16 April 2024

585

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Direttore tecnico. Da dieci anni nel settore. Viaggi: catalogo, tailor made, gruppi. Treni, aerei, navi.
Valuto proposte lavorative Nord -Centro Italia.
Contattare passepartout2008@libero.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465409 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sono 56,8 milioni le presenze legate al fenomeno cicloturismo registrate nel 2023, per un impatto economico di oltre 5,5 miliardi di euro, in crescita del 35% sul 2022 e del 19% sul 2019 (4,6 miliardi). Questi i dati principali del quarto rapporto Isnart - Legambiente, in collaborazione con Bikenomist, Viaggiare con la bici. Lo studio è stato presentato in occasione del forum di apertura della fiera del Cicloturismo, realizzata a Bologna dal 5 al 7 aprile dalla stessa Bikenomist. L'indagine ha anche tracciato il profilo del cicloturista medio: millennial e alto-spendente (95 euro al giorno contro i 59,6 euro al giorno del turista tradizionale, con un reddito che nel 76% dei casi è medio o medio-alto). Il forum ha offerto uno sguardo dal locale all’internazionale, grazie alle esperienze di Toscana, Fiandre e Gran Canaria, nonché alla presenza di 15 buyer europei. Il focus è stato pure sullo sviluppo di nuovi modelli di business e momenti  di formazione dedicati agli hotel, che vogliono aumentare la propria attrattività nei confronti di chi pedala. Per l’occasione è stata anche creata la Guida del Cicloturismo: un elenco di oltre 100 operatori presenti all’evento per favorire il contatto tra i professionisti. Il forum ha quindi successivamente lasciato spazio alla vera e propria fiera, che ha registrato 15 mila partecipanti, confermandosi anche quest’anno piattaforma di incontro tra territori, operatori e per chi sceglie la bicicletta per le proprie vacanze. Un pubblico attento proveniente da tutta Italia quello che ha frequentato i padiglioni dello spazio DumBo e colto spunti dalle aree espositive delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia-Giulia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Veneto e degli oltre 80 operatori intervenuti per proporre nuovi itinerari, servizi e infrastrutture a misura di cicloturismo. Tra le destinazioni estere, Spagna, Catalogna, Gran Canaria, Algarve in Portogallo, Turchia, Fiandre, Croazia, Slovenia, Fiandre in Belgio e Giordania. [post_title] => Alla fiera del Cicloturismo i numeri di un settore in crescita [post_date] => 2024-04-12T11:00:20+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712919620000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464934 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il turismo continua nella sua inarrestabile crescita. Infatti secondo il World Travel & Tourism Council il 2024 sarà un anno da record per i viaggi e il turismo. Il settore infatti sembra destinato a raggiungere il suo massimo storico con ricavi per 11,1 trilioni di dollari. Secondo le stime dell’ultimo Economic Impact Research pubblicato dall’ente globale del turismo, il settore travel & tourism crescerà di ulteriori 770 miliardi di dollari rispetto al record precedente: in pratica su 10 dollari generati in tutto il mondo, uno riguarderà proprio il settore turistico. Inoltre il Wttc prevede che 142 paesi su 185 analizzati supereranno i precedenti record nazionali. Secondo il rapporto sono 348 milioni i posti di lavoro a livello globale, più di 13,6 milioni di posti di lavoro in più rispetto al suo punto più alto nel 2019. Si stima che la spesa dei visitatori internazionali arriverà a sfiorare il picco raggiunto 2019 con 1,89 trilioni di dollari, mentre i turisti nazionali spenderanno più che in qualsiasi altro anno registrato (5,4 trilioni di dollari). Usa e Cina “In un contesto di incertezza, il settore dei viaggi e del turismo rimane una potenza economica globale. Non si tratta solo di battere record, non parliamo più di ripresa: questa è la storia del settore che torna al suo meglio dopo alcuni anni difficili, fornendo una significativa spinta economica ai paesi di tutto il mondo e sostenendo milioni di persone di posti di lavoro – ha dichiarato Julia Simpson, presidente e ceo del Wttc –: .Tuttavia esiste il rischio: abbiamo bisogno che i governi statunitense e cinese sostengano i loro settori nazionali di viaggi e turismo. Gli Stati Uniti e la Cina continueranno a soffrire, mentre altri paesi vedranno il ritorno dei visitatori internazionali molto più velocemente”. Guardando al futuro, il Wttc prevede un promettente decennio, caratterizzato da una crescita robusta e opportunità di carriera senza precedenti. Entro il 2034, il settore potenzierà l’economia globale con l’incredibile cifra di 16 trilioni di dollari, pari all’11,4% dell’intero panorama economico. [post_title] => Wttc molto fiducioso: crescita di 770 miliardi di dollari nel 2024 [post_date] => 2024-04-05T11:01:28+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712314888000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463468 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’ADSP del Mar Ligure Orientale è presente all’ European Cruise Summit CLIA a Genova, nel padiglione Jean Nouvel, assieme a Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova e AdSP del Mar Ligure Occidentale.   Forte del primato nazionale che si è conquistata negli anni e che registra nel 2023 tre milioni e centomila passeggeri sul totale di 13 milioni e ottocentomila totali che hanno scelto di visitare il nostro Paese a bordo di navi da crociere, la Liguria ha deciso di fare sistema per presentarsi ai partecipanti al Summit biennale provenienti da tutto il mondo. Del resto La Spezia, che nel 2023 ha raggiunto i 185 scali con 710.000 passeggeri (Marina di Carrara 20 scali e 15.000 passeggeri) contribuisce in modo importante all’andamento record del settore cruise della nostra Regione.   «Il porto della Spezia ha raggiunto il record storico di attracchi di navi passeggeri, superando abbondantemente i livelli di traffico prepandemici – spiega Federica Montaresi, Segretario Generale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale - E molto ci aspettiamo dal prossimo futuro, che prevede la realizzazione entro il 2026 del nuovo molo crociere su Calata Paita, in grado di offrire nuovi accosti per navi da crociere in aggiunta al Molo Garibaldi, e la nuova Stazione Marittima, che verrà realizzata sul nuovo molo e in parte su Calata Paita, area oggi parte del porto commerciale che sarà interessata dal waterfront cittadino. Abbiamo investito non solo in infrastrutture, ma anche molto in sostenibilità. Fermo restando che anche nel contesto di questo summit sono stati mostrati i più innovativi sistemi per rendere sempre più ecologiche le navi passeggeri, l’AdSP sta avanzando con i lavori per l’elettrificazione di tutte le banchine che consentiranno lo spegnimento dei motori delle navi in sosta. Collaboriamo attivamente con la Capitaneria e l’amministrazione comunale per tenere monitorato il livello delle emissioni. Un futuro di nuove energie, non solo quelle legate all’efficientamento energetico e alla diversificazione delle fonti, ma anche quelle che verranno sprigionate con i nuovi investimenti e le importanti trasformazioni che interesseranno il nuovo waterfront per un migliore rapporto tra il porto e la città».     [post_title] => L’Adsp del Mar Ligure Orientale all’European Cruise Summit Clia, “importante fare sistema” [post_date] => 2024-03-15T09:46:51+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710496011000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463434 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' ancora sciopero negli aeroporti tedeschi: il sindacato Ver.di ieri ha esteso l'appello all'astensione dal lavoro del personale di sicurezza anche a venerdì, in almeno dieci scali. La mobilitazione è già in corso negli aeroporti di Amburgo, Stoccarda, Karlsruhe/Baden-Baden, Colonia e Berlino e domani si aggiungeranno anche quelli di Hannover, Dortmund, Weeze, Lipsia e Dresda. Gli scioperi viaggiano parallelamente alla trattativa in corso per un aumento salariale per i circa 25.000 dipendenti del settore a livello nazionale. Secondo Ver.di, finora non è stato raggiunto alcun accordo nelle cinque tornate di contrattazione collettiva con l'Associazione federale delle imprese di sicurezza aerea. Le trattative salariali continueranno fino al 20 marzo. Intanto, secondo le stime dell'associazione aeroportuale Adv, a causa dell'azione rischiano di essere cancellati più di 580 voli e 90.000 viaggiatori dovranno riprogrammare.  Il più grande aeroporto tedesco, quello di Francoforte, non è interessato dagli scioperi del personale di sicurezza aerea di oggi e domani. Tuttavia, a causa dello sciopero di due giorni del personale di cabina Lufthansa di martedì e mercoledì nei due aeroporti, potrebbero verificarsi ancora ritardi e cancellazioni di voli. [post_title] => Ancora scioperi negli aeroporti tedeschi: centinaia di voli a rischio oggi e domani [post_date] => 2024-03-14T11:14:05+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710414845000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463367 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Catalogna accende i riflettori sulla 37° edizione dell’America’s Cup, che da agosto e fino ad ottobre, vedrà Barcellona ospitare l'edizione 2024 della kermesse, richiamando appassionati ed esperti provenienti da ogni parte del mondo. L'Ente Turismo della Catalogna ha presentato ieri a Milano l’iniziativa: l'esclusiva location di Feeling Food ha ospitato anche la riproduzione della barca AC75, l'imbarcazione monoscafo a vela di lunghezza 75 piedi (23 m), utilizzata durante la competizione. «Siamo orgogliosi di poter ospitare un evento di così grande prestigio, che rappresenta un’importante opportunità per tutto il territorio catalano - sottolinea Marta Teixidor, direttrice dell’Ente del Turismo della Catalogna in Italia - La competizione avrà un impatto diretto stimato intorno a 1 miliardo e 200 milioni di euro, grazie anche all’enorme turismo che la manifestazione genererà. Inoltre, secondo uno studio dell’Universitat Pompeu Fabra, l’evento creerà circa 19.000 nuovi posti di lavoro, dal momento della designazione fino al suo svolgimento». La Catalogna vanta da sempre una grande tradizione marina e relativo turismo nautico. Le sue coste infatti, che sono bagnate dal mar Mediterraneo, misurano circa 580 chilometri e il 60% dei suoi oltre sette milioni di abitanti vive in municipi costieri. La manifestazione coinvolge amministrazioni pubbliche e aziende private, che da oltre un anno lavorano in sinergia per portare avanti il progetto. Il budget stanziato dal governo spagnolo, dal comune di Barcellona, dalla Generalitat de Catalunya e dalla Diputació de Barcelona ammonta a 70 milioni, beneficiando anche di particolari normative attuate a seguito della nomina dell’America’s Cup come “Evento di interesse speciale”. La cerimonia di inaugurazione si terrà il 22 agosto 2024 nello storico porto di Villanova i la Geltrù, dove ormeggeranno le barche e i sei team in gara: Ineo Britannia, Alinghi Red Bull Racing, Luna Rossa Prada Pirelli, Nyyc American Magic, Orient Express Racing Team e l’attuale detentore e defender della coppa, Emirates Team New Zealand. Per la prima volta nei suoi quasi 175 anni di storia la Coppa America a Barcellona includerà una categoria riservata alle donne nonché la terza edizione della Youth America’s Cup, di cui Unicredit è naming partner. Si svolgerà dal 17 al 26 settembre lungo le coste catalane e vedrà protagonisti i giovani velisti tra i 18 e i 25 anni. [post_title] => Catalogna in rotta verso l'America's Cup: impatto sul territorio da 1,2 mld di euro [post_date] => 2024-03-13T11:47:32+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710330452000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463083 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il 2024 si è aperto con importanti novità per l’Istria Slovena, soprattutto nell'ambito della ricettività, e che rappresentano un asset rilevante per incrementare i rapporti con i tour operator italiani. L'Hotel Vile Park (parte del St.Bernardin Resort di Portorose) proseguirà nell'importante processo di ristrutturazione avviato nel 2023 e che ha visto completare il rifacimento delle camere di Villa Galeja e della piscina esterna, e quest’anno con la ristrutturazione di Villa Ninfa e Villa Orada, per un totale di 122 camere. La ristrutturazione di tutte le ville segue il filo conduttore di quella dell'Hotel Histrion, parte dello stesso brand, incentrata su alcune tradizioni ed eccellenze istriane: le camere di Villa Galeja raccontano la storia della lavanda, quelle di Villa Ninfa la storia delle olive e quelle di Villa Orada la storia del mare e del sale. Anche Lifeclass Hotel & Spa, altro importante gruppo attivo a Portorose, sarà impegnato in un importante progetto: l'Hotel Riviera, che rientrerà nella categoria 4 stelle, sarà infatti completamente rinnovato, con la riapertura prevista entro l'inizio dell'estate. Elementi caratteristici, un'estetica dal design raffinatamente contemporaneo e idealmente ispirato al mare. Tra gli elementi di spicco, la creazione di camere ampie e spaziose, molte della quali offriranno una splendida vista sulla costa adriatica e sulla baia di Pirano. Parallelamente alla ristrutturazione dell'Hotel Riviera, sarà rinnovato e riaperto anche il rinomato centro massaggi Wai Thai. La ristrutturazione dell'Hotel Riviera è il primo di una serie di progetti strategici che Istrabenz Turizem d.d. intende intraprendere per rinnovare completamente la propria offerta e consolidare il ruolo di fornitore leader di servizi nel comune di Pirano, di cui Portorose fa parte, e per posizionarsi tra i migliori fornitori in Istria. Sul fronte hi-tech - risorsa per l'esperienza dei visitatori utilizzata pionieristicamente dalle principali località dell'Istria Slovena con lo sviluppo di app ad hoc per la realtà aumentata e per le esperienze museali ad alto tasso di interattività - è in arrivo la nuova app gratuita Nexo Scopri Strugnano. Si tratta di una vera guida che permette di scoprire il Parco naturale di Strugnano, con le sue saline e le falesie di flysh più alte dell'Adriatico orientale, in modo educativo, interattivo e giocoso. Attraverso l'esplorazione attiva dei luoghi chiave del Parco naturale di Strugnano, si seguirà un percorso guidati dal protagonista (il gabbiano corallino Marino), che permetterà di conoscere il patrimonio naturale e culturale, storie e aneddoti interessanti sui salinai e i pescatori, risolvere enigmi e, con l'aiuto della realtà aumentata, osservare il passato. Anche la sostenibilità è un altro degli asset su cui l’Istria Slovena punta nel 2024, con il marchio Slovenia Green che certifica sia le destinazioni che le strutture ricettive, sulla base di 84 criteri internazionali.  [caption id="attachment_463093" align="alignright" width="285"] Aljosa Ota, direttore Ente del turismo Sloveno[/caption] «Lo scopo di Slovenia Green è quello di promuovere uno sviluppo turistico più responsabile e coinvolgere attivamente la comunità locale - ha dichiarato Aljosa Ota, direttore dell'Ente Sloveno per il Turismo -. Ad oggi abbiamo circa 60 destinazioni che hanno ottenuto la certificazione e circa 250 strutture, 67 ristoranti, 13 attrazioni, 9 agenzie di viaggio, 4 parchi naturali e 2 spiagge. Siamo molto orgogliosi di questi numeri perché questo processo di certificazione della sostenibilità è iniziato nel 2015 è in quasi dieci anni ha raccolto una significativa adesione da parte degli addetti ai lavori. Il marchio Slovenia Green è dunque sinonimo di sicurezza per i viaggiatori che scelgono una vacanza attenta all’ambiente e al territorio». Il 2024 inoltre vedrà tutta l’Istria Slovena fare da teatro a una fitta stagione di eventi che rappresentano anche un'opportunità per un incontro autentico con questo territorio affacciato sull’Adriatico, nonché la scoperta delle sue eccellenze e tradizioni. L’enogastronomia sarà in primo piano e le feste tematiche saranno un ottimo spunto per programmare una vacanza o un break di un weekend. Senza dimenticare  le risorse per il Mice che può contare su uno spazioso auditorium, diverse strutture alberghiere con sale polivalenti e perfettamente attrezzate e spazi di grande suggestione come i grandi magazzini creati nell'800 per stoccare il sale, e trasformati oggi in spazi all'avanguardia per appuntamenti, mostre e manifestazioni. [post_title] => L'Istria Slovena punta su novità alberghiere, high tech e sostenibilità [post_date] => 2024-03-11T10:00:59+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => istria [1] => istria-slovena ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Istria [1] => Istria Slovena ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710151259000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462970 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462971" align="alignright" width="300"] il direttore dell'Ente Sloveno per il Turismo, Aljosa Ota[/caption] Forte di un 2023 che ha fatto registrare importanti dati di crescita, l’Istria Slovena si affaccia alla nuova stagione turistica con motivato ottimismo, e un'ampia varietà di esperienze e servizi in grado di rispondere alle richieste di diversi target. Il territorio offre un mix perfetto di natura, cultura, enogastronomia e storia. Oltre ad un'ampia varietà di attività sportive e un’attenzione sempre più evidente alla sostenibilità ambientale e sociale. Nonostante le inondazioni della scorsa estate, e gli eventi politici sfavorevoli, nel 2023 il pernottamento dei turisti stranieri ha superato di quasi il 2% il livello pre-pandemia, mentre i pernottamenti di turisti nazionali è salito al +4%. Con il benchmark del 2019, la ripresa della Slovenia è stata più veloce della media europea e mondiale (-1%) e si conferma una meta molto amata dai viaggiatori italiani che, nel 2023, hanno fatto segnare incrementi importanti del numero dei pernottamenti. «Il 2023 è stato un anno da record per la Slovenia - ha osservato il direttore dell'Ente Sloveno per il Turismo, Aljosa Ota -, che è andata a posizionarsi in cima alle classifiche europee per gli incrementi negli arrivi (6,2 milioni) e nei pernottamenti (16,1 milioni), con una crescita rispettivamente del 5,5% e del 3,5% sui valori dello stesso periodo del 2022, secondi solo alla Germania. Superarci è, quindi, una missione molto ambiziosa, che può realizzarsi solo con la stretta collaborazione di tutti i territori sloveni e con un presidio costante e professionale del mercato turistico italiano». Dopo quelli originati da mercati storici per Portorose, quali l’Austria e la Germania, i flussi legati all’incoming italiano occupano la terza posizione e continuano a dare segnali di crescita per la località dell’Istria Slovena. Osservando i dati da vicino, si rileva che in totale i pernottamenti prodotti nel 2023 dalla piazza italiana nei quattro comuni dell’Istria Slovena sono stati oltre 191.500. La capacità di attrarre visitatori dal Bel Paese è frutto di differenti fattori che rendono l'Istria Slovena una meta davvero adatta in ogni stagione con un'offerta ricettiva attiva tutto l'anno e diversi asset molto forti: il mare, interessante sia per la vacanza prettamente balneare sia per il turismo nautico; il wellness, con una varietà di offerta tra le più complete d'Europa; l'enogastronomia che spazia dal fine dining della stella Michelin alle realtà agricole che aprono le loro porte al pubblico per visite guidate e degustazioni. Senza dimenticare un patrimonio culturale che mette insieme echi mitteleuropei e della Serenissima e che  propone appuntamenti di caratura internazionale come il Tartini Festival di Pirano; una rara varietà paesaggistica, resa unica dal tesoro ambientale delle saline di Sicciole e di Strugnano, perfetta per le attività outdoor con, in particolare, tracciati e risorse per gli amanti della bicicletta e dell'escursionismo.  «Il mercato italiano è molto importante per le diverse località dell’Istria Slovena - ha commentato Patricija Gržinič, direttrice dell'Ente del Turismo di Portorose e Pirano - e siamo davvero molto contenti che tutti e quattro i comuni che la compongono (Pirano e Portrose, Ancarano, Isola e Capodistria) abbiano evidenziato crescite importanti per ciò che concerne arrivi e pernottamenti. In sinergia con l’Ente nazionale continueremo a lavorare per valorizzare al meglio sia le nostre risorse presso la piazza italiana sia nuovi asset come la scelta da parte di Ryanair di far diventare Trieste Airport base e il nuovo collegamento ferroviario tra Milano e Lubiana. Importante, naturalmente, anche la sinergia con gli operatori italiani che propongono la nostra destinazione e che, anche grazie all’incremento delle opzioni di collegamento e alle novità in ambito alberghiero, potranno diversificare ulteriormente la programmazione. L’andamento delle prenotazioni sta andando bene e opereremo per far sì che i numeri italiani continuino a crescere». [post_title] => L’Istria Slovena punta ad incrementare il mercato italiano nel 2024 [post_date] => 2024-03-07T09:26:37+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => incoming [1] => istria [2] => istria-slovena ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Incoming [1] => Istria [2] => Istria Slovena ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709803597000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462272 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non c'è tregua per Boeing sul fronte dei ritardi delle consegne dei 737 Max, nello specifico a Ryanair, che è pronta a chiedere risarcimenti mentre prevede un aumento delle tariffe attorno al 10% e si trova anche costretta a rivedere al ribasso il proprio target di passeggeri per l'esercizio in corso, che si chiuderà il prossimo 31 marzo. Come riportato dal Financial Times, Michael O'Leary, ceo del gruppo Ryanair, ha manifestato tutti i suoi dubbi su quanti 737 Max Boeing sarà in grado di consegnare in tempo utile per il picco estivo di traffico, sottolineando che la casa costruttrice statunitense è piombata in un "pasticcio" produttivo dopo l'incidente che lo scoro gennaio ha coinvolto un volo di Alaska Airlines. «È in corso un dibattito con Boeing per stabilire se abbiamo diritto a un risarcimento per questi ritardi nelle consegne» ha dichiarato O'Leary; la low cost attendeva infatti la consegna di 57 Boeing 737 Max 8200 durante il mese di marzo, ma ora si stima che solo 40-45 possano arrivare in tempo per la stagione estiva. Piccoli tagli Considerando che l'operativo estivo 2024 si basa sull'arrivo di almeno 50 aeromobili da parte di Boeing, O'Leary ha dichiarato saranno effettuati "piccoli tagli alla programmazione" qualora arrivino solo 40 velivoli entro la fine di marzo. In particolare, saranno tagliate frequenze dalle rotte con più servizi giornalieri, per evitare disagi ai passeggeri.  La low cost irlandese prevede quindi di trasportare 183,5 milioni di passeggeri nell'esercizio finanziario che terminerà a marzo, in calo rispetto ai 185 milioni previsti originariamente. Tuttavia, O'Leary ha dichiarato che il problema del Boeing avrà ripercussioni sul numero di passeggeri anche nell'esercizio successivo, con una stima di "200 milioni" di passeggeri invece dei 205 milioni iniziali. [post_title] => Ryanair: risarcimenti da Boeing per i ritardi nelle consegne. Tariffe + 10% [post_date] => 2024-02-27T09:00:39+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709024439000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462236 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Centro e Sud Italia si riconfermano aree di "importanza strategica" per la Slovenia, che anche quest'anno torna alla Bmt di Napoli: ben quattro i co-espositori che accompagneranno l’Ente Sloveno per il Turismo, rispetto ai due dello scorso anno. «In un’ottica di ulteriore crescita dei flussi turistici dall’Italia verso la Slovenia – conferma Aljosa Ota, direttore dell’Ente in Italia – è per noi fondamentale portare la nostra attenzione e i nostri prodotti ad un mercato che ha grosse potenzialità, che non può che crescere e che da sempre ha dimostrato grande interesse nei confronti del nostro territorio». Partecipazione a fiere, attività di co-marketing, workshop e roadshow, eventi dedicati, una carrellata di azioni che già nello scorso anno ha dato i suoi frutti quando, trainato da un dicembre 2023 da record, che ha visto ben 63.162 italiani visitare la Slovenia (pari al 29,25% degli arrivi totali dall’estero) per 125.560 pernottamenti (25,5% del totale dall’estero), l’incoming dall’Italia si è ritagliato una fetta di mercato dell’11% degli arrivi (+17,4% rispetto al 2022), corrispondenti al 9,3% dei pernottamenti totali dall’estero (+17,8%): in sostanza nel 2023 solo la Germania ha fatto meglio dell’Italia. «Parliamo di dati importanti che si inseriscono nel contesto di un anno che è stato da record per la Slovenia che è andata a posizionarsi in cima alle classifiche europee per gli incrementi negli arrivi (6,2 milioni) e nei pernottamenti (16,1 milioni), con una crescita rispettivamente del 5,5% e del 3,5% sui valori dello stesso periodo del 2022. Superarci è, quindi, una missione molto ambiziosa che può trovare il suo sbocco andando a presidiare quei territori che hanno grosse potenzialità come quelli del centro e sud Italia». I co-espositori sono due catene alberghiere, Hit Alpinea Hotels & Apartments Kranjska Gora e Sava Hotels&Resorts; un dmc locale, Palma TO e una destinazione, Love Istria. Alla luce anche dell’importante novità, già annunciata ad inizio anno, e cioè l’introduzione del Frecciarossa Milano-Lubiana per il quale è stato recentemente siglato l’accordo preliminare tra Trenitalia e SPassenger Transport, società ferroviaria slovena, per l’avvio del collegamento diretto tra il capoluogo lombardo e la capitale slovena. Il nuovo collegamento ferroviario va ad aggiungersi all’annuncio di Ryanair di posizionarsi nello scalo di Trieste (ad un’ora e mezza d’auto da Lubiana) a partire dal prossimo aprile, in un quadro d’insieme che vede Italia e Slovenia sempre più vicine, sempre più accessibili anche per gli utenti del centro e sud Italia [post_title] => La Slovenia scommette sui flussi da Centro-Sud Italia, «area di importanza strategica» [post_date] => 2024-02-26T11:46:36+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708947996000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "585" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":7,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":140,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465409","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sono 56,8 milioni le presenze legate al fenomeno cicloturismo registrate nel 2023, per un impatto economico di oltre 5,5 miliardi di euro, in crescita del 35% sul 2022 e del 19% sul 2019 (4,6 miliardi). Questi i dati principali del quarto rapporto Isnart - Legambiente, in collaborazione con Bikenomist, Viaggiare con la bici. Lo studio è stato presentato in occasione del forum di apertura della fiera del Cicloturismo, realizzata a Bologna dal 5 al 7 aprile dalla stessa Bikenomist. L'indagine ha anche tracciato il profilo del cicloturista medio: millennial e alto-spendente (95 euro al giorno contro i 59,6 euro al giorno del turista tradizionale, con un reddito che nel 76% dei casi è medio o medio-alto).\r\n\r\nIl forum ha offerto uno sguardo dal locale all’internazionale, grazie alle esperienze di Toscana, Fiandre e Gran Canaria, nonché alla presenza di 15 buyer europei. Il focus è stato pure sullo sviluppo di nuovi modelli di business e momenti  di formazione dedicati agli hotel, che vogliono aumentare la propria attrattività nei confronti di chi pedala. Per l’occasione è stata anche creata la Guida del Cicloturismo: un elenco di oltre 100 operatori presenti all’evento per favorire il contatto tra i professionisti.\r\n\r\nIl forum ha quindi successivamente lasciato spazio alla vera e propria fiera, che ha registrato 15 mila partecipanti, confermandosi anche quest’anno piattaforma di incontro tra territori, operatori e per chi sceglie la bicicletta per le proprie vacanze. Un pubblico attento proveniente da tutta Italia quello che ha frequentato i padiglioni dello spazio DumBo e colto spunti dalle aree espositive delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia-Giulia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Veneto e degli oltre 80 operatori intervenuti per proporre nuovi itinerari, servizi e infrastrutture a misura di cicloturismo. Tra le destinazioni estere, Spagna, Catalogna, Gran Canaria, Algarve in Portogallo, Turchia, Fiandre, Croazia, Slovenia, Fiandre in Belgio e Giordania.","post_title":"Alla fiera del Cicloturismo i numeri di un settore in crescita","post_date":"2024-04-12T11:00:20+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1712919620000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464934","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il turismo continua nella sua inarrestabile crescita. Infatti secondo il World Travel & Tourism Council il 2024 sarà un anno da record per i viaggi e il turismo. Il settore infatti sembra destinato a raggiungere il suo massimo storico con ricavi per 11,1 trilioni di dollari. Secondo le stime dell’ultimo Economic Impact Research pubblicato dall’ente globale del turismo, il settore travel & tourism crescerà di ulteriori 770 miliardi di dollari rispetto al record precedente: in pratica su 10 dollari generati in tutto il mondo, uno riguarderà proprio il settore turistico. Inoltre il Wttc prevede che 142 paesi su 185 analizzati supereranno i precedenti record nazionali.\r\n\r\nSecondo il rapporto sono 348 milioni i posti di lavoro a livello globale, più di 13,6 milioni di posti di lavoro in più rispetto al suo punto più alto nel 2019. Si stima che la spesa dei visitatori internazionali arriverà a sfiorare il picco raggiunto 2019 con 1,89 trilioni di dollari, mentre i turisti nazionali spenderanno più che in qualsiasi altro anno registrato (5,4 trilioni di dollari).\r\n\r\nUsa e Cina\r\n\r\n“In un contesto di incertezza, il settore dei viaggi e del turismo rimane una potenza economica globale. Non si tratta solo di battere record, non parliamo più di ripresa: questa è la storia del settore che torna al suo meglio dopo alcuni anni difficili, fornendo una significativa spinta economica ai paesi di tutto il mondo e sostenendo milioni di persone di posti di lavoro – ha dichiarato Julia Simpson, presidente e ceo del Wttc –: .Tuttavia esiste il rischio: abbiamo bisogno che i governi statunitense e cinese sostengano i loro settori nazionali di viaggi e turismo. Gli Stati Uniti e la Cina continueranno a soffrire, mentre altri paesi vedranno il ritorno dei visitatori internazionali molto più velocemente”.\r\n\r\nGuardando al futuro, il Wttc prevede un promettente decennio, caratterizzato da una crescita robusta e opportunità di carriera senza precedenti. Entro il 2034, il settore potenzierà l’economia globale con l’incredibile cifra di 16 trilioni di dollari, pari all’11,4% dell’intero panorama economico.","post_title":"Wttc molto fiducioso: crescita di 770 miliardi di dollari nel 2024","post_date":"2024-04-05T11:01:28+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1712314888000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463468","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’ADSP del Mar Ligure Orientale è presente all’ European Cruise Summit CLIA a Genova, nel padiglione Jean Nouvel, assieme a Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova e AdSP del Mar Ligure Occidentale.\r\n \r\nForte del primato nazionale che si è conquistata negli anni e che registra nel 2023 tre milioni e centomila passeggeri sul totale di 13 milioni e ottocentomila totali che hanno scelto di visitare il nostro Paese a bordo di navi da crociere, la Liguria ha deciso di fare sistema per presentarsi ai partecipanti al Summit biennale provenienti da tutto il mondo. Del resto La Spezia, che nel 2023 ha raggiunto i 185 scali con 710.000 passeggeri (Marina di Carrara 20 scali e 15.000 passeggeri) contribuisce in modo importante all’andamento record del settore cruise della nostra Regione.\r\n \r\n«Il porto della Spezia ha raggiunto il record storico di attracchi di navi passeggeri, superando abbondantemente i livelli di traffico prepandemici – spiega Federica Montaresi, Segretario Generale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale - E molto ci aspettiamo dal prossimo futuro, che prevede la realizzazione entro il 2026 del nuovo molo crociere su Calata Paita, in grado di offrire nuovi accosti per navi da crociere in aggiunta al Molo Garibaldi, e la nuova Stazione Marittima, che verrà realizzata sul nuovo molo e in parte su Calata Paita, area oggi parte del porto commerciale che sarà interessata dal waterfront cittadino. Abbiamo investito non solo in infrastrutture, ma anche molto in sostenibilità. Fermo restando che anche nel contesto di questo summit sono stati mostrati i più innovativi sistemi per rendere sempre più ecologiche le navi passeggeri, l’AdSP sta avanzando con i lavori per l’elettrificazione di tutte le banchine che consentiranno lo spegnimento dei motori delle navi in sosta. Collaboriamo attivamente con la Capitaneria e l’amministrazione comunale per tenere monitorato il livello delle emissioni. Un futuro di nuove energie, non solo quelle legate all’efficientamento energetico e alla diversificazione delle fonti, ma anche quelle che verranno sprigionate con i nuovi investimenti e le importanti trasformazioni che interesseranno il nuovo waterfront per un migliore rapporto tra il porto e la città».\r\n \r\n ","post_title":"L’Adsp del Mar Ligure Orientale all’European Cruise Summit Clia, “importante fare sistema”","post_date":"2024-03-15T09:46:51+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1710496011000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463434","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' ancora sciopero negli aeroporti tedeschi: il sindacato Ver.di ieri ha esteso l'appello all'astensione dal lavoro del personale di sicurezza anche a venerdì, in almeno dieci scali.\r\n\r\nLa mobilitazione è già in corso negli aeroporti di Amburgo, Stoccarda, Karlsruhe/Baden-Baden, Colonia e Berlino e domani si aggiungeranno anche quelli di Hannover, Dortmund, Weeze, Lipsia e Dresda.\r\n\r\nGli scioperi viaggiano parallelamente alla trattativa in corso per un aumento salariale per i circa 25.000 dipendenti del settore a livello nazionale. Secondo Ver.di, finora non è stato raggiunto alcun accordo nelle cinque tornate di contrattazione collettiva con l'Associazione federale delle imprese di sicurezza aerea. Le trattative salariali continueranno fino al 20 marzo.\r\n\r\nIntanto, secondo le stime dell'associazione aeroportuale Adv, a causa dell'azione rischiano di essere cancellati più di 580 voli e 90.000 viaggiatori dovranno riprogrammare. \r\n\r\nIl più grande aeroporto tedesco, quello di Francoforte, non è interessato dagli scioperi del personale di sicurezza aerea di oggi e domani. Tuttavia, a causa dello sciopero di due giorni del personale di cabina Lufthansa di martedì e mercoledì nei due aeroporti, potrebbero verificarsi ancora ritardi e cancellazioni di voli.","post_title":"Ancora scioperi negli aeroporti tedeschi: centinaia di voli a rischio oggi e domani","post_date":"2024-03-14T11:14:05+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1710414845000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463367","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Catalogna accende i riflettori sulla 37° edizione dell’America’s Cup, che da agosto e fino ad ottobre, vedrà Barcellona ospitare l'edizione 2024 della kermesse, richiamando appassionati ed esperti provenienti da ogni parte del mondo.\r\nL'Ente Turismo della Catalogna ha presentato ieri a Milano l’iniziativa: l'esclusiva location di Feeling Food ha ospitato anche la riproduzione della barca AC75, l'imbarcazione monoscafo a vela di lunghezza 75 piedi (23 m), utilizzata durante la competizione.\r\n«Siamo orgogliosi di poter ospitare un evento di così grande prestigio, che rappresenta un’importante opportunità per tutto il territorio catalano - sottolinea Marta Teixidor, direttrice dell’Ente del Turismo della Catalogna in Italia - La competizione avrà un impatto diretto stimato intorno a 1 miliardo e 200 milioni di euro, grazie anche all’enorme turismo che la manifestazione genererà. Inoltre, secondo uno studio dell’Universitat Pompeu Fabra, l’evento creerà circa 19.000 nuovi posti di lavoro, dal momento della designazione fino al suo svolgimento».\r\nLa Catalogna vanta da sempre una grande tradizione marina e relativo turismo nautico. Le sue coste infatti, che sono bagnate dal mar Mediterraneo, misurano circa 580 chilometri e il 60% dei suoi oltre sette milioni di abitanti vive in municipi costieri.\r\nLa manifestazione coinvolge amministrazioni pubbliche e aziende private, che da oltre un anno lavorano in sinergia per portare avanti il progetto. Il budget stanziato dal governo spagnolo, dal comune di Barcellona, dalla Generalitat de Catalunya e dalla Diputació de Barcelona ammonta a 70 milioni, beneficiando anche di particolari normative attuate a seguito della nomina dell’America’s Cup come “Evento di interesse speciale”.\r\nLa cerimonia di inaugurazione si terrà il 22 agosto 2024 nello storico porto di Villanova i la Geltrù, dove ormeggeranno le barche e i sei team in gara: Ineo Britannia, Alinghi Red Bull Racing, Luna Rossa Prada Pirelli, Nyyc American Magic, Orient Express Racing Team e l’attuale detentore e defender della coppa, Emirates Team New Zealand.\r\nPer la prima volta nei suoi quasi 175 anni di storia la Coppa America a Barcellona includerà una categoria riservata alle donne nonché la terza edizione della Youth America’s Cup, di cui Unicredit è naming partner. Si svolgerà dal 17 al 26 settembre lungo le coste catalane e vedrà protagonisti i giovani velisti tra i 18 e i 25 anni.","post_title":"Catalogna in rotta verso l'America's Cup: impatto sul territorio da 1,2 mld di euro","post_date":"2024-03-13T11:47:32+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1710330452000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463083","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il 2024 si è aperto con importanti novità per l’Istria Slovena, soprattutto nell'ambito della ricettività, e che rappresentano un asset rilevante per incrementare i rapporti con i tour operator italiani.\r\n\r\nL'Hotel Vile Park (parte del St.Bernardin Resort di Portorose) proseguirà nell'importante processo di ristrutturazione avviato nel 2023 e che ha visto completare il rifacimento delle camere di Villa Galeja e della piscina esterna, e quest’anno con la ristrutturazione di Villa Ninfa e Villa Orada, per un totale di 122 camere. La ristrutturazione di tutte le ville segue il filo conduttore di quella dell'Hotel Histrion, parte dello stesso brand, incentrata su alcune tradizioni ed eccellenze istriane: le camere di Villa Galeja raccontano la storia della lavanda, quelle di Villa Ninfa la storia delle olive e quelle di Villa Orada la storia del mare e del sale.\r\n\r\nAnche Lifeclass Hotel & Spa, altro importante gruppo attivo a Portorose, sarà impegnato in un importante progetto: l'Hotel Riviera, che rientrerà nella categoria 4 stelle, sarà infatti completamente rinnovato, con la riapertura prevista entro l'inizio dell'estate. Elementi caratteristici, un'estetica dal design raffinatamente contemporaneo e idealmente ispirato al mare. Tra gli elementi di spicco, la creazione di camere ampie e spaziose, molte della quali offriranno una splendida vista sulla costa adriatica e sulla baia di Pirano. \r\nParallelamente alla ristrutturazione dell'Hotel Riviera, sarà rinnovato e riaperto anche il rinomato centro massaggi Wai Thai. La ristrutturazione dell'Hotel Riviera è il primo di una serie di progetti strategici che Istrabenz Turizem d.d. intende intraprendere per rinnovare completamente la propria offerta e consolidare il ruolo di fornitore leader di servizi nel comune di Pirano, di cui Portorose fa parte, e per posizionarsi tra i migliori fornitori in Istria.\r\n\r\nSul fronte hi-tech - risorsa per l'esperienza dei visitatori utilizzata pionieristicamente dalle principali località dell'Istria Slovena con lo sviluppo di app ad hoc per la realtà aumentata e per le esperienze museali ad alto tasso di interattività - è in arrivo la nuova app gratuita Nexo Scopri Strugnano. Si tratta di una vera guida che permette di scoprire il Parco naturale di Strugnano, con le sue saline e le falesie di flysh più alte dell'Adriatico orientale, in modo educativo, interattivo e giocoso. Attraverso l'esplorazione attiva dei luoghi chiave del Parco naturale di Strugnano, si seguirà un percorso guidati dal protagonista (il gabbiano corallino Marino), che permetterà di conoscere il patrimonio naturale e culturale, storie e aneddoti interessanti sui salinai e i pescatori, risolvere enigmi e, con l'aiuto della realtà aumentata, osservare il passato.\r\n\r\nAnche la sostenibilità è un altro degli asset su cui l’Istria Slovena punta nel 2024, con il marchio Slovenia Green che certifica sia le destinazioni che le strutture ricettive, sulla base di 84 criteri internazionali. \r\n\r\n\r\n[caption id=\"attachment_463093\" align=\"alignright\" width=\"285\"] Aljosa Ota, direttore Ente del turismo Sloveno[/caption]\r\n\r\n«Lo scopo di Slovenia Green è quello di promuovere uno sviluppo turistico più responsabile e coinvolgere attivamente la comunità locale - ha dichiarato Aljosa Ota, direttore dell'Ente Sloveno per il Turismo -. Ad oggi abbiamo circa 60 destinazioni che hanno ottenuto la certificazione e circa 250 strutture, 67 ristoranti, 13 attrazioni, 9 agenzie di viaggio, 4 parchi naturali e 2 spiagge. Siamo molto orgogliosi di questi numeri perché questo processo di certificazione della sostenibilità è iniziato nel 2015 è in quasi dieci anni ha raccolto una significativa adesione da parte degli addetti ai lavori. Il marchio Slovenia Green è dunque sinonimo di sicurezza per i viaggiatori che scelgono una vacanza attenta all’ambiente e al territorio».\r\n\r\nIl 2024 inoltre vedrà tutta l’Istria Slovena fare da teatro a una fitta stagione di eventi che rappresentano anche un'opportunità per un incontro autentico con questo territorio affacciato sull’Adriatico, nonché la scoperta delle sue eccellenze e tradizioni. L’enogastronomia sarà in primo piano e le feste tematiche saranno un ottimo spunto per programmare una vacanza o un break di un weekend. Senza dimenticare  le risorse per il Mice che può contare su uno spazioso auditorium, diverse strutture alberghiere con sale polivalenti e perfettamente attrezzate e spazi di grande suggestione come i grandi magazzini creati nell'800 per stoccare il sale, e trasformati oggi in spazi all'avanguardia per appuntamenti, mostre e manifestazioni.","post_title":"L'Istria Slovena punta su novità alberghiere, high tech e sostenibilità","post_date":"2024-03-11T10:00:59+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["istria","istria-slovena"],"post_tag_name":["Istria","Istria Slovena"]},"sort":[1710151259000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462970","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462971\" align=\"alignright\" width=\"300\"] il direttore dell'Ente Sloveno per il Turismo, Aljosa Ota[/caption]\r\n\r\nForte di un 2023 che ha fatto registrare importanti dati di crescita, l’Istria Slovena si affaccia alla nuova stagione turistica con motivato ottimismo, e un'ampia varietà di esperienze e servizi in grado di rispondere alle richieste di diversi target. Il territorio offre un mix perfetto di natura, cultura, enogastronomia e storia. Oltre ad un'ampia varietà di attività sportive e un’attenzione sempre più evidente alla sostenibilità ambientale e sociale.\r\n\r\nNonostante le inondazioni della scorsa estate, e gli eventi politici sfavorevoli, nel 2023 il pernottamento dei turisti stranieri ha superato di quasi il 2% il livello pre-pandemia, mentre i pernottamenti di turisti nazionali è salito al +4%. Con il benchmark del 2019, la ripresa della Slovenia è stata più veloce della media europea e mondiale (-1%) e si conferma una meta molto amata dai viaggiatori italiani che, nel 2023, hanno fatto segnare incrementi importanti del numero dei pernottamenti.\r\n\r\n«Il 2023 è stato un anno da record per la Slovenia - ha osservato il direttore dell'Ente Sloveno per il Turismo, Aljosa Ota -, che è andata a posizionarsi in cima alle classifiche europee per gli incrementi negli arrivi (6,2 milioni) e nei pernottamenti (16,1 milioni), con una crescita rispettivamente del 5,5% e del 3,5% sui valori dello stesso periodo del 2022, secondi solo alla Germania. Superarci è, quindi, una missione molto ambiziosa, che può realizzarsi solo con la stretta collaborazione di tutti i territori sloveni e con un presidio costante e professionale del mercato turistico italiano».\r\n\r\nDopo quelli originati da mercati storici per Portorose, quali l’Austria e la Germania, i flussi legati all’incoming italiano occupano la terza posizione e continuano a dare segnali di crescita per la località dell’Istria Slovena. Osservando i dati da vicino, si rileva che in totale i pernottamenti prodotti nel 2023 dalla piazza italiana nei quattro comuni dell’Istria Slovena sono stati oltre 191.500.\r\n\r\nLa capacità di attrarre visitatori dal Bel Paese è frutto di differenti fattori che rendono l'Istria Slovena una meta davvero adatta in ogni stagione con un'offerta ricettiva attiva tutto l'anno e diversi asset molto forti: il mare, interessante sia per la vacanza prettamente balneare sia per il turismo nautico; il wellness, con una varietà di offerta tra le più complete d'Europa; l'enogastronomia che spazia dal fine dining della stella Michelin alle realtà agricole che aprono le loro porte al pubblico per visite guidate e degustazioni. Senza dimenticare un patrimonio culturale che mette insieme echi mitteleuropei e della Serenissima e che  propone appuntamenti di caratura internazionale come il Tartini Festival di Pirano; una rara varietà paesaggistica, resa unica dal tesoro ambientale delle saline di Sicciole e di Strugnano, perfetta per le attività outdoor con, in particolare, tracciati e risorse per gli amanti della bicicletta e dell'escursionismo. \r\n\r\n«Il mercato italiano è molto importante per le diverse località dell’Istria Slovena - ha commentato Patricija Gržinič, direttrice dell'Ente del Turismo di Portorose e Pirano - e siamo davvero molto contenti che tutti e quattro i comuni che la compongono (Pirano e Portrose, Ancarano, Isola e Capodistria) abbiano evidenziato crescite importanti per ciò che concerne arrivi e pernottamenti. In sinergia con l’Ente nazionale continueremo a lavorare per valorizzare al meglio sia le nostre risorse presso la piazza italiana sia nuovi asset come la scelta da parte di Ryanair di far diventare Trieste Airport base e il nuovo collegamento ferroviario tra Milano e Lubiana. Importante, naturalmente, anche la sinergia con gli operatori italiani che propongono la nostra destinazione e che, anche grazie all’incremento delle opzioni di collegamento e alle novità in ambito alberghiero, potranno diversificare ulteriormente la programmazione. L’andamento delle prenotazioni sta andando bene e opereremo per far sì che i numeri italiani continuino a crescere».","post_title":"L’Istria Slovena punta ad incrementare il mercato italiano nel 2024","post_date":"2024-03-07T09:26:37+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["incoming","istria","istria-slovena"],"post_tag_name":["Incoming","Istria","Istria Slovena"]},"sort":[1709803597000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462272","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non c'è tregua per Boeing sul fronte dei ritardi delle consegne dei 737 Max, nello specifico a Ryanair, che è pronta a chiedere risarcimenti mentre prevede un aumento delle tariffe attorno al 10% e si trova anche costretta a rivedere al ribasso il proprio target di passeggeri per l'esercizio in corso, che si chiuderà il prossimo 31 marzo.\r\n\r\nCome riportato dal Financial Times, Michael O'Leary, ceo del gruppo Ryanair, ha manifestato tutti i suoi dubbi su quanti 737 Max Boeing sarà in grado di consegnare in tempo utile per il picco estivo di traffico, sottolineando che la casa costruttrice statunitense è piombata in un \"pasticcio\" produttivo dopo l'incidente che lo scoro gennaio ha coinvolto un volo di Alaska Airlines.\r\n\r\n«È in corso un dibattito con Boeing per stabilire se abbiamo diritto a un risarcimento per questi ritardi nelle consegne» ha dichiarato O'Leary; la low cost attendeva infatti la consegna di 57 Boeing 737 Max 8200 durante il mese di marzo, ma ora si stima che solo 40-45 possano arrivare in tempo per la stagione estiva.\r\nPiccoli tagli\r\nConsiderando che l'operativo estivo 2024 si basa sull'arrivo di almeno 50 aeromobili da parte di Boeing, O'Leary ha dichiarato saranno effettuati \"piccoli tagli alla programmazione\" qualora arrivino solo 40 velivoli entro la fine di marzo. In particolare, saranno tagliate frequenze dalle rotte con più servizi giornalieri, per evitare disagi ai passeggeri. \r\n\r\nLa low cost irlandese prevede quindi di trasportare 183,5 milioni di passeggeri nell'esercizio finanziario che terminerà a marzo, in calo rispetto ai 185 milioni previsti originariamente. Tuttavia, O'Leary ha dichiarato che il problema del Boeing avrà ripercussioni sul numero di passeggeri anche nell'esercizio successivo, con una stima di \"200 milioni\" di passeggeri invece dei 205 milioni iniziali.","post_title":"Ryanair: risarcimenti da Boeing per i ritardi nelle consegne. Tariffe + 10%","post_date":"2024-02-27T09:00:39+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709024439000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462236","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Centro e Sud Italia si riconfermano aree di \"importanza strategica\" per la Slovenia, che anche quest'anno torna alla Bmt di Napoli: ben quattro i co-espositori che accompagneranno l’Ente Sloveno per il Turismo, rispetto ai due dello scorso anno.\r\n\r\n«In un’ottica di ulteriore crescita dei flussi turistici dall’Italia verso la Slovenia – conferma Aljosa Ota, direttore dell’Ente in Italia – è per noi fondamentale portare la nostra attenzione e i nostri prodotti ad un mercato che ha grosse potenzialità, che non può che crescere e che da sempre ha dimostrato grande interesse nei confronti del nostro territorio».\r\n\r\nPartecipazione a fiere, attività di co-marketing, workshop e roadshow, eventi dedicati, una carrellata di azioni che già nello scorso anno ha dato i suoi frutti quando, trainato da un dicembre 2023 da record, che ha visto ben 63.162 italiani visitare la Slovenia (pari al 29,25% degli arrivi totali dall’estero) per 125.560 pernottamenti (25,5% del totale dall’estero), l’incoming dall’Italia si è ritagliato una fetta di mercato dell’11% degli arrivi (+17,4% rispetto al 2022), corrispondenti al 9,3% dei pernottamenti totali dall’estero (+17,8%): in sostanza nel 2023 solo la Germania ha fatto meglio dell’Italia.\r\n\r\n«Parliamo di dati importanti che si inseriscono nel contesto di un anno che è stato da record per la Slovenia che è andata a posizionarsi in cima alle classifiche europee per gli incrementi negli arrivi (6,2 milioni) e nei pernottamenti (16,1 milioni), con una crescita rispettivamente del 5,5% e del 3,5% sui valori dello stesso periodo del 2022. Superarci è, quindi, una missione molto ambiziosa che può trovare il suo sbocco andando a presidiare quei territori che hanno grosse potenzialità come quelli del centro e sud Italia».\r\n\r\nI co-espositori sono due catene alberghiere, Hit Alpinea Hotels & Apartments Kranjska Gora e Sava Hotels&Resorts; un dmc locale, Palma TO e una destinazione, Love Istria.\r\n\r\nAlla luce anche dell’importante novità, già annunciata ad inizio anno, e cioè l’introduzione del Frecciarossa Milano-Lubiana per il quale è stato recentemente siglato l’accordo preliminare tra Trenitalia e SPassenger Transport, società ferroviaria slovena, per l’avvio del collegamento diretto tra il capoluogo lombardo e la capitale slovena. Il nuovo collegamento ferroviario va ad aggiungersi all’annuncio di Ryanair di posizionarsi nello scalo di Trieste (ad un’ora e mezza d’auto da Lubiana) a partire dal prossimo aprile, in un quadro d’insieme che vede Italia e Slovenia sempre più vicine, sempre più accessibili anche per gli utenti del centro e sud Italia","post_title":"La Slovenia scommette sui flussi da Centro-Sud Italia, «area di importanza strategica»","post_date":"2024-02-26T11:46:36+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708947996000]}]}}

Lascia un commento