". Da qui la decisione di creare tre distinte aree di business che opereranno tutte sotto la supervisione della capogruppo: travel (prodotto e agenzie), business travel ed events. La semplificazione riguarderà peraltro anche l’aspetto societario: l'idea è infatti di raggruppare le numerose aziende del gruppo in tre sole realtà: "Dal 1°gennaio 2025 avremo una società per ciascuna delle nostre business unit, nelle quali  confluiranno progressivamente tutte le altre", sottolinea Gattinoni. L'obiettivo è quella di dare la massima importanza a ognuna delle nostre specializzazioni, nella consapevolezza che abbiano necessità sia sinergiche, sia distinte e specifiche per ciascun segmento di mercato". A tal fine sono stati quindi nominati tre nuovi amministratore delegati: per la divisione Gattinoni Travel diventa a.d. Mario Vercesi, già direttore prodotto e regista della piattaforma tecnologica; Gattinoni Events riconferma al timone la già managing director, Elisa Presutti, mentre la divisione Business Travel si avvarrà del nuovo ingresso di Piergiulio Donzelli, che curerà il completamento della fusione fra Gattinoni Business Travel e BtExpert. Alla luce di tali cambiamenti, anche il resto dell'organigramma societario varia leggermente con una serie di conferme e alcune new entry: il cda della capogruppo è in particolare ora composto da Franco Gattinoni, presidente, Stefano Dall'Ara, vicepresidente (senza incarichi operativi, per dare continuità al retaggio Robintur, ndr), nonché Sergio Testi, Amanda Shupbach e Valeria Vaghi, consiglieri. La stessa Valeria Vaghi è poi chief financial officer, mentre responsabile del controllo di gestione e compliance è Claudio Passuti, al timone della divisione risorse umane c'è Amanda Shupbach, all'It e servizi generali, Mattia Tieghi, e al marketing, comunicazione e digital, Isabella Maggi. Infine una parola sul budget 2024: "L'anno in corso ci vedrà impegnati in questo importante processo di riorganizzazione e consolidamento, con la conclusione della fase d'integrazione con Robintur - conclude Gattinoni -. Ma prevediamo comunque di proseguire lungo il nostro percorso di espansione, stimando un incremento del giro d'affari del 12% circa, sino a quota 774,3 milioni. Salirà anche l'ebitda di una percentuale ancora maggiore. Anzi, proprio la riorganizzazione in corso mira tra le altre cose a supportare una crescita delle marginalità, puntando ad allinearle a quelle di altri settori merceologici tradizionalmente più profittevoli del mondo travel".   [post_title] => Rivoluzione Gattinoni che si riorganizza in tre business unit [post_date] => 2024-04-11T13:56:54+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712843814000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465332 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => “La bellezza è di casa”: è questo lo slogan della nuova campagna di comunicazione e promozione del Valdarno Aretino, ideata da circa 50 studenti delle scuole secondarie di secondo grado nell’ambito del progetto didattico “Close To Home”, con l’obiettivo di rendere cittadini e operatori turistici consapevoli del valore del proprio territorio e dell’importanza dell’Ambito Turistico. La campagna di comunicazione prevede, in particolare, la diffusione di speciali biglietti da visita e manifesti, con la scritta “La bellezza è di casa” elaborata graficamente con diversi lettering sul caratteristico sfondo rosso, la creazione di contenuti digitali, testi, foto e video promozionali, fino a una campagna di coinvolgimento della community sui social media, che con il semplice invito “Dillo tu” invita i cittadini a fotografare e condividere i loro luoghi del cuore nel Valdarno Aretino. Ad occuparsi degli aspetti di progettazione, ideazione, realizzazione creativa e gestione della campagna, affiancati dall’agenzia di comunicazione Studiowiki, sono stati in particolare i diplomandi in Grafica e Comunicazione dell’Istituto Superiore B. Varchi di Montevarchi e gli allievi delle classi I e II dell’I.S.I.S. di San Giovanni Valdarno e delle classi IV del Liceo “Giovanni da San Giovanni” di San Giovanni Valdarno, con i loro docenti. Organizzati in gruppi di lavoro che replicano la struttura dell’agenzia – direzione creativa, marketing, art direction, content creation, digital, ufficio stampa – gli studenti, in costante coordinamento con i professionisti del settore, hanno lavorato insieme per definire le strategie di comunicazione, a partire da una SWOT analysis e dalla valutazione di possibili eventi di richiamo e coinvolgimento di comunità locale e turisti, hanno elaborato l’immagine grafica e creato i contenuti testuali e visivi della campagna di promozione, da veicolare anche attraverso i canali digitali, per arrivare a organizzare, infine, la conferenza stampa di lancio della campagna stessa. «Con il progetto Close To Home volevamo mettere i giovani al centro della valorizzazione e della promozione del territorio e penso che con la campagna di comunicazione ‘La Bellezza è di casa’ ci siamo riusciti – ha spiegato Nicola Benini, Sindaco di Bucine, Comune capofila dell’Ambito Turistico del Valdarno Aretino. – È la conferma che la promozione turistica di un territorio è un fatto collettivo, che deve vedere il coinvolgimento attivo della comunità locale in tutte le sue dimensioni, pubbliche e private». «Lavorare in questi mesi accanto ai giovani del Valdarno, insieme ai loro docenti, ha portato a risultati davvero inaspettati – ha commentato Federico Alberto, direttore creativo dell’agenzia di comunicazione Studiowiki. – La campagna che ne è scaturita, corale e plurale, con una forte componente di attivazione locale, non è stata un semplice esercizio di scuola: l’abbiamo fatta a scuola, per offrire un’opportunità di crescita e formazione professionale per gli studenti, ma con l’obiettivo, riuscito, di realizzarla per davvero». Parallelamente alla campagna di comunicazione “La Bellezza è di casa”, per coinvolgere gli operatori e la comunità locale del Valdarno Aretino, sono inoltre previsti tre Open Day tematici: dal 15 al 21 aprile Open week cultura, con visite gratuite ad alcuni musei e attrazioni culturali del territorio; il 5 maggio Open day natura, alla scoperta dei punti panoramici delle Balze; il 13 maggio Open day enogastronomia, evento di networking rivolto agli operatori della filiera turistica del Valdarno. [post_title] => La Bellezza è di Casa, la nuova campagna del Valdarno Aretino [post_date] => 2024-04-11T12:30:05+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712838605000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465322 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Gran Bretagna si conferma destinazione prediletta per i turisti italiani, e neppure le problematiche legate all'ottenimento dei passaporti nel nostro Paese sembrano influenzare le scelte dei nostri connazionali.  «Una eventuale 'limitazione' potrebbe essere vista in termini di costi - spiega Silvia Bocciarelli, communication manager di VisitBritain Italia (nella foto) -: sicuramente per una famiglia con magari figli piccoli l'iter risulta più complesso come tempi e impegnativo economicamente. Anche per questo attualmente il target cui ci rivolgiamo principalmente è quello di coppie o magari gruppi di amici, di età fra i 30 e i 45 anni, che tendenzialmente sono già in possesso del documento». Le previsioni 2024 puntano ad accogliere 2 milioni di visitatori dall'Italia - il 90% del volume 2019 - con una spesa di 1,2 miliardi di sterline (il 6% in più rispetto al 2019): in pratica è atteso per il 2025 il ritorno del mercato italiano ai numeri pre-Covid. I focus della promozione per il 2024 si concentrano sul «turismo cinematografico, oggetto di una campagna specifica che - benché non includerà l'Italia - troverà grande visibilità»; sulla sostenibilità, oggetto di grandi attenzioni da parte di VisitBritain: «Un tema cui teniamo particolarmente e che va di pari passo alla destagionalizzazione delle destinazioni: di fatto ci sono mete che non promuoviamo più durante l'estate tanto soffrono di overtourism. Ad esempio la Cornovaglia in Inghilterra, il Loch Ness in Scozia e l'isola di Skye, e ancora il Lake District. Cerchiamo di trovare nuove chiavi di lettura che rendano attrattivi questi luoghi al di fuori dei periodi di picco». Sempre in quest'ottica, ma anche per una proposta economicamente più sostenibile si inserisce «la promozione di esperienze rurali o comunque fuori dalle grandi città dove testare l'accoglienza britannica a prezzi più accessibili. Il suggerimento è quello di evitare, comunque, le città durante i grandi eventi, scegliendo di alloggiare in mete alternative, come potrebbe essere Brighton per Londra, che a meno di un'ora dalla capitale è certamente più a buon mercato». Infine, «lavoreremo molto sull'accoglienza dei turisti e daremo grande visibilità alle proposte 'food and drink', che esaltano le eccellenze dal paese, con numerosi prodotti a km zero». [post_title] => Gran Bretagna: grandi attese dall'Italia malgrado le sfide, dai passaporti all'overtourism [post_date] => 2024-04-11T12:22:31+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712838151000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465315 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_465316" align="alignleft" width="300"] Riccardo Verona, presidente di An.btiBus [/caption] "Arriva la conferma che l’escalation dei prezzi dei carburanti, ha raggiunto un nuovo picco, arrivando ai livelli insostenibili di fine 2023. Purtroppo, l’attuale contesto internazionale è contraddistinto da fortissima instabilità e questo è un fattore che incide in maniera importante sulle attività delle aziende dei bus turistici italiani. Il momento è cruciale per i bus turistici: chiediamo a gran voce ed ancora una volta l'applicazione delle aliquote ridotte sulle accise del gasolio anche per i bus turistici italiani Euro VI". Così in una nota Riccardo Verona, presidente di An.bti – Confcommercio. "Tale misura, oltre a garantire la competitività delle aziende del nostro Paese, rappresenterebbe un incentivo all'acquisto di nuovi veicoli Euro VI (gli unici mezzi ad emissioni pari quasi allo 0 ed al contempo adatti alle lunghe percorrenze) e agevolerebbe quella transizione green tanto richiesta dall’UE. Lo scorso anno, grazie al lavoro di An.bti –Confcommercio, la categoria ha potuto beneficiare per i 5 mesi dell’alta stagione (da aprile ad agosto) dell’aliquota agevolata con benefici tangibili per tutto il Sistema Paese. Auspicavamo che tale misura avrebbe potuto essere resa strutturale o almeno replicata per i mesi ‘caldi’ anche quest’anno, ma con rammarico dobbiamo registrare che siamo ormai nel pieno dell’alta stagione senza aliquota agevolata e con le aziende in forte affanno. Quella che chiediamo è una misura che ci spetta al pari di tutte le altre categorie che operano nel trasporto e che da sempre possono beneficiarne ed al pari dei nostri competitor europei. Non è comprensibile dare seguito alle richieste europee solo quando queste penalizzano la categoria del Turismo su bus e non ascoltarle quando invece la ricomprenderebbero tra i papabili beneficiari di un’agevolazione. I bus turistici italiani trasportano ogni anno oltre 150 milioni di turisti e rappresentano ‘Le ruote del Turismo’, pertanto chiediamo la giusta considerazione e tutela da parte delle Istituzioni", conclude la nota. [post_title] => Bus Turistici: applicare le aliquote ridotte sui carburanti [post_date] => 2024-04-11T10:53:09+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => nofascione ) [post_tag_name] => Array ( [0] => nofascione ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712832789000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "animatori turistici 2" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":24,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":3091,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465443","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il 15 aprile, in occasione della prima Giornata Nazionale del Made in Italy, giorno della nascita di Leonardo Da Vinci, Terme di Chianciano partecipano al progetto indetto da Federterme Terme Aperte offrendo la possibilità di visitare il Parco Acqua Santa, scoprendone tutti i segreti e le proprietà della sorgente Acqua Santa conosciuta fin dai tempi degli etruschi e dei romani grazie alla guida della dott.ssa Silvia Barrucco.\r\n\r\nIl programma comprende alle  09.30 – 12.30 Visita guidata del Parco Acqua Santa; 09.30 – 12.30 Descrizione servizi termali con degustazione Acqua Santa insieme alla dott.ssa Silvia Barrucco; 16- 17 Visita Terme Sensoriali con spiegazione percorsi benessere. Attività gratuite e su prenotazione (prenotazione@termechianciano.it).\r\n\r\nLe Terme sono inserite in un contesto paesaggistico e in un territorio da scoprire grazie alla rinascita dei Centri Storici grazie anche alla valorizzazione del Borgo medievale di Chianciano Terme e delle bellezze naturalistiche che lo circondano.\r\n\r\nLe Terme sono e incarnano la storia del Territorio da tremila anni a questa parte e quindi rappresentano il “Genius loci”, e sono da oltre tre millenni elementi di \"ben essere\" e socializzazione: dai ritrovamenti di epoca protovillanoviana ed etrusca del frontone della sorgente Fucoli che si trova al Museo Archeologico di Chianciano, al Salus Per Aquam dei romani, alle terme come luogo di relax ed incontro, a Pirandello con Acqua Amara e Fellini con 8 e1/2.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Terme Chianciano, 15 aprile attività gratuite per la Giornata del Made in Italy","post_date":"2024-04-12T12:42:46+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1712925766000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465360","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"I Porti di La Spezia e Marina di Carrara hanno partecipato al Seatrade Cruise Global di Miami. E' stata l'occasione per focalizzare l'attenzione sui progetti di sviluppo in grado di aggiungere vantaggio competitivo ai due porti.\r\n\r\n«Nel corso degli incontri di questi giorni, abbiamo promosso le opportunità già oggi offerte dalla Spezia e Marina di Carrara - commenta il Segretario Generale dell’AdSP, Federica Montaresi - che  riscontrano sempre grande apprezzamento. Nel 2023 gli operatori ci avevano sollecitato perché i progetti in corso venissero velocizzati. E quest’anno abbiamo ottenuto positivi riscontri grazie all’accelerazione impressa allo sviluppo del settore crociere nei due scali: l’avvio del cantiere del nuovo molo è oggi una realtà, con la previsione di conclusione dei lavori nel giugno 2026, che permetterà agli armatori di programmare nuovi accosti a partire dalla stagione 2027; il cold ironing sul Molo Garibaldi sarà operativo nel 2025, e rappresenterà un vero vantaggio competitivo. A ciò si aggiungerà anche l’elettrificazione del nuovo molo su Calata Paita, insieme all’opportunità di potere accogliere sempre più navi alimentate a LNG. Inoltre, stanno progredendo i nuovi waterfront della Spezia e di Marina di Carrara, che permetteranno di valorizzare ulteriormente le due destinazioni».\r\n\r\n Particolare interesse è stato manifestato per lo scalo di Marina di Carrara, sul quale l'Autorità Portuale sta investendo, grazie ai lavori per l’allargamento del canale di accesso, l’allungamento della banchina Taliercio, l’apertura entro fine estate della passeggiata sul mare dell’ambito 4 del nuovo waterfront e le opportunità di sviluppo per il settore crociere attraverso il nuovo Piano Regolatore Portuale.\r\n\r\n«Il settore delle crociere, dunque - aggiunge Montaresi - si dimostra un altro importante volano di sviluppo per i due porti che, come ha dimostrato il risultato dello studio sull’impatto economico presentato recentemente, impatta positivamente sul territorio che ospita gli scali. Un risultato che potrà essere ulteriormente implementato grazie alla collaborazione tra AdSP, operatori e amministrazioni pubbliche, in primis Regioni e Comuni».\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"La Spezia e Marina di Carrara eccelerano i progetti di sviluppo per il settore crociere","post_date":"2024-04-12T10:10:58+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1712916658000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465372","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_465374\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Frédéric Meyer, direttore Atout France Italia-Grecia – coordinatore regionale Europa del Sud[/caption]\r\n\r\n«L'apporto delle agenzie di viaggio si conferma strategico per valorizzare ancora di più l'offerta turistica francese»: Frédéric Meyer, direttore Atout France Italia-Grecia – coordinatore regionale Europa del Sud, ribadisce quanto sia importante il supporto del trade, a margine della tappa di Milano del roadshow Francia 2024. \r\n\r\nL'appuntamento nel capoluogo lombardo è stato quello conclusivo, dopo i due di Bologna e Ancona: «Un bilancio certamente positivo quello dei tre eventi, che hanno portato i numerosi partner arrivati dalla Francia non soltanto in una località di riferimento come piò essere Milano ma anche in due città meno 'centrali' come appunto Ancona e Bologna. Circa 600 gli appuntamenti fissati, che hanno consentito di illustrare al meglio le peculiarità di ciascun partner: sono molto felice che questi ultimi siano arrivati un po' da ogni angolo del Paese, fornendo un'immagine composita della nostra ampia offerta».\r\n\r\nUna trentina di espositori che hanno incontrato il trade, al quale nella tappa milanese si sono aggiunti anche aziende e rappresentanti del segmento Mice. «Per gli agenti di viaggio è sempre attivo e in evoluzione il sito francexpert.it, con contenuti per essere sempre aggiornati su novità ed eventi». Attualmente sono un migliaio gli adv qualificati francexpert: il percorso di formazione consentirà a breve di raggiungere una nuova versione 'France Connaisseur' arricchita di nuovi contenuti, video e link.\r\n\r\nUna Francia «sempre più verde e sostenibile» e un prodotto da declinare in molteplici aspetti per riscoprire territorio, patrimonio, tradizioni, natura, cultura. E che quest'anno è legato a doppio filo «ai grandi eventi in calendario, le Olimpiadi naturalmente, ma anche gli anniversari, dallo Sbarco in Normandia ai 150 anni dell’Impressionismo. Ancora, la riapertura al pubblico della Cattedrale di Notre Dame, l’8 dicembre». Da segnalare anche l'appuntamento a Firenze il prossimo giugno per la partenza del Tour de France, «che per la prima volta avverrà dall'Italia».\r\n\r\nIl sentiment per l'alta stagione in arrivo è «positivo: i flussi dall'Italia, quarto mercato per numero di arrivi e settimo in termini di spesa (per un totale di circa 3,8 miliardi di euro) sono in crescita costante. Tanto che anche la capacità aerea tra i due Paesi quest'anno aumenta dell'8%».\r\n\r\nFocus Mice\r\n\r\nAl segmento Mice Atout France dedica il Pôle Tourisme d'Affaires, che riunisce gli attori chiave della filiera per rafforzare la competitività della Francia come destinazione Mice & Congressi a livello internazionale: in stretta collaborazione con i professionisti francesi, la filiera raggruppa esperti di settore per offrire un sostegno e un accompagnamento personalizzato agli organizzatori di eventi internazionali, con un focus preciso su innovazione, sostenibilità ed eventi.\r\n\r\n[gallery ids=\"465380,465383,465384,465381,465382,465460,465461,465386,465387,465389,465390,465462\"]\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Roadshow Francia, Meyer: «Agenzie strategiche per l'offerta turistica francese»","post_date":"2024-04-12T10:01:16+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712916076000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465345","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\"Era venuto il momento di fare una scelta diversa, perché la vita è fatta anche di famiglia\". Sergio Testi a luglio lascia la carica di direttore generale del gruppo Gattinoni. Lo fa con queste parole sincere, dopo dieci anni importanti e soprattutto dopo una vita nel mondo del travel. \"Durante la mia carriera ho avuto uffici in tanti posti diversi. La mia famiglia vive a Cuneo. A volte è riuscita a seguirmi, altre no. Per me il lavoro è sempre stato al primo posto\". Era tempo, insomma, di cambiare almeno in parte priorità.\r\n\r\nAlmeno in parte, perché Testi non lascerà completamente il gruppo. Rimarrà come consigliere del cda prima di tutto, ma anche con una collaborazione in materia di sviluppo: \"Avevo assicurato al presidente (Franco Gattinoni, ndr) che se avessi deciso di cambiare, glielo avrei comunicato con 12 mesi di anticipo. Così è stato. Ma abbiamo pensato di continuare a collaborare, seppure in una forma diversa. La mia preoccupazione era quella che i colleghi vivessero il futuro con serenità\".\r\nDiversificare\r\nD'altronde per Testi il gruppo Gattinoni si basa sostanzialmente su due punti: \"Uno è il presidente; l'altro è una squadra che ha sempre saputo integrarsi superando qualsiasi problema: un’azienda che ha saputo investire, sviluppare e innovare persino nei momenti difficili. Altrimenti non avremmo fatto questi numeri (il riferimento è al bilancio 2023, presentato nella stessa occasione, ndr). Oggi siamo un’azienda diversificata con tre business che sembrano simili ma in realtà sono molto differenti: un approccio al mercato lungimirante, che consente di non andare in crisi di fronte a rallentamenti parziali di uno dei settori\".","post_title":"Rivoluzione Gattinoni 2: Sergio Testi lascia la direzione generale","post_date":"2024-04-11T14:25:37+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712845537000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465343","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Iberia ha lanciato il servizio di imbarco con riconoscimento facciale sulla sua rotta più emblematica, il ponte aereo tra Madrid e Barcellona, che quest'anno celebra il suo 50° anniversario: i passeggeri che viaggiano tra le due città potranno quindi superare i controlli di sicurezza e il gate d'imbarco senza dover estrarre il cellulare e/o mostrare i documenti necessari.\r\n\r\nIl servizio è disponibile per tutti i viaggiatori in possesso di una carta Iberia Plus. Per registrarsi, devono accedere all'area riservata dell'app Iberia e completare i seguenti passaggi: inserire i propri dati personali, scattare una foto del documento d'identità, scansionare il chip del documento e scattare un selfie con il cellulare. Questo processo viene eseguito una sola volta e poi, per ogni viaggio che il cliente effettua, dovrà solo collegare la carta d'imbarco al suo profilo biometrico. È anche possibile completare il processo di registrazione presso i chioschi dell'aeroporto o sull'app Aena.\r\n\r\nGli unici requisiti per registrarsi al servizio di riconoscimento facciale sono avere più di 18 anni e possedere un Dni spagnolo (Dni 3.0 con tecnologia Nfc per poter comunicare con i telefoni cellulari) o un passaporto elettronico dell'Ue.\r\n\r\nAll'aeroporto Barajas di Madrid Iberia dispone di sei gate d'imbarco con servizi di riconoscimento facciale: J46, J50, J52, J54, J56 e J58; sono inoltre presenti 2 chioschi nell'area check-in (Air Bridge e Business) e quattro varchi biometrici nell'area di sicurezza (due nell'accesso principale, uno nell'Air Bridge e uno nel Fast Track).\r\n\r\nPresso lo scalo El Prat di Barcellona la compagnia conta invece un gate d'imbarco biometrico (A02), due gate nel filtro di sicurezza e un chiosco nell'area check-in.\r\n\r\nL'imbarco tramite riconoscimento facciale non influisce sui gruppi d'imbarco, che manterranno l'ordine abituale.\r\nAttualmente l'imbarco biometrico è disponibile per i telefoni cellulari con sistema operativo iOS e, in un prossimo futuro, sarà disponibile anche per i telefoni Android.\r\n\r\nI passeggeri devono tenere presente che, sebbene questo servizio senza contatto consenta loro di imbarcarsi sul volo senza dover mostrare alcun documento, devono comunque portarlo con sé nel caso in cui sia necessario in qualsiasi momento del viaggio.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Iberia: operativo il nuovo sistema di imbarco con riconoscimento facciale tra Madrid e Barcellona","post_date":"2024-04-11T13:57:50+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712843870000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465341","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un giro d'affari di quasi 700 milioni di euro (precisamente 686,9 mln), per una crescita del 40% sull'anno precedente, con la sezione travel che ha contribuito con 295 mln (+40,1%), quella business travel con 254 mln (+3.,2%), gli eventi con 61 mln (+71,8%), più le società partecipate e controllate che hanno pesato per 76,9 mln (+51,6%). Il tutto corroborato da margini operativi lordi per 14,62 milioni, pari al 40% in più rispetto all'obiettivo di budget originario. Sono i numeri del 2023 di Gattinoni, a cui si devono inoltre aggiungere i 922 milioni del network (+33,4%).\r\n\r\n\"Dopo l'acquisizione nel 2022 di Robintur e la coda lunga della pandemia, lo scorso è stato il primo anno in cui abbiamo potuto tracciare un bilancio completo - spiega il presidente e amministratore delegato, Franco Gattinoni - Si tratta di cifre importanti. E proprio per questo abbiamo deciso che fosse venuto il momento di mettere mano all'organizzazione: semplificandola per continuare a crescere\".\r\n\r\nDa qui la decisione di creare tre distinte aree di business che opereranno tutte sotto la supervisione della capogruppo: travel (prodotto e agenzie), business travel ed events. La semplificazione riguarderà peraltro anche l’aspetto societario: l'idea è infatti di raggruppare le numerose aziende del gruppo in tre sole realtà: \"Dal 1°gennaio 2025 avremo una società per ciascuna delle nostre business unit, nelle quali  confluiranno progressivamente tutte le altre\", sottolinea Gattinoni. L'obiettivo è quella di dare la massima importanza a ognuna delle nostre specializzazioni, nella consapevolezza che abbiano necessità sia sinergiche, sia distinte e specifiche per ciascun segmento di mercato\".\r\n\r\nA tal fine sono stati quindi nominati tre nuovi amministratore delegati: per la divisione Gattinoni Travel diventa a.d. Mario Vercesi, già direttore prodotto e regista della piattaforma tecnologica; Gattinoni Events riconferma al timone la già managing director, Elisa Presutti, mentre la divisione Business Travel si avvarrà del nuovo ingresso di Piergiulio Donzelli, che curerà il completamento della fusione fra Gattinoni Business Travel e BtExpert.\r\n\r\nAlla luce di tali cambiamenti, anche il resto dell'organigramma societario varia leggermente con una serie di conferme e alcune new entry: il cda della capogruppo è in particolare ora composto da Franco Gattinoni, presidente, Stefano Dall'Ara, vicepresidente (senza incarichi operativi, per dare continuità al retaggio Robintur, ndr), nonché Sergio Testi, Amanda Shupbach e Valeria Vaghi, consiglieri. La stessa Valeria Vaghi è poi chief financial officer, mentre responsabile del controllo di gestione e compliance è Claudio Passuti, al timone della divisione risorse umane c'è Amanda Shupbach, all'It e servizi generali, Mattia Tieghi, e al marketing, comunicazione e digital, Isabella Maggi.\r\n\r\nInfine una parola sul budget 2024: \"L'anno in corso ci vedrà impegnati in questo importante processo di riorganizzazione e consolidamento, con la conclusione della fase d'integrazione con Robintur - conclude Gattinoni -. Ma prevediamo comunque di proseguire lungo il nostro percorso di espansione, stimando un incremento del giro d'affari del 12% circa, sino a quota 774,3 milioni. Salirà anche l'ebitda di una percentuale ancora maggiore. Anzi, proprio la riorganizzazione in corso mira tra le altre cose a supportare una crescita delle marginalità, puntando ad allinearle a quelle di altri settori merceologici tradizionalmente più profittevoli del mondo travel\".\r\n\r\n ","post_title":"Rivoluzione Gattinoni che si riorganizza in tre business unit","post_date":"2024-04-11T13:56:54+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1712843814000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465332","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" “La bellezza è di casa”: è questo lo slogan della nuova campagna di comunicazione e promozione del Valdarno Aretino, ideata da circa 50 studenti delle scuole secondarie di secondo grado nell’ambito del progetto didattico “Close To Home”, con l’obiettivo di rendere cittadini e operatori turistici consapevoli del valore del proprio territorio e dell’importanza dell’Ambito Turistico.\r\n\r\nLa campagna di comunicazione prevede, in particolare, la diffusione di speciali biglietti da visita e manifesti, con la scritta “La bellezza è di casa” elaborata graficamente con diversi lettering sul caratteristico sfondo rosso, la creazione di contenuti digitali, testi, foto e video promozionali, fino a una campagna di coinvolgimento della community sui social media, che con il semplice invito “Dillo tu” invita i cittadini a fotografare e condividere i loro luoghi del cuore nel Valdarno Aretino.\r\n\r\nAd occuparsi degli aspetti di progettazione, ideazione, realizzazione creativa e gestione della campagna, affiancati dall’agenzia di comunicazione Studiowiki, sono stati in particolare i diplomandi in Grafica e Comunicazione dell’Istituto Superiore B. Varchi di Montevarchi e gli allievi delle classi I e II dell’I.S.I.S. di San Giovanni Valdarno e delle classi IV del Liceo “Giovanni da San Giovanni” di San Giovanni Valdarno, con i loro docenti.\r\n\r\nOrganizzati in gruppi di lavoro che replicano la struttura dell’agenzia – direzione creativa, marketing, art direction, content creation, digital, ufficio stampa – gli studenti, in costante coordinamento con i professionisti del settore, hanno lavorato insieme per definire le strategie di comunicazione, a partire da una SWOT analysis e dalla valutazione di possibili eventi di richiamo e coinvolgimento di comunità locale e turisti, hanno elaborato l’immagine grafica e creato i contenuti testuali e visivi della campagna di promozione, da veicolare anche attraverso i canali digitali, per arrivare a organizzare, infine, la conferenza stampa di lancio della campagna stessa.\r\n\r\n«Con il progetto Close To Home volevamo mettere i giovani al centro della valorizzazione e della promozione del territorio e penso che con la campagna di comunicazione ‘La Bellezza è di casa’ ci siamo riusciti – ha spiegato Nicola Benini, Sindaco di Bucine, Comune capofila dell’Ambito Turistico del Valdarno Aretino. – È la conferma che la promozione turistica di un territorio è un fatto collettivo, che deve vedere il coinvolgimento attivo della comunità locale in tutte le sue dimensioni, pubbliche e private».\r\n\r\n«Lavorare in questi mesi accanto ai giovani del Valdarno, insieme ai loro docenti, ha portato a risultati davvero inaspettati – ha commentato Federico Alberto, direttore creativo dell’agenzia di comunicazione Studiowiki. – La campagna che ne è scaturita, corale e plurale, con una forte componente di attivazione locale, non è stata un semplice esercizio di scuola: l’abbiamo fatta a scuola, per offrire un’opportunità di crescita e formazione professionale per gli studenti, ma con l’obiettivo, riuscito, di realizzarla per davvero».\r\n\r\nParallelamente alla campagna di comunicazione “La Bellezza è di casa”, per coinvolgere gli operatori e la comunità locale del Valdarno Aretino, sono inoltre previsti tre Open Day tematici: dal 15 al 21 aprile Open week cultura, con visite gratuite ad alcuni musei e attrazioni culturali del territorio; il 5 maggio Open day natura, alla scoperta dei punti panoramici delle Balze; il 13 maggio Open day enogastronomia, evento di networking rivolto agli operatori della filiera turistica del Valdarno.","post_title":"La Bellezza è di Casa, la nuova campagna del Valdarno Aretino","post_date":"2024-04-11T12:30:05+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1712838605000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465322","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Gran Bretagna si conferma destinazione prediletta per i turisti italiani, e neppure le problematiche legate all'ottenimento dei passaporti nel nostro Paese sembrano influenzare le scelte dei nostri connazionali. \r\n\r\n«Una eventuale 'limitazione' potrebbe essere vista in termini di costi - spiega Silvia Bocciarelli, communication manager di VisitBritain Italia (nella foto) -: sicuramente per una famiglia con magari figli piccoli l'iter risulta più complesso come tempi e impegnativo economicamente. Anche per questo attualmente il target cui ci rivolgiamo principalmente è quello di coppie o magari gruppi di amici, di età fra i 30 e i 45 anni, che tendenzialmente sono già in possesso del documento».\r\n\r\nLe previsioni 2024 puntano ad accogliere 2 milioni di visitatori dall'Italia - il 90% del volume 2019 - con una spesa di 1,2 miliardi di sterline (il 6% in più rispetto al 2019): in pratica è atteso per il 2025 il ritorno del mercato italiano ai numeri pre-Covid.\r\n\r\nI focus della promozione per il 2024 si concentrano sul «turismo cinematografico, oggetto di una campagna specifica che - benché non includerà l'Italia - troverà grande visibilità»; sulla sostenibilità, oggetto di grandi attenzioni da parte di VisitBritain: «Un tema cui teniamo particolarmente e che va di pari passo alla destagionalizzazione delle destinazioni: di fatto ci sono mete che non promuoviamo più durante l'estate tanto soffrono di overtourism. Ad esempio la Cornovaglia in Inghilterra, il Loch Ness in Scozia e l'isola di Skye, e ancora il Lake District. Cerchiamo di trovare nuove chiavi di lettura che rendano attrattivi questi luoghi al di fuori dei periodi di picco».\r\n\r\nSempre in quest'ottica, ma anche per una proposta economicamente più sostenibile si inserisce «la promozione di esperienze rurali o comunque fuori dalle grandi città dove testare l'accoglienza britannica a prezzi più accessibili. Il suggerimento è quello di evitare, comunque, le città durante i grandi eventi, scegliendo di alloggiare in mete alternative, come potrebbe essere Brighton per Londra, che a meno di un'ora dalla capitale è certamente più a buon mercato».\r\n\r\nInfine, «lavoreremo molto sull'accoglienza dei turisti e daremo grande visibilità alle proposte 'food and drink', che esaltano le eccellenze dal paese, con numerosi prodotti a km zero».","post_title":"Gran Bretagna: grandi attese dall'Italia malgrado le sfide, dai passaporti all'overtourism","post_date":"2024-04-11T12:22:31+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1712838151000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465315","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_465316\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Riccardo Verona, presidente di An.btiBus [/caption]\r\n\r\n\"Arriva la conferma che l’escalation dei prezzi dei carburanti, ha raggiunto un nuovo picco, arrivando ai livelli insostenibili di fine 2023. Purtroppo, l’attuale contesto internazionale è contraddistinto da fortissima instabilità e questo è un fattore che incide in maniera importante sulle attività delle aziende dei bus turistici italiani. Il momento è cruciale per i bus turistici: chiediamo a gran voce ed ancora una volta l'applicazione delle aliquote ridotte sulle accise del gasolio anche per i bus turistici italiani Euro VI\". Così in una nota Riccardo Verona, presidente di An.bti – Confcommercio. \r\n\r\n\"Tale misura, oltre a garantire la competitività delle aziende del nostro Paese, rappresenterebbe un incentivo all'acquisto di nuovi veicoli Euro VI (gli unici mezzi ad emissioni pari quasi allo 0 ed al contempo adatti alle lunghe percorrenze) e agevolerebbe quella transizione green tanto richiesta dall’UE. Lo scorso anno, grazie al lavoro di An.bti –Confcommercio, la categoria ha potuto beneficiare per i 5 mesi dell’alta stagione (da aprile ad agosto) dell’aliquota agevolata con benefici tangibili per tutto il Sistema Paese. Auspicavamo che tale misura avrebbe potuto essere resa strutturale o almeno replicata per i mesi ‘caldi’ anche quest’anno, ma con rammarico dobbiamo registrare che siamo ormai nel pieno dell’alta stagione senza aliquota agevolata e con le aziende in forte affanno.\r\n\r\nQuella che chiediamo è una misura che ci spetta al pari di tutte le altre categorie che operano nel trasporto e che da sempre possono beneficiarne ed al pari dei nostri competitor europei. Non è comprensibile dare seguito alle richieste europee solo quando queste penalizzano la categoria del Turismo su bus e non ascoltarle quando invece la ricomprenderebbero tra i papabili beneficiari di un’agevolazione. I bus turistici italiani trasportano ogni anno oltre 150 milioni di turisti e rappresentano ‘Le ruote del Turismo’, pertanto chiediamo la giusta considerazione e tutela da parte delle Istituzioni\", conclude la nota.","post_title":"Bus Turistici: applicare le aliquote ridotte sui carburanti","post_date":"2024-04-11T10:53:09+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["nofascione"],"post_tag_name":["nofascione"]},"sort":[1712832789000]}]}}