21 May 2024

1661

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467458 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Toscana Promozione Turistica ha pubblicato il terzo numero del report su arrivi e presenze, curato dal Dipartimento di Economia dell’Università Cà Foscari. L’analisi (che per la prima volta è ottenuta integrando vari strumenti) si articola in varie categorie: arrivi e presenze turistiche 2022 e 2023 a confronto, sentiment medio, suddiviso per i comparti di attrazioni, ristorazione, ricettività e affitti brevi, tariffe e saturazione dei comparti ricettivi, sempre a confronto con il 2022. Tra le novità l'analisi  delle presenze per ambito sulla base delle celle telefoniche e un focus sull‘andamento degli arrivi da alcuni specifici paesi di provenienza - in particolare Stati Uniti, Francia e Germania. I dati puntano a delineare l’andamento dei flussi in regione e di compiere un bilancio complessivo per il 2023 e confrontarlo con quello dell’anno precedente. Arrivi e presenze. Viene evidenziato anzitutto un aumento medio degli arrivi del 21% rispetto al 2022, marcato soprattutto nei mesi invernali (+67% a gennaio). Riguardo alle presenze l’aumento medio si attesta a quasi il 18%, con punte nel trimestre gennaio-marzo. Il periodo estivo resta quello col maggior afflusso di visitatori. Rispetto alla provenienza, il turismo domestico ha evidenziato lievi aumenti sia degli arrivi (+3,09%) che delle presenze (+3,32%) in confronto al 2022 con punte nel primo quadrimestre ed una diminuzione a partire dal mese di      maggio. Il dato di quello internazionale è sensibilmente più elevato: +56% gli arrivi e +42% le presenze con un aumento costante a partire da aprile. Una mappa con differenti colorazioni indica la distribuzione media annuale dei punti di interesse per provincia rispetto ai comparti  ricettività, affitti brevi, attrazioni e ristorazione. La provincia con la maggior densità è Firenze. Seguono Pisa, Siena e Livorno.  Il report fa poi un’analisi più dettagliata per gli ambiti turistici più popolari. Dati celle telefoniche. Consentono di tracciare i movimenti dei telefoni cellulari ed essere utilizzati per analizzare i flussi dei turisti, identificare le rotte di viaggio preferite e comprendere i comportamenti di movimento dei visitatori in determinate aree turistiche. Il report indica aumenti da aprile a settembre e picchi di ricezione durante la stagione estiva, in particolare nei mesi di luglio e agosto. Gli arrivi del 2023 mostrano come le provenienze degli arrivi e delle presenze sono in gran parte Statunitensi (16,1 e 14,7), a seguire Tedeschi (12,3 e 18,6) e Francesi (6,9 e 6,2). [post_title] => Toscana, focus sui arrivi e presenze: una nuova analisi che integra vari strumenti [post_date] => 2024-05-16T11:33:58+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715859238000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466323 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Star Clippers è una compagnia a conduzione familiare, nata oltre 30 anni fa dal sogno di Michael Kraft. Kraft, artista nella riproduzione di modellini degli splendidi velieri che solcavano gli oceani nel XIX secolo, decise di realizzarli in scala 1:1, offrendo crociere ricche di esperienze, dove “sono banditi la fretta e lo stress”. «Il primo veliero, Star Flyer, risale al 1991, mentre Star Clipper è del ‘92. Royal Clipper, la nostra ammiraglia a 5 alberi, è stata varata nel 2000, quindi è il nostro veliero più recente. - racconta Birgit Gfölner, responsabile vendite di Star Clippers per l’Italia e la Svizzera italiana – Con i suoi 134x16m è l’imbarcazione più accessoriata, con a bordo servizi e spazi che la avvicinano a una nave da crociera, mentre gli altri due velieri Star Clipper e Star Flyer (115,5x15m), donano la sensazione di navigare su una barca a vela privata. Su ciascun veliero le cabine di diverse categorie, doppie o triple, si sviluppano su 4 ponti; sono tutte arredate con lo stesso stile, accoglienti e confortevoli. Corrispondono a un prodotto alberghiero 4stelle. La capienza massima dell’ammiraglia è di 227 passeggeri, mentre gli altri due velieri ne trasportano al massimo 166. I nostri clienti, in genere dai 55 anni a salire e per il 65% repeaters, sono viaggiatori pronti a scoprire un prodotto turistico diverso, arricchito da sempre nuovi imput, e spesso si muovono in coppia. - prosegue Gfölner - Abbiamo anche tanti honeymooners, famiglie e viaggiatori singoli. Per questi ultimi abbiamo pensato alla tariffa “singola garantita” dove non viene applicato il supplemento singola. A bordo, è facile interagire con gli altri. L’esperienza sui velieri è coinvolgente e conviviale e l’interazione è per noi molto importante. Proponiamo un intrattenimento soft, che parte al mattino e si estende su tutta la giornata con attività sempre legate alla navigazione e alla nautica. Quando navighiamo nei parchi naturali, apriamo la piattaforma marina della Royal o le passerelle della Star Clipper e della Star Flyer per accedere direttamente all’acqua e vivere diverse esperienze. La vita di bordo si svolge per il 95% del tempo all’esterno, ma durante le traversate più lunghe è piacevole usufruire della spa e della zona fitness disponibili sull’ammiraglia o delle piscine e trattamenti di benessere degli altri velieri. «Grande è la nostra attenzione all’ambiente e alla sua tutela: ove possibile veleggiamo, oppure utilizziamo gasolio purissimo di alta qualità e a basso tenore di zolfo. - conclude Birgit Gfölner - Gli ospiti possono vivere escursioni mirate per scoprire la natura e gli animali: gli scali sono pensati per consentire le escursioni più interessanti, ma basta navigare sul veliero per incontrare i delfini, vedere uccelli di ogni tipo ed essere immersi in un mondo incantevole». [post_title] => Star Clippers: eleganti velieri per vivere un’autentica esperienza sul mare [post_date] => 2024-04-29T10:59:55+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714388395000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465008 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Primo trimestre da record per il Torino Airport, che con oltre 1,11 milioni di passeggeri ha centrato il suo miglior risultato di sempre in questa frazione di inizio anno. Con un totale di 1.114.448 passeggeri, Caselle ha registrato quindi una crescita del 3,7% sullo stesso periodo del 2023 (1.074.195 passeggeri). Tutti e tre i mesi - gennaio, febbraio e marzo - hanno battuto i rispettivi record mensili dell’anno precedente. A trainare la crescita è stato il traffico internazionale con un incremento dei volumi pari al 7,6% arrivando a rappresentare il 60% del traffico totale: i passeggeri dei voli internazionali sono infatti passati da 620mila nel 2023 a oltre 667.000 nel 2024. Tale risultato è stato raggiunto anche grazie all’ottimo andamento del traffico neve registrato nella stagione invernale 2023-2024: il numero di sciatori trasportati ha registrato un incremento del 9% rispetto alla stagione 2022-2023. I voli per gli sciatori dal Nord Europa hanno riportato alcune novità di linea come Belfast (collegata da Ryanair) e London Heathrow (collegata da British Airways), a cui va sommato il volo charter da East Midlands, sempre in Gran Bretagna; inoltre Air Baltic si è aggiunta su Vilnius (già servita da Ryanair). Anche i flussi turistici legati alle vacanze pasquali hanno contribuito in maniera significativa al raggiungimento del record del trimestre: nella settimana di Pasqua, dal giovedì santo al martedì successivo, i passeggeri sono stati oltre 85.000 tra arrivi e partenze, in crescita del 7,9% sui dati registrati negli analoghi giorni di Pasqua 2023 (circa 80.000). [post_title] => Torino Airport: il traffico internazionale traina i risultati record del primo trimestre 2024 [post_date] => 2024-04-08T10:15:55+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712571355000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464611 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Reggio Calabria rimarrà chiuso al traffico dal 9 all'11 aprile, dalle 17:30 alle 9:30 del mattino successivo, per lavori di riqualifica alle infrastrutture di volo e contestuale attività di implementazione di sistemi e infrastrutture nel terminal passeggerei. Secondo quanto spiegato dalla Sacal, la società di gestione degli aeroporti calabresi, "la chiusura comporterà la cancellazione dei soli voli provenienti da Roma Fiumicino con arrivo a Reggio Calabria alle ore 22:45 (Az 1161) nelle date del 9 e 11 aprile ed in partenza dall'aeroporto di Reggio Calabria alle ore 6:40 (AZ 1154) nelle date del 10 e 12 aprile, per un totale di quattro voli".   I lavori riguardano: sostituzione e riqualifica degli aiuti visivi luminosi per la sicurezza del volo e realizzazione di un nuovo impianto luci soglia pista 15 e 33. In particolare le luci della pista saranno aggiornate con sistemi a led innovativi di maggiore efficienza e con notevole riduzione dei consumi energetici e quindi con minore impatto ambientale. Prevista anche un'indagine (carotaggio) sulla pavimentazione dell'area di movimento, il varo delle travi per gli impalcati sul torrente Sant'Agata necessari per la messa in sicurezza della viabilità perimetrale con interventi sul sistema di smistamento bagagli; le lavorazioni di impiantistica antincendio nella nuova sala arrivi. "Questi interventi - sottolinea la nota Sacal - fanno parte del programma di ristrutturazione ed adeguamento tecnologico dell'aeroporto di Reggio Calabria finalizzato non solo al miglioramento delle infrastrutture di volo ma ad una riqualificazione dell'attuale terminal necessario per il traffico di passeggeri provenienti dai Paesi extra Ue". [post_title] => Reggio Calabria: scalo chiuso tra il 9 e l'11 aprile per lavori di riqualificazione [post_date] => 2024-03-29T09:17:25+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711703845000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463478 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022). Discorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022). Pambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022). [post_title] => Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's [post_date] => 2024-03-14T13:32:42+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710423162000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463422 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si è chiuso lo scorso 31 ottobre con numeri record l'anno fiscale 2022-2023 di Hnh Hospitalty, che ha superato per la prima volta la soglia dei 100 milioni di euro di ricavi. Il volume degli affari complessivo delle gestioni dirette è stato in particolare pari a 105,7 milioni di euro, in crescita del 48% rispetto al 2022. I margini operativi lordi (ebitda - dato non civilistico, ndr) sono stati di 16,1 milioni di euro pari al 15%, per un aumento di un punto percentuale rispetto all'anno precedente. L’utile netto civilistico ha infine raggiunto i 6,4 milioni.  Il bilancio evidenzia inoltre una crescita marcata sia delle destinazioni primarie (Roma, Milano e Venezia), sia di quelle secondarie (Verona, Bologna e Trieste), supportate da un incremento della domanda dei mercati esteri, a partire da quello americano. Il desiderio di tornare a viaggiare, tendenza già emersa nel 2022, ha visto una fase di consolidamento durante l’anno che ha interessato tutte le business unit in cui operano gli hotel della società, registrando una crescita uniforme che getta basi ottimistiche anche il 2024. Dopo l’apertura di Almar Giardino di Costanza, in Sicilia, il 2023 ha tra l'altro visto una nuova apertura: il Pullman Almar Timi Ama Resort & Spa di Villasimius in Sardegna che va a rafforzare il segmento luxury. Durante l’anno Hnh ha poi annunciato, nell’ambito della collaborazione con Elite, l’ecosistema di Borsa italiana che connette le imprese a diverse fonti di capitale per accelerarne la crescita, il conseguimento di tutti e tre i certificati focalizzati su sostenibilità, governance e strategia&finanza. “Ricorderemo il 2023 come l’anno del record del fatturato sopra ai 100 milioni, ma non solo - sottolinea l'amministratore delegato della compagnia, Luca Boccato -: un anno segnato dal consolidamento delle vendite con tassi di occupazione tornati ai livelli del 2019, ma con un livello medio dei prezzi, rispetto allo stesso anno, in aumento quasi del 40%. A tutto ciò si aggiunge una forte spinta per la crescita grazie all’ingresso dei soci Fondo Italiano d’Investimento ed Eulero Capital. Se nel 2023 abbiamo potenziato alcuni nostri punti di forza, quest'anno vorremmo esplorare nuove rotte sull’onda di un’ulteriore crescita del fatturato, intraprendendo un cammino diversificato per il nostro sviluppo commerciale sempre in logica multi-brand. Contiamo perciò di poter annunciare presto nuove aperture che abbiamo già individuato”. [post_title] => Hnh: nel 2023 ricavi record sopra quota 100 mln. Profitti in crescita e marginalità al 15% [post_date] => 2024-03-14T10:32:29+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710412349000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463361 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Austria entra di gran carriera nel 2024 con il lancio della nuova campagna di comunicazione globale che fa perno su un'unica parola chiave: “Lebensgefühl”.  Termine che è stato «volutamente mantenuto in lingua tedesca su tutti i mercati - spiega Herwig Kolzer, direttore di Austria Turismo in Italia, in occasione del workshop per agenzie e tour operator che si è svolto ieri a Milano e farà tappa oggi a Verona, per poi terminare a Roma - e identifica lo stile di vita austriaco: in altre parole, apprezzare il momento, godersi i piaceri della vita e sentirsi connessi con ciò che ci circonda. Sensazioni che condividiamo con i nostri ospiti quando sono in vacanza in Austria». La campagna, presentata alla recente Itb di Berlino, coinvolge 11 paesi, in collaborazione con 77 partner austriaci «e da aprile sarà visibile attraverso smart tv, out of home a Milano, anche con un tram brandizzato, e Brescia». Intanto, il consuntivo 2023 registra un trend positivo per i flussi dall'Italia: «Gli arrivi sono stati 1,01 milioni, per una crescita del 24% e il numero di pernottamenti è aumentato del 20% rispetto al 2022, per un totale di 2,6 milioni». Dati che non riportano ancora ai numeri del 2019 «siamo in difetto di un 7%» ma che posizionano comunque il nostro Paese «al quinto posto tra i principali mercati di provenienza in termini di arrivi, dopo Germania, Paesi Bassi, Svizzera, e Cechia e al 7° posto a livello di pernottamenti». Un turista italiano che predilige ancora una volta la ricca offerta culturale delle città austriache: «Parliamo in gran parte di coppie, che visitano il nostro Paese tra maggio e ottobre nel 65% dei casi, per periodi che in città si aggirano sui tre giorni mentre nelle regioni di Carinzia e Tirolo fino alla settimana; il restante 35% si reca in Austria in inverno, complice l'elevata attrattività dei mecatini di Natale». I nostri connazionali si affidano «nel 35% dei casi alla consulenza di agenzie e to per raggiungere l'Austria e anche per questo continuiamo a investire sulla formazione al trade, innanzitutto con i workshop e i webinar». Proprio il 2023 è stato caratterizzato da un significativo aumento del turismo in città e del turismo culturale: a Vienna, ad esempio, il numero di ospiti provenienti dall'Italia è aumentato del 45% rispetto al 2022. Oltre a Vienna, anche l’offerta culturale nelle altre capitali delle nove regioni è stata molto richiesta durante tutto l'anno. «Il 52% degli arrivi di ospiti italiani avviene oggi nei capoluoghi di provincia dell'Austria e di questi, i due terzi scelgono Vienna».   Cultura, sostenibilità e gastronomia   Nel 2024 in cui spicca il ruolo della cittadina storica di Bad Ischl che con altri 22 comuni rurali del territorio del Salzkammergut è Capitale Europea della Cultura (190 progetti per un totale di 300 eventi), i focus di Austria Turismo si concentrano poi oltre che sulle città, «sulla sostenibilità, con l'obiettivo di diventare una destinazione leader a livello mondiale in questo ambito».  A questo proposito, la capitale austriaca ospiterà dal 5 aprile al 14 luglio 2024 la prima Biennale del Clima: un programma interdisciplinare e interattivo ruoterà intorno all’arte e all’ecologia, e coinvolgerà tutta la città con l'obiettivo di trovare risposte comuni alla crisi climatica e lanciare nuove idee il futuro. Riflettori puntati anche sulla musica, con numerosi eventi legati a diversi anniversari: Nel 2024 il mondo della musica festeggia i 200 anni di Anton Bruckner, il poliedrico Arnold Schönberg fu il pioniere del metodo dodecafonico: a Vienna e a Mödling molte istituzioni parteciperanno all’anniversario dei 150 anni dalla sua nascita. Uno sguardo al 2025 porta invece al grande appuntamento a Vienna per i 200 anni dalla nascita di Johann Strauss. Infine, spazio alla gastronomia: «La Guida Michelin torna in Austria nel 2025, in collaborazione con Austria Turismo e otto enti regionali per la nuova selezione di ristoranti per l'Austria. La guida verrà pubblicata nel gennaio 2025».     [post_title] => Austria Turismo vara la nuova campagna 'Lebensgefühl'. Arrivi dall'Italia a +24% [post_date] => 2024-03-13T11:07:54+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710328074000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462970 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462971" align="alignright" width="300"] il direttore dell'Ente Sloveno per il Turismo, Aljosa Ota[/caption] Forte di un 2023 che ha fatto registrare importanti dati di crescita, l’Istria Slovena si affaccia alla nuova stagione turistica con motivato ottimismo, e un'ampia varietà di esperienze e servizi in grado di rispondere alle richieste di diversi target. Il territorio offre un mix perfetto di natura, cultura, enogastronomia e storia. Oltre ad un'ampia varietà di attività sportive e un’attenzione sempre più evidente alla sostenibilità ambientale e sociale. Nonostante le inondazioni della scorsa estate, e gli eventi politici sfavorevoli, nel 2023 il pernottamento dei turisti stranieri ha superato di quasi il 2% il livello pre-pandemia, mentre i pernottamenti di turisti nazionali è salito al +4%. Con il benchmark del 2019, la ripresa della Slovenia è stata più veloce della media europea e mondiale (-1%) e si conferma una meta molto amata dai viaggiatori italiani che, nel 2023, hanno fatto segnare incrementi importanti del numero dei pernottamenti. «Il 2023 è stato un anno da record per la Slovenia - ha osservato il direttore dell'Ente Sloveno per il Turismo, Aljosa Ota -, che è andata a posizionarsi in cima alle classifiche europee per gli incrementi negli arrivi (6,2 milioni) e nei pernottamenti (16,1 milioni), con una crescita rispettivamente del 5,5% e del 3,5% sui valori dello stesso periodo del 2022, secondi solo alla Germania. Superarci è, quindi, una missione molto ambiziosa, che può realizzarsi solo con la stretta collaborazione di tutti i territori sloveni e con un presidio costante e professionale del mercato turistico italiano». Dopo quelli originati da mercati storici per Portorose, quali l’Austria e la Germania, i flussi legati all’incoming italiano occupano la terza posizione e continuano a dare segnali di crescita per la località dell’Istria Slovena. Osservando i dati da vicino, si rileva che in totale i pernottamenti prodotti nel 2023 dalla piazza italiana nei quattro comuni dell’Istria Slovena sono stati oltre 191.500. La capacità di attrarre visitatori dal Bel Paese è frutto di differenti fattori che rendono l'Istria Slovena una meta davvero adatta in ogni stagione con un'offerta ricettiva attiva tutto l'anno e diversi asset molto forti: il mare, interessante sia per la vacanza prettamente balneare sia per il turismo nautico; il wellness, con una varietà di offerta tra le più complete d'Europa; l'enogastronomia che spazia dal fine dining della stella Michelin alle realtà agricole che aprono le loro porte al pubblico per visite guidate e degustazioni. Senza dimenticare un patrimonio culturale che mette insieme echi mitteleuropei e della Serenissima e che  propone appuntamenti di caratura internazionale come il Tartini Festival di Pirano; una rara varietà paesaggistica, resa unica dal tesoro ambientale delle saline di Sicciole e di Strugnano, perfetta per le attività outdoor con, in particolare, tracciati e risorse per gli amanti della bicicletta e dell'escursionismo.  «Il mercato italiano è molto importante per le diverse località dell’Istria Slovena - ha commentato Patricija Gržinič, direttrice dell'Ente del Turismo di Portorose e Pirano - e siamo davvero molto contenti che tutti e quattro i comuni che la compongono (Pirano e Portrose, Ancarano, Isola e Capodistria) abbiano evidenziato crescite importanti per ciò che concerne arrivi e pernottamenti. In sinergia con l’Ente nazionale continueremo a lavorare per valorizzare al meglio sia le nostre risorse presso la piazza italiana sia nuovi asset come la scelta da parte di Ryanair di far diventare Trieste Airport base e il nuovo collegamento ferroviario tra Milano e Lubiana. Importante, naturalmente, anche la sinergia con gli operatori italiani che propongono la nostra destinazione e che, anche grazie all’incremento delle opzioni di collegamento e alle novità in ambito alberghiero, potranno diversificare ulteriormente la programmazione. L’andamento delle prenotazioni sta andando bene e opereremo per far sì che i numeri italiani continuino a crescere». [post_title] => L’Istria Slovena punta ad incrementare il mercato italiano nel 2024 [post_date] => 2024-03-07T09:26:37+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => incoming [1] => istria [2] => istria-slovena ) [post_tag_name] => Array ( [0] => Incoming [1] => Istria [2] => Istria Slovena ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709803597000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462236 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Centro e Sud Italia si riconfermano aree di "importanza strategica" per la Slovenia, che anche quest'anno torna alla Bmt di Napoli: ben quattro i co-espositori che accompagneranno l’Ente Sloveno per il Turismo, rispetto ai due dello scorso anno. «In un’ottica di ulteriore crescita dei flussi turistici dall’Italia verso la Slovenia – conferma Aljosa Ota, direttore dell’Ente in Italia – è per noi fondamentale portare la nostra attenzione e i nostri prodotti ad un mercato che ha grosse potenzialità, che non può che crescere e che da sempre ha dimostrato grande interesse nei confronti del nostro territorio». Partecipazione a fiere, attività di co-marketing, workshop e roadshow, eventi dedicati, una carrellata di azioni che già nello scorso anno ha dato i suoi frutti quando, trainato da un dicembre 2023 da record, che ha visto ben 63.162 italiani visitare la Slovenia (pari al 29,25% degli arrivi totali dall’estero) per 125.560 pernottamenti (25,5% del totale dall’estero), l’incoming dall’Italia si è ritagliato una fetta di mercato dell’11% degli arrivi (+17,4% rispetto al 2022), corrispondenti al 9,3% dei pernottamenti totali dall’estero (+17,8%): in sostanza nel 2023 solo la Germania ha fatto meglio dell’Italia. «Parliamo di dati importanti che si inseriscono nel contesto di un anno che è stato da record per la Slovenia che è andata a posizionarsi in cima alle classifiche europee per gli incrementi negli arrivi (6,2 milioni) e nei pernottamenti (16,1 milioni), con una crescita rispettivamente del 5,5% e del 3,5% sui valori dello stesso periodo del 2022. Superarci è, quindi, una missione molto ambiziosa che può trovare il suo sbocco andando a presidiare quei territori che hanno grosse potenzialità come quelli del centro e sud Italia». I co-espositori sono due catene alberghiere, Hit Alpinea Hotels & Apartments Kranjska Gora e Sava Hotels&Resorts; un dmc locale, Palma TO e una destinazione, Love Istria. Alla luce anche dell’importante novità, già annunciata ad inizio anno, e cioè l’introduzione del Frecciarossa Milano-Lubiana per il quale è stato recentemente siglato l’accordo preliminare tra Trenitalia e SPassenger Transport, società ferroviaria slovena, per l’avvio del collegamento diretto tra il capoluogo lombardo e la capitale slovena. Il nuovo collegamento ferroviario va ad aggiungersi all’annuncio di Ryanair di posizionarsi nello scalo di Trieste (ad un’ora e mezza d’auto da Lubiana) a partire dal prossimo aprile, in un quadro d’insieme che vede Italia e Slovenia sempre più vicine, sempre più accessibili anche per gli utenti del centro e sud Italia [post_title] => La Slovenia scommette sui flussi da Centro-Sud Italia, «area di importanza strategica» [post_date] => 2024-02-26T11:46:36+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708947996000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1661" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":47,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467458","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Toscana Promozione Turistica ha pubblicato il terzo numero del report su arrivi e presenze, curato dal Dipartimento di Economia dell’Università Cà Foscari.\r\n\r\nL’analisi (che per la prima volta è ottenuta integrando vari strumenti) si articola in varie categorie: arrivi e presenze turistiche 2022 e 2023 a confronto, sentiment medio, suddiviso per i comparti di attrazioni, ristorazione, ricettività e affitti brevi, tariffe e saturazione dei comparti ricettivi, sempre a confronto con il 2022. Tra le novità l'analisi  delle presenze per ambito sulla base delle celle telefoniche e un focus sull‘andamento degli arrivi da alcuni specifici paesi di provenienza - in particolare Stati Uniti, Francia e Germania.\r\nI dati puntano a delineare l’andamento dei flussi in regione e di compiere un bilancio complessivo per il 2023 e confrontarlo con quello dell’anno precedente.\r\n\r\nArrivi e presenze. Viene evidenziato anzitutto un aumento medio degli arrivi del 21% rispetto al 2022, marcato soprattutto nei mesi invernali (+67% a gennaio). Riguardo alle presenze l’aumento medio si attesta a quasi il 18%, con punte nel trimestre gennaio-marzo. Il periodo estivo resta quello col maggior afflusso di visitatori. Rispetto alla provenienza, il turismo domestico ha evidenziato lievi aumenti sia degli arrivi (+3,09%) che delle presenze (+3,32%) in confronto al 2022 con punte nel primo quadrimestre ed una diminuzione a partire dal mese di      maggio. Il dato di quello internazionale è sensibilmente più elevato: +56% gli arrivi e +42% le presenze con un aumento costante a partire da aprile.\r\n\r\nUna mappa con differenti colorazioni indica la distribuzione media annuale dei punti di interesse per provincia rispetto ai comparti  ricettività, affitti brevi, attrazioni e ristorazione. La provincia con la maggior densità è Firenze. Seguono Pisa, Siena e Livorno.  Il report fa poi un’analisi più dettagliata per gli ambiti turistici più popolari.\r\n\r\nDati celle telefoniche. Consentono di tracciare i movimenti dei telefoni cellulari ed essere utilizzati per analizzare i flussi dei turisti, identificare le rotte di viaggio preferite e comprendere i comportamenti di movimento dei visitatori in determinate aree turistiche. Il report indica aumenti da aprile a settembre e picchi di ricezione durante la stagione estiva, in particolare nei mesi di luglio e agosto.\r\n\r\nGli arrivi del 2023 mostrano come le provenienze degli arrivi e delle presenze sono in gran parte Statunitensi (16,1 e 14,7), a seguire Tedeschi (12,3 e 18,6) e Francesi\r\n(6,9 e 6,2).","post_title":"Toscana, focus sui arrivi e presenze: una nuova analisi che integra vari strumenti","post_date":"2024-05-16T11:33:58+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1715859238000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466323","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Star Clippers è una compagnia a conduzione familiare, nata oltre 30 anni fa dal sogno di Michael Kraft. Kraft, artista nella riproduzione di modellini degli splendidi velieri che solcavano gli oceani nel XIX secolo, decise di realizzarli in scala 1:1, offrendo crociere ricche di esperienze, dove “sono banditi la fretta e lo stress”. «Il primo veliero, Star Flyer, risale al 1991, mentre Star Clipper è del ‘92. Royal Clipper, la nostra ammiraglia a 5 alberi, è stata varata nel 2000, quindi è il nostro veliero più recente. - racconta Birgit Gfölner, responsabile vendite di Star Clippers per l’Italia e la Svizzera italiana – Con i suoi 134x16m è l’imbarcazione più accessoriata, con a bordo servizi e spazi che la avvicinano a una nave da crociera, mentre gli altri due velieri Star Clipper e Star Flyer (115,5x15m), donano la sensazione di navigare su una barca a vela privata. Su ciascun veliero le cabine di diverse categorie, doppie o triple, si sviluppano su 4 ponti; sono tutte arredate con lo stesso stile, accoglienti e confortevoli. \r\nCorrispondono a un prodotto alberghiero 4stelle. La capienza massima dell’ammiraglia è di 227 passeggeri, mentre gli altri due velieri ne trasportano al massimo 166. I nostri clienti, in genere dai 55 anni a salire e per il 65% repeaters, sono viaggiatori pronti a scoprire un prodotto turistico diverso, arricchito da sempre nuovi imput, e spesso si muovono in coppia. - prosegue Gfölner - Abbiamo anche tanti honeymooners, famiglie e viaggiatori singoli. Per questi ultimi abbiamo pensato alla tariffa “singola garantita” dove non viene applicato il supplemento singola. \r\nA bordo, è facile interagire con gli altri. L’esperienza sui velieri è coinvolgente e conviviale e l’interazione è per noi molto importante. Proponiamo un intrattenimento soft, che parte al mattino e si estende su tutta la giornata con attività sempre legate alla navigazione e alla nautica. \r\nQuando navighiamo nei parchi naturali, apriamo la piattaforma marina della Royal o le passerelle della Star Clipper e della Star Flyer per accedere direttamente all’acqua e vivere diverse esperienze. La vita di bordo si svolge per il 95% del tempo all’esterno, ma durante le traversate più lunghe è piacevole usufruire della spa e della zona fitness disponibili sull’ammiraglia o delle piscine e trattamenti di benessere degli altri velieri. \r\n«Grande è la nostra attenzione all’ambiente e alla sua tutela: ove possibile veleggiamo, oppure utilizziamo gasolio purissimo di alta qualità e a basso tenore di zolfo. - conclude Birgit Gfölner - Gli ospiti possono vivere escursioni mirate per scoprire la natura e gli animali: gli scali sono pensati per consentire le escursioni più interessanti, ma basta navigare sul veliero per incontrare i delfini, vedere uccelli di ogni tipo ed essere immersi in un mondo incantevole».\r\n","post_title":"Star Clippers: eleganti velieri per vivere un’autentica esperienza sul mare","post_date":"2024-04-29T10:59:55+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1714388395000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465008","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Primo trimestre da record per il Torino Airport, che con oltre 1,11 milioni di passeggeri ha centrato il suo miglior risultato di sempre in questa frazione di inizio anno. Con un totale di 1.114.448 passeggeri, Caselle ha registrato quindi una crescita del 3,7% sullo stesso periodo del 2023 (1.074.195 passeggeri).\r\nTutti e tre i mesi - gennaio, febbraio e marzo - hanno battuto i rispettivi record mensili dell’anno precedente. A trainare la crescita è stato il traffico internazionale con un incremento dei volumi pari al 7,6% arrivando a rappresentare il 60% del traffico totale: i passeggeri dei voli internazionali sono infatti passati da 620mila nel 2023 a oltre 667.000 nel 2024.\r\nTale risultato è stato raggiunto anche grazie all’ottimo andamento del traffico neve registrato nella stagione invernale 2023-2024: il numero di sciatori trasportati ha registrato un incremento del 9% rispetto alla stagione 2022-2023.\r\nI voli per gli sciatori dal Nord Europa hanno riportato alcune novità di linea come Belfast (collegata da Ryanair) e London Heathrow (collegata da British Airways), a cui va sommato il volo charter da East Midlands, sempre in Gran Bretagna; inoltre Air Baltic si è aggiunta su Vilnius (già servita da Ryanair).\r\nAnche i flussi turistici legati alle vacanze pasquali hanno contribuito in maniera significativa al raggiungimento del record del trimestre: nella settimana di Pasqua, dal giovedì santo al martedì successivo, i passeggeri sono stati oltre 85.000 tra arrivi e partenze, in crescita del 7,9% sui dati registrati negli analoghi giorni di Pasqua 2023 (circa 80.000).","post_title":"Torino Airport: il traffico internazionale traina i risultati record del primo trimestre 2024","post_date":"2024-04-08T10:15:55+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712571355000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464611","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Reggio Calabria rimarrà chiuso al traffico dal 9 all'11 aprile, dalle 17:30 alle 9:30 del mattino successivo, per lavori di riqualifica alle infrastrutture di volo e contestuale attività di implementazione di sistemi e infrastrutture nel terminal passeggerei.\r\nSecondo quanto spiegato dalla Sacal, la società di gestione degli aeroporti calabresi, \"la chiusura comporterà la cancellazione dei soli voli provenienti da Roma Fiumicino con arrivo a Reggio Calabria alle ore 22:45 (Az 1161) nelle date del 9 e 11 aprile ed in partenza dall'aeroporto di Reggio Calabria alle ore 6:40 (AZ 1154) nelle date del 10 e 12 aprile, per un totale di quattro voli\".\r\n \r\nI lavori riguardano: sostituzione e riqualifica degli aiuti visivi luminosi per la sicurezza del volo e realizzazione di un nuovo impianto luci soglia pista 15 e 33. In particolare le luci della pista saranno aggiornate con sistemi a led innovativi di maggiore efficienza e con notevole riduzione dei consumi energetici e quindi con minore impatto ambientale. Prevista anche un'indagine (carotaggio) sulla pavimentazione dell'area di movimento, il varo delle travi per gli impalcati sul torrente Sant'Agata necessari per la messa in sicurezza della viabilità perimetrale con interventi sul sistema di smistamento bagagli; le lavorazioni di impiantistica antincendio nella nuova sala arrivi.\r\n\r\n\"Questi interventi - sottolinea la nota Sacal - fanno parte del programma di ristrutturazione ed adeguamento tecnologico dell'aeroporto di Reggio Calabria finalizzato non solo al miglioramento delle infrastrutture di volo ma ad una riqualificazione dell'attuale terminal necessario per il traffico di passeggeri provenienti dai Paesi extra Ue\".","post_title":"Reggio Calabria: scalo chiuso tra il 9 e l'11 aprile per lavori di riqualificazione","post_date":"2024-03-29T09:17:25+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1711703845000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463478","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022).\r\n\r\nDiscorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022).\r\n\r\nPambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022).","post_title":"Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's","post_date":"2024-03-14T13:32:42+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1710423162000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463422","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si è chiuso lo scorso 31 ottobre con numeri record l'anno fiscale 2022-2023 di Hnh Hospitalty, che ha superato per la prima volta la soglia dei 100 milioni di euro di ricavi. Il volume degli affari complessivo delle gestioni dirette è stato in particolare pari a 105,7 milioni di euro, in crescita del 48% rispetto al 2022. I margini operativi lordi (ebitda - dato non civilistico, ndr) sono stati di 16,1 milioni di euro pari al 15%, per un aumento di un punto percentuale rispetto all'anno precedente. L’utile netto civilistico ha infine raggiunto i 6,4 milioni. \r\n\r\nIl bilancio evidenzia inoltre una crescita marcata sia delle destinazioni primarie (Roma, Milano e Venezia), sia di quelle secondarie (Verona, Bologna e Trieste), supportate da un incremento della domanda dei mercati esteri, a partire da quello americano. Il desiderio di tornare a viaggiare, tendenza già emersa nel 2022, ha visto una fase di consolidamento durante l’anno che ha interessato tutte le business unit in cui operano gli hotel della società, registrando una crescita uniforme che getta basi ottimistiche anche il 2024.\r\n\r\nDopo l’apertura di Almar Giardino di Costanza, in Sicilia, il 2023 ha tra l'altro visto una nuova apertura: il Pullman Almar Timi Ama Resort & Spa di Villasimius in Sardegna che va a rafforzare il segmento luxury. Durante l’anno Hnh ha poi annunciato, nell’ambito della collaborazione con Elite, l’ecosistema di Borsa italiana che connette le imprese a diverse fonti di capitale per accelerarne la crescita, il conseguimento di tutti e tre i certificati focalizzati su sostenibilità, governance e strategia&finanza.\r\n\r\n“Ricorderemo il 2023 come l’anno del record del fatturato sopra ai 100 milioni, ma non solo - sottolinea l'amministratore delegato della compagnia, Luca Boccato -: un anno segnato dal consolidamento delle vendite con tassi di occupazione tornati ai livelli del 2019, ma con un livello medio dei prezzi, rispetto allo stesso anno, in aumento quasi del 40%. A tutto ciò si aggiunge una forte spinta per la crescita grazie all’ingresso dei soci Fondo Italiano d’Investimento ed Eulero Capital. Se nel 2023 abbiamo potenziato alcuni nostri punti di forza, quest'anno vorremmo esplorare nuove rotte sull’onda di un’ulteriore crescita del fatturato, intraprendendo un cammino diversificato per il nostro sviluppo commerciale sempre in logica multi-brand. Contiamo perciò di poter annunciare presto nuove aperture che abbiamo già individuato”.","post_title":"Hnh: nel 2023 ricavi record sopra quota 100 mln. Profitti in crescita e marginalità al 15%","post_date":"2024-03-14T10:32:29+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1710412349000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463361","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Austria entra di gran carriera nel 2024 con il lancio della nuova campagna di comunicazione globale che fa perno su un'unica parola chiave: “Lebensgefühl”. \r\n\r\nTermine che è stato «volutamente mantenuto in lingua tedesca su tutti i mercati - spiega Herwig Kolzer, direttore di Austria Turismo in Italia, in occasione del workshop per agenzie e tour operator che si è svolto ieri a Milano e farà tappa oggi a Verona, per poi terminare a Roma - e identifica lo stile di vita austriaco: in altre parole, apprezzare il momento, godersi i piaceri della vita e sentirsi connessi con ciò che ci circonda. Sensazioni che condividiamo con i nostri ospiti quando sono in vacanza in Austria».\r\n\r\nLa campagna, presentata alla recente Itb di Berlino, coinvolge 11 paesi, in collaborazione con 77 partner austriaci «e da aprile sarà visibile attraverso smart tv, out of home a Milano, anche con un tram brandizzato, e Brescia».\r\n\r\nIntanto, il consuntivo 2023 registra un trend positivo per i flussi dall'Italia: «Gli arrivi sono stati 1,01 milioni, per una crescita del 24% e il numero di pernottamenti è aumentato del 20% rispetto al 2022, per un totale di 2,6 milioni». Dati che non riportano ancora ai numeri del 2019 «siamo in difetto di un 7%» ma che posizionano comunque il nostro Paese «al quinto posto tra i principali mercati di provenienza in termini di arrivi, dopo Germania, Paesi Bassi, Svizzera, e Cechia e al 7° posto a livello di pernottamenti».\r\n\r\nUn turista italiano che predilige ancora una volta la ricca offerta culturale delle città austriache: «Parliamo in gran parte di coppie, che visitano il nostro Paese tra maggio e ottobre nel 65% dei casi, per periodi che in città si aggirano sui tre giorni mentre nelle regioni di Carinzia e Tirolo fino alla settimana; il restante 35% si reca in Austria in inverno, complice l'elevata attrattività dei mecatini di Natale». I nostri connazionali si affidano «nel 35% dei casi alla consulenza di agenzie e to per raggiungere l'Austria e anche per questo continuiamo a investire sulla formazione al trade, innanzitutto con i workshop e i webinar».\r\nProprio il 2023 è stato caratterizzato da un significativo aumento del turismo in città e del turismo culturale: a Vienna, ad esempio, il numero di ospiti provenienti dall'Italia è aumentato del 45% rispetto al 2022. Oltre a Vienna, anche l’offerta culturale nelle altre capitali delle nove regioni è stata molto richiesta durante tutto l'anno. «Il 52% degli arrivi di ospiti italiani avviene oggi nei capoluoghi di provincia dell'Austria e di questi, i due terzi scelgono Vienna».\r\n \r\nCultura, sostenibilità e gastronomia\r\n \r\nNel 2024 in cui spicca il ruolo della cittadina storica di Bad Ischl che con altri 22 comuni rurali del territorio del Salzkammergut è Capitale Europea della Cultura (190 progetti per un totale di 300 eventi), i focus di Austria Turismo si concentrano poi oltre che sulle città, «sulla sostenibilità, con l'obiettivo di diventare una destinazione leader a livello mondiale in questo ambito». \r\n\r\n\r\nA questo proposito, la capitale austriaca ospiterà dal 5 aprile al 14 luglio 2024 la prima Biennale del Clima: un programma interdisciplinare e interattivo ruoterà intorno all’arte e all’ecologia, e coinvolgerà tutta la città con l'obiettivo di trovare risposte comuni alla crisi climatica e lanciare nuove idee il futuro.\r\n\r\n\r\nRiflettori puntati anche sulla musica, con numerosi eventi legati a diversi anniversari: Nel 2024 il mondo della musica festeggia i 200 anni di Anton Bruckner, il poliedrico Arnold Schönberg fu il pioniere del metodo dodecafonico: a Vienna e a Mödling molte istituzioni parteciperanno all’anniversario dei 150 anni dalla sua nascita. Uno sguardo al 2025 porta invece al grande appuntamento a Vienna per i 200 anni dalla nascita di Johann Strauss.\r\n\r\n\r\nInfine, spazio alla gastronomia: «La Guida Michelin torna in Austria nel 2025, in collaborazione con Austria Turismo e otto enti regionali per la nuova selezione di ristoranti per l'Austria. La guida verrà pubblicata nel gennaio 2025».\r\n\r\n \r\n\r\n\r\n ","post_title":"Austria Turismo vara la nuova campagna 'Lebensgefühl'. Arrivi dall'Italia a +24%","post_date":"2024-03-13T11:07:54+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1710328074000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462970","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462971\" align=\"alignright\" width=\"300\"] il direttore dell'Ente Sloveno per il Turismo, Aljosa Ota[/caption]\r\n\r\nForte di un 2023 che ha fatto registrare importanti dati di crescita, l’Istria Slovena si affaccia alla nuova stagione turistica con motivato ottimismo, e un'ampia varietà di esperienze e servizi in grado di rispondere alle richieste di diversi target. Il territorio offre un mix perfetto di natura, cultura, enogastronomia e storia. Oltre ad un'ampia varietà di attività sportive e un’attenzione sempre più evidente alla sostenibilità ambientale e sociale.\r\n\r\nNonostante le inondazioni della scorsa estate, e gli eventi politici sfavorevoli, nel 2023 il pernottamento dei turisti stranieri ha superato di quasi il 2% il livello pre-pandemia, mentre i pernottamenti di turisti nazionali è salito al +4%. Con il benchmark del 2019, la ripresa della Slovenia è stata più veloce della media europea e mondiale (-1%) e si conferma una meta molto amata dai viaggiatori italiani che, nel 2023, hanno fatto segnare incrementi importanti del numero dei pernottamenti.\r\n\r\n«Il 2023 è stato un anno da record per la Slovenia - ha osservato il direttore dell'Ente Sloveno per il Turismo, Aljosa Ota -, che è andata a posizionarsi in cima alle classifiche europee per gli incrementi negli arrivi (6,2 milioni) e nei pernottamenti (16,1 milioni), con una crescita rispettivamente del 5,5% e del 3,5% sui valori dello stesso periodo del 2022, secondi solo alla Germania. Superarci è, quindi, una missione molto ambiziosa, che può realizzarsi solo con la stretta collaborazione di tutti i territori sloveni e con un presidio costante e professionale del mercato turistico italiano».\r\n\r\nDopo quelli originati da mercati storici per Portorose, quali l’Austria e la Germania, i flussi legati all’incoming italiano occupano la terza posizione e continuano a dare segnali di crescita per la località dell’Istria Slovena. Osservando i dati da vicino, si rileva che in totale i pernottamenti prodotti nel 2023 dalla piazza italiana nei quattro comuni dell’Istria Slovena sono stati oltre 191.500.\r\n\r\nLa capacità di attrarre visitatori dal Bel Paese è frutto di differenti fattori che rendono l'Istria Slovena una meta davvero adatta in ogni stagione con un'offerta ricettiva attiva tutto l'anno e diversi asset molto forti: il mare, interessante sia per la vacanza prettamente balneare sia per il turismo nautico; il wellness, con una varietà di offerta tra le più complete d'Europa; l'enogastronomia che spazia dal fine dining della stella Michelin alle realtà agricole che aprono le loro porte al pubblico per visite guidate e degustazioni. Senza dimenticare un patrimonio culturale che mette insieme echi mitteleuropei e della Serenissima e che  propone appuntamenti di caratura internazionale come il Tartini Festival di Pirano; una rara varietà paesaggistica, resa unica dal tesoro ambientale delle saline di Sicciole e di Strugnano, perfetta per le attività outdoor con, in particolare, tracciati e risorse per gli amanti della bicicletta e dell'escursionismo. \r\n\r\n«Il mercato italiano è molto importante per le diverse località dell’Istria Slovena - ha commentato Patricija Gržinič, direttrice dell'Ente del Turismo di Portorose e Pirano - e siamo davvero molto contenti che tutti e quattro i comuni che la compongono (Pirano e Portrose, Ancarano, Isola e Capodistria) abbiano evidenziato crescite importanti per ciò che concerne arrivi e pernottamenti. In sinergia con l’Ente nazionale continueremo a lavorare per valorizzare al meglio sia le nostre risorse presso la piazza italiana sia nuovi asset come la scelta da parte di Ryanair di far diventare Trieste Airport base e il nuovo collegamento ferroviario tra Milano e Lubiana. Importante, naturalmente, anche la sinergia con gli operatori italiani che propongono la nostra destinazione e che, anche grazie all’incremento delle opzioni di collegamento e alle novità in ambito alberghiero, potranno diversificare ulteriormente la programmazione. L’andamento delle prenotazioni sta andando bene e opereremo per far sì che i numeri italiani continuino a crescere».","post_title":"L’Istria Slovena punta ad incrementare il mercato italiano nel 2024","post_date":"2024-03-07T09:26:37+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["incoming","istria","istria-slovena"],"post_tag_name":["Incoming","Istria","Istria Slovena"]},"sort":[1709803597000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462236","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Centro e Sud Italia si riconfermano aree di \"importanza strategica\" per la Slovenia, che anche quest'anno torna alla Bmt di Napoli: ben quattro i co-espositori che accompagneranno l’Ente Sloveno per il Turismo, rispetto ai due dello scorso anno.\r\n\r\n«In un’ottica di ulteriore crescita dei flussi turistici dall’Italia verso la Slovenia – conferma Aljosa Ota, direttore dell’Ente in Italia – è per noi fondamentale portare la nostra attenzione e i nostri prodotti ad un mercato che ha grosse potenzialità, che non può che crescere e che da sempre ha dimostrato grande interesse nei confronti del nostro territorio».\r\n\r\nPartecipazione a fiere, attività di co-marketing, workshop e roadshow, eventi dedicati, una carrellata di azioni che già nello scorso anno ha dato i suoi frutti quando, trainato da un dicembre 2023 da record, che ha visto ben 63.162 italiani visitare la Slovenia (pari al 29,25% degli arrivi totali dall’estero) per 125.560 pernottamenti (25,5% del totale dall’estero), l’incoming dall’Italia si è ritagliato una fetta di mercato dell’11% degli arrivi (+17,4% rispetto al 2022), corrispondenti al 9,3% dei pernottamenti totali dall’estero (+17,8%): in sostanza nel 2023 solo la Germania ha fatto meglio dell’Italia.\r\n\r\n«Parliamo di dati importanti che si inseriscono nel contesto di un anno che è stato da record per la Slovenia che è andata a posizionarsi in cima alle classifiche europee per gli incrementi negli arrivi (6,2 milioni) e nei pernottamenti (16,1 milioni), con una crescita rispettivamente del 5,5% e del 3,5% sui valori dello stesso periodo del 2022. Superarci è, quindi, una missione molto ambiziosa che può trovare il suo sbocco andando a presidiare quei territori che hanno grosse potenzialità come quelli del centro e sud Italia».\r\n\r\nI co-espositori sono due catene alberghiere, Hit Alpinea Hotels & Apartments Kranjska Gora e Sava Hotels&Resorts; un dmc locale, Palma TO e una destinazione, Love Istria.\r\n\r\nAlla luce anche dell’importante novità, già annunciata ad inizio anno, e cioè l’introduzione del Frecciarossa Milano-Lubiana per il quale è stato recentemente siglato l’accordo preliminare tra Trenitalia e SPassenger Transport, società ferroviaria slovena, per l’avvio del collegamento diretto tra il capoluogo lombardo e la capitale slovena. Il nuovo collegamento ferroviario va ad aggiungersi all’annuncio di Ryanair di posizionarsi nello scalo di Trieste (ad un’ora e mezza d’auto da Lubiana) a partire dal prossimo aprile, in un quadro d’insieme che vede Italia e Slovenia sempre più vicine, sempre più accessibili anche per gli utenti del centro e sud Italia","post_title":"La Slovenia scommette sui flussi da Centro-Sud Italia, «area di importanza strategica»","post_date":"2024-02-26T11:46:36+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708947996000]}]}}

Lascia un commento