21 April 2024

Cerco lavoro come banconista

Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Agente di viaggio con esperienza come BANCONISTA e responsabile punto vendita da più di 20 anni, in possesso di patentino di DIRETTORE TECNICO per la Regione Lombardia, ottima conoscenza crs SABRE, GALILEO, SIPAX, sistemi gestionali AS400, SFERA, SIAP vendita pacchetti individuali, di gruppo e viaggi su misura, emissione di tutte le biglietterie, disponibile sia come addetta vendite sia come consulente o copertura titolo. Zona di lavoro Prov. MONZA e BRIANZA e Nord Milano. Simona. cell. 347 8820943.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465005 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Transavia ha fatto il suo debutto all'aeroporto di Milano Malpensa con l'apertura della rotta per Parigi Orly. Si amplia così la proposta dello scalo verso la capitale francese, con le sei frequenze alla settimana (tutti i giorni tranne il sabato) operate dalla compagnia del gruppo Air France-Klm, con un Boeing 737 configurato con 189 passeggeri in classe unica (economy). Sempre sullo scalo francese, Transavia ha inaugurato anche un nuovo collegamento da Bergen, che viene operato due volte alla settimana, il martedì e il sabato.     [post_title] => Transavia collega Milano Malpensa con Parigi Orly con sei frequenze settimanali [post_date] => 2024-04-08T09:49:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712569792000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464059 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tempo di utili per le principali compagnie aeree  europee, a chiusura di un 2023 nel segno della ripresa. I protagonisti del trasporto aereo del Vecchio Continente, a cominciare dal gruppo Lufthansa a quello di Air France-Klm, dal gruppo Ryanair a Iag, hanno tutti archiviato l'ultimo esercizio con risultati positivi.  Secondo un'analisi de Il Sole 24 Ore i quattro gruppi hanno registrato un fatturato di 106,16 miliardi di euro nel 2023, pari ad una crescita del +18,9% (16,87 miliardi), mentre gli utili netti aggregati sono cresciuti del +110% (7,45 miliardi). A centrare i migliori risultati è stato il gruppo Iag con ricavi per 29,45 miliardi (+27,6%), un utile operativo di 3,51 miliardi (+174%) e un utile netto più che quadruplicato a quota 2,655 miliardi. Anche Lufthansa ha fatto bene, ottenendo il terzo miglior risultato della storia (+15% di ricavi; +76% di utile operativo; +112% di utile netto). Si tratta di un trend significativo, se si considera che il volume del traffico internazionale è ancora al di sotto dei livelli pre-pandemici, segnando un -4,3% rispetto al 2019, mentre il traffico domestico è aumentato del +6,7% rispetto al gennaio di cinque anni fa. Intanto, nel gennaio 2024, la domanda di viaggio globale è aumentata del +16,6% rispetto allo stesso periodo del 2023, e quella europea del +10%. Una tendenza che conferma la buona performance registrata negli ultimi mesi dello scorso anno. Per questo motivo, l'associazione delle compagnie aeree europee Airlines for Europe (A4E) prevede che nell'estate del 2024 il traffico in Europa sarà del 96% rispetto ai livelli del 2019.   [post_title] => Le compagnie aeree europee ritrovano profitti e ricavi record nel 2023 [post_date] => 2024-03-22T10:11:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711102312000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463817 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' stato un 2023 record per Club Med, che ha chiuso l'anno con un volume d'affari pari a 1,981 miliardi di euro, in crescita del 17% rispetto al 2022 ma soprattutto del 16% sopra i livelli pre-Covid del 2019. E tutto questo nonostante un catalogo dalla capienza del 2,3% inferiore a quella di quattro anni prima. L'utile operativo dei resort è inoltre ammontato a 174 milioni di euro, con un aumento del 64% rispetto al 2022 e di oltre il 70% rispetto al 2019. Il 97% delle camere è ormai Premium o Exclusive Collection Il risultato netto è stato quindi di 99 milioni di euro, di cui 40 milioni non ricorrenti, mentre l'ebitda corrente (i margini operativi lordi) hanno raggiunto i 389 milioni. La capienza delle strutture del gruppo, pur rimanendo ancora sotto i livelli del 2019, è inoltre aumentata del 6% rispetto ai 12 mesi precedenti, con il 97% delle camere ormai parte dei resort Premium o della Exclusive Collection (in aumento di 10 punti percentuali anno su anno). Adr in crescita dell'8% A livello di arrivi, sono stati più di 1,5 milioni di clienti che hanno trascorso le vacanze in un Club Med. Dato in crescita del 16% rispetto al 2022, soprattutto grazie alla ripresa dell'Asia dopo le restrizioni dovute alla pandemia. Il tasso medio di occupazione ha perciò raggiunto il 70%, con un aumento di 3,4 punti percentuali rispetto al 2022. Il free cash-flow è raddoppiato rispetto al 2019 e ammonta a 100 milioni di euro. L'indebitamento netto ammontava a fine dicembre a 189 milioni, vicino al livello pre-pandemia di 178 milioni. In un contesto di forte inflazione, di continuo spostamento verso la fascia alta del mercato e di accelerazione della crescita delle vacanze sulla neve, è stata infine registrata un'ulteriore crescita della tariffa media giornaliera, che si è attestata a 220 euro, per un incremento dell’8% rispetto al 2022. Nel 2024 terminerà il processo di riposizionamento verso l'alto dell'offerta "Dopo essere tornata ai livelli pre-pandemici già nel 2022, Club Med ha raggiunto quasi 2 miliardi di euro di volume d'affari per la prima volta nella sua storia - commenta il presidente, Henri Giscard d'Estaing -. Il 2024 segnerà la finalizzazione dello spostamento verso l'alto del nostro portafoglio". Quest'anno, la compagnia aprirà in particolare quattro nuovi resort del segmento Premium: i completamente rinnovati Club Med Vittel Ermitage e Club Med Serre Chevalier in Francia, nonché le new entry cinesi Club Med Joyview Heilongtan e Club Med Forlong. I dati Italia: domina il lungo raggio Scorporando le cifre della compagnia a livello italiano, le destinazioni a lungo raggio sono state le preferite da sette viaggiatori tricolori su dieci. Il fatturato totale della penisola ha poi registrato un incremento del 6% rispetto all’anno precedente. La destinazione più amata è stata quella delle Maldive (20%), mentre a livello di volumi, i tre resort che hanno ricevuto più prenotazioni sono stati il Kani e il Seychelles (con un aumento dell’11%), nonché il Turkoise (+69%). Anche le Antille francesi, dove si può viaggiare senza passaporto, sono state una destinazione particolarmente apprezzata dagli italiani, con il Club Med Boucaniers, in Martinica, che ha messo a segno un incremento dell’8% di ospiti tricolori rispetto al 2022. Cefalù sugli scudi. Bene anche Pragelato e St. Moritz Il Club Med Cefalù rimane invece in cima alla classifica delle destinazioni a corto raggio, supportando l’8% del business totale e il 46% di quello delle destinazioni a corto raggio. Il secondo pillar per l’Italia è stata la montagna, che nel 2023 ha registrato un incremento del 31% rispetto all’anno precedente. Nel dettaglio, i due resort ad alta quota più amati dagli italiani sono stati il Pragelato Sestriere e il St Moritz, che rappresentano il 47% del business del segmento mountain. Entrambi hanno registrato una forte crescita (Pragelato Sestriere +16%; St Moritz +6%). [post_title] => Club Med da record nel 2023: volumi sopra i livelli pre-Covid [post_date] => 2024-03-19T11:11:18+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710846678000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463204 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama Bellevue Sardinia Resort Affiliated by Meliá il primo indirizzo dell'omonimo gruppo spagnolo in Sardegna che aprirà la prossima estate. Affacciato sulla spiaggia di San Pietro a Mare, il resort dispone di 139 camere con terrazze attrezzate e vista sulle acque del golfo dell’Asinara o i giardini della struttura. Fra i servizi a disposizione degli ospiti vi sono anche l'accesso diretto alla spiaggia equipaggiata con lettini e ombrelloni, piscina esterna, palestra en plein air e biciclette a uso gratuito per esplorare la zona circostante. L'offerta gastronomica include un ristorante, un lounge bar vista mare dove godersi cocktail al tramonto e un beach bar. Con l'inaugurazione della nuova struttura, frutto della collaborazione con Piazza Hotels & Residences, con cui Meliá ha siglato un accordo di franchising, la compagnia spagnola rafforza il portfolio del proprio brand Affiliated by Meliá, che a oggi conta oltre 70 alberghi nel mondo. In Italia il gruppo vanta invece un totale di 13 indirizzi tra proprietà già operative e in pipeline. [post_title] => Debutto sardo per il gruppo Meliá che sbarca sull'isola grazie al suo brand dedicato al franchising [post_date] => 2024-03-11T10:53:51+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710154431000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462607 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La notizia era nell'aria già dallo scorso maggio, ma ora arriva la conferma ufficiale. Il brand W Hotels di casa Marriott sbarca in Sardegna, a Poltu Quatu, con un nuovo complesso luxury lifestyle da oltre 240 chiavi, di cui circa 150 camere d'albergo e le restanti serviced apartments. La novità è stata comunicata in concomitanza con la chiusura del deal, che ha portato l'asset management company Castello sgr ad acquisire per 70 milioni di euro un importante complesso immobiliare in loco. L'operazione è stata realizzata tramite il fondo di nuova costituzione Gem Fund, che annovera tra i suoi quotisti primari investitori istituzionali e family office. Consiste nel rilancio dell'intera proprietà, composta oggi da un hotel di 139 camere e da oltre 100 unità residenziali. Il progetto si inserisce nel piano di sviluppo per consolidare ulteriormente la presenza di Castello sgr nel settore dell’hospitality e che oggi, grazie all’ingresso nel gruppo Anima, acquista ancora maggior vigore e punta nei prossimi anni a una crescita significativa del suo portafoglio, attualmente pari a circa un miliardo di euro e costituito da 32 strutture e oltre 4 mila camere. “L’operazione avviene in un contesto di grande attenzione verso la Sardegna da parte dei brand luxury internazionali, testimoniata da numerose recenti acquisizioni alberghiere - commenta Giampiero Schiavo, amministratore delegato di Castello sgr -. Nel segmento hospitality, particolarmente attrattivo nell’attuale congiuntura di mercato, noi vantiamo un solido track record con diverse operazioni di tipo value added. Con questa acquisizione ci affianchiamo in maniera sinergica al riposizionamento di diverse strutture nel segmento super luxury, contribuendo a consolidare Arzachena con la costa Smeralda come destinazione leader nel mondo”   [post_title] => Il brand W Hotels sbarca a Poltu Quatu in Sardegna [post_date] => 2024-03-01T12:30:57+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709296257000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462538 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aeroitalia amplia il network da Comiso con l'introduzione, dal prossimo 30 marzo, della rotta per Milano Linate che sarà servita con due frequenze alla settimana, il sabato e la domenica. Questo nuovo collegamento si aggiunge alle altre rotte già servite dalla compagnia dallo scalo Ibleo: Roma Fiumicino, Milano Bergamo, Bologna e Pisa. Sulla rotta sarà impiegato un Boeing 737-800 da 189 posti con il seguente operativo: decollo il sabato da Comiso alle 18,10 e rientro dal city airport milanese alle 20,50; partenza la domenica da Comiso alle 9,10 e da Linate alle 11,50. [post_title] => Aeroitalia aggiunge Milano Linate all'operativo estivo da Comiso [post_date] => 2024-02-29T14:22:22+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709216542000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461508 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà stato l'effetto inflazione o la forte ripresa dei viaggi outgoing, ma il rallentamento della domanda domestica non ha permesso nel 2023 agli arrivi nel ricettivo italiano di raggiungere ancora i livelli pre-Covid. E' la fotografia scattata dagli ultimi dati Istat così come stati riportati dal Sole 24 Ore. Le cifre si riferiscono in particolare al numero degli ospiti registrati l'anno scorso negli alberghi, negli alloggi per le vacanze e nei campeggi della Penisola (escludendo quindi le case private per gli affitti brevi, che non rientrano nell'analisi): un flusso che ha superato nel 2023 i 125 milioni di persone, per un incremento del 5,48% rispetto al 2022, ma senza appunto riuscire a raggiungere i livelli pre-Covid del 2019, quando si erano sorpassati i 131 milioni di ospiti. E a mancare all'appello sono stati soprattutto gli italiani (-2.08%), mentre i viaggiatori internazionali sono saliti del 14,7%. Un trend che ha invertito il tradizionale rapporto tra domanda domestica e straniera nelle strutture ricettive italiane, con la seconda che ha superato la prima. Ma che soprattutto è stato in grado di spingere i fatturati, visto che la spesa dei turisti stranieri aveva già superato i livelli del 2019 nei primi nove mesi dell'anno scorso (+24,5% secondo il Centro Studi Convindustria). Che però qualcosa non sia ancora del tutto a posto, lo testimonia il confronto con la solita Spagna. Nel paese iberico, infatti, il dato comparabile sugli arrivi racconta un'altra storia, con gli ospiti registrati nelle strutture ricettive della destinazione mediterranea che a novembre erano già oltre i livelli totali del 2019 di circa 4 milioni di arrivi, per un totale di quasi 139 milioni. [post_title] => Istat, turismo: gli arrivi in Italia non raggiungono ancora i livelli pre-Covid [post_date] => 2024-02-14T15:19:28+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707923968000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461225 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lumiwings rilancia da Foggia che, dal prossimo 11 marzo, sarà collegata con voli giornalieri a Milano e, subito dopo Pasqua, il martedì e giovedì è garantita l’andata e ritorno in giornata. La compagnia aerea è stata selezionata nel 2022 per operare dal “Gino Lisa” e, da settembre 2022, opera sullo scalo foggiano con Boeing 737-300 configurati a 139 posti. “Penso che la decisione presa da Lumiwings di aumentare le frequenze e successivamente di garantire l’andata e il ritorno in giornata – ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile – risponda appieno alle esigenze del territorio più volte manifestate dall’avvio delle attività operative del ‘Gino Lisa’. Questo primo anno, che possiamo definire per tutti di rodaggio e monitoraggio, è servito per comprendere appieno come intervenire per migliorare le connessioni tra Foggia e Milano. Noi di Aeroporti di Puglia, in sinergia con la Regione, abbiamo ascoltato le esigenze del mondo imprenditoriale e di quanti confidano in una ulteriore razionalizzazione dei collegamenti. Confido che da oggi si apra un nuovo percorso di sviluppo del Gino Lisa su basi più solide”. A far data dal prossimo 11 marzo, infatti, i voli sul sistema Milano saranno operati ogni giorno, venendo incontro a un’esigenza in più occasioni rappresentata dall’utenza. Ma non sarà questa l’unica novità. Dal successivo 2 aprile Lumiwings istituirà due frequenze settimanali, ogni martedì e giovedì, da Milano Bergamo che consentiranno la partenza e il rientro nella stessa giornata, con grande beneficio per una clientela business oriented e una migliore connettività con il Nord-Ovest. La concentrazione dei voli su Milano, peraltro con partenze al mattino presto, consentirà comode prosecuzioni su innumerevoli destinazioni internazionali e potrà rappresentare un migliore strumento in termini di mobilità area anche per quanti vorranno raggiungere, attraverso l’aeroporto di Foggia, le principali mete turistiche della provincia. [post_title] => Lumiwings: voli giornalieri sulla Foggia-Milano dall'11 marzo. Debutto su Bergamo [post_date] => 2024-02-09T12:33:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707482033000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458854 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aeroitalia punta i riflettori sull'aeroporto di Milano Bergamo dove aprirà una nuova rotta per Londra e precisamente sull'aeroporto di Southend. Il collegamento (già in vendita) sarà attivo dal prossimo 25 marzo tutti i giorni, tranne il sabato e operato con Boeing 737-800 configurati con 189 posti. La decisione strategica di operare sull’aeroporto di Londra Southend è stata presa anche in virtù degli ottimi collegamenti che uniscono lo scalo aeroportuale al centro di Londra, raggiungibile in treno in soli 52 minuti; grazie anche alla stazione ferroviaria ubicata di fronte al terminal dell’aeroporto, che favorisce un’agevole e veloce fruizione della connessione con la città. «Questa iniziativa è il risultato di un duro lavoro, dedizione e impegno da parte di tutto il team di Aeroitalia - ha dichiarato Gaetano Intrieri, amministratore delegato di Aeroitalia -. Siamo determinati a continuare a migliorare e ad ampliare le nostre operazioni per offrirvi sempre servizi di alta qualità. Siamo fiduciosi che questa nuova rotta diventerà un ponte tra culture, connettendo le nostre bellissime città italiane con la vibrante energia di Londra». Giacomo Cattaneo, direttore commerciale aviation Sacbo - società di gestione dell'aeroporto di Milano Bergamo, ha aggiunto: «Salutiamo il 2024 con la prima buona notizia: l’annuncio della nuova rotta operata da Aeroitalia che inizierà a volare da Milano Bergamo a Londra Southend in coincidenza con l’entrata in vigore della stagione estiva 2024. Il network del nostro aeroporto si rafforza con una destinazione che permette sia di servire la regione dell’Essex, sia la capitale britannica grazie al collegamento ferroviario con due linee che raggiungono rapidamente e frequentemente il centro della City. Apprezziamo la scelta di Aeroitalia, perché consente di offrire all’utenza dell’aeroporto di Milano Bergamo una ulteriore opportunità di raggiungere Londra e l’area che la circonda”. [post_title] => Aeroitalia rilancia da Milano Bergamo con un nuovo volo per Londra Southend [post_date] => 2024-01-04T11:46:41+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704368801000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1839" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":66,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465005","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Transavia ha fatto il suo debutto all'aeroporto di Milano Malpensa con l'apertura della rotta per Parigi Orly. Si amplia così la proposta dello scalo verso la capitale francese, con le sei frequenze alla settimana (tutti i giorni tranne il sabato) operate dalla compagnia del gruppo Air France-Klm, con un Boeing 737 configurato con 189 passeggeri in classe unica (economy).\r\n\r\nSempre sullo scalo francese, Transavia ha inaugurato anche un nuovo collegamento da Bergen, che viene operato due volte alla settimana, il martedì e il sabato.\r\n \r\n ","post_title":"Transavia collega Milano Malpensa con Parigi Orly con sei frequenze settimanali","post_date":"2024-04-08T09:49:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712569792000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464059","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" Tempo di utili per le principali compagnie aeree  europee, a chiusura di un 2023 nel segno della ripresa. I protagonisti del trasporto aereo del Vecchio Continente, a cominciare dal gruppo Lufthansa a quello di Air France-Klm, dal gruppo Ryanair a Iag, hanno tutti archiviato l'ultimo esercizio con risultati positivi. \r\n\r\nSecondo un'analisi de Il Sole 24 Ore i quattro gruppi hanno registrato un fatturato di 106,16 miliardi di euro nel 2023, pari ad una crescita del +18,9% (16,87 miliardi), mentre gli utili netti aggregati sono cresciuti del +110% (7,45 miliardi).\r\n\r\nA centrare i migliori risultati è stato il gruppo Iag con ricavi per 29,45 miliardi (+27,6%), un utile operativo di 3,51 miliardi (+174%) e un utile netto più che quadruplicato a quota 2,655 miliardi. Anche Lufthansa ha fatto bene, ottenendo il terzo miglior risultato della storia (+15% di ricavi; +76% di utile operativo; +112% di utile netto).\r\n\r\nSi tratta di un trend significativo, se si considera che il volume del traffico internazionale è ancora al di sotto dei livelli pre-pandemici, segnando un -4,3% rispetto al 2019, mentre il traffico domestico è aumentato del +6,7% rispetto al gennaio di cinque anni fa.\r\n\r\nIntanto, nel gennaio 2024, la domanda di viaggio globale è aumentata del +16,6% rispetto allo stesso periodo del 2023, e quella europea del +10%. Una tendenza che conferma la buona performance registrata negli ultimi mesi dello scorso anno. Per questo motivo, l'associazione delle compagnie aeree europee Airlines for Europe (A4E) prevede che nell'estate del 2024 il traffico in Europa sarà del 96% rispetto ai livelli del 2019.\r\n\r\n ","post_title":"Le compagnie aeree europee ritrovano profitti e ricavi record nel 2023","post_date":"2024-03-22T10:11:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1711102312000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463817","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' stato un 2023 record per Club Med, che ha chiuso l'anno con un volume d'affari pari a 1,981 miliardi di euro, in crescita del 17% rispetto al 2022 ma soprattutto del 16% sopra i livelli pre-Covid del 2019. E tutto questo nonostante un catalogo dalla capienza del 2,3% inferiore a quella di quattro anni prima. L'utile operativo dei resort è inoltre ammontato a 174 milioni di euro, con un aumento del 64% rispetto al 2022 e di oltre il 70% rispetto al 2019.\r\n\r\nIl 97% delle camere è ormai Premium o Exclusive Collection\r\n\r\nIl risultato netto è stato quindi di 99 milioni di euro, di cui 40 milioni non ricorrenti, mentre l'ebitda corrente (i margini operativi lordi) hanno raggiunto i 389 milioni. La capienza delle strutture del gruppo, pur rimanendo ancora sotto i livelli del 2019, è inoltre aumentata del 6% rispetto ai 12 mesi precedenti, con il 97% delle camere ormai parte dei resort Premium o della Exclusive Collection (in aumento di 10 punti percentuali anno su anno).\r\n\r\nAdr in crescita dell'8%\r\n\r\nA livello di arrivi, sono stati più di 1,5 milioni di clienti che hanno trascorso le vacanze in un Club Med. Dato in crescita del 16% rispetto al 2022, soprattutto grazie alla ripresa dell'Asia dopo le restrizioni dovute alla pandemia. Il tasso medio di occupazione ha perciò raggiunto il 70%, con un aumento di 3,4 punti percentuali rispetto al 2022. Il free cash-flow è raddoppiato rispetto al 2019 e ammonta a 100 milioni di euro. L'indebitamento netto ammontava a fine dicembre a 189 milioni, vicino al livello pre-pandemia di 178 milioni. In un contesto di forte inflazione, di continuo spostamento verso la fascia alta del mercato e di accelerazione della crescita delle vacanze sulla neve, è stata infine registrata un'ulteriore crescita della tariffa media giornaliera, che si è attestata a 220 euro, per un incremento dell’8% rispetto al 2022.\r\n\r\nNel 2024 terminerà il processo di riposizionamento verso l'alto dell'offerta\r\n\r\n\"Dopo essere tornata ai livelli pre-pandemici già nel 2022, Club Med ha raggiunto quasi 2 miliardi di euro di volume d'affari per la prima volta nella sua storia - commenta il presidente, Henri Giscard d'Estaing -. Il 2024 segnerà la finalizzazione dello spostamento verso l'alto del nostro portafoglio\". Quest'anno, la compagnia aprirà in particolare quattro nuovi resort del segmento Premium: i completamente rinnovati Club Med Vittel Ermitage e Club Med Serre Chevalier in Francia, nonché le new entry cinesi Club Med Joyview Heilongtan e Club Med Forlong.\r\n\r\nI dati Italia: domina il lungo raggio\r\n\r\nScorporando le cifre della compagnia a livello italiano, le destinazioni a lungo raggio sono state le preferite da sette viaggiatori tricolori su dieci. Il fatturato totale della penisola ha poi registrato un incremento del 6% rispetto all’anno precedente. La destinazione più amata è stata quella delle Maldive (20%), mentre a livello di volumi, i tre resort che hanno ricevuto più prenotazioni sono stati il Kani e il Seychelles (con un aumento dell’11%), nonché il Turkoise (+69%). Anche le Antille francesi, dove si può viaggiare senza passaporto, sono state una destinazione particolarmente apprezzata dagli italiani, con il Club Med Boucaniers, in Martinica, che ha messo a segno un incremento dell’8% di ospiti tricolori rispetto al 2022.\r\n\r\nCefalù sugli scudi. Bene anche Pragelato e St. Moritz\r\n\r\nIl Club Med Cefalù rimane invece in cima alla classifica delle destinazioni a corto raggio, supportando l’8% del business totale e il 46% di quello delle destinazioni a corto raggio. Il secondo pillar per l’Italia è stata la montagna, che nel 2023 ha registrato un incremento del 31% rispetto all’anno precedente. Nel dettaglio, i due resort ad alta quota più amati dagli italiani sono stati il Pragelato Sestriere e il St Moritz, che rappresentano il 47% del business del segmento mountain. Entrambi hanno registrato una forte crescita (Pragelato Sestriere +16%; St Moritz +6%).","post_title":"Club Med da record nel 2023: volumi sopra i livelli pre-Covid","post_date":"2024-03-19T11:11:18+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1710846678000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463204","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama Bellevue Sardinia Resort Affiliated by Meliá il primo indirizzo dell'omonimo gruppo spagnolo in Sardegna che aprirà la prossima estate. Affacciato sulla spiaggia di San Pietro a Mare, il resort dispone di 139 camere con terrazze attrezzate e vista sulle acque del golfo dell’Asinara o i giardini della struttura. Fra i servizi a disposizione degli ospiti vi sono anche l'accesso diretto alla spiaggia equipaggiata con lettini e ombrelloni, piscina esterna, palestra en plein air e biciclette a uso gratuito per esplorare la zona circostante. L'offerta gastronomica include un ristorante, un lounge bar vista mare dove godersi cocktail al tramonto e un beach bar.\r\n\r\nCon l'inaugurazione della nuova struttura, frutto della collaborazione con Piazza Hotels & Residences, con cui Meliá ha siglato un accordo di franchising, la compagnia spagnola rafforza il portfolio del proprio brand Affiliated by Meliá, che a oggi conta oltre 70 alberghi nel mondo. In Italia il gruppo vanta invece un totale di 13 indirizzi tra proprietà già operative e in pipeline.","post_title":"Debutto sardo per il gruppo Meliá che sbarca sull'isola grazie al suo brand dedicato al franchising","post_date":"2024-03-11T10:53:51+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1710154431000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462607","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La notizia era nell'aria già dallo scorso maggio, ma ora arriva la conferma ufficiale. Il brand W Hotels di casa Marriott sbarca in Sardegna, a Poltu Quatu, con un nuovo complesso luxury lifestyle da oltre 240 chiavi, di cui circa 150 camere d'albergo e le restanti serviced apartments. La novità è stata comunicata in concomitanza con la chiusura del deal, che ha portato l'asset management company Castello sgr ad acquisire per 70 milioni di euro un importante complesso immobiliare in loco. L'operazione è stata realizzata tramite il fondo di nuova costituzione Gem Fund, che annovera tra i suoi quotisti primari investitori istituzionali e family office. Consiste nel rilancio dell'intera proprietà, composta oggi da un hotel di 139 camere e da oltre 100 unità residenziali.\r\n\r\nIl progetto si inserisce nel piano di sviluppo per consolidare ulteriormente la presenza di Castello sgr nel settore dell’hospitality e che oggi, grazie all’ingresso nel gruppo Anima, acquista ancora maggior vigore e punta nei prossimi anni a una crescita significativa del suo portafoglio, attualmente pari a circa un miliardo di euro e costituito da 32 strutture e oltre 4 mila camere. “L’operazione avviene in un contesto di grande attenzione verso la Sardegna da parte dei brand luxury internazionali, testimoniata da numerose recenti acquisizioni alberghiere - commenta Giampiero Schiavo, amministratore delegato di Castello sgr -. Nel segmento hospitality, particolarmente attrattivo nell’attuale congiuntura di mercato, noi vantiamo un solido track record con diverse operazioni di tipo value added. Con questa acquisizione ci affianchiamo in maniera sinergica al riposizionamento di diverse strutture nel segmento super luxury, contribuendo a consolidare Arzachena con la costa Smeralda come destinazione leader nel mondo”\r\n\r\n ","post_title":"Il brand W Hotels sbarca a Poltu Quatu in Sardegna","post_date":"2024-03-01T12:30:57+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1709296257000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462538","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\n\r\n\r\nAeroitalia amplia il network da Comiso con l'introduzione, dal prossimo 30 marzo, della rotta per Milano Linate che sarà servita con due frequenze alla settimana, il sabato e la domenica.\r\n\r\nQuesto nuovo collegamento si aggiunge alle altre rotte già servite dalla compagnia dallo scalo Ibleo: Roma Fiumicino, Milano Bergamo, Bologna e Pisa.\r\n\r\n\r\nSulla rotta sarà impiegato un Boeing 737-800 da 189 posti con il seguente operativo: decollo il sabato da Comiso alle 18,10 e rientro dal city airport milanese alle 20,50; partenza la domenica da Comiso alle 9,10 e da Linate alle 11,50.\r\n\r\n\r\n","post_title":"Aeroitalia aggiunge Milano Linate all'operativo estivo da Comiso","post_date":"2024-02-29T14:22:22+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709216542000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461508","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà stato l'effetto inflazione o la forte ripresa dei viaggi outgoing, ma il rallentamento della domanda domestica non ha permesso nel 2023 agli arrivi nel ricettivo italiano di raggiungere ancora i livelli pre-Covid. E' la fotografia scattata dagli ultimi dati Istat così come stati riportati dal Sole 24 Ore. Le cifre si riferiscono in particolare al numero degli ospiti registrati l'anno scorso negli alberghi, negli alloggi per le vacanze e nei campeggi della Penisola (escludendo quindi le case private per gli affitti brevi, che non rientrano nell'analisi): un flusso che ha superato nel 2023 i 125 milioni di persone, per un incremento del 5,48% rispetto al 2022, ma senza appunto riuscire a raggiungere i livelli pre-Covid del 2019, quando si erano sorpassati i 131 milioni di ospiti.\r\n\r\nE a mancare all'appello sono stati soprattutto gli italiani (-2.08%), mentre i viaggiatori internazionali sono saliti del 14,7%. Un trend che ha invertito il tradizionale rapporto tra domanda domestica e straniera nelle strutture ricettive italiane, con la seconda che ha superato la prima. Ma che soprattutto è stato in grado di spingere i fatturati, visto che la spesa dei turisti stranieri aveva già superato i livelli del 2019 nei primi nove mesi dell'anno scorso (+24,5% secondo il Centro Studi Convindustria). Che però qualcosa non sia ancora del tutto a posto, lo testimonia il confronto con la solita Spagna. Nel paese iberico, infatti, il dato comparabile sugli arrivi racconta un'altra storia, con gli ospiti registrati nelle strutture ricettive della destinazione mediterranea che a novembre erano già oltre i livelli totali del 2019 di circa 4 milioni di arrivi, per un totale di quasi 139 milioni.","post_title":"Istat, turismo: gli arrivi in Italia non raggiungono ancora i livelli pre-Covid","post_date":"2024-02-14T15:19:28+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707923968000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461225","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lumiwings rilancia da Foggia che, dal prossimo 11 marzo, sarà collegata con voli giornalieri a Milano e, subito dopo Pasqua, il martedì e giovedì è garantita l’andata e ritorno in giornata.\r\n\r\nLa compagnia aerea è stata selezionata nel 2022 per operare dal “Gino Lisa” e, da settembre 2022, opera sullo scalo foggiano con Boeing 737-300 configurati a 139 posti.\r\n\r\n“Penso che la decisione presa da Lumiwings di aumentare le frequenze e successivamente di garantire l’andata e il ritorno in giornata – ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile – risponda appieno alle esigenze del territorio più volte manifestate dall’avvio delle attività operative del ‘Gino Lisa’. Questo primo anno, che possiamo definire per tutti di rodaggio e monitoraggio, è servito per comprendere appieno come intervenire per migliorare le connessioni tra Foggia e Milano. Noi di Aeroporti di Puglia, in sinergia con la Regione, abbiamo ascoltato le esigenze del mondo imprenditoriale e di quanti confidano in una ulteriore razionalizzazione dei collegamenti. Confido che da oggi si apra un nuovo percorso di sviluppo del Gino Lisa su basi più solide”.\r\n\r\nA far data dal prossimo 11 marzo, infatti, i voli sul sistema Milano saranno operati ogni giorno, venendo incontro a un’esigenza in più occasioni rappresentata dall’utenza. Ma non sarà questa l’unica novità. Dal successivo 2 aprile Lumiwings istituirà due frequenze settimanali, ogni martedì e giovedì, da Milano Bergamo che consentiranno la partenza e il rientro nella stessa giornata, con grande beneficio per una clientela business oriented e una migliore connettività con il Nord-Ovest.\r\n\r\nLa concentrazione dei voli su Milano, peraltro con partenze al mattino presto, consentirà comode prosecuzioni su innumerevoli destinazioni internazionali e potrà rappresentare un migliore strumento in termini di mobilità area anche per quanti vorranno raggiungere, attraverso l’aeroporto di Foggia, le principali mete turistiche della provincia.","post_title":"Lumiwings: voli giornalieri sulla Foggia-Milano dall'11 marzo. Debutto su Bergamo","post_date":"2024-02-09T12:33:53+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707482033000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458854","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aeroitalia punta i riflettori sull'aeroporto di Milano Bergamo dove aprirà una nuova rotta per Londra e precisamente sull'aeroporto di Southend. Il collegamento (già in vendita) sarà attivo dal prossimo 25 marzo tutti i giorni, tranne il sabato e operato con Boeing 737-800 configurati con 189 posti.\r\n\r\nLa decisione strategica di operare sull’aeroporto di Londra Southend è stata presa anche in virtù degli ottimi collegamenti che uniscono lo scalo aeroportuale al centro di Londra, raggiungibile in treno in soli 52 minuti; grazie anche alla stazione ferroviaria ubicata di fronte al terminal dell’aeroporto, che favorisce un’agevole e veloce fruizione della connessione con la città.\r\n\r\n«Questa iniziativa è il risultato di un duro lavoro, dedizione e impegno da parte di tutto il team di Aeroitalia - ha dichiarato Gaetano Intrieri, amministratore delegato di Aeroitalia -. Siamo determinati a continuare a migliorare e ad ampliare le nostre operazioni per offrirvi sempre servizi di alta qualità. Siamo fiduciosi che questa nuova rotta diventerà un ponte tra culture, connettendo le nostre bellissime città italiane con la vibrante energia di Londra».\r\n\r\nGiacomo Cattaneo, direttore commerciale aviation Sacbo - società di gestione dell'aeroporto di Milano Bergamo, ha aggiunto: «Salutiamo il 2024 con la prima buona notizia: l’annuncio della nuova rotta operata da Aeroitalia che inizierà a volare da Milano Bergamo a Londra Southend in coincidenza con l’entrata in vigore della stagione estiva 2024. Il network del nostro aeroporto si rafforza con una destinazione che permette sia di servire la regione dell’Essex, sia la capitale britannica grazie al collegamento ferroviario con due linee che raggiungono rapidamente e frequentemente il centro della City. Apprezziamo la scelta di Aeroitalia, perché consente di offrire all’utenza dell’aeroporto di Milano Bergamo una ulteriore opportunità di raggiungere Londra e l’area che la circonda”.","post_title":"Aeroitalia rilancia da Milano Bergamo con un nuovo volo per Londra Southend","post_date":"2024-01-04T11:46:41+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1704368801000]}]}}