3 March 2024

Fabri, Starhotels: una beauty tax per salvare il turismo italiano

[ 0 ]

Una beauty tax, anche di entità importante: un contributo per la cultura da chiedere ai turisti in arrivo in Italia, per garantire la sicurezza e la protezione del territorio. E’ la provocazione lanciata da Elisabetta Fabri sul palco del primo forum sull’ospitalità di Pambianco. Certo, poi, occorrerà capire e vigilare su come verranno utilizzati questi fondi, ha aggiunto la presidente e a.d. di Starhotels, “ma il nostro Paese va considerato come un prodotto di alta gamma situato purtroppo su un territorio morfologicamente fragile. E in quanto tale non può assolutamente sopportare a lungo flussi di overtourism eccessivi”.

L’ideale, per Elisabetta Fabri, è che ci si concentrasse non tanto sul numero, quanto sul valore delle presenze turistiche: “Non è solo una questione di fatturato. Perché non si può pensare di escludere i viaggiatori senza grandi budget. Quello che si può però senz’altro fare è favorire la destagionalizzazione, deviando i flussi anche al di fuori dei momenti di picco. Altrimenti l’overtourism rischia di farci perdere l’identità: il nostro caratteristico lifestyle che rende la Penisola una vera meta da sogno, più appetibile di qualsiasi forma di lusso ostentato”.

In linea con tale approccio, Starhotels ha peraltro  adottato da tempo una policy acquisti che per i propri hotel garantisce forniture al 90% italiane. Il gruppo, che ha appena annunciato numeri record per il 2022, con un fatturato totale di 241 milioni di euro e margini operativi lordi per 80 milioni (ebitda), punta ora a crescere ulteriormente con l’obiettivo dei 300 milioni che appare non così lontano: “Io sono ambiziosa per natura – ha sottolineato Elisabetta Fabri -. Per di più la ripartenza è stata fortissima: il 2022 si è chiuso con cifre mai viste prima. E questo nonostante i primi quattro mesi siano andati a rilento, a causa della variante Omicron”.

In termini di progetti futuri, infine, l’idea è quella di espandersi soprattutto tramite accordi di gestione: “Un modo per velocizzare lo sviluppo, andando oltre le acquisizioni dirette”. La società è stata quindi recentemente scissa in due parti: una si occupa degli hotel italiani di proprietà, l’altra di quelli all’estero e appunto delle gestioni. A cominciare dal Gabrielli di Venezia, che è stato affidato al gruppo fiorentino da una famiglia alle redini della struttura per oltre 150 anni. “La sfida, in questi casi, non è tanto data dalla competizione delle grandi catene internazionali – ha concluso Elisabetta Fabri -, quanto dai risvolti psicologici che deve affrontare chi, spesso dopo tanti anni, si decide ad affidare la conduzione della propria struttura a una società esterna. Per questo motivo, seppure in teoria abbiamo soglie e dimensioni minime da rispettare, siamo pronti a cogliere qualsiasi opportunità con i fondamentali a posto. E anche se oggi i nostri indirizzi sono tutti in città, non escludiamo la possibilità di aprire un giorno ai resort. Ma per questo, onestamente, ci dobbiamo ancora attrezzare”.

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461813 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => In occasione dell’anno del Drago, il McArthurGlenSerravalle Designer Outlet si è unito alla comunità cinese nei festeggiamenti, con un ricco programma di attività e promozioni realizzato tra gli scorsi 2 e 11 febbraio. Per rendere omaggio al Capodanno cinese, l'outlet si è in particolare trasformato, ricreando le affascinanti atmosfere del Paese asiatico con una serie di installazioni a tema. "Nonostante le sfide globali – afferma il general manager di Serravalle, Matteo Migani -, il nostro centro ha sperimentato nel 2023 un notevole incremento dei flussi turistici internazionali: i dati tax free indicano a fine anno un giro d'affari generato dai visitatori stranieri superiore del 14%  rispetto ai livelli del 2019, con un peso significativo sul totale fatturato sopra al 40%. Si tratta di turisti internazionali che cercano sempre più esperienze approfondite e di qualità sul territorio". Nel corso degli anni, il market mix dei visitatori all’interno dell'outlet si è infatti costantemente evoluto, andando a ridefinire, di conseguenza, le strategie di approccio ai mercati internazionali del centro: da un lato guardando a nuove fonti di traffico, dall’altro cercando di ridurre il rischio di dipendenza da specifici mercati o aree del mondo. "Negli ultimi mesi, risultati incoraggianti sono derivati in special modo dall'implementazione di un piano straordinario per rafforzare i legami con il mercato cinese - prosegue Migani -, ritenuto di vitale importanza strategica. L'area nota come Greater China (Cina, Hong Kong, Taiwan) lo scorso anno ha infatti contribuito significativamente alla crescita dei flussi internazionali, con l’11% del totale delle vendite tax free generate dal centro, e vede oggi prospettive di crescita ulteriormente positive". Anche per questo, e in linea con l'aumento previsto dei viaggiatori cinesi in Europa, Serravalle ha inaugurato propri profili su nuovi canali di comunicazione ampiamente utilizzati dalla popolazione cinese: gli account ufficiali dell'outlet su Red Little Book, online dal 4 gennaio, e su WeChat, operativo dal 26 gennaio, hanno già raccolto oltre 1.700 followers e generato più di 1.500 interazioni. Inoltre, tra le peculiarità che hanno caratterizzato la presenza cinese all’interno del centro, alcune evidenziano una discontinuità rispetto al passato: in questo momento, il profilo dei visitatori cinesi si connota per una capacità di spesa medio alta e una presenza spesso legata a viaggi di lavoro o incentive trip, prevalentemente composta quindi da clienti individuali o piccoli gruppi che tendono a privilegiare con ancor maggior favore il concetto di esperienza a 360 gradi. "L’interazione di questi visitatori con il territorio circostanze si conferma, in questo senso, una chiave di attrazione e un elemento integrante della stessa visita al centro - conclude Migani -. Noi da sempre rispondiamo a queste aspettative, favorendo la vocazione turistica dei territori circostanti e supportando iniziative di valorizzazione dei tesori culturali, enogastronomici e paesaggistici e all’eccellenza dei servizi di ospitalità dell'Alto Monferrato, dalle colline del Gavi e della val Borbera, in particolare". [post_title] => Crescono i visitatori cinesi all'outlet di Serravalle, che festeggia l'anno del Drago [post_date] => 2024-02-19T12:38:49+00:00 [category] => Array ( [0] => incoming ) [category_name] => Array ( [0] => Incoming ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708346329000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460986 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Colpo di mercato di Starhotels che strappa Fabrizio Gaggio al gruppo Una. La news non è stata ancora ufficializzata ma è trapelata sulle colonne del Sole 24 Ore. Per il manager italiano, già tra le altre cose senior vice president global asset management di Millennium & Copthorne e ceo della Lungarno Collection, si tratterebbe di un ritorno nella compagnia fiorentina, di cui è stato managing director tra il 2008 e il 2012. Il suo arrivo in Starhotels, a fianco della titolare della compagnia Elisabetta Fabri, sarebbe funzionale all'ulteriore espansione del gruppo, anche tramite l'acquisizione della gestione di strutture terze. La società fiorentina è oggi il principale operatore dell'ospitalità italiana per valore di fatturato, avendo chiuso il 2022 con un giro d'affari di 241 milioni di euro e margini operativi lordi (ebitda) per 80 milioni.   [post_title] => Fabrizio Gaggio nuovo co-ceo di Starhotels, a fianco di Elisabetta Fabri [post_date] => 2024-02-07T11:40:33+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707306033000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460917 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_460918" align="alignleft" width="268"] Stefan Voncila[/caption] “È con grande soddisfazione che accogliamo Stefan nella nostra famiglia” commenta Daniele Fabbri, general manager di Hilton Milan - “La sua figura sarà fondamentale per l’azienda, soprattutto in un momento così cruciale, durante il quale l’hotel sta subendo un’importante ristrutturazione. Sono certo che, grazie alla sua lunga esperienza nei vari Hilton d’Europa, riusciremo a raggiungere traguardi importanti, che contribuiranno alla crescita dell’Hotel”. Sono le parole con le quali è stato accolto Stefan Voncila in Hilton Milan, dopo essere stato nominato commercial director presso l'Hilton Milan, assumendo la responsabilità delle strategie di vendita, delle negoziazioni e delle operazioni commerciali dell'hotel. Con oltre 20 anni di esperienza nel settore dell'ospitalità, Stefan ha maturato una solida carriera all'interno degli hotel del gruppo Hilton, iniziando nel 2003 con l'Athenee Palace Hilton Bucharest e culminando con l'Hilton Prague, dove è stato selezionato attraverso il General Manager Elevator Programme. Prima di approdare a Milano, ha ricoperto il ruolo di Cluster Commercial Manager per tre hotel Hilton a Vienna, ottenendo il prestigioso premio Summit Award 2022 - Revenue Management Leader of the Year EMEA / APAC. “Apprezzo moltissimo il coinvolgimento di tutti i nostri team members nei confronti degli ospiti e soprattutto il loro modo di porsi e comunicare con gioia e grande professionalità - dichiara Voncila -. Sono molto orgoglioso in particolare delle iniziative ESG che il nostro General Manager mette in campo, anch’esse fondamentali per il successo dell’hotel. Sono certo che ci aspetta un futuro brillante insieme e sono impaziente di entrare nel vivo di questa nuova avventura.” [post_title] => Stefan Voncila, nuovo commercial director di Hilton Milan [post_date] => 2024-02-06T14:58:46+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707231526000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460691 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Tredicesimo compleanno per Easyweeks, uno dei primi tour operator completamente online del panorama turistico italiano. «Il nostro percorso vede il consolidamento delle attività in essere, che vertono principalmente sulla nostra specializzazione Nord Europa - spiega la managing director, Gianna Forlastro –. Il prodotto che proponiamo è basato su un viaggio esperienziale, non solo di località ma di attività diversificate, che spaziano fra le outdoor fino all’incontro diretto con le culture locali attraverso la conoscenza di vere persone del Nord. Forse non è una proposta per tutti, ma ci piace diversificare, andando oltre al solito, avvolgente, incantevole, eccitante Rovaniemi, che purtroppo è però diventato ormai massivo, concentrandoci sulla rotta artica». Sono cinque in particolare gli itinerari Easyweek per le Rotte artiche: Narvik – Tromsø (Norvegia); Narvik la porta di accesso alle Lofoten e Tromso la Capitale Artica. Tromsø – Lyngen (Norvegia); la capitale artica e la spettacolare penisola di Lyngen e le sue Alpi Nordiche. Tromsø – Lyngen - Alta (Norvegia); un viaggio tra la capitale artica e Alta, la città delle aurore boreali. Tromsø – Rovaniemi (Norvegia e Finlandia); dalla capitale artica a Babbo Natale. Levi – Svolvær (Finlandia – Svezia – Norvegia); dall’Alta Lapponia finlandese fino alle Lofoten passando per la Lapponia Svedese con Kiruna, la città che si muove e la famosa Abisko con il suo parco nazionale e l’Aurora Sky Station. Gli itinerari si percorrono su bus di linea granturismo lusso. Le proposte di ogni singola Rotta artica possono essere combinate tra loro, fino ad arrivare a effettuare il giro completo dei tre paesi artici: Norvegia Artica, nonché Lapponia Finlandese e Svedese. La programmazione Nord Europa prosegue poi con la Norvegia, che presenta tante attività per soddisfare ogni gusto e aspettativa. Ma Easyweeks non si ferma qui. Ci sono infatti anche i Cammini, a partire da Santiago de Compostela, Cammino dei Fari e Rota Vicentina che, visto il grande riscontro degli scorsi anni, saranno riproposti con tante nuove idee a partire dal 1° aprile 2024. «Torniamo inoltre con il Centro Sud America, in primis Messico, Colombia, Brasile, sempre con lo stesso claim Vivi l'essenza del mondo Easyweeks - conclude Gianna Forlastro -. E ancora Seychelles e Mauritius, isole sulle quali l'offerta non è basata su villaggi o singole sistemazioni, ma offre tour a partire da otto giorni, spostandosi in diverse isole e/o località selezionate, con l'opportunità di cogliere l'essenza attraverso escursioni guidate». [post_title] => Easyweeks festeggia i 13 anni di attività con tante nuove proposte [post_date] => 2024-02-02T12:10:55+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706875855000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460341 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => E' in programma il prossimo 20 febbraio, presso l'hotel Acquaviva del Garda, il recruiting day dei percorsi dedicati alla ristorazione (sala e bar) nonché alla parte tecnica (igiene e manutenzione delle piscine) della nuova Terme di Sirmione Academy: "Negli ultimi anni, nel settore turistico, abbiamo assistito alla crisi del modello lavorativo tradizionale e a una mutata percezione del lavoro e dei valori a esso associati. In particolare nel nostro settore rileviamo una diminuzione della qualità della preparazione in ingresso al mondo del lavoro - spiega il direttore generale di Terme di Sirmione, Margherita De Angeli -. È proprio per questo che abbiamo deciso di investire in modo permanente nella realizzazione di un’academy che rappresenta un’opportunità per chi desidera intraprendere un nuovo percorso professionale in un’azienda solida, in continua crescita e che offre un contesto di lavoro stabile e duraturo”. I destinatari dei due percorsi f&b e tecnico sono persone che, pur non avendo una preparazione specifica, desiderano investire nel proprio futuro per acquisire le conoscenze teorico-pratiche necessarie a intraprendere una carriera professionale in ambito di servizio di sala e bar nel settore hotellerie o in ambito tecnico termale. I candidati saranno appunto selezionati durante un recruiting day, martedì 20 febbraio, dalle 9 alle 14, presso l'hotel Acquaviva del Garda. Chi supererà la selezione sarà assunto dal mese di marzo con un regolare contratto di due mesi presso le sedi di Terme di Sirmione, che includono strutture pluripremiate, hotel a 3, 4, 5 stelle, spa e centri curativi. Nel corso dei due mesi verrà svolto il percorso di formazione pratico e teorico di 100 ore, guidato da esperti interni: professionisti di Terme di Sirmione (maitre e direttori d’hotel, tecnici) di lunga esperienza e con conoscenze specifiche riguardanti i processi e le pratiche aziendali. Inoltre, colleghi più esperti e dirigenti agiranno come guide offrendo supporto e condividendo le loro conoscenze. Al termine del percorso di formazione e dei due mesi di contratto, verrà effettuata una valutazione finale di tutti i partecipanti e alla selezione dei migliori sarà proposto un contratto di assunzione per l’intera stagione.  Un altro percorso sarà infine dedicato al benessere: per i dipendenti interni che intendono entrare e crescere in Terme di Sirmione, l’academy prevede infatti la possibilità di accedere a percorsi di formazione come operatori di yoga e mindfulness e come augfussmeister presso scuole specializzate e certificate. Inoltre, l’azienda offre percorsi di formazione e specializzazione a estetiste e beauty specialist nei protocolli a metodo Terme di Sirmione. [post_title] => Nasce la Terme di Sirmione Academy: selezioni il 20 febbraio all'hotel Acquaviva del Garda [post_date] => 2024-01-30T10:49:56+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706611796000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460191 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Nuovo mini-boutique hotel da cinque camere a Milano: il Fontana16 Rooms ha aperto i propri battenti lo scorso 1° gennaio, grazie all'iniziativa dei due suoi fondatori Alberto Chessa e Mauro Lamera, che si sono ispirati ai loro viaggi intorno al mondo. La proprietà è ubicato nel cuore della città, all'interno di un suggestivo edificio risalente agli anni '20. Il progetto di rifunzionalizzazione dello spazio ha preservato il layout originale, mantenendo il fascino storico delle stanze che in passato hanno ospitato residenze, uffici e studi medici. Il design è del giovane architetto siciliano, Giorgio Clemenza. Seguendo il principio del Kintsugi, tecnica di restauro giapponese che prevede l'utilizzo della foglia oro per ricomporre i frammenti di un oggetto di ceramica rotto, in Fontana 16 Rooms è stato scelto di lasciare in evidenza le cicatrici ed i segni del tempo, valorizzandoli con un’elegante vernice blu: Gli spazi comuni, arricchiti da una selezione di libri e oggetti d'epoca che narrano la storia di Milano, conducono all'ampia terrazza verde: un'oasi di relax con una varietà di piante e una serra curiosa. Il Fontana16 Rooms offre servizi come il noleggio con conducente (Ncc), consulenze di stile con la coach Laura Paganini Martinez, servizi di beauty & wellness direttamente in camera, sessioni fotografiche professionali e altro ancora. [post_title] => Ha aperto a Milano il nuovo mini-boutique hotel da cinque camere Fontana16 Rooms [post_date] => 2024-01-26T11:35:05+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706268905000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460085 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => A Night of Beauty, una serata totalmente dedicata alla bellezza del viaggio in tutte le sue forme, quella che si è svolta ieri al settimo piano del palazzo di Rinascente di Milano, in Piazza Duomo. Il rooftop con vista sulla Madonnina è stato il set ideale per l’evento glamour con dj set organizzato da Msc Crociere per celebrare la nuova domination experience. "Quella di questa sera è solo una delle tappe che segna l’inizio di una serie di iniziative che ci vedranno sempre più protagonisti sul territorio della città di Milano - ha dichiarato Leonardo Massa, vice president Southern Europe Msc Crociere ed Explora Journeys -. Siamo orgogliosi di essere approdati alla Rinascente di Milano, vera e propria icona del capoluogo meneghino, con la nostra nuova brand campaign In viaggio verso la bellezza.  Milano e la Lombardia rappresentano infatti un’area sempre più importante per le nostre strategie di sviluppo. Non a caso, a metà dicembre abbiamo aperto il nostro primo temporary store proprio a Milano, in zona Gae Aulenti». Fino al prossimo 29 gennaio le vetrine di Rinascente ospiteranno quindi installazioni artistiche dedicate ai valori che contraddistinguono il brand, mentre la facciata riprodurrà le onde mare e il logo della compagnia. La nuova campagna  In viaggio verso la bellezza è il leitmotiv che accoglie i clienti della Rinascente fin dall’ingresso e li accompagna in ogni piano, proprio alla scoperta della bellezza: dalla bellezza di un modo più sostenibile di fare crociera, a quella delle suggestive destinazioni che Msc raggiunge con la sua flotta. Ma anche la bellezza che contraddistingue le aree della nave, le onde del mare, i piatti serviti a bordo, i colori dell’alba e del tramonto visti dal ponte superiore. Questo l’obiettivo della nuova campagna, che è attualmente attiva in Italia e in altri 30 paesi del mondo e prevede il coinvolgimento di un mix di canali tra cui tv, stampa, digitale e social media. [gallery ids="460092,460093,460090"] [post_title] => Msc e Rinascente in viaggio verso la bellezza [post_date] => 2024-01-25T12:52:35+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706187155000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460083 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Piero Pastore è il nuovo direttore generale del Nolinski di Venezia, la struttura del gruppo Evok inaugurata a giugno dello scorso anno. Prende il posto di Alessandro Caristo, che ne ha curato la start-up. Dopo aver conseguito un master in hospitality management, Pastore è entrato a far parte di Starhotels, compagnia per la quale ha lavorato per oltre dieci anni, passando dalle relazioni con gli ospiti al ruolo di resident manager. La sua esperienza si è formata a Firenze, Venezia e Milano, fino al raggiungimento della carica di hotel manager presso l’hotel Portici di Bologna. Nell’aprile del 2023 è approdato nella Evok Collection, in qualità di hotel manager dello stesso Nolinski Venezia, di cui ora è diventato direttore generale. [post_title] => Piero Pastore nuovo direttore generale del Nolinski di Venezia [post_date] => 2024-01-25T10:18:49+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1706177929000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 459849 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_427295" align="alignleft" width="300"] Roberto Di Tullio[/caption] Ricavi in crescita per il gruppo Belstay che, con i suoi quattro hotel a Milano, Mestre e Roma, ha chiuso il 2023 con 19 milioni di euro, pari a un livello del 25% superiore a quello raggiunto dalle medesime strutture in era pre-Covid. E questo grazie anche a un incremento dei ricavi medi per camera disponibile (revpar) superiore del 30% rispetto al benchmark di riferimento dei mercati cittadini in cui la compagnia è presente. In aumento pure l'occupazione media, che si è attestata oltre il 70%, sei punti percentuali sopra le attese. "Il 2024 sarà l’anno della messa a regime operativa per portare il gruppo verso una traiettoria di performance che realizzi il potenziale ancora inespresso (il brand è stato lanciato a giugno 2022 dal fondo d’investimento britannico Blantyre Capital in partnership con Garnet Hospitality Partners, ndr) - racconta l'a.d. di Belstay, Roberto Di Tullio -. L’obiettivo è incrementare il giro d’affari, con un focus sull’incremento del prezzo medio e sul potenziamento delle attività ristorative a marchio Seguimi, grazie all’operatività ordinaria, ma soprattutto mediante il comparto mice e l’organizzazione di nuovi eventi nella stagione estiva". Nel 2023 sono stati infatti realizzati circa mille eventi, che hanno visto come protagoniste le strutture di Roma Aurelia e Milano Assago. La maggior parte delle manifestazioni ha riguardato in particolare aziende dei comparti pharma, formazione e beauty. La provenienza geografica degli ospiti Belstay è risultata inoltre estremamente varia con oltre 50 nazionalità. In sensibile crescita rispetto al 2022 la componente estera pari al 68% della clientela totale. L’Italia rimane tuttavia il primo mercato col 32% delle presenze, seguita dagli Stati Uniti col 7%. Significativo nel segmento leisure l’afflusso dall’America Latina, che rappresenta oggi il 22% del totale. "Il 2023 è stato caratterizzato da alti tassi di interesse, prezzi medi da record e costi di materie prime ancora crescenti – ha aggiunto Tommaso Valle, co-fondatore di Garnet Hospitality Partners nonché development & project director Belstay –. Viste le condizioni penalizzanti nell’effettuare nuove acquisizioni, l’anno scorso ci siamo concentrati sull’ottimizzazione dell’attività gestionale e sul pieno sfruttamento dell’onda lunga di mercato per massimizzare il giro d’affari. Oggi Belstay è nelle condizioni ottimali per cogliere ulteriori opportunità d’incremento del fatturato sugli hotel esistenti ed eventualmente crescere nel numero di strutture. Ci auguriamo che il mercato immobiliare offra quest’anno maggiori occasioni d’espansione, vista la grande necessità di rinnovamento del patrimonio alberghiero italiano nel segmento 4 stelle». Per il 2024 si prevede quindi sicuramente il potenziamento della ristorazione a marchio Seguimi, l’apertura delle due piscine di Linate e Venezia Mestre, nonché l’espansione delle aree eventi e leisure. Ma l'idea è anche quella di espandersi per avere una presenza più capillare sul territorio, arrivando in città come Napoli, Torino, Firenze, Verona o Bologna. L'obiettivo? Raggiungere una massa critica di dieci-dodici hotel. [post_title] => Fatturato in crescita per Belstay che ora punta a espandersi ancora, mercato permettendo [post_date] => 2024-01-22T11:17:37+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1705922257000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "fabri starhotels beauty tax salvare turismo italiano" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":46,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":160,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461813","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"In occasione dell’anno del Drago, il McArthurGlenSerravalle Designer Outlet si è unito alla comunità cinese nei festeggiamenti, con un ricco programma di attività e promozioni realizzato tra gli scorsi 2 e 11 febbraio. Per rendere omaggio al Capodanno cinese, l'outlet si è in particolare trasformato, ricreando le affascinanti atmosfere del Paese asiatico con una serie di installazioni a tema. \"Nonostante le sfide globali – afferma il general manager di Serravalle, Matteo Migani -, il nostro centro ha sperimentato nel 2023 un notevole incremento dei flussi turistici internazionali: i dati tax free indicano a fine anno un giro d'affari generato dai visitatori stranieri superiore del 14%  rispetto ai livelli del 2019, con un peso significativo sul totale fatturato sopra al 40%. Si tratta di turisti internazionali che cercano sempre più esperienze approfondite e di qualità sul territorio\".\r\n\r\nNel corso degli anni, il market mix dei visitatori all’interno dell'outlet si è infatti costantemente evoluto, andando a ridefinire, di conseguenza, le strategie di approccio ai mercati internazionali del centro: da un lato guardando a nuove fonti di traffico, dall’altro cercando di ridurre il rischio di dipendenza da specifici mercati o aree del mondo. \"Negli ultimi mesi, risultati incoraggianti sono derivati in special modo dall'implementazione di un piano straordinario per rafforzare i legami con il mercato cinese - prosegue Migani -, ritenuto di vitale importanza strategica. L'area nota come Greater China (Cina, Hong Kong, Taiwan) lo scorso anno ha infatti contribuito significativamente alla crescita dei flussi internazionali, con l’11% del totale delle vendite tax free generate dal centro, e vede oggi prospettive di crescita ulteriormente positive\".\r\n\r\nAnche per questo, e in linea con l'aumento previsto dei viaggiatori cinesi in Europa, Serravalle ha inaugurato propri profili su nuovi canali di comunicazione ampiamente utilizzati dalla popolazione cinese: gli account ufficiali dell'outlet su Red Little Book, online dal 4 gennaio, e su WeChat, operativo dal 26 gennaio, hanno già raccolto oltre 1.700 followers e generato più di 1.500 interazioni. Inoltre, tra le peculiarità che hanno caratterizzato la presenza cinese all’interno del centro, alcune evidenziano una discontinuità rispetto al passato: in questo momento, il profilo dei visitatori cinesi si connota per una capacità di spesa medio alta e una presenza spesso legata a viaggi di lavoro o incentive trip, prevalentemente composta quindi da clienti individuali o piccoli gruppi che tendono a privilegiare con ancor maggior favore il concetto di esperienza a 360 gradi.\r\n\r\n\"L’interazione di questi visitatori con il territorio circostanze si conferma, in questo senso, una chiave di attrazione e un elemento integrante della stessa visita al centro - conclude Migani -. Noi da sempre rispondiamo a queste aspettative, favorendo la vocazione turistica dei territori circostanti e supportando iniziative di valorizzazione dei tesori culturali, enogastronomici e paesaggistici e all’eccellenza dei servizi di ospitalità dell'Alto Monferrato, dalle colline del Gavi e della val Borbera, in particolare\".","post_title":"Crescono i visitatori cinesi all'outlet di Serravalle, che festeggia l'anno del Drago","post_date":"2024-02-19T12:38:49+00:00","category":["incoming"],"category_name":["Incoming"],"post_tag":[]},"sort":[1708346329000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460986","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Colpo di mercato di Starhotels che strappa Fabrizio Gaggio al gruppo Una. La news non è stata ancora ufficializzata ma è trapelata sulle colonne del Sole 24 Ore. Per il manager italiano, già tra le altre cose senior vice president global asset management di Millennium & Copthorne e ceo della Lungarno Collection, si tratterebbe di un ritorno nella compagnia fiorentina, di cui è stato managing director tra il 2008 e il 2012.\r\n\r\nIl suo arrivo in Starhotels, a fianco della titolare della compagnia Elisabetta Fabri, sarebbe funzionale all'ulteriore espansione del gruppo, anche tramite l'acquisizione della gestione di strutture terze. La società fiorentina è oggi il principale operatore dell'ospitalità italiana per valore di fatturato, avendo chiuso il 2022 con un giro d'affari di 241 milioni di euro e margini operativi lordi (ebitda) per 80 milioni.\r\n\r\n ","post_title":"Fabrizio Gaggio nuovo co-ceo di Starhotels, a fianco di Elisabetta Fabri","post_date":"2024-02-07T11:40:33+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1707306033000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460917","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_460918\" align=\"alignleft\" width=\"268\"] Stefan Voncila[/caption]\r\n\r\n“È con grande soddisfazione che accogliamo Stefan nella nostra famiglia” commenta Daniele Fabbri, general manager di Hilton Milan - “La sua figura sarà fondamentale per l’azienda, soprattutto in un momento così cruciale, durante il quale l’hotel sta subendo un’importante ristrutturazione. Sono certo che, grazie alla sua lunga esperienza nei vari Hilton d’Europa, riusciremo a raggiungere traguardi importanti, che contribuiranno alla crescita dell’Hotel”.\r\n\r\nSono le parole con le quali è stato accolto Stefan Voncila in Hilton Milan, dopo essere stato nominato commercial director presso l'Hilton Milan, assumendo la responsabilità delle strategie di vendita, delle negoziazioni e delle operazioni commerciali dell'hotel.\r\n\r\nCon oltre 20 anni di esperienza nel settore dell'ospitalità, Stefan ha maturato una solida carriera all'interno degli hotel del gruppo Hilton, iniziando nel 2003 con l'Athenee Palace Hilton Bucharest e culminando con l'Hilton Prague, dove è stato selezionato attraverso il General Manager Elevator Programme.\r\n\r\nPrima di approdare a Milano, ha ricoperto il ruolo di Cluster Commercial Manager per tre hotel Hilton a Vienna, ottenendo il prestigioso premio Summit Award 2022 - Revenue Management Leader of the Year EMEA / APAC.\r\n\r\n“Apprezzo moltissimo il coinvolgimento di tutti i nostri team members nei confronti degli ospiti e soprattutto il loro modo di porsi e comunicare con gioia e grande professionalità - dichiara Voncila -. Sono molto orgoglioso in particolare delle iniziative ESG che il nostro General Manager mette in campo, anch’esse fondamentali per il successo dell’hotel. Sono certo che ci aspetta un futuro brillante insieme e sono impaziente di entrare nel vivo di questa nuova avventura.”","post_title":"Stefan Voncila, nuovo commercial director di Hilton Milan","post_date":"2024-02-06T14:58:46+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1707231526000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460691","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Tredicesimo compleanno per Easyweeks, uno dei primi tour operator completamente online del panorama turistico italiano. «Il nostro percorso vede il consolidamento delle attività in essere, che vertono principalmente sulla nostra specializzazione Nord Europa - spiega la managing director, Gianna Forlastro –. Il prodotto che proponiamo è basato su un viaggio esperienziale, non solo di località ma di attività diversificate, che spaziano fra le outdoor fino all’incontro diretto con le culture locali attraverso la conoscenza di vere persone del Nord. Forse non è una proposta per tutti, ma ci piace diversificare, andando oltre al solito, avvolgente, incantevole, eccitante Rovaniemi, che purtroppo è però diventato ormai massivo, concentrandoci sulla rotta artica».\r\n\r\nSono cinque in particolare gli itinerari Easyweek per le Rotte artiche: Narvik – Tromsø (Norvegia); Narvik la porta di accesso alle Lofoten e Tromso la Capitale Artica. Tromsø – Lyngen (Norvegia); la capitale artica e la spettacolare penisola di Lyngen e le sue Alpi Nordiche. Tromsø – Lyngen - Alta (Norvegia); un viaggio tra la capitale artica e Alta, la città delle aurore boreali. Tromsø – Rovaniemi (Norvegia e Finlandia); dalla capitale artica a Babbo Natale. Levi – Svolvær (Finlandia – Svezia – Norvegia); dall’Alta Lapponia finlandese fino alle Lofoten passando per la Lapponia Svedese con Kiruna, la città che si muove e la famosa Abisko con il suo parco nazionale e l’Aurora Sky Station. Gli itinerari si percorrono su bus di linea granturismo lusso. Le proposte di ogni singola Rotta artica possono essere combinate tra loro, fino ad arrivare a effettuare il giro completo dei tre paesi artici: Norvegia Artica, nonché Lapponia Finlandese e Svedese.\r\n\r\nLa programmazione Nord Europa prosegue poi con la Norvegia, che presenta tante attività per soddisfare ogni gusto e aspettativa. Ma Easyweeks non si ferma qui. Ci sono infatti anche i Cammini, a partire da Santiago de Compostela, Cammino dei Fari e Rota Vicentina che, visto il grande riscontro degli scorsi anni, saranno riproposti con tante nuove idee a partire dal 1° aprile 2024. «Torniamo inoltre con il Centro Sud America, in primis Messico, Colombia, Brasile, sempre con lo stesso claim Vivi l'essenza del mondo Easyweeks - conclude Gianna Forlastro -. E ancora Seychelles e Mauritius, isole sulle quali l'offerta non è basata su villaggi o singole sistemazioni, ma offre tour a partire da otto giorni, spostandosi in diverse isole e/o località selezionate, con l'opportunità di cogliere l'essenza attraverso escursioni guidate».","post_title":"Easyweeks festeggia i 13 anni di attività con tante nuove proposte","post_date":"2024-02-02T12:10:55+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1706875855000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460341","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"E' in programma il prossimo 20 febbraio, presso l'hotel Acquaviva del Garda, il recruiting day dei percorsi dedicati alla ristorazione (sala e bar) nonché alla parte tecnica (igiene e manutenzione delle piscine) della nuova Terme di Sirmione Academy: \"Negli ultimi anni, nel settore turistico, abbiamo assistito alla crisi del modello lavorativo tradizionale e a una mutata percezione del lavoro e dei valori a esso associati. In particolare nel nostro settore rileviamo una diminuzione della qualità della preparazione in ingresso al mondo del lavoro - spiega il direttore generale di Terme di Sirmione, Margherita De Angeli -. È proprio per questo che abbiamo deciso di investire in modo permanente nella realizzazione di un’academy che rappresenta un’opportunità per chi desidera intraprendere un nuovo percorso professionale in un’azienda solida, in continua crescita e che offre un contesto di lavoro stabile e duraturo”.\r\n\r\nI destinatari dei due percorsi f&b e tecnico sono persone che, pur non avendo una preparazione specifica, desiderano investire nel proprio futuro per acquisire le conoscenze teorico-pratiche necessarie a intraprendere una carriera professionale in ambito di servizio di sala e bar nel settore hotellerie o in ambito tecnico termale. I candidati saranno appunto selezionati durante un recruiting day, martedì 20 febbraio, dalle 9 alle 14, presso l'hotel Acquaviva del Garda. Chi supererà la selezione sarà assunto dal mese di marzo con un regolare contratto di due mesi presso le sedi di Terme di Sirmione, che includono strutture pluripremiate, hotel a 3, 4, 5 stelle, spa e centri curativi. Nel corso dei due mesi verrà svolto il percorso di formazione pratico e teorico di 100 ore, guidato da esperti interni: professionisti di Terme di Sirmione (maitre e direttori d’hotel, tecnici) di lunga esperienza e con conoscenze specifiche riguardanti i processi e le pratiche aziendali. Inoltre, colleghi più esperti e dirigenti agiranno come guide offrendo supporto e condividendo le loro conoscenze. Al termine del percorso di formazione e dei due mesi di contratto, verrà effettuata una valutazione finale di tutti i partecipanti e alla selezione dei migliori sarà proposto un contratto di assunzione per l’intera stagione. \r\n\r\nUn altro percorso sarà infine dedicato al benessere: per i dipendenti interni che intendono entrare e crescere in Terme di Sirmione, l’academy prevede infatti la possibilità di accedere a percorsi di formazione come operatori di yoga e mindfulness e come augfussmeister presso scuole specializzate e certificate. Inoltre, l’azienda offre percorsi di formazione e specializzazione a estetiste e beauty specialist nei protocolli a metodo Terme di Sirmione.","post_title":"Nasce la Terme di Sirmione Academy: selezioni il 20 febbraio all'hotel Acquaviva del Garda","post_date":"2024-01-30T10:49:56+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706611796000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460191","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Nuovo mini-boutique hotel da cinque camere a Milano: il Fontana16 Rooms ha aperto i propri battenti lo scorso 1° gennaio, grazie all'iniziativa dei due suoi fondatori Alberto Chessa e Mauro Lamera, che si sono ispirati ai loro viaggi intorno al mondo. La proprietà è ubicato nel cuore della città, all'interno di un suggestivo edificio risalente agli anni '20. Il progetto di rifunzionalizzazione dello spazio ha preservato il layout originale, mantenendo il fascino storico delle stanze che in passato hanno ospitato residenze, uffici e studi medici. Il design è del giovane architetto siciliano, Giorgio Clemenza. Seguendo il principio del Kintsugi, tecnica di restauro giapponese che prevede l'utilizzo della foglia oro per ricomporre i frammenti di un oggetto di ceramica rotto, in Fontana 16 Rooms è stato scelto di lasciare in evidenza le cicatrici ed i segni del tempo, valorizzandoli con un’elegante vernice blu:\r\n\r\nGli spazi comuni, arricchiti da una selezione di libri e oggetti d'epoca che narrano la storia di Milano, conducono all'ampia terrazza verde: un'oasi di relax con una varietà di piante e una serra curiosa. Il Fontana16 Rooms offre servizi come il noleggio con conducente (Ncc), consulenze di stile con la coach Laura Paganini Martinez, servizi di beauty & wellness direttamente in camera, sessioni fotografiche professionali e altro ancora.","post_title":"Ha aperto a Milano il nuovo mini-boutique hotel da cinque camere Fontana16 Rooms","post_date":"2024-01-26T11:35:05+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706268905000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460085","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"\r\n\r\nA Night of Beauty, una serata totalmente dedicata alla bellezza del viaggio in tutte le sue forme, quella che si è svolta ieri al settimo piano del palazzo di Rinascente di Milano, in Piazza Duomo. Il rooftop con vista sulla Madonnina è stato il set ideale per l’evento glamour con dj set organizzato da Msc Crociere per celebrare la nuova domination experience. \"Quella di questa sera è solo una delle tappe che segna l’inizio di una serie di iniziative che ci vedranno sempre più protagonisti sul territorio della città di Milano - ha dichiarato Leonardo Massa, vice president Southern Europe Msc Crociere ed Explora Journeys -. Siamo orgogliosi di essere approdati alla Rinascente di Milano, vera e propria icona del capoluogo meneghino, con la nostra nuova brand campaign In viaggio verso la bellezza.  Milano e la Lombardia rappresentano infatti un’area sempre più importante per le nostre strategie di sviluppo. Non a caso, a metà dicembre abbiamo aperto il nostro primo temporary store proprio a Milano, in zona Gae Aulenti».\r\n\r\nFino al prossimo 29 gennaio le vetrine di Rinascente ospiteranno quindi installazioni artistiche dedicate ai valori che contraddistinguono il brand, mentre la facciata riprodurrà le onde mare e il logo della compagnia. La nuova campagna  In viaggio verso la bellezza è il leitmotiv che accoglie i clienti della Rinascente fin dall’ingresso e li accompagna in ogni piano, proprio alla scoperta della bellezza: dalla bellezza di un modo più sostenibile di fare crociera, a quella delle suggestive destinazioni che Msc raggiunge con la sua flotta. Ma anche la bellezza che contraddistingue le aree della nave, le onde del mare, i piatti serviti a bordo, i colori dell’alba e del tramonto visti dal ponte superiore. Questo l’obiettivo della nuova campagna, che è attualmente attiva in Italia e in altri 30 paesi del mondo e prevede il coinvolgimento di un mix di canali tra cui tv, stampa, digitale e social media.\r\n\r\n[gallery ids=\"460092,460093,460090\"]","post_title":"Msc e Rinascente in viaggio verso la bellezza","post_date":"2024-01-25T12:52:35+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1706187155000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460083","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Piero Pastore è il nuovo direttore generale del Nolinski di Venezia, la struttura del gruppo Evok inaugurata a giugno dello scorso anno. Prende il posto di Alessandro Caristo, che ne ha curato la start-up.\r\n\r\nDopo aver conseguito un master in hospitality management, Pastore è entrato a far parte di Starhotels, compagnia per la quale ha lavorato per oltre dieci anni, passando dalle relazioni con gli ospiti al ruolo di resident manager. La sua esperienza si è formata a Firenze, Venezia e Milano, fino al raggiungimento della carica di hotel manager presso l’hotel Portici di Bologna. Nell’aprile del 2023 è approdato nella Evok Collection, in qualità di hotel manager dello stesso Nolinski Venezia, di cui ora è diventato direttore generale.","post_title":"Piero Pastore nuovo direttore generale del Nolinski di Venezia","post_date":"2024-01-25T10:18:49+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1706177929000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"459849","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_427295\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Roberto Di Tullio[/caption]\r\n\r\nRicavi in crescita per il gruppo Belstay che, con i suoi quattro hotel a Milano, Mestre e Roma, ha chiuso il 2023 con 19 milioni di euro, pari a un livello del 25% superiore a quello raggiunto dalle medesime strutture in era pre-Covid. E questo grazie anche a un incremento dei ricavi medi per camera disponibile (revpar) superiore del 30% rispetto al benchmark di riferimento dei mercati cittadini in cui la compagnia è presente. In aumento pure l'occupazione media, che si è attestata oltre il 70%, sei punti percentuali sopra le attese.\r\n\r\n\"Il 2024 sarà l’anno della messa a regime operativa per portare il gruppo verso una traiettoria di performance che realizzi il potenziale ancora inespresso (il brand è stato lanciato a giugno 2022 dal fondo d’investimento britannico Blantyre Capital in partnership con Garnet Hospitality Partners, ndr) - racconta l'a.d. di Belstay, Roberto Di Tullio -. L’obiettivo è incrementare il giro d’affari, con un focus sull’incremento del prezzo medio e sul potenziamento delle attività ristorative a marchio Seguimi, grazie all’operatività ordinaria, ma soprattutto mediante il comparto mice e l’organizzazione di nuovi eventi nella stagione estiva\".\r\n\r\nNel 2023 sono stati infatti realizzati circa mille eventi, che hanno visto come protagoniste le strutture di Roma Aurelia e Milano Assago. La maggior parte delle manifestazioni ha riguardato in particolare aziende dei comparti pharma, formazione e beauty. La provenienza geografica degli ospiti Belstay è risultata inoltre estremamente varia con oltre 50 nazionalità. In sensibile crescita rispetto al 2022 la componente estera pari al 68% della clientela totale. L’Italia rimane tuttavia il primo mercato col 32% delle presenze, seguita dagli Stati Uniti col 7%. Significativo nel segmento leisure l’afflusso dall’America Latina, che rappresenta oggi il 22% del totale.\r\n\r\n\"Il 2023 è stato caratterizzato da alti tassi di interesse, prezzi medi da record e costi di materie prime ancora crescenti – ha aggiunto Tommaso Valle, co-fondatore di Garnet Hospitality Partners nonché development & project director Belstay –. Viste le condizioni penalizzanti nell’effettuare nuove acquisizioni, l’anno scorso ci siamo concentrati sull’ottimizzazione dell’attività gestionale e sul pieno sfruttamento dell’onda lunga di mercato per massimizzare il giro d’affari. Oggi Belstay è nelle condizioni ottimali per cogliere ulteriori opportunità d’incremento del fatturato sugli hotel esistenti ed eventualmente crescere nel numero di strutture. Ci auguriamo che il mercato immobiliare offra quest’anno maggiori occasioni d’espansione, vista la grande necessità di rinnovamento del patrimonio alberghiero italiano nel segmento 4 stelle».\r\n\r\nPer il 2024 si prevede quindi sicuramente il potenziamento della ristorazione a marchio Seguimi, l’apertura delle due piscine di Linate e Venezia Mestre, nonché l’espansione delle aree eventi e leisure. Ma l'idea è anche quella di espandersi per avere una presenza più capillare sul territorio, arrivando in città come Napoli, Torino, Firenze, Verona o Bologna. L'obiettivo? Raggiungere una massa critica di dieci-dodici hotel.","post_title":"Fatturato in crescita per Belstay che ora punta a espandersi ancora, mercato permettendo","post_date":"2024-01-22T11:17:37+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1705922257000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti