23 April 2024

1831

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Quarantennale esperienza in adv, patentino direttore tecnico Regione Lombardia, anche solo titolo. Disponibilità immediata.
Contattare 3487118957.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465774 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aeroitalia guarda avanti, con l'obiettivo di superare quest'anno i 2 milioni di passeggeri, con almeno 200 milioni di euro di ricavi e una compagine di dipendenti destinata a crescere in parallelo fino a contare 400 lavoratori. Sono alcuni degli impegni messi in evidenza dalla compagnia aerea, come spiegato ieri in un incontro a Roma dal presidente Marc Bourgade, e dall'amministratore delegato Gaetano Intrieri; incontro che ha visto la partecipazione del presidente dell'Enac, Pierluigi Di Palma ed è stato occasione per presentare la rivista di bordo, Dolcevita, un nome che evoca il prestigio del Made in Italy e che farà rivivere l’atmosfera e l’accoglienza ottimizzando l’esperienza di volo. Il vettore ha chiuso il bilancio 2023 con ricavi per circa 131 milioni di euro (+415% rispetto al 2022), un ebitda di 9,7 milioni (+1160% rispetto al 2022). L’utile prima delle imposte si è attestato a 6,9 milioni di euro, + 3284% (pari a 33 volte il risultato registrato nel 2022. «Aver dato lavoro a tante persone in cassaintegrazione è stata la mia mission» ha dichiarato Intrieri, evidenziando non solo la crescita dell'azienda ma anche il suo impatto sociale positivo. La recente acquisizione di una compagnia regionale in Romania segna un significativo avanzamento nel percorso di crescita dell'azienda, che si prevede supererà i due milioni di passeggeri nel 2024. «Spero che entro fine anno si possa arrivare a contare su 400 dipendenti, dando sempre priorità a chi proviene dalla cassa integrazione, per cogliere le loro esperienze professionali». Aeroitalia è pronta a valorizzare anche la collaborazione con il trade, attraverso una credit card riservata che verrà presentata a maggio nel corso di una convention rivolta alle 3.000 agenzie di viaggi che già operano col vettore. Focus anche sul traffico bt con una card per le aziende, il Corporate Pass, con una serie di vantaggi tra web check-in, scelta gratuita del posto, cambi data, priorità all’imbarco, check in gratuito in aeroporto.  [post_title] => Aeroitalia punta ai 2 milioni di passeggeri nel 2024 e guarda al trade [post_date] => 2024-04-18T09:51:40+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713433900000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465682 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il gruppo Palladium debutta negli Emirati con un Ushuaïa Unexpected Hotels & Residences. La struttura alberghiera si trova sull'isola di Al Marjan a Ras Al Khaimah, una delle principali destinazioni turistiche e di investimento della regione. Comprenderà un club sulla spiaggia, un ristorante e una piscina a sfioro, tutti situati accanto Wynn Resort Island e con vista sul golfo d’Arabia. Il progetto annunciato sarà realizzato in collaborazione con Al Marjan e Almal Real Estate Development. "Questo è un triplo traguardo per l'azienda, poiché annunciamo il nostro debutto nella Penisola arabica, la crescita di un marchio emblematico per noi e il primo ingresso del gruppo nel segmento delle branded residences", commenta il ceo di Palladium Hotel Group, Jesús Sobrino. La novità segna anche il primo step di una prossima evoluzione del brand Ushuaïa Unexpected Hotels. Nato a Ibiza nel 2011 darà il via al marchio The Unexpected Hotels & Residences. Il processo sarà realizzato gradualmente a partire dalla fine di questa stagione estiva, culminando con la ristrutturazione entro il 2025 della Ushuaïa Tower, che sarà ribattezzata The Unexpected Ibiza Hotel. A partire dall'estate 2025 lo stabilimento di Playa d'en Bossa (Ibiza) sarà così caratterizzato dal rinnovato The Unexpected Ibiza Hotel, con 181 camere e suite, nonché dall'Ushuaïa Ibiza Beach Hotel, con 234 camere e suite. Successivamente il brand darà il benvenuto al suo primo progetto internazionale, con l’apertura dei The Unexpected Al Marjan Island Hotel e The Unexpected Al Marjan Island Residences, previste per il 2026. [post_title] => Palladium sbarca negli Emirati con il brand Ushuaïa Unexpected Hotels & Residences [post_date] => 2024-04-17T09:33:30+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713346410000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465008 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Primo trimestre da record per il Torino Airport, che con oltre 1,11 milioni di passeggeri ha centrato il suo miglior risultato di sempre in questa frazione di inizio anno. Con un totale di 1.114.448 passeggeri, Caselle ha registrato quindi una crescita del 3,7% sullo stesso periodo del 2023 (1.074.195 passeggeri). Tutti e tre i mesi - gennaio, febbraio e marzo - hanno battuto i rispettivi record mensili dell’anno precedente. A trainare la crescita è stato il traffico internazionale con un incremento dei volumi pari al 7,6% arrivando a rappresentare il 60% del traffico totale: i passeggeri dei voli internazionali sono infatti passati da 620mila nel 2023 a oltre 667.000 nel 2024. Tale risultato è stato raggiunto anche grazie all’ottimo andamento del traffico neve registrato nella stagione invernale 2023-2024: il numero di sciatori trasportati ha registrato un incremento del 9% rispetto alla stagione 2022-2023. I voli per gli sciatori dal Nord Europa hanno riportato alcune novità di linea come Belfast (collegata da Ryanair) e London Heathrow (collegata da British Airways), a cui va sommato il volo charter da East Midlands, sempre in Gran Bretagna; inoltre Air Baltic si è aggiunta su Vilnius (già servita da Ryanair). Anche i flussi turistici legati alle vacanze pasquali hanno contribuito in maniera significativa al raggiungimento del record del trimestre: nella settimana di Pasqua, dal giovedì santo al martedì successivo, i passeggeri sono stati oltre 85.000 tra arrivi e partenze, in crescita del 7,9% sui dati registrati negli analoghi giorni di Pasqua 2023 (circa 80.000). [post_title] => Torino Airport: il traffico internazionale traina i risultati record del primo trimestre 2024 [post_date] => 2024-04-08T10:15:55+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712571355000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463478 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022). Discorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022). Pambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022). [post_title] => Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's [post_date] => 2024-03-14T13:32:42+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710423162000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462811 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462812" align="alignright" width="300"] Tiziana Della Serra, md Rephouse Gsa e Alessandro Patacchiola, md di Flexible Autos[/caption] Flexible Autos partecipa per il secondo anno consecutivo alla Bmt di Napoli per incontrare il trade, in collaborazione con Rephouse Gsa, che rappresenta l’azienda per il Centro-sud Italia. L'azienda specializzata nel settore della mobilità e piattaforma broker di noleggio auto ad uso esclusivo delle agenzie di viaggi e del b2b propone una vasta gamma di servizi, tra cui noleggio auto, scooter, furgoni, camper e trasferimenti point to point. La piattaforma broker offre tariffe competitive e una vasta scelta di veicoli, garantendo ai propri partner la massima convenienza e flessibilità. Nel corso degli anni Flexible Autos ha saputo adattarsi alle mutevoli esigenze del mercato, offrendo soluzioni su misura per le agenzie di viaggio, i tour operator e altri operatori del settore. Con una vasta rete di partner e una solida infrastruttura tecnologica, è lo strumento ideale per soddisfare le richieste di mobilità dei clienti in modo efficiente e conveniente.  «Flexible Autos conferma il proprio impegno verso le agenzie di viaggio e siamo orgogliosi di essere riconosciuti come gli specialisti della mobilità in esclusiva per il mercato b2b – commenta Alessandro Patacchiola, md di Flexible Autos - continueremo a fornire soluzioni di noleggio altamente personalizzabili e adatte alle esigenze dei nostri partner commerciali. Siamo impegnati a supportare il trade con una gamma completa di prodotti all’interno di un’unica piattaforma sempre più tecnologica ed intuitiva».  La piattaforma di Flexible Autos garantisce, tramite la rete dei fornitori connessi, accesso a più di 22.000 punti di ritiro in oltre 131 paesi distribuiti nei cinque continenti. Tra le tipologie di prodotti offerti da Flexible Autos c'è il Pack Premium, che comprende, tra l'altro, l'assicurazione senza franchigia dei fornitori, che può essere integrata con l’acquisto del prodotto di Rimborso della franchigia che offre copertura per le eccezioni più comuni tra le assicurazioni fornitori.   [post_title] => Flexible Autos incontra il trade alla Bmt con soluzioni sempre più personalizzabili [post_date] => 2024-03-05T12:11:17+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709640677000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462451 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una full immersion di cinque giorni nelle tradizioni artigianali di tutti i continenti attraverso una mostra di cimeli e curiosità tipiche. L’agenzia milanese 5 Giornate, specializzata in viaggi all’estero su misura, con sede nell’antico dazio di porta Vittoria, offre un’esperienza “per sognare insieme il viaggio per eccellenza – spiega il direttore generale, Andrea Barbieri-: Il giro del mondo in 80 giorni di Jules Verne. Insieme con Elisabetta Invernici e Alberto Oliva, ci siamo ispirati a questa celeberrima opera dello scrittore francese proprio per restituire al pubblico l’immaginario e la fascinazione di una storia che dal 1872 conquista bambini e adulti, mille volte ripresa al cinema, in teatro e in tv”. L’iniziativa dal titolo il Giro del mondo in 5 giornate si svolge in occasione di Museo City 2024, da venerdì 1 a martedì 5 marzo 2024 e l’ingresso è libero. L'inaugurazione è per domani dalle ore 18.30: le avventure di Mister Fog e dei suoi compagni di viaggio protagonisti del romanzo ispireranno una performance teatrale, interpretata dall’attore Gianfilippo Maria Falsina con la sua compagnia, nei costumi d’epoca: gli artisti accompagneranno il pubblico alla scoperta dei cimeli esposti, ciascuno portatore di saperi e tradizioni peculiari. Si tratta di pezzi unici di arte e artigianato di preziosa fattura, raccolti nei più nascosti angoli del mondo, testimonianze etnografiche di valore, custoditi dalle Antiche Botteghe del network milanese Galleria&Friends. A seguire, l’esposizione sarà visitabile nei seguenti orari: sabato 2 e domenica 3 dalle 15 alle 18; lunedì 4 e martedì 5 dalle 9,30 alle 13 e dalle 13,30 alle 18. Ingresso libero. L'agenzia 5 Giornate fa parte del network l'Astrolabio della famiglia Aronson , nome che a sua volta ha fatto la storia dei servizi per il turismo: fu infatti proprietaria della Chiariva (1931), prima agenzia viaggi italiana e terza al mondo nel 1878. Oltre alla 5 Giornate, la rete include, sempre a Milano, anche l’Astrolabio e la Superviaggi, mentre a Bergamo è attiva la Ascot Viaggi. Tutte le attività in capo alla gamiglia Aronson nel 2023 hanno dichiarato un fatturato di oltre 20 milioni di euro.   [post_title] => A Milano l'agenzia 5 Giornate invita a fare il giro del mondo delle tradizioni artigianali [post_date] => 2024-02-29T09:58:21+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709200701000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461508 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà stato l'effetto inflazione o la forte ripresa dei viaggi outgoing, ma il rallentamento della domanda domestica non ha permesso nel 2023 agli arrivi nel ricettivo italiano di raggiungere ancora i livelli pre-Covid. E' la fotografia scattata dagli ultimi dati Istat così come stati riportati dal Sole 24 Ore. Le cifre si riferiscono in particolare al numero degli ospiti registrati l'anno scorso negli alberghi, negli alloggi per le vacanze e nei campeggi della Penisola (escludendo quindi le case private per gli affitti brevi, che non rientrano nell'analisi): un flusso che ha superato nel 2023 i 125 milioni di persone, per un incremento del 5,48% rispetto al 2022, ma senza appunto riuscire a raggiungere i livelli pre-Covid del 2019, quando si erano sorpassati i 131 milioni di ospiti. E a mancare all'appello sono stati soprattutto gli italiani (-2.08%), mentre i viaggiatori internazionali sono saliti del 14,7%. Un trend che ha invertito il tradizionale rapporto tra domanda domestica e straniera nelle strutture ricettive italiane, con la seconda che ha superato la prima. Ma che soprattutto è stato in grado di spingere i fatturati, visto che la spesa dei turisti stranieri aveva già superato i livelli del 2019 nei primi nove mesi dell'anno scorso (+24,5% secondo il Centro Studi Convindustria). Che però qualcosa non sia ancora del tutto a posto, lo testimonia il confronto con la solita Spagna. Nel paese iberico, infatti, il dato comparabile sugli arrivi racconta un'altra storia, con gli ospiti registrati nelle strutture ricettive della destinazione mediterranea che a novembre erano già oltre i livelli totali del 2019 di circa 4 milioni di arrivi, per un totale di quasi 139 milioni. [post_title] => Istat, turismo: gli arrivi in Italia non raggiungono ancora i livelli pre-Covid [post_date] => 2024-02-14T15:19:28+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707923968000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461231 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461237" align="alignleft" width="300"] L'Avani Palazzo Moscova di Milano[/caption] Il gruppo Nh Hotel chiude un ottimo 2023, registrando un fatturato totale di 2,16 miliardi di euro, per un crescita del 23% rispetto al 2022, che gli ha permesso di toccare una quota del 26% superiore a quella dell'anno pre-Covid 2019. Molto bene anche i margini operativi lordi (ebitda), pari a 596 milioni di euro (+15% sul 2022 e 44 mln sopra il 2019), per una redditività superiore al 27%. I profitti netti sono stati infine di 128,1 milioni, con un incremento annuo del 27,7%. Tali performance sono state il frutto di un aumento del 13% delle tariffe medie camera, a quota 138 euro, nonché di una crescita di sette punti percentuali dei tassi di occupazione, saliti al 68%. A fronte di tali cifre, il ricavo medio per camera disponibile si è assestato sui 94 euro (+26% rispetto al 2022; +21% sul 2019). A livello di dettaglio, la compagnia in Italia ha generato ricavi a perimetro costante del 19% superiori al 2022 e del 36% sopra a quelli di quattro anni fa. Roma e Milano sono state le destinazioni che hanno fatto segnare i risultati migliori. La tariffa media Nh nel nostro paese è stata quindi di 181 euro, con un tasso di occupazione del 67%, sostanzialmente in linea con il dato 2019. [post_title] => Nh festeggia un ottimo 2023: ricavi oltre i 2,1 mld con un ebitda poco sotto i 600 mln [post_date] => 2024-02-09T14:59:59+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707490799000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458510 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha aperti ieri i propri battenti il nuovo Mandarin Oriental Savoy, Zurich, terzo indirizzo del gruppo in Svizzera. Situato sulla famosa Paradeplatz, il più antico grand hotel della città è posizionato a pochi passi dal centro storico, dalla prestigiosa Bahnhofstrasse e dalla passeggiata che conduce al lago di Zurigo. La struttura è dotata di 44 camere e 36 suite, molte delle quali con ampie terrazze e rooftop privati. Quattro inoltre le proposte f&b fra ristoranti e bar, sotto la guida dell’executive chef Benjamin Halat. Tra queste spicca l'Orsini, locale fine-dining di cucina italiana che beneficia della consulenza di Antonio Guida, executive chef del due stelle Michelin Seta del Mandarin Oriental, Milan. L'hotel è anche provvisto di oltre 700 metri quadrati di spazi per meeting ed eventi. La storia del Mandarin Oriental Savoy, Zurich, ha inizio la Vigilia di Natale del 1838, quando Johannes Baur, un giovane panettiere austriaco originario del Vorarlberg, fondò il primo grand hotel della città, l'hotel Baur appunto. Reimmaginato dall’interior designer parigino Tristan Auer, il nuovo albergo combina i dettagli storici della struttura con uno stile contemporaneo e viste sui principali monumenti della città. Dal 1838 numerosi nomi di spicco hanno soggiornato in questo hotel. Nel solo 1845, per esempio, il pianista e compositore Franz Liszt risiedette all'hotel Baur per tutto il festival di Beethoven, mentre Charles Dickens fu ospite della struttura con la sua famiglia.   [post_title] => Ha aperto ieri i propri battenti il Mandarin Oriental Savoy, Zurich [post_date] => 2023-12-21T10:34:06+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1703154846000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1831" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":63,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465774","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aeroitalia guarda avanti, con l'obiettivo di superare quest'anno i 2 milioni di passeggeri, con almeno 200 milioni di euro di ricavi e una compagine di dipendenti destinata a crescere in parallelo fino a contare 400 lavoratori.\r\n\r\nSono alcuni degli impegni messi in evidenza dalla compagnia aerea, come spiegato ieri in un incontro a Roma dal presidente Marc Bourgade, e dall'amministratore delegato Gaetano Intrieri; incontro che ha visto la partecipazione del presidente dell'Enac, Pierluigi Di Palma ed è stato occasione per presentare la rivista di bordo, Dolcevita, un nome che evoca il prestigio del Made in Italy e che farà rivivere l’atmosfera e l’accoglienza ottimizzando l’esperienza di volo.\r\n\r\nIl vettore ha chiuso il bilancio 2023 con ricavi per circa 131 milioni di euro (+415% rispetto al 2022), un ebitda di 9,7 milioni (+1160% rispetto al 2022). L’utile prima delle imposte si è attestato a 6,9 milioni di euro, + 3284% (pari a 33 volte il risultato registrato nel 2022.\r\n\r\n«Aver dato lavoro a tante persone in cassaintegrazione è stata la mia mission» ha dichiarato Intrieri, evidenziando non solo la crescita dell'azienda ma anche il suo impatto sociale positivo. La recente acquisizione di una compagnia regionale in Romania segna un significativo avanzamento nel percorso di crescita dell'azienda, che si prevede supererà i due milioni di passeggeri nel 2024. «Spero che entro fine anno si possa arrivare a contare su 400 dipendenti, dando sempre priorità a chi proviene dalla cassa integrazione, per cogliere le loro esperienze professionali».\r\n\r\nAeroitalia è pronta a valorizzare anche la collaborazione con il trade, attraverso una credit card riservata che verrà presentata a maggio nel corso di una convention rivolta alle 3.000 agenzie di viaggi che già operano col vettore. Focus anche sul traffico bt con una card per le aziende, il Corporate Pass, con una serie di vantaggi tra web check-in, scelta gratuita del posto, cambi data, priorità all’imbarco, check in gratuito in aeroporto. ","post_title":"Aeroitalia punta ai 2 milioni di passeggeri nel 2024 e guarda al trade","post_date":"2024-04-18T09:51:40+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713433900000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465682","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il gruppo Palladium debutta negli Emirati con un Ushuaïa Unexpected Hotels & Residences. La struttura alberghiera si trova sull'isola di Al Marjan a Ras Al Khaimah, una delle principali destinazioni turistiche e di investimento della regione. Comprenderà un club sulla spiaggia, un ristorante e una piscina a sfioro, tutti situati accanto Wynn Resort Island e con vista sul golfo d’Arabia. Il progetto annunciato sarà realizzato in collaborazione con Al Marjan e Almal Real Estate Development. \"Questo è un triplo traguardo per l'azienda, poiché annunciamo il nostro debutto nella Penisola arabica, la crescita di un marchio emblematico per noi e il primo ingresso del gruppo nel segmento delle branded residences\", commenta il ceo di Palladium Hotel Group, Jesús Sobrino.\r\n\r\nLa novità segna anche il primo step di una prossima evoluzione del brand Ushuaïa Unexpected Hotels. Nato a Ibiza nel 2011 darà il via al marchio The Unexpected Hotels & Residences. Il processo sarà realizzato gradualmente a partire dalla fine di questa stagione estiva, culminando con la ristrutturazione entro il 2025 della Ushuaïa Tower, che sarà ribattezzata The Unexpected Ibiza Hotel. A partire dall'estate 2025 lo stabilimento di Playa d'en Bossa (Ibiza) sarà così caratterizzato dal rinnovato The Unexpected Ibiza Hotel, con 181 camere e suite, nonché dall'Ushuaïa Ibiza Beach Hotel, con 234 camere e suite. Successivamente il brand darà il benvenuto al suo primo progetto internazionale, con l’apertura dei The Unexpected Al Marjan Island Hotel e The Unexpected Al Marjan Island Residences, previste per il 2026.","post_title":"Palladium sbarca negli Emirati con il brand Ushuaïa Unexpected Hotels & Residences","post_date":"2024-04-17T09:33:30+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1713346410000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465008","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Primo trimestre da record per il Torino Airport, che con oltre 1,11 milioni di passeggeri ha centrato il suo miglior risultato di sempre in questa frazione di inizio anno. Con un totale di 1.114.448 passeggeri, Caselle ha registrato quindi una crescita del 3,7% sullo stesso periodo del 2023 (1.074.195 passeggeri).\r\nTutti e tre i mesi - gennaio, febbraio e marzo - hanno battuto i rispettivi record mensili dell’anno precedente. A trainare la crescita è stato il traffico internazionale con un incremento dei volumi pari al 7,6% arrivando a rappresentare il 60% del traffico totale: i passeggeri dei voli internazionali sono infatti passati da 620mila nel 2023 a oltre 667.000 nel 2024.\r\nTale risultato è stato raggiunto anche grazie all’ottimo andamento del traffico neve registrato nella stagione invernale 2023-2024: il numero di sciatori trasportati ha registrato un incremento del 9% rispetto alla stagione 2022-2023.\r\nI voli per gli sciatori dal Nord Europa hanno riportato alcune novità di linea come Belfast (collegata da Ryanair) e London Heathrow (collegata da British Airways), a cui va sommato il volo charter da East Midlands, sempre in Gran Bretagna; inoltre Air Baltic si è aggiunta su Vilnius (già servita da Ryanair).\r\nAnche i flussi turistici legati alle vacanze pasquali hanno contribuito in maniera significativa al raggiungimento del record del trimestre: nella settimana di Pasqua, dal giovedì santo al martedì successivo, i passeggeri sono stati oltre 85.000 tra arrivi e partenze, in crescita del 7,9% sui dati registrati negli analoghi giorni di Pasqua 2023 (circa 80.000).","post_title":"Torino Airport: il traffico internazionale traina i risultati record del primo trimestre 2024","post_date":"2024-04-08T10:15:55+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712571355000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463478","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022).\r\n\r\nDiscorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022).\r\n\r\nPambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022).","post_title":"Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's","post_date":"2024-03-14T13:32:42+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1710423162000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462811","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462812\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Tiziana Della Serra, md Rephouse Gsa e Alessandro Patacchiola, md di Flexible Autos[/caption]\r\nFlexible Autos partecipa per il secondo anno consecutivo alla Bmt di Napoli per incontrare il trade, in collaborazione con Rephouse Gsa, che rappresenta l’azienda per il Centro-sud Italia.\r\nL'azienda specializzata nel settore della mobilità e piattaforma broker di noleggio auto ad uso esclusivo delle agenzie di viaggi e del b2b propone una vasta gamma di servizi, tra cui noleggio auto, scooter, furgoni, camper e trasferimenti point to point. La piattaforma broker offre tariffe competitive e una vasta scelta di veicoli, garantendo ai propri partner la massima convenienza e flessibilità.\r\nNel corso degli anni Flexible Autos ha saputo adattarsi alle mutevoli esigenze del mercato, offrendo soluzioni su misura per le agenzie di viaggio, i tour operator e altri operatori del settore. Con una vasta rete di partner e una solida infrastruttura tecnologica, è lo strumento ideale per soddisfare le richieste di mobilità dei clienti in modo efficiente e conveniente. \r\n«Flexible Autos conferma il proprio impegno verso le agenzie di viaggio e siamo orgogliosi di essere riconosciuti come gli specialisti della mobilità in esclusiva per il mercato b2b – commenta Alessandro Patacchiola, md di Flexible Autos - continueremo a fornire soluzioni di noleggio altamente personalizzabili e adatte alle esigenze dei nostri partner commerciali. Siamo impegnati a supportare il trade con una gamma completa di prodotti all’interno di un’unica piattaforma sempre più tecnologica ed intuitiva». \r\nLa piattaforma di Flexible Autos garantisce, tramite la rete dei fornitori connessi, accesso a più di 22.000 punti di ritiro in oltre 131 paesi distribuiti nei cinque continenti.\r\nTra le tipologie di prodotti offerti da Flexible Autos c'è il Pack Premium, che comprende, tra l'altro, l'assicurazione senza franchigia dei fornitori, che può essere integrata con l’acquisto del prodotto di Rimborso della franchigia che offre copertura per le eccezioni più comuni tra le assicurazioni fornitori.\r\n ","post_title":"Flexible Autos incontra il trade alla Bmt con soluzioni sempre più personalizzabili","post_date":"2024-03-05T12:11:17+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1709640677000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462451","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una full immersion di cinque giorni nelle tradizioni artigianali di tutti i continenti attraverso una mostra di cimeli e curiosità tipiche. L’agenzia milanese 5 Giornate, specializzata in viaggi all’estero su misura, con sede nell’antico dazio di porta Vittoria, offre un’esperienza “per sognare insieme il viaggio per eccellenza – spiega il direttore generale, Andrea Barbieri-: Il giro del mondo in 80 giorni di Jules Verne. Insieme con Elisabetta Invernici e Alberto Oliva, ci siamo ispirati a questa celeberrima opera dello scrittore francese proprio per restituire al pubblico l’immaginario e la fascinazione di una storia che dal 1872 conquista bambini e adulti, mille volte ripresa al cinema, in teatro e in tv”.\r\n\r\nL’iniziativa dal titolo il Giro del mondo in 5 giornate si svolge in occasione di Museo City 2024, da venerdì 1 a martedì 5 marzo 2024 e l’ingresso è libero. L'inaugurazione è per domani dalle ore 18.30: le avventure di Mister Fog e dei suoi compagni di viaggio protagonisti del romanzo ispireranno una performance teatrale, interpretata dall’attore Gianfilippo Maria Falsina con la sua compagnia, nei costumi d’epoca: gli artisti accompagneranno il pubblico alla scoperta dei cimeli esposti, ciascuno portatore di saperi e tradizioni peculiari. Si tratta di pezzi unici di arte e artigianato di preziosa fattura, raccolti nei più nascosti angoli del mondo, testimonianze etnografiche di valore, custoditi dalle Antiche Botteghe del network milanese Galleria&Friends. A seguire, l’esposizione sarà visitabile nei seguenti orari: sabato 2 e domenica 3 dalle 15 alle 18; lunedì 4 e martedì 5 dalle 9,30 alle 13 e dalle 13,30 alle 18. Ingresso libero.\r\n\r\nL'agenzia 5 Giornate fa parte del network l'Astrolabio della famiglia Aronson , nome che a sua volta ha fatto la storia dei servizi per il turismo: fu infatti proprietaria della Chiariva (1931), prima agenzia viaggi italiana e terza al mondo nel 1878. Oltre alla 5 Giornate, la rete include, sempre a Milano, anche l’Astrolabio e la Superviaggi, mentre a Bergamo è attiva la Ascot Viaggi. Tutte le attività in capo alla gamiglia Aronson nel 2023 hanno dichiarato un fatturato di oltre 20 milioni di euro.  ","post_title":"A Milano l'agenzia 5 Giornate invita a fare il giro del mondo delle tradizioni artigianali","post_date":"2024-02-29T09:58:21+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1709200701000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461508","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà stato l'effetto inflazione o la forte ripresa dei viaggi outgoing, ma il rallentamento della domanda domestica non ha permesso nel 2023 agli arrivi nel ricettivo italiano di raggiungere ancora i livelli pre-Covid. E' la fotografia scattata dagli ultimi dati Istat così come stati riportati dal Sole 24 Ore. Le cifre si riferiscono in particolare al numero degli ospiti registrati l'anno scorso negli alberghi, negli alloggi per le vacanze e nei campeggi della Penisola (escludendo quindi le case private per gli affitti brevi, che non rientrano nell'analisi): un flusso che ha superato nel 2023 i 125 milioni di persone, per un incremento del 5,48% rispetto al 2022, ma senza appunto riuscire a raggiungere i livelli pre-Covid del 2019, quando si erano sorpassati i 131 milioni di ospiti.\r\n\r\nE a mancare all'appello sono stati soprattutto gli italiani (-2.08%), mentre i viaggiatori internazionali sono saliti del 14,7%. Un trend che ha invertito il tradizionale rapporto tra domanda domestica e straniera nelle strutture ricettive italiane, con la seconda che ha superato la prima. Ma che soprattutto è stato in grado di spingere i fatturati, visto che la spesa dei turisti stranieri aveva già superato i livelli del 2019 nei primi nove mesi dell'anno scorso (+24,5% secondo il Centro Studi Convindustria). Che però qualcosa non sia ancora del tutto a posto, lo testimonia il confronto con la solita Spagna. Nel paese iberico, infatti, il dato comparabile sugli arrivi racconta un'altra storia, con gli ospiti registrati nelle strutture ricettive della destinazione mediterranea che a novembre erano già oltre i livelli totali del 2019 di circa 4 milioni di arrivi, per un totale di quasi 139 milioni.","post_title":"Istat, turismo: gli arrivi in Italia non raggiungono ancora i livelli pre-Covid","post_date":"2024-02-14T15:19:28+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707923968000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461231","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461237\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] L'Avani Palazzo Moscova di Milano[/caption]\r\n\r\nIl gruppo Nh Hotel chiude un ottimo 2023, registrando un fatturato totale di 2,16 miliardi di euro, per un crescita del 23% rispetto al 2022, che gli ha permesso di toccare una quota del 26% superiore a quella dell'anno pre-Covid 2019. Molto bene anche i margini operativi lordi (ebitda), pari a 596 milioni di euro (+15% sul 2022 e 44 mln sopra il 2019), per una redditività superiore al 27%. I profitti netti sono stati infine di 128,1 milioni, con un incremento annuo del 27,7%.\r\n\r\nTali performance sono state il frutto di un aumento del 13% delle tariffe medie camera, a quota 138 euro, nonché di una crescita di sette punti percentuali dei tassi di occupazione, saliti al 68%. A fronte di tali cifre, il ricavo medio per camera disponibile si è assestato sui 94 euro (+26% rispetto al 2022; +21% sul 2019). A livello di dettaglio, la compagnia in Italia ha generato ricavi a perimetro costante del 19% superiori al 2022 e del 36% sopra a quelli di quattro anni fa. Roma e Milano sono state le destinazioni che hanno fatto segnare i risultati migliori. La tariffa media Nh nel nostro paese è stata quindi di 181 euro, con un tasso di occupazione del 67%, sostanzialmente in linea con il dato 2019.","post_title":"Nh festeggia un ottimo 2023: ricavi oltre i 2,1 mld con un ebitda poco sotto i 600 mln","post_date":"2024-02-09T14:59:59+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1707490799000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458510","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ha aperti ieri i propri battenti il nuovo Mandarin Oriental Savoy, Zurich, terzo indirizzo del gruppo in Svizzera. Situato sulla famosa Paradeplatz, il più antico grand hotel della città è posizionato a pochi passi dal centro storico, dalla prestigiosa Bahnhofstrasse e dalla passeggiata che conduce al lago di Zurigo. La struttura è dotata di 44 camere e 36 suite, molte delle quali con ampie terrazze e rooftop privati. Quattro inoltre le proposte f&b fra ristoranti e bar, sotto la guida dell’executive chef Benjamin Halat. Tra queste spicca l'Orsini, locale fine-dining di cucina italiana che beneficia della consulenza di Antonio Guida, executive chef del due stelle Michelin Seta del Mandarin Oriental, Milan. L'hotel è anche provvisto di oltre 700 metri quadrati di spazi per meeting ed eventi.\r\n\r\nLa storia del Mandarin Oriental Savoy, Zurich, ha inizio la Vigilia di Natale del 1838, quando Johannes Baur, un giovane panettiere austriaco originario del Vorarlberg, fondò il primo grand hotel della città, l'hotel Baur appunto. Reimmaginato dall’interior designer parigino Tristan Auer, il nuovo albergo combina i dettagli storici della struttura con uno stile contemporaneo e viste sui principali monumenti della città. Dal 1838 numerosi nomi di spicco hanno soggiornato in questo hotel. Nel solo 1845, per esempio, il pianista e compositore Franz Liszt risiedette all'hotel Baur per tutto il festival di Beethoven, mentre Charles Dickens fu ospite della struttura con la sua famiglia.\r\n\r\n ","post_title":"Ha aperto ieri i propri battenti il Mandarin Oriental Savoy, Zurich","post_date":"2023-12-21T10:34:06+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1703154846000]}]}}

Lascia un commento