5 February 2023

1674

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

TOUR OPERATOR INCOMING DI ROMA CERCA ADDETTI PRENOTAZIONI INDIVIDUALI – GRUPPI CON PLURIENNALE ESPERIENZA, BUONA CONOSCENZA DELLA LINGUA INGLESE, TEDESCA, RUSSA. SI RICHIEDE ANCHE ESPERIENZA NELL’ORGANIZZAZIONE DI INCENTIVE. ASSUNZIONE IMMEDIATA NO PERDITEMPO.
INVIARE CURRICULUM A: touroperatorincoming@gmail.com


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438577 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air France alza la posta sul Canada con il lancio di un nuovo collegamento per Ottawa, unico volo diretto verso la capitale canadese dall'Europa. Durante la prossima estate saliranno così fino a 50 i voli settimanali della compagnia aerea verso 5 destinazioni in Canada: oltre a Ottawa ci sono infatti Quebec City (nuovo servizio nel 2022), Montreal, Toronto e Vancouver (destinazioni servite tutto l'anno da Air France). Il servizio tra Paris-Charles de Gaulle e Ottawa Macdonald-Cartier decollerà il prossimo 27 giugno e sarà operato cinque volte alla settimana - lunedì, martedì, giovedì, sabato e domenica - con Airbus A330-200 configurato con 224 posti (36 in Business, 21 in Premium Economy e 167 in Economy). La Parigi-Quebec City riprenderà quest'anno dal 2 maggio, con tre frequenze settimanali operate da Boeing 787-9 il martedì, il venerdì e la domenica. Verranno inoltre incrementati i voli verso le destinazioni servite tutto l'anno da Air France, aumentando la capacità di volo complessiva verso il Canada di oltre il 25% rispetto al 2019. Di conseguenza, Air France collegherà i viaggiatori tra l’ hub di Parigi-Charles de Gaulle e: Montreal con un massimo di tre voli giornalieri; Toronto con due voli giornalieri; Vancouver con un volo giornaliero. Anche Klm propone un operativo significativo sulle rotte per il Canada: da Amsterdam-Schiphol per Toronto con fino a 13 voli settimanali, Calgary con 7 voli settimanali, Vancouver con un massimo di 7 voli settimanali, Montreal con un massimo di 5 voli settimanali, Edmonton con fino a 4 voli settimanali. Un servizio di autobus Klm collega Montreal-Trudeau a Ottawa. [post_title] => Air France vola a Ottawa: sale del 25% la capacità offerta sulle rotte per il Canada [post_date] => 2023-02-03T09:08:17+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675415297000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438428 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Osservatorio Fto segnala gli andamenti del jet fuel per fornire un dato essenziale agli operatori e alle agenzie di viaggio. Il sito Ita, alla scheda jet fuel monitor, pubblica le quotazioni settimanali del jet fuel fino al 27/01. Possiamo fornire i dati relativi al mese di gennaio che si chiude con una media per tonnellata metrica pari a 1089,29 dollari. Rispetto al mese precedente si segnala un incremento pari a 140,35 dollari, pari al +14,8%. La media mensile di gennaio si posiziona nuovamente sopra la barriera dei 1000 dollari. Rispetto al mese di gennaio dell’anno precedente l’aumento è stato di 281,87 dollari pari al +34,91%. Il cambio medio del dollaro a gennaio viene dichiarato dalla BCE pari a 1,0769 dollari per un euro, quindi con un apprezzamento del 1,70% rispetto al mese precedente. Nei grafici che seguono viene mostrato l’andamento dal 2008 al 2022 e quello del 2022-2023, del prezzo del jet fuel espresso in dollari per tonnellata metrica. Nei grafici viene anche indicata la media mobile bimestrale che meglio evidenzia l’andamento del prezzo.   [post_title] => Fto: il prezzo media del jet fuel torna ad una media superiore ai mille dollari [post_date] => 2023-02-01T11:19:34+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675250374000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437987 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il grande ritorno dell'eCommerce nel turismo. Infatti il 2022 è stato l’anno della ripresa per il mercato complessivo del turismo (online + offline) in Italia, tornato vicinissimo ai valori pre-pandemia. Se per la componente offline il divario da colmare è ancora significativo (da -45% a -16% rispetto al 2019 per i differenti comparti), guardando solo all’eCommerce dei viaggi il sorpasso sul 2019, in alcuni casi, è già avvenuto. Nell’ospitalità i valori del 2022 per l’online superano, infatti, quelli del pre-pandemia (16,4 contro i 14,6 miliardi del 2019) mentre nei trasporti vi sono ormai vicini (11,2 miliardi rispetto a i 12 di tre anni fa). Anche il turismo organizzato ha ripreso a correre: il mercato del tour operating nel 2022 vale il 70% di quanto fatturava nel 2019 e il comparto delle agenzie di viaggio si attesta al -19% sul pre-pandemia. Rispetto al 2021 la ripartenza è evidente: +106% per il tour operating e +189% per le agenzie di viaggio. Sono alcuni dei dati emersi dalla nona edizione dell'Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo della School of Management del Politecnico di Milano, presentati in occasione del convegno “Travel Innovation Day – Il Travel riprende quota: il digitale ai comandi” insieme alla ricerca dell’Osservatorio Business Travel, svolta in partnership con il Center for Advanced Studies in Tourism (CAST) dell’Università di Bologna. Crescita Anche in fase di prenotazione l’online la fa da padrone: per l’alloggio la quota di chi ha utilizzato esclusivamente canali online raggiunge il 59%, mentre nei trasporti il 63%. Inoltre, il 22% dei viaggiatori si rivolge all’agenzia o consulente di viaggio per acquisire informazioni o prenotare la vacanza. Continua a crescere anche il numero di viaggiatori che ha acquistato tramite eCommerce prodotti legati alla località visitata e che rappresenta il 33% del totale, contro il 12% del 2019 e il 9% del 2018. Anche l’offerta si sta adeguando alla crescente richiesta di esperienze neverending, ossia esperienze turistiche estese nel tempo e nello spazio: il 12% delle strutture ricettive offre ai propri clienti la possibilità di acquistare prodotti della destinazione (enogastronomici, di artigianato etc.) tramite eCommerce. [post_title] => L'eCommerce vola. Il turismo organizzato si difende bene [post_date] => 2023-01-26T11:11:55+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674731515000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437664 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà il primo urban hotel della compagnia spagnola in Italia e nascerà dalla ristrutturazione e ribranding di un 5 stelle esistente, provvisto di 168 camere e vari spazi f&b, tra cui una terrazza panoramica. Il gruppo Palladium ha annunciato in occasione della Fitur di Madrid il proprio approdo a Venezia, grazie alla firma di un contratto di leasing per un albergo che aprirà nel 2025. Tra le altre novità, l'inaugurazione di un altro Only You a Siviglia prevista per il primo trimestre dell'anno prossimo: la struttura è attualmente in fase di ristrutturazione completa, al termine dei cui lavori nascerà un 5 stelle da 226 camere, dotato di un'ampia gamma di ristoranti e spazi per eventi, tra cui una vasta area esterna con piscina. Entrambi i progetti di interior design, a Siviglia e a Venezia, sono a cura dello studio internazionale di Lázaro Rosa-Violán. Nel corso del 2023, l'Hard Rock Hotel Marbella aprirà invece l’area Oasis, aggiungendo 174 camere, tra cui due nuove categorie, le Rock suite e le Rock Star suite. La struttura inaugurerà anche la Rock spa e oltre 900 metri quadrati di spazi per meeting. Inoltre, a partire da questa primavera, l'Hard Rock di Marbella sarà aperto tutto l'anno. Infine, la compagnia spagnola ha pure annunciato investimenti significativi da parte dei proprietari degli asset esistenti, per la ristrutturazione e il rinnovamento di una serie di hotel in Europa e in America. Il budget ammonta a 160 milioni di euro per progetti da realizzare nel biennio 2023-2024. Dopo l'ampio restyling effettuato l'anno scorso del Grand Palladium Jamaica Resort & Spa, sarà questa la volta di intervenire sul Grand Palladium Kantenah Resort & Spa, in Riviera Maya, nonché sul Grand Palladium Palace Ibiza Resort & Spa, mentre nel 2024 è prevista la ristrutturazione degli hotel in Messico e a Punta Cana. [post_title] => Il gruppo Palladium approda a Venezia con il brand Only You Hotels [post_date] => 2023-01-20T11:09:27+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674212967000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436884 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Thailandia fa marcia indietro sull'obbligo di vaccinazione per entrare nel Paese: nell'arco di neppure 48 ore il governo ha dapprima reintegrato l'obbligo, sabato 7 gennaio, per poi revocarlo stamattina, 9 gennaio. Il ministro della Sanità, Anutin Charnvirakul, ha motivato la decisione definendo i livelli di immunizzazione, in Cina e nel mondo, sufficienti. Secondo quanto riportato da Reuters, il ministro ha chiarito che l'obbligo di mostrare la prova della vaccinazione "era scomodo e che un gruppo di esperti ha deciso che non era più necessario in quanto a livello globale erano state somministrate vaccinazioni sufficienti". Ai visitatori non vaccinati sarà quindi consentito l'ingresso in Thailandia senza restrizioni. Ripresa del turismo La Thailandia sta beneficiando di un nuovo afflusso di turisti durante la sua prima stagione di punta da quando, lo scorso anno, sono state rimosse le severe restrizioni all'ingresso. A novembre ha totalizzato 1,75 milioni di visitatori, il quadruplo rispetto all'intero anno scorso. Anutin ha dichiarato che la Thailandia si aspetta ora 7-10 milioni di visitatori cinesi, rispetto a una stima precedente di 5 milioni. L'ente del turismo thailandese prevede che il numero di arrivi per l'anno scorso abbia superato gli 11,5 milioni, poco più di un quarto del record di quasi 40 milioni del 2019 pre-pandemia. [post_title] => La Thailandia cambia ancora le norme: rimosso l'obbligo di vaccinazione [post_date] => 2023-01-09T10:41:50+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673260910000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436731 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Air Cairo ha accolto in flotta tre nuovi Embraer 190, che entreranno in servizio alla fine di gennaio. Consegnati dal 22 dicembre 2022 tramite Ciaf Leasing, i tre E190 da 110 posti della low cost di Egyptair sono i primi aeromobili Embraer di una flotta che comprende quattro Atr-72-600 (70 posti), nove Airbus A320 (174) e nove A320neo (186). Nei progetti di Air Cairo la flotta crescerà fino a 30 velivoli entro il prossimo marzo. I primi voli commerciali dell'E190 sono previsti ogni venerdì a partire dal 27 gennaio 2023 tra Hurghada e l'aeroporto di Budapest-Ferenc Liszt, con una seconda rotazione prevista per l'inizio della stagione estiva. Gli aeromobili a corridoio singolo saranno impiegati anche per Catania, Milano, Napoli e Roma, nonché per Praga, Sarajevo, Banja Luka, Skopje o Yerevan, principalmente da Hurghada (sono previste anche rotte da o per Il Cairo, Luxor o Sharm el Sheikh). [post_title] => Air Cairo: consegnati tre nuovi Embraer 190 che entreranno in servizio da fine gennaio [post_date] => 2023-01-04T09:40:12+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1672825212000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436681 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ancora una volta gli italiani hanno deciso di non rinunciare alla vacanza anche nei giorni dell’Epifania, grazie a una congiuntura un po’ più fortunata rispetto ai giorni di Natale e del Capodanno, dal momento che la festività è collocata nella giornata di venerdì. Tra coloro che hanno effettuato una vacanza lunga, comprendendo sia il Natale sia la Befana (3mln e 54mila persone), e chi invece si è orientato solo sulle festività di Capodanno ed Epifania (242mila), si distingue quel milione e 868 mila che, appunto, si muoverà soltanto nei giorni della Befana. A rivelarlo è l'ultima indagine Federalberghi realizzata con il supporto tecnico dell'istituto Acs Marketing Solutions. In sostanza, prosegue lo studio, ci si è piacevolmente trovati di fronte a un fine settimana lungo, che si trascorrerà per la maggior parte in Italia (nel 97,7% dei casi), a caccia di relax e preferibilmente in località di facile raggiungibilità. L’interesse sarà prevalentemente concentrato sulle visite in città d’arte o siti pieni di storia e di musei e mostre da scoprire. Il tutto, prediligendo nel complesso la sistemazione in albergo (nel 44,3% dei casi), che stacca decisamene la soluzione della casa di parenti e/o amici (29,5%). “Analizzando i dati emersi, si ha la percezione che il turismo italiano stia cambiando – afferma il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca – Oggi i nostri concittadini mostrano di avere delle priorità: viaggiare sì, ma in modo intelligente, rifuggendo da situazioni di stress eccessivi. Nel complesso potremmo dire che si chiude in bellezza. Se non ci fosse però quel 34% di persone che ridurrà la durata del viaggio a causa degli aumenti divenuti insostenibili. Sono questi i veri nemici del turismo e di tutta la sua filiera. Se c’è un’urgenza nel nostro comparto, e lo gridiamo a gran voce, è quella di porre un freno ai rincari”. Nel dettaglio, stando all'indagine saranno complessivamente 5 milioni e 164 mila gli italiani in viaggio nei giorni dell’Epifania. In generale non ci si allontanerà molto da casa, privilegiando la regione della propria residenza (68,6%) o una regione vicina (29,1%). Tra i vacanzieri, 1 milione 868 mila si metterà in viaggio per il solo periodo dell’Epifania; 242 mila saranno già in movimento sin da Capodanno, mentre 3 milioni e 54 mila ha programmato la vacanza lunga, ovvero l’intero arco delle festività, da Natale alla Befana. Per coloro che andranno in vacanza esclusivamente nel periodo dell’Epifania, la durata media sarà di circa 3,3 notti con una spesa pro capite complessiva (ovvero comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti) di 572 euro. Un dato, quest'ultimo, che scende a 567 euro per chi resterà in Italia, salendo invece a 875 euro per chi sceglierà l’estero. Il giro di affari specifico del weekend si attesterà sul miliardo e 68 milioni di euro. Motivo principale della vacanza sarà infine la ricerca del riposo e del relax (58%), passeggiando (33%), visitando monumenti (22,7%) e musei (18,2%) o assistendo a spettacoli musicali (14,8%). [post_title] => Bocca, Federalberghi: bene l'Epifania ma gli aumenti sono il vero nemico del turismo [post_date] => 2023-01-03T11:14:15+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1672744455000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435930 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_331279" align="alignleft" width="300"] Sebastian Ebel[/caption] Fatturato quasi quadruplicato rispetto ai 12 mesi precedenti per il gruppo Tui, che ha chiuso lo scorso 30 settembre il proprio anno finanziario 2021-22 a quota 16,55 miliardi di euro, contro i 4,73 miliardi dell'esercizio 2020-21, attestandosi quindi su livelli non troppo lontani dei 18,93 miliardi del 2018-19. Bene anche l'utile operativo sottostante ante oneri finanziari e imposte (underlying ebit) che ritorna in territorio positivo per 409 milioni di euro, contro il rosso da -2,08 miliardi dell'anno scorso. Bottom line invece ancora negativa (-277,3 milioni) ma nettamente in miglioramento rispetto ai 2,47 miliardi di perdite dei 12 mesi precedenti. A trainare le performance dell'operatore tedesco un'ottima estate: nel quarto trimestre dell'anno fiscale (da luglio a settembre), Tui ha infatti generato 7,61 miliardi di ricavi (contro i 3,37 miliardi dello stesso periodo dell'esercizio precedente), assicurandosi un underlying ebit di 1,04 miliardi. "Il turismo rimane un'industria attrattiva e di ampio respiro. Lo rivelano tutti i fondamentali economici e i mega-trend di lungo periodo, che restano intatti - commenta il ceo del gruppo Tui, Sebastian Ebel -. Ci aspettiamo quindi un solido anno finanziario 2022-23, sebbene siamo consapevoli dei fattori di mercato esogeni che potrebbero avere un impatto negativo sul settore. Il nostro focus strategico punta ora a creare un'offerta più ampia che ci consenta di attrarre nuovi clienti". Il prossimo inverno, rivela una nota del gruppo, sarà ancora caratterizzato dalle sfide della guerra in Ucraina, dall'incremento dell'inflazione e dei costi energetici, nonché dalla volatilità dei tassi cambio e dagli strascichi della pandemia. Allo scorso 30 settembre, Tui aveva già venduto il 52% dei propri prodotti invernali. Un dato che vale il 134% della stagione precedente e l'84% di quella 2018-19. Crescono al contempo le tariffe medie: del 28% rispetto ai livelli pre-pandemia e del 7% in confronto all'inverno 2021/22. [post_title] => Tui rivede i livelli del 2019 e minimizza le perdite. Fatturato a 16,55 mld [post_date] => 2022-12-14T12:55:56+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671022556000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435650 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Emilia archeologica, meno nota, è ricca di fascino e di musei e reperti straordinari che permettono di ricostruire la storia del territorio che abbraccia le province di Parma, Piacenza e Reggio Emilia, e di gran parte dell’umanità. Con Visit Emilia – www.visitemilia.com - ente di promozione turistica della destinazione rinominata “la terra dello slow mix”, dove ogni viaggio è un’esperienza unica tra cultura, natura ed enogastronomia, visitare l’Emilia è compiere un viaggio tra epoche diverse che si intrecciano con meraviglie rinvenute dal cuore della storia.  Ecco gli 11 siti e musei archeologici da non perdere. Il Museo Archeologico Nazionale di Parma (attualmente in attesa di una nuova veste espositiva) è tra i più antichi d'Italia, nel Complesso della Pilotta, in cui ammirare non solo i preziosi reperti emersi dalla città romana di Veleia, ma anche meraviglie emerse sul territorio del Parmense dal Paleolitico all’Alto Medioevo. Il nuovo Museo permanente per l'esposizione della Vasca Votiva e dei reperti ritrovati di Noceto (PR), inaugurato ad ottobre 2021, rivela la storia della Vasca Votiva di Noceto, eccezionale monumento della civiltà terramaricola dell’età del Bronzo, che ha modificato le attuali conoscenze sul periodo storico. Nei sotterranei del centro storico di Parma, la Galleria delle Fontane, a cui si può accedere con visita guidata, venne realizzata nel 1840 per volontà di Maria Luigia per ammodernare e rendere sostenibile l’antico acquedotto farnesiano, costruito nel 1574 su commissione di Ottavio Farnese; il condotto si configura come una galleria ispezionabile in cui le tubazioni erano un tempo collocate su mensole in cotto, in modo tale da permettere una tempestiva individuazione delle perdite. È tra le più importanti testimonianze del mondo romano presenti in Nord Italia, l’antica città di Veleia scoperta a fine ‘700 sui colli piacentini, nel Comune di Lugagnano Val D’Arda (PC). Il suo nome deriva da quello di una tribù ligure, i Veleiates o Eleates. L’abitato era distribuito su una serie di terrazze diversificate nelle fasi edilizie. L’esplorazione nell’Emilia romana continua a Piacenza, con la Sezione Romana dei Musei Civici a Palazzo Farnese. Si sviluppa su 15 sale, per conoscere le tappe della storia della città, dalla fondazione all’economia, i commerci, i ruolo del fiume Po, la vita quotidiana, i culti e gli edifici religiosi, i monumenti funerari e le necropoli. Per viaggiare nella Preistoria, bisogna visitare il Parco Archeologico del villaggio neolitico di Travo S. Andrea (PC), in Val Trebbia, tra i più importanti siti preistorici del Nord Italia, rinvenuto negli anni ’80 e tutt’ora in corso di scavo. Il Parco custodisce importanti resti di un antichissimo villaggio risalente a 6.000 anni fa, tra cui le fondazioni di due grandi capanne, pozzetti-ripostiglio, muri in ciottoli e misteriosi forni per la cottura della carne, entro cui sono state rinvenute le più antiche stele antropomorfe italiane. Negli spazi dei Musei Civici di Reggio Emilia si possono ammirare reperti romani in pietra provenienti da Brescello e dalla città reggiana. Nel 1862, grazie al lavoro del sacerdote Gaetano Chierici, uno dei padri della moderna Paletnologia, nasce il Gabinetto di Storia Patria che nel 1870 diviene Museo di Storia Patria. La collezione fu poi ribattezzata Museo Gaetano Chierici di Paletnologia, con sede al Palazzo dei Musei. Il Museo Lapideo è il cuore della Pieve di San Vitale di Carpineti (RE), dove scoprire con coinvolgimento alcuni antichi reperti provenienti dall’area archeologica del San Vitale. Un museo concepito in ottica multimediale e molto suggestivo per la varietà di frammenti che racchiude e per la loro profondità storica. Annoverato tra i Castelli Matildici, legati alla figura di Matilde di Canossa come si desume da un documento autografo della grande contessa datato 1114 e dalla posizione strategica, nel medio corso della valle dell'Enza, il Castello di Montecchio (RE) la cui attuale struttura risale al tardo medioevo, svela nei sotterranei un vasto Sepolcreto carolingio risalente ai secoli VIII – X. Qui sono state scoperte 28 sepolture, tombe a inumazione disposte in senso rituale verso est-ovest, senza corredo.   L’insediamento romano di Luceria, rappresenta uno dei siti di maggiore interesse nella provincia di Reggio Emilia. Abitato dal II-I sec. a.C. fino a circa il V sec. d.C., deve la sua importanza sia alla posizione occupata, corrispondente al punto in cui il fiume Enza raggiunge l'alta pianura lungo un asse di percorrenza strategico fin dall'età protostorica, sia ai risultati delle indagini archeologiche che hanno restituito informazioni importanti soprattutto in merito alle dinamiche dell'insediamento del territorio.     Il sito archeologico di Campo Pianelli è posto ai piedi della maestosa Pietra di Bismantova (RE), dove un’area pianeggiante e leggermente sopraelevata ha costituito per secoli un punto di attrazione per l’insediamento umano. Gli scavi archeologici hanno mostrato l’evidenza di una prima occupazione già durante l’età del Rame, grazie al rinvenimento di diversi frammenti ceramici tipici della Cultura del Vaso Campaniforme. Molti dei manufatti rinvenuti sono oggi esposti al Museo Civico di Reggio Emilia, mentre in loco è stata realizzata la ricostruzione di parte della necropoli, con fedeli riproduzioni delle urne cinerarie e dei corredi in bronzo. È possibile fruire dell’esperienza tramite il servizio guida attivo ogni weekend con partenza dall’Eremo della Pietra di Bismantova. [post_title] => Visit Emilia, tra cultura e natura 11 Musei e Siti Archeologici [post_date] => 2022-12-12T09:26:05+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670837165000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1674" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":62,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438577","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air France alza la posta sul Canada con il lancio di un nuovo collegamento per Ottawa, unico volo diretto verso la capitale canadese dall'Europa. Durante la prossima estate saliranno così fino a 50 i voli settimanali della compagnia aerea verso 5 destinazioni in Canada: oltre a Ottawa ci sono infatti Quebec City (nuovo servizio nel 2022), Montreal, Toronto e Vancouver (destinazioni servite tutto l'anno da Air France).\r\nIl servizio tra Paris-Charles de Gaulle e Ottawa Macdonald-Cartier decollerà il prossimo 27 giugno e sarà operato cinque volte alla settimana - lunedì, martedì, giovedì, sabato e domenica - con Airbus A330-200 configurato con 224 posti (36 in Business, 21 in Premium Economy e 167 in Economy).\r\nLa Parigi-Quebec City riprenderà quest'anno dal 2 maggio, con tre frequenze settimanali operate da Boeing 787-9 il martedì, il venerdì e la domenica. Verranno inoltre incrementati i voli verso le destinazioni servite tutto l'anno da Air France, aumentando la capacità di volo complessiva verso il Canada di oltre il 25% rispetto al 2019. Di conseguenza, Air France collegherà i viaggiatori tra l’ hub di Parigi-Charles de Gaulle e: Montreal con un massimo di tre voli giornalieri; Toronto con due voli giornalieri; Vancouver con un volo giornaliero.\r\n\r\nAnche Klm propone un operativo significativo sulle rotte per il Canada: da Amsterdam-Schiphol per Toronto con fino a 13 voli settimanali, Calgary con 7 voli settimanali, Vancouver con un massimo di 7 voli settimanali, Montreal con un massimo di 5 voli settimanali, Edmonton con fino a 4 voli settimanali. Un servizio di autobus Klm collega Montreal-Trudeau a Ottawa.","post_title":"Air France vola a Ottawa: sale del 25% la capacità offerta sulle rotte per il Canada","post_date":"2023-02-03T09:08:17+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675415297000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438428","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Osservatorio Fto segnala gli andamenti del jet fuel per fornire un dato essenziale agli operatori e alle agenzie di viaggio. \r\n\r\nIl sito Ita, alla scheda jet fuel monitor, pubblica le quotazioni settimanali del jet fuel fino al 27/01.\r\n\r\nPossiamo fornire i dati relativi al mese di gennaio che si chiude con una media per tonnellata metrica pari a 1089,29 dollari. Rispetto al mese precedente si segnala un incremento pari a 140,35 dollari, pari al +14,8%. La media mensile di gennaio si posiziona nuovamente sopra la barriera dei 1000 dollari.\r\n\r\nRispetto al mese di gennaio dell’anno precedente l’aumento è stato di 281,87 dollari pari al +34,91%. Il cambio medio del dollaro a gennaio viene dichiarato dalla BCE pari a 1,0769 dollari per un euro, quindi con un apprezzamento del 1,70% rispetto al mese precedente.\r\n\r\nNei grafici che seguono viene mostrato l’andamento dal 2008 al 2022 e quello del 2022-2023, del prezzo del jet fuel espresso in dollari per tonnellata metrica. Nei grafici viene anche indicata la media mobile bimestrale che meglio evidenzia l’andamento del prezzo.\r\n\r\n ","post_title":"Fto: il prezzo media del jet fuel torna ad una media superiore ai mille dollari","post_date":"2023-02-01T11:19:34+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1675250374000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437987","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il grande ritorno dell'eCommerce nel turismo. Infatti il 2022 è stato l’anno della ripresa per il mercato complessivo del turismo (online + offline) in Italia, tornato vicinissimo ai valori pre-pandemia. Se per la componente offline il divario da colmare è ancora significativo (da -45% a -16% rispetto al 2019 per i differenti comparti), guardando solo all’eCommerce dei viaggi il sorpasso sul 2019, in alcuni casi, è già avvenuto. Nell’ospitalità i valori del 2022 per l’online superano, infatti, quelli del pre-pandemia (16,4 contro i 14,6 miliardi del 2019) mentre nei trasporti vi sono ormai vicini (11,2 miliardi rispetto a i 12 di tre anni fa).\r\n\r\nAnche il turismo organizzato ha ripreso a correre: il mercato del tour operating nel 2022 vale il 70% di quanto fatturava nel 2019 e il comparto delle agenzie di viaggio si attesta al -19% sul pre-pandemia. Rispetto al 2021 la ripartenza è evidente: +106% per il tour operating e +189% per le agenzie di viaggio. Sono alcuni dei dati emersi dalla nona edizione dell'Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo della School of Management del Politecnico di Milano, presentati in occasione del convegno “Travel Innovation Day – Il Travel riprende quota: il digitale ai comandi” insieme alla ricerca dell’Osservatorio Business Travel, svolta in partnership con il Center for Advanced Studies in Tourism (CAST) dell’Università di Bologna.\r\nCrescita\r\nAnche in fase di prenotazione l’online la fa da padrone: per l’alloggio la quota di chi ha utilizzato esclusivamente canali online raggiunge il 59%, mentre nei trasporti il 63%. Inoltre, il 22% dei viaggiatori si rivolge all’agenzia o consulente di viaggio per acquisire informazioni o prenotare la vacanza.\r\n\r\nContinua a crescere anche il numero di viaggiatori che ha acquistato tramite eCommerce prodotti legati alla località visitata e che rappresenta il 33% del totale, contro il 12% del 2019 e il 9% del 2018. Anche l’offerta si sta adeguando alla crescente richiesta di esperienze neverending, ossia esperienze turistiche estese nel tempo e nello spazio: il 12% delle strutture ricettive offre ai propri clienti la possibilità di acquistare prodotti della destinazione (enogastronomici, di artigianato etc.) tramite eCommerce.","post_title":"L'eCommerce vola. Il turismo organizzato si difende bene","post_date":"2023-01-26T11:11:55+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1674731515000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437664","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà il primo urban hotel della compagnia spagnola in Italia e nascerà dalla ristrutturazione e ribranding di un 5 stelle esistente, provvisto di 168 camere e vari spazi f&b, tra cui una terrazza panoramica. Il gruppo Palladium ha annunciato in occasione della Fitur di Madrid il proprio approdo a Venezia, grazie alla firma di un contratto di leasing per un albergo che aprirà nel 2025.\r\n\r\nTra le altre novità, l'inaugurazione di un altro Only You a Siviglia prevista per il primo trimestre dell'anno prossimo: la struttura è attualmente in fase di ristrutturazione completa, al termine dei cui lavori nascerà un 5 stelle da 226 camere, dotato di un'ampia gamma di ristoranti e spazi per eventi, tra cui una vasta area esterna con piscina. Entrambi i progetti di interior design, a Siviglia e a Venezia, sono a cura dello studio internazionale di Lázaro Rosa-Violán.\r\n\r\nNel corso del 2023, l'Hard Rock Hotel Marbella aprirà invece l’area Oasis, aggiungendo 174 camere, tra cui due nuove categorie, le Rock suite e le Rock Star suite. La struttura inaugurerà anche la Rock spa e oltre 900 metri quadrati di spazi per meeting. Inoltre, a partire da questa primavera, l'Hard Rock di Marbella sarà aperto tutto l'anno.\r\n\r\nInfine, la compagnia spagnola ha pure annunciato investimenti significativi da parte dei proprietari degli asset esistenti, per la ristrutturazione e il rinnovamento di una serie di hotel in Europa e in America. Il budget ammonta a 160 milioni di euro per progetti da realizzare nel biennio 2023-2024. Dopo l'ampio restyling effettuato l'anno scorso del Grand Palladium Jamaica Resort & Spa, sarà questa la volta di intervenire sul Grand Palladium Kantenah Resort & Spa, in Riviera Maya, nonché sul Grand Palladium Palace Ibiza Resort & Spa, mentre nel 2024 è prevista la ristrutturazione degli hotel in Messico e a Punta Cana.","post_title":"Il gruppo Palladium approda a Venezia con il brand Only You Hotels","post_date":"2023-01-20T11:09:27+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674212967000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436884","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Thailandia fa marcia indietro sull'obbligo di vaccinazione per entrare nel Paese: nell'arco di neppure 48 ore il governo ha dapprima reintegrato l'obbligo, sabato 7 gennaio, per poi revocarlo stamattina, 9 gennaio. Il ministro della Sanità, Anutin Charnvirakul, ha motivato la decisione definendo i livelli di immunizzazione, in Cina e nel mondo, sufficienti.\r\n\r\nSecondo quanto riportato da Reuters, il ministro ha chiarito che l'obbligo di mostrare la prova della vaccinazione \"era scomodo e che un gruppo di esperti ha deciso che non era più necessario in quanto a livello globale erano state somministrate vaccinazioni sufficienti\". Ai visitatori non vaccinati sarà quindi consentito l'ingresso in Thailandia senza restrizioni.\r\nRipresa del turismo\r\nLa Thailandia sta beneficiando di un nuovo afflusso di turisti durante la sua prima stagione di punta da quando, lo scorso anno, sono state rimosse le severe restrizioni all'ingresso. A novembre ha totalizzato 1,75 milioni di visitatori, il quadruplo rispetto all'intero anno scorso. Anutin ha dichiarato che la Thailandia si aspetta ora 7-10 milioni di visitatori cinesi, rispetto a una stima precedente di 5 milioni.\r\n\r\nL'ente del turismo thailandese prevede che il numero di arrivi per l'anno scorso abbia superato gli 11,5 milioni, poco più di un quarto del record di quasi 40 milioni del 2019 pre-pandemia.","post_title":"La Thailandia cambia ancora le norme: rimosso l'obbligo di vaccinazione","post_date":"2023-01-09T10:41:50+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1673260910000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436731","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Air Cairo ha accolto in flotta tre nuovi Embraer 190, che entreranno in servizio alla fine di gennaio. Consegnati dal 22 dicembre 2022 tramite Ciaf Leasing, i tre E190 da 110 posti della low cost di Egyptair sono i primi aeromobili Embraer di una flotta che comprende quattro Atr-72-600 (70 posti), nove Airbus A320 (174) e nove A320neo (186).\r\n\r\nNei progetti di Air Cairo la flotta crescerà fino a 30 velivoli entro il prossimo marzo. I primi voli commerciali dell'E190 sono previsti ogni venerdì a partire dal 27 gennaio 2023 tra Hurghada e l'aeroporto di Budapest-Ferenc Liszt, con una seconda rotazione prevista per l'inizio della stagione estiva. Gli aeromobili a corridoio singolo saranno impiegati anche per Catania, Milano, Napoli e Roma, nonché per Praga, Sarajevo, Banja Luka, Skopje o Yerevan, principalmente da Hurghada (sono previste anche rotte da o per Il Cairo, Luxor o Sharm el Sheikh).","post_title":"Air Cairo: consegnati tre nuovi Embraer 190 che entreranno in servizio da fine gennaio","post_date":"2023-01-04T09:40:12+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1672825212000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436681","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ancora una volta gli italiani hanno deciso di non rinunciare alla vacanza anche nei giorni dell’Epifania, grazie a una congiuntura un po’ più fortunata rispetto ai giorni di Natale e del Capodanno, dal momento che la festività è collocata nella giornata di venerdì. Tra coloro che hanno effettuato una vacanza lunga, comprendendo sia il Natale sia la Befana (3mln e 54mila persone), e chi invece si è orientato solo sulle festività di Capodanno ed Epifania (242mila), si distingue quel milione e 868 mila che, appunto, si muoverà soltanto nei giorni della Befana. A rivelarlo è l'ultima indagine Federalberghi realizzata con il supporto tecnico dell'istituto Acs Marketing Solutions.\r\n\r\nIn sostanza, prosegue lo studio, ci si è piacevolmente trovati di fronte a un fine settimana lungo, che si trascorrerà per la maggior parte in Italia (nel 97,7% dei casi), a caccia di relax e preferibilmente in località di facile raggiungibilità. L’interesse sarà prevalentemente concentrato sulle visite in città d’arte o siti pieni di storia e di musei e mostre da scoprire. Il tutto, prediligendo nel complesso la sistemazione in albergo (nel 44,3% dei casi), che stacca decisamene la soluzione della casa di parenti e/o amici (29,5%).\r\n\r\n“Analizzando i dati emersi, si ha la percezione che il turismo italiano stia cambiando – afferma il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca – Oggi i nostri concittadini mostrano di avere delle priorità: viaggiare sì, ma in modo intelligente, rifuggendo da situazioni di stress eccessivi. Nel complesso potremmo dire che si chiude in bellezza. Se non ci fosse però quel 34% di persone che ridurrà la durata del viaggio a causa degli aumenti divenuti insostenibili. Sono questi i veri nemici del turismo e di tutta la sua filiera. Se c’è un’urgenza nel nostro comparto, e lo gridiamo a gran voce, è quella di porre un freno ai rincari”.\r\n\r\nNel dettaglio, stando all'indagine saranno complessivamente 5 milioni e 164 mila gli italiani in viaggio nei giorni dell’Epifania. In generale non ci si allontanerà molto da casa, privilegiando la regione della propria residenza (68,6%) o una regione vicina (29,1%). Tra i vacanzieri, 1 milione 868 mila si metterà in viaggio per il solo periodo dell’Epifania; 242 mila saranno già in movimento sin da Capodanno, mentre 3 milioni e 54 mila ha programmato la vacanza lunga, ovvero l’intero arco delle festività, da Natale alla Befana. Per coloro che andranno in vacanza esclusivamente nel periodo dell’Epifania, la durata media sarà di circa 3,3 notti con una spesa pro capite complessiva (ovvero comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti) di 572 euro. Un dato, quest'ultimo, che scende a 567 euro per chi resterà in Italia, salendo invece a 875 euro per chi sceglierà l’estero. Il giro di affari specifico del weekend si attesterà sul miliardo e 68 milioni di euro. Motivo principale della vacanza sarà infine la ricerca del riposo e del relax (58%), passeggiando (33%), visitando monumenti (22,7%) e musei (18,2%) o assistendo a spettacoli musicali (14,8%).","post_title":"Bocca, Federalberghi: bene l'Epifania ma gli aumenti sono il vero nemico del turismo","post_date":"2023-01-03T11:14:15+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1672744455000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435930","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_331279\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Sebastian Ebel[/caption]\r\n\r\nFatturato quasi quadruplicato rispetto ai 12 mesi precedenti per il gruppo Tui, che ha chiuso lo scorso 30 settembre il proprio anno finanziario 2021-22 a quota 16,55 miliardi di euro, contro i 4,73 miliardi dell'esercizio 2020-21, attestandosi quindi su livelli non troppo lontani dei 18,93 miliardi del 2018-19. Bene anche l'utile operativo sottostante ante oneri finanziari e imposte (underlying ebit) che ritorna in territorio positivo per 409 milioni di euro, contro il rosso da -2,08 miliardi dell'anno scorso. Bottom line invece ancora negativa (-277,3 milioni) ma nettamente in miglioramento rispetto ai 2,47 miliardi di perdite dei 12 mesi precedenti.\r\n\r\nA trainare le performance dell'operatore tedesco un'ottima estate: nel quarto trimestre dell'anno fiscale (da luglio a settembre), Tui ha infatti generato 7,61 miliardi di ricavi (contro i 3,37 miliardi dello stesso periodo dell'esercizio precedente), assicurandosi un underlying ebit di 1,04 miliardi. \"Il turismo rimane un'industria attrattiva e di ampio respiro. Lo rivelano tutti i fondamentali economici e i mega-trend di lungo periodo, che restano intatti - commenta il ceo del gruppo Tui, Sebastian Ebel -. Ci aspettiamo quindi un solido anno finanziario 2022-23, sebbene siamo consapevoli dei fattori di mercato esogeni che potrebbero avere un impatto negativo sul settore. Il nostro focus strategico punta ora a creare un'offerta più ampia che ci consenta di attrarre nuovi clienti\".\r\n\r\nIl prossimo inverno, rivela una nota del gruppo, sarà ancora caratterizzato dalle sfide della guerra in Ucraina, dall'incremento dell'inflazione e dei costi energetici, nonché dalla volatilità dei tassi cambio e dagli strascichi della pandemia. Allo scorso 30 settembre, Tui aveva già venduto il 52% dei propri prodotti invernali. Un dato che vale il 134% della stagione precedente e l'84% di quella 2018-19. Crescono al contempo le tariffe medie: del 28% rispetto ai livelli pre-pandemia e del 7% in confronto all'inverno 2021/22.","post_title":"Tui rivede i livelli del 2019 e minimizza le perdite. Fatturato a 16,55 mld","post_date":"2022-12-14T12:55:56+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1671022556000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435650","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Emilia archeologica, meno nota, è ricca di fascino e di musei e reperti straordinari che permettono di ricostruire la storia del territorio che abbraccia le province di Parma, Piacenza e Reggio Emilia, e di gran parte dell’umanità. Con Visit Emilia – www.visitemilia.com - ente di promozione turistica della destinazione rinominata “la terra dello slow mix”, dove ogni viaggio è un’esperienza unica tra cultura, natura ed enogastronomia, visitare l’Emilia è compiere un viaggio tra epoche diverse che si intrecciano con meraviglie rinvenute dal cuore della storia. \r\n\r\nEcco gli 11 siti e musei archeologici da non perdere. Il Museo Archeologico Nazionale di Parma (attualmente in attesa di una nuova veste espositiva) è tra i più antichi d'Italia, nel Complesso della Pilotta, in cui ammirare non solo i preziosi reperti emersi dalla città romana di Veleia, ma anche meraviglie emerse sul territorio del Parmense dal Paleolitico all’Alto Medioevo.\r\n\r\nIl nuovo Museo permanente per l'esposizione della Vasca Votiva e dei reperti ritrovati di Noceto (PR), inaugurato ad ottobre 2021, rivela la storia della Vasca Votiva di Noceto, eccezionale monumento della civiltà terramaricola dell’età del Bronzo, che ha modificato le attuali conoscenze sul periodo storico.\r\n\r\nNei sotterranei del centro storico di Parma, la Galleria delle Fontane, a cui si può accedere con visita guidata, venne realizzata nel 1840 per volontà di Maria Luigia per ammodernare e rendere sostenibile l’antico acquedotto farnesiano, costruito nel 1574 su commissione di Ottavio Farnese; il condotto si configura come una galleria ispezionabile in cui le tubazioni erano un tempo collocate su mensole in cotto, in modo tale da permettere una tempestiva individuazione delle perdite.\r\n\r\nÈ tra le più importanti testimonianze del mondo romano presenti in Nord Italia, l’antica città di Veleia scoperta a fine ‘700 sui colli piacentini, nel Comune di Lugagnano Val D’Arda (PC). Il suo nome deriva da quello di una tribù ligure, i Veleiates o Eleates. L’abitato era distribuito su una serie di terrazze diversificate nelle fasi edilizie.\r\n\r\nL’esplorazione nell’Emilia romana continua a Piacenza, con la Sezione Romana dei Musei Civici a Palazzo Farnese. Si sviluppa su 15 sale, per conoscere le tappe della storia della città, dalla fondazione all’economia, i commerci, i ruolo del fiume Po, la vita quotidiana, i culti e gli edifici religiosi, i monumenti funerari e le necropoli.\r\n\r\nPer viaggiare nella Preistoria, bisogna visitare il Parco Archeologico del villaggio neolitico di Travo S. Andrea (PC), in Val Trebbia, tra i più importanti siti preistorici del Nord Italia, rinvenuto negli anni ’80 e tutt’ora in corso di scavo. Il Parco custodisce importanti resti di un antichissimo villaggio risalente a 6.000 anni fa, tra cui le fondazioni di due grandi capanne, pozzetti-ripostiglio, muri in ciottoli e misteriosi forni per la cottura della carne, entro cui sono state rinvenute le più antiche stele antropomorfe italiane.\r\n\r\nNegli spazi dei Musei Civici di Reggio Emilia si possono ammirare reperti romani in pietra provenienti da Brescello e dalla città reggiana. Nel 1862, grazie al lavoro del sacerdote Gaetano Chierici, uno dei padri della moderna Paletnologia, nasce il Gabinetto di Storia Patria che nel 1870 diviene Museo di Storia Patria. La collezione fu poi ribattezzata Museo Gaetano Chierici di Paletnologia, con sede al Palazzo dei Musei.\r\n\r\nIl Museo Lapideo è il cuore della Pieve di San Vitale di Carpineti (RE), dove scoprire con coinvolgimento alcuni antichi reperti provenienti dall’area archeologica del San Vitale. Un museo concepito in ottica multimediale e molto suggestivo per la varietà di frammenti che racchiude e per la loro profondità storica.\r\n\r\nAnnoverato tra i Castelli Matildici, legati alla figura di Matilde di Canossa come si desume da un documento autografo della grande contessa datato 1114 e dalla posizione strategica, nel medio corso della valle dell'Enza, il Castello di Montecchio (RE) la cui attuale struttura risale al tardo medioevo, svela nei sotterranei un vasto Sepolcreto carolingio risalente ai secoli VIII – X. Qui sono state scoperte 28 sepolture, tombe a inumazione disposte in senso rituale verso est-ovest, senza corredo.\r\n\r\n \r\n\r\nL’insediamento romano di Luceria, rappresenta uno dei siti di maggiore interesse nella provincia di Reggio Emilia. Abitato dal II-I sec. a.C. fino a circa il V sec. d.C., deve la sua importanza sia alla posizione occupata, corrispondente al punto in cui il fiume Enza raggiunge l'alta pianura lungo un asse di percorrenza strategico fin dall'età protostorica, sia ai risultati delle indagini archeologiche che hanno restituito informazioni importanti soprattutto in merito alle dinamiche dell'insediamento del territorio.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\nIl sito archeologico di Campo Pianelli è posto ai piedi della maestosa Pietra di Bismantova (RE), dove un’area pianeggiante e leggermente sopraelevata ha costituito per secoli un punto di attrazione per l’insediamento umano. Gli scavi archeologici hanno mostrato l’evidenza di una prima occupazione già durante l’età del Rame, grazie al rinvenimento di diversi frammenti ceramici tipici della Cultura del Vaso Campaniforme. Molti dei manufatti rinvenuti sono oggi esposti al Museo Civico di Reggio Emilia, mentre in loco è stata realizzata la ricostruzione di parte della necropoli, con fedeli riproduzioni delle urne cinerarie e dei corredi in bronzo. È possibile fruire dell’esperienza tramite il servizio guida attivo ogni weekend con partenza dall’Eremo della Pietra di Bismantova.","post_title":"Visit Emilia, tra cultura e natura 11 Musei e Siti Archeologici","post_date":"2022-12-12T09:26:05+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1670837165000]}]}}

Lascia un commento