16 April 2024

587

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

GAVIO LUISA, NATA IL 03/06/58, DIPLOMA IN LINGUE. DAL 1983 LAVORO IN AGENZIA VIAGGI COME DIPENDENTE. RICERCO LAVORO STIMOLANTE, TUTTE REGIONI ITALIA. E mail: marialuisa.gavio@libero.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465224 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Importante novità in casa Club Med che, nell'alveo di un processo di riposizionamento dell'offerta in corso ormai da parecchi anni, sposta la propria proposta esclusivamente nei segmenti alto di gamma. Da questo mese di aprile i prodotti dell'operatore transalpino includeranno infatti esclusivamente resort Premium ed Exclusive Collection. Quest'ultima collezione, in particolare, rappresenta sempre di più un pilastro fondamentale dell’offerta Club Med, essendo tra le altre cose scelta dal 35% dei clienti italiani. In termini di crescita economica, nel 2023 i resort Exclusive Collection hanno registrato un incremento del 7,5% del loro business value rispetto all'anno precedente. Gli indirizzi best performing sono stati il Club Med Seychelles, sull’isola privata di Sainte Anne, all’interno del parco nazionale Marino, cresciuto del 5% rispetto al 2022; il Michès Playa Esmeralda, in Repubblica Dominicana, primo Exclusive Collection delle Americhe, che nel 2023 ha fatto segnare un incremento del 160%; nonché, infine, il veliero Club Med 2 (mar dei Caraibi e Mediterraneo): un 5 alberi, il più grande veliero nel mondo della navigazione da diporto con i suoi 187 metri di lunghezza, che è arrivato a toccare un +345% di crescita.   “Con oltre 70 anni di esperienza, Club Med continua a innovare con l’obiettivo di rispondere a un turismo sempre più esigente, permettendo di soddisfare le aspettative di una clientela internazionale, i cui ritmi ed esigenze nel mondo sono molteplici e divergenti", sottolinea la director Southern Europe & emerging markets, Rabeea Ansari. [post_title] => Club Med sempre più alto di gamma: da aprile solo resort Premium ed Exclusive Collection [post_date] => 2024-04-10T12:23:50+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712751830000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464115 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia ancora insieme nel tradizionale appuntamento con il Nordic Workshop Italy. I rappresentanti delle cinque destinazioni, dmc e fornitori nordici incontrano il trade italiano sull’offerta e la promozione turistica. Turismo esperienziale all’insegna del food e dell’outdoor. Cucina della tradizione basata su prodotti locali di terra e di mare. Spazi sconfinati all’aperto per vivere una vacanza in completo relax. Turismo sostenibile, turismo slow tra natura, arte, storia e cultura, vacanza attiva per ogni tipologia di clientela. Soggiorni brevi e tour self-drive, city break e tour in treno, attività alla ricerca delle magiche luci dell’aurora boreale. Sono questi gli elementi in comune dell’offerta turistica presentata a Milano dalle destinazioni nordiche. Il workshop ancora una volta mette in campo prodotti di grande fascino nel potenziale mercato turistico di un’Italia che si attesta tra i top ten nella classifiche degli arrivi. Sono infatti 409.000 in Danimarca i pernottamenti italiani con un +22% rispetto al 2022; 192.500 mila in Finlandia, in crescita del 20% sul 2022 e del 7% sul 2019; 80.493 in Islanda con un +29% rispetto al 2022; 288.373 mila per la Norvegia con un +9% sul 2022. Oltre 287.000 pernottamenti italiani in Svezia nel 2023 con un +31,6% rispetto al 2022. I numeri in costante crescita dei Paesi nordici mostrano il fascino di questa destinazione anche a livello internazionale. Sono 32.146.039 pernottamenti stranieri in Danimarca in crescita rispetto al 2022 del +4,3%. 1,8 milioni i pernottamenti in Norvegia con una crescita del 5% rispetto al 2022 e del 10% rispetto al 2019. 2.233.438 i pernottamenti in Islanda in crescita del 27,8% sul 2022. In Svezia sono 16,4 milioni i pernottamenti dall’estero in aumento del 10% rispetto al 2022. In Finlandia 5,7 milioni, in crescita del 19% sul 2019.           [post_title] => Il fascino intramontabile dei Paesi nordici: focus sulle esperienze tra food e natura [post_date] => 2024-03-22T13:45:59+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => danimarca [1] => finlandia [2] => islanda [3] => norvegia [4] => paesi-nordici [5] => svezia ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Danimarca [1] => finlandia [2] => Islanda [3] => norvegia [4] => Paesi nordici [5] => svezia ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711115159000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463824 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lo aveva già anticipato il direttore commerciale e marketing Stefano Maria Simei lo scorso giugno, quando la struttura era ancora in soft opening, ma ora arriva l'annuncio ufficiale: il prossimo maggio aprirà a Marsa Alam la prima proprietà a marchio Th Group in Egitto. Lo ha rivelato, nel corso della seconda edizione dell’Hotellerie Summit organizzato da Pambianco nella sede della Borsa di Milano, Graziano Debellini: "Portare all'estero le nostre gestioni è da tempo tra i nostri obiettivi. E in questo ci sta dando una mano anche il nostro tour operator Baobab", ha spiegato il presidente della compagnia. Th è il infatti già il gruppo leader della montagna italiana, con un fatturato che nel segmento genera più di 50 milioni di euro all'anno. Buona anche la presenza sul mare. "Ora vogliamo perciò espanderci soprattutto nelle città d'arte italiane ed europee, con il piano di sviluppare a breve anche un prodotto a 5 stelle. Presto faremo dei nuovi annunci". L'espansione del gruppo è ovviamente supportata dalla presenza di un partner finanziario come Cdp, entrato nella compagine padovana nel 2017: "Si tratta di un sostegno importante - ha raccontato sempre Debellini -. Fino agli anni 2000 avevamo infatti una buona marginalità. In seguito, prima l'arrivo dell'euro e poi la crisi globale innescata dal fallimento Lehman Brothers ci hanno messo in difficoltà. Abbiamo quindi deciso di aprire il nostro capitale: nel 2011 è arrivo il gruppo Isa di Trento e sei anni più tardi Cdp: un fondo paziente che mira a valorizzare il territorio e che rimarrà sicuramente con noi almeno fino alle Olimpiadi invernali del 2026. Una prospettiva temporale che ci garantisce una certa sicurezza, al contrario di quello che avviene a volte con alcuni fondi internazionali che vengono da noi più da padroni che da partner". Oltra alla ristrutturazione e industrializzazione dei processi interni, l'apertura del capitale ha garantito a Th anche una crescita sostanziale dei volumi, passati dai circa 30 milioni di fatturato di inizio millennio ai 187 milioni di euro del 2023 con una marginalità del 4,7% (ebitda margin). La reddittività c'è, insomma, ma non è ancora elevatissima, "anche se chi consulta i nostri bilanci può vedere moltissimi ammortamenti - ha sottolineato Debellini -. Questo vuol dire che stiamo investendo e crescendo. Sono convinto che nel 2024 assisteremo a delle ottime sorprese. Mi aspetto un ebidta di almeno 10 milioni di euro. In fondo, negli Usa sono abituati ad aspettare cinque o sei anni prima di tirare le somme su una start-up. E noi siamo in linea da questa prospettiva". [post_title] => Debellini, Th: Cdp garantisce una stabilità sconosciuta a molti fondi stranieri [post_date] => 2024-03-19T12:55:34+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710852934000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463627 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_463628" align="aligncenter" width="517"] Lo staff di Trenitalia alla Bmt di Napoli[/caption] "Il treno è un viaggio sostenibile per eccellenza - spiega Pietro Diamantini, direttore business Alta Velocità - Stiamo lavorando per un approccio alla sostenibilità sempre più completo, dal consumo di energia ai servizi e prodotti offerti a bordo, fino agli impianti di manutenzione implementati con pannelli autovoltaici". [caption id="attachment_463635" align="aligncenter" width="487"] Pietro Diamantini, direttore business Alta Velocità durante l'intervista[/caption] Dopo un 2022 di crescita, Trenitalia vuole oggi consolidare il risultato e crescere ulteriormente. "Abbiamo lanciato iniziative commerciali e di prodotto per garantire non solo il miglior servizio,  ma anche una miglior fruizione dell'esperienza viaggio, in primo luogo grazie alla capillarità sul territorio e all'intermodalità garantita, ma anche con un catalogo di intrattenimento a bordo sempre più ricco e a una flessibilità maggiore nel cambio biglietto, anche per le classi economy e super-economy". Agenzie Confermato il rapporto privilegiato con il canale agenziale: "Stiamo raccontando ad agenzie e tour operator tutte le opportunità commerciali pensate per loro - spiega Diamantini -, perché il ruolo della distribuzione è importantissimo, soprattutto oggi che è stato rivalorizzato nell'approccio consulenziale". Nello stand della Bmt è presente tutto il team Sales AV per incontrare i partner, agenzie, tour operator e operatori del settore nazionali e internazionali e sviluppare i piani commerciali del 2024. Serafino Lo Piano, Vanessa Esposito, Fiorella Di Eleonora, Maurizio Mirone, Maria Paola De Rosa, Nicoletta Vitale, Diana De Vincenzo, Massimo Tedesco, Antonio Sbrizzo, Alessandro Russo, Valentina Iaquinto e Raffaella Recine.  [post_title] => Trenitalia: sostenibilità e supporto per le agenzie di viaggio [post_date] => 2024-03-15T14:20:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710512420000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463478 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022). Discorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022). Pambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022). [post_title] => Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's [post_date] => 2024-03-14T13:32:42+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710423162000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463434 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' ancora sciopero negli aeroporti tedeschi: il sindacato Ver.di ieri ha esteso l'appello all'astensione dal lavoro del personale di sicurezza anche a venerdì, in almeno dieci scali. La mobilitazione è già in corso negli aeroporti di Amburgo, Stoccarda, Karlsruhe/Baden-Baden, Colonia e Berlino e domani si aggiungeranno anche quelli di Hannover, Dortmund, Weeze, Lipsia e Dresda. Gli scioperi viaggiano parallelamente alla trattativa in corso per un aumento salariale per i circa 25.000 dipendenti del settore a livello nazionale. Secondo Ver.di, finora non è stato raggiunto alcun accordo nelle cinque tornate di contrattazione collettiva con l'Associazione federale delle imprese di sicurezza aerea. Le trattative salariali continueranno fino al 20 marzo. Intanto, secondo le stime dell'associazione aeroportuale Adv, a causa dell'azione rischiano di essere cancellati più di 580 voli e 90.000 viaggiatori dovranno riprogrammare.  Il più grande aeroporto tedesco, quello di Francoforte, non è interessato dagli scioperi del personale di sicurezza aerea di oggi e domani. Tuttavia, a causa dello sciopero di due giorni del personale di cabina Lufthansa di martedì e mercoledì nei due aeroporti, potrebbero verificarsi ancora ritardi e cancellazioni di voli. [post_title] => Ancora scioperi negli aeroporti tedeschi: centinaia di voli a rischio oggi e domani [post_date] => 2024-03-14T11:14:05+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710414845000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463367 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Catalogna accende i riflettori sulla 37° edizione dell’America’s Cup, che da agosto e fino ad ottobre, vedrà Barcellona ospitare l'edizione 2024 della kermesse, richiamando appassionati ed esperti provenienti da ogni parte del mondo. L'Ente Turismo della Catalogna ha presentato ieri a Milano l’iniziativa: l'esclusiva location di Feeling Food ha ospitato anche la riproduzione della barca AC75, l'imbarcazione monoscafo a vela di lunghezza 75 piedi (23 m), utilizzata durante la competizione. «Siamo orgogliosi di poter ospitare un evento di così grande prestigio, che rappresenta un’importante opportunità per tutto il territorio catalano - sottolinea Marta Teixidor, direttrice dell’Ente del Turismo della Catalogna in Italia - La competizione avrà un impatto diretto stimato intorno a 1 miliardo e 200 milioni di euro, grazie anche all’enorme turismo che la manifestazione genererà. Inoltre, secondo uno studio dell’Universitat Pompeu Fabra, l’evento creerà circa 19.000 nuovi posti di lavoro, dal momento della designazione fino al suo svolgimento». La Catalogna vanta da sempre una grande tradizione marina e relativo turismo nautico. Le sue coste infatti, che sono bagnate dal mar Mediterraneo, misurano circa 580 chilometri e il 60% dei suoi oltre sette milioni di abitanti vive in municipi costieri. La manifestazione coinvolge amministrazioni pubbliche e aziende private, che da oltre un anno lavorano in sinergia per portare avanti il progetto. Il budget stanziato dal governo spagnolo, dal comune di Barcellona, dalla Generalitat de Catalunya e dalla Diputació de Barcelona ammonta a 70 milioni, beneficiando anche di particolari normative attuate a seguito della nomina dell’America’s Cup come “Evento di interesse speciale”. La cerimonia di inaugurazione si terrà il 22 agosto 2024 nello storico porto di Villanova i la Geltrù, dove ormeggeranno le barche e i sei team in gara: Ineo Britannia, Alinghi Red Bull Racing, Luna Rossa Prada Pirelli, Nyyc American Magic, Orient Express Racing Team e l’attuale detentore e defender della coppa, Emirates Team New Zealand. Per la prima volta nei suoi quasi 175 anni di storia la Coppa America a Barcellona includerà una categoria riservata alle donne nonché la terza edizione della Youth America’s Cup, di cui Unicredit è naming partner. Si svolgerà dal 17 al 26 settembre lungo le coste catalane e vedrà protagonisti i giovani velisti tra i 18 e i 25 anni. [post_title] => Catalogna in rotta verso l'America's Cup: impatto sul territorio da 1,2 mld di euro [post_date] => 2024-03-13T11:47:32+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710330452000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462598 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462600" align="alignleft" width="162"] Mauro Sementilli[/caption] Con ospiti ricchi ed esigenti provenienti da Cina e India, diventa essenziale per l’industria del turismo italiana soddisfare aspettative, durante l’intero viaggio – dalla richiesta del visto al ritorno a casa – di un servizio di altissima qualità.L’analisi di Mauro Sementilli, Vice-Responsabile per l’Italia di VFS Global, la principale società di outsourcing e servizi tecnologici per governi e missioni diplomatiche in tutto il mondo. Roma antica e Venezia, le mete classiche del Grand Tour alla fine del XVIII secolo degli aristocratici inglesi, oggi sono altrettanto amate da facoltosi viaggiatori cinesi o indiani, così come europei o americani. Nell’ultimo anno si è assistito ad un costante aumento delle prenotazioni dovuto al ritorno dei big spender cinesi. I marchi di alta moda di Roma, Firenze e Milano –per primi hanno registrato un ritorno ai ricavi pre-pandemia, in gran parte grazie ai turisti cinesi, attratti in particolare dal Quadrilatero della Moda a Milano e dalla zona intorno a via del Tridente a Roma, che hanno visto incrementi rispettivamente del 152% e del 128%, negli acquisti tax-free, con lo scontrino medio più alto (1.990 euro) a Milano. Il mercato cinese ha registrato un aumento del 226% nel volume degli acquisti tax-free e di oltre il 150% nel il numero di transazioni.  Secondo un sondaggio della piattaforma asiatica Travelzoo, l’Italia è in Europa la destinazione preferita dai turisti cinesi.  A VFS Global abbiamo registrato richieste di visti Schengen italiani da parte di cittadini cinesi (di cui la stragrande maggioranza sono turisti) passare da 150.000 nel 2010 a 570.000 nel 2019, l'anno di picco dei viaggi pre-pandemia, per la maggior parte a Pechino e Shanghai, con impennate nei periodi del Capodanno cinese (dicembre e gennaio), le vacanze estive e la "settimana d'oro" delle festività nazionali cinesi in ottobre.  [caption id="attachment_462601" align="aligncenter" width="503"] Ufficio Visti per l’Italia a Chongqing di VFS Global[/caption] Si prevede che quest’anno verranno superati i numeri pre-pandemia, che vide 3,5 milioni di arrivi di turisti dalla Cina nel 1919. Fendi, Armani, Prada e Dolce & Gabbana sono per loro affascinanti quanto le rovine antiche. Se un tempo i tour di gruppo erano la vista più comune, ora una nuova generazione – ricca, giovane e più indipendente – vuole spingersi oltre i percorsi più battuti. Dopo un lockdown particolarmente duro, i cinesi sono i “turisti di rivalsa” per eccellenza, che vogliono recuperare il tempo perduto. Ciò che cercano sono esperienze uniche, coinvolgenti e autentiche, esplorando le città minori, le campagne, le isole, la gastronomia locale. [caption id="attachment_462602" align="aligncenter" width="492"] Ufficio Visti per l’Italia a Chongqing di VFS Global[/caption] Destinazione privilegiata per le nozze Se il turista cinese dedica qualche giorno allo shopping, sulle orme di divi come George Clooney, Emily Blunt e John Legend, miliardari e VIP del mondo dello spettacolo indiani scelgono sempre più frequentemente l'Italia per festeggiare le nozze in grande sfarzo.  Tra i matrimoni di nota, quello in Toscana del giocatore di cricket Virat Kohli con l'attrice di Bollywood Deepika Padukone. Mukesh Ambani, con un patrimonio netto stimato sui 42 miliardi di dollari, ha regalato all’unica figlia un matrimonio indimenticabile sul lago di Como, fra le destinazioni più ambìte, con Toscana, riviera Ligure, Umbria, Puglia e costiera Amalfitana. [caption id="attachment_462604" align="aligncenter" width="487"] Ufficio Visti per l’Italia a Beijing di VFS Global, premium lounge[/caption] Con questa tipologia di ospite le aspettative per l’intero viaggio, dalla richiesta del visto al rientro a casa, sono quelle di un servizio di prima classe. In VFS Global stiamo notando che molti optano per il comodo “Visa at Your Doorstep”, con il quale i dati biometrici vengono rilevati nel momento e nel luogo scelti dal richiedente. Sia cinesi che indiani preferiscono  inoltre spesso di farsi spedire i visti tramite corriere, sfruttando le nostre fasce orarie estese del primo mattino e della sera tardi per evitare di interrompere la giornata lavorativa. [caption id="attachment_462605" align="aligncenter" width="484"] Ufficio Visti per l’Italia a Beijing di VFS Global, premium lounge[/caption] Se l’Italia riuscirà a soddisfarne bisogni e desideri, anche loro si innamoreranno di questo magico paese, proprio come hanno fatto nei secoli scorsi europei e americani. E, una volta creato il legame, continueranno a tornare per sempre.       [post_title] => Alta moda, tax-free e matrimoni da favola: Cinesi e Indiani trainano il turismo d’alta gamma in Italia [post_date] => 2024-03-04T08:03:16+00:00 [category] => Array ( [0] => informazione-pr [1] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Informazione PR [1] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => shopping-tourism [1] => vfs-global ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Shopping Tourism [1] => VFS Global ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709539396000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462566 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un 2023 decisamente positivo per Air France-Klm che archivia l'esercizio con i ricavi più alti della sua storia, 30 miliardi di euro, in crescita del +15,1% a valuta costante. Il margine operativo si è attestato al 5,7%, grazie al mix positivo di elevato rendimento e load factor; l'utile netto è salito fino a 934 milioni di euro, in crescita di 206 milioni di euro. "Nel 2023, abbiamo mantenuto il nostro impegno per ottenere forti prestazioni operative e finanziarie, pur mantenendo la nostra posizione di gruppo aereo di riferimento per la sostenibilità - ha commentato il ceo del gruppo franco-olandese Benjamin Smith - Tra i risultati più importanti possiamo ritenerci soddisfatti degli sforzi compiuti per rafforzare ulteriormente il nostro bilancio e ripristinare il patrimonio netto. Abbiamo inoltre effettuato un ordine storico per cinquanta Airbus A350 con diritti di acquisto per altri quaranta aeromobili, accelerando così il rinnovamento della nostra flotta con aeromobili di ultima generazione che offrono una migliore efficienza del carburante, minori emissioni di CO2 e rumore e una migliore esperienza per i nostri clienti". Ad adombrare i risultati dell'anno ci sono solo quelli relativi all'ultimo trimestre 2023 (perdita netta di 256 milioni contro un utile di 504 milioni) penalizzato dalla situazione geopolitica in Africa e Medio Oriente che ha portato alla soppressione di alcune destinazioni e alle difficoltà operative causate soprattutto dalla mancanza di pezzi di ricambio, sia pure in parte compensate dal minor costo del carburante. Queste difficoltà si faranno ancora sentire nel primo trimestre 2024. [post_title] => Air France-Klm: 2023 da record, adombrato solo a fine anno dalle tensioni in Medio Oriente [post_date] => 2024-03-01T10:06:33+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709287593000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "587" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":91,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465224","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Importante novità in casa Club Med che, nell'alveo di un processo di riposizionamento dell'offerta in corso ormai da parecchi anni, sposta la propria proposta esclusivamente nei segmenti alto di gamma. Da questo mese di aprile i prodotti dell'operatore transalpino includeranno infatti esclusivamente resort Premium ed Exclusive Collection. Quest'ultima collezione, in particolare, rappresenta sempre di più un pilastro fondamentale dell’offerta Club Med, essendo tra le altre cose scelta dal 35% dei clienti italiani.\r\n\r\nIn termini di crescita economica, nel 2023 i resort Exclusive Collection hanno registrato un incremento del 7,5% del loro business value rispetto all'anno precedente. Gli indirizzi best performing sono stati il Club Med Seychelles, sull’isola privata di Sainte Anne, all’interno del parco nazionale Marino, cresciuto del 5% rispetto al 2022; il Michès Playa Esmeralda, in Repubblica Dominicana, primo Exclusive Collection delle Americhe, che nel 2023 ha fatto segnare un incremento del 160%; nonché, infine, il veliero Club Med 2 (mar dei Caraibi e Mediterraneo): un 5 alberi, il più grande veliero nel mondo della navigazione da diporto con i suoi 187 metri di lunghezza, che è arrivato a toccare un +345% di crescita.\r\n\r\n \r\n\r\n“Con oltre 70 anni di esperienza, Club Med continua a innovare con l’obiettivo di rispondere a un turismo sempre più esigente, permettendo di soddisfare le aspettative di una clientela internazionale, i cui ritmi ed esigenze nel mondo sono molteplici e divergenti\", sottolinea la director Southern Europe & emerging markets, Rabeea Ansari.","post_title":"Club Med sempre più alto di gamma: da aprile solo resort Premium ed Exclusive Collection","post_date":"2024-04-10T12:23:50+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1712751830000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464115","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia ancora insieme nel tradizionale appuntamento con il Nordic Workshop Italy. I rappresentanti delle cinque destinazioni, dmc e fornitori nordici incontrano il trade italiano sull’offerta e la promozione turistica.\r\n\r\nTurismo esperienziale all’insegna del food e dell’outdoor. Cucina della tradizione basata su prodotti locali di terra e di mare. Spazi sconfinati all’aperto per vivere una vacanza in completo relax. Turismo sostenibile, turismo slow tra natura, arte, storia e cultura, vacanza attiva per ogni tipologia di clientela. Soggiorni brevi e tour self-drive, city break e tour in treno, attività alla ricerca delle magiche luci dell’aurora boreale. Sono questi gli elementi in comune dell’offerta turistica presentata a Milano dalle destinazioni nordiche.\r\n\r\nIl workshop ancora una volta mette in campo prodotti di grande fascino nel potenziale mercato turistico di un’Italia che si attesta tra i top ten nella classifiche degli arrivi.\r\n\r\nSono infatti 409.000 in Danimarca i pernottamenti italiani con un +22% rispetto al 2022; 192.500 mila in Finlandia, in crescita del 20% sul 2022 e del 7% sul 2019; 80.493 in Islanda con un +29% rispetto al 2022; 288.373 mila per la Norvegia con un +9% sul 2022. Oltre 287.000 pernottamenti italiani in Svezia nel 2023 con un +31,6% rispetto al 2022.\r\n\r\nI numeri in costante crescita dei Paesi nordici mostrano il fascino di questa destinazione anche a livello internazionale. Sono 32.146.039 pernottamenti stranieri in Danimarca in crescita rispetto al 2022 del +4,3%. 1,8 milioni i pernottamenti in Norvegia con una crescita del 5% rispetto al 2022 e del 10% rispetto al 2019. 2.233.438 i pernottamenti in Islanda in crescita del 27,8% sul 2022. In Svezia sono 16,4 milioni i pernottamenti dall’estero in aumento del 10% rispetto al 2022. In Finlandia 5,7 milioni, in crescita del 19% sul 2019.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Il fascino intramontabile dei Paesi nordici: focus sulle esperienze tra food e natura","post_date":"2024-03-22T13:45:59+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["danimarca","finlandia","islanda","norvegia","paesi-nordici","svezia"],"post_tag_name":["Danimarca","finlandia","Islanda","norvegia","Paesi nordici","svezia"]},"sort":[1711115159000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463824","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lo aveva già anticipato il direttore commerciale e marketing Stefano Maria Simei lo scorso giugno, quando la struttura era ancora in soft opening, ma ora arriva l'annuncio ufficiale: il prossimo maggio aprirà a Marsa Alam la prima proprietà a marchio Th Group in Egitto. Lo ha rivelato, nel corso della seconda edizione dell’Hotellerie Summit organizzato da Pambianco nella sede della Borsa di Milano, Graziano Debellini: \"Portare all'estero le nostre gestioni è da tempo tra i nostri obiettivi. E in questo ci sta dando una mano anche il nostro tour operator Baobab\", ha spiegato il presidente della compagnia. Th è il infatti già il gruppo leader della montagna italiana, con un fatturato che nel segmento genera più di 50 milioni di euro all'anno. Buona anche la presenza sul mare. \"Ora vogliamo perciò espanderci soprattutto nelle città d'arte italiane ed europee, con il piano di sviluppare a breve anche un prodotto a 5 stelle. Presto faremo dei nuovi annunci\".\r\n\r\nL'espansione del gruppo è ovviamente supportata dalla presenza di un partner finanziario come Cdp, entrato nella compagine padovana nel 2017: \"Si tratta di un sostegno importante - ha raccontato sempre Debellini -. Fino agli anni 2000 avevamo infatti una buona marginalità. In seguito, prima l'arrivo dell'euro e poi la crisi globale innescata dal fallimento Lehman Brothers ci hanno messo in difficoltà. Abbiamo quindi deciso di aprire il nostro capitale: nel 2011 è arrivo il gruppo Isa di Trento e sei anni più tardi Cdp: un fondo paziente che mira a valorizzare il territorio e che rimarrà sicuramente con noi almeno fino alle Olimpiadi invernali del 2026. Una prospettiva temporale che ci garantisce una certa sicurezza, al contrario di quello che avviene a volte con alcuni fondi internazionali che vengono da noi più da padroni che da partner\".\r\n\r\nOltra alla ristrutturazione e industrializzazione dei processi interni, l'apertura del capitale ha garantito a Th anche una crescita sostanziale dei volumi, passati dai circa 30 milioni di fatturato di inizio millennio ai 187 milioni di euro del 2023 con una marginalità del 4,7% (ebitda margin). La reddittività c'è, insomma, ma non è ancora elevatissima, \"anche se chi consulta i nostri bilanci può vedere moltissimi ammortamenti - ha sottolineato Debellini -. Questo vuol dire che stiamo investendo e crescendo. Sono convinto che nel 2024 assisteremo a delle ottime sorprese. Mi aspetto un ebidta di almeno 10 milioni di euro. In fondo, negli Usa sono abituati ad aspettare cinque o sei anni prima di tirare le somme su una start-up. E noi siamo in linea da questa prospettiva\".","post_title":"Debellini, Th: Cdp garantisce una stabilità sconosciuta a molti fondi stranieri","post_date":"2024-03-19T12:55:34+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1710852934000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463627","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_463628\" align=\"aligncenter\" width=\"517\"] Lo staff di Trenitalia alla Bmt di Napoli[/caption]\r\n\r\n\"Il treno è un viaggio sostenibile per eccellenza - spiega Pietro Diamantini, direttore business Alta Velocità - Stiamo lavorando per un approccio alla sostenibilità sempre più completo, dal consumo di energia ai servizi e prodotti offerti a bordo, fino agli impianti di manutenzione implementati con pannelli autovoltaici\".\r\n\r\n[caption id=\"attachment_463635\" align=\"aligncenter\" width=\"487\"] Pietro Diamantini, direttore business Alta Velocità durante l'intervista[/caption]\r\n\r\nDopo un 2022 di crescita, Trenitalia vuole oggi consolidare il risultato e crescere ulteriormente. \"Abbiamo lanciato iniziative commerciali e di prodotto per garantire non solo il miglior servizio,  ma anche una miglior fruizione dell'esperienza viaggio, in primo luogo grazie alla capillarità sul territorio e all'intermodalità garantita, ma anche con un catalogo di intrattenimento a bordo sempre più ricco e a una flessibilità maggiore nel cambio biglietto, anche per le classi economy e super-economy\".\r\nAgenzie\r\nConfermato il rapporto privilegiato con il canale agenziale: \"Stiamo raccontando ad agenzie e tour operator tutte le opportunità commerciali pensate per loro - spiega Diamantini -, perché il ruolo della distribuzione è importantissimo, soprattutto oggi che è stato rivalorizzato nell'approccio consulenziale\".\r\n\r\nNello stand della Bmt è presente tutto il team Sales AV per incontrare i partner, agenzie, tour operator e operatori del settore nazionali e internazionali e sviluppare i piani commerciali del 2024. Serafino Lo Piano, Vanessa Esposito, Fiorella Di Eleonora, Maurizio Mirone, Maria Paola De Rosa, Nicoletta Vitale, Diana De Vincenzo, Massimo Tedesco, Antonio Sbrizzo, Alessandro Russo, Valentina Iaquinto e Raffaella Recine. ","post_title":"Trenitalia: sostenibilità e supporto per le agenzie di viaggio","post_date":"2024-03-15T14:20:20+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1710512420000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463478","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022).\r\n\r\nDiscorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022).\r\n\r\nPambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022).","post_title":"Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's","post_date":"2024-03-14T13:32:42+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1710423162000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463434","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' ancora sciopero negli aeroporti tedeschi: il sindacato Ver.di ieri ha esteso l'appello all'astensione dal lavoro del personale di sicurezza anche a venerdì, in almeno dieci scali.\r\n\r\nLa mobilitazione è già in corso negli aeroporti di Amburgo, Stoccarda, Karlsruhe/Baden-Baden, Colonia e Berlino e domani si aggiungeranno anche quelli di Hannover, Dortmund, Weeze, Lipsia e Dresda.\r\n\r\nGli scioperi viaggiano parallelamente alla trattativa in corso per un aumento salariale per i circa 25.000 dipendenti del settore a livello nazionale. Secondo Ver.di, finora non è stato raggiunto alcun accordo nelle cinque tornate di contrattazione collettiva con l'Associazione federale delle imprese di sicurezza aerea. Le trattative salariali continueranno fino al 20 marzo.\r\n\r\nIntanto, secondo le stime dell'associazione aeroportuale Adv, a causa dell'azione rischiano di essere cancellati più di 580 voli e 90.000 viaggiatori dovranno riprogrammare. \r\n\r\nIl più grande aeroporto tedesco, quello di Francoforte, non è interessato dagli scioperi del personale di sicurezza aerea di oggi e domani. Tuttavia, a causa dello sciopero di due giorni del personale di cabina Lufthansa di martedì e mercoledì nei due aeroporti, potrebbero verificarsi ancora ritardi e cancellazioni di voli.","post_title":"Ancora scioperi negli aeroporti tedeschi: centinaia di voli a rischio oggi e domani","post_date":"2024-03-14T11:14:05+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1710414845000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463367","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Catalogna accende i riflettori sulla 37° edizione dell’America’s Cup, che da agosto e fino ad ottobre, vedrà Barcellona ospitare l'edizione 2024 della kermesse, richiamando appassionati ed esperti provenienti da ogni parte del mondo.\r\nL'Ente Turismo della Catalogna ha presentato ieri a Milano l’iniziativa: l'esclusiva location di Feeling Food ha ospitato anche la riproduzione della barca AC75, l'imbarcazione monoscafo a vela di lunghezza 75 piedi (23 m), utilizzata durante la competizione.\r\n«Siamo orgogliosi di poter ospitare un evento di così grande prestigio, che rappresenta un’importante opportunità per tutto il territorio catalano - sottolinea Marta Teixidor, direttrice dell’Ente del Turismo della Catalogna in Italia - La competizione avrà un impatto diretto stimato intorno a 1 miliardo e 200 milioni di euro, grazie anche all’enorme turismo che la manifestazione genererà. Inoltre, secondo uno studio dell’Universitat Pompeu Fabra, l’evento creerà circa 19.000 nuovi posti di lavoro, dal momento della designazione fino al suo svolgimento».\r\nLa Catalogna vanta da sempre una grande tradizione marina e relativo turismo nautico. Le sue coste infatti, che sono bagnate dal mar Mediterraneo, misurano circa 580 chilometri e il 60% dei suoi oltre sette milioni di abitanti vive in municipi costieri.\r\nLa manifestazione coinvolge amministrazioni pubbliche e aziende private, che da oltre un anno lavorano in sinergia per portare avanti il progetto. Il budget stanziato dal governo spagnolo, dal comune di Barcellona, dalla Generalitat de Catalunya e dalla Diputació de Barcelona ammonta a 70 milioni, beneficiando anche di particolari normative attuate a seguito della nomina dell’America’s Cup come “Evento di interesse speciale”.\r\nLa cerimonia di inaugurazione si terrà il 22 agosto 2024 nello storico porto di Villanova i la Geltrù, dove ormeggeranno le barche e i sei team in gara: Ineo Britannia, Alinghi Red Bull Racing, Luna Rossa Prada Pirelli, Nyyc American Magic, Orient Express Racing Team e l’attuale detentore e defender della coppa, Emirates Team New Zealand.\r\nPer la prima volta nei suoi quasi 175 anni di storia la Coppa America a Barcellona includerà una categoria riservata alle donne nonché la terza edizione della Youth America’s Cup, di cui Unicredit è naming partner. Si svolgerà dal 17 al 26 settembre lungo le coste catalane e vedrà protagonisti i giovani velisti tra i 18 e i 25 anni.","post_title":"Catalogna in rotta verso l'America's Cup: impatto sul territorio da 1,2 mld di euro","post_date":"2024-03-13T11:47:32+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1710330452000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462598","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462600\" align=\"alignleft\" width=\"162\"] Mauro Sementilli[/caption]\r\n\r\nCon ospiti ricchi ed esigenti provenienti da Cina e India, diventa essenziale per l’industria del turismo italiana soddisfare aspettative, durante l’intero viaggio – dalla richiesta del visto al ritorno a casa – di un servizio di altissima qualità.L’analisi di Mauro Sementilli, Vice-Responsabile per l’Italia di VFS Global, la principale società di outsourcing e servizi tecnologici per governi e missioni diplomatiche in tutto il mondo.\r\n\r\nRoma antica e Venezia, le mete classiche del Grand Tour alla fine del XVIII secolo degli aristocratici inglesi, oggi sono altrettanto amate da facoltosi viaggiatori cinesi o indiani, così come europei o americani. Nell’ultimo anno si è assistito ad un costante aumento delle prenotazioni dovuto al ritorno dei big spender cinesi. I marchi di alta moda di Roma, Firenze e Milano –per primi hanno registrato un ritorno ai ricavi pre-pandemia, in gran parte grazie ai turisti cinesi, attratti in particolare dal Quadrilatero della Moda a Milano e dalla zona intorno a via del Tridente a Roma, che hanno visto incrementi rispettivamente del 152% e del 128%, negli acquisti tax-free, con lo scontrino medio più alto (1.990 euro) a Milano. Il mercato cinese ha registrato un aumento del 226% nel volume degli acquisti tax-free e di oltre il 150% nel il numero di transazioni.  Secondo un sondaggio della piattaforma asiatica Travelzoo, l’Italia è in Europa la destinazione preferita dai turisti cinesi.  A VFS Global abbiamo registrato richieste di visti Schengen italiani da parte di cittadini cinesi (di cui la stragrande maggioranza sono turisti) passare da 150.000 nel 2010 a 570.000 nel 2019, l'anno di picco dei viaggi pre-pandemia, per la maggior parte a Pechino e Shanghai, con impennate nei periodi del Capodanno cinese (dicembre e gennaio), le vacanze estive e la \"settimana d'oro\" delle festività nazionali cinesi in ottobre. \r\n\r\n[caption id=\"attachment_462601\" align=\"aligncenter\" width=\"503\"] Ufficio Visti per l’Italia a Chongqing di VFS Global[/caption]\r\n\r\nSi prevede che quest’anno verranno superati i numeri pre-pandemia, che vide 3,5 milioni di arrivi di turisti dalla Cina nel 1919. Fendi, Armani, Prada e Dolce & Gabbana sono per loro affascinanti quanto le rovine antiche. Se un tempo i tour di gruppo erano la vista più comune, ora una nuova generazione – ricca, giovane e più indipendente – vuole spingersi oltre i percorsi più battuti. Dopo un lockdown particolarmente duro, i cinesi sono i “turisti di rivalsa” per eccellenza, che vogliono recuperare il tempo perduto. Ciò che cercano sono esperienze uniche, coinvolgenti e autentiche, esplorando le città minori, le campagne, le isole, la gastronomia locale.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_462602\" align=\"aligncenter\" width=\"492\"] Ufficio Visti per l’Italia a Chongqing di VFS Global[/caption]\r\n\r\nDestinazione privilegiata per le nozze\r\n\r\nSe il turista cinese dedica qualche giorno allo shopping, sulle orme di divi come George Clooney, Emily Blunt e John Legend, miliardari e VIP del mondo dello spettacolo indiani scelgono sempre più frequentemente l'Italia per festeggiare le nozze in grande sfarzo.  Tra i matrimoni di nota, quello in Toscana del giocatore di cricket Virat Kohli con l'attrice di Bollywood Deepika Padukone. Mukesh Ambani, con un patrimonio netto stimato sui 42 miliardi di dollari, ha regalato all’unica figlia un matrimonio indimenticabile sul lago di Como, fra le destinazioni più ambìte, con Toscana, riviera Ligure, Umbria, Puglia e costiera Amalfitana.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_462604\" align=\"aligncenter\" width=\"487\"] Ufficio Visti per l’Italia a Beijing di VFS Global, premium lounge[/caption]\r\n\r\nCon questa tipologia di ospite le aspettative per l’intero viaggio, dalla richiesta del visto al rientro a casa, sono quelle di un servizio di prima classe. In VFS Global stiamo notando che molti optano per il comodo “Visa at Your Doorstep”, con il quale i dati biometrici vengono rilevati nel momento e nel luogo scelti dal richiedente. Sia cinesi che indiani preferiscono  inoltre spesso di farsi spedire i visti tramite corriere, sfruttando le nostre fasce orarie estese del primo mattino e della sera tardi per evitare di interrompere la giornata lavorativa.\r\n\r\n[caption id=\"attachment_462605\" align=\"aligncenter\" width=\"484\"] Ufficio Visti per l’Italia a Beijing di VFS Global, premium lounge[/caption]\r\n\r\nSe l’Italia riuscirà a soddisfarne bisogni e desideri, anche loro si innamoreranno di questo magico paese, proprio come hanno fatto nei secoli scorsi europei e americani. E, una volta creato il legame, continueranno a tornare per sempre.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Alta moda, tax-free e matrimoni da favola: Cinesi e Indiani trainano il turismo d’alta gamma in Italia","post_date":"2024-03-04T08:03:16+00:00","category":["informazione-pr","mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Informazione PR","Mercato e tecnologie"],"post_tag":["shopping-tourism","vfs-global"],"post_tag_name":["Shopping Tourism","VFS Global"]},"sort":[1709539396000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462566","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un 2023 decisamente positivo per Air France-Klm che archivia l'esercizio con i ricavi più alti della sua storia, 30 miliardi di euro, in crescita del +15,1% a valuta costante.\r\n\r\nIl margine operativo si è attestato al 5,7%, grazie al mix positivo di elevato rendimento e load factor; l'utile netto è salito fino a 934 milioni di euro, in crescita di 206 milioni di euro.\r\n\r\n\"Nel 2023, abbiamo mantenuto il nostro impegno per ottenere forti prestazioni operative e finanziarie, pur mantenendo la nostra posizione di gruppo aereo di riferimento per la sostenibilità - ha commentato il ceo del gruppo franco-olandese Benjamin Smith - Tra i risultati più importanti possiamo ritenerci soddisfatti degli sforzi compiuti per rafforzare ulteriormente il nostro bilancio e ripristinare il patrimonio netto. Abbiamo inoltre effettuato un ordine storico per cinquanta Airbus A350 con diritti di acquisto per altri quaranta aeromobili, accelerando così il rinnovamento della nostra flotta con aeromobili di ultima generazione che offrono una migliore efficienza del carburante, minori emissioni di CO2 e rumore e una migliore esperienza per i nostri clienti\".\r\n\r\nAd adombrare i risultati dell'anno ci sono solo quelli relativi all'ultimo trimestre 2023 (perdita netta di 256 milioni contro un utile di 504 milioni) penalizzato dalla situazione geopolitica in Africa e Medio Oriente che ha portato alla soppressione di alcune destinazioni e alle difficoltà operative causate soprattutto dalla mancanza di pezzi di ricambio, sia pure in parte compensate dal minor costo del carburante. Queste difficoltà si faranno ancora sentire nel primo trimestre 2024.","post_title":"Air France-Klm: 2023 da record, adombrato solo a fine anno dalle tensioni in Medio Oriente","post_date":"2024-03-01T10:06:33+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709287593000]}]}}

Lascia un commento