16 April 2024

911

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Addetta informazioni turistiche con uso delle lingue, inglese/tedesco, pregressa esperienza, ottima capacità relazionali. Preferenza lavoro continuativo. Telefono 346 2122977 Maria Luisa Ronchi.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465666 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il governo del Western Australia ed Emirates hanno siglato una nuova partnership attraverso Tourism Western Australia. Un patto che nasce dall'aumento della domanda da parte dei visitatori provenienti dall’Italia: il confronto anno su anno (1° trimestre 2024 rispetto al 1° trimestre 2023) emerge che il vettore di Dubai ha registrato un aumento dell’11% dei passeggeri italiani interessati a questa destinazione. Di conseguenza la compagnia aerea ha ampliato la capacità della rotta da Dubai a Perth, con la ripresa di un secondo servizio giornaliero a partire dal 1° dicembre 2024. Emirates e Tourism Western Australia collaboreranno quindi per aumentare la visibilità dello Stato attraverso campagne di marketing congiunte. L'interesse degli italiani per la destinazione è in crescita: alla del 2023, sono stati 11 mila i nostri connazionali che hanno visitato il Western Australia, spendendo in totale 26 milioni di euro e usufruendo di 711 mila pernottamenti, con un incremento del 37% rispetto al 2019.  L'offerta di esperienze e attrazioni è destinata ad aumentare nel 2024: chi vuole conoscere meglio la cultura aborigena potrà recarsi al Murujuga National Park, nominato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco e sede della più grande collezione di petroglifi al mondo. L'area è un importante sito aborigeno che vanta un’arte rupestre risalente a 50.000 anni fa. Per coloro che desiderano vedere da vicino la fauna marina e le meravigliose coste del nord, le crociere Kimberley Expedition hanno dato il benvenuto ai nuovi operatori di lusso Seabourn e Scenic. Il Kimberley è una delle ultime terre selvagge rimaste al mondo e le sue crociere sono state descritte alla stregua di quelle operate in Antartide. Anche le strutture ricettive in tutto lo Stato sono in aumento, dagli hotel più esclusivi di Perth, la capitale più soleggiata del Paese, ai lodge di lusso come il nuovo Wadjemup Lodge di Rottnest Island, che aprirà a fine 2024.   [post_title] => Western Australia fa coppia con Emirates: cresce la domanda dall'Italia verso la destinazione [post_date] => 2024-04-16T15:28:09+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713281289000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464729 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Toscana si conferma come location preferita dagli stranieri che scelgono l’Italia per il fatidico ‘sì’: 2.600 i matrimoni internazionali nel 2023, il 12,5% in più rispetto al 2022, per un giro di affari cresciuto del 29,5%, sfiorando la quota di 170 milioni di euro, per una spesa media di 65 mila euro, ovvero il 15,3% in più rispetto al 2022. I numeri emergono dall’aggiornamento dell’osservatorio Destination weddings in Tuscany effettuato dal Centro studi turistici per Toscana Promozione Turistica e certificano il successo del bando triennale con cui Tuscany for Weddings, divisione di Destination Florence convention & visitors bureau per la promozione dell’offerta wedding della Toscana, ha operato per conto dell’agenzia regionale. Una collaborazione che oggi si rinnova con la firma di un protocollo d’intesa tra i due enti, che amplia ulteriormente l’accordo tra Destination Florence Cvb e Tpt: oltre al wedding, il nuovo protocollo, deliberato dall’assessorato al Turismo della regione Toscana, prevede un lavoro in tandem sul turismo congressuale. «Sale il numero di cittadini stranieri che eleggono la Toscana come destinazione dove celebrare le nozze – commenta il presidente, Eugenio Giani -: un risultato che ci riempie di soddisfazione. La decisione, maturata alcuni anni fa, di creare un progetto ad hoc, Tuscany for Weddings, grazie alla collaborazione tra Toscana Promozione Turistica e Destination Florence convention & visitors bureau per promuovere l’offerta wedding, si è rivelata vincente. Ritengo che per lo sviluppo di questo segmento turistico la Toscana abbia tutto quello che occorre: luoghi autentici in scenari suggestivi abbinati a un’organizzazione impeccabile». «Da diversi anni – aggiunge l’assessore a Economia e turismo, Leonardo Marras - la Toscana è tra le mete più scelte da cittadini stranieri per celebrare il proprio matrimonio. Il lavoro portato avanti in questi anni con Toscana Promozione Turistica e Destination Florence convention & visitors bureau con il progetto Tuscany for Weddings, e che oggi si amplia anche al turismo congressuale, è dunque un punto di forza su cui continuare a puntare. Il costante incremento di coloro che scelgono questa regione per unirsi in matrimonio è la conferma della bontà di questa collaborazione». «Gli ottimi dati sul segmento del wedding – prosegue il direttore di Tpt, Francesco Tapinassi - vanno di pari passo con la necessità di valorizzare il comparto del turismo congressuale. È da qui che nasce un protocollo d’intesa che conferma e amplia il rapporto tra Toscana Promozione Turistica e il Destination Florence convention & visitors bureau, impegnato su entrambi i segmenti wedding e mice. Da considerare, inoltre, il ruolo del Destination Florence Cvb nell’organizzazione della Grand Départ del Tour de France da Firenze a giugno: un ulteriore elemento di connessione tra l’azione del bureau e la nostra agenzia, considerando l’impegno di Tpt nella valorizzazione del comparto cicloturistico». A scegliere la Toscana per sposarsi sono soprattutto coppie provenienti da Stati Uniti e Regno Unito (60%), mentre per quanto riguarda il tipo di celebrazione, il rito simbolico è ancora quello preferito (66,3%), con quello civile e religioso che si attestano rispettivamente al 22,4% e all’11,3%. Il 9,3% dei riti civili e simbolici riguarda inoltre unioni civili celebrate tra persone dello stesso sesso. Quasi una coppia su due, ovvero il 48,2% del totale, si è affidata a un wedding planner per coronare il proprio sogno d’amore (+5% rispetto al 2022), mentre per quanto riguarda il periodo scelto, l’89% delle celebrazioni si sono svolte tra aprile e settembre. Anche se è calata leggermente la durata media della permanenza degli invitati (3,2 notti contro le 3,3 del 2022), i pernottamenti nelle strutture ricettive sono saliti a 496 mila (+14,5%) e il volume di affari complessivo ha raggiunto i 168,7 milioni di euro (+29,5%). È cresciuto anche il numero medio degli invitati (60,6 contro i 56 rilevati nel 2022) ed è aumentato del 25% il numero di celebrazioni con un numero di invitati compreso tra 51 e 100, che rappresentano il 63% del totale. Anche per il 2024 le aspettative del settore sono di un’ulteriore crescita del mercato, con un incremento stimato intorno al 9,1%. I principali arrivi resteranno ancora quelli extra Ue, ma si consoliderà la domanda proveniente da coppie scandinave, tedesche, svizzere, olandesi, austriache, spagnole e francesi. Nel 2023 si sono rivolte alle imprese della filiera anche 630 coppie italiane provenienti da altre regioni, che hanno scelto la Toscana per il fatidico “sì”, generando un fatturato complessivo di 25 milioni di euro. [post_title] => Toscana: in aumento gli stranieri che scelgono la regione per il fatidico "sì" [post_date] => 2024-04-03T09:24:46+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712136286000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464451 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con 26.000 meeting organizzati e oltre 2.000 persone tra operatori e giornalisti da tutto il mondo si è chiusa ieri la tappa di Tolosa del salone Rendez-Vous en France. Gli oltre 635 espositori provenienti da ogni parte della Francia hanno avuto l’opportunità di raggiungere nei due giorni dell’evento circa 900 tour operator internazionali, 28 giornalisti provenienti da tutto il mondo, oltre ai 53 fam trip che hanno preceduto il salone. Il 2024 è un anno importante per la Francia, non solo per la presenza dei Giochi Olimpici e Paralimpici a Parigi tra luglio e ottobre, ma anche per altri eventi significativi come i 150 anni dell’Impressionismo, l’80° anniversario dello Sbarco in Normandia, il Francophonie summit alla Cité internationale de la langue française in Villers-Cotterêts,  la Vendee Globe - tour del mondo in barca a vela in solitario,  il 111° Tour de France, e la tanto attesa riapertura della Cattedrale di Notre Dame de Paris. «Lo sport farà da fil rouge tra i vari territori, ma non solo. Città e regioni puntano infatti su un’offerta sempre più in linea con le nuove richieste del mercato e dei clienti - ha dichiarato Caroline Leboucher, ceo di Atout France -. Sostenibilità e tutela ambientale le parole chiave che caratterizzano le proposte, dalla Nouvelle-Aquitaine, alla Provenza - Alpi del Sud e Costa Azzurra, l’Occitania, la Normandia, il Nord della Francia, la Regione di Parigi, la Corsica, la Bretagne, l’Auvergne Rhône Alpes, la Valle della Loira. Operatori e policy makers puntano sul territorio, un territorio che è sinonimo di patrimonio, prodotti, tradizioni, natura, luoghi, gastronomia, vino, cultura, verde, arte di vivere». Un anno particolare quindi per riscoprire tutta la Francia, con nuove proposte nel segno dell’innovazione e della creatività tipiche francesi. L’interesse del mercato italiano, oltre a confermare la scelta delle regioni come Corsica, Costa Azzurra, Provenza, Castelli della Loira e Parigi, è da diversi anni in crescita anche in altri territori francesi come la Bretagna, la Loira, l’Occitania e la Normandia solo per citarne alcune. [caption id="attachment_464453" align="alignleft" width="300"] La campagna #ExploreFrance[/caption] «La prima parte dell’anno conferma le previsioni di crescita del mercato italiano, che ha registrato un anno record nel 2023 - ha commentato Frédéric Meyer, direttore Atout France per l’Italia -. Come dichiarato anche dal nostro Ministro del Turismo lo scorso anno sono state registrate entrate nel settore per 75 miliardi di euro, e il mercato italiano è il 4° per il numero di visitatori, con 7,3 milioni di visitatori italiani in Francia nel 2023, e al 6° posto per le entrate turistiche con 3.5 miliardi di euro. E sono dati importanti anche quelli registrati in questi due giorni della tappa di Tolosa del Rdvef 2024: 26 tour operator e 2 giornalisti italiani, oltre allo staff di Atout France Italia. L’appuntamento per il prossimo Rendez-vous en France è a Lione, ad aprile 2025. La nuova campagna #ExploreFrance Nel frattempo proseguiamo con la campagna #ExploreFrance con 16 sotto-campagne specifiche dedicate alle nostre regioni, e tra queste faremo un investimento importante sulla Corsica. Oltre a una specifica campagna di conversione per sostenere le vendite degli operatori italiani sul mercato francese». [gallery ids="464455,464456,464457,464458,464461,464462"] [post_title] => Grandi numeri registrati dal Rendez-vous en France a Tolosa [post_date] => 2024-03-28T09:30:16+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => atout-francia [1] => francia ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Atout Francia [1] => francia ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711618216000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464167 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Parkhotel Laurin è un hotel storico che sorge nel centro di Bolzano. Nato nel 1910 a opera di Franz Staffler, viene gestito dalla terza generazione dalla famiglia. "Gli Staffler vivono a Bolzano: sono molto presenti e si affidano agli esperti per condurre l’hotel - racconta Joanna Becker-Birck, director pr & communication di WorldHotels -. Riescono a creare una connessione emozionale tra gli ospiti e l’hotel. Proprio per preservare nel tempo la propria storia e conservare una bellezza che è un’espressione individuale del concetto di luxury, il Parkhotel Laurin è quindi entrato a far parte del brand Elite di WorldHotels: una collection nata in Germania per aiutare le persone a prenotare alberghi in tutto il mondo e cresciuta nel tempo, sempre con l’obiettivo di mettere in evidenza l’identità di hotel unici come il Laurin. Un concept ben rappresentato per esempio dal bar della struttura bolzanina, con le sue pareti affrescate già nel 1911 da Bruno Goldschmitt per raccontare la storia del triste amore di Laurin, il re dei nani". I WorldHotels, di cui fa parte il Parkhotel Laurin, sono 270 nel mondo. Si trovano per lo più in Europa, in Olanda, Germania, Italia, Francia e Gran Bretagna, ma il brand sta crescendo anche in Africa e in Georgia, una nuova area da scoprire. Dal 2019 il marchio fa parte di Bwh Hotel Group. «Abbiamo 170 hotel in Italia e 4.300 nel mondo, divisi in 19 brand che vanno dall’upper-scale come i Worldhotels fino al segmento più economy-comfort e long-stay - spiega infatti Federica Angelucci, director of data pricing & revenue strategy di Bwh Hotels Italia & Malta - Oggi in Italia abbiamo cinque WorldHotels: due a Milano con il Cristoforo Colombo e il Casati 18. Ci sono poi il Mulino a Firenze (WorldHotel Crafted), il Risorgimento Resort a Lecce e appunto il Parkhotel Laurin a Bolzano, entrambi WorldHotels Elite. Queste strutture coprono il segmento upper-scale". Bwh, nato nel 1946 negli Stati Uniti come collegamento informale tra diversi hotel, negli anni si è evoluto e diffuso in tutto il mondo e già nel 1980 contava 2.654 hotel e resort. Nell’82 anche l’Italia è entrata a far parte della grande famiglia. [post_title] => Parkhotel Laurin Bolzano: con WorldHotels e Bwh per raccontare storia, identità ed evoluzione [post_date] => 2024-03-25T11:55:02+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711367702000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463978 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Balzo in avanti del +40% per le prenotazioni in vista della Pasqua: Trainline conferma la il momento positivo dei viaggi in treno che, come evidenziato anche da un recente sondaggio dell'istituto di ricerca Swg, per gli italiani è il mezzo di trasporto preferito, soprattutto per le vacanze brevi (41%), i viaggi nel fine settimana (36%) e le gite in giornata (26%). Quest'anno tra le mete più prenotate ci sono Roma, Napoli, Firenze e Bologna, anche a testimonianza di come l'interesse per le destinazioni tradizionali sia ancora forte tra i viaggiatori. Dai dati Trainline emerge, inoltre, come gli italiani approfitteranno appieno dell'intero ponte pasquale, infatti, i giorni più prenotati sono proprio il 29 marzo e il 1° aprile. Le città, invece, che hanno riscontrato il maggiore incremento percentuale rispetto allo scorso anno durante il periodo Pasquale, sono distribuite un po’ su tutta la Penisola da ovest con Torino al 153% a est con Venezia al 134%. Anche lungo l’asse nord-sud con Reggio Emilia che registra addirittura una crescita del +186% seguita più a sud da Napoli (111%) e da Salerno (108%). «Guardando l’andamento delle prenotazioni di questi giorni - dichiara Andrea Saviane, country manager Italia di Trainline – con soddisfazione notiamo un notevole incremento rispetto allo scorso anno su diverse destinazioni. Questo ci fa pensare che gli italiani stiano apprezzando sempre di più il treno come mezzo di trasporto, riconoscendone non solo l'aspetto economico, ma anche il suo fondamentale contributo alla sostenibilità ambientale». Sempre secondo l'indagine Swg, il 58% degli italiani nell’ultimo anno, almeno una volta, ha preferito il treno ad altri mezzi, poiché lo si è ritenuto il più economico (40%) e anche il più distensivo (27%). [post_title] => Trainline: prenotazioni a +40% per il periodo delle festività pasquali [post_date] => 2024-03-21T09:30:17+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711013417000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463782 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Scopri il programma di formazione One Happy e-learning, pensato per condividere la felicità di Aruba con il trade italiano grazie a contenuti utili, offerte speciali e un’assistenza puntuale e preferenziale L’Isola di Aruba è conosciuta per il suo mare turchese e il clima perfetto, ma è andando oltre alle sue spiagge bianche che si scoprono tutte le sue potenzialità e le sue mille sfaccettature! Sicura, ospitale, facile da raggiungere e visitabile in ogni mese dell’anno: questi sono i principali punti di forza di una destinazione che ha fatto della felicità il suo motto. Con l’obiettivo di trasmettere questa felicità ai principali partner sul mercato italiano, Aruba Tourism Authority Italia lancia l’Happy Agents Club: una serie di benefit, agevolazioni e materiali che verranno condivisi con tutti gli agenti di viaggio che porteranno a termine il programma di formazione One Happy e-Learning. Il programma - aggiornato, gratuito e completo - permette di scoprire tutto quello che l’isola di Aruba ha da offrire. La conoscenza della destinazione verrà messa alla prova con un test: ottenendo almeno 60 punti si otterrà il certificato One Happy e-Learning, diventando così uno specialista della destinazione. Ma, soprattutto, al termine del programma sarà possibile accedere a una sezione dedicata a sconti e offerte presso i principali hotel di Aruba riservati agli agenti di viaggio, come per esempio il 25% di sconto sulla migliore tariffa disponibile presso il Renaissance Wind Creek Resort o l’Hilton Aruba Caribbean Resort, oppure una cena gratuita presso il meraviglioso ristorante dell’Amsterdam Manor Resort, il Passion’s on the Beach. Portando a termine il programma si avrà anche accesso a tutti i nuovi contenuti media della destinazione: reel, storie, immagini, video e testi a disposizione per la condivisione sui canali di comunicazione delle agenzie di viaggio. Gli agenti che entreranno a far parte dell’Happy Agent Club verranno aggiornati in maniera preferenziale e in anteprima sulle nuove offerte pensate per il trade italiano, gli eventi e le campagne in corso: entra a far parte della community di agenti di viaggio più felice e lascia che l’Aruba Effect ti travolga! Scopri di più su https://www.aruba.com/it/trade Per maggiori informazioni su Aruba: 011–4546557 - aruba@globaltourist.it - globaltourist@globaltourist.it [post_title] => Aruba Happy Agents: entra a far parte della community di agenti di viaggio più felice! [post_date] => 2024-03-20T13:00:34+00:00 [category] => Array ( [0] => informazione-pr ) [category_name] => Array ( [0] => Informazione PR ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710939634000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463557 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Bolzano è una città sorprendente: collocata alle pendici delle Dolomiti, si trova entro un’antica conca di origine vulcanica percorsa da tre fiumi, che ne mitiga le temperature. La sua storia racconta di dominazioni e di mercanti; di viaggiatori e di artisti; di antiche tradizioni e di leggende. Sul territorio si parlano tre lingue, l’italiano, il tedesco e il ladino, e si ricordano periodi storici complessi. Il Parkhotel Laurin - WorldHotels Elite (gruppo Bwh) racchiude in sé l’anima della città e le sue tante sfaccettature. Costruito nel 1910 dal capostipite della famiglia Staffler, ha visto succedersi tre generazioni che si sono tramandate una missione d'accoglienza e di amore per l’arte. Curato dagli architetti Ludwig, già nel 1911 venne decorato dagli affreschi di Bruno Goldschmitt. I dipinti, realizzati in uno stile moderno e ricco di colori, sono una significativa testimonianza del Liberty altoatesino e raccontano episodi della saga del re dei nani Laurin e del suo amore infelice. La vocazione artistica della famiglia Staffler è testimoniata anche dalla decisione della proprietà di acquistare delle opere d’arte per ciascuna camera. Oggi il Laurin ha una collezione di oltre 200 opere su carta, realizzate a partire dal primo ‘900 in un’area che va da Vienna all’Italia del Nord. Alla consegna della chiave l’ospite riceve le informazioni sull’opera che troverà nella sua camera. Il Parkhotel Laurin ospita 100 camere e sette suite: si affacciano sui 4 mila metri quadrati del parco privato dell’albergo, sulla piscina riscaldata aperta da maggio a settembre, sul campanile del Duomo di Bolzano e sulle vicine montagne. Andreas Flückiger, direttore del Parkhotel Laurin, tratteggia alcune della caratteristiche uniche dell’hotel storico, come la sua collocazione, in centro-città, entro un vasto parco che si trasforma, una stagione dopo l’altra. «L’ospite può trovare la storia del Parkhotel Laurin in ogni dettaglio – afferma –: nell’arte, negli spazi rinnovati a partire dagli anni ‘90, ma che ancora conservano il loro aspetto originale e ne trasmettono le emozioni; è una struttura adatta sia all’ospite leisure che a quello business. Il Laurin sa entrare nel cuore delle persone e ciascuno trova la propria modalità per vivere la permanenza, magari partecipando ai numerosi momenti di musica dal vivo che proponiamo già da 30 anni tra ottobre e maggio e che richiamano gli ospiti dell’hotel e tanti appassionati esterni, creando una vibrante comunità». In primo piano anche l’attenzione per la proposta gastronomica: l’executive chef del Laurin è Dario Tornatore. Grazie alle sue esperienze italiane ed europee, Tornatore ha portato a Bolzano una filosofia culinaria inedita, che si sviluppa a partire dall'essenza di ogni ingrediente. Le sue interpretazioni gastronomiche narrano in chiave contemporanea emozioni e tradizioni, con una particolare attenzione per i prodotti dell’Alto Adige. I suoi piatti si possono gustare all’interno del ristorante Laurin, storica sala mitteleuropea dove il Liberty italiano incontra lo Jugendstil austriaco e il tocco contemporaneo dell'artista Marilù Eustachio. Oppure nella glasshouse ConTanima, collocata nel vasto giardino dell’hotel. Il Park Hotel Laurin è quotidianamente impegnato in un duplice obiettivo di comfort e sostenibilità, che si declina nella conservazione del patrimonio, nell’impegno sociale e nella conservazione ambientale. Per questo nel giugno del 2023 ha ottenuto la certificazione Global sustainable tourism council - Gstc. «Siamo anche molto impegnati rispetto alla comunità in cui viviamo e alla sua gente. - conclude Andreas Flückiger -. Lavoriamo con molti prodotti locali, tra cui una grande parte dei vini conservati nella nostra vasta cantina. Risparmiamo acqua ed elettricità. Rispettiamo e tuteliamo i lavoratori impegnati nell’hotel. E anche i nostri investimenti nell’arte e nella cultura del territorio aiutano a creare una città sostenibile». [post_title] => Il Parkhotel Laurin di Bolzano: un elegante hotel storico che racconta la sua città [post_date] => 2024-03-15T11:50:45+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710503445000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463478 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022). Discorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022). Pambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022). [post_title] => Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's [post_date] => 2024-03-14T13:32:42+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710423162000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462756 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Dopo aver chiuso il 2023 a quota 810 milioni di euro, il gruppo Bluvacanze si prepara a un altro anno in crescita e si avvicina alla soglia del miliardo di euro di volume lordo di travel value. Le previsioni per il 2024 sono state rivelate ieri, in occasione dell'inaugurazione del nuovo flagship store di Milano, e parlano di una realtà che si appresta a raggiungere quota 918 milioni, al netto delle elisioni intercompany. E ciò in un contesto nel quale le agenzie di entrambi i brand del network, Vivere & Viaggiare e Bluvacanze, sono destinate a superare ampiamente i valori pre-pandemici del 2019. Nel dettaglio, i primi due mesi di quest'anno registrano un più 15% sul prenotato pari data del 2023, con l'estate che è già a +35%, grazie a un deciso advance booking.  In merito alle destinazioni, si registra un graduale recupero dell’Egitto, gravemente compromesso dagli eventi di ottobre. Oggi questa destinazione vale “solo” il 30% in meno rispetto a un anno fa. Tra le esperienze di viaggio perdura il boom per le crociere, soprattutto nel Nord Europa (+37%). Nel Mediterraneo, brillano Spagna e Grecia (+74 e + 77%). Sul lungo raggio, ottime le performance per Stati Uniti (+32%) e Giappone (+34%). Ma ovviamente non è tutto rosa e fiori: alcuni nodi critici sono rappresentati dalla conversione dei preventivi, che sconta l’aumento dei prezzi, la minore capacità di spesa delle famiglie e la difficoltà di ottenere in tempo i documenti per l'espatrio. Gli italiani rimangono insomma cauti nel confermare le prenotazioni. L’area mice ed eventi è poi destinata a incrementare il portafoglio di aziende in un contesto sempre più internazionale, mentre il comparto del business travel di Cisalpina Tours si ritiene possa raggiungere un livello record di transazioni. A oggi sono operative le sedi di New York, nonché in Brasile, Turchia, Cipro e in Germania, mentre gli uffici europei di Londra, Parigi, Ginevra e Madrid attendono le ultime formalità. Il piano di sviluppo del gruppo Bluvacanze nel medio termine insisterà sulla trasformazione digitale e sull’internazionalizzazione, con la definitiva apertura di uffici in Sudafrica (Durban). Il Far East costituirà il prossimo capitolo del piano di espansione globale, dal 2025. Infine, il tour operator Going registrerà tassi di crescita a due cifre percentuali, grazie al consolidamento delle linee strategiche dirette, alle esperienze di viaggio su misura, di alto profilo, nonché all'arricchimento delle divisioni Going Resort e Incoming di Going2Italy. [post_title] => Il gruppo Bluvacanze vede la soglia del miliardo di euro di travel value [post_date] => 2024-03-05T10:01:07+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709632867000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "911" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":4,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":71,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465666","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il governo del Western Australia ed Emirates hanno siglato una nuova partnership attraverso Tourism Western Australia. Un patto che nasce dall'aumento della domanda da parte dei visitatori provenienti dall’Italia: il confronto anno su anno (1° trimestre 2024 rispetto al 1° trimestre 2023) emerge che il vettore di Dubai ha registrato un aumento dell’11% dei passeggeri italiani interessati a questa destinazione. Di conseguenza la compagnia aerea ha ampliato la capacità della rotta da Dubai a Perth, con la ripresa di un secondo servizio giornaliero a partire dal 1° dicembre 2024.\r\nEmirates e Tourism Western Australia collaboreranno quindi per aumentare la visibilità dello Stato attraverso campagne di marketing congiunte.\r\nL'interesse degli italiani per la destinazione è in crescita: alla del 2023, sono stati 11 mila i nostri connazionali che hanno visitato il Western Australia, spendendo in totale 26 milioni di euro e usufruendo di 711 mila pernottamenti, con un incremento del 37% rispetto al 2019. \r\n\r\nL'offerta di esperienze e attrazioni è destinata ad aumentare nel 2024: chi vuole conoscere meglio la cultura aborigena potrà recarsi al Murujuga National Park, nominato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco e sede della più grande collezione di petroglifi al mondo. L'area è un importante sito aborigeno che vanta un’arte rupestre risalente a 50.000 anni fa. Per coloro che desiderano vedere da vicino la fauna marina e le meravigliose coste del nord, le crociere Kimberley Expedition hanno dato il benvenuto ai nuovi operatori di lusso Seabourn e Scenic. Il Kimberley è una delle ultime terre selvagge rimaste al mondo e le sue crociere sono state descritte alla stregua di quelle operate in Antartide.\r\n\r\nAnche le strutture ricettive in tutto lo Stato sono in aumento, dagli hotel più esclusivi di Perth, la capitale più soleggiata del Paese, ai lodge di lusso come il nuovo Wadjemup Lodge di Rottnest Island, che aprirà a fine 2024.\r\n\r\n ","post_title":"Western Australia fa coppia con Emirates: cresce la domanda dall'Italia verso la destinazione","post_date":"2024-04-16T15:28:09+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1713281289000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464729","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Toscana si conferma come location preferita dagli stranieri che scelgono l’Italia per il fatidico ‘sì’: 2.600 i matrimoni internazionali nel 2023, il 12,5% in più rispetto al 2022, per un giro di affari cresciuto del 29,5%, sfiorando la quota di 170 milioni di euro, per una spesa media di 65 mila euro, ovvero il 15,3% in più rispetto al 2022.\r\n\r\nI numeri emergono dall’aggiornamento dell’osservatorio Destination weddings in Tuscany effettuato dal Centro studi turistici per Toscana Promozione Turistica e certificano il successo del bando triennale con cui Tuscany for Weddings, divisione di Destination Florence convention & visitors bureau per la promozione dell’offerta wedding della Toscana, ha operato per conto dell’agenzia regionale. Una collaborazione che oggi si rinnova con la firma di un protocollo d’intesa tra i due enti, che amplia ulteriormente l’accordo tra Destination Florence Cvb e Tpt: oltre al wedding, il nuovo protocollo, deliberato dall’assessorato al Turismo della regione Toscana, prevede un lavoro in tandem sul turismo congressuale.\r\n\r\n«Sale il numero di cittadini stranieri che eleggono la Toscana come destinazione dove celebrare le nozze – commenta il presidente, Eugenio Giani -: un risultato che ci riempie di soddisfazione. La decisione, maturata alcuni anni fa, di creare un progetto ad hoc, Tuscany for Weddings, grazie alla collaborazione tra Toscana Promozione Turistica e Destination Florence convention & visitors bureau per promuovere l’offerta wedding, si è rivelata vincente. Ritengo che per lo sviluppo di questo segmento turistico la Toscana abbia tutto quello che occorre: luoghi autentici in scenari suggestivi abbinati a un’organizzazione impeccabile».\r\n\r\n«Da diversi anni – aggiunge l’assessore a Economia e turismo, Leonardo Marras - la Toscana è tra le mete più scelte da cittadini stranieri per celebrare il proprio matrimonio. Il lavoro portato avanti in questi anni con Toscana Promozione Turistica e Destination Florence convention & visitors bureau con il progetto Tuscany for Weddings, e che oggi si amplia anche al turismo congressuale, è dunque un punto di forza su cui continuare a puntare. Il costante incremento di coloro che scelgono questa regione per unirsi in matrimonio è la conferma della bontà di questa collaborazione».\r\n\r\n«Gli ottimi dati sul segmento del wedding – prosegue il direttore di Tpt, Francesco Tapinassi - vanno di pari passo con la necessità di valorizzare il comparto del turismo congressuale. È da qui che nasce un protocollo d’intesa che conferma e amplia il rapporto tra Toscana Promozione Turistica e il Destination Florence convention & visitors bureau, impegnato su entrambi i segmenti wedding e mice. Da considerare, inoltre, il ruolo del Destination Florence Cvb nell’organizzazione della Grand Départ del Tour de France da Firenze a giugno: un ulteriore elemento di connessione tra l’azione del bureau e la nostra agenzia, considerando l’impegno di Tpt nella valorizzazione del comparto cicloturistico».\r\n\r\n A scegliere la Toscana per sposarsi sono soprattutto coppie provenienti da Stati Uniti e Regno Unito (60%), mentre per quanto riguarda il tipo di celebrazione, il rito simbolico è ancora quello preferito (66,3%), con quello civile e religioso che si attestano rispettivamente al 22,4% e all’11,3%. Il 9,3% dei riti civili e simbolici riguarda inoltre unioni civili celebrate tra persone dello stesso sesso. Quasi una coppia su due, ovvero il 48,2% del totale, si è affidata a un wedding planner per coronare il proprio sogno d’amore (+5% rispetto al 2022), mentre per quanto riguarda il periodo scelto, l’89% delle celebrazioni si sono svolte tra aprile e settembre.\r\n\r\nAnche se è calata leggermente la durata media della permanenza degli invitati (3,2 notti contro le 3,3 del 2022), i pernottamenti nelle strutture ricettive sono saliti a 496 mila (+14,5%) e il volume di affari complessivo ha raggiunto i 168,7 milioni di euro (+29,5%). È cresciuto anche il numero medio degli invitati (60,6 contro i 56 rilevati nel 2022) ed è aumentato del 25% il numero di celebrazioni con un numero di invitati compreso tra 51 e 100, che rappresentano il 63% del totale.\r\n\r\nAnche per il 2024 le aspettative del settore sono di un’ulteriore crescita del mercato, con un incremento stimato intorno al 9,1%. I principali arrivi resteranno ancora quelli extra Ue, ma si consoliderà la domanda proveniente da coppie scandinave, tedesche, svizzere, olandesi, austriache, spagnole e francesi.\r\n\r\nNel 2023 si sono rivolte alle imprese della filiera anche 630 coppie italiane provenienti da altre regioni, che hanno scelto la Toscana per il fatidico “sì”, generando un fatturato complessivo di 25 milioni di euro.","post_title":"Toscana: in aumento gli stranieri che scelgono la regione per il fatidico \"sì\"","post_date":"2024-04-03T09:24:46+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1712136286000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464451","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con 26.000 meeting organizzati e oltre 2.000 persone tra operatori e giornalisti da tutto il mondo si è chiusa ieri la tappa di Tolosa del salone Rendez-Vous en France. Gli oltre 635 espositori provenienti da ogni parte della Francia hanno avuto l’opportunità di raggiungere nei due giorni dell’evento circa 900 tour operator internazionali, 28 giornalisti provenienti da tutto il mondo, oltre ai 53 fam trip che hanno preceduto il salone.\r\n\r\nIl 2024 è un anno importante per la Francia, non solo per la presenza dei Giochi Olimpici e Paralimpici a Parigi tra luglio e ottobre, ma anche per altri eventi significativi come i 150 anni dell’Impressionismo, l’80° anniversario dello Sbarco in Normandia, il Francophonie summit alla Cité internationale de la langue française in Villers-Cotterêts,  la Vendee Globe - tour del mondo in barca a vela in solitario,  il 111° Tour de France, e la tanto attesa riapertura della Cattedrale di Notre Dame de Paris.\r\n\r\n«Lo sport farà da fil rouge tra i vari territori, ma non solo. Città e regioni puntano infatti su un’offerta sempre più in linea con le nuove richieste del mercato e dei clienti - ha dichiarato Caroline Leboucher, ceo di Atout France -. Sostenibilità e tutela ambientale le parole chiave che caratterizzano le proposte, dalla Nouvelle-Aquitaine, alla Provenza - Alpi del Sud e Costa Azzurra, l’Occitania, la Normandia, il Nord della Francia, la Regione di Parigi, la Corsica, la Bretagne, l’Auvergne Rhône Alpes, la Valle della Loira. Operatori e policy makers puntano sul territorio, un territorio che è sinonimo di patrimonio, prodotti, tradizioni, natura, luoghi, gastronomia, vino, cultura, verde, arte di vivere».\r\n\r\nUn anno particolare quindi per riscoprire tutta la Francia, con nuove proposte nel segno dell’innovazione e della creatività tipiche francesi.\r\n\r\nL’interesse del mercato italiano, oltre a confermare la scelta delle regioni come Corsica, Costa Azzurra, Provenza, Castelli della Loira e Parigi, è da diversi anni in crescita anche in altri territori francesi come la Bretagna, la Loira, l’Occitania e la Normandia solo per citarne alcune.\r\n\r\n\r\n[caption id=\"attachment_464453\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] La campagna #ExploreFrance[/caption]\r\n\r\n«La prima parte dell’anno conferma le previsioni di crescita del mercato italiano, che ha registrato un anno record nel 2023 - ha commentato Frédéric Meyer, direttore Atout France per l’Italia -. Come dichiarato anche dal nostro Ministro del Turismo lo scorso anno sono state registrate entrate nel settore per 75 miliardi di euro, e il mercato italiano è il 4° per il numero di visitatori, con 7,3 milioni di visitatori italiani in Francia nel 2023, e al 6° posto per le entrate turistiche con 3.5 miliardi di euro. E sono dati importanti anche quelli registrati in questi due giorni della tappa di Tolosa del Rdvef 2024: 26 tour operator e 2 giornalisti italiani, oltre allo staff di Atout France Italia. L’appuntamento per il prossimo Rendez-vous en France è a Lione, ad aprile 2025.\r\n\r\nLa nuova campagna #ExploreFrance\r\n\r\nNel frattempo proseguiamo con la campagna #ExploreFrance con 16 sotto-campagne specifiche dedicate alle nostre regioni, e tra queste faremo un investimento importante sulla Corsica. Oltre a una specifica campagna di conversione per sostenere le vendite degli operatori italiani sul mercato francese».\r\n\r\n[gallery ids=\"464455,464456,464457,464458,464461,464462\"]","post_title":"Grandi numeri registrati dal Rendez-vous en France a Tolosa","post_date":"2024-03-28T09:30:16+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["atout-francia","francia"],"post_tag_name":["Atout Francia","francia"]},"sort":[1711618216000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464167","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Parkhotel Laurin è un hotel storico che sorge nel centro di Bolzano. Nato nel 1910 a opera di Franz Staffler, viene gestito dalla terza generazione dalla famiglia. \"Gli Staffler vivono a Bolzano: sono molto presenti e si affidano agli esperti per condurre l’hotel - racconta Joanna Becker-Birck, director pr & communication di WorldHotels -. Riescono a creare una connessione emozionale tra gli ospiti e l’hotel. Proprio per preservare nel tempo la propria storia e conservare una bellezza che è un’espressione individuale del concetto di luxury, il Parkhotel Laurin è quindi entrato a far parte del brand Elite di WorldHotels: una collection nata in Germania per aiutare le persone a prenotare alberghi in tutto il mondo e cresciuta nel tempo, sempre con l’obiettivo di mettere in evidenza l’identità di hotel unici come il Laurin. Un concept ben rappresentato per esempio dal bar della struttura bolzanina, con le sue pareti affrescate già nel 1911 da Bruno Goldschmitt per raccontare la storia del triste amore di Laurin, il re dei nani\". \r\nI WorldHotels, di cui fa parte il Parkhotel Laurin, sono 270 nel mondo. Si trovano per lo più in Europa, in Olanda, Germania, Italia, Francia e Gran Bretagna, ma il brand sta crescendo anche in Africa e in Georgia, una nuova area da scoprire. Dal 2019 il marchio fa parte di Bwh Hotel Group. «Abbiamo 170 hotel in Italia e 4.300 nel mondo, divisi in 19 brand che vanno dall’upper-scale come i Worldhotels fino al segmento più economy-comfort e long-stay - spiega infatti Federica Angelucci, director of data pricing & revenue strategy di Bwh Hotels Italia & Malta - Oggi in Italia abbiamo cinque WorldHotels: due a Milano con il Cristoforo Colombo e il Casati 18. Ci sono poi il Mulino a Firenze (WorldHotel Crafted), il Risorgimento Resort a Lecce e appunto il Parkhotel Laurin a Bolzano, entrambi WorldHotels Elite. Queste strutture coprono il segmento upper-scale\". \r\nBwh, nato nel 1946 negli Stati Uniti come collegamento informale tra diversi hotel, negli anni si è evoluto e diffuso in tutto il mondo e già nel 1980 contava 2.654 hotel e resort. Nell’82 anche l’Italia è entrata a far parte della grande famiglia.\r\n","post_title":"Parkhotel Laurin Bolzano: con WorldHotels e Bwh per raccontare storia, identità ed evoluzione","post_date":"2024-03-25T11:55:02+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1711367702000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463978","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Balzo in avanti del +40% per le prenotazioni in vista della Pasqua: Trainline conferma la il momento positivo dei viaggi in treno che, come evidenziato anche da un recente sondaggio dell'istituto di ricerca Swg, per gli italiani è il mezzo di trasporto preferito, soprattutto per le vacanze brevi (41%), i viaggi nel fine settimana (36%) e le gite in giornata (26%).\r\nQuest'anno tra le mete più prenotate ci sono Roma, Napoli, Firenze e Bologna, anche a testimonianza di come l'interesse per le destinazioni tradizionali sia ancora forte tra i viaggiatori.\r\nDai dati Trainline emerge, inoltre, come gli italiani approfitteranno appieno dell'intero ponte pasquale, infatti, i giorni più prenotati sono proprio il 29 marzo e il 1° aprile.\r\nLe città, invece, che hanno riscontrato il maggiore incremento percentuale rispetto allo scorso anno durante il periodo Pasquale, sono distribuite un po’ su tutta la Penisola da ovest con Torino al 153% a est con Venezia al 134%. Anche lungo l’asse nord-sud con Reggio Emilia che registra addirittura una crescita del +186% seguita più a sud da Napoli (111%) e da Salerno (108%).\r\n«Guardando l’andamento delle prenotazioni di questi giorni - dichiara Andrea Saviane, country manager Italia di Trainline – con soddisfazione notiamo un notevole incremento rispetto allo scorso anno su diverse destinazioni. Questo ci fa pensare che gli italiani stiano apprezzando sempre di più il treno come mezzo di trasporto, riconoscendone non solo l'aspetto economico, ma anche il suo fondamentale contributo alla sostenibilità ambientale».\r\nSempre secondo l'indagine Swg, il 58% degli italiani nell’ultimo anno, almeno una volta, ha preferito il treno ad altri mezzi, poiché lo si è ritenuto il più economico (40%) e anche il più distensivo (27%).","post_title":"Trainline: prenotazioni a +40% per il periodo delle festività pasquali","post_date":"2024-03-21T09:30:17+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1711013417000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463782","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Scopri il programma di formazione One Happy e-learning, pensato per condividere la felicità di Aruba con il trade italiano grazie a contenuti utili, offerte speciali e un’assistenza puntuale e preferenziale\r\n\r\nL’Isola di Aruba è conosciuta per il suo mare turchese e il clima perfetto, ma è andando oltre alle sue spiagge bianche che si scoprono tutte le sue potenzialità e le sue mille sfaccettature! Sicura, ospitale, facile da raggiungere e visitabile in ogni mese dell’anno: questi sono i principali punti di forza di una destinazione che ha fatto della felicità il suo motto.\r\nCon l’obiettivo di trasmettere questa felicità ai principali partner sul mercato italiano, Aruba Tourism Authority Italia lancia l’Happy Agents Club: una serie di benefit, agevolazioni e materiali che verranno condivisi con tutti gli agenti di viaggio che porteranno a termine il programma di formazione One Happy e-Learning.\r\n\r\nIl programma - aggiornato, gratuito e completo - permette di scoprire tutto quello che l’isola di Aruba ha da offrire. La conoscenza della destinazione verrà messa alla prova con un test: ottenendo almeno 60 punti si otterrà il certificato One Happy e-Learning, diventando così uno specialista della destinazione. Ma, soprattutto, al termine del programma sarà possibile accedere a una sezione dedicata a sconti e offerte presso i principali hotel di Aruba riservati agli agenti di viaggio, come per esempio il 25% di sconto sulla migliore tariffa disponibile presso il Renaissance Wind Creek Resort o l’Hilton Aruba Caribbean Resort, oppure una cena gratuita presso il meraviglioso ristorante dell’Amsterdam Manor Resort, il Passion’s on the Beach.\r\n\r\nPortando a termine il programma si avrà anche accesso a tutti i nuovi contenuti media della destinazione: reel, storie, immagini, video e testi a disposizione per la condivisione sui canali di comunicazione delle agenzie di viaggio.\r\nGli agenti che entreranno a far parte dell’Happy Agent Club verranno aggiornati in maniera preferenziale e in anteprima sulle nuove offerte pensate per il trade italiano, gli eventi e le campagne in corso: entra a far parte della community di agenti di viaggio più felice e lascia che l’Aruba Effect ti travolga!\r\n\r\nScopri di più su https://www.aruba.com/it/trade\r\n\r\n\r\n\r\nPer maggiori informazioni su Aruba:\r\n011–4546557 - aruba@globaltourist.it - globaltourist@globaltourist.it","post_title":"Aruba Happy Agents: entra a far parte della community di agenti di viaggio più felice!","post_date":"2024-03-20T13:00:34+00:00","category":["informazione-pr"],"category_name":["Informazione PR"],"post_tag":[]},"sort":[1710939634000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463557","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Bolzano è una città sorprendente: collocata alle pendici delle Dolomiti, si trova entro un’antica conca di origine vulcanica percorsa da tre fiumi, che ne mitiga le temperature. La sua storia racconta di dominazioni e di mercanti; di viaggiatori e di artisti; di antiche tradizioni e di leggende. Sul territorio si parlano tre lingue, l’italiano, il tedesco e il ladino, e si ricordano periodi storici complessi. Il Parkhotel Laurin - WorldHotels Elite (gruppo Bwh) racchiude in sé l’anima della città e le sue tante sfaccettature. Costruito nel 1910 dal capostipite della famiglia Staffler, ha visto succedersi tre generazioni che si sono tramandate una missione d'accoglienza e di amore per l’arte. \r\nCurato dagli architetti Ludwig, già nel 1911 venne decorato dagli affreschi di Bruno Goldschmitt. I dipinti, realizzati in uno stile moderno e ricco di colori, sono una significativa testimonianza del Liberty altoatesino e raccontano episodi della saga del re dei nani Laurin e del suo amore infelice. La vocazione artistica della famiglia Staffler è testimoniata anche dalla decisione della proprietà di acquistare delle opere d’arte per ciascuna camera. Oggi il Laurin ha una collezione di oltre 200 opere su carta, realizzate a partire dal primo ‘900 in un’area che va da Vienna all’Italia del Nord. \r\nAlla consegna della chiave l’ospite riceve le informazioni sull’opera che troverà nella sua camera. Il Parkhotel Laurin ospita 100 camere e sette suite: si affacciano sui 4 mila metri quadrati del parco privato dell’albergo, sulla piscina riscaldata aperta da maggio a settembre, sul campanile del Duomo di Bolzano e sulle vicine montagne. \r\nAndreas Flückiger, direttore del Parkhotel Laurin, tratteggia alcune della caratteristiche uniche dell’hotel storico, come la sua collocazione, in centro-città, entro un vasto parco che si trasforma, una stagione dopo l’altra. «L’ospite può trovare la storia del Parkhotel Laurin in ogni dettaglio – afferma –: nell’arte, negli spazi rinnovati a partire dagli anni ‘90, ma che ancora conservano il loro aspetto originale e ne trasmettono le emozioni; è una struttura adatta sia all’ospite leisure che a quello business. Il Laurin sa entrare nel cuore delle persone e ciascuno trova la propria modalità per vivere la permanenza, magari partecipando ai numerosi momenti di musica dal vivo che proponiamo già da 30 anni tra ottobre e maggio e che richiamano gli ospiti dell’hotel e tanti appassionati esterni, creando una vibrante comunità». \r\nIn primo piano anche l’attenzione per la proposta gastronomica: l’executive chef del Laurin è Dario Tornatore. Grazie alle sue esperienze italiane ed europee, Tornatore ha portato a Bolzano una filosofia culinaria inedita, che si sviluppa a partire dall'essenza di ogni ingrediente. Le sue interpretazioni gastronomiche narrano in chiave contemporanea emozioni e tradizioni, con una particolare attenzione per i prodotti dell’Alto Adige. I suoi piatti si possono gustare all’interno del ristorante Laurin, storica sala mitteleuropea dove il Liberty italiano incontra lo Jugendstil austriaco e il tocco contemporaneo dell'artista Marilù Eustachio. Oppure nella glasshouse ConTanima, collocata nel vasto giardino dell’hotel. \r\nIl Park Hotel Laurin è quotidianamente impegnato in un duplice obiettivo di comfort e sostenibilità, che si declina nella conservazione del patrimonio, nell’impegno sociale e nella conservazione ambientale. Per questo nel giugno del 2023 ha ottenuto la certificazione Global sustainable tourism council - Gstc. «Siamo anche molto impegnati rispetto alla comunità in cui viviamo e alla sua gente. - conclude Andreas Flückiger -. Lavoriamo con molti prodotti locali, tra cui una grande parte dei vini conservati nella nostra vasta cantina. Risparmiamo acqua ed elettricità. Rispettiamo e tuteliamo i lavoratori impegnati nell’hotel. E anche i nostri investimenti nell’arte e nella cultura del territorio aiutano a creare una città sostenibile».\r\n","post_title":"Il Parkhotel Laurin di Bolzano: un elegante hotel storico che racconta la sua città","post_date":"2024-03-15T11:50:45+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1710503445000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463478","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022).\r\n\r\nDiscorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022).\r\n\r\nPambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022).","post_title":"Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's","post_date":"2024-03-14T13:32:42+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1710423162000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462756","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Dopo aver chiuso il 2023 a quota 810 milioni di euro, il gruppo Bluvacanze si prepara a un altro anno in crescita e si avvicina alla soglia del miliardo di euro di volume lordo di travel value. Le previsioni per il 2024 sono state rivelate ieri, in occasione dell'inaugurazione del nuovo flagship store di Milano, e parlano di una realtà che si appresta a raggiungere quota 918 milioni, al netto delle elisioni intercompany. E ciò in un contesto nel quale le agenzie di entrambi i brand del network, Vivere & Viaggiare e Bluvacanze, sono destinate a superare ampiamente i valori pre-pandemici del 2019.\r\n\r\nNel dettaglio, i primi due mesi di quest'anno registrano un più 15% sul prenotato pari data del 2023, con l'estate che è già a +35%, grazie a un deciso advance booking.  In merito alle destinazioni, si registra un graduale recupero dell’Egitto, gravemente compromesso dagli eventi di ottobre. Oggi questa destinazione vale “solo” il 30% in meno rispetto a un anno fa. Tra le esperienze di viaggio perdura il boom per le crociere, soprattutto nel Nord Europa (+37%). Nel Mediterraneo, brillano Spagna e Grecia (+74 e + 77%). Sul lungo raggio, ottime le performance per Stati Uniti (+32%) e Giappone (+34%). Ma ovviamente non è tutto rosa e fiori: alcuni nodi critici sono rappresentati dalla conversione dei preventivi, che sconta l’aumento dei prezzi, la minore capacità di spesa delle famiglie e la difficoltà di ottenere in tempo i documenti per l'espatrio. Gli italiani rimangono insomma cauti nel confermare le prenotazioni.\r\n\r\nL’area mice ed eventi è poi destinata a incrementare il portafoglio di aziende in un contesto sempre più internazionale, mentre il comparto del business travel di Cisalpina Tours si ritiene possa raggiungere un livello record di transazioni. A oggi sono operative le sedi di New York, nonché in Brasile, Turchia, Cipro e in Germania, mentre gli uffici europei di Londra, Parigi, Ginevra e Madrid attendono le ultime formalità. Il piano di sviluppo del gruppo Bluvacanze nel medio termine insisterà sulla trasformazione digitale e sull’internazionalizzazione, con la definitiva apertura di uffici in Sudafrica (Durban). Il Far East costituirà il prossimo capitolo del piano di espansione globale, dal 2025. Infine, il tour operator Going registrerà tassi di crescita a due cifre percentuali, grazie al consolidamento delle linee strategiche dirette, alle esperienze di viaggio su misura, di alto profilo, nonché all'arricchimento delle divisioni Going Resort e Incoming di Going2Italy.","post_title":"Il gruppo Bluvacanze vede la soglia del miliardo di euro di travel value","post_date":"2024-03-05T10:01:07+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709632867000]}]}}

Lascia un commento