1 March 2024

891

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

KING HOLIDAYS DI ROMA RICERCA PER IL REPARTO INCOMING E MICE, ADDETTO GRUPPI E PROJECT MANAGER INCENTIVI, CONGRESSI.
SI RICHIEDE ESPERIENZA DI MINIMO 3 ANNI, AUTONOMIA NELLO SVOLGIMENTO DEL LAVORO, CONOSCENZA OTTIMA DELL’INGLESE PARLATO E SCRITTO, POSSIBILMENTE ANCHE DI UNA TERZA LINGUA, OTTIMA CONOSCENZA DEL PACCHETTO OFFICE, POSTA ELETTRONICA E INTERNET.
INVIARE CURRICULUM A: incoming@kingholidays.eu


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462520 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La crescita del fenomeno affitti brevi (e medi) fa aumentare in Europa la popolarità dell'asset class multifamily tra gli investitori istituzionali o privati, che si dimostrano sempre più interessati alle proprietà costituite da più appartamenti destinati totalmente alla locazione di vario tipo. In Europa questi rappresentano ormai il 17% del totale. In Italia si stima che la percentuale sia di poco oltre il 10%, ma con un trend di crescita sostenuto. Destinatari di tale offerta sono soprattutto società di relocation, giovani professionisti o lavoratori in trasferta, digital nomads, viaggiatori per periodi lunghi, ma anche famiglie per breve tempo. Ad affermarlo è uno studio della società di property management Halldis, per cui la gestione di asset multifamily rappresenta oltre il 30% del proprio fatturato. Nel dettaglio, nel nostro Paese sono circa 465 mila gli immobili residenziali immessi negli affitti brevi con licenze private, mentre 120 mila sono gestiti in maniera professionale da property manager (fonte: Scenari Immobiliari, 2023). Il giro d’affari degli affitti brevi complessivo è di 1,5 miliardi di euro. Le seconde case sono invece 14,6 milioni, di cui 8,1 milioni affittate o non disponibili e 6,5 milioni disponibili sul mercato (elaborazione dati Istat, 2021). A queste ultime, in particolare se ubicate in contesti di rigenerazione urbana dove la domanda di studenti e lavoratori fuori sede è elevata, guardano dunque gli investitori istituzionali o i fondi privati, per realizzare operazioni immobiliari e affidare spesso l’asset a società specializzate. Ben consolidata negli Stati Uniti, l'asset multifamily sta dunque crescendo anche in Europa, dove dovrebbe raggiungere un volume di investimenti vicino agli 80 miliardi di euro entro il 2025, con un aumento del 20% in cinque anni (fonte: “European multifamily housing report 2023” di Cbre), così come in Italia, dove la crescita prevista è appunto anche qui del 20% al 2025 (fonte: Halldis). In particolare, il mercato tedesco dell’asset multifamily tocca i 48 miliardi di euro, il danese i 7 miliardi e lo svedese gli 11 miliardi. “Il profilo di reddito del settore multifamily per il vacation rental e per la corporate hospitality – afferma Riccardo Di Carlo, product manager di Halldis – attrae un'ampia gamma di investitori, in quanto caratterizzato da pochi momenti di bassa redditività, grazie alla diversificazione del prodotto e alla complementarità delle offerte. Nella gestione di tali strutture, il property manager gioca un ruolo cardine agendo da collettore di diverse figure: dal building manager addetto al coordinamento di tutti i servizi facility all’asset manager, che verifica rendimenti e costi, fino al community manager. Tramite partnership aziendali nei palazzi che gestiamo a Roma, Bologna, Mestre, Ostuni e Gressoney-Saint-Jean, il rendimento delle prenotazioni è aumentato del 20%, e il costo operativo vede un importante ribasso essendo le attività tutte concentrate”. [post_title] => Halldis: cresce l'interesse di fondi e investitori istituzionali per l'asset class multifamily [post_date] => 2024-02-29T12:59:09+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709211549000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461882 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nel 2023 l'aeroporto di Dubai ha accolto 87 milioni di viaggiatori, superando non solo le previsioni annuali di Dubai Airports ma anche i livelli di traffico pre-pandemia. Per quest'anno l'aeroporto stima di movimentare 88,8 milioni di passeggeri, mettendo l'hub a breve distanza dal suo precedente record assoluto di 89,1 milioni, stabilito nel 2018. Con 7,8 milioni di ospiti, dicembre è stato il mese più trafficato del quarto trimestre, durante il quale l'aeroporto ha accolto un totale di 22,4 milioni di ospiti, con una crescita del 13,8% rispetto al quarto trimestre dello scorso anno. Il terzo trimestre è rimasto il trimestre con il traffico più elevato dal 2019, con 23 milioni di ospiti, mentre agosto, con 7,9 milioni di ospiti, è stato il mese con il traffico più elevato. L'aeroporto emiratino è attualmente collegato a circa 262 destinazioni in 104 Paesi attraverso 102 vettori internazionali. Lo scalo è stato il più trafficato a livello globale nel mese di febbraio, con un totale di 4,73 milioni di passeggeri che hanno posizionato Dubai davanti a quello di Atlanta, classificato al secondo posto con 4,48 milioni di viaggiatori. Va sottolineato che i dati includono sia il traffico internazionale che quello nazionale e il fatto che Dubai, pur avendo a malapena un traffico locale, abbia superato aeroporti con un traffico domestico significativo è una testimonianza del massiccio impegno dell'aeroporto e dell'Emirato per incrementare i flussi. Tokyo Haneda si è piazzato al terzo posto della classifica con 4,21 milioni di posti, seguito da Guangzhou (4,17 milioni), Shanghai Pudong (3,89 milioni) e Londra Heathrow (3,88 milioni).   [post_title] => L'aeroporto di Dubai è il primo al mondo per traffico passeggeri: 87 milioni nel 2023 [post_date] => 2024-02-20T10:54:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708426448000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461252 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] =>   In occasione della Bit, Enit e Isnart presentano i dati ufficiali del trend turistico italiano, attività congiunte, analisi e fenomeni che hanno caratterizzato il 2023, proiezione sul 2024. “Gli arrivi sono stati in crescita nel 2023 rispetto al 2022 con prevalenza del turismo internazionale sul turismo domestico che supera il 2019. I dati mostrano come si stia consolidando qualcosa iniziata già in prepandemia e su cui intervenire - ha spiegato Maria Elena Rossi, direttrice marketing e promozione Enit -. Enit mantiene un’attiva presenza su tutti i principali mercati turistici internazionali con un lavoro di conoscenza e approfondimento per una maggiore comprensione del fenomeno turistico”. L’Italia si posiziona al secondo posto per presenze internazionali. Da gennaio a novembre 2023 i dati registrano oltre 118 milioni gli arrivi turistici in Italia nelle strutture ricettive di cui 60,5 milioni di turisti stranieri e 57,8 milioni di turisti italiani. Nello stesso periodo, le presenze contano oltre 412 milioni di pernottamenti turistici di cui 215 milioni di turisti stranieri (che superano il 2019) e 197 milioni di turisti italiani. Si nota una ripresa degli italiani in uscita. La bilancia commerciale giungerà a oltre 50 miliardi a fine 2023 con un metro di valutazione basato sul valore e non sul volume, dati condizionati anche dall’inflazione e aumento dei costi. Ottima prospettiva di crescita per il 2024. Parola d’ordine diversificazione dell’incoming per evitare fasi di stallo (come con la Germania, in recessione, nostro primo mercato internazionale), consolidamento dei mercati esistenti e ingresso nei nuovi mercati, innovazione di prodotto e racconto di qualcosa di nuovo ai Paesi che ci conoscono. “Per l’Asia è previsto un ritorno ai numeri precovid per il 2025/2026. – ha aggiunto Rossi -. La Cina è tornata ai numeri del 2019, ma non sui volumi. Sono da consolidare il mercato statunitense, canadese e australiano con piccoli numeri ma lunghi soggiorni e spesa molto elevata. Stiamo lavorando con il Kazakistan, mercato molto piccolo ma molto ricco (con volo diretto Neos). Stiamo lavorando in funzione dei collegamenti. Siamo molto presenti sul segmento del lusso e Mice. Nel 2023 l’Italia per la prima volta ha raggiunto il podio per eventi internazionali, dopo Stati Uniti e Spagna”. Numeri positivi anche da Paolo Bulleri di Isnart: un 51% di aumento di occupazione delle camere, un allungamento della stagione con 10 camere in più vendute a giugno, settembre, ottobre e anche un novembre positivo dovuto al bel tempo e ai ponti. Inizia bene anche il 2024 che registra una buona occupazione delle camere al 40% nei primi 4 mesi dell’anno. 851 milioni di presenze nel 2023 in aumento del 2,7% rispetto all’anno precedente. Si osserva riqualificazione e formazione del personale. Posizionamento dell’Italia sul mercato altospendente. Servizi green e attenzione alla sostenibilità che crea mercato. Si è stabilizzato il mercato interno in parallelo con il mercato internazionale. I millennials sono i turisti che viaggiano maggiormente e richiedono qualità, esperienze e innovazione. Motivazione principale del viaggio è il godimento del patrimonio culturale italiano e ambientale. La domanda internazionale continua ad essere altospendente e sceglie l’Italia per lo stile di vita, social ed esclusività. L’incoming punta ai volumi di spesa e meno ai volumi di presenze. La domanda per gli eventi ha capacità di spesa molto alta. Gli eventi a loro volta sono vetrina dell’Italia. Si osservano inoltre particolarità come Assisi al primo posto in inverno (per il Natale) e al 27esimo posto in estate. Per presenze straniere sono cresciute Lazio, Trentino Alto Adige e Lombardia. Per la vendemmia i valori di crescita sono su Piemonte, Sardegna e Calabria. [post_title] => Bit 2024, Enit e Isnart, tendenze del 2023 e proiezioni sull’anno in corso [post_date] => 2024-02-12T12:14:08+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => enit [1] => isnart [2] => proiezioni-2024 [3] => tenedenze-2023 ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Enit [1] => Isnart [2] => proiezioni 2024 [3] => tenedenze 2023 ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707740048000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461093 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Appuntamento a Durban dal 13 al 16 maggio prossimi per l'edizione 2024 dell'Africa's Travel Indaba. Organizzato da South African Tourism, in collaborazione con Tourism KwaZulu-Natal, il comune di eThekwini e il Centro Convegni Internazionale Inkosi Albert Luthuli, l'Indaba riunisce ogni anno professionisti del settore turistico da tutto il mondo. Nombulelo Guliwe, direttore generale ad interim di South African Tourism, ha dichiarato che l'evento «è molto più di una semplice fiera del turismo. È una vetrina dell'eccezionale molteplicità e vitalità dell'industria turistica africana che mette in risalto destinazioni mozzafiato con culture uniche e un'ospitalità senza pari. Africa's Travel Indaba non solo si è affermato come evento di rilievo, ma è anche diventato un simbolo di incontro e innovazione nell'industria turistica». L'edizione 2023 di Africa’s Travel Indaba ha accolto oltre 8.600 visitatori alla scoperta delle ultime tendenze, insieme a più di 1.000 espositori: sono stati registrati oltre 23.000 incontri, rispetto ai 14.000 dell'edizione 2022. L'evento ha accolto i rappresentanti di 21 paesi africani, portandoci a riflettere così sullo spirito panafricano del turismo nel continente e l'impegno a promuovere l'unità del Paese attraverso il turismo. Per questa edizione 2024, si osserva nuovamente una forte presenza del continente africano: oltre al Sudafrica, saranno presenti altre destinazioni come la Namibia, Zanzibar, il Botswana, il Kenya, l'Uganda, l'Eswatini e lo Zimbabwe. Intanto, il 2023 ha registrato arrivi dall'Italia vicini ai livelli pre-pandemia, per un totale di 52 .091 visitatori rispetto ai 32.357 nel 2022, per un aumento del +61% degli arrivi. South African Tourism prevede un ritorno ai livelli pre-Covid nel 2025 e punta a raggiungere 21 milioni di visitatori internazionali entro il 2030. [post_title] => Sudafrica: appuntamento a Durban, dal 13 al 16 maggio, per l'Africa's Travel Indaba [post_date] => 2024-02-08T10:18:46+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707387526000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461029 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_445817" align="alignleft" width="300"] Vittorio Messina[/caption] Il turismo italiano torna a correre: secondo le stime di Cst per Assoturismo Confesercenti, il 2023 ha chiuso con oltre 445 milioni di presenze, segnando un’accelerazione del +8,1% sull’anno precedente e superando i livelli pre-pandemia. Ma è una ripresa a velocità differenziate: nel Meridione e nelle Isole, infatti, l’incremento delle presenze dovrebbe fermarsi a +4,4%. Un ritmo di crescita sostanzialmente dimezzato rispetto alla media nazionale. A pesare sulle performance dell’Italia meridionale nell’anno appena trascorso - oltre ai soliti problemi infrastrutturali - il rallentamento della spesa dei turisti italiani, che è stata la vera componente in frenata. Ha pesato, però, anche la ripartenza di alcune importanti mete balneari estere competitor nella zona mediterranea, a partire dall’Egitto. Una combinazione che ha frenato la crescita del mercato turistico di queste regioni, dove la componente interna e il turismo balneare danno un contributo fondamentale alla domanda. “In questa fase, la crescita delle presenze è essenziale per il comparto - così Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti -. I bilanci delle imprese sono ancora sotto pressione per gli aumenti dei costi: quelli dell’energia sono ancora più alti dei livelli del 2019, e l’incremento dei tassi di interesse ha avuto un impatto rilevante su un sistema uscito indebitato dal Covid. Sarebbe quindi importante valorizzare le potenzialità di crescita del turismo delle regioni meridionali, che avrebbero un effetto positivo su tutto il sistema economico territoriale: se la performance del Mezzogiorno fosse stata in linea con quella nazionale, avremmo avuto 2,9 milioni di presenze e oltre 400 milioni di consumi turistici in più”. [post_title] => Assoturismo: crescita forte del turismo italiano (+8,1%) [post_date] => 2024-02-07T13:54:14+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707314054000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460546 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gli aeroporti italiani hanno ufficialmente superato i dati di traffico 2019, stabilendo così il nuovo record storico raggiungendo per la prima volta i 197,2 milioni di passeggeri, +2,1% rispetto al dato pre-Covid. A certificarlo ufficialmente sono i dati di Assaeroporti - dopo l'anticipazione di qualche settimana fa da parte del presidente, Carlo Borgomeo - che mostrano come a fronte di una ripresa post-pandemia che aveva visto il ruolo centrale del mercato domestico, il 2023 ha segnato il pieno recupero del segmento internazionale, la parte più qualificante del traffico aereo, che raggiunge i 128 milioni di passeggeri, lo 0,1% in più sul 2019. Un leggero gap rispetto ai livelli pre-Covid si riscontra invece per i movimenti aerei, che nel 2023 sono stati inferiori del 2,6% sul 2019, attestandosi a 1.601.059 unità. Più passeggeri e meno aerei che, quindi, viaggiano con un load factor maggiore, comportando benefici anche in termini ambientali.  Voglia di volare «Il 2023 si è chiuso con quasi 200 milioni di passeggeri, un record assoluto per gli aeroporti italiani, un'importante soglia psicologica raggiunta - ha ribadito Borgomeo -. Si conferma una straordinaria voglia di volare, a riprova della resilienza del nostro comparto, che è in ottima salute e resta strategico per il Paese. Il 2023 però è stato anche un anno caratterizzato da forti "turbolenze": penso al modo con cui è stata gestita la vicenda del caro voli, all'ennesimo rinvio del dossier Ita - Lufthansa, così come al tema dell'addizionale comunale, sul quale regna una grande confusione. «Gli operatori dovrebbero invece poter contare su un quadro di riferimento più stabile, meno estemporaneo. I gestori per essere competitivi hanno la necessità di pianificare per tempo gli investimenti e possono farlo solo con un miglior coordinamento delle politiche. Speriamo che il Piano Nazionale degli Aeroporti di prossima pubblicazione definisca chiare linee strategiche per il comparto». Intanto, la classifica 2023 dei primi 10 aeroporti italiani per numero di passeggeri vede in testa Roma Fiumicino con 40,5 milioni, Milano Malpensa con 26,1 milioni, Milano Bergamo con 16 milioni, Napoli con 12,4 milioni, Venezia con 11,3 milioni, Catania con 10,7 milioni, Bologna con 10 milioni, Milano Linate con 9,4 milioni, Palermo con 8,1 e Bari con 6,5 milioni. [post_title] => Record storico 2023 degli scali italiani: passeggeri a +2,1% sul 2019 [post_date] => 2024-02-01T09:00:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706778048000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 456423 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Voli e tariffe. In poco più di due settimane i prezzi dei biglietti aerei per volare su Sicilia e Sardegna nel periodo natalizio hanno registrato aumenti vertiginosi che raggiungono, a seconda della tratta, punte del +78%. È quanto ha denunciato il Codacons, associazione dalle cui denunce sono scaturite le due indagini dell’Antitrust sul caro-voli in Italia. In particolare l’associazione ha messo a confronto la sua precedente indagine condotta il 2 novembre scorso e relativa alle tariffe dei voli per Sicilia e Sardegna per le partenze a ridosso di Natale, con i dati raccolti oggi sulle piattaforme di prenotazione specializzate, scoprendo che in pochi giorni i prezzi dei biglietti aerei sono schizzati alle stelle. Il rincaro più forte riguarda la tratta Torino-Cagliari: partendo il 24 dicembre (entro le ore 17) si spendevano 84 euro acquistando il biglietto il 2 novembre scorso (volo di sola andata), mentre oggi servono almeno 150 euro, con un incremento del +78,5%. E proprio i voli da Torino per le isole mostrano un andamento del tutto anomalo: se si parte il 22 o il 23 dicembre, i prezzi risultano inferiori rispetto a quelli venduti a inizio novembre, con una discesa fino al -24% per la tratta Torino-Catania. Questo potrebbe dipendere da un possibile aumento dei collegamenti tra la città piemontese e le isole nel periodo natalizio – ha spiegato il Codacons. Altre follie Per volare da Roma a Catania partendo il 22 dicembre, il biglietto passa dagli 82 euro di inizio novembre agli attuali 127 euro, con un aumento del +54,9%; da 94 euro a 140 euro se si parte il 23 dicembre (+48,9%). +34,4% la tratta Roma-Palermo con partenza il 22 dicembre. La tratta Milano-Catania rincara del +48,5% in pochi giorni (da 165 euro a 245 euro partendo il 23 dicembre), mentre da Firenze a Catania occorre mettere in conto una maggiore spesa del +33,7% partendo il 24 dicembre (entro le ore 17): da 181 euro del 2 novembre ai 242 euro attuali. Proibitivi i biglietti da Bologna: servino 342 euro per volare il 22 dicembre a Palermo (+32,5% su inizio novembre), 314 euro se si parte il 23 dicembre, e 291 euro se si è diretti a Cagliari il 22 dicembre, con un rincaro in questo caso del 64,4% (aumenti superiori al 52% se si parte il 23 o 24 dicembre). Aumentano del 60,7% i prezzi dei voli da Venezia su Cagliari, con il biglietto del 23 dicembre che passa dai 145 euro di inizio novembre agli attuali 233 euro. [post_title] => Voli: riparte la corsa delle tariffe aeree su Sicilia e Sardegna. E il Governo? [post_date] => 2023-11-20T11:01:06+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1700478066000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 453926 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_453927" align="aligncenter" width="511"] Castello di Thiene[/caption] Dal 21 ottobre al 25 novembre le Dimore Amiche del Veneto, gruppo d’eccellenza di Adsi – Associazione Dimore Storiche Italiane che da anni si occupa del promuovere la tutela e la valorizzazione delle dimore storiche, presentano “Il Mese del Foliage, magiche atmosfere d’autunno”. Sei meravigliose residenze venete (Borgo Feriani, Castello di Thiene, Villa Malmarana ai Nani, Villa Angarano, Villa Sagramoso Sacchetti, Villa da Schio) apriranno al pubblico presentando gli eventi speciali con l’esclusiva partecipazione dei padroni di casa. Sabato 21 ottobre alle 19:30 al Borgo Feriani (Montegalda, VI) verrà presentato un evento culinario con le tinte del Foliage: “Cena Foliage al Borgo”. Tutti a tavola quindi, tra prodotti sott’olio della casa, affettati, formaggi, e composte, rosetta di sfoglia con zucchine ed asiago, e ancora, da scegliere, maccheroncini trafilati al bronzo con salsa di pomodorini, salsiccia, ricotta affumicata, o crespelle alla zucca con pancetta. Per i secondi, spazio alla faraona al forno con panna e cognac e contorni di stagione. Per chiudere, torta di mele e noci o la mandorlata. Prenotazione obbligatoria: 347 083 3891 (menù a la carte). Informazioni: info@villaferiani.it Sabato 28 ottobre: si prosegue con l’appuntamento al Castello di Thiene (Thiene, VI), una passeggiata botanica tra i colori autunnali nel parco del Castello con la guida esperta paesaggista Pamela Nichele e con la padrona di casa, Francesca di Thiene. Durante la giornata sarà possibile vistare i saloni e le suggestive scuderie del Castello. Turni di visita al parco alle ore: 10:00; 11:30; 14:30; 16:00. Costo ingresso con visita guidata: 20€ a persona Prenotazione obbligatoria dal sito: www.castellodithiene.com. . L’evento rientra anche nelle iniziative promosse da AIAPP Associazione Italiana Architettura del Paesaggio. Sabato 4 Novembre: è il turno di Villa Valmarana ai Nani (Vicenza, VI) che presenta “La magia delle foglie d'autunno”: una visita guidata tematica alle sale affrescate dai Tiepolo e un percorso guidato nel bosco storico con Artemisia Marzia Voltolina, operatrice olistica canalizzatrice.A conclusione delle passeggiate, un calice di prosecco verrà servito sotto l'incantevole Pagoda ottocentesca. Turno di visita unico: ore 15:00, durata circa 1h e 30 min. Costo ingresso: 20€ a persona comprendente la visita guidata a Palazzina, Foresteria e bosco con calice finale. Biglietto ridotto a 10€ sotto i 12 anni. Prenotazione obbligatoria e informazioni: info@villavalmarana.com Domenica 12 novembre: Villa Angarano (Bassano del  Grappa, VI) propone “L’incanto del Parco ottocentesco di una Villa Palladiana” con storie di alberi raccontate dall’arboricoltore Stefano Farronato in compagnia dei padroni di casa, la famiglia Bianchi Michiel. Un grande prato contornato da cedri, sequoie, lecci, magnolie, tigli, cipressi e pini marittimi si fondono col massiccio del Monte Grappa e coi vigneti e gli ulivi che sfiorano la sponda del Brenta. La visita prosegue fino alle antiche Scuderie e nella Cappella di famiglia di Santa Maria Maddalena in un’esperienza all’insegna della natura e dell’arte. Al termine della visita si possono assaggiare i prodotti dell’azienda agricola: l’olio d’oliva e i vini della cantina di famiglia “Le Vie Angarano”. Turni di visita: 10:00, 11:30, 14:00, 15:30 Ingresso: 18€ a persona. Ridotto sotto i 12 anni 10€ Prenotazione obbligatoria: info@villaangarano.com, 0424503086 Domenica 19 novembre: Villa Sagramoso Sacchetti (Verona, VR) invita a una passeggiata didattica nel suo elegante giardino, creato negli anni ’70 grazie al contributo di importanti architetti paesaggisti. In esclusiva, la famiglia Sagramoso aprirà le sale interne della villa. Turni di visita: 10:00, 11:30, 14:00, 15:30 Ingresso: Intero 12€; ridotto 8€; gratuito per i bambini sotto gli 8 anni e per diversamente abili. Prenotazione obbligatoria e informazioni: 348 0172982 Si entra alla villa dal cancello sulla via Miniscalchi, angolo via Turbina, Verona. Sabato 25 Novembre: si chiude “Il Mese del Foliage” con l’evento a Villa da Schio (Castelgomberto, VI), una passeggiata in compagnia di una guida esperta paesaggista e del proprietario nel parco della villa dove tra colori d’autunno e viali romantici si possono ammirare le splendide statue ad opera dell’officina del Marinali,. Turni di visita: 11:00, 14:00, 15:30 Ingresso: 10€ a persona [post_title] => Dimore Amiche del Veneto presentano “Il Mese del Foliage, magiche atmosfere d’autunno” [post_date] => 2023-10-13T08:00:37+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1697184037000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 453807 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_453808" align="alignleft" width="291"] Carlo Schiavon[/caption] Un nuovo player del vasto panorama fintech in un mercato, quello del turismo, sempre più digitalizzato ma non privo di complessità. Si chiama Sekurest e nasce da un progetto imprenditoriale guidato da Carlo Schiavon, manager che vanta una vasta esperienza nel settore, che ha studiato e analizzato le maggiori aree di criticità della “filiera del viaggio” prima di dare vita ad un progetto che mira a garantire protezione finanziaria e flessibilità di pagamento a viaggiatori e operatori del turismo.Il nome Sekurest deriva dal termine inglese “securest”, che sta a indicare “il più sicuro” e dalla fusione di “secure” + “rest”, ovvero “riposo tranquillo”. La scelta di usare la “K” al posto della “C” si ispira invece all’esperanto, la lingua inventata per far dialogare i popoli di tutto il mondo e creare tra di essi comprensione e pace (il termine “sicuro” in esperanto si traduce “sekura”). Una decisione dettata dalla volontà di sottolineare una mission ben precisa: fornire protezione totale e sostenibilità finanziaria a operatori turistici, strutture ricettive, agenzie e viaggiatori, attraverso un ecosistema solido e all’avanguardia. Per la realizzazione del progetto è stato coinvolto un pool di aziende di eccellenza con servizi fra loro complementari, con cui Sekurest ha stipulato importanti accordi allo scopo di garantire ai propri clienti un’unica proposta innovativa di grande valore. Grazie a una piattaforma accessibile, veloce e all’avanguardia, e a un sistema di servizi digitali integrati come Sekurest Pay, Sekurest Lock e Sekurest Chain, la startup guidata da Schiavon si posiziona come nuovo punto di riferimento per la sicurezza finanziaria e l’innovazione nel turismo. Una fintech che offre sicurezza e serenità finanziaria a viaggiatori e imprese in un mercato in costante evoluzione, grazie a un sistema virtuoso che mitiga i rischi finanziari, migliora la redditività dei business e genera maggiore credibilità per gli operatori del settore.  [post_title] => Sekurest debutta al TTG la nuova piattaforma di servizi finanziari [post_date] => 2023-10-11T11:40:45+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1697024445000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "891" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":43,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462520","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La crescita del fenomeno affitti brevi (e medi) fa aumentare in Europa la popolarità dell'asset class multifamily tra gli investitori istituzionali o privati, che si dimostrano sempre più interessati alle proprietà costituite da più appartamenti destinati totalmente alla locazione di vario tipo. In Europa questi rappresentano ormai il 17% del totale. In Italia si stima che la percentuale sia di poco oltre il 10%, ma con un trend di crescita sostenuto. Destinatari di tale offerta sono soprattutto società di relocation, giovani professionisti o lavoratori in trasferta, digital nomads, viaggiatori per periodi lunghi, ma anche famiglie per breve tempo. Ad affermarlo è uno studio della società di property management Halldis, per cui la gestione di asset multifamily rappresenta oltre il 30% del proprio fatturato.\r\n\r\nNel dettaglio, nel nostro Paese sono circa 465 mila gli immobili residenziali immessi negli affitti brevi con licenze private, mentre 120 mila sono gestiti in maniera professionale da property manager (fonte: Scenari Immobiliari, 2023). Il giro d’affari degli affitti brevi complessivo è di 1,5 miliardi di euro. Le seconde case sono invece 14,6 milioni, di cui 8,1 milioni affittate o non disponibili e 6,5 milioni disponibili sul mercato (elaborazione dati Istat, 2021). A queste ultime, in particolare se ubicate in contesti di rigenerazione urbana dove la domanda di studenti e lavoratori fuori sede è elevata, guardano dunque gli investitori istituzionali o i fondi privati, per realizzare operazioni immobiliari e affidare spesso l’asset a società specializzate.\r\n\r\nBen consolidata negli Stati Uniti, l'asset multifamily sta dunque crescendo anche in Europa, dove dovrebbe raggiungere un volume di investimenti vicino agli 80 miliardi di euro entro il 2025, con un aumento del 20% in cinque anni (fonte: “European multifamily housing report 2023” di Cbre), così come in Italia, dove la crescita prevista è appunto anche qui del 20% al 2025 (fonte: Halldis). In particolare, il mercato tedesco dell’asset multifamily tocca i 48 miliardi di euro, il danese i 7 miliardi e lo svedese gli 11 miliardi. “Il profilo di reddito del settore multifamily per il vacation rental e per la corporate hospitality – afferma Riccardo Di Carlo, product manager di Halldis – attrae un'ampia gamma di investitori, in quanto caratterizzato da pochi momenti di bassa redditività, grazie alla diversificazione del prodotto e alla complementarità delle offerte. Nella gestione di tali strutture, il property manager gioca un ruolo cardine agendo da collettore di diverse figure: dal building manager addetto al coordinamento di tutti i servizi facility all’asset manager, che verifica rendimenti e costi, fino al community manager. Tramite partnership aziendali nei palazzi che gestiamo a Roma, Bologna, Mestre, Ostuni e Gressoney-Saint-Jean, il rendimento delle prenotazioni è aumentato del 20%, e il costo operativo vede un importante ribasso essendo le attività tutte concentrate”.","post_title":"Halldis: cresce l'interesse di fondi e investitori istituzionali per l'asset class multifamily","post_date":"2024-02-29T12:59:09+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709211549000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461882","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nNel 2023 l'aeroporto di Dubai ha accolto 87 milioni di viaggiatori, superando non solo le previsioni annuali di Dubai Airports ma anche i livelli di traffico pre-pandemia. Per quest'anno l'aeroporto stima di movimentare 88,8 milioni di passeggeri, mettendo l'hub a breve distanza dal suo precedente record assoluto di 89,1 milioni, stabilito nel 2018.\r\n\r\nCon 7,8 milioni di ospiti, dicembre è stato il mese più trafficato del quarto trimestre, durante il quale l'aeroporto ha accolto un totale di 22,4 milioni di ospiti, con una crescita del 13,8% rispetto al quarto trimestre dello scorso anno. Il terzo trimestre è rimasto il trimestre con il traffico più elevato dal 2019, con 23 milioni di ospiti, mentre agosto, con 7,9 milioni di ospiti, è stato il mese con il traffico più elevato.\r\n\r\nL'aeroporto emiratino è attualmente collegato a circa 262 destinazioni in 104 Paesi attraverso 102 vettori internazionali.\r\n\r\nLo scalo è stato il più trafficato a livello globale nel mese di febbraio, con un totale di 4,73 milioni di passeggeri che hanno posizionato Dubai davanti a quello di Atlanta, classificato al secondo posto con 4,48 milioni di viaggiatori.\r\n\r\nVa sottolineato che i dati includono sia il traffico internazionale che quello nazionale e il fatto che Dubai, pur avendo a malapena un traffico locale, abbia superato aeroporti con un traffico domestico significativo è una testimonianza del massiccio impegno dell'aeroporto e dell'Emirato per incrementare i flussi.\r\n\r\nTokyo Haneda si è piazzato al terzo posto della classifica con 4,21 milioni di posti, seguito da Guangzhou (4,17 milioni), Shanghai Pudong (3,89 milioni) e Londra Heathrow (3,88 milioni).\r\n\r\n ","post_title":"L'aeroporto di Dubai è il primo al mondo per traffico passeggeri: 87 milioni nel 2023","post_date":"2024-02-20T10:54:08+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708426448000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461252","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" \r\n\r\nIn occasione della Bit, Enit e Isnart presentano i dati ufficiali del trend turistico italiano, attività congiunte, analisi e fenomeni che hanno caratterizzato il 2023, proiezione sul 2024.\r\n\r\n“Gli arrivi sono stati in crescita nel 2023 rispetto al 2022 con prevalenza del turismo internazionale sul turismo domestico che supera il 2019. I dati mostrano come si stia consolidando qualcosa iniziata già in prepandemia e su cui intervenire - ha spiegato Maria Elena Rossi, direttrice marketing e promozione Enit -. Enit mantiene un’attiva presenza su tutti i principali mercati turistici internazionali con un lavoro di conoscenza e approfondimento per una maggiore comprensione del fenomeno turistico”.\r\n\r\nL’Italia si posiziona al secondo posto per presenze internazionali.\r\n\r\nDa gennaio a novembre 2023 i dati registrano oltre 118 milioni gli arrivi turistici in Italia nelle strutture ricettive di cui 60,5 milioni di turisti stranieri e 57,8 milioni di turisti italiani. Nello stesso periodo, le presenze contano oltre 412 milioni di pernottamenti turistici di cui 215 milioni di turisti stranieri (che superano il 2019) e 197 milioni di turisti italiani. Si nota una ripresa degli italiani in uscita. La bilancia commerciale giungerà a oltre 50 miliardi a fine 2023 con un metro di valutazione basato sul valore e non sul volume, dati condizionati anche dall’inflazione e aumento dei costi.\r\nOttima prospettiva di crescita per il 2024.\r\nParola d’ordine diversificazione dell’incoming per evitare fasi di stallo (come con la Germania, in recessione, nostro primo mercato internazionale), consolidamento dei mercati esistenti e ingresso nei nuovi mercati, innovazione di prodotto e racconto di qualcosa di nuovo ai Paesi che ci conoscono.\r\n\r\n“Per l’Asia è previsto un ritorno ai numeri precovid per il 2025/2026. – ha aggiunto Rossi -. La Cina è tornata ai numeri del 2019, ma non sui volumi. Sono da consolidare il mercato statunitense, canadese e australiano con piccoli numeri ma lunghi soggiorni e spesa molto elevata. Stiamo lavorando con il Kazakistan, mercato molto piccolo ma molto ricco (con volo diretto Neos). Stiamo lavorando in funzione dei collegamenti. Siamo molto presenti sul segmento del lusso e Mice. Nel 2023 l’Italia per la prima volta ha raggiunto il podio per eventi internazionali, dopo Stati Uniti e Spagna”.\r\n\r\nNumeri positivi anche da Paolo Bulleri di Isnart: un 51% di aumento di occupazione delle camere, un allungamento della stagione con 10 camere in più vendute a giugno, settembre, ottobre e anche un novembre positivo dovuto al bel tempo e ai ponti. Inizia bene anche il 2024 che registra una buona occupazione delle camere al 40% nei primi 4 mesi dell’anno. 851 milioni di presenze nel 2023 in aumento del 2,7% rispetto all’anno precedente.\r\n\r\nSi osserva riqualificazione e formazione del personale. Posizionamento dell’Italia sul mercato altospendente. Servizi green e attenzione alla sostenibilità che crea mercato. Si è stabilizzato il mercato interno in parallelo con il mercato internazionale. I millennials sono i turisti che viaggiano maggiormente e richiedono qualità, esperienze e innovazione. Motivazione principale del viaggio è il godimento del patrimonio culturale italiano e ambientale. La domanda internazionale continua ad essere altospendente e sceglie l’Italia per lo stile di vita, social ed esclusività. L’incoming punta ai volumi di spesa e meno ai volumi di presenze. La domanda per gli eventi ha capacità di spesa molto alta. Gli eventi a loro volta sono vetrina dell’Italia.\r\n\r\nSi osservano inoltre particolarità come Assisi al primo posto in inverno (per il Natale) e al 27esimo posto in estate. Per presenze straniere sono cresciute Lazio, Trentino Alto Adige e Lombardia. Per la vendemmia i valori di crescita sono su Piemonte, Sardegna e Calabria.","post_title":"Bit 2024, Enit e Isnart, tendenze del 2023 e proiezioni sull’anno in corso","post_date":"2024-02-12T12:14:08+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["enit","isnart","proiezioni-2024","tenedenze-2023"],"post_tag_name":["Enit","Isnart","proiezioni 2024","tenedenze 2023"]},"sort":[1707740048000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461093","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Appuntamento a Durban dal 13 al 16 maggio prossimi per l'edizione 2024 dell'Africa's Travel Indaba. Organizzato da South African Tourism, in collaborazione con Tourism KwaZulu-Natal, il comune di eThekwini e il Centro Convegni Internazionale Inkosi Albert Luthuli, l'Indaba riunisce ogni anno professionisti del settore turistico da tutto il mondo.\r\n\r\nNombulelo Guliwe, direttore generale ad interim di South African Tourism, ha dichiarato che l'evento «è molto più di una semplice fiera del turismo. È una vetrina dell'eccezionale molteplicità e vitalità dell'industria turistica africana che mette in risalto destinazioni mozzafiato con culture uniche e un'ospitalità senza pari. Africa's Travel Indaba non solo si è affermato come evento di rilievo, ma è anche diventato un simbolo di incontro e innovazione nell'industria turistica».\r\n\r\nL'edizione 2023 di Africa’s Travel Indaba ha accolto oltre 8.600 visitatori alla scoperta delle ultime tendenze, insieme a più di 1.000 espositori: sono stati registrati oltre 23.000 incontri, rispetto ai 14.000 dell'edizione 2022. L'evento ha accolto i rappresentanti di 21 paesi africani, portandoci a riflettere così sullo spirito panafricano del turismo nel continente e l'impegno a promuovere l'unità del Paese attraverso il turismo. Per questa edizione 2024, si osserva nuovamente una forte presenza del continente africano: oltre al Sudafrica, saranno presenti altre destinazioni come la Namibia, Zanzibar, il Botswana, il Kenya, l'Uganda, l'Eswatini e lo Zimbabwe.\r\n\r\nIntanto, il 2023 ha registrato arrivi dall'Italia vicini ai livelli pre-pandemia, per un totale di 52 .091 visitatori rispetto ai 32.357 nel 2022, per un aumento del +61% degli arrivi. South African Tourism prevede un ritorno ai livelli pre-Covid nel 2025 e punta a raggiungere 21 milioni di visitatori internazionali entro il 2030.","post_title":"Sudafrica: appuntamento a Durban, dal 13 al 16 maggio, per l'Africa's Travel Indaba","post_date":"2024-02-08T10:18:46+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1707387526000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461029","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_445817\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Vittorio Messina[/caption]\r\n\r\nIl turismo italiano torna a correre: secondo le stime di Cst per Assoturismo Confesercenti, il 2023 ha chiuso con oltre 445 milioni di presenze, segnando un’accelerazione del +8,1% sull’anno precedente e superando i livelli pre-pandemia. Ma è una ripresa a velocità differenziate: nel Meridione e nelle Isole, infatti, l’incremento delle presenze dovrebbe fermarsi a +4,4%. Un ritmo di crescita sostanzialmente dimezzato rispetto alla media nazionale.\r\n\r\nA pesare sulle performance dell’Italia meridionale nell’anno appena trascorso - oltre ai soliti problemi infrastrutturali - il rallentamento della spesa dei turisti italiani, che è stata la vera componente in frenata. Ha pesato, però, anche la ripartenza di alcune importanti mete balneari estere competitor nella zona mediterranea, a partire dall’Egitto. Una combinazione che ha frenato la crescita del mercato turistico di queste regioni, dove la componente interna e il turismo balneare danno un contributo fondamentale alla domanda.\r\n\r\n“In questa fase, la crescita delle presenze è essenziale per il comparto - così Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti -. I bilanci delle imprese sono ancora sotto pressione per gli aumenti dei costi: quelli dell’energia sono ancora più alti dei livelli del 2019, e l’incremento dei tassi di interesse ha avuto un impatto rilevante su un sistema uscito indebitato dal Covid. Sarebbe quindi importante valorizzare le potenzialità di crescita del turismo delle regioni meridionali, che avrebbero un effetto positivo su tutto il sistema economico territoriale: se la performance del Mezzogiorno fosse stata in linea con quella nazionale, avremmo avuto 2,9 milioni di presenze e oltre 400 milioni di consumi turistici in più”.","post_title":"Assoturismo: crescita forte del turismo italiano (+8,1%)","post_date":"2024-02-07T13:54:14+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1707314054000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460546","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gli aeroporti italiani hanno ufficialmente superato i dati di traffico 2019, stabilendo così il nuovo record storico raggiungendo per la prima volta i 197,2 milioni di passeggeri, +2,1% rispetto al dato pre-Covid. \r\n\r\nA certificarlo ufficialmente sono i dati di Assaeroporti - dopo l'anticipazione di qualche settimana fa da parte del presidente, Carlo Borgomeo - che mostrano come a fronte di una ripresa post-pandemia che aveva visto il ruolo centrale del mercato domestico, il 2023 ha segnato il pieno recupero del segmento internazionale, la parte più qualificante del traffico aereo, che raggiunge i 128 milioni di passeggeri, lo 0,1% in più sul 2019.\r\n\r\nUn leggero gap rispetto ai livelli pre-Covid si riscontra invece per i movimenti aerei, che nel 2023 sono stati inferiori del 2,6% sul 2019, attestandosi a 1.601.059 unità. Più passeggeri e meno aerei che, quindi, viaggiano con un load factor maggiore, comportando benefici anche in termini ambientali. \r\nVoglia di volare\r\n«Il 2023 si è chiuso con quasi 200 milioni di passeggeri, un record assoluto per gli aeroporti italiani, un'importante soglia psicologica raggiunta - ha ribadito Borgomeo -. Si conferma una straordinaria voglia di volare, a riprova della resilienza del nostro comparto, che è in ottima salute e resta strategico per il Paese. Il 2023 però è stato anche un anno caratterizzato da forti \"turbolenze\": penso al modo con cui è stata gestita la vicenda del caro voli, all'ennesimo rinvio del dossier Ita - Lufthansa, così come al tema dell'addizionale comunale, sul quale regna una grande confusione.\r\n\r\n«Gli operatori dovrebbero invece poter contare su un quadro di riferimento più stabile, meno estemporaneo. I gestori per essere competitivi hanno la necessità di pianificare per tempo gli investimenti e possono farlo solo con un miglior coordinamento delle politiche. Speriamo che il Piano Nazionale degli Aeroporti di prossima pubblicazione definisca chiare linee strategiche per il comparto».\r\n\r\nIntanto, la classifica 2023 dei primi 10 aeroporti italiani per numero di passeggeri vede in testa Roma Fiumicino con 40,5 milioni, Milano Malpensa con 26,1 milioni, Milano Bergamo con 16 milioni, Napoli con 12,4 milioni, Venezia con 11,3 milioni, Catania con 10,7 milioni, Bologna con 10 milioni, Milano Linate con 9,4 milioni, Palermo con 8,1 e Bari con 6,5 milioni.","post_title":"Record storico 2023 degli scali italiani: passeggeri a +2,1% sul 2019","post_date":"2024-02-01T09:00:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1706778048000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"456423","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Voli e tariffe. In poco più di due settimane i prezzi dei biglietti aerei per volare su Sicilia e Sardegna nel periodo natalizio hanno registrato aumenti vertiginosi che raggiungono, a seconda della tratta, punte del +78%. È quanto ha denunciato il Codacons, associazione dalle cui denunce sono scaturite le due indagini dell’Antitrust sul caro-voli in Italia. In particolare l’associazione ha messo a confronto la sua precedente indagine condotta il 2 novembre scorso e relativa alle tariffe dei voli per Sicilia e Sardegna per le partenze a ridosso di Natale, con i dati raccolti oggi sulle piattaforme di prenotazione specializzate, scoprendo che in pochi giorni i prezzi dei biglietti aerei sono schizzati alle stelle.\r\n\r\nIl rincaro più forte riguarda la tratta Torino-Cagliari: partendo il 24 dicembre (entro le ore 17) si spendevano 84 euro acquistando il biglietto il 2 novembre scorso (volo di sola andata), mentre oggi servono almeno 150 euro, con un incremento del +78,5%. E proprio i voli da Torino per le isole mostrano un andamento del tutto anomalo: se si parte il 22 o il 23 dicembre, i prezzi risultano inferiori rispetto a quelli venduti a inizio novembre, con una discesa fino al -24% per la tratta Torino-Catania. Questo potrebbe dipendere da un possibile aumento dei collegamenti tra la città piemontese e le isole nel periodo natalizio – ha spiegato il Codacons.\r\n\r\nAltre follie\r\n\r\nPer volare da Roma a Catania partendo il 22 dicembre, il biglietto passa dagli 82 euro di inizio novembre agli attuali 127 euro, con un aumento del +54,9%; da 94 euro a 140 euro se si parte il 23 dicembre (+48,9%). +34,4% la tratta Roma-Palermo con partenza il 22 dicembre. La tratta Milano-Catania rincara del +48,5% in pochi giorni (da 165 euro a 245 euro partendo il 23 dicembre), mentre da Firenze a Catania occorre mettere in conto una maggiore spesa del +33,7% partendo il 24 dicembre (entro le ore 17): da 181 euro del 2 novembre ai 242 euro attuali.\r\n\r\nProibitivi i biglietti da Bologna: servino 342 euro per volare il 22 dicembre a Palermo (+32,5% su inizio novembre), 314 euro se si parte il 23 dicembre, e 291 euro se si è diretti a Cagliari il 22 dicembre, con un rincaro in questo caso del 64,4% (aumenti superiori al 52% se si parte il 23 o 24 dicembre). Aumentano del 60,7% i prezzi dei voli da Venezia su Cagliari, con il biglietto del 23 dicembre che passa dai 145 euro di inizio novembre agli attuali 233 euro.","post_title":"Voli: riparte la corsa delle tariffe aeree su Sicilia e Sardegna. E il Governo?","post_date":"2023-11-20T11:01:06+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1700478066000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"453926","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_453927\" align=\"aligncenter\" width=\"511\"] Castello di Thiene[/caption]\r\n\r\nDal 21 ottobre al 25 novembre le Dimore Amiche del Veneto, gruppo d’eccellenza di Adsi – Associazione Dimore Storiche Italiane che da anni si occupa del promuovere la tutela e la valorizzazione delle dimore storiche, presentano “Il Mese del Foliage, magiche atmosfere d’autunno”.\r\n\r\nSei meravigliose residenze venete (Borgo Feriani, Castello di Thiene, Villa Malmarana ai Nani, Villa Angarano, Villa Sagramoso Sacchetti, Villa da Schio) apriranno al pubblico presentando gli eventi speciali con l’esclusiva partecipazione dei padroni di casa.\r\n\r\nSabato 21 ottobre alle 19:30 al Borgo Feriani (Montegalda, VI) verrà presentato un evento culinario con le tinte del Foliage: “Cena Foliage al Borgo”. Tutti a tavola quindi, tra prodotti sott’olio della casa, affettati, formaggi, e composte, rosetta di sfoglia con zucchine ed asiago, e ancora, da scegliere, maccheroncini trafilati al bronzo con salsa di pomodorini, salsiccia, ricotta affumicata, o crespelle alla zucca con pancetta. Per i secondi, spazio alla faraona al forno con panna e cognac e contorni di stagione. Per chiudere, torta di mele e noci o la mandorlata.\r\n\r\nPrenotazione obbligatoria: 347 083 3891 (menù a la carte).\r\n\r\nInformazioni: info@villaferiani.it\r\n\r\nSabato 28 ottobre: si prosegue con l’appuntamento al Castello di Thiene (Thiene, VI), una passeggiata botanica tra i colori autunnali nel parco del Castello con la guida esperta paesaggista Pamela Nichele e con la padrona di casa, Francesca di Thiene. Durante la giornata sarà possibile vistare i saloni e le suggestive scuderie del Castello.\r\n\r\nTurni di visita al parco alle ore: 10:00; 11:30; 14:30; 16:00.\r\n\r\nCosto ingresso con visita guidata: 20€ a persona\r\n\r\nPrenotazione obbligatoria dal sito: www.castellodithiene.com. .\r\n\r\nL’evento rientra anche nelle iniziative promosse da AIAPP Associazione Italiana Architettura del Paesaggio.\r\n\r\nSabato 4 Novembre: è il turno di Villa Valmarana ai Nani (Vicenza, VI) che presenta “La magia delle foglie d'autunno”: una visita guidata tematica alle sale affrescate dai Tiepolo e un percorso guidato nel bosco storico con Artemisia Marzia Voltolina, operatrice olistica canalizzatrice.A conclusione delle passeggiate, un calice di prosecco verrà servito sotto l'incantevole Pagoda ottocentesca.\r\n\r\nTurno di visita unico: ore 15:00, durata circa 1h e 30 min.\r\n\r\nCosto ingresso: 20€ a persona comprendente la visita guidata a Palazzina, Foresteria e bosco con calice finale.\r\n\r\nBiglietto ridotto a 10€ sotto i 12 anni.\r\n\r\nPrenotazione obbligatoria e informazioni: info@villavalmarana.com\r\n\r\nDomenica 12 novembre: Villa Angarano (Bassano del  Grappa, VI) propone “L’incanto del Parco ottocentesco di una Villa Palladiana” con storie di alberi raccontate dall’arboricoltore Stefano Farronato in compagnia dei padroni di casa, la famiglia Bianchi Michiel. Un grande prato contornato da cedri, sequoie, lecci, magnolie, tigli, cipressi e pini marittimi si fondono col massiccio del Monte Grappa e coi vigneti e gli ulivi che sfiorano la sponda del Brenta. La visita prosegue fino alle antiche Scuderie e nella Cappella di famiglia di Santa Maria Maddalena in un’esperienza all’insegna della natura e dell’arte. Al termine della visita si possono assaggiare i prodotti dell’azienda agricola: l’olio d’oliva e i vini della cantina di famiglia “Le Vie Angarano”.\r\n\r\nTurni di visita: 10:00, 11:30, 14:00, 15:30\r\n\r\nIngresso: 18€ a persona. Ridotto sotto i 12 anni 10€\r\n\r\nPrenotazione obbligatoria: info@villaangarano.com, 0424503086\r\n\r\nDomenica 19 novembre: Villa Sagramoso Sacchetti (Verona, VR) invita a una passeggiata didattica nel suo elegante giardino, creato negli anni ’70 grazie al contributo di importanti architetti paesaggisti. In esclusiva, la famiglia Sagramoso aprirà le sale interne della villa.\r\n\r\nTurni di visita: 10:00, 11:30, 14:00, 15:30\r\n\r\nIngresso: Intero 12€; ridotto 8€; gratuito per i bambini sotto gli 8 anni e per diversamente abili.\r\n\r\nPrenotazione obbligatoria e informazioni: 348 0172982\r\n\r\nSi entra alla villa dal cancello sulla via Miniscalchi, angolo via Turbina, Verona.\r\n\r\nSabato 25 Novembre: si chiude “Il Mese del Foliage” con l’evento a Villa da Schio (Castelgomberto, VI), una passeggiata in compagnia di una guida esperta paesaggista e del proprietario nel parco della villa dove tra colori d’autunno e viali romantici si possono ammirare le splendide statue ad opera dell’officina del Marinali,.\r\n\r\nTurni di visita: 11:00, 14:00, 15:30\r\n\r\nIngresso: 10€ a persona","post_title":"Dimore Amiche del Veneto presentano “Il Mese del Foliage, magiche atmosfere d’autunno”","post_date":"2023-10-13T08:00:37+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1697184037000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"453807","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_453808\" align=\"alignleft\" width=\"291\"] Carlo Schiavon[/caption]\r\n\r\nUn nuovo player del vasto panorama fintech in un mercato, quello del turismo, sempre più digitalizzato ma non privo di complessità. Si chiama Sekurest e nasce da un progetto imprenditoriale guidato da Carlo Schiavon, manager che vanta una vasta esperienza nel settore, che ha studiato e analizzato le maggiori aree di criticità della “filiera del viaggio” prima di dare vita ad un progetto che mira a garantire protezione finanziaria e flessibilità di pagamento a viaggiatori e operatori del turismo.Il nome Sekurest deriva dal termine inglese “securest”, che sta a indicare “il più sicuro” e dalla fusione di “secure” + “rest”, ovvero “riposo tranquillo”. La scelta di usare la “K” al posto della “C” si ispira invece all’esperanto, la lingua inventata per far dialogare i popoli di tutto il mondo e creare tra di essi comprensione e pace (il termine “sicuro” in esperanto si traduce “sekura”). Una decisione dettata dalla volontà di sottolineare una mission ben precisa: fornire protezione totale e sostenibilità finanziaria a operatori turistici, strutture ricettive, agenzie e viaggiatori, attraverso un ecosistema solido e all’avanguardia.\r\n\r\nPer la realizzazione del progetto è stato coinvolto un pool di aziende di eccellenza con servizi fra loro complementari, con cui Sekurest ha stipulato importanti accordi allo scopo di garantire ai propri clienti un’unica proposta innovativa di grande valore. Grazie a una piattaforma accessibile, veloce e all’avanguardia, e a un sistema di servizi digitali integrati come Sekurest Pay, Sekurest Lock e Sekurest Chain, la startup guidata da Schiavon si posiziona come nuovo punto di riferimento per la sicurezza finanziaria e l’innovazione nel turismo. Una fintech che offre sicurezza e serenità finanziaria a viaggiatori e imprese in un mercato in costante evoluzione, grazie a un sistema virtuoso che mitiga i rischi finanziari, migliora la redditività dei business e genera maggiore credibilità per gli operatori del settore. ","post_title":"Sekurest debutta al TTG la nuova piattaforma di servizi finanziari","post_date":"2023-10-11T11:40:45+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1697024445000]}]}}

Lascia un commento