21 April 2024

Torsten Weihrich e Nick Abrahams nuovi cfo e cro del gruppo Numa

[ 0 ]

Torsten Weihrich

Si rafforza il team executive del gruppo Numa che vede l’ingresso in azienda di Torsten Weihrich e Nick Abrahams rispettivamente nei ruoli di chief financial officer e chief revenue officer della compagnia. Negli ultimi tempi, Torsten Weihrich, 51 anni, ha ricoperto il ruolo di cfo presso aziende in rapida crescita nei settori media, e-commerce e venture capital. Tra le altre cose è stato infatti chief financial officerpresso Vitafy, ceo S&L Medien Group e ancora cgo rispettivamente presso Rtv Family Entertainment e BayTech Venture Capital. Ha anche lavorato per la casa automobilistica Bmw e la società di consulenza Roland Berger.

Nick Abrahams, 42 anni, è stato invece impiegato come esperto di strategia per più di 17 anni con una vasta esperienza alla guida di team importanti nel settore tecnologico. Di recente è stato vice presidente pricing e marketplace presso Sennder Technologies. In precedenza, ha trascorso quasi cinque anni in vari ruoli di manager presso Uber. Ha guidato poi la strategia di Flutter Plc ed è stato responsabile della divisione eGaming per le società dello stesso gruppo Flutter.

Torsten commenta il suo nuovo ruolo:

Nick Abrahams

“Numa diventerà una delle aziende più importanti del mercato europeo dell’ospitalità – commenta Weihrich -. Il gruppo sta definendo nuovi standard per questo mercato enorme e frammentato, con soluzioni guidate dalla tecnologia. Sono molto contento di contribuire dal punto di vista strategico e operativo. Apporterò la mia esperienza e il mio know-how all’ambizioso percorso di crescita, insieme all’intero team finanziario”. “Negli ultimi 17 anni ho ricoperto ruoli primari in diversi ambiti – aggiunge Abrahams -: strategia, analisi, ricerca, pricing e prodotto, presso diverse aziende leader. Numa adotta un approccio innovativo, guidato dalla tecnologia, in un settore che è maturo per il cambiamento. Non vedo l’ora di portare la mia esperienza per aiutare il gruppo a realizzare i suoi ambiziosi piani di crescita nei prossimi anni“.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465497 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tal Aviation Group investe sul Sud-est asiatico con l'apertura di quattro nuovi uffici in Thailandia, Vietnam, Cambogia e Singapore, pronti a fornire la rappresentanza di compagnie aeree passeggeri e merci, compagnie di crociere, marchi di ospitalità e turismo, nonché società di tecnologia di viaggio. Una mossa che va a completare la rete globale della società e fornisce una base strategica per la crescita e lo sviluppo futuri nella regione. «L'apertura di questi nuovi uffici testimonia il nostro impegno nel fornire rappresentanza e supporto di alto livello ai nostri clienti in tutto il mondo. Siamo entusiasti delle opportunità in questa regione attiva e in rapida crescita» ha commentato  Ilan Bar Moshe, evp e cfo di Tal Aviation Group. «La regione è nota per la sua vivace cultura, paesaggi meravigliosi e un'industria del turismo in crescita - ha aggiunto  Vichita Ratanachinda, area manager per il Sud-est asiatico della società di rappresentanza -. Siamo fiduciosi che con la nostra esperienza e dedizione saremo in grado di aggiungere un valore significativo ai clienti e ai partner nella regione». [post_title] => Tal Aviation Group apre quattro nuovi uffici in Thailandia, Vietnam, Cambogia e Singapore [post_date] => 2024-04-15T10:08:44+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1713175724000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465454 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_465456" align="alignleft" width="300"] Il Curio Cala San Miguel[/caption] Sono ben dieci le aperture europee in calendario prima dell'estate per i brand Curio e Tapestry Collection, nonché DoubleTree del gruppo Hilton, per un totale di 1.500 camere. In vista del prossimo International hospitality investment forum (Ihif) di quest’anno, che si terrà a Berlino la prossima settimana, la compagnia con sede in Virginia ha inoltre annunciato ulteriori accordi di franchising per quattro strutture: l'Hilton Alvor aprirà in Algarve nel 2026, a seguito di un contratto di franchising siglato con Mercan Group, con cui il gruppo Usa ha aperto l’anno scorso il Tapestry Collection Arts Hotel Porto. Anche i Curio Collection Cala San Miguel e The Club Cala San Miguel a Ibiza sono frutto di un accordo di franchising. Questa volta con Hotel Investment Partners (Hip), di proprietà di fondi gestiti da Blackstone, protagonista tra le altre cose della joint venture con il gruppo italiano Aeroviaggi (Mangia's). Infine, sempre tramite affiliazione commerciale, a Creta è prevista l'apertura del Curio Collection Numo Ierapetra, di proprietà di Numo Hospitality, con cui Hilton ha già inaugurato un altro Curio cretese, il Royal Senses Resort & Spa. “La domanda da parte degli ospiti di resort di qualità è in crescita, sia nelle destinazioni internazionali più gettonate sia in quelle più emergenti. Ciò ha portato a un maggior interesse da parte dei proprietari per lo sviluppo di resort sotto i nostri marchi - spiega Patrick Fitzgibbon, senior vice president, development, Europe, Middle East e Africa, Hilton -. Solo lo scorso anno, oltre un quinto delle nostre aperture in area Emea sono state resort. Lavorando con un’ampia tipologia di proprietari, ci aspettiamo una crescita continua in questo segmento di mercato, soprattutto nelle isole del Mediterraneo”. [post_title] => Il gruppo Hilton spinge l'offerta resort in Europa [post_date] => 2024-04-12T13:52:06+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712929926000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 465117 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Delta Air Lines punta i riflettori su Filadelfia, Baltimora, New York, Lancaster, in totale otto città della costa orientale degli Stati Uniti, che hanno ricoperto il ruolo di capitale degli Usa in un determinato momento della storia prima di Washington D.C. Località che sono state protagonista nella costituzione del paese e hanno molto da offrire ai viaggiatori: grazie ai voli diretti della compagnia aerea da Milano, Roma, Venezia e - dal 25 maggio - Napoli per New York-Jfk, è possibile scoprire i siti storici di queste città. È a Filadelfia che nel 1776 i padri fondatori degli Stati Uniti firmarono la Dichiarazione di Indipendenza e, nel 1787, la Costituzione. Tra il 1774 e il 1800 tre gli edifici furono sede di quello che oggi può essere considerato il Congresso degli Stati Uniti, tra cui spiccano la Carpenters Hall e l'Independece Hall, nell'Independence National Historical Park, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco nel 1979.  Baltimora ha svolto un ruolo chiave nella rivoluzione americana. Il Congresso si riunì alla Henry Fite House tra il dicembre 1776 e il febbraio 1777, facendo di questa città costiera la capitale degli Stati Uniti in questo breve periodo. Annapolis, piccola città costiera a 50 km a sud di Baltimora, è l'attuale capoluogo dello stato del Maryland e ospitò il Congresso nella Maryland State House tra il 1783 e il 1784 per appena nove mesi. Anche in questo caso le città sono raggiungibili con la compagnia aerea via New York. Lancaster ospitò il Congresso per un solo giorno, il 27 settembre 1777, presso la Court House. Quest’area della Pennsylvania è famosa per essere sede di molte comunità Amish.  York fu capitale tra il 1777 e il 1778 e vanta attrazioni come lo York County Colonial Complex, un complesso museale che comprende l'edificio più antico della città, risalente al XVIII secolo, e una replica del tribunale dove Il Congresso approvò gli Articoli della Confederazione (la prima Costituzione della nazione) nel 1777, rendendo York, secondo alcuni, la vera prima capitale del Paese. Lancaster si raggiunge in auto da Filadelfia in un’ora e mezza, York in un’ora e 45 minuti. Princeton, sede di una delle università più prestigiose degli Stati Uniti, merita una visita anche di un solo giorno da New York per respirare l'atmosfera delle vie raccolte attorno a Nassau Street, piene di ristoranti e animate da studenti, e vedere l'università, con edifici ricchi di storia e prati da cartolina. Trenton è l'attuale capoluogo del New Jersey e fu capitale degli Stati Uniti per due mesi nel 1784. Entrambe le località distano circa un’ora di macchina da New York. New York è stata capitale della nazione tra il 1785 e il 1788, fu la prima capitale degli Stati Uniti dopo la Guerra di Indipendenza, A New York, nel 1789, George Washington fece giuramento come primo Presidente del Paese alla Federal Hall, situata in Wall Street. Washington D.C., capitale del Paese dal 1800 ad oggi. I punti di interesse qui per i viaggiatori curiosi qui sono innumerevoli, dal Campidoglio ai monumenti in onore di Abraham Lincoln, Washington e a Jefferson, fino al cimitero nazionale di Arlington. Inoltre, la città ospita molti altri luoghi di interesse come il complesso museale Smithsonian, che include il Museo Nazionale dell'Aria e dello Spazio, il Museo Nazionale di Storia Naturale o il Museo di Arte Americana. Punto d’arrivo di un viaggio alla scoperta della storia degli Stati Uniti è la Casa Bianca, con i suoi oltre 200 anni di storia. [gallery ids="465124,465127,465126"] [post_title] => Delta Air Lines alla scoperta delle ex capitali Usa: tutti i voli dall'Italia, via New York [post_date] => 2024-04-09T10:54:28+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1712660068000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 464266 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] =>   [caption id="attachment_223580" align="alignleft" width="300"] Michael O'Leary[/caption] «Accogliamo con favore questi cambiamenti di management tanto necessari a Seattle»: non si è fatto attendere il commento di Michael O'Leary, ceo del gruppo Ryanair, al ribaltone che ieri ha visto azzerare i vertici di Boeing. «Non vediamo l'ora di lavorare con Stephanie Pope per accelerare le consegne di aeromobili B737 ai clienti, tra cui Ryanair in Europa, per l'estate e l'autunno 2024. Continueremo a lavorare con il ceo di Boeing Dave Calhoun e il cfo Brian West, per aiutare Boeing a recuperare le consegne di aeromobili in modo che la nostra compagnia possa continuare a crescere fortemente come cliente numero 1 di Boeing in Europa». [post_title] => Ryanair, O'Leary sul ribaltone dei vertici Boeing: «Bene il cambiamento» [post_date] => 2024-03-26T09:58:09+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1711447089000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462998 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Volano alto i conti di Lufthansa che archivia il bilancio 2023 con un fatturato in crescita a 35,4 miliardi di euro rispetto ai 30,9 miliardi del 2022 e con un utile operativo balzato a quota 2,7 miliardi di euro rispetto a 1,5 miliardi di euro dell’anno scorso. Il colosso tedesco ha più che raddoppiato i profitti netti che sono saliti a 1,7 miliardi di euro (790 milioni di euro nel 2022). Il gruppo torna quindi a distribuire un dividendo agli azioni per la prima volta post Covid (0,30 centesimi per azione). La presentazione dei risultati d'esercizio è stata anche l'occasione per fare il punto sull'ingresso di Lufthansa nel capitale di Ita Airways, che tuttora attende il via libera da Bruxelles: una trattativa «che sta andando più lentamente di quanto previsto» ha sottolineato il ceo Carsten Spohr, in riferimento ad un'approvazione che era inizialmente attesa entro fine 2023.  Ora le attese mirano a concludere l'operazione «nel corso di quest'anno - precisa il comunicato dei tedeschi -. Il Gruppo Lufthansa sta lavorando a stretto contatto e in modo costruttivo con la Commissione Ue per giungere a una rapida conclusione e successiva attuazione dell'accordo. Con l'investimento previsto in Ita Airways, il Gruppo Lufthansa sta portando avanti l'internazionalizzazione della compagnia per sfruttare meglio le interessanti opportunità di crescita all'estero». Nel 2023 la compagnia ha trasportato oltre 120 milioni di passeggeri, +20% in più rispetto al 2022 e per la prima volta tutte le compagnie aeree del gruppo hanno riportato un utile operativo. Swiss, Austrian Airlines, Bruxelles Airlines ed Eurowings hanno tutte ottenuto risultati record, si legge nel comunicato e il fatturato della divisione aviation è salito a 28,3 miliardi di euro contro 22,8 miliardi di euro dell’anno precedente. La domanda di viaggi continua ad essere forte anche per l’anno in corso e per questo il gruppo Lufthansa prevede capacità media di circa il 94% rispetto al 2019, pari a una crescita del 12% rispetto al 2023. [post_title] => Lufthansa raddoppia gli utili. E per Ita Airways è atteso «entro l'anno» l'ok dell'Ue [post_date] => 2024-03-07T10:34:28+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1709807668000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462053 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tra febbraio e marzo oriente e occidente si incontrano in Toscana, a Prato, per il Capodanno cinese, con un appuntamento speciale che unisce la comunità pratese a quella cinese. In particolare il 2 e 3 marzo 2024 tornano il corteo e la festa in centro storico, con la tradizionale sfilata del Drago e la danza del Leone. La dinamica città toscana capitale del tessile, giovane e multietnica, si prepara ai festeggiamenti del Capodanno cinese che attira migliaia di turisti per il colorato corteo e la grande festa. Le celebrazioni a Prato erano iniziate il 9 febbraio, alle 17, la mezzanotte di Pechino, con il suono della campana al tempio buddista Pu Hua il primo giorno del nuovo anno del Drago (10 febbraio). Sabato 2 e domenica 3 marzo saranno dedicati alle sfilate (inizialmente programmate il 17 e 18 febbraio e rinviate a marzo in segno di rispetto per i gravi lutti sul lavoro nella vicina Firenze). Il 2 marzo, in particolare, il corteo si muoverà nel quartiere Macrolotto 1, con un’iniziativa rivolta principalmente alle tante aziende tessili in attività in questa zona dinamica e vivace della città. Domenica 3 marzo sarà la volta della consueta sfilata del Drago, che per tre ore attraverserà l’area del Macrolotto Zero, per arrivare in centro tra i danzatori. Nel cuore della città, sullo sfondo del Palazzo Pretorio, si terranno le esibizioni più emozionanti, sotto alla statua di Marco Datini, storico mercante trecentesco e nume tutelare della città di Prato. Il Capodanno cinese (o Festa della Primavera) è festeggiato da milioni di persone in tutto il mondo. Non ha un giorno fisso, perché l’inizio dell’anno deve coincidere con la seconda luna nuova dopo il solstizio d’inverno, una data che, seguendo il calendario gregoriano, cade tra il 21 gennaio e il 19 febbraio.           [post_title] => Prato, attesi migliaia di turisti per gli Eventi del Capodanno Cinese [post_date] => 2024-02-22T10:48:10+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708598890000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461616 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Numa Group nomina Umberto Ottaviani general manager Italia della compagnia. Con sede a Milano, sarà  responsabile delle aree chiave di espansione nel mercato tricolore e delle relazioni con gli investitori, real estate sgr e altre aziende del settore. Riporterà a Christian Gaiser, ceo e co-fondatore del gruppo Numa, integrando l’attuale team italiano della compagnia Dopo aver conseguito la laurea in business administration presso l’università Bocconi, Ottaviani ha iniziato la propria carriera come senior analyst nel dipartimento m&a di Ernst & Young. Nel 2005 passa a Pirelli Real Estate come asset manager nella divisione investimenti alberghieri. Ottaviani entra quindi in Aedes sgr nel 2007 come fund manager per i prodotti real estate office e retail; dal 2008 al 2013 lavora nel settore dell’ospitalità come head of real estate e insurance in Valtur. Dal 2013 al 2023 ricopre infine il ruolo di head of real estate Italia & Malta presso Iwg, diventando responsabile dell’espansione del network operativo dell’azienda. “Sono orgoglioso di far parte di questa meravigliosa azienda in rapida crescita con un modello di business solido e redditizio e di avere l’opportunità di guidare il business e promuovere la crescita del mercato italiano - sottolinea lo stesso Ottaviani -. L’Italia ospita il maggior numero di siti Unesco del mondo, esercita un potere di attrazione per il turismo in Europa ed è uno dei mercati europei più importanti del futuro. Il modello Numa con i suoi eleganti boutique apartment si adatta perfettamente al modello del nostro mercato. Per proprietari di immobili, sviluppatori real estate e investitori, il modello ibrido di Numa offre un profilo attraente e a basso rischio, consentendo soggiorni brevi e di media durata in modo facile e flessibile. Il gruppo è in particolare alla ricerca di proprietà in città come Roma, Milano, Venezia e Firenze per il 2024. E anche in altre destinazioni nei prossimi anni”. [post_title] => Umberto Ottaviani nominato general manager Italia di Numa Group [post_date] => 2024-02-15T13:45:47+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708004747000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461582 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Saranno con ogni probabilità Milano, Roma e Pisa le prime tre destinazioni italiane di Líbere Hospitality Group: compagnia spagnola di ospitalità ibrida, sul modello dei tedeschi di Numa per intenderci, Lhg è stata fondata a Bilbao a fine 2020 dall’imprenditore Jon Uriarte. Oggi guidata dai due ceo Antón de la Rica e Mikel Rodriguez, in soli tre anni ha raggiunto nel 2023 i 12 milioni di euro di fatturato (erano 8,5 milioni nel 2022) e punta a espandersi anche oltre confine, a partire da Portogallo e Italia. "A maggio dell'anno scorso abbiamo aperto la nostra sede a Milano, seguita a stretto giro da quella di Lisbona - spiega l'head of business development di Lhg Italia, Niccolò Pravettoni -. Nel 2024 puntiamo già ad aprire circa 500 unità abitative nella nostra Penisola, per una decina di strutture complessive. Un target che rappresenta un terzo degli obiettivi di crescita dell'intera compagnia, che a oggi vanta un portfolio complessivo di 1.500 chiavi distribuite in 35 proprietà, tra indirizzi attivi e in pipeline. Tra poco, in particolare, dovremmo chiudere gli accordi per le nostre prime tre strutture tricolori, a Roma, Milano e Pisa: si tratterà di due serviced apartments e di un hotel". Target, immobili cielo-terra dalle 20 chiavi in su La compagnia concentra infatti le proprie attività soprattutto sui centri urbani, primari e secondari (capoluoghi di provincia e di regione dai 100 mila abitanti in su), affittando  immobili cielo-terra con contratti ibridi (fisso più variabile), solitamente nove più nove. "I nostri partner sono piuttosto variegati. Ci confrontiamo certo con gli investitori istituzionali, come fondi, asset management company e family office importanti. Ma essendo in grado di gestire anche strutture piccole, dalle 20 unità abitative in su, ci rivolgiamo pure alle famiglie. Partner che in noi possono trovare un interlocutore unico in grado, nel caso soprattutto degli appartamenti, di liberarli dalla gestione delle parti comuni e di offrire garanzie generalmente superiori a quelle degli inquilini tradizionali". Roi in doppia cifra percentuale nelle zone semi-periferiche e nelle location secondarie Interessante anche l'offerta in termini di ritorno sull'investimento. "Il roi dipende ovviamente dalle location e dall'intervento che ci apprestiamo a compiere. Solitamente, infatti, al momento dell'accordo, interveniamo con il nostro team di architetti e designer, che a quattro mani con la proprietà ridefinisce il prodotto, per renderlo riconoscibile come una struttura Lhg e in linea con le nostre esigenze di gestione. Dopodiché, potendo godere di una marginalità che nel 2023 è stata superiore al 57% (gop), supportata da un'occupazione media dell'80%, possiamo quasi sempre garantire rendimenti superiori alla media. In zone semi-periferiche di grandi città quali Milano, o in destinazioni secondarie, abbiamo persino la possibilità arrivare  in doppia cifra percentuale. Grazie a un aumento di capitale da 6 milioni di euro dello scorso dicembre, in alcuni specifici casi siamo pure in grado di offrire del key money, sottoforma di investimenti Capex per il rinnovamento e il riposizionamento degli stabili, andando in questo modo oltre la parte ff&e". Lìbere, B46 e Nitly i tre brand del gruppo Il gruppo declina la propria offerta in tre brand distinti, per un'offerta che si rivolge ai mercati di soggiorni medi e brevi: lìbere è un marchio dedicato alla fascia alta del mercato. I suoi spazi sono caratterizzati da un design basato su tendenze armoniche con un largo impiego di legno naturale. Le strutture sono spesso ubicate in luoghi di prestigio all'interno delle città in cui si trovano. B48 è anch’esso un brand posizionato nel segmento upscale - upper upscale, sia per l’ubicazione degli asset, sia per il design. A differenza di Líbere, ogni proposta di questo marchio è però diversa da tutte le altre: ogni appartamento ha un design originale, con soluzioni spesso vivaci ed eclettiche. Naitly infine è un brand più fresco, orientato a un pubblico giovane, mosso dal desiderio di scoprire posti nuovi. Un'offerta limited service con grande focus sulla parte tecnologica "In linea generale la nostra offerta si posiziona mediamente nel segmento upscale, ma il prodotto spazia anche nel midscale e nell'upper upscale, a seconda di location e situazioni specifiche - conclude Pravettoni -. La  proposta poggia su una fortissima componente tecnologica, che garantisce flessibilità e automazione dei processi, tanto da permetterci di abbattere mediamente i costi operativi del 40%, rispetto agli approcci più tradizionali. Oltre al nostro customer care, disponibile h24, sette giorni su sette, via telefono, Whatsapp e tramite la maggior parte dei canali digitali, ciascuna proprietà è dotata anche di una reception con personale sempre disponibile o reperibile velocemente (chiamato hospitality hero, ndr). Per mantenere snelle le nostre procedure, solitamente limitiamo l'offerta di servizi accessori. Per quanto riguarda gli hotel, per esempio, cerchiamo soprattutto strutture a 3 stelle, possibilmente senza spa e centro congressi. Reparto piani e lavanderia sono sempre in outsourcing, mentre noi ci occupiamo dell'ospitalità e in alcuni casi dell'f&b, con concept proprietari attualmente in fase di sviluppo". Massimiliano Sarti       [post_title] => L'ospitalità ibrida di Lhg sbarca in Italia: si inizia da Roma, Milano e Pisa [post_date] => 2024-02-15T13:23:22+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708003402000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461134 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A fine febbraio Piergiulio Donzelli lascerà definitivamente Aci blueteam. Lo comunica la stessa società del gruppo Automobile Club Italia, ricordando come il manager abbia guidato Blueteam travel Network gestendo la trattativa che ha portato alla vendita allo stesso gruppo Aci. Da fine aprile 2023, terminata la fase di riorganizzazione e di rilancio, ha poi lasciato l’incarico di direttore generale, per proseguire la propria attività come consulente di direzione. “Ringrazio Piergiulio Donzelli per l’attività svolta in questi anni di proficua collaborazione; anni che hanno portato all’acquisizione da parte del gruppo Aci e al brillante superamento del difficile periodo della pandemia – dichiara Adriano Baso, presidente Aci blueteam –. L’azienda, forte dei risultati ottenuti e della grande soddisfazione espressa dai suoi clienti, prosegue in continuità con lo sviluppo del piano industriale”. Dallo scorso anno, l’incarico di direttore generale è stato affidato a Roberto Bettinelli, già cfo della società, coadiuvato dal cbo Alfredo Pezzani, a cui sono affidate tutte le attività commerciali e operative, nonché il coordinamento del team di direzione delle business unit corporate travel, mice, leisure e travel partners. “Termino la mia lunga collaborazione con Aci blueteam soddisfatto di avere portato a compimento tutti i progetti concordati con il consiglio d’amministrazione – commenta lo stesso Donzelli –. Ringrazio la proprietà per la fiducia e il sostegno, tutti i colleghi che in questi anni mi hanno supportato e grazie ai quali è stato possibile raggiungere risultati insperati. Concludo un percorso di grandissima soddisfazione professionale e personale”.   [post_title] => Piergiulio Donzelli lascia Aci blueteam a fine febbraio [post_date] => 2024-02-08T13:24:54+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707398694000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "torsten weihrich e nick abrahams nuovi cfo e cro del gruppo numa" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":48,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":111,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465497","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tal Aviation Group investe sul Sud-est asiatico con l'apertura di quattro nuovi uffici in Thailandia, Vietnam, Cambogia e Singapore, pronti a fornire la rappresentanza di compagnie aeree passeggeri e merci, compagnie di crociere, marchi di ospitalità e turismo, nonché società di tecnologia di viaggio.\r\n\r\nUna mossa che va a completare la rete globale della società e fornisce una base strategica per la crescita e lo sviluppo futuri nella regione.\r\n\r\n«L'apertura di questi nuovi uffici testimonia il nostro impegno nel fornire rappresentanza e supporto di alto livello ai nostri clienti in tutto il mondo. Siamo entusiasti delle opportunità in questa regione attiva e in rapida crescita» ha commentato  Ilan Bar Moshe, evp e cfo di Tal Aviation Group.\r\n\r\n«La regione è nota per la sua vivace cultura, paesaggi meravigliosi e un'industria del turismo in crescita - ha aggiunto  Vichita Ratanachinda, area manager per il Sud-est asiatico della società di rappresentanza -. Siamo fiduciosi che con la nostra esperienza e dedizione saremo in grado di aggiungere un valore significativo ai clienti e ai partner nella regione».","post_title":"Tal Aviation Group apre quattro nuovi uffici in Thailandia, Vietnam, Cambogia e Singapore","post_date":"2024-04-15T10:08:44+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1713175724000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465454","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_465456\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Il Curio Cala San Miguel[/caption]\r\n\r\nSono ben dieci le aperture europee in calendario prima dell'estate per i brand Curio e Tapestry Collection, nonché DoubleTree del gruppo Hilton, per un totale di 1.500 camere. In vista del prossimo International hospitality investment forum (Ihif) di quest’anno, che si terrà a Berlino la prossima settimana, la compagnia con sede in Virginia ha inoltre annunciato ulteriori accordi di franchising per quattro strutture: l'Hilton Alvor aprirà in Algarve nel 2026, a seguito di un contratto di franchising siglato con Mercan Group, con cui il gruppo Usa ha aperto l’anno scorso il Tapestry Collection Arts Hotel Porto.\r\n\r\nAnche i Curio Collection Cala San Miguel e The Club Cala San Miguel a Ibiza sono frutto di un accordo di franchising. Questa volta con Hotel Investment Partners (Hip), di proprietà di fondi gestiti da Blackstone, protagonista tra le altre cose della joint venture con il gruppo italiano Aeroviaggi (Mangia's). Infine, sempre tramite affiliazione commerciale, a Creta è prevista l'apertura del Curio Collection Numo Ierapetra, di proprietà di Numo Hospitality, con cui Hilton ha già inaugurato un altro Curio cretese, il Royal Senses Resort & Spa.\r\n\r\n“La domanda da parte degli ospiti di resort di qualità è in crescita, sia nelle destinazioni internazionali più gettonate sia in quelle più emergenti. Ciò ha portato a un maggior interesse da parte dei proprietari per lo sviluppo di resort sotto i nostri marchi - spiega Patrick Fitzgibbon, senior vice president, development, Europe, Middle East e Africa, Hilton -. Solo lo scorso anno, oltre un quinto delle nostre aperture in area Emea sono state resort. Lavorando con un’ampia tipologia di proprietari, ci aspettiamo una crescita continua in questo segmento di mercato, soprattutto nelle isole del Mediterraneo”.","post_title":"Il gruppo Hilton spinge l'offerta resort in Europa","post_date":"2024-04-12T13:52:06+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1712929926000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"465117","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Delta Air Lines punta i riflettori su Filadelfia, Baltimora, New York, Lancaster, in totale otto città della costa orientale degli Stati Uniti, che hanno ricoperto il ruolo di capitale degli Usa in un determinato momento della storia prima di Washington D.C.\r\n\r\nLocalità che sono state protagonista nella costituzione del paese e hanno molto da offrire ai viaggiatori: grazie ai voli diretti della compagnia aerea da Milano, Roma, Venezia e - dal 25 maggio - Napoli per New York-Jfk, è possibile scoprire i siti storici di queste città.\r\n\r\nÈ a Filadelfia che nel 1776 i padri fondatori degli Stati Uniti firmarono la Dichiarazione di Indipendenza e, nel 1787, la Costituzione. Tra il 1774 e il 1800 tre gli edifici furono sede di quello che oggi può essere considerato il Congresso degli Stati Uniti, tra cui spiccano la Carpenters Hall e l'Independece Hall, nell'Independence National Historical Park, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco nel 1979. \r\n\r\nBaltimora ha svolto un ruolo chiave nella rivoluzione americana. Il Congresso si riunì alla Henry Fite House tra il dicembre 1776 e il febbraio 1777, facendo di questa città costiera la capitale degli Stati Uniti in questo breve periodo. Annapolis, piccola città costiera a 50 km a sud di Baltimora, è l'attuale capoluogo dello stato del Maryland e ospitò il Congresso nella Maryland State House tra il 1783 e il 1784 per appena nove mesi. Anche in questo caso le città sono raggiungibili con la compagnia aerea via New York.\r\n\r\nLancaster ospitò il Congresso per un solo giorno, il 27 settembre 1777, presso la Court House. Quest’area della Pennsylvania è famosa per essere sede di molte comunità Amish.  York fu capitale tra il 1777 e il 1778 e vanta attrazioni come lo York County Colonial Complex, un complesso museale che comprende l'edificio più antico della città, risalente al XVIII secolo, e una replica del tribunale dove Il Congresso approvò gli Articoli della Confederazione (la prima Costituzione della nazione) nel 1777, rendendo York, secondo alcuni, la vera prima capitale del Paese. Lancaster si raggiunge in auto da Filadelfia in un’ora e mezza, York in un’ora e 45 minuti.\r\n\r\nPrinceton, sede di una delle università più prestigiose degli Stati Uniti, merita una visita anche di un solo giorno da New York per respirare l'atmosfera delle vie raccolte attorno a Nassau Street, piene di ristoranti e animate da studenti, e vedere l'università, con edifici ricchi di storia e prati da cartolina. Trenton è l'attuale capoluogo del New Jersey e fu capitale degli Stati Uniti per due mesi nel 1784. Entrambe le località distano circa un’ora di macchina da New York.\r\n\r\nNew York è stata capitale della nazione tra il 1785 e il 1788, fu la prima capitale degli Stati Uniti dopo la Guerra di Indipendenza, A New York, nel 1789, George Washington fece giuramento come primo Presidente del Paese alla Federal Hall, situata in Wall Street. Washington D.C., capitale del Paese dal 1800 ad oggi. I punti di interesse qui per i viaggiatori curiosi qui sono innumerevoli, dal Campidoglio ai monumenti in onore di Abraham Lincoln, Washington e a Jefferson, fino al cimitero nazionale di Arlington. Inoltre, la città ospita molti altri luoghi di interesse come il complesso museale Smithsonian, che include il Museo Nazionale dell'Aria e dello Spazio, il Museo Nazionale di Storia Naturale o il Museo di Arte Americana. Punto d’arrivo di un viaggio alla scoperta della storia degli Stati Uniti è la Casa Bianca, con i suoi oltre 200 anni di storia.\r\n\r\n[gallery ids=\"465124,465127,465126\"]","post_title":"Delta Air Lines alla scoperta delle ex capitali Usa: tutti i voli dall'Italia, via New York","post_date":"2024-04-09T10:54:28+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1712660068000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"464266","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" \r\n\r\n[caption id=\"attachment_223580\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Michael O'Leary[/caption]\r\n\r\n«Accogliamo con favore questi cambiamenti di management tanto necessari a Seattle»: non si è fatto attendere il commento di Michael O'Leary, ceo del gruppo Ryanair, al ribaltone che ieri ha visto azzerare i vertici di Boeing.\r\n\r\n«Non vediamo l'ora di lavorare con Stephanie Pope per accelerare le consegne di aeromobili B737 ai clienti, tra cui Ryanair in Europa, per l'estate e l'autunno 2024. Continueremo a lavorare con il ceo di Boeing Dave Calhoun e il cfo Brian West, per aiutare Boeing a recuperare le consegne di aeromobili in modo che la nostra compagnia possa continuare a crescere fortemente come cliente numero 1 di Boeing in Europa».","post_title":"Ryanair, O'Leary sul ribaltone dei vertici Boeing: «Bene il cambiamento»","post_date":"2024-03-26T09:58:09+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1711447089000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462998","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\nVolano alto i conti di Lufthansa che archivia il bilancio 2023 con un fatturato in crescita a 35,4 miliardi di euro rispetto ai 30,9 miliardi del 2022 e con un utile operativo balzato a quota 2,7 miliardi di euro rispetto a 1,5 miliardi di euro dell’anno scorso.\r\nIl colosso tedesco ha più che raddoppiato i profitti netti che sono saliti a 1,7 miliardi di euro (790 milioni di euro nel 2022). Il gruppo torna quindi a distribuire un dividendo agli azioni per la prima volta post Covid (0,30 centesimi per azione).\r\nLa presentazione dei risultati d'esercizio è stata anche l'occasione per fare il punto sull'ingresso di Lufthansa nel capitale di Ita Airways, che tuttora attende il via libera da Bruxelles: una trattativa «che sta andando più lentamente di quanto previsto» ha sottolineato il ceo Carsten Spohr, in riferimento ad un'approvazione che era inizialmente attesa entro fine 2023. \r\n\r\nOra le attese mirano a concludere l'operazione «nel corso di quest'anno - precisa il comunicato dei tedeschi -. Il Gruppo Lufthansa sta lavorando a stretto contatto e in modo costruttivo con la Commissione Ue per giungere a una rapida conclusione e successiva attuazione dell'accordo. Con l'investimento previsto in Ita Airways, il Gruppo Lufthansa sta portando avanti l'internazionalizzazione della compagnia per sfruttare meglio le interessanti opportunità di crescita all'estero».\r\nNel 2023 la compagnia ha trasportato oltre 120 milioni di passeggeri, +20% in più rispetto al 2022 e per la prima volta tutte le compagnie aeree del gruppo hanno riportato un utile operativo. Swiss, Austrian Airlines, Bruxelles Airlines ed Eurowings hanno tutte ottenuto risultati record, si legge nel comunicato e il fatturato della divisione aviation è salito a 28,3 miliardi di euro contro 22,8 miliardi di euro dell’anno precedente.\r\nLa domanda di viaggi continua ad essere forte anche per l’anno in corso e per questo il gruppo Lufthansa prevede capacità media di circa il 94% rispetto al 2019, pari a una crescita del 12% rispetto al 2023.","post_title":"Lufthansa raddoppia gli utili. E per Ita Airways è atteso «entro l'anno» l'ok dell'Ue","post_date":"2024-03-07T10:34:28+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1709807668000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462053","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tra febbraio e marzo oriente e occidente si incontrano in Toscana, a Prato, per il Capodanno cinese, con un appuntamento speciale che unisce la comunità pratese a quella cinese. In particolare il 2 e 3 marzo 2024 tornano il corteo e la festa in centro storico, con la tradizionale sfilata del Drago e la danza del Leone.\r\n\r\nLa dinamica città toscana capitale del tessile, giovane e multietnica, si prepara ai festeggiamenti del Capodanno cinese che attira migliaia di turisti per il colorato corteo e la grande festa.\r\n\r\nLe celebrazioni a Prato erano iniziate il 9 febbraio, alle 17, la mezzanotte di Pechino, con il suono della campana al tempio buddista Pu Hua il primo giorno del nuovo anno del Drago (10 febbraio). Sabato 2 e domenica 3 marzo saranno dedicati alle sfilate (inizialmente programmate il 17 e 18 febbraio e rinviate a marzo in segno di rispetto per i gravi lutti sul lavoro nella vicina Firenze).\r\n\r\nIl 2 marzo, in particolare, il corteo si muoverà nel quartiere Macrolotto 1, con un’iniziativa rivolta principalmente alle tante aziende tessili in attività in questa zona dinamica e vivace della città. Domenica 3 marzo sarà la volta della consueta sfilata del Drago, che per tre ore attraverserà l’area del Macrolotto Zero, per arrivare in centro tra i danzatori. Nel cuore della città, sullo sfondo del Palazzo Pretorio, si terranno le esibizioni più emozionanti, sotto alla statua di Marco Datini, storico mercante trecentesco e nume tutelare della città di Prato.\r\n\r\nIl Capodanno cinese (o Festa della Primavera) è festeggiato da milioni di persone in tutto il mondo. Non ha un giorno fisso, perché l’inizio dell’anno deve coincidere con la seconda luna nuova dopo il solstizio d’inverno, una data che, seguendo il calendario gregoriano, cade tra il 21 gennaio e il 19 febbraio.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Prato, attesi migliaia di turisti per gli Eventi del Capodanno Cinese","post_date":"2024-02-22T10:48:10+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1708598890000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461616","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Numa Group nomina Umberto Ottaviani general manager Italia della compagnia. Con sede a Milano, sarà  responsabile delle aree chiave di espansione nel mercato tricolore e delle relazioni con gli investitori, real estate sgr e altre aziende del settore. Riporterà a Christian Gaiser, ceo e co-fondatore del gruppo Numa, integrando l’attuale team italiano della compagnia\r\n\r\nDopo aver conseguito la laurea in business administration presso l’università Bocconi, Ottaviani ha iniziato la propria carriera come senior analyst nel dipartimento m&a di Ernst & Young. Nel 2005 passa a Pirelli Real Estate come asset manager nella divisione investimenti alberghieri. Ottaviani entra quindi in Aedes sgr nel 2007 come fund manager per i prodotti real estate office e retail; dal 2008 al 2013 lavora nel settore dell’ospitalità come head of real estate e insurance in Valtur. Dal 2013 al 2023 ricopre infine il ruolo di head of real estate Italia & Malta presso Iwg, diventando responsabile dell’espansione del network operativo dell’azienda.\r\n\r\n“Sono orgoglioso di far parte di questa meravigliosa azienda in rapida crescita con un modello di business solido e redditizio e di avere l’opportunità di guidare il business e promuovere la crescita del mercato italiano - sottolinea lo stesso Ottaviani -. L’Italia ospita il maggior numero di siti Unesco del mondo, esercita un potere di attrazione per il turismo in Europa ed è uno dei mercati europei più importanti del futuro. Il modello Numa con i suoi eleganti boutique apartment si adatta perfettamente al modello del nostro mercato. Per proprietari di immobili, sviluppatori real estate e investitori, il modello ibrido di Numa offre un profilo attraente e a basso rischio, consentendo soggiorni brevi e di media durata in modo facile e flessibile. Il gruppo è in particolare alla ricerca di proprietà in città come Roma, Milano, Venezia e Firenze per il 2024. E anche in altre destinazioni nei prossimi anni”.","post_title":"Umberto Ottaviani nominato general manager Italia di Numa Group","post_date":"2024-02-15T13:45:47+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708004747000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461582","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Saranno con ogni probabilità Milano, Roma e Pisa le prime tre destinazioni italiane di Líbere Hospitality Group: compagnia spagnola di ospitalità ibrida, sul modello dei tedeschi di Numa per intenderci, Lhg è stata fondata a Bilbao a fine 2020 dall’imprenditore Jon Uriarte. Oggi guidata dai due ceo Antón de la Rica e Mikel Rodriguez, in soli tre anni ha raggiunto nel 2023 i 12 milioni di euro di fatturato (erano 8,5 milioni nel 2022) e punta a espandersi anche oltre confine, a partire da Portogallo e Italia. \"A maggio dell'anno scorso abbiamo aperto la nostra sede a Milano, seguita a stretto giro da quella di Lisbona - spiega l'head of business development di Lhg Italia, Niccolò Pravettoni -. Nel 2024 puntiamo già ad aprire circa 500 unità abitative nella nostra Penisola, per una decina di strutture complessive. Un target che rappresenta un terzo degli obiettivi di crescita dell'intera compagnia, che a oggi vanta un portfolio complessivo di 1.500 chiavi distribuite in 35 proprietà, tra indirizzi attivi e in pipeline. Tra poco, in particolare, dovremmo chiudere gli accordi per le nostre prime tre strutture tricolori, a Roma, Milano e Pisa: si tratterà di due serviced apartments e di un hotel\".\r\n\r\nTarget, immobili cielo-terra dalle 20 chiavi in su\r\n\r\nLa compagnia concentra infatti le proprie attività soprattutto sui centri urbani, primari e secondari (capoluoghi di provincia e di regione dai 100 mila abitanti in su), affittando  immobili cielo-terra con contratti ibridi (fisso più variabile), solitamente nove più nove. \"I nostri partner sono piuttosto variegati. Ci confrontiamo certo con gli investitori istituzionali, come fondi, asset management company e family office importanti. Ma essendo in grado di gestire anche strutture piccole, dalle 20 unità abitative in su, ci rivolgiamo pure alle famiglie. Partner che in noi possono trovare un interlocutore unico in grado, nel caso soprattutto degli appartamenti, di liberarli dalla gestione delle parti comuni e di offrire garanzie generalmente superiori a quelle degli inquilini tradizionali\".\r\n\r\nRoi in doppia cifra percentuale nelle zone semi-periferiche e nelle location secondarie\r\n\r\nInteressante anche l'offerta in termini di ritorno sull'investimento. \"Il roi dipende ovviamente dalle location e dall'intervento che ci apprestiamo a compiere. Solitamente, infatti, al momento dell'accordo, interveniamo con il nostro team di architetti e designer, che a quattro mani con la proprietà ridefinisce il prodotto, per renderlo riconoscibile come una struttura Lhg e in linea con le nostre esigenze di gestione. Dopodiché, potendo godere di una marginalità che nel 2023 è stata superiore al 57% (gop), supportata da un'occupazione media dell'80%, possiamo quasi sempre garantire rendimenti superiori alla media. In zone semi-periferiche di grandi città quali Milano, o in destinazioni secondarie, abbiamo persino la possibilità arrivare  in doppia cifra percentuale. Grazie a un aumento di capitale da 6 milioni di euro dello scorso dicembre, in alcuni specifici casi siamo pure in grado di offrire del key money, sottoforma di investimenti Capex per il rinnovamento e il riposizionamento degli stabili, andando in questo modo oltre la parte ff&e\".\r\n\r\nLìbere, B46 e Nitly i tre brand del gruppo\r\n\r\nIl gruppo declina la propria offerta in tre brand distinti, per un'offerta che si rivolge ai mercati di soggiorni medi e brevi: lìbere è un marchio dedicato alla fascia alta del mercato. I suoi spazi sono caratterizzati da un design basato su tendenze armoniche con un largo impiego di legno naturale. Le strutture sono spesso ubicate in luoghi di prestigio all'interno delle città in cui si trovano. B48 è anch’esso un brand posizionato nel segmento upscale - upper upscale, sia per l’ubicazione degli asset, sia per il design. A differenza di Líbere, ogni proposta di questo marchio è però diversa da tutte le altre: ogni appartamento ha un design originale, con soluzioni spesso vivaci ed eclettiche. Naitly infine è un brand più fresco, orientato a un pubblico giovane, mosso dal desiderio di scoprire posti nuovi.\r\n\r\nUn'offerta limited service con grande focus sulla parte tecnologica\r\n\r\n\"In linea generale la nostra offerta si posiziona mediamente nel segmento upscale, ma il prodotto spazia anche nel midscale e nell'upper upscale, a seconda di location e situazioni specifiche - conclude Pravettoni -. La  proposta poggia su una fortissima componente tecnologica, che garantisce flessibilità e automazione dei processi, tanto da permetterci di abbattere mediamente i costi operativi del 40%, rispetto agli approcci più tradizionali. Oltre al nostro customer care, disponibile h24, sette giorni su sette, via telefono, Whatsapp e tramite la maggior parte dei canali digitali, ciascuna proprietà è dotata anche di una reception con personale sempre disponibile o reperibile velocemente (chiamato hospitality hero, ndr). Per mantenere snelle le nostre procedure, solitamente limitiamo l'offerta di servizi accessori. Per quanto riguarda gli hotel, per esempio, cerchiamo soprattutto strutture a 3 stelle, possibilmente senza spa e centro congressi. Reparto piani e lavanderia sono sempre in outsourcing, mentre noi ci occupiamo dell'ospitalità e in alcuni casi dell'f&b, con concept proprietari attualmente in fase di sviluppo\".\r\n\r\nMassimiliano Sarti\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"L'ospitalità ibrida di Lhg sbarca in Italia: si inizia da Roma, Milano e Pisa","post_date":"2024-02-15T13:23:22+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708003402000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461134","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"A fine febbraio Piergiulio Donzelli lascerà definitivamente Aci blueteam. Lo comunica la stessa società del gruppo Automobile Club Italia, ricordando come il manager abbia guidato Blueteam travel Network gestendo la trattativa che ha portato alla vendita allo stesso gruppo Aci. Da fine aprile 2023, terminata la fase di riorganizzazione e di rilancio, ha poi lasciato l’incarico di direttore generale, per proseguire la propria attività come consulente di direzione.\r\n\r\n“Ringrazio Piergiulio Donzelli per l’attività svolta in questi anni di proficua collaborazione; anni che hanno portato all’acquisizione da parte del gruppo Aci e al brillante superamento del difficile periodo della pandemia – dichiara Adriano Baso, presidente Aci blueteam –. L’azienda, forte dei risultati ottenuti e della grande soddisfazione espressa dai suoi clienti, prosegue in continuità con lo sviluppo del piano industriale”.\r\n\r\nDallo scorso anno, l’incarico di direttore generale è stato affidato a Roberto Bettinelli, già cfo della società, coadiuvato dal cbo Alfredo Pezzani, a cui sono affidate tutte le attività commerciali e operative, nonché il coordinamento del team di direzione delle business unit corporate travel, mice, leisure e travel partners.\r\n\r\n“Termino la mia lunga collaborazione con Aci blueteam soddisfatto di avere portato a compimento tutti i progetti concordati con il consiglio d’amministrazione – commenta lo stesso Donzelli –. Ringrazio la proprietà per la fiducia e il sostegno, tutti i colleghi che in questi anni mi hanno supportato e grazie ai quali è stato possibile raggiungere risultati insperati. Concludo un percorso di grandissima soddisfazione professionale e personale”.\r\n\r\n ","post_title":"Piergiulio Donzelli lascia Aci blueteam a fine febbraio","post_date":"2024-02-08T13:24:54+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1707398694000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti