21 April 2024

1546

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Pluriennale esperienza adv, biglietteria aerea, marittima, ferroviaria Sipacs Plus, Vendita pacchetti viaggio con i maggiori t.o. – Realizzazione viaggi su misura – Prenotazioni hotel noleggio auto.
Contabilità sistema As 400 – Prima nota – Fatturazione clienti, contabilità Fs e biglietteria aerea (attestato Iata Bsp).
Utilizzo sistemi informatici, Galileo , Sabre.
Piccolo pacchetti clienti.
Direttore tecnico Lombardia.
Contatti: Maria Grazia, cell 347 4600357; mail dodoint2@alice.it


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465694 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’aeroporto di Olbia è saldamente alla guida della crescita degli scali sardi: nel 2023 ha infatti registrato un incremento del 10,9% dei passeggeri rispetto al 2019. E’ l’unico aeroporto della Sardegna a registrare un valore così positivo in termini percentuali rispetto al periodo pre-Covid. A Cagliari la crescita rispetto al 2019 è stata del +2,6%, ma il dato è molto positivo nel confronto fra 2022 e 2023, dove l’incremento è stato del 10,4%. In Sardegna si è passati da 4,7 milioni di passeggeri a quasi 4,9 milioni nel 2023. Olbia aveva registrato nel 2019 2,9 milioni di passeggeri mentre lo scorso anno il numero degli arrivi è salito a 3,2 milioni di persone; dal 2022 al 2023 a Olbia l’incremento è stato più contenuto, cioè del 3,7%, mentre è Cagliari ha mostrare il dato più alto (10,4%). Cala invece Alghero, con meno di 1,5 milioni di passeggeri nel 2023 e una riduzione del 2,3% degli arrivi rispetto al 2022, mentre rispetto al 2019 ha segnato una crescita del 7,7%. Da evidenziare la performance particolarmente positiva delle rotte internazionali: a Olbia sono arrivati a 1,42 milioni di passeggeri (13,9% nel 2023) superando Cagliari, mentre risulta in calo il dato domestico (-3%). Ad Alghero la situazione è inversa, in quanto il traffico internazionale ha registrato una decrescita del 10% sui collegamenti. [post_title] => Sardegna: il traffico internazionale dell'aeroporto di Olbia cresce a doppia cifra sul 2019 [post_date] => 2024-04-17T09:43:01+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713346981000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465096 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Ethiopian Airlines Group ha compiuto 78 anni e ha celebrato la ricorrenza con un volo con la partecipazione del ceo, Mesfin Tassew, e del direttore commerciale, Lemma Yadecha sulla rotta per Il Cairo, che ha segnato l'inaugurazione del servizio internazionale della compagnia aerea. Una partecipazione che è andata oltre la mera presenza a bordo, con i due manager che hanno assolto alle mansioni di bordo, fornendo assistenza ai passeggeri durante le procedure di check-in e di imbarco, garantendo un'esperienza di viaggio senza interruzioni. «Questo evento simboleggia il nostro costante impegno nei confronti dei passeggeri e la nostra convinzione che la vera leadership risieda nel servire gli altri per primi - ha dichiarato Tassew -. Servire i nostri passeggeri su questo volo speciale per il Cairo non è solo un tributo al nostro primo servizio internazionale, ma una riconferma del nostro impegno verso l'etica della leadership al servizio. Dalle nostre umili origini nel 1946, siamo diventati il gigante dell'aviazione africana che siamo ora, pionieri dell'aviazione africana con l'introduzione di molte innovazioni nel settore dell'aviazione in Africa. E il nostro impegno non fa che rafforzarsi». «La nostra missione va oltre il trasporto - ha aggiunto Yadecha -. Ci sforziamo di promuovere un senso di unità e di appartenenza tra i nostri passeggeri, indipendentemente dal loro background o dal loro credo. Questo anniversario è una celebrazione dell'unità e della diversità. Calandoci nei panni del nostro personale di terra e di volo, onoriamo ogni individuo che ha fatto parte della nostra storia. Il nostro servizio di oggi è una promessa di eccellenza continua per tutti i nostri passeggeri".     [post_title] => Ethiopian Airlines compie 78 anni e celebra l'anniversario con un volo speciale [post_date] => 2024-04-09T09:40:33+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712655633000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464734 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'Arabia Saudita ha centrato un nuovo e significativo traguardo nella propria corsa allo sviluppo turistico: nel 2023, secondi dati preliminari della Banca Centrale Saudita, i visitatori stranieri hanno stabilito un nuovo record di spesa, raggiungendo i 36 miliardi di dollari (135 miliardi di Sar). La cifra rappresenta la spesa più alta dei visitatori stranieri nella storia del Regno, con una crescita del 42,8% rispetto al 2022. Questa storica impennata della spesa è emblematica degli sforzi sostenuti dall'Arabia Saudita per rafforzare l'industria turistica: lo scorso anno il paese è emerso come leader sulla scena del turismo globale. Ha guidato la classifica del turismo delle Nazioni Unite per il tasso di crescita dei turisti internazionali rispetto al 2019, con un incremento del 56%. Secondo il Tourism Barometer dell'Unwto di gennaio 2024, sempre lo scorso anno, gli arrivi turistici del Regno nel 2023 sono aumentati del 156% rispetto al 2019. [post_title] => Arabia Saudita: la spesa dei turisti stranieri raggiunge per la prima volta i 36 mld di dollari [post_date] => 2024-04-02T15:18:48+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712071128000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464693 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Grecia consolida ulteriormente la progressiva e costante ripresa che ha caratterizzato gli anni post pandemia: nel 2023 gli arrivi internazionali e le entrate turistiche sono aumentati, rispettivamente, del 4% e del 12% rispetto al 2019. Se confrontato con il 2022 il traffico turistico in entrata in Grecia è aumentato del 17,6% e ha raggiunto circa i 32,7 milioni di viaggiatori, rispetto ai 27,8 milioni del 2022; le entrate dei viaggi lo scorso anno hanno registrato un aumento del 15,7% rispetto al 2022 e sono state pari a 20,460 miliardi di euro. Secondo l'Insete - l'unità di ricerca della Greek Tourism Confederation - avendo definitivamente superato le cifre del 2019, il 2023 è ora il nuovo anno di riferimento per l'andamento del turismo in Grecia. La recente analisi evidenza che nel 2023 gli arrivi aerei internazionali hanno raggiunto quota 24,1 milioni, con un aumento di 2,5 milioni (+11,8%) rispetto al 2022. Gli aeroporti di Atene e Salonicco hanno registrato una crescita significativa degli arrivi, rispettivamente del 27,4% e del 19,4% nel 2023 rispetto al 2022. Entrambi gli scali hanno registrato una crescita impressionante, soprattutto nel primo trimestre del 2023, rispetto al primo trimestre del 2022, quando erano ancora in vigore le restrizioni di viaggio dovute alla Covid-19. Gli arrivi internazionali su strada hanno raggiunto i 10,4 milioni, rispetto agli 8,0 milioni del periodo gennaio-dicembre 2022, registrando un aumento significativo di 2,4 milioni (+30,4%). Performance da record per crociere e traghetti, sulle rotte dell'Adriatico, che hanno superato tutti i numeri degli anni passati in termini di arrivi di passeggeri: il totale degli arrivi di navi da crociera nei 49 porti greci ha così raggiunto quota 5.230 e il numero di passeggeri ha toccato i 7 milioni, con un aumento di 450 arrivi di navi (+9%) e un incremento di 2,4 milioni di passeggeri (+51%) rispetto al 2022. Infine, in termini di entrate, che si sono attestate a circa 20,4 milioni di euro per una crescita del 15,7% rispetto al 2022, l'istituto di ricerca mostra che l'11,5% è da attribuirsi ai residenti nei Paesi dell'Unione europea: in particolare, le entrate dalla Germania sono aumentate del 9,5%, raggiungendo circa 3,56 milioni di euro, mentre quelle dalla Francia sono aumentate dell'11,6%, raggiungendo circa 1,42 milioni di euro. Dai Paesi al di fuori dell'Ue le entrate dal Regno Unito sono aumentate del 5,8% (3,3 milioni di euro) e quelle dagli Stati Uniti del 14% (1,36 milioni di euro).  [post_title] => Grecia avanti tutta rispetto al 2019: boom del traffico crocieristico [post_date] => 2024-04-02T11:40:05+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712058005000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464167 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Parkhotel Laurin è un hotel storico che sorge nel centro di Bolzano. Nato nel 1910 a opera di Franz Staffler, viene gestito dalla terza generazione dalla famiglia. "Gli Staffler vivono a Bolzano: sono molto presenti e si affidano agli esperti per condurre l’hotel - racconta Joanna Becker-Birck, director pr & communication di WorldHotels -. Riescono a creare una connessione emozionale tra gli ospiti e l’hotel. Proprio per preservare nel tempo la propria storia e conservare una bellezza che è un’espressione individuale del concetto di luxury, il Parkhotel Laurin è quindi entrato a far parte del brand Elite di WorldHotels: una collection nata in Germania per aiutare le persone a prenotare alberghi in tutto il mondo e cresciuta nel tempo, sempre con l’obiettivo di mettere in evidenza l’identità di hotel unici come il Laurin. Un concept ben rappresentato per esempio dal bar della struttura bolzanina, con le sue pareti affrescate già nel 1911 da Bruno Goldschmitt per raccontare la storia del triste amore di Laurin, il re dei nani". I WorldHotels, di cui fa parte il Parkhotel Laurin, sono 270 nel mondo. Si trovano per lo più in Europa, in Olanda, Germania, Italia, Francia e Gran Bretagna, ma il brand sta crescendo anche in Africa e in Georgia, una nuova area da scoprire. Dal 2019 il marchio fa parte di Bwh Hotel Group. «Abbiamo 170 hotel in Italia e 4.300 nel mondo, divisi in 19 brand che vanno dall’upper-scale come i Worldhotels fino al segmento più economy-comfort e long-stay - spiega infatti Federica Angelucci, director of data pricing & revenue strategy di Bwh Hotels Italia & Malta - Oggi in Italia abbiamo cinque WorldHotels: due a Milano con il Cristoforo Colombo e il Casati 18. Ci sono poi il Mulino a Firenze (WorldHotel Crafted), il Risorgimento Resort a Lecce e appunto il Parkhotel Laurin a Bolzano, entrambi WorldHotels Elite. Queste strutture coprono il segmento upper-scale". Bwh, nato nel 1946 negli Stati Uniti come collegamento informale tra diversi hotel, negli anni si è evoluto e diffuso in tutto il mondo e già nel 1980 contava 2.654 hotel e resort. Nell’82 anche l’Italia è entrata a far parte della grande famiglia. [post_title] => Parkhotel Laurin Bolzano: con WorldHotels e Bwh per raccontare storia, identità ed evoluzione [post_date] => 2024-03-25T11:55:02+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711367702000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463478 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022). Discorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022). Pambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022). [post_title] => Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's [post_date] => 2024-03-14T13:32:42+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710423162000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463318 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Venticinque itinerari in tutti e cinque i continenti, 146 partenze esclusive con accompagnatore dall’Italia. Guiness Travel lancia il prodotto Young e chiude così il cerchio della programmazione 2024-2025. La nuova linea si rivolge alla fascia di età compresa tra i 25 e i 45 anni, nonché ai viaggiatori attivi, curiosi e intraprendenti, amanti dei grandi classici, ma aperti anche alle suggestioni dell’off-road. Il prodotto Young mantiene in particolare lo stesso dna degli itinerari classici Guiness, garantendo servizi di livello 4/5 stelle, voli operati dalle migliori compagnie di bandiera, la presenza dell’accompagnatore sempre al seguito in partenza dall’Italia, guide professioniste parlanti la nostra lingua in loco, l’assistenza h24 di Guiness e la riprotezione totale, anche se dovuta a cause di forza maggiore. “Continuiamo a costruire un prodotto completo, senza scorporare il pacchetto voli da quello del tour, in linea con quella che è e resterà la nostra filosofia di viaggio - spiega Michele Mosca, product manager Guiness -: dallo ziplining nelle foreste di Ko Samui ai falò con i Tuareg sotto il cielo stellato nel deserto, dalle sedute di Muay- Thai in Thailandia alle degustazioni di tapas in Galizia, passando per danze indonesiane e snorkeling nei fondali marini più belli del pianeta, sono davvero tanti i momenti wow a bordo degli itinerari Young". La proposta Young sarà annunciata in esclusiva all’interno della conferenza in programma venerdì alle 13 in Bmt, durante la quale si parlerà di tutte le novità introdotte dal to: 20 volumi monografici cartacei e digitali oltre al catalogo generale, l’aumento delle destinazioni e degli itinerari, roadhsow ed eventi di formazione in presenza e online per la rete trade, come il webinar Guiness Lounge tuttora in corso.   [post_title] => Guiness Travel lancia la linea Young dedicata a chi ha tra i 25 e i 45 anni [post_date] => 2024-03-13T09:27:25+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710322045000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 463316 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Parte con il vento in poppa la Clia Cruise Week di Genova con oltre 2 mila partecipanti, 150 speaker, 120 stand, 180 aziende espositrici, 220 manager delle compagnie crocieristiche tra cui 80 buyers. La settimana europea della crociera, organizzata da Clia in collaborazione con regione Liguria, comune di Genova, Autorità portuale del mar Ligure Occidentale e Camera di commercio di Genova, è in corso nella città della Lanterna fino al 14 marzo al padiglione Jean Nouvel della fiera cittadina. Una grande manifestazione della crocieristica, dove sono riuniti ministri italiani e stranieri, i ceo di tutte le principali compagnie, istituzioni e autorità internazionali, stakeholder del comparto, della cantieristica e centinaia di fornitori, proprio nel momento in cui il settore può guardare con ottimismo al futuro. Le previsioni di Clia indicano che nel 2024 in Italia si potrebbe superare la quota di 14 milioni di passeggeri movimentati: la conferma che il Belpaese si pone come principale meta europea. Inoltre, i 60 porti crocieristici della Penisola registreranno oltre 5.200 approdi.  Nel 2022 il settore ha generato in Europa 56,4 miliardi di euro, di cui 15,6 miliardi in Italia. Nei prossimi cinque anni le compagnie spenderanno 34 miliardi di euro per il varo di 55 nuove navi. Il 98% di questi investimenti avverrà in Europa (per 52 navi, pari a investimenti delle compagnie di 33,1 miliardi). E da qui al 2028 i cantieri italiani costruiranno la metà delle navi da crociera del mondo, per un investimento complessivo di circa 20 miliardi, e una ricaduta economica totale superiore agli 80 miliardi. Per quanto riguarda il sistema di alimentazione delle nuove navi, 36 delle 55 unità in costruzione saranno alimentate a gnl (più sette a metanolo, o in grado di usarlo). Un sorpasso nei confronti dei carburanti tradizionali che è già in corso, tanto che delle 12 navi delle compagnie appartenenti a Clia in consegna quest’anno, sei saranno a lng e altrettante a carburante tradizionale. Negli anni a venire il rapporto migliorerà: nel 2025 11 a gnl e nove a carburante tradizionale, poi sei a tre nel 2026. Infine, cinque a uno nel 2027 «Questo evento rappresenta una grande scommessa vinta sia per Genova che per l’Italia - commenta  Pierfrancesco Vago, executive chairman Msc Cruises e chairman Clia Europe -. Da qui il gotha della crocieristica internazionale definirà infatti gli scenari dell’intero settore per gli anni a venire. Le crociere sono un comparto molto importante, in cui l’Italia è leader in Europa e le cui ricadute hanno un forte impatto sia turistico sia economico. Lo sviluppo di tale settore diventa così un elemento cruciale per lo sviluppo di tecnologie all’avanguardia, per la crescita dei territori e per l’occupazione». «Siamo estremamente orgogliosi di accogliere a Genova un evento di tale portata – sostiene il sindaco di Genova, Marco Bucci –. E questa settimana, la nostra città si è trasformata nella capitale internazionale delle crociere, con migliaia di persone arrivate da ogni parte del mondo. La nostra città si pone al centro di una delle industrie turistiche più dinamiche e in rapida crescita, grazie alla capacità di saper sfruttare appieno la sua posizione strategica e il suo potenziale come destinazione crocieristica. La Clia Cruise Week rappresenta un'occasione unica per mettere in contatto gli operatori internazionali, le istituzioni, i fornitori e gli stakeholder del comparto».       [post_title] => Clia Cruise Week: a Genova 2 mila partecipanti e 180 espositori. Focus sulla transizione ambientale [post_date] => 2024-03-13T09:04:37+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1710320677000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462279 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Quasi sette punti percentuali guadagnati in dieci anni. Complice anche la diminuzione dell'offerta complessiva registrata a seguito dell'epidemia, ma merito soprattutto del dinamismo di mercato dimostrato dall'ospitalità italiana, cresce il tasso di penetrazione dei brand di catena nella nostra Penisola. Lo rivela il time-lapse realizzato da Thrends, che da ormai due lustri pubblica semestralmente il proprio Chains Monitor Italy. Nell'ultima decade il comparto ha insomma intrapreso una decisa evoluzione nei modelli di sviluppo e crescita, più decisa di quanto direttamente visibile a livello immobiliare, con un consolidamento sempre più marcato e vicino a dinamiche europee e dei mercati anglosassoni. In massima sintesi, dal 2013 al 2023 gli hotel di catena sono passati da poco oltre 1.300 a 2.200 (+65%), mentre le camere da 146 mila a oltre 216 mila (+48%). Il tasso di penetrazione delle catene alberghiere (in termini di stanze) è quindi passato dal 13,4% del 2013, valore molto modesto a confronto con le dinamiche di altri player mondiali del turismo, al 20,1% di oggi. Un'evoluzione che dimostra anche come le catene abbiano iniziato ad accettare strutture di portata più ridotta, caratteristica peculiare del panorama immobiliare italiano: la dimensione media degli hotel brandizzati è infatti passata dalle 110 camere del 2013 alle 99 di oggi; un notevole abbassamento della soglia minima, dovuto al proliferare dei brand lifestyle, meno rigidi in termini dimensionali e quindi più adatti al tessuto immobiliare e ricettivo nazionale. Tra tre anni arriveremo al 22% delle camere “Il tasso di penetrazione delle catene in Italia è ancora tra i più bassi in Europa - spiega la senior analyst di Thrends, Irina Hernández -. Tuttavia, da un lato l’interesse degli investitori internazionali verso il nostro paese, soprattutto nel segmento luxury, e dall’altro la diminuzione delle camere di hotel in Italia, porterà molto probabilmente la presenza delle catene alberghiere nel Paese dall'attuale 20,1% a oltre il 22% tra tre anni, con una conseguente accelerazione del processo di consolidamento del mercato”. D'altra parte, i brand (soprattutto quelli internazionali) continuano a dare priorità alle prime quattro città italiane, essendo infatti Roma, Milano, Venezia e Firenze le destinazioni con il maggior numero di alberghi di catena (il 39% del totale). La pressione dei player globali sull’Italia non è mai stata così evidente: alla chiusura del censimento si contano 155 marchi internazionali presenti in Italia, contro i 75 di appena dieci anni fa, per una crescita del 100%. I gruppi con il maggior numero di hotel sono in particolare Bwh, Accor, Marriott International, B&B Hotels e Minor Hotels, che detengono il 19% degli alberghi brandizzati nel nostro paese. Le prime tre catene domestiche (per numero di hotel) sono invece Gruppo Una, Apogia Hotels e Iti Hotels. Cresce l'interesse degli investitori internazionali per i gruppi domestici Nel dettaglio, le compagnie alberghiere presenti sul suolo italiano sono passate da 138 a 270 (per gruppo, Thrends intende da sempre qualsiasi operatore che gestisca almeno cinque strutture con uno o più marchi differenti, ndr). Di questi, oggi, il 73% sono realtà domestiche, verso le quali negli ultimi anni, anche grazie al ricambio generazionale, è crescente l’interesse da parte degli investitori esteri. Sono infatti diverse le operazioni di vendita o joint venture tra fondi di investimento o altre catene internazionali e i gruppi italiani. Tra le ultime, ricordiamo l’acquisizione del 75% di Mira Hotels & Resorts da parte di Dsr Hotel Holding; l’acquisizione del 100% di Baglioni Hotels da parte della catena messicana Palace Resorts; la joint venture tra il gruppo Pellicano e la società di asset management paneuropea Aermont Capital. Nei prossimi anni (2024-2027) è inoltre in programma lo sviluppo e/o affiliazione di 232 hotel, di cui il 68% appartenenti a gruppi internazionali. Di questi, cinque riguardano strutture del segmento economy, 35 del midscale, 83 dell'upscale e 93 del luxury. Di 16 nuovi sviluppi non si conosce invece ancora il futuro posizionamento. Il 32% delle nuove aperture è rappresentato da hotel che entreranno a far parte di una catena domestica, mentre il restante 68% apparterrà a catene internazionali: il 32% americane, il 16% francesi, l’8% spagnole. Focus sulle Big 4 ma spunta anche per Napoli Le regioni che vedranno il maggior numero di nuove aperture sono la Lombardia (21%), il Lazio (20%), il Veneto (12%) e la Toscana (9%). Le prime cinque destinazioni per numero di hotel in pipeline sono invece Roma (18%), Milano (10%), Venezia (6%), Firenze (6%) e Napoli (3%). Per quanto riguarda la tipologia di destinazione, il 39% degli hotel sarà localizzato in città d’arte, il 22% in destinazioni leisure, il 15% in mete sun & beach e l’11% in location business. Il 21% degli hotel in pipeline, infine, sarà marchiato da Marriott International, Accor e Radisson Hotel Group.   [post_title] => Thrends: le camere di catena in Italia sfondano la soglia del 20% [post_date] => 2024-02-27T09:32:20+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709026340000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1546" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":36,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":62,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465694","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’aeroporto di Olbia è saldamente alla guida della crescita degli scali sardi: nel 2023 ha infatti registrato un incremento del 10,9% dei passeggeri rispetto al 2019. E’ l’unico aeroporto della Sardegna a registrare un valore così positivo in termini percentuali rispetto al periodo pre-Covid.\r\n\r\nA Cagliari la crescita rispetto al 2019 è stata del +2,6%, ma il dato è molto positivo nel confronto fra 2022 e 2023, dove l’incremento è stato del 10,4%. In Sardegna si è passati da 4,7 milioni di passeggeri a quasi 4,9 milioni nel 2023.\r\n\r\nOlbia aveva registrato nel 2019 2,9 milioni di passeggeri mentre lo scorso anno il numero degli arrivi è salito a 3,2 milioni di persone; dal 2022 al 2023 a Olbia l’incremento è stato più contenuto, cioè del 3,7%, mentre è Cagliari ha mostrare il dato più alto (10,4%). Cala invece Alghero, con meno di 1,5 milioni di passeggeri nel 2023 e una riduzione del 2,3% degli arrivi rispetto al 2022, mentre rispetto al 2019 ha segnato una crescita del 7,7%.\r\n\r\nDa evidenziare la performance particolarmente positiva delle rotte internazionali: a Olbia sono arrivati a 1,42 milioni di passeggeri (13,9% nel 2023) superando Cagliari, mentre risulta in calo il dato domestico (-3%). Ad Alghero la situazione è inversa, in quanto il traffico internazionale ha registrato una decrescita del 10% sui collegamenti.","post_title":"Sardegna: il traffico internazionale dell'aeroporto di Olbia cresce a doppia cifra sul 2019","post_date":"2024-04-17T09:43:01+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713346981000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465096","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Ethiopian Airlines Group ha compiuto 78 anni e ha celebrato la ricorrenza con un volo con la partecipazione del ceo, Mesfin Tassew, e del direttore commerciale, Lemma Yadecha sulla rotta per Il Cairo, che ha segnato l'inaugurazione del servizio internazionale della compagnia aerea. Una partecipazione che è andata oltre la mera presenza a bordo, con i due manager che hanno assolto alle mansioni di bordo, fornendo assistenza ai passeggeri durante le procedure di check-in e di imbarco, garantendo un'esperienza di viaggio senza interruzioni.\r\n\r\n«Questo evento simboleggia il nostro costante impegno nei confronti dei passeggeri e la nostra convinzione che la vera leadership risieda nel servire gli altri per primi - ha dichiarato Tassew -. Servire i nostri passeggeri su questo volo speciale per il Cairo non è solo un tributo al nostro primo servizio internazionale, ma una riconferma del nostro impegno verso l'etica della leadership al servizio. Dalle nostre umili origini nel 1946, siamo diventati il gigante dell'aviazione africana che siamo ora, pionieri dell'aviazione africana con l'introduzione di molte innovazioni nel settore dell'aviazione in Africa. E il nostro impegno non fa che rafforzarsi».\r\n\r\n«La nostra missione va oltre il trasporto - ha aggiunto Yadecha -. Ci sforziamo di promuovere un senso di unità e di appartenenza tra i nostri passeggeri, indipendentemente dal loro background o dal loro credo. Questo anniversario è una celebrazione dell'unità e della diversità. Calandoci nei panni del nostro personale di terra e di volo, onoriamo ogni individuo che ha fatto parte della nostra storia. Il nostro servizio di oggi è una promessa di eccellenza continua per tutti i nostri passeggeri\".\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Ethiopian Airlines compie 78 anni e celebra l'anniversario con un volo speciale","post_date":"2024-04-09T09:40:33+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712655633000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464734","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'Arabia Saudita ha centrato un nuovo e significativo traguardo nella propria corsa allo sviluppo turistico: nel 2023, secondi dati preliminari della Banca Centrale Saudita, i visitatori stranieri hanno stabilito un nuovo record di spesa, raggiungendo i 36 miliardi di dollari (135 miliardi di Sar). La cifra rappresenta la spesa più alta dei visitatori stranieri nella storia del Regno, con una crescita del 42,8% rispetto al 2022.\r\n\r\nQuesta storica impennata della spesa è emblematica degli sforzi sostenuti dall'Arabia Saudita per rafforzare l'industria turistica: lo scorso anno il paese è emerso come leader sulla scena del turismo globale. Ha guidato la classifica del turismo delle Nazioni Unite per il tasso di crescita dei turisti internazionali rispetto al 2019, con un incremento del 56%.\r\n\r\nSecondo il Tourism Barometer dell'Unwto di gennaio 2024, sempre lo scorso anno, gli arrivi turistici del Regno nel 2023 sono aumentati del 156% rispetto al 2019.","post_title":"Arabia Saudita: la spesa dei turisti stranieri raggiunge per la prima volta i 36 mld di dollari","post_date":"2024-04-02T15:18:48+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1712071128000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464693","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"La Grecia consolida ulteriormente la progressiva e costante ripresa che ha caratterizzato gli anni post pandemia: nel 2023 gli arrivi internazionali e le entrate turistiche sono aumentati, rispettivamente, del 4% e del 12% rispetto al 2019.\r\n\r\nSe confrontato con il 2022 il traffico turistico in entrata in Grecia è aumentato del 17,6% e ha raggiunto circa i 32,7 milioni di viaggiatori, rispetto ai 27,8 milioni del 2022; le entrate dei viaggi lo scorso anno hanno registrato un aumento del 15,7% rispetto al 2022 e sono state pari a 20,460 miliardi di euro.\r\n\r\nSecondo l'Insete - l'unità di ricerca della Greek Tourism Confederation - avendo definitivamente superato le cifre del 2019, il 2023 è ora il nuovo anno di riferimento per l'andamento del turismo in Grecia.\r\n\r\nLa recente analisi evidenza che nel 2023 gli arrivi aerei internazionali hanno raggiunto quota 24,1 milioni, con un aumento di 2,5 milioni (+11,8%) rispetto al 2022.\r\nGli aeroporti di Atene e Salonicco hanno registrato una crescita significativa degli arrivi, rispettivamente del 27,4% e del 19,4% nel 2023 rispetto al 2022. Entrambi gli scali hanno registrato una crescita impressionante, soprattutto nel primo trimestre del 2023, rispetto al primo trimestre del 2022, quando erano ancora in vigore le restrizioni di viaggio dovute alla Covid-19.\r\n\r\nGli arrivi internazionali su strada hanno raggiunto i 10,4 milioni, rispetto agli 8,0 milioni del periodo gennaio-dicembre 2022, registrando un aumento significativo di 2,4 milioni (+30,4%).\r\n\r\nPerformance da record per crociere e traghetti, sulle rotte dell'Adriatico, che hanno superato tutti i numeri degli anni passati in termini di arrivi di passeggeri: il totale degli arrivi di navi da crociera nei 49 porti greci ha così raggiunto quota 5.230 e il numero di passeggeri ha toccato i 7 milioni, con un aumento di 450 arrivi di navi (+9%) e un incremento di 2,4 milioni di passeggeri (+51%) rispetto al 2022.\r\n\r\nInfine, in termini di entrate, che si sono attestate a circa 20,4 milioni di euro per una crescita del 15,7% rispetto al 2022, l'istituto di ricerca mostra che l'11,5% è da attribuirsi ai residenti nei Paesi dell'Unione europea: in particolare, le entrate dalla Germania sono aumentate del 9,5%, raggiungendo circa 3,56 milioni di euro, mentre quelle dalla Francia sono aumentate dell'11,6%, raggiungendo circa 1,42 milioni di euro.\r\nDai Paesi al di fuori dell'Ue le entrate dal Regno Unito sono aumentate del 5,8% (3,3 milioni di euro) e quelle dagli Stati Uniti del 14% (1,36 milioni di euro). ","post_title":"Grecia avanti tutta rispetto al 2019: boom del traffico crocieristico","post_date":"2024-04-02T11:40:05+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1712058005000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464167","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Parkhotel Laurin è un hotel storico che sorge nel centro di Bolzano. Nato nel 1910 a opera di Franz Staffler, viene gestito dalla terza generazione dalla famiglia. \"Gli Staffler vivono a Bolzano: sono molto presenti e si affidano agli esperti per condurre l’hotel - racconta Joanna Becker-Birck, director pr & communication di WorldHotels -. Riescono a creare una connessione emozionale tra gli ospiti e l’hotel. Proprio per preservare nel tempo la propria storia e conservare una bellezza che è un’espressione individuale del concetto di luxury, il Parkhotel Laurin è quindi entrato a far parte del brand Elite di WorldHotels: una collection nata in Germania per aiutare le persone a prenotare alberghi in tutto il mondo e cresciuta nel tempo, sempre con l’obiettivo di mettere in evidenza l’identità di hotel unici come il Laurin. Un concept ben rappresentato per esempio dal bar della struttura bolzanina, con le sue pareti affrescate già nel 1911 da Bruno Goldschmitt per raccontare la storia del triste amore di Laurin, il re dei nani\". \r\nI WorldHotels, di cui fa parte il Parkhotel Laurin, sono 270 nel mondo. Si trovano per lo più in Europa, in Olanda, Germania, Italia, Francia e Gran Bretagna, ma il brand sta crescendo anche in Africa e in Georgia, una nuova area da scoprire. Dal 2019 il marchio fa parte di Bwh Hotel Group. «Abbiamo 170 hotel in Italia e 4.300 nel mondo, divisi in 19 brand che vanno dall’upper-scale come i Worldhotels fino al segmento più economy-comfort e long-stay - spiega infatti Federica Angelucci, director of data pricing & revenue strategy di Bwh Hotels Italia & Malta - Oggi in Italia abbiamo cinque WorldHotels: due a Milano con il Cristoforo Colombo e il Casati 18. Ci sono poi il Mulino a Firenze (WorldHotel Crafted), il Risorgimento Resort a Lecce e appunto il Parkhotel Laurin a Bolzano, entrambi WorldHotels Elite. Queste strutture coprono il segmento upper-scale\". \r\nBwh, nato nel 1946 negli Stati Uniti come collegamento informale tra diversi hotel, negli anni si è evoluto e diffuso in tutto il mondo e già nel 1980 contava 2.654 hotel e resort. Nell’82 anche l’Italia è entrata a far parte della grande famiglia.\r\n","post_title":"Parkhotel Laurin Bolzano: con WorldHotels e Bwh per raccontare storia, identità ed evoluzione","post_date":"2024-03-25T11:55:02+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1711367702000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463478","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si consolidano le top 5 delle cinque principali aziende italiane per fatturato nei settore dell'ospitalità e del tour operating. Lo rivela il tradizionale lavoro di analisi svolto da Pambianco e presentato ieri alla Borsa di Milano, in occasione della seconda edizione dell'Hotellerie Summit. Per quanto riguarda in particolare le imprese del turismo organizzato, a svettare su tutte nel 2023 si è confermata come prevedibile la divisione tour operating di Alpitour che ha chiuso l'anno fiscale il 31 ottobre a 1,361 miliardi di euro, appena un milione sotto i livelli pre-Covid del 2019, ma mettendo al contempo a segno una crescita del 57% rispetto al 2022. A seguire  ancora una volta Veratour a quota 230 milioni (249 mln nel 2019, 181 mln nel 2022), mentre sul gradino più basso del podio troviamo sempre Quality Group con 205 milioni (173 mln nel 2019; 111 mln nel 2022). L'unica variazione si è registrata tra la quarta e la quinta piazza, con il gruppo Nicolaus e Idee per Viaggiare che hanno invertito le rispettive posizioni: la compagnia pugliese è ora sopra con 148 milioni (91 mln nel 2019; 94 mln nel 2022), mentre IpV ha chiuso l'anno il 31 ottobre a 105 milioni (50 mln nel 2019; 97 mln nel 2022).\r\n\r\nDiscorso simile per quanto riguarda il segmento dell'ospitalità, che vede nuovamente Starhotels in cima alla classifica con 304 milioni di euro (216 mln nel 2019; 243 mln nel 2022), seguito sempre dal gruppo Una poco sopra i 200 milioni (124 mln nel 2019; 146 mln nel 2022), nonché da Th Resorts a quota 187 milioni (94 mln nel 2019; 136 mln nel 2022). Appena sotto il podio c'è ancora una volta la divisione alberghiera di Alpitour con 177 milioni di euro (107 mln nel 2019; 134 mln nel 2022 - chiusura bilanci al 31 ottobre). In fondo alla top 5 troviamo infine l'unica new entry 2023 delle due classifiche: il gruppo Aeroviaggi - Mangia's che con i suoi 117 milioni di euro ha scalzato dalla posizione Hnh Hospitality, capace comunque di raggiungere i 106 milioni (34 mln nel 2019; 71 mln nel 2022).\r\n\r\nPambianco ha poi introdotto quest'anno per la prima volta anche la top 5 dedicata agli operatori del benessere: una classifica dominata da Qc Spa of Wonders che ha chiuso il 2023 con un fatturato di 147 milioni (87 mln nel 2019; 105 mln nel 2022). Più lontano si trova Terme e Grandi Alberghi Sirmione a quota 44 milioni (40 mln sia nel 2019, sia nel 2022), tallonata da Lefay Resorts a 42 milioni (34 mln nel 2019; 37 mln nel 2022). Non molto distanti si piazzano anche la nuova holding creata nel 2021 da Massimo Caputi, Terme Italia, che ha raggiunto i 37 milioni (stesso livello del 2022), nonché Gb Thermae Hotels con 36 milioni di valore di produzione totale (37 mln nel 2019; 36 mln nel 2022).","post_title":"Pambianco: si consolidano le top 5 per fatturato di hotel e to in Italia. Unica novità Mangia's","post_date":"2024-03-14T13:32:42+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1710423162000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463318","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Venticinque itinerari in tutti e cinque i continenti, 146 partenze esclusive con accompagnatore dall’Italia. Guiness Travel lancia il prodotto Young e chiude così il cerchio della programmazione 2024-2025. La nuova linea si rivolge alla fascia di età compresa tra i 25 e i 45 anni, nonché ai viaggiatori attivi, curiosi e intraprendenti, amanti dei grandi classici, ma aperti anche alle suggestioni dell’off-road.\r\n\r\nIl prodotto Young mantiene in particolare lo stesso dna degli itinerari classici Guiness, garantendo servizi di livello 4/5 stelle, voli operati dalle migliori compagnie di bandiera, la presenza dell’accompagnatore sempre al seguito in partenza dall’Italia, guide professioniste parlanti la nostra lingua in loco, l’assistenza h24 di Guiness e la riprotezione totale, anche se dovuta a cause di forza maggiore.\r\n\r\n“Continuiamo a costruire un prodotto completo, senza scorporare il pacchetto voli da quello del tour, in linea con quella che è e resterà la nostra filosofia di viaggio - spiega Michele Mosca, product manager Guiness -: dallo ziplining nelle foreste di Ko Samui ai falò con i Tuareg sotto il cielo stellato nel deserto, dalle sedute di Muay- Thai in Thailandia alle degustazioni di tapas in Galizia, passando per danze indonesiane e snorkeling nei fondali marini più belli del pianeta, sono davvero tanti i momenti wow a bordo degli itinerari Young\".\r\n\r\nLa proposta Young sarà annunciata in esclusiva all’interno della conferenza in programma venerdì alle 13 in Bmt, durante la quale si parlerà di tutte le novità introdotte dal to: 20 volumi monografici cartacei e digitali oltre al catalogo generale, l’aumento delle destinazioni e degli itinerari, roadhsow ed eventi di formazione in presenza e online per la rete trade, come il webinar Guiness Lounge tuttora in corso.\r\n\r\n ","post_title":"Guiness Travel lancia la linea Young dedicata a chi ha tra i 25 e i 45 anni","post_date":"2024-03-13T09:27:25+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1710322045000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"463316","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Parte con il vento in poppa la Clia Cruise Week di Genova con oltre 2 mila partecipanti, 150 speaker, 120 stand, 180 aziende espositrici, 220 manager delle compagnie crocieristiche tra cui 80 buyers. La settimana europea della crociera, organizzata da Clia in collaborazione con regione Liguria, comune di Genova, Autorità portuale del mar Ligure Occidentale e Camera di commercio di Genova, è in corso nella città della Lanterna fino al 14 marzo al padiglione Jean Nouvel della fiera cittadina. Una grande manifestazione della crocieristica, dove sono riuniti ministri italiani e stranieri, i ceo di tutte le principali compagnie, istituzioni e autorità internazionali, stakeholder del comparto, della cantieristica e centinaia di fornitori, proprio nel momento in cui il settore può guardare con ottimismo al futuro.\r\n\r\nLe previsioni di Clia indicano che nel 2024 in Italia si potrebbe superare la quota di 14 milioni di passeggeri movimentati: la conferma che il Belpaese si pone come principale meta europea. Inoltre, i 60 porti crocieristici della Penisola registreranno oltre 5.200 approdi.  Nel 2022 il settore ha generato in Europa 56,4 miliardi di euro, di cui 15,6 miliardi in Italia. Nei prossimi cinque anni le compagnie spenderanno 34 miliardi di euro per il varo di 55 nuove navi. Il 98% di questi investimenti avverrà in Europa (per 52 navi, pari a investimenti delle compagnie di 33,1 miliardi). E da qui al 2028 i cantieri italiani costruiranno la metà delle navi da crociera del mondo, per un investimento complessivo di circa 20 miliardi, e una ricaduta economica totale superiore agli 80 miliardi.\r\n\r\nPer quanto riguarda il sistema di alimentazione delle nuove navi, 36 delle 55 unità in costruzione saranno alimentate a gnl (più sette a metanolo, o in grado di usarlo). Un sorpasso nei confronti dei carburanti tradizionali che è già in corso, tanto che delle 12 navi delle compagnie appartenenti a Clia in consegna quest’anno, sei saranno a lng e altrettante a carburante tradizionale. Negli anni a venire il rapporto migliorerà: nel 2025 11 a gnl e nove a carburante tradizionale, poi sei a tre nel 2026. Infine, cinque a uno nel 2027\r\n\r\n«Questo evento rappresenta una grande scommessa vinta sia per Genova che per l’Italia - commenta  Pierfrancesco Vago, executive chairman Msc Cruises e chairman Clia Europe -. Da qui il gotha della crocieristica internazionale definirà infatti gli scenari dell’intero settore per gli anni a venire. Le crociere sono un comparto molto importante, in cui l’Italia è leader in Europa e le cui ricadute hanno un forte impatto sia turistico sia economico. Lo sviluppo di tale settore diventa così un elemento cruciale per lo sviluppo di tecnologie all’avanguardia, per la crescita dei territori e per l’occupazione».\r\n\r\n«Siamo estremamente orgogliosi di accogliere a Genova un evento di tale portata – sostiene il sindaco di Genova, Marco Bucci –. E questa settimana, la nostra città si è trasformata nella capitale internazionale delle crociere, con migliaia di persone arrivate da ogni parte del mondo. La nostra città si pone al centro di una delle industrie turistiche più dinamiche e in rapida crescita, grazie alla capacità di saper sfruttare appieno la sua posizione strategica e il suo potenziale come destinazione crocieristica. La Clia Cruise Week rappresenta un'occasione unica per mettere in contatto gli operatori internazionali, le istituzioni, i fornitori e gli stakeholder del comparto».\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Clia Cruise Week: a Genova 2 mila partecipanti e 180 espositori. Focus sulla transizione ambientale","post_date":"2024-03-13T09:04:37+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1710320677000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462279","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Quasi sette punti percentuali guadagnati in dieci anni. Complice anche la diminuzione dell'offerta complessiva registrata a seguito dell'epidemia, ma merito soprattutto del dinamismo di mercato dimostrato dall'ospitalità italiana, cresce il tasso di penetrazione dei brand di catena nella nostra Penisola. Lo rivela il time-lapse realizzato da Thrends, che da ormai due lustri pubblica semestralmente il proprio Chains Monitor Italy.\r\n\r\nNell'ultima decade il comparto ha insomma intrapreso una decisa evoluzione nei modelli di sviluppo e crescita, più decisa di quanto direttamente visibile a livello immobiliare, con un consolidamento sempre più marcato e vicino a dinamiche europee e dei mercati anglosassoni. In massima sintesi, dal 2013 al 2023 gli hotel di catena sono passati da poco oltre 1.300 a 2.200 (+65%), mentre le camere da 146 mila a oltre 216 mila (+48%). Il tasso di penetrazione delle catene alberghiere (in termini di stanze) è quindi passato dal 13,4% del 2013, valore molto modesto a confronto con le dinamiche di altri player mondiali del turismo, al 20,1% di oggi. Un'evoluzione che dimostra anche come le catene abbiano iniziato ad accettare strutture di portata più ridotta, caratteristica peculiare del panorama immobiliare italiano: la dimensione media degli hotel brandizzati è infatti passata dalle 110 camere del 2013 alle 99 di oggi; un notevole abbassamento della soglia minima, dovuto al proliferare dei brand lifestyle, meno rigidi in termini dimensionali e quindi più adatti al tessuto immobiliare e ricettivo nazionale.\r\n\r\nTra tre anni arriveremo al 22% delle camere\r\n\r\n“Il tasso di penetrazione delle catene in Italia è ancora tra i più bassi in Europa - spiega la senior analyst di Thrends, Irina Hernández -. Tuttavia, da un lato l’interesse degli investitori internazionali verso il nostro paese, soprattutto nel segmento luxury, e dall’altro la diminuzione delle camere di hotel in Italia, porterà molto probabilmente la presenza delle catene alberghiere nel Paese dall'attuale 20,1% a oltre il 22% tra tre anni, con una conseguente accelerazione del processo di consolidamento del mercato”.\r\n\r\nD'altra parte, i brand (soprattutto quelli internazionali) continuano a dare priorità alle prime quattro città italiane, essendo infatti Roma, Milano, Venezia e Firenze le destinazioni con il maggior numero di alberghi di catena (il 39% del totale). La pressione dei player globali sull’Italia non è mai stata così evidente: alla chiusura del censimento si contano 155 marchi internazionali presenti in Italia, contro i 75 di appena dieci anni fa, per una crescita del 100%. I gruppi con il maggior numero di hotel sono in particolare Bwh, Accor, Marriott International, B&B Hotels e Minor Hotels, che detengono il 19% degli alberghi brandizzati nel nostro paese. Le prime tre catene domestiche (per numero di hotel) sono invece Gruppo Una, Apogia Hotels e Iti Hotels.\r\n\r\nCresce l'interesse degli investitori internazionali per i gruppi domestici\r\n\r\nNel dettaglio, le compagnie alberghiere presenti sul suolo italiano sono passate da 138 a 270 (per gruppo, Thrends intende da sempre qualsiasi operatore che gestisca almeno cinque strutture con uno o più marchi differenti, ndr). Di questi, oggi, il 73% sono realtà domestiche, verso le quali negli ultimi anni, anche grazie al ricambio generazionale, è crescente l’interesse da parte degli investitori esteri. Sono infatti diverse le operazioni di vendita o joint venture tra fondi di investimento o altre catene internazionali e i gruppi italiani. Tra le ultime, ricordiamo l’acquisizione del 75% di Mira Hotels & Resorts da parte di Dsr Hotel Holding; l’acquisizione del 100% di Baglioni Hotels da parte della catena messicana Palace Resorts; la joint venture tra il gruppo Pellicano e la società di asset management paneuropea Aermont Capital.\r\n\r\nNei prossimi anni (2024-2027) è inoltre in programma lo sviluppo e/o affiliazione di 232 hotel, di cui il 68% appartenenti a gruppi internazionali. Di questi, cinque riguardano strutture del segmento economy, 35 del midscale, 83 dell'upscale e 93 del luxury. Di 16 nuovi sviluppi non si conosce invece ancora il futuro posizionamento. Il 32% delle nuove aperture è rappresentato da hotel che entreranno a far parte di una catena domestica, mentre il restante 68% apparterrà a catene internazionali: il 32% americane, il 16% francesi, l’8% spagnole.\r\n\r\nFocus sulle Big 4 ma spunta anche per Napoli\r\n\r\nLe regioni che vedranno il maggior numero di nuove aperture sono la Lombardia (21%), il Lazio (20%), il Veneto (12%) e la Toscana (9%).\r\nLe prime cinque destinazioni per numero di hotel in pipeline sono invece Roma (18%), Milano (10%), Venezia (6%), Firenze (6%) e Napoli (3%). Per quanto riguarda la tipologia di destinazione, il 39% degli hotel sarà localizzato in città d’arte, il 22% in destinazioni leisure, il 15% in mete sun & beach e l’11% in location business. Il 21% degli hotel in pipeline, infine, sarà marchiato da Marriott International, Accor e Radisson Hotel Group.\r\n\r\n ","post_title":"Thrends: le camere di catena in Italia sfondano la soglia del 20%","post_date":"2024-02-27T09:32:20+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709026340000]}]}}

Lascia un commento