2 October 2022

1696

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Agenzia viaggi/tour operator seleziona collaboratori esterni con proprio portafoglio clienti, ampia flessibilità lavorativa, nessun costo od onere di gestione, provvigione su venduto e massima serietà.
Per informazioni: info@zorzitravel.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 431217 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A fine anno sono previsti in Adriatico 3,3 milioni di crocieristi movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 232% sul 2021 grazie a 2.936 accosti di navi da crociera (+195% sul 2021). Un dato positivo, certo, ma ancora lontano da quello del 2019, quando i numeri parlavano di ben 5,7 milioni di passeggeri movimentati nella medesima area. Il podio della classifica 2022 vede quindi Corfù al primo posto con oltre mezzo milione di passeggeri previsti e 411 toccate nave, davanti a Kotor (400 mila passeggeri movimentati e 440 toccate nave) e Trieste (380 mila passeggeri movimentati e 230 accosti). A livello di Paesi, la previsione per la chiusura d’anno vede quindi l’Italia confermarsi al primo posto per numero di passeggeri movimentati (1,36 milioni, pari al 40% del totale), davanti a Croazia (900 mila passeggeri) e Grecia (560 mila passeggeri). La Croazia, invece, registrerà a fine 2022 il numero più alto di toccate nave (995) davanti all’Italia (927) e al Montenegro (453). Sono alcuni dei dati della nuova edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report che, insieme alle previsioni per il 2023, verranno presentati da Risposte Turismo in occasione della quinta edizione di Adriatic Sea Forum – Cruise, Ferry, Sail & Yacht, organizzato a Bari dal 6 al 7 ottobre dalla stessa Risposte Turismo, in partnership con l'Autorità di sistema portuale del mar Adriatico meridionale e Pugliapromozione. Lanciato nel 2013, il forum vedrà la partecipazione di operatori dei settori crociere, traghetti e nautica provenienti dai sette Paesi che si affacciano sull’Adriatico (Italia, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Grecia, Montenegro e Slovenia). «La nuova edizione dell’Adriatic Sea Forum giunge in un momento particolarmente significativo per il comparto, nel quale la sfida, ancor più del passato, si gioca sulla capacità di attrazione della domanda, dunque dei turisti, nell’area adriatica - dichiara Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo - Nei due giorni del forum porremo agli operatori e ai rappresentanti di enti di governo una serie di temi e quesiti per comprendere quali potranno essere le future traiettorie di sviluppo di questi settori in Adriatico, e ascolteremo intenzioni, progetti, programmi e istanze che dovrebbero segnare le prossime dinamiche e consentire il raggiungimento di nuovi e più ambiziosi risultati». Tra gli altri dati del rapporto, si segnalano anche quelli sul segmento dei traghetti e degli aliscafi: i primi numeri dell'Adriatic Sea Tourism Report mostrano a fine 2022 nei porti adriatici quasi 18 milioni di passeggeri movimentati (+26% sul 2021 e risultato vicino ai 20 milioni - numeri record - registrati nel 2019). A fine 2022 Bari si confermerà inoltre primo porto in Adriatico per passeggeri movimentati su rotte internazionali (quasi 800 mila), davanti a Durazzo e Ancona che si contenderanno la seconda posizione con circa 690 mila passeggeri movimentati. Da segnalare come per tutti e tre i porti la movimentazione ferry si sviluppi per il 100% su rotte internazionali. Passando infine alla nautica, secondo i dati elaborati da Risposte Turismo in Adriatico sono attive 337 strutture per quasi 80 mila posti barca (79.171). L’Italia conferma la propria leadership grazie a 189 strutture attive (56% delle marine presenti nell’area, per un totale di 49 mila posti barca, 62% del totale), davanti a Croazia (126 strutture per quasi 21 mila posti barca) e Montenegro (8 strutture per 3.545 posti barca). Il turismo nautico in Adriatico mostra, nel quadriennio 2019 – 2022, una crescita complessiva nel numero di marine, porti turistici e posti barca. Nel periodo, infatti, sono state aperte otto nuove strutture nautiche (tre in Croazia, due in Italia e in Montenegro e una in Grecia), per un totale di quasi 4 mila nuovi posti barca. «Nonostante le incertezze che pesano sul contesto internazionale – conclude di Cesare - il turismo ha dato evidenti segnali di ripresa in questo 2022 e il maritime tourism, con le sue componenti, spicca per dinamicità. Negli scorsi mesi abbiamo registrato attraverso i nostri lavori di ricerca una intensa accelerazione sul fronte degli investimenti, con l’offerta nautica, di traghetti e crociere che tanto sul fronte porti e marine che su quello delle compagnie di navigazione sta alzando man mano il livello qualitativo, con una grande attenzione anche al tema della salvaguardia dell’ambiente». [post_title] => All'Adriatic Sea Forum di Bari i dati del report ad hoc di Risposte Turismo [post_date] => 2022-09-28T10:06:57+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1664359617000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430929 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Torino Airport aggiunge un nuovo tassello ai propri investimenti sulla sostenibilità ambientale: il turnaround degli aeromobili diventa 100% green. Grazie a una flotta di mezzi ad alimentazione elettrica e a procedure aeroportuali definite in ottica sostenibile, lo scalo torinese riduce l’impatto ambientale delle operazioni di assistenza a terra degli aerei, con il positivo effetto di azzerare le emissioni di Co2 nell’aria per una migliore esperienza aeroportuale. L'iniziativa si inserisce nel più ampio progetto ‘Torino Green Airport’ e cerca di anticipare i tempi rispetto all’obiettivo NetZero 2050, che prevede l’azzeramento delle emissioni inquinanti sotto il proprio controllo entro il 2050, oltre che rispettare l’impegno assunto con la sottoscrizione della ‘Dichiarazione di Tolosa’ per un’industria del trasporto aereo sempre più sostenibile. L’aeroporto di Torino ha inoltre ampliato il numero di piazzole di parcheggio in cui è possibile effettuare l’imbarco e lo sbarco dei passeggeri a piedi, evitando così l’impiego di autobus alimentati a diesel (1,66 kg di carburante, pari a 5,3 kg di Co2 emessa). Il rinnovo della flotta aeroportuale è un processo avviato da alcuni anni e l’obiettivo dello scalo è quello di arrivare a disporre di almeno il 40% di mezzi ad alimentazione ibrida o full electric entro il 2023. [post_title] => Torino Airport accelera sulla sostenibilità ambientale: operazioni a terra 100% green [post_date] => 2022-09-22T10:18:37+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663841917000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 430712 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tap Air Portugal propone tante destinazioni in Portogallo e oltre Atlantico a tariffe speciali, da prenotare entro il prossimo 2 ottobre, per partenze fino al 30 giugno 2023. Tra le proposte, il Portogallo da 89 euro, Madeira da 109 euro, Azzorre da 169 euro; 11 destinazioni in Brasile da 419 euro oltre che verso il Nord e Centro America, ad esempio New York da 269 euro. La compagnia consente anche lo Stopover gratis a Lisbona fino a 5 notti, nella tratta di andata oppure di ritorno verso le numerose destinazioni oltreoceano. L’iniziativa è valida anche per Madeira e le Azzorre e dà diritto a una serie di altri vantaggi come tariffe alberghiere esclusive, offerte speciali e sconti presso numerosi partner.  Tap opera 93 voli settimanali dall’Italia con partenze dirette per Lisbona da 6 aeroporti: Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Venezia, Firenze, Bologna e Napoli. Grazie al codeshare con Ita Airways si può partire da altri 11 aeroporti (Brindisi, Bologna, Bari, Catania, Genova, Napoli, Palermo, Lamezia Terme, Torino, Trieste e Verona), mentre l’accordo con Trenitalia permette di avere nello stesso biglietto la combinazione treno ad alta velocità-aereo, iniziando o terminando il viaggio nelle stazioni centrali di numerose città.  [post_title] => Tap Air Portugal incentiva le prenotazioni per viaggiare fino al 30 giugno 2023 [post_date] => 2022-09-20T09:15:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1663665338000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 429979 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Premio di produzione più consistente per i dipendenti Gb Viaggi. Per far fronte al caro vita, il to capitolino, che negli ultimi anni ha portato avanti importanti investimenti per la formazione e la valorizzazione delle competenze interne, quest'anno ha deciso di ricompensare ulteriormente i propri collaboratori con una maggiorazione del premio aziendale che va dai 500 ai 1.500 euro, a seconda degli obiettivi raggiunti. “Il gruppo, nonostante gli anni difficili affrontati da tutto il comparto turistico, continua a crescere - commenta Giuseppe Naimo, direttore risorse umane Gb Viaggi -. Il cuore pulsante della nostra azienda e del nostro successo sono le persone. Senza di loro, i risultati non sarebbero stati raggiunti. Ed è per questo che vogliamo riconoscere, in modo concreto, il valore del loro contributo”. Impegno, costanza e duro lavoro hanno portato il tour operator a una crescita esponenziale, che quest’anno ha superato ogni aspettativa con un incremento del +169% sulle presenze nell’ultimo biennio e un +70% in più solo nell’ultimo anno, chiudendo la stagione 2022 con un fatturato di circa 21 milioni di euro. L’incremento del premio di produzione è stato il frutto di un confronto aperto e collaborativo con la Rsu aziendale, nel tentativo di accrescere la qualità della vita di tutti i lavoratori. [post_title] => Gb Viaggi continua a crescere e aumenta il premio di produzione per i dipendenti [post_date] => 2022-09-06T09:12:01+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1662455521000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 428611 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Irlanda, dopo due anni di chiusura dovuti alla pandemia, ha riaperto alle visite alcune delle attrazioni imperdibili dell’Isola. Tra le riaperture più significative c’è quella del centro visitatori di Céide Fields, uno dei monumenti dell'età della pietra più estesi al mondo, posizionato lungo la Wild Atlantic Way. C'è poi la camera funeraria di Newgrange, il più antico osservatorio solare del mondo: nella contea di Meath, alla periferia di Dublino, si trova una delle aree archeologiche più spettacolari dell'isola. Più antica delle piramidi di Giza, questa necropoli risale al Neolitico ed è considerata un antico tempio di grande importanza astronomica, spirituale e cerimoniale. Skellig Michael, l'ultimo rifugio di Luke Skywalker: nel sud-ovest dell'isola, nelle acque al largo della contea di Kerry, si trovano le due isole Skellig. La più grande è Skellig Michael, imponente piramide rocciosa che tocca i 220 metri di altitudine, dichiarata dal 1996 Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco e nota per essere stata l'ambientazione di alcuni episodi della saga di Star Wars. Dopo la chiusura per la pandemia, è di nuovo accessibile ai visitatori fino al 1° ottobre.  Uno dei simboli dell'Irlanda del Nord è il ponte di corda di Carrick-a-Rede, nella contea di Antrim. Costruito da pescatori nel 1755 è oggi una delle principali attrazioni turistiche dell’area a nord dell'Isola di Smeraldo, anche grazie al successo di Game of Thrones, a cui ha prestato la propria scenografica ed esile campata. Un altro dei più importanti monumenti della storia irlandese che ha recentemente riaperto i battenti è la Martello Tower, nota anche come James Joyce Towe and Museum. Situata appena fuori dall’area prettamente urbana di Dublino, a Sandycove, è dedicata al famoso e importante scrittore irlandese. [post_title] => Irlanda: di nuovo visitabili alcuni dei siti più rappresentativi dell'Isola [post_date] => 2022-07-20T12:03:48+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1658318628000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 427133 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Boeing 787-9 di Qantas proveniente da Perth è atterrato questa mattina a Roma alle 8.19, dopo un volo di 15 ore e 45 minuti. La compagnia aerea australiana è tornata così a operare l'atteso collegamento diretto con l'Italia dopo quasi 20 anni, con un velivolo configurato con tre classi di servizio: 42 posti in Business Class, 28 in Premium Economy e 166 in Economy Class per un totale di 236 posti. L'apertura di quello che a tutti gli effetti l'unico collegamento diretto tra l'Australia e l'Europa Continentale - operato con tre frequenze alla settimana - avviene poche settimane dopo che Qantas ha lanciato il primo volo non-stop tra Perth e Londra. La rotta britannica era stata messa in pausa dall'inizio della pandemia. Nel frattempo, la rotta QF1 della compagnia aerea, che opera da Sydney-Singapore a Londra con l'A380, è anch'essa ripresa dal 19 giugno. [post_title] => Qantas: atterrato questa mattina a Roma il primo volo diretto da Perth [post_date] => 2022-06-23T11:35:05+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1655984105000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 426997 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_402293" align="alignleft" width="300"] Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti[/caption] Con l'arrivo del solstizio, inizia ufficialmente l'estate, questa volta (quasi) senza restrizioni. Ma per il turismo la stagione è già partita da tempo, e con buone prospettive: tra giugno e agosto, si prevedono 44,7 milioni di arrivi e un totale di 187,7 milioni di pernottamenti, 23,5 milioni in più rispetto al 2021. E' quanto emerge dall'indagine di Assoturismo Confesercenti, realizzata dal Centro Studi Turistici di Firenze su un campione di 1.589 imprenditori della ricettività in Italia. L'estate 2022 segna dunque un deciso cambio di passo dopo i due anni della pandemia: rispetto alla passata stagione le stime indicano una crescita del +16,6% degli arrivi e del +14,3% dei pernottamenti. Un netto balzo in avanti, anche se i numeri non sono ancora sufficienti a raggiungere i livelli dell'estate pre-pandemia (-12,2% di presenze). A crescere sono soprattutto i flussi di visitatori esteri, le cui presenze segnano un aumento del +25,7% rispetto al 2021, per un totale di circa 72,2 milioni, un livello per ancora inferiore al 2019 (-28,3%). Per quanto riguarda le singole nazionalità straniere di chi sceglie l'Italia per le vacanze estive, il trend registrato è quello di una conferma dei mercati tradizionali europei. Segnalazioni di aumenti sono stati registrati per i flussi tedeschi, francesi, olandesi, svizzeri, austriaci, britannici, belgi, Paesi dell'Est, spagnoli e scandinavi. Lavoro «Le imprese del turismo si aspettano molto dal trimestre estivo - commenta Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti -. L'estate 2022 si prospetta come una vera e propria boccata di ossigeno dopo due anni di enorme difficoltà, con migliaia di attività che hanno chiuso definitivamente i battenti. Certo speravamo in un contesto meno complicato tra conflitto in Ucraina, aumento di costi fissi e bollette e, soprattutto, mancanza di personale. Se la domanda di lavoratori non riuscirà ad essere soddisfatta, sono a rischio l'offerta di servizi e 6,5 miliardi di euro di spesa turistica nel nostro Paese. A questo si aggiungono le cancellazioni dei voli estivi da parte delle compagnie aeree low cost: un fenomeno inqualificabile che crea un danno enorme a viaggiatori e imprese e sul quale è necessario intervenire con urgenza». Tra i mercati extraeuropei in aumento l'unica segnalazione rilevata è per il mercato statunitense. Anche gli italiani - nonostante le maggiori possibilità di viaggiare all'estero - continuano a scegliere il Belpaese per le vacanze estive. Nessuna fuga all'estero, dunque, ma anzi numeri in crescita: le presenze italiane stimate per quest'estate si attesterebbero a 115,5 milioni, il +2,3% rispetto all'estate 2019. Anche per questo, in questa stagione rimarrà ampiamente maggioritaria la domanda italiana con una quota di mercato del 61,6%, contro il 38,4% della domanda estera. Nel 2019 i valori erano rispettivamente 52,9% e 47,1%. Nel trimestre estivo saranno le imprese ricettive che operano nelle città d'arte e d'affari e nei centri minori a registrare l'incremento maggiore dei flussi: +23,2%. Anche per le località dei laghi si prevede un aumento rilevante della domanda (+22,3%), trainata soprattutto dalle richieste degli stranieri. Bene anche le imprese delle aree rurali e di collina (+19,8%) e delle località termali (+14,6%). Per le imprese delle località marine e montane, che nel 2021 registrarono valori molto positivi, la variazione stimata e' del +9%. Per tutte le aree del nostro Paese e' atteso un incremento della domanda: +16,5% e +14,4% rispettivamente per il Nord Ovest e il Nord Est, mentre per il Centro e il Sud-Isole la variazione attesa e' del +13%. [post_title] => Assoturismo: escalation di arrivi. Ma manca il personale [post_date] => 2022-06-21T12:19:38+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1655813978000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 426937 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’arte del cibo è l’essenza dell’Emilia, la Food Valley italiana dove assaporare i prodotti tipici e le prelibatezze che rappresentano la cultura gastronomica d’Italia nel mondo, come il Parmigiano Reggiano e il Prosciutto di Parma. Nel territorio del Parmense, si può fare esperienza di queste e delle più pregiate produzioni grazie agli originali itinerari di Trame d’Italia. L’itinerario di 2 giorni Food Valley Tasting invita ad un weekend di gusto tra le eccellenze enogastronomiche emiliane, in un connubio di storia e cultura. Un viaggio fra i custodi degli antichi sapori, incontrando norcini, produttori di aceto balsamico tradizionale, casari e proprietari di antichi castelli. Il primo giorno i viaggiatori partecipano ad una visita guidata al Caseificio Iris a Lesignano de Bagni (PR) immergendosi tra le forme di Parmigiano Reggiano disposte nel magazzino di stagionatura, per poi degustarne diverse tipologie e ammirare il paesaggio seduti sulla grande panchina (la Big Bench della Veggia). In seguito entrano nelle stanze del bellissimo Castello di Montechiarugolo del XII secolo con i suggestivi camminamenti di ronda, che si trova lungo la Strada del Prosciutto e dei Vini dei Colli e nella zona di produzione della conserva da pomodoro. Il soggiorno è nell’hotel 5 stelle Grand Hotel de la Ville, per ripartire il giorno successivo per il Borgo del Balsamico. Il tour prosegue al Prosciuttificio Leporati a Langhirano, la patria del Prosciutto di Parma, per conoscere e assaporare in compagnia di un esperto norcino. Il prezzo dell’itinerario è a partire da 259 euro a persona: “Natura, silenzio, relax: saper fare e dolce far niente” è l’esperienza di 2 giorni per i buongustai che vogliono ritrovare la tranquillità e il contatto con la natura. Cuore di questo itinerario è l’atmosfera familiare di una piccola azienda agricola bio e polifunzionale gestita da Stefano e Elisabetta a Fidenza (PR), a pochi km dalla Via Emilia. Qui gli ospiti partecipano a diverse attività e degustano torte salate con verdure dell’orto, formaggi abbinati alle confetture, salumi con giardiniera, godendosi il pernottamento, la cena e la colazione in agriturismo. L’esperienza continua a bordo di un’e-bike tra gli scenari naturalistici del Parco dello Stirone e del Piacenziano a Salsomaggiore Terme e poi al MUMAB, il Museo del Mare Antico e Biodiversità. L’itinerario di Trame d’Italia per 2 giorni è a partire da 196 euro a persona. Un percorso, anche enogastronomico, nelle Alte Valli del Parmense, il più grande bio-distretto montano d’Europa. È l’itinerario di 3 giorni proposto da Trame d’Italia per gli amanti della natura e del buon cibo. Si comincia con un tour guidato in e-bike tra gli splendidi panorami del Monte Penna, simbolo e centro delle Alte Valli, per poi partecipare ad una visita guidata con degustazione all’azienda agricola biologica Amamaja ad Albareto (PR). Il pernottamento e la cena con degustazione vegetariana o vegana è all’agriturismo Casa delle Erbe. Il secondo giorno, l’itinerario prosegue con un giro a cavallo guidato di tre ore con visita al Castello di Bardi, per terminare con un aperitivo e il pernottamento all’agriturismo Casa delle Erbe. L’ultimo giorno, invece, è dedicato ad una visita con degustazione di Parmigiano Reggiano all’Azienda Agricola Brugnoli di Bardi. Il prezzo dell’itinerario, valido fino ad ottobre 2022, è a partire da 565 euro a persona per tre giorni     [post_title] => Trame d'Italia, itinerari enogastronomici e culturali nel Parmense [post_date] => 2022-06-20T12:24:32+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1655727872000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 425525 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Non si ferma lo sviluppo dell'industria crocieristica globale. Con tanti nuovi arrivi in pipeline, travelmarket Report ha provato a fare ordine e a stilare un sintetico elenco dei debutti principali in calendario per il prossimo anno, comprensivo di capacità delle unità in costruzione, numero delle categorie delle cabine e itinerario inaugurale: Emerald Sakara (Emerald Cruises), febbraio 2023 Capacità: 100 passeggeri Crociera inaugurale: 25 febbraio 2023; Seychelles (7 notti) Stagione inaugurale: Seychelles, mare Adriatico, Grecia e Mediterraneo Categorie di cabine: 7 Seabourn Pursuit (Seabourn Cruise Line), marzo 2023 Capacità: 264 passeggeri Crociera inaugurale: 4 aprile 2023; Reykjavik (14 notti) Stagione inaugurale: Nord Europa, Islanda, Groenlandia, Artide, Passaggio a Nord-Ovest, Nord e Sud America, costa Ovest Categorie di cabine: 12 Oceania Vista (Oceania Cruises), aprile 2023 Capacità: 1.258 passeggeri Crociera inaugurale: 14 aprile 2023; da Roma a Barcellona (12 notti) Stagione inaugurale: Mediterraneo fino al 4 agosto, isole britanniche, crociera transatlantica, Canada e New England, Messico, America Centrale e canale di Panama Categorie di cabine: 16 World Seeker (Atlas Ocean Voyages), maggio 2023 Capacità: 196 passeggeri Crociera inaugurale: non ancora disponibile Stagione inaugurale: non ancora disponibile Categorie di cabine: 10 Explora I (Explora Journeys), maggio 2023 Capacità: 922 passeggeri Crociera inaugurale: 31 maggio 2023, da Barcellona ad Atene (dieci notti) Stagione inaugurale: Mediterraneo, Nord Europa, Islanda e Groenlandia fino all'inizio di settembre; Stati Uniti, Canada, Caraibi, Sud America e Hawaii Categorie di cabine: 14 Norwegian Viva (Ncl), giugno 2023 Capacità: 3.219 passeggeri Crociera inaugurale: 15 giugno 2023, da Lisbona a Roma (nove notti) Stagione inaugurale: Mediterraneo fino al 6 novembre; Caraibi da San Juan fino a marzo 2024 Categorie di cabine: 35 Silver Nova (Silversea Cruises), luglio 2023 Capacità: 728 passeggeri Crociera inaugurale: 15 luglio 2023, da Southampton a Lisbona (dieci notti) Stagione inaugurale: Mediterraneo fino all'inizio di novembre; Sud America fino a febbraio 2024 Categorie di cabine: 13 Icon of the Seas (Royal Caribbean International), autunno 2023 Capacità: 5.600 passeggeri Crociera inaugurale: non ancora disponibile Stagione inaugurale: non ancora disponibile Categorie di cabine: non ancora disponibile Carnival Jubilee (Carnival Cruise Line), ottobre 2023 Capacità: 5.374 passeggeri Crociera inaugurale: 30 ottobre 2023, da Southampton a Galveston (18 notti) Stagione inaugurale: crociera transatlantica, Caraibi occidentali da Galveston Categorie di cabine: 49 Seven Seas Grandeur (Regent Seven Seas Cruises), novembre 2023 Capacità: 754 passeggeri Crociera inaugurale: 25 novembre 2023, crociera transatlantica (14 notti) Stagione inaugurale: Caraibi e Messico, canale di Panama fino a metà marzo 2024; Mediterraneo Categorie di cabine: 15 Celebrity Ascent (Celebrity Cruises), dicembre 2023 Capacità: 3.260 passeggeri Crociera inaugurale: 2 dicembre 2023, Fort Lauderdale (sette notti) Stagione inaugurale: alternata tra Caraibi orientali e occidentali Categorie di cabine: 27 Princess Sphere Class (Princess Cruises), 2023 Capacità: ca. 4.300 passeggeri Crociera inaugurale: non ancora disponibile Stagione inaugurale: non ancora disponibile Categorie di cabine: non ancora disponibile Brilliant Lady (Virgin Voyages), fine 2023 Capacità: 2.770 passeggeri Crociera inaugurale: non ancora disponibile Stagione inaugurale: non ancora disponibile Categorie di cabine: 21     [post_title] => Crociere: tutti i debutti delle navi più attese del 2023 [post_date] => 2022-05-25T10:05:55+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1653473155000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1696" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":35,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":71,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"431217","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A fine anno sono previsti in Adriatico 3,3 milioni di crocieristi movimentati (imbarchi, sbarchi e transiti), in crescita del 232% sul 2021 grazie a 2.936 accosti di navi da crociera (+195% sul 2021). Un dato positivo, certo, ma ancora lontano da quello del 2019, quando i numeri parlavano di ben 5,7 milioni di passeggeri movimentati nella medesima area. Il podio della classifica 2022 vede quindi Corfù al primo posto con oltre mezzo milione di passeggeri previsti e 411 toccate nave, davanti a Kotor (400 mila passeggeri movimentati e 440 toccate nave) e Trieste (380 mila passeggeri movimentati e 230 accosti). A livello di Paesi, la previsione per la chiusura d’anno vede quindi l’Italia confermarsi al primo posto per numero di passeggeri movimentati (1,36 milioni, pari al 40% del totale), davanti a Croazia (900 mila passeggeri) e Grecia (560 mila passeggeri). La Croazia, invece, registrerà a fine 2022 il numero più alto di toccate nave (995) davanti all’Italia (927) e al Montenegro (453).\r\n\r\nSono alcuni dei dati della nuova edizione dell'Adriatic Sea Tourism Report che, insieme alle previsioni per il 2023, verranno presentati da Risposte Turismo in occasione della quinta edizione di Adriatic Sea Forum – Cruise, Ferry, Sail & Yacht, organizzato a Bari dal 6 al 7 ottobre dalla stessa Risposte Turismo, in partnership con l'Autorità di sistema portuale del mar Adriatico meridionale e Pugliapromozione. Lanciato nel 2013, il forum vedrà la partecipazione di operatori dei settori crociere, traghetti e nautica provenienti dai sette Paesi che si affacciano sull’Adriatico (Italia, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Grecia, Montenegro e Slovenia).\r\n\r\n«La nuova edizione dell’Adriatic Sea Forum giunge in un momento particolarmente significativo per il comparto, nel quale la sfida, ancor più del passato, si gioca sulla capacità di attrazione della domanda, dunque dei turisti, nell’area adriatica - dichiara Francesco di Cesare, presidente Risposte Turismo - Nei due giorni del forum porremo agli operatori e ai rappresentanti di enti di governo una serie di temi e quesiti per comprendere quali potranno essere le future traiettorie di sviluppo di questi settori in Adriatico, e ascolteremo intenzioni, progetti, programmi e istanze che dovrebbero segnare le prossime dinamiche e consentire il raggiungimento di nuovi e più ambiziosi risultati».\r\n\r\nTra gli altri dati del rapporto, si segnalano anche quelli sul segmento dei traghetti e degli aliscafi: i primi numeri dell'Adriatic Sea Tourism Report mostrano a fine 2022 nei porti adriatici quasi 18 milioni di passeggeri movimentati (+26% sul 2021 e risultato vicino ai 20 milioni - numeri record - registrati nel 2019). A fine 2022 Bari si confermerà inoltre primo porto in Adriatico per passeggeri movimentati su rotte internazionali (quasi 800 mila), davanti a Durazzo e Ancona che si contenderanno la seconda posizione con circa 690 mila passeggeri movimentati. Da segnalare come per tutti e tre i porti la movimentazione ferry si sviluppi per il 100% su rotte internazionali.\r\n\r\nPassando infine alla nautica, secondo i dati elaborati da Risposte Turismo in Adriatico sono attive 337 strutture per quasi 80 mila posti barca (79.171). L’Italia conferma la propria leadership grazie a 189 strutture attive (56% delle marine presenti nell’area, per un totale di 49 mila posti barca, 62% del totale), davanti a Croazia (126 strutture per quasi 21 mila posti barca) e Montenegro (8 strutture per 3.545 posti barca). Il turismo nautico in Adriatico mostra, nel quadriennio 2019 – 2022, una crescita complessiva nel numero di marine, porti turistici e posti barca. Nel periodo, infatti, sono state aperte otto nuove strutture nautiche (tre in Croazia, due in Italia e in Montenegro e una in Grecia), per un totale di quasi 4 mila nuovi posti barca.\r\n\r\n«Nonostante le incertezze che pesano sul contesto internazionale – conclude di Cesare - il turismo ha dato evidenti segnali di ripresa in questo 2022 e il maritime tourism, con le sue componenti, spicca per dinamicità. Negli scorsi mesi abbiamo registrato attraverso i nostri lavori di ricerca una intensa accelerazione sul fronte degli investimenti, con l’offerta nautica, di traghetti e crociere che tanto sul fronte porti e marine che su quello delle compagnie di navigazione sta alzando man mano il livello qualitativo, con una grande attenzione anche al tema della salvaguardia dell’ambiente».","post_title":"All'Adriatic Sea Forum di Bari i dati del report ad hoc di Risposte Turismo","post_date":"2022-09-28T10:06:57+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1664359617000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430929","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Torino Airport aggiunge un nuovo tassello ai propri investimenti sulla sostenibilità ambientale: il turnaround degli aeromobili diventa 100% green. Grazie a una flotta di mezzi ad alimentazione elettrica e a procedure aeroportuali definite in ottica sostenibile, lo scalo torinese riduce l’impatto ambientale delle operazioni di assistenza a terra degli aerei, con il positivo effetto di azzerare le emissioni di Co2 nell’aria per una migliore esperienza aeroportuale.\r\nL'iniziativa si inserisce nel più ampio progetto ‘Torino Green Airport’ e cerca di anticipare i tempi rispetto all’obiettivo NetZero 2050, che prevede l’azzeramento delle emissioni inquinanti sotto il proprio controllo entro il 2050, oltre che rispettare l’impegno assunto con la sottoscrizione della ‘Dichiarazione di Tolosa’ per un’industria del trasporto aereo sempre più sostenibile.\r\nL’aeroporto di Torino ha inoltre ampliato il numero di piazzole di parcheggio in cui è possibile effettuare l’imbarco e lo sbarco dei passeggeri a piedi, evitando così l’impiego di autobus alimentati a diesel (1,66 kg di carburante, pari a 5,3 kg di Co2 emessa). Il rinnovo della flotta aeroportuale è un processo avviato da alcuni anni e l’obiettivo dello scalo è quello di arrivare a disporre di almeno il 40% di mezzi ad alimentazione ibrida o full electric entro il 2023.","post_title":"Torino Airport accelera sulla sostenibilità ambientale: operazioni a terra 100% green","post_date":"2022-09-22T10:18:37+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663841917000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"430712","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tap Air Portugal propone tante destinazioni in Portogallo e oltre Atlantico a tariffe speciali, da prenotare entro il prossimo 2 ottobre, per partenze fino al 30 giugno 2023. Tra le proposte, il Portogallo da 89 euro, Madeira da 109 euro, Azzorre da 169 euro; 11 destinazioni in Brasile da 419 euro oltre che verso il Nord e Centro America, ad esempio New York da 269 euro.\r\n\r\nLa compagnia consente anche lo Stopover gratis a Lisbona fino a 5 notti, nella tratta di andata oppure di ritorno verso le numerose destinazioni oltreoceano. L’iniziativa è valida anche per Madeira e le Azzorre e dà diritto a una serie di altri vantaggi come tariffe alberghiere esclusive, offerte speciali e sconti presso numerosi partner. \r\nTap opera 93 voli settimanali dall’Italia con partenze dirette per Lisbona da 6 aeroporti: Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Venezia, Firenze, Bologna e Napoli. Grazie al codeshare con Ita Airways si può partire da altri 11 aeroporti (Brindisi, Bologna, Bari, Catania, Genova, Napoli, Palermo, Lamezia Terme, Torino, Trieste e Verona), mentre l’accordo con Trenitalia permette di avere nello stesso biglietto la combinazione treno ad alta velocità-aereo, iniziando o terminando il viaggio nelle stazioni centrali di numerose città. ","post_title":"Tap Air Portugal incentiva le prenotazioni per viaggiare fino al 30 giugno 2023","post_date":"2022-09-20T09:15:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1663665338000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"429979","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Premio di produzione più consistente per i dipendenti Gb Viaggi. Per far fronte al caro vita, il to capitolino, che negli ultimi anni ha portato avanti importanti investimenti per la formazione e la valorizzazione delle competenze interne, quest'anno ha deciso di ricompensare ulteriormente i propri collaboratori con una maggiorazione del premio aziendale che va dai 500 ai 1.500 euro, a seconda degli obiettivi raggiunti.\r\n\r\n“Il gruppo, nonostante gli anni difficili affrontati da tutto il comparto turistico, continua a crescere - commenta Giuseppe Naimo, direttore risorse umane Gb Viaggi -. Il cuore pulsante della nostra azienda e del nostro successo sono le persone. Senza di loro, i risultati non sarebbero stati raggiunti. Ed è per questo che vogliamo riconoscere, in modo concreto, il valore del loro contributo”.\r\n\r\nImpegno, costanza e duro lavoro hanno portato il tour operator a una crescita esponenziale, che quest’anno ha superato ogni aspettativa con un incremento del +169% sulle presenze nell’ultimo biennio e un +70% in più solo nell’ultimo anno, chiudendo la stagione 2022 con un fatturato di circa 21 milioni di euro.\r\n\r\nL’incremento del premio di produzione è stato il frutto di un confronto aperto e collaborativo con la Rsu aziendale, nel tentativo di accrescere la qualità della vita di tutti i lavoratori.","post_title":"Gb Viaggi continua a crescere e aumenta il premio di produzione per i dipendenti","post_date":"2022-09-06T09:12:01+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1662455521000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"428611","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n L'Irlanda, dopo due anni di chiusura dovuti alla pandemia, ha riaperto alle visite alcune delle attrazioni imperdibili dell’Isola. Tra le riaperture più significative c’è quella del centro visitatori di Céide Fields, uno dei monumenti dell'età della pietra più estesi al mondo, posizionato lungo la Wild Atlantic Way.\r\n\r\nC'è poi la camera funeraria di Newgrange, il più antico osservatorio solare del mondo: nella contea di Meath, alla periferia di Dublino, si trova una delle aree archeologiche più spettacolari dell'isola. Più antica delle piramidi di Giza, questa necropoli risale al Neolitico ed è considerata un antico tempio di grande importanza astronomica, spirituale e cerimoniale.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\nSkellig Michael, l'ultimo rifugio di Luke Skywalker: nel sud-ovest dell'isola, nelle acque al largo della contea di Kerry, si trovano le due isole Skellig. La più grande è Skellig Michael, imponente piramide rocciosa che tocca i 220 metri di altitudine, dichiarata dal 1996 Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco e nota per essere stata l'ambientazione di alcuni episodi della saga di Star Wars. Dopo la chiusura per la pandemia, è di nuovo accessibile ai visitatori fino al 1° ottobre. \r\n\r\nUno dei simboli dell'Irlanda del Nord è il ponte di corda di Carrick-a-Rede, nella contea di Antrim. Costruito da pescatori nel 1755 è oggi una delle principali attrazioni turistiche dell’area a nord dell'Isola di Smeraldo, anche grazie al successo di Game of Thrones, a cui ha prestato la propria scenografica ed esile campata.\r\n\r\nUn altro dei più importanti monumenti della storia irlandese che ha recentemente riaperto i battenti è la Martello Tower, nota anche come James Joyce Towe and Museum. Situata appena fuori dall’area prettamente urbana di Dublino, a Sandycove, è dedicata al famoso e importante scrittore irlandese.\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n","post_title":"Irlanda: di nuovo visitabili alcuni dei siti più rappresentativi dell'Isola","post_date":"2022-07-20T12:03:48+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1658318628000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"427133","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Boeing 787-9 di Qantas proveniente da Perth è atterrato questa mattina a Roma alle 8.19, dopo un volo di 15 ore e 45 minuti. La compagnia aerea australiana è tornata così a operare l'atteso collegamento diretto con l'Italia dopo quasi 20 anni, con un velivolo configurato con tre classi di servizio: 42 posti in Business Class, 28 in Premium Economy e 166 in Economy Class per un totale di 236 posti.\r\n\r\nL'apertura di quello che a tutti gli effetti l'unico collegamento diretto tra l'Australia e l'Europa Continentale - operato con tre frequenze alla settimana - avviene poche settimane dopo che Qantas ha lanciato il primo volo non-stop tra Perth e Londra. La rotta britannica era stata messa in pausa dall'inizio della pandemia.\r\nNel frattempo, la rotta QF1 della compagnia aerea, che opera da Sydney-Singapore a Londra con l'A380, è anch'essa ripresa dal 19 giugno.","post_title":"Qantas: atterrato questa mattina a Roma il primo volo diretto da Perth","post_date":"2022-06-23T11:35:05+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1655984105000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"426997","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_402293\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti[/caption]\r\n\r\nCon l'arrivo del solstizio, inizia ufficialmente l'estate, questa volta (quasi) senza restrizioni. Ma per il turismo la stagione è già partita da tempo, e con buone prospettive: tra giugno e agosto, si prevedono 44,7 milioni di arrivi e un totale di 187,7 milioni di pernottamenti, 23,5 milioni in più rispetto al 2021.\r\n\r\nE' quanto emerge dall'indagine di Assoturismo Confesercenti, realizzata dal Centro Studi Turistici di Firenze su un campione di 1.589 imprenditori della ricettività in Italia. L'estate 2022 segna dunque un deciso cambio di passo dopo i due anni della pandemia: rispetto alla passata stagione le stime indicano una crescita del +16,6% degli arrivi e del +14,3% dei pernottamenti. Un netto balzo in avanti, anche se i numeri non sono ancora sufficienti a raggiungere i livelli dell'estate pre-pandemia (-12,2% di presenze).\r\n\r\nA crescere sono soprattutto i flussi di visitatori esteri, le cui presenze segnano un aumento del +25,7% rispetto al 2021, per un totale di circa 72,2 milioni, un livello per ancora inferiore al 2019 (-28,3%). Per quanto riguarda le singole nazionalità straniere di chi sceglie l'Italia per le vacanze estive, il trend registrato è quello di una conferma dei mercati tradizionali europei. Segnalazioni di aumenti sono stati registrati per i flussi tedeschi, francesi, olandesi, svizzeri, austriaci, britannici, belgi, Paesi dell'Est, spagnoli e scandinavi.\r\nLavoro\r\n«Le imprese del turismo si aspettano molto dal trimestre estivo - commenta Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti -. L'estate 2022 si prospetta come una vera e propria boccata di ossigeno dopo due anni di enorme difficoltà, con migliaia di attività che hanno chiuso definitivamente i battenti. Certo speravamo in un contesto meno complicato tra conflitto in Ucraina, aumento di costi fissi e bollette e, soprattutto, mancanza di personale. Se la domanda di lavoratori non riuscirà ad essere soddisfatta, sono a rischio l'offerta di servizi e 6,5 miliardi di euro di spesa turistica nel nostro Paese. A questo si aggiungono le cancellazioni dei voli estivi da parte delle compagnie aeree low cost: un fenomeno inqualificabile che crea un danno enorme a viaggiatori e imprese e sul quale è necessario intervenire con urgenza».\r\n\r\nTra i mercati extraeuropei in aumento l'unica segnalazione rilevata è per il mercato statunitense. Anche gli italiani - nonostante le maggiori possibilità di viaggiare all'estero - continuano a scegliere il Belpaese per le vacanze estive. Nessuna fuga all'estero, dunque, ma anzi numeri in crescita: le presenze italiane stimate per quest'estate si attesterebbero a 115,5 milioni, il +2,3% rispetto all'estate 2019. Anche per questo, in questa stagione rimarrà ampiamente maggioritaria la domanda italiana con una quota di mercato del 61,6%, contro il 38,4% della domanda estera. Nel 2019 i valori erano rispettivamente 52,9% e 47,1%.\r\n\r\nNel trimestre estivo saranno le imprese ricettive che operano nelle città d'arte e d'affari e nei centri minori a registrare l'incremento maggiore dei flussi: +23,2%. Anche per le località dei laghi si prevede un aumento rilevante della domanda (+22,3%), trainata soprattutto dalle richieste degli stranieri. Bene anche le imprese delle aree rurali e di collina (+19,8%) e delle località termali (+14,6%). Per le imprese delle località marine e montane, che nel 2021 registrarono valori molto positivi, la variazione stimata e' del +9%. Per tutte le aree del nostro Paese e' atteso un incremento della domanda: +16,5% e +14,4% rispettivamente per il Nord Ovest e il Nord Est, mentre per il Centro e il Sud-Isole la variazione attesa e' del +13%.","post_title":"Assoturismo: escalation di arrivi. Ma manca il personale","post_date":"2022-06-21T12:19:38+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1655813978000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"426937","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’arte del cibo è l’essenza dell’Emilia, la Food Valley italiana dove assaporare i prodotti tipici e le prelibatezze che rappresentano la cultura gastronomica d’Italia nel mondo, come il Parmigiano Reggiano e il Prosciutto di Parma. Nel territorio del Parmense, si può fare esperienza di queste e delle più pregiate produzioni grazie agli originali itinerari di Trame d’Italia.\r\n\r\nL’itinerario di 2 giorni Food Valley Tasting invita ad un weekend di gusto tra le eccellenze enogastronomiche emiliane, in un connubio di storia e cultura. Un viaggio fra i custodi degli antichi sapori, incontrando norcini, produttori di aceto balsamico tradizionale, casari e proprietari di antichi castelli. Il primo giorno i viaggiatori partecipano ad una visita guidata al Caseificio Iris a Lesignano de Bagni (PR) immergendosi tra le forme di Parmigiano Reggiano disposte nel magazzino di stagionatura, per poi degustarne diverse tipologie e ammirare il paesaggio seduti sulla grande panchina (la Big Bench della Veggia). In seguito entrano nelle stanze del bellissimo Castello di Montechiarugolo del XII secolo con i suggestivi camminamenti di ronda, che si trova lungo la Strada del Prosciutto e dei Vini dei Colli e nella zona di produzione della conserva da pomodoro. Il soggiorno è nell’hotel 5 stelle Grand Hotel de la Ville, per ripartire il giorno successivo per il Borgo del Balsamico. Il tour prosegue al Prosciuttificio Leporati a Langhirano, la patria del Prosciutto di Parma, per conoscere e assaporare in compagnia di un esperto norcino. Il prezzo dell’itinerario è a partire da 259 euro a persona:\r\n\r\n“Natura, silenzio, relax: saper fare e dolce far niente” è l’esperienza di 2 giorni per i buongustai che vogliono ritrovare la tranquillità e il contatto con la natura. Cuore di questo itinerario è l’atmosfera familiare di una piccola azienda agricola bio e polifunzionale gestita da Stefano e Elisabetta a Fidenza (PR), a pochi km dalla Via Emilia. Qui gli ospiti partecipano a diverse attività e degustano torte salate con verdure dell’orto, formaggi abbinati alle confetture, salumi con giardiniera, godendosi il pernottamento, la cena e la colazione in agriturismo. L’esperienza continua a bordo di un’e-bike tra gli scenari naturalistici del Parco dello Stirone e del Piacenziano a Salsomaggiore Terme e poi al MUMAB, il Museo del Mare Antico e Biodiversità. L’itinerario di Trame d’Italia per 2 giorni è a partire da 196 euro a persona.\r\n\r\nUn percorso, anche enogastronomico, nelle Alte Valli del Parmense, il più grande bio-distretto montano d’Europa. È l’itinerario di 3 giorni proposto da Trame d’Italia per gli amanti della natura e del buon cibo. Si comincia con un tour guidato in e-bike tra gli splendidi panorami del Monte Penna, simbolo e centro delle Alte Valli, per poi partecipare ad una visita guidata con degustazione all’azienda agricola biologica Amamaja ad Albareto (PR). Il pernottamento e la cena con degustazione vegetariana o vegana è all’agriturismo Casa delle Erbe. Il secondo giorno, l’itinerario prosegue con un giro a cavallo guidato di tre ore con visita al Castello di Bardi, per terminare con un aperitivo e il pernottamento all’agriturismo Casa delle Erbe. L’ultimo giorno, invece, è dedicato ad una visita con degustazione di Parmigiano Reggiano all’Azienda Agricola Brugnoli di Bardi. Il prezzo dell’itinerario, valido fino ad ottobre 2022, è a partire da 565 euro a persona per tre giorni\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Trame d'Italia, itinerari enogastronomici e culturali nel Parmense","post_date":"2022-06-20T12:24:32+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1655727872000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"425525","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Non si ferma lo sviluppo dell'industria crocieristica globale. Con tanti nuovi arrivi in pipeline, travelmarket Report ha provato a fare ordine e a stilare un sintetico elenco dei debutti principali in calendario per il prossimo anno, comprensivo di capacità delle unità in costruzione, numero delle categorie delle cabine e itinerario inaugurale:\r\n\r\nEmerald Sakara (Emerald Cruises), febbraio 2023\r\nCapacità: 100 passeggeri\r\nCrociera inaugurale: 25 febbraio 2023; Seychelles (7 notti)\r\nStagione inaugurale: Seychelles, mare Adriatico, Grecia e Mediterraneo\r\nCategorie di cabine: 7\r\n\r\nSeabourn Pursuit (Seabourn Cruise Line), marzo 2023\r\nCapacità: 264 passeggeri\r\nCrociera inaugurale: 4 aprile 2023; Reykjavik (14 notti)\r\nStagione inaugurale: Nord Europa, Islanda, Groenlandia, Artide, Passaggio a Nord-Ovest, Nord e Sud America, costa Ovest\r\nCategorie di cabine: 12\r\n\r\nOceania Vista (Oceania Cruises), aprile 2023\r\nCapacità: 1.258 passeggeri\r\nCrociera inaugurale: 14 aprile 2023; da Roma a Barcellona (12 notti)\r\nStagione inaugurale: Mediterraneo fino al 4 agosto, isole britanniche, crociera transatlantica, Canada e New England, Messico, America Centrale e canale di Panama\r\nCategorie di cabine: 16\r\n\r\nWorld Seeker (Atlas Ocean Voyages), maggio 2023\r\nCapacità: 196 passeggeri\r\nCrociera inaugurale: non ancora disponibile\r\nStagione inaugurale: non ancora disponibile\r\nCategorie di cabine: 10\r\n\r\nExplora I (Explora Journeys), maggio 2023\r\nCapacità: 922 passeggeri\r\nCrociera inaugurale: 31 maggio 2023, da Barcellona ad Atene (dieci notti)\r\nStagione inaugurale: Mediterraneo, Nord Europa, Islanda e Groenlandia fino all'inizio di settembre; Stati Uniti, Canada, Caraibi, Sud America e Hawaii\r\nCategorie di cabine: 14\r\n\r\nNorwegian Viva (Ncl), giugno 2023\r\nCapacità: 3.219 passeggeri\r\nCrociera inaugurale: 15 giugno 2023, da Lisbona a Roma (nove notti)\r\nStagione inaugurale: Mediterraneo fino al 6 novembre; Caraibi da San Juan fino a marzo 2024\r\nCategorie di cabine: 35\r\n\r\nSilver Nova (Silversea Cruises), luglio 2023\r\nCapacità: 728 passeggeri\r\nCrociera inaugurale: 15 luglio 2023, da Southampton a Lisbona (dieci notti)\r\nStagione inaugurale: Mediterraneo fino all'inizio di novembre; Sud America fino a febbraio 2024\r\nCategorie di cabine: 13\r\n\r\nIcon of the Seas (Royal Caribbean International), autunno 2023\r\nCapacità: 5.600 passeggeri\r\nCrociera inaugurale: non ancora disponibile\r\nStagione inaugurale: non ancora disponibile\r\nCategorie di cabine: non ancora disponibile\r\n\r\nCarnival Jubilee (Carnival Cruise Line), ottobre 2023\r\nCapacità: 5.374 passeggeri\r\nCrociera inaugurale: 30 ottobre 2023, da Southampton a Galveston (18 notti)\r\nStagione inaugurale: crociera transatlantica, Caraibi occidentali da Galveston\r\nCategorie di cabine: 49\r\n\r\nSeven Seas Grandeur (Regent Seven Seas Cruises), novembre 2023\r\nCapacità: 754 passeggeri\r\nCrociera inaugurale: 25 novembre 2023, crociera transatlantica (14 notti)\r\nStagione inaugurale: Caraibi e Messico, canale di Panama fino a metà marzo 2024; Mediterraneo\r\nCategorie di cabine: 15\r\n\r\nCelebrity Ascent (Celebrity Cruises), dicembre 2023\r\nCapacità: 3.260 passeggeri\r\nCrociera inaugurale: 2 dicembre 2023, Fort Lauderdale (sette notti)\r\nStagione inaugurale: alternata tra Caraibi orientali e occidentali\r\nCategorie di cabine: 27\r\n\r\nPrincess Sphere Class (Princess Cruises), 2023\r\nCapacità: ca. 4.300 passeggeri\r\nCrociera inaugurale: non ancora disponibile\r\nStagione inaugurale: non ancora disponibile\r\nCategorie di cabine: non ancora disponibile\r\n\r\nBrilliant Lady (Virgin Voyages), fine 2023\r\nCapacità: 2.770 passeggeri\r\nCrociera inaugurale: non ancora disponibile\r\nStagione inaugurale: non ancora disponibile\r\nCategorie di cabine: 21\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Crociere: tutti i debutti delle navi più attese del 2023","post_date":"2022-05-25T10:05:55+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1653473155000]}]}}

Lascia un commento