5 February 2023

1826

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Cediamo, anche separatamente, 2 agenzie viaggi in Roma zona nord e nord est.
Richiesta modica.
Per informazioni contattare 335 387218.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438195 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volano alti gli utili di Ryanair nel terzo trimestre dell'esercizio 2022-23: nei tre mesi chiusi lo scorso 31 dicembre la low cost ha riportato un utile di 211 milioni di euro rispetto al dato pre-Covid dello stesso periodo di 88 milioni di euro. Ryanair ha sottolineato in una nota che la forte domanda di viaggi repressa durante le festività natalizie e di ottobre (senza alcun impatto negativo da Covid o dalla guerra in Ucraina) ha stimolato traffico e tariffe elevate in tutti i mercati.  "Ryanair si è assicurata forti guadagni di quote di mercato nei principali mercati dell'Unione europea poiché abbiamo gestito il 112% della nostra capacità pre-Covid durante i primi 9 mesi dell'anno fiscale - ha affermato il ceo del gruppo, Michael O'Leary - Le crescite più significative di market share sono state in Italia (dal 26% al 40%), Polonia (dal 27% al 38%), Irlanda (dal 49% al 58%) e Spagna (dal 21% al 23%)". "Con i turisti asiatici che stanno tornando e un forte dollaro Usa che incoraggia gli americani a viaggiare in Europa, stiamo assistendo a una forte domanda di voli per la Pasqua e l'estate 2023", ha aggiunto. Ryanair si aspetta ancora di trasportare 168 milioni di passeggeri nell'anno fiscale fino al 31 marzo, ben al di sopra del precedente record annuale di 149 milioni raggiunto prima della pandemia. Allo stesso modo la low cost ha confermato le stime al rialzo per i profitti dell'intero esercizio, che saranno compresi tra 1,325-1,425 miliardi di euro (precedentemente 1,00-1,20 miliardi). [post_title] => Ryanair da record nel terzo trimestre. Domanda robusta per Pasqua ed estate [post_date] => 2023-01-30T08:41:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675068068000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437847 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cambio di direzione al nuovo hotel La Palma. Non sarà più Fabio Datteroni a guidare la riapertura della struttura della Oetker Collection di Capri prevista per il 2023, ma Imelda Shllaku, che ne assumerà il timone a partire dal prossimo 6 marzo. Con una carriera quasi trentennale alle spalle, la futura general manager vanta numerose esperienze nel settore dell’ospitalità di lusso su scala globale. Dopo il suo primo ruolo come hotel manager presso il Sina The Gray di Milano, ha lavorato per il gruppo The Ritz Carlton dapprima a Dublino, poi sull’isola thailandese di Krabi. Successivamente, si è occupata per sette anni della gestione delle proprietà di Londra e Milano di Bulgari Hotel & Resorts, ricoprendo varie posizioni, per diventare, infine, director of rooms presso l’Armani Hotel di Dubai e il One & Only alle Maldive. Dopo un anno di pausa, nel quale si è occupata di consulenze per 15 importanti hotel di lusso, diventa quindi general manager del Baglioni Hotel London. Il suo ultimo ruolo prima di approdare a Capri, l’ha vista diventare global director of rooms & guest experiences per il gruppo Kerzner International. “Sono entusiasta del mio nuovo ruolo come general manager dell’hotel La Palma - commenta la stessa Imelda Shllaku -. Credo che la mia esperienza mi permetterà di guidare i vari team al meglio, per garantire agli ospiti un’esperienza impeccabile. Non vediamo l’ora di aprire le porte di questo luogo speciale e accogliere, sia i locali sia gli ospiti provenienti da ogni parte del mondo". La Palma, costruito nel 1822, e completamente ristrutturato dalla Oetker Collection, è il primo progetto di hôtellerie che porta la firma di Francis Sultana. L'interior designer ha collaborato con i migliori artigiani locali per rendere omaggio alla tradizione. A pochi passi dalla leggendaria Piazzetta, l’hotel offrirà un ristorante e un bar sulla terrazza, un beach club, una nuova piscina, una spa, un fitness centre e tre boutique. La ristorazione sarà curata da chef Gennaro Esposito. [post_title] => Imelda Shllaku al timone della Palma di Capri per la sua riapertura [post_date] => 2023-01-24T13:51:28+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674568288000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437491 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Neos ha siglato un nuovo accordo di wet lease in con Etf Airways, compagnia aerea croata con cui ha già avviato collaborazioni la scorsa estate. In base all'intesa Etf (Enjoy The Flight) Airways metterà a disposizione di Neos un Boeing 737-800 da 186 posti in Acmi, comprendente perciò tutte le prestazioni accessorie quali assicurazione, equipaggio e manutenzione. L'aeromobile sarà dedicato in particolare alle operazioni con partenza da Milano Bergamo, contribuendo a una maggiore flessibilità operativa e commerciale, garantendo una capacità superiore, necessaria in particolare durante l’alta stagione, e migliorando complessivamente gli operativi delle singole rotazioni. “La collaborazione con Etf Airways che rappresenta un’ulteriore opportunità di crescita per il nostro business e che ci permetterà di garantire ai nostri clienti la stabilità operativa che ci contraddistingue, anche nei periodi di maggior richiesta, continuando ad offrire qualità e servizi di alto livello” afferma Carlo Stradiotti, amministratore delegato Neos   [post_title] => Neos: nuovo accordo di wet lease in con il vettore croato Etf Airways [post_date] => 2023-01-18T10:08:16+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674036496000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437000 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A Singapore è scattato il conto alla rovescia per il Capodanno Cinese che quest’anno si celebra il 22 gennaio e darà inizio all’Anno del Coniglio, uno dei dodici segni dello zodiaco animale tipico della cultura cinese. Anche quest’anno, quindi, la città-stato darà vita a River Hongbao, l’evento celebrativo della durata di nove giorni che si terrà a Gardens by the Bay, in cui le protagoniste saranno la storia, la cultura e le tradizioni cinesi. Per tutta la sua durata, saranno organizzati eventi culturali, proposte di intrattenimento e show – tutti accompagnati da proposte food tipiche – per festeggiare un momento così importante per la comunità cinese che, dal 1821, è parte integrante e fondamentale della multietnicità della città-stato. Il 20 gennaio si svolgerà la Opening Ceremony, che segna ufficialmente l’inizio dei festeggiamenti, durante la quale sarà possibile assistere ad esibizioni tradizionali e uniche, avvolti delle tipiche lanterne cinesi che adorneranno le strade di Chinatown. Il giorno successivo, invece, Gardens by the Bay si animerà con i festeggiamenti del Capodanno, un appuntamento imperdibile per accogliere tutti insieme l’arrivo del nuovo anno, durante il quale singaporiani e turisti internazionali potranno ammirare lo spettacolo di fuochi d’artificio, sincronizzati per creare una sinfonia di colori vividi nel cielo, che segnerà l’arrivo dell’Anno del Coniglio. [post_title] => Singapore pronta per le celebrazioni del Capodanno Cinese: si apre l'Anno del Coniglio [post_date] => 2023-01-11T10:03:41+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673431421000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436731 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Cairo ha accolto in flotta tre nuovi Embraer 190, che entreranno in servizio alla fine di gennaio. Consegnati dal 22 dicembre 2022 tramite Ciaf Leasing, i tre E190 da 110 posti della low cost di Egyptair sono i primi aeromobili Embraer di una flotta che comprende quattro Atr-72-600 (70 posti), nove Airbus A320 (174) e nove A320neo (186). Nei progetti di Air Cairo la flotta crescerà fino a 30 velivoli entro il prossimo marzo. I primi voli commerciali dell'E190 sono previsti ogni venerdì a partire dal 27 gennaio 2023 tra Hurghada e l'aeroporto di Budapest-Ferenc Liszt, con una seconda rotazione prevista per l'inizio della stagione estiva. Gli aeromobili a corridoio singolo saranno impiegati anche per Catania, Milano, Napoli e Roma, nonché per Praga, Sarajevo, Banja Luka, Skopje o Yerevan, principalmente da Hurghada (sono previste anche rotte da o per Il Cairo, Luxor o Sharm el Sheikh). [post_title] => Air Cairo: consegnati tre nuovi Embraer 190 che entreranno in servizio da fine gennaio [post_date] => 2023-01-04T09:40:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1672825212000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436028 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_217107" align="alignleft" width="300"] Un'immagine di Cortina[/caption] Prosegue il fermento nella città di Cortina, in vista delle Olimpiadi del 2026. E tra i tanti investitori interessati alla località dolomitiche c'è anche Renzo Rosso, già autore dell'accordo con il gruppo San Domenico Hotels per la gestione del Pelican di Miami. Nell'Ampezzano il patron di Diesel, tramite l'immobiliare di casa Red Circle, ha acquisito due anni fa l'hotel Ancora per quasi 20 milioni di euro. Ora, racconta Pambianco Hotellerie, pensa a una ristrutturazione destinata a costare più del valore del deal. L'Ancora è una proprietà storica, nata nel 1826. Originariamente contava 50 camere ma l'idea è ora quella di ridurle a 40 per aumentarne la metratura e creare un hotel all-suite con stanze di dimensione compresa tra i 55 e i 110 metri quadrati. L'albergo dovrebbe riaprire nel 2024 e proprio in questo periodo si starebbe chiudendo l'accordo per la sua gestione. A capo dei lavori di restyling è stato nominato l'architetto Vicky Charles, già conosciuto per i suoi progetti Soho House in giro per il globo. [post_title] => Il patron di Diesel, Renzo Rosso, lavora a un all-suite da 40 camere a Cortina [post_date] => 2022-12-15T11:44:31+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671104671000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435914 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cathay Pacific ha accolto con favore la decisione del governo di Hong Kong di eliminare alcune delle ultime restrizioni legate al Covid-19, e auspica che la mossa contribuisca ulteriormente a ripristinare le operazioni del proprio hub a Hong Kong International. La compagnia aerea prevede di offrire nel mese di dicembre circa 1,16 milioni di posti attraverso il proprio network, con un aumento del 30% rispetto al mese precedente. Anche la consociata HK Express ha aumentato la capacità del 50,1%, raggiungendo 178.646 posti mese su mese,  Le rotte per Sapporo, Fukuoka, Penang e Dhaka sono riprese a dicembre, mentre Phuket e Nagoya sono tra le destinazioni di Cathay Pacific che ripartiranno a gennaio 2023. Anche HK Express ha ripristinato i voli per Tokyo Haneda, Da Nang e Chiang Mai, mentre i servizi per Jeju e Busan sono in programma per gennaio. Cathay Pacific prevede di ripristinare i livelli di capacità a un terzo della capacità pre-pandemia entro la fine del 2022 e spera di arrivare al 70% circa entro la fine del prossimo anno. Il pieno recupero è previsto per il 2024.   L'allentamento delle restrizioni ai viaggi a Hong Kong arriva mentre la Cina continua a rivedere la rigida politica di zero-Covid. All'inizio di questo mese, Pechino ha eliminato la necessità di sottoporre i viaggiatori ai test prima dei voli nazionali, oltre ad aver rimosso l'obbligo di controlli all'arrivo per i voli regionali. Il 12 dicembre, inoltre, il Paese ha disattivato un'applicazione per il tracciamento dei telefoni. [post_title] => Cathay Pacific aggiunge capacità al network: obiettivo 70% dei livelli pre-Covid entro fine 2023 [post_date] => 2022-12-14T10:53:51+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671015231000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435653 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa. Il percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea. Oltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea. Il progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale.  Il format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché "è su questa linea che si è fatta l’Italia" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone.  La mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana. [post_title] => Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni” [post_date] => 2022-12-07T15:28:06+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670426886000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435534 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si confermano stime molto positive nel 2022 per il turismo in Italia e tutti gli indicatori suggeriscono un ritorno a livelli vicini al periodo pre-pandemico. In questo contesto spicca il settore d’alta gamma, che sta trainando il BelPaese sempre più in alto. A supporto del trend positivo, l’Italia con Enit torna all'edizione 2022 della fiera ILTM di Cannes, dal 5 all'8 dicembre. In uno stand di oltre 660 mq, l’Agenzia nazionale del turismo ha coinvolto 19 regioni e Roma Capitale con oltre a 126 aziende internazionali per promuovere le magnificenze del Paese. Tour-Operator, dmc, mice, hotel di lusso, meeting planner, ecc. per offrire ai buyer internazionali un'ampia gamma di prodotti e servizi, come boutique hotels, beach resorts, attrazioni culturali e uniche, ecotourism family, travel gastronomic experiences, golf resorts, meeting & conference venues, natural wonders, outdoor sports, private villas, serviced apartments, shopping experiences, ski resorts, spa & wellbeing, yacht charter & sailing holidays, tourism boards, celebrations &anniversaries, weddings & honeymoons. L'Italia è tra le destinazioni preferite dai viaggiatori "top di gamma" che cercano arte, cultura ed enogastronomia (Bain & Consulting). Per i turisti francesi ad ottobre e novembre 2022, l’Italia risulta il secondo paese di destinazione in base alle ricerche di alloggio su Google per i viaggi all’estero, preceduta dalla Spagna e seguita dagli Stati Uniti. Ufficio Studi Enit su dati Google Destination Insights. Nei primi 6 mesi del 2022, i viaggiatori francesi in Italia spendono circa 1,6 miliardi di euro, il 180% in più rispetto a gennaio-giugno 2021. (Fonte: Ufficio Studi Enit su dati Banca d’Italia – 2022 provvisori). In testa Lombardia, Piemonte, Lazio, Liguria E Toscana. Il settore è quindi in grado di soddisfare la clientela del turismo di fascia alta che, secondo un'indagine Virtuoso (2022), si aspetta, oltre alla sicurezza tanto ricercata negli ultimi anni, ancora più consulenza, viaggi-evento, esperienze personalizzate iperesclusive e soprattutto responsabili. Con un forte impatto su molti settori del Made in Italy, il turismo di fascia alta è un elemento essenziale per la ripresa dell'economia italiana. Nonostante le tensioni geopolitiche ed economiche, il trend rimane molto positivo per il 2023, in quanto l'assenza dei mercati russo e asiatico è in parte controbilanciata dal ritorno dei clienti europei e americani. “Per dicembre 2022, le prenotazioni aeree dei francesi verso l’Italia risultano attualmente in linea con quelle del medesimo mese 2021, con un’incidenza sul totale internazionale del 6,0%". Nel 2021, tra gli esercizi ricettivi scelti per pernottare durante il soggiorno in Italia, prevalgono gli alberghi: 4,5 milioni di presenze francesi, il 65,5% delle notti complessive, contro circa 2,4 milioni nelle strutture extra-alberghiere, il restante 34,5%.  Tradizionalmente considerata la destinazione ideale dai segmenti affluent, family, honeymoon, anniversary e celebration, l'Italia attrae sempre più anche i millennial e la generazione Z, clienti più giovani alla ricerca di esperienze responsabili e nuove. Per soddisfare le esigenze del settore tenendo conto dell'emergenza ambientale e per adattarsi alle aspirazioni di questa clientela più giovane, l'industria del lusso italiana è attivamente impegnata nel percorso di responsabilità. L'offerta turistica italiana di lusso, sempre più qualitativa e sostenibile, contribuisce anche alla valorizzazione del patrimonio culturale e territoriale” sostiene l’ad Enit Ivana Jelinic. “Questo ottimismo è condiviso dai grandi gruppi alberghieri che stanno prestando un'attenzione sostenuta al settore, come dimostra l'apertura nel 2022 in Italia di 60 hotel di lusso (fonte: Thrends) rivolti ad un pubblico di alto livello. C’è il desiderio di soggiornare in hotel di lusso. Il contatto diretto con la struttura (47,8%) è il canale di prenotazione più utilizzato dalla clientela che sceglie di soggiornare negli alberghi di lusso. Seguono le OTA (29,1%) e il sito web o contatti social dell’albergo. Gli ospiti che frequentano questa tipologia di alberghi sono perlopiù coppie e famiglie. Il raggio di spostamento dei visitatori italiani è prevalentemente interregionale, mentre la clientela estera proviene soprattutto dall’Europa. In generale, Germania (72,7%) e Francia (53,5%) i paesi più assidui, seguiti dagli USA (25,0%). Fonte: Ufficio Studi su dati ENIT/Noto sondaggi - Indagine sull’andamento del settore turistico ricettivo”. commenta Maria Elena Rossi   [post_title] => I francesi scelgono l'Italia. 1,6 miliardi spesi nei primi sei mesi 2022 [post_date] => 2022-12-07T10:49:27+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670410167000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1826" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":14,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":91,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438195","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volano alti gli utili di Ryanair nel terzo trimestre dell'esercizio 2022-23: nei tre mesi chiusi lo scorso 31 dicembre la low cost ha riportato un utile di 211 milioni di euro rispetto al dato pre-Covid dello stesso periodo di 88 milioni di euro. Ryanair ha sottolineato in una nota che la forte domanda di viaggi repressa durante le festività natalizie e di ottobre (senza alcun impatto negativo da Covid o dalla guerra in Ucraina) ha stimolato traffico e tariffe elevate in tutti i mercati. \r\n\r\n\"Ryanair si è assicurata forti guadagni di quote di mercato nei principali mercati dell'Unione europea poiché abbiamo gestito il 112% della nostra capacità pre-Covid durante i primi 9 mesi dell'anno fiscale - ha affermato il ceo del gruppo, Michael O'Leary - Le crescite più significative di market share sono state in Italia (dal 26% al 40%), Polonia (dal 27% al 38%), Irlanda (dal 49% al 58%) e Spagna (dal 21% al 23%)\".\r\n\r\n\"Con i turisti asiatici che stanno tornando e un forte dollaro Usa che incoraggia gli americani a viaggiare in Europa, stiamo assistendo a una forte domanda di voli per la Pasqua e l'estate 2023\", ha aggiunto.\r\n\r\nRyanair si aspetta ancora di trasportare 168 milioni di passeggeri nell'anno fiscale fino al 31 marzo, ben al di sopra del precedente record annuale di 149 milioni raggiunto prima della pandemia. Allo stesso modo la low cost ha confermato le stime al rialzo per i profitti dell'intero esercizio, che saranno compresi tra 1,325-1,425 miliardi di euro (precedentemente 1,00-1,20 miliardi).","post_title":"Ryanair da record nel terzo trimestre. Domanda robusta per Pasqua ed estate","post_date":"2023-01-30T08:41:08+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675068068000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437847","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cambio di direzione al nuovo hotel La Palma. Non sarà più Fabio Datteroni a guidare la riapertura della struttura della Oetker Collection di Capri prevista per il 2023, ma Imelda Shllaku, che ne assumerà il timone a partire dal prossimo 6 marzo. Con una carriera quasi trentennale alle spalle, la futura general manager vanta numerose esperienze nel settore dell’ospitalità di lusso su scala globale. Dopo il suo primo ruolo come hotel manager presso il Sina The Gray di Milano, ha lavorato per il gruppo The Ritz Carlton dapprima a Dublino, poi sull’isola thailandese di Krabi. Successivamente, si è occupata per sette anni della gestione delle proprietà di Londra e Milano di Bulgari Hotel & Resorts, ricoprendo varie posizioni, per diventare, infine, director of rooms presso l’Armani Hotel di Dubai e il One & Only alle Maldive. Dopo un anno di pausa, nel quale si è occupata di consulenze per 15 importanti hotel di lusso, diventa quindi general manager del Baglioni Hotel London. Il suo ultimo ruolo prima di approdare a Capri, l’ha vista diventare global director of rooms & guest experiences per il gruppo Kerzner International.\r\n\r\n“Sono entusiasta del mio nuovo ruolo come general manager dell’hotel La Palma - commenta la stessa Imelda Shllaku -. Credo che la mia esperienza mi permetterà di guidare i vari team al meglio, per garantire agli ospiti un’esperienza impeccabile. Non vediamo l’ora di aprire le porte di questo luogo speciale e accogliere, sia i locali sia gli ospiti provenienti da ogni parte del mondo\". La Palma, costruito nel 1822, e completamente ristrutturato dalla Oetker Collection, è il primo progetto di hôtellerie che porta la firma di Francis Sultana. L'interior designer ha collaborato con i migliori artigiani locali per rendere omaggio alla tradizione. A pochi passi dalla leggendaria Piazzetta, l’hotel offrirà un ristorante e un bar sulla terrazza, un beach club, una nuova piscina, una spa, un fitness centre e tre boutique. La ristorazione sarà curata da chef Gennaro Esposito.","post_title":"Imelda Shllaku al timone della Palma di Capri per la sua riapertura","post_date":"2023-01-24T13:51:28+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674568288000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437491","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Neos ha siglato un nuovo accordo di wet lease in con Etf Airways, compagnia aerea croata con cui ha già avviato collaborazioni la scorsa estate. In base all'intesa Etf (Enjoy The Flight) Airways metterà a disposizione di Neos un Boeing 737-800 da 186 posti in Acmi, comprendente perciò tutte le prestazioni accessorie quali assicurazione, equipaggio e manutenzione.\r\nL'aeromobile sarà dedicato in particolare alle operazioni con partenza da Milano Bergamo, contribuendo a una maggiore flessibilità operativa e commerciale, garantendo una capacità superiore, necessaria in particolare durante l’alta stagione, e migliorando complessivamente gli operativi delle singole rotazioni.\r\n“La collaborazione con Etf Airways che rappresenta un’ulteriore opportunità di crescita per il nostro business e che ci permetterà di garantire ai nostri clienti la stabilità operativa che ci contraddistingue, anche nei periodi di maggior richiesta, continuando ad offrire qualità e servizi di alto livello” afferma Carlo Stradiotti, amministratore delegato Neos\r\n ","post_title":"Neos: nuovo accordo di wet lease in con il vettore croato Etf Airways","post_date":"2023-01-18T10:08:16+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674036496000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437000","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" A Singapore è scattato il conto alla rovescia per il Capodanno Cinese che quest’anno si celebra il 22 gennaio e darà inizio all’Anno del Coniglio, uno dei dodici segni dello zodiaco animale tipico della cultura cinese.\r\nAnche quest’anno, quindi, la città-stato darà vita a River Hongbao, l’evento celebrativo della durata di nove giorni che si terrà a Gardens by the Bay, in cui le protagoniste saranno la storia, la cultura e le tradizioni cinesi. Per tutta la sua durata, saranno organizzati eventi culturali, proposte di intrattenimento e show – tutti accompagnati da proposte food tipiche – per festeggiare un momento così importante per la comunità cinese che, dal 1821, è parte integrante e fondamentale della multietnicità della città-stato.\r\nIl 20 gennaio si svolgerà la Opening Ceremony, che segna ufficialmente l’inizio dei festeggiamenti, durante la quale sarà possibile assistere ad esibizioni tradizionali e uniche, avvolti delle tipiche lanterne cinesi che adorneranno le strade di Chinatown.\r\nIl giorno successivo, invece, Gardens by the Bay si animerà con i festeggiamenti del Capodanno, un appuntamento imperdibile per accogliere tutti insieme l’arrivo del nuovo anno, durante il quale singaporiani e turisti internazionali potranno ammirare lo spettacolo di fuochi d’artificio, sincronizzati per creare una sinfonia di colori vividi nel cielo, che segnerà l’arrivo dell’Anno del Coniglio.","post_title":"Singapore pronta per le celebrazioni del Capodanno Cinese: si apre l'Anno del Coniglio","post_date":"2023-01-11T10:03:41+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1673431421000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436731","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air Cairo ha accolto in flotta tre nuovi Embraer 190, che entreranno in servizio alla fine di gennaio. Consegnati dal 22 dicembre 2022 tramite Ciaf Leasing, i tre E190 da 110 posti della low cost di Egyptair sono i primi aeromobili Embraer di una flotta che comprende quattro Atr-72-600 (70 posti), nove Airbus A320 (174) e nove A320neo (186).\r\n\r\nNei progetti di Air Cairo la flotta crescerà fino a 30 velivoli entro il prossimo marzo. I primi voli commerciali dell'E190 sono previsti ogni venerdì a partire dal 27 gennaio 2023 tra Hurghada e l'aeroporto di Budapest-Ferenc Liszt, con una seconda rotazione prevista per l'inizio della stagione estiva. Gli aeromobili a corridoio singolo saranno impiegati anche per Catania, Milano, Napoli e Roma, nonché per Praga, Sarajevo, Banja Luka, Skopje o Yerevan, principalmente da Hurghada (sono previste anche rotte da o per Il Cairo, Luxor o Sharm el Sheikh).","post_title":"Air Cairo: consegnati tre nuovi Embraer 190 che entreranno in servizio da fine gennaio","post_date":"2023-01-04T09:40:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1672825212000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436028","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_217107\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un'immagine di Cortina[/caption]\r\n\r\nProsegue il fermento nella città di Cortina, in vista delle Olimpiadi del 2026. E tra i tanti investitori interessati alla località dolomitiche c'è anche Renzo Rosso, già autore dell'accordo con il gruppo San Domenico Hotels per la gestione del Pelican di Miami. Nell'Ampezzano il patron di Diesel, tramite l'immobiliare di casa Red Circle, ha acquisito due anni fa l'hotel Ancora per quasi 20 milioni di euro. Ora, racconta Pambianco Hotellerie, pensa a una ristrutturazione destinata a costare più del valore del deal.\r\nL'Ancora è una proprietà storica, nata nel 1826. Originariamente contava 50 camere ma l'idea è ora quella di ridurle a 40 per aumentarne la metratura e creare un hotel all-suite con stanze di dimensione compresa tra i 55 e i 110 metri quadrati. L'albergo dovrebbe riaprire nel 2024 e proprio in questo periodo si starebbe chiudendo l'accordo per la sua gestione. A capo dei lavori di restyling è stato nominato l'architetto Vicky Charles, già conosciuto per i suoi progetti Soho House in giro per il globo.","post_title":"Il patron di Diesel, Renzo Rosso, lavora a un all-suite da 40 camere a Cortina","post_date":"2022-12-15T11:44:31+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1671104671000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435914","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cathay Pacific ha accolto con favore la decisione del governo di Hong Kong di eliminare alcune delle ultime restrizioni legate al Covid-19, e auspica che la mossa contribuisca ulteriormente a ripristinare le operazioni del proprio hub a Hong Kong International.\r\n\r\nLa compagnia aerea prevede di offrire nel mese di dicembre circa 1,16 milioni di posti attraverso il proprio network, con un aumento del 30% rispetto al mese precedente. Anche la consociata HK Express ha aumentato la capacità del 50,1%, raggiungendo 178.646 posti mese su mese,  Le rotte per Sapporo, Fukuoka, Penang e Dhaka sono riprese a dicembre, mentre Phuket e Nagoya sono tra le destinazioni di Cathay Pacific che ripartiranno a gennaio 2023. Anche HK Express ha ripristinato i voli per Tokyo Haneda, Da Nang e Chiang Mai, mentre i servizi per Jeju e Busan sono in programma per gennaio.\r\n\r\nCathay Pacific prevede di ripristinare i livelli di capacità a un terzo della capacità pre-pandemia entro la fine del 2022 e spera di arrivare al 70% circa entro la fine del prossimo anno. Il pieno recupero è previsto per il 2024.\r\n\r\n \r\n\r\nL'allentamento delle restrizioni ai viaggi a Hong Kong arriva mentre la Cina continua a rivedere la rigida politica di zero-Covid. All'inizio di questo mese, Pechino ha eliminato la necessità di sottoporre i viaggiatori ai test prima dei voli nazionali, oltre ad aver rimosso l'obbligo di controlli all'arrivo per i voli regionali. Il 12 dicembre, inoltre, il Paese ha disattivato un'applicazione per il tracciamento dei telefoni.","post_title":"Cathay Pacific aggiunge capacità al network: obiettivo 70% dei livelli pre-Covid entro fine 2023","post_date":"2022-12-14T10:53:51+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1671015231000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435653","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa.\r\n\r\nIl percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea.\r\n\r\nOltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea.\r\n\r\nIl progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale. \r\n\r\nIl format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché \"è su questa linea che si è fatta l’Italia\" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone. \r\n\r\nLa mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana.","post_title":"Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”","post_date":"2022-12-07T15:28:06+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1670426886000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435534","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si confermano stime molto positive nel 2022 per il turismo in Italia e tutti gli indicatori suggeriscono un ritorno a livelli vicini al periodo pre-pandemico. In questo contesto spicca il settore d’alta gamma, che sta trainando il BelPaese sempre più in alto.\r\n\r\nA supporto del trend positivo, l’Italia con Enit torna all'edizione 2022 della fiera ILTM di Cannes, dal 5 all'8 dicembre. In uno stand di oltre 660 mq, l’Agenzia nazionale del turismo ha coinvolto 19 regioni e Roma Capitale con oltre a 126 aziende internazionali per promuovere le magnificenze del Paese. Tour-Operator, dmc, mice, hotel di lusso, meeting planner, ecc. per offrire ai buyer internazionali un'ampia gamma di prodotti e servizi, come boutique hotels, beach resorts, attrazioni culturali e uniche, ecotourism family, travel gastronomic experiences, golf resorts, meeting & conference venues, natural wonders, outdoor sports, private villas, serviced apartments, shopping experiences, ski resorts, spa & wellbeing, yacht charter & sailing holidays, tourism boards, celebrations &anniversaries, weddings & honeymoons.\r\n\r\nL'Italia è tra le destinazioni preferite dai viaggiatori \"top di gamma\" che cercano arte, cultura ed enogastronomia (Bain & Consulting).\r\n\r\nPer i turisti francesi ad ottobre e novembre 2022, l’Italia risulta il secondo paese di destinazione in base alle ricerche di alloggio su Google per i viaggi all’estero, preceduta dalla Spagna e seguita dagli Stati Uniti. Ufficio Studi Enit su dati Google Destination Insights.\r\n\r\nNei primi 6 mesi del 2022, i viaggiatori francesi in Italia spendono circa 1,6 miliardi di euro, il 180% in più rispetto a gennaio-giugno 2021. (Fonte: Ufficio Studi Enit su dati Banca d’Italia – 2022 provvisori). In testa Lombardia, Piemonte, Lazio, Liguria E Toscana.\r\n\r\nIl settore è quindi in grado di soddisfare la clientela del turismo di fascia alta che, secondo un'indagine Virtuoso (2022), si aspetta, oltre alla sicurezza tanto ricercata negli ultimi anni, ancora più consulenza, viaggi-evento, esperienze personalizzate iperesclusive e soprattutto responsabili.\r\n\r\nCon un forte impatto su molti settori del Made in Italy, il turismo di fascia alta è un elemento essenziale per la ripresa dell'economia italiana. Nonostante le tensioni geopolitiche ed economiche, il trend rimane molto positivo per il 2023, in quanto l'assenza dei mercati russo e asiatico è in parte controbilanciata dal ritorno dei clienti europei e americani.\r\n\r\n“Per dicembre 2022, le prenotazioni aeree dei francesi verso l’Italia risultano attualmente in linea con quelle del medesimo mese 2021, con un’incidenza sul totale internazionale del 6,0%\".\r\n\r\nNel 2021, tra gli esercizi ricettivi scelti per pernottare durante il soggiorno in Italia, prevalgono gli alberghi: 4,5 milioni di presenze francesi, il 65,5% delle notti complessive, contro circa 2,4 milioni nelle strutture extra-alberghiere, il restante 34,5%. \r\n\r\nTradizionalmente considerata la destinazione ideale dai segmenti affluent, family, honeymoon, anniversary e celebration, l'Italia attrae sempre più anche i millennial e la generazione Z, clienti più giovani alla ricerca di esperienze responsabili e nuove. Per soddisfare le esigenze del settore tenendo conto dell'emergenza ambientale e per adattarsi alle aspirazioni di questa clientela più giovane, l'industria del lusso italiana è attivamente impegnata nel percorso di responsabilità. L'offerta turistica italiana di lusso, sempre più qualitativa e sostenibile, contribuisce anche alla valorizzazione del patrimonio culturale e territoriale” sostiene l’ad Enit Ivana Jelinic.\r\n\r\n“Questo ottimismo è condiviso dai grandi gruppi alberghieri che stanno prestando un'attenzione sostenuta al settore, come dimostra l'apertura nel 2022 in Italia di 60 hotel di lusso (fonte: Thrends) rivolti ad un pubblico di alto livello. C’è il desiderio di soggiornare in hotel di lusso. Il contatto diretto con la struttura (47,8%) è il canale di prenotazione più utilizzato dalla clientela che sceglie di soggiornare negli alberghi di lusso. Seguono le OTA (29,1%) e il sito web o contatti social dell’albergo. Gli ospiti che frequentano questa tipologia di alberghi sono perlopiù coppie e famiglie. Il raggio di spostamento dei visitatori italiani è prevalentemente interregionale, mentre la clientela estera proviene soprattutto dall’Europa. In generale, Germania (72,7%) e Francia (53,5%) i paesi più assidui, seguiti dagli USA (25,0%). Fonte: Ufficio Studi su dati ENIT/Noto sondaggi - Indagine sull’andamento del settore turistico ricettivo”. commenta Maria Elena Rossi\r\n\r\n ","post_title":"I francesi scelgono l'Italia. 1,6 miliardi spesi nei primi sei mesi 2022","post_date":"2022-12-07T10:49:27+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670410167000]}]}}

Lascia un commento