9 December 2022

1727

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

TAP Portugal is looking for a Ticketing office & Sales support agent for its office in Rome.
Function description:
· Travel Agency Help Desk (reservations and issuances)
· Sales support
· Analyze ADM’s/ACM’s
· Analyze and create internal statistics
· Will be part of a team of six
· Reporting to Direct Sales and Groups Manager
Profile:
Good knowledge of Amadeus reservation system
At least 3 years experience in the related field
Excellent knowledge of English
Contact:
Candidates having the above qualifications may submit their C.V. in English at the following e-mail account: sgabrielli@tap.pt


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434302 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Passa di mano la proprietà del W Rome, primo indirizzo italiano del brand lifestyle-lusso di casa Marriott. La joint venture tra il fondo pensioni Canada Pension Plan Investment Board (Cpp Investments) e la società britannica di hotel management Hamilton - Pyramid Europe lo ha infatti acquisito dai precedenti titolari (King Street Capital Management e Omnam Investment Group) per una cifra complessiva attorno ai 172 milioni di euro. La struttura, riaperta lo scorso aprile dopo un completo restyling, comprende 162 camere, oltre a un bar rooftop, un ristorante, una lounge, vari altri locali f&b, una palestra e spazi meeting. "Roma è da sempre una destinazione top a livello leisure e business - spiega il managing director, head of real estate Europa di Cpp Investments, Andrea Orlandi -. L'acquisizione del W Rome pone perciò la nostra joint venture con Hamilton - Pyramid Europe nelle migliori condizioni per sfruttare tutto l'appeal della città Eterna come destinazione turistica globale". Creata all'inizio di quest'anno la joint venture britannico-canadese è focalizzata nell'acquisizione di strutture ricettive operative nelle più importanti città europee e in selezionate destinazioni resort. Lo scorso agosto, Cpp Investments aveva annunciato un impegno per 475 milioni di euro nella stessa joint venture. L'investimento per W Rome fa parte di tale dotazione. [post_title] => Il W Rome passa nella mani di un fondo pensioni canadese e dei britannici di Hamilton - Pyramid Europe [post_date] => 2022-11-17T12:25:18+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668687918000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433644 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Italia resta stabile ai primi posti del rating per presenze internazionali. E’ uno dei dati che emerge dalle ricerche Enit su dati Istat, Unwto e Banca d’Italia che saranno al centro di dibattito nei panel dell’Agenzia nazionale del turismo al Wtm di Londra. L’evento è considerato un must per il settore turistico e l’Enit si promuoverà con uno stand di oltre 1700 mq in partnership con le regioni italiane. Durante il World Travel Market stakeholder italiani e mondiali si confronteranno con nuovi trend e destinazioni. Un’opportunità per l’industria del turismo di incontrarsi e confrontarsi sulle proprie esperienze. Grande attenzione al mercato Uk che ogni anno muove oltre 100 milioni di investimenti soprattutto per la vacanza culturale in città d’arte e al mare. Cinque le regioni in testa alle preferenze dei britannici: Lombardia, Lazio, Toscana, Veneto e Campania. Dati positivi per l’Italia che sta registrando crescite da ogni Paese con entrate per 21,3 miliardi di euro (+22,7% sul 2020; -52,0% sul 2019), con una quota di mercato che è passata al 4,2% dal 3,6% del 2020, portandola al quarto posto della scala globale per entrate da turismo internazionale. Nell’anno sono salite anche le quote di Spagna (da 3,4% a 5,6%), mentre sono diminuite quelle degli Usa (da 13,3% a 11,4%) e della Germania (da 4,1% a 3,6%). Dai dati Unwto gli arrivi dei primi sette mesi dell’anno hanno raggiunto il 57% dei livelli pre-pandemia. Rispetto invece allo stesso periodo del 2021, nel periodo gennaio-luglio 2022 gli arrivi di turisti internazionali sono quasi triplicati (+172%). «I viaggiatori dal Regno Unito figurano, infatti, ai primi posti della classifica dei turisti stranieri venuti in Italia per trascorrere una vacanza. prediligono l’accoglienza in hotel (10 milioni di presenze pari al 73,5% del totale) ma non disdegnano i villaggi turistici. A spingere gli inglesi a venire in Italia sono, in primis, le attrazioni culturali, seguite dalle spiagge e dalla possibilità di praticare sport in vacanza» ha detto l’ad Enit Roberta Garibaldi. «La forte presenza dell’Italia ad un’iniziativa internazionale di grande rilievo rientra nella strategia del governo e del mio mandato di promuovere il Made in Italy in modo sinergico. Il turismo, in ogni sua declinazione, è la chiave principale per raggiungere questo obiettivo. Il Wtm inoltre è un evento che ci dà l’occasione di rivolgerci ad un mercato per noi strategico e che testimonia l’impegno del ministero e di Enit a fare squadra con operatori ed imprese nella promozione dell’offerta turistica italiana», dichiara il ministro del turismo Daniela Santanchè.   [post_title] => L'Enit al Wtm di Londra per rafforzare la promozione dell'Italia [post_date] => 2022-11-07T15:15:18+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1667834118000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 432471 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Comincerà a navigare da maggio del prossimo anno la Coquelicot, la nuova imbarcazione fluviale firmata Belmond. Accompagnerà i suoi ospiti in un viaggio fiabesco nella regione della Champagne, dove attraverserà scenografici canali che regalano panorami e punti di osservazione unici. Sarà dotata di tre lussuose cabine con servizi ensuite, di un salone interno con un champagne bar, frutto della partnership con Maison Ruinart, e di un ampio ponte all'aperto per momenti di relax, per consumare una squisita cena e fare due chiacchiere. Grazie proprio alla collaborazione con la più antica casa di champagne al mondo, fondata a Reims nel 1729, gli ospiti potranno tra le altre cose assaporare a bordo un pranzo di degustazione privato preparato dalla chef della Maison Ruinart, Valérie Radou, insieme al capo chef della Coquelicot. Nel quadro di questa partnership, gli ospiti della nave parteciperanno inoltre a visite guidate private dello storico vigneto Taissy, dove scopriranno anche le ultime iniziative di sostenibilità del marchio. Progettata dal rinomato duo francese Humbert & Poyet, la Coquelicot vanta anche due salotti, una cucina a vista e una zona pranzo ombreggiata. Con l'aiuto di un guest experience executive personale, gli ospiti della Coquelicot creeranno quindi il loro itinerario selezionando attività uniche da una serie di esperienze suggerite appositamente per loro dal team di esperti Belmond. La Coquelicot, A Belmond Boat, Champagne fa parte di Les Bateaux Belmond, flotta di barche del marchio in Francia. Questa include anche l'Alouette, Canal Du Midi; la Pivoine, Camargue; la Napoléon, Provence; l'Amaryllis, Burgundy; la Fleur De Lys, Burgundy e la Lilas, Burgundy. I prezzi per la Coquelicot partono da 82 mila euro. Sono disponibili trasferimenti in elicottero da Parigi su richiesta. [post_title] => Gruppo Belmond: la nuova Coquelicot navigherà da maggio tra i canali della Champagne [post_date] => 2022-10-19T09:05:06+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1666170306000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 432361 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ethiopian Airlines potenzia la propria presenza dall’aeroporto di Milano Malpensa con il lancio, dal prossimo 31 ottobre, di nuovi voli diretti per Zurigo. Il collegamento, che si aggiunge a quelli nonstop già operati dalla compagnia tra Milano e Addis Abeba, sarà servito da tre frequenze settimanali, il lunedì, mercoledì e venerdì. I nuovi voli garantiranno di volare da Malpensa alle 05.50 con rientro nella stessa giornata, alle ore 21.40, con una franchigia di due bagagli da stiva inclusa nel prezzo finale.  “Investiamo su Milano Malpensa anche per la stagione invernale con voli nonstop per Addis Abeba e Zurigo, motivati dalla costante crescita della domanda” afferma Yemesrach Alemayehu, area manager Italy and Southern Europe. Ethiopian attualmente serve oltre 127 destinazioni internazionali in Europa, Medio Oriente, Asia, Americhe, tra cui 62 destinazioni in Africa e 22 domestiche.  [post_title] => Ethiopian Airlines introduce voli diretti da Milano Malpensa a Zurigo, dal 31 ottobre [post_date] => 2022-10-17T15:06:26+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1666019186000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 432258 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_432299" align="alignleft" width="300"] Alberto Gutiérrez Pascual[/caption] Civitatis ha rivelato che nei mesi di luglio, agosto e settembre di quest'anno, più di 2.200.000 persone hanno usufruito di alcune delle sue attività, sparse in tutto il mondo. Si tratta del 65,58% in più rispetto agli stessi mesi del 2019. Oltre al confronto con la vita pre-pandemica, colpisce anche il confronto con l'anno in corso. Civitatis ha iniziato bene l'anno, nonostante il boom della variante omicron, e ha vissuto un secondo trimestre caratterizzato dai buoni numeri della Pasqua e dei weekend lunghi, oltre che dall'allentamento di ogni tipo di restrizione ai viaggi. Tuttavia, è nel terzo trimestre che i risultati si sono finalmente concretizzati, con un aumento del 221,54% del numero di persone che hanno prenotato il loro viaggio con Civitatis nei primi tre mesi dell'anno e un aumento del 60,39% nel secondo trimestre. Infatti, i dati dei primi sei mesi sono quasi identici a quelli dei soli mesi di luglio, agosto e settembre. Se le cifre sono scioccanti, le destinazioni preferite e le attività più prenotate lo sono meno: il convenzionale ha trionfato. I luoghi più visitati nell'ultimo trimestre, secondo le statistiche della piattaforma spagnola, sono Roma (6,12% delle prenotazioni), Parigi (5,68%), Porto (3,61%), Lisbona (3,52%) e New York (2,96%). I tour più richiesti sono stati la visita guidata ai Musei Vaticani e alla Cappella Sistina (1,62%), il tour gratuito di Parigi (1,58%), il tour dei contrasti di New York (1,43%), la gita in battello sulla Senna (1,25%) e la visita guidata al Colosseo, ai Fori e al Palatino (1,24%). «Abbiamo chiuso un trimestre con cifre davvero buone, non solo in termini di vendite, ma anche in termini di crescita dell'azienda nel suo complesso. Non mi stupisco, perché ho sempre avuto piena fiducia in quello che offriamo e perché sono un ottimista per natura». Tuttavia, Alberto Gutiérrez non si accontenta e afferma che «vogliamo di più, molto di più, come dice la canzone della nostra pubblicità, che risuona in TV in Spagna e nei Paesi dell'America Latina come Argentina e Messico. Il nostro obiettivo è chiudere l'anno con oltre 6.500.000 clienti, quasi il doppio rispetto al 2019». [post_title] => Civitatis: miglior trimestre di sempre. Gutiérrez: «Vogliamo di più» [post_date] => 2022-10-14T10:41:21+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665744081000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431846 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Oltre 100 milioni di euro di investimenti sulle marine già avviati o in programma entro il 2024. E’ quanto emerge dal report di ricerca di Risposte Turismo che contiene anche un approfondimento sul turismo nautico nei sette paesi che si affacciano sull’Adriatico. Con riferimento alle nuove marine in arrivo e agli investimenti in programma, tra la seconda parte del 2022 e il 2024 in Adriatico vedrà nuovi ormeggi in nove strutture (sette nuove e due progetti di espansione) per un totale di oltre 3 mila nuovi posti barca, con investimenti superiori ai 100 milioni di euro, tra Italia, Croazia e Albania. Dall’analisi delle marine nel versante italiano, oltre al completamento del porto turistico di San Pietro a Termoli, che prevede di aggiungere circa 100 ormeggi, e del porto turistico di San Foca (Lecce), il cui obiettivo è triplicare i 183 ormeggi attualmente disponibili, è prevista la costruzione di un nuovo porto turistico per superyacht (fino a 100 metri) a Bari, a fronte di un investimento di 36 milioni di euro, nell'ambito del progetto di riqualificazione del molo San Cataldo. Sul fronte croato, i lavori di costruzione del nuovo Aci Marina a Novalja, che ospiterà circa 300 posti barca, dovrebbero completarsi entro la fine di quest’anno. Mentre, entro la metà del 2023, la società croata Aci-Gitone dovrebbe iniziare i lavori di realizzazione del nuovo porto turistico di Porto Baroš a Fiume, che ospiterà 230 ormeggi e dovrebbe diventare operativo nel 2024. In completamento entro i prossimi due anni anche i progetti di espansione di Marina Korkyra a Vela Luka, che dovrebbe ampliare la sua capacità da 132 a 177 ormeggi, e di Marina Polesana a Pula, che dovrebbe dotarsi di 1.150 posti barca aggiuntivi. In Albania, dovrebbero portarsi a compimento il complesso di lusso Porto Albania nella penisola di Kalaja e Turrës, dotato di un porto turistico con oltre 700 ormeggi, nonché il nuovo progetto “Durres, Yachts and Marina” nel porto turistico di Durazzo. Un progetto che verrà presentato oggi nel corso di Adriatic Sea Forum e che si estenderà su 44 ettari e che prevede riqualificazioni turistiche e waterfront per ulteriori 140 milioni di euro. Analizzando la distribuzione geografica di strutture e posti barca, tra i Paesi che si affacciano sull’area l’Italia mantiene saldamente la propria leadership con 189 marine (56,1% del totale) e 48.677 posti barca (61,5% del totale). Sul secondo gradino del podio la Croazia (126 marine – 37,4% del totale – e quasi 21.000 posti barca – 26,4% del totale) davanti al Montenegro (3.545 posti barca – 4,5% del totale – e 8 marine – 2,4% del totale). «Con il nostro lavoro di ricerca – commenta Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo - abbiamo rilevato informazioni che ci consentono di tratteggiare un 2023 in crescita rispetto al 2022 per tutto il maritime tourism in Adriatico. Cresce l’offerta, cresce la domanda, frutto di investimenti, di rapidità da parte degli operatori a riprendere gli assetti pre-pandemici, così come di desiderio da parte dei turisti di tornare a fare vacanza. Tuttavia, i volumi non torneranno quelli registrati nel 2019. Questo vale per la crocieristica, che in Adriatico sconta anche l’accesso limitato delle navi a Venezia, vale per il traffico traghetti e aliscafi che, se da un lato non mostrerà differenze rilevanti rispetto al 2019, continua a non accelerare sul fronte dei collegamenti disponibili, e vale per la nautica dal momento che il numero di strutture disponibili lungo le coste dell’Adriatico, nonché il potenziale attrattivo delle diverse mete dell’area, potrebbero generare un traffico ben più ampio dell’attuale”. [post_title] => Turismo nautico in Adriatico, 100 milioni di investimenti tra Italia, Croazia e Albania entro il 2024 [post_date] => 2022-10-07T15:25:40+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1665156340000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430561 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Aegean è tornata all'utile nel secondo trimestre 2022, dopo aver triplicato i ricavi sulla scia della significativa ripresa della domanda. I ricavi sono saliti a 327 milioni di euro, +201% rispetto all'analogo periodo del 2021.  Il traffico passeggeri è cresciuto del +171% raggiungendo quota 3,3 milioni, con un load factor del 79,2%, 23 punti percentuali in più rispetto al secondo trimestre del 2021. Nei tre mesi da aprile a giugno, Aegean ha operato con livelli di capacità all'86% dei livelli pre-pandemia. Nonostante il costo del carburante più che raddoppiato (rispetto al 2019), il Gruppo ha registrato un utile prima delle imposte di 17,7 milioni di euro e un profitto netto di 10,8 milioni di euro. Complessivamente, nel primo semestre dell'anno, i ricavi consolidati sono aumentati del 193%, il traffico passeggeri del 187% e i posti disponibili del 101% rispetto al primo semestre del 2021. Nel primo semestre del 2022 le perdite al netto delle imposte sono state pari a 27,7 milioni di euro. Commentando i dati del trimestre, il ceo della compagnia Dimitris Gerogiannis, ha sottolineato che "Questo trend positivo è proseguito durante i mesi estivi, dove abbiamo offerto il 98% del numero di posti pre-pandemia e abbiamo raggiunto load factor dell'84% e 3,2 milioni di passeggeri nei due mesi di luglio e agosto, supportando ulteriormente le nostre previsioni di redditività per l'esercizio 2022". [post_title] => Aegean torna all'utile nel secondo trimestre. Oltre 3,2 mln di passeggeri fra luglio e agosto [post_date] => 2022-09-16T09:06:28+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663319188000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429229 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Trapani Birgi ha messo a segno un nuovo record nel mese di luglio, raggiungendo quota 1.042 movimenti e 113.362 passeggeri. L'ultima volta era accaduto nel 2017. «Prima dei numeri hanno già parlato le immagini dello scalo, in questi giorni, eloquenti quanto le statistiche» ha commentato il presidente di Airgest, Salvatore Ombra. A luglio il numero delle rotte è salito fino a 15 domestiche e 15 internazionali per 218 movimenti settimanali. Rispettivamente gli aumenti percentuali per passeggeri e movimenti in transito dall’aeroporto di Trapani Birgi sono +73% e +40% rispetto a luglio 2021. Una percentuale di crescita che aumenta se si considera l'analisi del periodo gennaio luglio 2022. Si registrano, infatti, un totale dall'inizio dell'anno di 475.559 passeggeri e 4.893 movimenti, e cioè +216% in termini di passeggeri e +79% di movimenti, rispetto al periodo gennaio luglio 2021. Il confronto dei dati rispetto al 2019 (luglio 22 contro lo stesso mese 2019) è del +177% di passeggeri e del +72% di movimenti; mentre osservando il periodo gennaio-luglio 2022 rispetto al 2019 sono +94% passeggeri e + 55% movimenti. [post_title] => Trapani Birgi: quasi 500.000 passeggeri da inizio anno, 30 rotte operative [post_date] => 2022-08-02T10:38:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1659436717000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429006 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Atlanta Hartsfield-Jackson ha riconquistato il primo gradino del podio nella classifica degli scali più trafficati al mondo per traffico di passeggeri. Classifica che vede primeggiare gli aeroporti statunitensi nelle prime 10 posizioni. I dati sono quelli elaborati da Aci World, che evidenziano come l'aeroporto della Georgia abbia movimentato 75,7 milioni di passeggeri nel 2021, con un aumento del 76,4% rispetto ai 42,9 milioni del 2020. Atlanta ha scalzato dal vertice Guangzhou, mentre l'aeroporto cinese è scivolato all'ottavo posto. "Il 2021 rappresenta l'inizio della ripresa dell'industria aeronautica - ha dichiarato il direttore generale di Aci World, Luis Felipe de Oliveira -. Mentre alcuni tra gli aeroporti da sempre più trafficati sono rientrati nei ranghi superiori, quelli di altre regioni faticano a riprendersi, portando a nuovi ingressi nella top 20". In seconda posizione si trova Dallas Forth Worth (62,5 milioni di passeggeri, +58,7%) e alla terza Denver (58,8 milioni di passeggeri, +74,4%). Altri cinque aeroporti statunitensi sono entrati nella top 10: Chicago O'Hare si è piazzato al quarto posto con 54 milioni di passeggeri; Los Angeles al quinto con 48 milioni; Charlotte al sesto con 43,3 milioni; Orlando al settimo con 40,4 milioni e Las Vegas al decimo con 39,8 milioni. Dalla classifica dei primi 20, quasi tutti gli aeroporti hanno un traffico nazionale significativo che rappresenta dal 65% al 100% dei loro passeggeri totali. L'unica eccezione è Istanbul, che ha una quota di traffico internazionale maggiore, pari al 72%. Complessivamente, gli aeroporti mondiali hanno movimentato 4,6 miliardi di passeggeri nel 2021, con un aumento del 28,3% rispetto al 2020 e un calo del 49,5% rispetto ai risultati del 2019. I primi 20 aeroporti, che rappresentano il 19% del traffico globale o 863 milioni di passeggeri, hanno registrato una crescita del 42,9% rispetto al 2020, ma un calo del 31,9% rispetto ai risultati del 2019, pari a 1,27 miliardi di passeggeri. [post_title] => Atlanta Hartsfield è di nuovo lo scalo più trafficato al mondo: i dati Aci World [post_date] => 2022-07-28T08:50:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1658998208000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1727" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":62,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434302","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Passa di mano la proprietà del W Rome, primo indirizzo italiano del brand lifestyle-lusso di casa Marriott. La joint venture tra il fondo pensioni Canada Pension Plan Investment Board (Cpp Investments) e la società britannica di hotel management Hamilton - Pyramid Europe lo ha infatti acquisito dai precedenti titolari (King Street Capital Management e Omnam Investment Group) per una cifra complessiva attorno ai 172 milioni di euro. La struttura, riaperta lo scorso aprile dopo un completo restyling, comprende 162 camere, oltre a un bar rooftop, un ristorante, una lounge, vari altri locali f&b, una palestra e spazi meeting.\r\n\r\n\"Roma è da sempre una destinazione top a livello leisure e business - spiega il managing director, head of real estate Europa di Cpp Investments, Andrea Orlandi -. L'acquisizione del W Rome pone perciò la nostra joint venture con Hamilton - Pyramid Europe nelle migliori condizioni per sfruttare tutto l'appeal della città Eterna come destinazione turistica globale\".\r\n\r\nCreata all'inizio di quest'anno la joint venture britannico-canadese è focalizzata nell'acquisizione di strutture ricettive operative nelle più importanti città europee e in selezionate destinazioni resort. Lo scorso agosto, Cpp Investments aveva annunciato un impegno per 475 milioni di euro nella stessa joint venture. L'investimento per W Rome fa parte di tale dotazione.","post_title":"Il W Rome passa nella mani di un fondo pensioni canadese e dei britannici di Hamilton - Pyramid Europe","post_date":"2022-11-17T12:25:18+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1668687918000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433644","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Italia resta stabile ai primi posti del rating per presenze internazionali. E’ uno dei dati che emerge dalle ricerche Enit su dati Istat, Unwto e Banca d’Italia che saranno al centro di dibattito nei panel dell’Agenzia nazionale del turismo al Wtm di Londra. L’evento è considerato un must per il settore turistico e l’Enit si promuoverà con uno stand di oltre 1700 mq in partnership con le regioni italiane.\r\nDurante il World Travel Market stakeholder italiani e mondiali si confronteranno con nuovi trend e destinazioni. Un’opportunità per l’industria del turismo di incontrarsi e confrontarsi sulle proprie esperienze. Grande attenzione al mercato Uk che ogni anno muove oltre 100 milioni di investimenti soprattutto per la vacanza culturale in città d’arte e al mare. Cinque le regioni in testa alle preferenze dei britannici: Lombardia, Lazio, Toscana, Veneto e Campania.\r\nDati positivi per l’Italia che sta registrando crescite da ogni Paese con entrate per 21,3 miliardi di euro (+22,7% sul 2020; -52,0% sul 2019), con una quota di mercato che è passata al 4,2% dal 3,6% del 2020, portandola al quarto posto della scala globale per entrate da turismo internazionale. Nell’anno sono salite anche le quote di Spagna (da 3,4% a 5,6%), mentre sono diminuite quelle degli Usa (da 13,3% a 11,4%) e della Germania (da 4,1% a 3,6%).\r\nDai dati Unwto gli arrivi dei primi sette mesi dell’anno hanno raggiunto il 57% dei livelli pre-pandemia. Rispetto invece allo stesso periodo del 2021, nel periodo gennaio-luglio 2022 gli arrivi di turisti internazionali sono quasi triplicati (+172%).\r\n«I viaggiatori dal Regno Unito figurano, infatti, ai primi posti della classifica dei turisti stranieri venuti in Italia per trascorrere una vacanza. prediligono l’accoglienza in hotel (10 milioni di presenze pari al 73,5% del totale) ma non disdegnano i villaggi turistici. A spingere gli inglesi a venire in Italia sono, in primis, le attrazioni culturali, seguite dalle spiagge e dalla possibilità di praticare sport in vacanza» ha detto l’ad Enit Roberta Garibaldi.\r\n«La forte presenza dell’Italia ad un’iniziativa internazionale di grande rilievo rientra nella strategia del governo e del mio mandato di promuovere il Made in Italy in modo sinergico. Il turismo, in ogni sua declinazione, è la chiave principale per raggiungere questo obiettivo. Il Wtm inoltre è un evento che ci dà l’occasione di rivolgerci ad un mercato per noi strategico e che testimonia l’impegno del ministero e di Enit a fare squadra con operatori ed imprese nella promozione dell’offerta turistica italiana», dichiara il ministro del turismo Daniela Santanchè.\r\n ","post_title":"L'Enit al Wtm di Londra per rafforzare la promozione dell'Italia","post_date":"2022-11-07T15:15:18+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1667834118000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"432471","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Comincerà a navigare da maggio del prossimo anno la Coquelicot, la nuova imbarcazione fluviale firmata Belmond. Accompagnerà i suoi ospiti in un viaggio fiabesco nella regione della Champagne, dove attraverserà scenografici canali che regalano panorami e punti di osservazione unici. Sarà dotata di tre lussuose cabine con servizi ensuite, di un salone interno con un champagne bar, frutto della partnership con Maison Ruinart, e di un ampio ponte all'aperto per momenti di relax, per consumare una squisita cena e fare due chiacchiere.\r\n\r\nGrazie proprio alla collaborazione con la più antica casa di champagne al mondo, fondata a Reims nel 1729, gli ospiti potranno tra le altre cose assaporare a bordo un pranzo di degustazione privato preparato dalla chef della Maison Ruinart, Valérie Radou, insieme al capo chef della Coquelicot. Nel quadro di questa partnership, gli ospiti della nave parteciperanno inoltre a visite guidate private dello storico vigneto Taissy, dove scopriranno anche le ultime iniziative di sostenibilità del marchio.\r\n\r\nProgettata dal rinomato duo francese Humbert & Poyet, la Coquelicot vanta anche due salotti, una cucina a vista e una zona pranzo ombreggiata. Con l'aiuto di un guest experience executive personale, gli ospiti della Coquelicot creeranno quindi il loro itinerario selezionando attività uniche da una serie di esperienze suggerite appositamente per loro dal team di esperti Belmond.\r\n\r\nLa Coquelicot, A Belmond Boat, Champagne fa parte di Les Bateaux Belmond, flotta di barche del marchio in Francia. Questa include anche l'Alouette, Canal Du Midi; la Pivoine, Camargue; la Napoléon, Provence; l'Amaryllis, Burgundy; la Fleur De Lys, Burgundy e la Lilas, Burgundy. I prezzi per la Coquelicot partono da 82 mila euro. Sono disponibili trasferimenti in elicottero da Parigi su richiesta.","post_title":"Gruppo Belmond: la nuova Coquelicot navigherà da maggio tra i canali della Champagne","post_date":"2022-10-19T09:05:06+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1666170306000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"432361","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ethiopian Airlines potenzia la propria presenza dall’aeroporto di Milano Malpensa con il lancio, dal prossimo 31 ottobre, di nuovi voli diretti per Zurigo. Il collegamento, che si aggiunge a quelli nonstop già operati dalla compagnia tra Milano e Addis Abeba, sarà servito da tre frequenze settimanali, il lunedì, mercoledì e venerdì. I nuovi voli garantiranno di volare da Malpensa alle 05.50 con rientro nella stessa giornata, alle ore 21.40, con una franchigia di due bagagli da stiva inclusa nel prezzo finale. \r\n\r\n“Investiamo su Milano Malpensa anche per la stagione invernale con voli nonstop per Addis Abeba e Zurigo, motivati dalla costante crescita della domanda” afferma Yemesrach Alemayehu, area manager Italy and Southern Europe.\r\nEthiopian attualmente serve oltre 127 destinazioni internazionali in Europa, Medio Oriente, Asia, Americhe, tra cui 62 destinazioni in Africa e 22 domestiche. ","post_title":"Ethiopian Airlines introduce voli diretti da Milano Malpensa a Zurigo, dal 31 ottobre","post_date":"2022-10-17T15:06:26+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1666019186000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"432258","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_432299\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Alberto Gutiérrez Pascual[/caption]\r\n\r\nCivitatis ha rivelato che nei mesi di luglio, agosto e settembre di quest'anno, più di 2.200.000 persone hanno usufruito di alcune delle sue attività, sparse in tutto il mondo. Si tratta del 65,58% in più rispetto agli stessi mesi del 2019.\r\n\r\nOltre al confronto con la vita pre-pandemica, colpisce anche il confronto con l'anno in corso. Civitatis ha iniziato bene l'anno, nonostante il boom della variante omicron, e ha vissuto un secondo trimestre caratterizzato dai buoni numeri della Pasqua e dei weekend lunghi, oltre che dall'allentamento di ogni tipo di restrizione ai viaggi.\r\n\r\nTuttavia, è nel terzo trimestre che i risultati si sono finalmente concretizzati, con un aumento del 221,54% del numero di persone che hanno prenotato il loro viaggio con Civitatis nei primi tre mesi dell'anno e un aumento del 60,39% nel secondo trimestre. Infatti, i dati dei primi sei mesi sono quasi identici a quelli dei soli mesi di luglio, agosto e settembre.\r\n\r\nSe le cifre sono scioccanti, le destinazioni preferite e le attività più prenotate lo sono meno: il convenzionale ha trionfato. I luoghi più visitati nell'ultimo trimestre, secondo le statistiche della piattaforma spagnola, sono Roma (6,12% delle prenotazioni), Parigi (5,68%), Porto (3,61%), Lisbona (3,52%) e New York (2,96%). I tour più richiesti sono stati la visita guidata ai Musei Vaticani e alla Cappella Sistina (1,62%), il tour gratuito di Parigi (1,58%), il tour dei contrasti di New York (1,43%), la gita in battello sulla Senna (1,25%) e la visita guidata al Colosseo, ai Fori e al Palatino (1,24%).\r\n\r\n«Abbiamo chiuso un trimestre con cifre davvero buone, non solo in termini di vendite, ma anche in termini di crescita dell'azienda nel suo complesso. Non mi stupisco, perché ho sempre avuto piena fiducia in quello che offriamo e perché sono un ottimista per natura». Tuttavia, Alberto Gutiérrez non si accontenta e afferma che «vogliamo di più, molto di più, come dice la canzone della nostra pubblicità, che risuona in TV in Spagna e nei Paesi dell'America Latina come Argentina e Messico. Il nostro obiettivo è chiudere l'anno con oltre 6.500.000 clienti, quasi il doppio rispetto al 2019».","post_title":"Civitatis: miglior trimestre di sempre. Gutiérrez: «Vogliamo di più»","post_date":"2022-10-14T10:41:21+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1665744081000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431846","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Oltre 100 milioni di euro di investimenti sulle marine già avviati o in programma entro il 2024. E’ quanto emerge dal report di ricerca di Risposte Turismo che contiene anche un approfondimento sul turismo nautico nei sette paesi che si affacciano sull’Adriatico.\r\n\r\nCon riferimento alle nuove marine in arrivo e agli investimenti in programma, tra la seconda parte del 2022 e il 2024 in Adriatico vedrà nuovi ormeggi in nove strutture (sette nuove e due progetti di espansione) per un totale di oltre 3 mila nuovi posti barca, con investimenti superiori ai 100 milioni di euro, tra Italia, Croazia e Albania.\r\n\r\nDall’analisi delle marine nel versante italiano, oltre al completamento del porto turistico di San Pietro a Termoli, che prevede di aggiungere circa 100 ormeggi, e del porto turistico di San Foca (Lecce), il cui obiettivo è triplicare i 183 ormeggi attualmente disponibili, è prevista la costruzione di un nuovo porto turistico per superyacht (fino a 100 metri) a Bari, a fronte di un investimento di 36 milioni di euro, nell'ambito del progetto di riqualificazione del molo San Cataldo.\r\n\r\nSul fronte croato, i lavori di costruzione del nuovo Aci Marina a Novalja, che ospiterà circa 300 posti barca, dovrebbero completarsi entro la fine di quest’anno. Mentre, entro la metà del 2023, la società croata Aci-Gitone dovrebbe iniziare i lavori di realizzazione del nuovo porto turistico di Porto Baroš a Fiume, che ospiterà 230 ormeggi e dovrebbe diventare operativo nel 2024. In completamento entro i prossimi due anni anche i progetti di espansione di Marina Korkyra a Vela Luka, che dovrebbe ampliare la sua capacità da 132 a 177 ormeggi, e di Marina Polesana a Pula, che dovrebbe dotarsi di 1.150 posti barca aggiuntivi.\r\n\r\nIn Albania, dovrebbero portarsi a compimento il complesso di lusso Porto Albania nella penisola di Kalaja e Turrës, dotato di un porto turistico con oltre 700 ormeggi, nonché il nuovo progetto “Durres, Yachts and Marina” nel porto turistico di Durazzo. Un progetto che verrà presentato oggi nel corso di Adriatic Sea Forum e che si estenderà su 44 ettari e che prevede riqualificazioni turistiche e waterfront per ulteriori 140 milioni di euro.\r\n\r\nAnalizzando la distribuzione geografica di strutture e posti barca, tra i Paesi che si affacciano sull’area l’Italia mantiene saldamente la propria leadership con 189 marine (56,1% del totale) e 48.677 posti barca (61,5% del totale). Sul secondo gradino del podio la Croazia (126 marine – 37,4% del totale – e quasi 21.000 posti barca – 26,4% del totale) davanti al Montenegro (3.545 posti barca – 4,5% del totale – e 8 marine – 2,4% del totale).\r\n\r\n«Con il nostro lavoro di ricerca – commenta Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo - abbiamo rilevato informazioni che ci consentono di tratteggiare un 2023 in crescita rispetto al 2022 per tutto il maritime tourism in Adriatico. Cresce l’offerta, cresce la domanda, frutto di investimenti, di rapidità da parte degli operatori a riprendere gli assetti pre-pandemici, così come di desiderio da parte dei turisti di tornare a fare vacanza. Tuttavia, i volumi non torneranno quelli registrati nel 2019. Questo vale per la crocieristica, che in Adriatico sconta anche l’accesso limitato delle navi a Venezia, vale per il traffico traghetti e aliscafi che, se da un lato non mostrerà differenze rilevanti rispetto al 2019, continua a non accelerare sul fronte dei collegamenti disponibili, e vale per la nautica dal momento che il numero di strutture disponibili lungo le coste dell’Adriatico, nonché il potenziale attrattivo delle diverse mete dell’area, potrebbero generare un traffico ben più ampio dell’attuale”.","post_title":"Turismo nautico in Adriatico, 100 milioni di investimenti tra Italia, Croazia e Albania entro il 2024","post_date":"2022-10-07T15:25:40+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1665156340000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430561","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Aegean è tornata all'utile nel secondo trimestre 2022, dopo aver triplicato i ricavi sulla scia della significativa ripresa della domanda. I ricavi sono saliti a 327 milioni di euro, +201% rispetto all'analogo periodo del 2021. \r\n\r\nIl traffico passeggeri è cresciuto del +171% raggiungendo quota 3,3 milioni, con un load factor del 79,2%, 23 punti percentuali in più rispetto al secondo trimestre del 2021. Nei tre mesi da aprile a giugno, Aegean ha operato con livelli di capacità all'86% dei livelli pre-pandemia.\r\n\r\nNonostante il costo del carburante più che raddoppiato (rispetto al 2019), il Gruppo ha registrato un utile prima delle imposte di 17,7 milioni di euro e un profitto netto di 10,8 milioni di euro. Complessivamente, nel primo semestre dell'anno, i ricavi consolidati sono aumentati del 193%, il traffico passeggeri del 187% e i posti disponibili del 101% rispetto al primo semestre del 2021. Nel primo semestre del 2022 le perdite al netto delle imposte sono state pari a 27,7 milioni di euro.\r\n\r\nCommentando i dati del trimestre, il ceo della compagnia Dimitris Gerogiannis, ha sottolineato che \"Questo trend positivo è proseguito durante i mesi estivi, dove abbiamo offerto il 98% del numero di posti pre-pandemia e abbiamo raggiunto load factor dell'84% e 3,2 milioni di passeggeri nei due mesi di luglio e agosto, supportando ulteriormente le nostre previsioni di redditività per l'esercizio 2022\".","post_title":"Aegean torna all'utile nel secondo trimestre. Oltre 3,2 mln di passeggeri fra luglio e agosto","post_date":"2022-09-16T09:06:28+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663319188000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429229","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Trapani Birgi ha messo a segno un nuovo record nel mese di luglio, raggiungendo quota 1.042 movimenti e 113.362 passeggeri. L'ultima volta era accaduto nel 2017. «Prima dei numeri hanno già parlato le immagini dello scalo, in questi giorni, eloquenti quanto le statistiche» ha commentato il presidente di Airgest, Salvatore Ombra. A luglio il numero delle rotte è salito fino a 15 domestiche e 15 internazionali per 218 movimenti settimanali.\r\n\r\nRispettivamente gli aumenti percentuali per passeggeri e movimenti in transito dall’aeroporto di Trapani Birgi sono +73% e +40% rispetto a luglio 2021. Una percentuale di crescita che aumenta se si considera l'analisi del periodo gennaio luglio 2022. Si registrano, infatti, un totale dall'inizio dell'anno di 475.559 passeggeri e 4.893 movimenti, e cioè +216% in termini di passeggeri e +79% di movimenti, rispetto al periodo gennaio luglio 2021.\r\n\r\nIl confronto dei dati rispetto al 2019 (luglio 22 contro lo stesso mese 2019) è del +177% di passeggeri e del +72% di movimenti; mentre osservando il periodo gennaio-luglio 2022 rispetto al 2019 sono +94% passeggeri e + 55% movimenti.","post_title":"Trapani Birgi: quasi 500.000 passeggeri da inizio anno, 30 rotte operative","post_date":"2022-08-02T10:38:37+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1659436717000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429006","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Atlanta Hartsfield-Jackson ha riconquistato il primo gradino del podio nella classifica degli scali più trafficati al mondo per traffico di passeggeri. Classifica che vede primeggiare gli aeroporti statunitensi nelle prime 10 posizioni.\r\n\r\nI dati sono quelli elaborati da Aci World, che evidenziano come l'aeroporto della Georgia abbia movimentato 75,7 milioni di passeggeri nel 2021, con un aumento del 76,4% rispetto ai 42,9 milioni del 2020. Atlanta ha scalzato dal vertice Guangzhou, mentre l'aeroporto cinese è scivolato all'ottavo posto.\r\n\r\n\"Il 2021 rappresenta l'inizio della ripresa dell'industria aeronautica - ha dichiarato il direttore generale di Aci World, Luis Felipe de Oliveira -. Mentre alcuni tra gli aeroporti da sempre più trafficati sono rientrati nei ranghi superiori, quelli di altre regioni faticano a riprendersi, portando a nuovi ingressi nella top 20\".\r\n\r\nIn seconda posizione si trova Dallas Forth Worth (62,5 milioni di passeggeri, +58,7%) e alla terza Denver (58,8 milioni di passeggeri, +74,4%). Altri cinque aeroporti statunitensi sono entrati nella top 10: Chicago O'Hare si è piazzato al quarto posto con 54 milioni di passeggeri; Los Angeles al quinto con 48 milioni; Charlotte al sesto con 43,3 milioni; Orlando al settimo con 40,4 milioni e Las Vegas al decimo con 39,8 milioni.\r\n\r\nDalla classifica dei primi 20, quasi tutti gli aeroporti hanno un traffico nazionale significativo che rappresenta dal 65% al 100% dei loro passeggeri totali. L'unica eccezione è Istanbul, che ha una quota di traffico internazionale maggiore, pari al 72%.\r\n\r\nComplessivamente, gli aeroporti mondiali hanno movimentato 4,6 miliardi di passeggeri nel 2021, con un aumento del 28,3% rispetto al 2020 e un calo del 49,5% rispetto ai risultati del 2019. I primi 20 aeroporti, che rappresentano il 19% del traffico globale o 863 milioni di passeggeri, hanno registrato una crescita del 42,9% rispetto al 2020, ma un calo del 31,9% rispetto ai risultati del 2019, pari a 1,27 miliardi di passeggeri.","post_title":"Atlanta Hartsfield è di nuovo lo scalo più trafficato al mondo: i dati Aci World","post_date":"2022-07-28T08:50:08+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1658998208000]}]}}

Lascia un commento