5 February 2023

1824

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

DIRETTORE TECNICO ADV LOMBARDIA-REGIONI LIMITROFE OFFRESI.
ESPERIENZA PLURIDECENNALE CERTIFICATA.
REGOLARMENTE ISCRITTO ALBO, a seguito REGOLARE SUPERAMENTO CONCORSO DI ABILITAZIONE DIRIGENTI TURISTICI.
In possesso di REALI REQUISITI PROFESSIONALI-TEORICO-PRATICI, CERTIFICATI DA COMMISSIONE D’ESAME.
OTTIMA VOTAZIONE in tutte le prove sostenute e COMPLIMENTI DELLA COMMISSIONE D’ESAME, come da CERTIFICATO SCRITTO.
LAUREA 109/110+MASTER SPECIALIZZAZIONE TOUR LEADER-TOURIST MANAGER.
AGENTE CERTIFICATO IATA.
GESTIONE COMPLETA FRONT E BACK-OFFICE.
PROGRAMMAZIONE-ACCOMPAGNAMENTO GRUPPI: DECENNALE ESPERIENZA come ESPERTO CONSULENTE presso associazione socio-culturale.
Compenso da concordare:MASSIMA FLESSIBILITA’
SI GARANTISCE: ESPERIENZA-PROFESSIONALITA’-AFFIDABILITA’
DISPONIBILITA’ IMMEDIATA.
Dott. Valtorta: 346 3025738; direttoretecnicolom@libero.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437847 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Cambio di direzione al nuovo hotel La Palma. Non sarà più Fabio Datteroni a guidare la riapertura della struttura della Oetker Collection di Capri prevista per il 2023, ma Imelda Shllaku, che ne assumerà il timone a partire dal prossimo 6 marzo. Con una carriera quasi trentennale alle spalle, la futura general manager vanta numerose esperienze nel settore dell’ospitalità di lusso su scala globale. Dopo il suo primo ruolo come hotel manager presso il Sina The Gray di Milano, ha lavorato per il gruppo The Ritz Carlton dapprima a Dublino, poi sull’isola thailandese di Krabi. Successivamente, si è occupata per sette anni della gestione delle proprietà di Londra e Milano di Bulgari Hotel & Resorts, ricoprendo varie posizioni, per diventare, infine, director of rooms presso l’Armani Hotel di Dubai e il One & Only alle Maldive. Dopo un anno di pausa, nel quale si è occupata di consulenze per 15 importanti hotel di lusso, diventa quindi general manager del Baglioni Hotel London. Il suo ultimo ruolo prima di approdare a Capri, l’ha vista diventare global director of rooms & guest experiences per il gruppo Kerzner International. “Sono entusiasta del mio nuovo ruolo come general manager dell’hotel La Palma - commenta la stessa Imelda Shllaku -. Credo che la mia esperienza mi permetterà di guidare i vari team al meglio, per garantire agli ospiti un’esperienza impeccabile. Non vediamo l’ora di aprire le porte di questo luogo speciale e accogliere, sia i locali sia gli ospiti provenienti da ogni parte del mondo". La Palma, costruito nel 1822, e completamente ristrutturato dalla Oetker Collection, è il primo progetto di hôtellerie che porta la firma di Francis Sultana. L'interior designer ha collaborato con i migliori artigiani locali per rendere omaggio alla tradizione. A pochi passi dalla leggendaria Piazzetta, l’hotel offrirà un ristorante e un bar sulla terrazza, un beach club, una nuova piscina, una spa, un fitness centre e tre boutique. La ristorazione sarà curata da chef Gennaro Esposito. [post_title] => Imelda Shllaku al timone della Palma di Capri per la sua riapertura [post_date] => 2023-01-24T13:51:28+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674568288000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437707 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Da una parte l'attesa per il via libera del Mef che porterà all'avvio della trattativa in esclusiva con Lufthansa. Dall'altra l'inasprirsi dei rapporti con i sindacati sul fronte delle retribuzioni del personale navigante. Ita Airways affronta l'ennesimo ostacolo dopo l'incontro dello scorso venerdì con le rappresentanze sociali. Secondo queste ultime gli stipendi sono stati dimezzati rispetto a quelli di Alitalia. Che al tempo del passaggio a Cai erano ampiamente al di sotto a quelli della compagnia di bandiera. In pratica, come evidenzia il Sole 24 Ore, la retribuzione sarebbe sul livello di una start up. Nell’accordo raggiunto con i sindacati il 2 dicembre 2021, su valori inferiori anche rispetto a quanto percepito dai colleghi delle low cost.  Chiesta l'applicazione del ccnl del trasporto Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt e Uglta nel sollecitare un aumento delle retribuzioni, con la piena applicazione del Ccnl del trasporto aereo, hanno prodotto delle slides al tavolo con l’azienda. Un comandante di Ita Airways con 15 anni di anzianità 18 giorni di lavoro in un mese e 70 ore di volo ha una retribuzione lorda di 6.500 euro (93 euro per ora volata). Contro le 11.520 di Ryanair (165 euro per ora di volo), 15.200 di easyJet (217 euro per ora), 8.700 di Wizz Air (124 euro), 13.900 di Vueling (199 euro). I sindacati spiegano che, rispetto a dicembre 2021, quando era stato siglato l’accordo start up di Ita Airways, la realtà è del tutto cambiata. Il settore è ripartito, recuperando quasi i livelli di traffico pre pandemia. Di conseguenza questi livelli retributivi non sono più giustificati né accettabili. Tutte le sigle hanno quindi deciso di attivare una forma di allarme. «Le procedure di raffreddamento e conciliazione - quelle che anticipano la dichiarazione di uno sciopero - per rivendicare formalmente quanto richiesto. Ricorrendo a tutte le azioni per traguardare i risultati attesi, coerenti con le aspettative e a tutela di tutti i dipendenti». Il nuovo incontro è programmato per il prossimo 31 gennaio.   [post_title] => Ita: scontro coi sindacati su stipendi. Piloti pagati meno delle low cost [post_date] => 2023-01-23T09:30:58+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674466258000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437469 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Decollerà il prossimo 20 gennaio sulla rotta da Parigi-Charles de Gaulle per New York-Jfk il primo Boeing 777-300er di Air France dotato delle più recenti cabine a lungo raggio. "Fontainebleau", questo il nome dell'aeromobile, servirà poi l'aeroporto di Rio de Janeiro, dal 21 gennaio e quello di Dakar, dal 22 gennaio. Il continuo rinnovo dei 12 Boeing 777-300Er di Air France consentirà alla compagnia aerea di offrire gradualmente un maggior numero di voli dotati di queste nuove cabine verso queste prime tre destinazioni durante la stagione invernale, per poi espandere il network nel corso dell'anno. In questo modo tutte le cabine Business di lungo raggio della compagnia saranno dotate di sedili che si trasformano in letti completamente piatti entro la fine del 2023, rispetto all'attuale 90%. Entro questa data, l'intera flotta* sarà anche dotata di wi-fi in volo, rispetto all'attuale 97%. Nella cabina Business (48 posti) la poltrona, completamente ridisegnata, presenta curve ancora più avvolgenti e un maggiore comfort. Il design di questa poltrona si basa sulle 3 "F": Full Flat, la poltrona si trasforma in un vero e proprio letto lungo quasi due metri, Full Access, che consente a tutti i passeggeri di accedere direttamente al corridoio, e Full Privacy, che garantisce una privacy ottimale. Una nuova porta scorrevole consente ai passeggeri di creare uno spazio totalmente privato, lontano dalla vista degli altri passeggeri della cabina. Il sedile è inoltre dotato di un ampio schermo da 17,3 pollici ad alta definizione 4K antiriflesso con cuffie a riduzione del rumore, una nuova connessione Bluetooth che consente ai passeggeri di utilizzare le proprie cuffie e diverse prese elettriche. Nella cabina Premium Economy (48 posti) Air France introduce il suo ultimo modello di sedile reclinabile, già disponibile sui suoi Airbus A350, migliorandone ulteriormente il comfort. Ogni poltrona offre 96 cm di spazio per le gambe. I cuscini dei sedili sono stati ridisegnati e il tessuto a spina di pesce blu navy aggiunge ulteriore morbidezza. Lo schienale è reclinabile a 124 gradi ed è stato allargato per garantire una maggiore privacy. Una nuova cuffia audio a riduzione del rumore è integrata nel sedile ed è facile da usare in qualsiasi momento durante il volo. Il sedile è inoltre dotato di porte USB A e C. Anche nella cabina Economy (273 posti), i sedili soddisfano i più alti standard di comfort del mercato. Ogni sedile ha un'ampia seduta di 43 cm, una reclinazione di 119 gradi e 79 cm di spazio per le gambe. Lo schienale è progettato in modo ergonomico e offre un sostegno laterale rinforzato. È inoltre dotato di una porta USB A. [post_title] => Air France: decollano le nuove cabine per il lungo raggio da New York a Rio e Dakar [post_date] => 2023-01-18T09:15:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674033345000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437000 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A Singapore è scattato il conto alla rovescia per il Capodanno Cinese che quest’anno si celebra il 22 gennaio e darà inizio all’Anno del Coniglio, uno dei dodici segni dello zodiaco animale tipico della cultura cinese. Anche quest’anno, quindi, la città-stato darà vita a River Hongbao, l’evento celebrativo della durata di nove giorni che si terrà a Gardens by the Bay, in cui le protagoniste saranno la storia, la cultura e le tradizioni cinesi. Per tutta la sua durata, saranno organizzati eventi culturali, proposte di intrattenimento e show – tutti accompagnati da proposte food tipiche – per festeggiare un momento così importante per la comunità cinese che, dal 1821, è parte integrante e fondamentale della multietnicità della città-stato. Il 20 gennaio si svolgerà la Opening Ceremony, che segna ufficialmente l’inizio dei festeggiamenti, durante la quale sarà possibile assistere ad esibizioni tradizionali e uniche, avvolti delle tipiche lanterne cinesi che adorneranno le strade di Chinatown. Il giorno successivo, invece, Gardens by the Bay si animerà con i festeggiamenti del Capodanno, un appuntamento imperdibile per accogliere tutti insieme l’arrivo del nuovo anno, durante il quale singaporiani e turisti internazionali potranno ammirare lo spettacolo di fuochi d’artificio, sincronizzati per creare una sinfonia di colori vividi nel cielo, che segnerà l’arrivo dell’Anno del Coniglio. [post_title] => Singapore pronta per le celebrazioni del Capodanno Cinese: si apre l'Anno del Coniglio [post_date] => 2023-01-11T10:03:41+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673431421000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436867 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Israele prosegue la propria marcia verso il recupero dei flussi turistici pre pandemia: nel 2022 i turisti stranieri sono stati 2,67 milioni, numero che resta però ancora al di sotto dei livelli 2019, quando gli arrivi avevano raggiunto la cifra record di 4,6 milioni. Secondo i dati del ministero del turismo, l'ammontare delle entrate dall'estero per il 2022 si attesta a oltre 3,8 miliardi di dollari. Il Ministero del Turismo sostiene che il numero di arrivi relativamente basso sia da imputare all'apertura 'tardiva' dei cieli israeliani (nel marzo 2022 ma, senza alcuna restrizione, tre mesi dopo, a maggio) rispetto ad altre destinazioni della regione o dell'Europa. Di conseguenza, il tasso di recupero dalla crisi di Israele risulta leggermente inferiore alla media globale. L'ottimismo però non manca visto che i numeri risultano in costante crescita, di mese in mese. "Nel dicembre 2022 sono stati registrati 266.000 turisti (rispetto ai 205.000 del dicembre 2021 e ai 358.300 del dicembre 2019), con un calo limitato al 25% circa rispetto al dicembre 2019". Numeri già da record, invece, per i pernottamenti 2022, che hanno superato i 20 milioni: "Si tratta di un numero record, maggiore rispetto al dato 2019 di 18,4 milioni" spiega una nota del Ministero del Turismo che attribuisce la crescita al forte aumento del numero di pernottamenti da parte degli israeliani. "Di conseguenza sono aumentate anche le entrate del turismo interno, fino a 4,8 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del 2019". [post_title] => Israele totalizza 2,67 milioni di arrivi stranieri nel 2022. Exploit del turismo domestico [post_date] => 2023-01-09T10:12:49+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673259169000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436028 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_217107" align="alignleft" width="300"] Un'immagine di Cortina[/caption] Prosegue il fermento nella città di Cortina, in vista delle Olimpiadi del 2026. E tra i tanti investitori interessati alla località dolomitiche c'è anche Renzo Rosso, già autore dell'accordo con il gruppo San Domenico Hotels per la gestione del Pelican di Miami. Nell'Ampezzano il patron di Diesel, tramite l'immobiliare di casa Red Circle, ha acquisito due anni fa l'hotel Ancora per quasi 20 milioni di euro. Ora, racconta Pambianco Hotellerie, pensa a una ristrutturazione destinata a costare più del valore del deal. L'Ancora è una proprietà storica, nata nel 1826. Originariamente contava 50 camere ma l'idea è ora quella di ridurle a 40 per aumentarne la metratura e creare un hotel all-suite con stanze di dimensione compresa tra i 55 e i 110 metri quadrati. L'albergo dovrebbe riaprire nel 2024 e proprio in questo periodo si starebbe chiudendo l'accordo per la sua gestione. A capo dei lavori di restyling è stato nominato l'architetto Vicky Charles, già conosciuto per i suoi progetti Soho House in giro per il globo. [post_title] => Il patron di Diesel, Renzo Rosso, lavora a un all-suite da 40 camere a Cortina [post_date] => 2022-12-15T11:44:31+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671104671000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435930 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_331279" align="alignleft" width="300"] Sebastian Ebel[/caption] Fatturato quasi quadruplicato rispetto ai 12 mesi precedenti per il gruppo Tui, che ha chiuso lo scorso 30 settembre il proprio anno finanziario 2021-22 a quota 16,55 miliardi di euro, contro i 4,73 miliardi dell'esercizio 2020-21, attestandosi quindi su livelli non troppo lontani dei 18,93 miliardi del 2018-19. Bene anche l'utile operativo sottostante ante oneri finanziari e imposte (underlying ebit) che ritorna in territorio positivo per 409 milioni di euro, contro il rosso da -2,08 miliardi dell'anno scorso. Bottom line invece ancora negativa (-277,3 milioni) ma nettamente in miglioramento rispetto ai 2,47 miliardi di perdite dei 12 mesi precedenti. A trainare le performance dell'operatore tedesco un'ottima estate: nel quarto trimestre dell'anno fiscale (da luglio a settembre), Tui ha infatti generato 7,61 miliardi di ricavi (contro i 3,37 miliardi dello stesso periodo dell'esercizio precedente), assicurandosi un underlying ebit di 1,04 miliardi. "Il turismo rimane un'industria attrattiva e di ampio respiro. Lo rivelano tutti i fondamentali economici e i mega-trend di lungo periodo, che restano intatti - commenta il ceo del gruppo Tui, Sebastian Ebel -. Ci aspettiamo quindi un solido anno finanziario 2022-23, sebbene siamo consapevoli dei fattori di mercato esogeni che potrebbero avere un impatto negativo sul settore. Il nostro focus strategico punta ora a creare un'offerta più ampia che ci consenta di attrarre nuovi clienti". Il prossimo inverno, rivela una nota del gruppo, sarà ancora caratterizzato dalle sfide della guerra in Ucraina, dall'incremento dell'inflazione e dei costi energetici, nonché dalla volatilità dei tassi cambio e dagli strascichi della pandemia. Allo scorso 30 settembre, Tui aveva già venduto il 52% dei propri prodotti invernali. Un dato che vale il 134% della stagione precedente e l'84% di quella 2018-19. Crescono al contempo le tariffe medie: del 28% rispetto ai livelli pre-pandemia e del 7% in confronto all'inverno 2021/22. [post_title] => Tui rivede i livelli del 2019 e minimizza le perdite. Fatturato a 16,55 mld [post_date] => 2022-12-14T12:55:56+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671022556000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435653 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa. Il percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea. Oltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea. Il progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale.  Il format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché "è su questa linea che si è fatta l’Italia" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone.  La mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana. [post_title] => Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni” [post_date] => 2022-12-07T15:28:06+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670426886000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435097 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435107" align="alignright" width="300"] Korean Air, A321neo - Prestige Class[/caption] Korean Air ha accolto in flotta il suo primo Airbus 321neo, che entrerà in servizio già da dicembre: l'aeromobile è dotato di sedili totalmente lie-flat in business class, diventando così la prima compagnia aerea coreana a offrire questa caratteristica su un velivolo narrowbody. Il nuovo A321neo potrà ospitare fino a 182 passeggeri (otto in classe Prestige e 174 in classe economica) e opererà principalmente su rotte a corto raggio, tra cui quelle verso il Sud-est asiatico, la Cina e il Giappone. "Questo A321neo di nuova generazione, efficiente dal punto di vista dei consumi, porterà l'esperienza dei nostri passeggeri a un nuovo livello, grazie alla pluripremiata cabina Airspace e ai sedili completamente lie-flat della business class" ha sottolineato Soo Keun Lee, vicepresidente esecutivo e chief safety & operation officer di Korean Air.  Dalla prima metà del prossimo anno i passeggeri dell'A321neo potranno anche acquistare la possibilità di internet a bordo. Korean Air dovrebbe ricevere un totale di 30 aeromobili Airbus 321neo entro il 2027. [post_title] => Korean Air: in servizio da dicembre il primo A321neo con poltrone lie-flat [post_date] => 2022-11-30T10:54:34+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669805674000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1824" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":80,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437847","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Cambio di direzione al nuovo hotel La Palma. Non sarà più Fabio Datteroni a guidare la riapertura della struttura della Oetker Collection di Capri prevista per il 2023, ma Imelda Shllaku, che ne assumerà il timone a partire dal prossimo 6 marzo. Con una carriera quasi trentennale alle spalle, la futura general manager vanta numerose esperienze nel settore dell’ospitalità di lusso su scala globale. Dopo il suo primo ruolo come hotel manager presso il Sina The Gray di Milano, ha lavorato per il gruppo The Ritz Carlton dapprima a Dublino, poi sull’isola thailandese di Krabi. Successivamente, si è occupata per sette anni della gestione delle proprietà di Londra e Milano di Bulgari Hotel & Resorts, ricoprendo varie posizioni, per diventare, infine, director of rooms presso l’Armani Hotel di Dubai e il One & Only alle Maldive. Dopo un anno di pausa, nel quale si è occupata di consulenze per 15 importanti hotel di lusso, diventa quindi general manager del Baglioni Hotel London. Il suo ultimo ruolo prima di approdare a Capri, l’ha vista diventare global director of rooms & guest experiences per il gruppo Kerzner International.\r\n\r\n“Sono entusiasta del mio nuovo ruolo come general manager dell’hotel La Palma - commenta la stessa Imelda Shllaku -. Credo che la mia esperienza mi permetterà di guidare i vari team al meglio, per garantire agli ospiti un’esperienza impeccabile. Non vediamo l’ora di aprire le porte di questo luogo speciale e accogliere, sia i locali sia gli ospiti provenienti da ogni parte del mondo\". La Palma, costruito nel 1822, e completamente ristrutturato dalla Oetker Collection, è il primo progetto di hôtellerie che porta la firma di Francis Sultana. L'interior designer ha collaborato con i migliori artigiani locali per rendere omaggio alla tradizione. A pochi passi dalla leggendaria Piazzetta, l’hotel offrirà un ristorante e un bar sulla terrazza, un beach club, una nuova piscina, una spa, un fitness centre e tre boutique. La ristorazione sarà curata da chef Gennaro Esposito.","post_title":"Imelda Shllaku al timone della Palma di Capri per la sua riapertura","post_date":"2023-01-24T13:51:28+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674568288000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437707","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Da una parte l'attesa per il via libera del Mef che porterà all'avvio della trattativa in esclusiva con Lufthansa. Dall'altra l'inasprirsi dei rapporti con i sindacati sul fronte delle retribuzioni del personale navigante. Ita Airways affronta l'ennesimo ostacolo dopo l'incontro dello scorso venerdì con le rappresentanze sociali. Secondo queste ultime gli stipendi sono stati dimezzati rispetto a quelli di Alitalia. Che al tempo del passaggio a Cai erano ampiamente al di sotto a quelli della compagnia di bandiera. In pratica, come evidenzia il Sole 24 Ore, la retribuzione sarebbe sul livello di una start up. Nell’accordo raggiunto con i sindacati il 2 dicembre 2021, su valori inferiori anche rispetto a quanto percepito dai colleghi delle low cost. \r\n\r\nChiesta l'applicazione del ccnl del trasporto\r\nFilt Cgil, Fit Cisl, Uilt e Uglta nel sollecitare un aumento delle retribuzioni, con la piena applicazione del Ccnl del trasporto aereo, hanno prodotto delle slides al tavolo con l’azienda. Un comandante di Ita Airways con 15 anni di anzianità 18 giorni di lavoro in un mese e 70 ore di volo ha una retribuzione lorda di 6.500 euro (93 euro per ora volata). Contro le 11.520 di Ryanair (165 euro per ora di volo), 15.200 di easyJet (217 euro per ora), 8.700 di Wizz Air (124 euro), 13.900 di Vueling (199 euro).\r\nI sindacati spiegano che, rispetto a dicembre 2021, quando era stato siglato l’accordo start up di Ita Airways, la realtà è del tutto cambiata. Il settore è ripartito, recuperando quasi i livelli di traffico pre pandemia. Di conseguenza questi livelli retributivi non sono più giustificati né accettabili. Tutte le sigle hanno quindi deciso di attivare una forma di allarme. «Le procedure di raffreddamento e conciliazione - quelle che anticipano la dichiarazione di uno sciopero - per rivendicare formalmente quanto richiesto. Ricorrendo a tutte le azioni per traguardare i risultati attesi, coerenti con le aspettative e a tutela di tutti i dipendenti».\r\n\r\nIl nuovo incontro è programmato per il prossimo 31 gennaio.\r\n ","post_title":"Ita: scontro coi sindacati su stipendi. Piloti pagati meno delle low cost","post_date":"2023-01-23T09:30:58+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674466258000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437469","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Decollerà il prossimo 20 gennaio sulla rotta da Parigi-Charles de Gaulle per New York-Jfk il primo Boeing 777-300er di Air France dotato delle più recenti cabine a lungo raggio. \"Fontainebleau\", questo il nome dell'aeromobile, servirà poi l'aeroporto di Rio de Janeiro, dal 21 gennaio e quello di Dakar, dal 22 gennaio.\r\n\r\nIl continuo rinnovo dei 12 Boeing 777-300Er di Air France consentirà alla compagnia aerea di offrire gradualmente un maggior numero di voli dotati di queste nuove cabine verso queste prime tre destinazioni durante la stagione invernale, per poi espandere il network nel corso dell'anno. In questo modo tutte le cabine Business di lungo raggio della compagnia saranno dotate di sedili che si trasformano in letti completamente piatti entro la fine del 2023, rispetto all'attuale 90%. Entro questa data, l'intera flotta* sarà anche dotata di wi-fi in volo, rispetto all'attuale 97%.\r\n\r\nNella cabina Business (48 posti) la poltrona, completamente ridisegnata, presenta curve ancora più avvolgenti e un maggiore comfort. Il design di questa poltrona si basa sulle 3 \"F\": Full Flat, la poltrona si trasforma in un vero e proprio letto lungo quasi due metri, Full Access, che consente a tutti i passeggeri di accedere direttamente al corridoio, e Full Privacy, che garantisce una privacy ottimale. Una nuova porta scorrevole consente ai passeggeri di creare uno spazio totalmente privato, lontano dalla vista degli altri passeggeri della cabina. Il sedile è inoltre dotato di un ampio schermo da 17,3 pollici ad alta definizione 4K antiriflesso con cuffie a riduzione del rumore, una nuova connessione Bluetooth che consente ai passeggeri di utilizzare le proprie cuffie e diverse prese elettriche.\r\n\r\nNella cabina Premium Economy (48 posti) Air France introduce il suo ultimo modello di sedile reclinabile, già disponibile sui suoi Airbus A350, migliorandone ulteriormente il comfort. Ogni poltrona offre 96 cm di spazio per le gambe. I cuscini dei sedili sono stati ridisegnati e il tessuto a spina di pesce blu navy aggiunge ulteriore morbidezza. Lo schienale è reclinabile a 124 gradi ed è stato allargato per garantire una maggiore privacy. Una nuova cuffia audio a riduzione del rumore è integrata nel sedile ed è facile da usare in qualsiasi momento durante il volo. Il sedile è inoltre dotato di porte USB A e C.\r\n\r\nAnche nella cabina Economy (273 posti), i sedili soddisfano i più alti standard di comfort del mercato. Ogni sedile ha un'ampia seduta di 43 cm, una reclinazione di 119 gradi e 79 cm di spazio per le gambe. Lo schienale è progettato in modo ergonomico e offre un sostegno laterale rinforzato. È inoltre dotato di una porta USB A.","post_title":"Air France: decollano le nuove cabine per il lungo raggio da New York a Rio e Dakar","post_date":"2023-01-18T09:15:45+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1674033345000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437000","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" A Singapore è scattato il conto alla rovescia per il Capodanno Cinese che quest’anno si celebra il 22 gennaio e darà inizio all’Anno del Coniglio, uno dei dodici segni dello zodiaco animale tipico della cultura cinese.\r\nAnche quest’anno, quindi, la città-stato darà vita a River Hongbao, l’evento celebrativo della durata di nove giorni che si terrà a Gardens by the Bay, in cui le protagoniste saranno la storia, la cultura e le tradizioni cinesi. Per tutta la sua durata, saranno organizzati eventi culturali, proposte di intrattenimento e show – tutti accompagnati da proposte food tipiche – per festeggiare un momento così importante per la comunità cinese che, dal 1821, è parte integrante e fondamentale della multietnicità della città-stato.\r\nIl 20 gennaio si svolgerà la Opening Ceremony, che segna ufficialmente l’inizio dei festeggiamenti, durante la quale sarà possibile assistere ad esibizioni tradizionali e uniche, avvolti delle tipiche lanterne cinesi che adorneranno le strade di Chinatown.\r\nIl giorno successivo, invece, Gardens by the Bay si animerà con i festeggiamenti del Capodanno, un appuntamento imperdibile per accogliere tutti insieme l’arrivo del nuovo anno, durante il quale singaporiani e turisti internazionali potranno ammirare lo spettacolo di fuochi d’artificio, sincronizzati per creare una sinfonia di colori vividi nel cielo, che segnerà l’arrivo dell’Anno del Coniglio.","post_title":"Singapore pronta per le celebrazioni del Capodanno Cinese: si apre l'Anno del Coniglio","post_date":"2023-01-11T10:03:41+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1673431421000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436867","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Israele prosegue la propria marcia verso il recupero dei flussi turistici pre pandemia: nel 2022 i turisti stranieri sono stati 2,67 milioni, numero che resta però ancora al di sotto dei livelli 2019, quando gli arrivi avevano raggiunto la cifra record di 4,6 milioni. Secondo i dati del ministero del turismo, l'ammontare delle entrate dall'estero per il 2022 si attesta a oltre 3,8 miliardi di dollari.\r\n\r\nIl Ministero del Turismo sostiene che il numero di arrivi relativamente basso sia da imputare all'apertura 'tardiva' dei cieli israeliani (nel marzo 2022 ma, senza alcuna restrizione, tre mesi dopo, a maggio) rispetto ad altre destinazioni della regione o dell'Europa. Di conseguenza, il tasso di recupero dalla crisi di Israele risulta leggermente inferiore alla media globale.\r\n\r\nL'ottimismo però non manca visto che i numeri risultano in costante crescita, di mese in mese. \"Nel dicembre 2022 sono stati registrati 266.000 turisti (rispetto ai 205.000 del dicembre 2021 e ai 358.300 del dicembre 2019), con un calo limitato al 25% circa rispetto al dicembre 2019\".\r\n\r\nNumeri già da record, invece, per i pernottamenti 2022, che hanno superato i 20 milioni: \"Si tratta di un numero record, maggiore rispetto al dato 2019 di 18,4 milioni\" spiega una nota del Ministero del Turismo che attribuisce la crescita al forte aumento del numero di pernottamenti da parte degli israeliani. \"Di conseguenza sono aumentate anche le entrate del turismo interno, fino a 4,8 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi del 2019\".","post_title":"Israele totalizza 2,67 milioni di arrivi stranieri nel 2022. Exploit del turismo domestico","post_date":"2023-01-09T10:12:49+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1673259169000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436028","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_217107\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Un'immagine di Cortina[/caption]\r\n\r\nProsegue il fermento nella città di Cortina, in vista delle Olimpiadi del 2026. E tra i tanti investitori interessati alla località dolomitiche c'è anche Renzo Rosso, già autore dell'accordo con il gruppo San Domenico Hotels per la gestione del Pelican di Miami. Nell'Ampezzano il patron di Diesel, tramite l'immobiliare di casa Red Circle, ha acquisito due anni fa l'hotel Ancora per quasi 20 milioni di euro. Ora, racconta Pambianco Hotellerie, pensa a una ristrutturazione destinata a costare più del valore del deal.\r\nL'Ancora è una proprietà storica, nata nel 1826. Originariamente contava 50 camere ma l'idea è ora quella di ridurle a 40 per aumentarne la metratura e creare un hotel all-suite con stanze di dimensione compresa tra i 55 e i 110 metri quadrati. L'albergo dovrebbe riaprire nel 2024 e proprio in questo periodo si starebbe chiudendo l'accordo per la sua gestione. A capo dei lavori di restyling è stato nominato l'architetto Vicky Charles, già conosciuto per i suoi progetti Soho House in giro per il globo.","post_title":"Il patron di Diesel, Renzo Rosso, lavora a un all-suite da 40 camere a Cortina","post_date":"2022-12-15T11:44:31+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1671104671000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435930","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_331279\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Sebastian Ebel[/caption]\r\n\r\nFatturato quasi quadruplicato rispetto ai 12 mesi precedenti per il gruppo Tui, che ha chiuso lo scorso 30 settembre il proprio anno finanziario 2021-22 a quota 16,55 miliardi di euro, contro i 4,73 miliardi dell'esercizio 2020-21, attestandosi quindi su livelli non troppo lontani dei 18,93 miliardi del 2018-19. Bene anche l'utile operativo sottostante ante oneri finanziari e imposte (underlying ebit) che ritorna in territorio positivo per 409 milioni di euro, contro il rosso da -2,08 miliardi dell'anno scorso. Bottom line invece ancora negativa (-277,3 milioni) ma nettamente in miglioramento rispetto ai 2,47 miliardi di perdite dei 12 mesi precedenti.\r\n\r\nA trainare le performance dell'operatore tedesco un'ottima estate: nel quarto trimestre dell'anno fiscale (da luglio a settembre), Tui ha infatti generato 7,61 miliardi di ricavi (contro i 3,37 miliardi dello stesso periodo dell'esercizio precedente), assicurandosi un underlying ebit di 1,04 miliardi. \"Il turismo rimane un'industria attrattiva e di ampio respiro. Lo rivelano tutti i fondamentali economici e i mega-trend di lungo periodo, che restano intatti - commenta il ceo del gruppo Tui, Sebastian Ebel -. Ci aspettiamo quindi un solido anno finanziario 2022-23, sebbene siamo consapevoli dei fattori di mercato esogeni che potrebbero avere un impatto negativo sul settore. Il nostro focus strategico punta ora a creare un'offerta più ampia che ci consenta di attrarre nuovi clienti\".\r\n\r\nIl prossimo inverno, rivela una nota del gruppo, sarà ancora caratterizzato dalle sfide della guerra in Ucraina, dall'incremento dell'inflazione e dei costi energetici, nonché dalla volatilità dei tassi cambio e dagli strascichi della pandemia. Allo scorso 30 settembre, Tui aveva già venduto il 52% dei propri prodotti invernali. Un dato che vale il 134% della stagione precedente e l'84% di quella 2018-19. Crescono al contempo le tariffe medie: del 28% rispetto ai livelli pre-pandemia e del 7% in confronto all'inverno 2021/22.","post_title":"Tui rivede i livelli del 2019 e minimizza le perdite. Fatturato a 16,55 mld","post_date":"2022-12-14T12:55:56+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1671022556000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435653","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Prende il via dal 7 dicembre 2022 fino al 5 febbraio 2023 a Palazzo Monferrato di Alessandria la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”, dove è possibile ripercorrere, tramite illustrazioni e immagini multimediali, la storia della realizzazione della prima importante infrastruttura su rotaia della storia italiana e dove in contemporanea si propongono alcuni elementi di riflessione e di confronto tra le problematiche del periodo immediatamente precedente l’Unità nazionale. Arteria fondamentale per collegare la capitale del regno di Sardegna e il suo porto sul mar Ligure, fu realizzata nell'arco di nove anni circa.\r\n\r\nIl percorso espositivo articola il proprio racconto lungo alcune principali sezioni tematiche: Introduzione; L’attività preparatoria (1825-1845); I promotori del progetto: Camillo Cavour e Carlo Alberto; Il cantiere (1848-1853), luogo di sperimentazioni tecniche e tecnologiche; L’immagine della ferrovia attraverso la lente degli artisti; Evoluzione delle stazioni e del materiale viaggiante; La Torino-Genova e lo sviluppo del Nord-Ovest; Gli sviluppi attuali e futuri della linea.\r\n\r\nOltre ai pannelli che sviluppano le singole sezioni, la mostra dispone di un tavolo con tecnologia touch screen, sul quale è possibile selezionare e ingrandire le 15 incisioni che il pittore svizzero Carlo Bossoli ha realizzato nel 1853 per un volume pubblicato a Londra (The Railway between Turin and Genoa), e inoltre consultare fin nei più minuti dettagli una planimetria di fine Ottocento che descrive le dotazioni tecnologiche della linea.\r\n\r\nIl progetto espositivo è promosso dal Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, un organismo nato nell’ambito della Fondazione SLALA (Sistema Logistico del Nord-Ovest), in collaborazione con la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Comune di Alessandria, e l’Università del Piemonte Orientale. \r\n\r\nIl format prescelto è quello di una mostra itinerante che possa essere ospitata presso le principali città collocate lungo i 165 chilometri della tratta ferroviaria: in particolare, Torino, Asti, Alessandria, Novi Ligure e Genova.  Il racconto di questa storia affascinante – perché \"è su questa linea che si è fatta l’Italia\" – è affidato a un progetto curato da Roberto Livraghi, presidente del Comitato per i 170 anni della linea ferroviaria, e allestito da Line.lab di Giorgio Annone. \r\n\r\nLa mostra di Alessandria è realizzata con la speciale collaborazione operativa di: ALEXALA, Circuito Cultura e Territorio, ASM Costruire Insieme, DLF Alessandria-Asti, Fondazione FS, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, RFI-Rete Ferroviaria Italiana.","post_title":"Alessandria, al via la mostra “1853-2023, Torino-Genova, una rotaia lunga 170 anni”","post_date":"2022-12-07T15:28:06+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1670426886000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435097","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435107\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Korean Air, A321neo - Prestige Class[/caption]\r\n\r\n Korean Air ha accolto in flotta il suo primo Airbus 321neo, che entrerà in servizio già da dicembre: l'aeromobile è dotato di sedili totalmente lie-flat in business class, diventando così la prima compagnia aerea coreana a offrire questa caratteristica su un velivolo narrowbody.\r\n\r\nIl nuovo A321neo potrà ospitare fino a 182 passeggeri (otto in classe Prestige e 174 in classe economica) e opererà principalmente su rotte a corto raggio, tra cui quelle verso il Sud-est asiatico, la Cina e il Giappone.\r\n\r\n\"Questo A321neo di nuova generazione, efficiente dal punto di vista dei consumi, porterà l'esperienza dei nostri passeggeri a un nuovo livello, grazie alla pluripremiata cabina Airspace e ai sedili completamente lie-flat della business class\" ha sottolineato Soo Keun Lee, vicepresidente esecutivo e chief safety & operation officer di Korean Air. \r\n\r\nDalla prima metà del prossimo anno i passeggeri dell'A321neo potranno anche acquistare la possibilità di internet a bordo. Korean Air dovrebbe ricevere un totale di 30 aeromobili Airbus 321neo entro il 2027.","post_title":"Korean Air: in servizio da dicembre il primo A321neo con poltrone lie-flat","post_date":"2022-11-30T10:54:34+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1669805674000]}]}}

Lascia un commento