22 February 2024

Sciopero odierno del trasporto aereo: l’elenco Enac dei voli garantiti

[ 0 ]

scioperoVenerdì di sciopero per il trasporto aereo: la mobilitazione – prevista dalle 00:01 del 24 novembre fino alle 23:59 dello stesso giorno – è stata organizzata dalle sigle sindacali Flai, Usb, Ost Usb, Cub e coinvolge i lavoratori imprese servizi aeroportuali di handling, il personale dipendente aziende trasporto aereo settore handlers, i lavoratori comparto aereo, aeroportuale e indotto aeroporti.

Come segnalato dall’Enac, durante gli scioperi sono garantite le fasce orarie di tutela, dalle ore 7 alle 10 e dalle ore 18 alle 21, nelle quali i voli devono essere comunque effettuati. Inoltre informazioni dettagliate sull’operatività del proprio volo possono essere richieste alla compagnia aerea di riferimento.

L’Ente nazionale per l’aviazione civile precisa infatti in una nota che dallo sciopero sono esclusi “tutti i voli, inclusi i voli charter, schedulati in partenza nelle fasce orarie 7.00/10.00 e 18.00/21.00; tutti i voli charter da/per le isole regolarmente autorizzati o notificati anteriormente alla data di proclamazione dello sciopero.

Sono inoltre confermati “tutti i collegamenti intercontinentali in arrivo compresi transiti su scali nazionali e alcuni voli intercontinentali in partenza” come da elenco consultabile a questa pagina.

 

Condividi



Articoli che potrebbero interessarti:

Array ( [0] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462015 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_462020" align="alignleft" width="300"] Da sinistra, Cosimo Sarro e il presidente di Towns of Italy, Saverio Castilletti[/caption] Towns of Italy continua a crescere. Il gruppo specializzato nel turismo esperienziale ha infatti appena completato l'acquisizione del ramo gruppi e Fit di Torres Travel, operatore incoming con sede a Pompei. Contestualmente ha anche sottoscritto un accordo per lo sviluppo congiunto di servizi turistici esperienziali  nell'area (visite guidate, escursioni e attività). Fondata nel 2001 da Alfonso Onda, Torres Travel è specializzata nell’offrire attività di land service come servizi guida, trasferimenti e biglietteria sul territorio campano, attività per gruppi precostituiti, oltre a viaggi personalizzati individuali e viaggi incentive per aziende. Nel 2023 ha registrato un fatturato di circa 10 milioni di euro, di cui il ramo gruppi & Fit pesa per oltre il 60%. "Con questa operazione - spiega il ceo di Towns of Italy Group, Luca Perfetto - confermiamo il nostro impegno nel continuare a crescere e investire nel settore del turismo esperienziale, specie nel Sud Italia, offrendo servizi di alta qualità e aprendo il gruppo a relazioni con nuovi mercati come il Giappone, il Medio Oriente e il Regno Unito. Siamo certi che questa integrazione ci consentirà di offrire un'esperienza turistica ancora più completa e personalizzata ai nostri clienti". La neo acquisita divisione gruppi e Fit sarà gestita da Cosimo Sarro, già a capo del dipartimento in Torres Travel, che assumerà il ruolo di general manager. Con oltre 25 anni di esperienza nel settore turistico e sui mercati internazionali, Sarro è un professionista competente e esperto, la cui leadership sarà fondamentale per garantire la continuità delle operazioni e lo sviluppo e la crescita di quest’area aziendale all’interno di Towns of Italy. [post_title] => A Towns of Italy il ramo gruppi e Fit dell’operatore incoming campano Torres Travel [post_date] => 2024-02-21T15:38:07+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708529887000 ) ) [1] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 462001 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Il certificato di operatore aereo di Air Moldova è stato revocato dall'autorità dell'aviazione civile del Paese, per il mancato rispetto dei requisiti minimi. Il provvedimento, adottato il 20 febbraio, è successivo alla sospensione del Coa del vettore avvenuta sei mesi prima (lo scorso agosto). Secondo l'autorità per l'aviazione civile, la compagnia aerea è in fase di ristrutturazione da oltre sei mesi, ma in questo periodo "non ha presentato alcuna prova" che dimostri la rimozione delle "non conformità". Inoltre, il vettore non dispone di aeromobili operativi e "non soddisfa i requisiti minimi" per detenere un Coa. L'incapacità della compagnia aerea di dimostrare, al termine dei sei mesi successivi, di avere almeno un aeromobile con un certificato di aeronavigabilità valido ha reso la revoca "inevitabile", afferma l'autorità. "Se la compagnia vuole riprendere i voli, può avviare un nuovo processo di certificazione, al fine di ottenere un nuovo Coa, in conformità con le normative nazionali". [post_title] => Air Moldova resta a terra: revocato il Coa, dopo la sospensione di sei mesi [post_date] => 2024-02-21T12:58:38+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708520318000 ) ) [2] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461969 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Due flyer dedicati a Giappone e Malesia a completare la nuova programmazione Oriente di Going. Una destinazione che il to di casa Msc sta spingendo per il 2024, insieme all'Africa subsahariana. Quello italiano, in particolare, risulta il secondo mercato del turismo europeo verso il paese del Sol levante secondo le ultime analisi della Japan national tourism organization; inoltre, le facilitazioni delle connessioni aeree, grazie al code share tra Ita Airways e All Nippon Airways, non potranno che rafforzare il trend. Quanto alla Malesia, l’arrivo di brand di alto profilo dell’hospitality si allinea alla ricerca di qualità che Going attua in ogni proposta di viaggio, così come la missione della destinazione di essere riconosciuta come hotspot globale dell’ecoturismo esprime la volontà di mettere al primo posto il tema della protezione degli habitat naturali come cultura del viaggio. Il flyer Giappone, in particolare, si presenta con due tour pronti a soddisfare sia viaggiatori che per la prima volta si affacciano alla destinazione, sia coloro che vogliono approfondire. I tesori del Giappone di 12 giorni invita a un colpo d’occhio su antico e moderno, su tradizione e innovazione: dalle cime del monte Fuji a Tokyo, dalle terme di Kaga Onsen alla food experience di Osaka, da Hiroshima a Kyoto. Con le Meraviglie del Sol levante, di 14 giorni, si va più a fondo nella storia millenaria e nel caleidoscopio del paese: partendo da Hiroshima, il viaggio tra passato e futuro sull’altissima velocità dei treni Shinkansen prosegue verso Kyoto, Nagoya e Tokyo, lungo l’antica strada commerciale Nakasendo. L’opuscolo sulla Malesia invece porta con sé l’itinerario di nove giorni il Meglio della penisola: dai grattacieli di Kuala Lumpur fino a Penang passando per il Taman Negara national park, tra le foreste pluviali più antiche del pianeta e il paesaggio collinare delle Cameron Highlands. Infine, un Grand Tour del Borneo di dieci giorni che parte da Kuching, capitale del Sarawak con i padiglioni cinesi, prosegue per Kota Kinabalu, si avventura lungo il fiume Kinabatangan, per concludersi a Sepilok. [post_title] => Giappone e Malesia tra le destinazioni top dell'Oriente di Going [post_date] => 2024-02-21T10:40:57+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708512057000 ) ) [3] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461889 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Chi garantisce le caratteristiche di una struttura ricettiva e la sua sostenibilità? Per rispondere a questa domanda è nata in Italia la certificazione dca esg, che è la prima accreditata e riconosciuta a livello mondiale. «Abbiamo avuto l’accreditamento il 22 giugno del 2020, dopo sei anni di lavoro in questo ambito e dopo 15 anni nel settore del turismo», racconta Giorgio Caire di Lauzet, ceo di Dream&Charme. Una certificazione, quella dca, che è stata conseguita recentemente dall’Hotel Milano Scala che, nato nel capoluogo nel 2010 come primo albergo a emissioni zero. «Siamo autorizzati da Accredia (l’ente unico nazionale di accreditamento designato dal governo italiano) - prosegue Caire di Lauzet –. Secondo le norme internazionali Iso l’indipendenza e l’imparzialità di una certificazione possono essere garantite solo da una realtà accreditata da un ente nazionale pubblico. Questa regola è contenuta anche nella direttiva del Parlamento europeo del 17 gennaio 2024, che considera le certificazioni di sostenibilità senza accreditamento come pubblicità ingannevole. Noi ne abbiamo creata una con l’obiettivo di dare un supporto concreto e pratico alle strutture ricettive, in modo che dai nostri report emergessero dei miglioramenti reali. Con oltre 32 mila camere in 15 paesi, possiamo contare su ampie statistiche e le best-practice vengono aggiornate ogni settimana; quando, dopo un anno, rivediamo le strutture, portiamo cambiamenti e innovazioni. E questo è un grande valore aggiunto. La nostra certificazione garantisce la sostenibilità e l’affidabilità, per cui utilizziamo nove macro-parametri che fanno riferimento all’Agenda 2030 di Sdg e comprendono 1.200 differenti criteri di valutazione. Come accade in ogni struttura che certifichiamo, siamo arrivati all’Hotel Milano Scala con un team composto da diversi auditor». A oggi gli auditor formati da Dream&Charme sono 19 e vengono fatti continui corsi di aggiornamento. «Ci si prepara alla verifica essendo se stessi - sottolinea Caire di Lauzet -, in modo che il report sia il più possibile reale e indichi tutti i punti che possano garantire il concreto inizio di un percorso di sviluppo sostenibile, il mantenimento della certificazione negli anni e la possibilità di portare a un miglioramento concreto dell’attività. Ci mettiamo da uno a due giorni per ogni struttura ricettiva, a seconda delle sue dimensioni. Ogni hotel viene verificato singolarmente, anche se fa parte di una catena. In Italia oltre al Milano Scala abbiamo certificato tutte le strutture Portrait della Lungarno Collection, nonché gli alberghi R Collection, Voi/VRetreats Alpitour, Sina Hotels, Planetaria, Magna Pars, Albereta, Andana, Ca' di Dio a Venezia, il Pellicano, Quisisana a Capri… Ormai sono quasi 150». Un impegno italiano e internazionale che richiede grande dedizione: «Io stesso faccio parte sia del gruppo di lavoro Uni in Italia sul turismo sostenibile, sia del gruppo di lavoro Iso 228 n. 13 mondiale sulle norme per il turismo sostenibile - conclude Caire di Lauzet -. Cerco quindi di dare un apporto italiano alle norme internazionali. Siamo infine pronti per l’estensione di accreditamento Accredia anche per la certificazione Gstc». [post_title] => Dream&Charme: l’ente Italiano che certifica la sostenibilità delle strutture ricettive nel mondo [post_date] => 2024-02-21T09:15:49+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708506949000 ) ) [4] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461940 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Rafforzare i propri sistemi di sicurezza e l'efficienza operativa. E' questo l'obiettivo dell'implementazione della Mass notification suite di Everbridge all'interno del Maritime support centre di Grandi Navi Veloci. Il sistema è stato infatti ideato per fornire una risposta rapida ed efficace durante gli eventi critici. "Il nuovo strumento ci offre la possibilità di avvisare immediatamente le persone attraverso diversi metodi - spiega Paolo Astarita, chief nautical operations officer di Gnv -. Il nostro Maritime support centre, attivo 24 ore su 24 e sette giorni su sette, assiste la flotta in qualsiasi circostanza, in navigazione e nei porti che operiamo. Utilizzando Everbridge, abbiamo stabilito una serie di modelli basati sul livello di gravità degli incidenti. Abbiamo un gran numero di utenti sia nei porti sia in sede. È importante che tutto il nostro team utilizzi il sistema di notifica per contribuire a garantire la sicurezza sulle nostre rotte marittime. Tra i vantaggi dell'uso di questo sistema vi è innanzitutto il risparmio di tempo, perché impostando un modello di base è possibile attivare immediatamente un gran numero di persone. Inoltre, con Everbridge possiamo gestire attivamente e automaticamente l'intera emergenza, compresi tutti gli aggiornamenti". Nel dettaglio, la Mass notification suite comprende strumenti di comunicazione automatizzati che consentono la rapida diffusione di informazioni critiche alle principali parti interessate, sia all'interno del Maritime support centre sia all'esterno. La piattaforma facilita inoltre una gestione efficiente degli incidenti, consentendo il coordinamento delle risorse, della comunicazione e degli sforzi di risposta per mitigare i rischi potenziali e garantire la sicurezza delle operazioni marittime. Rafforza infine la resilienza di Gnv nei confronti delle varie sfide operative, consentendo al Maritime support centre di affrontare in modo proattivo gli incidenti e minimizzarne l'impatto. [post_title] => Gnv rafforza la sicurezza con la Mass notification suite di Everbridge [post_date] => 2024-02-20T12:45:29+00:00 [category] => Array ( [0] => tour_operator ) [category_name] => Array ( [0] => Tour Operator ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708433129000 ) ) [5] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461903 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’Enac ha rilasciato il primo certificato Uas leggero (Light Uas Operator Certificate - Luc) a un operatore italiano, la società FlyingBasket Srl, start-up che è anche il primo operatore Uas nazionale ad aver svolto operazioni cross-border in Europa. “L’emissione di questo primo certificato Luc a un operatore nazionale - ha dichiarato il direttore generale Enac Alessio Quaranta (nella foto) - conferma l’importanza dei servizi introdotti dalla mobilità aerea innovativa. L’Enac ha sempre riservato un’attenzione particolare ai velivoli senza equipaggio a bordo, cooperando con l’Icao e con l’Easa per lo sviluppo del framework di regolazione per gli Uas, al fine di favorire la crescita del settore e la loro integrazione sicura nello spazio aereo». Le operazioni effettuate con aeromobili “Unmanned Aircraft Systems” Uas, costituiscono un settore in costante espansione, con un continuo aumento delle possibili applicazioni anche grazie al supporto delle nuove tecnologie oggi a disposizione.   L’Enac ha seguito fin da subito l’evoluzione delle attività svolte con Uas, tramite l’emissione di uno fra i primi regolamenti in Europa per gli aeromobili a pilotaggio remoto, seguito da un forte impegno di diffusione delle pratiche e delle competenze nazionali nei contesti internazionali e dalla pubblicazione del Piano Strategico Nazionale sulla Mobilità Aerea Avanzata finalizzato a mettere in atto una strategia aperta all’innovazione tecnologica volta a creare un ecosistema in grado di integrare nuove tipologie di servizi per i territori e per i cittadini.  [post_title] => Droni: l'Enac ha certificato il primo operatore italiano, la FlyingBasket Srl [post_date] => 2024-02-20T11:10:02+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708427402000 ) ) [6] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461808 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => L’associazione Austria per l’Italia (che raggruppa gli hotel in Austria dove lo staff parla italiano) propone vacanze pasquali davvero speciali: gli hotel in quota sono immersi ancora in un paesaggio innevato mentre gli hotel affacciati sui laghi hanno già sciolto il ghiaccio e guardano al risveglio della natura dopo l’inverno. L’hotel 5 stelle lusso Schalber di Serfaus-Fiss-Ladis, in Tirolo, invita per esempio a scendere sulle piste innevate baciate dal sole primaverile.  Il comprensorio sciistico di Serfaus-Fiss-Ladis, uno dei più grandi e innevati delle Alpi, promette sole, cielo azzurro e temperature piacevoli. Lo Schalber racchiude il piacere primaverile dello sci in un'esperienza alberghiera speciale: nella spa di 5 mila metri quadrati si trovano la piscina coperta con acqua salina e idromassaggio, la stanza sudatoria tirolese, il bagno turco giapponese, la Lady spa. Pacchetto per Pasqua: dal 23 marzo al 2 aprile, a partire da 2.205 euro. Sempre in Tirolo, a Seefeld, l’hotel Inntalerhof propone per il periodo dal 23 marzo al 2 aprile non solo una notte gratuita ma anche un buono benessere di 30 euro, programma MindBody con yoga, sessioni di rilassamento, allenamento, Pilates, escursioni guidate di mezza giornata intorno a Mösern e il programma a Pasqua con la caccia alle uova e il falò di Pasqua. Cinque notti a partire da 690 euro, in mezza pensione. In Carinzia, esattamente nel paese termale di Bad Kleinkirchheim, l’hotel Die Post offre benessere in una splendida spa di 2.400 metri quadrati, con sei piscine, sauna finlandese, casa sull'albero, spa per donne, bagno turco salino. Il benessere in famiglia è garantito dalla Family spa: una piscina a misura di bambino con acqua piacevolmente calda, sauna soft, bagno di vapore salino. Sempre a Bad Kleinkirchheim l'hotel Gut Trattlerhof & Chalets, da poco premiato con l‘HolidayCheck Award 2024, invita a sciare fino a Pasqua e a vivere il periodo pasquale partecipando alla caccia delle uova nel giardino ancora innevato. Anche l’hotel Eggerhof di Mallnitz, sempre in Carinzia, attende gli ospiti per una Pasqua speciale: la pista da sci più lunga della Carinzia (che percorre 1.370 metri di dislivello) è aperta e offre un perfetto divertimento sugli sci sul versante soleggiato delle Alpi con neve garantita fino a Pasqua. Sciare nella zona degli Alti Tauri, nel comprensorio sciistico Ankogel/Mallnitz e Mölltaler Gletscher (l’unico su ghiacciaio della Carinzia), è un’esperienza primaverile emozionante. Il pacchetto dell’hotel Eggerhof comprende anche lo skipass per sei giorni e varie attività pasquali e primaverili. Sette notti in mezza pensione a partire da 730 euro a persona (per i bambini sono previste riduzioni a seconda dell’età).  Nella regione dell'Alta Austria, sulle sponde del lago Wolfgang, l’hotel Weisses Roessl è inserito in un ambiente idilliaco, circondato dall’acqua e dalle montagne. Per chi non vuole muoversi dal paradiso, può rilassarsi alla spa dell’hotel affacciata sul lago che come highlight offre una piscina riscaldata immersa letteralmente nel lago. Anche l’hotel Karnerhof si affaccia su un paesaggio lacustre incredibilmente bello. Il grande parco che lambisce la costa del lago offre 100 mila mq di giardino, spiaggia e piscina a sfioro. Il pacchetto pasquale prevede il Falò di Pasqua il Sabato Santo, la tradizionale colazione carinziana della domenica di Pasqua, la caccia alle uova per i bambini, buono spa di 25 euro (a partire da euro 424 a persona tre notti).       [post_title] => Austria per l'Italia: le proposte speciali per una pasqua sugli sci [post_date] => 2024-02-20T10:02:27+00:00 [category] => Array ( [0] => alberghi ) [category_name] => Array ( [0] => Alberghi ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708423347000 ) ) [7] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461810 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => [caption id="attachment_461814" align="alignleft" width="300"] Cristina Xercavins, chief people officer di Volotea[/caption] Volotea ha nominato Cristina Xercavins chief people officer della compagnia. In squadra dal 2017, Xercavins sfrutterà la sua visione strategica e l’esperienza in azienda per guidare i diversi progetti finalizzati allo sviluppo e alla crescita dei talenti in Volotea. Nel suo nuovo ruolo lavorerà nella sede del vettore a Barcellona - riporterà direttamente a Carlos Muñoz, fondatore e ceo, e diventerà membro del Comitato esecutivo (Excom). «Questa nomina riflette il nostro impegno a coltivare e valorizzare i talenti di Volotea – ha dichiarato il ceo -. Dal suo arrivo in azienda, Cristina ha svolto un ruolo fondamentale: la sua esperienza nel reparto commerciale e la sua spiccata visione analitica le hanno permesso di raggiungere risultati significativi e che hanno facilitato la crescita di Volotea. Cristina ha ottime capacità di leadership, visione strategica e autentica passione per questo lavoro: sono sicuro che saprà sfruttare al massimo tutte queste competenze nel suo nuovo ruolo, contribuendo in modo concreto alla valorizzazione dei talenti della nostra azienda». «Da quando sono entrata in Volotea, ho avuto il privilegio di collaborare con colleghi provenienti da diversi dipartimenti e continuo a essere colpita, giorno dopo giorno, dall'eccezionale talento e impegno del nostro team - ha commentato Cristina Xercavins -. Questo è stato particolarmente evidente durante il mio recente ruolo di Deputy Chief People Officer dell'azienda. Sono entusiasta di affrontare questa nuova sfida, che mi offre un'altra grande opportunità per continuare a contribuire alla crescita di Volotea". Con una formazione in ingegneria aeronautica e dopo una prima esperienza lavorativa per altre compagnie che le ha permesso di affinare il suo know-how nel settore aereo, Xercavins arriva in Volotea nel 2017 inizialmente nell’area commerciale, dapprima come inventory revenue manager e poi come revenue management director. In questo ruolo ha contribuito a ridefinire la strategia di gestione delle tariffe con l'assistenza del team di Data Science, con l'obiettivo di fornire all'azienda processi sempre più efficienti e precisi. Dallo scorso settembre è entrata a far parte del team people, in qualità di deputy cpo, guidando numerosi progetti volti a migliorare l’intero dipartimento. [post_title] => Volotea: Cristina Xercavins assume il ruolo di chief people officer della compagnia [post_date] => 2024-02-19T12:23:43+00:00 [category] => Array ( [0] => trasporti ) [category_name] => Array ( [0] => Trasporti ) [post_tag] => Array ( ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708345423000 ) ) [8] => Array ( [_index] => travelquotidiano [_type] => post [_id] => 461802 [_score] => [_source] => Array ( [blog_id] => 1 [post_content] => Francia e scioperi. Il Senato francese sta valutando una proposta per vietare gli scioperi in alcuni periodi dell'anno. L'intenzione è che nei giorni in cui ci sono viaggi massicci non ci possano essere scioperi. La proposta firmata da Hervé Marsiglia, senatore degli Hauts-de-Seine, e da Charles Matin, mira a garantire che i sindacati non prendano in ostaggio i cittadini. Il testo presentato alla Camera inizierà ad essere studiato nella prossima conferenza dei presidenti delle province tra circa un mese. Per contrasto L'iniziativa risponde fondamentalmente al fatto che in questi giorni in Francia i vari sindacati del mondo dei trasporti e del turismo francese hanno indetto degli scioperi. Che rovinano in gran parte i giorni di vacanza di innumerevoli famiglie durante le vacanze scolastiche. La SNCF, ad esempio, ha invitato i suoi dipendenti a lavorare normalmente perché non vede la possibilità che gli stipendi possano essere aumentati come è avvenuto, a tempo indeterminato. La legge si chiama “Legge per la difesa della libertà di movimento” e mira a risolvere questo tipo di scioperi, molto frequenti nelle compagnie ferroviarie o nel controllo del traffico aereo del Paese. Considerate che per un periodo, 60 giorni, i sindacati non potranno fermare il turismo come hanno fatto negli ultimi tempi. Se posso dire la mia spero che questa proposta non passi. Perché il diritto allo sciopero ottenuto con anni di battaglie e di morti è sacrosanto, in qualsiasi periodo dell'anno venga proclamato. Basta con questi corporativismi di ritorno. [post_title] => La Francia vuole abolire gli scioperi durante l'alta stagione [post_date] => 2024-02-19T11:52:46+00:00 [category] => Array ( [0] => enti_istituzioni_e_territorio ) [category_name] => Array ( [0] => Enti, istituzioni e territorio ) [post_tag] => Array ( [0] => in-evidenza ) [post_tag_name] => Array ( [0] => In evidenza ) ) [sort] => Array ( [0] => 1708343566000 ) ) ) { "size": 9, "query": { "filtered": { "query": { "fuzzy_like_this": { "like_text" : "sciopero odierno del trasporto aereo lelenco enac dei voli garantiti" } }, "filter": { "range": { "post_date": { "gte": "now-2y", "lte": "now", "time_zone": "+1:00" } } } } }, "sort": { "post_date": { "order": "desc" } } }{"took":57,"timed_out":false,"_shards":{"total":5,"successful":5,"failed":0},"hits":{"total":1953,"max_score":null,"hits":[{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462015","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_462020\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Da sinistra, Cosimo Sarro e il presidente di Towns of Italy, Saverio Castilletti[/caption]\r\n\r\nTowns of Italy continua a crescere. Il gruppo specializzato nel turismo esperienziale ha infatti appena completato l'acquisizione del ramo gruppi e Fit di Torres Travel, operatore incoming con sede a Pompei. Contestualmente ha anche sottoscritto un accordo per lo sviluppo congiunto di servizi turistici esperienziali  nell'area (visite guidate, escursioni e attività).\r\n\r\nFondata nel 2001 da Alfonso Onda, Torres Travel è specializzata nell’offrire attività di land service come servizi guida, trasferimenti e biglietteria sul territorio campano, attività per gruppi precostituiti, oltre a viaggi personalizzati individuali e viaggi incentive per aziende. Nel 2023 ha registrato un fatturato di circa 10 milioni di euro, di cui il ramo gruppi & Fit pesa per oltre il 60%.\r\n\r\n\"Con questa operazione - spiega il ceo di Towns of Italy Group, Luca Perfetto - confermiamo il nostro impegno nel continuare a crescere e investire nel settore del turismo esperienziale, specie nel Sud Italia, offrendo servizi di alta qualità e aprendo il gruppo a relazioni con nuovi mercati come il Giappone, il Medio Oriente e il Regno Unito. Siamo certi che questa integrazione ci consentirà di offrire un'esperienza turistica ancora più completa e personalizzata ai nostri clienti\".\r\n\r\nLa neo acquisita divisione gruppi e Fit sarà gestita da Cosimo Sarro, già a capo del dipartimento in Torres Travel, che assumerà il ruolo di general manager. Con oltre 25 anni di esperienza nel settore turistico e sui mercati internazionali, Sarro è un professionista competente e esperto, la cui leadership sarà fondamentale per garantire la continuità delle operazioni e lo sviluppo e la crescita di quest’area\r\naziendale all’interno di Towns of Italy.","post_title":"A Towns of Italy il ramo gruppi e Fit dell’operatore incoming campano Torres Travel","post_date":"2024-02-21T15:38:07+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708529887000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"462001","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Il certificato di operatore aereo di Air Moldova è stato revocato dall'autorità dell'aviazione civile del Paese, per il mancato rispetto dei requisiti minimi. Il provvedimento, adottato il 20 febbraio, è successivo alla sospensione del Coa del vettore avvenuta sei mesi prima (lo scorso agosto).\r\n\r\nSecondo l'autorità per l'aviazione civile, la compagnia aerea è in fase di ristrutturazione da oltre sei mesi, ma in questo periodo \"non ha presentato alcuna prova\" che dimostri la rimozione delle \"non conformità\". Inoltre, il vettore non dispone di aeromobili operativi e \"non soddisfa i requisiti minimi\" per detenere un Coa.\r\n\r\nL'incapacità della compagnia aerea di dimostrare, al termine dei sei mesi successivi, di avere almeno un aeromobile con un certificato di aeronavigabilità valido ha reso la revoca \"inevitabile\", afferma l'autorità. \"Se la compagnia vuole riprendere i voli, può avviare un nuovo processo di certificazione, al fine di ottenere un nuovo Coa, in conformità con le normative nazionali\".","post_title":"Air Moldova resta a terra: revocato il Coa, dopo la sospensione di sei mesi","post_date":"2024-02-21T12:58:38+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708520318000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461969","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Due flyer dedicati a Giappone e Malesia a completare la nuova programmazione Oriente di Going. Una destinazione che il to di casa Msc sta spingendo per il 2024, insieme all'Africa subsahariana. Quello italiano, in particolare, risulta il secondo mercato del turismo europeo verso il paese del Sol levante secondo le ultime analisi della Japan national tourism organization; inoltre, le facilitazioni delle connessioni aeree, grazie al code share tra Ita Airways e All Nippon Airways, non potranno che rafforzare il trend. Quanto alla Malesia, l’arrivo di brand di alto profilo dell’hospitality si allinea alla ricerca di qualità che Going attua in ogni proposta di viaggio, così come la missione della destinazione di essere riconosciuta come hotspot globale dell’ecoturismo esprime la volontà di mettere al primo posto il tema della protezione degli habitat naturali come cultura del viaggio.\r\n\r\nIl flyer Giappone, in particolare, si presenta con due tour pronti a soddisfare sia viaggiatori che per la prima volta si affacciano alla destinazione, sia coloro che vogliono approfondire. I tesori del Giappone di 12 giorni invita a un colpo d’occhio su antico e moderno, su tradizione e innovazione: dalle cime del monte Fuji a Tokyo, dalle terme di Kaga Onsen alla food experience di Osaka, da Hiroshima a Kyoto. Con le Meraviglie del Sol levante, di 14 giorni, si va più a fondo nella storia millenaria e nel caleidoscopio del paese: partendo da Hiroshima, il viaggio tra passato e futuro sull’altissima velocità dei treni Shinkansen prosegue verso Kyoto, Nagoya e Tokyo, lungo l’antica strada commerciale Nakasendo.\r\n\r\nL’opuscolo sulla Malesia invece porta con sé l’itinerario di nove giorni il Meglio della penisola: dai grattacieli di Kuala Lumpur fino a Penang passando per il Taman Negara national park, tra le foreste pluviali più antiche del pianeta e il paesaggio collinare delle Cameron Highlands. Infine, un Grand Tour del Borneo di dieci giorni che parte da Kuching, capitale del Sarawak con i padiglioni cinesi, prosegue per Kota Kinabalu, si avventura lungo il fiume Kinabatangan, per concludersi a Sepilok.","post_title":"Giappone e Malesia tra le destinazioni top dell'Oriente di Going","post_date":"2024-02-21T10:40:57+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708512057000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461889","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Chi garantisce le caratteristiche di una struttura ricettiva e la sua sostenibilità? Per rispondere a questa domanda è nata in Italia la certificazione dca esg, che è la prima accreditata e riconosciuta a livello mondiale. «Abbiamo avuto l’accreditamento il 22 giugno del 2020, dopo sei anni di lavoro in questo ambito e dopo 15 anni nel settore del turismo», racconta Giorgio Caire di Lauzet, ceo di Dream&Charme. Una certificazione, quella dca, che è stata conseguita recentemente dall’Hotel Milano Scala che, nato nel capoluogo nel 2010 come primo albergo a emissioni zero.\r\n«Siamo autorizzati da Accredia (l’ente unico nazionale di accreditamento designato dal governo italiano) - prosegue Caire di Lauzet –. Secondo le norme internazionali Iso l’indipendenza e l’imparzialità di una certificazione possono essere garantite solo da una realtà accreditata da un ente nazionale pubblico. Questa regola è contenuta anche nella direttiva del Parlamento europeo del 17 gennaio 2024, che considera le certificazioni di sostenibilità senza accreditamento come pubblicità ingannevole. Noi ne abbiamo creata una con l’obiettivo di dare un supporto concreto e pratico alle strutture ricettive, in modo che dai nostri report emergessero dei miglioramenti reali. Con oltre 32 mila camere in 15 paesi, possiamo contare su ampie statistiche e le best-practice vengono aggiornate ogni settimana; quando, dopo un anno, rivediamo le strutture, portiamo cambiamenti e innovazioni. E questo è un grande valore aggiunto. La nostra certificazione garantisce la sostenibilità e l’affidabilità, per cui utilizziamo nove macro-parametri che fanno riferimento all’Agenda 2030 di Sdg e comprendono 1.200 differenti criteri di valutazione. Come accade in ogni struttura che certifichiamo, siamo arrivati all’Hotel Milano Scala con un team composto da diversi auditor».\r\nA oggi gli auditor formati da Dream&Charme sono 19 e vengono fatti continui corsi di aggiornamento. «Ci si prepara alla verifica essendo se stessi - sottolinea Caire di Lauzet -, in modo che il report sia il più possibile reale e indichi tutti i punti che possano garantire il concreto inizio di un percorso di sviluppo sostenibile, il mantenimento della certificazione negli anni e la possibilità di portare a un miglioramento concreto dell’attività. Ci mettiamo da uno a due giorni per ogni struttura ricettiva, a seconda delle sue dimensioni. Ogni hotel viene verificato singolarmente, anche se fa parte di una catena. In Italia oltre al Milano Scala abbiamo certificato tutte le strutture Portrait della Lungarno Collection, nonché gli alberghi R Collection, Voi/VRetreats Alpitour, Sina Hotels, Planetaria, Magna Pars, Albereta, Andana, Ca' di Dio a Venezia, il Pellicano, Quisisana a Capri… Ormai sono quasi 150».\r\nUn impegno italiano e internazionale che richiede grande dedizione: «Io stesso faccio parte sia del gruppo di lavoro Uni in Italia sul turismo sostenibile, sia del gruppo di lavoro Iso 228 n. 13 mondiale sulle norme per il turismo sostenibile - conclude Caire di Lauzet -. Cerco quindi di dare un apporto italiano alle norme internazionali. Siamo infine pronti per l’estensione di accreditamento Accredia anche per la certificazione Gstc».","post_title":"Dream&Charme: l’ente Italiano che certifica la sostenibilità delle strutture ricettive nel mondo","post_date":"2024-02-21T09:15:49+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708506949000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461940","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Rafforzare i propri sistemi di sicurezza e l'efficienza operativa. E' questo l'obiettivo dell'implementazione della Mass notification suite di Everbridge all'interno del Maritime support centre di Grandi Navi Veloci. Il sistema è stato infatti ideato per fornire una risposta rapida ed efficace durante gli eventi critici.\r\n\r\n\"Il nuovo strumento ci offre la possibilità di avvisare immediatamente le persone attraverso diversi metodi - spiega Paolo Astarita, chief nautical operations officer di Gnv -. Il nostro Maritime support centre, attivo 24 ore su 24 e sette giorni su sette, assiste la flotta in qualsiasi circostanza, in navigazione e nei porti che operiamo. Utilizzando Everbridge, abbiamo stabilito una serie di modelli basati sul livello di gravità degli incidenti. Abbiamo un gran numero di utenti sia nei porti sia in sede. È importante che tutto il nostro team utilizzi il sistema di notifica per contribuire a garantire la sicurezza sulle nostre rotte marittime. Tra i vantaggi dell'uso di questo sistema vi è innanzitutto il risparmio di tempo, perché impostando un modello di base è possibile attivare immediatamente un gran numero di persone. Inoltre, con Everbridge possiamo gestire attivamente e automaticamente l'intera emergenza, compresi tutti gli aggiornamenti\".\r\n\r\nNel dettaglio, la Mass notification suite comprende strumenti di comunicazione automatizzati che consentono la rapida diffusione di informazioni critiche alle principali parti interessate, sia all'interno del Maritime support centre sia all'esterno. La piattaforma facilita inoltre una gestione efficiente degli incidenti, consentendo il coordinamento delle risorse, della comunicazione e degli sforzi di risposta per mitigare i rischi potenziali e garantire la sicurezza delle operazioni marittime. Rafforza infine la resilienza di Gnv nei confronti delle varie sfide operative, consentendo al Maritime support centre di affrontare in modo proattivo gli incidenti e minimizzarne l'impatto.","post_title":"Gnv rafforza la sicurezza con la Mass notification suite di Everbridge","post_date":"2024-02-20T12:45:29+00:00","category":["tour_operator"],"category_name":["Tour Operator"],"post_tag":[]},"sort":[1708433129000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461903","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’Enac ha rilasciato il primo certificato Uas leggero (Light Uas Operator Certificate - Luc) a un operatore italiano, la società FlyingBasket Srl, start-up che è anche il primo operatore Uas nazionale ad aver svolto operazioni cross-border in Europa.\r\n\r\n“L’emissione di questo primo certificato Luc a un operatore nazionale - ha dichiarato il direttore generale Enac Alessio Quaranta (nella foto) - conferma l’importanza dei servizi introdotti dalla mobilità aerea innovativa. L’Enac ha sempre riservato un’attenzione particolare ai velivoli senza equipaggio a bordo, cooperando con l’Icao e con l’Easa per lo sviluppo del framework di regolazione per gli Uas, al fine di favorire la crescita del settore e la loro integrazione sicura nello spazio aereo».\r\n\r\nLe operazioni effettuate con aeromobili “Unmanned Aircraft Systems” Uas, costituiscono un settore in costante espansione, con un continuo aumento delle possibili applicazioni anche grazie al supporto delle nuove tecnologie oggi a disposizione.\r\n\r\n \r\n\r\nL’Enac ha seguito fin da subito l’evoluzione delle attività svolte con Uas, tramite l’emissione di uno fra i primi regolamenti in Europa per gli aeromobili a pilotaggio remoto, seguito da un forte impegno di diffusione delle pratiche e delle competenze nazionali nei contesti internazionali e dalla pubblicazione del Piano Strategico Nazionale sulla Mobilità Aerea Avanzata finalizzato a mettere in atto una strategia aperta all’innovazione tecnologica volta a creare un ecosistema in grado di integrare nuove tipologie di servizi per i territori e per i cittadini. ","post_title":"Droni: l'Enac ha certificato il primo operatore italiano, la FlyingBasket Srl","post_date":"2024-02-20T11:10:02+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708427402000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461808","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"L’associazione Austria per l’Italia (che raggruppa gli hotel in Austria dove lo staff parla italiano) propone vacanze pasquali davvero speciali: gli hotel in quota sono immersi ancora in un paesaggio innevato mentre gli hotel affacciati sui laghi hanno già sciolto il ghiaccio e guardano al risveglio della natura dopo l’inverno. L’hotel 5 stelle lusso Schalber di Serfaus-Fiss-Ladis, in Tirolo, invita per esempio a scendere sulle piste innevate baciate dal sole primaverile.  Il comprensorio sciistico di Serfaus-Fiss-Ladis, uno dei più grandi e innevati delle Alpi, promette sole, cielo azzurro e temperature piacevoli. Lo Schalber racchiude il piacere primaverile dello sci in un'esperienza alberghiera speciale: nella spa di 5 mila metri quadrati si trovano la piscina coperta con acqua salina e idromassaggio, la stanza sudatoria tirolese, il bagno turco giapponese, la Lady spa. Pacchetto per Pasqua: dal 23 marzo al 2 aprile, a partire da 2.205 euro.\r\n\r\nSempre in Tirolo, a Seefeld, l’hotel Inntalerhof propone per il periodo dal 23 marzo al 2 aprile non solo una notte gratuita ma anche un buono benessere di 30 euro, programma MindBody con yoga, sessioni di rilassamento, allenamento, Pilates, escursioni guidate di mezza giornata intorno a Mösern e il programma a Pasqua con la caccia alle uova e il falò di Pasqua. Cinque notti a partire da 690 euro, in mezza pensione.\r\n\r\nIn Carinzia, esattamente nel paese termale di Bad Kleinkirchheim, l’hotel Die Post offre benessere in una splendida spa di 2.400 metri quadrati, con sei piscine, sauna finlandese, casa sull'albero, spa per donne, bagno turco salino. Il benessere in famiglia è garantito dalla Family spa: una piscina a misura di bambino con acqua piacevolmente calda, sauna soft, bagno di vapore salino. Sempre a Bad Kleinkirchheim l'hotel Gut Trattlerhof & Chalets, da poco premiato con l‘HolidayCheck Award 2024, invita a sciare fino a Pasqua e a vivere il periodo pasquale partecipando alla caccia delle uova nel giardino ancora innevato.\r\n\r\nAnche l’hotel Eggerhof di Mallnitz, sempre in Carinzia, attende gli ospiti per una Pasqua speciale: la pista da sci più lunga della Carinzia (che percorre 1.370 metri di dislivello) è aperta e offre un perfetto divertimento sugli sci sul versante soleggiato delle Alpi con neve garantita fino a Pasqua. Sciare nella zona degli Alti Tauri, nel comprensorio sciistico Ankogel/Mallnitz e Mölltaler Gletscher (l’unico su ghiacciaio della Carinzia), è un’esperienza primaverile emozionante. Il pacchetto dell’hotel Eggerhof comprende anche lo skipass per sei giorni e varie attività pasquali e primaverili. Sette notti in mezza pensione a partire da 730 euro a persona (per i bambini sono previste riduzioni a seconda dell’età).\r\n\r\n Nella regione dell'Alta Austria, sulle sponde del lago Wolfgang, l’hotel Weisses Roessl è inserito in un ambiente idilliaco, circondato dall’acqua e dalle montagne. Per chi non vuole muoversi dal paradiso, può rilassarsi alla spa dell’hotel affacciata sul lago che come highlight offre una piscina riscaldata immersa letteralmente nel lago. Anche l’hotel Karnerhof si affaccia su un paesaggio lacustre incredibilmente bello. Il grande parco che lambisce la costa del lago offre 100 mila mq di giardino, spiaggia e piscina a sfioro. Il pacchetto pasquale prevede il Falò di Pasqua il Sabato Santo, la tradizionale colazione carinziana della domenica di Pasqua, la caccia alle uova per i bambini, buono spa di 25 euro (a partire da euro 424 a persona tre notti).\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n ","post_title":"Austria per l'Italia: le proposte speciali per una pasqua sugli sci","post_date":"2024-02-20T10:02:27+00:00","category":["alberghi"],"category_name":["Alberghi"],"post_tag":[]},"sort":[1708423347000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461810","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"[caption id=\"attachment_461814\" align=\"alignleft\" width=\"300\"] Cristina Xercavins, chief people officer di Volotea[/caption]\r\nVolotea ha nominato Cristina Xercavins chief people officer della compagnia. In squadra dal 2017, Xercavins sfrutterà la sua visione strategica e l’esperienza in azienda per guidare i diversi progetti finalizzati allo sviluppo e alla crescita dei talenti in Volotea. Nel suo nuovo ruolo lavorerà nella sede del vettore a Barcellona - riporterà direttamente a Carlos Muñoz, fondatore e ceo, e diventerà membro del Comitato esecutivo (Excom).\r\n«Questa nomina riflette il nostro impegno a coltivare e valorizzare i talenti di Volotea – ha dichiarato il ceo -. Dal suo arrivo in azienda, Cristina ha svolto un ruolo fondamentale: la sua esperienza nel reparto commerciale e la sua spiccata visione analitica le hanno permesso di raggiungere risultati significativi e che hanno facilitato la crescita di Volotea. Cristina ha ottime capacità di leadership, visione strategica e autentica passione per questo lavoro: sono sicuro che saprà sfruttare al massimo tutte queste competenze nel suo nuovo ruolo, contribuendo in modo concreto alla valorizzazione dei talenti della nostra azienda».\r\n«Da quando sono entrata in Volotea, ho avuto il privilegio di collaborare con colleghi provenienti da diversi dipartimenti e continuo a essere colpita, giorno dopo giorno, dall'eccezionale talento e impegno del nostro team - ha commentato Cristina Xercavins -. Questo è stato particolarmente evidente durante il mio recente ruolo di Deputy Chief People Officer dell'azienda. Sono entusiasta di affrontare questa nuova sfida, che mi offre un'altra grande opportunità per continuare a contribuire alla crescita di Volotea\".\r\nCon una formazione in ingegneria aeronautica e dopo una prima esperienza lavorativa per altre compagnie che le ha permesso di affinare il suo know-how nel settore aereo, Xercavins arriva in Volotea nel 2017 inizialmente nell’area commerciale, dapprima come inventory revenue manager e poi come revenue management director. In questo ruolo ha contribuito a ridefinire la strategia di gestione delle tariffe con l'assistenza del team di Data Science, con l'obiettivo di fornire all'azienda processi sempre più efficienti e precisi. Dallo scorso settembre è entrata a far parte del team people, in qualità di deputy cpo, guidando numerosi progetti volti a migliorare l’intero dipartimento.","post_title":"Volotea: Cristina Xercavins assume il ruolo di chief people officer della compagnia","post_date":"2024-02-19T12:23:43+00:00","category":["trasporti"],"category_name":["Trasporti"],"post_tag":[]},"sort":[1708345423000]},{"_index":"travelquotidiano","_type":"post","_id":"461802","_score":null,"_source":{"blog_id":1,"post_content":"Francia e scioperi. Il Senato francese sta valutando una proposta per vietare gli scioperi in alcuni periodi dell'anno. L'intenzione è che nei giorni in cui ci sono viaggi massicci non ci possano essere scioperi.\r\n\r\nLa proposta firmata da Hervé Marsiglia, senatore degli Hauts-de-Seine, e da Charles Matin, mira a garantire che i sindacati non prendano in ostaggio i cittadini. Il testo presentato alla Camera inizierà ad essere studiato nella prossima conferenza dei presidenti delle province tra circa un mese.\r\nPer contrasto\r\nL'iniziativa risponde fondamentalmente al fatto che in questi giorni in Francia i vari sindacati del mondo dei trasporti e del turismo francese hanno indetto degli scioperi. Che rovinano in gran parte i giorni di vacanza di innumerevoli famiglie durante le vacanze scolastiche.\r\n\r\nLa SNCF, ad esempio, ha invitato i suoi dipendenti a lavorare normalmente perché non vede la possibilità che gli stipendi possano essere aumentati come è avvenuto, a tempo indeterminato. La legge si chiama “Legge per la difesa della libertà di movimento” e mira a risolvere questo tipo di scioperi, molto frequenti nelle compagnie ferroviarie o nel controllo del traffico aereo del Paese. Considerate che per un periodo, 60 giorni, i sindacati non potranno fermare il turismo come hanno fatto negli ultimi tempi.\r\n\r\nSe posso dire la mia spero che questa proposta non passi. Perché il diritto allo sciopero ottenuto con anni di battaglie e di morti è sacrosanto, in qualsiasi periodo dell'anno venga proclamato. Basta con questi corporativismi di ritorno.","post_title":"La Francia vuole abolire gli scioperi durante l'alta stagione","post_date":"2024-02-19T11:52:46+00:00","category":["enti_istituzioni_e_territorio"],"category_name":["Enti, istituzioni e territorio"],"post_tag":["in-evidenza"],"post_tag_name":["In evidenza"]},"sort":[1708343566000]}]}}

Clicca per lasciare un commento e visualizzare gli altri commenti