5 February 2023

1669

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Esperta contabile, responsabile amministrativa e del personale: esperienza pluriennale studi commercialisti e tour operator offresi per lavoro full time in Roma. Max serietà e professionalità.Disponibilità immediata. Tel. 339 4389023, Antonella.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438376 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il gruppo Space Hotels chiude il 2022 con numeri decisamente positivi, grazie a un fatturato in crescita del 110% rispetto all’anno precedente. Il segmento che ha fatto rilevare il maggior incremento è stato in particolare il mice con un +169%. Anche solo perché nel 2022 si è tornati finalmente, dopo un lungo periodo di fermo, a organizzare eventi e meeting in presenza. Le principali città italiane in cui si è registrato il maggior numero di prenotazioni sono state quindi Roma con un +134%, Torino con un +36% e Caserta con un +32%. Bene anche Napoli e Pisa. A livello internazionale, invece, sono tornati a visitare la Penisola soprattutto dagli Stati Uniti facendo registrare un +370% e, a seguire, dal Regno Unito (+328%), nonché a pari merito da Germania e Francia (+207%). Per il 2023 Space Hotels annuncia quindi la ripresa della collaborazione con Hubsolute, che li rappresenterà anche in alcune delle principali fiere estere, con l’obiettivo di rafforzare la promozione sul mercato internazionale e in particolare negli Stati Uniti. Conferma, inoltre, dopo la Bit la presenza alle maggiori fiere del turismo italiane. La compagnia parteciperà inoltre, come di consueto, anche al World Travel Market di Londra che si terrà il prossimo novembre. Dopo questa sensibile ripresa, in Space Hotels si guarda dunque con ottimismo al futuro e si pianificano con entusiasmo i prossimi obiettivi, appuntamenti e occasioni di confronto. La Bit di Milano sarà così un momento importante, per incontrare allo stand A83 nel padiglione 3 i maggiori rappresentanti del gruppo: il presidente Franco Coppini, il direttore generale, Lidia Rescigno, il direttore marketing, Daniela Passeri, il vice presidente, Luigi Neri, e alcune delle responsabili vendite. [post_title] => Space Hotels: nel 2022 fatturato in crescita del 110% [post_date] => 2023-02-01T09:40:48+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675244448000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438335 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volotea ha trasportato nel 2022 4 milioni di passeggeri in Italia, con una crescita del 54% rispetto ai 2,6 milioni dell’anno precedente; la capacità offerta è stata di 4,8 milioni di posti, il 21% in più rispetto al 2019 e il 53% in più sul 2021.  L'anno scorso è stato caratterizzato da un'offerta prevalentemente domestica (pari al 72% dei suoi collegamenti) e con uno specifico focus sui collegamenti da e per le isole (83% dell’offerta totale). L’offerta complessiva Volotea per lo scorso anno, articolata in 169 rotte, 88 delle quali in esclusiva, ha consentito alla compagnia di incrementare notevolmente il numero di passeggeri trasportati durante l'anno e di totalizzare un load factor dell’84%. “Siamo orgogliosi di aver guadagnato la fiducia di un numero sempre maggiore di passeggeri e di aver concretizzato una serie di investimenti a supporto del territorio italiano - ha commentato Carlos Muñoz, presidente e fondatore della compagnia aerea spagnola -. L’anno scorso, abbiamo annunciato l’apertura della nostra settima base operativa a Firenze, che ci consentirà di offrire un numero ancora maggiore di collegamenti da e per la Toscana, massimizzando i flussi turistici incoming. Allo stesso tempo abbiamo dato prova di grande professionalità, gestendo con puntualità e precisione 4 rotte in continuità territoriale da e per la Sardegna. Collegamenti che ci vedono nuovamente impegnati, anche per il 2023 e senza compensazioni economiche, sulla tratta Olbia – Roma Fiumicino. L’Italia continua a ricoprire un ruolo molto importante nelle nostre strategie di crescita e il nostro obiettivo è di continuare a offrire il miglior servizio possibile ai nostri passeggeri”. [post_title] => La corsa di Volotea in Italia: sono 4 milioni i passeggeri trasportati nel 2022 [post_date] => 2023-01-31T12:52:05+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1675169525000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438050 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si conferma la ripresa turistica della Capitale: oltre ai dati confortanti, presentati nel corso dell'Albergatore Day manifestazione organizzata da Federalberghi Roma, emergono anche nuovi investimenti per lo sviluppo turistico che segnano il ritorno dell'appeal del brand della città. I capitali impiegati in operazioni immobiliari hospitality in Italia nel 2022 sono stati 1,29 miliardi di euro (un rallentamento deciso nell'ultimo trimestre dell'anno ha impedito di raggiungere i livelli del 2021, ndr), ma oltre il 20% di questi si è concentrato a Roma secondo World Capital Group. E lo scenario real estate nella Città eterna sembra crescere sempre di più. Tra le novità più importanti, spicca in particolare la riapertura del Grand Hotel de la Minerve con il restyling curato da Orient Express: "L'inaugurazione è prevista per il 2024, sperando di non rallentare troppo per la burocrazia - ha spiegato Gilda Cotzias di Real Estate & Construction Arsenale Group -. Siamo molto orgogliosi di rilanciare e di dare luce a una struttura storica e rappresentativa. Stiamo notando che la richiesta luxury da parte dei brand è altissima; confermiamo inoltre che Roma è oggi il mercato più interessante nel segmento lusso". Un'ulteriore testimonianza della ripresa della destinazione è rappresentata da quello che sarà il primo Nobu Hotel in Italia: "Da anni ci avevano chiesto il rilancio di via Veneto e vorremmo vederla di nuovo vivace. Abbiamo pensato che il brand ideale fosse Nobu, perché servivano novità importanti come il nostro 5 stelle lusso lifestyle - ha aggiunto il proprietario del Nobu Hotel Roma & Nobu Restaurant Roma, Carlo Acampora -. Apriremo nella fase finale del 2023 e siamo certi che il mercato sia in espansione". Hilton con il nuovo Roma La Lama punta invece sul quartiere Eur offrendo oltre 400 camere: "Dopo alcuni rallentamenti inaugureremo l'hotel prima dell'estate 2023 - ha concluso il cluster general manager Hilton, Paolo Bellè -. Abbiamo puntato sull'Eur per creare una destinazione all'interno di Roma dalle grandi potenzialità". Infine, dai dati del turismo incoming secondo le rilevazioni ufficiali finali dell’Ente bilaterale turismo del Lazio (Ebtl) nel 2022 gli arrivi complessivi negli esercizi alberghieri e nelle Rta (residence) di Roma Capitale sono stati 9.666.238 con un incremento di +245,22% sul 2021 (e un recupero del 74,15% sul 2019). Le presenze complessive sono state 21.552.631 con una crescita del +291,47% (e un recupero del 70,24% sul 2019). [post_title] => Albergatore Day: Roma al centro degli investimenti del segmento lusso [post_date] => 2023-01-27T09:26:29+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674811589000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437310 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Toscana Aeroporti, società di gestione degli scali di Firenze e Pisa, traccia un bilancio positivo del 2022 che si è concluso con 6.722.846 passeggeri, in crescita del 137% sul 2021. Nonostante la diffusione della variante Omicron ad inizio anno, i risultati dei mesi successivi hanno consentito al Sistema Aeroportuale Toscano di chiudere il 2022 con l’81,4% dei volumi del 2019, anno record per i due scali. Un recupero addirittura superiore si è osservato per i movimenti aerei, 68.893, che hanno raggiunto l’87,3% dei livelli pre-pandemia.  In particolare, nel 2022 i passeggeri sui voli domestici hanno raggiunto l’87,9% dei passeggeri domestici del 2019 mentre quelli internazionali, storicamente prevalenti nel Sistema e maggiormente penalizzati dalle limitazioni agli spostamenti, il 79,4% del numero dei passeggeri pre-pandemia. In forte aumento anche il load factor dei voli di linea (+11,7 punti percentuali), passato dal 68,4% del 2021 all’80,1% del 2022 e in deciso avvicinamento al dato (83,9%) del 2019. Significativo anche il risultato del cargo che, con 14.907 tonnellate di merce trasportata nel 2022, si è attestato ad un +13,1% rispetto ai volumi del 2019. Nel dettaglio, il Galilei di Pisa ha totalizzato 4.493.847, il +124,8% rispetto al 2021 e un recupero dell’83,4% sull’anno pre-covid del 2019; il Vespucci di Firenze ha registrato 2.228.999 passeggeri, pari a una crescita del 166% rispetto al 2021 e un recupero del 77,6% dei volumi di traffico del 2019.  [post_title] => Toscana Aeroporti: Firenze e Pisa si avvicinano al traffico 2019 con oltre 7,2 milioni di passeggeri [post_date] => 2023-01-16T08:53:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673859180000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436063 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Hahn Air archivia il 2022 con l'aggiunta di 14 compagnie aeree al già nutrito gruppo di oltre 350 vettori del network. Con le soluzioni di Hahn Air, i partner possono vendere i loro voli in 190 mercati, compresi i mercati al di fuori del loro network di destinazioni e dove non sono disponibili con il loro sistema di distribuzione. Gli agenti di viaggio possono prenotare i loro voli nei gds ed emetterli sul biglietto Hahn Air HR-169 a prova di insolvenza, anche nei mercati in cui le compagnie aeree non partecipano al sistema di pagamento locale (ad esempio Bsp o ARrc). I cinque nuovi partner interline sono l’australiana Fly Pelican, Ita Airways, la giordana Jordan Aviation, la keniota Safarilink e la senegalese Transair. Nove partner hanno scelto di delegare le vendite gds a Hahn Air, per cui l’australiana Nauru Airlines e la nepalese Nepal Airlines (per conto di President Travel & Tours) sono ora disponibili nei gds con il codice H1, mentre la rumena Animawings, la tanzaniana As Salaam Air, la capoverdiana Cabo Verde Airlines, EZ Air di Curaçao, la giapponese Fuji Dream Airlines e la keniota Jambojet sono disponibili nei principali gds con il codice X1. Infine, il vettore spagnolo World2Fly è salito a bordo come partner doppio scegliendo di combinare un interline agreement con la soluzione X1-Air. "Le nostre soluzioni di distribuzione indiretta sono la soluzione giusta per le compagnie aeree con qualsiasi modello di business e con qualsiasi configurazione di distribuzione - ha dichiarato Alexander Proschka, executive vice president commercial di Hahn Air -. Siamo il partner giusto per i vettori che non dispongono di un sistema di prenotazione o di connessioni gds e per i vettori che dispongono già di una strategia di distribuzione completa. Con le nostre soluzioni possono sbloccare mercati secondari e generare entrate incrementali senza alcun rischio". [post_title] => Hahn Air archivia il 2022 con altre 14 compagnie aeree partner [post_date] => 2022-12-16T09:00:45+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671181245000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435261 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Vueling continua a cancellare preventivamente i voli per ridurre al minimo l'impatto dello sciopero del personale di cabina indetto dal sindacato Stavla, iniziato il 1° novembre e che durerà fino alla fine di gennaio. La low cost Iag, che sta affrontando la settimana più complicata dall'inizio delle mobilitazioni, ha cancellato per questo venerdì 2 dicembre 94 voli non tutelati dai servizi minimi decretati dal Governo. Opererà normalmente 507 dei 601 voli previsti. All'aeroporto di Barcellona opererà regolarmente l'80% dei voli programmati da Vueling (148 su 186). Nel resto della Spagna la percentuale sale all'89%, con 193 su 217, mentre a livello internazionale si attesta all'84%, con 166 su 198 programmati. Il 91% dei clienti interessati da queste cancellazioni è stato trasferito o ha richiesto un voucher o un rimborso, mentre il 9% è ancora in attesa di scegliere l'opzione più adatta a loro. [post_title] => Vueling riduce ancora i voli per lo sciopero del personale di cabina [post_date] => 2022-12-02T08:45:52+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669970752000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 434205 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Da qualche giorno si riconcorrono le voci sul futuro di Club Med. La capogruppo Fosun, zavorrata da un debito che le è recentemente costato il declassamento al rating B2 con outlook negativo da parte di Moody’s, si starebbe infatti apprestando a cedere fino a 11 miliardi di dollari di asset non-core. Alcuni voci hanno perciò cominciato a circolare, suggerendo che in vendita ci sarebbe anche la compagnia francese, il cui valore di mercato si aggirerebbe oggi sugli 1,5 miliardi di dollari. E tra i possibili acquirenti, forse come mera suggestione, è spuntato anche il nome della Investindustrial di Andrea Bonomi, che nel 2015 contese il gruppo transalpino proprio a Fosun. Poche ore fa è però giunta quella che sembra essere una smentita categorica da parte di Club Med su qualsiasi voce di vendita. In una nota ufficiale la compagnia francese conferma in particolare le prospettive di vendita di asset non-core Fosun per 7-11 miliardi di dollari. Allo stesso tempo, però, il documento specifica che il gruppo cinese avrebbe intenzione di concentrarsi su quelli che considera i propri settori chiave, tra cui compare anche il turismo, oltre alla farmaceutica, alla vendita al dettaglio e alle assicurazioni. Fosun Tourism Group, la divisione della holding cinese dedicata all'industria dei viaggi a cui riferiscono i brand Club Med, Thomas Cook Travel e Atlantis Sanya, avrebbe tra l'altro fatto segnare risultati soddisfacenti per il primo semestre del 2022, almeno dal punto di vista dei margini operativi lordi, con l'ebitda che avrebbe raggiunto quota 169 milioni di dollari, rispetto al rosso da 72 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso. Tra le opzioni a disposizione del gruppo cinese rimarrebbero tuttavia ancora quelle del ritorno in Borsa di Club Med e/o dell'entrata nel capitale di eventuali fondi di private equity. Voci, queste ultime, che non sono state ancora smentite. Fatto sta che, secondo quanto riporta recentemente Bloomberg citando fonti vicine a Fosun, le discussioni in merito alla questione cessioni sarebbero ancora in una fase estremamente prematura: nessuna decisione sarebbe quindi ancora stata presa, né sarebbe neppure stata assoldata ancora alcuna società di consulenza per la gestione delle eventuali transazioni.   [post_title] => Club Med smentisce le voci: non siamo in vendita (probabilmente) [post_date] => 2022-11-16T10:08:17+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1668593297000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 433603 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Utile netto da record per Ryanair nella prima metà dell'anno fiscale 2022-23: la low cost ha centrato il suo più grande profitto di sempre nei sei mesi che includono i mesi chiave dell'estate e stima di tornare quest'anno ai livelli di utile annuale pre-Covid di almeno 1 miliardo di euro. Nei sei mesi fino al 30 settembre Ryanair ha guadagnato 1,371 miliardi di euro, dato nettamente superiore al precedente record del primo semestre di 1,29 miliardi di euro registrato nei sei mesi fino alla fine di settembre 2017. i ricavi totali per i sei mesi sono aumentati di oltre il 200% a 6,62 miliardi di euro. Anche se l'inverno sarà in perdita, Ryanair ha dichiarato di aspettarsi un utile al netto delle imposte compreso tra 1 e 1,2 miliardi di euro per l'anno che si concluderà il 31 marzo, anche se questa previsione rimane "fortemente dipendente" dall'assenza di shock negativi. "La ripresa per il resto dell'intero anno 2022-23 rimane fragile e potrebbe ancora essere influenzata da nuove varianti di Covid o eventi geopolitici avversi come l'Ucraina - ha dichiarato il ceo del gruppo Ryanair, Michael O'Leary -. Tuttavia, le prenotazioni anticipate rimangono forti nel periodo di punta dei viaggi natalizi". O'Leary ha definito "esagerate" le preoccupazioni per l'impatto della recessione e dell'aumento dell'inflazione per il modello di business di Ryanair, prevedendo per la compagnia aerea una crescita importante anche in un contesto di contrazione dell'economia "poiché i consumatori non smetteranno di volare, ma piuttosto diventeranno più sensibili ai prezzi". Nei sei mesi in considerazione la low cost ha trasportato 95 milioni di passeggeri, rispetto ai 39 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente.  [post_title] => Ryanair centra un utile da record nel primo semestre. Forte advance booking per il Natale [post_date] => 2022-11-07T10:40:42+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1667817642000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 432955 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Norwegian ha registrato nel terzo trimestre un aumento dell'utile netto, ma è già prevista una riduzione di un quarto della capacità durante i mesi invernali. Nel periodo luglio-settembre, il profitto è salito a 910 milioni di corone (87,57 milioni di dollari) rispetto all'utile di 169 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente. "Per i prossimi mesi invernali, Norwegian utilizzerà i contratti di leasing flessibili riducendo la capacità di circa il 25%", ha dichiarato il ceo Geir Karlsen in una nota, sottolineando che "l'attuale incertezza macroeconomica e geopolitica" potrebbe influire sulla domanda. Norwegian, che ha rischiato il collasso quando è scoppiata la pandemia nel 2020, ha registrato un fatturato trimestrale di 7,1 miliardi di corone, il più alto di qualsiasi trimestre dagli ultimi tre mesi del 2019. I passeggeri trasportati sono stati 6,1 milioni, rispetto ai 2,5 milioni del terzo trimestre del 2021 e ai 5 milioni del trimestre precedente; il load factor è salito all'88,8%, rispetto al 73,1% dello stesso periodo dello scorso anno e all'81,2% del trimestre precedente. La compagnia, focalizzata sul traffico all'interno dei mercati nordici, ha evidenziato il trend positivo del segmento business travel "sulle rotte nazionali più popolari in Norvegia". Per l'estate 2023, Norwegian prevede un aumento della flotta a 85 aeromobili.   [post_title] => Norwegian: utile in crescita nel terzo trimestre, ma la capacità scenderà del 25% nei mesi invernali [post_date] => 2022-10-26T09:14:02+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1666775642000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1669" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":46,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438376","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il gruppo Space Hotels chiude il 2022 con numeri decisamente positivi, grazie a un fatturato in crescita del 110% rispetto all’anno precedente. Il segmento che ha fatto rilevare il maggior incremento è stato in particolare il mice con un +169%. Anche solo perché nel 2022 si è tornati finalmente, dopo un lungo periodo di fermo, a organizzare eventi e meeting in presenza.\r\n\r\nLe principali città italiane in cui si è registrato il maggior numero di prenotazioni sono state quindi Roma con un +134%, Torino con un +36% e Caserta con un +32%. Bene anche Napoli e Pisa. A livello internazionale, invece, sono tornati a visitare la Penisola soprattutto dagli Stati Uniti facendo registrare un +370% e, a seguire, dal Regno Unito (+328%), nonché a pari merito da Germania e Francia (+207%).\r\n\r\nPer il 2023 Space Hotels annuncia quindi la ripresa della collaborazione con Hubsolute, che li rappresenterà anche in alcune delle principali fiere estere, con l’obiettivo di rafforzare la promozione sul mercato internazionale e in particolare negli Stati Uniti. Conferma, inoltre, dopo la Bit la presenza alle maggiori fiere del turismo italiane. La compagnia parteciperà inoltre, come di consueto, anche al World Travel Market di Londra che si terrà il prossimo novembre.\r\n\r\nDopo questa sensibile ripresa, in Space Hotels si guarda dunque con ottimismo al futuro e si pianificano con entusiasmo i prossimi obiettivi, appuntamenti e occasioni di confronto. La Bit di Milano sarà così un momento importante, per incontrare allo stand A83 nel padiglione 3 i maggiori rappresentanti del gruppo: il presidente Franco Coppini, il direttore generale, Lidia Rescigno, il direttore marketing, Daniela Passeri, il vice presidente, Luigi Neri, e alcune delle responsabili vendite.","post_title":"Space Hotels: nel 2022 fatturato in crescita del 110%","post_date":"2023-02-01T09:40:48+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1675244448000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438335","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Volotea ha trasportato nel 2022 4 milioni di passeggeri in Italia, con una crescita del 54% rispetto ai 2,6 milioni dell’anno precedente; la capacità offerta è stata di 4,8 milioni di posti, il 21% in più rispetto al 2019 e il 53% in più sul 2021. \r\nL'anno scorso è stato caratterizzato da un'offerta prevalentemente domestica (pari al 72% dei suoi collegamenti) e con uno specifico focus sui collegamenti da e per le isole (83% dell’offerta totale). L’offerta complessiva Volotea per lo scorso anno, articolata in 169 rotte, 88 delle quali in esclusiva, ha consentito alla compagnia di incrementare notevolmente il numero di passeggeri trasportati durante l'anno e di totalizzare un load factor dell’84%.\r\n“Siamo orgogliosi di aver guadagnato la fiducia di un numero sempre maggiore di passeggeri e di aver concretizzato una serie di investimenti a supporto del territorio italiano - ha commentato Carlos Muñoz, presidente e fondatore della compagnia aerea spagnola -. L’anno scorso, abbiamo annunciato l’apertura della nostra settima base operativa a Firenze, che ci consentirà di offrire un numero ancora maggiore di collegamenti da e per la Toscana, massimizzando i flussi turistici incoming. Allo stesso tempo abbiamo dato prova di grande professionalità, gestendo con puntualità e precisione 4 rotte in continuità territoriale da e per la Sardegna. Collegamenti che ci vedono nuovamente impegnati, anche per il 2023 e senza compensazioni economiche, sulla tratta Olbia – Roma Fiumicino. L’Italia continua a ricoprire un ruolo molto importante nelle nostre strategie di crescita e il nostro obiettivo è di continuare a offrire il miglior servizio possibile ai nostri passeggeri”.","post_title":"La corsa di Volotea in Italia: sono 4 milioni i passeggeri trasportati nel 2022","post_date":"2023-01-31T12:52:05+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1675169525000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438050","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si conferma la ripresa turistica della Capitale: oltre ai dati confortanti, presentati nel corso dell'Albergatore Day manifestazione organizzata da Federalberghi Roma, emergono anche nuovi investimenti per lo sviluppo turistico che segnano il ritorno dell'appeal del brand della città. I capitali impiegati in operazioni immobiliari hospitality in Italia nel 2022 sono stati 1,29 miliardi di euro (un rallentamento deciso nell'ultimo trimestre dell'anno ha impedito di raggiungere i livelli del 2021, ndr), ma oltre il 20% di questi si è concentrato a Roma secondo World Capital Group. E lo scenario real estate nella Città eterna sembra crescere sempre di più.\r\n\r\nTra le novità più importanti, spicca in particolare la riapertura del Grand Hotel de la Minerve con il restyling curato da Orient Express: \"L'inaugurazione è prevista per il 2024, sperando di non rallentare troppo per la burocrazia - ha spiegato Gilda Cotzias di Real Estate & Construction Arsenale Group -. Siamo molto orgogliosi di rilanciare e di dare luce a una struttura storica e rappresentativa. Stiamo notando che la richiesta luxury da parte dei brand è altissima; confermiamo inoltre che Roma è oggi il mercato più interessante nel segmento lusso\".\r\n\r\nUn'ulteriore testimonianza della ripresa della destinazione è rappresentata da quello che sarà il primo Nobu Hotel in Italia: \"Da anni ci avevano chiesto il rilancio di via Veneto e vorremmo vederla di nuovo vivace. Abbiamo pensato che il brand ideale fosse Nobu, perché servivano novità importanti come il nostro 5 stelle lusso lifestyle - ha aggiunto il proprietario del Nobu Hotel Roma & Nobu Restaurant Roma, Carlo Acampora -. Apriremo nella fase finale del 2023 e siamo certi che il mercato sia in espansione\".\r\n\r\nHilton con il nuovo Roma La Lama punta invece sul quartiere Eur offrendo oltre 400 camere: \"Dopo alcuni rallentamenti inaugureremo l'hotel prima dell'estate 2023 - ha concluso il cluster general manager Hilton, Paolo Bellè -. Abbiamo puntato sull'Eur per creare una destinazione all'interno di Roma dalle grandi potenzialità\".\r\n\r\nInfine, dai dati del turismo incoming secondo le rilevazioni ufficiali finali dell’Ente bilaterale turismo del Lazio (Ebtl) nel 2022 gli arrivi complessivi negli esercizi alberghieri e nelle Rta (residence) di Roma Capitale sono stati 9.666.238 con un incremento di +245,22% sul 2021 (e un recupero del 74,15% sul 2019). Le presenze complessive sono state 21.552.631 con una crescita del +291,47% (e un recupero del 70,24% sul 2019).","post_title":"Albergatore Day: Roma al centro degli investimenti del segmento lusso","post_date":"2023-01-27T09:26:29+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674811589000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437310","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Toscana Aeroporti, società di gestione degli scali di Firenze e Pisa, traccia un bilancio positivo del 2022 che si è concluso con 6.722.846 passeggeri, in crescita del 137% sul 2021. Nonostante la diffusione della variante Omicron ad inizio anno, i risultati dei mesi successivi hanno consentito al Sistema Aeroportuale Toscano di chiudere il 2022 con l’81,4% dei volumi del 2019, anno record per i due scali. Un recupero addirittura superiore si è osservato per i movimenti aerei, 68.893, che hanno raggiunto l’87,3% dei livelli pre-pandemia. \r\n\r\nIn particolare, nel 2022 i passeggeri sui voli domestici hanno raggiunto l’87,9% dei passeggeri domestici del 2019 mentre quelli internazionali, storicamente prevalenti nel Sistema e maggiormente penalizzati dalle limitazioni agli spostamenti, il 79,4% del numero dei passeggeri pre-pandemia.\r\n\r\nIn forte aumento anche il load factor dei voli di linea (+11,7 punti percentuali), passato dal 68,4% del 2021 all’80,1% del 2022 e in deciso avvicinamento al dato (83,9%) del 2019. Significativo anche il risultato del cargo che, con 14.907 tonnellate di merce trasportata nel 2022, si è attestato ad un +13,1% rispetto ai volumi del 2019.\r\n\r\nNel dettaglio, il Galilei di Pisa ha totalizzato 4.493.847, il +124,8% rispetto al 2021 e un recupero dell’83,4% sull’anno pre-covid del 2019; il Vespucci di Firenze ha registrato 2.228.999 passeggeri, pari a una crescita del 166% rispetto al 2021 e un recupero del 77,6% dei volumi di traffico del 2019. ","post_title":"Toscana Aeroporti: Firenze e Pisa si avvicinano al traffico 2019 con oltre 7,2 milioni di passeggeri","post_date":"2023-01-16T08:53:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1673859180000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436063","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Hahn Air archivia il 2022 con l'aggiunta di 14 compagnie aeree al già nutrito gruppo di oltre 350 vettori del network. Con le soluzioni di Hahn Air, i partner possono vendere i loro voli in 190 mercati, compresi i mercati al di fuori del loro network di destinazioni e dove non sono disponibili con il loro sistema di distribuzione. Gli agenti di viaggio possono prenotare i loro voli nei gds ed emetterli sul biglietto Hahn Air HR-169 a prova di insolvenza, anche nei mercati in cui le compagnie aeree non partecipano al sistema di pagamento locale (ad esempio Bsp o ARrc).\r\n\r\nI cinque nuovi partner interline sono l’australiana Fly Pelican, Ita Airways, la giordana Jordan Aviation, la keniota Safarilink e la senegalese Transair. Nove partner hanno scelto di delegare le vendite gds a Hahn Air, per cui l’australiana Nauru Airlines e la nepalese Nepal Airlines (per conto di President Travel & Tours) sono ora disponibili nei gds con il codice H1, mentre la rumena Animawings, la tanzaniana As Salaam Air, la capoverdiana Cabo Verde Airlines, EZ Air di Curaçao, la giapponese Fuji Dream Airlines e la keniota Jambojet sono disponibili nei principali gds con il codice X1. Infine, il vettore spagnolo World2Fly è salito a bordo come partner doppio scegliendo di combinare un interline agreement con la soluzione X1-Air.\r\n\r\n\"Le nostre soluzioni di distribuzione indiretta sono la soluzione giusta per le compagnie aeree con qualsiasi modello di business e con qualsiasi configurazione di distribuzione - ha dichiarato Alexander Proschka, executive vice president commercial di Hahn Air -. Siamo il partner giusto per i vettori che non dispongono di un sistema di prenotazione o di connessioni gds e per i vettori che dispongono già di una strategia di distribuzione completa. Con le nostre soluzioni possono sbloccare mercati secondari e generare entrate incrementali senza alcun rischio\".","post_title":"Hahn Air archivia il 2022 con altre 14 compagnie aeree partner","post_date":"2022-12-16T09:00:45+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1671181245000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435261","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Vueling continua a cancellare preventivamente i voli per ridurre al minimo l'impatto dello sciopero del personale di cabina indetto dal sindacato Stavla, iniziato il 1° novembre e che durerà fino alla fine di gennaio.\r\n\r\nLa low cost Iag, che sta affrontando la settimana più complicata dall'inizio delle mobilitazioni, ha cancellato per questo venerdì 2 dicembre 94 voli non tutelati dai servizi minimi decretati dal Governo. Opererà normalmente 507 dei 601 voli previsti.\r\n\r\nAll'aeroporto di Barcellona opererà regolarmente l'80% dei voli programmati da Vueling (148 su 186). Nel resto della Spagna la percentuale sale all'89%, con 193 su 217, mentre a livello internazionale si attesta all'84%, con 166 su 198 programmati.\r\n\r\nIl 91% dei clienti interessati da queste cancellazioni è stato trasferito o ha richiesto un voucher o un rimborso, mentre il 9% è ancora in attesa di scegliere l'opzione più adatta a loro.","post_title":"Vueling riduce ancora i voli per lo sciopero del personale di cabina","post_date":"2022-12-02T08:45:52+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1669970752000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"434205","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Da qualche giorno si riconcorrono le voci sul futuro di Club Med. La capogruppo Fosun, zavorrata da un debito che le è recentemente costato il declassamento al rating B2 con outlook negativo da parte di Moody’s, si starebbe infatti apprestando a cedere fino a 11 miliardi di dollari di asset non-core. Alcuni voci hanno perciò cominciato a circolare, suggerendo che in vendita ci sarebbe anche la compagnia francese, il cui valore di mercato si aggirerebbe oggi sugli 1,5 miliardi di dollari. E tra i possibili acquirenti, forse come mera suggestione, è spuntato anche il nome della Investindustrial di Andrea Bonomi, che nel 2015 contese il gruppo transalpino proprio a Fosun.\r\n\r\nPoche ore fa è però giunta quella che sembra essere una smentita categorica da parte di Club Med su qualsiasi voce di vendita. In una nota ufficiale la compagnia francese conferma in particolare le prospettive di vendita di asset non-core Fosun per 7-11 miliardi di dollari. Allo stesso tempo, però, il documento specifica che il gruppo cinese avrebbe intenzione di concentrarsi su quelli che considera i propri settori chiave, tra cui compare anche il turismo, oltre alla farmaceutica, alla vendita al dettaglio e alle assicurazioni. Fosun Tourism Group, la divisione della holding cinese dedicata all'industria dei viaggi a cui riferiscono i brand Club Med, Thomas Cook Travel e Atlantis Sanya, avrebbe tra l'altro fatto segnare risultati soddisfacenti per il primo semestre del 2022, almeno dal punto di vista dei margini operativi lordi, con l'ebitda che avrebbe raggiunto quota 169 milioni di dollari, rispetto al rosso da 72 milioni dello stesso periodo dell'anno scorso.\r\n\r\nTra le opzioni a disposizione del gruppo cinese rimarrebbero tuttavia ancora quelle del ritorno in Borsa di Club Med e/o dell'entrata nel capitale di eventuali fondi di private equity. Voci, queste ultime, che non sono state ancora smentite. Fatto sta che, secondo quanto riporta recentemente Bloomberg citando fonti vicine a Fosun, le discussioni in merito alla questione cessioni sarebbero ancora in una fase estremamente prematura: nessuna decisione sarebbe quindi ancora stata presa, né sarebbe neppure stata assoldata ancora alcuna società di consulenza per la gestione delle eventuali transazioni.\r\n\r\n ","post_title":"Club Med smentisce le voci: non siamo in vendita (probabilmente)","post_date":"2022-11-16T10:08:17+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1668593297000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"433603","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Utile netto da record per Ryanair nella prima metà dell'anno fiscale 2022-23: la low cost ha centrato il suo più grande profitto di sempre nei sei mesi che includono i mesi chiave dell'estate e stima di tornare quest'anno ai livelli di utile annuale pre-Covid di almeno 1 miliardo di euro.\r\n\r\nNei sei mesi fino al 30 settembre Ryanair ha guadagnato 1,371 miliardi di euro, dato nettamente superiore al precedente record del primo semestre di 1,29 miliardi di euro registrato nei sei mesi fino alla fine di settembre 2017. i ricavi totali per i sei mesi sono aumentati di oltre il 200% a 6,62 miliardi di euro.\r\n\r\nAnche se l'inverno sarà in perdita, Ryanair ha dichiarato di aspettarsi un utile al netto delle imposte compreso tra 1 e 1,2 miliardi di euro per l'anno che si concluderà il 31 marzo, anche se questa previsione rimane \"fortemente dipendente\" dall'assenza di shock negativi.\r\n\r\n\"La ripresa per il resto dell'intero anno 2022-23 rimane fragile e potrebbe ancora essere influenzata da nuove varianti di Covid o eventi geopolitici avversi come l'Ucraina - ha dichiarato il ceo del gruppo Ryanair, Michael O'Leary -. Tuttavia, le prenotazioni anticipate rimangono forti nel periodo di punta dei viaggi natalizi\". O'Leary ha definito \"esagerate\" le preoccupazioni per l'impatto della recessione e dell'aumento dell'inflazione per il modello di business di Ryanair, prevedendo per la compagnia aerea una crescita importante anche in un contesto di contrazione dell'economia \"poiché i consumatori non smetteranno di volare, ma piuttosto diventeranno più sensibili ai prezzi\".\r\n\r\nNei sei mesi in considerazione la low cost ha trasportato 95 milioni di passeggeri, rispetto ai 39 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente. ","post_title":"Ryanair centra un utile da record nel primo semestre. Forte advance booking per il Natale","post_date":"2022-11-07T10:40:42+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1667817642000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"432955","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Norwegian ha registrato nel terzo trimestre un aumento dell'utile netto, ma è già prevista una riduzione di un quarto della capacità durante i mesi invernali. Nel periodo luglio-settembre, il profitto è salito a 910 milioni di corone (87,57 milioni di dollari) rispetto all'utile di 169 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente.\r\n\r\n\"Per i prossimi mesi invernali, Norwegian utilizzerà i contratti di leasing flessibili riducendo la capacità di circa il 25%\", ha dichiarato il ceo Geir Karlsen in una nota, sottolineando che \"l'attuale incertezza macroeconomica e geopolitica\" potrebbe influire sulla domanda.\r\n\r\nNorwegian, che ha rischiato il collasso quando è scoppiata la pandemia nel 2020, ha registrato un fatturato trimestrale di 7,1 miliardi di corone, il più alto di qualsiasi trimestre dagli ultimi tre mesi del 2019. I passeggeri trasportati sono stati 6,1 milioni, rispetto ai 2,5 milioni del terzo trimestre del 2021 e ai 5 milioni del trimestre precedente; il load factor è salito all'88,8%, rispetto al 73,1% dello stesso periodo dello scorso anno e all'81,2% del trimestre precedente.\r\n\r\nLa compagnia, focalizzata sul traffico all'interno dei mercati nordici, ha evidenziato il trend positivo del segmento business travel \"sulle rotte nazionali più popolari in Norvegia\".\r\n\r\nPer l'estate 2023, Norwegian prevede un aumento della flotta a 85 aeromobili.\r\n\r\n ","post_title":"Norwegian: utile in crescita nel terzo trimestre, ma la capacità scenderà del 25% nei mesi invernali","post_date":"2022-10-26T09:14:02+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1666775642000]}]}}

Lascia un commento