30 May 2024

1669

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Esperta contabile, responsabile amministrativa e del personale: esperienza pluriennale studi commercialisti e tour operator offresi per lavoro full time in Roma. Max serietà e professionalità.Disponibilità immediata. Tel. 339 4389023, Antonella.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468024 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ha preso il via a Genova il Design Festival, un'edizione, la quinta, ricca di eventi che richiama migliaia di visitatori, in un contesto unico, tra passato, presente e futuro. Il design torna protagonista per le strade del Centro Storico con la Genova BeDesign Week fino al 26 maggio 2024, la manifestazione del design a cielo aperto che anche quest’anno, offre l’opportunità di esplorare nuovi orizzonti creativi ed analizzarne l’impatto sulla società in evoluzione. Sono 166 gli espositori coinvolti e 122 gli appuntamenti in calendario suddivisi tra convegni (20), eventi nel distretto (46), eventi fuori distretto (19), momenti musicali (35) e mostre (2). In aumento anche i luoghi espositivi (110) tra atri di palazzi (42), attività del distretto (36) e fuori dal distretto (7), piazze (12) aperte al pubblico nei cinque giorni della manifestazione organizzata dal Dide – Distretto del Design di Genova con il supporto e la collaborazione di Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova e Ascom Confcommercio Genova. Numeri rilevanti che testimoniano la crescita costante di un evento che dal 2018 ha valorizzato la rive gouche del Centro Storico – la zona compresa tra via San Lorenzo, via San Bernardo e Santa Maria di Castello – e coinvolto un numero sempre più alto di professionisti del settore. «Genova si prepara ad ospitare un’edizione ancora più ricca di contenuti e novità ma sempre con gli stessi obiettivi: valorizzare il territorio attraverso la creatività del design e diventare sempre più evento di qualità grazie agli espositori e ad iniziative collaterali come l’anteprima del Design Festival – spiega Elisabetta Rossetti, presidente del Dide_Distretto del Design di Genova -. Con uno sguardo sempre attento rivolto ai giovani, in particolare ai professionisti under 35, grazie al concorso che dallo scorso anno li vede protagonisti». Gli spazi che accolgono molti eventi rappresentano una cornice unica. Come Spazio Giustiniani situato in Piazzetta Giustiniani, in un antico Palazzo dei Rolli, edifici riconosciuti dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Questo Palazzo, restaurato nel corso del 2004 ad opera della fondazione Franzoni, porta proprio nel nome del suo committente il segno del forte legame che ha unito Roma e Genova in età barocca: esso fu costruito alla fine del Cinquecento dal cardinale Vincenzo Giustiniani (1519-1582), generale dell’ordine dei domenicani. La piazza sulla quale affaccia il palazzo è di forma rettangolare di circa 12x26 metri e ricalca le orme del tracciato urbano cinquecentesco, a sua volta erede dell’assetto medievale.     [post_title] => Genova Design Festival, 4 giorni tra eventi, mostre e momenti musicali [post_date] => 2024-05-24T10:54:05+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716548045000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467911 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Entra nel vivo l'operativo Volotea per l'estate con 11.000 voli, 26 nuovi collegamenti e 1.800.000 posti in vendita: da giugno ad agosto, la compagnia spagnola opererà 164 rotte domestiche e internazionali da e per l’Italia, pari ad una crescita del 10% del numero di posti in vendita rispetto allo stesso periodo del 2019. Per quanto riguarda l’intero anno, Volotea si prepara a raggiungere nel 2024 i risultati migliori di sempre, grazie anche alle performance positive previste sul territorio italiano, dove opererà 169 rotte, che si traducono in più di 25mila voli in 60 città e 9 Paesi, per oltre 4 milioni di posti in vendita. Inoltre, nel periodo di alta stagione, il vettore impiegherà circa 450 dipendenti in Italia. «Anche per quest'anno, in vista dell’estate, abbiamo in programma importanti progressi, sempre orientati a collegare tra loro le piccole e medie città europee, offrendo un servizio sempre di alta qualità - afferma Valeria Rebasti, international market director di Volotea -. È questo, infatti l’obiettivo che ci siamo posti fin dall’inizio della nostra attività. L’Italia rappresenta per la nostra compagnia il secondo mercato e, grazie alla sua forte attrattività dal punto di vista turistico, le potenzialità di sviluppo sono importanti. Continueremo quindi a investire sul territorio nazionale per potenziare il turismo in coming ma anche per permettere ai viaggiatori italiani di visitare le più belle città, sia in Italia che nel resto d’Europa». Queste le novità: da Verona per Madrid, Copenaghen, Comiso, Praga e Bordeaux; da Ancona per Atene; da Roma Fiumicino e Olbia alla volta di Brest; da Palermo verso Brest e Bordeaux; da Comiso verso Torino e Bari (oltre al sopracitato collegamento da e per Verona); da Firenze per Praga; da Napoli verso Atene, Lione e Spalato; da Venezia per Tolosa; da Bari sono disponibili i collegamenti verso Tolosa, Bilbao, Spalato, Malaga, Dubrovnik, Rodi e Preveza/Lefkada (oltre al sopracitato collegamento da e per Comiso); [post_title] => L'estate Volotea entra nel vivo: 164 rotte e 1,8 mln di posti in vendita; 26 i nuovi collegamenti [post_date] => 2024-05-23T11:35:40+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716464140000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467886 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuova operazione del gruppo Statuto, che prosegue la propria espansione internazionale con l'acquisizione del Six Senses London, hotel di debutto nel Regno Unito del brand lusso di casa Ihg. La struttura, dotata di 109 camere più 14 residenze da uno o due camere da letto e spa, aprirà all'inizio del 2025 all'interno degli ex magazzini commerciali vittoriani Whiteleys, situati a Bayswater, l’area a nord di Hyde Par. Un progetto imponente che include pure 139 serviced apartments, operati sempre da Six Senses e realizzati dallo sviluppatore Finchatton in collaborazione con i partner investitori della joint venture  Mark e C C Land. Il complesso disporrà pure di sala fitness, campi da paddle, piscina, sala musica, area bambini, 20 fra negozi e ristoranti, nonché un cinema e una palestra. Il costo dell'operazione relativa all'hotel ammonta a 180 milioni di sterline, pari a oltre 210 milioni di euro, per un prezzo di 1,65 milioni di sterline per chiave (1,94 milioni di euro). Spartan Advisors e Taylor Wessing hanno agito come advisor per conto della parte venditrice, The Whiteley, mentre Baker McKenzie ha supportato il gruppo Statuto. Six Senses vanta un accordo di 30 anni, estendibile ulteriormente, per la gestione dell'albergo. Si rafforza così la partnership tra Statuto e il marchio Ihg, che vede le due realtà collaborare per i Six Senses di Roma e Milano, nonché all'estero per quello di Parigi. Stando a quanto riportano gli spagnoli di Iberian Property, il gruppo italiano avrebbe in questi giorni acquisito anche il Six Senses Ibiza dal fondo di private equity Metric Capital Partners. Non si conoscono tuttavia ancora i dettagli finanziari dell'operazione.   [post_title] => Il gruppo Statuto acquisisce il Six Senses London, che aprirà all'interno del complesso The Whiteley [post_date] => 2024-05-23T10:35:03+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1716460503000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466323 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Star Clippers è una compagnia a conduzione familiare, nata oltre 30 anni fa dal sogno di Michael Kraft. Kraft, artista nella riproduzione di modellini degli splendidi velieri che solcavano gli oceani nel XIX secolo, decise di realizzarli in scala 1:1, offrendo crociere ricche di esperienze, dove “sono banditi la fretta e lo stress”. «Il primo veliero, Star Flyer, risale al 1991, mentre Star Clipper è del ‘92. Royal Clipper, la nostra ammiraglia a 5 alberi, è stata varata nel 2000, quindi è il nostro veliero più recente. - racconta Birgit Gfölner, responsabile vendite di Star Clippers per l’Italia e la Svizzera italiana – Con i suoi 134x16m è l’imbarcazione più accessoriata, con a bordo servizi e spazi che la avvicinano a una nave da crociera, mentre gli altri due velieri Star Clipper e Star Flyer (115,5x15m), donano la sensazione di navigare su una barca a vela privata. Su ciascun veliero le cabine di diverse categorie, doppie o triple, si sviluppano su 4 ponti; sono tutte arredate con lo stesso stile, accoglienti e confortevoli. Corrispondono a un prodotto alberghiero 4stelle. La capienza massima dell’ammiraglia è di 227 passeggeri, mentre gli altri due velieri ne trasportano al massimo 166. I nostri clienti, in genere dai 55 anni a salire e per il 65% repeaters, sono viaggiatori pronti a scoprire un prodotto turistico diverso, arricchito da sempre nuovi imput, e spesso si muovono in coppia. - prosegue Gfölner - Abbiamo anche tanti honeymooners, famiglie e viaggiatori singoli. Per questi ultimi abbiamo pensato alla tariffa “singola garantita” dove non viene applicato il supplemento singola. A bordo, è facile interagire con gli altri. L’esperienza sui velieri è coinvolgente e conviviale e l’interazione è per noi molto importante. Proponiamo un intrattenimento soft, che parte al mattino e si estende su tutta la giornata con attività sempre legate alla navigazione e alla nautica. Quando navighiamo nei parchi naturali, apriamo la piattaforma marina della Royal o le passerelle della Star Clipper e della Star Flyer per accedere direttamente all’acqua e vivere diverse esperienze. La vita di bordo si svolge per il 95% del tempo all’esterno, ma durante le traversate più lunghe è piacevole usufruire della spa e della zona fitness disponibili sull’ammiraglia o delle piscine e trattamenti di benessere degli altri velieri. «Grande è la nostra attenzione all’ambiente e alla sua tutela: ove possibile veleggiamo, oppure utilizziamo gasolio purissimo di alta qualità e a basso tenore di zolfo. - conclude Birgit Gfölner - Gli ospiti possono vivere escursioni mirate per scoprire la natura e gli animali: gli scali sono pensati per consentire le escursioni più interessanti, ma basta navigare sul veliero per incontrare i delfini, vedere uccelli di ogni tipo ed essere immersi in un mondo incantevole». [post_title] => Star Clippers: eleganti velieri per vivere un’autentica esperienza sul mare [post_date] => 2024-04-29T10:59:55+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714388395000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466023 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un comparto in grande espansione a livello europeo, con 169 milioni di euro di fatturato nel 2023, 192 imprese attive e un parco auto di 3.456 unità. I numeri che arrivano da Driverso’s Analysis Lab riguardano il mercato del car hiring d’alta gamma nel Continente e segnalano anche un costo medio per noleggio di 2.916 euro per 58.074 transazioni nell’anno. La durata media dei contratti è stata di 5,4 giorni per 313.600 giornate complessive, con ricavi medi sul singolo veicolo pari a 49 mila euro. Ma c’è soprattutto un’aspettativa di crescita rilevante: il fatturato del settore è atteso a 195 milioni di euro già alla fine di quest’anno, per poi salire via via fino ai 714 milioni previsti nel 2030. Il bacino di mercato potenziale, comunque, è enorme, dato che il giro d’affari del luxury travel è calcolato oggi in 1.380 miliardi di euro. Decine di aziende, esperti, stakeholder qualificati e appassionati provenienti da tutta Europa si sono ritrovati recentemente nel suggestivo scenario del museo Maxxi di Roma per il secondo global meeting di Driverso, la piattaforma digitale europea, nata in Italia, su cui opera una quarantina di imprese del comparto. Durante l'evento sono emersi numeri, scenari e tendenze di un ramo dell’automotive che incrocia i temi del lusso, del lifestyle, dell’economia digitale e soprattutto le sempre mutevoli abitudini di consumo turistico. Durante la giornata sono intervenuti esperti del calibro di Ryan Sarver, partner Redpoints Ventures e soprattutto ex direttore della piattaforma Twitter, Massimiliano Archiapatti, ceo di Hertz Italy, Jasmine Boni-Ball, executive assistant di Tuscany Now and More, Ferruccio Rossi, direttore generale di Sanlorenzo Yacht e Maurizio Iperti, ceo di LoJack. “Il noleggio auto di alta gamma riveste un ruolo chiave nell’offerta turistica italiana e internazionale e agisce come un elemento in grado di caratterizzare e arricchire l’intera esperienza di viaggio - spiega Pierluigi Galassetti, co-founder con Saverio Castellaneta di Driverso -. Questa proposta si inserisce in un contesto in cui la clientela ricerca non solo comfort ed esclusività, ma richiede esperienze immersive e personalizzate in ogni dettaglio del soggiorno, dalla cucina all'alloggio, fino agli spostamenti in auto, che completano la gamma dei servizi. Nell’ambito del settore lusso, fortemente in crescita, la mobilità di alta gamma beneficia inoltre di un’ulteriore spinta propulsiva derivante dalla novità del servizio ancora poco conosciuto dalla maggior parte dei potenziali clienti. Per queste ragioni abbiamo stimato che in Italia e in Europa possa seguire dei trend di crescita di oltre il 20% annuo nei prossimi tre-cinque anni”.   [post_title] => Global meeting Driverso: tutto il potenziale del noleggio auto d'alta gamma [post_date] => 2024-04-22T10:52:26+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713783146000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465551 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le compagnie aeree low cost si confermano la scelta prediletta dei viaggiatori italiani, con una quota di mercato che nel 2023 ha raggiunto il 65% e, in particolare, il 69,2% sulle rotte domestiche e il 62,5% su quelle internazionali. L'analisi è quella elaborata da Il Corriere della Sera in base ai dati di traffico dell'Enac, che evidenziano inoltre il predominio di Ryanair: lo scorso anno il vettore irlandese ha trasportato quasi 56 milioni di passeggeri, in altre parole più della metà degli italiani che hanno scelto di volare e un viaggiatore su tre (considerate tutte le nazionalità) tra quelli che sono transitati dagli aeroporti italiani. In pratica, la low cost ha imbarcato più passeggeri del totale di quelli trasportati dai successivi cinque vettori in classifica: easyJet, Ita Airways, Wizz Air, Vueling e Lufthansa. Tra le curiosità emerse anche la perdita del primato di rotta più traffico d'Italia della Roma Fiumicino-Catania, che nel 2023 si è fermata a 1,56 milioni di passeggeri (in entrambe le direzioni, rispetto al dato di 1,54 milioni dell’anno precedente), meno degli 1,75 milioni della Roma-Madrid (1,29 milioni nel 2022). Un sorpasso solo in parte dovuto all’incendio del Terminal 1 dello scalo siciliano che ha spostato diversi voli in altri impianti, soprattutto a Comiso.   Da segnalare infine la significativa crescita del traffico su Roma (che nel 2023 si è confermato l'aeroporto più utilizzato): complice anche l’espansione dell'attività di Ita Airways, il “Leonardo da Vinci” è tornato al primo posto sulle rotte intercontinentali: sul gradino più alto del podio troviamo la Fiumicino-New York Jfk, con quasi 1 milione di passeggeri trasportate in entrambe le direzioni (981.030), che supera così la Milano Malpensa-Jfk (833 mila viaggiatori) che nel 2022 si era ritrovata prima. Lo scalo lombardo si conferma però principale base italiana del trasporto merci.     [post_title] => I viaggiatori italiani preferiscono le low cost. E soprattutto Ryanair [post_date] => 2024-04-15T13:08:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713186539000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463416 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_463420" align="alignleft" width="300"] Il Tapestry di Perugia[/caption] Cresce la presenza della collezione Tapestry in Italia. Il soft brand del segmento upscale di casa Hilton conterà infatti presto tre nuovi hotel a Roma, Napoli e Perugia, che si aggiungeranno alle 36 proprietà del gruppo Usa già presenti nella penisola, tra cui l’Ambasciatori Hotel Venice Mestre, Tapestry Collection, di recente apertura. “I nostri piani di sviluppo nel paese sono molto ambiziosi e siamo entusiasti di vedere un forte interesse da parte dei proprietari e una domanda solida da parte degli ospiti", sottolinea il senior vice president of development Emea Hilton, Patrick Fitzgibbon. Situato nel cuore di Roma, a pochi metri dai musei Vaticani, lo Spring House Hotel Rome Vatican, Tapestry Collection by Hilton, sarà il secondo hotel di questo brand nella capitale dopo l’apertura del Cosmopolita Hotel Rome nel 2022. La struttura disporrà di un ristorante e bar, un’area benessere, una terrazza all’aperto e 73 camere. I lavori dell’hotel, che dovrebbero essere completati all’inizio del 2025, fanno seguito a un accordo di franchising con Spring House, di proprietà di Stefano Gabbani e della sua famiglia, che gestisce la struttura dal 1969. Napoli accoglierà il suo primo hotel Tapestry grazie a un accordo di franchising con Ownco, che ha già visto l’apertura del Britannique Naples, Curio Collection by Hilton nel 2020. Palazzo Caracciolo Naples, Tapestry Collection, un antico palazzo del tredicesimo secolo, fu la prima dimora di Gioacchino Murat quando arrivò a Napoli prima di diventarne il re. Con il suo stile e il design rinascimentale ancora oggi visibile, l’hotel continuerà ad accogliere gli ospiti durante i lavori di ristrutturazione e sarà completamente ribattezzato Tapestry in primavera. La proprietà conta 145 camere, un ristorante, un bar, una palestra e un’area benessere, e si trova a pochi passi dalla costa. Situato nel cuore di Perugia, la Rosetta Hotel Tapestry Collection sarà il primo hotel Hilton ad aprire in questa zona. Con parti della struttura originariamente costruite nel quindicesimo secolo, la struttura, che dispone di 74 camere, vanta soffitti dipinti a mano, mobili in legno e opere d’arte sulle pareti. Il completamento dell’hotel è previsto per la seconda metà del 2025 e segue un accordo di franchising con una società di proprietà dei membri della famiglia di Simone Fittuccia e Rodolfa Mencarelli. [post_title] => Hilton spinge il brand Tapestry: tre new entry in Italia a Roma, Napoli e Perugia [post_date] => 2024-03-14T10:11:53+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710411113000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461985 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Capodanno cinese, anche conosciuto come Festa di Primavera, ha innescato "un nuovo ciclo di boom dei consumi". Lo scrive Xinhua, agenzia di stampa della Repubblica Popolare Cinese, ricordando che le vacanze ufficiali del Festival di Primavera di quest'anno sono durate dal 10 al 17 febbraio, un giorno in più rispetto agli anni precedenti. Gli otto giorni di vacanza hanno visto più persone in viaggio, più acquisti di articoli per le vacanze e più tempo di qualità trascorso in famiglia in attività ricreative. Secondo i dati del ministero della cultura e del turismo, durante le vacanze del Festival di Primavera sono stati effettuati 474 milioni di viaggi turistici, un aumento del 34,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e un aumento del 19% su base comparabile rispetto al periodo precedente il livello pandemico nel 2019. I turisti nazionali hanno speso in totale circa 632,69 miliardi di yuan (circa 89,07 miliardi di dollari), in aumento del 7,7% rispetto allo stesso periodo di vacanza del 2019. Dopo quattro anni, il Festival di Primavera è tornato a rappresentare il picco del consumo di viaggi globale. Secondo un rapporto pubblicato da Trip.com, gli ordini turistici in entrata e in uscita della Cina hanno entrambi superato lo stesso periodo del 2019, in particolare il turismo in entrata, che è aumentato del 48% rispetto al 2019. Secondo l'amministrazione nazionale per l'immigrazione, durante le vacanze sono state effettuate complessivamente 13,52 milioni di visite in entrata e in uscita. Il numero di visite medie giornaliere è stato di 1,69 milioni, un aumento di 2,8 volte rispetto allo stesso periodo festivo dell'anno scorso. [post_title] => Il turismo cinese riprende con il boom. 474 milioni di viaggi turistici [post_date] => 2024-02-21T10:54:06+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708512846000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460564 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Turchia chiude ufficialmente un 2023 da record con entrate per 54,3 miliardi di dollari, in crescita del 16,9%, mentre gli arrivi di turisti stranieri sono aumentati di oltre il 10%, raggiungendo i 49,2 milioni. «In linea con le previsioni del programma a medio termine, ci aspettiamo che il numero di visitatori raggiunga quest'anno i 59,4 milioni e le entrate turistiche salgano fino a 59,6 miliardi di dollari» ha dichiarato il Ministro del Tesoro e delle Finanze, Mehmet Şimşek. Mentre le spese individuali hanno costituito 41 miliardi di dollari del totale delle entrate turistiche, altri 13,25 miliardi di dollari provengono dalle spese per i pacchetti turistici, secondo l'Istituto turco di statistica (TÜİK). La spesa media pro capite dei turisti è stata di 952 dollari nel 2023, rispetto ai 905 dollari dell'anno precedente. La spesa media per notte è aumentata di quasi il 12% dal 2022 a 99 dollari. La spesa alimentare dei turisti è aumentata del 33,2% rispetto al 2022, mentre l'aumento della spesa per l'alloggio è stato del 27%. Lo scorso anno, 49,2 milioni di turisti stranieri hanno visitato la Turchia: includendo i cittadini turchi residenti all'estero, la destinazione ha accolto 56,7 milioni di visitatori. I gruppi più numerosi di turisti provengono da Russia e Germania.       [post_title] => Turchia: le entrate turistiche hanno superato quota 54,3 miliardi di euro nel 2023 [post_date] => 2024-02-01T10:11:36+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706782296000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1669" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":18,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":56,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468024","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ha preso il via a Genova il Design Festival, un'edizione, la quinta, ricca di eventi che richiama migliaia di visitatori, in un contesto unico, tra passato, presente e futuro.\r\n\r\nIl design torna protagonista per le strade del Centro Storico con la Genova BeDesign Week fino al 26 maggio 2024, la manifestazione del design a cielo aperto che anche quest’anno, offre l’opportunità di esplorare nuovi orizzonti creativi ed analizzarne l’impatto sulla società in evoluzione. Sono 166 gli espositori coinvolti e 122 gli appuntamenti in calendario suddivisi tra convegni (20), eventi nel distretto (46), eventi fuori distretto (19), momenti musicali (35) e mostre (2).\r\n\r\nIn aumento anche i luoghi espositivi (110) tra atri di palazzi (42), attività del distretto (36) e fuori dal distretto (7), piazze (12) aperte al pubblico nei cinque giorni della manifestazione organizzata dal Dide – Distretto del Design di Genova con il supporto e la collaborazione di Regione Liguria, Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova e Ascom Confcommercio Genova. Numeri rilevanti che testimoniano la crescita costante di un evento che dal 2018 ha valorizzato la rive gouche del Centro Storico – la zona compresa tra via San Lorenzo, via San Bernardo e Santa Maria di Castello – e coinvolto un numero sempre più alto di professionisti del settore.\r\n\r\n«Genova si prepara ad ospitare un’edizione ancora più ricca di contenuti e novità ma sempre con gli stessi obiettivi: valorizzare il territorio attraverso la creatività del design e diventare sempre più evento di qualità grazie agli espositori e ad iniziative collaterali come l’anteprima del Design Festival – spiega Elisabetta Rossetti, presidente del Dide_Distretto del Design di Genova -. Con uno sguardo sempre attento rivolto ai giovani, in particolare ai professionisti under 35, grazie al concorso che dallo scorso anno li vede protagonisti».\r\n\r\nGli spazi che accolgono molti eventi rappresentano una cornice unica. Come Spazio Giustiniani situato in Piazzetta Giustiniani, in un antico Palazzo dei Rolli, edifici riconosciuti dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità.\r\n\r\nQuesto Palazzo, restaurato nel corso del 2004 ad opera della fondazione Franzoni, porta proprio nel nome del suo committente il segno del forte legame che ha unito Roma e Genova in età barocca: esso fu costruito alla fine del Cinquecento dal cardinale Vincenzo Giustiniani (1519-1582), generale dell’ordine dei domenicani. La piazza sulla quale affaccia il palazzo è di forma rettangolare di circa 12x26 metri e ricalca le orme del tracciato urbano cinquecentesco, a sua volta erede dell’assetto medievale.\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Genova Design Festival, 4 giorni tra eventi, mostre e momenti musicali","post_date":"2024-05-24T10:54:05+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1716548045000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467911","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Entra nel vivo l'operativo Volotea per l'estate con 11.000 voli, 26 nuovi collegamenti e 1.800.000 posti in vendita: da giugno ad agosto, la compagnia spagnola opererà 164 rotte domestiche e internazionali da e per l’Italia, pari ad una crescita del 10% del numero di posti in vendita rispetto allo stesso periodo del 2019.\r\nPer quanto riguarda l’intero anno, Volotea si prepara a raggiungere nel 2024 i risultati migliori di sempre, grazie anche alle performance positive previste sul territorio italiano, dove opererà 169 rotte, che si traducono in più di 25mila voli in 60 città e 9 Paesi, per oltre 4 milioni di posti in vendita. Inoltre, nel periodo di alta stagione, il vettore impiegherà circa 450 dipendenti in Italia.\r\n«Anche per quest'anno, in vista dell’estate, abbiamo in programma importanti progressi, sempre orientati a collegare tra loro le piccole e medie città europee, offrendo un servizio sempre di alta qualità - afferma Valeria Rebasti, international market director di Volotea -. È questo, infatti l’obiettivo che ci siamo posti fin dall’inizio della nostra attività. L’Italia rappresenta per la nostra compagnia il secondo mercato e, grazie alla sua forte attrattività dal punto di vista turistico, le potenzialità di sviluppo sono importanti. Continueremo quindi a investire sul territorio nazionale per potenziare il turismo in coming ma anche per permettere ai viaggiatori italiani di visitare le più belle città, sia in Italia che nel resto d’Europa».\r\nQueste le novità: da Verona per Madrid, Copenaghen, Comiso, Praga e Bordeaux; da Ancona per Atene; da Roma Fiumicino e Olbia alla volta di Brest; da Palermo verso Brest e Bordeaux; da Comiso verso Torino e Bari (oltre al sopracitato collegamento da e per Verona); da Firenze per Praga; da Napoli verso Atene, Lione e Spalato; da Venezia per Tolosa; da Bari sono disponibili i collegamenti verso Tolosa, Bilbao, Spalato, Malaga, Dubrovnik, Rodi e Preveza/Lefkada (oltre al sopracitato collegamento da e per Comiso);","post_title":"L'estate Volotea entra nel vivo: 164 rotte e 1,8 mln di posti in vendita; 26 i nuovi collegamenti","post_date":"2024-05-23T11:35:40+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1716464140000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467886","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuova operazione del gruppo Statuto, che prosegue la propria espansione internazionale con l'acquisizione del Six Senses London, hotel di debutto nel Regno Unito del brand lusso di casa Ihg. La struttura, dotata di 109 camere più 14 residenze da uno o due camere da letto e spa, aprirà all'inizio del 2025 all'interno degli ex magazzini commerciali vittoriani Whiteleys, situati a Bayswater, l’area a nord di Hyde Par. Un progetto imponente che include pure 139 serviced apartments, operati sempre da Six Senses e realizzati dallo sviluppatore Finchatton in collaborazione con i partner investitori della joint venture  Mark e C C Land. Il complesso disporrà pure di sala fitness, campi da paddle, piscina, sala musica, area bambini, 20 fra negozi e ristoranti, nonché un cinema e una palestra.\r\n\r\nIl costo dell'operazione relativa all'hotel ammonta a 180 milioni di sterline, pari a oltre 210 milioni di euro, per un prezzo di 1,65 milioni di sterline per chiave (1,94 milioni di euro). Spartan Advisors e Taylor Wessing hanno agito come advisor per conto della parte venditrice, The Whiteley, mentre Baker McKenzie ha supportato il gruppo Statuto. Six Senses vanta un accordo di 30 anni, estendibile ulteriormente, per la gestione dell'albergo. Si rafforza così la partnership tra Statuto e il marchio Ihg, che vede le due realtà collaborare per i Six Senses di Roma e Milano, nonché all'estero per quello di Parigi. Stando a quanto riportano gli spagnoli di Iberian Property, il gruppo italiano avrebbe in questi giorni acquisito anche il Six Senses Ibiza dal fondo di private equity Metric Capital Partners. Non si conoscono tuttavia ancora i dettagli finanziari dell'operazione.\r\n\r\n ","post_title":"Il gruppo Statuto acquisisce il Six Senses London, che aprirà all'interno del complesso The Whiteley","post_date":"2024-05-23T10:35:03+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1716460503000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466323","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Star Clippers è una compagnia a conduzione familiare, nata oltre 30 anni fa dal sogno di Michael Kraft. Kraft, artista nella riproduzione di modellini degli splendidi velieri che solcavano gli oceani nel XIX secolo, decise di realizzarli in scala 1:1, offrendo crociere ricche di esperienze, dove “sono banditi la fretta e lo stress”. «Il primo veliero, Star Flyer, risale al 1991, mentre Star Clipper è del ‘92. Royal Clipper, la nostra ammiraglia a 5 alberi, è stata varata nel 2000, quindi è il nostro veliero più recente. - racconta Birgit Gfölner, responsabile vendite di Star Clippers per l’Italia e la Svizzera italiana – Con i suoi 134x16m è l’imbarcazione più accessoriata, con a bordo servizi e spazi che la avvicinano a una nave da crociera, mentre gli altri due velieri Star Clipper e Star Flyer (115,5x15m), donano la sensazione di navigare su una barca a vela privata. Su ciascun veliero le cabine di diverse categorie, doppie o triple, si sviluppano su 4 ponti; sono tutte arredate con lo stesso stile, accoglienti e confortevoli. \r\nCorrispondono a un prodotto alberghiero 4stelle. La capienza massima dell’ammiraglia è di 227 passeggeri, mentre gli altri due velieri ne trasportano al massimo 166. I nostri clienti, in genere dai 55 anni a salire e per il 65% repeaters, sono viaggiatori pronti a scoprire un prodotto turistico diverso, arricchito da sempre nuovi imput, e spesso si muovono in coppia. - prosegue Gfölner - Abbiamo anche tanti honeymooners, famiglie e viaggiatori singoli. Per questi ultimi abbiamo pensato alla tariffa “singola garantita” dove non viene applicato il supplemento singola. \r\nA bordo, è facile interagire con gli altri. L’esperienza sui velieri è coinvolgente e conviviale e l’interazione è per noi molto importante. Proponiamo un intrattenimento soft, che parte al mattino e si estende su tutta la giornata con attività sempre legate alla navigazione e alla nautica. \r\nQuando navighiamo nei parchi naturali, apriamo la piattaforma marina della Royal o le passerelle della Star Clipper e della Star Flyer per accedere direttamente all’acqua e vivere diverse esperienze. La vita di bordo si svolge per il 95% del tempo all’esterno, ma durante le traversate più lunghe è piacevole usufruire della spa e della zona fitness disponibili sull’ammiraglia o delle piscine e trattamenti di benessere degli altri velieri. \r\n«Grande è la nostra attenzione all’ambiente e alla sua tutela: ove possibile veleggiamo, oppure utilizziamo gasolio purissimo di alta qualità e a basso tenore di zolfo. - conclude Birgit Gfölner - Gli ospiti possono vivere escursioni mirate per scoprire la natura e gli animali: gli scali sono pensati per consentire le escursioni più interessanti, ma basta navigare sul veliero per incontrare i delfini, vedere uccelli di ogni tipo ed essere immersi in un mondo incantevole».\r\n","post_title":"Star Clippers: eleganti velieri per vivere un’autentica esperienza sul mare","post_date":"2024-04-29T10:59:55+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1714388395000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466023","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un comparto in grande espansione a livello europeo, con 169 milioni di euro di fatturato nel 2023, 192 imprese attive e un parco auto di 3.456 unità. I numeri che arrivano da Driverso’s Analysis Lab riguardano il mercato del car hiring d’alta gamma nel Continente e segnalano anche un costo medio per noleggio di 2.916 euro per 58.074 transazioni nell’anno. La durata media dei contratti è stata di 5,4 giorni per 313.600 giornate complessive, con ricavi medi sul singolo veicolo pari a 49 mila euro. Ma c’è soprattutto un’aspettativa di crescita rilevante: il fatturato del settore è atteso a 195 milioni di euro già alla fine di quest’anno, per poi salire via via fino ai 714 milioni previsti nel 2030. Il bacino di mercato potenziale, comunque, è enorme, dato che il giro d’affari del luxury travel è calcolato oggi in 1.380 miliardi di euro.\r\n\r\nDecine di aziende, esperti, stakeholder qualificati e appassionati provenienti da tutta Europa si sono ritrovati recentemente nel suggestivo scenario del museo Maxxi di Roma per il secondo global meeting di Driverso, la piattaforma digitale europea, nata in Italia, su cui opera una quarantina di imprese del comparto. Durante l'evento sono emersi numeri, scenari e tendenze di un ramo dell’automotive che incrocia i temi del lusso, del lifestyle, dell’economia digitale e soprattutto le sempre mutevoli abitudini di consumo turistico. Durante la giornata sono intervenuti esperti del calibro di Ryan Sarver, partner Redpoints Ventures e soprattutto ex direttore della piattaforma Twitter, Massimiliano Archiapatti, ceo di Hertz Italy, Jasmine Boni-Ball, executive assistant di Tuscany Now and More, Ferruccio Rossi, direttore generale di Sanlorenzo Yacht e Maurizio Iperti, ceo di LoJack.\r\n\r\n“Il noleggio auto di alta gamma riveste un ruolo chiave nell’offerta turistica italiana e internazionale e agisce come un elemento in grado di caratterizzare e arricchire l’intera esperienza di viaggio - spiega Pierluigi Galassetti, co-founder con Saverio Castellaneta di Driverso -. Questa proposta si inserisce in un contesto in cui la clientela ricerca non solo comfort ed esclusività, ma richiede esperienze immersive e personalizzate in ogni dettaglio del soggiorno, dalla cucina all'alloggio, fino agli spostamenti in auto, che completano la gamma dei servizi. Nell’ambito del settore lusso, fortemente in crescita, la mobilità di alta gamma beneficia inoltre di un’ulteriore spinta propulsiva derivante dalla novità del servizio ancora poco conosciuto dalla maggior parte dei potenziali clienti. Per queste ragioni abbiamo stimato che in Italia e in Europa possa seguire dei trend di crescita di oltre il 20% annuo nei prossimi tre-cinque anni”.\r\n\r\n ","post_title":"Global meeting Driverso: tutto il potenziale del noleggio auto d'alta gamma","post_date":"2024-04-22T10:52:26+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1713783146000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465551","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le compagnie aeree low cost si confermano la scelta prediletta dei viaggiatori italiani, con una quota di mercato che nel 2023 ha raggiunto il 65% e, in particolare, il 69,2% sulle rotte domestiche e il 62,5% su quelle internazionali.\r\nL'analisi è quella elaborata da Il Corriere della Sera in base ai dati di traffico dell'Enac, che evidenziano inoltre il predominio di Ryanair: lo scorso anno il vettore irlandese ha trasportato quasi 56 milioni di passeggeri, in altre parole più della metà degli italiani che hanno scelto di volare e un viaggiatore su tre (considerate tutte le nazionalità) tra quelli che sono transitati dagli aeroporti italiani.\r\nIn pratica, la low cost ha imbarcato più passeggeri del totale di quelli trasportati dai successivi cinque vettori in classifica: easyJet, Ita Airways, Wizz Air, Vueling e Lufthansa.\r\n\r\nTra le curiosità emerse anche la perdita del primato di rotta più traffico d'Italia della Roma Fiumicino-Catania, che nel 2023 si è fermata a 1,56 milioni di passeggeri (in entrambe le direzioni, rispetto al dato di 1,54 milioni dell’anno precedente), meno degli 1,75 milioni della Roma-Madrid (1,29 milioni nel 2022). Un sorpasso solo in parte dovuto all’incendio del Terminal 1 dello scalo siciliano che ha spostato diversi voli in altri impianti, soprattutto a Comiso.\r\n \r\nDa segnalare infine la significativa crescita del traffico su Roma (che nel 2023 si è confermato l'aeroporto più utilizzato): complice anche l’espansione dell'attività di Ita Airways, il “Leonardo da Vinci” è tornato al primo posto sulle rotte intercontinentali: sul gradino più alto del podio troviamo la Fiumicino-New York Jfk, con quasi 1 milione di passeggeri trasportate in entrambe le direzioni (981.030), che supera così la Milano Malpensa-Jfk (833 mila viaggiatori) che nel 2022 si era ritrovata prima. Lo scalo lombardo si conferma però principale base italiana del trasporto merci.\r\n \r\n\r\n ","post_title":"I viaggiatori italiani preferiscono le low cost. E soprattutto Ryanair","post_date":"2024-04-15T13:08:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713186539000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463416","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_463420\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il Tapestry di Perugia[/caption]\r\n\r\nCresce la presenza della collezione Tapestry in Italia. Il soft brand del segmento upscale di casa Hilton conterà infatti presto tre nuovi hotel a Roma, Napoli e Perugia, che si aggiungeranno alle 36 proprietà del gruppo Usa già presenti nella penisola, tra cui l’Ambasciatori Hotel Venice Mestre, Tapestry Collection, di recente apertura. “I nostri piani di sviluppo nel paese sono molto ambiziosi e siamo entusiasti di vedere un forte interesse da parte dei proprietari e una domanda solida da parte degli ospiti\", sottolinea il senior vice president of development Emea Hilton, Patrick Fitzgibbon.\r\nSituato nel cuore di Roma, a pochi metri dai musei Vaticani, lo Spring House Hotel Rome Vatican, Tapestry Collection by Hilton, sarà il secondo hotel di questo brand nella capitale dopo l’apertura del Cosmopolita Hotel Rome nel 2022. La struttura disporrà di un ristorante e bar, un’area benessere, una terrazza all’aperto e 73 camere. I lavori dell’hotel, che dovrebbero essere completati all’inizio del 2025, fanno seguito a un accordo di franchising con Spring House, di proprietà di Stefano Gabbani e della sua famiglia, che gestisce la struttura dal 1969.\r\n\r\nNapoli accoglierà il suo primo hotel Tapestry grazie a un accordo di franchising con Ownco, che ha già visto l’apertura del Britannique Naples, Curio Collection by Hilton nel 2020. Palazzo Caracciolo Naples, Tapestry Collection, un antico palazzo del tredicesimo secolo, fu la prima dimora di Gioacchino Murat quando arrivò a Napoli prima di diventarne il re. Con il suo stile e il design rinascimentale ancora oggi visibile, l’hotel continuerà ad accogliere gli ospiti durante i lavori di ristrutturazione e sarà completamente ribattezzato Tapestry in primavera. La proprietà conta 145 camere, un ristorante, un bar, una palestra e un’area benessere, e si trova a pochi passi dalla costa.\r\n\r\nSituato nel cuore di Perugia, la Rosetta Hotel Tapestry Collection sarà il primo hotel Hilton ad aprire in questa zona. Con parti della struttura originariamente costruite nel quindicesimo secolo, la struttura, che dispone di 74 camere, vanta soffitti dipinti a mano, mobili in legno e opere d’arte sulle pareti. Il completamento dell’hotel è previsto per la seconda metà del 2025 e segue un accordo di franchising con una società di proprietà dei membri della famiglia di Simone Fittuccia e Rodolfa Mencarelli.","post_title":"Hilton spinge il brand Tapestry: tre new entry in Italia a Roma, Napoli e Perugia","post_date":"2024-03-14T10:11:53+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1710411113000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461985","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Capodanno cinese, anche conosciuto come Festa di Primavera, ha innescato \"un nuovo ciclo di boom dei consumi\". Lo scrive Xinhua, agenzia di stampa della Repubblica Popolare Cinese, ricordando che le vacanze ufficiali del Festival di Primavera di quest'anno sono durate dal 10 al 17 febbraio, un giorno in più rispetto agli anni precedenti. Gli otto giorni di vacanza hanno visto più persone in viaggio, più acquisti di articoli per le vacanze e più tempo di qualità trascorso in famiglia in attività ricreative.\r\n\r\nSecondo i dati del ministero della cultura e del turismo, durante le vacanze del Festival di Primavera sono stati effettuati 474 milioni di viaggi turistici, un aumento del 34,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e un aumento del 19% su base comparabile rispetto al periodo precedente il livello pandemico nel 2019.\r\n\r\nI turisti nazionali hanno speso in totale circa 632,69 miliardi di yuan (circa 89,07 miliardi di dollari), in aumento del 7,7% rispetto allo stesso periodo di vacanza del 2019.\r\n\r\nDopo quattro anni, il Festival di Primavera è tornato a rappresentare il picco del consumo di viaggi globale. Secondo un rapporto pubblicato da Trip.com, gli ordini turistici in entrata e in uscita della Cina hanno entrambi superato lo stesso periodo del 2019, in particolare il turismo in entrata, che è aumentato del 48% rispetto al 2019.\r\n\r\nSecondo l'amministrazione nazionale per l'immigrazione, durante le vacanze sono state effettuate complessivamente 13,52 milioni di visite in entrata e in uscita. Il numero di visite medie giornaliere è stato di 1,69 milioni, un aumento di 2,8 volte rispetto allo stesso periodo festivo dell'anno scorso.","post_title":"Il turismo cinese riprende con il boom. 474 milioni di viaggi turistici","post_date":"2024-02-21T10:54:06+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1708512846000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460564","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Turchia chiude ufficialmente un 2023 da record con entrate per 54,3 miliardi di dollari, in crescita del 16,9%, mentre gli arrivi di turisti stranieri sono aumentati di oltre il 10%, raggiungendo i 49,2 milioni.\r\n\r\n«In linea con le previsioni del programma a medio termine, ci aspettiamo che il numero di visitatori raggiunga quest'anno i 59,4 milioni e le entrate turistiche salgano fino a 59,6 miliardi di dollari» ha dichiarato il Ministro del Tesoro e delle Finanze, Mehmet Şimşek.\r\n\r\nMentre le spese individuali hanno costituito 41 miliardi di dollari del totale delle entrate turistiche, altri 13,25 miliardi di dollari provengono dalle spese per i pacchetti turistici, secondo l'Istituto turco di statistica (TÜİK).\r\n\r\nLa spesa media pro capite dei turisti è stata di 952 dollari nel 2023, rispetto ai 905 dollari dell'anno precedente. La spesa media per notte è aumentata di quasi il 12% dal 2022 a 99 dollari.\r\n\r\nLa spesa alimentare dei turisti è aumentata del 33,2% rispetto al 2022, mentre l'aumento della spesa per l'alloggio è stato del 27%.\r\n\r\nLo scorso anno, 49,2 milioni di turisti stranieri hanno visitato la Turchia: includendo i cittadini turchi residenti all'estero, la destinazione ha accolto 56,7 milioni di visitatori. I gruppi più numerosi di turisti provengono da Russia e Germania.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Turchia: le entrate turistiche hanno superato quota 54,3 miliardi di euro nel 2023","post_date":"2024-02-01T10:11:36+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1706782296000]}]}}

Lascia un commento