22 February 2024

Turkish Airlines, executive sponsor della Ice Rib Challenge

[ 0 ]

Turkish Airlines è executive sponsor della Ice Rib Challenge, un ambizioso progetto di Sergio Davì con partenza prevista ad inizio giugno 2019 dal porto di Palermo. Il supporto di Turkish Airlines a questa iniziativa testimonia l’impegno della compagnia aerea nel promuovere progetti regionali, riaffermando la sua presenza sul territorio italiano e in Sicilia, contribuendo a un’iniziativa locale che porta alla regione una visibilità internazionale. Turkish Airlines si pone l’obiettivo di collegare continenti e culture diverse attraverso il suo network di oltre 300 rotte in 124 paesi, e l’Ice Rib Challenge incarna perfettamente questo scopo. «Siamo lieti di supportare l’Ice Rib Challenge, la traversata oceanica in gommone dalla Sicilia a New York – spiega Rafet Şişman, general manager di Turkish Airlines a Catania –  Turkish Airlines è sempre in prima linea nella promozione di attività sportive ed entusiasmanti iniziative locali. La collaborazione con Sergio Davì in questa sua impresa rappresenta per noi un’ottima occasione per rinnovare il nostro forte impegno verso la Sicilia. Come compagnia aerea che raggiunge più paesi e destinazioni internazionali di qualunque altra, collegando oriente e occidente grazie alla sua posizione geografica privilegiata, non vediamo l’ora di accogliere i nostri passeggeri siciliani nel nostro nuovo hub, l’Istanbul Airport, per ampliare i loro orizzonti, così come Sergio Davì in questa spedizione».
 

 

 

 

 

 

 
 

class=””>

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461972 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Austrian Airlines amplia il network di lungo raggio con la nuova rotta da Vienna a Boston, che sarà attiva dal prossimo luglio, inizialmente con fino a sei voli settimanali operati da un Boeing 767-300 da 211 posti, in una configurazione a tre classi. «Questa espansione migliora la nostra offerta di voli a lungo raggio e rafforza l'hub di Vienna - sottolinea Michael Trestl, chief commercial officer di Austrian Airlines -. Le università di fama mondiale di Boston, tra cui Harvard e Mit, i collegamenti commerciali e il fascino ineguagliabile della città la rendono una destinazione di viaggio affascinante e molto attrattiva. Inoltre, in futuro sarà ancora più facile per i visitatori e i turisti del New England venire a Vienna». Il tempo di viaggio tra Vienna e Bostan è di circa 9 ore, per un percorso di 6.500 chilometri. Il volo sarà operato il lunedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica e ogni due martedì. La partenza da Vienna è prevista alle 10:40, con arrivo a Boston alle 13:50 ora locale. Boston. Il volo di ritorno parte da Boston alle 17.10 e arriva a Vienna alle 19.25 ora locale. Con l'aggiunta di Boston, Austrian Airlines porta a quota 19 le destinazioni intercontinentali del proprio network, offrendo ai passeggeri collegamenti verso più di 125 città in tutto il mondo. «L'espansione del network a lungo raggio rafforza la nostra posizione di numero 1 a Vienna e contribuisce a collegare meglio l'Austria come hub per il business e il turismo». [post_title] => Austrian Airlines aggiunge Boston al network di lungo raggio che sale a 19 destinazioni [post_date] => 2024-02-21T10:55:56+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708512956000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461927 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => EasyJet è la compagnia aerea ufficiale dell'Eurovision Song Contest: la compagnia farà volare migliaia di visitatori in partenza da tutta Europa verso l’aeroporto di Copenaghen. Da qui i viaggiatori avranno accesso rapido e diretto alla città ospitante Malmö, in Svezia, dove si svolgeranno le semifinali e le finali dal vivo il 7, il 9 e l’11 maggio. Il vettore ha previsto un aumento di capacità posti di oltre il 10% in più di posti da e per Copenaghen rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. «I viaggi offrono la rara opportunità di staccarsi dalla quotidianità e di vivere completamente nel momento, esattamente come accade durante l'iconico Eurovision Song Contest - afferma Gabriella Neudecker, direttore marketing di easyJet -: persone, paesi e comunità si uniscono, tutto è possibile e tutti sono i benvenuti. Noi di easyJet condividiamo questi importanti valori e siamo orgogliosi di fare la nostra parte nel mettere in contatto le persone in tutta Europa: anche per questo siamo convinti che questa partnership sia la combinazione perfetta». «Siamo entusiasti di accogliere easyJet come compagnia aerea partner ufficiale dell'Eurovision Song Contest: condividiamo la passione di mettere in connessione persone e culture e non vediamo l'ora di decollare insieme, unendo la gioia della musica alla libertà del viaggio» ha aggiunto Martin Österdahl, executive supervisor di Eurovision. [post_title] => L'Eurovision Song Contest vola sulle ali di easyJet, partner ufficiale dell'evento [post_date] => 2024-02-20T11:55:13+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708430113000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461844 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => T'way Air prepara il suo debutto su quattro rotte europee, Roma inclusa, nella seconda metà del 20224. La low cost basata a Seul decollerà dall'aeroporto di Incheon alla volta di Parigi, Barcellona, Francoforte e, appunto, Fiumicino. La compagnia aerea coreana lancerà queste rotte utilizzando gli slot resi disponibili a valle dell'acquisizione da parte di Korean Air della competitor Asiana, approvata la scorsa settimana dalla Commissione europea. I nuovi collegamenti sono parte integrante di un accordo che consente a Korean di ottenere tutte le autorizzazioni necessarie per l'acquisizione di Asiana. Tale intesa è subordinata alla messa a disposizione da parte di Kirean di slot, diritti di traffico e aeromobili per consentire a T'way Air di iniziare a volare in Europa da Seul; di fatto la fusione non verrà completata fin quando T'way Air avrà iniziato a operare voli sulle quattro rotte europee.  T'Way Air, inizialmente nota come Hansung Airlines, ha iniziato a operare nel 2005; nel 2010 la compagnia è stata ribattezzata T'Way Air, con la "T" che sta per "insieme, oggi e domani". Il nuovo vettore ha ricominciato a operare secondo il modello low cost con una flotta di Boeing 737-800 su rotte domestiche e internazionali dalla base di Seul. Nel 2019 la compagnia aerea è stata il terzo vettore lowcost coreano nel mercato internazionale, trasportando 2,9 milioni di passeggeri nazionali e 4,2 milioni di passeggeri internazionali nel 2018. Attualmente la compagnia serve 46 destinazioni in 19 Paesi, con 27 Boeing 737 e tre Airbus A330.   [post_title] => T'way Air volerà su quattro rotte europee, tra cui Roma, dalla seconda metà dell'anno [post_date] => 2024-02-20T09:25:49+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708421149000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461775 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => «L’anno scorso abbiamo avuto 260.000 pernottamenti e quest’anno puntiamo a raggiungerne 350.000» così Clive McCoy, direttore del turismo de The British Virgin Islands Tourist Board & Film Commission, traccia gli obiettivi 2024 dell'arcipelago caraibico la cui filosofia è racchiusa nel claim “When life gets too loud, turn down the noise and turn up what matters”. «Il maggior numero di ospiti - prosegue McCoy - arriva dal mercato americano, gli italiani sono circa il 2% e speriamo aumentino. Crediamo che le BVI siano un’ottima opzione di viaggio per il turista europeo che ama i Caraibi. Molti italiani e francesi raggiungono l'arcipelago e si fermano per 10 giorni sostando negli eleganti hotel o navigando tra le isole». Numerose le connessioni. «Si raggiungono le BVI volando da Parigi a Saint Maarten e da lì proseguendo per Tortola su un piccolo velivolo. Oppure dal Regno Unito: si atterra ad Antigua, da dove si vola verso le Isole Vergini. Dallo scorso giugno American Airlines garantisce 2 voli al giorno da Miami durante la settimana e uno in più al sabato fino al prossimo 3 aprile. Tortola è l’isola principale dell'arcipelago, perfetta per iniziare un “island hopping” tra isole a solo 30’ di navigazione l’una dall’altra. La prima a est è Virgin Gorda, che proprio Colombo descrisse come una “vergine grassa sdraiata”. È famosa per “The Baths National Park”, una zona costiera dove formazioni granitiche danno origine a vasche e grotte. A nord c’è Anegada, che non è di origine vulcanica ed è circondata da quasi 50 km di spiaggia. È famosa per le sue aragoste, tra le migliori dei Caraibi, celebrate ogni anno a fine novembre nel Lobster Festival. Andando a ovest si trova la party-island Jost Van Dyke: dopo Time Square e Trafalgar Square è il posto più famoso al mondo per celebrare l’arrivo del Nuovo Anno insieme con star mondiali». Tante le novità del ricettivo delle Isole Vergini, come il rinnovo completo della proprietà del Peter Island Resort, che era stata danneggiata dall’uragano Maria nel 2017; le prenotazioni saranno aperte dal prossimo 3 ottobre. In continua crescita anche l’offerta del Long Bay Beach Resort, con ville e camere che guardano il mare e una proposta sportiva sempre più ricca. Verranno infine completati in questi mesi i lavori del luxury Scrub Island Resort, Spa&Marina: dallo scorso agosto la struttura è tornata indipendente dopo 11 anni di affiliazione al gruppo Marriott. Novità anche per gli amanti della navigazione con lo sviluppo di The Moorings: il più grande approdo privato dedicato alle vacanze su yacht, che dispone di una flotta di 254 yacht e catamarani. Si potrà affittare uno yacht con personale di bordo e chef e navigare tra le isole o seguire il ricco programma di regate e trofei che si apre a gennaio con il Latitude 18 Halyard Challenge e si conclude a dicembre con l’O’Neal & Mundy Commodore’s Race. E tanti sono i momenti di festa che si succedono nel corso dell’anno, celebrando la natura, la danza, il ritmo, la cucina e quell’armonia che avvolge ogni cosa alle British Virgin Islands. [gallery ids="461780,461779,461777"] [post_title] => British Virgin Islands, McCoy: «Mercato italiano nel mirino» [post_date] => 2024-02-19T10:52:30+00:00 [category] => Array ( [0] => estero ) [category_name] => Array ( [0] => Estero ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708339950000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461586 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Con una flotta di 261 aeromobili (passeggeri e merci) e 19 jet executive aziendali, Qatar Airways, che ha vinto per la decima volta il premio "Miglior Business Class al mondo", conferma anche per il 2024 un rapido piano di espansione. Le attuali 170 rotte tra Africa, America, Asia e Pacifico, Medio Oriente ed Europa verranno integrate quest'anno con numerose nuove destinazioni: AlUla (Arabia Saudita), Chittagong (Bangladesh), Giuba (Sudan), Kinshasa (Repubblica Democratica del Congo), Neom e Tabuk (Arabia Saudita), Amburgo (Germania), Trabzon (Turchia) e Tolosa (Francia). «Nel 2023 siamo stati premiati come "Migliore compagnia aerea del Medio Oriente", "Miglior lounge di Business Class al mondo" e "Miglior ristorazione in lounge di Business Class al mondo", premi che ci spingono ad andare avanti con orgoglio in questa rapida espansione che coinvolge anche l'aeroporto internazionale di Doha» ha dichiarato Badr Mohammed Al-Meer, ad del gruppo Qatar Airways. Tra gli highlights 2024 l’espansione della rete in Arabia Saudita, 3 voli settimanali in Indonesia  a bordo del Boeing 787-8. E inoltre uno sviluppo della collezione Privilege Club, con una nuova piattaforma per consentire ai membri di accedere a esperienze esclusive. Con Qatar Airways Holidays la compagnia  'assiste' i tifosi dell'Inter in tutto il mondo con nuovi pacchetti viaggio dedicati. E l'Official Global Airline Partner di FC Internazionale Milano sta creando esperienze eccezionali per i fan che vogliono visitare lo Stadio San Siro. [gallery ids="461588,461591,461593"] [post_title] => Qatar Airways in allungo sul 2024 con una serie di nuove rotte [post_date] => 2024-02-16T09:30:01+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( [0] => aerei [1] => qatar [2] => qatar-airways ) [post_tag_name] => Array ( [0] => aerei [1] => Qatar [2] => qatar airways ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708075801000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461438 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Emirates fa rotta sulla Colombia: la compagnia aerea di Dubai ha presentato infatti domanda all'autorità dell'aviazione civile, Aerocivil, per una nuova rotta passeggeri per Bogotà, la capitale del Paese. Il collegamento in quinta libertà verrebbe operato con frequenze fino a sette volte a settimana e i voli farebbero scalo all'aeroporto internazionale di Miami, con aeromobili Boeing 777 e rappresenterebbe il primo servizio passeggeri del vettore verso la Colombia, dopo che in precedenza erano stati operati solo voli cargo.  Aerocivil esaminerà la richiesta di Emirates il 16 febbraio: qualora la richiesta ottenesse il via libera la Colombia diventerà il terzo Paese sudamericano servito dal vettore per i voli passeggeri, aggiungendosi ai collegamenti già esistenti verso Rio de Janeiro e Buenos Aires. Sulla tratta Miami-Bogotá Emirates entrerà in concorrenza diretta ad American Airlines, Avianca e Latam Airlines Group, che servono il mercato rispettivamente 3 volte al giorno, 4 volte al giorno e 2 volte al giorno. Complessivamente, ad oggi, sono disponibili circa 21.400 posti passeggeri settimanali bidirezionali tra le due città, con Avianca che detiene il 51% della capacità. [post_title] => Emirates studia l'ingresso in Colombia: sarà il terzo paese servito in Sud America [post_date] => 2024-02-14T10:46:08+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707907568000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461357 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Taglio del nastro per il nuovo terminal dell'aeroporto di Gode Ugaas Miraad e del parcheggio degli aeromobili con la costruzione della via di rullaggio. Il nuovo terminal aeroportuale (situato nell'Etiopia orientale) ha richiesto tre anni per la realizzazione su un'area totale di 3.500 mq, con un nuovo piazzale in grado di gestire quattro aerei De Havilland Q400 o B737 alla volta, edifici accessori come la stazione di soccorso e antincendio dell'aeroporto, un serbatoio d'acqua e aree di parcheggio. «L'inaugurazione di questo nuovo terminal dimostra il nostro impegno a migliorare le nostre operazioni nazionali insieme a quelle internazionali - ha dichiarato l'amministratore delegato di Ethiopian Airlines Group, Mesfin Tasew -. Gode non sarà né l'unico né l'ultimo aeroporto che costruiremo e/o ristruttureremo. La costruzione di terminal aeroportuali simili sta procedendo bene negli scali di Jinka, Kombolcha, Goba/Robe e Bahir Dar. Questi progetti ci consentono di fare la nostra parte nella crescita turistica e socio-economica del nostro Paese». Ethiopian Airlines svolge un ruolo significativo nella connettività regionale con le sue oltre 22 destinazioni domestiche, con voli giornalieri da/per Gode. Essendo Gode il terzo aeroporto dello stato, accanto a Jigjiga e Kebridahar, i passeggeri possono viaggiare tra Jigjiga e Gode direttamente senza dover passare per Addis Abeba.        [post_title] => Ethiopian Airlines: inaugurato il nuovo terminal dello scalo di Gode [post_date] => 2024-02-13T11:16:00+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707822960000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 460809 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => La Liguria presenta  le campagne di promozione e comunicazione per la prima parte del 2024 che arriveranno fino a fine luglio, con la prevista riapertura della Via dell’Amore. Il sentiero patrimonio Unesco simbolo delle Cinque Terre e della Liguria nel mondo tornerà fruibile dopo anni di chiusura e importanti lavori di recupero e messa in sicurezza. «C’è voglia di Italia e c’è grande voglia di Liguria - spiega il presidente della regione Liguria Giovanni Toti -, una regione i cui indicatori stanno tutti crescendo. Nel 2023 è fortemente aumentato il turismo straniero, mentre gli italiani sono ben presenti ormai da qualche stagione. Quest’anno sarà straordinario, con la riapertura della storica Via dell’Amore, dopo tanti anni di chiusura e un lavoro complesso anche da un punto di vista ingegneristico. Quest’estate quindi riapriremo al turismo uno dei simboli della Liguria a cui è dedicata anche la nostra cartolina istituzionale al Festival di Sanremo. In questi anni è cresciuto un turismo sempre più destagionalizzato, che fa della Liguria una meta ambita non solo per il suo mare, il più bello d’Italia, ma anche per la sua arte, per i suoi parchi, per il suo outdoor, per cui siamo tra i leader del Paese, senza dimenticare il traino fondamentale del nostro agroalimentare con un boom di vendite dei nostri prodotti, dal pesto al vino. Tutto si incrocia con quella nautica da diporto per cui la Liguria è diventata, con il suo Salone Nautico, i suoi porti e i suoi cantieri, la capitale mondiale. La Liguria è un modello di sviluppo integrato che ci sta dando tante soddisfazioni e le sta dando ai liguri visto che l’occupazione è ai massimi di tutti i tempi». «Dopo essere stati ad Utrecht e a Madrid a gennaio, proseguiamo le campagne promozionali del 2024 con la nostra presenza ad un'altra importantissima fiera internazionale come la Bit di Milano – dice Augusto Sartori, assessore regionale al Turismo -. Il nostro obiettivo è confermare e, perché no, migliorare l'ottimo risultato conseguito dalla Liguria nel corso del 2023. Per la prima volta in assoluto abbiamo avuto in un anno oltre 16 milioni di presenze turistiche con una crescita del 3,5% rispetto al 2022, di questi è stata notevole la presenza di turisti stranieri pari a 7,2 milioni, +9,4% sull'anno precedente. Confermato che i lombardi (3,2 milioni) e i piemontesi (2,7 milioni) sono stati i turisti più numerosi e che ai primi posti tra gli stranieri abbiamo avuto sempre i tedeschi (1,5 milioni, +5,5%) e francesi (1 milione, +4%), sono da segnalare delle interessanti novità. Notevole, ad esempio, è stata la crescita dei turisti statunitensi (+25%) che hanno raggiunto quota 540 mila, dei canadesi (+40%, pari a 110 mila) e degli australiani cresciuti addirittura del 157% con 150 mila presenze nel 2023. Segnalo anche il ritorno, dopo anni di calo post Brexit, dei turisti britannici che sono stati 265 mila per un incremento del 13%. Abbiamo infine registrato anche presenze in forte crescita percentuale di turisti provenienti dalla Cina (+101%), dal Giappone (+64%), dalla Corea del Sud (+73,5%) e dall'India (+35,8%). Questi ultimi sono mercati 'nuovi' per la Liguria nei quali abbiamo messo in preventivo di andare a promuovere il brand Liguria».   [post_title] => La Liguria presenta le campagne di promozione e comunicazione [post_date] => 2024-02-13T11:11:02+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707822662000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461349 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461281" align="alignright" width="300"] Paola De Filippo[/caption] Sabre e Amadeus sono stati fra i protagonisti in Bit del panel “Aviation tra picchi di domanda, pricing e offerta sotto stress. Come fare quadrare il cerchio?”. Paola De Filippo, general manager di Sabre Italia ha osservato che «C’è un grande numero di informazioni e dati che si disperdono e quindi tutto diventa meno efficiente. Sia per il viaggiatore che per l’adv è difficile fare un confronto tra i vari itinerari e le tariffe. Una soluzione può essere una partnership con gli albergatori di terze parti, che hanno la tecnologia per leggere i vari linguaggi e per ampliare la gamma di informazioni che possono fornire. È necessario che ci sia un unico punto di quality of sales che renda accessibili le informazioni e permetta una certa efficienza da parte degli operatori». Francesca Benati, senior vp Travel Sellers Europe&managing director Italy di Amadeus, parlando delle soluzioni innovative per crescere e viaggiare, ha affermato che «Dal punto di vista degli aeroporti l’automatizzazione e le nuove tecnologie stanno aiutando molto. Il primo tema fondamentale riguarda le compagnie aeree e il digital retailing, perché le airlines stanno utilizzando la digitalizzazione a 360°. Amadeus ha lanciato una piattaforma di digital retailing per accompagnarle dalla gestione del network a quella della costumer experience. Negli aeroporti Amadeus ha lavorato molto sulla necessità di ottimizzare i flussi di passeggeri. Se si considera il costumer-journey, ancor prima di entrare in aeroporto, sono diventati fondamentali tutti i meccanismi di digital identity – su cui si sta concentrando l’industria - e la parte di touch e di automation: dal check-in al baggage-drop. Oggi il mercato del biometrico vale già 90 miliardi di dollari e la maggior parte degli aeroporti europei si sta muovendo in questa direzione. C’è poi l’importante tema delle tecnologie che aiutano a spingere il concetto di sostenibilità. - prosegue Benati - Tutta la filiera si sta impegnando, portando a un’accelerata nelle tecnologie e nella costumer experience». [caption id="attachment_461280" align="alignleft" width="300"] Francesca Benati[/caption] La situazione non è uguale in tutto il mondo. Alcuni aeroporti sono molto più avanti nell’adozione di queste tecnologie. «Il biometrico va a toccare tutta una serie di elementi della costumer experience, - conclude Benati - quindi c’è una differenza tra il self check-in (che sarà disponibile nel 90% degli aeroporti nel 2025) e il self baggage drop, che diventerà un must-have. Ci sono poi aspetti più scottanti che toccano l’etica digitale. Si prevede che il 60% degli aeroporti avrà questi automated board al gate e che, nel 2025, il 40% adotterà l’automated board control agli arrivi per tutta la parte dei voli no-Shenghen. L’utilizzo della digital identity velocizzerà i passaggi, permettendo di godere l’esperienza dell’aeroporto». Ricordando che, come sottolinea De Filippo, l’esperienza “umana” resterà centrale: «L’intelligenza è artificiale, ma la passione è umana. È importante sottolineare un cambiamento in corso in questo 2024 e rilevato dai sondaggi: i viaggi leisure vengono prenotati fino a 3 mesi prima, mentre quelli di lavoro 2 o 3 settimane prima. La tecnologia generativa offre oggi anche degli strumenti nel post-vendita e, grazie al machine-learning del viaggiatore, potremo fornire informazioni in modo puntuale, efficiente e comprensibile. Attraverso la tecnologia e lo studio delle abitudini potremo rendere il viaggio più fruibile anche riguardo al tema delle disabilità nascoste, generando meno attriti ai passeggeri».   [post_title] => Sabre e Amadeus a confronto in Bit su distribuzione globale e digitalizzazione [post_date] => 2024-02-13T11:00:43+00:00 [category] => Array ( [0] => mercato_e_tecnologie ) [category_name] => Array ( [0] => Mercato e tecnologie ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1707822043000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "turkish airlines executive sponsor della ice rib challenge" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":85,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":758,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461972","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Austrian Airlines amplia il network di lungo raggio con la nuova rotta da Vienna a Boston, che sarà attiva dal prossimo luglio, inizialmente con fino a sei voli settimanali operati da un Boeing 767-300 da 211 posti, in una configurazione a tre classi.\r\n\r\n«Questa espansione migliora la nostra offerta di voli a lungo raggio e rafforza l'hub di Vienna - sottolinea Michael Trestl, chief commercial officer di Austrian Airlines -. Le università di fama mondiale di Boston, tra cui Harvard e Mit, i collegamenti commerciali e il fascino ineguagliabile della città la rendono una destinazione di viaggio affascinante e molto attrattiva. Inoltre, in futuro sarà ancora più facile per i visitatori e i turisti del New England venire a Vienna».\r\n\r\nIl tempo di viaggio tra Vienna e Bostan è di circa 9 ore, per un percorso di 6.500 chilometri. Il volo sarà operato il lunedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica e ogni due martedì. La partenza da Vienna è prevista alle 10:40, con arrivo a Boston alle 13:50 ora locale. Boston. Il volo di ritorno parte da Boston alle 17.10 e arriva a Vienna alle 19.25 ora locale.\r\n\r\nCon l'aggiunta di Boston, Austrian Airlines porta a quota 19 le destinazioni intercontinentali del proprio network, offrendo ai passeggeri collegamenti verso più di 125 città in tutto il mondo. «L'espansione del network a lungo raggio rafforza la nostra posizione di numero 1 a Vienna e contribuisce a collegare meglio l'Austria come hub per il business e il turismo».","post_title":"Austrian Airlines aggiunge Boston al network di lungo raggio che sale a 19 destinazioni","post_date":"2024-02-21T10:55:56+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708512956000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461927","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"EasyJet è la compagnia aerea ufficiale dell'Eurovision Song Contest: la compagnia farà volare migliaia di visitatori in partenza da tutta Europa verso l’aeroporto di Copenaghen. Da qui i viaggiatori avranno accesso rapido e diretto alla città ospitante Malmö, in Svezia, dove si svolgeranno le semifinali e le finali dal vivo il 7, il 9 e l’11 maggio.\r\nIl vettore ha previsto un aumento di capacità posti di oltre il 10% in più di posti da e per Copenaghen rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.\r\n«I viaggi offrono la rara opportunità di staccarsi dalla quotidianità e di vivere completamente nel momento, esattamente come accade durante l'iconico Eurovision Song Contest - afferma Gabriella Neudecker, direttore marketing di easyJet -: persone, paesi e comunità si uniscono, tutto è possibile e tutti sono i benvenuti. Noi di easyJet condividiamo questi importanti valori e siamo orgogliosi di fare la nostra parte nel mettere in contatto le persone in tutta Europa: anche per questo siamo convinti che questa partnership sia la combinazione perfetta».\r\n«Siamo entusiasti di accogliere easyJet come compagnia aerea partner ufficiale dell'Eurovision Song Contest: condividiamo la passione di mettere in connessione persone e culture e non vediamo l'ora di decollare insieme, unendo la gioia della musica alla libertà del viaggio» ha aggiunto Martin Österdahl, executive supervisor di Eurovision.","post_title":"L'Eurovision Song Contest vola sulle ali di easyJet, partner ufficiale dell'evento","post_date":"2024-02-20T11:55:13+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708430113000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461844","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"T'way Air prepara il suo debutto su quattro rotte europee, Roma inclusa, nella seconda metà del 20224. La low cost basata a Seul decollerà dall'aeroporto di Incheon alla volta di Parigi, Barcellona, Francoforte e, appunto, Fiumicino.\r\n\r\nLa compagnia aerea coreana lancerà queste rotte utilizzando gli slot resi disponibili a valle dell'acquisizione da parte di Korean Air della competitor Asiana, approvata la scorsa settimana dalla Commissione europea. I nuovi collegamenti sono parte integrante di un accordo che consente a Korean di ottenere tutte le autorizzazioni necessarie per l'acquisizione di Asiana.\r\n\r\nTale intesa è subordinata alla messa a disposizione da parte di Kirean di slot, diritti di traffico e aeromobili per consentire a T'way Air di iniziare a volare in Europa da Seul; di fatto la fusione non verrà completata fin quando T'way Air avrà iniziato a operare voli sulle quattro rotte europee. \r\n\r\nT'Way Air, inizialmente nota come Hansung Airlines, ha iniziato a operare nel 2005; nel 2010 la compagnia è stata ribattezzata T'Way Air, con la \"T\" che sta per \"insieme, oggi e domani\". Il nuovo vettore ha ricominciato a operare secondo il modello low cost con una flotta di Boeing 737-800 su rotte domestiche e internazionali dalla base di Seul.\r\n\r\nNel 2019 la compagnia aerea è stata il terzo vettore lowcost coreano nel mercato internazionale, trasportando 2,9 milioni di passeggeri nazionali e 4,2 milioni di passeggeri internazionali nel 2018. Attualmente la compagnia serve 46 destinazioni in 19 Paesi, con 27 Boeing 737 e tre Airbus A330.\r\n\r\n ","post_title":"T'way Air volerà su quattro rotte europee, tra cui Roma, dalla seconda metà dell'anno","post_date":"2024-02-20T09:25:49+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708421149000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461775","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"«L’anno scorso abbiamo avuto 260.000 pernottamenti e quest’anno puntiamo a raggiungerne 350.000» così Clive McCoy, direttore del turismo de The British Virgin Islands Tourist Board & Film Commission, traccia gli obiettivi 2024 dell'arcipelago caraibico la cui filosofia è racchiusa nel claim “When life gets too loud, turn down the noise and turn up what matters”.\r\n\r\n«Il maggior numero di ospiti - prosegue McCoy - arriva dal mercato americano, gli italiani sono circa il 2% e speriamo aumentino. Crediamo che le BVI siano un’ottima opzione di viaggio per il turista europeo che ama i Caraibi. Molti italiani e francesi raggiungono l'arcipelago e si fermano per 10 giorni sostando negli eleganti hotel o navigando tra le isole».\r\n\r\nNumerose le connessioni. «Si raggiungono le BVI volando da Parigi a Saint Maarten e da lì proseguendo per Tortola su un piccolo velivolo. Oppure dal Regno Unito: si atterra ad Antigua, da dove si vola verso le Isole Vergini. Dallo scorso giugno American Airlines garantisce 2 voli al giorno da Miami durante la settimana e uno in più al sabato fino al prossimo 3 aprile. Tortola è l’isola principale dell'arcipelago, perfetta per iniziare un “island hopping” tra isole a solo 30’ di navigazione l’una dall’altra. La prima a est è Virgin Gorda, che proprio Colombo descrisse come una “vergine grassa sdraiata”. È famosa per “The Baths National Park”, una zona costiera dove formazioni granitiche danno origine a vasche e grotte. A nord c’è Anegada, che non è di origine vulcanica ed è circondata da quasi 50 km di spiaggia. È famosa per le sue aragoste, tra le migliori dei Caraibi, celebrate ogni anno a fine novembre nel Lobster Festival. Andando a ovest si trova la party-island Jost Van Dyke: dopo Time Square e Trafalgar Square è il posto più famoso al mondo per celebrare l’arrivo del Nuovo Anno insieme con star mondiali».\r\n\r\nTante le novità del ricettivo delle Isole Vergini, come il rinnovo completo della proprietà del Peter Island Resort, che era stata danneggiata dall’uragano Maria nel 2017; le prenotazioni saranno aperte dal prossimo 3 ottobre. In continua crescita anche l’offerta del Long Bay Beach Resort, con ville e camere che guardano il mare e una proposta sportiva sempre più ricca. Verranno infine completati in questi mesi i lavori del luxury Scrub Island Resort, Spa&Marina: dallo scorso agosto la struttura è tornata indipendente dopo 11 anni di affiliazione al gruppo Marriott.\r\n\r\nNovità anche per gli amanti della navigazione con lo sviluppo di The Moorings: il più grande approdo privato dedicato alle vacanze su yacht, che dispone di una flotta di 254 yacht e catamarani. Si potrà affittare uno yacht con personale di bordo e chef e navigare tra le isole o seguire il ricco programma di regate e trofei che si apre a gennaio con il Latitude 18 Halyard Challenge e si conclude a dicembre con l’O’Neal & Mundy Commodore’s Race. E tanti sono i momenti di festa che si succedono nel corso dell’anno, celebrando la natura, la danza, il ritmo, la cucina e quell’armonia che avvolge ogni cosa alle British Virgin Islands.\r\n\r\n[gallery ids=\"461780,461779,461777\"]","post_title":"British Virgin Islands, McCoy: «Mercato italiano nel mirino»","post_date":"2024-02-19T10:52:30+00:00","category":["estero"],"category_name":["Estero"],"post_tag":[]},"sort":[1708339950000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461586","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Con una flotta di 261 aeromobili (passeggeri e merci) e 19 jet executive aziendali, Qatar Airways, che ha vinto per la decima volta il premio \"Miglior Business Class al mondo\", conferma anche per il 2024 un rapido piano di espansione.\r\n\r\nLe attuali 170 rotte tra Africa, America, Asia e Pacifico, Medio Oriente ed Europa verranno integrate quest'anno con numerose nuove destinazioni: AlUla (Arabia Saudita), Chittagong (Bangladesh), Giuba (Sudan), Kinshasa (Repubblica Democratica del Congo), Neom e Tabuk (Arabia Saudita), Amburgo (Germania), Trabzon (Turchia) e Tolosa (Francia).\r\n\r\n«Nel 2023 siamo stati premiati come \"Migliore compagnia aerea del Medio Oriente\", \"Miglior lounge di Business Class al mondo\" e \"Miglior ristorazione in lounge di Business Class al mondo\", premi che ci spingono ad andare avanti con orgoglio in questa rapida espansione che coinvolge anche l'aeroporto internazionale di Doha» ha dichiarato Badr Mohammed Al-Meer, ad del gruppo Qatar Airways.\r\n\r\nTra gli highlights 2024 l’espansione della rete in Arabia Saudita, 3 voli settimanali in Indonesia  a bordo del Boeing 787-8. E inoltre uno sviluppo della collezione Privilege Club, con una nuova piattaforma per consentire ai membri di accedere a esperienze esclusive.\r\n\r\nCon Qatar Airways Holidays la compagnia  'assiste' i tifosi dell'Inter in tutto il mondo con nuovi pacchetti viaggio dedicati. E l'Official Global Airline Partner di FC Internazionale Milano sta creando esperienze eccezionali per i fan che vogliono visitare lo Stadio San Siro.\r\n\r\n[gallery ids=\"461588,461591,461593\"]","post_title":"Qatar Airways in allungo sul 2024 con una serie di nuove rotte","post_date":"2024-02-16T09:30:01+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":["aerei","qatar","qatar-airways"],"post_tag_name":["aerei","Qatar","qatar airways"]},"sort":[1708075801000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461438","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Emirates fa rotta sulla Colombia: la compagnia aerea di Dubai ha presentato infatti domanda all'autorità dell'aviazione civile, Aerocivil, per una nuova rotta passeggeri per Bogotà, la capitale del Paese.\r\n\r\nIl collegamento in quinta libertà verrebbe operato con frequenze fino a sette volte a settimana e i voli farebbero scalo all'aeroporto internazionale di Miami, con aeromobili Boeing 777 e rappresenterebbe il primo servizio passeggeri del vettore verso la Colombia, dopo che in precedenza erano stati operati solo voli cargo. \r\n\r\nAerocivil esaminerà la richiesta di Emirates il 16 febbraio: qualora la richiesta ottenesse il via libera la Colombia diventerà il terzo Paese sudamericano servito dal vettore per i voli passeggeri, aggiungendosi ai collegamenti già esistenti verso Rio de Janeiro e Buenos Aires.\r\n\r\nSulla tratta Miami-Bogotá Emirates entrerà in concorrenza diretta ad American Airlines, Avianca e Latam Airlines Group, che servono il mercato rispettivamente 3 volte al giorno, 4 volte al giorno e 2 volte al giorno. Complessivamente, ad oggi, sono disponibili circa 21.400 posti passeggeri settimanali bidirezionali tra le due città, con Avianca che detiene il 51% della capacità.","post_title":"Emirates studia l'ingresso in Colombia: sarà il terzo paese servito in Sud America","post_date":"2024-02-14T10:46:08+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707907568000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461357","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Taglio del nastro per il nuovo terminal dell'aeroporto di Gode Ugaas Miraad e del parcheggio degli aeromobili con la costruzione della via di rullaggio. Il nuovo terminal aeroportuale (situato nell'Etiopia orientale) ha richiesto tre anni per la realizzazione su un'area totale di 3.500 mq, con un nuovo piazzale in grado di gestire quattro aerei De Havilland Q400 o B737 alla volta, edifici accessori come la stazione di soccorso e antincendio dell'aeroporto, un serbatoio d'acqua e aree di parcheggio.\r\n\r\n«L'inaugurazione di questo nuovo terminal dimostra il nostro impegno a migliorare le nostre operazioni nazionali insieme a quelle internazionali - ha dichiarato l'amministratore delegato di Ethiopian Airlines Group, Mesfin Tasew -. Gode non sarà né l'unico né l'ultimo aeroporto che costruiremo e/o ristruttureremo. La costruzione di terminal aeroportuali simili sta procedendo bene negli scali di Jinka, Kombolcha, Goba/Robe e Bahir Dar. Questi progetti ci consentono di fare la nostra parte nella crescita turistica e socio-economica del nostro Paese».\r\n\r\nEthiopian Airlines svolge un ruolo significativo nella connettività regionale con le sue oltre 22 destinazioni domestiche, con voli giornalieri da/per Gode. Essendo Gode il terzo aeroporto dello stato, accanto a Jigjiga e Kebridahar, i passeggeri possono viaggiare tra Jigjiga e Gode direttamente senza dover passare per Addis Abeba. \r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Ethiopian Airlines: inaugurato il nuovo terminal dello scalo di Gode","post_date":"2024-02-13T11:16:00+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1707822960000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"460809","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":" La Liguria presenta  le campagne di promozione e comunicazione per la prima parte del 2024 che arriveranno fino a fine luglio, con la prevista riapertura della Via dell’Amore. Il sentiero patrimonio Unesco simbolo delle Cinque Terre e della Liguria nel mondo tornerà fruibile dopo anni di chiusura e importanti lavori di recupero e messa in sicurezza.\r\n\r\n«C’è voglia di Italia e c’è grande voglia di Liguria - spiega il presidente della regione Liguria Giovanni Toti -, una regione i cui indicatori stanno tutti crescendo. Nel 2023 è fortemente aumentato il turismo straniero, mentre gli italiani sono ben presenti ormai da qualche stagione. Quest’anno sarà straordinario, con la riapertura della storica Via dell’Amore, dopo tanti anni di chiusura e un lavoro complesso anche da un punto di vista ingegneristico. Quest’estate quindi riapriremo al turismo uno dei simboli della Liguria a cui è dedicata anche la nostra cartolina istituzionale al Festival di Sanremo. In questi anni è cresciuto un turismo sempre più destagionalizzato, che fa della Liguria una meta ambita non solo per il suo mare, il più bello d’Italia, ma anche per la sua arte, per i suoi parchi, per il suo outdoor, per cui siamo tra i leader del Paese, senza dimenticare il traino fondamentale del nostro agroalimentare con un boom di vendite dei nostri prodotti, dal pesto al vino. Tutto si incrocia con quella nautica da diporto per cui la Liguria è diventata, con il suo Salone Nautico, i suoi porti e i suoi cantieri, la capitale mondiale. La Liguria è un modello di sviluppo integrato che ci sta dando tante soddisfazioni e le sta dando ai liguri visto che l’occupazione è ai massimi di tutti i tempi».\r\n\r\n«Dopo essere stati ad Utrecht e a Madrid a gennaio, proseguiamo le campagne promozionali del 2024 con la nostra presenza ad un'altra importantissima fiera internazionale come la Bit di Milano – dice Augusto Sartori, assessore regionale al Turismo -. Il nostro obiettivo è confermare e, perché no, migliorare l'ottimo risultato conseguito dalla Liguria nel corso del 2023. Per la prima volta in assoluto abbiamo avuto in un anno oltre 16 milioni di presenze turistiche con una crescita del 3,5% rispetto al 2022, di questi è stata notevole la presenza di turisti stranieri pari a 7,2 milioni, +9,4% sull'anno precedente. Confermato che i lombardi (3,2 milioni) e i piemontesi (2,7 milioni) sono stati i turisti più numerosi e che ai primi posti tra gli stranieri abbiamo avuto sempre i tedeschi (1,5 milioni, +5,5%) e francesi (1 milione, +4%), sono da segnalare delle interessanti novità. Notevole, ad esempio, è stata la crescita dei turisti statunitensi (+25%) che hanno raggiunto quota 540 mila, dei canadesi (+40%, pari a 110 mila) e degli australiani cresciuti addirittura del 157% con 150 mila presenze nel 2023. Segnalo anche il ritorno, dopo anni di calo post Brexit, dei turisti britannici che sono stati 265 mila per un incremento del 13%. Abbiamo infine registrato anche presenze in forte crescita percentuale di turisti provenienti dalla Cina (+101%), dal Giappone (+64%), dalla Corea del Sud (+73,5%) e dall'India (+35,8%). Questi ultimi sono mercati 'nuovi' per la Liguria nei quali abbiamo messo in preventivo di andare a promuovere il brand Liguria».\r\n\r\n ","post_title":"La Liguria presenta le campagne di promozione e comunicazione","post_date":"2024-02-13T11:11:02+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":[]},"sort":[1707822662000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461349","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461281\" align=\"alignright\" width=\"300\"] Paola De Filippo[/caption]\r\n\r\nSabre e Amadeus sono stati fra i protagonisti in Bit del panel “Aviation tra picchi di domanda, pricing e offerta sotto stress. Come fare quadrare il cerchio?”. Paola De Filippo, general manager di Sabre Italia ha osservato che «C’è un grande numero di informazioni e dati che si disperdono e quindi tutto diventa meno efficiente. Sia per il viaggiatore che per l’adv è difficile fare un confronto tra i vari itinerari e le tariffe. Una soluzione può essere una partnership con gli albergatori di terze parti, che hanno la tecnologia per leggere i vari linguaggi e per ampliare la gamma di informazioni che possono fornire. È necessario che ci sia un unico punto di quality of sales che renda accessibili le informazioni e permetta una certa efficienza da parte degli operatori».\r\n\r\nFrancesca Benati, senior vp Travel Sellers Europe&managing director Italy di Amadeus, parlando delle soluzioni innovative per crescere e viaggiare, ha affermato che «Dal punto di vista degli aeroporti l’automatizzazione e le nuove tecnologie stanno aiutando molto. Il primo tema fondamentale riguarda le compagnie aeree e il digital retailing, perché le airlines stanno utilizzando la digitalizzazione a 360°. Amadeus ha lanciato una piattaforma di digital retailing per accompagnarle dalla gestione del network a quella della costumer experience. Negli aeroporti Amadeus ha lavorato molto sulla necessità di ottimizzare i flussi di passeggeri. Se si considera il costumer-journey, ancor prima di entrare in aeroporto, sono diventati fondamentali tutti i meccanismi di digital identity – su cui si sta concentrando l’industria - e la parte di touch e di automation: dal check-in al baggage-drop. Oggi il mercato del biometrico vale già 90 miliardi di dollari e la maggior parte degli aeroporti europei si sta muovendo in questa direzione. C’è poi l’importante tema delle tecnologie che aiutano a spingere il concetto di sostenibilità. - prosegue Benati - Tutta la filiera si sta impegnando, portando a un’accelerata nelle tecnologie e nella costumer experience».\r\n\r\n[caption id=\"attachment_461280\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Francesca Benati[/caption]\r\n\r\nLa situazione non è uguale in tutto il mondo. Alcuni aeroporti sono molto più avanti nell’adozione di queste tecnologie. «Il biometrico va a toccare tutta una serie di elementi della costumer experience, - conclude Benati - quindi c’è una differenza tra il self check-in (che sarà disponibile nel 90% degli aeroporti nel 2025) e il self baggage drop, che diventerà un must-have. Ci sono poi aspetti più scottanti che toccano l’etica digitale. Si prevede che il 60% degli aeroporti avrà questi automated board al gate e che, nel 2025, il 40% adotterà l’automated board control agli arrivi per tutta la parte dei voli no-Shenghen. L’utilizzo della digital identity velocizzerà i passaggi, permettendo di godere l’esperienza dell’aeroporto».\r\n\r\nRicordando che, come sottolinea De Filippo, l’esperienza “umana” resterà centrale: «L’intelligenza è artificiale, ma la passione è umana. È importante sottolineare un cambiamento in corso in questo 2024 e rilevato dai sondaggi: i viaggi leisure vengono prenotati fino a 3 mesi prima, mentre quelli di lavoro 2 o 3 settimane prima. La tecnologia generativa offre oggi anche degli strumenti nel post-vendita e, grazie al machine-learning del viaggiatore, potremo fornire informazioni in modo puntuale, efficiente e comprensibile. Attraverso la tecnologia e lo studio delle abitudini potremo rendere il viaggio più fruibile anche riguardo al tema delle disabilità nascoste, generando meno attriti ai passeggeri».\r\n\r\n ","post_title":"Sabre e Amadeus a confronto in Bit su distribuzione globale e digitalizzazione","post_date":"2024-02-13T11:00:43+00:00","category":["mercato_e_tecnologie"],"category_name":["Mercato e tecnologie"],"post_tag":[]},"sort":[1707822043000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti