3 February 2023

Torsten Weihrich e Nick Abrahams nuovi cfo e cro del gruppo Numa

[ 0 ]

Torsten Weihrich

Si rafforza il team executive del gruppo Numa che vede l’ingresso in azienda di Torsten Weihrich e Nick Abrahams rispettivamente nei ruoli di chief financial officer e chief revenue officer della compagnia. Negli ultimi tempi, Torsten Weihrich, 51 anni, ha ricoperto il ruolo di cfo presso aziende in rapida crescita nei settori media, e-commerce e venture capital. Tra le altre cose è stato infatti chief financial officerpresso Vitafy, ceo S&L Medien Group e ancora cgo rispettivamente presso Rtv Family Entertainment e BayTech Venture Capital. Ha anche lavorato per la casa automobilistica Bmw e la società di consulenza Roland Berger.

Nick Abrahams, 42 anni, è stato invece impiegato come esperto di strategia per più di 17 anni con una vasta esperienza alla guida di team importanti nel settore tecnologico. Di recente è stato vice presidente pricing e marketplace presso Sennder Technologies. In precedenza, ha trascorso quasi cinque anni in vari ruoli di manager presso Uber. Ha guidato poi la strategia di Flutter Plc ed è stato responsabile della divisione eGaming per le società dello stesso gruppo Flutter.

Torsten commenta il suo nuovo ruolo:

Nick Abrahams

“Numa diventerà una delle aziende più importanti del mercato europeo dell’ospitalità – commenta Weihrich -. Il gruppo sta definendo nuovi standard per questo mercato enorme e frammentato, con soluzioni guidate dalla tecnologia. Sono molto contento di contribuire dal punto di vista strategico e operativo. Apporterò la mia esperienza e il mio know-how all’ambizioso percorso di crescita, insieme all’intero team finanziario”. “Negli ultimi 17 anni ho ricoperto ruoli primari in diversi ambiti – aggiunge Abrahams -: strategia, analisi, ricerca, pricing e prodotto, presso diverse aziende leader. Numa adotta un approccio innovativo, guidato dalla tecnologia, in un settore che è maturo per il cambiamento. Non vedo l’ora di portare la mia esperienza per aiutare il gruppo a realizzare i suoi ambiziosi piani di crescita nei prossimi anni“.




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 438106 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tutte le novità della prossima stagione estiva, i progetti e la filosofia di Ota Viaggi. Sono stati questi i temi affrontati nella conferenza stampa di Ota Viaggi che si è tenuta stamattina a Roma presso Palazzo Ripetta. Un incontro che ha visto Domenico Aprea, ceo, Mario Aprea, cfo, e Massimo Diana, direttore commerciale del to, raccontare a una platea di giornalisti del settore gli obiettivi raggiunti e i piani di sviluppo del prossimo triennio. Un triennio che sarà cruciale per tutta la filiera e per il Mare Italia, su cui la realtà focalizza da anni i suoi impegni, insieme alla destinazione Sardegna a cui riserva un focus importante della sua offerta. “Le prospettive sono buone per chi come noi ha la voglia e la forza di investire - esordisce il ceo Domenico Aprea -. Durante la pandemia molti sono stati i viaggiatori che sono rimasti in Italia, la sfida futura è riuscire a intercettare questa domanda con servizi e prodotti giusti”.  Una delle problematiche principali da affrontare sarà sicuramente l’aumento dei prezzi: “Si tratta della sfida principale - spiega Aprea -, perché la capacità di spesa di oggi non è quella di prima e l’inflazione nel prossimo triennio marcerà forte. Probabilmente il 2024 sarà l’anno più complesso del prossimo triennio, anche se la voglia di viaggiare c’è e si sente”. I numeri e le sfide  Una sfida da affrontare partendo da leve commerciali strategiche e da autorevolezza e solidità del brand ormai consolidati sul mercato.  “Il turismo dal 2020 è ripartito con nuove dinamiche e nuove problematiche - spiega Massimo Diana, direttore commerciale -, è inutile continuare a fare confronti con il periodo prepandemico. Nel 2020 siamo riusciti incredibilmente ad avere 69.424 pax, numeri che ad aprile sembravano impossibili. Nel 2021 abbiamo avuto altri 12 mesi di incognita e abbiamo quasi raddoppiato i numeri (110.683) e questo dato continua a crescere in un 2022 molto difficile: 137.134 passeggeri, nonostante la guerra e la pandemia”.  Nel raffronto tra il 2022 e il 2020, il t.o. ha registrato un incremento di passeggeri di circa il 98%, un aumento di pratiche di circa l'87% e di fatturato di circa il 117%. Risultati di cui andar fieri, ma che sono diretta conseguenza, secondo Diana, di una strategia precisa che il t.o. porta avanti da anni anche sul fronte fornitori e distribuzione.   Gli impegni con la distribuzione “La nostra forza è quella di riuscire a mettere a disposizione delle adv una capacità alberghiera importante - spiega -, utile a garantire loro la possibilità di fare business. Inoltre, scegliamo strutture alberghiere che possano darci esclusiva o disponibilità importanti e su cui attuare policy che coinvolgono il fornitore come un vero e proprio partner”.  In merito al rapporto con la distribuzione, Diana evidenzia che il numero delle agenzie di viaggio che hanno codici attivi e che lavorano con Ota (4.800) è molto vicino al numero degli agenti che hanno lavorato almeno una pratica con il tour operator.  “Nel 2022 il 75% delle agenzie attive ha prodotto fatturato con Ota Viaggi - aggiunge Diana - segno evidente che accogliamo le loro esigenze e riusciamo ad essere vicino alla distribuzione. Per noi il rapporto con le adv e prioritario e non abbiamo nessuna intenzione di seguire il percorso fatto da altri, che hanno deciso di scavalcare l’intermediazione e andare sul al cliente finale".  Le novità di prodotto Sul fronte prodotto, il 2023 continua a vedere la predominanza della stagione Sardegna, seguita da Sicilia e Puglia.  “Arriviamo sul mercato con un catalogo di 72 strutture - spiega Diana -, di cui almeno 40 hanno visto investimenti importanti. Tra le novità, le più importanti riguardano la Sicilia, che vanterà 10 strutture tra cui il Mangia's Club Lipari, il Kamarina Resort e il Falconara resort. La Sardegna continua ad avere la maggior parte della nostra attenzione, ma continuiamo a investire in maniera crescente anche su Sicilia e Puglia”.  Confermate le leve commerciali principali, tra cui il ‘prenota prima’, il ‘pacchetto nave’ e e il 'più volo e trasferimenti', rielaborate per rilanciare l'advance booking. Diana pone l'accento anche sullo strumento chiamato ‘più trasferimenti’ che prevede la possibilità di scegliere un trasporto in intermodalità: “Mettiamo a disposizione del cliente trasferimenti dagli aeroporti o dalle stazioni ferroviarie al nostro villaggio”.  Per valorizzare ulteriormente la fase della vendita in early booking, Ota ha confermato la mancanza di penali sull’eventuale cancellazione dei viaggi prenotati da gennaio a marzo e annullati entro 30 giorni dalla partenza. “Inoltre, confermiamo il ‘blocca la tua vacanza’: un vantaggio che diamo all’agenzia di viaggio, perché il cliente finale può fermare la vacanza con il 10 per cento di anticipo che noi non richiediamo al punto vendita, garantendo un cash flow a chi chiude la prenotazione”.  Tra i progetti a medio e lungo termine del t.o., un rinnovato impegno sul turismo accessibile, grazie a un progetto di analisi e valutazione delle strutture attraverso uan partnership con LPtour, e un’adesione alla filosofia green con la riduzione delle copie catalogo prodotte e inviate in agenzia, cui seguiranno altre forme digitali di proposta basate su Qr code.  Il tour operator sarà inoltre presente ai più importanti appuntamenti del settore, tra cui BIT, BMT e TTG Travel Experience, oltre ai roadshow e ai Travel Open Day del Gruppo Travel. Inoltre, nel mese di maggio, avrà luogo il nuovo appuntamento con "Obiettivo X", probabilmente a Roma. I contratti inviati alle agenzie A partire dalla stagione estiva, nei contratti verrà integrata un'apposita clausola riguardante l'adesione al progetto Adv Overview al quale anche Ota Viaggi ha aderito. La novità è stata illustrata da Mario Aprea, cfo e consigliere di Astoi delegato del progetto Adv Overview: "Abbiamo avuto il regolare mandato per gestire a cura di Astoi la centralizzazione dei dati e delle informazioni necessarie per l'aggiornamento all'interno del portale  dei 3 documenti fondamentali per operare: licenza di esercizio, polizza di responsabilità civile e fondo di garanzia. Parteciperemo a dei webinar per spiegare alle adv l'importanza di questa iniziativa".   [post_title] => Ota Viaggi: tutte le novità del 2023 [post_date] => 2023-01-27T14:37:04+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674830224000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437557 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il brand Jw Marriott raddoppia in Germania con l'apertura di un nuovo indirizzo a Berlino entro il 2025. Di proprietà della società d'investimento Al Rayyan Tourism Investment Company (Artic), la struttura sarà il frutto del restyling e contemporaneo rebranding dell'ex hotel Berlin Central District. Situato nella centralissima via Stauffenbergstraße, il Jw Marriott Hotel Berlin con le sue 505 camere si trova a pochi passi dal Tiergarten, uno dei più grandi parchi pubblici in Germania. Gli interni sono stati curati dallo studio di design El Ghoneimi e sono ispirati proprio al Tiergarten, con una palette cromatica dominata dal verde scuro e dai toni caldi del marrone, insieme al bianco brillante dei marmi. L'offerta culinaria, sotto la guida dello chef Friedemann Heinrich, permetterà agli ospiti la possibilità di scegliere tra otto ristoranti.  A disposizione anche una proposta mice tra le più ampie della città, con oltre 48 spazi per eventi su una superficie di 6.290 metri quadrati, tra cui la ballroom più grande di Berlino, in grado di accogliere oltre 2.300 ospiti. Presente pure una spa completa di piscina, sauna, bagno turco e due sale per trattamenti, per un totale di 347 metri quadrati di spazio dedicato al relax e al benessere. [post_title] => Jw Marriott raddoppia in Germania: nuova struttura a Berlino [post_date] => 2023-01-19T09:00:20+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1674118820000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 437227 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Iberia e Turespaña alzano il sipario sul nuovo progetto congiunto che mira a promuovere la Spagna tra i quasi 7 milioni di passeggeri che ogni anno volano con la compagnia aerea spagnola tra Europa e America. Punto focale del progetto è il nuovo video sulla sicurezza a bordo - con protagonisti celebrità spagnole - che verrà proiettato sui 36 aeromobili della flotta a lungo raggio di Iberia, che operano sulle rotte americane del vettore: 26 destinazioni in 17 paesi, tra cui gli Stati Uniti, l'Argentina, la Colombia e il Messico, dove Turespaña si concentra sull'attrazione di visitatori di target up-level. Il 50% dei viaggiatori a lungo raggio di Iberia sono passeggeri in coincidenza via Madrid, provenienti da una delle oltre 50 destinazioni europee offerte dalla compagnia aerea, massimizzando così l'impatto sui potenziali visitatori internazionali in Spagna. Il video mostra, in particolare, nove destinazioni turistiche della Spagna: Toledo, Santiago de Compostela, Lanzarote, Barcellona, Granada, Maiorca, Valencia e Madrid. E per ciascuna località, Itziar Ituño, Rozalén, Nico Shera, Ray Zapata, Teresa Helbig, Pedro Paricio, Silvia Más, Susso33 e Dabiz Muñoz spiegano le istruzioni di sicurezza ai passeggeri di Iberia. "Questa collaborazione con Iberia ci permette di raggiungere direttamente i milioni di passeggeri che arrivano con i suoi voli a lungo raggio e di mostrare loro che in Spagna possono godere non solo di spiagge e bel clima, ma anche di ricche esperienze culturali e gastronomiche e di eccezionali scelte per il tempo libero - afferma Miguel Sanz, direttore generale di Turespaña -. Il video riflette la diversità e la ricchezza del nostro Paese, i suoi paesaggi naturali, le sue città, il nord e il sud, le sue isole, la costa e la Spagna continentale, ancora non scoperta da molti viaggiatori. Luoghi, tutti, dove è possibile vivere esperienze memorabili". Oltre al video sulla sicurezza a bordo, che sarà proiettato all'inizio dei voli Iberia come parte del protocollo di sicurezza, Iberia e Turespaña hanno lanciato una campagna di promozione turistica sui media - mostrando i luoghi all'aperto nelle città sopra citate - e sui social network. [post_title] => Iberia e Turespaña insieme per la promozione della Spagna sui voli transatlantici [post_date] => 2023-01-13T09:15:24+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673601324000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436952 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiude bene il 2022 di Giver, che si prepara all'anno appena iniziato con ottime prospettive, sostenute dai due cataloghi principali dell'operatore genovese, Grande Nord e crociere fluviali, in distribuzione proprio a partire da oggi nelle agenzie. "Dopo la pausa d’arresto totale del 2020 e un timido accenno di ripresa nel tardo 2021, l'anno scorso abbiamo finalmente registrato un trend di vendita importante che ci riempie di soddisfazione e ci fa guardare con fiducia a un 2023 con numeri e risultati vicini a quelli pre-Covid 19, quando le nostre proposte sulle principali arterie d'acqua europee, quali Danubio, Reno, Douro, Rodano ed Elba, andavano costantemente esaurite - spiega la product manager crociere fluviali, Anna Maria Vullo -.  Per quanto riguarda le nostre proposte invernali abbiamo registrato il tutto esaurito sui due itinerari Danubio, mercatini di Natale il 13 dicembre e Capodanno con partenza il 27; risultato molto vicino anche per l’altra crociera di Capodanno con la River Voyager, nave a 5 stelle interamente noleggiata per il pubblico italiano, che prevedeva il Gran Tour d’Olanda e delle Fiandre. L’offerta 2023 sarà sostanzialmente in linea con quella del 2022 ma vedrà una novità nella crociera di Pasqua dall'8 al 13 aprile con arrivo a Praga e navigazione lungo l’Elba, in Sassonia, da Bad Schandau a Magdeburgo a bordo della 4 stelle Johannes Brahms". "Per quanto riguarda il Grand Nord, abbiamo concluso la stagione estiva 2022 in Europa settentrionale con numeri e fatturato analoghi allo stesso periodo del 2019. Il trend è continuato con gli altrettanto ottimi risultati della programmazione invernale per Rovaniemi e il Mondo di Babbo Natale, nonché Tromsø per l’osservazione dell’aurora boreale: prodotti entrambi supportati da rotazioni charter per voli diretti da Milano Malpensa operate in collaborazione con Enter Air, Trade Air e Neos - aggiunge la product manager Grande Nord, Cristina Ferrando -.  Tale tendenza positiva ci ha portati a operare, in occasione dell’Immacolata, un volo supplementare da Roma per Rovaniemi; esperimento riuscito che apre una nuova era per le partenze con voli diretti Giver anche dal Centro-Sud. Per l’estate 2023 verrà quindi rinnovata la formula di programmi con accompagnatore esclusivo Giver in Norvegia operati con volo di linea, per quanto riguarda la destinazione fiordi, e con voli charter diretti per le destinazioni al di sopra del circolo polare artico. Tra le novità, l’introduzione di un itinerario in navigazione dalla Norvegia alle Svalbard a bordo della Trollfjord di Hurtigruten con partenze fisse e accompagnatore in esclusiva per il pubblico italiano. Riconfermata inoltre la programmazione con accompagnatore esclusivo per l’Islanda. A completare l’offerta del Grande Nord, i viaggi tailor made, nonché il ritorno della programmazione Canada e Alaska che per l’estate 2023 completerà la gamma dei viaggi verso il Grande Nord". [post_title] => Giver, più offerta per il 2023. In distribuzione i cataloghi crociere fluviali e Grande Nord [post_date] => 2023-01-10T09:53:50+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1673344430000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436448 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riapre completamente ristrutturato il Riu Santa Fe. Già ampliato nel 2018, con la costruzione dell’area dei Riu Pool Party e dello Splash Water World, la struttura è andata incontro quest'anno a un restyling totale. La proprietà è un all inclusive 24 ore, catalogato come Fun 4 All, che completa l’offerta del brand spagnolo nella Baja California Sur, dove sono presenti anche il Riu Palace Cabo San Lucas e l’hotel adults only Riu Palace Baja California. La riapertura del Santa Fe corona peraltro il venticinquesimo anniversario della presenza della compagnia nel Paese centramericano. Di categoria 5 stelle, il Riu Santa Fe dispone di 1.288 camere distribuite su vari edifici a loro volta costruiti lungo strade che ricordano un paesino messicano, con la sua caratteristica architettura e la sua pittoresca piazza centrale. A eccezione di quelle costruite durante l’ampliamento del 2018, tutte le stanze sono state rinnovate. Rinnovata pure la reception, che presenta aree separate per il check-in e per il check-out. Dopo questa ristrutturazione, inoltre, l’hotel vanta una seconda reception dotata di concierge. L’hotel ha inoltre aggiunto nuovi ristoranti alla propria offerta gastronomica: il Kulinarium, con le sue proposte gourmet à la carte, due taquerie Tiki Taco e due Pepe’s Food pronti a offrire i loro tradizionali piatti al grill. Continuano invece a essere presenti in hotel il ristorante principale Baja California, che propone colazioni e cene a buffet, il ristorante Lio, aperto durante i Riu Pool Party, i ristoranti a tema Carusso (italiano) e Sakura (orientale), La Misión (messicano) e il Torote (steak house), che si trovano di fianco alle piscine principali. [post_title] => Riapre dopo un restyling completo il messicano Riu Santa Fe [post_date] => 2022-12-22T12:20:45+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671711645000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 436256 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si chiama Lief, si trova a Bruxelles e offre 90 posti letto  su una superficie totale di 2.500 metri quadrati la prima struttura del gruppo Numa nei Paesi del Benelux. Ulteriore passo nel processo di internazionalizzazione dell'azienda tedesca, che oggi è presente in otto differenti destinazioni europee con un portfolio di oltre 3 mila unità abitative. "Per noi, Bruxelles in quanto sede dell’Unione europea, è un punto di partenza ideale per la nostra espansione in Benelux - spiega il presidente di Numa Group, Dimitri Chandogin -. Per il nostro lancio sul mercato del Benelux, siamo quindi lieti di poter proporre un edificio storico in una posizione privilegiata. Continuiamo inoltre a cercare proprietà di primo piano in città come Amsterdam e Lussemburgo, e dal 2023 anche a Parigi". [post_title] => Il gruppo Numa approda nel Benelux con il Lief di Bruxelles [post_date] => 2022-12-20T12:20:24+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671538824000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435903 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435916" align="alignleft" width="300"] Christian Gaiser[/caption] Occupazione media oltre l'87% nelle sue più di 3 mila unità abitative distribuite in otto Paesi europei e ricavi medi per camera disponibile (revpar) a quota 100 euro. Sono i numeri del 2022 del giovane operatore tedesco di boutique apartment digitalizzati, Numa Group. Una compagnia in forte espansione, che solo quest'anno ha ricevuto 45 milioni di dollari di nuovo capitale per la crescita. In primavera, l’azienda ha avviato un ulteriore percorso di espansione con un forte incremento di capitale. Insieme a LaSalle Investment Management, Numa ha infatti lanciato una strategia pan-europea con un obiettivo portfolio di hotel in città da 500 milioni di euro. La partnership strategica fa parte della crescente attività di investimenti value-added di LaSalle Investment Management e mira all’acquisizione, riqualificazione e gestione di boutique apartment per soggiorni di breve e lunga durata, nonché allo sviluppo di progetti di riconversione. "Notiamo che l’istituzionalizzazione del segmento dei boutique apartment sta lentamente progredendo - spiega il ceo di Numa Group, Christian Gaiser -. Siamo riusciti a convincere nuovi investitori grazie alle nostre ottime performance. Oltre a Dn Capital, si sono quindi aggiunti anche operatori come Soravia, Cherry Ventures, Scope Hanson e Kreos Capital, che stanno accelerando la nostra crescita". "Il 2022 è stato un anno molto forte per noi - aggiunge il presidente, Dimitri Chandogin -. Ci siamo espansi con sedi in nuovi mercati e siamo molto ottimisti per il 2023. In pochi mesi, non solo stiamo pianificando una crescita nelle destinazioni esistenti, ma ci svilupperemo anche in Francia, Regno Unito, Irlanda e nei Paesi nordici”. Tra le inaugurazioni più recenti, il Numa Arc è stato aperto, più grande proprietà del portfolio, nell’ex hotel Angleterre di Friedrichstraße a Berlino, non lontano da Checkpoint Charlie. Dopo la ristrutturazione, il suggestivo grattacielo dell’ex Novotel-Suites Hotel nel quartiere di St. Georg ad Amburgo diventerà poi presto un altro indirizzo Numa. Il gruppo sta anche entrando nel mercato portoghese con la gestione di una proprietà da 77 unità abitative a Lisbona, situata nell’ex sede della Federcalcio lusitana, che aprirà nel secondo trimestre del 2024. E ancora: nel centro di Oslo, l’ex principale ufficio postale della città dovrebbe aprire come hotel completamente digitalizzato nel secondo semestre del 2023. Infine l'Italia, dove la compagnia ha ampliato la propria presenza con le inaugurazioni nel corso di quest'anno dei Numa Vici e Numa Portico a Roma, nonché del Numa Fiore a Firenze. [post_title] => Il gruppo Numa chiude un ottimo 2022 e prosegue la sua politica di espansione [post_date] => 2022-12-14T10:58:58+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1671015538000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435347 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_435348" align="alignleft" width="300"] Torsten Weihrich[/caption] Si rafforza il team executive del gruppo Numa che vede l'ingresso in azienda di Torsten Weihrich e Nick Abrahams rispettivamente nei ruoli di chief financial officer e chief revenue officer della compagnia. Negli ultimi tempi, Torsten Weihrich, 51 anni, ha ricoperto il ruolo di cfo presso aziende in rapida crescita nei settori media, e-commerce e venture capital. Tra le altre cose è stato infatti chief financial officerpresso Vitafy, ceo S&L Medien Group e ancora cgo rispettivamente presso Rtv Family Entertainment e BayTech Venture Capital. Ha anche lavorato per la casa automobilistica Bmw e la società di consulenza Roland Berger. Nick Abrahams, 42 anni, è stato invece impiegato come esperto di strategia per più di 17 anni con una vasta esperienza alla guida di team importanti nel settore tecnologico. Di recente è stato vice presidente pricing e marketplace presso Sennder Technologies. In precedenza, ha trascorso quasi cinque anni in vari ruoli di manager presso Uber. Ha guidato poi la strategia di Flutter Plc ed è stato responsabile della divisione eGaming per le società dello stesso gruppo Flutter. Torsten commenta il suo nuovo ruolo: [caption id="attachment_435349" align="alignright" width="300"] Nick Abrahams[/caption] "Numa diventerà una delle aziende più importanti del mercato europeo dell’ospitalità - commenta Weihrich -. Il gruppo sta definendo nuovi standard per questo mercato enorme e frammentato, con soluzioni guidate dalla tecnologia. Sono molto contento di contribuire dal punto di vista strategico e operativo. Apporterò la mia esperienza e il mio know-how all’ambizioso percorso di crescita, insieme all’intero team finanziario". "Negli ultimi 17 anni ho ricoperto ruoli primari in diversi ambiti - aggiunge Abrahams -: strategia, analisi, ricerca, pricing e prodotto, presso diverse aziende leader. Numa adotta un approccio innovativo, guidato dalla tecnologia, in un settore che è maturo per il cambiamento. Non vedo l’ora di portare la mia esperienza per aiutare il gruppo a realizzare i suoi ambiziosi piani di crescita nei prossimi anni". [post_title] => Torsten Weihrich e Nick Abrahams nuovi cfo e cro del gruppo Numa [post_date] => 2022-12-05T09:20:31+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670232031000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435326 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Isole Cook sempre più raggiungibili grazie all'introduzione di nuovi collegamenti aerei, che aprono a nuove opportunità di viaggi e itinerari diversi. È del 30 novembre la notizia di un nuovo collegamento aereo diretto tra Sydney e Rarotonga operato da Jetstar, operativo dal 29 giugno 2023: si tratta del primo volo dall’Australia della compagnia, che ha già attiva un’altra rotta sulle Cooks dalla Nuova Zelanda (Auckland). A questo si aggiunge l'altrettanto nuovo volo settimanale di Hawaiian Airlines sulla rotta da Honolulu a Rarotonga, a partire dal 20 maggio 2023. Il servizio fornirà ai viaggiatori provenienti dalle 15 città d'ingresso degli Stati Uniti alle Hawaii, comodi collegamenti one-stop per le Cook. "Nel giro di poche settimane le Isole Cook, da una posizione di relativa inacessibilità, si ritrovano quattro rotte fondamentali con gateway che permettono una miriade di combinazioni - osserva Nick Costantini, general manager Southern Europe per Cook Island Tourism Corporation -. Lavoreremo sodo assieme ai principali tour operator per proporre le Isole Cook combinate con la Polinesia Francese, le Hawaii e West Coast America (ma anche New York); con la Nuova Zelanda e soprattutto, grazie a due voli settimanali, con l’Australia. Siamo molto ottimisti per il ritorno dei viaggiatori italiani verso la nostra destinazione rigenerata durante il Covid; ci sono nuove esperienze e isole da esplorare, tutte all’insegna della sostenibilità, nostra priorità da oltre dieci anni’. [post_title] => Isole Cook: nuove opportunità di viaggio grazie ai nuovi voli da Usa e Australia [post_date] => 2022-12-02T11:23:15+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1669980195000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "torsten weihrich e nick abrahams nuovi cfo e cro del gruppo numa" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":72,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":117,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"438106","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tutte le novità della prossima stagione estiva, i progetti e la filosofia di Ota Viaggi. Sono stati questi i temi affrontati nella conferenza stampa di Ota Viaggi che si è tenuta stamattina a Roma presso Palazzo Ripetta.\r\n\r\nUn incontro che ha visto Domenico Aprea, ceo, Mario Aprea, cfo, e Massimo Diana, direttore commerciale del to, raccontare a una platea di giornalisti del settore gli obiettivi raggiunti e i piani di sviluppo del prossimo triennio.\r\n\r\nUn triennio che sarà cruciale per tutta la filiera e per il Mare Italia, su cui la realtà focalizza da anni i suoi impegni, insieme alla destinazione Sardegna a cui riserva un focus importante della sua offerta.\r\n\r\n“Le prospettive sono buone per chi come noi ha la voglia e la forza di investire - esordisce il ceo Domenico Aprea -. Durante la pandemia molti sono stati i viaggiatori che sono rimasti in Italia, la sfida futura è riuscire a intercettare questa domanda con servizi e prodotti giusti”. \r\n\r\nUna delle problematiche principali da affrontare sarà sicuramente l’aumento dei prezzi: “Si tratta della sfida principale - spiega Aprea -, perché la capacità di spesa di oggi non è quella di prima e l’inflazione nel prossimo triennio marcerà forte. Probabilmente il 2024 sarà l’anno più complesso del prossimo triennio, anche se la voglia di viaggiare c’è e si sente”.\r\n\r\nI numeri e le sfide \r\n\r\nUna sfida da affrontare partendo da leve commerciali strategiche e da autorevolezza e solidità del brand ormai consolidati sul mercato. \r\n\r\n“Il turismo dal 2020 è ripartito con nuove dinamiche e nuove problematiche - spiega Massimo Diana, direttore commerciale -, è inutile continuare a fare confronti con il periodo prepandemico. Nel 2020 siamo riusciti incredibilmente ad avere 69.424 pax, numeri che ad aprile sembravano impossibili. Nel 2021 abbiamo avuto altri 12 mesi di incognita e abbiamo quasi raddoppiato i numeri (110.683) e questo dato continua a crescere in un 2022 molto difficile: 137.134 passeggeri, nonostante la guerra e la pandemia”. \r\n\r\nNel raffronto tra il 2022 e il 2020, il t.o. ha registrato un incremento di passeggeri di circa il 98%, un aumento di pratiche di circa l'87% e di fatturato di circa il 117%. Risultati di cui andar fieri, ma che sono diretta conseguenza, secondo Diana, di una strategia precisa che il t.o. porta avanti da anni anche sul fronte fornitori e distribuzione.  \r\n\r\n\r\n\r\nGli impegni con la distribuzione\r\n\r\n“La nostra forza è quella di riuscire a mettere a disposizione delle adv una capacità alberghiera importante - spiega -, utile a garantire loro la possibilità di fare business. Inoltre, scegliamo strutture alberghiere che possano darci esclusiva o disponibilità importanti e su cui attuare policy che coinvolgono il fornitore come un vero e proprio partner”. \r\n\r\nIn merito al rapporto con la distribuzione, Diana evidenzia che il numero delle agenzie di viaggio che hanno codici attivi e che lavorano con Ota (4.800) è molto vicino al numero degli agenti che hanno lavorato almeno una pratica con il tour operator.  “Nel 2022 il 75% delle agenzie attive ha prodotto fatturato con Ota Viaggi - aggiunge Diana - segno evidente che accogliamo le loro esigenze e riusciamo ad essere vicino alla distribuzione. Per noi il rapporto con le adv e prioritario e non abbiamo nessuna intenzione di seguire il percorso fatto da altri, che hanno deciso di scavalcare l’intermediazione e andare sul al cliente finale\". \r\n\r\nLe novità di prodotto\r\n\r\nSul fronte prodotto, il 2023 continua a vedere la predominanza della stagione Sardegna, seguita da Sicilia e Puglia.\r\n\r\n “Arriviamo sul mercato con un catalogo di 72 strutture - spiega Diana -, di cui almeno 40 hanno visto investimenti importanti. \r\n\r\nTra le novità, le più importanti riguardano la Sicilia, che vanterà 10 strutture tra cui il Mangia's Club Lipari, il Kamarina Resort e il Falconara resort. La Sardegna continua ad avere la maggior parte della nostra attenzione, ma continuiamo a investire in maniera crescente anche su Sicilia e Puglia”. \r\n\r\nConfermate le leve commerciali principali, tra cui il ‘prenota prima’, il ‘pacchetto nave’ e e il 'più volo e trasferimenti', rielaborate per rilanciare l'advance booking. Diana pone l'accento anche sullo strumento chiamato ‘più trasferimenti’ che prevede la possibilità di scegliere un trasporto in intermodalità: “Mettiamo a disposizione del cliente trasferimenti dagli aeroporti o dalle stazioni ferroviarie al nostro villaggio”. \r\n\r\nPer valorizzare ulteriormente la fase della vendita in early booking, Ota ha confermato la mancanza di penali sull’eventuale cancellazione dei viaggi prenotati da gennaio a marzo e annullati entro 30 giorni dalla partenza. “Inoltre, confermiamo il ‘blocca la tua vacanza’: un vantaggio che diamo all’agenzia di viaggio, perché il cliente finale può fermare la vacanza con il 10 per cento di anticipo che noi non richiediamo al punto vendita, garantendo un cash flow a chi chiude la prenotazione”. \r\n\r\nTra i progetti a medio e lungo termine del t.o., un rinnovato impegno sul turismo accessibile, grazie a un progetto di analisi e valutazione delle strutture attraverso uan partnership con LPtour, e un’adesione alla filosofia green con la riduzione delle copie catalogo prodotte e inviate in agenzia, cui seguiranno altre forme digitali di proposta basate su Qr code. \r\n\r\nIl tour operator sarà inoltre presente ai più importanti appuntamenti del settore, tra cui BIT, BMT e TTG Travel Experience, oltre ai roadshow e ai Travel Open Day del Gruppo Travel. Inoltre, nel mese di maggio, avrà luogo il nuovo appuntamento con \"Obiettivo X\", probabilmente a Roma.\r\n\r\nI contratti inviati alle agenzie\r\n\r\nA partire dalla stagione estiva, nei contratti verrà integrata un'apposita clausola riguardante l'adesione al progetto Adv Overview al quale anche Ota Viaggi ha aderito. La novità è stata illustrata da Mario Aprea, cfo e consigliere di Astoi delegato del progetto Adv Overview: \"Abbiamo avuto il regolare mandato per gestire a cura di Astoi la centralizzazione dei dati e delle informazioni necessarie per l'aggiornamento all'interno del portale  dei 3 documenti fondamentali per operare: licenza di esercizio, polizza di responsabilità civile e fondo di garanzia. Parteciperemo a dei webinar per spiegare alle adv l'importanza di questa iniziativa\".\r\n\r\n ","post_title":"Ota Viaggi: tutte le novità del 2023","post_date":"2023-01-27T14:37:04+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1674830224000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437557","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il brand Jw Marriott raddoppia in Germania con l'apertura di un nuovo indirizzo a Berlino entro il 2025. Di proprietà della società d'investimento Al Rayyan Tourism Investment Company (Artic), la struttura sarà il frutto del restyling e contemporaneo rebranding dell'ex hotel Berlin Central District.\r\n\r\nSituato nella centralissima via Stauffenbergstraße, il Jw Marriott Hotel Berlin con le sue 505 camere si trova a pochi passi dal Tiergarten, uno dei più grandi parchi pubblici in Germania. Gli interni sono stati curati dallo studio di design El Ghoneimi e sono ispirati proprio al Tiergarten, con una palette cromatica dominata dal verde scuro e dai toni caldi del marrone, insieme al bianco brillante dei marmi. L'offerta culinaria, sotto la guida dello chef Friedemann Heinrich, permetterà agli ospiti la possibilità di scegliere tra otto ristoranti.  A disposizione anche una proposta mice tra le più ampie della città, con oltre 48 spazi per eventi su una superficie di 6.290 metri quadrati, tra cui la ballroom più grande di Berlino, in grado di accogliere oltre 2.300 ospiti. Presente pure una spa completa di piscina, sauna, bagno turco e due sale per trattamenti, per un totale di 347 metri quadrati di spazio dedicato al relax e al benessere.","post_title":"Jw Marriott raddoppia in Germania: nuova struttura a Berlino","post_date":"2023-01-19T09:00:20+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1674118820000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"437227","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Iberia e Turespaña alzano il sipario sul nuovo progetto congiunto che mira a promuovere la Spagna tra i quasi 7 milioni di passeggeri che ogni anno volano con la compagnia aerea spagnola tra Europa e America.\r\n\r\nPunto focale del progetto è il nuovo video sulla sicurezza a bordo - con protagonisti celebrità spagnole - che verrà proiettato sui 36 aeromobili della flotta a lungo raggio di Iberia, che operano sulle rotte americane del vettore: 26 destinazioni in 17 paesi, tra cui gli Stati Uniti, l'Argentina, la Colombia e il Messico, dove Turespaña si concentra sull'attrazione di visitatori di target up-level.\r\n\r\nIl 50% dei viaggiatori a lungo raggio di Iberia sono passeggeri in coincidenza via Madrid, provenienti da una delle oltre 50 destinazioni europee offerte dalla compagnia aerea, massimizzando così l'impatto sui potenziali visitatori internazionali in Spagna.\r\n\r\nIl video mostra, in particolare, nove destinazioni turistiche della Spagna: Toledo, Santiago de Compostela, Lanzarote, Barcellona, Granada, Maiorca, Valencia e Madrid. E per ciascuna località, Itziar Ituño, Rozalén, Nico Shera, Ray Zapata, Teresa Helbig, Pedro Paricio, Silvia Más, Susso33 e Dabiz Muñoz spiegano le istruzioni di sicurezza ai passeggeri di Iberia.\r\n\r\n\"Questa collaborazione con Iberia ci permette di raggiungere direttamente i milioni di passeggeri che arrivano con i suoi voli a lungo raggio e di mostrare loro che in Spagna possono godere non solo di spiagge e bel clima, ma anche di ricche esperienze culturali e gastronomiche e di eccezionali scelte per il tempo libero - afferma Miguel Sanz, direttore generale di Turespaña -. Il video riflette la diversità e la ricchezza del nostro Paese, i suoi paesaggi naturali, le sue città, il nord e il sud, le sue isole, la costa e la Spagna continentale, ancora non scoperta da molti viaggiatori. Luoghi, tutti, dove è possibile vivere esperienze memorabili\".\r\n\r\nOltre al video sulla sicurezza a bordo, che sarà proiettato all'inizio dei voli Iberia come parte del protocollo di sicurezza, Iberia e Turespaña hanno lanciato una campagna di promozione turistica sui media - mostrando i luoghi all'aperto nelle città sopra citate - e sui social network.","post_title":"Iberia e Turespaña insieme per la promozione della Spagna sui voli transatlantici","post_date":"2023-01-13T09:15:24+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1673601324000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436952","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiude bene il 2022 di Giver, che si prepara all'anno appena iniziato con ottime prospettive, sostenute dai due cataloghi principali dell'operatore genovese, Grande Nord e crociere fluviali, in distribuzione proprio a partire da oggi nelle agenzie. \"Dopo la pausa d’arresto totale del 2020 e un timido accenno di ripresa nel tardo 2021, l'anno scorso abbiamo finalmente registrato un trend di vendita importante che ci riempie di soddisfazione e ci fa guardare con fiducia a un 2023 con numeri e risultati vicini a quelli pre-Covid 19, quando le nostre proposte sulle principali arterie d'acqua europee, quali Danubio, Reno, Douro, Rodano ed Elba, andavano costantemente esaurite - spiega la product manager crociere fluviali, Anna Maria Vullo -.  Per quanto riguarda le nostre proposte invernali abbiamo registrato il tutto esaurito sui due itinerari Danubio, mercatini di Natale il 13 dicembre e Capodanno con partenza il 27; risultato molto vicino anche per l’altra crociera di Capodanno con la River Voyager, nave a 5 stelle interamente noleggiata per il pubblico italiano, che prevedeva il Gran Tour d’Olanda e delle Fiandre. L’offerta 2023 sarà sostanzialmente in linea con quella del 2022 ma vedrà una novità nella crociera di Pasqua dall'8 al 13 aprile con arrivo a Praga e navigazione lungo l’Elba, in Sassonia, da Bad Schandau a Magdeburgo a bordo della 4 stelle Johannes Brahms\".\r\n\r\n\"Per quanto riguarda il Grand Nord, abbiamo concluso la stagione estiva 2022 in Europa settentrionale con numeri e fatturato analoghi allo stesso periodo del 2019. Il trend è continuato con gli altrettanto ottimi risultati della programmazione invernale per Rovaniemi e il Mondo di Babbo Natale, nonché Tromsø per l’osservazione dell’aurora boreale: prodotti entrambi supportati da rotazioni charter per voli diretti da Milano Malpensa operate in collaborazione con Enter Air, Trade Air e Neos - aggiunge la product manager Grande Nord, Cristina Ferrando -.  Tale tendenza positiva ci ha portati a operare, in occasione dell’Immacolata, un volo supplementare da Roma per Rovaniemi; esperimento riuscito che apre una nuova era per le partenze con voli diretti Giver anche dal Centro-Sud. Per l’estate 2023 verrà quindi rinnovata la formula di programmi con accompagnatore esclusivo Giver in Norvegia operati con volo di linea, per quanto riguarda la destinazione fiordi, e con voli charter diretti per le destinazioni al di sopra del circolo polare artico. Tra le novità, l’introduzione di un itinerario in navigazione dalla Norvegia alle Svalbard a bordo della Trollfjord di Hurtigruten con partenze fisse e accompagnatore in esclusiva per il pubblico italiano. Riconfermata inoltre la programmazione con accompagnatore esclusivo per l’Islanda. A completare l’offerta del Grande Nord, i viaggi tailor made, nonché il ritorno della programmazione Canada e Alaska che per l’estate 2023 completerà la gamma dei viaggi verso il Grande Nord\".","post_title":"Giver, più offerta per il 2023. In distribuzione i cataloghi crociere fluviali e Grande Nord","post_date":"2023-01-10T09:53:50+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1673344430000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436448","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riapre completamente ristrutturato il Riu Santa Fe. Già ampliato nel 2018, con la costruzione dell’area dei Riu Pool Party e dello Splash Water World, la struttura è andata incontro quest'anno a un restyling totale. La proprietà è un all inclusive 24 ore, catalogato come Fun 4 All, che completa l’offerta del brand spagnolo nella Baja California Sur, dove sono presenti anche il Riu Palace Cabo San Lucas e l’hotel adults only Riu Palace Baja California. La riapertura del Santa Fe corona peraltro il venticinquesimo anniversario della presenza della compagnia nel Paese centramericano.\r\n\r\nDi categoria 5 stelle, il Riu Santa Fe dispone di 1.288 camere distribuite su vari edifici a loro volta costruiti lungo strade che ricordano un paesino messicano, con la sua caratteristica architettura e la sua pittoresca piazza centrale. A eccezione di quelle costruite durante l’ampliamento del 2018, tutte le stanze sono state rinnovate. Rinnovata pure la reception, che presenta aree separate per il check-in e per il check-out. Dopo questa ristrutturazione, inoltre, l’hotel vanta una seconda reception dotata di concierge.\r\n\r\nL’hotel ha inoltre aggiunto nuovi ristoranti alla propria offerta gastronomica: il Kulinarium, con le sue proposte gourmet à la carte, due taquerie Tiki Taco e due Pepe’s Food pronti a offrire i loro tradizionali piatti al grill. Continuano invece a essere presenti in hotel il ristorante principale Baja California, che propone colazioni e cene a buffet, il ristorante Lio, aperto durante i Riu Pool Party, i ristoranti a tema Carusso (italiano) e Sakura (orientale), La Misión (messicano) e il Torote (steak house), che si trovano di fianco alle piscine principali.","post_title":"Riapre dopo un restyling completo il messicano Riu Santa Fe","post_date":"2022-12-22T12:20:45+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1671711645000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"436256","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si chiama Lief, si trova a Bruxelles e offre 90 posti letto  su una superficie totale di 2.500 metri quadrati la prima struttura del gruppo Numa nei Paesi del Benelux. Ulteriore passo nel processo di internazionalizzazione dell'azienda tedesca, che oggi è presente in otto differenti destinazioni europee con un portfolio di oltre 3 mila unità abitative.\r\n\r\n\"Per noi, Bruxelles in quanto sede dell’Unione europea, è un punto di partenza ideale per la nostra espansione in Benelux - spiega il presidente di Numa Group, Dimitri Chandogin -. Per il nostro lancio sul mercato del Benelux, siamo quindi lieti di poter proporre un edificio storico in una posizione privilegiata. Continuiamo inoltre a cercare proprietà di primo piano in città come Amsterdam e Lussemburgo, e dal 2023 anche a Parigi\".","post_title":"Il gruppo Numa approda nel Benelux con il Lief di Bruxelles","post_date":"2022-12-20T12:20:24+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1671538824000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435903","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435916\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Christian Gaiser[/caption]\r\n\r\nOccupazione media oltre l'87% nelle sue più di 3 mila unità abitative distribuite in otto Paesi europei e ricavi medi per camera disponibile (revpar) a quota 100 euro. Sono i numeri del 2022 del giovane operatore tedesco di boutique apartment digitalizzati, Numa Group. Una compagnia in forte espansione, che solo quest'anno ha ricevuto 45 milioni di dollari di nuovo capitale per la crescita. In primavera, l’azienda ha avviato un ulteriore percorso di espansione con un forte incremento di capitale. Insieme a LaSalle Investment Management, Numa ha infatti lanciato una strategia pan-europea con un obiettivo portfolio di hotel in città da 500 milioni di euro. La partnership strategica fa parte della crescente attività di investimenti value-added di LaSalle Investment Management e mira all’acquisizione, riqualificazione e gestione di boutique apartment per soggiorni di breve e lunga durata, nonché allo sviluppo di progetti di riconversione.\r\n\r\n\"Notiamo che l’istituzionalizzazione del segmento dei boutique apartment sta lentamente progredendo - spiega il ceo di Numa Group, Christian Gaiser -. Siamo riusciti a convincere nuovi investitori grazie alle nostre ottime performance. Oltre a Dn Capital, si sono quindi aggiunti anche operatori come Soravia, Cherry Ventures, Scope Hanson e Kreos Capital, che stanno accelerando la nostra crescita\". \"Il 2022 è stato un anno molto forte per noi - aggiunge il presidente, Dimitri Chandogin -. Ci siamo espansi con sedi in nuovi mercati e siamo molto ottimisti per il 2023. In pochi mesi, non solo stiamo pianificando una crescita nelle destinazioni esistenti, ma ci svilupperemo anche in Francia, Regno Unito, Irlanda e nei Paesi nordici”.\r\n\r\nTra le inaugurazioni più recenti, il Numa Arc è stato aperto, più grande proprietà del portfolio, nell’ex hotel Angleterre di Friedrichstraße a Berlino, non lontano da Checkpoint Charlie. Dopo la ristrutturazione, il suggestivo grattacielo dell’ex Novotel-Suites Hotel nel quartiere di St. Georg ad Amburgo diventerà poi presto un altro indirizzo Numa. Il gruppo sta anche entrando nel mercato portoghese con la gestione di una proprietà da 77 unità abitative a Lisbona, situata nell’ex sede della Federcalcio lusitana, che aprirà nel secondo trimestre del 2024. E ancora: nel centro di Oslo, l’ex principale ufficio postale della città dovrebbe aprire come hotel completamente digitalizzato nel secondo semestre del 2023. Infine l'Italia, dove la compagnia ha ampliato la propria presenza con le inaugurazioni nel corso di quest'anno dei Numa Vici e Numa Portico a Roma, nonché del Numa Fiore a Firenze.","post_title":"Il gruppo Numa chiude un ottimo 2022 e prosegue la sua politica di espansione","post_date":"2022-12-14T10:58:58+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1671015538000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435347","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_435348\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Torsten Weihrich[/caption]\r\n\r\nSi rafforza il team executive del gruppo Numa che vede l'ingresso in azienda di Torsten Weihrich e Nick Abrahams rispettivamente nei ruoli di chief financial officer e chief revenue officer della compagnia. Negli ultimi tempi, Torsten Weihrich, 51 anni, ha ricoperto il ruolo di cfo presso aziende in rapida crescita nei settori media, e-commerce e venture capital. Tra le altre cose è stato infatti chief financial officerpresso Vitafy, ceo S&L Medien Group e ancora cgo rispettivamente presso Rtv Family Entertainment e BayTech Venture Capital. Ha anche lavorato per la casa automobilistica Bmw e la società di consulenza Roland Berger.\r\n\r\nNick Abrahams, 42 anni, è stato invece impiegato come esperto di strategia per più di 17 anni con una vasta esperienza alla guida di team importanti nel settore tecnologico. Di recente è stato vice presidente pricing e marketplace presso Sennder Technologies. In precedenza, ha trascorso quasi cinque anni in vari ruoli di manager presso Uber. Ha guidato poi la strategia di Flutter Plc ed è stato responsabile della divisione eGaming per le società dello stesso gruppo Flutter.\r\n\r\nTorsten commenta il suo nuovo ruolo:\r\n\r\n[caption id=\"attachment_435349\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Nick Abrahams[/caption]\r\n\r\n\"Numa diventerà una delle aziende più importanti del mercato europeo dell’ospitalità - commenta Weihrich -. Il gruppo sta definendo nuovi standard per questo mercato enorme e frammentato, con soluzioni guidate dalla tecnologia. Sono molto contento di contribuire dal punto di vista strategico e operativo. Apporterò la mia esperienza e il mio know-how all’ambizioso percorso di crescita, insieme all’intero team finanziario\". \"Negli ultimi 17 anni ho ricoperto ruoli primari in diversi ambiti - aggiunge Abrahams -: strategia, analisi, ricerca, pricing e prodotto, presso diverse aziende leader. Numa adotta un approccio innovativo, guidato dalla tecnologia, in un settore che è maturo per il cambiamento. Non vedo l’ora di portare la mia esperienza per aiutare il gruppo a realizzare i suoi ambiziosi piani di crescita nei prossimi anni\".","post_title":"Torsten Weihrich e Nick Abrahams nuovi cfo e cro del gruppo Numa","post_date":"2022-12-05T09:20:31+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670232031000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435326","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Isole Cook sempre più raggiungibili grazie all'introduzione di nuovi collegamenti aerei, che aprono a nuove opportunità di viaggi e itinerari diversi. \r\nÈ del 30 novembre la notizia di un nuovo collegamento aereo diretto tra Sydney e Rarotonga operato da Jetstar, operativo dal 29 giugno 2023: si tratta del primo volo dall’Australia della compagnia, che ha già attiva un’altra rotta sulle Cooks dalla Nuova Zelanda (Auckland).\r\nA questo si aggiunge l'altrettanto nuovo volo settimanale di Hawaiian Airlines sulla rotta da Honolulu a Rarotonga, a partire dal 20 maggio 2023. Il servizio fornirà ai viaggiatori provenienti dalle 15 città d'ingresso degli Stati Uniti alle Hawaii, comodi collegamenti one-stop per le Cook.\r\n\"Nel giro di poche settimane le Isole Cook, da una posizione di relativa inacessibilità, si ritrovano quattro rotte fondamentali con gateway che permettono una miriade di combinazioni - osserva Nick Costantini, general manager Southern Europe per Cook Island Tourism Corporation -. Lavoreremo sodo assieme ai principali tour operator per proporre le Isole Cook combinate con la Polinesia Francese, le Hawaii e West Coast America (ma anche New York); con la Nuova Zelanda e soprattutto, grazie a due voli settimanali, con l’Australia. Siamo molto ottimisti per il ritorno dei viaggiatori italiani verso la nostra destinazione rigenerata durante il Covid; ci sono nuove esperienze e isole da esplorare, tutte all’insegna della sostenibilità, nostra priorità da oltre dieci anni’.","post_title":"Isole Cook: nuove opportunità di viaggio grazie ai nuovi voli da Usa e Australia","post_date":"2022-12-02T11:23:15+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1669980195000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti