7 December 2022

Blu Hotels a Milano con il Savona 18 Suites, fra design e corporate

[ 0 ]
Blu Hotels, Savona 18

Presentazione ufficiale ieri sera a Milano per il Savona 18 Suites, la prima struttura milanese gestita da Blu Hotels, dopo il soft opening di fine ottobre. Ricavato da una tradizionale casa di ringhiera con oltre un secolo di storia alle spalle, in quella zona che oggi è diventata un punto di riferimento per il design e la moda – via Savona, appunto – il 4 stelle è stato oggetto di una profonda ristrutturazione (sotto la direzione di Cibicworkshop – Aldo Cibic) e punta dritto alla clientela corporate, distaccandosi dall’offerta a vocazione decisamente leisure del gruppo. «Da anni eravamo alla ricerca di una struttura a Milano, che fosse diversa e particolare e ci permettesse di arrivare in una piazza così importante – ha dichiarato il presidente di Blu Hotels Nicola Risatti (nella foto) -. Dopo aver visitato questa proprietà il nostro interesse e il successivo coinvolgimento sono stati immediati. Abbiamo partecipato anche all’investimento per concludere la ristrutturazione, con circa un milione di euro, dopo che la famiglia proprietaria dell’immobile aveva già impiegato per il rinnovo 5,9 milioni di euro». Dopo il Blu Hotels Brixia, primo business hotel del gruppo, «cercavamo per il passo successivo nel mercato corporate una piazza importante, da Milano a Venezia: l’obiettivo è quello di crescere ulteriormente in questa direzione, magari a Firenze oppure Torino, e aumentare la quota bt sul totale del nostro giro d’affari, che oggi copre chiaramente solo un 5%».

Le 43 camere sono suddivise in Home Suite (da 30 mq), Suite Studio (da 40 mq), Comfort Room (da 20 mq), Queen Room (da 30 mq) oltre alla Suite Savona View (48 mq); si affacciano sulla corte privata, ideale anche per l’organizzazione di eventi; a disposizione degli ospiti anche una sala meeting (fino a 20-30 persone) e un elegante Petit Cafè (dove è possibile fare colazione, aperto anche a clienti esterni). Tratto distintivo della struttura sono sicuramente gli arredi, che portano la firma di Aldo Cibic. «L’intento era quello di realizzare più una casa accogliente che non il “solito” luxury hotel – ha spiegato lo stesso Cibic -. Un luogo che esprimesse a suo modo un’eleganza gentile, un posto dove essere felici di stare». Un pensiero che ben si concilia con la filosofia di Blu Hotels: «Da 25 anni facciamo questo mestiere – ha ricordato Risatti -, la mia è la terza generazione a lavorare nel settore alberghiero. E quello che ci contraddistingue e che non deve mai mancare è sicuramente la passione per quello che facciamo. I nostri ospiti devono poter ripartire dopo un soggiorno nelle nostre strutture con un ricordo positivo».




Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435534 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si confermano stime molto positive nel 2022 per il turismo in Italia e tutti gli indicatori suggeriscono un ritorno a livelli vicini al periodo pre-pandemico. In questo contesto spicca il settore d’alta gamma, che sta trainando il BelPaese sempre più in alto. A supporto del trend positivo, l’Italia con Enit torna all'edizione 2022 della fiera ILTM di Cannes, dal 5 all'8 dicembre. In uno stand di oltre 660 mq, l’Agenzia nazionale del turismo ha coinvolto 19 regioni e Roma Capitale con oltre a 126 aziende internazionali per promuovere le magnificenze del Paese. Tour-Operator, dmc, mice, hotel di lusso, meeting planner, ecc. per offrire ai buyer internazionali un'ampia gamma di prodotti e servizi, come boutique hotels, beach resorts, attrazioni culturali e uniche, ecotourism family, travel gastronomic experiences, golf resorts, meeting & conference venues, natural wonders, outdoor sports, private villas, serviced apartments, shopping experiences, ski resorts, spa & wellbeing, yacht charter & sailing holidays, tourism boards, celebrations &anniversaries, weddings & honeymoons. L'Italia è tra le destinazioni preferite dai viaggiatori "top di gamma" che cercano arte, cultura ed enogastronomia (Bain & Consulting). Per i turisti francesi ad ottobre e novembre 2022, l’Italia risulta il secondo paese di destinazione in base alle ricerche di alloggio su Google per i viaggi all’estero, preceduta dalla Spagna e seguita dagli Stati Uniti. Ufficio Studi Enit su dati Google Destination Insights. Nei primi 6 mesi del 2022, i viaggiatori francesi in Italia spendono circa 1,6 miliardi di euro, il 180% in più rispetto a gennaio-giugno 2021. (Fonte: Ufficio Studi Enit su dati Banca d’Italia – 2022 provvisori). In testa Lombardia, Piemonte, Lazio, Liguria E Toscana. Il settore è quindi in grado di soddisfare la clientela del turismo di fascia alta che, secondo un'indagine Virtuoso (2022), si aspetta, oltre alla sicurezza tanto ricercata negli ultimi anni, ancora più consulenza, viaggi-evento, esperienze personalizzate iperesclusive e soprattutto responsabili. Con un forte impatto su molti settori del Made in Italy, il turismo di fascia alta è un elemento essenziale per la ripresa dell'economia italiana. Nonostante le tensioni geopolitiche ed economiche, il trend rimane molto positivo per il 2023, in quanto l'assenza dei mercati russo e asiatico è in parte controbilanciata dal ritorno dei clienti europei e americani. “Per dicembre 2022, le prenotazioni aeree dei francesi verso l’Italia risultano attualmente in linea con quelle del medesimo mese 2021, con un’incidenza sul totale internazionale del 6,0%". Nel 2021, tra gli esercizi ricettivi scelti per pernottare durante il soggiorno in Italia, prevalgono gli alberghi: 4,5 milioni di presenze francesi, il 65,5% delle notti complessive, contro circa 2,4 milioni nelle strutture extra-alberghiere, il restante 34,5%.  Tradizionalmente considerata la destinazione ideale dai segmenti affluent, family, honeymoon, anniversary e celebration, l'Italia attrae sempre più anche i millennial e la generazione Z, clienti più giovani alla ricerca di esperienze responsabili e nuove. Per soddisfare le esigenze del settore tenendo conto dell'emergenza ambientale e per adattarsi alle aspirazioni di questa clientela più giovane, l'industria del lusso italiana è attivamente impegnata nel percorso di responsabilità. L'offerta turistica italiana di lusso, sempre più qualitativa e sostenibile, contribuisce anche alla valorizzazione del patrimonio culturale e territoriale” sostiene l’ad Enit Ivana Jelinic. “Questo ottimismo è condiviso dai grandi gruppi alberghieri che stanno prestando un'attenzione sostenuta al settore, come dimostra l'apertura nel 2022 in Italia di 60 hotel di lusso (fonte: Thrends) rivolti ad un pubblico di alto livello. C’è il desiderio di soggiornare in hotel di lusso. Il contatto diretto con la struttura (47,8%) è il canale di prenotazione più utilizzato dalla clientela che sceglie di soggiornare negli alberghi di lusso. Seguono le OTA (29,1%) e il sito web o contatti social dell’albergo. Gli ospiti che frequentano questa tipologia di alberghi sono perlopiù coppie e famiglie. Il raggio di spostamento dei visitatori italiani è prevalentemente interregionale, mentre la clientela estera proviene soprattutto dall’Europa. In generale, Germania (72,7%) e Francia (53,5%) i paesi più assidui, seguiti dagli USA (25,0%). Fonte: Ufficio Studi su dati ENIT/Noto sondaggi - Indagine sull’andamento del settore turistico ricettivo”. commenta Maria Elena Rossi   [post_title] => I francesi scelgono l'Italia. 1,6 miliardi spesi nei primi sei mesi 2022 [post_date] => 2022-12-07T10:49:27+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670410167000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435541 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Caraibi, Emirati Arabi, Mediterraneo e Sud America. Sono le quattro destinazioni per un Natale e un Capodanno in crociera con Costa. Per il 25 dicembre, in particolare, la Toscana propone una crociera di una settimana tra Emirati Arabi e Oman con partenza alla vigilia, che grazie alle soste lunghe, di due giorni e una notte, consente di scoprire al meglio Dubai, Muscat e Abu Dhabi. A Capodanno è prevista invece un itinerario, sempre di una settimana, in partenza il 31 dicembre, con una sosta lunga con pernottamento a Dubai, per festeggiare la notte di Capodanno in questa città, e con visite a Muscat e Abu Dhabi. La Fascinosa e la Pacifica propongono poi quattro diversi itinerari nelle isole caraibiche. La prima offre in particolare due viaggi di una settimana, in partenza il 23 o il 30 dicembre da Guadalupa, entrambi alla scoperta delle piccole Antille. Nella crociera di Natale sono previste visite a Bonaire, Saint Vincent, Saint Lucia, Barbados, Martinica; in quella di Capodanno a Trinidad, Grenada, Saint Vincent, Saint Lucia, Martinica. La Pacifica propone invece due itinerari di dieci e undici giorni, con partenza da La Romana (Repubblica Dominicana) il 18 e 28 dicembre: uno dedicato alle Grandi Antille e uno alle Piccole Antille. A Natale sono previste visite a Ocho Rios, Montego Bay (Giamaica), isole Cayman, Amber Cove, Samana, Catalina Island (Repubblica Dominicana); a Capodanno a Curacao, Aruba, Trinidad, Saint Lucia, Barbados, Guadalupe, Antigua, Isole Vergini britanniche. Il Mediterraneo, con il suo mix di città d’arte, culture e panorami, è invece la meta della Smeralda, che offrirà crociere di una settimana in Italia, Francia e Spagna, con partenze da Savona il 24 e 31 dicembre, e scali a Marsiglia, Barcellona, Palma di Maiorca, Palermo e Civitavecchia/Roma. La Deliziosa proporrà inoltre crociere settimanali nel Mediterraneo orientale, tra Croazia, Montenegro e Grecia. Partenze previste venerdì 23 o 30 dicembre da Trieste, per visitare Spalato (Croazia), Cattaro (Montenegro), Katakolon e Atene (Grecia), e Bari. Infine, le Firenze, Fortuna e Favolosa offriranno  crociere di Natale e Capodanno in Brasile, Argentina e Uruguay. Non solo: Costa ha anche pensato a una proposta di escursioni rinnovata, ideale in particolare per le famiglie con bambini. In aggiunta alla ricca offerta di proposte a bordo e a terra, gli itinerari Costa di Natale e Capodanno avranno pure un programma speciale pensato per l’occasione, con tante sorprese per grandi e piccini, feste a tema e show. Per esempio, nelle crociere di Natale ci sarà un ospite di eccezione a bordo: i bambini potranno spedire la loro letterina o il loro disegno direttamente in nave e Babbo Natale li aspetterà sotto l'albero con tanti regali. E per i più grandi, tutta la magia del Natale con gli spettacoli e i canti della tradizione. A Capodanno si festeggerà con un party a bordo piscina sino alle luci dell’alba. Anche i menù saranno in tema, con piatti ispirati ai classici delle festività. [post_title] => Natale e Capodanno in crociera. Con Costa si va ai Caraibi, negli Emirati, nel Mediterraneo e in Sud America [post_date] => 2022-12-07T10:15:13+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670408113000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435535 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Si avvicina finalmente l'apertura del tanto atteso Hilton Rome Eur la Lama, prevista per il prossimo gennaio, e cominciano a essere svelati alcuni dettagli dei suoi interni. Dietro i 130 metri di vetro nero trasparente, che si sviluppa in altezza per 16 piani e con una fiancata elegante e sottile, si cela infatti la nuova struttura capitolina: spazi regolari e al tempo stesso maestosi, caratterizzati dalle forme semplici e lineari che l’architetto Fuksas ha riportato anche all’interno, dove la storia di Roma e la forte connotazione contemporanea hanno dato vita al concept dell’interior design curato dallo studio Lorenzo Bellini. La grande hall, affacciata su viale Europa, darà il benvenuto agli ospiti in tutta la sua imponenza: lo sguardo si perde fino al sedicesimo piano, un immenso volume vuoto alto 60 metri, su cui affacciano i ballatoi dei piani come fossero sospesi, tutto da ammirare anche dai sei ascensori panoramici in vetro. Ai diversi piani, la luce radente colpisce le pareti in tinta carta da zucchero e la moquette realizzata a bande intrecciate di colori alterni, creando un effetto di luce indiretta molto riposante. Gli ingressi delle camere sono scanditi da carabottini appositamente disegnati, realizzati in essenza di noce americano, con un pattern a intreccio che omaggia il design italiano dei primi del Novecento; gli imbotti delle porte, anche queste in essenza noce americano fiammato, sono stai pensati e realizzati in metallo nero opaco e la lamiera forata scandisce i numeri delle camere dei diversi piani, grazie a un sistema di retroilluminazione. Nella progettazione delle 439 camere è stata privilegiata la forte trasparenza tra gli ambienti. L’obiettivo è rendere il più possibile permeabili le aree interne, enfatizzando la forte comunicazione tra camera da letto e bagno, creando in un unico ambiente una soluzione di continuità tra l’esterno che permea dalle grandi vetrate e l’interno del comfort domestico. Il colore è il leit motiv di tutte le stanze dell’Hilton Rome Eur La Lama, guidando la definizione degli ambienti, con richiami policromi agli affreschi pompeiani e alle scale cromatiche della pittura dei grandi maestri italiani del secolo scorso (Sironi, Donghi, Campigli, Casorati e molti altri), secondo il metodo cromatico del color block: è la più antica tecnica di abbinamento cromatico, che combina un attento utilizzo di singoli colori in diverse tonalità, miscelandoli in contrasto tra loro in un ensemble armonioso e unico; un linguaggio compositivo che prende le mosse dal mondo dell’arte classica con gli affreschi pompeiani, passando attraverso le sacre rappresentazioni medievali, per raggiungere la sua massima espressione nell’arte contemporanea della prima metà del Novecento. Al piano terra, lo spazio della hall è la zona di filtro che permette di accedere a tutti gli ambienti comuni: proprio di fronte all’ingresso si nota il lounge bar, dall’atmosfera calda e conviviale, grazie ai toni caldi del parquet a spina ungherese in noce scuro e alla scatola blu notte delle pareti e del soffitto, realizzato in cassettoni e tempestato di sfere luminose cristalline dalle sfumature ocra e bronzo. All’interno del lounge la Library, uno spazio caratterizzato da una grande libreria lignea in finitura nera, che crea una parziale divisione tra gli ambienti e accompagna l’ospite verso il ristorante: da un portale in marmo nero marquinia si accede all’ambiente dal colore verde profondo, con soffitto a cassettoni e sfere luminose cristalline in ocra e bronzo, con un imponente pavimento realizzato in un gioco di sei marmi spinati posati sfalzati. Importante, l’area dedicata a riunioni ed eventi, con business center, executive lounge e sale modulari dotate delle più moderne tecnologie: dal lato opposto del ristorante, passando per la hall, si attraversano nuovi spazi comuni, primo fra tutti il grande disimpegno della scala monumentale a sbalzo rivestita in marmo verde Alpi, che collega il piano terra al foyer del piano sottostante e alle quattro meeting room affacciate sul dehor della Nuvola, da ammirare grazie alle ampie vetrate. Al piano inferiore, il foyer del centro congressi è caratterizzato da un pavimento a bande rigate con posa diagonal, con effetto marmo verde e bianco. Al quindicesimo piano, infine, la sorpresa di un ristorante con bar, in fase di realizzazione, con vista a perdita d’occhio e, dall’altro lato, la spa con fitness center e una terrazza. [post_title] => I primi dettagli degli interni del nuovo Hilton Rome Eur la Lama [post_date] => 2022-12-07T09:30:12+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670405412000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435576 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il tradizionale saluto all'anno che volge al termine dell'Ente nazionale croato per il turismo in Italia questa volta ha i profumi e i sapori della cucina istriana. La regione, una delle più visitate delle Croazia dai turisti sia nazionali sia stranieri, è un territorio ricco di tradizioni, esperienze autentiche e un patrimonio naturale e culturale da scoprire. E la gastronomia riserva più di una sorpresa, fra pregiati vini e olio extravergine di oliva passando dal prosciutto istriano. Un 2022 che ha portato con sé "ottimi risultati" in termini di arrivi dall'Italia: "Nei primi 11 mesi l'aumento dei visitatori italiani è stato del 112% per un totale di 920.000 turisti e 4,1 milioni di pernottamenti (l’85% in più rispetto allo stesso periodo del 2021) - ha dichiarato Viviana Vukelić, direttrice dell’ufficio rappresentanza dell’Ente Nazionale Croato per il Turismo in Italia -. Siamo soddisfatti dei risultati ottenuti, l’anno turistico continua e siamo felici che anche le previsioni per il Natale e Capodanno siano molto buone. I risultati finora raggiunti, confermano che la stagione di quest'anno è stata ben preparata nonostante tutte le sfide". Numeri che posizionano l'Italia tra i primi dieci mercati di riferimento per gli arrivi turistici in Croazia. Lo sguardo è però già proiettato al 2023: il Paese punta a posizionarsi sempre più come destinazione turistica sostenibile di alto valore, con una vasta gamma di esperienze autentiche e di alta qualità a diversi segmenti della domanda. Focus su vicinanza, sicurezza, varietà, ma anche un ulteriore sviluppo basato su un approccio sostenibile, ecologico e digitale. Infine, ma non certo per importanza, elemento della promozione 2023 sarà l’ingresso del Paese in Schengen e nella zona euro. [gallery ids="435588,435586,435585"] [post_title] => Croazia: «Ottimi risultati dal mercato italiano, tra i primi dieci per numero di arrivi» [post_date] => 2022-12-06T14:34:32+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670337272000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435517 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Riapre il prossimo 25 dicembre dopo un importante intervento di ristrutturazione il 4 stelle Garberhof in Alta Val Venosta. Il restyling ha mirato a creare un ambiente all'insegna di quello che la stessa proprietà definisce un modello di lusso silenzioso. Guidata dal proprietario Klaus Pobitzer, con la collaborazione dell’architetto, nonché amico di famiglia, Thomas Rampp, questa trasformazione ha coinvolto le camere, gli ambienti comuni e l’architettura esterna. Gli spazi abitativi si sono quindi rinnovati nel look, ampliandosi con 23 nuove chiavi, per un'offerta complessiva che ora conta 20 stanze, altrettante suite e due chalet. Il giardino esterno si è inoltre arricchito di un laghetto balneare naturale trattato in modo completamente biologico. L’ampia area benessere Mii: Amo, di 2.200 metri quadrati, è cambiata completamente nell’interior design introducendo materiali naturali quali l’argilla, il larice, il legno di abete rosso e rovere, migliorando l’isolamento acustico e arricchendosi di una nuova spaziosa sala relax con accesso al giardino. Vanno ad aggiungersi l’Hamam, tra i più grandi d’Italia e comprensivo di sei diverse aree per il rituale di purificazione, biosauna, sauna finlandese panoramica, docce emozionali, zona esterna con vasca ad acqua fredda, piscina interna ed esterna riscaldata panoramica, area fitness e zona beauty per massaggi e trattamenti con la linea cosmetica sviluppata in esclusiva a base di albicocca Prunus Armaniaca, antico cultivar dell'Alto Adige. Infine il cuore pulsante del Garberhof, il lounge bar 1981 che, oltre a offrire una selezione di 70 etichette di gin (incluso il Felix Luis realizzato in esclusiva per il proprietario Klaus a base di albicocca), si arricchisce di una nuova sala dedicata alle bollicine e una stanza per le degustazioni di vini locali per un’esperienza che si completa con la proposta enogastronomica del ristorante Pobitzer, guidato dallo chef Christian Lechthaler. Sin dalla sua nascita, il Garberhof ha poi sempre avuto l’amore per la natura circostante tra i suoi principali interessi. Da qui l’intuizione di piantare un vigneto di vitigni autoctoni Souvignier Gris, Solaris e Johanniter nel giardino della struttura, a oltre mille metri di altitudine, che quest’anno è stato vendemmiato per la prima volta con un risultato molto soddisfacente. Anche nella progettazione della struttura l’attenzione all’ambiente è sempre stata alla base della filosofia della famiglia Pobitzer: già dal 1983, solo dopo due anni dall’inaugurazione, il riscaldamento di tutti gli ambienti proviene unicamente dall’utilizzo del cippato; il Garberhof fu tra i primi inval Venosta a utilizzare questo tipo di riscaldamento naturale. Nel corso degli anni, si è quindi aggiunto l’uso del fotovoltaico, da cui oggi proviene il 25% del fabbisogno energetico elettrico ed è già nei progetti della famiglia Pobitzer un nuovo impianto per arrivare al 50%. L’utilizzo di apparecchiature elettriche e luci a basso consumo e un sistema di programmazione e automatismi in grado di utilizzare in modo intelligente l’energia è già attivo all’interno delle camere e in tutta la struttura. Inoltre, l’hotel utilizza la filtrazione e riciclo dell’acqua delle piscine per il riutilizzo come irrigazione nel giardino. La nuova ristrutturazione ha visto coinvolta anche l’architettura esterna: la facciata esposta a sud è stata lavorata con la sabbiatura del legno affinché il complesso possa inserirsi al meglio nel paesaggio alpino circostante; una riqualificazione energetica e un progetto di isolamento della struttura attraverso l’utilizzo del legno sulle facciate esterne ha poi creato elementi di ombreggiamento volti a migliorare la termoregolazione e a favorire la riduzione del calore dovuto all’esposizione solare. L’obiettivo nei prossimi tre anni è quello di ottenere le principali certificazioni ambientali e arrivare a essere sostenibili energeticamente fino al 90%. [post_title] => Riapre a Natale dopo il restyling l'alto-atesino Garberhof con 20 camere in più [post_date] => 2022-12-06T12:13:10+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670328790000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435512 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Lauda Europe, compagnia aerea del gruppo Ryanair, cerca assistenti di volo.   Le selezioni in Italia rientrano nel recruitment programme 2022, per il quale Lauda Europe ha programmato giornate di reclutamento per nuovi assistenti di volo con base a Palma di Maiorca, Vienna o Zagabria, in vista delle prossime assunzioni. È possibile partecipare agli Open Days in varie località italiane, tra cui l’8 e 9 dicembre a Bari. I candidati si potranno semplicemente presentare presso le location per accedere alle selezioni. Ad attenderli vi sarà la Head of Inflight di Lauda Europe Ltd, Maria Cristina Civiletti. Gli Open Days si terranno in due sessioni giornaliere, una alle 10:00 e una alle 15:00 per ciascuna giornata: 8 e 9 dicembre a Bari, presso iH Hotels Bari Grande Albergo delle Nazioni, Lungomare Nazario Sauro, 7, 70121. Dopo una breve prova di lingua inglese come pre-selezione per l’accesso ai colloqui individuali, ai candidati ritenuti idonei per accedere al corso di formazione completamente gratuito, verranno spiegate nel dettaglio le opportunità relative alla carriera in Lauda Europe e le possibilità di crescita lavorativa. Vi è anche l’opportunità di svolgere la selezione da remoto in via telematica, scrivendo all’email cabincrewcareers@laudaeurope.com e allegando il proprio curriculum vitae. [post_title] => Lauda Europe (Ryanair) alla ricerca di assistenti di volo in Puglia [post_date] => 2022-12-06T11:45:20+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670327120000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435481 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_338791" align="alignleft" width="300"] Andrea Incondi[/caption] In vista delle festività, FlixBus lancia l’iniziativa «Offset Christmas» (lett. «compensa il Natale»), con cui punta a limitare il proprio impatto sull’ambiente nel periodo natalizio. L’iniziativa riguarderà la settimana di Natale, da sempre caratterizzata da momenti di traffico intenso per il ritorno a casa di chi vive fuori sede, e si avvarrà della collaborazione con la Ong Atmosfair, che da anni supporta la visione dell’azienda di una mobilità più green, e del contributo individuale di chiunque vorrà contribuire, insieme a FlixBus, a fare un regalo di Natale all’ambiente. Grazie alla collaborazione con Atmosfair, chi si muove con FlixBus ha da sempre la possibilità di azzerare il proprio impatto sull’ambiente, compensando, all’atto della prenotazione, le emissioni di CO2 relative al viaggio con una donazione volontaria, proporzionata alla lunghezza dell’itinerario. L’importo viene poi devoluto ad Amtosfair e reinvestito in progetti certificati di protezione del clima. Grazie alle donazioni raccolte e devolute ad Atmosfair, negli anni sono state compensate 86.000 t di CO2, una somma equivalente alle emissioni generate da viaggi in FlixBus per oltre 2 miliardi di km. Con «Offset Christmas», FlixBus raddoppierà tutte le donazioni effettuate sui viaggi con prenotazione fra il 19 e il 25 dicembre verso tutte le destinazioni collegate dalla propria rete in Italia. Così, oltre a dare a chiunque la possibilità di contribuire attivamente alla tutela dell’ambiente, FlixBus punta a valorizzarne il contributo, con l’obiettivo di motivare sempre più persone ad aderire all’iniziativa. «La fine dell’anno è occasione per trarre un bilancio e interrogarci sul nostro contributo alle cause che toccano da vicino la comunità. Tra queste, quella ambientale è particolarmente rilevante, e riguarda una responsabilità condivisa a cui non possiamo più sottrarci e alla quale chiunque può contribuire. Ogni piccolo passo è importante in questo senso, e speriamo di poter fare sempre di più grazie all’impegno e alla collaborazione delle nostre passeggere e passeggeri, e di chi deciderà di utilizzare sempre più mezzi collettivi anziché la propria auto», ha dichiarato Andrea Incondi, managing director di FlixBus Italia. Le scelte personali contano Nonostante l’entità della sfida posta dal cambiamento climatico, anche le piccole azioni quotidiane possono contribuire alla causa ambientale. Ad esempio, chi preferisce i mezzi collettivi all’auto privata riduce già di molto il proprio impatto sul clima: un autobus, infatti, può sostituire fino a 30 automobili,[1] risultando, di per sé, una soluzione di gran lunga più ecologica, oltre che alla portata di chiunque. Ciononostante, soltanto poche persone, anche fra quelle che si impegnano per la causa ambientale, sono consapevoli dell’impatto positivo che possono produrre con le proprie azioni virtuose. La ricerca Il viaggiatore green, svolta dall’istituto Squadrati su un campione di persone dichiaratamente attente al tema, rivela che meno del 50% di queste è convinta dell’efficacia dei propri comportamenti. Iniziative come «Offset Christmas» possono contribuire ad accrescere il coinvolgimento delle persone e la loro motivazione a fare ancora di più. Del resto, proprio la ricerca Il viaggiatore green ha messo in luce la volontà, da parte delle persone, di partecipare attivamente alla transizione verso un sistema trasporti più green, preferendo all’auto un approccio integrato alla mobilità, basato sull’uso combinato di mezzi collettivi. In questa direzione va anche l’attenzione di FlixBus all’intermodalità, che contempla l’istituzione di collegamenti diretti verso hub della mobilità collettiva come le stazioni e autostazioni cittadine e gli aeroporti, e si affianca alle altre iniziative perseguite in campo di riduzione dell’impatto ambientale. [post_title] => Flixbus riduce l'impatto sull'ambiente a Natale con Offset Christmas [post_date] => 2022-12-06T10:37:20+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670323040000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435479 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_424179" align="alignleft" width="300"] Joe Mason, chief marketing officer - travel di Allianz Partners,[/caption] La richiesta di maggiore flessibilità da parte dei viaggiatori sta definendo i viaggi post-pandemia, con i clienti che cercano di gestire una gamma più ampia di potenziali problemi. Questa una delle tendenze chiave evidenziate nello States of Mind Travel Report pubblicato da Allianz Partners, leader mondiale nei servizi di assicurazione e assistenza, che indaga sullo stato attuale e sul futuro dell'industria dei viaggi e del turismo. Il report, che si basa sull’analisi di esperti del settore - Joe Mason, chief marketing officer di Allianz Partners per il settore Travel e Luís Araújo, Presidente dell’European Travel Commission - nonché sui dati relativi alle tendenze dei clienti di Allianz Partners, evidenzia l'aumento dei fattori di attenzione che oggigiorno i viaggiatori devono affrontare. Oltre alle preoccupazioni correlate alla salute, i viaggiatori devono affrontare turbolenze geopolitiche, inflazione elevata e incertezza economica crescente. Questa situazione determina un nuovo atteggiamento nei confronti dei viaggi, in cui la flessibilità e la protezione integrate contro il “cosa succede se” svolgono un ruolo ancora più importante. I dati di Allianz Partners rivelano che nei cinque principali mercati europei (Belgio, Francia, Germania, Italia, Regno Unito) le intenzioni dei clienti di acquistare un'assicurazione viaggio sono aumentate sostanzialmente, dal 21% nel 2019 al 55% nel 2022 per i viaggi internazionali e dal 12% al 26% per i viaggi nazionali. In linea con la crescente domanda, Allianz Partners ha registrato nel 2022 il livello più alto di richieste di prestazioni post-partenza. La ricerca evidenzia inoltre: È sempre più diffusa la tendenza a “lavorare da qualsiasi luogo”: la crescita del lavoro da remoto e ibrido significa che sempre più viaggiatori di tutte le età coniugano attività lavorativa e tempo libero, determinando un aumento dei viaggi “Bleisure”. Inoltre, il report evidenzia gli adeguamenti richiesti dall'industria dei viaggi per soddisfare questa esigenza come, ad esempio, la necessità di una regolamentazione aggiornata, la risoluzione dei problemi di residenza fiscale e la necessità di ulteriori investimenti nelle destinazioni più popolari. I modelli di lavoro ibridi continueranno probabilmente a esistere e sempre più viaggiatori prevedono di lavorare dall'estero o da un'altra residenza. La ricerca del Customer Lab di Allianz Partners ha rilevato che il 28% dei viaggiatori di età compresa tra i 18 e i 25 anni prevede in futuro di lavorare più frequentemente dall'estero o da una residenza secondaria o di famiglia. La flessibilità è fondamentale: il 58% delle famiglie più giovani prevede di effettuare prenotazioni di viaggio flessibili per far fronte a circostanze impreviste. Il 2022 è stato contrassegnato da un aumento dei viaggi di gruppi familiari più grandi e intergenerazionali, che ha comportato un cambiamento significativo nel settore. Gli hotel e i resort devono quindi soddisfare una gamma più ampia di ospiti e adattarsi maggiormente a una clientela diversificata. Il 41% dei consumatori è consapevole dell'impatto ambientale dei viaggi, anche se la sostenibilità rimane un fattore di importanza relativamente minore nei processi decisionali. «Nel 2022 il desiderio di tornare a viaggiare è stato evidente ha  commentato Joe Mason - . Basti pensare alle immagini che abbiamo visto quest’estate di sale d’attesa e resort affollati. Tuttavia, gli effetti della pandemia sulle esigenze e sulle aspettative dei viaggiatori sono ancora presenti. Oggi il settore assicurativo fornisce servizi a un consumatore più esigente e meglio informato, maggiormente consapevole sia di un buon servizio sia di un eventuale disservizio. Il settore dei viaggi risente di una pressione maggiore che spinge a offrire soluzioni flessibili e complete per coprire tutte le evenienze»     [post_title] => Allianz Partners: più flessibilità per i viaggi post-pandemia [post_date] => 2022-12-06T10:32:47+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670322767000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 435475 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Una lunga stagione piena di soddisfazioni, così la definisce il nuovo amministratore delegato di Gardaland, Sabrina De Carvalho, che si appresta a chiudersi con la Gardaland Magic Winter: “Nel 2022 abbiamo raggiunto i dati di affluenza registrati nel 2019. E ora concludiamo con la ventesima edizione dell'appuntamento invernale del parco, che proseguirà fino al prossimo 8 gennaio”. Tante le novità di queste festività. A partire dagli allestimenti in ottica green: molte infatti le aree impreziosite con decorazioni naturali. E non mancano neppure i classici alberi di Natale, tutti rigorosamente veri e destinati, alla fine dell’evento, a essere ricollocati e accuditi per arrivare al Natale prossimo ancora più rigogliosi. L’ingresso al parco è poi caratterizzato dalla foresta di Ghiaccio: un tunnel di 30 metri creato con rami di salice sbiancati e illuminati con effetti di luce, che conduce i visitatori dall’orologio floreale fino alla piazza Medievale. Da non perdere anche la rivisitazione della foresta Incantata, che per l’occorrenza è diventata il bosco degli Gnomi: un percorso interattivo ed educativo nato con l’idea di trasmettere, tramite l’esperienza, il gioco e la magia il valore del rispetto della natura. Le novità continuano pure al cinema 4D con The Polar Express 4D Experience, il celebre film natalizio targato Warner Bros  che racconta l’avventuroso viaggio verso il regno di Babbo Natale. Durante Gardaland Magic Winter, inoltre, i visitatori presenti potranno scoprire, primi fra tutti, dove sorgerà Jumanji -The Labyrinth: la novità 2023 basata sulla popolare serie cinematografica. Anche nel periodo natalizio, i più coraggiosi avranno comunque la possibilità di godere del brivido di una corsa su Raptor, su Oblivion e sulle altre attrazioni adrenaliniche del parco. I chioschi proporranno invece i tipici sapori del Natale, con biscotti natalizi, candy mallow e cioccolate calde. Imperdibile, durante Gardaland Magic Winter, l’incontro con Babbo Natale. Appuntamento al Magico Villaggio, una baita di montagna ricca di sorprese, profumi ed esperienze ad hoc, che permetterà naturalmente la classica consegna della letterina personalizzata. Torna anche per quest'anno quindi l’appuntamento presso Gardaland Theatre con l'Emporio di Natale, il live musical condotto da un’orchestra dal vivo di 16 persone. E non finisce qui: da segnalare i Meet & Greet con la mascotte Prezzemolo e i suoi amici al teatro della Fantasia e con la maialina Peppa Pig nella sua colorata casa. Gran finale della giornata, allo scoccare delle ore 18, è l’appuntamento in piazza Jumanji, in cui è stato posizionato un albero naturale del peso di oltre 4 mila chili sotto il quale sorge il palco dello show Santa Claus is coming to Gardaland. Gardaland Magic Winter proseguirà nel lungo ponte dell’Immacolata dall’8 all’11 dicembre, il 17 e il 18 dicembre, il 24 dicembre e poi ininterrottamente dal 26 dicembre all’8 gennaio e sarà aperto dalle 10:30 alle 18. Per tutto il periodo natalizio un biglietto combinato permetterà l’accesso al Parco, a Gardaland Sea Life Aquarium e alla Miniland di Legoland. Gardaland Hotel e Gardaland Adventure Hotel offrono al contempo fino al 20% di sconto su un pacchetto che comprende soggiorno presso uno degli hotel del resort e un biglietto di un giorno a Gardaland Park. L’offerta è valida per soggiorni fino al 7 gennaio 2023, escluse le date del 30 e 31 dicembre 2022. [post_title] => A Gardaland inizia la Magic Winter, in calendario fino al prossimo 8 gennaio [post_date] => 2022-12-06T10:09:06+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1670321346000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "blu hotels milano savona 18 suites fra design corporate" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":43,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":2278,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435534","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si confermano stime molto positive nel 2022 per il turismo in Italia e tutti gli indicatori suggeriscono un ritorno a livelli vicini al periodo pre-pandemico. In questo contesto spicca il settore d’alta gamma, che sta trainando il BelPaese sempre più in alto.\r\n\r\nA supporto del trend positivo, l’Italia con Enit torna all'edizione 2022 della fiera ILTM di Cannes, dal 5 all'8 dicembre. In uno stand di oltre 660 mq, l’Agenzia nazionale del turismo ha coinvolto 19 regioni e Roma Capitale con oltre a 126 aziende internazionali per promuovere le magnificenze del Paese. Tour-Operator, dmc, mice, hotel di lusso, meeting planner, ecc. per offrire ai buyer internazionali un'ampia gamma di prodotti e servizi, come boutique hotels, beach resorts, attrazioni culturali e uniche, ecotourism family, travel gastronomic experiences, golf resorts, meeting & conference venues, natural wonders, outdoor sports, private villas, serviced apartments, shopping experiences, ski resorts, spa & wellbeing, yacht charter & sailing holidays, tourism boards, celebrations &anniversaries, weddings & honeymoons.\r\n\r\nL'Italia è tra le destinazioni preferite dai viaggiatori \"top di gamma\" che cercano arte, cultura ed enogastronomia (Bain & Consulting).\r\n\r\nPer i turisti francesi ad ottobre e novembre 2022, l’Italia risulta il secondo paese di destinazione in base alle ricerche di alloggio su Google per i viaggi all’estero, preceduta dalla Spagna e seguita dagli Stati Uniti. Ufficio Studi Enit su dati Google Destination Insights.\r\n\r\nNei primi 6 mesi del 2022, i viaggiatori francesi in Italia spendono circa 1,6 miliardi di euro, il 180% in più rispetto a gennaio-giugno 2021. (Fonte: Ufficio Studi Enit su dati Banca d’Italia – 2022 provvisori). In testa Lombardia, Piemonte, Lazio, Liguria E Toscana.\r\n\r\nIl settore è quindi in grado di soddisfare la clientela del turismo di fascia alta che, secondo un'indagine Virtuoso (2022), si aspetta, oltre alla sicurezza tanto ricercata negli ultimi anni, ancora più consulenza, viaggi-evento, esperienze personalizzate iperesclusive e soprattutto responsabili.\r\n\r\nCon un forte impatto su molti settori del Made in Italy, il turismo di fascia alta è un elemento essenziale per la ripresa dell'economia italiana. Nonostante le tensioni geopolitiche ed economiche, il trend rimane molto positivo per il 2023, in quanto l'assenza dei mercati russo e asiatico è in parte controbilanciata dal ritorno dei clienti europei e americani.\r\n\r\n“Per dicembre 2022, le prenotazioni aeree dei francesi verso l’Italia risultano attualmente in linea con quelle del medesimo mese 2021, con un’incidenza sul totale internazionale del 6,0%\".\r\n\r\nNel 2021, tra gli esercizi ricettivi scelti per pernottare durante il soggiorno in Italia, prevalgono gli alberghi: 4,5 milioni di presenze francesi, il 65,5% delle notti complessive, contro circa 2,4 milioni nelle strutture extra-alberghiere, il restante 34,5%. \r\n\r\nTradizionalmente considerata la destinazione ideale dai segmenti affluent, family, honeymoon, anniversary e celebration, l'Italia attrae sempre più anche i millennial e la generazione Z, clienti più giovani alla ricerca di esperienze responsabili e nuove. Per soddisfare le esigenze del settore tenendo conto dell'emergenza ambientale e per adattarsi alle aspirazioni di questa clientela più giovane, l'industria del lusso italiana è attivamente impegnata nel percorso di responsabilità. L'offerta turistica italiana di lusso, sempre più qualitativa e sostenibile, contribuisce anche alla valorizzazione del patrimonio culturale e territoriale” sostiene l’ad Enit Ivana Jelinic.\r\n\r\n“Questo ottimismo è condiviso dai grandi gruppi alberghieri che stanno prestando un'attenzione sostenuta al settore, come dimostra l'apertura nel 2022 in Italia di 60 hotel di lusso (fonte: Thrends) rivolti ad un pubblico di alto livello. C’è il desiderio di soggiornare in hotel di lusso. Il contatto diretto con la struttura (47,8%) è il canale di prenotazione più utilizzato dalla clientela che sceglie di soggiornare negli alberghi di lusso. Seguono le OTA (29,1%) e il sito web o contatti social dell’albergo. Gli ospiti che frequentano questa tipologia di alberghi sono perlopiù coppie e famiglie. Il raggio di spostamento dei visitatori italiani è prevalentemente interregionale, mentre la clientela estera proviene soprattutto dall’Europa. In generale, Germania (72,7%) e Francia (53,5%) i paesi più assidui, seguiti dagli USA (25,0%). Fonte: Ufficio Studi su dati ENIT/Noto sondaggi - Indagine sull’andamento del settore turistico ricettivo”. commenta Maria Elena Rossi\r\n\r\n ","post_title":"I francesi scelgono l'Italia. 1,6 miliardi spesi nei primi sei mesi 2022","post_date":"2022-12-07T10:49:27+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1670410167000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435541","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Caraibi, Emirati Arabi, Mediterraneo e Sud America. Sono le quattro destinazioni per un Natale e un Capodanno in crociera con Costa. Per il 25 dicembre, in particolare, la Toscana propone una crociera di una settimana tra Emirati Arabi e Oman con partenza alla vigilia, che grazie alle soste lunghe, di due giorni e una notte, consente di scoprire al meglio Dubai, Muscat e Abu Dhabi. A Capodanno è prevista invece un itinerario, sempre di una settimana, in partenza il 31 dicembre, con una sosta lunga con pernottamento a Dubai, per festeggiare la notte di Capodanno in questa città, e con visite a Muscat e Abu Dhabi.\r\n\r\nLa Fascinosa e la Pacifica propongono poi quattro diversi itinerari nelle isole caraibiche. La prima offre in particolare due viaggi di una settimana, in partenza il 23 o il 30 dicembre da Guadalupa, entrambi alla scoperta delle piccole Antille. Nella crociera di Natale sono previste visite a Bonaire, Saint Vincent, Saint Lucia, Barbados, Martinica; in quella di Capodanno a Trinidad, Grenada, Saint Vincent, Saint Lucia, Martinica. La Pacifica propone invece due itinerari di dieci e undici giorni, con partenza da La Romana (Repubblica Dominicana) il 18 e 28 dicembre: uno dedicato alle Grandi Antille e uno alle Piccole Antille. A Natale sono previste visite a Ocho Rios, Montego Bay (Giamaica), isole Cayman, Amber Cove, Samana, Catalina Island (Repubblica Dominicana); a Capodanno a Curacao, Aruba, Trinidad, Saint Lucia, Barbados, Guadalupe, Antigua, Isole Vergini britanniche.\r\n\r\nIl Mediterraneo, con il suo mix di città d’arte, culture e panorami, è invece la meta della Smeralda, che offrirà crociere di una settimana in Italia, Francia e Spagna, con partenze da Savona il 24 e 31 dicembre, e scali a Marsiglia, Barcellona, Palma di Maiorca, Palermo e Civitavecchia/Roma. La Deliziosa proporrà inoltre crociere settimanali nel Mediterraneo orientale, tra Croazia, Montenegro e Grecia. Partenze previste venerdì 23 o 30 dicembre da Trieste, per visitare Spalato (Croazia), Cattaro (Montenegro), Katakolon e Atene (Grecia), e Bari. Infine, le Firenze, Fortuna e Favolosa offriranno  crociere di Natale e Capodanno in Brasile, Argentina e Uruguay.\r\n\r\nNon solo: Costa ha anche pensato a una proposta di escursioni rinnovata, ideale in particolare per le famiglie con bambini. In aggiunta alla ricca offerta di proposte a bordo e a terra, gli itinerari Costa di Natale e Capodanno avranno pure un programma speciale pensato per l’occasione, con tante sorprese per grandi e piccini, feste a tema e show. Per esempio, nelle crociere di Natale ci sarà un ospite di eccezione a bordo: i bambini potranno spedire la loro letterina o il loro disegno direttamente in nave e Babbo Natale li aspetterà sotto l'albero con tanti regali. E per i più grandi, tutta la magia del Natale con gli spettacoli e i canti della tradizione. A Capodanno si festeggerà con un party a bordo piscina sino alle luci dell’alba. Anche i menù saranno in tema, con piatti ispirati ai classici delle festività.","post_title":"Natale e Capodanno in crociera. Con Costa si va ai Caraibi, negli Emirati, nel Mediterraneo e in Sud America","post_date":"2022-12-07T10:15:13+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670408113000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435535","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Si avvicina finalmente l'apertura del tanto atteso Hilton Rome Eur la Lama, prevista per il prossimo gennaio, e cominciano a essere svelati alcuni dettagli dei suoi interni. Dietro i 130 metri di vetro nero trasparente, che si sviluppa in altezza per 16 piani e con una fiancata elegante e sottile, si cela infatti la nuova struttura capitolina: spazi regolari e al tempo stesso maestosi, caratterizzati dalle forme semplici e lineari che l’architetto Fuksas ha riportato anche all’interno, dove la storia di Roma e la forte connotazione contemporanea hanno dato vita al concept dell’interior design curato dallo studio Lorenzo Bellini.\r\n\r\nLa grande hall, affacciata su viale Europa, darà il benvenuto agli ospiti in tutta la sua imponenza: lo sguardo si perde fino al sedicesimo piano, un immenso volume vuoto alto 60 metri, su cui affacciano i ballatoi dei piani come fossero sospesi, tutto da ammirare anche dai sei ascensori panoramici in vetro. Ai diversi piani, la luce radente colpisce le pareti in tinta carta da zucchero e la moquette realizzata a bande intrecciate di colori alterni, creando un effetto di luce indiretta molto riposante. Gli ingressi delle camere sono scanditi da carabottini appositamente disegnati, realizzati in essenza di noce americano, con un pattern a intreccio che omaggia il design italiano dei primi del Novecento; gli imbotti delle porte, anche queste in essenza noce americano fiammato, sono stai pensati e realizzati in metallo nero opaco e la lamiera forata scandisce i numeri delle camere dei diversi piani, grazie a un sistema di retroilluminazione.\r\n\r\nNella progettazione delle 439 camere è stata privilegiata la forte trasparenza tra gli ambienti. L’obiettivo è rendere il più possibile permeabili le aree interne, enfatizzando la forte comunicazione tra camera da letto e bagno, creando in un unico ambiente una soluzione di continuità tra l’esterno che permea dalle grandi vetrate e l’interno del comfort domestico. Il colore è il leit motiv di tutte le stanze dell’Hilton Rome Eur La Lama, guidando la definizione degli ambienti, con richiami policromi agli affreschi pompeiani e alle scale cromatiche della pittura dei grandi maestri italiani del secolo scorso (Sironi, Donghi, Campigli, Casorati e molti altri), secondo il metodo cromatico del color block: è la più antica tecnica di abbinamento cromatico, che combina un attento utilizzo di singoli colori in diverse tonalità, miscelandoli in contrasto tra loro in un ensemble armonioso e unico; un linguaggio compositivo che prende le mosse dal mondo dell’arte classica con gli affreschi pompeiani, passando attraverso le sacre rappresentazioni medievali, per raggiungere la sua massima espressione nell’arte contemporanea della prima metà del Novecento.\r\n\r\nAl piano terra, lo spazio della hall è la zona di filtro che permette di accedere a tutti gli ambienti comuni: proprio di fronte all’ingresso si nota il lounge bar, dall’atmosfera calda e conviviale, grazie ai toni caldi del parquet a spina ungherese in noce scuro e alla scatola blu notte delle pareti e del soffitto, realizzato in cassettoni e tempestato di sfere luminose cristalline dalle sfumature ocra e bronzo. All’interno del lounge la Library, uno spazio caratterizzato da una grande libreria lignea in finitura nera, che crea una parziale divisione tra gli ambienti e accompagna l’ospite verso il ristorante: da un portale in marmo nero marquinia si accede all’ambiente dal colore verde profondo, con soffitto a cassettoni e sfere luminose cristalline in ocra e bronzo, con un imponente pavimento realizzato in un gioco di sei marmi spinati posati sfalzati.\r\n\r\nImportante, l’area dedicata a riunioni ed eventi, con business center, executive lounge e sale modulari dotate delle più moderne tecnologie: dal lato opposto del ristorante, passando per la hall, si attraversano nuovi spazi comuni, primo fra tutti il grande disimpegno della scala monumentale a sbalzo rivestita in marmo verde Alpi, che collega il piano terra al foyer del piano sottostante e alle quattro meeting room affacciate sul dehor della Nuvola, da ammirare grazie alle ampie vetrate. Al piano inferiore, il foyer del centro congressi è caratterizzato da un pavimento a bande rigate con posa diagonal, con effetto marmo verde e bianco. Al quindicesimo piano, infine, la sorpresa di un ristorante con bar, in fase di realizzazione, con vista a perdita d’occhio e, dall’altro lato, la spa con fitness center e una terrazza.","post_title":"I primi dettagli degli interni del nuovo Hilton Rome Eur la Lama","post_date":"2022-12-07T09:30:12+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670405412000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435576","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il tradizionale saluto all'anno che volge al termine dell'Ente nazionale croato per il turismo in Italia questa volta ha i profumi e i sapori della cucina istriana. La regione, una delle più visitate delle Croazia dai turisti sia nazionali sia stranieri, è un territorio ricco di tradizioni, esperienze autentiche e un patrimonio naturale e culturale da scoprire. E la gastronomia riserva più di una sorpresa, fra pregiati vini e olio extravergine di oliva passando dal prosciutto istriano.\r\n\r\nUn 2022 che ha portato con sé \"ottimi risultati\" in termini di arrivi dall'Italia: \"Nei primi 11 mesi l'aumento dei visitatori italiani è stato del 112% per un totale di 920.000 turisti e 4,1 milioni di pernottamenti (l’85% in più rispetto allo stesso periodo del 2021) - ha dichiarato Viviana Vukelić, direttrice dell’ufficio rappresentanza dell’Ente Nazionale Croato per il Turismo in Italia -. Siamo soddisfatti dei risultati ottenuti, l’anno turistico continua e siamo felici che anche le previsioni per il Natale e Capodanno siano molto buone. I risultati finora raggiunti, confermano che la stagione di quest'anno è stata ben preparata nonostante tutte le sfide\". Numeri che posizionano l'Italia tra i primi dieci mercati di riferimento per gli arrivi turistici in Croazia.\r\n\r\nLo sguardo è però già proiettato al 2023: il Paese punta a posizionarsi sempre più come destinazione turistica sostenibile di alto valore, con una vasta gamma di esperienze autentiche e di alta qualità a diversi segmenti della domanda. Focus su vicinanza, sicurezza, varietà, ma anche un ulteriore sviluppo basato su un approccio sostenibile, ecologico e digitale. Infine, ma non certo per importanza, elemento della promozione 2023 sarà l’ingresso del Paese in Schengen e nella zona euro.\r\n\r\n[gallery ids=\"435588,435586,435585\"]","post_title":"Croazia: «Ottimi risultati dal mercato italiano, tra i primi dieci per numero di arrivi»","post_date":"2022-12-06T14:34:32+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1670337272000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435517","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Riapre il prossimo 25 dicembre dopo un importante intervento di ristrutturazione il 4 stelle Garberhof in Alta Val Venosta. Il restyling ha mirato a creare un ambiente all'insegna di quello che la stessa proprietà definisce un modello di lusso silenzioso. Guidata dal proprietario Klaus Pobitzer, con la collaborazione dell’architetto, nonché amico di famiglia, Thomas Rampp, questa trasformazione ha coinvolto le camere, gli ambienti comuni e l’architettura esterna. Gli spazi abitativi si sono quindi rinnovati nel look, ampliandosi con 23 nuove chiavi, per un'offerta complessiva che ora conta 20 stanze, altrettante suite e due chalet.\r\n\r\nIl giardino esterno si è inoltre arricchito di un laghetto balneare naturale trattato in modo completamente biologico. L’ampia area benessere Mii: Amo, di 2.200 metri quadrati, è cambiata completamente nell’interior design introducendo materiali naturali quali l’argilla, il larice, il legno di abete rosso e rovere, migliorando l’isolamento acustico e arricchendosi di una nuova spaziosa sala relax con accesso al giardino. Vanno ad aggiungersi l’Hamam, tra i più grandi d’Italia e comprensivo di sei diverse aree per il rituale di purificazione, biosauna, sauna finlandese panoramica, docce emozionali, zona esterna con vasca ad acqua fredda, piscina interna ed esterna riscaldata panoramica, area fitness e zona beauty per massaggi e trattamenti con la linea cosmetica sviluppata in esclusiva a base di albicocca Prunus Armaniaca, antico cultivar dell'Alto Adige. Infine il cuore pulsante del Garberhof, il lounge bar 1981 che, oltre a offrire una selezione di 70 etichette di gin (incluso il Felix Luis realizzato in esclusiva per il proprietario Klaus a base di albicocca), si arricchisce di una nuova sala dedicata alle bollicine e una stanza per le degustazioni di vini locali per un’esperienza che si completa con la proposta enogastronomica del ristorante Pobitzer, guidato dallo chef Christian Lechthaler.\r\n\r\nSin dalla sua nascita, il Garberhof ha poi sempre avuto l’amore per la natura circostante tra i suoi principali interessi. Da qui l’intuizione di piantare un vigneto di vitigni autoctoni Souvignier Gris, Solaris e Johanniter nel giardino della struttura, a oltre mille metri di altitudine, che quest’anno è stato vendemmiato per la prima volta con un risultato molto soddisfacente. Anche nella progettazione della struttura l’attenzione all’ambiente è sempre stata alla base della filosofia della famiglia Pobitzer: già dal 1983, solo dopo due anni dall’inaugurazione, il riscaldamento di tutti gli ambienti proviene unicamente dall’utilizzo del cippato; il Garberhof fu tra i primi inval Venosta a utilizzare questo tipo di riscaldamento naturale. Nel corso degli anni, si è quindi aggiunto l’uso del fotovoltaico, da cui oggi proviene il 25% del fabbisogno energetico elettrico ed è già nei progetti della famiglia Pobitzer un nuovo impianto per arrivare al 50%. L’utilizzo di apparecchiature elettriche e luci a basso consumo e un sistema di programmazione e automatismi in grado di utilizzare in modo intelligente l’energia è già attivo all’interno delle camere e in tutta la struttura. Inoltre, l’hotel utilizza la filtrazione e riciclo dell’acqua delle piscine per il riutilizzo come irrigazione nel giardino. La nuova ristrutturazione ha visto coinvolta anche l’architettura esterna: la facciata esposta a sud è stata lavorata con la sabbiatura del legno affinché il complesso possa inserirsi al meglio nel paesaggio alpino circostante; una riqualificazione energetica e un progetto di isolamento della struttura attraverso l’utilizzo del legno sulle facciate esterne ha poi creato elementi di ombreggiamento volti a migliorare la termoregolazione e a favorire la riduzione del calore dovuto all’esposizione solare. L’obiettivo nei prossimi tre anni è quello di ottenere le principali certificazioni ambientali e arrivare a essere sostenibili energeticamente fino al 90%.","post_title":"Riapre a Natale dopo il restyling l'alto-atesino Garberhof con 20 camere in più","post_date":"2022-12-06T12:13:10+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1670328790000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435512","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Lauda Europe, compagnia aerea del gruppo Ryanair, cerca assistenti di volo.  \r\n\r\nLe selezioni in Italia rientrano nel recruitment programme 2022, per il quale Lauda Europe ha programmato giornate di reclutamento per nuovi assistenti di volo con base a Palma di Maiorca, Vienna o Zagabria, in vista delle prossime assunzioni.\r\n\r\nÈ possibile partecipare agli Open Days in varie località italiane, tra cui l’8 e 9 dicembre a Bari. I candidati si potranno semplicemente presentare presso le location per accedere alle selezioni. Ad attenderli vi sarà la Head of Inflight di Lauda Europe Ltd, Maria Cristina Civiletti.\r\n\r\nGli Open Days si terranno in due sessioni giornaliere, una alle 10:00 e una alle 15:00 per ciascuna giornata: 8 e 9 dicembre a Bari, presso iH Hotels Bari Grande Albergo delle Nazioni, Lungomare Nazario Sauro, 7, 70121.\r\n\r\nDopo una breve prova di lingua inglese come pre-selezione per l’accesso ai colloqui individuali, ai candidati ritenuti idonei per accedere al corso di formazione completamente gratuito, verranno spiegate nel dettaglio le opportunità relative alla carriera in Lauda Europe e le possibilità di crescita lavorativa.\r\n\r\nVi è anche l’opportunità di svolgere la selezione da remoto in via telematica, scrivendo all’email cabincrewcareers@laudaeurope.com e allegando il proprio curriculum vitae.","post_title":"Lauda Europe (Ryanair) alla ricerca di assistenti di volo in Puglia","post_date":"2022-12-06T11:45:20+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1670327120000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435481","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_338791\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Andrea Incondi[/caption]\r\n\r\nIn vista delle festività, FlixBus lancia l’iniziativa «Offset Christmas» (lett. «compensa il Natale»), con cui punta a limitare il proprio impatto sull’ambiente nel periodo natalizio.\r\n\r\nL’iniziativa riguarderà la settimana di Natale, da sempre caratterizzata da momenti di traffico intenso per il ritorno a casa di chi vive fuori sede, e si avvarrà della collaborazione con la Ong Atmosfair, che da anni supporta la visione dell’azienda di una mobilità più green, e del contributo individuale di chiunque vorrà contribuire, insieme a FlixBus, a fare un regalo di Natale all’ambiente.\r\n\r\nGrazie alla collaborazione con Atmosfair, chi si muove con FlixBus ha da sempre la possibilità di azzerare il proprio impatto sull’ambiente, compensando, all’atto della prenotazione, le emissioni di CO2 relative al viaggio con una donazione volontaria, proporzionata alla lunghezza dell’itinerario. L’importo viene poi devoluto ad Amtosfair e reinvestito in progetti certificati di protezione del clima.\r\n\r\nGrazie alle donazioni raccolte e devolute ad Atmosfair, negli anni sono state compensate 86.000 t di CO2, una somma equivalente alle emissioni generate da viaggi in FlixBus per oltre 2 miliardi di km.\r\n\r\nCon «Offset Christmas», FlixBus raddoppierà tutte le donazioni effettuate sui viaggi con prenotazione fra il 19 e il 25 dicembre verso tutte le destinazioni collegate dalla propria rete in Italia.\r\n\r\nCosì, oltre a dare a chiunque la possibilità di contribuire attivamente alla tutela dell’ambiente, FlixBus punta a valorizzarne il contributo, con l’obiettivo di motivare sempre più persone ad aderire all’iniziativa.\r\n\r\n«La fine dell’anno è occasione per trarre un bilancio e interrogarci sul nostro contributo alle cause che toccano da vicino la comunità. Tra queste, quella ambientale è particolarmente rilevante, e riguarda una responsabilità condivisa a cui non possiamo più sottrarci e alla quale chiunque può contribuire. Ogni piccolo passo è importante in questo senso, e speriamo di poter fare sempre di più grazie all’impegno e alla collaborazione delle nostre passeggere e passeggeri, e di chi deciderà di utilizzare sempre più mezzi collettivi anziché la propria auto», ha dichiarato Andrea Incondi, managing director di FlixBus Italia.\r\nLe scelte personali contano\r\nNonostante l’entità della sfida posta dal cambiamento climatico, anche le piccole azioni quotidiane possono contribuire alla causa ambientale. Ad esempio, chi preferisce i mezzi collettivi all’auto privata riduce già di molto il proprio impatto sul clima: un autobus, infatti, può sostituire fino a 30 automobili,[1] risultando, di per sé, una soluzione di gran lunga più ecologica, oltre che alla portata di chiunque.\r\n\r\nCiononostante, soltanto poche persone, anche fra quelle che si impegnano per la causa ambientale, sono consapevoli dell’impatto positivo che possono produrre con le proprie azioni virtuose.\r\n\r\nLa ricerca Il viaggiatore green, svolta dall’istituto Squadrati su un campione di persone dichiaratamente attente al tema, rivela che meno del 50% di queste è convinta dell’efficacia dei propri comportamenti.\r\n\r\nIniziative come «Offset Christmas» possono contribuire ad accrescere il coinvolgimento delle persone e la loro motivazione a fare ancora di più.\r\n\r\nDel resto, proprio la ricerca Il viaggiatore green ha messo in luce la volontà, da parte delle persone, di partecipare attivamente alla transizione verso un sistema trasporti più green, preferendo all’auto un approccio integrato alla mobilità, basato sull’uso combinato di mezzi collettivi. In questa direzione va anche l’attenzione di FlixBus all’intermodalità, che contempla l’istituzione di collegamenti diretti verso hub della mobilità collettiva come le stazioni e autostazioni cittadine e gli aeroporti, e si affianca alle altre iniziative perseguite in campo di riduzione dell’impatto ambientale.","post_title":"Flixbus riduce l'impatto sull'ambiente a Natale con Offset Christmas","post_date":"2022-12-06T10:37:20+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1670323040000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435479","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_424179\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Joe Mason, chief marketing officer - travel di Allianz Partners,[/caption]\r\n\r\nLa richiesta di maggiore flessibilità da parte dei viaggiatori sta definendo i viaggi post-pandemia, con i clienti che cercano di gestire una gamma più ampia di potenziali problemi. Questa una delle tendenze chiave evidenziate nello States of Mind Travel Report pubblicato da Allianz Partners, leader mondiale nei servizi di assicurazione e assistenza, che indaga sullo stato attuale e sul futuro dell'industria dei viaggi e del turismo.\r\n\r\nIl report, che si basa sull’analisi di esperti del settore - Joe Mason, chief marketing officer di Allianz Partners per il settore Travel e Luís Araújo, Presidente dell’European Travel Commission - nonché sui dati relativi alle tendenze dei clienti di Allianz Partners, evidenzia l'aumento dei fattori di attenzione che oggigiorno i viaggiatori devono affrontare.\r\n\r\nOltre alle preoccupazioni correlate alla salute, i viaggiatori devono affrontare turbolenze geopolitiche, inflazione elevata e incertezza economica crescente. Questa situazione determina un nuovo atteggiamento nei confronti dei viaggi, in cui la flessibilità e la protezione integrate contro il “cosa succede se” svolgono un ruolo ancora più importante.\r\n\r\nI dati di Allianz Partners rivelano che nei cinque principali mercati europei (Belgio, Francia, Germania, Italia, Regno Unito) le intenzioni dei clienti di acquistare un'assicurazione viaggio sono aumentate sostanzialmente, dal 21% nel 2019 al 55% nel 2022 per i viaggi internazionali e dal 12% al 26% per i viaggi nazionali. In linea con la crescente domanda, Allianz Partners ha registrato nel 2022 il livello più alto di richieste di prestazioni post-partenza.\r\n\r\nLa ricerca evidenzia inoltre: È sempre più diffusa la tendenza a “lavorare da qualsiasi luogo”: la crescita del lavoro da remoto e ibrido significa che sempre più viaggiatori di tutte le età coniugano attività lavorativa e tempo libero, determinando un aumento dei viaggi “Bleisure”. Inoltre, il report evidenzia gli adeguamenti richiesti dall'industria dei viaggi per soddisfare questa esigenza come, ad esempio, la necessità di una regolamentazione aggiornata, la risoluzione dei problemi di residenza fiscale e la necessità di ulteriori investimenti nelle destinazioni più popolari.\r\n\r\nI modelli di lavoro ibridi continueranno probabilmente a esistere e sempre più viaggiatori prevedono di lavorare dall'estero o da un'altra residenza. La ricerca del Customer Lab di Allianz Partners ha rilevato che il 28% dei viaggiatori di età compresa tra i 18 e i 25 anni prevede in futuro di lavorare più frequentemente dall'estero o da una residenza secondaria o di famiglia.\r\n\r\nLa flessibilità è fondamentale: il 58% delle famiglie più giovani prevede di effettuare prenotazioni di viaggio flessibili per far fronte a circostanze impreviste. Il 2022 è stato contrassegnato da un aumento dei viaggi di gruppi familiari più grandi e intergenerazionali, che ha comportato un cambiamento significativo nel settore. Gli hotel e i resort devono quindi soddisfare una gamma più ampia di ospiti e adattarsi maggiormente a una clientela diversificata.\r\n\r\nIl 41% dei consumatori è consapevole dell'impatto ambientale dei viaggi, anche se la sostenibilità rimane un fattore di importanza relativamente minore nei processi decisionali.\r\n\r\n«Nel 2022 il desiderio di tornare a viaggiare è stato evidente ha  commentato Joe Mason - . Basti pensare alle immagini che abbiamo visto quest’estate di sale d’attesa e resort affollati. Tuttavia, gli effetti della pandemia sulle esigenze e sulle aspettative dei viaggiatori sono ancora presenti. Oggi il settore assicurativo fornisce servizi a un consumatore più esigente e meglio informato, maggiormente consapevole sia di un buon servizio sia di un eventuale disservizio. Il settore dei viaggi risente di una pressione maggiore che spinge a offrire soluzioni flessibili e complete per coprire tutte le evenienze»\r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Allianz Partners: più flessibilità per i viaggi post-pandemia","post_date":"2022-12-06T10:32:47+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1670322767000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"435475","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Una lunga stagione piena di soddisfazioni, così la definisce il nuovo amministratore delegato di Gardaland, Sabrina De Carvalho, che si appresta a chiudersi con la Gardaland Magic Winter: “Nel 2022 abbiamo raggiunto i dati di affluenza registrati nel 2019. E ora concludiamo con la ventesima edizione dell'appuntamento invernale del parco, che proseguirà fino al prossimo 8 gennaio”.\r\n\r\nTante le novità di queste festività. A partire dagli allestimenti in ottica green: molte infatti le aree impreziosite con decorazioni naturali. E non mancano neppure i classici alberi di Natale, tutti rigorosamente veri e destinati, alla fine dell’evento, a essere ricollocati e accuditi per arrivare al Natale prossimo ancora più rigogliosi. L’ingresso al parco è poi caratterizzato dalla foresta di Ghiaccio: un tunnel di 30 metri creato con rami di salice sbiancati e illuminati con effetti di luce, che conduce i visitatori dall’orologio floreale fino alla piazza Medievale.\r\n\r\nDa non perdere anche la rivisitazione della foresta Incantata, che per l’occorrenza è diventata il bosco degli Gnomi: un percorso interattivo ed educativo nato con l’idea di trasmettere, tramite l’esperienza, il gioco e la magia il valore del rispetto della natura. Le novità continuano pure al cinema 4D con The Polar Express 4D Experience, il celebre film natalizio targato Warner Bros  che racconta l’avventuroso viaggio verso il regno di Babbo Natale. Durante Gardaland Magic Winter, inoltre, i visitatori presenti potranno scoprire, primi fra tutti, dove sorgerà Jumanji -The Labyrinth: la novità 2023 basata sulla popolare serie cinematografica. Anche nel periodo natalizio, i più coraggiosi avranno comunque la possibilità di godere del brivido di una corsa su Raptor, su Oblivion e sulle altre attrazioni adrenaliniche del parco. I chioschi proporranno invece i tipici sapori del Natale, con biscotti natalizi, candy mallow e cioccolate calde.\r\n\r\nImperdibile, durante Gardaland Magic Winter, l’incontro con Babbo Natale. Appuntamento al Magico Villaggio, una baita di montagna ricca di sorprese, profumi ed esperienze ad hoc, che permetterà naturalmente la classica consegna della letterina personalizzata. Torna anche per quest'anno quindi l’appuntamento presso Gardaland Theatre con l'Emporio di Natale, il live musical condotto da un’orchestra dal vivo di 16 persone. E non finisce qui: da segnalare i Meet & Greet con la mascotte Prezzemolo e i suoi amici al teatro della Fantasia e con la maialina Peppa Pig nella sua colorata casa. Gran finale della giornata, allo scoccare delle ore 18, è l’appuntamento in piazza Jumanji, in cui è stato posizionato un albero naturale del peso di oltre 4 mila chili sotto il quale sorge il palco dello show Santa Claus is coming to Gardaland. \r\n\r\nGardaland Magic Winter proseguirà nel lungo ponte dell’Immacolata dall’8 all’11 dicembre, il 17 e il 18 dicembre, il 24 dicembre e poi ininterrottamente dal 26 dicembre all’8 gennaio e sarà aperto dalle 10:30 alle 18. Per tutto il periodo natalizio un biglietto combinato permetterà l’accesso al Parco, a Gardaland Sea Life Aquarium e alla Miniland di Legoland. Gardaland Hotel e Gardaland Adventure Hotel offrono al contempo fino al 20% di sconto su un pacchetto che comprende soggiorno presso uno degli hotel del resort e un biglietto di un giorno a Gardaland Park. L’offerta è valida per soggiorni fino al 7 gennaio 2023, escluse le date del 30 e 31 dicembre 2022.","post_title":"A Gardaland inizia la Magic Winter, in calendario fino al prossimo 8 gennaio","post_date":"2022-12-06T10:09:06+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1670321346000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti