21 April 2024

1735

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Agenzia di Viaggi/Tour Operator in provincia di Venezia:
– seleziona collaboratori esterni con proprio portafoglio clienti, per condivisione di solo fatturato/commissioni (gruppi e/o individuali).
Massima serietà. La partita Iva è gradita ma non requisito essenziale.
– ricerca addetta/o alla programmazione gruppi con esperienza.
Per informazioni: turismotst@gmail.com


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465117 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Delta Air Lines punta i riflettori su Filadelfia, Baltimora, New York, Lancaster, in totale otto città della costa orientale degli Stati Uniti, che hanno ricoperto il ruolo di capitale degli Usa in un determinato momento della storia prima di Washington D.C. Località che sono state protagonista nella costituzione del paese e hanno molto da offrire ai viaggiatori: grazie ai voli diretti della compagnia aerea da Milano, Roma, Venezia e - dal 25 maggio - Napoli per New York-Jfk, è possibile scoprire i siti storici di queste città. È a Filadelfia che nel 1776 i padri fondatori degli Stati Uniti firmarono la Dichiarazione di Indipendenza e, nel 1787, la Costituzione. Tra il 1774 e il 1800 tre gli edifici furono sede di quello che oggi può essere considerato il Congresso degli Stati Uniti, tra cui spiccano la Carpenters Hall e l'Independece Hall, nell'Independence National Historical Park, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco nel 1979.  Baltimora ha svolto un ruolo chiave nella rivoluzione americana. Il Congresso si riunì alla Henry Fite House tra il dicembre 1776 e il febbraio 1777, facendo di questa città costiera la capitale degli Stati Uniti in questo breve periodo. Annapolis, piccola città costiera a 50 km a sud di Baltimora, è l'attuale capoluogo dello stato del Maryland e ospitò il Congresso nella Maryland State House tra il 1783 e il 1784 per appena nove mesi. Anche in questo caso le città sono raggiungibili con la compagnia aerea via New York. Lancaster ospitò il Congresso per un solo giorno, il 27 settembre 1777, presso la Court House. Quest’area della Pennsylvania è famosa per essere sede di molte comunità Amish.  York fu capitale tra il 1777 e il 1778 e vanta attrazioni come lo York County Colonial Complex, un complesso museale che comprende l'edificio più antico della città, risalente al XVIII secolo, e una replica del tribunale dove Il Congresso approvò gli Articoli della Confederazione (la prima Costituzione della nazione) nel 1777, rendendo York, secondo alcuni, la vera prima capitale del Paese. Lancaster si raggiunge in auto da Filadelfia in un’ora e mezza, York in un’ora e 45 minuti. Princeton, sede di una delle università più prestigiose degli Stati Uniti, merita una visita anche di un solo giorno da New York per respirare l'atmosfera delle vie raccolte attorno a Nassau Street, piene di ristoranti e animate da studenti, e vedere l'università, con edifici ricchi di storia e prati da cartolina. Trenton è l'attuale capoluogo del New Jersey e fu capitale degli Stati Uniti per due mesi nel 1784. Entrambe le località distano circa un’ora di macchina da New York. New York è stata capitale della nazione tra il 1785 e il 1788, fu la prima capitale degli Stati Uniti dopo la Guerra di Indipendenza, A New York, nel 1789, George Washington fece giuramento come primo Presidente del Paese alla Federal Hall, situata in Wall Street. Washington D.C., capitale del Paese dal 1800 ad oggi. I punti di interesse qui per i viaggiatori curiosi qui sono innumerevoli, dal Campidoglio ai monumenti in onore di Abraham Lincoln, Washington e a Jefferson, fino al cimitero nazionale di Arlington. Inoltre, la città ospita molti altri luoghi di interesse come il complesso museale Smithsonian, che include il Museo Nazionale dell'Aria e dello Spazio, il Museo Nazionale di Storia Naturale o il Museo di Arte Americana. Punto d’arrivo di un viaggio alla scoperta della storia degli Stati Uniti è la Casa Bianca, con i suoi oltre 200 anni di storia. [gallery ids="465124,465127,465126"] [post_title] => Delta Air Lines alla scoperta delle ex capitali Usa: tutti i voli dall'Italia, via New York [post_date] => 2024-04-09T10:54:28+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712660068000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464734 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Arabia Saudita ha centrato un nuovo e significativo traguardo nella propria corsa allo sviluppo turistico: nel 2023, secondi dati preliminari della Banca Centrale Saudita, i visitatori stranieri hanno stabilito un nuovo record di spesa, raggiungendo i 36 miliardi di dollari (135 miliardi di Sar). La cifra rappresenta la spesa più alta dei visitatori stranieri nella storia del Regno, con una crescita del 42,8% rispetto al 2022. Questa storica impennata della spesa è emblematica degli sforzi sostenuti dall'Arabia Saudita per rafforzare l'industria turistica: lo scorso anno il paese è emerso come leader sulla scena del turismo globale. Ha guidato la classifica del turismo delle Nazioni Unite per il tasso di crescita dei turisti internazionali rispetto al 2019, con un incremento del 56%. Secondo il Tourism Barometer dell'Unwto di gennaio 2024, sempre lo scorso anno, gli arrivi turistici del Regno nel 2023 sono aumentati del 156% rispetto al 2019. [post_title] => Arabia Saudita: la spesa dei turisti stranieri raggiunge per la prima volta i 36 mld di dollari [post_date] => 2024-04-02T15:18:48+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712071128000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464138 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Parkhotel Laurin di Bolzano è al centro di una città mitteleuropea con caratteristiche geologiche e storiche uniche. L'hotel organizza experience guidate che rivelano un luogo dalle sfaccettature inattese: climatiche, storiche e architettoniche. Porta delle Dolomiti, nelle Alpi italiane, Bolzano si trova al centro di una conca vulcanica di 70 chilometri di diametro (l’attività vulcanica ha interessato la zona 280 milioni di anni fa) ed è la seconda città più calda d’Italia. Le Alpi bloccano i fronti di maltempo e le garantiscono 300 giorni di sole all’anno. Nella conca si incontrano tre fiumi: l’Isarco, il Talvera e l’Adige. Nell’anno 1000 i vescovi di Trento compresero il potenziale di sviluppo del territorio e favorirono la nascita di un centro di commercio capace di collegare Venezia alle terre del Nord. Bolzano divenne sempre più ricca: nel 1273 i conti di Tirolo-Gorizia la conquistarono e la dominarono fino al 1363, quando venne donata agli Asburgo. La storia racconta di rivolte, anche religiose, e di passaggi di potere, fino al 1635, quando l’arciduchessa del Tirolo Claudia de’Medici, vedova di Leopoldo V d’Austria, decise l’istituzione di un magistrato mercantile che, in lingua italiana e tedesca, regolava i contenziosi sorti tra i commercianti provenienti da mezza Europa. La città fiorì e vennero costruiti i bellissimi portici che si possono percorrere ancora oggi: proteggevano il centro dal sole e dal vento proveniente dalle montagne e creavano un microclima ideale per il commercio. Il territorio era ideale anche per la crescita del vitigno autoctono, che produce il rosso e gustoso Lagrein. Le leggende dicono che Bolzano fosse posata sul vino! Ancora oggi le abitazioni hanno cantine di uno o due piani dove, a 15 gradi, viene conservato il prezioso vino locale. All’inizio del 1800 Bolzano venne annessa al Regno d’Italia, visse l’occupazione napoleonica, quindi tornò a far parte dell’Impero austro-ungarico fino al 1918. Dopo la Prima guerra mondiale fu nuovamente annessa all’Italia e, con l’avvento del fascismo, nel 1922-23, il territorio della città venne fortemente italianizzato con un nuovo piano urbanistico. Nel 1936 Mussolini fece costruire il monumento alla Vittoria e volle replicare il centro cittadino sulla riva opposta del fiume Talvera, affidandone la costruzione all’architetto Marcello Piacentini. Dagli anni ‘60 in poi Bolzano è un’importante meta turistica. La storia della città è anche caratterizzata dal trilinguismo: la popolazione parla italiano, tedesco e ladino. Per frequentare l’università è richiesta la conoscenza di tutte queste lingue. Bolzano offre tanto al turista che, oltre ad apprezzarne la natura, i paesaggi e la tradizione, potrà incontrare al museo Archeologico il corpo di Ötzi, l’uomo venuto dal ghiaccio scoperto da due alpinisti nel 1991 sul ghiacciaio della val Senales. Oppure visiterà il Duomo di Santa Maria Assunta, iniziato nel IV secolo contiene la cappella di San Giovanni, i cui affreschi furono commissionati dalla famiglia di banchieri fiorentini de Rossi-Botsch a pittori provenienti da Padova, dove avevano lavorato con Giotto alla cappella degli Scrovegni. E poi ci sono importanti raccolte d’arte moderna. Tra le tante eccellenze non bisogna dimenticare la gastronomia, con i piatti e i salumi tipici da gustare sulle terrazze delle case antiche. Ammirando le Dolomiti che, al tramonto, si accendono del ricordo del giardino di rose del re dei nani Laurin, celebrato dal Parkhotel Laurin. [gallery ids="464145,464144,464143"] [post_title] => Il Parkhotel Laurin accompagna i suoi ospiti alla scoperta di Bolzano [post_date] => 2024-03-27T09:37:26+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711532246000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463478 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022). Discorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022). Pambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022). [post_title] => Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's [post_date] => 2024-03-14T13:32:42+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710423162000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463367 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Catalogna accende i riflettori sulla 37° edizione dell’America’s Cup, che da agosto e fino ad ottobre, vedrà Barcellona ospitare l'edizione 2024 della kermesse, richiamando appassionati ed esperti provenienti da ogni parte del mondo. L'Ente Turismo della Catalogna ha presentato ieri a Milano l’iniziativa: l'esclusiva location di Feeling Food ha ospitato anche la riproduzione della barca AC75, l'imbarcazione monoscafo a vela di lunghezza 75 piedi (23 m), utilizzata durante la competizione. «Siamo orgogliosi di poter ospitare un evento di così grande prestigio, che rappresenta un’importante opportunità per tutto il territorio catalano - sottolinea Marta Teixidor, direttrice dell’Ente del Turismo della Catalogna in Italia - La competizione avrà un impatto diretto stimato intorno a 1 miliardo e 200 milioni di euro, grazie anche all’enorme turismo che la manifestazione genererà. Inoltre, secondo uno studio dell’Universitat Pompeu Fabra, l’evento creerà circa 19.000 nuovi posti di lavoro, dal momento della designazione fino al suo svolgimento». La Catalogna vanta da sempre una grande tradizione marina e relativo turismo nautico. Le sue coste infatti, che sono bagnate dal mar Mediterraneo, misurano circa 580 chilometri e il 60% dei suoi oltre sette milioni di abitanti vive in municipi costieri. La manifestazione coinvolge amministrazioni pubbliche e aziende private, che da oltre un anno lavorano in sinergia per portare avanti il progetto. Il budget stanziato dal governo spagnolo, dal comune di Barcellona, dalla Generalitat de Catalunya e dalla Diputació de Barcelona ammonta a 70 milioni, beneficiando anche di particolari normative attuate a seguito della nomina dell’America’s Cup come “Evento di interesse speciale”. La cerimonia di inaugurazione si terrà il 22 agosto 2024 nello storico porto di Villanova i la Geltrù, dove ormeggeranno le barche e i sei team in gara: Ineo Britannia, Alinghi Red Bull Racing, Luna Rossa Prada Pirelli, Nyyc American Magic, Orient Express Racing Team e l’attuale detentore e defender della coppa, Emirates Team New Zealand. Per la prima volta nei suoi quasi 175 anni di storia la Coppa America a Barcellona includerà una categoria riservata alle donne nonché la terza edizione della Youth America’s Cup, di cui Unicredit è naming partner. Si svolgerà dal 17 al 26 settembre lungo le coste catalane e vedrà protagonisti i giovani velisti tra i 18 e i 25 anni. [post_title] => Catalogna in rotta verso l'America's Cup: impatto sul territorio da 1,2 mld di euro [post_date] => 2024-03-13T11:47:32+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710330452000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463352 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ethiopian Airlines introdurrà nuovo volo trisettimanale tra Addis Abeba, in Etiopia, e Maun dal prossimo 10 giugno: Maun sarà la seconda destinazione del vettorein Botswana dopo Gaborone, che viene servita dal 2016. La nuova rotta offrirà ai viaggiatori dall'Etiopia e di altre parti dell'Africa, un collegamento comodo e senza interruzioni con la destinazione turistica di Maun, che è la porta di accesso al Delta dell'Okavango, sito del patrimonio mondiale dell'Unesco e uno dei più grandi delta interni del mondo. «L'aggiunta di Maun alla nostra connettività africana consente ai viaggiatori da Maun di godere di una connettività agevolata con la vasta rete globale di Ethiopian Airlines che supera le 135 destinazioni - ha dichiarato il ceo del gruppo Ethiopian Airlines, Mesfin Tasew -. Maun è un'aggiunta strategica al nostro network in quanto ci permette di offrire ai passeggeri un'opportunità unica per esplorare la bellezza naturale e la ricca biodiversità del Botswana. Il nostro nuovo volo non solo rafforza il turismo, il commercio e i legami socio-economici complessivi tra il Botswana e le destinazioni globali di Ethiopian, ma ci consente anche di rafforzare il nostro contributo nella realizzazione dello sviluppo del trasporto aereo nel continente africano». [post_title] => Ethiopian Airlines raddoppia sul Botswana con la nuova rotta per Maun, dal 10 giugno [post_date] => 2024-03-13T10:20:23+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710325223000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463347 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Svolta netta di Cathay Pacific che ha centrato il suo primo utile annuale dal 2019, lasciandosi alle spalle il periodo di crisi del Covid-19: nel 2023 il vettore di Hong Kong ha registrato profitti per 1,25 miliardi di dollari e ha dichiarato di voler ampliare quest'anno la propria forza lavoro di circa il 20%, circa 5.000 persone. La performance finanziaria positiva è stata favorita da un aumento della domanda dopo l'abolizione delle restrizioni di viaggio legate alla pandemia, ha spiegato in una nota il presidente del Gruppo Cathay, Patrick Healy. Hong Kong e la Cina continentale hanno eliminato le restrizioni ai viaggi internazionali all'inizio del 2023. I ricavi sono aumentati dell'85% nel 2023, raggiungendo i 94,5 miliardi di dollari di Hong Kong. Alla fine del 2023, il gruppo operava al 70% della capacità pre-pandemia, attraverso un network di circa 80 destinazioni nel mondo; ora si punta a raggiungere l'80% dei voli passeggeri precedenti alla pandemia entro il secondo trimestre del 2024 e il 100% entro il primo trimestre del 2025, con tre mesi di ritardo rispetto all'obiettivo precedentemente dichiarato.   [post_title] => Cathay Pacific torna all'utile per la prima volta dal 2019 [post_date] => 2024-03-13T09:43:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710323017000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463032 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ryanair ha pubblicato il suo sondaggio sulle ota di marzo, che ha indicato eDreams come il portale che fa pagare ai clienti un 135% (23,50 euro) per un posto riservato che costa solo 10 euro su Ryanair.com. Ryanair continua a fare campagna affinché tutti i consumatori siano protetti dai superprezzi delle ota, dai sovrapprezzi e dalle tariffe inventate, e invita nuovamente i governi di Regno Unito e Spagna e le agenzie dei consumatori dell’Ue ad agire per fermare questa gestione delle ota e per evitare che i consumatori debbano pagare sempre di più del dovuto. "È inaccettabile che, nonostante questi atteggiamenti di alcune ota, i governi del Regno Unito e della Spagna e le agenzie dei consumatori dell’Ue non abbiano ancora intrapreso alcuna azione per proteggere i consumatori da queste azioni - ha affermato Dara Brady di Ryanair -. Ryanair continuerà a condurre una campagna contro alcune ota, e continuerà a chiedere che siano messi fuori legge e che le loro azioni anti-consumatore abbiano una fine”. [post_title] => Ryanair continua la battaglia contro le ota. Scontro diretto con eDreams [post_date] => 2024-03-07T12:17:13+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => topnews ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Top News ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709813833000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462686 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Etihad Airways progetta il prossimo sbarco in Borsa con un'offerta pubblica iniziale (Ipo) o una quotazione diretta. Secondo quanto riferito da Bloomberg il fondo sovrano di Abu Dhabi starebbe valutando la possibilità di quotare il vettore e avrebbe già discusso con le banche di un potenziale accordo. Un'intesa potrebbe essere raggiunta già nel 2024 e, se i piani dovessero andare in porto, Etihad sarebbe il primo vettore del Golfo a quotarsi in Borsa. La compagnia aerea ha raggiunto un utile operativo record di 296 milioni di dollari per la prima metà del 2022, rispetto alla perdita di 392 milioni di dollari dell'anno precedente, grazie all'espansione della capacità del network, spinta da una forte domanda di viaggi. I ricavi da passeggeri sono triplicati nei primi sei mesi dell'anno, raggiungendo quota 1,25 miliardi di dollari. Nel 2022, la piena proprietà di Etihad Aviation Group è stata trasferita ad ADQ, nell'ambito di una strategia volta a rafforzare la posizione della capitale degli Emirati Arabi Uniti come hub globale dell'aviazione. [post_title] => Etihad Airways valuta la quotazione in Borsa, e sarebbe il primo vettore del Golfo a farlo [post_date] => 2024-03-04T10:47:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709549240000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1735" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":92,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465117","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Delta Air Lines punta i riflettori su Filadelfia, Baltimora, New York, Lancaster, in totale otto città della costa orientale degli Stati Uniti, che hanno ricoperto il ruolo di capitale degli Usa in un determinato momento della storia prima di Washington D.C.\r\n\r\nLocalità che sono state protagonista nella costituzione del paese e hanno molto da offrire ai viaggiatori: grazie ai voli diretti della compagnia aerea da Milano, Roma, Venezia e - dal 25 maggio - Napoli per New York-Jfk, è possibile scoprire i siti storici di queste città.\r\n\r\nÈ a Filadelfia che nel 1776 i padri fondatori degli Stati Uniti firmarono la Dichiarazione di Indipendenza e, nel 1787, la Costituzione. Tra il 1774 e il 1800 tre gli edifici furono sede di quello che oggi può essere considerato il Congresso degli Stati Uniti, tra cui spiccano la Carpenters Hall e l'Independece Hall, nell'Independence National Historical Park, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco nel 1979. \r\n\r\nBaltimora ha svolto un ruolo chiave nella rivoluzione americana. Il Congresso si riunì alla Henry Fite House tra il dicembre 1776 e il febbraio 1777, facendo di questa città costiera la capitale degli Stati Uniti in questo breve periodo. Annapolis, piccola città costiera a 50 km a sud di Baltimora, è l'attuale capoluogo dello stato del Maryland e ospitò il Congresso nella Maryland State House tra il 1783 e il 1784 per appena nove mesi. Anche in questo caso le città sono raggiungibili con la compagnia aerea via New York.\r\n\r\nLancaster ospitò il Congresso per un solo giorno, il 27 settembre 1777, presso la Court House. Quest’area della Pennsylvania è famosa per essere sede di molte comunità Amish.  York fu capitale tra il 1777 e il 1778 e vanta attrazioni come lo York County Colonial Complex, un complesso museale che comprende l'edificio più antico della città, risalente al XVIII secolo, e una replica del tribunale dove Il Congresso approvò gli Articoli della Confederazione (la prima Costituzione della nazione) nel 1777, rendendo York, secondo alcuni, la vera prima capitale del Paese. Lancaster si raggiunge in auto da Filadelfia in un’ora e mezza, York in un’ora e 45 minuti.\r\n\r\nPrinceton, sede di una delle università più prestigiose degli Stati Uniti, merita una visita anche di un solo giorno da New York per respirare l'atmosfera delle vie raccolte attorno a Nassau Street, piene di ristoranti e animate da studenti, e vedere l'università, con edifici ricchi di storia e prati da cartolina. Trenton è l'attuale capoluogo del New Jersey e fu capitale degli Stati Uniti per due mesi nel 1784. Entrambe le località distano circa un’ora di macchina da New York.\r\n\r\nNew York è stata capitale della nazione tra il 1785 e il 1788, fu la prima capitale degli Stati Uniti dopo la Guerra di Indipendenza, A New York, nel 1789, George Washington fece giuramento come primo Presidente del Paese alla Federal Hall, situata in Wall Street. Washington D.C., capitale del Paese dal 1800 ad oggi. I punti di interesse qui per i viaggiatori curiosi qui sono innumerevoli, dal Campidoglio ai monumenti in onore di Abraham Lincoln, Washington e a Jefferson, fino al cimitero nazionale di Arlington. Inoltre, la città ospita molti altri luoghi di interesse come il complesso museale Smithsonian, che include il Museo Nazionale dell'Aria e dello Spazio, il Museo Nazionale di Storia Naturale o il Museo di Arte Americana. Punto d’arrivo di un viaggio alla scoperta della storia degli Stati Uniti è la Casa Bianca, con i suoi oltre 200 anni di storia.\r\n\r\n[gallery ids=\"465124,465127,465126\"]","post_title":"Delta Air Lines alla scoperta delle ex capitali Usa: tutti i voli dall'Italia, via New York","post_date":"2024-04-09T10:54:28+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712660068000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464734","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Arabia Saudita ha centrato un nuovo e significativo traguardo nella propria corsa allo sviluppo turistico: nel 2023, secondi dati preliminari della Banca Centrale Saudita, i visitatori stranieri hanno stabilito un nuovo record di spesa, raggiungendo i 36 miliardi di dollari (135 miliardi di Sar). La cifra rappresenta la spesa più alta dei visitatori stranieri nella storia del Regno, con una crescita del 42,8% rispetto al 2022.\r\n\r\nQuesta storica impennata della spesa è emblematica degli sforzi sostenuti dall'Arabia Saudita per rafforzare l'industria turistica: lo scorso anno il paese è emerso come leader sulla scena del turismo globale. Ha guidato la classifica del turismo delle Nazioni Unite per il tasso di crescita dei turisti internazionali rispetto al 2019, con un incremento del 56%.\r\n\r\nSecondo il Tourism Barometer dell'Unwto di gennaio 2024, sempre lo scorso anno, gli arrivi turistici del Regno nel 2023 sono aumentati del 156% rispetto al 2019.","post_title":"Arabia Saudita: la spesa dei turisti stranieri raggiunge per la prima volta i 36 mld di dollari","post_date":"2024-04-02T15:18:48+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1712071128000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464138","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Parkhotel Laurin di Bolzano è al centro di una città mitteleuropea con caratteristiche geologiche e storiche uniche. L'hotel organizza experience guidate che rivelano un luogo dalle sfaccettature inattese: climatiche, storiche e architettoniche. Porta delle Dolomiti, nelle Alpi italiane, Bolzano si trova al centro di una conca vulcanica di 70 chilometri di diametro (l’attività vulcanica ha interessato la zona 280 milioni di anni fa) ed è la seconda città più calda d’Italia. Le Alpi bloccano i fronti di maltempo e le garantiscono 300 giorni di sole all’anno. Nella conca si incontrano tre fiumi: l’Isarco, il Talvera e l’Adige. \r\nNell’anno 1000 i vescovi di Trento compresero il potenziale di sviluppo del territorio e favorirono la nascita di un centro di commercio capace di collegare Venezia alle terre del Nord. Bolzano divenne sempre più ricca: nel 1273 i conti di Tirolo-Gorizia la conquistarono e la dominarono fino al 1363, quando venne donata agli Asburgo. La storia racconta di rivolte, anche religiose, e di passaggi di potere, fino al 1635, quando l’arciduchessa del Tirolo Claudia de’Medici, vedova di Leopoldo V d’Austria, decise l’istituzione di un magistrato mercantile che, in lingua italiana e tedesca, regolava i contenziosi sorti tra i commercianti provenienti da mezza Europa. La città fiorì e vennero costruiti i bellissimi portici che si possono percorrere ancora oggi: proteggevano il centro dal sole e dal vento proveniente dalle montagne e creavano un microclima ideale per il commercio. \r\nIl territorio era ideale anche per la crescita del vitigno autoctono, che produce il rosso e gustoso Lagrein. Le leggende dicono che Bolzano fosse posata sul vino! Ancora oggi le abitazioni hanno cantine di uno o due piani dove, a 15 gradi, viene conservato il prezioso vino locale. All’inizio del 1800 Bolzano venne annessa al Regno d’Italia, visse l’occupazione napoleonica, quindi tornò a far parte dell’Impero austro-ungarico fino al 1918. Dopo la Prima guerra mondiale fu nuovamente annessa all’Italia e, con l’avvento del fascismo, nel 1922-23, il territorio della città venne fortemente italianizzato con un nuovo piano urbanistico. Nel 1936 Mussolini fece costruire il monumento alla Vittoria e volle replicare il centro cittadino sulla riva opposta del fiume Talvera, affidandone la costruzione all’architetto Marcello Piacentini. \r\nDagli anni ‘60 in poi Bolzano è un’importante meta turistica. La storia della città è anche caratterizzata dal trilinguismo: la popolazione parla italiano, tedesco e ladino. Per frequentare l’università è richiesta la conoscenza di tutte queste lingue. Bolzano offre tanto al turista che, oltre ad apprezzarne la natura, i paesaggi e la tradizione, potrà incontrare al museo Archeologico il corpo di Ötzi, l’uomo venuto dal ghiaccio scoperto da due alpinisti nel 1991 sul ghiacciaio della val Senales. Oppure visiterà il Duomo di Santa Maria Assunta, iniziato nel IV secolo contiene la cappella di San Giovanni, i cui affreschi furono commissionati dalla famiglia di banchieri fiorentini de Rossi-Botsch a pittori provenienti da Padova, dove avevano lavorato con Giotto alla cappella degli Scrovegni. E poi ci sono importanti raccolte d’arte moderna. Tra le tante eccellenze non bisogna dimenticare la gastronomia, con i piatti e i salumi tipici da gustare sulle terrazze delle case antiche. Ammirando le Dolomiti che, al tramonto, si accendono del ricordo del giardino di rose del re dei nani Laurin, celebrato dal Parkhotel Laurin.\r\n[gallery ids=\"464145,464144,464143\"]","post_title":"Il Parkhotel Laurin accompagna i suoi ospiti alla scoperta di Bolzano","post_date":"2024-03-27T09:37:26+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1711532246000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463478","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022).\r\n\r\nDiscorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022).\r\n\r\nPambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022).","post_title":"Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's","post_date":"2024-03-14T13:32:42+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1710423162000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463367","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Catalogna accende i riflettori sulla 37° edizione dell’America’s Cup, che da agosto e fino ad ottobre, vedrà Barcellona ospitare l'edizione 2024 della kermesse, richiamando appassionati ed esperti provenienti da ogni parte del mondo.\r\nL'Ente Turismo della Catalogna ha presentato ieri a Milano l’iniziativa: l'esclusiva location di Feeling Food ha ospitato anche la riproduzione della barca AC75, l'imbarcazione monoscafo a vela di lunghezza 75 piedi (23 m), utilizzata durante la competizione.\r\n«Siamo orgogliosi di poter ospitare un evento di così grande prestigio, che rappresenta un’importante opportunità per tutto il territorio catalano - sottolinea Marta Teixidor, direttrice dell’Ente del Turismo della Catalogna in Italia - La competizione avrà un impatto diretto stimato intorno a 1 miliardo e 200 milioni di euro, grazie anche all’enorme turismo che la manifestazione genererà. Inoltre, secondo uno studio dell’Universitat Pompeu Fabra, l’evento creerà circa 19.000 nuovi posti di lavoro, dal momento della designazione fino al suo svolgimento».\r\nLa Catalogna vanta da sempre una grande tradizione marina e relativo turismo nautico. Le sue coste infatti, che sono bagnate dal mar Mediterraneo, misurano circa 580 chilometri e il 60% dei suoi oltre sette milioni di abitanti vive in municipi costieri.\r\nLa manifestazione coinvolge amministrazioni pubbliche e aziende private, che da oltre un anno lavorano in sinergia per portare avanti il progetto. Il budget stanziato dal governo spagnolo, dal comune di Barcellona, dalla Generalitat de Catalunya e dalla Diputació de Barcelona ammonta a 70 milioni, beneficiando anche di particolari normative attuate a seguito della nomina dell’America’s Cup come “Evento di interesse speciale”.\r\nLa cerimonia di inaugurazione si terrà il 22 agosto 2024 nello storico porto di Villanova i la Geltrù, dove ormeggeranno le barche e i sei team in gara: Ineo Britannia, Alinghi Red Bull Racing, Luna Rossa Prada Pirelli, Nyyc American Magic, Orient Express Racing Team e l’attuale detentore e defender della coppa, Emirates Team New Zealand.\r\nPer la prima volta nei suoi quasi 175 anni di storia la Coppa America a Barcellona includerà una categoria riservata alle donne nonché la terza edizione della Youth America’s Cup, di cui Unicredit è naming partner. Si svolgerà dal 17 al 26 settembre lungo le coste catalane e vedrà protagonisti i giovani velisti tra i 18 e i 25 anni.","post_title":"Catalogna in rotta verso l'America's Cup: impatto sul territorio da 1,2 mld di euro","post_date":"2024-03-13T11:47:32+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1710330452000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463352","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ethiopian Airlines introdurrà nuovo volo trisettimanale tra Addis Abeba, in Etiopia, e Maun dal prossimo 10 giugno: Maun sarà la seconda destinazione del vettorein Botswana dopo Gaborone, che viene servita dal 2016.\r\n\r\nLa nuova rotta offrirà ai viaggiatori dall'Etiopia e di altre parti dell'Africa, un collegamento comodo e senza interruzioni con la destinazione turistica di Maun, che è la porta di accesso al Delta dell'Okavango, sito del patrimonio mondiale dell'Unesco e uno dei più grandi delta interni del mondo.\r\n\r\n«L'aggiunta di Maun alla nostra connettività africana consente ai viaggiatori da Maun di godere di una connettività agevolata con la vasta rete globale di Ethiopian Airlines che supera le 135 destinazioni - ha dichiarato il ceo del gruppo Ethiopian Airlines, Mesfin Tasew -. Maun è un'aggiunta strategica al nostro network in quanto ci permette di offrire ai passeggeri un'opportunità unica per esplorare la bellezza naturale e la ricca biodiversità del Botswana. Il nostro nuovo volo non solo rafforza il turismo, il commercio e i legami socio-economici complessivi tra il Botswana e le destinazioni globali di Ethiopian, ma ci consente anche di rafforzare il nostro contributo nella realizzazione dello sviluppo del trasporto aereo nel continente africano».","post_title":"Ethiopian Airlines raddoppia sul Botswana con la nuova rotta per Maun, dal 10 giugno","post_date":"2024-03-13T10:20:23+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1710325223000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463347","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Svolta netta di Cathay Pacific che ha centrato il suo primo utile annuale dal 2019, lasciandosi alle spalle il periodo di crisi del Covid-19: nel 2023 il vettore di Hong Kong ha registrato profitti per 1,25 miliardi di dollari e ha dichiarato di voler ampliare quest'anno la propria forza lavoro di circa il 20%, circa 5.000 persone.\r\n\r\nLa performance finanziaria positiva è stata favorita da un aumento della domanda dopo l'abolizione delle restrizioni di viaggio legate alla pandemia, ha spiegato in una nota il presidente del Gruppo Cathay, Patrick Healy. Hong Kong e la Cina continentale hanno eliminato le restrizioni ai viaggi internazionali all'inizio del 2023.\r\nI ricavi sono aumentati dell'85% nel 2023, raggiungendo i 94,5 miliardi di dollari di Hong Kong.\r\n\r\nAlla fine del 2023, il gruppo operava al 70% della capacità pre-pandemia, attraverso un network di circa 80 destinazioni nel mondo; ora si punta a raggiungere l'80% dei voli passeggeri precedenti alla pandemia entro il secondo trimestre del 2024 e il 100% entro il primo trimestre del 2025, con tre mesi di ritardo rispetto all'obiettivo precedentemente dichiarato.\r\n\r\n ","post_title":"Cathay Pacific torna all'utile per la prima volta dal 2019","post_date":"2024-03-13T09:43:37+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1710323017000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463032","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ryanair ha pubblicato il suo sondaggio sulle ota di marzo, che ha indicato eDreams come il portale che fa pagare ai clienti un 135% (23,50 euro) per un posto riservato che costa solo 10 euro su Ryanair.com.\r\n\r\nRyanair continua a fare campagna affinché tutti i consumatori siano protetti dai superprezzi delle ota, dai sovrapprezzi e dalle tariffe inventate, e invita nuovamente i governi di Regno Unito e Spagna e le agenzie dei consumatori dell’Ue ad agire per fermare questa gestione delle ota e per evitare che i consumatori debbano pagare sempre di più del dovuto.\r\n\r\n\"È inaccettabile che, nonostante questi atteggiamenti di alcune ota, i governi del Regno Unito e della Spagna e le agenzie dei consumatori dell’Ue non abbiano ancora intrapreso alcuna azione per proteggere i consumatori da queste azioni - ha affermato Dara Brady di Ryanair -. Ryanair continuerà a condurre una campagna contro alcune ota, e continuerà a chiedere che siano messi fuori legge e che le loro azioni anti-consumatore abbiano una fine”.","post_title":"Ryanair continua la battaglia contro le ota. Scontro diretto con eDreams","post_date":"2024-03-07T12:17:13+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["topnews"],"post_tag_name":["Top News"]},"sort":[1709813833000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462686","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Etihad Airways progetta il prossimo sbarco in Borsa con un'offerta pubblica iniziale (Ipo) o una quotazione diretta.\r\n\r\nSecondo quanto riferito da Bloomberg il fondo sovrano di Abu Dhabi starebbe valutando la possibilità di quotare il vettore e avrebbe già discusso con le banche di un potenziale accordo. Un'intesa potrebbe essere raggiunta già nel 2024 e, se i piani dovessero andare in porto, Etihad sarebbe il primo vettore del Golfo a quotarsi in Borsa.\r\n\r\nLa compagnia aerea ha raggiunto un utile operativo record di 296 milioni di dollari per la prima metà del 2022, rispetto alla perdita di 392 milioni di dollari dell'anno precedente, grazie all'espansione della capacità del network, spinta da una forte domanda di viaggi. I ricavi da passeggeri sono triplicati nei primi sei mesi dell'anno, raggiungendo quota 1,25 miliardi di dollari.\r\n\r\nNel 2022, la piena proprietà di Etihad Aviation Group è stata trasferita ad ADQ, nell'ambito di una strategia volta a rafforzare la posizione della capitale degli Emirati Arabi Uniti come hub globale dell'aviazione.","post_title":"Etihad Airways valuta la quotazione in Borsa, e sarebbe il primo vettore del Golfo a farlo","post_date":"2024-03-04T10:47:20+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709549240000]}]}}

Lascia un commento