13 June 2024

1551

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Accompagnatore turistico (autorizzato) offresi per ASSISTENZE AEROPORTUALI APT FCO e PORTO DI CIVITAVECCHIA.
SCRIVERE A Bruna: bruna.ragni@gmail.com
Mob. 334 1988731.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 468462 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_468469" align="alignleft" width="300"] Claudio Dell'Accio, presidente di Assidema[/caption] Valorizzare e tutelare la professione emergente del Destination Manager. Questo è lo scopo principale di Assidema, l’Associazione italiana destination manager che si è costituita nei giorni scorsi dalla visione di un gruppo di 10 professionisti del turismo con la missione di definire, sviluppare e promuovere una figura professionale sempre più presente all’interno delle destinazioni, e che da alcuni mesi ha anche il sostegno ufficiale del Governo grazie alla pubblicazione in GU, lo scorso 15 gennaio, della legge 206/2023 che recepisce il Decreto Made in Italy. Questa legge istituisce il Comitato nazionale del turismo che ha tra i suoi compiti quello di incentivare la creazione di sistemi  turistici di destinazione e di nuovi manager di destinazione. Un passo fondamentale per arrivare a una definizione univoca di questa professione, oggi presente in numerosi enti pubblici con compiti non sempre coincidenti. L’Italia infatti attualmente si caratterizza per la presenza di ben 140 Destination Management Organization (DMO, di diritto pubblico) e almeno 151 Destination Management Company (DMC, di natura privata) distribuite su tutto il territorio nazionale, ma non tutte contemplano ancora questo ruolo. Grazie a questa legge è però certo che il loro numero sia destinato ad aumentare. Per questo motivo, in attesa che il Mitur pubblichi i decreti attuativi della legge che andrà a definire con precisione i contorni della professione, Assidema lancia la sua attività per contribuire a formare i futuri destination manager, innovando questo ruolo e contaminandolo con le buone pratiche che arrivano sia dal settore pubblico che da quello privato. In questo modo si vuole creare una nuova generazione di Destination Manager, più evoluta, competente, innovativa e interconnessa, in grado di operare efficacemente sia nell'ambito pubblico che privato, contribuendo in modo significativo allo sviluppo e alla promozione delle destinazioni turistiche italiane per la capacità di sapere coniugare tutte le esigenze-Assidema si impegna così a diventare un punto di riferimento per la valorizzazione della professione, dei territori e per promuovere uno sviluppo più competitivo delle destinazioni turistiche italiane. I fondatori I 10 soci fondatori si sono riuniti a Roma nei giorni scorsi e hanno nominato Claudio Dell’Accio come presidente, Flavia Maria Coccia come vicepresidente e Giuseppe Bonanni come segretario e tesoriere. Gli altri co-fondatori sono: Massimo Caravita, Andrea Cerrato, Giancarlo Dell’Orco, Daniele Donnici, Antonio Prota, Elena Sisti ed Emiliano Viola. A questi è affiancato un comitato scientifico, con il compito di promuovere la ricerca e la formazione sui temi oggetto dell’Associazione e contribuire agli scopi statutari, composto da alte personalità del mondo turistico e presieduto, per il primo triennio, dalla Prof.ssa Luna Leoni. "Durante la mia carriera - spiega il presidente e co-fondatore Claudio Dell'Accio - ho collaborato con numerose DMO e DMC, contribuendo a creare una rete di professionisti del turismo in Italia e ho osservato differenze significative nell'approccio dei Destination Manager tra il settore pubblico e quello privato. Con Assidema vogliamo diffondere la cultura del destination management e contribuire a definire e formare ciò che questi manager hanno come obiettivo comune: la valorizzazione dei territori in cui operano, non a discapito di altre destinazioni, ma creando valore aggiunto al Sistema Italia”. L'Associazione mira in questo modo a diventare la voce dei Destination Manager italiani, facilitando la collaborazione tra attori pubblici e privati per creare un’offerta turistica integrata e durevole. A tal fine, i Destination Manager dovranno possedere non solo competenze specifiche nel settore turistico, ma anche soft skills come la coerenza nelle scelte, il coraggio decisionale e la capacità di integrare diversi settori, risorse e strategie di comunicazione, con particolare attenzione all’innovazione tecnologica. Stop quindi alla conflittualità tra DMO e DMC con un approccio integrato e complementare tra i Destination Manager del pubblico e del privato: "Le esperienze passate con i DUC e i GAL hanno dimostrato che la promozione turistica non può limitarsi all'esclusiva iniezione di denaro pubblico - ha concluso Claudio Dell'Accio -, ma deve essere strategica e mirata a creare valore aggiunto e opportunità di sviluppo economico sostenibile nel lungo termine". [post_title] => Nasce Assidema, Associazione italiana dei destination manager [post_date] => 2024-05-30T11:17:32+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => assidema [1] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => assidema [1] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1717067852000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 467156 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Gesap, la società di gestione dell'aeroporto di Palermo, ha approvato il progetto di bilancio di esercizio del 2023 con un utile netto di 12.235.898, il miglior risultato di sempre, +42,8% rispetto al 2022 (8.566.456); l'ebitda si è attestato a più di 30 milioni di euro rispetto ai quasi 21 milioni dello scorso esercizio. Aumenta anche il valore della produzione che è pari a 97.390.346 euro, +15,1% rispetto al 2022 (84.575.040). «Alla base dei buoni risultati economici - spiega una nota Gesap - c'è il forte incremento del traffico passeggeri e voli sullo scalo: crescono del 7% i movimenti degli aeromobili e +14% i passeggeri. Ciò ha portato all'aumento dei ricavi core di oltre 12 milioni (+13%). A questo va aggiunto anche un minor peso dei costi di produzione in rapporto al valore dei ricavi della gestione». L'attività di investimento ha assorbito risorse finanziarie nette per 23.547.133 (nell'esercizio precedente 16.034.749). "Il successo di questo bilancio - dice Vito Riggio, amministratore delegato di Gesap - si deve agli investimenti. Incremento anche per le nuove aree commerciali che hanno portato a una crescita del 21,44% (18.599.108) i ricavi non aviation contro 15.315.259 del 2022. In particolare: rent a car +10,65%; parking +7,01%; retail +20,14%; food & beverage +70,11%; sub concessioni +16,72%; advertising +6,63%. «La gestione di Gesap è fortemente orientata al benessere dei passeggeri, reso possibile grazie alla collaborazione e all'impegno di quanti lavorano al 'Falcone Borsellino'- ha commentato Salvatore Burrafato, presidente di Gesap - Siamo orgogliosi dei buoni risultati di bilancio, che devono rappresentare una guida per il futuro, e dell'importante lavoro svolto dal board che presiedo. 12,3 milioni di utile e 30,2 milioni di ebitda sono determinanti a dare un ulteriore slancio alla gestione dello scalo». [post_title] => Aeroporto Palermo: utile da oltre 12 mln di euro per Gesap, il migliore di sempre [post_date] => 2024-05-13T09:49:14+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1715593754000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465994 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «Puerto Rico è una destinazione molto inclusiva - esordisce Francisco Blanch, direttore commerciale di Discover Puerto Rico – Come gli Usa seguiamo l’Ada Act - America with Disabilities - per questo tutti gli hotel e strutture sono accessibili a chi dev’essere aiutato nella mobilità. È interessante vedere come tutti i to che offrono servizi sulle isole siano impegnati in questa direzione, aiutando chi vuole entrare in piscina, offrendo rampe che facilitano l’accesso sia alla spiaggia che al mare con speciali reti e kayak. Lo scorso ottobre abbiamo celebrato la 40esima edizione dell’Iglta Global Convention, che accoglie i visitatori Lgbtq+. E da 128 anni siamo un territorio degli Stati Uniti». Secondo i dati raccolti nel 2023 gli italiani sono stati il 2% dei nostri ospiti - sottolinea Blanch e prosegue descrivendo la destinazione - Posta al centro del mar dei Caraibi, Puerto Rico è collegata a Madrid dai voli quotidiani di Iberia ed è quindi accessibile da tutti gli aeroporti italiani. Le connessioni sono operate anche da American, United, Delta e da ciascun gate del mar Orientale. Si può fare scalo negli States o volare direttamente in uno degli aeroporti di Puerto Rico, da cui raggiungere ogni tipo d’hotel dove ciascuno può trovare la propria vacanza ideale. Il nostro è un territorio dove la natura è meravigliosa. Abbiamo riserve naturali con paesaggi montuosi e marini, la foresta pluviale, 300 spiagge, 43 fiumi, cascate, percorsi di trekking e anche il suggestivo fenomeno naturale della bio-luminescenza: quando i microrganismi marini liberano luce avvertendo il movimento dell’acqua. Puerto Rico offre anche tanta azione con il “Toro Verde Adventure Park” e le due zipline più lunghe dell’emisfero occidentale. L’isola è poi una tappa delle crociere internazionali: si può proporre agli ospiti di trascorrere 2 o 3 notti a Puerto Rico prima o dopo una crociera, anche visitando le bella città coloniale di San Juan, fondata nel 1521». E, per concludere, le eccellenze per il palato: «La nostra gastronomia è ricchissima e sappiamo quanto questo sia importante per i viaggiatori italiani. - afferma infatti Blanch – Produciamo rum eccellenti e diverse varietà di caffè: a Puerto Rico di sono 14 piantagioni».   [post_title] => Brand Usa racconta Puerto Rico: destinazione inclusiva, accessibile e connessa [post_date] => 2024-05-02T10:47:02+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714646822000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 466407 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => EasyJet ha inaugurato l’Icc (Centro di controllo integrato) a Luton-Londra, presso l’Hangar 89, integrando l'intelligenza artificiale nelle sue pratiche quotidiane per favorire un processo decisionale più rapido e contribuire a migliorare l'esperienza dei clienti. «Dall’Icc vengono gestite le operazioni di easyJet: oltre 2000 voli al giorno operati dai nostri 340 aeroplani, che ogni giorno trasportano fino a 300mila clienti in 35 Paesi su più di 1.000 rotte, in 155 aeroporti. - sottolinea Lorenzo Lagorio, country manager Italia di easyJet - È un centro all’avanguardia che utilizza le migliori competenze e tecnologie del settore, come l’Ai, che diventa sempre più uno strumento importante per la gestione quotidiana dell’operatività della compagnia». Il primo test, positivo, del Centro di controllo integrato è stato quello delle vacanze pasquali. Nelle sale del Centro 260 esperti e ingegneri lavorano 24h al giorno, 365 giorni all'anno. Le aree di lavoro sono 4: in uno spazio ampio con finestre e luce naturale, dominato da grandi schermi e da computer innovativi. L'impegno va alla massima funzionalità degli aerei, all'impiego degli equipaggi, ai piani di volo e ai clienti con le loro esigenze. Quattro settori che devono funzionare in perfetta sincronia e lo fanno grazie al lavoro dell'Icc, che fornisce ai team anche il nuovo strumento di intelligenza artificiale generativa Jetstream, per accedere istantaneamente a politiche, procedure e informazioni necessarie alla risoluzione di problematiche di natura operativa. Sugli schermi del Centro lampeggia il fuso orario di Greenwich, il "tempo universale" che corrisponde al fuso orario Zero o Zulu Time. Chi segue la flotta è pronto all’azione, sapendo che in Europa gli aerei vengono ispezionati in 5 hangar, con controlli biennali che durano fino a 90h. Ci sono poi controlli di ogni tipo, favoriti dall’utilizzo del Sistema Amos per gestire la manutenzione e pianificare le ispezioni quotidiane. Negli ultimi otto anni è stato poi implementato il sistema della manutenzione predittiva, che si differenzia da quella schedulata perché analizza dati particolari forniti da ciascun aereo. Inoltre viene continuamente espanso l’algoritmo di controllo di easyJet. Il team che lavora sul fronte meteorologico deve valutare i cambiamenti di rotta necessari a evitare le perturbazioni. Lo schermo che trasmette 24h le notizie dal mondo serve a decidere l'operatività dei voli e i loro percorsi seguendo l'andamento geopolitico del modo: da un'eruzione in Islanda ai conflitti in corso nel mondo. La priorità di chi è attento ai passeggeri è quella di non causare attese, ma deve anche considerarne la gestione quando non parte un volo, o quando sale a bordo un gruppo con esigenze particolari, come una scolaresca. Senza dimenticare tutte le problematiche legate ai bagagli. Quando tutto funziona per il meglio l'Icc è tranquillo e silenzioso. Ma le emergenze arrivano inaspettate e allora l'attenzione è totale, perché tutto impatta sull'andamento di un volo. Sotto i grandi schermi del Centro ci sono dei manager che controllano l'insieme delle informazioni e quello con maggiore esperienza prende le decisioni finali. E la risposta dell'Icc è rapida ed efficiente. [gallery ids="466410,466409,466411"]   [post_title] => EasyJet: viaggio nel cuore del Centro di controllo integrato a Luton, dove opera anche l'Ai [post_date] => 2024-04-29T14:02:47+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1714399367000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465896 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Klm ha aggiunto una nuova frequenza giornaliera dall'aeroporto di Genova per Amsterdam, che grazie alla partenza la mattina presto - alle 06.15 - consente ai passeggeri di avere accesso a numerose destinazioni dall'hub olandese, ottimizzando i tempi di connessione a Schiphol. Allo stesso modo, il volo integrativo in partenza da Amsterdam alle 21:00, con conseguente night stop dell’aeromobile presso l’aeroporto di Genova, permette un maggiore e più ampio accesso allo scalo ligure. Nei weekend da fine giugno a fine agosto, inoltre, sarà disponibile anche un terzo collegamento tra le due destinazioni. Mete europee ed intercontinentali come Dublino, Edimburgo, Oslo, Toronto, New York, Guayaquil, Santiago del Cile e molte altre, sono ora più facilmente raggiungibili. “L’aumento delle frequenze su Genova è un’ulteriore dimostrazione della nostra strategia per il mercato italiano - spiega Fabio Andaloro, sales director Klm per l’Italia -: vogliamo essere sempre più vicini ai clienti, supportandoli a pieno nelle loro esigenze di viaggio. Che il motivo sia leisure o business, queste nuove frequenze consentono accesso a destinazioni chiave del network Klm. Soprattutto i tempi di transito per i voli in connessione verso il Sud America risultano adesso migliori, facendo diventare Klm la compagnia aerea giusta per raggiungerle". “Continua la nostra strategia di potenziare i collegamenti con i principali hub europei, consentendo a Genova e alla Liguria di essere sempre meglio collegate con le principali destinazioni di lungo raggio - commenta Francesco D’Amico, direttore generale di Aeroporto di Genova -. Grazie al raddoppio dei voli giornalieri tra Genova e Amsterdam per l’intera stagione estiva, porterà ad un incremento dei posti offerti sulla tratta di oltre il 90% rispetto all’estate precedente, superando la capacità che il vettore olandese ha offerto nel 2019.” La summer 2024 di Klm (fino al prossimo 26 ottobre) 155 destinazioni di cui 92 in Europa e 63 intercontinentali. La compagnia aumenterà la capacità dei posti disponibili di circa il 7% rispetto all’estate del 2023, quasi eguagliando i livelli pre-Covid. [post_title] => Klm fa il bis da Genova con un volo mattutino che dà accesso al network mondiale da Amsterdam [post_date] => 2024-04-19T10:15:48+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713521748000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465551 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Le compagnie aeree low cost si confermano la scelta prediletta dei viaggiatori italiani, con una quota di mercato che nel 2023 ha raggiunto il 65% e, in particolare, il 69,2% sulle rotte domestiche e il 62,5% su quelle internazionali. L'analisi è quella elaborata da Il Corriere della Sera in base ai dati di traffico dell'Enac, che evidenziano inoltre il predominio di Ryanair: lo scorso anno il vettore irlandese ha trasportato quasi 56 milioni di passeggeri, in altre parole più della metà degli italiani che hanno scelto di volare e un viaggiatore su tre (considerate tutte le nazionalità) tra quelli che sono transitati dagli aeroporti italiani. In pratica, la low cost ha imbarcato più passeggeri del totale di quelli trasportati dai successivi cinque vettori in classifica: easyJet, Ita Airways, Wizz Air, Vueling e Lufthansa. Tra le curiosità emerse anche la perdita del primato di rotta più traffico d'Italia della Roma Fiumicino-Catania, che nel 2023 si è fermata a 1,56 milioni di passeggeri (in entrambe le direzioni, rispetto al dato di 1,54 milioni dell’anno precedente), meno degli 1,75 milioni della Roma-Madrid (1,29 milioni nel 2022). Un sorpasso solo in parte dovuto all’incendio del Terminal 1 dello scalo siciliano che ha spostato diversi voli in altri impianti, soprattutto a Comiso.   Da segnalare infine la significativa crescita del traffico su Roma (che nel 2023 si è confermato l'aeroporto più utilizzato): complice anche l’espansione dell'attività di Ita Airways, il “Leonardo da Vinci” è tornato al primo posto sulle rotte intercontinentali: sul gradino più alto del podio troviamo la Fiumicino-New York Jfk, con quasi 1 milione di passeggeri trasportate in entrambe le direzioni (981.030), che supera così la Milano Malpensa-Jfk (833 mila viaggiatori) che nel 2022 si era ritrovata prima. Lo scalo lombardo si conferma però principale base italiana del trasporto merci.     [post_title] => I viaggiatori italiani preferiscono le low cost. E soprattutto Ryanair [post_date] => 2024-04-15T13:08:59+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713186539000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465008 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Primo trimestre da record per il Torino Airport, che con oltre 1,11 milioni di passeggeri ha centrato il suo miglior risultato di sempre in questa frazione di inizio anno. Con un totale di 1.114.448 passeggeri, Caselle ha registrato quindi una crescita del 3,7% sullo stesso periodo del 2023 (1.074.195 passeggeri). Tutti e tre i mesi - gennaio, febbraio e marzo - hanno battuto i rispettivi record mensili dell’anno precedente. A trainare la crescita è stato il traffico internazionale con un incremento dei volumi pari al 7,6% arrivando a rappresentare il 60% del traffico totale: i passeggeri dei voli internazionali sono infatti passati da 620mila nel 2023 a oltre 667.000 nel 2024. Tale risultato è stato raggiunto anche grazie all’ottimo andamento del traffico neve registrato nella stagione invernale 2023-2024: il numero di sciatori trasportati ha registrato un incremento del 9% rispetto alla stagione 2022-2023. I voli per gli sciatori dal Nord Europa hanno riportato alcune novità di linea come Belfast (collegata da Ryanair) e London Heathrow (collegata da British Airways), a cui va sommato il volo charter da East Midlands, sempre in Gran Bretagna; inoltre Air Baltic si è aggiunta su Vilnius (già servita da Ryanair). Anche i flussi turistici legati alle vacanze pasquali hanno contribuito in maniera significativa al raggiungimento del record del trimestre: nella settimana di Pasqua, dal giovedì santo al martedì successivo, i passeggeri sono stati oltre 85.000 tra arrivi e partenze, in crescita del 7,9% sui dati registrati negli analoghi giorni di Pasqua 2023 (circa 80.000). [post_title] => Torino Airport: il traffico internazionale traina i risultati record del primo trimestre 2024 [post_date] => 2024-04-08T10:15:55+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712571355000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463361 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Austria entra di gran carriera nel 2024 con il lancio della nuova campagna di comunicazione globale che fa perno su un'unica parola chiave: “Lebensgefühl”.  Termine che è stato «volutamente mantenuto in lingua tedesca su tutti i mercati - spiega Herwig Kolzer, direttore di Austria Turismo in Italia, in occasione del workshop per agenzie e tour operator che si è svolto ieri a Milano e farà tappa oggi a Verona, per poi terminare a Roma - e identifica lo stile di vita austriaco: in altre parole, apprezzare il momento, godersi i piaceri della vita e sentirsi connessi con ciò che ci circonda. Sensazioni che condividiamo con i nostri ospiti quando sono in vacanza in Austria». La campagna, presentata alla recente Itb di Berlino, coinvolge 11 paesi, in collaborazione con 77 partner austriaci «e da aprile sarà visibile attraverso smart tv, out of home a Milano, anche con un tram brandizzato, e Brescia». Intanto, il consuntivo 2023 registra un trend positivo per i flussi dall'Italia: «Gli arrivi sono stati 1,01 milioni, per una crescita del 24% e il numero di pernottamenti è aumentato del 20% rispetto al 2022, per un totale di 2,6 milioni». Dati che non riportano ancora ai numeri del 2019 «siamo in difetto di un 7%» ma che posizionano comunque il nostro Paese «al quinto posto tra i principali mercati di provenienza in termini di arrivi, dopo Germania, Paesi Bassi, Svizzera, e Cechia e al 7° posto a livello di pernottamenti». Un turista italiano che predilige ancora una volta la ricca offerta culturale delle città austriache: «Parliamo in gran parte di coppie, che visitano il nostro Paese tra maggio e ottobre nel 65% dei casi, per periodi che in città si aggirano sui tre giorni mentre nelle regioni di Carinzia e Tirolo fino alla settimana; il restante 35% si reca in Austria in inverno, complice l'elevata attrattività dei mecatini di Natale». I nostri connazionali si affidano «nel 35% dei casi alla consulenza di agenzie e to per raggiungere l'Austria e anche per questo continuiamo a investire sulla formazione al trade, innanzitutto con i workshop e i webinar». Proprio il 2023 è stato caratterizzato da un significativo aumento del turismo in città e del turismo culturale: a Vienna, ad esempio, il numero di ospiti provenienti dall'Italia è aumentato del 45% rispetto al 2022. Oltre a Vienna, anche l’offerta culturale nelle altre capitali delle nove regioni è stata molto richiesta durante tutto l'anno. «Il 52% degli arrivi di ospiti italiani avviene oggi nei capoluoghi di provincia dell'Austria e di questi, i due terzi scelgono Vienna».   Cultura, sostenibilità e gastronomia   Nel 2024 in cui spicca il ruolo della cittadina storica di Bad Ischl che con altri 22 comuni rurali del territorio del Salzkammergut è Capitale Europea della Cultura (190 progetti per un totale di 300 eventi), i focus di Austria Turismo si concentrano poi oltre che sulle città, «sulla sostenibilità, con l'obiettivo di diventare una destinazione leader a livello mondiale in questo ambito».  A questo proposito, la capitale austriaca ospiterà dal 5 aprile al 14 luglio 2024 la prima Biennale del Clima: un programma interdisciplinare e interattivo ruoterà intorno all’arte e all’ecologia, e coinvolgerà tutta la città con l'obiettivo di trovare risposte comuni alla crisi climatica e lanciare nuove idee il futuro. Riflettori puntati anche sulla musica, con numerosi eventi legati a diversi anniversari: Nel 2024 il mondo della musica festeggia i 200 anni di Anton Bruckner, il poliedrico Arnold Schönberg fu il pioniere del metodo dodecafonico: a Vienna e a Mödling molte istituzioni parteciperanno all’anniversario dei 150 anni dalla sua nascita. Uno sguardo al 2025 porta invece al grande appuntamento a Vienna per i 200 anni dalla nascita di Johann Strauss. Infine, spazio alla gastronomia: «La Guida Michelin torna in Austria nel 2025, in collaborazione con Austria Turismo e otto enti regionali per la nuova selezione di ristoranti per l'Austria. La guida verrà pubblicata nel gennaio 2025».     [post_title] => Austria Turismo vara la nuova campagna 'Lebensgefühl'. Arrivi dall'Italia a +24% [post_date] => 2024-03-13T11:07:54+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710328074000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462566 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un 2023 decisamente positivo per Air France-Klm che archivia l'esercizio con i ricavi più alti della sua storia, 30 miliardi di euro, in crescita del +15,1% a valuta costante. Il margine operativo si è attestato al 5,7%, grazie al mix positivo di elevato rendimento e load factor; l'utile netto è salito fino a 934 milioni di euro, in crescita di 206 milioni di euro. "Nel 2023, abbiamo mantenuto il nostro impegno per ottenere forti prestazioni operative e finanziarie, pur mantenendo la nostra posizione di gruppo aereo di riferimento per la sostenibilità - ha commentato il ceo del gruppo franco-olandese Benjamin Smith - Tra i risultati più importanti possiamo ritenerci soddisfatti degli sforzi compiuti per rafforzare ulteriormente il nostro bilancio e ripristinare il patrimonio netto. Abbiamo inoltre effettuato un ordine storico per cinquanta Airbus A350 con diritti di acquisto per altri quaranta aeromobili, accelerando così il rinnovamento della nostra flotta con aeromobili di ultima generazione che offrono una migliore efficienza del carburante, minori emissioni di CO2 e rumore e una migliore esperienza per i nostri clienti". Ad adombrare i risultati dell'anno ci sono solo quelli relativi all'ultimo trimestre 2023 (perdita netta di 256 milioni contro un utile di 504 milioni) penalizzato dalla situazione geopolitica in Africa e Medio Oriente che ha portato alla soppressione di alcune destinazioni e alle difficoltà operative causate soprattutto dalla mancanza di pezzi di ricambio, sia pure in parte compensate dal minor costo del carburante. Queste difficoltà si faranno ancora sentire nel primo trimestre 2024. [post_title] => Air France-Klm: 2023 da record, adombrato solo a fine anno dalle tensioni in Medio Oriente [post_date] => 2024-03-01T10:06:33+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709287593000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1551" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":5,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":62,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"468462","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_468469\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Claudio Dell'Accio, presidente di Assidema[/caption]\r\n\r\nValorizzare e tutelare la professione emergente del Destination Manager. Questo è lo scopo principale di Assidema, l’Associazione italiana destination manager che si è costituita nei giorni scorsi dalla visione di un gruppo di 10 professionisti del turismo con la missione di definire, sviluppare e promuovere una figura professionale sempre più presente all’interno delle destinazioni, e che da alcuni mesi ha anche il sostegno ufficiale del Governo grazie alla pubblicazione in GU, lo scorso 15 gennaio, della legge 206/2023 che recepisce il Decreto Made in Italy.\r\n\r\nQuesta legge istituisce il Comitato nazionale del turismo che ha tra i suoi compiti quello di incentivare la creazione di sistemi  turistici di destinazione e di nuovi manager di destinazione. Un passo fondamentale per arrivare a una definizione univoca di questa professione, oggi presente in numerosi enti pubblici con compiti non sempre coincidenti.\r\n\r\nL’Italia infatti attualmente si caratterizza per la presenza di ben 140 Destination Management Organization (DMO, di diritto pubblico) e almeno 151 Destination Management Company (DMC, di natura privata) distribuite su tutto il territorio nazionale, ma non tutte contemplano ancora questo ruolo. Grazie a questa legge è però certo che il loro numero sia destinato ad aumentare.\r\n\r\nPer questo motivo, in attesa che il Mitur pubblichi i decreti attuativi della legge che andrà a definire con precisione i contorni della professione, Assidema lancia la sua attività per contribuire a formare i futuri destination manager, innovando questo ruolo e contaminandolo con le buone pratiche che arrivano sia dal settore pubblico che da quello privato.\r\n\r\nIn questo modo si vuole creare una nuova generazione di Destination Manager, più evoluta, competente, innovativa e interconnessa, in grado di operare efficacemente sia nell'ambito pubblico che privato, contribuendo in modo significativo allo sviluppo e alla promozione delle destinazioni turistiche italiane per la capacità di sapere coniugare tutte le esigenze-Assidema si impegna così a diventare un punto di riferimento per la valorizzazione della professione, dei territori e per promuovere uno sviluppo più competitivo delle destinazioni turistiche italiane.\r\nI fondatori\r\nI 10 soci fondatori si sono riuniti a Roma nei giorni scorsi e hanno nominato Claudio Dell’Accio come presidente, Flavia Maria Coccia come vicepresidente e Giuseppe Bonanni\r\ncome segretario e tesoriere. Gli altri co-fondatori sono: Massimo Caravita, Andrea Cerrato, Giancarlo Dell’Orco, Daniele Donnici, Antonio Prota, Elena Sisti ed Emiliano Viola. A questi è\r\naffiancato un comitato scientifico, con il compito di promuovere la ricerca e la formazione sui temi oggetto dell’Associazione e contribuire agli scopi statutari, composto da alte\r\npersonalità del mondo turistico e presieduto, per il primo triennio, dalla Prof.ssa Luna Leoni.\r\n\r\n\"Durante la mia carriera - spiega il presidente e co-fondatore Claudio Dell'Accio - ho collaborato con numerose DMO e DMC, contribuendo a creare una rete di professionisti del turismo in Italia e ho osservato differenze significative nell'approccio dei Destination Manager tra il settore pubblico e quello privato. Con Assidema vogliamo diffondere la cultura del destination management e contribuire a definire e formare ciò che questi manager hanno come obiettivo comune: la valorizzazione dei territori in cui operano, non a discapito di altre destinazioni, ma creando valore aggiunto al Sistema Italia”.\r\n\r\nL'Associazione mira in questo modo a diventare la voce dei Destination Manager italiani, facilitando la collaborazione tra attori pubblici e privati per creare un’offerta turistica\r\nintegrata e durevole. A tal fine, i Destination Manager dovranno possedere non solo competenze specifiche nel settore turistico, ma anche soft skills come la coerenza nelle\r\nscelte, il coraggio decisionale e la capacità di integrare diversi settori, risorse e strategie di comunicazione, con particolare attenzione all’innovazione tecnologica.\r\n\r\nStop quindi alla conflittualità tra DMO e DMC con un approccio integrato e complementare tra i Destination Manager del pubblico e del privato: \"Le esperienze passate\r\ncon i DUC e i GAL hanno dimostrato che la promozione turistica non può limitarsi all'esclusiva iniezione di denaro pubblico - ha concluso Claudio Dell'Accio -, ma deve essere\r\nstrategica e mirata a creare valore aggiunto e opportunità di sviluppo economico sostenibile nel lungo termine\".","post_title":"Nasce Assidema, Associazione italiana dei destination manager","post_date":"2024-05-30T11:17:32+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["assidema","in-evidenza"],"post_tag_name":["assidema","In evidenza"]},"sort":[1717067852000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"467156","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Gesap, la società di gestione dell'aeroporto di Palermo, ha approvato il progetto di bilancio di esercizio del 2023 con un utile netto di 12.235.898, il miglior risultato di sempre, +42,8% rispetto al 2022 (8.566.456); l'ebitda si è attestato a più di 30 milioni di euro rispetto ai quasi 21 milioni dello scorso esercizio.\r\n\r\nAumenta anche il valore della produzione che è pari a 97.390.346 euro, +15,1% rispetto al 2022 (84.575.040). «Alla base dei buoni risultati economici - spiega una nota Gesap - c'è il forte incremento del traffico passeggeri e voli sullo scalo: crescono del 7% i movimenti degli aeromobili e +14% i passeggeri. Ciò ha portato all'aumento dei ricavi core di oltre 12 milioni (+13%). A questo va aggiunto anche un minor peso dei costi di produzione in rapporto al valore dei ricavi della gestione».\r\n\r\nL'attività di investimento ha assorbito risorse finanziarie nette per 23.547.133 (nell'esercizio precedente 16.034.749). \"Il successo di questo bilancio - dice Vito Riggio, amministratore delegato di Gesap - si deve agli investimenti.\r\n\r\nIncremento anche per le nuove aree commerciali che hanno portato a una crescita del 21,44% (18.599.108) i ricavi non aviation contro 15.315.259 del 2022. In particolare: rent a car +10,65%; parking +7,01%; retail +20,14%; food & beverage +70,11%; sub concessioni +16,72%; advertising +6,63%.\r\n\r\n«La gestione di Gesap è fortemente orientata al benessere dei passeggeri, reso possibile grazie alla collaborazione e all'impegno di quanti lavorano al 'Falcone Borsellino'- ha commentato Salvatore Burrafato, presidente di Gesap - Siamo orgogliosi dei buoni risultati di bilancio, che devono rappresentare una guida per il futuro, e dell'importante lavoro svolto dal board che presiedo. 12,3 milioni di utile e 30,2 milioni di ebitda sono determinanti a dare un ulteriore slancio alla gestione dello scalo».","post_title":"Aeroporto Palermo: utile da oltre 12 mln di euro per Gesap, il migliore di sempre","post_date":"2024-05-13T09:49:14+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1715593754000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465994","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«Puerto Rico è una destinazione molto inclusiva - esordisce Francisco Blanch, direttore commerciale di Discover Puerto Rico – Come gli Usa seguiamo l’Ada Act - America with Disabilities - per questo tutti gli hotel e strutture sono accessibili a chi dev’essere aiutato nella mobilità. È interessante vedere come tutti i to che offrono servizi sulle isole siano impegnati in questa direzione, aiutando chi vuole entrare in piscina, offrendo rampe che facilitano l’accesso sia alla spiaggia che al mare con speciali reti e kayak. Lo scorso ottobre abbiamo celebrato la 40esima edizione dell’Iglta Global Convention, che accoglie i visitatori Lgbtq+. E da 128 anni siamo un territorio degli Stati Uniti».\r\n\r\nSecondo i dati raccolti nel 2023 gli italiani sono stati il 2% dei nostri ospiti - sottolinea Blanch e prosegue descrivendo la destinazione - Posta al centro del mar dei Caraibi, Puerto Rico è collegata a Madrid dai voli quotidiani di Iberia ed è quindi accessibile da tutti gli aeroporti italiani. Le connessioni sono operate anche da American, United, Delta e da ciascun gate del mar Orientale. Si può fare scalo negli States o volare direttamente in uno degli aeroporti di Puerto Rico, da cui raggiungere ogni tipo d’hotel dove ciascuno può trovare la propria vacanza ideale. Il nostro è un territorio dove la natura è meravigliosa.\r\n\r\nAbbiamo riserve naturali con paesaggi montuosi e marini, la foresta pluviale, 300 spiagge, 43 fiumi, cascate, percorsi di trekking e anche il suggestivo fenomeno naturale della bio-luminescenza: quando i microrganismi marini liberano luce avvertendo il movimento dell’acqua. Puerto Rico offre anche tanta azione con il “Toro Verde Adventure Park” e le due zipline più lunghe dell’emisfero occidentale. L’isola è poi una tappa delle crociere internazionali: si può proporre agli ospiti di trascorrere 2 o 3 notti a Puerto Rico prima o dopo una crociera, anche visitando le bella città coloniale di San Juan, fondata nel 1521».\r\n\r\nE, per concludere, le eccellenze per il palato: «La nostra gastronomia è ricchissima e sappiamo quanto questo sia importante per i viaggiatori italiani. - afferma infatti Blanch – Produciamo rum eccellenti e diverse varietà di caffè: a Puerto Rico di sono 14 piantagioni».\r\n\r\n ","post_title":"Brand Usa racconta Puerto Rico: destinazione inclusiva, accessibile e connessa","post_date":"2024-05-02T10:47:02+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1714646822000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"466407","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"EasyJet ha inaugurato l’Icc (Centro di controllo integrato) a Luton-Londra, presso l’Hangar 89, integrando l'intelligenza artificiale nelle sue pratiche quotidiane per favorire un processo decisionale più rapido e contribuire a migliorare l'esperienza dei clienti.\r\n\r\n«Dall’Icc vengono gestite le operazioni di easyJet: oltre 2000 voli al giorno operati dai nostri 340 aeroplani, che ogni giorno trasportano fino a 300mila clienti in 35 Paesi su più di 1.000 rotte, in 155 aeroporti. - sottolinea Lorenzo Lagorio, country manager Italia di easyJet - È un centro all’avanguardia che utilizza le migliori competenze e tecnologie del settore, come l’Ai, che diventa sempre più uno strumento importante per la gestione quotidiana dell’operatività della compagnia».\r\n\r\nIl primo test, positivo, del Centro di controllo integrato è stato quello delle vacanze pasquali. Nelle sale del Centro 260 esperti e ingegneri lavorano 24h al giorno, 365 giorni all'anno. Le aree di lavoro sono 4: in uno spazio ampio con finestre e luce naturale, dominato da grandi schermi e da computer innovativi. L'impegno va alla massima funzionalità degli aerei, all'impiego degli equipaggi, ai piani di volo e ai clienti con le loro esigenze. Quattro settori che devono funzionare in perfetta sincronia e lo fanno grazie al lavoro dell'Icc, che fornisce ai team anche il nuovo strumento di intelligenza artificiale generativa Jetstream, per accedere istantaneamente a politiche, procedure e informazioni necessarie alla risoluzione di problematiche di natura operativa.\r\n\r\nSugli schermi del Centro lampeggia il fuso orario di Greenwich, il \"tempo universale\" che corrisponde al fuso orario Zero o Zulu Time. Chi segue la flotta è pronto all’azione, sapendo che in Europa gli aerei vengono ispezionati in 5 hangar, con controlli biennali che durano fino a 90h. Ci sono poi controlli di ogni tipo, favoriti dall’utilizzo del Sistema Amos per gestire la manutenzione e pianificare le ispezioni quotidiane. Negli ultimi otto anni è stato poi implementato il sistema della manutenzione predittiva, che si differenzia da quella schedulata perché analizza dati particolari forniti da ciascun aereo. Inoltre viene continuamente espanso l’algoritmo di controllo di easyJet. Il team che lavora sul fronte meteorologico deve valutare i cambiamenti di rotta necessari a evitare le perturbazioni. Lo schermo che trasmette 24h le notizie dal mondo serve a decidere l'operatività dei voli e i loro percorsi seguendo l'andamento geopolitico del modo: da un'eruzione in Islanda ai conflitti in corso nel mondo. La priorità di chi è attento ai passeggeri è quella di non causare attese, ma deve anche considerarne la gestione quando non parte un volo, o quando sale a bordo un gruppo con esigenze particolari, come una scolaresca. Senza dimenticare tutte le problematiche legate ai bagagli.\r\n\r\nQuando tutto funziona per il meglio l'Icc è tranquillo e silenzioso. Ma le emergenze arrivano inaspettate e allora l'attenzione è totale, perché tutto impatta sull'andamento di un volo. Sotto i grandi schermi del Centro ci sono dei manager che controllano l'insieme delle informazioni e quello con maggiore esperienza prende le decisioni finali. E la risposta dell'Icc è rapida ed efficiente.\r\n\r\n[gallery ids=\"466410,466409,466411\"]\r\n\r\n ","post_title":"EasyJet: viaggio nel cuore del Centro di controllo integrato a Luton, dove opera anche l'Ai","post_date":"2024-04-29T14:02:47+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1714399367000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465896","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Klm ha aggiunto una nuova frequenza giornaliera dall'aeroporto di Genova per Amsterdam, che grazie alla partenza la mattina presto - alle 06.15 - consente ai passeggeri di avere accesso a numerose destinazioni dall'hub olandese, ottimizzando i tempi di connessione a Schiphol.\r\n\r\nAllo stesso modo, il volo integrativo in partenza da Amsterdam alle 21:00, con conseguente night stop dell’aeromobile presso l’aeroporto di Genova, permette un maggiore e più ampio accesso allo scalo ligure. Nei weekend da fine giugno a fine agosto, inoltre, sarà disponibile anche un terzo collegamento tra le due destinazioni.\r\n\r\nMete europee ed intercontinentali come Dublino, Edimburgo, Oslo, Toronto, New York, Guayaquil, Santiago del Cile e molte altre, sono ora più facilmente raggiungibili.\r\n\r\n“L’aumento delle frequenze su Genova è un’ulteriore dimostrazione della nostra strategia per il mercato italiano - spiega Fabio Andaloro, sales director Klm per l’Italia -: vogliamo essere sempre più vicini ai clienti, supportandoli a pieno nelle loro esigenze di viaggio. Che il motivo sia leisure o business, queste nuove frequenze consentono accesso a destinazioni chiave del network Klm. Soprattutto i tempi di transito per i voli in connessione verso il Sud America risultano adesso migliori, facendo diventare Klm la compagnia aerea giusta per raggiungerle\".\r\n\r\n“Continua la nostra strategia di potenziare i collegamenti con i principali hub europei, consentendo a Genova e alla Liguria di essere sempre meglio collegate con le principali destinazioni di lungo raggio - commenta Francesco D’Amico, direttore generale di Aeroporto di Genova -. Grazie al raddoppio dei voli giornalieri tra Genova e Amsterdam per l’intera stagione estiva, porterà ad un incremento dei posti offerti sulla tratta di oltre il 90% rispetto all’estate precedente, superando la capacità che il vettore olandese ha offerto nel 2019.”\r\n\r\nLa summer 2024 di Klm (fino al prossimo 26 ottobre) 155 destinazioni di cui 92 in Europa e 63 intercontinentali. La compagnia aumenterà la capacità dei posti disponibili di circa il 7% rispetto all’estate del 2023, quasi eguagliando i livelli pre-Covid.","post_title":"Klm fa il bis da Genova con un volo mattutino che dà accesso al network mondiale da Amsterdam","post_date":"2024-04-19T10:15:48+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713521748000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465551","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Le compagnie aeree low cost si confermano la scelta prediletta dei viaggiatori italiani, con una quota di mercato che nel 2023 ha raggiunto il 65% e, in particolare, il 69,2% sulle rotte domestiche e il 62,5% su quelle internazionali.\r\nL'analisi è quella elaborata da Il Corriere della Sera in base ai dati di traffico dell'Enac, che evidenziano inoltre il predominio di Ryanair: lo scorso anno il vettore irlandese ha trasportato quasi 56 milioni di passeggeri, in altre parole più della metà degli italiani che hanno scelto di volare e un viaggiatore su tre (considerate tutte le nazionalità) tra quelli che sono transitati dagli aeroporti italiani.\r\nIn pratica, la low cost ha imbarcato più passeggeri del totale di quelli trasportati dai successivi cinque vettori in classifica: easyJet, Ita Airways, Wizz Air, Vueling e Lufthansa.\r\n\r\nTra le curiosità emerse anche la perdita del primato di rotta più traffico d'Italia della Roma Fiumicino-Catania, che nel 2023 si è fermata a 1,56 milioni di passeggeri (in entrambe le direzioni, rispetto al dato di 1,54 milioni dell’anno precedente), meno degli 1,75 milioni della Roma-Madrid (1,29 milioni nel 2022). Un sorpasso solo in parte dovuto all’incendio del Terminal 1 dello scalo siciliano che ha spostato diversi voli in altri impianti, soprattutto a Comiso.\r\n \r\nDa segnalare infine la significativa crescita del traffico su Roma (che nel 2023 si è confermato l'aeroporto più utilizzato): complice anche l’espansione dell'attività di Ita Airways, il “Leonardo da Vinci” è tornato al primo posto sulle rotte intercontinentali: sul gradino più alto del podio troviamo la Fiumicino-New York Jfk, con quasi 1 milione di passeggeri trasportate in entrambe le direzioni (981.030), che supera così la Milano Malpensa-Jfk (833 mila viaggiatori) che nel 2022 si era ritrovata prima. Lo scalo lombardo si conferma però principale base italiana del trasporto merci.\r\n \r\n\r\n ","post_title":"I viaggiatori italiani preferiscono le low cost. E soprattutto Ryanair","post_date":"2024-04-15T13:08:59+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713186539000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465008","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Primo trimestre da record per il Torino Airport, che con oltre 1,11 milioni di passeggeri ha centrato il suo miglior risultato di sempre in questa frazione di inizio anno. Con un totale di 1.114.448 passeggeri, Caselle ha registrato quindi una crescita del 3,7% sullo stesso periodo del 2023 (1.074.195 passeggeri).\r\nTutti e tre i mesi - gennaio, febbraio e marzo - hanno battuto i rispettivi record mensili dell’anno precedente. A trainare la crescita è stato il traffico internazionale con un incremento dei volumi pari al 7,6% arrivando a rappresentare il 60% del traffico totale: i passeggeri dei voli internazionali sono infatti passati da 620mila nel 2023 a oltre 667.000 nel 2024.\r\nTale risultato è stato raggiunto anche grazie all’ottimo andamento del traffico neve registrato nella stagione invernale 2023-2024: il numero di sciatori trasportati ha registrato un incremento del 9% rispetto alla stagione 2022-2023.\r\nI voli per gli sciatori dal Nord Europa hanno riportato alcune novità di linea come Belfast (collegata da Ryanair) e London Heathrow (collegata da British Airways), a cui va sommato il volo charter da East Midlands, sempre in Gran Bretagna; inoltre Air Baltic si è aggiunta su Vilnius (già servita da Ryanair).\r\nAnche i flussi turistici legati alle vacanze pasquali hanno contribuito in maniera significativa al raggiungimento del record del trimestre: nella settimana di Pasqua, dal giovedì santo al martedì successivo, i passeggeri sono stati oltre 85.000 tra arrivi e partenze, in crescita del 7,9% sui dati registrati negli analoghi giorni di Pasqua 2023 (circa 80.000).","post_title":"Torino Airport: il traffico internazionale traina i risultati record del primo trimestre 2024","post_date":"2024-04-08T10:15:55+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712571355000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463361","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Austria entra di gran carriera nel 2024 con il lancio della nuova campagna di comunicazione globale che fa perno su un'unica parola chiave: “Lebensgefühl”. \r\n\r\nTermine che è stato «volutamente mantenuto in lingua tedesca su tutti i mercati - spiega Herwig Kolzer, direttore di Austria Turismo in Italia, in occasione del workshop per agenzie e tour operator che si è svolto ieri a Milano e farà tappa oggi a Verona, per poi terminare a Roma - e identifica lo stile di vita austriaco: in altre parole, apprezzare il momento, godersi i piaceri della vita e sentirsi connessi con ciò che ci circonda. Sensazioni che condividiamo con i nostri ospiti quando sono in vacanza in Austria».\r\n\r\nLa campagna, presentata alla recente Itb di Berlino, coinvolge 11 paesi, in collaborazione con 77 partner austriaci «e da aprile sarà visibile attraverso smart tv, out of home a Milano, anche con un tram brandizzato, e Brescia».\r\n\r\nIntanto, il consuntivo 2023 registra un trend positivo per i flussi dall'Italia: «Gli arrivi sono stati 1,01 milioni, per una crescita del 24% e il numero di pernottamenti è aumentato del 20% rispetto al 2022, per un totale di 2,6 milioni». Dati che non riportano ancora ai numeri del 2019 «siamo in difetto di un 7%» ma che posizionano comunque il nostro Paese «al quinto posto tra i principali mercati di provenienza in termini di arrivi, dopo Germania, Paesi Bassi, Svizzera, e Cechia e al 7° posto a livello di pernottamenti».\r\n\r\nUn turista italiano che predilige ancora una volta la ricca offerta culturale delle città austriache: «Parliamo in gran parte di coppie, che visitano il nostro Paese tra maggio e ottobre nel 65% dei casi, per periodi che in città si aggirano sui tre giorni mentre nelle regioni di Carinzia e Tirolo fino alla settimana; il restante 35% si reca in Austria in inverno, complice l'elevata attrattività dei mecatini di Natale». I nostri connazionali si affidano «nel 35% dei casi alla consulenza di agenzie e to per raggiungere l'Austria e anche per questo continuiamo a investire sulla formazione al trade, innanzitutto con i workshop e i webinar».\r\nProprio il 2023 è stato caratterizzato da un significativo aumento del turismo in città e del turismo culturale: a Vienna, ad esempio, il numero di ospiti provenienti dall'Italia è aumentato del 45% rispetto al 2022. Oltre a Vienna, anche l’offerta culturale nelle altre capitali delle nove regioni è stata molto richiesta durante tutto l'anno. «Il 52% degli arrivi di ospiti italiani avviene oggi nei capoluoghi di provincia dell'Austria e di questi, i due terzi scelgono Vienna».\r\n \r\nCultura, sostenibilità e gastronomia\r\n \r\nNel 2024 in cui spicca il ruolo della cittadina storica di Bad Ischl che con altri 22 comuni rurali del territorio del Salzkammergut è Capitale Europea della Cultura (190 progetti per un totale di 300 eventi), i focus di Austria Turismo si concentrano poi oltre che sulle città, «sulla sostenibilità, con l'obiettivo di diventare una destinazione leader a livello mondiale in questo ambito». \r\n\r\n\r\nA questo proposito, la capitale austriaca ospiterà dal 5 aprile al 14 luglio 2024 la prima Biennale del Clima: un programma interdisciplinare e interattivo ruoterà intorno all’arte e all’ecologia, e coinvolgerà tutta la città con l'obiettivo di trovare risposte comuni alla crisi climatica e lanciare nuove idee il futuro.\r\n\r\n\r\nRiflettori puntati anche sulla musica, con numerosi eventi legati a diversi anniversari: Nel 2024 il mondo della musica festeggia i 200 anni di Anton Bruckner, il poliedrico Arnold Schönberg fu il pioniere del metodo dodecafonico: a Vienna e a Mödling molte istituzioni parteciperanno all’anniversario dei 150 anni dalla sua nascita. Uno sguardo al 2025 porta invece al grande appuntamento a Vienna per i 200 anni dalla nascita di Johann Strauss.\r\n\r\n\r\nInfine, spazio alla gastronomia: «La Guida Michelin torna in Austria nel 2025, in collaborazione con Austria Turismo e otto enti regionali per la nuova selezione di ristoranti per l'Austria. La guida verrà pubblicata nel gennaio 2025».\r\n\r\n \r\n\r\n\r\n ","post_title":"Austria Turismo vara la nuova campagna 'Lebensgefühl'. Arrivi dall'Italia a +24%","post_date":"2024-03-13T11:07:54+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1710328074000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462566","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un 2023 decisamente positivo per Air France-Klm che archivia l'esercizio con i ricavi più alti della sua storia, 30 miliardi di euro, in crescita del +15,1% a valuta costante.\r\n\r\nIl margine operativo si è attestato al 5,7%, grazie al mix positivo di elevato rendimento e load factor; l'utile netto è salito fino a 934 milioni di euro, in crescita di 206 milioni di euro.\r\n\r\n\"Nel 2023, abbiamo mantenuto il nostro impegno per ottenere forti prestazioni operative e finanziarie, pur mantenendo la nostra posizione di gruppo aereo di riferimento per la sostenibilità - ha commentato il ceo del gruppo franco-olandese Benjamin Smith - Tra i risultati più importanti possiamo ritenerci soddisfatti degli sforzi compiuti per rafforzare ulteriormente il nostro bilancio e ripristinare il patrimonio netto. Abbiamo inoltre effettuato un ordine storico per cinquanta Airbus A350 con diritti di acquisto per altri quaranta aeromobili, accelerando così il rinnovamento della nostra flotta con aeromobili di ultima generazione che offrono una migliore efficienza del carburante, minori emissioni di CO2 e rumore e una migliore esperienza per i nostri clienti\".\r\n\r\nAd adombrare i risultati dell'anno ci sono solo quelli relativi all'ultimo trimestre 2023 (perdita netta di 256 milioni contro un utile di 504 milioni) penalizzato dalla situazione geopolitica in Africa e Medio Oriente che ha portato alla soppressione di alcune destinazioni e alle difficoltà operative causate soprattutto dalla mancanza di pezzi di ricambio, sia pure in parte compensate dal minor costo del carburante. Queste difficoltà si faranno ancora sentire nel primo trimestre 2024.","post_title":"Air France-Klm: 2023 da record, adombrato solo a fine anno dalle tensioni in Medio Oriente","post_date":"2024-03-01T10:06:33+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1709287593000]}]}}

Lascia un commento