1 March 2024

1239

[ 0 ]
Tipologia di annuncio:
Annuncio pubblicato da:
Telefono:
Email:
Provincia:
Comune:

Settore:
Mansione:


Testo dell'annuncio

Direttore tecnico agenzia di viaggio abilitato regione Lombardia offresi per copertura titolo ed eventuale collaborazione. Laura 338 9869182.


Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461508 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Sarà stato l'effetto inflazione o la forte ripresa dei viaggi outgoing, ma il rallentamento della domanda domestica non ha permesso nel 2023 agli arrivi nel ricettivo italiano di raggiungere ancora i livelli pre-Covid. E' la fotografia scattata dagli ultimi dati Istat così come stati riportati dal Sole 24 Ore. Le cifre si riferiscono in particolare al numero degli ospiti registrati l'anno scorso negli alberghi, negli alloggi per le vacanze e nei campeggi della Penisola (escludendo quindi le case private per gli affitti brevi, che non rientrano nell'analisi): un flusso che ha superato nel 2023 i 125 milioni di persone, per un incremento del 5,48% rispetto al 2022, ma senza appunto riuscire a raggiungere i livelli pre-Covid del 2019, quando si erano sorpassati i 131 milioni di ospiti. E a mancare all'appello sono stati soprattutto gli italiani (-2.08%), mentre i viaggiatori internazionali sono saliti del 14,7%. Un trend che ha invertito il tradizionale rapporto tra domanda domestica e straniera nelle strutture ricettive italiane, con la seconda che ha superato la prima. Ma che soprattutto è stato in grado di spingere i fatturati, visto che la spesa dei turisti stranieri aveva già superato i livelli del 2019 nei primi nove mesi dell'anno scorso (+24,5% secondo il Centro Studi Convindustria). Che però qualcosa non sia ancora del tutto a posto, lo testimonia il confronto con la solita Spagna. Nel paese iberico, infatti, il dato comparabile sugli arrivi racconta un'altra storia, con gli ospiti registrati nelle strutture ricettive della destinazione mediterranea che a novembre erano già oltre i livelli totali del 2019 di circa 4 milioni di arrivi, per un totale di quasi 139 milioni. [post_title] => Istat, turismo: gli arrivi in Italia non raggiungono ancora i livelli pre-Covid [post_date] => 2024-02-14T15:19:28+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707923968000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461225 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lumiwings rilancia da Foggia che, dal prossimo 11 marzo, sarà collegata con voli giornalieri a Milano e, subito dopo Pasqua, il martedì e giovedì è garantita l’andata e ritorno in giornata. La compagnia aerea è stata selezionata nel 2022 per operare dal “Gino Lisa” e, da settembre 2022, opera sullo scalo foggiano con Boeing 737-300 configurati a 139 posti. “Penso che la decisione presa da Lumiwings di aumentare le frequenze e successivamente di garantire l’andata e il ritorno in giornata – ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile – risponda appieno alle esigenze del territorio più volte manifestate dall’avvio delle attività operative del ‘Gino Lisa’. Questo primo anno, che possiamo definire per tutti di rodaggio e monitoraggio, è servito per comprendere appieno come intervenire per migliorare le connessioni tra Foggia e Milano. Noi di Aeroporti di Puglia, in sinergia con la Regione, abbiamo ascoltato le esigenze del mondo imprenditoriale e di quanti confidano in una ulteriore razionalizzazione dei collegamenti. Confido che da oggi si apra un nuovo percorso di sviluppo del Gino Lisa su basi più solide”. A far data dal prossimo 11 marzo, infatti, i voli sul sistema Milano saranno operati ogni giorno, venendo incontro a un’esigenza in più occasioni rappresentata dall’utenza. Ma non sarà questa l’unica novità. Dal successivo 2 aprile Lumiwings istituirà due frequenze settimanali, ogni martedì e giovedì, da Milano Bergamo che consentiranno la partenza e il rientro nella stessa giornata, con grande beneficio per una clientela business oriented e una migliore connettività con il Nord-Ovest. La concentrazione dei voli su Milano, peraltro con partenze al mattino presto, consentirà comode prosecuzioni su innumerevoli destinazioni internazionali e potrà rappresentare un migliore strumento in termini di mobilità area anche per quanti vorranno raggiungere, attraverso l’aeroporto di Foggia, le principali mete turistiche della provincia. [post_title] => Lumiwings: voli giornalieri sulla Foggia-Milano dall'11 marzo. Debutto su Bergamo [post_date] => 2024-02-09T12:33:53+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707482033000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460346 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Korean Air archivia il 2023 con un fatturato record di 11,3 miliardi di dollari e un utile operativo di 1,23 miliardi (non consolidati): quest'ultimo dato è superiore rispetto al risultato del 2019. L'utile operativo della compagnia aerea per il 2023 è aumentato su base annua del 10,9%, un tasso superiore alla media del settore. Il calo dell'utile operativo del quarto trimestre rispetto all'anno precedente è dovuto a un aumento delle retribuzioni del personale che comprendeva incentivi per il raggiungimento degli obiettivi annuali di performance e sicurezza. I ricavi annuali del settore passeggeri sono aumentati rispetto al 2019, grazie alla forte domanda di viaggi e alla maggiore richiesta di classi premium, nonostante la capacità abbia recuperato 'solo' l'80% dei livelli pre-pandemia. Nel settore cargo, sebbene i ricavi siano diminuiti a causa della ripresa della capacità di trasporto passeggeri e della normalizzazione del trasporto marittimo, è stato mantenuto un livello di redditività più elevato rispetto al 2019. Korean Air prevede che la domanda e la capacità passeggeri si riprenderanno completamente nel primo trimestre 2024: le stime indicano che la domanda di lungo raggio rimarrà robusta e che la domanda leisure aumenti durante l'alta stagione invernale. Korean Air massimizzerà i ricavi riprendendo le rotte e aumentando la capacità verso le destinazioni turistiche più popolari del Sud-est asiatico e del Giappone. [post_title] => Korean Air: domanda e capacità passeggeri verso il pieno recupero nel primo trimestre [post_date] => 2024-01-30T11:16:07+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706613367000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459657 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_443575" align="alignleft" width="300"] Alcune mobile home Human Company[/caption] Si fa sempre più stretto il legame tra la finanza e il mondo dell'open air italiano. Dopo le recenti indiscrezioni sul possibile cambio di partnership in casa Club del Sole, giungono ora altre voci riguardanti questa volta il gruppo Human Company, attualmente controllato al 100% dalla famiglia Cardini Vannucchi. Stando ai rumours, sempre raccolti dal Sole 24 Ore, l'operatore toscano sarebbe stato infatti messo nel mirino dagli statunitensi di Hines che, in joint venture con Clessidra, starebbe studiando il proprio ingresso nel capitale della società dell'open air, attiva anche nei segmenti degli ostelli e dei relais di campagna. L'operazione dovrebbe concludersi entro la fine del primo trimestre dell'anno e punterebbe al rafforzamento dell'organizzazione Human Company, nonché al suo ulteriore sviluppo. La compagnia toscana nata negli anni '80 come Ecv Group da una famiglia tradizionalmente legata all'industria tessile di Prato, ha chiuso il 2022 con un giro d'affari di 123 milioni di euro. Il gruppo conta oggi dieci village e camping in Toscana, Veneto, Lazio e Lussemburgo, a cui si aggiungono due ostelli 2.0 a marchio Plus Hostel a Firenze e a Praga, nonché la tenuta Palagina sulle colline del Chianti. Presente anche un format f&b chiamato Mercato Centrale, attualmente attivo a Firenze, Roma, Torino, a Milano e a Campi Bisenzio. [post_title] => Gli operatori finanziari Hines e Clessidra pronti a entrare nel capitale di Human Company [post_date] => 2024-01-18T12:50:47+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705582247000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458843 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L'aeroporto di Trapani ha concluso con 44.000 passeggeri il mese di dicembre, dato che porta ad archiviare il 2023 con un totale di 1.332.413 passeggeri: il numero rappresenta un nuovo massimo storico per lo scalo, dopo le difficoltà che hanno preceduto la pandemia e le restrizioni dovute al Covid tra il 2020 e il 2021. Di fatto era dal 2017 che Trapani non superava il milione di passeggeri. Rispetto al 2022 l’aumento del traffico è stato del +49%, +211% rispetto al 2021, +224% rispetto al il 2019. Secondo i dati elaborati dalla società di gestione, Airgest, l’83% del traffico totale si è registrato durante la stagione estiva (1.109.941 aprile- ottobre); il 30% è stato di tipo internazionale (399.262). Il picco passeggeri è stato registrato a luglio ed agosto, in parte anche per lo smistamento su Birgi di alcuni voli originariamente previsti per l’aeroporto di Catania, che per alcune settimane è stato costretto a ridurre sensibilmente la sua attività in seguito a un incendio che ha interessato la stazione aeroportuale etnea. Sedici le rotte internazionali su cui Airgest ha potuto contare per la summer 2023 (Charleroi, Bordeaux, Billund, Bratislava, Dusseldorf, Karlsue Baden- Baden, Francoforte, Malta, Manchester, Modlin, Porto, Riga, Siviglia, Stansted, Tolosa e Katowice). Le tratte domestiche sono state Bergamo, Bologna, Milano Malpensa, Napoli, Pescara, Pisa, Roma, Torino, Venezia (Treviso), Forlì e Pantelleria. [post_title] => L'aeroporto di Trapani conclude un 2023 da incorniciare con oltre 1,33 milioni di passeggeri [post_date] => 2024-01-04T10:46:49+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1704365209000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 458146 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il Marocco ha frantumato ogni precedente record di arrivi durante i primi 11 mesi del 2023, accogliendo 13,2 milioni di visitatori, ben oltre i 12,9 milioni registrati nel 2019. Secondo i dati del Ministero del Turismo, dell'Artigianato e dell'Economia, il Paese nordafricano non solo ha affrontato le sfide poste dalla pandemia globale e dal terremoto di Al Haouz dello scorso settembre, ma ha anche stabilito un nuovo punto di riferimento per la propria industria turistica, dimostrando una resilienza e un'attrattiva che ha conquistato i viaggiatori di tutto il mondo. Rispetto allo stesso periodo del 2022, la crescita si attesta a un più 36%; nel solo mese di novembre si è registrato un afflusso di circa un milione di turisti, con un incremento del 9% rispetto allo stesso mese del 2022. "Siamo entusiasti di questi risultati eccezionali, che non solo ci incoraggiano ma ci danno anche una motivazione in più per continuare a collaborare con tutti gli attori del settore - ha dichiarato la ministra del turismo, Fatim-Zahra Ammor -. L'impatto tangibile della roadmap turistica 2023-2026 è evidente e siamo sulla buona strada per superare l'obiettivo di 14 milioni di turisti entro la fine di dicembre 2023". In termini di entrate turistiche la performance 2023 si traduce in una crescita del 20% su base annua, con un traguardo di 8,7 miliardi di dollari per i primi dieci mesi di quest'anno, secondo l'aggiornamento di novembre dell'Office d'Echange (OC). [post_title] => Il Marocco supera ogni precedente record di arrivi: 13,2 mln di visitatori in 11 mesi [post_date] => 2023-12-15T09:46:10+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1702633570000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 457257 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Salgono a quota 129 le compagnie aeree cui è vietato solcare i cieli dell'Unione europea: la Commissione Ue ha infatti aggiornato l'elenco dei vettori soggetti a divieto operativo o restrizioni operative all'interno dell'Ue per il mancato rispetto degli standard di sicurezza internazionali. Fly Baghdad è stata aggiunta all'elenco a causa di problemi di sicurezza identificati dall'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza aerea (Easa). L'aggiornamento riflette anche la decisione di mantenere il divieto sui vettori aerei certificati in Nepal, date le continue preoccupazioni sulla sicurezza rilevate durante una visita di valutazione in Nepal a settembre. Nel dettaglio, l'elenco comprende 101 compagnie aeree certificate in 15 Stati, a causa dell'insufficiente supervisione della sicurezza da parte delle autorità aeronautiche di quegli stati; 22 compagnie aeree certificate in Russia, così come 6 compagnie aeree di altri Stati, sulla base di gravi carenze in termini di sicurezza rilevate: Air Zimbabwe (Zimbabwe), Avior Airlines (Venezuela), Blue Wing Airlines (Suriname), Iran Aseman Airlines (Iran), Fly Bagdad (Iraq) e Iraqi Airways (Iraq). Altre due compagnie sono soggette a restrizioni operative e possono volare verso la Ue solo utilizzando specifici tipi di aeromobili: Iran Air (Iran) e Air Koryo (Corea del Nord). [post_title] => Salgono a 129 le compagnie aeree bandite dai cieli dell'Unione europea [post_date] => 2023-12-01T11:18:31+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1701429511000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 456293 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] =>   Si è svolta a bordo della Seaview l’edizione 2023 di All Stars of The Sea di Msc Crociere. Nella mini crociera da Genova a Barcellona sono state ospitate oltre 600 agenzie di viaggio provenienti da tutta Italia, per un momento di confronto con focus sulla programmazione del 2024 e per festeggiare i risultati raggiunti. Nell’anno in corso Msc ha immesso sul mercato 7.800 cabine pari a un investimento di 3,5 miliardi di euro, con 15 porti di imbarco e una forza vendite di 40 promotori contrattualizzati su 7 mila adv. L’evento è stato l’occasione per premiare gli agenti che durante l’ultimo anno hanno performato meglio confermandosi partner fondamentali della compagnia. “Avrei voluto avere a bordo tutte le nostre agenzie per ringraziare personalmente anche chi ha venduto una sola crociera”, queste le parole del managing director Leonardo Massa: "Siamo partiti nel 2003 con 123 mila ospiti insieme agli agenti di viaggio. A fine anno supereremo i 4 milioni di passeggeri movimenti, sempre con gli agenti di viaggio. A distanza di 20 anni il mercato è cresciuto e continuerà a crescere. È un anno record non solo per Msc Crociere, ma per tutto il settore delle crociere”. Msc vanta in particolare vendite per l'80% in b2b e al 20% in b2c. Quest’anno gli italiani in crociera sono stati oltre 1 milione. C’è una grande opportunità di crescita: è in previsione la possibilità di raggiungere i 2 milioni di crocieristi nei prossimi cinque anni. “Avremo sempre più navi, più prodotti, più alternative di vacanza, con novità negli itinerari, nella durata, nei porti e nelle soste. E poiché l’alternativa non può più essere solo il Mediterraneo, occorrerà lavorare ancora per nuovi itinerari nel mondo, attraverso un rapporto sempre più stretto anche con le compagnie aeree”. Oggi Ita Airways, Neos, Qatar e Air Europa sono partner essenziali e strategici della flotta Msc. La crescita della compagnia è confermata inoltre dal recente ordine di due nuove navi della classe World ai cantieri francesi di Saint Nazaire e di una terza in opzione, che si aggiungono alle navi della serie Explora Journeys realizzate da Fincantieri. L’edizione 2023 di All Stars of the Sea ha però celebrato un anno record non solo per Msc, ma per tutto il settore delle crociere, che si conferma tra le soluzioni di viaggio preferite dagli italiani, come dichiarato da Massa. Riconoscimenti e premi sono andati agli agenti e ai partner che si sono distinti nelle diverse categorie. Tra tutti, i best producer sono stati Vivere e Viaggiare Pisa, Spaceland e Groupintown, che hanno totalizzato per Msc un fatturato di oltre 2 milioni di euro ciascuno. Tra i tour operator i riconoscimenti sono andati a Idee per Viaggiare, Naar e Going. Per il network si è distinto Gattinoni Group. Tra i social media, Cruise Topic, Crociere Gratis e Una Vita Viaggiando. In tema di online travel agency, Cruiseline, Crocierissime e Logitravel. Per la vendita del segmento lusso Yacht Club, Mgm, Punto nel Mondo e Zampino Viaggi. Nel world cruise, Dream & Travel, Viaggiare con Averno e Ticket Crociere.   [post_title] => I migliori partner Msc premiati durante la crociera All Star of the Seas [post_date] => 2023-11-17T14:42:02+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1700232122000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 456220 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Un notevole contributo. Definisce così l'apporto di Alpitour ai propri risultati consolidati al 30 settembre la Tamburi Investment Partners. Un giudizio estremamente positivo per il più grande operatore torinese, che nella relazione Tip viene tra l'altro citato nella primissima parte del comunicato. Frutto senz'altro del più che positivo andamento di una realtà "in forte crescita, che nel periodo ha consuntivato, per la prima volta nella sua storia, un primo semestre positivo a livello di ebitda e ha proseguito nel terzo trimestre (chiusosi a luglio) con ottime performance". Ma anche, viene da pensare, di uno sforzo comunicativo volto a presentare al meglio un asset che dallo scorso inizio ottobre è stato messo sul mercato. Le parole lusinghiere sulla più importante realtà del turismo organizzato italiano non finiscono peraltro qui: "I risultati economici raggiunti sino a luglio da Alpitour e gli ottimi dati preconsuntivi, inclusivi del periodo estivo, del quarto trimestre (chiuso al 30 ottobre e quindi non incluso nei risultati al 30 settembre di Tip) sono tali da consentire sia la previsione di un risultato estremamente positivo per l’esercizio in corso, sia una conferma della modifica strutturale, in positivo, grazie anche agli ingenti investimenti effettuati nel triennio precedente, oltre che al trend mondiale del turismo, sui suoi conti economici". In generale, sottolinea quindi il documento, "il gruppo Tip chiude i primi nove mesi del 2023 con un utile consolidato pro forma di 73,6 milioni di euro e con un patrimonio netto che raggiunge gli 1,29 miliardi, dopo distribuzioni di dividendi per 21,7 milioni e ulteriori acquisti di azioni proprie nel periodo per 15,6 milioni". Per quanto riguarda il prossimo futuro, infine, "noi, a meno di un allargamento dei conflitti bellici in essere o di altri eventi catastrofici, continuiamo a non vedere una forte recessione, neanche nella prima metà del 2024. Vediamo piuttosto un effetto rilevante del livello dei tassi di interesse, con banche centrali intenzionate a mantenerli elevati, con paesi costretti a emettere titoli in teoria a qualsiasi costo visto l’indebitamento accumulato e le difficoltà di rifinanziarlo e, non ultimo, con molte aziende nelle condizioni di non poter effettuare rimborsi a causa dell’espansione del circolante, dell’effetto economico dei tassi stessi e di una domanda meno dinamica. Con i tassi di interesse che permarranno più o meno ai livelli attuali per un po’ di tempo è perciò difficile che, in generale, i mercati finanziari crescano molto. Ci sarà però, assai probabilmente, una forte selezione perché chi potrà beneficiare della situazione lo farà. E pertanto le società poco indebitate riprenderanno ad accelerare la crescita, anche a livello di finanza straordinaria, sia per un più agevole accesso al credito, sia per una minore concorrenza da parte di chi faceva della leva finanziaria la principale chiave di sviluppo".   [post_title] => Tip: "Notevole il contributo" di Alpitour ai risultati dei primi tre trimestri [post_date] => 2023-11-16T13:13:45+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1700140425000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "1239" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":6,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":71,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461508","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Sarà stato l'effetto inflazione o la forte ripresa dei viaggi outgoing, ma il rallentamento della domanda domestica non ha permesso nel 2023 agli arrivi nel ricettivo italiano di raggiungere ancora i livelli pre-Covid. E' la fotografia scattata dagli ultimi dati Istat così come stati riportati dal Sole 24 Ore. Le cifre si riferiscono in particolare al numero degli ospiti registrati l'anno scorso negli alberghi, negli alloggi per le vacanze e nei campeggi della Penisola (escludendo quindi le case private per gli affitti brevi, che non rientrano nell'analisi): un flusso che ha superato nel 2023 i 125 milioni di persone, per un incremento del 5,48% rispetto al 2022, ma senza appunto riuscire a raggiungere i livelli pre-Covid del 2019, quando si erano sorpassati i 131 milioni di ospiti.\r\n\r\nE a mancare all'appello sono stati soprattutto gli italiani (-2.08%), mentre i viaggiatori internazionali sono saliti del 14,7%. Un trend che ha invertito il tradizionale rapporto tra domanda domestica e straniera nelle strutture ricettive italiane, con la seconda che ha superato la prima. Ma che soprattutto è stato in grado di spingere i fatturati, visto che la spesa dei turisti stranieri aveva già superato i livelli del 2019 nei primi nove mesi dell'anno scorso (+24,5% secondo il Centro Studi Convindustria). Che però qualcosa non sia ancora del tutto a posto, lo testimonia il confronto con la solita Spagna. Nel paese iberico, infatti, il dato comparabile sugli arrivi racconta un'altra storia, con gli ospiti registrati nelle strutture ricettive della destinazione mediterranea che a novembre erano già oltre i livelli totali del 2019 di circa 4 milioni di arrivi, per un totale di quasi 139 milioni.","post_title":"Istat, turismo: gli arrivi in Italia non raggiungono ancora i livelli pre-Covid","post_date":"2024-02-14T15:19:28+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707923968000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461225","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lumiwings rilancia da Foggia che, dal prossimo 11 marzo, sarà collegata con voli giornalieri a Milano e, subito dopo Pasqua, il martedì e giovedì è garantita l’andata e ritorno in giornata.\r\n\r\nLa compagnia aerea è stata selezionata nel 2022 per operare dal “Gino Lisa” e, da settembre 2022, opera sullo scalo foggiano con Boeing 737-300 configurati a 139 posti.\r\n\r\n“Penso che la decisione presa da Lumiwings di aumentare le frequenze e successivamente di garantire l’andata e il ritorno in giornata – ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile – risponda appieno alle esigenze del territorio più volte manifestate dall’avvio delle attività operative del ‘Gino Lisa’. Questo primo anno, che possiamo definire per tutti di rodaggio e monitoraggio, è servito per comprendere appieno come intervenire per migliorare le connessioni tra Foggia e Milano. Noi di Aeroporti di Puglia, in sinergia con la Regione, abbiamo ascoltato le esigenze del mondo imprenditoriale e di quanti confidano in una ulteriore razionalizzazione dei collegamenti. Confido che da oggi si apra un nuovo percorso di sviluppo del Gino Lisa su basi più solide”.\r\n\r\nA far data dal prossimo 11 marzo, infatti, i voli sul sistema Milano saranno operati ogni giorno, venendo incontro a un’esigenza in più occasioni rappresentata dall’utenza. Ma non sarà questa l’unica novità. Dal successivo 2 aprile Lumiwings istituirà due frequenze settimanali, ogni martedì e giovedì, da Milano Bergamo che consentiranno la partenza e il rientro nella stessa giornata, con grande beneficio per una clientela business oriented e una migliore connettività con il Nord-Ovest.\r\n\r\nLa concentrazione dei voli su Milano, peraltro con partenze al mattino presto, consentirà comode prosecuzioni su innumerevoli destinazioni internazionali e potrà rappresentare un migliore strumento in termini di mobilità area anche per quanti vorranno raggiungere, attraverso l’aeroporto di Foggia, le principali mete turistiche della provincia.","post_title":"Lumiwings: voli giornalieri sulla Foggia-Milano dall'11 marzo. Debutto su Bergamo","post_date":"2024-02-09T12:33:53+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707482033000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460346","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Korean Air archivia il 2023 con un fatturato record di 11,3 miliardi di dollari e un utile operativo di 1,23 miliardi (non consolidati): quest'ultimo dato è superiore rispetto al risultato del 2019. L'utile operativo della compagnia aerea per il 2023 è aumentato su base annua del 10,9%, un tasso superiore alla media del settore. Il calo dell'utile operativo del quarto trimestre rispetto all'anno precedente è dovuto a un aumento delle retribuzioni del personale che comprendeva incentivi per il raggiungimento degli obiettivi annuali di performance e sicurezza.\r\n\r\nI ricavi annuali del settore passeggeri sono aumentati rispetto al 2019, grazie alla forte domanda di viaggi e alla maggiore richiesta di classi premium, nonostante la capacità abbia recuperato 'solo' l'80% dei livelli pre-pandemia. Nel settore cargo, sebbene i ricavi siano diminuiti a causa della ripresa della capacità di trasporto passeggeri e della normalizzazione del trasporto marittimo, è stato mantenuto un livello di redditività più elevato rispetto al 2019.\r\n\r\nKorean Air prevede che la domanda e la capacità passeggeri si riprenderanno completamente nel primo trimestre 2024: le stime indicano che la domanda di lungo raggio rimarrà robusta e che la domanda leisure aumenti durante l'alta stagione invernale. Korean Air massimizzerà i ricavi riprendendo le rotte e aumentando la capacità verso le destinazioni turistiche più popolari del Sud-est asiatico e del Giappone.","post_title":"Korean Air: domanda e capacità passeggeri verso il pieno recupero nel primo trimestre","post_date":"2024-01-30T11:16:07+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1706613367000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459657","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_443575\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Alcune mobile home Human Company[/caption]\r\n\r\nSi fa sempre più stretto il legame tra la finanza e il mondo dell'open air italiano. Dopo le recenti indiscrezioni sul possibile cambio di partnership in casa Club del Sole, giungono ora altre voci riguardanti questa volta il gruppo Human Company, attualmente controllato al 100% dalla famiglia Cardini Vannucchi.\r\nStando ai rumours, sempre raccolti dal Sole 24 Ore, l'operatore toscano sarebbe stato infatti messo nel mirino dagli statunitensi di Hines che, in joint venture con Clessidra, starebbe studiando il proprio ingresso nel capitale della società dell'open air, attiva anche nei segmenti degli ostelli e dei relais di campagna.\r\n\r\nL'operazione dovrebbe concludersi entro la fine del primo trimestre dell'anno e punterebbe al rafforzamento dell'organizzazione Human Company, nonché al suo ulteriore sviluppo. La compagnia toscana nata negli anni '80 come Ecv Group da una famiglia tradizionalmente legata all'industria tessile di Prato, ha chiuso il 2022 con un giro d'affari di 123 milioni di euro. Il gruppo conta oggi dieci village e camping in Toscana, Veneto, Lazio e Lussemburgo, a cui si aggiungono due ostelli 2.0 a marchio Plus Hostel a Firenze e a Praga, nonché la tenuta Palagina sulle colline del Chianti. Presente anche un format f&b chiamato Mercato Centrale, attualmente attivo a Firenze, Roma, Torino, a Milano e a Campi Bisenzio.","post_title":"Gli operatori finanziari Hines e Clessidra pronti a entrare nel capitale di Human Company","post_date":"2024-01-18T12:50:47+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1705582247000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458843","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L'aeroporto di Trapani ha concluso con 44.000 passeggeri il mese di dicembre, dato che porta ad archiviare il 2023 con un totale di 1.332.413 passeggeri: il numero rappresenta un nuovo massimo storico per lo scalo, dopo le difficoltà che hanno preceduto la pandemia e le restrizioni dovute al Covid tra il 2020 e il 2021. Di fatto era dal 2017 che Trapani non superava il milione di passeggeri.\r\n\r\nRispetto al 2022 l’aumento del traffico è stato del +49%, +211% rispetto al 2021, +224% rispetto al il 2019.\r\n\r\nSecondo i dati elaborati dalla società di gestione, Airgest, l’83% del traffico totale si è registrato durante la stagione estiva (1.109.941 aprile- ottobre); il 30% è stato di tipo internazionale (399.262). Il picco passeggeri è stato registrato a luglio ed agosto, in parte anche per lo smistamento su Birgi di alcuni voli originariamente previsti per l’aeroporto di Catania, che per alcune settimane è stato costretto a ridurre sensibilmente la sua attività in seguito a un incendio che ha interessato la stazione aeroportuale etnea.\r\n\r\nSedici le rotte internazionali su cui Airgest ha potuto contare per la summer 2023 (Charleroi, Bordeaux, Billund, Bratislava, Dusseldorf, Karlsue Baden- Baden, Francoforte, Malta, Manchester, Modlin, Porto, Riga, Siviglia, Stansted, Tolosa e Katowice). Le tratte domestiche sono state Bergamo, Bologna, Milano Malpensa, Napoli, Pescara, Pisa, Roma, Torino, Venezia (Treviso), Forlì e Pantelleria.","post_title":"L'aeroporto di Trapani conclude un 2023 da incorniciare con oltre 1,33 milioni di passeggeri","post_date":"2024-01-04T10:46:49+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1704365209000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"458146","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il Marocco ha frantumato ogni precedente record di arrivi durante i primi 11 mesi del 2023, accogliendo 13,2 milioni di visitatori, ben oltre i 12,9 milioni registrati nel 2019.\r\n\r\nSecondo i dati del Ministero del Turismo, dell'Artigianato e dell'Economia, il Paese nordafricano non solo ha affrontato le sfide poste dalla pandemia globale e dal terremoto di Al Haouz dello scorso settembre, ma ha anche stabilito un nuovo punto di riferimento per la propria industria turistica, dimostrando una resilienza e un'attrattiva che ha conquistato i viaggiatori di tutto il mondo.\r\n\r\nRispetto allo stesso periodo del 2022, la crescita si attesta a un più 36%; nel solo mese di novembre si è registrato un afflusso di circa un milione di turisti, con un incremento del 9% rispetto allo stesso mese del 2022.\r\n\r\n\"Siamo entusiasti di questi risultati eccezionali, che non solo ci incoraggiano ma ci danno anche una motivazione in più per continuare a collaborare con tutti gli attori del settore - ha dichiarato la ministra del turismo, Fatim-Zahra Ammor -. L'impatto tangibile della roadmap turistica 2023-2026 è evidente e siamo sulla buona strada per superare l'obiettivo di 14 milioni di turisti entro la fine di dicembre 2023\".\r\n\r\nIn termini di entrate turistiche la performance 2023 si traduce in una crescita del 20% su base annua, con un traguardo di 8,7 miliardi di dollari per i primi dieci mesi di quest'anno, secondo l'aggiornamento di novembre dell'Office d'Echange (OC).","post_title":"Il Marocco supera ogni precedente record di arrivi: 13,2 mln di visitatori in 11 mesi","post_date":"2023-12-15T09:46:10+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1702633570000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"457257","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Salgono a quota 129 le compagnie aeree cui è vietato solcare i cieli dell'Unione europea: la Commissione Ue ha infatti aggiornato l'elenco dei vettori soggetti a divieto operativo o restrizioni operative all'interno dell'Ue per il mancato rispetto degli standard di sicurezza internazionali.\r\n\r\nFly Baghdad è stata aggiunta all'elenco a causa di problemi di sicurezza identificati dall'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza aerea (Easa). L'aggiornamento riflette anche la decisione di mantenere il divieto sui vettori aerei certificati in Nepal, date le continue preoccupazioni sulla sicurezza rilevate durante una visita di valutazione in Nepal a settembre.\r\n\r\nNel dettaglio, l'elenco comprende 101 compagnie aeree certificate in 15 Stati, a causa dell'insufficiente supervisione della sicurezza da parte delle autorità aeronautiche di quegli stati; 22 compagnie aeree certificate in Russia, così come 6 compagnie aeree di altri Stati, sulla base di gravi carenze in termini di sicurezza rilevate: Air Zimbabwe (Zimbabwe), Avior Airlines (Venezuela), Blue Wing Airlines (Suriname), Iran Aseman Airlines (Iran), Fly Bagdad (Iraq) e Iraqi Airways (Iraq).\r\n\r\nAltre due compagnie sono soggette a restrizioni operative e possono volare verso la Ue solo utilizzando specifici tipi di aeromobili: Iran Air (Iran) e Air Koryo (Corea del Nord).","post_title":"Salgono a 129 le compagnie aeree bandite dai cieli dell'Unione europea","post_date":"2023-12-01T11:18:31+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1701429511000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"456293","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" \r\n\r\nSi è svolta a bordo della Seaview l’edizione 2023 di All Stars of The Sea di Msc Crociere. Nella mini crociera da Genova a Barcellona sono state ospitate oltre 600 agenzie di viaggio provenienti da tutta Italia, per un momento di confronto con focus sulla programmazione del 2024 e per festeggiare i risultati raggiunti. Nell’anno in corso Msc ha immesso sul mercato 7.800 cabine pari a un investimento di 3,5 miliardi di euro, con 15 porti di imbarco e una forza vendite di 40 promotori contrattualizzati su 7 mila adv. L’evento è stato l’occasione per premiare gli agenti che durante l’ultimo anno hanno performato meglio confermandosi partner fondamentali della compagnia.\r\n\r\n“Avrei voluto avere a bordo tutte le nostre agenzie per ringraziare personalmente anche chi ha venduto una sola crociera”, queste le parole del managing director Leonardo Massa: \"Siamo partiti nel 2003 con 123 mila ospiti insieme agli agenti di viaggio. A fine anno supereremo i 4 milioni di passeggeri movimenti, sempre con gli agenti di viaggio. A distanza di 20 anni il mercato è cresciuto e continuerà a crescere. È un anno record non solo per Msc Crociere, ma per tutto il settore delle crociere”. Msc vanta in particolare vendite per l'80% in b2b e al 20% in b2c.\r\n\r\nQuest’anno gli italiani in crociera sono stati oltre 1 milione. C’è una grande opportunità di crescita: è in previsione la possibilità di raggiungere i 2 milioni di crocieristi nei prossimi cinque anni. “Avremo sempre più navi, più prodotti, più alternative di vacanza, con novità negli itinerari, nella durata, nei porti e nelle soste. E poiché l’alternativa non può più essere solo il Mediterraneo, occorrerà lavorare ancora per nuovi itinerari nel mondo, attraverso un rapporto sempre più stretto anche con le compagnie aeree”. Oggi Ita Airways, Neos, Qatar e Air Europa sono partner essenziali e strategici della flotta Msc.\r\n\r\nLa crescita della compagnia è confermata inoltre dal recente ordine di due nuove navi della classe World ai cantieri francesi di Saint Nazaire e di una terza in opzione, che si aggiungono alle navi della serie Explora Journeys realizzate da Fincantieri. L’edizione 2023 di All Stars of the Sea ha però celebrato un anno record non solo per Msc, ma per tutto il settore delle crociere, che si conferma tra le soluzioni di viaggio preferite dagli italiani, come dichiarato da Massa.\r\n\r\nRiconoscimenti e premi sono andati agli agenti e ai partner che si sono distinti nelle diverse categorie. Tra tutti, i best producer sono stati Vivere e Viaggiare Pisa, Spaceland e Groupintown, che hanno totalizzato per Msc un fatturato di oltre 2 milioni di euro ciascuno. Tra i tour operator i riconoscimenti sono andati a Idee per Viaggiare, Naar e Going. Per il network si è distinto Gattinoni Group. Tra i social media, Cruise Topic, Crociere Gratis e Una Vita Viaggiando. In tema di online travel agency, Cruiseline, Crocierissime e Logitravel. Per la vendita del segmento lusso Yacht Club, Mgm, Punto nel Mondo e Zampino Viaggi. Nel world cruise, Dream & Travel, Viaggiare con Averno e Ticket Crociere.\r\n\r\n ","post_title":"I migliori partner Msc premiati durante la crociera All Star of the Seas","post_date":"2023-11-17T14:42:02+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1700232122000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"456220","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Un notevole contributo. Definisce così l'apporto di Alpitour ai propri risultati consolidati al 30 settembre la Tamburi Investment Partners. Un giudizio estremamente positivo per il più grande operatore torinese, che nella relazione Tip viene tra l'altro citato nella primissima parte del comunicato. Frutto senz'altro del più che positivo andamento di una realtà \"in forte crescita, che nel periodo ha consuntivato, per la prima volta nella sua storia, un primo semestre positivo a livello di ebitda e ha proseguito nel terzo trimestre (chiusosi a luglio) con ottime performance\". Ma anche, viene da pensare, di uno sforzo comunicativo volto a presentare al meglio un asset che dallo scorso inizio ottobre è stato messo sul mercato.\r\n\r\nLe parole lusinghiere sulla più importante realtà del turismo organizzato italiano non finiscono peraltro qui: \"I risultati economici raggiunti sino a luglio da Alpitour e gli ottimi dati preconsuntivi, inclusivi del periodo estivo, del quarto trimestre (chiuso al 30 ottobre e quindi non incluso nei risultati al 30 settembre di Tip) sono tali da consentire sia la previsione di un risultato estremamente positivo per l’esercizio in corso, sia una conferma della modifica strutturale, in positivo, grazie anche agli ingenti investimenti effettuati nel triennio precedente, oltre che al trend mondiale del turismo, sui suoi conti economici\".\r\n\r\nIn generale, sottolinea quindi il documento, \"il gruppo Tip chiude i primi nove mesi del 2023 con un utile consolidato pro forma di 73,6 milioni di euro e con un patrimonio netto che raggiunge gli 1,29 miliardi, dopo distribuzioni di dividendi per 21,7 milioni e ulteriori acquisti di azioni proprie nel periodo per 15,6 milioni\".\r\n\r\nPer quanto riguarda il prossimo futuro, infine, \"noi, a meno di un allargamento dei conflitti bellici in essere o di altri eventi catastrofici, continuiamo a non vedere una forte recessione, neanche nella prima metà del 2024. Vediamo piuttosto un effetto rilevante del livello dei tassi di interesse, con banche centrali intenzionate a mantenerli elevati, con paesi costretti a emettere titoli in teoria a qualsiasi costo visto l’indebitamento accumulato e le difficoltà di rifinanziarlo e, non ultimo, con molte aziende nelle condizioni di non poter effettuare rimborsi a causa dell’espansione del circolante, dell’effetto economico dei tassi stessi e di una domanda meno dinamica. Con i tassi di interesse che permarranno più o meno ai livelli attuali per un po’ di tempo è perciò difficile che, in generale, i mercati finanziari crescano molto. Ci sarà però, assai probabilmente, una forte selezione perché chi potrà beneficiare della situazione lo farà. E pertanto le società poco indebitate riprenderanno ad accelerare la crescita, anche a livello di finanza straordinaria, sia per un più agevole accesso al credito, sia per una minore concorrenza da parte di chi faceva della leva finanziaria la principale chiave di sviluppo\".\r\n\r\n ","post_title":"Tip: \"Notevole il contributo\" di Alpitour ai risultati dei primi tre trimestri","post_date":"2023-11-16T13:13:45+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1700140425000]}]}}

Lascia un commento